RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA"

Transcript

1 RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: P1 Reti Internet: efficienza, integrazione e sicurezza U.O.: Dipartimento di Informatica, Produzione e Sistemi, Università di Roma Tor Vergata Responsabile U.O.: SALVATORE TUCCI Introduzione Il ruolo fondamentale del Web nei sistemi informativi e la natura aperta di Internet richiedono la progettazione e la realizzazione di sistemi Web in grado di garantire alte prestazioni, affidabilità e disponibilità dei servizi offerti, anche in condizioni di traffico elevato di tipo burst. Tali sistemi Web complessi pongono nuovi problemi di valutazione delle prestazioni, richiedendo lo sviluppo di metodologie modellistiche, simulative e di misurazione adatte ai nuovi contesti. La Unità Operativa di Roma Tor Vergata partecipa all Azione 1 del Sottoprogetto Reti INTERNET: efficienza, integrazione e sicurezza. In tale ambito, la UO si prefigge l obiettivo di sviluppare metodi e strumenti basati sulla simulazione per l analisi, la sintesi, il tuning e l ottimizzazione dei sistemi multimediali che stanno emergendo dalla convergenza tra Web, Internet e comunicazioni mobili. Linea e Tema di appartenenza: Azione1 - Simulazione e ottimizzazione di reti Internet Finanziamenti ottenuti 8183,4 Titolo della ricerca Progettazione e simulazione di sistemi Web Obiettivo/i previsto/i nell anno di attività Per l attività svolta dalla U.O. di Roma Tor Vergata, l obiettivo della ricerca è lo sviluppo di metodi e strumenti basati sulla simulazione per l analisi, la sintesi, il tuning e l ottimizzazione dei sistemi multimediali che stanno emergendo dalla convergenza tra Web, Internet e comunicazioni mobili. Particolare attenzione è riservata all analisi della Qualità del Servizio (QoS) sperimentata dagli utenti dei sistemi Web, siano essi mobili o fissi. La U.O. considera piattaforme architetturali per realizzare sistemi Web ad alte prestazioni in grado di fornire garanzie sulla qualità del servizio e basate su molteplici server replicati. La distribuzione dei server replicati avviene sia a livello locale (Web cluster) sia a livello geografico (Distributed Web servers) e può essere integrata o meno con cache server. Nel caso di sistemi di cluster 1

2 di server Web distribuiti localmente, si considerano anche sistemi Web multi-livello, caratterizzati da una distribuzione non solo orizzontale ma anche verticale dei nodi server. Nel primo anno di attività, gli obiettivi specifici dell U.O. sono i seguenti. - Caratterizzazione del carico: definizione di modelli sintetici per caratterizzare il carico dei sistemi oggetti dello studio. - Metodologia per la modellazione di sistemi Web: modellazione di sistemi Web complessi, quali sistemi di server Web distribuiti geograficamente e cluster di server Web multi-livello. - Integrazione di tecniche di caching, prefetching e pushing. - Tecniche di replicazione dei dati: definizione dei requisiti quantitativi che devono essere soddisfatti per la realizzazione di servizi Web in grado di garantire la QoS richiesta, progettazione di meccanismi per la condivisione del carico rispondenti ai requisiti quantitativi precedentemente individuati. Risultati ottenuti Nell ambito dell obiettivo riguardante la caratterizzazione del carico, si sono considerate le caratteristiche di self-similarity del traffico Web, ampiamente documentate in letteratura e riscontrate in tracce disponibili sul Web ed analizzate durante l anno di attività, e si è studiato il loro impatto sulla modellazione di sistemi Web. Particolare attenzione è stata dedicata alla caratterizzazione del carico offerto al Web cluster di tipo multi-livello, utilizzati per fornire servizi transazionali complessi e contenuti multimediali, al fine di proporre tecniche e modelli in grado di seguirne l evoluzione e riprodurne il comportamento. Dallo studio e dalla caratterizzazione compiuta sono stati definiti diversi modelli di carico, largamente basati su distribuzioni di tipo heavy-tail ed utilizzabili nelle fasi successive di progettazione e realizzazione di strumenti di simulazione. Partendo dall osservazione che non esiste il modello di carico per siti Web soggetti ad un elevato volume di traffico, i modelli di carico sono stati distinti in base alla tipologia di servizi e di contenuti forniti dal sito Web. In particolare, si è pervenuti alla definizione di sei classi di siti Web, comprendenti i siti di tipo old plain, di Web publishing, per il commercio elettronico, per il customer self-service, per il trading e per il business-to business. Le sei classi sono caratterizzate non solo dalla fornitura di diversi contenuti, ma anche da diversi requisiti di sicurezza e di garanzie di qualità del servizio. L attenzione è stata focalizzata sui siti per il publishing e per il commercio elettronico, i primi caratterizzati dalla fornitura di contenuti altamente volatili, i secondi da una componente predominante di contenuti dinamici ed in parte sicuri. Nell attività di modellazione di sistemi Web distribuiti localmente è stata posta particolare enfasi sulle architetture basate su un entità front-end centralizzata (detta Web switch) in grado di effettuare la distribuzione delle richieste a livello applicativo e caratterizzate da un flusso di richieste/risposte attraverso lo switch di tipo one-way. Tali scelte sono state basate sulla necessità di fornire all entità di dispatching la maggior quantità possibile di informazioni in base alla quali effettuare la scelta del nodo server; al fine di ridurre al minimo la possibilità che il Web switch possa costituire il collo di bottiglia del sistema, si è deciso di modellare un flusso di richieste di tipo one-way, demandando ai nodi server il compito di inviare la risposta al client. La modellazione è stata focalizzata non soltanto sulla distribuzione orizzontale dei nodi di servizi, ma anche sulla loro distribuzione verticale. Tale distribuzione verticale richiede l introduzione di un secondo livello di dispatching, atto a distribuire il carico computazionale mediante la selezione del nodo server 2

3 applicativo in grado di soddisfare in modo efficiente la richiesta di contenuti dinamici, tramite l interazione con database server. Nel caso di sistemi Web composti da nodi di servizio distribuiti geograficamente, la complessità dei sistemi da modellare è acuita dalla distribuzione geografica dei nodi e dalle caratteristiche del carico offerto, che presenta scenari molto variabili anche a causa dei diversi fusi orari. Per tali sistemi, è stata definita una modellazione della rete basata sull introduzione di ritardi stocastici e sulla suddivisione dei centri di servizi e di richiesta in aree geografiche caratterizzate da diversi fusi orari. Tale modellazione, sebbene semplificata, rappresenta un contributo chiave dell attività, in quanto riveste un ruolo centrale per la valutazione della qualità del servizio end-to-end sperimentata dagli utenti nell accesso ai servizi basati sul Web. Inoltre, nella metodologia di modellazione a cui si è pervenuti per i sistemi distribuiti geograficamente, si è considerato un duplice livello per la distribuzione delle richieste. Il primo livello è attuato a livello del Domain Name System ed è operato dal DNS autoritativo del sito Web, mentre il secondo livello di distribuzione è demandato ai nodi server che compongono l architettura distribuita mediante un meccanismo di redirezione delle richieste. La metodologia di modellazione di sistemi Web alla quale si è pervenuti consente la valutazione delle prestazioni di meccanismi per l instradamento delle richieste in ambito locale e geografico, di politiche di distribuzione multi-livello delle richieste degli utenti attuate sia in cluster multi-livello sia in sistemi distribuiti geograficamente, e di politiche di distribuzione/replicazione dei servizi e contenuti offerti dal sistema di server Web. Tale metodologia e la caratterizzazione del carico sono stata utilizzate nella progettazione di simulatori ad eventi discreti per Web cluster multi-livello e sistemi Web distribuiti geograficamente. Nell ambito dell integrazione di meccanismi di caching a livello dell architettura distribuita di server Web, sono state studiate politiche di distribuzione delle richieste che a livello di Web cluster massimizzano l hit rate nella cache dei nodi server. Inoltre, sono stati proposti e studiati protocolli di cooperazione che permettono un uso globale della memoria dei nodi server che costituiscono l architettura distribuita del Web cluster. L integrazione di meccanismi di pushing e di prefetching non è stata approfondita, in quanto questi meccanismi sono tradizionalmente limitati a contenuti Web di tipo statico, mentre dall attività di caratterizzazione del carico si è deciso di rivolgere l attenzione alla fornitura di contenuti di tipo dinamico. Per quanto riguarda lo studio di tecniche di replicazione dei dati, sono state progettate soluzioni architetturali per la realizzazione di servizi Web basati su QoS, con l obiettivo di introdurre i principi della QoS in sistemi basati su Web cluster multi-livello e che ospitano un singolo sito Web, allo scopo di estendere tali architetture per supportare la differenziazione degli utenti e dei servizi in diverse classi di priorità sul lato server di un sistema Web. Successivamente, si è avviato lo studio di architetture e meccanismi atti ad estendere il supporto della QoS anche in sistemi di server distribuiti geograficamente. Partendo dall osservazione che i meccanismi per la QoS impiegati nelle infrastrutture di rete non sono sufficienti a garantire una qualità del servizio end-to-end, si giunge alla conclusione che la mancanza di meccanismi e politiche per la QoS sul lato server del sistema Web può determinare la fornitura di un servizio di scarsa qualità, o addirittura la sua negazione, ad un traffico che è viene trasmesso con alta priorità sulla rete Internet. L idea principale alla base dell attività svolta consiste nell estensione alle architetture di sistemi di server Web dei principi e dei meccanismi per la QoS tradizionalmente adottati nelle reti: la classificazione dei servizi, il controllo di accesso delle richieste, la massimizzazione dell utilizzo delle risorse, l isolamento delle prestazioni. L uso dei principi per la QoS da parte dei meccanismi e delle politiche applicate sul Web cluster permette di garantire il rispetto 3

4 contrattuale dei vincoli stabiliti per la QoS, che invece i Web cluster tradizionali di tipo best-effort non sono in grado di soddisfare. Durante il primo anno di attività, la UO è pervenuta alla progettazione di un simulatore per Web cluster multi-livello, dotato di meccanismi e politiche per il supporto della QoS. L obiettivo iniziale della ricerca è stato l individuazione e la definizione dei requisiti quantitativi che devono essere soddisfatti per realizzare sistemi Web in gradi di garantire la QoS richiesta. In particolare, è stata definita una metodologia per l individuazione di opportuni Service Level Agreement (SLA) per la QoS orientati all utente, ma quantificabili ed indipendenti da specifici fattori umani. Dal momento che in un sistema Web possono essere consentite delle rare violazioni dei SLA stabiliti senza che queste comportino delle conseguenze catastrofiche, il SLA può essere espresso in termini di un servizio predittivo, quantificabile mediante percentili. Come metrica principale per la QoS è stato scelto il 95- percentile del tempo di latenza di una richiesta al Web cluster, ovvero della componente del tempo di risposta percepito dall utente finale dovuta al lato server del sistema Web. Inoltre, dal momento che le richieste sono differenziate in classi di priorità, si è ritenuto importante specificare ulteriormente la definizione del SLA in base alle classi di richieste e servizi considerati. Nel corso del primo anno di attività, si è pervenuti alla definizione dei SLA per diverse classi di utenti e di servizi forniti dal Web cluster, identificando le metriche di prestazione sul lato server da utilizzare successivamente per la progettazione di meccanismi per la condivisione del carico. Dopo aver definito i requisiti quantitativi che devono essere soddisfatti per realizzare sistemi Web in grado di supportare la QoS, è stata condotta un analisi comparativa delle possibili architetture di cluster Web, allo scopo di individuare i possibili meccanismi e le componenti del cluster che possono essere impiegate per realizzare la QoS. L attenzione è stata focalizzata sulle architetture in cui esiste un nodo front-end centralizzato, che pertanto possiede una visione centralizzata sullo stato delle risorse componenti il sistema. Inoltre, è stato individuato il livello operativo al quale il Web switch opera per distribuire le richieste tra i nodi componenti il sistema, pervenendo alla scelta progettuale di un Web switch operante a livello applicativo. L architettura progettata permette al Web switch di individuare e classificare con esattezza la provenienza della richiesta ed il tipo di servizio Web richiesto e di valutare in base ad esso l impatto della richiesta sul sistema. Durante la progettazione dei meccanismi per la condivisione del carico, si è determinato che per differenziare le classi di servizio è necessario integrare la politica per il controllo degli accessi attuata dal Web switch con un meccanismo in grado di realizzare l isolamento delle prestazioni. Prodotti della ricerca Nell ambito del primo anno del progetto sono state effettuate 7 pubblicazioni scientifiche, di cui: - 3 su rivista internazionale - 1 su monografie scientifiche internazionali - 3 su atti di conferenze internazionali e la presentazione di un tutorial ad una conferenza internazionale. Progettazione di un simulatore di cluster Web multi-livello, dotato di meccanismi per il supporto della QoS dal lato server. Progettazione di un simulatore di server Web distribuiti geograficamente, dotato di un semplice modello di rete. 4

5 Pubblicazioni a) Riviste indicizzate a diffusione internazionale - V. Cardellini, E. Casalicchio, M. Colajanni, P.S. Yu, The state of the art in locally distributed Web-server systems, ACM Computing Surveys, Vol. 34, No. 2, pp , June M. Andreolini, M. Colajanni, R. Morselli, Performance study of dispatching algorithms in multitier Web architectures, ACM Performance Evaluation Review, Vol. 30, No. 2, pp , Sept V. Cardellini, M. Colajanni, P.S. Yu, Request redirection algorithms for distributed Web systems, IEEE Trans. on Parallel and Distributed Systems, Vol. 14, No. 4, pp , April b) Capitoli in monografie scientifiche internazionali - M. Andreolini, V. Cardellini, M. Colajanni, Benchmarking models and tools for distributed Webserver systems, Performance Evaluation of Complex Systems: Techniques and Tools, M.C. Calzarossa and S. Tucci eds., Lecture Notes in Computer Science, Vol. 2459, pp , Springer-Verlag, Sept c) Atti di conferenze internazionali - M.E. Poleggi, B. Ciciani, M. Colajanni, Global caching mechanisms in clusters of Web servers, Proc. of Int l Symposium on Modeling, Analysis and Simulation of Computer and Telecommunication Systems (MASCOTS 02), Fort Worth, TX, Oct M. Andreolini, E. Casalicchio, M. Colajanni, M. Mambelli, QoS-aware switching policies for a locally distributed Web system, Poster Proc. of the 11th Int l World Wide Web Conf., Honolulu, Hawaii, May V. Cardellini, E. Casalicchio, M. Colajanni, M. Mambelli, Enhancing a Web-server cluster with Quality of Service mechanisms, Proc. of 21st IEEE Int l Performance, Computing, and Communications Conf. (IPCCC 2002), Phoenix, AZ, pp , April d) Tutorial a conferenze internazionali - M. Andreolini, V. Cardellini, M. Colajanni, Benchmarking models and tools for distributed Web server systems, IFIP WG 7.3 Int'l Symposium on Computer Modeling, Measurement and Evaluation (Performance 2002), Roma, Italy, Sept

2003 Visiting researcher per sei mesi presso l IBM T.J. Watson Research Center, Yorktown Heights, NY, USA, ospite del Dr. Philip Yu.

2003 Visiting researcher per sei mesi presso l IBM T.J. Watson Research Center, Yorktown Heights, NY, USA, ospite del Dr. Philip Yu. Mauro Andreolini Indirizzo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Modena e Reggio Emilia Via Vignolese, 905 41100 - Modena Tel. 059-2056325 Fax 059-2056129 E-mail mauro.andreolini@unimore.it

Dettagli

Tesi di Dottorato di Ricerca in Informatica ed Ingegneria dell Automazione (XIII ciclo) Valeria Cardellini. Sommario

Tesi di Dottorato di Ricerca in Informatica ed Ingegneria dell Automazione (XIII ciclo) Valeria Cardellini. Sommario Tesi di Dottorato di Ricerca in Informatica ed Ingegneria dell Automazione (XIII ciclo) Scalable Web-server Systems Valeria Cardellini Docenti guida: Prof. Michele Colajanni Prof. Salvatore Tucci Sommario

Dettagli

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Ottimizzazione Tatiana Onali Tatiana Onali, CNIT & Università di Cagliari Obiettivi di ottimizzazione Per una gestione ottima della QoS, le infrastrutture di rete

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Società dell Informazione

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Società dell Informazione RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Società dell Informazione Progetto SP1 Reti internet: efficienza integrazione e sicurezza U.O.: CNR-IIT Responsabile U.O.: Marco Conti Linea e

Dettagli

Tesi di Laurea. WebSim: un simulatore basato su tracce per sistemi Web distribuiti localmente

Tesi di Laurea. WebSim: un simulatore basato su tracce per sistemi Web distribuiti localmente Tesi di Laurea WebSim: un simulatore basato su tracce per sistemi Web distribuiti localmente Candidato: Mauro Ranchicchio Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Ing. Valeria Cardellini Sommario Sistemi

Dettagli

Web replication. Giuliano. Casale 06/06/2005. casale@elet.polimi.it

Web replication. Giuliano. Casale 06/06/2005. casale@elet.polimi.it Web replication 06/06/2005 Giuliano Casale casale@elet.polimi.it Web replication Soluzione server-side per permettere la scalabilitá Web: il sito Web è replicato su più server, eventualmente dislocati

Dettagli

Modulo 4: ARCHITETTURE (DISTRIBUITE) PER CONTENT ADAPTATION

Modulo 4: ARCHITETTURE (DISTRIBUITE) PER CONTENT ADAPTATION Parte 12 Modulo 4: ARCHITETTURE (DISTRIBUITE) PER CONTENT ADAPTATION Approcci all'adattamento dei contenuti Client Content server Nodi intermedi Server-based off line on the fly nodi singoli / cluster

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Di seguito ci accingiamo ad analizzare le possibili configurazioni di architettura: Server singolo

Di seguito ci accingiamo ad analizzare le possibili configurazioni di architettura: Server singolo La progettazione dell architettura si concentra sulla scelta dell hardware, dell infrastruttura di rete, e dei componenti software che andranno a costituire il sistema. Gli obbiettivi tecnologici che il

Dettagli

Valutazione delle Prestazioni Dipartimento di Informatica Università di Torino. Matteo Sereno

Valutazione delle Prestazioni Dipartimento di Informatica Università di Torino. Matteo Sereno Valutazione delle Prestazioni Dipartimento di Informatica Università di Torino Matteo Sereno Workshop Qualita' del Servizio nei Sistemi Geograficamente Distribuiti 9-10 Giugno 2004 Roma 1 Outline Breve

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

Architetture dei Sistemi Distribuiti

Architetture dei Sistemi Distribuiti Università degli tudi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Architetture dei istemi Distribuiti Corso di istemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Architettura sw di sistemi distribuito

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

SISTEMA DI PREFETCHING CLIENT-SIDE PER TRAFFICO WEB

SISTEMA DI PREFETCHING CLIENT-SIDE PER TRAFFICO WEB UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Progetto per il corso di Ingegneria del Web SISTEMA DI PREFETCHING CLIENT-SIDE PER

Dettagli

Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid

Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid Università degli Studi di Messina Facoltà di Ingegneria Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid Autore: ing. Giulio De Meo Indice degli argomenti Piattaforme Tecnologiche Europee NESSI Grid

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA 1 RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: P1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Università degli studi Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Candidato: Luca De Francesco Relatore Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore Ing.

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

LAit & Red Hat Dante Chiroli Direzione Tecnologie: Architetture

LAit & Red Hat Dante Chiroli Direzione Tecnologie: Architetture LAit & Red Hat Dante Chiroli Direzione Tecnologie: Architetture dante.chiroli@laitspa.it http://www.laitspa.it LAit LAit spa è una società della Regione Lazio dedicata alla governance dei processi di informatizzazione

Dettagli

Sistemi Web distribuiti geograficamente e sistemi per Web content delivery. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Sistemi Web distribuiti geograficamente e sistemi per Web content delivery. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Sistemi Web distribuiti geograficamente e sistemi per Web content delivery Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Delivery su scala geografica Il content/service provider ha due possibilità

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

CASE STUDY N#1. Deploy e automazione di un applicazione scalabile con il supporto di SaltStack per Corley

CASE STUDY N#1. Deploy e automazione di un applicazione scalabile con il supporto di SaltStack per Corley CASE STUDY N#1 Deploy e automazione di un applicazione scalabile con il supporto di SaltStack per Corley Enter srl - ISO 9001/27001 Quality System Certification - All rights reserved - www.entercloudsuite.it

Dettagli

Monitoraggio e performance: il ruolo del DBA manager e gli strumenti a supporto

Monitoraggio e performance: il ruolo del DBA manager e gli strumenti a supporto Denis Monari Monitoraggio e performance: il ruolo del DBA manager e gli strumenti a supporto Cinisello Balsamo, 26 novembre 2013 AGENDA Performance, servizi e risorse Tre scenari a crescente complessità

Dettagli

Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico

Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico Riassunto della Tesi: Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico Relatore: Prof. E. Bertino Correlatore: Prof. V. Atluri Il crescente

Dettagli

Valutazione delle prestazioni e Sistemi Distribuiti Dipartimento di Informatica Universita del Piemonte Orientale

Valutazione delle prestazioni e Sistemi Distribuiti Dipartimento di Informatica Universita del Piemonte Orientale Valutazione delle prestazioni e Sistemi Distribuiti Dipartimento di Informatica Universita del Piemonte Orientale Cosimo Anglano cosimo.anglano@mfn.unipmn.it Roma, 9-10 Giugno 2004 Composizione del gruppo

Dettagli

Specifica del Servizio InterConnessione di QXN

Specifica del Servizio InterConnessione di QXN di QXN Tipo Documento: Specifica Scopo del Documento: Il presente documento si prefigge di descrivere la soluzione della QXN relativa al Servizio di Connettività, sulla base degli elementi in ingresso

Dettagli

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Pierfrancesco Bellini, Daniele Cenni, Paolo Nesi DISIT Lab, Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, DINFO Università degli Studi di Firenze

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D Introduzione Versioni al tratto Versione 3D Sistemi La versione negativa Distribuiti 3D prevede l utilizzo dell ombra esclusivamente sul fondo colore Rosso Sapienza. Laurea magistrale in ingegneria informatica

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2010-2011 Introduzione al corso

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Distribuiti

Introduzione ai Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ai Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Definizioni di SD Molteplici

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

ALCATEL-LUCENT. Strategie e architetture. Networking 2013

ALCATEL-LUCENT. Strategie e architetture. Networking 2013 ALCATEL-LUCENT Strategie e architetture Il portfolio per le infrastrutture di rete di Alcatel-Lucent copre esigenze di rete dalla PMI sino alla grande azienda e ambienti fissi e mobili e comprende piattaforme

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 3 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Education Italia 2005 7-1 Multimedia - Qualità del servizio: di cosa si tratta?

Dettagli

Capire le priorità tramite la Real User Experience

Capire le priorità tramite la Real User Experience Capire le priorità tramite la Real User Experience Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di offrire

Dettagli

Sistemi Web distribuiti localmente. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Sistemi Web distribuiti localmente. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Sistemi Web distribuiti localmente Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Motivazioni Il successo del Web Siti Web popolari sono soggetti a milioni di hit al giorno Es.: il sito Web delle Olimpiadi

Dettagli

Peer to Peer non solo file sharing

Peer to Peer non solo file sharing Peer to Peer non solo file sharing Indice Prima Parte: il Peer to Peer in generale P2P: definizione Curiosità Punti di forza e di debolezza Il Free Riding Seconda Parte: classificazione del Peer to Peer

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 9-04-2015 1 Database distribuiti e gerarchici

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11 CAPITOLATO TECNICO PROGETTO BACHELET WI-FI ABBIATEGRASSO ABBIATEGRASSO, MAGGIO 2013 Indice 1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5 3. Manutenzione

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno

Dettagli

Tesi di Laurea. Cluster di server Web a Qualità del Servizio garantita

Tesi di Laurea. Cluster di server Web a Qualità del Servizio garantita Tesi di Laurea Cluster di Web a Qualità del Servizio garantita Candidato: Marco Orazi Relatore: Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Chiar.mo Prof. Michele Colajanni Sommario Qualità del Servizio

Dettagli

Content Networking. Content Networking. Soluzioni Tecnologiche per le aziende. Seminario on line

Content Networking. Content Networking. Soluzioni Tecnologiche per le aziende. Seminario on line Content Networking Content Networking Soluzioni Tecnologiche per le aziende Seminario on line 1 Seminario on line Content Networking Seminario sulle Soluzioni Tecnologiche per le aziende 3. Benvenuto 4.

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Specifica del Servizio Network Operation Center

Specifica del Servizio Network Operation Center Specifica del Servizio Network Operation Center Tipo Documento: Specifica Qualified Exchange Network Scopo del Documento: Il presente documento si prefigge di descrivere la soluzione della SC- QXN relativa

Dettagli

CloudSim. A Framework for Modeling and Simulation of Cloud Computing Infrastructures and Services. Luca Silvestri silvestri@ing.uniroma2.

CloudSim. A Framework for Modeling and Simulation of Cloud Computing Infrastructures and Services. Luca Silvestri silvestri@ing.uniroma2. CloudSim A Framework for Modeling and Simulation of Cloud Computing Infrastructures and Services Luca Silvestri Agenda Richiami su Cloud Computing Architettura Federation of Clouds Motivazioni CloudSim

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati Prof. Raffaele Bolla dist IP-QoS!

Dettagli

ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE

ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE 1 SISTEMI ACCENTRATI CARATTERISTICHE Sistemi proprietari Monocultura Scarsa diffusione informatica Backlog 2 Soluzione centralizzata TERMINALE TERMINALE ELABORATORE

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Ottimizzazione del traffico P2P nelle Wireless Community Network Stefano Avallone, Roberto Canonico, Giorgio Ventre, Francesco Paolo D'Elia Conferenza GARR

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

Introduzione alla telefonia su IP

Introduzione alla telefonia su IP Introduzione alla telefonia su IP Mario Baldi Synchrodyne Networks, Inc. baldi@synchrodyne.com Pietro Nicoletti Studio Reti, s.a.s. p.nicol@inrete.it IPtelIntro_i - 1 Copyright: si veda nota a pag. Nota

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E LA MOBILITÀ WLAN La mobilità aziendale non è più una frontiera tecnologica, ma una concreta necessità per competere ed essere

Dettagli

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati ABB - IL PROCESSO RAM un modello di valore Le analisi di affidabilità, disponibilità e manutenibilità (RAM: Reliability, Availability, Maintainability) si apprestano a diventare lo standard in tutti i

Dettagli

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Altri testi di consultazione Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Testo di riferimento G.Coulouris, J.Dollimore and T.Kindberg Distributed Systems: Concepts and Design IV Ed., Addison-Wesley 2005

Dettagli

Prevedere il comportamento delle applicazioni Web in produzione

Prevedere il comportamento delle applicazioni Web in produzione Università degli studi Roma Tre Sabato 24 Gennaio 2009 Simone Federici s.federici@k-tech.it K-Tech Prevedere il comportamento delle applicazioni Web in produzione Serafina Rocca SPE Engineer s.rocca@k-tech.it

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Content Delivery Networks Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Vittorio Trecordi 1 Nuove esigenze e nuove strategie La diffusione

Dettagli

tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività.

tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività. tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività. tel soft servizi Da oltre un decennio al Vostro fianco Chi siamo Mission Telinsoft Servizi

Dettagli

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR Luca Rea, Cristiano Zema, Sergio Pompei, Francesco Matera Fondazione Ugo Bordoni, Roma, Italy lrea@fub.it Valerio Martini, Piero

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

attività dei processi aziendali. Tipicamente è riferito a soluzioni che utilizzano la tecnologia Internet.

attività dei processi aziendali. Tipicamente è riferito a soluzioni che utilizzano la tecnologia Internet. Capitolo 1 Introduzione 1.1 Descrizione del problema Uno dei vari problemi che un azienda deve affrontare, dal momento in cui decide di orientare le sue scelte strategiche del settore ICT verso l e-business

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

ICT: nuove tecnologie

ICT: nuove tecnologie ICT: nuove tecnologie Internet of things Oggetti intelligenti in grado di ricevere dati da altri oggetti e comunicare i propri Hanno un ruolo attivo grazie al collegamento alla Rete Campi di applicabilità:

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria. Corso di Informatica Mobile. http://mislash.googlecode.com

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria. Corso di Informatica Mobile. http://mislash.googlecode.com Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Corso di Informatica Mobile http://mislash.googlecode.com Professore: Vincenzo Grassi Studenti: Simone Notargiacomo "Roscio" Tavernese Ibrahim

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. COMO Scienze e Tecnologie dell Informazione Corso di laurea triennale - Classe n. 26 Scienze e tecnologie informatiche Caratteristiche e obiettivi del corso Il corso di Laurea

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

LINEA PROJECT MANAGEMENT

LINEA PROJECT MANAGEMENT LINEA PROJECT MANAGEMENT ITIL FOUNDATION V3 46.10.3 3 giorni Il corso, nell ambito della Gestione dei Servizi IT, mira a: 1. Comprendere Struttura e Processi di ITIL V3 - Information Technology Infrastructure

Dettagli

Segnali dal futuro. ed evitare gli abbandoni degli utenti

Segnali dal futuro. ed evitare gli abbandoni degli utenti Milano, 23 Ottobre 2009 Conferenza stampa di presentazione della 45esima Esposizione Prevedere Internazionale le di Information prestazioni & Communications dei sistemi Technology web con il patrocinio

Dettagli

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE Ing. Mariano Di Claudio Lezione del 24/09/2014 Indice 1. Aspetti di Data Management CouchBase 2. Aspetti Architetturali Infrastruttura

Dettagli

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013 Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4-7 - 13 Definizioni e Principali Caratteristiche

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.3 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Caching Web replication Content delivery networks: realizzano

Dettagli

Cloud computing. Aspetti legali.

Cloud computing. Aspetti legali. Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 Cloud computing. Aspetti legali. Dott.ssa Benedetta Valenti benedetta.valenti@ssalex.com P. 2 Cosa è il cloud computing. Come è ben

Dettagli

Caratterizzazione del carico (workload) di web server

Caratterizzazione del carico (workload) di web server G.Serazzi - aa 2003/04 Impianti Informatici traffic - 1/38 Caratterizzazione del carico (workload) di web server e del traffico di rete 15/03/04 G.Serazzi - aa 2003/04 Impianti Informatici traffic - 2/38

Dettagli

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT A cura di Alberto Rizzotto, Manager di HSPI Premessa La necessità di adottare best practice internazionali

Dettagli

L obiettivo che si pone è di operare nei molteplici campi dell informatica aziendale, ponendosi come partner di riferimento per l utenza aziendale.

L obiettivo che si pone è di operare nei molteplici campi dell informatica aziendale, ponendosi come partner di riferimento per l utenza aziendale. E una realtà nelle tecnologie informatiche dal 1990. Dalla nascita del nucleo iniziale, con le attività di assistenza tecnica e di formazione, alla realtà attuale, di specialisti a tutto campo nei servizi

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod.

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod. Sistemi Distribuiti Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto 19.1 Introduzione A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici

Dettagli

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione Sistemi Distribuiti Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici moderni: grandi, costosi e

Dettagli

Meccanismi per la redirezione delle richieste in sistemi di server Web distribuiti geograficamente

Meccanismi per la redirezione delle richieste in sistemi di server Web distribuiti geograficamente Tesi di Laurea Meccanismi per la delle richieste in sistemi di server Web distribuiti geograficamente Candidato: Serena Ramovecchi Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatrice: Ing. Valeria Cardellini

Dettagli

La Simulazione ad Agen0: un Supporto al Governo delle Emergenze

La Simulazione ad Agen0: un Supporto al Governo delle Emergenze La Simulazione ad Agen0: un Supporto al Governo delle Emergenze Emiliano Casalicchio 1,2, Emanuele Galli 1, Salvatore Tucci 1,2 1 Dipar'mento di Informa'ca Sistemi e Produzione Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

Il servizio IT dalla prospettiva dell utente. End User Experience. NetEye Real User experience

Il servizio IT dalla prospettiva dell utente. End User Experience. NetEye Real User experience Il servizio IT dalla prospettiva dell utente End User Experience NetEye Real User experience ITIL e il continual service improvement Soddisfazione del cliente Servizi Processi Tecnologia CHECK DO ACT PLAN

Dettagli

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A.

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A. Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 pag. 1 di 12 Revisione Data Motivo Revisione Redatto da Approvato da 1.0 03/10/2009 Emissione Andrea

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito tesi di laurea Anno Accademico 2012/2013 relatore Ch.mo prof. Simon Pietro Romano correlatori Ing. Tobia Castaldi candidato Alessandro Arrichiello Matr. M63/43 Contesto: o Content Distribution Networks

Dettagli

Colt VoIP Access. Presentazione ai clienti. Nome del relatore. 2010 Colt Technology Services Group Limited. Tutti i diritti riservati.

Colt VoIP Access. Presentazione ai clienti. Nome del relatore. 2010 Colt Technology Services Group Limited. Tutti i diritti riservati. Colt VoIP Access Presentazione ai clienti Nome del relatore 2010 Colt Technology Services Group Limited. Tutti i diritti riservati. Esigenze aziendali Siete alla ricerca di metodi che vi consentano di

Dettagli

Unità di Ricerca Modena e Reggio Emilia Progetto PRIN Autonomic Security

Unità di Ricerca Modena e Reggio Emilia Progetto PRIN Autonomic Security Unità di Ricerca Modena e Reggio Emilia Progetto PRIN Autonomic Security PRIN "Autonomic Security" - Bologna, 1 aprile 2010 1 Il progetto Autonomic Security Obiettivi del progetto Integrazione della self-protection

Dettagli