Pensare di fare e far pensare : Global Tools oggi. Progetto di ricerca in design dell IsdaT beaux-arts

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pensare di fare e far pensare : Global Tools oggi. Progetto di ricerca in design dell IsdaT beaux-arts"

Transcript

1 Progetto di ricerca in design dell IsdaT beaux-arts Le Cartografie Elettroniche, Coralie Gourguechon Henne Morte, Camille Platevoet Lento, Irina Pentecouteau Cérès, Cécile Laporte Pensare di fare e far pensare : Global Tools oggi Responsabile del progetto di ricerca Nathalie Bruyère, designer e professoressa presto l Professori associati () Michel Gary, Sandra Lorenzi, Hannika Perez Studenti associati Charlie Aubry, Cathy Aristil, Carolina Blin, Pauline Contant, Elisabeth l Eveillé, Vincent Fortin, Coralie Gourguechon, Cécile Laporte, Aliénor Martineau, Mathilde Mouysset, Irina Pentecouteau, Camille Platevoet, Quentin Richard. Mostra Sharing Design, dall 08 al 13 aprile 2014, mostra organizzato da Milano Makers alla Fabbrica del Vapore di Milano nel contesto del Fuori Salone Internazionale del Mobile ; esso presenta i progetti realizzati nell ambito del Global Tools oggi da Camille Platevoet, Irina Pentecouteau, Cécile Laporte e Coralie Gourguechon, quattro giovani designer diplomati presso l Institut supérieur des arts de Toulouse. In uscita nel 2014 catalogo della mostra Sharing Design edizione Milano Makers, interviste DVD Ugo La Pietra, Alessandro Mendini, Andrea Branzi, Gianini Pettena, prodotto dall isdat + traduzione francese della trascrizione delle interviste, edizione, 2014 ; pubblicazione online dei documentari e dei progetti realizzati nell ambito del progetto di ricerca del design dell ; 5 quai de la Daurade Toulouse France t +33 (0) f +33 (0)

2 progetto di ricerca in design dell Istituto Superiore d Arte di Tolosa 2 Global Tools, oggi Al fine di costruire un insieme critico di metodologie che estendono le domande portate dai diversi movimenti dell architettura radicale in Italia negli anni 70, il progetto dell institut supérieur des arts de Toulouse (isdat) ha iniziato una ricerca intorno alla scuola di nonarchitettura o non -design Global Tools. L isdat sviluppa con i suoi studenti e gli attori principali della Global Tools, scambi ed esperimenti volti a mettere in luce le caratteristiche di questo movimento di design radicale storico e il contesto delle pratiche contemporanee, riallocando gli strumenti, i metodi e l azione del designer. Così, dal 2011, il progetto si nutre : di scambi e interviste con Ugo La Pietra, Alessandro Mendini, Andrea Branzi, Gianini Pettena, Gaetano Pesce e Franco Raggi ; di ricerche negli archivi di questi attori di Global Tools ; di esperienze nei laboratori dell istituto e fuori dalle sue mura ; di produzioni promosse da studenti, insegnanti e laureati dell istituto sulla co-progettazione, open -design, interattività, Km0 e tracciabilità locale e globale. Global Tools : storia, finalità e metodo Partendo da una opposizione alla cultura dominante del movimento moderno, gli attori all origine del Global Tools hanno posto la cultura popolare al centro della loro ricerca attraverso l uso di tecniche povere. La cultura pop, di primaria importanza negli anni 60, è stata uno dei motori che ha favorito una dinamica che mette in discussione la città statica, costruita in pietra, ritenuta dagli architetti troppo convenzionale. Global Tools ha voluto creare oggetti per rianimare questa città morta. Le sue strategie di ricerca passavano attraverso la sperimentazione per ottenere : «Il corpo», come elemento vivo e non standardizzato, «la comunicazione», intesa come analisi del territorio, «le tecniche povere» di riappropriazione degli oggetti ( DIY e artigianato), «la sopravvivenza» e la «teoria». Il movimento Global Tools si è spento rapidamente, non avendo identificato e messo in atto gli strumenti necessari alla sostenibilità del gruppo e al rinnovo delle esperienze. Chiaramente, le tecniche povere non erano in grado di fornire delle risposte pertinenti alle domande nate in opposizione alle teorie della Scuola ULM. Le costruzioni teoriche, così come i progettisti dell epoca, sono stati risucchiati con estasi dal capitalismo. Global Tools, oggi Negli anni 90, Andrea Branzi ha scritto ne La Casa Calda : «L amnesia storica del design, cioè la sua capacità di porsi come un azione, piuttosto che una riflessione, come storia in atto e non in relazione alla propria tradizione, ha costituito finora la sua forza. Potrebbe accadere che questa radicalità conosca un calo, nel momento in cui si riscopre la storia come fondamento della cultura attuale. Ci sono due vie d uscita : accettare di esistere come stile, cioè come lingua storica ormai codificata, o definire una nuova strategia di crescita, accettare di agire all interno della storia presente e confrontarsi con quella del passato.» I primi giorni di lavoro su Global Tools hanno portato all elaborazione di nuove nozioni di crescita, comfort, ecc. La frase di Branzi faceva da eco a quella di Gaetano Pesce nell intervista che ci ha rilasciato : «La democrazia serve le persone e non le masse». Questa affermazione è altrettanto attuale, quanto lo era nel 1970? E come si poteva comprendere dal punto di vista della pratica e della produzione del design? L analisi dei dati storici di Global Tools, degli obiettivi, degli sviluppi e degli insuccessi di questa contro-scuola, ci porta a sollevare questioni sulla disciplina del design alla luce di questa esperienza pedagogica e a formulare delle ipotesi per rispondere alle sfide che sta affrontando attualmente. Una questione fondamentale Come generare degli scambi al fine di creare uno stile di vita di riferimento e degli oggetti per il domani, in un sistema economico basato sul valore aggiunto e nel quale si prende consapevolezza della necessaria critica delle nozioni di comfort, accumulo e possesso? Sottolineiamo e analizziamo un evidenza : la professione di designer risponde comunemente al mercato con l installazione di «strategie di innovazione continua» 1, accanto agli imperativi della crescita. Queste innovazioni in corso sono volte a creare nicchie di mercato, supporto per le diverse metodologie di produzione, ecc. Ma è proprio su questi temi che la società attuale affronta la crisi : crisi dei prestiti, di indebitamento da parte delle famiglie e degli stati. Senza prendere ora posizione per una o l altra soluzione, il lavoro iniziato da diversi anni all isdat mira a mettere in discussione le rappresentazioni e l evoluzione delle prassi. Riclassificare la disciplina : pensare di fare e far pensare / il design all isdat Il duo ricerca/progetto mira a sviluppare una «conoscenza astuta» 2, per rinnovare domande sul design attraverso confronti interdisciplinari, per comprendere meglio i problemi che si presentano oggi e quelli che potrebbero farlo un domani. Questo confronto ci permette di formulare una serie di ipotesi, esperimenti e progetti che confermino o meno alcuni risultati sul terreno. Alla domanda «quali saranno secondo voi le qualità degli spazi e degli oggetti del domani?», le risposte hanno immediatamente creato una serie di domande da parte degli studenti : Design delle vicinanze : e la riflessione sul locale e il globale? Tracciabilità : cosa compriamo? Come essere informati? Come riqualificare le produzioni non «Made in France»? Esiste allora un modo? Competenze : come e per quali usi produrre a partire da competenze dell artigianato? Che cosa si trasmette, un valore dell uso, un bene, un know how? Abitabilità : qual è il rapporto tra privato e pubblico? Quali forme utilizzare per il comfort? Modello evolutivo : come fare per non fissare un modello standard? Come definire il dibattito sull open design, co-design? Come combattere l obsolescenza programmata e il «branding»? Cosa significa creare il marchio e la notorietà? Quali strumenti e tecniche nuove possono fondere questa riflessione? Quali sono i vantaggi ei limiti di Internet, che permette la comunicazione, lo scambio, la diffusione delle conoscenze, ma anche le produzioni di oggi? Per arrivare a mettere in discussione i concetti di comfort, di qualità degli spazi e degli oggetti del domani, dobbiamo mettere in discussione il design e la sua relazione con l economia, con gli strumenti di produzione e distribuzione e, naturalmente, inserirli nel contesto della città. Nathalie Bruyère 1. Che cos è il design? Andrea Branzi, con la collaborazione di Marilia Pederbelli, traduzione francese, Edizione Grun, 2009, p.223 & Pensiero complesso di conoscenza astuta formulata nel 1982 nel libro «scienza con coscienza di Edgar Morin.

3 3 Cérès, Cécile Laporte Km 0 ricerca, coproduzione Il sistema proposto nel progetto Cérès sottolinea e facilita l accesso agli scambi commerciali locali, tramite un collegamento con i produttori. E un opportunità per riconoscere i valori umani e l identità di ogni persona operante nel sistema della produzione e della distribuzione. Per definizione, i miti trascurano la vera storia del passato e trasformano il loro soggetto in leggenda. Così facendo, scrivendo del passato, la storia dietro gli oggetti viene persa, così come quella del lavoro che li ha creati. Anche se le notizie riguardanti le aziende multinazionali e le pessime condizioni lavorative della produzioone sono note e spesso diffuse dai media, questo fenomeno sembra ora estendersi all industria alimentare. La mancanza di informazioni e lo stato di confusione associati all etichettatura dei cibi ha portato a vari crisi nel settore, e ha danneggiato considerevolmente la fiducia da parte dei consumatori. Risalire all origine dei prodotti alimentari preoccupa molto i consumatori, che in numero sempre più crescente acquistano merci locali per essere certi delle origini, del metodo di produzione, della coltivazione, e dello sviluppo dei processi relativi ai loro alimenti. A livello locale, il commercio presenta un lato più umano, e le dimensioni di produzione non sono più quelle delle società multinazionali. Le società multinazionali distribuiscono lo stesso prodotto globalmente, fornendo informazioni limitate sul prodotto se non quelle contenute nella descrizione sull etichetta ammagliante. Acquistando localmente si creano dei rapporti interpersonali, la storia delle merci viene rivelata, e le conoscenze relative alla produzione vengono trasmesse all interno del contesto culturale in cui la merce è stata creata. I prodotti non vengono sradicati dal loro contesto ed esportati. I prodotti rappresentano la loro storia reale e i valori delle persone che li hanno creati. Il carattere individuale del prodotto locale viene definito durante la produzione, contrariamente ai prodotti commercializzati dalle grandi marche, che sono standardizzati e uguali in tutto il mondo; questi ultimi sono immediatamente riconoscibili, certo, ma eliminano qualsiasi influenza della cultura locale. La globalizzazione si traduce in standardizzazione e omogeneità. Noi siamo convinti che i valori umani si trovano nei contesti locali.

4 4 Cérès, Cécile Laporte Km 0 ricerca, coproduzione Cérès, Cécile Laporte

5 5 Henne-Morte, da eredità a potenziale. Camille Platevoet co-design ricerca, coproduzione Réactivation d une installation hydroélectrique Re-appraisal of the territory through the co-creators of a production unit L organizzazione del progetto a Henne-Morte. Henne-Morte è un golfo di 446 metri profondità nel cuore delle montagne della Massif d Arbas, in Francia. E circondato da un territorio di silvicoltura (un sistema che protegge e rigenera le foreste) a rischio di desertificazione. Sta venendo progressivamente trasformato grazie alla rivalutazione delle risorse e alla sua tradizione del lavoro inclusi l uso del mulino, i boschi e gli abitanti. A semi-industrial production cycle to reclaim the territory La trasformazione è avvenuta tramite una serie di progetti condivisi e collaborativi. Le attività di progettazione si sono sviluppate contemporaneamente al progresso e alla modernità: questo ha indirizzato la ricerca verso nuovi orizzonti. È così che è nato il progetto Henne-Morte. Tramite l identificazione delle risorse naturali in questo territorio come l acqua e il legno abbiamo orientato il progetto verso l idea di un unità progettata specificatamente per recuperare il territorio. I sistemi della produzione dell energia idroelettrica e della lavorazione della legna sono stati sviluppati specificamente per le regioni francesi della Valléè de Gier e del Grand Sud. Con l obiettivo principale della riterritorializzazione, questo progetto mira ad evidenziare la densità delle reti economiche e culturali radicate nella piccola comunità di Henne-Morte. Erano presenti strutture pre- esistenti il sistema della produzione energetica (il mulino ad acqua), elementi naturali ed ecologici (le foresta), delle attività economiche (la produzione del legno), e degli elementi culturali (la progettazione di mobili) la cui integrazione ha formato una rete di strade e scambi, creando così la base di un organizzazione. Le esperienze e le pratiche amatoriali e professionali sono al cuore del progetto di Henne-Morte, che può essere descritto come un luogo per l interazione sociale e la trasformazione. Una componente fondamentale del nostro approccio è stata la creazione di un progetto dedicato a e in collaborazione con gli utenti o gli abitanti, basandoci sulle nostre idee riguardanti il co-design e i progetti collaborativi. Questo spirito di progetto consente l identificazione, l integrazione e lo scambio delle capacità e delle conoscenze appartenenti ai coprogettisti locali. Questo progetto di design include persone e linguaggi diversi. Ha una struttura interdisciplinare che si estende in varie direzioni di progettazione e di fabbricazione: si collega con la generazione di energia idroelettrica (la gestione e la produzione della energia necessaria), l industria di boschiva (la gestione e la trasformazione delle materie prime), l artigianato (la produzione e distribuzione di beni), in ambito tecnico, sociale, economico e politico. La difficoltà del nostro approccio è la scelta e la combinazione di modelli produttivi finalizzati allo sviluppo di una strategia unitaria di produzione, analoga ad un ecosistema, che dà ad ogni progetto un carattere unico.

6 6 Henne-Morte, da eredità a potenziale. Camille Platevoet co-design ricerca, coproduzione Il luogo indicato a Henne-Morte, Mulino 1, Cascata, forza motrice Il luogo indicato a Henne-Morte, Mulino 1 Rete decentralizzata, automazione e distribuzione della produzione Concetto : fabbricazione semi-industriale e distribuzione di mobili.

7 7 Le Cartografie Elettroniche Coralie Gourgechon (alto parlante dispositivo elettronico open-source) open-source ricerca, coproduzione Circuito di collegamenti : piastra, adesivo conduttivo, penna con inchiostro d argento Questi prodotti sono stati creati per essere raccolti come una sorta di biblioteca o come un software opensource per facilitate la creazione di dispositivi elettronici in carta, applicando la filosofia open-source al mondo degli oggetti tangibili. La produzione di questi articoli è basata sul uso di una tecnica sempre più diffusa: la stampa a getto d inchiostro dei circuiti conduttivi. Il principio fondamentale della cartografia è la rappresentazione in scala di uno spazio ritenuto analogo alla realtà. L obiettivo della mappa è di fornire una rappresentazione immediata ed efficace, di semplificare i fenomeni complessi che avvengono sullo spazio riprodotto, in modo da consentirne una comprensione rapida ed adeguata. [Wikipedia] Le cartografie elettroniche costituiscono una collezione di simboli e moduli che facilitano la comprensione e la fabbricazione di dispositivi elettronici semplici. Questi elementi sono assemblati su un foglio di carta, creando o ricreando un circuito elettronico in base all uso dello oggetto specifico. La scatoletta bianca contrasta con la scatoletta nera; si tratta di una scatoletta che si apre e si distende per rivelare il suo meccanismo interno, attraverso un circuito elettronico centrale e grafico. Attraverso il collegamento del circuito viene creata una gamma di icone che semplifica il montaggio dei circuiti, grazie alla presenza di elementi da collegare. Una piastra anatomica ricopre il circuito come una pelle ed è stata realizzata grazie a delle immagini grafiche che facilitano la comprensione del meccanismo. I moduli in carta sono degli elementi che danno una forma fisica ad circuito elettronico, grazie a dei capi che si estendono, diventando volumi funzionali; i moduli, sottoforma di capi, sono assemblati su un foglio di carta.

8 8 Le Cartografie Elettroniche Coralie Gourgechon (alto parlante dispositivo elettronico open-source) open-source ricerca, coproduzione Piastra anatomica per l alto parlante Simbolo/codice symbol / code position Posizione of del the componente Icone icon Rappresentazione graphic Simbolica image Grafica Indice index Amplificatore amplifier Massa mass Condensatore condenser Resistenza resistance Assemblaggio della piastra per l alto parlante Potenziometro potentiometer Alto loud-speaker parlante Batteria battery - + Jack stereo stereo jack Tabella illustriva delle rappresentazioni simboliche e grafiche

9 9 Lento, Irina Pentecouteau sensitivo design ricerca, coproduzione Adagio, un orologio in legno di olivo tornito. Il procedimento di tornitura crea un solco che si estende più in profondità. La lentezza è la ricchezza del tempo Hartmut Rosa, La tecnologia è la responsabile per l accelerazione del mondo?, Le Monde Lento è uno degli orologi creati dalla ricerca sul tempo, la memoria e l interattività. È un elemento estetico che in realtà non indica l ora, ma rappresenta la dimensione temporale e simbolizza il tempo che trascorre, definendo e suddividendo la giornata in termini visuali e sensoriali; è un dispositivo che ricrea il tempo. L interattività nel campo della trasmissione e della memoria si riferisce principalmente all abilità degli oggetti di influenzare il nostro comportamento, particolarmente attraverso la percezione sensoriale, stimolando così con la memoria e i ricordi. L interattività è focalizzata sull individuo che comunica ed interagisce con l oggetto, il quale a sua volta stimola una determinata reazione. È proprio quest interazione che collega vari elementi separati e diviene parte integrante del progetto; costituisce una sorta di dialogo astratto tra l oggetto e l individuo, in questo caso un dialogo sul tempo, la dimensione in cui la memoria e i ricordi prendono forma. L interattività è anche un modo per approcciare degli argomenti associati al tempo; la perdita di memoria e la consapevolezza spazio-temporale sono problemi attuali per un crescente numero di persone, e non solo per le persone anziane. Questo progetto esamina la rappresentazione del tempo che passa, dell accelerazione dei ritmi della vita moderna, e dell interazione fra gli oggetti e la nostra memoria, i nostri ricordi e la nostra consapevolezza del trascorrere del tempo. La perdita della memoria è considerata una patologia e un fatto socio-culturale, e questo ha permesso lo sviluppo di oggetti che rassicurano e aiutano ricordare. Quest idea si è materializzata in una gamma di orologi che simbolizzano e rappresentano il passare del tempo in modo sensibile. Sono indicatori temporali che permettono suddividere la giornata in termini sensoriale, tracciando dei punti di riferimento temporali ed aiutando coloro che si perdono a riacquisire la consapevolezza del tempo.

10 10 Lento, Irina Pentecouteau sensitivo design ricerca, coproduzione Una vignetta illustrative dell uso di Lento Lento, Irina Pentecouteau, orologio, carta e sistema elettronico 2013, la piastra metallica, tubo 10 mm, lastra metallica a scivolo, piastra metallica del timer

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

SISTEMA AT CHIUSURE DI SICUREZZA CON SERRATURA A DOPPIA MAPPA

SISTEMA AT CHIUSURE DI SICUREZZA CON SERRATURA A DOPPIA MAPPA AT SISTEMA AT CHIUSURE DI SICUREZZA CON SERRATURA A DOPPIA MAPPA 1 SISTEMA AT. L ULTIMO ORIZZONTE DELLA SICUREZZA. La sicurezza di sentirsi a casa. La sicurezza di ritrovare i propri spazi lasciandosi

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com TIP-ON BLUMOTION Due funzioni combinate in modo affascinante www.blum.com Tecnologia innovativa TIP-ON BLUMOTION unisce i vantaggi del supporto per l apertura meccanico TIP-ON con il collaudato ammortizzatore

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base FORMARSI PER NON FERMARSI WEITERBILDUNG FÜR WEITERDENKER RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base Il processo di progettazione

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli