Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione Terza I Fondi comuni di investimento"

Transcript

1 Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è determinato in base: A) alla media ponderata dei prezzi rilevati nel corso dell ultima giornata di contrattazione B) all ultimo prezzo disponibile rilevato sul mercato di negoziazione C) al valore nominale D) al prezzo di acquisto 370. A seguito di un operazione di fusione tra fondi comuni, è possibile passare da un fondo aperto ad un fondo chiuso? A) sì B) no, salvo che i fondi abbiano la stessa durata C) no D) sì, anche se i fondi hanno diversa durata 371. Un fondo comune di investimento mobiliare chiuso: A) prevede l emissione delle quote in un unica tranche e per un periodo di tempo limitato B) investe prevalentemente in strumenti finanziari quotati in mercati regolamentati C) ha durata indeterminata D) dà ai suoi partecipanti la possibilità di concorrere direttamente all assunzione delle scelte di investimento 372. Il regolamento di un fondo aperto che investe il proprio patrimonio in quote di OICR «collegati» deve prevedere: A) che la parte del fondo rappresentata da quote di OICR «collegati» venga considerata ai fini del computo delle commissioni di gestione B) in che misura la parte del fondo rappresentata da quote di OICR «collegati» viene considerata ai fini del computo delle commissioni di gestione C) che sul fondo acquirente verranno fatti gravare spese e diritti di qualsiasi natura relativi alla sottoscrizione ed al rimborso delle parti degli OICR acquisiti

2 Sezione III: I Fondi comuni di investimento 101 D) che la parte del fondo rappresentata da quote di OICR «collegati» non venga considerata ai fini del computo delle commissioni di gestione 373. In materia di struttura dei fondi, quale delle seguenti affermazioni risulta essere falsa? A) i fondi speculativi non possono avere più di cento partecipanti B) i fondi speculativi possono essere istituiti o gestiti anche da SGR che non abbiano come oggetto esclusivo l istituzione o la gestione di tali fondi C) l ammontare minimo di ciascuna sottoscrizione iniziale di fondi speculativi non può essere inferiore ad un milione di Euro D) le quote dei fondi speculativi non possono essere oggetto di sollecitazione all investimento 374. Il patrimonio di un fondo aperto: A) non può essere investito, in misura superiore al dieci per cento del totale delle attività, in depositi presso la banca depositaria del fondo B) non può essere investito, in misura superiore al dieci per cento del totale delle attività, in depositi presso una unica banca C) non può essere investito in depositi presso banche dello stesso gruppo in misura superiore al dieci per cento del totale delle attività del fondo D) non può mai essere investito in depositi bancari 375. In materia di fondi comuni di investimento, quali dei seguenti oneri non possono essere imputati al fondo? A) la provvigione di gestione B) il compenso da riconoscere alla banca depositaria per le funzioni da questa svolte C) gli oneri connessi all eventuale quotazione dei certificati rappresentativi delle quote D) i c.d. diritti fissi 376. In materia di fondi comuni di investimento chiusi, quale delle seguenti affermazioni risulta essere falsa? A) la Banca d Italia può consentire, ove sia previsto nel regolamento del fondo e su richiesta della SGR, una proroga del termine di durata del fondo non superiore a tre anni per il completamento dello smobilizzo degli investimenti B) il patrimonio del fondo deve essere raccolto mediante un unica emissione di quote

3 102 Parte II: I prodotti C) le quote di partecipazione non possono in alcun caso essere rimborsate anticipatamente D) le SGR possono istituire fondi chiusi la cui partecipazione è riservata a investitori qualificati 377. L incremento degli oneri a carico dei singoli partecipanti ad un fondo comune di investimento può trovare applicazione per gli importi già sottoscritti? A) no, mai B) sì, sempre C) solo quando si tratta della maggiorazione di commissioni di rimborso D) solo quando si tratta della maggiorazione di commissioni di gestione 378. Nel valutare i beni di un fondo comune di investimento, si fa riferimento: A) al prezzo di acquisto B) al valore nominale C) all ultimo prezzo disponibile rilevato sul mercato di negoziazione D) alla media ponderata dei prezzi rilevati nel corso dell ultima giornata di contrattazione 379. Nella gestione dei fondi comuni di investimento chiusi è consentito investire in strumenti finanziari non quotati? A) sì, senza alcun limite B) sì, nel limite del 5% del patrimonio del fondo, se gli strumenti sono emessi da società del gruppo di cui è parte la società di gestione del risparmio C) sì, purché non emessi da società del gruppo di cui è parte la società di gestione del risparmio D) no, mai 380. Ai sensi del regolamento della Banca d Italia del 14 aprile 2005, i fondi comuni di investimento aperti possono investire il proprio patrimonio in depositi bancari, tra l altro, quando questi ultimi hanno vincolo di durata: A) compresa tra 3 e 6 mesi B) inferiore o pari a 18 mesi C) inferiore o pari a 12 mesi D) non superiore a 6 mesi

4 Sezione III: I Fondi comuni di investimento Nella gestione dei fondi comuni di investimento aperti è consentito investire in strumenti finanziari non quotati? A) sì, nel limite del 25% del patrimonio del fondo B) sì, purché gli strumenti siano ceduti da una società del gruppo di cui è parte la società di gestione del risparmio C) sì, nel limite del 15% del patrimonio del fondo D) sì, nel limite del 10% del totale dell attività del fondo 382. Nella gestione dei fondi comuni di investimento aperti non è consentito investire in: A) strumenti derivati su indici di borsa B) parti di OICR rientranti nell ambito di applicazione della Direttiva 85/611/CEE C) strumenti finanziari non quotati D) certificati rappresentativi di metalli e pietre preziosi 383. Quale delle seguenti affermazioni corrisponde al vero, con riferimento ai fondi speculativi? A) la partecipazione a ciascun fondo è riservata agli intermediari autorizzati alla negoziazione in conto proprio B) l ammontare minimo di ciascuna sottoscrizione non può essere inferiore a un milione di euro C) il patrimonio dei fondi speculativi deve comunque essere investito nel rispetto delle norme prudenziali di contenimento e frazionamento del rischio emanate dalla Banca d Italia D) il patrimonio dei fondi speculativi è investito esclusivamente in strumenti derivati 384. Ai sensi del regolamento Banca d Italia del 14 aprile 2005, i fondi speculativi: A) devono prevedere una sottoscrizione iniziale non superiore a un milione di euro B) possono essere istituiti solo in forma chiusa C) non possono avere più di 50 partecipanti D) non possono essere oggetto di sollecitazione all investimento 385. Nella gestione dei fondi comuni di investimento aperti, non è mai consentito: A) investire in obbligazioni strutturate B) vendere allo scoperto strumenti finanziari C) detenere liquidità per esigenze di tesoreria presso la banca depositaria

5 104 Parte II: I prodotti D) investire in warrant e diritti di opzione connessi ad operazioni sul capitale delle società emittenti 386. Ai sensi del regolamento Banca d Italia del 14 aprile 2005, ai fini della determinazione del valore complessivo netto di un fondo comune di investimento, gli strumenti finanziari individualmente sospesi dalle negoziazioni sono valutati: A) sulla base dei criteri definiti per i beni immobili B) esclusivamente sulla base dell ultima quotazione rilevata C) prescindendo dall ultima quotazione rilevata D) tenendo anche conto dell ultima quotazione rilevata 387. Con riferimento ai costi dell investimento in un fondo comune, è corretto definire la cosiddetta commissione di «performance» come: A) un costo di intermediazione, sostenuto dal fondo per la compravendita di titoli B) un costo che grava sul bilancio della società di gestione del fondo C) un costo connesso all uscita dal fondo, definito anche commissione di vendita differita D) un costo che grava sul patrimonio del fondo 388. In relazione ai costi dell investimento in un fondo comune di investimento, è corretto definire la commissione di sottoscrizione (o di entrata) come: A) un costo che grava sul patrimonio del fondo, connesso alla remunerazione della prestazione del servizio di gestione B) un diritto fisso, trattenuto dalla società di gestione del risparmio qualora il sottoscrittore chieda la consegna del certificato fisico rappresentativo delle quote C) un costo sostenuto direttamente dall investitore D) un costo variabile a seconda del trattamento fiscale al quale è assoggettato l investitore 389. Con riferimento alla valutazione della performance di un fondo comune di investimento, il cosiddetto «information ratio» è definito come: A) rapporto tra il differenziale tra il rendimento medio atteso del fondo e il rendimento medio atteso del benchmark, e la volatilità del benchmark B) rapporto tra il differenziale tra il valore medio del rendimento del fondo e il rendimento di un attività priva di rischio, e la volatilità del fondo C) rapporto tra il rendimento medio atteso del fondo e la volatilità del fondo

6 Sezione III: I Fondi comuni di investimento 105 D) rapporto tra il differenziale tra il rendimento medio atteso del fondo e il rendimento medio atteso del benchmark, e la deviazione standard del differenziale stesso 390. Quale tra le seguenti affermazioni non corrisponde al vero con riferimento ai fondi speculativi? A) non possono essere oggetto di sollecitazione all investimento B) devono prevedere una sottoscrizione minima iniziale pari ad almeno un milione di euro C) devono avere un numero di partecipanti non superiore alle duecento unità D) il regolamento del fondo deve menzionare la rischiosità dell investimento 391. Ai sensi del D.Lgs. n. 58/1998, nel caso in cui il gestore di un fondo comune di investimento sia diverso dalla società promotrice, chi provvede ad esercitare, nell interesse dei partecipanti, i diritti di voto inerenti agli strumenti finanziari di pertinenza del fondo? A) la banca depositaria B) il gestore, salvo patto contrario C) il rappresentante comune dei sottoscrittori del fondo D) la società promotrice 392. Quale tra i seguenti fondi comuni di investimento deve necessariamente essere istituito in forma «chiusa»? A) il fondo che investe in OICR aperti B) il fondo che investe in depositi bancari C) il fondo che investe in strumenti finanziari quotati D) il fondo che investe in crediti e titoli rappresentativi di crediti 393. I fondi c.d. «riservati» sono quelli la cui partecipazione è riservata: A) a coloro che sottoscrivono una somma iniziale pari almeno ad un milione di euro B) alle sole banche C) a investitori qualificati D) ai prestatori di lavoro dipendenti delle società di gestione del risparmio che hanno promosso i fondi 394. Gli Exchange traded Funds sono: A) una particolare tipologia di currency futures B) fondi comuni aperti o Sicav di tipo indicizzato, a gestione passiva C) fondi comuni di investimento di tipo speculativo D) fondi comuni chiusi di tipo indicizzato

7 106 Parte II: I prodotti 395. Nell ambito dell attività di gestione di un fondo, che cosa si indica con il termine «stock- picking»? A) la fase in cui il gestore misura lo scostamento di medio periodo tra il risultato del fondo ed il benchmark stabilito B) la fase in cui il gestore determina la strategia del fondo nel medio-lungo periodo C) la fase in cui il gestore applica le commissioni di gestione ed eventuali commissioni aggiuntive di performance D) la fase in cui il gestore sceglie specificamente i titoli da immettere in portafoglio 396. Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, la custodia degli strumenti finanziari e delle disponibilità liquide di un fondo comune d investimento è affidata: A) alla SGR che lo ha istituito B) alla Monte Titoli S.p.A C) ad una società di gestione accentrata di strumenti finanziari D) ad una banca depositaria 397. La quotazione di fondi comuni di investimento «chiusi» è obbligatoriamente richiesta quando: A) il patrimonio del fondo è investito in azioni emesse dalla SGR che gestisce il fondo B) il patrimonio del fondo è investito in beni immobili e diritti reali immobiliari C) nel regolamento del fondo è previsto che l ammontare minimo della sottoscrizione sia superiore a venticinquemila euro D) nel regolamento del fondo è previsto che l ammontare minimo della sottoscrizione sia inferiore a venticinquemila euro 398. Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, nel caso in cui il gestore sia diverso dalla società promotrice di fondi comuni d investimento, chi provvede, nell interesse dei partecipanti, all esercizio dei diritti di voto inerenti agli strumenti finanziari di pertinenza dei fondi gestiti? A) la banca depositaria B) sempre e soltanto la società promotrice di fondi, ed è nullo ogni patto contrario C) sempre e soltanto il gestore, ed è nullo ogni patto contrario D) il gestore, salvo patto contrario 399. Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, le quote di fondi comuni di investimento sono considerate: A) strumenti finanziari derivati B) servizi di investimento

8 C) strumenti finanziari D) mezzi di pagamento Sezione III: I Fondi comuni di investimento Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, il fondo comune di investimento è gestito: A) esclusivamente da una società di gestione del risparmio che non lo ha istituito B) esclusivamente dalla società di gestione del risparmio che lo ha istituito C) dalla società di gestione del risparmio che lo ha istituito o da altra società di gestione del risparmio D) esclusivamente da una impresa di investimento 401. Il regolamento di un fondo comune di investimento mobiliare deve stabilire, tra l altro: A) un parametro di riferimento oggettivo, adeguatamente diffuso e accessibile ai risparmiatori (c.d. benchmark) B) la denominazione e la durata del fondo C) le modalità di calcolo del coefficiente di rivalutazione annuale delle quote D) la misura o i criteri di determinazione delle provvigioni da riconoscere agli intermediari che includono quote del fondo nelle gestioni patrimoniali dei clienti 402. In materia di fondi comuni d investimento speculativi, quale delle seguenti affermazioni è falsa? A) nel regolamento del fondo possono essere fissate norme prudenziali diverse da quelle stabilite dalla Banca d Italia B) i fondi speculativi non sono sottoposti a predefiniti vincoli in materia di oggetto dell investimento C) le quote dei fondi speculativi non possono essere oggetto di sollecitazione all investimento D) il numero dei soggetti che partecipano a ciascun fondo speculativo deve superare le cento unità 403. Con riferimento ai costi di investimento in quote di un fondo comune di investimento mobiliare di diritto italiano di tipo aperto, la Parte II del prospetto di sollecitazione deve riportare: A) il rapporto percentuale, riferito a ciascun anno solare dell ultimo triennio, fra il totale degli oneri posti a carico del fondo e il patrimonio medio dello stesso B) il rapporto percentuale, riferito a ciascun anno solare dell ultimo triennio, fra il totale degli oneri posti a carico del fondo e degli

9 108 Parte II: I prodotti oneri gravanti direttamente sul sottoscrittore e il patrimonio medio dello stesso C) il rapporto percentuale fra il totale delle commissioni di incentivo e il patrimonio medio del fondo D) il rapporto percentuale fra il totale degli oneri gravanti direttamente sul sottoscrittore e il patrimonio medio del fondo 404. Che cosa si indica con il termine «stock-picking»? A) la fase in cui il gestore misura lo scostamento di medio periodo tra il risultato del fondo ed il benchmark stabilito B) la fase in cui il gestore applica le commissioni di gestione ed eventuali commissioni aggiuntive di performance C) la fase in cui il gestore determina la strategia del fondo nel medio-lungo periodo D) la fase in cui il gestore sceglie specificamente i titoli da immettere in portafoglio 405. Con riferimento a un fondo comune di investimento, cosa misura l indice di Sharpe? A) il valore attuale netto del fondo B) il rapporto fra lo scostamento medio del rendimento del fondo rispetto al rendimento di un attività senza rischio e la volatilità del rendimento del fondo C) lo scostamento tra il rendimento del fondo e il rendimento del parametro oggettivo di riferimento scelto dal gestore ai fini della definizione delle caratteristiche di gestione D) il valore attuale delle commissioni di entrata e di uscita a carico del sottoscrittore del fondo 406. Con riferimento alla valutazione della «performance» di due fondi comuni di investimento, basata sul confronto dei relativi valori dell indice di «Sharpe», quale tra le seguenti affermazioni è corretta? A) il fondo con l indicatore più elevato è quello che ha prodotto il rendimento maggiore per unità di rischio B) il fondo con l indicatore più elevato è quello più rischioso C) il fondo con l indicatore più basso ha prodotto il rendimento maggiore con riferimento al proprio livello di volatilità D) non è possibile esprimere alcun giudizio se non si riconosce il rendimento dei benchmark dei due fondi

10 Sezione III: I Fondi comuni di investimento Attraverso l asset allocation, il gestore: A) individua esattamente su quali aziende puntare B) stabilisce l esatta composizione del portafoglio di un fondo comune d investimento C) individua il momento giusto in cui effettuare l acquisto o la vendita di uno strumento finanziario D) fissa il benchmark del portafoglio titoli 408. I certificati rappresentativi delle quote di partecipazione a fondi comuni di investimento sono: A) solo nominativi B) unicamente al portatore C) nominativi o al portatore D) nominativi per fondi azionari al portatore per altri tipi di fondi 409. L ammontare dei fondi mobiliari chiusi, per essere ammessi alla quotazione sui mercati borsistici deve essere: A) di almeno 10 milioni di euro B) di almeno 50 milioni di euro C) di almeno 20 milioni di euro D) di almeno 25 milioni di euro 410. Il fondo comune di investimento costituisce patrimonio autonomo distinto dalla società di gestione del risparmio? A) sì, sempre B) sì, ma solo se la società di gestione del risparmio non gestisce anche altri fondi comuni C) sì, ma solo se si tratta di un fondo aperto D) no, mai 411. In base al D.Lgs. 58/98, quale soggetto ha il compito di definire la struttura dei fondi comuni di investimento? A) Banca d Italia B) Consob C) Ministro dell Economia e Finanze D) Consiglio di amministrazione della SGR 412. I fondi riservati possono essere istituiti: A) in fondi aperti B) in fondi chiusi immobiliari C) in fondi chiusi D) sia in fondi chiusi sia in fondi aperti

11 110 Parte II: I prodotti 413. Il regolamento di un fondo comune di investimento: A) deve essere approvato dalla Banca d Italia entro tre mesi dalla presentazione, decorso questo periodo l approvazione si intende negata B) si intende approvato dalla Banca d Italia quando, trascorsi tre mesi dalla presentazione, l autorità stessa non abbia adottato un provvedimento di diniego C) deve essere approvato dalla Consob entro quattro mesi dalla presentazione, decorso questo periodo l approvazione si intende negata D) si intende approvato dalla Consob quando, trascorsi quattro mesi dalla presentazione, l autorità stessa non abbia adottato un provvedimento di diniego 414. Quali tra le seguenti non rappresenta una caratteristica dei fondi comuni mobiliari chiusi? A) immutabilità del capitale investito B) quote di partecipazione riscattabili in qualsiasi momento C) possono effettuare anche investimenti meno liquidi D) quote di partecipazione riscattabili solo al momento della liquidazione del fondo 415. Sono obbligatoriamente istituiti in forma chiusa i fondi che investono in: A) strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati B) beni mobili e relativi diritti C) depositi bancari D) crediti e titoli rappresentativi di crediti 416. Per fondi armonizzati si intendono: A) quei fondi che possono essere commercializzati nel territorio dell Unione Europea B) quei fondi che racchiudono le caratteristiche sia dei fondi chiusi che dei fondi aperti C) quei fondi che hanno ad oggetto sia titoli azionari che obbligazionari D) quei fondi caratterizzati dall ampia libertà di scelta nella loro composizione 417. I fondi riservati possono essere istituiti nella forma di: A) fondi aperti B) fondi chiusi immobiliari C) fondi chiusi D) fondi chiusi o aperti

12 Sezione III: I Fondi comuni di investimento Entro quale termine la società di gestione mette a disposizione del pubblico il rendiconto della gestione del fondo? A) entro il giorno successivo a quello di riferimento B) entro 7 giorni dalla sua redazione C) entro 15 giorni dalla sua redazione D) entro 30 giorni dalla sua redazione 419. Il patrimonio di un fondo mobiliare aperto non può essere investito in strumenti finanziari di uno stesso emittente: A) in misura superiore al 30% del totale delle attività del fondo medesimo B) in misura superiore al 15% del totale delle attività del fondo medesimo C) in misura superiore al 10% del totale delle attività del fondo medesimo D) in misura superiore al 5% del totale delle attività del fondo medesimo 420. Il patrimonio di un fondo investito in depositi presso un unica banca non può superare: A) il 10% del totale delle attività B) il 20% del totale delle attività C) il 30% del totale delle attività D) il 5% del totale delle attività 421. Ai sensi del D.M. n. 228/1999, sono obbligatoriamente istituiti in forma chiusa i fondi comuni di investimento che investono in misura superiore al 10% del patrimonio in: A) depositi bancari B) quote di OICR aperti C) strumenti finanziari non quotati in un mercato regolamentato, diversi dalle quote di OICR aperti D) strumenti finanziari quotati in mercati regolamentati

13 369. Risposta esatta: B) 370. Risposta esatta: B) 371. Risposta esatta: A) 372. Risposta esatta: D) 373. Risposta esatta: B) 374. Risposta esatta: A) 375. Risposta esatta: D) 376. Risposta esatta: C) 377. Risposta esatta: A) 378. Risposta esatta: C) 379. Risposta esatta: C) 380. Risposta esatta: C) 381. Risposta esatta: D) 382. Risposta esatta: D) 383. Risposta esatta: B) 384. Risposta esatta: D) 385. Risposta esatta: B) 386. Risposta esatta: D) 387. Risposta esatta: D) 388. Risposta esatta: C) 389. Risposta esatta: D) 390. Risposta esatta: B) 391. Risposta esatta: B) 392. Risposta esatta: D) 393. Risposta esatta: C) 394. Risposta esatta: B) 395. Risposta esatta: D) Risposte alla Sezione Terza 396. Risposta esatta: D) 397. Risposta esatta: D) 398. Risposta esatta: D) 399. Risposta esatta: C) 400. Risposta esatta: C) 401. Risposta esatta: B) 402. Risposta esatta: D) 403. Risposta esatta: A) 404. Risposta esatta: D) 405. Risposta esatta: B) 406. Risposta esatta: A) 407. Risposta esatta: B) 408. Risposta esatta: C) 409. Risposta esatta: D) 410. Risposta esatta: A) 411. Risposta esatta: C) 412. Risposta esatta: D) 413. Risposta esatta: B) 414. Risposta esatta: B) 415. Risposta esatta: D) 416. Risposta esatta: A) 417. Risposta esatta: D) 418. Risposta esatta: D) 419. Risposta esatta: D) 420. Risposta esatta: B) 421. Risposta esatta: C)

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

FULL OPTION Ed. 2009

FULL OPTION Ed. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION Ed. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Option Trend a premio unico (Mod. VM2SSISOT137-0414 ed. 04/2014)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Art. 1 - Denominazione del Fondo Interno La Società gestisce, con le modalità stabilite dal presente Regolamento, un portafoglio di valori

Dettagli

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE B.P.Vi FONDI SGR S.p.A. Gruppo Bancario Banca Popolare di Vicenza S.c.p.a. PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Raiffplanet Aggressiva a premio unico (Mod. V70SSISRA137-0415) Pagina 1

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03).

Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03). Decreto 24 maggio 1999, n. 228 (modificato con DM 22/05/00 n.180 - G.U. n.153 del 03/07/00 e DM 31/01/03 n. 47 - G.U. n. 70 del 25/03/03). Regolamento attuativo dell art. 37 del decreto legislativo 24

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

FULL OPTION ED. 2009

FULL OPTION ED. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION ED. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Euroquota Aggressiva a premio periodico limitato (Mod. VM2SSISEA138-0414

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Combinazione Libera 80RP/20RA a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Combinazione Libera 80RP/20RA a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Combinazione Libera 80RP/20RA a premio unico (Mod. V70SSISCL137-0415) Pagina

Dettagli

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito tre Fondi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

Anima Tricolore Sistema Open

Anima Tricolore Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore-contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito quattro Fondi

Dettagli

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE INFORMAZIONI GENERALI SULL INVESTIMENTO FINANZIARIO

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE INFORMAZIONI GENERALI SULL INVESTIMENTO FINANZIARIO SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore-contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI. Sergio Beretta

STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI. Sergio Beretta STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta is Risk Management Management Fondi Fondi immobiliari immobiliari RISK MANAGEMENT Monitoraggio dei rischi Attività di investimento:

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 Delibera n. 19461 1 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Arca Formula II EuroStoxx 2015

Arca Formula II EuroStoxx 2015 Arca Formula II EuroStoxx 2015 PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID) INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI KEY INVESTOR INFORMATION (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO Gennaio 2003 FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO MEDIOBANCA 2003-2005 INDICIZZATO ALL ANDAMENTO DELL INDICE MIB30 (Cod. ISIN IT0003417075) L investimento nel titolo oggetto della presente offerta è caratterizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Valore adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Valore adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Valore adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato,

Dettagli

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI Società di Gestione del Risparmio appartenente al Gruppo Banca Popolare Etica Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico BNL Portfolio Immobiliare: valore di quota pari a Euro 1.321,402 con un rendimento

Dettagli

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore-contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

IMMOBILIARE DINAMICO

IMMOBILIARE DINAMICO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO RELATIVO ALL OFFERTA AL PUBBLICO E AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE CHIUSO IMMOBILIARE DINAMICO depositato presso la Consob in

Dettagli

Testo delle parti del Regolamento Unico di Gestione modificate e comparate con la formulazione del testo in vigore.

Testo delle parti del Regolamento Unico di Gestione modificate e comparate con la formulazione del testo in vigore. Comunicazione relativa alle modifiche al Regolamento Unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliari aperti istituiti e gestiti da 8a+ Investimenti SGR S.p.A. deliberate il 18

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

I Fondi di Investimento Immobiliare e le organizzazioni di ingegneria, di architettura e di consulenza tecnico-economica

I Fondi di Investimento Immobiliare e le organizzazioni di ingegneria, di architettura e di consulenza tecnico-economica I Fondi di Investimento Immobiliare e le organizzazioni di ingegneria, di architettura e di consulenza tecnico-economica I Fondi di Investimento Immobiliare e le organizzazioni di ingegneria, di architettura

Dettagli

Gestione Più Valore. Regolamento Fondi Interni CONSERVATIVO AZIONARIO FLESSIBILE SVILUPPO RIFUGIO EUROBBLIGAZIONE MONETARIO

Gestione Più Valore. Regolamento Fondi Interni CONSERVATIVO AZIONARIO FLESSIBILE SVILUPPO RIFUGIO EUROBBLIGAZIONE MONETARIO Gestione Più Valore Regolamento Fondi Interni CONSERVATIVO AZIONARIO FLESSIBILE SVILUPPO RIFUGIO EUROBBLIGAZIONE MONETARIO Gestione Più Valore PREMESSA Si avverte coloro che hanno sottoscritto o intendano

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 - Berenice al 30 settembre 2009

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 - Berenice al 30 settembre 2009 COMUNICATO STAMPA First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 Berenice al 30 settembre 2009 Milano, 28 ottobre 2009 Il Consiglio di Amministrazione di First Atlantic

Dettagli

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Roma, 21 febbraio 2002 Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati

Dettagli

COMUNICAZIONE A NUOVI SOTTOSCRITTORI. Modifiche al Regolamento unico dei Fondi e conseguenti aggiornamenti alla

COMUNICAZIONE A NUOVI SOTTOSCRITTORI. Modifiche al Regolamento unico dei Fondi e conseguenti aggiornamenti alla COMUNICAZIONE A NUOVI SOTTOSCRITTORI Modifiche al Regolamento unico dei Fondi e conseguenti aggiornamenti alla documentazione d offerta (Prospetti Informativi) in vigore dal 1 aprile 2009 (o dal 18 maggio

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. CASSA RURALE ALTA VALDISOLE E PEJO Banca di Credito Cooperativo. Serie 201 ZERO COUPON 01/12/2011 01/12/2014

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. CASSA RURALE ALTA VALDISOLE E PEJO Banca di Credito Cooperativo. Serie 201 ZERO COUPON 01/12/2011 01/12/2014 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA RURALE ALTA VALDISOLE E PEJO Banca di Credito Cooperativo Serie 201 ZERO COUPON 01/12/2011 01/12/2014 Codice ISIN: IT0004780935 Art. 1 - Importo e taglio

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Come da successivo comma 2, punto 2/2. Art. 1, lett. h)

Come da successivo comma 2, punto 2/2. Art. 1, lett. h) Art. 1, lett. b) Art. 1, lett. c) Art. 1, lett. d) Art. 1, lett. e) Imprese di investimento comunitarie con succursale in Italia ed imprese di investimento extracomunitarie, con o senza succursale, autorizzate

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti dell Aderente in base alle Condizioni di Polizza, la

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO CREDITRAS

Dettagli

Milano, 26 febbraio 2014. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2013 del fondo immobiliare Investietico:

Milano, 26 febbraio 2014. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2013 del fondo immobiliare Investietico: AEDES BPM REAL ESTATE SGR Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n. 21, capitale sociale Euro 5.500.000,00 sottoscritto e versato, R.E.A. Milano n. 239479, Numero Registro delle Imprese di Milano e codice

Dettagli

Real estate. Economia del Mercato Mobiliare. Massimo Caratelli, dicembre 2014 massimo.caratelli@uniroma3.it

Real estate. Economia del Mercato Mobiliare. Massimo Caratelli, dicembre 2014 massimo.caratelli@uniroma3.it Real estate Economia del Mercato Mobiliare Massimo Caratelli, dicembre 2014 massimo.caratelli@uniroma3.it 1 Argomenti Fondi comuni di investimento Fondi immobiliari 2 Fondi comuni di investimento 3 Forma

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 120 CODICE ISIN IT0003353429

Dettagli

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA DETERMINAZIONE DELLA MISURA DELLA CONTRIBUZIONE DOVUTA, AI SENSI DELL ART. 40 DELLA LEGGE N. 724/1994, PER L ESERCIZIO 2015 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA la legge 7 giugno 1974,

Dettagli

Linea. Fondo Interno Volatilità rilevata nel 2014 Step Azionario 8,87% Step Obbligazionario 2,33% Obbligazionario Breve Termine Bis 0,54%

Linea. Fondo Interno Volatilità rilevata nel 2014 Step Azionario 8,87% Step Obbligazionario 2,33% Obbligazionario Breve Termine Bis 0,54% 1/8 PARTE II DEL PROSPETTO D OFFERTA - ILLUSTRAZIONE DEI DATI PERIODICI DI RISCHIO - RENDIMENTO E COSTI EFFETTIVI DELL INVESTIMENTO La Parte II del Prospetto d offerta, da consegnare su richiesta all Investitore-Contraente,

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2013

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2013 Delibera Consob 21 dicembre 2012 n. 18427 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2013 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. CASSA RURALE ALTA VALDISOLE E PEJO Banca di Credito Cooperativo. Serie 207 TASSO FISSO 2,75%

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. CASSA RURALE ALTA VALDISOLE E PEJO Banca di Credito Cooperativo. Serie 207 TASSO FISSO 2,75% REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA RURALE ALTA VALDISOLE E PEJO Banca di Credito Cooperativo Serie 207 TASSO FISSO 2,75% 16/08/2012 16/02/2015 Codice ISIN: IT0004845639 Art. 1 - Importo e taglio

Dettagli

BPER INTERNATIONAL SICAV

BPER INTERNATIONAL SICAV BPER INTERNATIONAL SICAV OPEN SELECTION Comparti a profilo di rischio controllato > COSA È UNA SICAV La Sicav è una società per azioni a capitale variabile avente per oggetto l investimento collettivo

Dettagli

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 - Berenice al 31 dicembre 2008

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 - Berenice al 31 dicembre 2008 COMUNICATO STAMPA First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 - Berenice al 31 dicembre 2008 Milano, 29 gennaio 2009 - Il Consiglio di Amministrazione di First Atlantic

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Flessibile adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Flessibile adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Flessibile adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato,

Dettagli

SOTTOSCRITTORE. Cognome/Denominazione sociale Nome Data di nascita Comune di nascita. Cognome Nome Data di nascita Comune di nascita Pr/Stato

SOTTOSCRITTORE. Cognome/Denominazione sociale Nome Data di nascita Comune di nascita. Cognome Nome Data di nascita Comune di nascita Pr/Stato Offerta pubblica di sottoscrizione di quote del Fondo Comune di Investimento Immobiliare di tipo Chiuso IMMOBILIARE DINAMICO Modulo valido per la sottoscrizione nell ambito di emissioni successive alla

Dettagli

Alboino Re Fondo Azionario Italia. Alarico Re Fondo Flessibile. Ritorni Reali Fondo Obbligazionario Flessibile

Alboino Re Fondo Azionario Italia. Alarico Re Fondo Flessibile. Ritorni Reali Fondo Obbligazionario Flessibile PARTE II del Prospetto Completo ILLUSTRAZIONE DEI DATI PERIODICI DI RISCHIO/RENDIMENTO E COSTI DEL FONDO Alboino Re Azionario Italia Alarico Re Flessibile Ritorni Reali Obbligazionario Flessibile La Parte

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Il ruolo della Banca Depositaria per i fondi immobiliari italiani

Il ruolo della Banca Depositaria per i fondi immobiliari italiani Il ruolo della Banca Depositaria per i fondi immobiliari italiani INSTITUTIONAL & FUND SERVICES Indice Gli OICR I fondi immobiliari italiani Il funzionamento di un fondo immobiliare Il ruolo della Banca

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Zero Coupon

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Zero Coupon Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

FONDO SOCRATE: APPROVATO IL RENDICONTO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2010

FONDO SOCRATE: APPROVATO IL RENDICONTO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2010 FONDO SOCRATE: APPROVATO IL RENDICONTO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2010 VALORE UNITARIO DELLA QUOTA: 523,481 EURO UTILE DELLA GESTIONE PARI A 3,72 MILIONI DI EURO DELIBERATA LA DISTRIBUZIONE DI UN PROVENTO

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM DATA VALIDITA : dal 28/02/2013 Art. 1 Gli aspetti generali del Fondo interno La Compagnia costituisce e gestisce, secondo le modalità del presente Regolamento,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare BNL Portfolio Immobiliare: valore di quota pari a Euro 937,084 con un rendimento medio annuo composto (TIR)

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES ********************* TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE Articolo 1 QUOTE DI COMPROPRIETA I diritti dei comproprietari sono espressi

Dettagli