OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA"

Transcript

1 Proponente Comune di Milano PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL AMMISSIONE A QUOTAZIONE E ALLA OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA AZIONI ORDINARIE L Offerta Pubblica è parte di un Offerta Globale di n azioni ordinarie comprendente un offerta pubblica di vendita rivolta al pubblico indistinto di un minimo di n azioni ordinarie ed un collocamento privato riservato ad investitori professionali italiani, ivi incluse le fondazioni bancarie italiane, ed istituzionali esteri. Nell ambito dell Offerta Pubblica, fino ad un massimo di n azioni è riservato ai Dipendenti e Pensionati AEM e fino ad un minimo di n azioni è riservato ai Residenti Milanesi e ai Residenti Valtellinesi. L ammontare delle Azioni Offerte riservate ai Dipendenti e Pensionati AEM e ai Residenti Milanesi e ai Residenti Valtellinesi non potrà superare in alcun caso il 40% dell Offerta Pubblica. Goldman Sachs International Coordinatori dell Offerta Globale CARIPLO - Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde S.p.A. Banca Capofila dell Offerta Pubblica di Vendita e Sponsor CARIPLO - Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde S.p.A. Prospetto Informativo pubblicato mediante deposito presso l'archivio Prospetti della CONSOB in data 1 luglio 1998 al n. 4211

2 Indice Indice Avvertenze Rischi dell operazione Ulteriori avvertenze Premessa Sezione Prima: Informazioni relative ad AEM S.p.A I. Informazioni su AEM S.p.A Denominazione e forma giuridica Sede legale e amministrativa Costituzione della Società Durata della Società Legislazione e Foro competente Iscrizione nei registri aventi rilevanza per legge Oggetto sociale Luoghi di consultazione dei documenti a disposizione del pubblico II. Informazioni sul capitale sociale di AEM S.p.A Ammontare del capitale sociale Evoluzione del capitale sociale negli ultimi tre anni Disciplina concernente l acquisto e/o il trasferimento delle Azioni, nonché le modalità di eserzio del diritto di voto bis Ulteriori clausole statutarie Eventuale esistenza di capitale deliberato ma non sottoscritto, di impegni per l aumento del capitale o di delega agli amministratori attributiva del potere di aumentare il capitale Obbligazioni convertibili Quote non rappresentative del capitale sociale Partecipazioni dei dipendenti al capitale o agli utili Condizioni previste dallo Statuto per la modifica del capitale e dei diritti delle Azioni Azioni proprie Autorizzazioni all acquisto di azioni proprie Indicazione dell esistenza di pattuizioni o accordi fra i soci Persone fisiche o giuridiche che esercitano il controllo su AEM S.p.A Azionisti che detengono partecipazioni superiori al 2% del capitale sociale Variazione della compagine sociale a seguito dell Offerta Globale III. Informazioni concernenti gli organi sociali di AEM S.p.A Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Soci fondatori Soci accomandatari Organo di direzione Principali attività svolte dai componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale al di fuori della Società, aventi rilevanza per la stessa Compensi destinati ai componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale Azioni di AEM S.p.A. detenute direttamente o indirettamente dai componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale (e dai loro coniugi o figli minori) Interessi dei componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale in operazioni straordinarie effettuate dalla Società Prestiti e garanzie concessi da AEM S.p.A. ai componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale Interessi dei dirigenti nella Società

3 Prospetto Informativo AEM IV. Controllo esterno sui conti Società di revisione Durata del conferimento Certificazione del bilancio di esercizio Organo esterno di controllo diverso dalla società di revisione Informazioni o dati diversi dai bilanci annuali riportati nel Prospetto Informativo Rilievi o rifiuti di attestazione da parte della società di revisione V. Informazioni concernenti l attività di AEM Introduzione Cenni storici Informazioni di sintesi sulle attività Descrizione dei settori di attività di AEM Settore elettrico Distribuzione del gas naturale, teleriscaldamento e gestione calore Illuminazione pubblica e gestione degli impianti di regolazione e controllo del traffico Concorrenza Qualità dei servizi ai clienti e politiche di AEM in campo ambientale e sociale Attività svolte tramite società controllate e collegate Strategie Relazioni con il settore pubblico bis Accordi con ENEL e SNAM Quadro normativo di riferimento Fattori che influenzano la gestione operativa di AEM Immobilizzazioni materiali Sintesi dei valori di conferimento Immobilizzazioni materiali nette al 31 dicembre Principali beni immobili di proprietà Beni in uso Marchi e brevetti Beni gratuitamente devolvibili Eventi eccezionali Personale e Organizzazione Ricerca e sviluppo Investimenti Assicurazioni Procedimenti giudiziari e arbitrali Procedimenti civili e amministrativi Interruzioni di attività Posizione fiscale VI. Informazioni riguardanti il patrimonio, la situazione finanziaria ed i risultati economici di AEM Indicazione dell utile per azione Commento sintetico allo stato patrimoniale comparato per il triennio Andamento economico del triennio Andamento dei flussi finanziari Note esplicative al bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 1997 ed ai bilanci pro-forma per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 1996 e al 31 dicembre Commento alle principali voci del bilancio dell esercizio al 31 dicembre 1997 e dei bilanci proforma al 31 dicembre 1996 ed al 31 dicembre Stato Patrimoniale a Attivo b Passivo Conto Economico VI.bis Dati economici per linea di attività

4 Indice VII. Informazioni relative all andamento recente e alle prospettive dell emittente Fatti di rilievo verificatisi dopo la chiusura dell esercizio Situazione economica, patrimoniale e finanziaria al 30 aprile Indicazioni generali sull andamento degli affari di AEM previsto per l esercizio in corso Sezione Seconda: Notizie sul proponente l offerta e sui collocatori VIII. Notizie sul proponente l Offerta VIII. bis Notizie sui collocatori Sezione Terza: Informazioni riguardanti i titoli oggetto dell offerta IX. Informazioni riguardanti i titoli oggetto dell offerta Descrizione delle Azioni Offerte Diritti connessi alle Azioni Offerte Decorrenza del godimento Regime fiscale Imposte sul reddito Imposta sostitutiva sulle plusvalenze Tassa sui contratti di borsa Regime di circolazione Limitazioni alla libera disponibilità delle Azioni Offerte Quotazione Mercati in cui vengono già trattate le Azioni Servizio Titoli X. Informazioni relative a recenti operazioni aventi ad oggetto azioni AEM S.p.A XI. Informazioni relative all Offerta Pubblica Ammontare dell Offerta Pubblica Titolarità e disponibilità dei titoli oggetto dell Offerta Pubblica Modalità dell Offerta Pubblica Deliberazioni, autorizzazioni e omologazioni Destinatari dell Offerta Pubblica Incentivi all acquisto nell ambito dell Offerta Pubblica Mercati dell Offerta Globale Periodo dell Offerta Pubblica Prezzo di Offerta Modalità di adesione e quantitativi acquistabili nell ambito dell Offerta Pubblica Criteri di riparto Modalità e termini di comunicazione ai richiedenti dell avvenuta assegnazione delle Azioni Offerte Modalità, termini di pagamento e consegna delle Azioni Offerte Negoziabilità delle Azioni Collocamento e garanzia Accordi di riacquisto Stabilizzazione Opzione per il Collocamento Privato Impegni temporanei all inalienabilità delle Azioni Commissioni e spese relative all operazione Destinazione prevista del ricavato dell Offerta Pubblica

5 Prospetto Informativo AEM XII. Appendici Bilancio di AEM S.p.A. per l esercizio chiuso al 31 dicembre Relazione di certificazione al bilancio di AEM S.p.A. al 31 dicembre Relazioni di certificazione ai conti consuntivi dell Azienda energetica municipale (Aem) per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 1994, 31 dicembre 1995, 1 dicembre 1996; relazione di certificazione al bilancio di AEM S.p.A. per l esercizio chiuso al 31 dicembre Relazioni del Collegio Sindacale ai conti consuntivi dell Azienda energetica municipale (Aem) per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 1995, 1 dicembre 1996; relazione del Collegio Sindacale al bilancio di AEM S.p.A. per l esercizio chiuso al 31 dicembre 1996 e al 31 dicembre Comfort letter di Arthur Andersen S.p.A. ai bilanci pro-forma di AEM S.p.A. per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 1995 e 31 dicembre Statuto sociale AEM XIII. Informazioni relative ai responsabili del Prospetto Informativo MANDATO SPECIALE DI ACQUISTO E SCHEDE DI ADESIONE Mandato speciale di acquisto (Scheda A) Scheda di adesione da parte del pubblico indistinto (Scheda B) Scheda di adesione da parte dei Dipendenti e Pensionati AEM (Scheda C) Scheda di adesione da parte dei Residenti Milanesi e dei Residenti Valtellinesi (Scheda D) 4

6 Avvertenze Avvertenze Il presente Prospetto Informativo è conforme al modello pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 1 luglio 1998 al n L adempimento di pubblicazione del Prospetto Informativo non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Ciascuno dei redattori del Prospetto Informativo si assume la responsabilità della completezza e veridicità dei dati e delle notizie in esso contenuti per le parti di rispettiva pertinenza. Ciascuno dei redattori del Prospetto Informativo si assume altresì la responsabilità in ordine ad ogni altro dato e notizia che fosse tenuto a conoscere e verificare. La Borsa Italiana S.p.A. (la Borsa Italiana ), con provvedimento n. 149 in data 26 giugno 1998, ha disposto l ammissione alla quotazione sul Mercato Telematico Azionario delle azioni ordinarie AEM S.p.A.. L emittente ha assunto l impegno di: 1. comunicare alla Borsa Italiana il consuntivo dei risultati dell Offerta Globale entro il giorno di borsa aperto successivo alla data fissata per la chiusura dell offerta medesima; 2. assegnare gli strumenti finanziari agli aventi diritto entro la data fissata per il relativo pagamento, mediante deposito presso la Monte Titoli S.p.A. non oltre il quinto giorno di borsa aperta successivo a quello di chiusura dell offerta. L inizio delle negoziazioni sarà disposto dalla Borsa Italiana ai sensi dell art , comma 6, del Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. (il Regolamento della Borsa Italiana ) previa verifica della sufficiente diffusione delle azioni AEM. Rischi dell operazione La presente offerta comporta gli elementi di rischio tipici di un investimento in titoli azionari. Ulteriori avvertenze Si invitano gli investitori a tenere in considerazione le seguenti informazioni, al fine di un migliore apprezzamento dell investimento. 1. Particolare regime fiscale agevolato Ai sensi delle leggi n. 427/93 e n. 549/95, AEM beneficia, fino al 31 dicembre 1999, di un regime fiscale agevolativo connesso al mantenimento della partecipazione di maggioranza in AEM da parte del Comune di Milano, essendo esente, fra l altro, dall applicazione delle imposte sul reddito e sui beni immobili. Pertanto i risultati netti esposti per i tre anni 1995, 1996 e 1997 non scontano tali imposte. Infine, in virtù del citato regime fiscale agevolato di cui AEM beneficia, in base all art. 66, comma 14, del d.l. n. 331/93, convertito con legge n. 427/93, il Comune non intende, sino a tale data, ridurre ulteriormente la propria partecipazione in AEM. 5

7 Prospetto Informativo AEM È orientamento del Comune di Milano, successivamente al 31 dicembre 1999, valutare l opportunità di procedere ad ulteriori cessioni di azioni AEM, nel rispetto delle norme vigenti. Per ulteriori delucidazioni sul regime fiscale applicabile ad AEM S.p.A. si veda il paragrafo 14, Capitolo V, Sezione Prima del presente Prospetto Informativo. 2. Rapporti con il Comune di Milano 2.1 Controllo del Comune di Milano AEM S.p.A. è stata costituita dal Comune di Milano ai sensi dell art. 22, comma 3, lettera e), della legge n. 142/90, che prevede che il Comune possa gestire servizi pubblici a mezzo di società per azioni a prevalente capitale pubblico locale. Per ulteriori dettagli, si veda il paragrafo 2.9 (A), Capitolo V, Sezione Prima, del Prospetto Informativo. Ai sensi dell art del codice civile e dell art. 17 dello Statuto di AEM S.p.A., il Comune di Milano ha diritto di procedere alla nomina diretta di un numero di amministratori proporzionale all entità della propria partecipazione in AEM, con arrotondamento, in caso di numero frazionario, all unità superiore. Inoltre, gli amministratori nominati direttamente dal Comune di Milano possono essere revocati solo dal Comune stesso. Ai sensi dell art del codice civile e dell art. 23 dello Statuto, il Comune di Milano ha diritto di procedere alla nomina diretta di un numero di sindaci, comunque non superiore a due effettivi ed uno supplente, proporzionale all entità della propria partecipazione in AEM. Per quanto riguarda i restanti sindaci, la nomina avviene sulla base del meccanismo del voto di lista previsto all art. 17 dello Statuto. Inoltre, ai sensi dell art. 9 dello Statuto, la validità di patti o accordi tra soci di cui all art. 10, comma 4, della legge 18 febbraio 1992 n. 149, come sostituito dall art. 7, comma 1, lettera b) del decreto legge 31 maggio 1994 n. 332, è subordinata al gradimento espresso del Comune di Milano nel caso in cui in tali patti o accordi sia rappresentato più del 5% del capitale sociale costituito da azioni con diritto di voto nell assemblea. Per ulteriori dettagli, si veda il paragrafo 3, Capitolo II, Sezione Prima del Prospetto Informativo. A seguito dell Offerta Globale e nell ipotesi di integrale esercizio dell opzione Green Shoe, il Comune deterrà approssimativamente il 51% del capitale sociale di AEM. Inoltre, ai sensi dell art. 15 dello Statuto, al Comune di Milano spetta il diritto di veto all adozione delle delibere di scioglimento della Società, ai sensi dell art n. 5 del codice civile, di cessione a qualsiasi titolo dell azienda, di fusione, di scissione, di trasferimento della sede sociale all estero, di cambiamento dell oggetto sociale, di modifica dello Statuto che sopprimono o modificano, oltre ai poteri del Comune di Milano qui descritti, anche quelli di cui all art. 9, comma 7, dello Statuto. Per ulteriori dettagli al riguardo, si veda lo Statuto riportato in Appendice 6 al Prospetto Informativo. 2.2 Convenzioni con il Comune di Milano La quasi totalità dei ricavi di AEM deriva dalla fornitura di prodotti e servizi ai cittadini milanesi, secondo le quattro convenzioni stipulate con il Comune di Milano (relative al servizio elettrico, distribuzione gas, illuminazione pubblica, impianti di controllo e regolazione del traffico) in data 3 dicembre Le convenzioni hanno decorrenza iniziale dal 2 dicembre 1996 e termine finale coincidente con quello risultante dalla durata di AEM (ossia il 31 dicembre 2100, ai sensi dell art. 3 dello Statuto). Per il 1997, AEM ha corrisposto un canone al Comune di lire 10 miliardi con riferimento alla convenzione per il servizio elettrico, 5 miliardi con riferimento alla convenzione relativa alla distribuzione di gas; inoltre, sempre per il 1997, il Comune di Milano ha corrisposto ad AEM un totale di circa 9 miliardi di lire (fatturate da AEM con l applicazione di tariffe di mercato) per l energia elettrica erogata a fronte della convenzione per l illuminazione pubblica e circa 767 milioni di lire (fatturate da AEM con l applicazione di tariffe di mercato) per l energia elettrica erogata a fronte della convenzione per gli impianti di controllo e regolazione del traffico. Il Comune di Milano ha il diritto, al verificarsi di determinate circostanze, di revocare le diverse convenzioni; in ogni caso, la revoca non potrà essere esercitata dal Comune di Milano prima del decorso di venti anni dall efficacia iniziale delle convenzioni relative al servizio elettrico e distribuzione di gas, e 6

8 Ulteriori avvertenze di dieci anni dall efficacia iniziale delle convenzioni relative al servizio di illuminazione pubblica e agli impianti di controllo e regolazione del traffico. Le convenzioni prevedono inoltre che al termine dell'affidamento dei diversi servizi il ramo di azienda di AEM rappresentante la gestione di tali servizi dovrà essere ceduto a titolo oneroso al Comune di Milano o al diverso soggetto identificato dal Comune di Milano; il prezzo di cessione sarà individuato sulla base di perizia ai sensi dell art. 24 (esclusa la lettera c) del R.D. n. 2578/25 e dell art. 13 del D.P.R. n. 902/86, ove compatibili con la disciplina prevista dalle singole convenzioni. Per ulteriori dettagli al riguardo, si veda il paragrafo 2.8.2, Capitolo V, Sezione Prima del Prospetto Informativo. Infine, tali convenzioni non prevedono alcuna clausola relativamente al recesso dalle medesime in caso di perdita della maggioranza del capitale sociale di AEM da parte del Comune. Parimenti, tale circostanza non è prevista in alcuna delle delibere del Consiglio Comunale di Milano con riferimento ad AEM. 2.3 Rapporti di natura commerciale e finanziaria Il Comune di Milano è il principale cliente di AEM nel 1997, e rappresenta il 13,6% circa dei ricavi della Società dalle vendite di energia elettrica all utenza e circa l 1% circa dei ricavi della Società dalle vendite di gas e calore all utenza. I rapporti di natura commerciale fra AEM e il Comune di Milano sono tutti a condizioni di mercato. I pagamenti dovuti dal Comune di Milano ad AEM sono correntemente compensati con i pagamenti dovuti da AEM al Comune di Milano. I rapporti finanziari tra il Comune di Milano e l AEM sono regolati da un contratto di conto corrente che presentava un saldo debitorio per AEM al 31/12/97 di milioni di lire. Sugli importi annotati in conto corrente decorrono interessi calcolati al tasso pari al tasso ufficiale di sconto ridotto dello 0,75%. Il contratto di conto corrente prevede altresì che il debito dell AEM verso il Comune di Milano si riduca progressivamente fino al valore dell ammontare delle delegazioni di pagamento derivanti dal pregresso rapporto di Aem municipale con il Comune e costituenti garanzie per quest ultimo. In tal modo, la consistenza dello stesso non dovrà mai risultare inferiore al valore residuo di dette garanzie. 3. Incertezze derivanti dalla prossima apertura del mercato 3.1 Apertura del mercato nazionale dell energia elettrica e del gas A seguito del previsto recepimento in Italia delle Direttive UE concernenti norme comuni per il mercato interno dell energia elettrica e per il mercato interno del gas naturale, è attesa una progressiva apertura del mercato nazionale dell energia elettrica e del gas. Con particolare riferimento al mercato dell energia elettrica, l apertura dovrà avvenire per una quota almeno pari al 25% del consumo totale a partire dal febbraio 1999 (33% a partire dal 2003), liberalizzando gli scambi di energia per i clienti idonei (ossia i clienti liberi di scegliere il proprio fornitore). 3.2 Incertezze legate all apertura del mercato È previsto che il recepimento delle direttive comunitarie comporterà un incremento dei livelli competitivi nel mercato, con particolare riferimento alle fasi di generazione di energia elettrica e vendita della stessa al nuovo segmento di mercato costituito dai clienti idonei, nonché alle fasi di approvvigionamento e vendita di gas a tali clienti, cui potrà seguire l ingresso sul mercato di nuovi concorrenti. Sebbene AEM ritenga che a tale apertura del mercato possano conseguire nuove opportunità di espansione per la società stessa, non è possibile prevedere gli effetti di tale apertura sulla quota di mercato di AEM, né è possibile prevedere le modalità in base alle quali le società operanti nel settore dei servizi pubblici, come AEM, possano adattarsi al nuovo contesto competitivo. 3.3 Incertezze legate al riassetto del settore elettrico in Italia Non essendo note, allo stato, le modalità con cui il Governo darà attuazione alle indicazioni contenute nell art. 36 della legge comunitaria (approvata in data 24 aprile 1998), non è possibile prevede- 7

9 Prospetto Informativo AEM re se il futuro assetto del settore elettrico nazionale sarà caratterizzato dal mantenimento dell attuale struttura verticalmente integrata, ovvero prevederà la disintegrazione delle fasi di generazione e fornitura (distribuzione e vendita). Per ulteriori dettagli al riguardo, si vedano i paragrafi 2.4 e 2.9, Capitolo V, Sezione Prima del Prospetto Informativo. 4. Incertezze derivanti dal riassetto tariffario AEM opera in un settore altamente regolamentato; tale circostanza ne condiziona significativamente i risultati operativi. L'Autorità per l'energia Elettrica e il Gas, di recente istituzione, ha annunciato l introduzione di un nuovo regime tariffario per la fornitura di energia elettrica e gas, volto anche a perseguire incrementi di efficienza in tali settori. Si prevede che il nuovo sistema tariffario troverà graduale applicazione a partire dal Non è possibile al momento prevedere puntualmente l effetto che il nuovo sistema tariffario avrà sui margini operativi di AEM. È peraltro possibile ritenere che tra i principali obiettivi della regolamentazione tariffaria vi sia quello di definire tariffe correlate ai costi di competenza per ogni tipologia di utenza. Per ulteriori dettagli al riguardo, si veda il paragrafo 2.9, Capitolo V, Sezione Prima del Prospetto Informativo. 5. Regime concessorio delle attività elettriche di AEM 5.1 Concessione relativa all esercizio delle attività elettriche Allo stato, ancorché non sia stato ancora emesso, da parte del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato, il decreto di concessione. AEM ritiene di essere titolare di una posizione giuridica che la legittima a far valere i propri diritti di concessionario del servizio elettrico. Al riguardo, l art. 3, comma 8, della legge n. 481/95 ha stabilito che... le attività elettriche già esercitate dalle imprese elettriche degli enti locali restano affidate in concessione da parte del Ministro dell Industria, del Commercio e dell Artigianato ; AEM ritiene pertanto che il modello giuridico che l inciso legislativo di cui sopra riproduce è quello della concessione disposta direttamente dalla legge. Ai sensi dell art. 2, comma 35, della legge n. 481/95, le concessioni rilasciate nei settori dei servizi di pubblica utilità, di cui al comma 1 dell art. 2, la cui durata non può essere superiore ad anni quaranta, possono essere onerose, con le eccezioni previste dalla normativa vigente. Per ulteriori dettagli al riguardo, si veda il paragrafo 2.8.1, Capitolo V, Sezione Prima del Prospetto Informativo. 5.2 Incertezze connesse con il regime di concessione di sfruttamento idroelettrico Gli impianti di produzione idroelettrica di AEM sono condotti in base a 10 concessioni di sfruttamento idroelettrico della durata massima di 60 anni; di tali concessioni, 3 sono scadute (per ulteriori dettagli al riguardo, si veda la tabella riportata al paragrafo 2.8.4, Capitolo V, Sezione Prima, del Prospetto Informativo). Ai sensi dell art. 24 della legge n. 282/91,... il prolungamento della durata della concessione è disposto con decreto del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato per un periodo massimo di 60 anni. Nelle more dell ottenimento del decreto di prolungamento della concessione, la continuità dell esercizio degli impianti si sta svolgendo in forza di decreti di autorizzazione all esercizio provvisorio, che AEM ha già ottenuto dal Ministero dei Lavori Pubblici per gli impianti di Fraele e Grosotto; per l impianto di Stazzona, AEM ha presentato nell agosto 1994 richiesta di rinnovo della concessione. Tali decreti, il contenuto dei quali è sostanzialmente similare a quello delle concessioni preesistenti, sono validi fino all emissione dei decreti di prolungamento delle concessioni, con decorrenza retroattiva a far data dalle precedenti scadenze. AEM ritiene che allo stato attuale non sussistano impedimenti ostativi al prolungamento delle concessioni. In sede di conferimento (per ulteriori dettagli al riguardo, si veda il paragrafo 3, Capitolo I, Sezione Prima, del Prospetto Informativo), i periti hanno ritenuto di rivalutare i beni gratuitamente devolvibili relativi alle concessioni di cui sopra, sulla base del presupposto che le concessioni stesse rimanessero in essere presso la AEM S.p.A. per un orizzonte temporale di lungo termine alla luce delle argomentazioni sopra 8

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE RELATIVO ALL AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE DI WARRANT BANCA INTESA S.p.A. VALIDI PER VENDERE A BANCA INTESA AZIONI ORDINARIE O AZIONI DI RISPARMIO BANCA COMMERCIALE ITALIANA

Dettagli

A2A S.p.A. Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari relativa all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013

A2A S.p.A. Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari relativa all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 A2A S.p.A. Sede in Brescia, Via Lamarmora 230-25124 Brescia Capitale sociale Euro 1.629.110.744,04 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di Brescia 11957540153

Dettagli

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 APPENDICE Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE MERIDIANA FLY S.P.A. 2012-2013 (il Regolamento ) Articolo 1 Warrant per la sottoscrizione

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

Montebelluna, 25 febbraio 2011

Montebelluna, 25 febbraio 2011 Comunicato ai sensi dell articolo 102 del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58, come successivamente modificato e integrato (il Tuf ) e dell articolo 37 del Regolamento Consob approvato con delibera n. 11971

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di vendita ai sensi dell art. 2505-bis del codice civile e di esercizio del diritto di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI ( STOCK OPTION

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI ( STOCK OPTION MEDIOLANUM S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTION), REDATTO AI SENSI DELL ARTICOLO 114-BIS DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 58 DEL 24 FEBBRAIO 1998 E DELL

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI ( STOCK OPTION)

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI ( STOCK OPTION) DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI (STOCK OPTION) PER LA SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI GREENERGYCAPITAL S.P.A. APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 11 SETTEMBRE

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

AMPLIFON S.P.A. STOCK OPTION PLAN 2010-2011

AMPLIFON S.P.A. STOCK OPTION PLAN 2010-2011 AMPLIFON S.P.A. STOCK OPTION PLAN 2010-2011 Documento informativo relativo al piano di stock option 2010-2011 per i dipendenti di Amplifon S.p.A. redatto ai sensi dell art. 114-bis del D.Lgs. 24 febbraio

Dettagli

Assemblea degli Azionisti. 28 aprile 2015 (prima convocazione) 30 aprile 2015 (seconda convocazione)

Assemblea degli Azionisti. 28 aprile 2015 (prima convocazione) 30 aprile 2015 (seconda convocazione) Esprinet S.p.A. Sede sociale in Vimercate (MB), Via Energy Park n. 20 Capitale Sociale euro 7.860.651,00 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Monza e Brianza n. 05091320159 Codice Fiscale n. 05091320159

Dettagli

Premessa * * * Signori Azionisti,

Premessa * * * Signori Azionisti, Eurofly S.p.A. Sede legale in Milano, via Ettore Bugatti n. 15 Capitale Sociale Euro 11.084.271,92 Codice Fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano 05763070017 Soggetta ad attività

Dettagli

NOTA INTRODUTTIVA Documento Informativo Regolamento Emittenti

NOTA INTRODUTTIVA Documento Informativo Regolamento Emittenti S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AI PIANI DI COMPENSI BASATI SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI (STOCK OPTION) PER LA SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE S.P.A. (redatto ai sensi dell articolo 84-bis del

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2015 RELATIVA AL SETTIMO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE VII LE AZIONI PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 NOZIONI E CARATTERI. --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Documento Informativo relativo al Piano di Stock Option

Documento Informativo relativo al Piano di Stock Option Documento Informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 a favore dell Amministratore Delegato della Società e di dipendenti della Società e di società controllate Questo documento (il Documento Informativo

Dettagli

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime.

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.P.A. RELATIVA ALLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI REDATTA

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2014 RELATIVA AL PUNTO TRE ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETA PER LO SVILUPPO DELL ARTE, DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO ARCUS SPA. TITOLO I Costituzione Sede Durata - Oggetto ART.

STATUTO DELLA SOCIETA PER LO SVILUPPO DELL ARTE, DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO ARCUS SPA. TITOLO I Costituzione Sede Durata - Oggetto ART. STATUTO DELLA SOCIETA PER LO SVILUPPO DELL ARTE, DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO ARCUS SPA TITOLO I Costituzione Sede Durata - Oggetto ART.1 Ai sensi dell articolo 10 della legge 8 ottobre 1997, n. 352,

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO I Capitolo 3 ATTIVITA ESERCITABILI E PARTECIPAZIONI DETENIBILI Sezione I Disposizioni di carattere generale TITOLO I - Capitolo 3 ATTIVITA

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

BancAssurance Popolari S.p.A.

BancAssurance Popolari S.p.A. BancAssurance Popolari S.p.A. Sede Legale: Via Calamandrei, 255-52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via F. De Sanctis, 11 00195 ROMA Impresa autorizzata all esercizio delle assicurazioni con provvedimento

Dettagli

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Pagina 1 di 6 English - Versione accessibile - Mappa - Contatti e PEC - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Albi Elenchi Società quotate Prospetti/documenti opa Equity Crowdfunding La Consob

Dettagli

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v.

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001 Soggetta

Dettagli

Pontedera, 3 marzo 2009 (con integrazioni a seguito dell assegnazione di nuove Opzioni avvenuta in data 15 gennaio 2009)

Pontedera, 3 marzo 2009 (con integrazioni a seguito dell assegnazione di nuove Opzioni avvenuta in data 15 gennaio 2009) DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO N. 11971 APPROVATO

Dettagli

Indica tutti gli amministratori della Società.

Indica tutti gli amministratori della Società. SPACE S.P.A. POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSE 1 Introduzione La presente politica di gestione dei conflitti d interesse (la Politica ) è stata adottata dal Consiglio di Amministrazione di

Dettagli

R.D. 182 16.3.1942 267 (L.

R.D. 182 16.3.1942 267 (L. COMUNICATO STAMPA EEMS Italia S.p.A. ha stipulato in data odierna l accordo di ristrutturazione del debito con il pool di banche creditrici composto da Unicredit, Banca Nazionale del Lavoro, Banca Monte

Dettagli

E U R O T E C H S.P. A.

E U R O T E C H S.P. A. E U R O T E C H S.P. A. SED E IN AMARO (UD) VIA FRAT ELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGIST RO IMPRESE DI UDIN E AL N. 01791330309 CAPITALE SO CIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V. R

Dettagli

AS Roma S.p.A. * * * *

AS Roma S.p.A. * * * * DiBenedetto AS Roma LLC Unicredit S.p.A. AS Roma S.p.A. ESTRATTO DI PATTO PARASOCIALE COMUNICATO ALLA CONSOB AI SENSI DELL ART. 122 DEL D.LGS. 58/1998 E DELL ART. 129 DEL REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03).

Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03). Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03). Regolamento attuativo dell art. 37 del decreto legislativo 24

Dettagli

Assemblea ordinaria degli Azionisti di World Duty Free S.p.A.

Assemblea ordinaria degli Azionisti di World Duty Free S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti di World Duty Free S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine del giorno Convocazione unica: 14 maggio 2015 CONVOCAZIONE

Dettagli

N. Azioni vincolate % su az. vincolate % su cap. soc.

N. Azioni vincolate % su az. vincolate % su cap. soc. Estratto dell Accordo per la partecipazione al capitale di Mediobanca S.p.A. ai sensi dell art. 122, del d.lgs. 58/98 e della delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modificazioni Tipo

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione

Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione Regolamento del processo delle partecipazioni INDICE INDICE... 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO DELLE PARTECIPAZIONI... 3 1. INVESTIMENTI IN PARTECIPAZIONI... 3 1.1

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezioni 5 6 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO Articolo 1 La Società Italiana per il Gas per Azioni,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche DOCUMENTO INFORMATIVO, PREDISPOSTO AI SENSI DELL ART. 84 BIS COMMA 1 DEL REGOLAMENTO CONSOB N.

Dettagli

INDICE Soggetti destinatari... 2 Ragioni che motivano l'adozione del Piano... 3

INDICE Soggetti destinatari... 2 Ragioni che motivano l'adozione del Piano... 3 DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI INCENTIVAZIONE RISERVATO A TALUNI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI E/O COLLABORATORI DEL GRUPPO TIP PER L ATTRIBUZIONE DI MASSIME N. 5.000.000 OPZIONI DENOMINATO PIANO

Dettagli

ALLEGATO 17 Estratto dei patti parasociali pubblicati ai sensi dell art. 122 del. D.Lgs. 58/98

ALLEGATO 17 Estratto dei patti parasociali pubblicati ai sensi dell art. 122 del. D.Lgs. 58/98 ALLEGATO 17 Estratto dei patti parasociali pubblicati ai sensi dell art. 122 del D.Lgs. 58/98 SCHEMAVENTOTTO S.p.A. Sede legale: Moncalieri (TO), Corso Trieste, 170 Capitale Sociale Euro 445.536.000,00

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

COMUNICATO STAMPA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA PROMOSSA DA SALINI S.P.A. SULLA TOTALITÀ DELLE AZIONI ORDINARIE DI IMPREGILO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA PROMOSSA DA SALINI S.P.A. SULLA TOTALITÀ DELLE AZIONI ORDINARIE DI IMPREGILO S.P.A. COMUNICATO STAMPA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA PROMOSSA DA SALINI S.P.A. SULLA TOTALITÀ DELLE AZIONI ORDINARIE DI IMPREGILO S.P.A. COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 102, PRIMO COMMA, DEL

Dettagli

Inoltrata per il tramite della:

Inoltrata per il tramite della: MOD. 1/ART TER DOMANDA DI FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO PER L ATTIVAZIONE DI PRESTITI PARTECIPATIVI A VALERE SUL FONDO DI ROTAZIONE (Legge regionale 22 aprile 2, 12, articolo 46, comma 1.1) Inoltrata

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI DENOMINATI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI EEMS CONVERTIBILI IN AZIONI ORDINARIE

REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI DENOMINATI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI EEMS CONVERTIBILI IN AZIONI ORDINARIE REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI DENOMINATI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI EEMS CONVERTIBILI IN AZIONI ORDINARIE 1. OGGETTO 1.1 Il presente regolamento (di seguito il "Regolamento")

Dettagli

La prima cedola (in pagamento l 1 giugno 2010) avrà durata dalla Data di Godimento (inclusa) all 1 giugno 2010 (escluso).

La prima cedola (in pagamento l 1 giugno 2010) avrà durata dalla Data di Godimento (inclusa) all 1 giugno 2010 (escluso). REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO CONVERTENDO BPM 2009/2013-6,75% Articolo 1 - Importo, titoli e prezzo di emissione Il prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2009/2013 TF 3,60% 146^ EMISSIONE

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva SOCIETÀ DI CAPITALI Società per azioni (S.p.A.) Società a responsabilità limitata (S.r.l.) Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) Società in accomandita per azioni (S.a.p.A.) Società

Dettagli

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy.

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy. Proposta di distribuzione di riserve disponibili mediante assegnazione di partecipazioni possedute dalla Società in KME Green Energy S.r.L. previa trasformazione della stessa in società per azioni; deliberazioni

Dettagli

Relazioni illustrative degli Amministratori

Relazioni illustrative degli Amministratori Relazioni illustrative degli Amministratori Parte ordinaria punto 4 all ordine del giorno Relazione illustrativa degli Amministratori Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi

Dettagli

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Relazione degli Amministratori sul terzo punto all ordine del giorno Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento Emittenti, adottato

Dettagli

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

DOCUMENTO DI OFFERTA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E SCAMBIO VOLONTARIA TOTALITARIA

DOCUMENTO DI OFFERTA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E SCAMBIO VOLONTARIA TOTALITARIA DOCUMENTO DI OFFERTA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E SCAMBIO VOLONTARIA TOTALITARIA ai sensi dell articolo 102 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 avente ad oggetto azioni ordinarie BANCA POPOLARE

Dettagli

sa CC&G : Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Regolamento approvato dalla Banca d'italia, d intesa con la Consob il 28 agosto 2013

sa CC&G : Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Regolamento approvato dalla Banca d'italia, d intesa con la Consob il 28 agosto 2013 sa CC&G : Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Regolamento approvato dalla Banca d'italia, d intesa con la Consob il 28 agosto 2013 in vigore dal 28 ottobre 2013 Indice SEZIONE A DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA DEL PROSPETTO DI BASE PER L OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO VARIABILE, MISTO e ZERO COUPON Banca Popolare di Bergamo S.p.A. 30/06/2008-2018 ZERO COUPON

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-bis

Dettagli

STATUTO. Maggio 2013 SOMMARIO

STATUTO. Maggio 2013 SOMMARIO STATUTO Maggio 2013 SOMMARIO Denominazione Sede Scopo e durata della Società 2 Capitale Azioni Obbligazioni 3 Consiglio di Amministrazione 7 Sindaci 11 Assemblea 13 Esercizio Sociale Utili 14 Poteri Speciali

Dettagli

Regolamento del Prestito obbligazionario Banca Carige 1,50%, 2003 2013 subordinato ibrido con premio al rimborso convertibile in azioni ordinarie

Regolamento del Prestito obbligazionario Banca Carige 1,50%, 2003 2013 subordinato ibrido con premio al rimborso convertibile in azioni ordinarie Regolamento del Prestito obbligazionario Banca Carige 1,50%, 2003 2013 subordinato ibrido con premio al rimborso convertibile in azioni ordinarie Art. 1. Importo, titoli e prezzo di emissione Il prestito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro 1 CAPITALE E PATRIMONIO 1.1 Il capitale sociale: nozione e caratteri 1.2 Funzione del capitale sociale 1.3 Capitale e patrimonio: classificazioni 1.4 Il nuovo concetto di capitale alla luce delle esperienze

Dettagli

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 Art. 1 Warrant Azioni Ordinarie Unipol 2010-2013 L Assemblea Straordinaria di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. ( UGF o l Emittente ), riunitasi

Dettagli

17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996; MINISTERO DEL TESORO

17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996; MINISTERO DEL TESORO MINISTERO DEL TESORO DECRETO 21 novembre 1996, n. 703 (G.U. 22 febbraio 1997, 44) Regolamento recante norme sui criteri e sui limiti di investimento delle risorse dei fondi di pensione e sulle regole in

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

Signori Consiglieri, Signori Sindaci,

Signori Consiglieri, Signori Sindaci, MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

Comunicazione della Società : significa quanto descritto nell articolo 3.2.

Comunicazione della Società : significa quanto descritto nell articolo 3.2. REGOLAMENTO DEI SPONSOR WARRANT SPACE S.P.A. 1 DEFINIZIONI 1.1 Nel presente Regolamento i seguenti termini hanno il significato qui attribuito. I termini definiti al singolare si intendono definiti anche

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale»

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» 9,*,/$1=$&5(',7,=,$(),1$1=,$5,$,VWUX]LRQLGL9LJLODQ]DSHUJOL,QWHUPHGLDUL)LQDQ]LDUL LVFULWWLQHOO (OHQFR6SHFLDOHª &LUFRODUHQGHODJRVWR

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. SULLE PROPOSTE CONCERNENTI L AUTORIZZAZIONE ALL'ACQUISTO E ALL'ALIENAZIONE DI AZIONI PROPRIE POSTE AL SECONDO PUNTO

Dettagli

FRENDY ENERGY S.P.A.

FRENDY ENERGY S.P.A. FRENDY ENERGY S.P.A. Sede legale in Firenze, Via Fiume n. 11 Capitale sociale Euro 4.225.000,00 i.v. Codice fiscale ed iscrizione nel Registro delle Imprese di Firenze n. 05415440964 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

MILANO 7 agosto 2015. Alla data del presente Comunicato, l Emittente non detiene azioni proprie.

MILANO 7 agosto 2015. Alla data del presente Comunicato, l Emittente non detiene azioni proprie. MILANO 7 agosto 2015 Comunicato ai sensi dell art. 102 del Decreto Legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998, come successivamente modificato, e dell art. 37 del Regolamento adottato dalla CONSOB con delibera

Dettagli

Rules Research Unit Law and Economics Studies

Rules Research Unit Law and Economics Studies Rules Research Unit Law and Economics Studies Paper No. 2013-6 Problemi in materia di trasparenza dei patti parasociali (art. 122 TUF) By Luigi A. Bianchi Problemi in materia di trasparenza dei patti parasociali

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Relazioni all Assemblea Ordinaria

Relazioni all Assemblea Ordinaria Relazioni all Assemblea Ordinaria Assemblea del 27 aprile 2010-28 aprile 2010 Relazione degli Amministratori sui punti all ordine del giorno Redatta ai sensi del D.M. n. 437/1998 Signori Azionisti, il

Dettagli

DOCUMENTO DI OFFERTA

DOCUMENTO DI OFFERTA DOCUMENTO DI OFFERTA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO OBBLIGATORIA ai sensi degli articoli 102, 106, comma 1 e 109 del D. Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 avente a oggetto azioni ordinarie di EMITTENTE Camfin S.p.A.

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 172.140.797,00 i.v.

LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 172.140.797,00 i.v. LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 172.140.797,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Assemblea Ordinaria e Assemblea Straordinaria degli Azionisti

Assemblea Ordinaria e Assemblea Straordinaria degli Azionisti Assemblea Ordinaria e Assemblea Straordinaria degli Azionisti Relazioni illustrative sulle proposte concernenti le materie all'ordine del giorno dell'assemblea Ordinaria e dell'assemblea Straordinaria

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

Assemblea ordinaria dei Soci

Assemblea ordinaria dei Soci Assemblea ordinaria dei Soci 11 aprile 2014 1^ convocazione 12 aprile 2014 2^ convocazione RELAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO 1 ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA 1. Nomina,

Dettagli

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Altre deliberazioni Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Signori Azionisti, l Assemblea ordinaria del 28 aprile 2008 aveva rinnovato alla Società l autorizzazione all acquisto

Dettagli

Diritto di accrescimento N. Azioni. N. Azioni vincolate. % su az. vinc. % su cap. soc. % su cap. soc. N. Azioni "non vincolate" % su cap. soc.

Diritto di accrescimento N. Azioni. N. Azioni vincolate. % su az. vinc. % su cap. soc. % su cap. soc. N. Azioni non vincolate % su cap. soc. Informazioni essenziali dell Accordo per la partecipazione al capitale di Mediobanca S.p.A. ai sensi dell art. 122, del d.lgs. 58/98 e della delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modificazioni

Dettagli