RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA"

Transcript

1 RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: P1 Reti Internet: efficienza, integrazione e sicurezza U.O.: Dipartimento di Informatica, Produzione e Sistemi, Università di Roma Tor Vergata Responsabile U.O.: SALVATORE TUCCI Introduzione Il ruolo fondamentale del Web nei sistemi informativi e la natura aperta di Internet richiedono la progettazione e la realizzazione di sistemi Web in grado di garantire alte prestazioni, affidabilità e disponibilità dei servizi offerti, anche in condizioni di traffico elevato di tipo burst. Tali sistemi Web complessi pongono nuovi problemi di valutazione delle prestazioni, richiedendo lo sviluppo di metodologie modellistiche, simulative e di misurazione adatte ai nuovi contesti. La Unità Operativa di Roma Tor Vergata partecipa all Azione 1 del Sottoprogetto Reti INTERNET: efficienza, integrazione e sicurezza. In tale ambito, la UO si prefigge l obiettivo di sviluppare metodi e strumenti basati sulla simulazione per l analisi, la sintesi, il tuning e l ottimizzazione dei sistemi multimediali che stanno emergendo dalla convergenza tra Web, Internet e comunicazioni mobili. Linea e Tema di appartenenza: Azione1 - Simulazione e ottimizzazione di reti Internet Finanziamenti ottenuti 8183,4 Titolo della ricerca Progettazione e simulazione di sistemi Web Obiettivo/i previsto/i nell anno di attività Per l attività svolta dalla U.O. di Roma Tor Vergata, l obiettivo della ricerca è lo sviluppo di metodi e strumenti basati sulla simulazione per l analisi, la sintesi, il tuning e l ottimizzazione dei sistemi multimediali che stanno emergendo dalla convergenza tra Web, Internet e comunicazioni mobili. Particolare attenzione è riservata all analisi della Qualità del Servizio (QoS) sperimentata dagli utenti dei sistemi Web, siano essi mobili o fissi. La U.O. considera piattaforme architetturali per realizzare sistemi Web ad alte prestazioni in grado di fornire garanzie sulla qualità del servizio e basate su molteplici server replicati. La distribuzione dei server replicati avviene sia a livello locale (Web cluster) sia a livello geografico (Distributed Web servers) e può essere integrata o meno con cache server. Nel caso di sistemi di cluster 1

2 di server Web distribuiti localmente, si considerano anche sistemi Web multi-livello, caratterizzati da una distribuzione non solo orizzontale ma anche verticale dei nodi server. Nel primo anno di attività, gli obiettivi specifici dell U.O. sono i seguenti. - Caratterizzazione del carico: definizione di modelli sintetici per caratterizzare il carico dei sistemi oggetti dello studio. - Metodologia per la modellazione di sistemi Web: modellazione di sistemi Web complessi, quali sistemi di server Web distribuiti geograficamente e cluster di server Web multi-livello. - Integrazione di tecniche di caching, prefetching e pushing. - Tecniche di replicazione dei dati: definizione dei requisiti quantitativi che devono essere soddisfatti per la realizzazione di servizi Web in grado di garantire la QoS richiesta, progettazione di meccanismi per la condivisione del carico rispondenti ai requisiti quantitativi precedentemente individuati. Risultati ottenuti Nell ambito dell obiettivo riguardante la caratterizzazione del carico, si sono considerate le caratteristiche di self-similarity del traffico Web, ampiamente documentate in letteratura e riscontrate in tracce disponibili sul Web ed analizzate durante l anno di attività, e si è studiato il loro impatto sulla modellazione di sistemi Web. Particolare attenzione è stata dedicata alla caratterizzazione del carico offerto al Web cluster di tipo multi-livello, utilizzati per fornire servizi transazionali complessi e contenuti multimediali, al fine di proporre tecniche e modelli in grado di seguirne l evoluzione e riprodurne il comportamento. Dallo studio e dalla caratterizzazione compiuta sono stati definiti diversi modelli di carico, largamente basati su distribuzioni di tipo heavy-tail ed utilizzabili nelle fasi successive di progettazione e realizzazione di strumenti di simulazione. Partendo dall osservazione che non esiste il modello di carico per siti Web soggetti ad un elevato volume di traffico, i modelli di carico sono stati distinti in base alla tipologia di servizi e di contenuti forniti dal sito Web. In particolare, si è pervenuti alla definizione di sei classi di siti Web, comprendenti i siti di tipo old plain, di Web publishing, per il commercio elettronico, per il customer self-service, per il trading e per il business-to business. Le sei classi sono caratterizzate non solo dalla fornitura di diversi contenuti, ma anche da diversi requisiti di sicurezza e di garanzie di qualità del servizio. L attenzione è stata focalizzata sui siti per il publishing e per il commercio elettronico, i primi caratterizzati dalla fornitura di contenuti altamente volatili, i secondi da una componente predominante di contenuti dinamici ed in parte sicuri. Nell attività di modellazione di sistemi Web distribuiti localmente è stata posta particolare enfasi sulle architetture basate su un entità front-end centralizzata (detta Web switch) in grado di effettuare la distribuzione delle richieste a livello applicativo e caratterizzate da un flusso di richieste/risposte attraverso lo switch di tipo one-way. Tali scelte sono state basate sulla necessità di fornire all entità di dispatching la maggior quantità possibile di informazioni in base alla quali effettuare la scelta del nodo server; al fine di ridurre al minimo la possibilità che il Web switch possa costituire il collo di bottiglia del sistema, si è deciso di modellare un flusso di richieste di tipo one-way, demandando ai nodi server il compito di inviare la risposta al client. La modellazione è stata focalizzata non soltanto sulla distribuzione orizzontale dei nodi di servizi, ma anche sulla loro distribuzione verticale. Tale distribuzione verticale richiede l introduzione di un secondo livello di dispatching, atto a distribuire il carico computazionale mediante la selezione del nodo server 2

3 applicativo in grado di soddisfare in modo efficiente la richiesta di contenuti dinamici, tramite l interazione con database server. Nel caso di sistemi Web composti da nodi di servizio distribuiti geograficamente, la complessità dei sistemi da modellare è acuita dalla distribuzione geografica dei nodi e dalle caratteristiche del carico offerto, che presenta scenari molto variabili anche a causa dei diversi fusi orari. Per tali sistemi, è stata definita una modellazione della rete basata sull introduzione di ritardi stocastici e sulla suddivisione dei centri di servizi e di richiesta in aree geografiche caratterizzate da diversi fusi orari. Tale modellazione, sebbene semplificata, rappresenta un contributo chiave dell attività, in quanto riveste un ruolo centrale per la valutazione della qualità del servizio end-to-end sperimentata dagli utenti nell accesso ai servizi basati sul Web. Inoltre, nella metodologia di modellazione a cui si è pervenuti per i sistemi distribuiti geograficamente, si è considerato un duplice livello per la distribuzione delle richieste. Il primo livello è attuato a livello del Domain Name System ed è operato dal DNS autoritativo del sito Web, mentre il secondo livello di distribuzione è demandato ai nodi server che compongono l architettura distribuita mediante un meccanismo di redirezione delle richieste. La metodologia di modellazione di sistemi Web alla quale si è pervenuti consente la valutazione delle prestazioni di meccanismi per l instradamento delle richieste in ambito locale e geografico, di politiche di distribuzione multi-livello delle richieste degli utenti attuate sia in cluster multi-livello sia in sistemi distribuiti geograficamente, e di politiche di distribuzione/replicazione dei servizi e contenuti offerti dal sistema di server Web. Tale metodologia e la caratterizzazione del carico sono stata utilizzate nella progettazione di simulatori ad eventi discreti per Web cluster multi-livello e sistemi Web distribuiti geograficamente. Nell ambito dell integrazione di meccanismi di caching a livello dell architettura distribuita di server Web, sono state studiate politiche di distribuzione delle richieste che a livello di Web cluster massimizzano l hit rate nella cache dei nodi server. Inoltre, sono stati proposti e studiati protocolli di cooperazione che permettono un uso globale della memoria dei nodi server che costituiscono l architettura distribuita del Web cluster. L integrazione di meccanismi di pushing e di prefetching non è stata approfondita, in quanto questi meccanismi sono tradizionalmente limitati a contenuti Web di tipo statico, mentre dall attività di caratterizzazione del carico si è deciso di rivolgere l attenzione alla fornitura di contenuti di tipo dinamico. Per quanto riguarda lo studio di tecniche di replicazione dei dati, sono state progettate soluzioni architetturali per la realizzazione di servizi Web basati su QoS, con l obiettivo di introdurre i principi della QoS in sistemi basati su Web cluster multi-livello e che ospitano un singolo sito Web, allo scopo di estendere tali architetture per supportare la differenziazione degli utenti e dei servizi in diverse classi di priorità sul lato server di un sistema Web. Successivamente, si è avviato lo studio di architetture e meccanismi atti ad estendere il supporto della QoS anche in sistemi di server distribuiti geograficamente. Partendo dall osservazione che i meccanismi per la QoS impiegati nelle infrastrutture di rete non sono sufficienti a garantire una qualità del servizio end-to-end, si giunge alla conclusione che la mancanza di meccanismi e politiche per la QoS sul lato server del sistema Web può determinare la fornitura di un servizio di scarsa qualità, o addirittura la sua negazione, ad un traffico che è viene trasmesso con alta priorità sulla rete Internet. L idea principale alla base dell attività svolta consiste nell estensione alle architetture di sistemi di server Web dei principi e dei meccanismi per la QoS tradizionalmente adottati nelle reti: la classificazione dei servizi, il controllo di accesso delle richieste, la massimizzazione dell utilizzo delle risorse, l isolamento delle prestazioni. L uso dei principi per la QoS da parte dei meccanismi e delle politiche applicate sul Web cluster permette di garantire il rispetto 3

4 contrattuale dei vincoli stabiliti per la QoS, che invece i Web cluster tradizionali di tipo best-effort non sono in grado di soddisfare. Durante il primo anno di attività, la UO è pervenuta alla progettazione di un simulatore per Web cluster multi-livello, dotato di meccanismi e politiche per il supporto della QoS. L obiettivo iniziale della ricerca è stato l individuazione e la definizione dei requisiti quantitativi che devono essere soddisfatti per realizzare sistemi Web in gradi di garantire la QoS richiesta. In particolare, è stata definita una metodologia per l individuazione di opportuni Service Level Agreement (SLA) per la QoS orientati all utente, ma quantificabili ed indipendenti da specifici fattori umani. Dal momento che in un sistema Web possono essere consentite delle rare violazioni dei SLA stabiliti senza che queste comportino delle conseguenze catastrofiche, il SLA può essere espresso in termini di un servizio predittivo, quantificabile mediante percentili. Come metrica principale per la QoS è stato scelto il 95- percentile del tempo di latenza di una richiesta al Web cluster, ovvero della componente del tempo di risposta percepito dall utente finale dovuta al lato server del sistema Web. Inoltre, dal momento che le richieste sono differenziate in classi di priorità, si è ritenuto importante specificare ulteriormente la definizione del SLA in base alle classi di richieste e servizi considerati. Nel corso del primo anno di attività, si è pervenuti alla definizione dei SLA per diverse classi di utenti e di servizi forniti dal Web cluster, identificando le metriche di prestazione sul lato server da utilizzare successivamente per la progettazione di meccanismi per la condivisione del carico. Dopo aver definito i requisiti quantitativi che devono essere soddisfatti per realizzare sistemi Web in grado di supportare la QoS, è stata condotta un analisi comparativa delle possibili architetture di cluster Web, allo scopo di individuare i possibili meccanismi e le componenti del cluster che possono essere impiegate per realizzare la QoS. L attenzione è stata focalizzata sulle architetture in cui esiste un nodo front-end centralizzato, che pertanto possiede una visione centralizzata sullo stato delle risorse componenti il sistema. Inoltre, è stato individuato il livello operativo al quale il Web switch opera per distribuire le richieste tra i nodi componenti il sistema, pervenendo alla scelta progettuale di un Web switch operante a livello applicativo. L architettura progettata permette al Web switch di individuare e classificare con esattezza la provenienza della richiesta ed il tipo di servizio Web richiesto e di valutare in base ad esso l impatto della richiesta sul sistema. Durante la progettazione dei meccanismi per la condivisione del carico, si è determinato che per differenziare le classi di servizio è necessario integrare la politica per il controllo degli accessi attuata dal Web switch con un meccanismo in grado di realizzare l isolamento delle prestazioni. Prodotti della ricerca Nell ambito del primo anno del progetto sono state effettuate 7 pubblicazioni scientifiche, di cui: - 3 su rivista internazionale - 1 su monografie scientifiche internazionali - 3 su atti di conferenze internazionali e la presentazione di un tutorial ad una conferenza internazionale. Progettazione di un simulatore di cluster Web multi-livello, dotato di meccanismi per il supporto della QoS dal lato server. Progettazione di un simulatore di server Web distribuiti geograficamente, dotato di un semplice modello di rete. 4

5 Pubblicazioni a) Riviste indicizzate a diffusione internazionale - V. Cardellini, E. Casalicchio, M. Colajanni, P.S. Yu, The state of the art in locally distributed Web-server systems, ACM Computing Surveys, Vol. 34, No. 2, pp , June M. Andreolini, M. Colajanni, R. Morselli, Performance study of dispatching algorithms in multitier Web architectures, ACM Performance Evaluation Review, Vol. 30, No. 2, pp , Sept V. Cardellini, M. Colajanni, P.S. Yu, Request redirection algorithms for distributed Web systems, IEEE Trans. on Parallel and Distributed Systems, Vol. 14, No. 4, pp , April b) Capitoli in monografie scientifiche internazionali - M. Andreolini, V. Cardellini, M. Colajanni, Benchmarking models and tools for distributed Webserver systems, Performance Evaluation of Complex Systems: Techniques and Tools, M.C. Calzarossa and S. Tucci eds., Lecture Notes in Computer Science, Vol. 2459, pp , Springer-Verlag, Sept c) Atti di conferenze internazionali - M.E. Poleggi, B. Ciciani, M. Colajanni, Global caching mechanisms in clusters of Web servers, Proc. of Int l Symposium on Modeling, Analysis and Simulation of Computer and Telecommunication Systems (MASCOTS 02), Fort Worth, TX, Oct M. Andreolini, E. Casalicchio, M. Colajanni, M. Mambelli, QoS-aware switching policies for a locally distributed Web system, Poster Proc. of the 11th Int l World Wide Web Conf., Honolulu, Hawaii, May V. Cardellini, E. Casalicchio, M. Colajanni, M. Mambelli, Enhancing a Web-server cluster with Quality of Service mechanisms, Proc. of 21st IEEE Int l Performance, Computing, and Communications Conf. (IPCCC 2002), Phoenix, AZ, pp , April d) Tutorial a conferenze internazionali - M. Andreolini, V. Cardellini, M. Colajanni, Benchmarking models and tools for distributed Web server systems, IFIP WG 7.3 Int'l Symposium on Computer Modeling, Measurement and Evaluation (Performance 2002), Roma, Italy, Sept

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Ottimizzazione Tatiana Onali Tatiana Onali, CNIT & Università di Cagliari Obiettivi di ottimizzazione Per una gestione ottima della QoS, le infrastrutture di rete

Dettagli

2003 Visiting researcher per sei mesi presso l IBM T.J. Watson Research Center, Yorktown Heights, NY, USA, ospite del Dr. Philip Yu.

2003 Visiting researcher per sei mesi presso l IBM T.J. Watson Research Center, Yorktown Heights, NY, USA, ospite del Dr. Philip Yu. Mauro Andreolini Indirizzo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Modena e Reggio Emilia Via Vignolese, 905 41100 - Modena Tel. 059-2056325 Fax 059-2056129 E-mail mauro.andreolini@unimore.it

Dettagli

Tesi di Dottorato di Ricerca in Informatica ed Ingegneria dell Automazione (XIII ciclo) Valeria Cardellini. Sommario

Tesi di Dottorato di Ricerca in Informatica ed Ingegneria dell Automazione (XIII ciclo) Valeria Cardellini. Sommario Tesi di Dottorato di Ricerca in Informatica ed Ingegneria dell Automazione (XIII ciclo) Scalable Web-server Systems Valeria Cardellini Docenti guida: Prof. Michele Colajanni Prof. Salvatore Tucci Sommario

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Tesi di Laurea. WebSim: un simulatore basato su tracce per sistemi Web distribuiti localmente

Tesi di Laurea. WebSim: un simulatore basato su tracce per sistemi Web distribuiti localmente Tesi di Laurea WebSim: un simulatore basato su tracce per sistemi Web distribuiti localmente Candidato: Mauro Ranchicchio Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Ing. Valeria Cardellini Sommario Sistemi

Dettagli

LAit & Red Hat Dante Chiroli Direzione Tecnologie: Architetture

LAit & Red Hat Dante Chiroli Direzione Tecnologie: Architetture LAit & Red Hat Dante Chiroli Direzione Tecnologie: Architetture dante.chiroli@laitspa.it http://www.laitspa.it LAit LAit spa è una società della Regione Lazio dedicata alla governance dei processi di informatizzazione

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: SP1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

Valutazione delle Prestazioni Dipartimento di Informatica Università di Torino. Matteo Sereno

Valutazione delle Prestazioni Dipartimento di Informatica Università di Torino. Matteo Sereno Valutazione delle Prestazioni Dipartimento di Informatica Università di Torino Matteo Sereno Workshop Qualita' del Servizio nei Sistemi Geograficamente Distribuiti 9-10 Giugno 2004 Roma 1 Outline Breve

Dettagli

Valutazione delle prestazioni e Sistemi Distribuiti Dipartimento di Informatica Universita del Piemonte Orientale

Valutazione delle prestazioni e Sistemi Distribuiti Dipartimento di Informatica Universita del Piemonte Orientale Valutazione delle prestazioni e Sistemi Distribuiti Dipartimento di Informatica Universita del Piemonte Orientale Cosimo Anglano cosimo.anglano@mfn.unipmn.it Roma, 9-10 Giugno 2004 Composizione del gruppo

Dettagli

SISTEMA DI PREFETCHING CLIENT-SIDE PER TRAFFICO WEB

SISTEMA DI PREFETCHING CLIENT-SIDE PER TRAFFICO WEB UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Progetto per il corso di Ingegneria del Web SISTEMA DI PREFETCHING CLIENT-SIDE PER

Dettagli

Web replication. Giuliano. Casale 06/06/2005. casale@elet.polimi.it

Web replication. Giuliano. Casale 06/06/2005. casale@elet.polimi.it Web replication 06/06/2005 Giuliano Casale casale@elet.polimi.it Web replication Soluzione server-side per permettere la scalabilitá Web: il sito Web è replicato su più server, eventualmente dislocati

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA 1 RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: P1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Università degli studi Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Candidato: Luca De Francesco Relatore Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore Ing.

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Società dell Informazione

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Società dell Informazione RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Società dell Informazione Progetto SP1 Reti internet: efficienza integrazione e sicurezza U.O.: CNR-IIT Responsabile U.O.: Marco Conti Linea e

Dettagli

Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico

Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico Riassunto della Tesi: Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico Relatore: Prof. E. Bertino Correlatore: Prof. V. Atluri Il crescente

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

Analytical and simulation performance models for software system analysis and prediction

Analytical and simulation performance models for software system analysis and prediction Performance Evaluation of Complex Systems: Techniques, Methodologies and Tools Analytical and simulation performance models for software system analysis and prediction S. Balsamo, M. Marzolla, M. Simeoni

Dettagli

Di seguito ci accingiamo ad analizzare le possibili configurazioni di architettura: Server singolo

Di seguito ci accingiamo ad analizzare le possibili configurazioni di architettura: Server singolo La progettazione dell architettura si concentra sulla scelta dell hardware, dell infrastruttura di rete, e dei componenti software che andranno a costituire il sistema. Gli obbiettivi tecnologici che il

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

Modulo 4: ARCHITETTURE (DISTRIBUITE) PER CONTENT ADAPTATION

Modulo 4: ARCHITETTURE (DISTRIBUITE) PER CONTENT ADAPTATION Parte 12 Modulo 4: ARCHITETTURE (DISTRIBUITE) PER CONTENT ADAPTATION Approcci all'adattamento dei contenuti Client Content server Nodi intermedi Server-based off line on the fly nodi singoli / cluster

Dettagli

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D Introduzione Versioni al tratto Versione 3D Sistemi La versione negativa Distribuiti 3D prevede l utilizzo dell ombra esclusivamente sul fondo colore Rosso Sapienza. Laurea magistrale in ingegneria informatica

Dettagli

Specifica del Servizio Network Operation Center

Specifica del Servizio Network Operation Center Specifica del Servizio Network Operation Center Tipo Documento: Specifica Qualified Exchange Network Scopo del Documento: Il presente documento si prefigge di descrivere la soluzione della SC- QXN relativa

Dettagli

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente. Servizio di accesso ad internet in FIBRA OTTICA - Informazioni Tecniche Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Architetture dei Sistemi Distribuiti

Architetture dei Sistemi Distribuiti Università degli tudi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Architetture dei istemi Distribuiti Corso di istemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Architettura sw di sistemi distribuito

Dettagli

European Master on Critical Networked Systems Modulo su Mobile Systems

European Master on Critical Networked Systems Modulo su Mobile Systems Modulo su Parte V: Lezione 3: Applicazioni multimediali per dispositivi mobili Una strategia di adattamento video per applicazioni multimediali su dispositivi mobili Docente: Ing. Generoso PAOLILLO Dipartimento

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno

Dettagli

Specifica del Servizio InterConnessione di QXN

Specifica del Servizio InterConnessione di QXN di QXN Tipo Documento: Specifica Scopo del Documento: Il presente documento si prefigge di descrivere la soluzione della QXN relativa al Servizio di Connettività, sulla base degli elementi in ingresso

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Tesi di Laurea. Cluster di server Web a Qualità del Servizio garantita

Tesi di Laurea. Cluster di server Web a Qualità del Servizio garantita Tesi di Laurea Cluster di Web a Qualità del Servizio garantita Candidato: Marco Orazi Relatore: Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Chiar.mo Prof. Michele Colajanni Sommario Qualità del Servizio

Dettagli

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS 1 Introduzione La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS Ioanis Tsiouras 1 (Rivista ZeroUno, in pubblicazione) I sistemi informativi con le applicazioni basate su Web

Dettagli

Monitoraggio e performance: il ruolo del DBA manager e gli strumenti a supporto

Monitoraggio e performance: il ruolo del DBA manager e gli strumenti a supporto Denis Monari Monitoraggio e performance: il ruolo del DBA manager e gli strumenti a supporto Cinisello Balsamo, 26 novembre 2013 AGENDA Performance, servizi e risorse Tre scenari a crescente complessità

Dettagli

Un Modello Ibrido del Sistema di Controllo dello Streaming Adattativo di Akamai

Un Modello Ibrido del Sistema di Controllo dello Streaming Adattativo di Akamai Un Modello Ibrido del Sistema di Controllo dello Streaming Adattativo di Luca De Cicco, Giuseppe Cofano, Saverio Mascolo Politecnico di Bari, Via Orabona, 715 Bari, Italy name.surname@poliba.it Sommario

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Ottimizzazione del traffico P2P nelle Wireless Community Network Stefano Avallone, Roberto Canonico, Giorgio Ventre, Francesco Paolo D'Elia Conferenza GARR

Dettagli

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE MAPPA DELLE COMPETENZE a.s. 2014-2015 CODICE ASSE: tecnico-professionale QUINTO ANNO PT1 scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; Progettare e realizzare applicazioni

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Candidato: Paolo Romano Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Prof. Bruno Ciciani Sommario Il problema: garantire semantica exactly once alle transazioni Web. Sistema

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Eccellenza in Business Process Management edizione 2010 Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid

Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid Università degli Studi di Messina Facoltà di Ingegneria Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid Autore: ing. Giulio De Meo Indice degli argomenti Piattaforme Tecnologiche Europee NESSI Grid

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE INTRODUZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Introduzione alla simulazione Una simulazione è l imitazione

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2010-2011 Introduzione al corso

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

CASE STUDY N#1. Deploy e automazione di un applicazione scalabile con il supporto di SaltStack per Corley

CASE STUDY N#1. Deploy e automazione di un applicazione scalabile con il supporto di SaltStack per Corley CASE STUDY N#1 Deploy e automazione di un applicazione scalabile con il supporto di SaltStack per Corley Enter srl - ISO 9001/27001 Quality System Certification - All rights reserved - www.entercloudsuite.it

Dettagli

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito tesi di laurea Anno Accademico 2012/2013 relatore Ch.mo prof. Simon Pietro Romano correlatori Ing. Tobia Castaldi candidato Alessandro Arrichiello Matr. M63/43 Contesto: o Content Distribution Networks

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi I sistemi operazionali complementari Copyright 2011 Pearson Italia Sistemi di supporto primario all ERP Le aree tradizionalmente coperte dai sistemi ERP

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Introduzione al Web. dott. Andrea Mazzini

Introduzione al Web. dott. Andrea Mazzini Introduzione al Web dott. Andrea Mazzini Il servizio World Wide Web Il servizio Web è basato su particolari computer presenti nella rete, indicati come nodi Web, che rendono disponibili le informazioni

Dettagli

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati.

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Marzo 2002 - Paolo Sensini 00 XX 1 Tipologie servizi (1) Servizi vetrina Esempio tipo Struttura Pregi e difetti Servizi

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Pierfrancesco Bellini, Daniele Cenni, Paolo Nesi DISIT Lab, Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, DINFO Università degli Studi di Firenze

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Roma, 5 ottobre 2010 ing. Giovanni Peruggini Banca d Italia - Area Risorse Informatiche e Rilevazioni Statistiche La Banca d Italia Banca Centrale della

Dettagli

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione Riepilogo Dipartimento ICT Dipartimento ICT nel 2005 diretta nel terzi fondi diretta Reti in Tecnologia Wireless 434.890 79.788 712.457 94.953 578.280 351.500 94.000 Internet di prossima generazione 639.484

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Il contenuto del documento è liberamente

Dettagli

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013 Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4-7 - 13 Definizioni e Principali Caratteristiche

Dettagli

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5 Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività.

tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività. tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività. tel soft servizi Da oltre un decennio al Vostro fianco Chi siamo Mission Telinsoft Servizi

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 6 Anno Scolastico 2015/16 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina: SISTEMI E RETI Classe 3^ DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA Sistemi A.S. 2014/15 X di dipartimento DOCENTI: Domenica LACQUANITI e Mario DE BERNARDI Classe 5^ inf/ SERALE 1) PREREQUISITI Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione funzionale,

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping QoS e Traffic Shaping 1 Introduzione In questa mini-guida illustreremo come configurare il FRITZ!Box per sfruttare al massimo la banda di Internet, privilegiando tutte quelle applicazioni (o quei dispositivi)

Dettagli

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Mario Ciampi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Progettocluster Energie Rinnovabili

Progettocluster Energie Rinnovabili Progettocluster Energie Rinnovabili Prima Giornata di Progettazione Partecipata Alfonso Damiano Cagliari, 3 luglio 2014 Le fasi del progetto Fase 1 -Informazione e prima raccolta di adesioni Fase 2 - Progettazione

Dettagli

LINEA PROJECT MANAGEMENT

LINEA PROJECT MANAGEMENT LINEA PROJECT MANAGEMENT ITIL FOUNDATION V3 46.10.3 3 giorni Il corso, nell ambito della Gestione dei Servizi IT, mira a: 1. Comprendere Struttura e Processi di ITIL V3 - Information Technology Infrastructure

Dettagli

Reti Informatiche. dott. Andrea Mazzini

Reti Informatiche. dott. Andrea Mazzini Reti Informatiche dott. Andrea Mazzini Indirizzi IP e nomi Ogni computer collegato ad una rete TCP/IP è identificato in modo univoco da un numero a 32 bit (indirizzo IP) e da un nome logico (hostname)

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

La platea dopo la lettura del titolo del mio intervento

La platea dopo la lettura del titolo del mio intervento La platea dopo la lettura del titolo del mio intervento 2 In realtà..il presupposto è semplice. 3 Cloud computing è un nuovo modo di fornire risorse,, non una nuova tecnologia! P.S. in realtà un modo neanche

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

La virtualizzazione del Datacenter: il percorso verso il Cloud Computing del Senato

La virtualizzazione del Datacenter: il percorso verso il Cloud Computing del Senato La virtualizzazione del Datacenter: il percorso verso il Cloud Computing del Senato Mauro Fioroni Resp. Servizio Informatica Gianpaolo Araco Resp.Ufficio Sistemi ICT in Senato Nel 1976 il primo CED, nel

Dettagli

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI LA CONTINUITÀ OPERATIVA È UN DOVERE La Pubblica Amministrazione è tenuta ad assicurare la continuità dei propri servizi per garantire il corretto svolgimento

Dettagli