RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA"

Transcript

1 RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: P1 Reti Internet: efficienza, integrazione e sicurezza U.O.: Dipartimento di Informatica, Produzione e Sistemi, Università di Roma Tor Vergata Responsabile U.O.: SALVATORE TUCCI Introduzione Il ruolo fondamentale del Web nei sistemi informativi e la natura aperta di Internet richiedono la progettazione e la realizzazione di sistemi Web in grado di garantire alte prestazioni, affidabilità e disponibilità dei servizi offerti, anche in condizioni di traffico elevato di tipo burst. Tali sistemi Web complessi pongono nuovi problemi di valutazione delle prestazioni, richiedendo lo sviluppo di metodologie modellistiche, simulative e di misurazione adatte ai nuovi contesti. La Unità Operativa di Roma Tor Vergata partecipa all Azione 1 del Sottoprogetto Reti INTERNET: efficienza, integrazione e sicurezza. In tale ambito, la UO si prefigge l obiettivo di sviluppare metodi e strumenti basati sulla simulazione per l analisi, la sintesi, il tuning e l ottimizzazione dei sistemi multimediali che stanno emergendo dalla convergenza tra Web, Internet e comunicazioni mobili. Linea e Tema di appartenenza: Azione1 - Simulazione e ottimizzazione di reti Internet Finanziamenti ottenuti 8183,4 Titolo della ricerca Progettazione e simulazione di sistemi Web Obiettivo/i previsto/i nell anno di attività Per l attività svolta dalla U.O. di Roma Tor Vergata, l obiettivo della ricerca è lo sviluppo di metodi e strumenti basati sulla simulazione per l analisi, la sintesi, il tuning e l ottimizzazione dei sistemi multimediali che stanno emergendo dalla convergenza tra Web, Internet e comunicazioni mobili. Particolare attenzione è riservata all analisi della Qualità del Servizio (QoS) sperimentata dagli utenti dei sistemi Web, siano essi mobili o fissi. La U.O. considera piattaforme architetturali per realizzare sistemi Web ad alte prestazioni in grado di fornire garanzie sulla qualità del servizio e basate su molteplici server replicati. La distribuzione dei server replicati avviene sia a livello locale (Web cluster) sia a livello geografico (Distributed Web servers) e può essere integrata o meno con cache server. Nel caso di sistemi di cluster 1

2 di server Web distribuiti localmente, si considerano anche sistemi Web multi-livello, caratterizzati da una distribuzione non solo orizzontale ma anche verticale dei nodi server. Nel primo anno di attività, gli obiettivi specifici dell U.O. sono i seguenti. - Caratterizzazione del carico: definizione di modelli sintetici per caratterizzare il carico dei sistemi oggetti dello studio. - Metodologia per la modellazione di sistemi Web: modellazione di sistemi Web complessi, quali sistemi di server Web distribuiti geograficamente e cluster di server Web multi-livello. - Integrazione di tecniche di caching, prefetching e pushing. - Tecniche di replicazione dei dati: definizione dei requisiti quantitativi che devono essere soddisfatti per la realizzazione di servizi Web in grado di garantire la QoS richiesta, progettazione di meccanismi per la condivisione del carico rispondenti ai requisiti quantitativi precedentemente individuati. Risultati ottenuti Nell ambito dell obiettivo riguardante la caratterizzazione del carico, si sono considerate le caratteristiche di self-similarity del traffico Web, ampiamente documentate in letteratura e riscontrate in tracce disponibili sul Web ed analizzate durante l anno di attività, e si è studiato il loro impatto sulla modellazione di sistemi Web. Particolare attenzione è stata dedicata alla caratterizzazione del carico offerto al Web cluster di tipo multi-livello, utilizzati per fornire servizi transazionali complessi e contenuti multimediali, al fine di proporre tecniche e modelli in grado di seguirne l evoluzione e riprodurne il comportamento. Dallo studio e dalla caratterizzazione compiuta sono stati definiti diversi modelli di carico, largamente basati su distribuzioni di tipo heavy-tail ed utilizzabili nelle fasi successive di progettazione e realizzazione di strumenti di simulazione. Partendo dall osservazione che non esiste il modello di carico per siti Web soggetti ad un elevato volume di traffico, i modelli di carico sono stati distinti in base alla tipologia di servizi e di contenuti forniti dal sito Web. In particolare, si è pervenuti alla definizione di sei classi di siti Web, comprendenti i siti di tipo old plain, di Web publishing, per il commercio elettronico, per il customer self-service, per il trading e per il business-to business. Le sei classi sono caratterizzate non solo dalla fornitura di diversi contenuti, ma anche da diversi requisiti di sicurezza e di garanzie di qualità del servizio. L attenzione è stata focalizzata sui siti per il publishing e per il commercio elettronico, i primi caratterizzati dalla fornitura di contenuti altamente volatili, i secondi da una componente predominante di contenuti dinamici ed in parte sicuri. Nell attività di modellazione di sistemi Web distribuiti localmente è stata posta particolare enfasi sulle architetture basate su un entità front-end centralizzata (detta Web switch) in grado di effettuare la distribuzione delle richieste a livello applicativo e caratterizzate da un flusso di richieste/risposte attraverso lo switch di tipo one-way. Tali scelte sono state basate sulla necessità di fornire all entità di dispatching la maggior quantità possibile di informazioni in base alla quali effettuare la scelta del nodo server; al fine di ridurre al minimo la possibilità che il Web switch possa costituire il collo di bottiglia del sistema, si è deciso di modellare un flusso di richieste di tipo one-way, demandando ai nodi server il compito di inviare la risposta al client. La modellazione è stata focalizzata non soltanto sulla distribuzione orizzontale dei nodi di servizi, ma anche sulla loro distribuzione verticale. Tale distribuzione verticale richiede l introduzione di un secondo livello di dispatching, atto a distribuire il carico computazionale mediante la selezione del nodo server 2

3 applicativo in grado di soddisfare in modo efficiente la richiesta di contenuti dinamici, tramite l interazione con database server. Nel caso di sistemi Web composti da nodi di servizio distribuiti geograficamente, la complessità dei sistemi da modellare è acuita dalla distribuzione geografica dei nodi e dalle caratteristiche del carico offerto, che presenta scenari molto variabili anche a causa dei diversi fusi orari. Per tali sistemi, è stata definita una modellazione della rete basata sull introduzione di ritardi stocastici e sulla suddivisione dei centri di servizi e di richiesta in aree geografiche caratterizzate da diversi fusi orari. Tale modellazione, sebbene semplificata, rappresenta un contributo chiave dell attività, in quanto riveste un ruolo centrale per la valutazione della qualità del servizio end-to-end sperimentata dagli utenti nell accesso ai servizi basati sul Web. Inoltre, nella metodologia di modellazione a cui si è pervenuti per i sistemi distribuiti geograficamente, si è considerato un duplice livello per la distribuzione delle richieste. Il primo livello è attuato a livello del Domain Name System ed è operato dal DNS autoritativo del sito Web, mentre il secondo livello di distribuzione è demandato ai nodi server che compongono l architettura distribuita mediante un meccanismo di redirezione delle richieste. La metodologia di modellazione di sistemi Web alla quale si è pervenuti consente la valutazione delle prestazioni di meccanismi per l instradamento delle richieste in ambito locale e geografico, di politiche di distribuzione multi-livello delle richieste degli utenti attuate sia in cluster multi-livello sia in sistemi distribuiti geograficamente, e di politiche di distribuzione/replicazione dei servizi e contenuti offerti dal sistema di server Web. Tale metodologia e la caratterizzazione del carico sono stata utilizzate nella progettazione di simulatori ad eventi discreti per Web cluster multi-livello e sistemi Web distribuiti geograficamente. Nell ambito dell integrazione di meccanismi di caching a livello dell architettura distribuita di server Web, sono state studiate politiche di distribuzione delle richieste che a livello di Web cluster massimizzano l hit rate nella cache dei nodi server. Inoltre, sono stati proposti e studiati protocolli di cooperazione che permettono un uso globale della memoria dei nodi server che costituiscono l architettura distribuita del Web cluster. L integrazione di meccanismi di pushing e di prefetching non è stata approfondita, in quanto questi meccanismi sono tradizionalmente limitati a contenuti Web di tipo statico, mentre dall attività di caratterizzazione del carico si è deciso di rivolgere l attenzione alla fornitura di contenuti di tipo dinamico. Per quanto riguarda lo studio di tecniche di replicazione dei dati, sono state progettate soluzioni architetturali per la realizzazione di servizi Web basati su QoS, con l obiettivo di introdurre i principi della QoS in sistemi basati su Web cluster multi-livello e che ospitano un singolo sito Web, allo scopo di estendere tali architetture per supportare la differenziazione degli utenti e dei servizi in diverse classi di priorità sul lato server di un sistema Web. Successivamente, si è avviato lo studio di architetture e meccanismi atti ad estendere il supporto della QoS anche in sistemi di server distribuiti geograficamente. Partendo dall osservazione che i meccanismi per la QoS impiegati nelle infrastrutture di rete non sono sufficienti a garantire una qualità del servizio end-to-end, si giunge alla conclusione che la mancanza di meccanismi e politiche per la QoS sul lato server del sistema Web può determinare la fornitura di un servizio di scarsa qualità, o addirittura la sua negazione, ad un traffico che è viene trasmesso con alta priorità sulla rete Internet. L idea principale alla base dell attività svolta consiste nell estensione alle architetture di sistemi di server Web dei principi e dei meccanismi per la QoS tradizionalmente adottati nelle reti: la classificazione dei servizi, il controllo di accesso delle richieste, la massimizzazione dell utilizzo delle risorse, l isolamento delle prestazioni. L uso dei principi per la QoS da parte dei meccanismi e delle politiche applicate sul Web cluster permette di garantire il rispetto 3

4 contrattuale dei vincoli stabiliti per la QoS, che invece i Web cluster tradizionali di tipo best-effort non sono in grado di soddisfare. Durante il primo anno di attività, la UO è pervenuta alla progettazione di un simulatore per Web cluster multi-livello, dotato di meccanismi e politiche per il supporto della QoS. L obiettivo iniziale della ricerca è stato l individuazione e la definizione dei requisiti quantitativi che devono essere soddisfatti per realizzare sistemi Web in gradi di garantire la QoS richiesta. In particolare, è stata definita una metodologia per l individuazione di opportuni Service Level Agreement (SLA) per la QoS orientati all utente, ma quantificabili ed indipendenti da specifici fattori umani. Dal momento che in un sistema Web possono essere consentite delle rare violazioni dei SLA stabiliti senza che queste comportino delle conseguenze catastrofiche, il SLA può essere espresso in termini di un servizio predittivo, quantificabile mediante percentili. Come metrica principale per la QoS è stato scelto il 95- percentile del tempo di latenza di una richiesta al Web cluster, ovvero della componente del tempo di risposta percepito dall utente finale dovuta al lato server del sistema Web. Inoltre, dal momento che le richieste sono differenziate in classi di priorità, si è ritenuto importante specificare ulteriormente la definizione del SLA in base alle classi di richieste e servizi considerati. Nel corso del primo anno di attività, si è pervenuti alla definizione dei SLA per diverse classi di utenti e di servizi forniti dal Web cluster, identificando le metriche di prestazione sul lato server da utilizzare successivamente per la progettazione di meccanismi per la condivisione del carico. Dopo aver definito i requisiti quantitativi che devono essere soddisfatti per realizzare sistemi Web in grado di supportare la QoS, è stata condotta un analisi comparativa delle possibili architetture di cluster Web, allo scopo di individuare i possibili meccanismi e le componenti del cluster che possono essere impiegate per realizzare la QoS. L attenzione è stata focalizzata sulle architetture in cui esiste un nodo front-end centralizzato, che pertanto possiede una visione centralizzata sullo stato delle risorse componenti il sistema. Inoltre, è stato individuato il livello operativo al quale il Web switch opera per distribuire le richieste tra i nodi componenti il sistema, pervenendo alla scelta progettuale di un Web switch operante a livello applicativo. L architettura progettata permette al Web switch di individuare e classificare con esattezza la provenienza della richiesta ed il tipo di servizio Web richiesto e di valutare in base ad esso l impatto della richiesta sul sistema. Durante la progettazione dei meccanismi per la condivisione del carico, si è determinato che per differenziare le classi di servizio è necessario integrare la politica per il controllo degli accessi attuata dal Web switch con un meccanismo in grado di realizzare l isolamento delle prestazioni. Prodotti della ricerca Nell ambito del primo anno del progetto sono state effettuate 7 pubblicazioni scientifiche, di cui: - 3 su rivista internazionale - 1 su monografie scientifiche internazionali - 3 su atti di conferenze internazionali e la presentazione di un tutorial ad una conferenza internazionale. Progettazione di un simulatore di cluster Web multi-livello, dotato di meccanismi per il supporto della QoS dal lato server. Progettazione di un simulatore di server Web distribuiti geograficamente, dotato di un semplice modello di rete. 4

5 Pubblicazioni a) Riviste indicizzate a diffusione internazionale - V. Cardellini, E. Casalicchio, M. Colajanni, P.S. Yu, The state of the art in locally distributed Web-server systems, ACM Computing Surveys, Vol. 34, No. 2, pp , June M. Andreolini, M. Colajanni, R. Morselli, Performance study of dispatching algorithms in multitier Web architectures, ACM Performance Evaluation Review, Vol. 30, No. 2, pp , Sept V. Cardellini, M. Colajanni, P.S. Yu, Request redirection algorithms for distributed Web systems, IEEE Trans. on Parallel and Distributed Systems, Vol. 14, No. 4, pp , April b) Capitoli in monografie scientifiche internazionali - M. Andreolini, V. Cardellini, M. Colajanni, Benchmarking models and tools for distributed Webserver systems, Performance Evaluation of Complex Systems: Techniques and Tools, M.C. Calzarossa and S. Tucci eds., Lecture Notes in Computer Science, Vol. 2459, pp , Springer-Verlag, Sept c) Atti di conferenze internazionali - M.E. Poleggi, B. Ciciani, M. Colajanni, Global caching mechanisms in clusters of Web servers, Proc. of Int l Symposium on Modeling, Analysis and Simulation of Computer and Telecommunication Systems (MASCOTS 02), Fort Worth, TX, Oct M. Andreolini, E. Casalicchio, M. Colajanni, M. Mambelli, QoS-aware switching policies for a locally distributed Web system, Poster Proc. of the 11th Int l World Wide Web Conf., Honolulu, Hawaii, May V. Cardellini, E. Casalicchio, M. Colajanni, M. Mambelli, Enhancing a Web-server cluster with Quality of Service mechanisms, Proc. of 21st IEEE Int l Performance, Computing, and Communications Conf. (IPCCC 2002), Phoenix, AZ, pp , April d) Tutorial a conferenze internazionali - M. Andreolini, V. Cardellini, M. Colajanni, Benchmarking models and tools for distributed Web server systems, IFIP WG 7.3 Int'l Symposium on Computer Modeling, Measurement and Evaluation (Performance 2002), Roma, Italy, Sept

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G.

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale G. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM FRANCO FRATTOLILLO Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G. Rummo" di Benevento, con votazione 60/60.

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica a.a. 2008/2009 Corso di CALCOLATORI ELETTRONICI Capitolo

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Prof. Franco Sirovich Dipartimento di Informatica Università di Torino www.di.unito.it franco.sirovich@di.unito.it 1 Definizioni

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli