Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione Terza I Fondi comuni di investimento"

Transcript

1 Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è determinato in base: A) alla media ponderata dei prezzi rilevati nel corso dell ultima giornata di contrattazione B) all ultimo prezzo disponibile rilevato sul mercato di negoziazione C) al valore nominale D) al prezzo di acquisto 370. A seguito di un operazione di fusione tra fondi comuni, è possibile passare da un fondo aperto ad un fondo chiuso? A) sì B) no, salvo che i fondi abbiano la stessa durata C) no D) sì, anche se i fondi hanno diversa durata 371. Un fondo comune di investimento mobiliare chiuso: A) prevede l emissione delle quote in un unica tranche e per un periodo di tempo limitato B) investe prevalentemente in strumenti finanziari quotati in mercati regolamentati C) ha durata indeterminata D) dà ai suoi partecipanti la possibilità di concorrere direttamente all assunzione delle scelte di investimento 372. Il regolamento di un fondo aperto che investe il proprio patrimonio in quote di OICR «collegati» deve prevedere: A) che la parte del fondo rappresentata da quote di OICR «collegati» venga considerata ai fini del computo delle commissioni di gestione B) in che misura la parte del fondo rappresentata da quote di OICR «collegati» viene considerata ai fini del computo delle commissioni di gestione C) che sul fondo acquirente verranno fatti gravare spese e diritti di qualsiasi natura relativi alla sottoscrizione ed al rimborso delle parti degli OICR acquisiti

2 Sezione III: I Fondi comuni di investimento 101 D) che la parte del fondo rappresentata da quote di OICR «collegati» non venga considerata ai fini del computo delle commissioni di gestione 373. In materia di struttura dei fondi, quale delle seguenti affermazioni risulta essere falsa? A) i fondi speculativi non possono avere più di cento partecipanti B) i fondi speculativi possono essere istituiti o gestiti anche da SGR che non abbiano come oggetto esclusivo l istituzione o la gestione di tali fondi C) l ammontare minimo di ciascuna sottoscrizione iniziale di fondi speculativi non può essere inferiore ad un milione di Euro D) le quote dei fondi speculativi non possono essere oggetto di sollecitazione all investimento 374. Il patrimonio di un fondo aperto: A) non può essere investito, in misura superiore al dieci per cento del totale delle attività, in depositi presso la banca depositaria del fondo B) non può essere investito, in misura superiore al dieci per cento del totale delle attività, in depositi presso una unica banca C) non può essere investito in depositi presso banche dello stesso gruppo in misura superiore al dieci per cento del totale delle attività del fondo D) non può mai essere investito in depositi bancari 375. In materia di fondi comuni di investimento, quali dei seguenti oneri non possono essere imputati al fondo? A) la provvigione di gestione B) il compenso da riconoscere alla banca depositaria per le funzioni da questa svolte C) gli oneri connessi all eventuale quotazione dei certificati rappresentativi delle quote D) i c.d. diritti fissi 376. In materia di fondi comuni di investimento chiusi, quale delle seguenti affermazioni risulta essere falsa? A) la Banca d Italia può consentire, ove sia previsto nel regolamento del fondo e su richiesta della SGR, una proroga del termine di durata del fondo non superiore a tre anni per il completamento dello smobilizzo degli investimenti B) il patrimonio del fondo deve essere raccolto mediante un unica emissione di quote

3 102 Parte II: I prodotti C) le quote di partecipazione non possono in alcun caso essere rimborsate anticipatamente D) le SGR possono istituire fondi chiusi la cui partecipazione è riservata a investitori qualificati 377. L incremento degli oneri a carico dei singoli partecipanti ad un fondo comune di investimento può trovare applicazione per gli importi già sottoscritti? A) no, mai B) sì, sempre C) solo quando si tratta della maggiorazione di commissioni di rimborso D) solo quando si tratta della maggiorazione di commissioni di gestione 378. Nel valutare i beni di un fondo comune di investimento, si fa riferimento: A) al prezzo di acquisto B) al valore nominale C) all ultimo prezzo disponibile rilevato sul mercato di negoziazione D) alla media ponderata dei prezzi rilevati nel corso dell ultima giornata di contrattazione 379. Nella gestione dei fondi comuni di investimento chiusi è consentito investire in strumenti finanziari non quotati? A) sì, senza alcun limite B) sì, nel limite del 5% del patrimonio del fondo, se gli strumenti sono emessi da società del gruppo di cui è parte la società di gestione del risparmio C) sì, purché non emessi da società del gruppo di cui è parte la società di gestione del risparmio D) no, mai 380. Ai sensi del regolamento della Banca d Italia del 14 aprile 2005, i fondi comuni di investimento aperti possono investire il proprio patrimonio in depositi bancari, tra l altro, quando questi ultimi hanno vincolo di durata: A) compresa tra 3 e 6 mesi B) inferiore o pari a 18 mesi C) inferiore o pari a 12 mesi D) non superiore a 6 mesi

4 Sezione III: I Fondi comuni di investimento Nella gestione dei fondi comuni di investimento aperti è consentito investire in strumenti finanziari non quotati? A) sì, nel limite del 25% del patrimonio del fondo B) sì, purché gli strumenti siano ceduti da una società del gruppo di cui è parte la società di gestione del risparmio C) sì, nel limite del 15% del patrimonio del fondo D) sì, nel limite del 10% del totale dell attività del fondo 382. Nella gestione dei fondi comuni di investimento aperti non è consentito investire in: A) strumenti derivati su indici di borsa B) parti di OICR rientranti nell ambito di applicazione della Direttiva 85/611/CEE C) strumenti finanziari non quotati D) certificati rappresentativi di metalli e pietre preziosi 383. Quale delle seguenti affermazioni corrisponde al vero, con riferimento ai fondi speculativi? A) la partecipazione a ciascun fondo è riservata agli intermediari autorizzati alla negoziazione in conto proprio B) l ammontare minimo di ciascuna sottoscrizione non può essere inferiore a un milione di euro C) il patrimonio dei fondi speculativi deve comunque essere investito nel rispetto delle norme prudenziali di contenimento e frazionamento del rischio emanate dalla Banca d Italia D) il patrimonio dei fondi speculativi è investito esclusivamente in strumenti derivati 384. Ai sensi del regolamento Banca d Italia del 14 aprile 2005, i fondi speculativi: A) devono prevedere una sottoscrizione iniziale non superiore a un milione di euro B) possono essere istituiti solo in forma chiusa C) non possono avere più di 50 partecipanti D) non possono essere oggetto di sollecitazione all investimento 385. Nella gestione dei fondi comuni di investimento aperti, non è mai consentito: A) investire in obbligazioni strutturate B) vendere allo scoperto strumenti finanziari C) detenere liquidità per esigenze di tesoreria presso la banca depositaria

5 104 Parte II: I prodotti D) investire in warrant e diritti di opzione connessi ad operazioni sul capitale delle società emittenti 386. Ai sensi del regolamento Banca d Italia del 14 aprile 2005, ai fini della determinazione del valore complessivo netto di un fondo comune di investimento, gli strumenti finanziari individualmente sospesi dalle negoziazioni sono valutati: A) sulla base dei criteri definiti per i beni immobili B) esclusivamente sulla base dell ultima quotazione rilevata C) prescindendo dall ultima quotazione rilevata D) tenendo anche conto dell ultima quotazione rilevata 387. Con riferimento ai costi dell investimento in un fondo comune, è corretto definire la cosiddetta commissione di «performance» come: A) un costo di intermediazione, sostenuto dal fondo per la compravendita di titoli B) un costo che grava sul bilancio della società di gestione del fondo C) un costo connesso all uscita dal fondo, definito anche commissione di vendita differita D) un costo che grava sul patrimonio del fondo 388. In relazione ai costi dell investimento in un fondo comune di investimento, è corretto definire la commissione di sottoscrizione (o di entrata) come: A) un costo che grava sul patrimonio del fondo, connesso alla remunerazione della prestazione del servizio di gestione B) un diritto fisso, trattenuto dalla società di gestione del risparmio qualora il sottoscrittore chieda la consegna del certificato fisico rappresentativo delle quote C) un costo sostenuto direttamente dall investitore D) un costo variabile a seconda del trattamento fiscale al quale è assoggettato l investitore 389. Con riferimento alla valutazione della performance di un fondo comune di investimento, il cosiddetto «information ratio» è definito come: A) rapporto tra il differenziale tra il rendimento medio atteso del fondo e il rendimento medio atteso del benchmark, e la volatilità del benchmark B) rapporto tra il differenziale tra il valore medio del rendimento del fondo e il rendimento di un attività priva di rischio, e la volatilità del fondo C) rapporto tra il rendimento medio atteso del fondo e la volatilità del fondo

6 Sezione III: I Fondi comuni di investimento 105 D) rapporto tra il differenziale tra il rendimento medio atteso del fondo e il rendimento medio atteso del benchmark, e la deviazione standard del differenziale stesso 390. Quale tra le seguenti affermazioni non corrisponde al vero con riferimento ai fondi speculativi? A) non possono essere oggetto di sollecitazione all investimento B) devono prevedere una sottoscrizione minima iniziale pari ad almeno un milione di euro C) devono avere un numero di partecipanti non superiore alle duecento unità D) il regolamento del fondo deve menzionare la rischiosità dell investimento 391. Ai sensi del D.Lgs. n. 58/1998, nel caso in cui il gestore di un fondo comune di investimento sia diverso dalla società promotrice, chi provvede ad esercitare, nell interesse dei partecipanti, i diritti di voto inerenti agli strumenti finanziari di pertinenza del fondo? A) la banca depositaria B) il gestore, salvo patto contrario C) il rappresentante comune dei sottoscrittori del fondo D) la società promotrice 392. Quale tra i seguenti fondi comuni di investimento deve necessariamente essere istituito in forma «chiusa»? A) il fondo che investe in OICR aperti B) il fondo che investe in depositi bancari C) il fondo che investe in strumenti finanziari quotati D) il fondo che investe in crediti e titoli rappresentativi di crediti 393. I fondi c.d. «riservati» sono quelli la cui partecipazione è riservata: A) a coloro che sottoscrivono una somma iniziale pari almeno ad un milione di euro B) alle sole banche C) a investitori qualificati D) ai prestatori di lavoro dipendenti delle società di gestione del risparmio che hanno promosso i fondi 394. Gli Exchange traded Funds sono: A) una particolare tipologia di currency futures B) fondi comuni aperti o Sicav di tipo indicizzato, a gestione passiva C) fondi comuni di investimento di tipo speculativo D) fondi comuni chiusi di tipo indicizzato

7 106 Parte II: I prodotti 395. Nell ambito dell attività di gestione di un fondo, che cosa si indica con il termine «stock- picking»? A) la fase in cui il gestore misura lo scostamento di medio periodo tra il risultato del fondo ed il benchmark stabilito B) la fase in cui il gestore determina la strategia del fondo nel medio-lungo periodo C) la fase in cui il gestore applica le commissioni di gestione ed eventuali commissioni aggiuntive di performance D) la fase in cui il gestore sceglie specificamente i titoli da immettere in portafoglio 396. Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, la custodia degli strumenti finanziari e delle disponibilità liquide di un fondo comune d investimento è affidata: A) alla SGR che lo ha istituito B) alla Monte Titoli S.p.A C) ad una società di gestione accentrata di strumenti finanziari D) ad una banca depositaria 397. La quotazione di fondi comuni di investimento «chiusi» è obbligatoriamente richiesta quando: A) il patrimonio del fondo è investito in azioni emesse dalla SGR che gestisce il fondo B) il patrimonio del fondo è investito in beni immobili e diritti reali immobiliari C) nel regolamento del fondo è previsto che l ammontare minimo della sottoscrizione sia superiore a venticinquemila euro D) nel regolamento del fondo è previsto che l ammontare minimo della sottoscrizione sia inferiore a venticinquemila euro 398. Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, nel caso in cui il gestore sia diverso dalla società promotrice di fondi comuni d investimento, chi provvede, nell interesse dei partecipanti, all esercizio dei diritti di voto inerenti agli strumenti finanziari di pertinenza dei fondi gestiti? A) la banca depositaria B) sempre e soltanto la società promotrice di fondi, ed è nullo ogni patto contrario C) sempre e soltanto il gestore, ed è nullo ogni patto contrario D) il gestore, salvo patto contrario 399. Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, le quote di fondi comuni di investimento sono considerate: A) strumenti finanziari derivati B) servizi di investimento

8 C) strumenti finanziari D) mezzi di pagamento Sezione III: I Fondi comuni di investimento Ai sensi del decreto legislativo n. 58/1998, il fondo comune di investimento è gestito: A) esclusivamente da una società di gestione del risparmio che non lo ha istituito B) esclusivamente dalla società di gestione del risparmio che lo ha istituito C) dalla società di gestione del risparmio che lo ha istituito o da altra società di gestione del risparmio D) esclusivamente da una impresa di investimento 401. Il regolamento di un fondo comune di investimento mobiliare deve stabilire, tra l altro: A) un parametro di riferimento oggettivo, adeguatamente diffuso e accessibile ai risparmiatori (c.d. benchmark) B) la denominazione e la durata del fondo C) le modalità di calcolo del coefficiente di rivalutazione annuale delle quote D) la misura o i criteri di determinazione delle provvigioni da riconoscere agli intermediari che includono quote del fondo nelle gestioni patrimoniali dei clienti 402. In materia di fondi comuni d investimento speculativi, quale delle seguenti affermazioni è falsa? A) nel regolamento del fondo possono essere fissate norme prudenziali diverse da quelle stabilite dalla Banca d Italia B) i fondi speculativi non sono sottoposti a predefiniti vincoli in materia di oggetto dell investimento C) le quote dei fondi speculativi non possono essere oggetto di sollecitazione all investimento D) il numero dei soggetti che partecipano a ciascun fondo speculativo deve superare le cento unità 403. Con riferimento ai costi di investimento in quote di un fondo comune di investimento mobiliare di diritto italiano di tipo aperto, la Parte II del prospetto di sollecitazione deve riportare: A) il rapporto percentuale, riferito a ciascun anno solare dell ultimo triennio, fra il totale degli oneri posti a carico del fondo e il patrimonio medio dello stesso B) il rapporto percentuale, riferito a ciascun anno solare dell ultimo triennio, fra il totale degli oneri posti a carico del fondo e degli

9 108 Parte II: I prodotti oneri gravanti direttamente sul sottoscrittore e il patrimonio medio dello stesso C) il rapporto percentuale fra il totale delle commissioni di incentivo e il patrimonio medio del fondo D) il rapporto percentuale fra il totale degli oneri gravanti direttamente sul sottoscrittore e il patrimonio medio del fondo 404. Che cosa si indica con il termine «stock-picking»? A) la fase in cui il gestore misura lo scostamento di medio periodo tra il risultato del fondo ed il benchmark stabilito B) la fase in cui il gestore applica le commissioni di gestione ed eventuali commissioni aggiuntive di performance C) la fase in cui il gestore determina la strategia del fondo nel medio-lungo periodo D) la fase in cui il gestore sceglie specificamente i titoli da immettere in portafoglio 405. Con riferimento a un fondo comune di investimento, cosa misura l indice di Sharpe? A) il valore attuale netto del fondo B) il rapporto fra lo scostamento medio del rendimento del fondo rispetto al rendimento di un attività senza rischio e la volatilità del rendimento del fondo C) lo scostamento tra il rendimento del fondo e il rendimento del parametro oggettivo di riferimento scelto dal gestore ai fini della definizione delle caratteristiche di gestione D) il valore attuale delle commissioni di entrata e di uscita a carico del sottoscrittore del fondo 406. Con riferimento alla valutazione della «performance» di due fondi comuni di investimento, basata sul confronto dei relativi valori dell indice di «Sharpe», quale tra le seguenti affermazioni è corretta? A) il fondo con l indicatore più elevato è quello che ha prodotto il rendimento maggiore per unità di rischio B) il fondo con l indicatore più elevato è quello più rischioso C) il fondo con l indicatore più basso ha prodotto il rendimento maggiore con riferimento al proprio livello di volatilità D) non è possibile esprimere alcun giudizio se non si riconosce il rendimento dei benchmark dei due fondi

10 Sezione III: I Fondi comuni di investimento Attraverso l asset allocation, il gestore: A) individua esattamente su quali aziende puntare B) stabilisce l esatta composizione del portafoglio di un fondo comune d investimento C) individua il momento giusto in cui effettuare l acquisto o la vendita di uno strumento finanziario D) fissa il benchmark del portafoglio titoli 408. I certificati rappresentativi delle quote di partecipazione a fondi comuni di investimento sono: A) solo nominativi B) unicamente al portatore C) nominativi o al portatore D) nominativi per fondi azionari al portatore per altri tipi di fondi 409. L ammontare dei fondi mobiliari chiusi, per essere ammessi alla quotazione sui mercati borsistici deve essere: A) di almeno 10 milioni di euro B) di almeno 50 milioni di euro C) di almeno 20 milioni di euro D) di almeno 25 milioni di euro 410. Il fondo comune di investimento costituisce patrimonio autonomo distinto dalla società di gestione del risparmio? A) sì, sempre B) sì, ma solo se la società di gestione del risparmio non gestisce anche altri fondi comuni C) sì, ma solo se si tratta di un fondo aperto D) no, mai 411. In base al D.Lgs. 58/98, quale soggetto ha il compito di definire la struttura dei fondi comuni di investimento? A) Banca d Italia B) Consob C) Ministro dell Economia e Finanze D) Consiglio di amministrazione della SGR 412. I fondi riservati possono essere istituiti: A) in fondi aperti B) in fondi chiusi immobiliari C) in fondi chiusi D) sia in fondi chiusi sia in fondi aperti

11 110 Parte II: I prodotti 413. Il regolamento di un fondo comune di investimento: A) deve essere approvato dalla Banca d Italia entro tre mesi dalla presentazione, decorso questo periodo l approvazione si intende negata B) si intende approvato dalla Banca d Italia quando, trascorsi tre mesi dalla presentazione, l autorità stessa non abbia adottato un provvedimento di diniego C) deve essere approvato dalla Consob entro quattro mesi dalla presentazione, decorso questo periodo l approvazione si intende negata D) si intende approvato dalla Consob quando, trascorsi quattro mesi dalla presentazione, l autorità stessa non abbia adottato un provvedimento di diniego 414. Quali tra le seguenti non rappresenta una caratteristica dei fondi comuni mobiliari chiusi? A) immutabilità del capitale investito B) quote di partecipazione riscattabili in qualsiasi momento C) possono effettuare anche investimenti meno liquidi D) quote di partecipazione riscattabili solo al momento della liquidazione del fondo 415. Sono obbligatoriamente istituiti in forma chiusa i fondi che investono in: A) strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati B) beni mobili e relativi diritti C) depositi bancari D) crediti e titoli rappresentativi di crediti 416. Per fondi armonizzati si intendono: A) quei fondi che possono essere commercializzati nel territorio dell Unione Europea B) quei fondi che racchiudono le caratteristiche sia dei fondi chiusi che dei fondi aperti C) quei fondi che hanno ad oggetto sia titoli azionari che obbligazionari D) quei fondi caratterizzati dall ampia libertà di scelta nella loro composizione 417. I fondi riservati possono essere istituiti nella forma di: A) fondi aperti B) fondi chiusi immobiliari C) fondi chiusi D) fondi chiusi o aperti

12 Sezione III: I Fondi comuni di investimento Entro quale termine la società di gestione mette a disposizione del pubblico il rendiconto della gestione del fondo? A) entro il giorno successivo a quello di riferimento B) entro 7 giorni dalla sua redazione C) entro 15 giorni dalla sua redazione D) entro 30 giorni dalla sua redazione 419. Il patrimonio di un fondo mobiliare aperto non può essere investito in strumenti finanziari di uno stesso emittente: A) in misura superiore al 30% del totale delle attività del fondo medesimo B) in misura superiore al 15% del totale delle attività del fondo medesimo C) in misura superiore al 10% del totale delle attività del fondo medesimo D) in misura superiore al 5% del totale delle attività del fondo medesimo 420. Il patrimonio di un fondo investito in depositi presso un unica banca non può superare: A) il 10% del totale delle attività B) il 20% del totale delle attività C) il 30% del totale delle attività D) il 5% del totale delle attività 421. Ai sensi del D.M. n. 228/1999, sono obbligatoriamente istituiti in forma chiusa i fondi comuni di investimento che investono in misura superiore al 10% del patrimonio in: A) depositi bancari B) quote di OICR aperti C) strumenti finanziari non quotati in un mercato regolamentato, diversi dalle quote di OICR aperti D) strumenti finanziari quotati in mercati regolamentati

13 369. Risposta esatta: B) 370. Risposta esatta: B) 371. Risposta esatta: A) 372. Risposta esatta: D) 373. Risposta esatta: B) 374. Risposta esatta: A) 375. Risposta esatta: D) 376. Risposta esatta: C) 377. Risposta esatta: A) 378. Risposta esatta: C) 379. Risposta esatta: C) 380. Risposta esatta: C) 381. Risposta esatta: D) 382. Risposta esatta: D) 383. Risposta esatta: B) 384. Risposta esatta: D) 385. Risposta esatta: B) 386. Risposta esatta: D) 387. Risposta esatta: D) 388. Risposta esatta: C) 389. Risposta esatta: D) 390. Risposta esatta: B) 391. Risposta esatta: B) 392. Risposta esatta: D) 393. Risposta esatta: C) 394. Risposta esatta: B) 395. Risposta esatta: D) Risposte alla Sezione Terza 396. Risposta esatta: D) 397. Risposta esatta: D) 398. Risposta esatta: D) 399. Risposta esatta: C) 400. Risposta esatta: C) 401. Risposta esatta: B) 402. Risposta esatta: D) 403. Risposta esatta: A) 404. Risposta esatta: D) 405. Risposta esatta: B) 406. Risposta esatta: A) 407. Risposta esatta: B) 408. Risposta esatta: C) 409. Risposta esatta: D) 410. Risposta esatta: A) 411. Risposta esatta: C) 412. Risposta esatta: D) 413. Risposta esatta: B) 414. Risposta esatta: B) 415. Risposta esatta: D) 416. Risposta esatta: A) 417. Risposta esatta: D) 418. Risposta esatta: D) 419. Risposta esatta: D) 420. Risposta esatta: B) 421. Risposta esatta: C)

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG Indice absichern anlegen ausleihen bewegen Edizione: ottobre 2013 I. Informazioni generali sulla Banca ed i suoi servizi

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa Certezza 10 Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CNA) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli