Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 64 del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 64 del 03.04.2014"

Transcript

1 Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 64 del PIANO TRIENNALE 2014/2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO O DI SERVIZIO In applicazione dei commi 594, 595 e 596 della Legge Finanziaria 2008 (Legge 244/2007), l Amministrazione Comunale provvede, a decorrere dal triennio , alla redazione di un Piano Triennale per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo : a) delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio; b) delle autovetture di servizio, attraverso il ricorso, previa verifica di fattibilità, a mezzi alternativi di trasporto, anche cumulativo; c) dei beni immobili ad uso abitativo o di servizio, con esclusione dei beni infrastrutturali; nonché alle definizione di misure dirette a circoscrivere l assegnazione di apparecchiature di telefonia mobile ai soli casi in cui il personale debba assicurare, per esigenze di servizio, pronta e costante reperibilità e limitatamente al periodo necessario allo svolgimento delle particolari attività che ne richiedono l uso, individuando, nel rispetto della normativa sulla tutela della riservatezza dei dati personali, forme di verifica, anche a campione, circa il corretto utilizzo delle relative utenze. Il presente Piano è pertanto articolato in tre sezioni, corrispondenti a ciascuna delle categorie individuate nelle lett. a), b), c) dell art. 3, comma 594 della citata L. n. 244/2007. La prima sezione, relativa alle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio, comprende anche l individuazione delle misure volte a dare attuazione a quanto disposto nel successivo comma 595 relativamente alla telefonia mobile. Il Piano è stato predisposto sulla base dei seguenti criteri: a) Programmazione della dotazione strumentale e dello sviluppo del sistema informatico del Comune di Noceto; b) Razionalizzazione delle utenze di telefonia mobile e delle misure di utilizzo; c) Rilevazione delle autovetture di servizio e verifica circa l esistenza di mezzi alternativi di trasporto; d) Rilevazione degli immobili ad uso abitativo e di servizio di proprietà del Comune di Noceto. In tema di forniture e servizi, gli affidamenti avvengono verificando prioritariamente, ai sensi dell articolo 26 della Legge n. 488/1999 (disposizione confermata anche dalle Leggi Finanziarie successive), esistenza, convenienza e condizioni delle convenzioni Consip e Intercent-ER. Tale disciplina risulta ora rafforzata per effetto del D.L. n. 95/2012 convertito in Legge n. 135/2012.

2 DOTAZIONI STRUMENTALI, ANCHE INFORMATICHE, CHE CORREDANO LE STAZIONI DI LAVORO NELL AUTOMAZIONE D UFFICIO Il Sistema informatico comunale è basato su una architettura client/server. Il servizio prevede la manutenzione e gestione dei sistemi Hw ed in particolare del server, di tipo cluster a due nodi, tramite un contratto con ditta esterna, stante la particolare complessità e rilevanza dell apparecchiatura su cui intervenire. In relazione a tale ultimo punto, una volta che tale apparecchiatura si rivelerà obsoleta, anche tenuto conto dell inevitabile evoluzione tecnologica che caratterizza l ambiente informatico, si valuterà l opportunità di optare per soluzioni in ASP rispetto alla soluzione in essere. L assistenza e manutenzione dei sistemi Software utilizzati dagli uffici comunali sono affidate alle software house fornitrici degli stessi applicativi. Gli interventi di manutenzione ordinaria, sia hardware sia software, fuori garanzia e non rientranti negli ambiti di competenza delle società fornitrici sono gestiti in economia, attraverso un tecnico interno all ente. L obiettivo che questa Amministrazione intende perseguire in materia di dotazione informatica (sia hardware sia software) è prioritariamente quello di disporre di una infrastruttura in grado di supportare una gestione elettronica dei servizi comunali, adeguandosi alle linee-guida dettate alla Pubblica Amministrazione. DOTAZIONE HARDWARE PERSONAL COMPUTER E STAMPANTI: Indicativamente ogni postazione di lavoro è dotata di un PC e una stampante. Alcuni uffici, la cui organizzazione lo permette, dispongono di stampanti condivise per meglio ottimizzare i costi. Inoltre l Ufficio Tecnico dispone di un plotter per le stampe a largo formato (a titolo esemplificativo, dei progetti relativi ai Lavori Pubblici) e l Ufficio Anagrafe di una stampante specifica per i documenti di identità cartacei. La strumentazione informatica in dotazione al Comune di Noceto è costituita da: - nr. 1 server cluster connesso in rete ed a internet, sito presso la sede municipale; - nr. 1 server connesso in rete ed a internet, sito presso gli uffici della Polizia Municipale; - nr. 41 PC client connessi in rete e ad internet presso la sede municipale; - nr. 5 PC client connessi in rete e a internet presso la sede del Corpo di Polizia Municipale; - nr. 5 computer portatili; - nr. 1 PC presso l asilo nido comunale; - nr. 1 PC presso il centro diurno comunale; In relazione a tali dati, si evidenzia che si dispone di un numero di postazioni di lavoro con rapporto circa 1/1 rispetto agli addetti agli uffici; tale rapporto comprende anche due dei PC portatili. I restanti PC portatili sono utilizzati rispettivamente dalla Polizia Municipale e dall ufficio stampa, mentre il terzo è a disposizione degli uffici e viene utilizzato prevalentemente in occasione delle adunanze di Consiglio Comunale. Sotto il profilo programmatorio, nel corso dei precedenti esercizi è stata portata a termine la sostituzione del parco macchine degli uffici comunali (Personal Computer client ) aggiornato almeno al sistema operativo Microsoft Windows XP, salva verifica di compatibilità con le imprese fornitrici dei software gestionali. Il rinnovo del parco macchine ha consentirto di ridurre nel corso del triennio gli interventi sistemistici per guasti su tali macchine, che risultano ormai datate e di difficile riparazione. In relazione al prossimo termine di cessazione del supporto a Windows XP da parte del produttore, è in corso la verifica di compatibilità degli applicativi in dotazione a questo Ente con il sistema operativo Microsoft Windows 7. Si prevede inoltre la sostituzione di altri PC per guasti che fisiologicamente si riscontrano nel medio periodo, la cui riparazioni si riveli antieconomica. Si pianifica inoltre di sostituire progressivamente i monitors in dotazione agli uffici comunali con nuovi monitor di tipo LCD o analoga tecnologia. Nel corso del 2013 si è proceduto alla sostituzione di 6 monitor tradizionali con 6 monitor LED. ANNO INTERVENTO 2014 Sostituzione di nr.10/12 PC e di nr. 8 monitors 2

3 2015 Sostituzione di nr. 6 PC e di nr. 8 monitors 2016 Sostituzione di nr. 6 PC e di nr. 8 monitors Fermo quanto sopra indicato, per l eventuale sostituzione delle apparecchiature individuate si valuterà prima di procedere autonomamente l esistenza delle convenzioni presenti all interno del MEPA Mercato elettronico della Pubblica amministrazione ovvero stipulate dalle centrali di acquisto nazionali e regionali (Consip ed Intercent-ER), se vigenti al momento in cui si procederà all affidamento della fornitura, nonché deglu ulteriori strumenti di acquisto messi a disposizione da CONSIP SpA. FOTOCOPIATRICI: l ente è proprietario di nr. tre fotocopiatrici a servizio rispettivamente: - la prima risulta ora assegnata all asilo nido comunale La Collina dei Conigli a seguito del noleggio di una apparecchiatura multifunzione da destinare agli uffici del piano terra della sede municipale. Questa sostituzione consente infatti agli uffici comunali interessati di utilizzare una macchina che comporta una sensibile riduzione dei costi di manutenzione ed esercizio per le stampe e le fotocopie effettuate; - la seconda, dello Sportello Sociale, sito presso una sede distaccata del Comune di Noceto, che funge anche da stampante; - la terza è stata recentemente acquisita mediante riscatto di apparecchiatura a noleggio presso gli uffici della Polizia Municipale. Tali apparecchiature verranno mantenute, in quanto funzionali alle esigenze degli uffici indicati. APPARECCHIATURE MULTIFUNZIONE: l Ente dispone di apparecchiature multifunzione in rete acquisite preferibilmente attraverso le centrali di acquisto (Consip / Intercent-ER), da impiegare anche quando gli uffici devono effettuare stampe di molte pagine. In particolare, tali macchine sono utilizzate in modo sistematico dall Ufficio Delibere per la stampa degli atti deliberativi di Giunta e Consiglio Comunale. Tali apparecchiature sono tutte state acquisite attraverso il ricorso a soluzioni di leasing / noleggio, che rispetto all acquisto consentono un miglior controllo dei costi manutentivi e di sostituzione dei materiali consumabili, lasciando a carico dell ente il solo costo della carta utilizzata; il costo copia di norma viene addebitato all ente solo dopo l effettuazione di un determinato numero di copie compreso nel canone periodico di leasing / noleggio. La rata di leasing comprende i materiali di consumo, eccettuata la carta, la manutenzione e l assistenza tecnica per tutta la durata del contratto. L attuale dotazione di apparecchiature multifunzione comprende nr. 6 dispositivi (tre monocromatici e tre a colori) posti in rete a servizio degli uffici siti nella sede municipale. Tali apparecchiature sono stati acquisiti mediante contratto di leasing a 48/60 mesi e risultano così dislocate: - nr. 1 apparecchiatura monocromatica e nr. 1 a colori presso gli uffici comunali siti al primo piano del palazzo municipale; - nr. 1 apparecchiatura monocromatica presso l Ufficio Tecnico comunale; - nr. 1 apparecchiatura monocromatica e nr. 1 apparecchiatura a colori presso gli uffici comunali siti al piano terra del palazzo municipale; - nr. 1 apparecchiatura a colori sita presso gli Uffici della Polizia Municipale. Tale dotazione risulta ora funzionale rispetto alle necessità degli uffici comunali, disposti su tre diversi livelli (e tenuto conto del fatto che l ufficio Tecnico, pur essendo costituito al piano terra della sede municipale, è separato dal resto degli uffici da porte che rimangono aperte esclusivamente nei giorni ed orari di apertura al pubblico), a seguito dell attuazione delle misure in tale ambito contenute nel presente piano. Infatti, a seguito della dismissione di stampanti ad uso di singoli operatori e/o uffici, si è proceduto al noleggio di una apparecchiatura multifunzione in bianco e nero a servizio degli uffici posti al piano terra della sede municipale e segnatamente degli uffici posti nel corridoio opposto all ufficio Tributi, già servito da una apparecchiatura multifunzione e di una apparecchiatura multifunzione a colori per gli uffici della Polizia Municipale, ormai necessaria per l ordinaria attività della PM stessa, destinata a sostituire le stampanti a colori a getto d inchiostro in dotazione al Comando con notevoli risparmi di spesa. Entrambe le suddette apparecchiature sono state acquisite in noleggio tramite adesione alle vigenti convenzioni CONSIP. Inoltre le ultime apparecchiature sono state acquisite con contratto di noleggio a 60 mesi. Tale soluzione ha comportato un significativo risparmio di spesa rispetto alla sostituzione delle stampanti dismesse, in ragione dei ridotti costi di noleggio e di esercizio delle apparecchiature multifunzione. Le apparecchiature indicate consentono, oltre che la riproduzione, la stampa in rete da tutti gli uffici comunali e la scannerizzazione dei documenti; esse sono dislocate in numero di due per piano all interno della sede municipale. 3

4 Nel corso del triennio si prevede la seguente programmazione, volta a garantire il mantenimento del numero di apparecchiature multifunzione sopra indicato attraverso il noleggio di nuove apparecchiature in sostituzione di quelle in scadenza, risultando tale dotazione idonea rispetto alle esigenze degli uffici comunali, assumendo quale base d asta le eventuali condizioni previste dalle centrali d acquisto regionale (Intercent-ER) e/o nazionale (CONSIP), ove presenti le relative convenzioni: ANNO Tipologia apparecchiatura in scadenza Fornitura / sostituzione apparecchiatura Xerox multifunzione monocromatica (UTC); - 1 apparecchiatura Kyocera Myta multifunzione a colori (primo piano) 1 Apparecchiatura multifunzione monocromatica; 1 Apparecchiatura multifunzione colori; Sono state impartite misure organizzative volte a razionalizzare l utilizzo delle apparecchiature multifunzione per attività di stampa, privilegiandole rispetto all utilizzo delle stampanti in dotazione agli uffici, che nel tempo verranno dismesse e non sostituite, eccezion fatta per le stampanti in dotazione agli uffici a diretto contatto con il pubblico o che necessitano di particolari stampanti in relazione all attività lavorativa svolta, così da ridurre i costi generali stampa. Verranno inoltre adottate misure informative dirette all utilizzo della funzione di scannerizzazione in rete di cui tali apparecchi risultano dotate, in particolare nei casi in cui occorre inviare copie documentali a soggetti esterni all ente, in quanto tale attività consente l invio della documentazione tramite in luogo dell invio tramite fax, che comportano maggiori costi sia di invio sia per materiali di consumo e carta. FAX: L ente dispone inoltre di quattro apparecchiature fax, così dislocate, con riferimento alle quali non sono previsti interventi sostitutivi nel corso del triennio di riferimento: - 1 fax presso l ufficio Protocollo; - 1 fax presso l ufficio Tecnico comunale; - 1 fax presso l ufficio Anagrafe; - 1 fax presso il Comando di Polizia Comunale. ANNO Fax da sotituire 2014 Nessun intervento previsto 2015 Nessun intervento previsto 2016 Nessun intervento previsto DOTAZIONE SOFTWARE Oltre ai comuni software di gestione documentale (essenzialmente, pacchetto Microsoft Office), per supportare l ordinaria attività d ufficio, nonché per quanto attiene all Ufficio Tecnico comunale, di applicativi Autocad, questo Ente dispone di software gestionali nei seguenti ambiti: - Servizi Demografici; Cimiteri; Servizio Bilancio e Tributi; Servizio Controllo di Gestione; Ufficio Economato; Ufficio Edilizia Privata; SUAP; Ufficio Commercio Attività Produttive; Albo Pretorio; Ufficio Protocollo; Ufficio Delibere; Polizia Municipale. 4

5 Il Comune è inoltre dotato di applicativo SIT intersettoriale. Nel corso del triennio la dotazione software del Comune di Noceto verrà implementata come riportato nella seguente tabella, compatibilmente con le risorse di bilancio e privilegiando soluzioni in ASP: 2014 APPLICATIVO GESTIONE DOCUMENTALE Si procederà all acquisto della licenza d uso di un nuovo software documentale che consenta di riorganizzare l iter documentale (non solo delibere e determine, ma anche protocollo e gestione dei file sia interna che esterna) in modo da automatizzare i processi eliminado quanto più possibile l uso della carta e della corrispondenza ordinaria, con evidenti ripercussioni in termini di riduzione dei costi e dei tempi. La soluzione adottata dovrà prevedere inoltre la possibilità di invio dei documenti al sistema di conservazione della Regione Emilia Romagna denominato PARER, attraverso sottoscrizione di apposita convenzione. A tal fine, dovranno essere adottati applicativi la cui compatibilità con i servizi informativi regionali risulti certificata dalla Regione Emilia Romagna stessa. Al fine di ridurre le risorse economiche da destinare e l impatto sull organizzazione interna, la prima opzione che dovrà essere seguita dovrà essere quella di una implementazione delle soluzioni informatiche già in uso presso questo Comune per la gestione documentale. L applicativo dovrà essere integrato con funzioni in grado di fornire all Amministrazione report per la una gestione automatizzata della pubblicazione sul sito internet del Comune di Noceto dei dati e/o documenti richiesti dal D.Lgs. n. 33/2013. CONTRATTI ELETTRONICI L entrata in vigore delle norme in tema di contratti elettronici per gli appalti di lavori, forniture e servizi rende opportuno l acquisto della licenza d uso di un applicativo che consenta di gestire in modo automatizzato sia il procedimento di trasmissione dei contratti all agenzia delle Entrate e del Territorio, sia la conservazione dei contratti mediante successivo invio al sistema di conservazione adottato dall Ente. GESTIONE ECONOMICA E GIURIDICA DEL PERSONALE Si procederà all acquisto della licenza d uso di tale software, essendone l Ente sprovvisto. L acquisto si rende necessario per migliorare la gestione interna del personale sia dal punto di vista economico, sia dal punto di vista giuridico. Il software dovrà necessariamente integrarsi con l applicativo utilizzato per la rilevazione delle presenze, migliorando e rendendo maggiormente funzionale l attività dell Ufficio Personale APPLICATIVO GESTIONE SERVIZI DEMOGRAFICI (ANAGRAFE STATO CIVILE - ELETTORALE LEVA) L evoluzione normativa in materia, ivi compresa l attuazione dell ANPR anagrafe Nazionale Popolazione Residente a decorrere dal , salvo proroghe, e i conseguenti adempimenti richiesti nonché l esigenze di consentire il collegamento di altre PA alle banche dati anagrafiche come prescritto dalle norme vigenti, rendono necessario dotare i servizi demografici di un software applicativo rinnovato. La relativa spesa dovrebbe essere ripartita su due/tre esercizi al fine di ammortizzarne i costi Il piano della dotazione software per il triennio in oggetto non comprende evidentemente gli eventuali adeguamenti che dovessero essere imposti dall entrata in vigore di nuove norme di legge, al momento non preventivabili. Tali adeguamenti avranno in tale caso la priorità rispetto agli interventi oggetto della presente pianificazione, che potranno dunque essere attuati compatibilmente con la disponibilità di ulteriori risorse di bilancio rispetto a quelle stanziate. 5

6 TELEFONIA FISSA E MOBILE Per entrambe le tipologie di telefonia, questo Ente già da alcuni anni si avvale delle convenzioni stipulate dalle centrali di acquisto (inzialmente Consip ed ora Intercent-ER). Entrambe le convenzioni andranno in scadenza nel corso dell anno 2014 e risulta già pubblicata la nuova convenzione Intercent-Er che prevede la fornitura integrata di entrambi i servizi. L Ente ha in corso le procedure per la stipula di nuovi contratti di telefonia fissa e mobile attraverso l adesione alla convenzione Intercent-ER denominata Servizi convergenti ed integrati di trasmissione dati e voce su reti fisse e mobili, oggetto della quale sono i servizi di telefonia fissa tradizionale e VOIP, Fax Server, trasmissione dati su rete fissa o equivalente, telefonia mobile e funzioni associate, reti Private Virtuali convergenti tra rete fissa e rete mobile (e relativi profili di abilitazione), accesso ad Internet e accesso alla Intranet dell Amministrazione. TELEFONIA FISSA E TRASMISSIONE DATI: Il Comune di Noceto già a decorrere dall anno 2008 ha aderito alla convenzione Intercent-ER per la telefonia fissa, avvalendosi anche della società LEPIDA SpA di cui questo Ente è da alcuni mesi divenuto socio, attraverso l operatività della rete regionale Lepida (la rete privata a banda larga delle Pubbliche Amministrazioni in Emilia Romagna), il ricorso alla quale ha consentito l introduzione e l utilizzo della tecnologia VOIP per le telefonate alle altre P.A. della Regione Emilia Romagna che a loro volto hanno aderito alla medesima convenzione. A seguito dell adesione a tale convenzione, la società aggiudicataria del servizio di telefonia fissa - Telecom Italia Spa - ha elaborato un progetto esecutivo approvato dalla società regionale Lepida SpA, a seguito del quale questo Ente ha potuto aderire alla Convenzione per la fornitura del servizio di telefonia fissa stipulata dall Agenzia Regionale Intercent-Er con Telecom Italia Spa a condizioni estremamente vantaggiose per l Ente, con una spesa complessiva annua quantificata in sede di progetto pari a circa, oltre a 4.000,00 per l utilizzo della rete Lepida, con risparmi rilevanti rispetto alla spesa annua in precedenza sostenuta per tale servizio, pari a circa. TELEFONIA MOBILE: Anche in ambito di telefonia mobile, il Comune di Noceto ha fatto ricorso, a partire dalla loro prima attivazione, alle convenzioni Consip e Intercent-ER di volta in volta vigenti, conseguendo evidenti risparmi di spesa pur a fronte di un incremento delle utenze di telefonia mobile attivate nel tempo. Attualmente il Comune di Noceto sta aderendo alla convenzione Intercent-ER per la fornitura del Servizio di telefonia mobile 2. Il ricorso alla menzionata convenzione Intercent-ER per la telefonia mobile, associata alla possibilità di utlizzo personale mediante il sistema del dual billing, con addebito all utente delle telefonate personali effettuate anteponendo al numero chiamato l apposito codice previsto dall operatore, ha consentito una sostanziale ottimizzazione del servizio sia in termini di risparmio della spesa, sia in termini di razionalizzazione del traffico, potendosi distinguere tra il traffico aziendale, addebito all ente, e il traffico personale, che viene addebitato direttamente a ciascun dipendente assegnatario di una utenza di telefonia mobile. L assegnazione e l utilizzo delle utenze di telefonia mobile avviene sulla base dei seguenti criteri generali: L uso del telefono cellulare di servizio e di strumenti per la connettività IP da rete mobile, può essere concesso dall Amministrazione Comunale a: a) Titolari di cariche istituzionali (Sindaco, Assessori, Consiglieri); b) Responsabili, dipendenti o uffici, in base ad uno o più dei seguenti criteri: 1- Esigenze di reperibilità e pronto intervento compresi gli interventi in caso di neve e ghiaccio, per i quali è prevista l'entrata in servizio di tutto il personale tecnico, nonché personale impegnato in servizi fuori sede e/o assistenza agli impianti; 2- Personale impegnato nell ambito dei servizi di protezione civile, come individuato dalla deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 30/09/2009; 3- Particolari esigenze di comunicazione di altra natura, tra le quali servizi che non possono essere altrimenti soddisfatti con impianti di telefonia fissa e/o altri strumenti di comunicazione quali la posta elettronica da postazione permanente e esigenze di garantire la disponibilità in particolare da parte dei Responsabili dei Servizi. Al Sindaco è sempre attribuito per l espletamento delle proprie funzioni un dispositivo di telefonia mobile. Quanto ai soggetti diversi dal Sindaco, l assegnazione dei dispositivi di telefonia mobile e connettività IP sulla base degli anzidetti criteri è disposta quanto ai titolari di cariche istituzionali, dal Sindaco ed autorizzata dalla Giunta 6

7 Comunale in relazione alle funzioni svolte; quanto a Responsabili, dipendenti e uffici, è autorizzata dalla Giunta Comunale, anche previa istanza dei Responsabili di struttura competenti. Sulla base dei riportati criteri, le utenze di telefonia mobile risultano pertanto così assegnate nel triennio di riferimento: Titolari di cariche istituzionali: - Sindaco; - Assessore con delega alla Pubblica Istruzione, Cultura e Gemellaggi; - Assessore con delega a Attuazione del programma politico, Grandi Opere, Rapporti con la Frazione di Pontetaro, Rapporti con Organi ed Istituzioni Statali, Regionali e Provinciali, Sanità, Servizi Sociali, Politiche familiari, Disagio sociale ed Integrazione, Inserimenti lavorativi protetti, Verde pubblico, nonché Capogruppo di maggioranza. Responsabili, Dipendenti e Uffici Comunali: - Polizia Municipale: nr. 3 utenze non nominative (il personale di PM effettua servizi di reperibilità e comunque deve essere costante rintracciato per servizi di pronto intervento durante l attività di servizio sul territorio, dovendo essere costantemente rintracciabile); - Commissario Polizia Municipale: nr. 1 utenza personale necessaria per l espletamento delle funzioni afferenti il profilo rivestito; - UTC: nr. 6 utenze nominative a disposizione del personale tecnico impegnato in servizi di pronta reperibilità (tale numero comprende anche nr. 2 utenze assegnate al personale tecnico impegnato in servizi di protezione civile ai sensi del piano comunale di protezione civile approvato con deliberazione di C.C. n. 55/2009); - Personale operaio: nr. 4 utenze nominative. Tale personale è costantemente impegnato in servizi di pronta reperibilità e coinvolto nei casi di emergenza neve e ghiaccio sulla base del citato piano neve e ghiaccio e per servizi di protezione civile ai sensi del piano comunale di protezione civile approvato con deliberazione di C.C. n. 55/2009); - Autista scuolabus: nr. 1 utenza nominativa. L autista ha funzioni di riferimento per gli utenti del servizio, ai quali viene comunicato il numero di telefonia mobile del dipendente addetto al servizio di trasporto scolastico, deputato a ricevere anche al di fuori dell orario di lavoro qualsiasi comunicazione relativa al servizio (ad esempio, circa l assenza di un utente). Tale funzione assume particolare rilievo ove si consideri che i fruitori del trasporto sono esclusivamente minori di età (scuola dell obbligo, primaria e secondaria inferiore); - Servizi Cimiteriali: nr. 1 utenza nominativa. L assegnatario è tenuto a garantire reperibilità anche fuori dall orario di servizio; tale vincolo risulta funzionale all organizzazione delle attività relative ai Servizi Cimiteriali, non sempre programmabili durante l ordinario orario di lavoro, anche per la particolare tipologia degli eventi cui tale Servizio è correlato; - Segreteria del Sindaco: nr. 1 utenza nominativa. L asegnazione risponde alla necessità di essere costantemente rintracciabile da parte del Sindaco, per le comunicazioni attinenti all esercizio del mandato; - Assistente sociale: nr. 1 utenza nominativa, in ragione delle funzioni svolte che richiedono scambio di informazioni tra i vari servizi di rete anche al di fuori del normale orario di lavoro, così come attestato con nota prot. n /2012 del responsabile del Servizio Sociale; - Posizioni Organizzative: nr. 1 utenza nominativa per ogni dipendente appartenente all A.P.O. (esclusi il Commissario di P.M. ed il responsabile/i del/i Servizio/i Tecnico/i, già ricompresi nei punti precedenti), cui il Sindaco e l Amministrazione comunale chiedono di garantire la propria disponibilità per qualsiasi evenienza attinente i servizi di competenza. - Nr. 2 utenze non nominative, da assegnare nei casi di reperibilità e per servizi essenziali (Es: Stato Civile, nei casi di sciopero in cui devono essere garantiti i servizi minimi essenziali o in occasione di chiusura del Comune per almeno 48 ore consecutive, caso in cui l Ufficiale di Stato Civile è reperibile per l adempimento delle proprie funzioni; in occasione di elezioni, al fine di garantire il costante collegamento dei seggi posti in locali non serviti da telefonia fissa). I telefoni cellulari possono essere utilizzati soltanto per ragioni di servizio e viene fatto tassativo divieto di effettuare chiamate personali o per scopi diversi da quelli di servizio, ferma restando la facoltà di effettuare telefonate diverse da quelle di servizio secondo quanto di seguito disposto. A tal fine, l utilizzo del dispositivo aziendale di telefonia mobile da parte degli assegnatari di telefono cellulare per chiamate private o comunque diverse da quelle di servizio, usufruendo delle medesime tariffe stabilite sulla base del contratto sottoscritto tra la compagnia telefonica ed il Comune di Noceto è esclusivamente consentito in subordine all obbligo di attivazione dell opzione dual billing, in modo da distinguere le telefonate di servizio da 7

8 quelle a carattere personale; in assenza di attivazione, il dipendente non impegnato in servizi di reperibilità e/o disponibilità o comunque non vincolato all impiego del telefono anche al di fuori dell orario di lavoro (ad esempio per ragioni di protezione civile o in virtù delle funzioni rivestite), sarà tenuto a spegnere o comunque non utilizzare l apparato fino alla ripresa dell attività lavorativa. In tale caso i costi della chiamate effettuate per ragioni diverse da quelle di servizio, verranno addebitate direttamente all utilizzatore, che dovrà sottoscrivere apposito modulo di addebito da trasmettere al fornitore del servizio. In caso di mancata adesione all opzione di cui si tratta, l apparato di telefonia mobile NON potrà essere utilizzato per chiamate diverse da quelle di servizio. Il consegnatario del dispositivo di comunicazione mobile di servizio è responsabile del suo corretto utilizzo dal momento dell assegnazione fino ad eventuale revoca e/o restituzione. Ogni variazione delle norme d uso rispetto a quelle in vigore al momento della consegna sarà direttamente segnalata agli utenti. Nel caso in cui un dispositivo mobile di comunicazione sia concesso a più utilizzatori, la struttura cui è assegnato il dispositivo dovrà tenere nota degli effettivi utilizzatori per tutta la durata della concessione. Il telefono cellulare deve risultare attivo e raggiungibile, anche attraverso servizi di segreteria telefonica, se le condizioni tecniche lo consentono, nell orario individuale di servizio e in particolare, nel caso si sia intestatari di un telefono interno fisso, in tutti i momenti di assenza per esigenze di servizio dal proprio ufficio e comunque secondo le necessità o le responsabilità dell incarico, anche in accordo con il Responsabile del Servizio di appartenenza. Per quanto attiene alle misure di individuazione delle utenze di telefonia mobile, occorre considerare che unitamente ai servizi di reperibilità e pronto intervento, il personale di Polizia Municipale e il personale dell UTC (tecnici e operai) è impegnato anche in servizi di protezione civile (tanto che i relativi numeri di telefonia mobile, unitamente a quelli dei Responsabili di Struttura incaricati di Posizione Organizzativa ed in particolare del Responsabile del Servizio Sociale, sono inseriti nel piano comunale di protezione civile approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 30/09/2009 e trasmessi a tutti gli attori sovracomunali competenti in materia di protezione civile ed in particolare alla Prefettura UTG di Parma, al fine di garantire servizi di pronto intervento ogni qual volta risulti necessario intervenire in casi di emergenza) e comunque in servizi di pubblica sicurezza, con conseguente necessità di dover contattare con i mezzi più rapidi ed in qualunque luogo si trovino, tutti i soggetti coinvolti. I costi fissi per la telefonia mobile calcolati con riferimento alla Tassa di Concessione Governativa se dovuta - risultano i seguenti: - spesa per TCG annua: circa oltre alle spese di utilizzo, comunque ridotte a seguito dell adesione alle convenzioni Consip/Intercent-ER, e controllate anche in virtù dell obbligo di attivazione dell opzione dual billing, che consente l utilizzo anche a titolo personale del telefono. L Amministrazione potrà effettuare delle verifiche sui numeri chiamati al fine di accertare il corretto uso del cellulare di servizio; in ogni caso i controlli verranno effettuati quando dall esame del traffico si rileverà uno scostamento significativo della media dei consumi. In tali ipotesi, si effettueranno la verifica ed il monitoraggio del traffico mobile effettuato da ciascuna utenza rispetto a giorni e orari di presenza in servizio. Gli addebiti ricavati dalle fatture emesse dal fornitore del servizio saranno liquidati dal Responsabile del relativo PEG, per garantire le necessarie attività di monitoraggio sull utilizzo delle utenze. Il possesso del dispositivo di comunicazione mobile dà luogo alle forme di responsabilità previste dalla Legge e dai regolamenti per i consegnatari dei beni. 8

9 AUTOVETTURE E MEZZI DI SERVIZIO La normativa prevede che i piani triennali di razionalizzazione contemplino anche l analisi delle autovetture di servizio delle Amministrazioni pubbliche, verificando anche la possibilità di ricorso, previa verifica di fattibilità, a mezzi alternativi di trasporto, anche cumulativo. Il parco mezzi del Comune di Noceto è costituito da nr. trentasei automezzi (rispetto ai trentanove dello scroso anno), oltre a due biciclette elettriche; le autovetture di servizio attualmente in dotazione sono descritte nell elenco che segue: Prog. VEICOLO TARGA SERVIZIO 1 FIAT PUNTO BD 939 LF Ufficio Tecnico (Personale degli uffici) 2 PEUGEOT 306 S.W. BL 933 AM Pubblica Istruzione - Sport 3 AUTOCARRO FIAT 109/14 PR Servizio Manutenzioni (per trasporto di cose: cassone ribaltabile trilaterale) 4 AUTOCARRO IVECO OM PR Servizio Manutenzioni (per trasporto di cose: cassone ribaltabile trilaterale bianco) 5 AUTOCARRO FIAT FIORINO AM 049 KJ Servizio Manutenzioni 6 AUTOVEICOLO PER USO SPECIALE JEEP TOYOTA PR Servizio Manutenzioni 7 MACCHINA OPERATRICE SEMOVENTE CASE 580 F AA 864 Servizio Manutenzioni 8 MACCHINA OPERATRICE SEMOVENTE JOHN DEERE 1435 AC S 594 Servizio Verde Pubblico (tosaerba) 9 MACCHINA AGRICOLA SEMOVENTE+ RIMORCHIO PR Servizio Verde Pubblico MASSEY FERGUSON MF MACCHINA OPERATRICE SEMOVENTE B.C.S. (tosaerba) MI AP 560 Servizio Verde Pubblico 11 MACCHINA OPERATRICE SEMOVENTE CARRARO TIGRE (tosaerba-spandi sale o sabbiasgombraneve AA 402 Servizio Verde Pubblico rotativo- spazzatrice rotativa ) 12 AUTOCARRO APE ELETTRICO DA 536 FV Servizio Verde Pubblico 13 RIMORCHIO BERNARDI MOD.B15P MATR. B15042 YA 000 F PR Servizio Verde Pubblico 14 AUTOCARRO TRATTRICE AGRICOLA BC 904 S Servizio Verde Pubblico 15 MOTOCARRO PIAGGIO POKER M4R1T AB Servizio Verde Pubblico 16 AUTOCARRO GRECAV SPA 22TL2CAME BX820JW Servizio Verde Pubblico 17 AUTOCARRO FIAT PANDA ER044BF Servizio Ambiente 18 MOTOCARRO APE PIAGGIO PR Servizi Cimiteriali 19 AUTOCARRO APE ELETTRICO DA 535 FV Servizi Cimiteriali 20 CITROEN C5 CA 150 ZC Polizia Municipale (autovettura di servizio) 21 PEUGEOT 407 CT 047 SS Polizia Municipale (autovettura di servizio) 22 PEUGEOT 407 CY 090 XG Polizia Municipale (autovettura di servizio) 23 MOTOCICLO HONDA BC Polizia Municipale (mezzo di servizio) 24 MOTOCICLO HONDA BC Polizia Municipale (mezzo di servizio) 25 SCOOTER HONDA BK Polizia Municipale (mezzo di servizio) 26 IVECO BP 679 VC Servizio Istruzione (utilizzato per il trasporto di alunni) 27 IVECO CARVIN PR Servizio Istruzione (utilizzato per il trasporto di alunni) 9

10 28 FIAT 329 RUGGE PR Servizio Istruzione (utilizzato per il trasporto alunni) 29 IVECO CARVIN PR Servizio Istruzione (utilizzato per il trasporto disabili) 30 FIAT PUNTO ACTIVE CY 834 XJ Servizio Taxi Sociale 31 FIAT DOBLO CC 553 VZ Servizio Taxi Sociale 32 FIAT PUNTO AM 784 KL SAD 33 FIAT DUCATO DP 285 YP Centro Diurno per Anziani 34 FIAT PUNTO DP 930 YM Centro Diurno per Anziani 35 FIAT MULTIPLA (metano) DP 931 YM Uffici Comunali (a disposizione per missioni etc ) 36 FIAT PUNTO 55 PR Messo Comunale Tali misure consentiranno una razionalizzazione del parco automezzi, realizzata attraverso una significativa riduzione dello stesso possibile proprio attraverso le citate variazioni e dismissioni. Ad esclusione della autovettura Fiat Multipla a metano (nr. 35 dell elenco), che viene utilizzata da tutti i dipendenti per missioni e uscite di servizio che necessitano di automezzo, le altre autovetture (contrassegnate nell elenco dai numeri ) sono assegnate in dotazione ai vari servizi comunali, che le utilizzano per le rispettive esigenze di servizio e solo occasionalmente vengono impiegati anche da altro personale per missioni o uscite di servizio, sulla base delle norme di legge che regolano l uso delle autovetture per missioni e comunque uscite di servizio, che prevedono il ricorso al mezzo proprio come extrema ratio. La possibilità di ricorrere a mezzi collettivi di trasporto viene valutata di volta in volta per le attività da svolgersi al di fuori del territorio comunale, non esistendo servizi di TPL all interno del territorio comunale. I mezzi di trasporto pubblico vengono utilizzati per recarsi a Parma unico centro collegato a Noceto in modo adeguato da servizi di TPL, a condizione che non vi sia disponibilità di autovetture di servizio e comunque tenuto conto della compatibilità dei servizi di TPL, in termini di orario e di percorso, con le caratteristiche di ciascuna missione. Gli automezzi contrassegnati dai nr. da 3 a 16 fanno capo ai servizi manutentivi e al servizio verde pubblico e vengono utilizzati per interventi manutentivi sul patrimonio comunale realizzati da personale dipendente del Comune di Noceto. Gli automezzi assegnati ai Servizi Cimiteriali vengono utilizzati dal personale dipendente assegnato a detti Servizi. Nell ambito degli automezzi contrassegnati dai nr. da 26 a 28 (scuolabus), è utilizzato dal personale dipendente dell ente adibito al trasporto scolastico un solo automezzo; lo scuolabus comunale targa BP 679 VC è concesso in comodato d uso gratuito alla società aggiudicataria del servizio di trasporto scolastico per il periodo , che si accolla le spese gestionali e manutentive. Lo scuolabus targa PR viene mantenuto nel patrimonio comunale al fine di garantire la continuità del servizio di trasporto da parte del personale comunale nel caso di guasti al mezzo ordinariamente impiegato. L automezzo indicato al nr. 29 dell elenco viene utilizzato sia per trasporto disabili, sia come automezzo di servizio in occasione di particolari evenienze (supporto ai Servizi Elettorali). Gli autoveicoli e motoveicoli in dotazione alla Polizia Municipale sono funzionali alle attività di servizio dalla stessa P.M. svolte e sono rapportate alla dotazione organica di tale Servizio, che comprende nr. 9 unità di personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Non si prevede nell arco del triennio di riferimento l incremento del parco automezzi; eventuali sostituzioni dei mezzi indicati in elenco con nuovi saranno valutate ove necessarie, ma non sono al momento preventivate e quindi non rilevate nel presente piano. A tal fine, si intendono fatte salve sia eventuali dismissioni con modalità da valutare in relazione allo stato del mezzo degli automezzi giudicati non più rispondenti alle esigenze di questo Ente, sia eventuali interventi sostitutivi conseguenti a guasti degli automezzi la cui riparazione risulti antieconomica, anche ricorrendo a tipologie contrattuali diverse dall acquisto (es.: noleggio). 10

11 BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO O DI SERVIZIO, CON ESCLUSIONE DEI BENI INFRASTRUTTURALI I beni immobili ad uso abitativo e di servizio di proprietà del Comune di Noceto sono così costituiti: TIPOLOGIA ALLOGGIO TOT. ALLOGGI ALLOGGI E.R.P ALLOGGI COMUNALI (NON ERP) ad uso abitativo ALLOGGI DI SERVIZIO ALLOGGI IN LOCAZIONE PERMANENTE (programma alloggi in affitto) Per quanto attiene agli alloggi indicati in tabella, si osserva quanto segue. Si registra un incremento di una unità abitativa sia per quanto attiene gli alloggi ERP, sia per quanto attiene gli alloggi comunali non ERP. Nel dettaglio, l elenco degli alloggi E.R.P. è stato integrato con la previsione di un ulteriore alloggio, ossia dell alloggio esistente presso il cimitero comunale sito in Noceto capoluogo, in precedenza qualificato come alloggio di servizio, destinato ad Edilizia Residenziale Pubblica per effetto della delibera di Giunta Comunale n. 45 del anch esso assegnato in concessione ad ACER Parma. Gli alloggi comunali non ERP sono rimasti in numero di dodici unità in quanto gli stessi sono stati integrati con un nuovo alloggio, sito in frazione Costamezzana di Noceto. La gestione del patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica e degli alloggi comunali è affidata ad ACER (Azienda Casa Emilia Romagna), tramite concessione; questi ultimi sono prevalentemente destinati ad ospitare soggetti in situazione di disagio socio-economico o di emergenza abitativa Le risorse derivanti dai canoni di locazione, tenute contabilmente separate con riguardo alle due tipologie di alloggi indicate, sono reinvestite per lavori di manutenzione del patrimonio interessato, conformemente alla normativa di settore (in particolare, L.R. n. 24/2001). Gli alloggi di servizio sono i seguenti: 1. alloggio di servizio alla scuola secondaria inferiore, sita in Noceto capoluogo; 2. alloggio di servizio alla sede municipale, sita in Noceto capoluogo; 3. alloggio di servizio al CUP, sito in Noceto capoluogo; 4. alloggio di servizio al centro civico di Pontetaro di Noceto (e impianto sportivo annesso). 5. alloggio di servizio alla scuola primaria statale, sita in località Cascine di Noceto; 6. alloggio di servizio alla scuola primaria statale, sita nella frazione di Cella di Noceto; Al momento, risultano occupati gli alloggi di servizio contrassegnati dai numeri 1, 2, 3, 4, 5. Conformemente al piano di alienazione approvato dall amministrazione comunale, nel corso del triennio si prevede di procedere all alienazione degli edifici indicati ai nr.5 e 6 dell elenco (alienazione di fatto già prevista nel corso del precedente triennio ma non avvenuta per mancanza di compratori), in quanto non più adibiti alla funzione di edificio scolastico; conseguentemente, verranno dismessi i relativi alloggi di servizio. Per tale ragione tali alloggi non sono stati inseriti nella tabella degli alloggi di servizio. Gli alloggi destinati alla locazione permanente sono stati realizzati, all interno del progetto co-finanziato dalla Regione Emilia Romagna denominato alloggi in affitto, dalla società di scopo Parmabitare SCARL, partecipata anche dal Comune di Noceto. Tali alloggi risultano essere stati tutti assegnati a seguito di apposite procedure. 11

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli