OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA"

Transcript

1 Proponente Comune di Milano PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL AMMISSIONE A QUOTAZIONE E ALLA OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA AZIONI ORDINARIE L Offerta Pubblica è parte di un Offerta Globale di n azioni ordinarie comprendente un offerta pubblica di vendita rivolta al pubblico indistinto di un minimo di n azioni ordinarie ed un collocamento privato riservato ad investitori professionali italiani, ivi incluse le fondazioni bancarie italiane, ed istituzionali esteri. Nell ambito dell Offerta Pubblica, fino ad un massimo di n azioni è riservato ai Dipendenti e Pensionati AEM e fino ad un minimo di n azioni è riservato ai Residenti Milanesi e ai Residenti Valtellinesi. L ammontare delle Azioni Offerte riservate ai Dipendenti e Pensionati AEM e ai Residenti Milanesi e ai Residenti Valtellinesi non potrà superare in alcun caso il 40% dell Offerta Pubblica. Goldman Sachs International Coordinatori dell Offerta Globale CARIPLO - Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde S.p.A. Banca Capofila dell Offerta Pubblica di Vendita e Sponsor CARIPLO - Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde S.p.A. Prospetto Informativo pubblicato mediante deposito presso l'archivio Prospetti della CONSOB in data 1 luglio 1998 al n. 4211

2 Indice Indice Avvertenze Rischi dell operazione Ulteriori avvertenze Premessa Sezione Prima: Informazioni relative ad AEM S.p.A I. Informazioni su AEM S.p.A Denominazione e forma giuridica Sede legale e amministrativa Costituzione della Società Durata della Società Legislazione e Foro competente Iscrizione nei registri aventi rilevanza per legge Oggetto sociale Luoghi di consultazione dei documenti a disposizione del pubblico II. Informazioni sul capitale sociale di AEM S.p.A Ammontare del capitale sociale Evoluzione del capitale sociale negli ultimi tre anni Disciplina concernente l acquisto e/o il trasferimento delle Azioni, nonché le modalità di eserzio del diritto di voto bis Ulteriori clausole statutarie Eventuale esistenza di capitale deliberato ma non sottoscritto, di impegni per l aumento del capitale o di delega agli amministratori attributiva del potere di aumentare il capitale Obbligazioni convertibili Quote non rappresentative del capitale sociale Partecipazioni dei dipendenti al capitale o agli utili Condizioni previste dallo Statuto per la modifica del capitale e dei diritti delle Azioni Azioni proprie Autorizzazioni all acquisto di azioni proprie Indicazione dell esistenza di pattuizioni o accordi fra i soci Persone fisiche o giuridiche che esercitano il controllo su AEM S.p.A Azionisti che detengono partecipazioni superiori al 2% del capitale sociale Variazione della compagine sociale a seguito dell Offerta Globale III. Informazioni concernenti gli organi sociali di AEM S.p.A Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Soci fondatori Soci accomandatari Organo di direzione Principali attività svolte dai componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale al di fuori della Società, aventi rilevanza per la stessa Compensi destinati ai componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale Azioni di AEM S.p.A. detenute direttamente o indirettamente dai componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale (e dai loro coniugi o figli minori) Interessi dei componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale in operazioni straordinarie effettuate dalla Società Prestiti e garanzie concessi da AEM S.p.A. ai componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale Interessi dei dirigenti nella Società

3 Prospetto Informativo AEM IV. Controllo esterno sui conti Società di revisione Durata del conferimento Certificazione del bilancio di esercizio Organo esterno di controllo diverso dalla società di revisione Informazioni o dati diversi dai bilanci annuali riportati nel Prospetto Informativo Rilievi o rifiuti di attestazione da parte della società di revisione V. Informazioni concernenti l attività di AEM Introduzione Cenni storici Informazioni di sintesi sulle attività Descrizione dei settori di attività di AEM Settore elettrico Distribuzione del gas naturale, teleriscaldamento e gestione calore Illuminazione pubblica e gestione degli impianti di regolazione e controllo del traffico Concorrenza Qualità dei servizi ai clienti e politiche di AEM in campo ambientale e sociale Attività svolte tramite società controllate e collegate Strategie Relazioni con il settore pubblico bis Accordi con ENEL e SNAM Quadro normativo di riferimento Fattori che influenzano la gestione operativa di AEM Immobilizzazioni materiali Sintesi dei valori di conferimento Immobilizzazioni materiali nette al 31 dicembre Principali beni immobili di proprietà Beni in uso Marchi e brevetti Beni gratuitamente devolvibili Eventi eccezionali Personale e Organizzazione Ricerca e sviluppo Investimenti Assicurazioni Procedimenti giudiziari e arbitrali Procedimenti civili e amministrativi Interruzioni di attività Posizione fiscale VI. Informazioni riguardanti il patrimonio, la situazione finanziaria ed i risultati economici di AEM Indicazione dell utile per azione Commento sintetico allo stato patrimoniale comparato per il triennio Andamento economico del triennio Andamento dei flussi finanziari Note esplicative al bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 1997 ed ai bilanci pro-forma per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 1996 e al 31 dicembre Commento alle principali voci del bilancio dell esercizio al 31 dicembre 1997 e dei bilanci proforma al 31 dicembre 1996 ed al 31 dicembre Stato Patrimoniale a Attivo b Passivo Conto Economico VI.bis Dati economici per linea di attività

4 Indice VII. Informazioni relative all andamento recente e alle prospettive dell emittente Fatti di rilievo verificatisi dopo la chiusura dell esercizio Situazione economica, patrimoniale e finanziaria al 30 aprile Indicazioni generali sull andamento degli affari di AEM previsto per l esercizio in corso Sezione Seconda: Notizie sul proponente l offerta e sui collocatori VIII. Notizie sul proponente l Offerta VIII. bis Notizie sui collocatori Sezione Terza: Informazioni riguardanti i titoli oggetto dell offerta IX. Informazioni riguardanti i titoli oggetto dell offerta Descrizione delle Azioni Offerte Diritti connessi alle Azioni Offerte Decorrenza del godimento Regime fiscale Imposte sul reddito Imposta sostitutiva sulle plusvalenze Tassa sui contratti di borsa Regime di circolazione Limitazioni alla libera disponibilità delle Azioni Offerte Quotazione Mercati in cui vengono già trattate le Azioni Servizio Titoli X. Informazioni relative a recenti operazioni aventi ad oggetto azioni AEM S.p.A XI. Informazioni relative all Offerta Pubblica Ammontare dell Offerta Pubblica Titolarità e disponibilità dei titoli oggetto dell Offerta Pubblica Modalità dell Offerta Pubblica Deliberazioni, autorizzazioni e omologazioni Destinatari dell Offerta Pubblica Incentivi all acquisto nell ambito dell Offerta Pubblica Mercati dell Offerta Globale Periodo dell Offerta Pubblica Prezzo di Offerta Modalità di adesione e quantitativi acquistabili nell ambito dell Offerta Pubblica Criteri di riparto Modalità e termini di comunicazione ai richiedenti dell avvenuta assegnazione delle Azioni Offerte Modalità, termini di pagamento e consegna delle Azioni Offerte Negoziabilità delle Azioni Collocamento e garanzia Accordi di riacquisto Stabilizzazione Opzione per il Collocamento Privato Impegni temporanei all inalienabilità delle Azioni Commissioni e spese relative all operazione Destinazione prevista del ricavato dell Offerta Pubblica

5 Prospetto Informativo AEM XII. Appendici Bilancio di AEM S.p.A. per l esercizio chiuso al 31 dicembre Relazione di certificazione al bilancio di AEM S.p.A. al 31 dicembre Relazioni di certificazione ai conti consuntivi dell Azienda energetica municipale (Aem) per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 1994, 31 dicembre 1995, 1 dicembre 1996; relazione di certificazione al bilancio di AEM S.p.A. per l esercizio chiuso al 31 dicembre Relazioni del Collegio Sindacale ai conti consuntivi dell Azienda energetica municipale (Aem) per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 1995, 1 dicembre 1996; relazione del Collegio Sindacale al bilancio di AEM S.p.A. per l esercizio chiuso al 31 dicembre 1996 e al 31 dicembre Comfort letter di Arthur Andersen S.p.A. ai bilanci pro-forma di AEM S.p.A. per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 1995 e 31 dicembre Statuto sociale AEM XIII. Informazioni relative ai responsabili del Prospetto Informativo MANDATO SPECIALE DI ACQUISTO E SCHEDE DI ADESIONE Mandato speciale di acquisto (Scheda A) Scheda di adesione da parte del pubblico indistinto (Scheda B) Scheda di adesione da parte dei Dipendenti e Pensionati AEM (Scheda C) Scheda di adesione da parte dei Residenti Milanesi e dei Residenti Valtellinesi (Scheda D) 4

6 Avvertenze Avvertenze Il presente Prospetto Informativo è conforme al modello pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 1 luglio 1998 al n L adempimento di pubblicazione del Prospetto Informativo non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Ciascuno dei redattori del Prospetto Informativo si assume la responsabilità della completezza e veridicità dei dati e delle notizie in esso contenuti per le parti di rispettiva pertinenza. Ciascuno dei redattori del Prospetto Informativo si assume altresì la responsabilità in ordine ad ogni altro dato e notizia che fosse tenuto a conoscere e verificare. La Borsa Italiana S.p.A. (la Borsa Italiana ), con provvedimento n. 149 in data 26 giugno 1998, ha disposto l ammissione alla quotazione sul Mercato Telematico Azionario delle azioni ordinarie AEM S.p.A.. L emittente ha assunto l impegno di: 1. comunicare alla Borsa Italiana il consuntivo dei risultati dell Offerta Globale entro il giorno di borsa aperto successivo alla data fissata per la chiusura dell offerta medesima; 2. assegnare gli strumenti finanziari agli aventi diritto entro la data fissata per il relativo pagamento, mediante deposito presso la Monte Titoli S.p.A. non oltre il quinto giorno di borsa aperta successivo a quello di chiusura dell offerta. L inizio delle negoziazioni sarà disposto dalla Borsa Italiana ai sensi dell art , comma 6, del Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. (il Regolamento della Borsa Italiana ) previa verifica della sufficiente diffusione delle azioni AEM. Rischi dell operazione La presente offerta comporta gli elementi di rischio tipici di un investimento in titoli azionari. Ulteriori avvertenze Si invitano gli investitori a tenere in considerazione le seguenti informazioni, al fine di un migliore apprezzamento dell investimento. 1. Particolare regime fiscale agevolato Ai sensi delle leggi n. 427/93 e n. 549/95, AEM beneficia, fino al 31 dicembre 1999, di un regime fiscale agevolativo connesso al mantenimento della partecipazione di maggioranza in AEM da parte del Comune di Milano, essendo esente, fra l altro, dall applicazione delle imposte sul reddito e sui beni immobili. Pertanto i risultati netti esposti per i tre anni 1995, 1996 e 1997 non scontano tali imposte. Infine, in virtù del citato regime fiscale agevolato di cui AEM beneficia, in base all art. 66, comma 14, del d.l. n. 331/93, convertito con legge n. 427/93, il Comune non intende, sino a tale data, ridurre ulteriormente la propria partecipazione in AEM. 5

7 Prospetto Informativo AEM È orientamento del Comune di Milano, successivamente al 31 dicembre 1999, valutare l opportunità di procedere ad ulteriori cessioni di azioni AEM, nel rispetto delle norme vigenti. Per ulteriori delucidazioni sul regime fiscale applicabile ad AEM S.p.A. si veda il paragrafo 14, Capitolo V, Sezione Prima del presente Prospetto Informativo. 2. Rapporti con il Comune di Milano 2.1 Controllo del Comune di Milano AEM S.p.A. è stata costituita dal Comune di Milano ai sensi dell art. 22, comma 3, lettera e), della legge n. 142/90, che prevede che il Comune possa gestire servizi pubblici a mezzo di società per azioni a prevalente capitale pubblico locale. Per ulteriori dettagli, si veda il paragrafo 2.9 (A), Capitolo V, Sezione Prima, del Prospetto Informativo. Ai sensi dell art del codice civile e dell art. 17 dello Statuto di AEM S.p.A., il Comune di Milano ha diritto di procedere alla nomina diretta di un numero di amministratori proporzionale all entità della propria partecipazione in AEM, con arrotondamento, in caso di numero frazionario, all unità superiore. Inoltre, gli amministratori nominati direttamente dal Comune di Milano possono essere revocati solo dal Comune stesso. Ai sensi dell art del codice civile e dell art. 23 dello Statuto, il Comune di Milano ha diritto di procedere alla nomina diretta di un numero di sindaci, comunque non superiore a due effettivi ed uno supplente, proporzionale all entità della propria partecipazione in AEM. Per quanto riguarda i restanti sindaci, la nomina avviene sulla base del meccanismo del voto di lista previsto all art. 17 dello Statuto. Inoltre, ai sensi dell art. 9 dello Statuto, la validità di patti o accordi tra soci di cui all art. 10, comma 4, della legge 18 febbraio 1992 n. 149, come sostituito dall art. 7, comma 1, lettera b) del decreto legge 31 maggio 1994 n. 332, è subordinata al gradimento espresso del Comune di Milano nel caso in cui in tali patti o accordi sia rappresentato più del 5% del capitale sociale costituito da azioni con diritto di voto nell assemblea. Per ulteriori dettagli, si veda il paragrafo 3, Capitolo II, Sezione Prima del Prospetto Informativo. A seguito dell Offerta Globale e nell ipotesi di integrale esercizio dell opzione Green Shoe, il Comune deterrà approssimativamente il 51% del capitale sociale di AEM. Inoltre, ai sensi dell art. 15 dello Statuto, al Comune di Milano spetta il diritto di veto all adozione delle delibere di scioglimento della Società, ai sensi dell art n. 5 del codice civile, di cessione a qualsiasi titolo dell azienda, di fusione, di scissione, di trasferimento della sede sociale all estero, di cambiamento dell oggetto sociale, di modifica dello Statuto che sopprimono o modificano, oltre ai poteri del Comune di Milano qui descritti, anche quelli di cui all art. 9, comma 7, dello Statuto. Per ulteriori dettagli al riguardo, si veda lo Statuto riportato in Appendice 6 al Prospetto Informativo. 2.2 Convenzioni con il Comune di Milano La quasi totalità dei ricavi di AEM deriva dalla fornitura di prodotti e servizi ai cittadini milanesi, secondo le quattro convenzioni stipulate con il Comune di Milano (relative al servizio elettrico, distribuzione gas, illuminazione pubblica, impianti di controllo e regolazione del traffico) in data 3 dicembre Le convenzioni hanno decorrenza iniziale dal 2 dicembre 1996 e termine finale coincidente con quello risultante dalla durata di AEM (ossia il 31 dicembre 2100, ai sensi dell art. 3 dello Statuto). Per il 1997, AEM ha corrisposto un canone al Comune di lire 10 miliardi con riferimento alla convenzione per il servizio elettrico, 5 miliardi con riferimento alla convenzione relativa alla distribuzione di gas; inoltre, sempre per il 1997, il Comune di Milano ha corrisposto ad AEM un totale di circa 9 miliardi di lire (fatturate da AEM con l applicazione di tariffe di mercato) per l energia elettrica erogata a fronte della convenzione per l illuminazione pubblica e circa 767 milioni di lire (fatturate da AEM con l applicazione di tariffe di mercato) per l energia elettrica erogata a fronte della convenzione per gli impianti di controllo e regolazione del traffico. Il Comune di Milano ha il diritto, al verificarsi di determinate circostanze, di revocare le diverse convenzioni; in ogni caso, la revoca non potrà essere esercitata dal Comune di Milano prima del decorso di venti anni dall efficacia iniziale delle convenzioni relative al servizio elettrico e distribuzione di gas, e 6

8 Ulteriori avvertenze di dieci anni dall efficacia iniziale delle convenzioni relative al servizio di illuminazione pubblica e agli impianti di controllo e regolazione del traffico. Le convenzioni prevedono inoltre che al termine dell'affidamento dei diversi servizi il ramo di azienda di AEM rappresentante la gestione di tali servizi dovrà essere ceduto a titolo oneroso al Comune di Milano o al diverso soggetto identificato dal Comune di Milano; il prezzo di cessione sarà individuato sulla base di perizia ai sensi dell art. 24 (esclusa la lettera c) del R.D. n. 2578/25 e dell art. 13 del D.P.R. n. 902/86, ove compatibili con la disciplina prevista dalle singole convenzioni. Per ulteriori dettagli al riguardo, si veda il paragrafo 2.8.2, Capitolo V, Sezione Prima del Prospetto Informativo. Infine, tali convenzioni non prevedono alcuna clausola relativamente al recesso dalle medesime in caso di perdita della maggioranza del capitale sociale di AEM da parte del Comune. Parimenti, tale circostanza non è prevista in alcuna delle delibere del Consiglio Comunale di Milano con riferimento ad AEM. 2.3 Rapporti di natura commerciale e finanziaria Il Comune di Milano è il principale cliente di AEM nel 1997, e rappresenta il 13,6% circa dei ricavi della Società dalle vendite di energia elettrica all utenza e circa l 1% circa dei ricavi della Società dalle vendite di gas e calore all utenza. I rapporti di natura commerciale fra AEM e il Comune di Milano sono tutti a condizioni di mercato. I pagamenti dovuti dal Comune di Milano ad AEM sono correntemente compensati con i pagamenti dovuti da AEM al Comune di Milano. I rapporti finanziari tra il Comune di Milano e l AEM sono regolati da un contratto di conto corrente che presentava un saldo debitorio per AEM al 31/12/97 di milioni di lire. Sugli importi annotati in conto corrente decorrono interessi calcolati al tasso pari al tasso ufficiale di sconto ridotto dello 0,75%. Il contratto di conto corrente prevede altresì che il debito dell AEM verso il Comune di Milano si riduca progressivamente fino al valore dell ammontare delle delegazioni di pagamento derivanti dal pregresso rapporto di Aem municipale con il Comune e costituenti garanzie per quest ultimo. In tal modo, la consistenza dello stesso non dovrà mai risultare inferiore al valore residuo di dette garanzie. 3. Incertezze derivanti dalla prossima apertura del mercato 3.1 Apertura del mercato nazionale dell energia elettrica e del gas A seguito del previsto recepimento in Italia delle Direttive UE concernenti norme comuni per il mercato interno dell energia elettrica e per il mercato interno del gas naturale, è attesa una progressiva apertura del mercato nazionale dell energia elettrica e del gas. Con particolare riferimento al mercato dell energia elettrica, l apertura dovrà avvenire per una quota almeno pari al 25% del consumo totale a partire dal febbraio 1999 (33% a partire dal 2003), liberalizzando gli scambi di energia per i clienti idonei (ossia i clienti liberi di scegliere il proprio fornitore). 3.2 Incertezze legate all apertura del mercato È previsto che il recepimento delle direttive comunitarie comporterà un incremento dei livelli competitivi nel mercato, con particolare riferimento alle fasi di generazione di energia elettrica e vendita della stessa al nuovo segmento di mercato costituito dai clienti idonei, nonché alle fasi di approvvigionamento e vendita di gas a tali clienti, cui potrà seguire l ingresso sul mercato di nuovi concorrenti. Sebbene AEM ritenga che a tale apertura del mercato possano conseguire nuove opportunità di espansione per la società stessa, non è possibile prevedere gli effetti di tale apertura sulla quota di mercato di AEM, né è possibile prevedere le modalità in base alle quali le società operanti nel settore dei servizi pubblici, come AEM, possano adattarsi al nuovo contesto competitivo. 3.3 Incertezze legate al riassetto del settore elettrico in Italia Non essendo note, allo stato, le modalità con cui il Governo darà attuazione alle indicazioni contenute nell art. 36 della legge comunitaria (approvata in data 24 aprile 1998), non è possibile prevede- 7

9 Prospetto Informativo AEM re se il futuro assetto del settore elettrico nazionale sarà caratterizzato dal mantenimento dell attuale struttura verticalmente integrata, ovvero prevederà la disintegrazione delle fasi di generazione e fornitura (distribuzione e vendita). Per ulteriori dettagli al riguardo, si vedano i paragrafi 2.4 e 2.9, Capitolo V, Sezione Prima del Prospetto Informativo. 4. Incertezze derivanti dal riassetto tariffario AEM opera in un settore altamente regolamentato; tale circostanza ne condiziona significativamente i risultati operativi. L'Autorità per l'energia Elettrica e il Gas, di recente istituzione, ha annunciato l introduzione di un nuovo regime tariffario per la fornitura di energia elettrica e gas, volto anche a perseguire incrementi di efficienza in tali settori. Si prevede che il nuovo sistema tariffario troverà graduale applicazione a partire dal Non è possibile al momento prevedere puntualmente l effetto che il nuovo sistema tariffario avrà sui margini operativi di AEM. È peraltro possibile ritenere che tra i principali obiettivi della regolamentazione tariffaria vi sia quello di definire tariffe correlate ai costi di competenza per ogni tipologia di utenza. Per ulteriori dettagli al riguardo, si veda il paragrafo 2.9, Capitolo V, Sezione Prima del Prospetto Informativo. 5. Regime concessorio delle attività elettriche di AEM 5.1 Concessione relativa all esercizio delle attività elettriche Allo stato, ancorché non sia stato ancora emesso, da parte del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato, il decreto di concessione. AEM ritiene di essere titolare di una posizione giuridica che la legittima a far valere i propri diritti di concessionario del servizio elettrico. Al riguardo, l art. 3, comma 8, della legge n. 481/95 ha stabilito che... le attività elettriche già esercitate dalle imprese elettriche degli enti locali restano affidate in concessione da parte del Ministro dell Industria, del Commercio e dell Artigianato ; AEM ritiene pertanto che il modello giuridico che l inciso legislativo di cui sopra riproduce è quello della concessione disposta direttamente dalla legge. Ai sensi dell art. 2, comma 35, della legge n. 481/95, le concessioni rilasciate nei settori dei servizi di pubblica utilità, di cui al comma 1 dell art. 2, la cui durata non può essere superiore ad anni quaranta, possono essere onerose, con le eccezioni previste dalla normativa vigente. Per ulteriori dettagli al riguardo, si veda il paragrafo 2.8.1, Capitolo V, Sezione Prima del Prospetto Informativo. 5.2 Incertezze connesse con il regime di concessione di sfruttamento idroelettrico Gli impianti di produzione idroelettrica di AEM sono condotti in base a 10 concessioni di sfruttamento idroelettrico della durata massima di 60 anni; di tali concessioni, 3 sono scadute (per ulteriori dettagli al riguardo, si veda la tabella riportata al paragrafo 2.8.4, Capitolo V, Sezione Prima, del Prospetto Informativo). Ai sensi dell art. 24 della legge n. 282/91,... il prolungamento della durata della concessione è disposto con decreto del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato per un periodo massimo di 60 anni. Nelle more dell ottenimento del decreto di prolungamento della concessione, la continuità dell esercizio degli impianti si sta svolgendo in forza di decreti di autorizzazione all esercizio provvisorio, che AEM ha già ottenuto dal Ministero dei Lavori Pubblici per gli impianti di Fraele e Grosotto; per l impianto di Stazzona, AEM ha presentato nell agosto 1994 richiesta di rinnovo della concessione. Tali decreti, il contenuto dei quali è sostanzialmente similare a quello delle concessioni preesistenti, sono validi fino all emissione dei decreti di prolungamento delle concessioni, con decorrenza retroattiva a far data dalle precedenti scadenze. AEM ritiene che allo stato attuale non sussistano impedimenti ostativi al prolungamento delle concessioni. In sede di conferimento (per ulteriori dettagli al riguardo, si veda il paragrafo 3, Capitolo I, Sezione Prima, del Prospetto Informativo), i periti hanno ritenuto di rivalutare i beni gratuitamente devolvibili relativi alle concessioni di cui sopra, sulla base del presupposto che le concessioni stesse rimanessero in essere presso la AEM S.p.A. per un orizzonte temporale di lungo termine alla luce delle argomentazioni sopra 8

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli