REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO"

Transcript

1 REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (emanato con D.R. n , prot. n I/13 del ) I termini relativi a persone che, nel presente Regolamento, compaiono solo al maschile si riferiscono indistintamente a persone di genere femminile e maschile. Si è rinunciato a formulazioni rispettose dell identità di genere per non compromettere la leggibilità del testo e soddisfare l esigenza di semplicità dello stesso. Articolo 1 Oggetto del Regolamento 1) Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione del sistema di tutela della salute e della sicurezza presso l Università degli Studi di Foggia, in attuazione della normativa vigente ed, in particolare, delle disposizioni di cui al d.lgs n. 81 e s.m.i.. 2) Non rientrano nell oggetto del presente Regolamento la disciplina concernente la tutela della salute e della sicurezza nei laboratori didattici e di ricerca dell Università degli Studi di Foggia e la disciplina relativa alle modalità di gestione del servizio per lo smaltimento dei rifiuti dell Università degli Studi di Foggia, che restano dettate dagli specifici testi regolamentari in vigore presso l Ateneo. Articolo 2 Soggetti 1) Il sistema di tutela della salute e della sicurezza presso l Università degli Studi di Foggia, fa riferimento, secondo le rispettive attribuzioni e competenze e i rispettivi obblighi, ai seguenti soggetti: a) il Datore di Lavoro; b) il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione; c) il Medico Competente; d) il Medico Autorizzato per la Sorveglianza Medica della Radioprotezione; e) l Esperto Qualificato per la Sorveglianza Fisica della Radioprotezione; f) i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza; g) i Dirigenti; h) i Preposti; i) i Lavoratori; 1

2 j) gli Studenti. Articolo 3 Il Datore di Lavoro 1) Ai fini dell attuazione della normativa in materia, il Datore di Lavoro, per l Università degli Studi di Foggia, viene individuato nella persona del Magnifico Rettore, in quanto rappresentante legale dell Ateneo e Presidente del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione dell Istituzione universitaria medesima. 2) Il Datore di Lavoro svolge direttamente, senza alcuna delega, le seguenti funzioni: a) valutazione di tutti i rischi con la conseguente adozione dei documenti previsti dalla normativa vigente, avvalendosi della collaborazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione; b) nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione; c) nomina del Medico Competente; d) nomina del Medico Autorizzato per la Sorveglianza Medica della Radioprotezione; e) nomina dell Esperto Qualificato per la Sorveglianza Fisica della Radioprotezione; f) consultazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, avvalendosi della collaborazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. 3) Il Datore di Lavoro delega lo svolgimento delle seguenti funzioni ai Dirigenti: a) affidare i compiti ai lavoratori, tenendo conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza; b) vigilare affinché i lavoratori per i quali vige l obbligo di sorveglianza sanitaria siano adibiti alla mansione lavorativa specifica solo con il prescritto giudizio di idoneità; c) fornire ai lavoratori i necessari ed idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e il Medico Competente; d) prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; e) richiedere l osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni interne in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuali messi a loro disposizione; f) inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria e richiedere al Medico Competente l osservanza degli obblighi previsti a suo carico dalla normativa vigente; g) adottare le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; h) informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione; i) adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento, affidando il coordinamento delle attività in oggetto al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e al Medico Competente; 2

3 j) astenersi, salvo eccezione debitamente motivata da esigenze di tutela della salute e sicurezza, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato; k) consentire ai lavoratori di verificare, mediante i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, l applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; l) consegnare tempestivamente ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, su richiesta di questi e per l espletamento della loro funzione, copia del documento di valutazione dei rischi; m) verificare il rispetto dell orario di lavoro in ottemperanza alla normativa vigente; n) effettuare le comunicazioni agli Enti preposti previste dalla normativa vigente relativamente agli infortuni sul lavoro, alla radioprotezione e ai nominativi dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza; o) adempiere agli ulteriori obblighi spettanti al Datore di Lavoro non ricompresi in quelli indicati dal comma 2 del presente articolo e per i quali la normativa vigente in materia prevede la possibilità di delega. 4) La delega di cui al comma 3 del presente articolo è formalizzata in base allo specifico modello allegato al Regolamento, non esclude l obbligo di vigilanza in capo al delegante in ordine al corretto espletamento delle funzioni trasferite, obbliga il delegato a relazionare periodicamente al delegante in merito allo svolgimento delle funzioni medesime ed attribuisce al delegato la facoltà di formulare proposte ai competenti Organi dell Ateneo in merito all utilizzo delle specifiche risorse stanziate in bilancio al fine dello svolgimento delle funzioni oggetto della delega. Articolo 4 Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 1) Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali previsti dalla normativa vigente, nominata dal Datore di Lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione. 2) Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione svolge le funzioni previste dalla normativa vigente in materia. Articolo 5 Il Medico Competente 1) Il Medico Competente è persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali previsti dalla normativa vigente, nominata dal Datore di Lavoro, che collabora ai fini della valutazione dei rischi e della sorveglianza sanitaria. 2) Il Medico Competente svolge le funzioni previste dalla normativa vigente in materia. Articolo 6 Il Medico Autorizzato per la Sorveglianza Medica della Radioprotezione 1) Il Medico Autorizzato per la Sorveglianza Medica della Radioprotezione è persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali previsti dalla normativa vigente, nominata dal Datore di Lavoro, addetta alla sorveglianza medica dei soggetti esposti a radiazioni ionizzanti. 3

4 2) Il Medico Autorizzato per la Sorveglianza Medica della Radioprotezione svolge le funzioni previste dalla normativa vigente in materia. Articolo 7 L Esperto Qualificato per la Sorveglianza Fisica della Radioprotezione 1) L Esperto Qualificato per la Sorveglianza Fisica della Radioprotezione è persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali previsti dalla normativa vigente, nominata dal Datore di Lavoro, competente ad effettuare misurazioni, esami, verifiche o valutazioni di carattere fisico, tecnico o radiotossicologico, ad assicurare il corretto funzionamento dei dispositivi di protezione, a fornire tutte le altre indicazioni e a formulare provvedimenti atti a garantire la sorveglianza fisica della protezione dei lavoratori e della popolazione dalle radiazioni ionizzanti. 2) L Esperto Qualificato per la Sorveglianza Fisica della Radioprotezione svolge le funzioni previste dalla normativa vigente in materia. Articolo 8 I Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza 1) Ciascuna associazione sindacale rappresentativa, in base alla normativa vigente, nel comparto concernente le Università può designare, nell ambito del personale in servizio presso l Università degli Studi di Foggia, un Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. 2) La nomina dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza è formalizzata con decreto del Direttore Generale dell Università degli Studi di Foggia ed ha validità sino ad una nuova designazione da parte delle associazioni sindacali indicate al comma 1 del presente articolo. 3) I Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza sono titolari delle prerogative e svolgono le funzioni previste dalla normativa vigente in materia. Articolo 9 I Dirigenti 1) Ai fini dell attuazione della normativa in materia, i Dirigenti, per l Università degli Studi di Foggia, vengono individuati nel personale con qualifica dirigenziale, con funzioni riguardanti le strutture dell Amministrazione centrale rientranti nei settori di propria competenza, nel Direttore Generale, con funzioni riguardanti le strutture dell Amministrazione centrale eventualmente non rientranti nei settori di competenza del personale con qualifica dirigenziale, e nei Direttori dei Dipartimenti dell Ateneo, con funzioni riguardanti le strutture degli specifici Dipartimenti diretti. 2) I Dirigenti organizzano l attività lavorativa e vigilano su di essa svolgendo le funzioni in tema di tutela della salute e di sicurezza nei luoghi di lavoro delegate dal Datore di Lavoro ed indicate al comma 3 dell articolo 3 del presente Regolamento nonché le ulteriori funzioni previste dalla normativa vigente in materia. 3) Previa intesa con il Datore di Lavoro, i Dirigenti possono, a loro volta, delegare, con atto scritto, lo svolgimento di specifiche funzioni, proprie o rivenienti dalla delega di cui al comma 3 dell articolo 3 del presente Regolamento, ai Preposti o ai Lavoratori, che accettano sempre in forma scritta, fermo restando che la delega in questione non esclude l obbligo di vigilanza in capo al delegante in ordine al corretto espletamento delle funzioni trasferite, obbliga il delegato a relazionare periodicamente al delegante in merito allo svolgimento delle funzioni medesime ed attribuisce al 4

5 delegato la facoltà di formulare proposte ai competenti Organi dell Ateneo in merito all utilizzo delle specifiche risorse stanziate in bilancio al fine dello svolgimento delle funzioni oggetto della delega. 4) È esclusa l ulteriore delega delle funzioni di cui al comma 3 del presente articolo da parte dei soggetti delegati. Articolo 10 I Preposti 1) Ai fini dell attuazione della normativa in materia, i Preposti, per l Università degli Studi di Foggia, vengono individuati nei responsabili delle aree amministrative dell Amministrazione centrale e nei coordinatori amministrativi dei Dipartimenti. 2) I Preposti sovrintendono alle attività lavorative, garantiscono l attuazione delle direttive ricevute in tema di tutela della salute e di sicurezza nei luoghi di lavoro, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa, nonché svolgono le funzioni eventualmente loro delegate dai Dirigenti secondo quanto previsto dal comma 3 dell articolo 9 del presente Regolamento e le ulteriori funzioni previste dalla normativa vigente in materia. Articolo 11 I Lavoratori 1) Ai fini dell attuazione della normativa in materia, i Lavoratori, per l Università degli Studi di Foggia, vengono individuati nelle persone che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolgono un attività lavorativa nell ambito dell Ateneo. 2) I Lavoratori devono prendersi cura della propria salute e della propria sicurezza e della salute e della sicurezza delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle proprie azioni od omissioni, conformemente alla propria formazione, alle istruzioni e ai mezzi loro forniti, nonché svolgono le funzioni eventualmente loro delegate dai Dirigenti secondo quanto previsto dal comma 3 dell articolo 9 del presente Regolamento e le ulteriori funzioni previste dalla normativa vigente in materia. Articolo 12 Gli Studenti 1) Gli studenti che frequentano le strutture dell Università degli Studi di Foggia devono attenersi alle disposizioni in merito alla tutela della salute e della sicurezza operanti presso l Ateneo. Articolo 13 Gestione delle emergenze 1) La gestione delle emergenze nell ambito delle strutture dell Università degli Studi di Foggia avviene in base alle disposizioni normative vigenti in materia nonché in base allo specifico assetto organizzativo definito dai soggetti competenti in merito. 5

6 ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Delega di funzioni, da parte del Datore di Lavoro, ai Dirigenti, in attuazione dei commi 3 e 4 dell articolo 3 del Regolamento di Ateneo in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Il/la sottoscritto/a, in qualità di Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Foggia nonché in qualità di Datore di Lavoro, ai fini dell attuazione della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, con il presente atto, ai sensi dei commi 3 e 4 dell articolo 3 del Regolamento di Ateneo in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, DELEGA il/la prof./dott./prof.ssa/dott.ssa, in qualità di Dirigente, ai fini dell attuazione della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ed in rapporto a quanto previsto dall articolo 9 del Regolamento di Ateneo in oggetto, allo svolgimento delle seguenti funzioni: a) affidare i compiti ai lavoratori, tenendo conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza; b) vigilare affinché i lavoratori per i quali vige l obbligo di sorveglianza sanitaria siano adibiti alla mansione lavorativa specifica solo con il prescritto giudizio di idoneità; c) fornire ai lavoratori i necessari ed idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e il Medico Competente; d) prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; e) richiedere l osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni interne in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuali messi a loro disposizione; f) inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria e richiedere al Medico Competente l osservanza degli obblighi previsti a suo carico dalla normativa vigente; g) adottare le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; h) informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione; 6

7 i) adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento, affidando il coordinamento delle attività in oggetto al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e al Medico Competente; j) astenersi, salvo eccezione debitamente motivata da esigenze di tutela della salute e sicurezza, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato; k) consentire ai lavoratori di verificare, mediante i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, l applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; l) consegnare tempestivamente ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, su richiesta di questi e per l espletamento della loro funzione, copia del documento di valutazione dei rischi; m) verificare il rispetto dell orario di lavoro in ottemperanza alla normativa vigente; n) effettuare le comunicazioni agli Enti preposti previste dalla normativa vigente relativamente agli infortuni sul lavoro, alla radioprotezione e ai nominativi dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza; o) adempiere agli ulteriori obblighi spettanti al Datore di Lavoro non ricompresi in quelli indicati dal comma 2 dell articolo 3 del Regolamento di Ateneo in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e per i quali la normativa vigente in materia prevede la possibilità di delega. Foggia / / Il Rettore Il/la sottoscritto/a prof./dott./prof.ssa/dott.ssa, in qualità di Dirigente, ai fini dell attuazione della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ed in rapporto a quanto previsto dall articolo 9 del Regolamento di Ateneo in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, dopo aver preso visione del testo regolamentare in oggetto, accetta liberamente la delega di cui al presente atto. Foggia / / Firma per accettazione 7

DATORE DI LAVORO. Art. 2 comma 1 lett. b)

DATORE DI LAVORO. Art. 2 comma 1 lett. b) DATORE DI LAVORO Art. 2 comma 1 lett. b) Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l assetto dell organizzazione nel cui ambito il lavoratore

Dettagli

Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ACCONCIATORI ESTETISTI TATUATORI BODY PIERCING LUOGO DI LAVORO dott. Roman Sisto Scarselletta geom. Guido Barba Tecnici della Prevenzione Bussana 30/11/2015

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 75 DEL Delega alla Dott. Paolo Loddo di funzioni ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Il Direttore Generale

DETERMINAZIONE N. 75 DEL Delega alla Dott. Paolo Loddo di funzioni ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Il Direttore Generale Direzione Generale DETERMINAZIONE N. 75 DEL 30.08.2013 Oggetto: Delega alla Dott. Paolo Loddo di funzioni ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Il Direttore Generale lo statuto dell Ente Foreste della Sardegna;

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA. ex D.Lgs. 81/2008 art.37

CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA. ex D.Lgs. 81/2008 art.37 CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA ex D.Lgs. 81/2008 art.37 1 L organizzazione della prevenzione aziendale 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 I modelli

Dettagli

L importanza delle prescrizioni derivanti dalla valutazione dei rischi

L importanza delle prescrizioni derivanti dalla valutazione dei rischi L importanza delle prescrizioni derivanti dalla valutazione dei rischi Lucca 10 0ttobre 2008 relatore Roberto Iacometti Art. 2 comma 1 let. q) D.Lgs 81/08 : valutazione globale

Dettagli

con o senza retribuzione

con o senza retribuzione lavoratore Persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un attività lavorativa nell ambito dell organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione,

Dettagli

Art. 18. Obblighi del datore di lavoro e del dirigente

Art. 18. Obblighi del datore di lavoro e del dirigente Pagina 1 di 6 Leggi d'italia D.Lgs. 9-4-2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Pubblicato nella

Dettagli

26_Allegato 1 - Modello A del CCNL

26_Allegato 1 - Modello A del CCNL 26_Allegato 1 - Modello A del CCNL ALLEGATO 1 Modello A Obblighi previsti dalla legge in materia di Igiene e Sicurezza sul Lavoro inerenti la somministrazione di lavoro Nota informativa

Dettagli

ALLEGATI: - Elenco Addetti e numeri telefonici di emergenza. - Planimetrie Edificio. - Comportamento in caso di terremoto

ALLEGATI: - Elenco Addetti e numeri telefonici di emergenza. - Planimetrie Edificio. - Comportamento in caso di terremoto ALLEGATI: - Elenco Addetti e numeri telefonici di emergenza - Planimetrie Edificio - Pianta schematica edificio - TAV. 1 planimetria Piano Terra - TAV. 2 planimetria Piano Primo - TAV. 3 planimetria Piano

Dettagli

INTRODUZIONE AL CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA A RISCHIO D INCIDENTE RILEVANTE

INTRODUZIONE AL CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA A RISCHIO D INCIDENTE RILEVANTE INTRODUZIONE AL CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA A RISCHIO D INCIDENTE RILEVANTE Il Decreto Legislativo 81/2008 prescrive le misure finalizzate alla tutela della salute e alla sicurezza dei lavoratori

Dettagli

Cenni Storici. Il Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i. Cenni Storici. Cenni Storici. Principi generali

Cenni Storici. Il Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i. Cenni Storici. Cenni Storici. Principi generali Il Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i. Principi generali Dott. Ing. Trimarchi Luigi INAIL Dir. Reg. Emilia Romagna Bologna 12 ottobre 2010 Cenni Storici La normativa italiana si è evoluta nel tempo;

Dettagli

Figure aziendali. www.si-web.it 1

Figure aziendali. www.si-web.it 1 Figure aziendali Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali, ciò nonostante quanto predisposto

Dettagli

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Da utilizzare per : la nomina del Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, la delega per Dirigenti e preposti : la designazione degli

Dettagli

ALLEGATO 1 Modello A

ALLEGATO 1 Modello A ALLEGATO 1 Modello A Obblighi previsti dalla legge in materia di Igiene e Sicurezza sul Lavoro inerenti la somministrazione di lavoro Nota informativa ai sensi dell art. 22, comma 7 del CCNL per la categoria

Dettagli

INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI

INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI ASPP: gli addetti al servizio di prevenzione e protezione vengono designati dal Dirigente scolastico, sentito il RLS, tenendo conto delle dimensioni della scuola e della struttura

Dettagli

TESTO UNICO IN MATERIA DI SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. Articolo 17 - Obblighi del datore di lavoro non delegabili

TESTO UNICO IN MATERIA DI SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. Articolo 17 - Obblighi del datore di lavoro non delegabili SEZIONE I - MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Articolo 17 - Obblighi del datore di lavoro non delegabili Articolo 18 - Obblighi del datore di lavoro e del dirigente Articolo 19 - Obblighi del preposto Articolo

Dettagli

Dalla prevenzione oggettiva alla prevenzione soggettiva. La Comunicazione. e D.Lgs. 81/2008. La comunicazione nel Decreto Legislativo 81/2008

Dalla prevenzione oggettiva alla prevenzione soggettiva. La Comunicazione. e D.Lgs. 81/2008. La comunicazione nel Decreto Legislativo 81/2008 Comunicazione e D.Lgs. 81/2008 Durata: 05 23 La Comunicazione nella D. Lgs. 81/08 dott. Giulio Regosa professionista in comunicazione della salute e sicurezza sul lavoro Dalla prevenzione oggettiva alla

Dettagli

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DURATA: 08 10 1/09 Qualora il lavoratore risulti INIDONEO ad una mansione specifica il datore di lavoro adibisce il lavoraotre, ove possibile ad altra mansione

Dettagli

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Anno

Dettagli

Decreto n prot IL RETTORE

Decreto n prot IL RETTORE Decreto n. 121.17 prot. 6793 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto il D.M. 5 agosto 1998, n. 363 Regolamento recante norme per l individuazione delle particolari esigenze delle

Dettagli

Il testo unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs(

Il testo unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs( Il testo unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs( D.Lgs.. 81/08) e il regolamento consortile per l assegnazione l e l esecuzione l dei contratti 17 settembre 2008 Palazzo della Cultura

Dettagli

prof. arch. Nicodemo Mazzone 22/01/2016 Anno Scolastico 2015/2016 D.S. prof. ing. Antonino Morfea

prof. arch. Nicodemo Mazzone 22/01/2016 Anno Scolastico 2015/2016 D.S. prof. ing. Antonino Morfea Anno Scolastico 2015/2016 D.S. prof. ing. Antonino Morfea D.l.g. 81/2008-106/2009 e successive integrazioni e correzioni D.M. 2012 D.L. 107/2015 Novità figure 6 Corso di aggiornamento e formazione sulle

Dettagli

D.Lgs. 626/94: la legislazione è attenta verso una prevenzione che tiene conto dei comportamenti da adottare.

D.Lgs. 626/94: la legislazione è attenta verso una prevenzione che tiene conto dei comportamenti da adottare. FORMAZIONE PREPOSTI UN PO DI STORIA Anni 50: la legislazione è orientata verso una prevenzione tecnologica. D.Lgs. 626/94: la legislazione è attenta verso una prevenzione che tiene conto dei comportamenti

Dettagli

Figure coinvolte nella gestione della sicurezza. Cominciamo dalle figure generiche, ovvero senza specifici compiti di gestione della sicurezza

Figure coinvolte nella gestione della sicurezza. Cominciamo dalle figure generiche, ovvero senza specifici compiti di gestione della sicurezza Figure coinvolte nella gestione della sicurezza Già il D.Lgs. 626/94 prevedeva precise misure organizzative L impostazione è stata confermata dal D.Lgs. 81/08 Analisi delle particolarità dell applicazione

Dettagli

Sicurezza sul lavoro. Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale. Opuscolo informativo Sicurezza negli uffici

Sicurezza sul lavoro. Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale. Opuscolo informativo Sicurezza negli uffici Sicurezza sul lavoro Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale Opuscolo informativo Sicurezza negli uffici PREFAZIONE La normativa che regola l igiene e la sicurezza sul lavoro è oggettivamente

Dettagli

IL DLgs 81/08: QUALI OBBLIGHI? leo morisi

IL DLgs 81/08: QUALI OBBLIGHI? leo morisi IL DLgs 81/08: QUALI OBBLIGHI? leo morisi 1 Struttura Il DLgs 81/08 è composto da 305 articoli, 51 allegati + di 20 decreti o linee guida o regolamenti delegati Abroga: Il DPR 547/55 Il DPR 164/56 Il DPR

Dettagli

Le responsabilità e gli obblighi delle figure della prevenzione nel D.Lgs. n.81/2008 mod. dal D.Lgs. n.106/2009

Le responsabilità e gli obblighi delle figure della prevenzione nel D.Lgs. n.81/2008 mod. dal D.Lgs. n.106/2009 Le responsabilità e gli obblighi delle figure della prevenzione nel D.Lgs. n.81/2008 mod. dal D.Lgs. n.106/2009 Franco Sarto Direttore SPISAL ULSS 16 Quadro legislativo Legislazione comunitaria Legislazione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZIO SANITARIO A.S.L. N 4 LANUSEI REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Pagina 1 di 17 A seguito

Dettagli

La delega di funzioni nel sistema della prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali.

La delega di funzioni nel sistema della prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali. La delega di funzioni nel sistema della prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali. Dr. Marco Peraro Sostituto Procuratore della Repubblica Padova 1 Indice degli argomenti 1)

Dettagli

IL MANUALE DEL PREPOSTO

IL MANUALE DEL PREPOSTO IL MANUALE DEL PREPOSTO D. Lgs. 81/2008e s.m.i. 1 Compiti e responsabilità dei Preposti I Preposti hanno il compito fondamentale di verificare la concreta attuazione delle procedure comportamentali svolte

Dettagli

Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81

Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. (Gazzetta Ufficiale n. 101

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo - Situazione dal 01/10/2012

Università degli Studi di Bergamo - Situazione dal 01/10/2012 Università degli Studi di Bergamo - Situazione fino al 30/09/2012 Datori di Lavoro art 2 comma b) D. Lgs 81/2008 Servizio di Prevenzione e Direttore Amministrativo Medico competente Esperti qualificati

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVI 81/2008 e 106/2009

DECRETO LEGISLATIVI 81/2008 e 106/2009 DECRETO LEGISLATIVI 81/2008 e 106/2009 CAMPO D APPLICAZIONE DEFINIZIONI MODULO A2 1 CAMPO DI APPLICAZIONE (Art.3): TUTTI I SETTORI DI ATTIVITÀ, PRIVATI E PUBBLICI, E TUTTE LE TIPOLOGIE DI RISCHIO (c.1).

Dettagli

Compiti e ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Compiti e ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Corso di In-formazione per lavoratori All interno dell I.N.G.V. Osservatorio Vesuviano 15-Giuno-2016 Riferimenti Normativi Articolo 2 - Definizioni Compiti e ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per

Dettagli

IL PREPOSTO NEL TESTO UNICO. La formazione del preposto

IL PREPOSTO NEL TESTO UNICO. La formazione del preposto Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole IL PREPOSTO NEL TESTO UNICO Mat 01 La formazione del preposto Revisione 01 15.03.2010 1 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA (soggetti destinatari

Dettagli

D Lgs 81/2008. Evoluzione legislativa 04/05/2014. assicurazione. Anni 30 nascita dell INAIL. Legislazione prescrittiva DPR 547/1955 DPR 303/1956

D Lgs 81/2008. Evoluzione legislativa 04/05/2014. assicurazione. Anni 30 nascita dell INAIL. Legislazione prescrittiva DPR 547/1955 DPR 303/1956 Corso Base per Operatori Volontari A1 01 Pubblicazione 05/2014 revisione D. Lgs. 81/2008 1 Evoluzione legislativa Normativa sui luoghi di lavoro Normativa sulla Protezione Civile assicurazione Anni 30

Dettagli

SICUREZZA NELLA SCUOLA. Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza dei Lavoratori Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81

SICUREZZA NELLA SCUOLA. Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza dei Lavoratori Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 SICUREZZA NELLA SCUOLA Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza dei Lavoratori Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 ARTICOLO 2 - DEFINIZIONI 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui

Dettagli

presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza

presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di formazione specifica per il personale dipendente ed equiparato addetto ai laboratori biochimici Rischi specifici connessi alla mansione e misure di prevenzione e protezione Assetto organizzativo

Dettagli

ALLEGATO B. Rende disponibili le risorse necessarie all attuazione delle misure di igiene e sicurezza del lavoro

ALLEGATO B. Rende disponibili le risorse necessarie all attuazione delle misure di igiene e sicurezza del lavoro ALLEGATO B DATORE DI LAVORO è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, quel soggetto che, secondo il tipo e l organizzazione dell impresa, ha la responsabilità della stessa

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE LUGLIO 2008 INDICE GENERALE TITOLO I - La politica di sicurezza e prevenzione della CRI... 3 CAPO I - L Organizzazione della sicurezza

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GENERALE DEI LAVORATORI Accordo Stato Regioni n. 221 del 21 dicembre

CORSO DI FORMAZIONE GENERALE DEI LAVORATORI Accordo Stato Regioni n. 221 del 21 dicembre CORSO DI FORMAZIONE GENERALE DEI LAVORATORI Accordo Stato Regioni n. 221 del 21 dicembre 2011 www.webglobalservice.com Primi strumenti normativi DPR 547/55 Il principio partecipativo dei lavoratori e del

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA PER LA DELEGA DELLE FUNZIONI DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

SCRITTURA PRIVATA PER LA DELEGA DELLE FUNZIONI DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SCRITTURA PRIVATA PER LA DELEGA DELLE FUNZIONI DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il sottoscritto nato a.. il, C.F., in qualità di e legale rappresentante pro tempore dell IRCAC -

Dettagli

La normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Gli obblighi di dirigenti e preposti

La normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Gli obblighi di dirigenti e preposti La normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Gli obblighi di dirigenti e preposti Modena, 30 gennaio 2009 Davide Ferrari Az.USL di Modena (da.ferrari@ausl.mo.it) Lavorare per

Dettagli

MANSIONARIO DELLA SICUREZZA

MANSIONARIO DELLA SICUREZZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Scuole Primarie e Secondarie di 1 grado di Olgiate M. e Calco Viale Sommi Picenardi - 23887 Olgiate Molgora (LC)

Dettagli

15/04/2014 DATORE DI LAVORO DITTE ESTERNE. Il Sistema Sicurezza. SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Titolo modulo DIRIGENTI PREPOSTI

15/04/2014 DATORE DI LAVORO DITTE ESTERNE. Il Sistema Sicurezza. SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Titolo modulo DIRIGENTI PREPOSTI Corsodi formazione SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Titolo modulo Il Sistema Sicurezza 1 I I TEMI TEMI TRATTATI TRATTATI OGGI OGGI Il sistema sicurezza I componenti del sistema sicurezza I loro

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Servizio Sanitario Regionale Basilicata NUMERO 2014/00355 DEL 07/07/2014 Collegio Sindacale il 07/07/2014 Controllo preventivo regionale il OGGETTO Regolamento di organizzazione

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Disposizione Operativa Generale N 3 ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI RISCHI DA LAVORO VERSIONE DATA DI EMISSIONE PREPARATA DA APPROVATA DA 00 25

Dettagli

Regolamento concernente la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro

Regolamento concernente la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro Regolamento concernente la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro INDICE Premessa... 2 Fonti Normative... 2 Elementi organizzativi... 2 Le figure della sicurezza... 2 Art. 1 Datore di Lavoro (DL)...

Dettagli

Normativa in tema di Sicurezza sui luoghi di lavoro

Normativa in tema di Sicurezza sui luoghi di lavoro Normativa in tema di Sicurezza sui luoghi di lavoro L esigenza nasce da ragioni di carattere: Perché la Sicurezza? ETICO ECONOMICO OBBLIGHI CONTRATTUALI OBBLIGHI LEGISLATIVI Gli obiettivi finali della

Dettagli

La sorveglianza sanitaria: cosa dice la norma, cosa succede nella applicazione concreta.

La sorveglianza sanitaria: cosa dice la norma, cosa succede nella applicazione concreta. Dott.ssa T. Vai Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro - ASL Milano La sorveglianza sanitaria: cosa dice la norma, cosa succede nella applicazione concreta. Assemblea Regionale RLS FILCAMS Milano

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO REALIZZATA DA: DE SANCTIS, FEROCINO, COSTACHE E MARE CLASSE 3A ANNO SCOLASTICO 2016/2017 CLASSE

SICUREZZA SUL LAVORO REALIZZATA DA: DE SANCTIS, FEROCINO, COSTACHE E MARE CLASSE 3A ANNO SCOLASTICO 2016/2017 CLASSE SICUREZZA SUL LAVORO REALIZZATA DA: DE SANCTIS, FEROCINO, COSTACHE E MARE CLASSE 3A ANNO SCOLASTICO 2016/2017 CLASSE LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nel luogo di lavoro è la tutela e la prevenzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Il Rettore. OGGETTO: Emanazione del Regolamento per la gestione dei rifiuti speciali pericolosi.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Il Rettore. OGGETTO: Emanazione del Regolamento per la gestione dei rifiuti speciali pericolosi. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Il Rettore DECRETO del Rettore n. 3353 del 05/10/2016 OGGETTO: Emanazione del Regolamento per la gestione dei rifiuti speciali pericolosi. IL RETTORE Vista la Legge 9.05.1989,

Dettagli

Repertorio n. 401/2017 Prot. n in data 26/05/2017 IL RETTORE

Repertorio n. 401/2017 Prot. n in data 26/05/2017 IL RETTORE UNITÀ DI PROCESSO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Repertorio n. 401/2017 Prot. n. 79162 in data 26/05/2017 IL RETTORE Visto il Decreto rettorale, 7 aprile 2016, n. 307 prot. 50887, regolamento di ateneo

Dettagli

2. Il datore di lavoro fornisce al servizio di prevenzione e protezione ed al medico competente informazioni in merito a:

2. Il datore di lavoro fornisce al servizio di prevenzione e protezione ed al medico competente informazioni in merito a: Articolo 18 - Obblighi del datore di lavoro e del dirigente 1. Il datore di lavoro, che esercita le attività di cui all articolo 3, e i dirigenti, che organizzano e dirigono le stesse attività secondo

Dettagli

Adempimenti obbligatori per studi medici e odontoiatrici

Adempimenti obbligatori per studi medici e odontoiatrici Università di Asti 11 maggio 2013 Adempimenti obbligatori per studi medici e odontoiatrici D.Lgs 81/2008 DVR RSPP - RLS Collaboratori di studio medico e odontoiatrico Relatore: Dott. Ing. Francesco Carbone

Dettagli

FORMAZIONE BASE PER PREPOSTI, CAPICANTIERE E CAPISQUADRA. (Ai sensi del D.Lgs. 81/08 art.37, c.7)

FORMAZIONE BASE PER PREPOSTI, CAPICANTIERE E CAPISQUADRA. (Ai sensi del D.Lgs. 81/08 art.37, c.7) FORMAZIONE BASE PER PREPOSTI, CAPICANTIERE E CAPISQUADRA (Ai sensi del D.Lgs. 81/08 art.37, c.7) Il concetto di preposto?! Dal punto di vista normativo: non si riferisce ad una specifica qualifica e mansione

Dettagli

E LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI E DEGLI IMPIANTI

E LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI E DEGLI IMPIANTI Il D.Lgs. 81/2008 il D.Lgs. 106/2009, le Norme Europee E LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI E DEGLI IMPIANTI Vincenzo Ventimigla IL D.LGS. 81/2008, il D.Lgs. 106/2009 e le attrezzature

Dettagli

MANUALE INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA

MANUALE INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna MANUALE INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA Premessa Il decreto D.Leg.vo 81/2008 rappresenta, oltre che una pietra miliare nel

Dettagli

La normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Davide Ferrari Az.USL di Modena Danni da lavoro

La normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Davide Ferrari Az.USL di Modena Danni da lavoro La normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro Davide Ferrari Az.USL di Modena (da.ferrari@ausl.mo.it) Danni da lavoro Infortuni sul lavoro Malattie professionali 1 Infortunio sul

Dettagli

Collana MultiCompact. Sicurezza, qualità e privacy DVR

Collana MultiCompact. Sicurezza, qualità e privacy DVR SOFTWARE Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy DVR Redazione del Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. n. 81/2008 con il software Blumatica Lavoro Lt Seconda edizione Aggiornata

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE D.LGS 81/08 PRESCRIZIONI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA IN AMBIENTE DI LAVORO ATTO DI INDIRIZZO

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE D.LGS 81/08 PRESCRIZIONI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA IN AMBIENTE DI LAVORO ATTO DI INDIRIZZO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari ai sensi dell'art. 125 D.Lgs. 267/2000 il 19/04/2016 Nr. Prot. 1612 Affissa all'albo

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO PER LA SICUREZZA MEDICO COMPETENTE TITOLI REQUISITI NOMINA MODALITA DI ESERCIZIO OBBLIGHI COMPITI

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO PER LA SICUREZZA MEDICO COMPETENTE TITOLI REQUISITI NOMINA MODALITA DI ESERCIZIO OBBLIGHI COMPITI C P R P D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO PER LA SICUREZZA MEDICO COMPETENTE TITOLI REQUISITI NOMINA MODALITA DI ESERCIZIO OBBLIGHI COMPITI Ai sensi dell art. 2, comma 2, lett. h) del D.Lgs. 81/08 (TESTO UNICO

Dettagli

Decreto Legislativo 81/2008 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Decreto Legislativo 81/2008 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Decreto Legislativo 81/2008 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Articolo 2 - Definizioni 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si intende

Dettagli

2015 Committente: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO art.100 del D.Lgs 81/2008. Comune di Laterina Via Trento 21, Arezzo

2015 Committente: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO art.100 del D.Lgs 81/2008. Comune di Laterina Via Trento 21, Arezzo 2015 Committente: Comune di Laterina Via Trento 21, 52020 - Arezzo STRALCIO A : REALIZZAZIONE DI MARCIAPEDE E FOGNATURA LUNGO VIA ROMA RIALZAMENTO DELL ATTUALE PARAPETTO E NUOVA ILLUMINAZIONE PIANO DI

Dettagli

CONTRATTI D APPALTO / D OPERA - ART. 26 DEL D.LGS N. 81/2008 E S.M.I

CONTRATTI D APPALTO / D OPERA - ART. 26 DEL D.LGS N. 81/2008 E S.M.I CONTRATTI D APPALTO / D OPERA - ART. 26 DEL D.LGS N. 81/2008 E S.M.I OBBLIGHI DEL COMMITTENTE Elenco dei documenti da richiedere all impresa esecutrice o al lavoratore autonomo in caso di contratti d appalto

Dettagli

FAC-SIMILE PROCEDURA GESTIONE E CONTROLLO UTILIZZO DPI

FAC-SIMILE PROCEDURA GESTIONE E CONTROLLO UTILIZZO DPI FAC-SIMILE PROCEDURA GESTIONE E CONTROLLO UTILIZZO DPI 1. SCOPO Lo scopo della presente procedura è definire modalità e responsabilità per la distribuzione, la gestione, l uso e la vigilanza in merito

Dettagli

SOGGETTI DEL SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALE SECONDO IL D.LGS. 81/08

SOGGETTI DEL SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALE SECONDO IL D.LGS. 81/08 SOGGETTI DEL SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALE SECONDO IL D.LGS. 81/08 Compiti, obblighi, responsabilità e tutela assicurativa I soggetti del sistema di prevenzione aziendale Datore di lavoro Dirigente

Dettagli

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV D.Lgs 81/08 e s.m. e integrazioni Il decreto ha lo scopo di riorganizzare la

Dettagli

Quiz "Corso RSPP MODULO III E MODULO IV"

Quiz Corso RSPP MODULO III E MODULO IV Nome Cognome Data e Luogo nascita Codice fiscale Doc. di Riconoscimento [ ] Patente [ ] Carta d'identità [ ] Passaporto N Quiz "Corso RSPP MODULO III E MODULO IV" Barrare con una X la risposta che si ritiene

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI La normativa. Maurizio Cappai gennaio 2013

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI La normativa. Maurizio Cappai gennaio 2013 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI La normativa Maurizio Cappai gennaio 2013 Oggi: La normativa (4 ore) Il quadro normativo in materia di sicurezza dei lavoratori e le responsabilità civili e penali Organi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DIDATTICA DI ATENEO DELLʹUNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA ʺLA SAPIENZAʺ

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DIDATTICA DI ATENEO DELLʹUNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA ʺLA SAPIENZAʺ REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DIDATTICA DI ATENEO DELLʹUNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA ʺLA SAPIENZAʺ ART. 1 Ambito di applicazione del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina la composizione,

Dettagli

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Enti preposti al controllo: ASL Azienda USL (Unità funzionali

Dettagli

Corso di formazione. Per RLS ed ASPP

Corso di formazione. Per RLS ed ASPP Corso di formazione Per RLS ed ASPP INTRODUZIONE Dal 27 gennaio 2012 sono entrati in vigore gli Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 dell 11 gennaio 2012,

Dettagli

- R.L.S. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.) -RUOLO - ATTRIBUZIONI COMPITI - NEL SISTEMA SICUREZZA

- R.L.S. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.) -RUOLO - ATTRIBUZIONI COMPITI - NEL SISTEMA SICUREZZA C P R P - R.L.S. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.) -RUOLO - ATTRIBUZIONI COMPITI - NEL SISTEMA SICUREZZA Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.)

Dettagli

Analizziamo le responsabilità che contraddistinguono ogni singolo ruolo 16/01/2017 DATORE DI LAVORO DITTE ESTERNE

Analizziamo le responsabilità che contraddistinguono ogni singolo ruolo 16/01/2017 DATORE DI LAVORO DITTE ESTERNE Corso di formazione SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Titolo modulo IL SISTEMA SICUREZZA I I TEMI TEMI TRATTATI TRATTATI OGGI OGGI Il sistema sicurezza I componenti del sistema sicurezza I loro

Dettagli

DELEGA DI FUNZIONI Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16

DELEGA DI FUNZIONI Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 16.20.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 il datore di lavoro è il principale destinatario delle norme antinfortunistiche, il quale ha il preciso dovere di informarsi e documentarsi sulle

Dettagli

SQUADRA DI SICUREZZA PER L EMERGENZA

SQUADRA DI SICUREZZA PER L EMERGENZA Riferimenti legislativi: - D.lgs 9 aprile 2008, n. 81 - D. lgs 3 agosto 2009, n. 106 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Attuazione dell articolo 1 della Legge 3 agosto 2007, n. 123 in materia

Dettagli

Decreto Legislativo 81/2008

Decreto Legislativo 81/2008 Decreto Legislativo 81/2008 Introduzione Il DLvo 81, naturale evoluzione della precedente normativa di sicurezza (principalmente individuabile nel DPR 547/55 e nel DLvo 626/94), indica le misure finalizzate

Dettagli

Settore Risorse umane, finanziarie, patrimoniali e servizi di supporto ********* DECRETO PRESIDENZIALE

Settore Risorse umane, finanziarie, patrimoniali e servizi di supporto ********* DECRETO PRESIDENZIALE PROVINCIA DI PIACENZA Settore Risorse umane, finanziarie, patrimoniali e servizi di supporto ********* DECRETO PRESIDENZIALE Proposta n. STRISORS 2414/2014 Decreto n. 41 del 10/10/2014 Oggetto: D.LGS 81/2008.

Dettagli

DELEGA DI FUNZIONI. ex articolo 16 del D.lgs. 81 del 2008

DELEGA DI FUNZIONI. ex articolo 16 del D.lgs. 81 del 2008 DELEGA DI FUNZIONI ex articolo 16 del D.lgs. 81 del 2008 Visto l'articolo 16 del Decreto legislativo 9 aprile 2008 n 81 (il D.lgs. n 81 del 2008), ai sensi del quale la delega di funzioni da parte del

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Università degli Studi di Roma LA SAPIENZA Amministrazione Centrale Disposizione n. 104/2015 UFFICIO SVILUPPO RISORSE UMANE Settore Pianificazione, gestione risorse e mobilità prot. n. 0003004 del 20/01/2015

Dettagli

SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO

SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUD I DI PAVIA SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Emanato con D.R. n. 2256-2015 del 2 novembre 2015 INDICE SOMMARIO

Dettagli

IMPIANTO DI POTABILIZZAZIONE INDICE STRUTTURA

IMPIANTO DI POTABILIZZAZIONE INDICE STRUTTURA DVR CIPNES IMP. POTABILIZZAZIONE IMPIANTO DI POTABILIZZAZIONE INDICE STRUTTURA TITOLO CODICE REVISIONE Organizzazione e responsabilità Misure generali di tutela e criteri di valutazione Valutazione rischi

Dettagli

ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE U.T.C

ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE U.T.C COMUNE DI PALMA DI MONTECHIARO Registro Generale n.1198 del 21/12/2012 ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE U.T.C N 333 del 21/12/2012 Oggetto: Prestazione di servizio per la sicurezza nei luoghi

Dettagli

Fatto salvo quanto stabilito in sede di contrattazione collettiva, il RLS:

Fatto salvo quanto stabilito in sede di contrattazione collettiva, il RLS: Quali sono i compiti del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza? Fatto salvo quanto stabilito in sede di contrattazione collettiva, il RLS: a) accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;

Dettagli

DECRETO n. 165 del 21/04/2016

DECRETO n. 165 del 21/04/2016 Agenzia di Tutela della Salute di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.ats-brescia.it - informa@ats-brescia.it Posta certificata: protocollo@pec.ats-brescia.it

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Ambito di applicazione. Art. 2 Definizioni, soggetti e categorie di riferimento

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Ambito di applicazione. Art. 2 Definizioni, soggetti e categorie di riferimento REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione Le norme del presente regolamento emanato in attuazione delle disposizioni

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA.

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA. L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA. 1) L AUTORIZZAZIONE ANTINCENDIO NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE Il D.M. 16.02.1982,

Dettagli

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Corsi di formazione anno 2009 in collaborazione con: Istituto Superiore di Formazione alla Prevenzione 30 NOVEMBRE 2009 Aula (da definire)

Dettagli

Modalità operative di attuazione della sorveglianza sanitaria

Modalità operative di attuazione della sorveglianza sanitaria CONSORZIO ALTA FORMAZIONE E SICUREZZA Via Fratelli Rosselli n.29-67051 Avezzano (Aq) - InfoLine: 0863.1940336 Web: www.afes.it - Email: info@afes.it Modalità operative di attuazione della sorveglianza

Dettagli

LA DELEGA DI FUNZIONI

LA DELEGA DI FUNZIONI LA DELEGA DI FUNZIONI Art. 16 D.Lgs. 81/08 I soggetti del sistema di prevenzione aziendale Datore di lavoro Dirigente Preposto Lavoratore Medico competente organizzazione per la produzione (line) Servizio

Dettagli

La formazione come strumento necessario al lavoratore. Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena

La formazione come strumento necessario al lavoratore. Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena La formazione come strumento necessario al lavoratore Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena La INFORMAZIONE e la la FORMAZIONE nel D.Lgs. 81 // 2008 CERCA Informazione Formazione 151 volte 2

Dettagli

DISPENSA CORSO PER LAVORATORI CONFORME ALL ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 PARTE GENERALE. Docente: Dott. Andrea Berni

DISPENSA CORSO PER LAVORATORI CONFORME ALL ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 PARTE GENERALE. Docente: Dott. Andrea Berni 1 DISPENSA CORSO PER LAVORATORI CONFORME ALL ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 PARTE GENERALE Docente: Dott. Andrea Berni CONTENUTI DEL CORSO 2 Contenuti del corso: 1) Formazione Generale (4 ore):

Dettagli

CORSO PER GLI RLS (32 ore)

CORSO PER GLI RLS (32 ore) SANZIONI 1 SANZIONI 2 3 CORSO PER GLI RLS (32 ore) Corso RLS in aziende con meno di 50 dipendenti e aziende con più di 50 dipendenti Ogni attività lavorativa, nella quale sono presenti dei lavoratori,

Dettagli

CORSI SPECIALI PER INSEGNANTI, ATTIVATI AI SENSI DELLA LEGGE 143/2004 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO. Art. 1

CORSI SPECIALI PER INSEGNANTI, ATTIVATI AI SENSI DELLA LEGGE 143/2004 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO. Art. 1 CORSI SPECIALI PER INSEGNANTI, ATTIVATI AI SENSI DELLA LEGGE 143/2004 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Art. 1 L Università degli Studi di Lecce attiva, organizza e disciplina i Corsi Speciali di durata annuale

Dettagli

Statuto del Centro Servizi Informatici

Statuto del Centro Servizi Informatici (Emanato con D.R. n. 3687 del 30/04/1999 Modificato con D.R. n. 11064 del 29/10/2001 e con D.R. n. 1571 del 06/02/2007 e con D.R. n. 3446 del 21/03/2007) STATUTO CENTRO SERVIZI INFORMATICI Art. 1 È costituito,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Ministero della Difesa

Ministero della Difesa Ministero della Difesa COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli

MANUALE DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PARTE SPECIALE D

MANUALE DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PARTE SPECIALE D PARTE SPECIALE D REATI DI OMICIDIO COLPOSO E LESIONI GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE E SULLA TUTELA DELL IGIENE E DELLA SALUTE SUL LAVORO EDIZIONE 1 14 Marzo

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA INTERNA PER IL CONFERIMENTO DELLA FUNZIONE DI ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE AI SENSI DEL D.LGS.

INDAGINE CONOSCITIVA INTERNA PER IL CONFERIMENTO DELLA FUNZIONE DI ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE AI SENSI DEL D.LGS. ARPA PUGLIA Corso Trieste n. 27 70126 BARI INDAGINE CONOSCITIVA INTERNA PER IL CONFERIMENTO DELLA FUNZIONE DI ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE AI SENSI DEL D.LGS. 230 DEL 17/03/1995 e s.m.i. (riservato

Dettagli