Pensare di fare e far pensare : Global Tools oggi. Progetto di ricerca in design dell IsdaT beaux-arts

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pensare di fare e far pensare : Global Tools oggi. Progetto di ricerca in design dell IsdaT beaux-arts"

Transcript

1 Progetto di ricerca in design dell IsdaT beaux-arts Le Cartografie Elettroniche, Coralie Gourguechon Henne Morte, Camille Platevoet Lento, Irina Pentecouteau Cérès, Cécile Laporte Pensare di fare e far pensare : Global Tools oggi Responsabile del progetto di ricerca Nathalie Bruyère, designer e professoressa presto l Professori associati () Michel Gary, Sandra Lorenzi, Hannika Perez Studenti associati Charlie Aubry, Cathy Aristil, Carolina Blin, Pauline Contant, Elisabeth l Eveillé, Vincent Fortin, Coralie Gourguechon, Cécile Laporte, Aliénor Martineau, Mathilde Mouysset, Irina Pentecouteau, Camille Platevoet, Quentin Richard. Mostra Sharing Design, dall 08 al 13 aprile 2014, mostra organizzato da Milano Makers alla Fabbrica del Vapore di Milano nel contesto del Fuori Salone Internazionale del Mobile ; esso presenta i progetti realizzati nell ambito del Global Tools oggi da Camille Platevoet, Irina Pentecouteau, Cécile Laporte e Coralie Gourguechon, quattro giovani designer diplomati presso l Institut supérieur des arts de Toulouse. In uscita nel 2014 catalogo della mostra Sharing Design edizione Milano Makers, interviste DVD Ugo La Pietra, Alessandro Mendini, Andrea Branzi, Gianini Pettena, prodotto dall isdat + traduzione francese della trascrizione delle interviste, edizione, 2014 ; pubblicazione online dei documentari e dei progetti realizzati nell ambito del progetto di ricerca del design dell ; 5 quai de la Daurade Toulouse France t +33 (0) f +33 (0)

2 progetto di ricerca in design dell Istituto Superiore d Arte di Tolosa 2 Global Tools, oggi Al fine di costruire un insieme critico di metodologie che estendono le domande portate dai diversi movimenti dell architettura radicale in Italia negli anni 70, il progetto dell institut supérieur des arts de Toulouse (isdat) ha iniziato una ricerca intorno alla scuola di nonarchitettura o non -design Global Tools. L isdat sviluppa con i suoi studenti e gli attori principali della Global Tools, scambi ed esperimenti volti a mettere in luce le caratteristiche di questo movimento di design radicale storico e il contesto delle pratiche contemporanee, riallocando gli strumenti, i metodi e l azione del designer. Così, dal 2011, il progetto si nutre : di scambi e interviste con Ugo La Pietra, Alessandro Mendini, Andrea Branzi, Gianini Pettena, Gaetano Pesce e Franco Raggi ; di ricerche negli archivi di questi attori di Global Tools ; di esperienze nei laboratori dell istituto e fuori dalle sue mura ; di produzioni promosse da studenti, insegnanti e laureati dell istituto sulla co-progettazione, open -design, interattività, Km0 e tracciabilità locale e globale. Global Tools : storia, finalità e metodo Partendo da una opposizione alla cultura dominante del movimento moderno, gli attori all origine del Global Tools hanno posto la cultura popolare al centro della loro ricerca attraverso l uso di tecniche povere. La cultura pop, di primaria importanza negli anni 60, è stata uno dei motori che ha favorito una dinamica che mette in discussione la città statica, costruita in pietra, ritenuta dagli architetti troppo convenzionale. Global Tools ha voluto creare oggetti per rianimare questa città morta. Le sue strategie di ricerca passavano attraverso la sperimentazione per ottenere : «Il corpo», come elemento vivo e non standardizzato, «la comunicazione», intesa come analisi del territorio, «le tecniche povere» di riappropriazione degli oggetti ( DIY e artigianato), «la sopravvivenza» e la «teoria». Il movimento Global Tools si è spento rapidamente, non avendo identificato e messo in atto gli strumenti necessari alla sostenibilità del gruppo e al rinnovo delle esperienze. Chiaramente, le tecniche povere non erano in grado di fornire delle risposte pertinenti alle domande nate in opposizione alle teorie della Scuola ULM. Le costruzioni teoriche, così come i progettisti dell epoca, sono stati risucchiati con estasi dal capitalismo. Global Tools, oggi Negli anni 90, Andrea Branzi ha scritto ne La Casa Calda : «L amnesia storica del design, cioè la sua capacità di porsi come un azione, piuttosto che una riflessione, come storia in atto e non in relazione alla propria tradizione, ha costituito finora la sua forza. Potrebbe accadere che questa radicalità conosca un calo, nel momento in cui si riscopre la storia come fondamento della cultura attuale. Ci sono due vie d uscita : accettare di esistere come stile, cioè come lingua storica ormai codificata, o definire una nuova strategia di crescita, accettare di agire all interno della storia presente e confrontarsi con quella del passato.» I primi giorni di lavoro su Global Tools hanno portato all elaborazione di nuove nozioni di crescita, comfort, ecc. La frase di Branzi faceva da eco a quella di Gaetano Pesce nell intervista che ci ha rilasciato : «La democrazia serve le persone e non le masse». Questa affermazione è altrettanto attuale, quanto lo era nel 1970? E come si poteva comprendere dal punto di vista della pratica e della produzione del design? L analisi dei dati storici di Global Tools, degli obiettivi, degli sviluppi e degli insuccessi di questa contro-scuola, ci porta a sollevare questioni sulla disciplina del design alla luce di questa esperienza pedagogica e a formulare delle ipotesi per rispondere alle sfide che sta affrontando attualmente. Una questione fondamentale Come generare degli scambi al fine di creare uno stile di vita di riferimento e degli oggetti per il domani, in un sistema economico basato sul valore aggiunto e nel quale si prende consapevolezza della necessaria critica delle nozioni di comfort, accumulo e possesso? Sottolineiamo e analizziamo un evidenza : la professione di designer risponde comunemente al mercato con l installazione di «strategie di innovazione continua» 1, accanto agli imperativi della crescita. Queste innovazioni in corso sono volte a creare nicchie di mercato, supporto per le diverse metodologie di produzione, ecc. Ma è proprio su questi temi che la società attuale affronta la crisi : crisi dei prestiti, di indebitamento da parte delle famiglie e degli stati. Senza prendere ora posizione per una o l altra soluzione, il lavoro iniziato da diversi anni all isdat mira a mettere in discussione le rappresentazioni e l evoluzione delle prassi. Riclassificare la disciplina : pensare di fare e far pensare / il design all isdat Il duo ricerca/progetto mira a sviluppare una «conoscenza astuta» 2, per rinnovare domande sul design attraverso confronti interdisciplinari, per comprendere meglio i problemi che si presentano oggi e quelli che potrebbero farlo un domani. Questo confronto ci permette di formulare una serie di ipotesi, esperimenti e progetti che confermino o meno alcuni risultati sul terreno. Alla domanda «quali saranno secondo voi le qualità degli spazi e degli oggetti del domani?», le risposte hanno immediatamente creato una serie di domande da parte degli studenti : Design delle vicinanze : e la riflessione sul locale e il globale? Tracciabilità : cosa compriamo? Come essere informati? Come riqualificare le produzioni non «Made in France»? Esiste allora un modo? Competenze : come e per quali usi produrre a partire da competenze dell artigianato? Che cosa si trasmette, un valore dell uso, un bene, un know how? Abitabilità : qual è il rapporto tra privato e pubblico? Quali forme utilizzare per il comfort? Modello evolutivo : come fare per non fissare un modello standard? Come definire il dibattito sull open design, co-design? Come combattere l obsolescenza programmata e il «branding»? Cosa significa creare il marchio e la notorietà? Quali strumenti e tecniche nuove possono fondere questa riflessione? Quali sono i vantaggi ei limiti di Internet, che permette la comunicazione, lo scambio, la diffusione delle conoscenze, ma anche le produzioni di oggi? Per arrivare a mettere in discussione i concetti di comfort, di qualità degli spazi e degli oggetti del domani, dobbiamo mettere in discussione il design e la sua relazione con l economia, con gli strumenti di produzione e distribuzione e, naturalmente, inserirli nel contesto della città. Nathalie Bruyère 1. Che cos è il design? Andrea Branzi, con la collaborazione di Marilia Pederbelli, traduzione francese, Edizione Grun, 2009, p.223 & Pensiero complesso di conoscenza astuta formulata nel 1982 nel libro «scienza con coscienza di Edgar Morin.

3 3 Cérès, Cécile Laporte Km 0 ricerca, coproduzione Il sistema proposto nel progetto Cérès sottolinea e facilita l accesso agli scambi commerciali locali, tramite un collegamento con i produttori. E un opportunità per riconoscere i valori umani e l identità di ogni persona operante nel sistema della produzione e della distribuzione. Per definizione, i miti trascurano la vera storia del passato e trasformano il loro soggetto in leggenda. Così facendo, scrivendo del passato, la storia dietro gli oggetti viene persa, così come quella del lavoro che li ha creati. Anche se le notizie riguardanti le aziende multinazionali e le pessime condizioni lavorative della produzioone sono note e spesso diffuse dai media, questo fenomeno sembra ora estendersi all industria alimentare. La mancanza di informazioni e lo stato di confusione associati all etichettatura dei cibi ha portato a vari crisi nel settore, e ha danneggiato considerevolmente la fiducia da parte dei consumatori. Risalire all origine dei prodotti alimentari preoccupa molto i consumatori, che in numero sempre più crescente acquistano merci locali per essere certi delle origini, del metodo di produzione, della coltivazione, e dello sviluppo dei processi relativi ai loro alimenti. A livello locale, il commercio presenta un lato più umano, e le dimensioni di produzione non sono più quelle delle società multinazionali. Le società multinazionali distribuiscono lo stesso prodotto globalmente, fornendo informazioni limitate sul prodotto se non quelle contenute nella descrizione sull etichetta ammagliante. Acquistando localmente si creano dei rapporti interpersonali, la storia delle merci viene rivelata, e le conoscenze relative alla produzione vengono trasmesse all interno del contesto culturale in cui la merce è stata creata. I prodotti non vengono sradicati dal loro contesto ed esportati. I prodotti rappresentano la loro storia reale e i valori delle persone che li hanno creati. Il carattere individuale del prodotto locale viene definito durante la produzione, contrariamente ai prodotti commercializzati dalle grandi marche, che sono standardizzati e uguali in tutto il mondo; questi ultimi sono immediatamente riconoscibili, certo, ma eliminano qualsiasi influenza della cultura locale. La globalizzazione si traduce in standardizzazione e omogeneità. Noi siamo convinti che i valori umani si trovano nei contesti locali.

4 4 Cérès, Cécile Laporte Km 0 ricerca, coproduzione Cérès, Cécile Laporte

5 5 Henne-Morte, da eredità a potenziale. Camille Platevoet co-design ricerca, coproduzione Réactivation d une installation hydroélectrique Re-appraisal of the territory through the co-creators of a production unit L organizzazione del progetto a Henne-Morte. Henne-Morte è un golfo di 446 metri profondità nel cuore delle montagne della Massif d Arbas, in Francia. E circondato da un territorio di silvicoltura (un sistema che protegge e rigenera le foreste) a rischio di desertificazione. Sta venendo progressivamente trasformato grazie alla rivalutazione delle risorse e alla sua tradizione del lavoro inclusi l uso del mulino, i boschi e gli abitanti. A semi-industrial production cycle to reclaim the territory La trasformazione è avvenuta tramite una serie di progetti condivisi e collaborativi. Le attività di progettazione si sono sviluppate contemporaneamente al progresso e alla modernità: questo ha indirizzato la ricerca verso nuovi orizzonti. È così che è nato il progetto Henne-Morte. Tramite l identificazione delle risorse naturali in questo territorio come l acqua e il legno abbiamo orientato il progetto verso l idea di un unità progettata specificatamente per recuperare il territorio. I sistemi della produzione dell energia idroelettrica e della lavorazione della legna sono stati sviluppati specificamente per le regioni francesi della Valléè de Gier e del Grand Sud. Con l obiettivo principale della riterritorializzazione, questo progetto mira ad evidenziare la densità delle reti economiche e culturali radicate nella piccola comunità di Henne-Morte. Erano presenti strutture pre- esistenti il sistema della produzione energetica (il mulino ad acqua), elementi naturali ed ecologici (le foresta), delle attività economiche (la produzione del legno), e degli elementi culturali (la progettazione di mobili) la cui integrazione ha formato una rete di strade e scambi, creando così la base di un organizzazione. Le esperienze e le pratiche amatoriali e professionali sono al cuore del progetto di Henne-Morte, che può essere descritto come un luogo per l interazione sociale e la trasformazione. Una componente fondamentale del nostro approccio è stata la creazione di un progetto dedicato a e in collaborazione con gli utenti o gli abitanti, basandoci sulle nostre idee riguardanti il co-design e i progetti collaborativi. Questo spirito di progetto consente l identificazione, l integrazione e lo scambio delle capacità e delle conoscenze appartenenti ai coprogettisti locali. Questo progetto di design include persone e linguaggi diversi. Ha una struttura interdisciplinare che si estende in varie direzioni di progettazione e di fabbricazione: si collega con la generazione di energia idroelettrica (la gestione e la produzione della energia necessaria), l industria di boschiva (la gestione e la trasformazione delle materie prime), l artigianato (la produzione e distribuzione di beni), in ambito tecnico, sociale, economico e politico. La difficoltà del nostro approccio è la scelta e la combinazione di modelli produttivi finalizzati allo sviluppo di una strategia unitaria di produzione, analoga ad un ecosistema, che dà ad ogni progetto un carattere unico.

6 6 Henne-Morte, da eredità a potenziale. Camille Platevoet co-design ricerca, coproduzione Il luogo indicato a Henne-Morte, Mulino 1, Cascata, forza motrice Il luogo indicato a Henne-Morte, Mulino 1 Rete decentralizzata, automazione e distribuzione della produzione Concetto : fabbricazione semi-industriale e distribuzione di mobili.

7 7 Le Cartografie Elettroniche Coralie Gourgechon (alto parlante dispositivo elettronico open-source) open-source ricerca, coproduzione Circuito di collegamenti : piastra, adesivo conduttivo, penna con inchiostro d argento Questi prodotti sono stati creati per essere raccolti come una sorta di biblioteca o come un software opensource per facilitate la creazione di dispositivi elettronici in carta, applicando la filosofia open-source al mondo degli oggetti tangibili. La produzione di questi articoli è basata sul uso di una tecnica sempre più diffusa: la stampa a getto d inchiostro dei circuiti conduttivi. Il principio fondamentale della cartografia è la rappresentazione in scala di uno spazio ritenuto analogo alla realtà. L obiettivo della mappa è di fornire una rappresentazione immediata ed efficace, di semplificare i fenomeni complessi che avvengono sullo spazio riprodotto, in modo da consentirne una comprensione rapida ed adeguata. [Wikipedia] Le cartografie elettroniche costituiscono una collezione di simboli e moduli che facilitano la comprensione e la fabbricazione di dispositivi elettronici semplici. Questi elementi sono assemblati su un foglio di carta, creando o ricreando un circuito elettronico in base all uso dello oggetto specifico. La scatoletta bianca contrasta con la scatoletta nera; si tratta di una scatoletta che si apre e si distende per rivelare il suo meccanismo interno, attraverso un circuito elettronico centrale e grafico. Attraverso il collegamento del circuito viene creata una gamma di icone che semplifica il montaggio dei circuiti, grazie alla presenza di elementi da collegare. Una piastra anatomica ricopre il circuito come una pelle ed è stata realizzata grazie a delle immagini grafiche che facilitano la comprensione del meccanismo. I moduli in carta sono degli elementi che danno una forma fisica ad circuito elettronico, grazie a dei capi che si estendono, diventando volumi funzionali; i moduli, sottoforma di capi, sono assemblati su un foglio di carta.

8 8 Le Cartografie Elettroniche Coralie Gourgechon (alto parlante dispositivo elettronico open-source) open-source ricerca, coproduzione Piastra anatomica per l alto parlante Simbolo/codice symbol / code position Posizione of del the componente Icone icon Rappresentazione graphic Simbolica image Grafica Indice index Amplificatore amplifier Massa mass Condensatore condenser Resistenza resistance Assemblaggio della piastra per l alto parlante Potenziometro potentiometer Alto loud-speaker parlante Batteria battery - + Jack stereo stereo jack Tabella illustriva delle rappresentazioni simboliche e grafiche

9 9 Lento, Irina Pentecouteau sensitivo design ricerca, coproduzione Adagio, un orologio in legno di olivo tornito. Il procedimento di tornitura crea un solco che si estende più in profondità. La lentezza è la ricchezza del tempo Hartmut Rosa, La tecnologia è la responsabile per l accelerazione del mondo?, Le Monde Lento è uno degli orologi creati dalla ricerca sul tempo, la memoria e l interattività. È un elemento estetico che in realtà non indica l ora, ma rappresenta la dimensione temporale e simbolizza il tempo che trascorre, definendo e suddividendo la giornata in termini visuali e sensoriali; è un dispositivo che ricrea il tempo. L interattività nel campo della trasmissione e della memoria si riferisce principalmente all abilità degli oggetti di influenzare il nostro comportamento, particolarmente attraverso la percezione sensoriale, stimolando così con la memoria e i ricordi. L interattività è focalizzata sull individuo che comunica ed interagisce con l oggetto, il quale a sua volta stimola una determinata reazione. È proprio quest interazione che collega vari elementi separati e diviene parte integrante del progetto; costituisce una sorta di dialogo astratto tra l oggetto e l individuo, in questo caso un dialogo sul tempo, la dimensione in cui la memoria e i ricordi prendono forma. L interattività è anche un modo per approcciare degli argomenti associati al tempo; la perdita di memoria e la consapevolezza spazio-temporale sono problemi attuali per un crescente numero di persone, e non solo per le persone anziane. Questo progetto esamina la rappresentazione del tempo che passa, dell accelerazione dei ritmi della vita moderna, e dell interazione fra gli oggetti e la nostra memoria, i nostri ricordi e la nostra consapevolezza del trascorrere del tempo. La perdita della memoria è considerata una patologia e un fatto socio-culturale, e questo ha permesso lo sviluppo di oggetti che rassicurano e aiutano ricordare. Quest idea si è materializzata in una gamma di orologi che simbolizzano e rappresentano il passare del tempo in modo sensibile. Sono indicatori temporali che permettono suddividere la giornata in termini sensoriale, tracciando dei punti di riferimento temporali ed aiutando coloro che si perdono a riacquisire la consapevolezza del tempo.

10 10 Lento, Irina Pentecouteau sensitivo design ricerca, coproduzione Una vignetta illustrative dell uso di Lento Lento, Irina Pentecouteau, orologio, carta e sistema elettronico 2013, la piastra metallica, tubo 10 mm, lastra metallica a scivolo, piastra metallica del timer

azioni di rigenerazione sociale

azioni di rigenerazione sociale azioni di rigenerazione sociale I contenuti di questo libro possono essere condivisi rispettando la licenza Chi siamo Indice 3 Chi siamo 5 Cos è concretamente Change Community Model? 6 Quali sono gli ingredienti

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

introduzione LICARI - Wayfinding.indd 21 22/05/2009 16.11.58

introduzione LICARI - Wayfinding.indd 21 22/05/2009 16.11.58 introduzione Il Duomo di Firenze è un ottimo esempio di riferimento lontano: visibile da vicino e da lontano, di giorno e di notte; inconfondibile, dominante per dimensioni e profilo, strettamente legato

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Since 1926. Quality as a Rule

Since 1926. Quality as a Rule Since 1926 Quality as a Rule Ravioli mission e vision Nel corso degli anni abbiamo sviluppato la nostra filosofia, che è alla base della nostra attività e identifica il nostro pensiero e i nostri obiettivi.

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SAN CARLO C.SE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Insegnante: Alonzi

Dettagli

PUCCIPLAST, CUORE INNOVATIVO

PUCCIPLAST, CUORE INNOVATIVO MAGAZINE - VIVERE L AZIENDA - PERIODICO D INFORMAZIONE ON-LINE EDITORIALE PLAST, CUORE INNOVATIVO Nadia Bosi - Direttore Commerciale Pucci Quello che conta è sempre il carattere, e Pucci ha un carattere

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa.

Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa. Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa. Un ipotesi progettuale tra scuola e comunità locale Rovato,, 16 ottobre 2008 Secondo incontro Luisa Bartoli I contenuti della comunicazione

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop È ORA di diventare GRANdI MASTER IN GRAPHIC design CERTIFIED ASSOCIATE AbC formazione PROfESSIONALE Via Pisanelli,

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA LA SCATOLA DELLE ESPERIENZE - Bazzano

SCUOLA DELL INFANZIA LA SCATOLA DELLE ESPERIENZE - Bazzano SCUOLA DELL INFANZIA LA SCATOLA DELLE ESPERIENZE - Bazzano LABORATORIO MULTIMEDIALE Alla scoperta di Marghet L attività proposta in questo anno scolastico ha visto i bambini di cinque anni confrontarsi

Dettagli

Geberit dà spazio alle idee con un draft.

Geberit dà spazio alle idee con un draft. Geberit dà spazio alle idee con un draft. Praticamente ridisegnare il bagno, la proposta che Geberit ha rivolto ad una selezione di architetti di Roma chiamati a tracciare un veloce ed essenziale draft

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA E compito della tecnologia quello di promuovere nei bambini e nei ragazzi forme di pensiero e atteggiamenti che preparino e sostengano

Dettagli

Pelletteria Almax: una tradizione di oltre 50 anni

Pelletteria Almax: una tradizione di oltre 50 anni Pelletteria Almax: una tradizione di oltre 50 anni 1957 1972 1986 2003 Oggi Mauro Guerrini, inizia la sua carriera di pellettiere in una delle più importanti valigerie fiorentine del tempo Insieme ad altri

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

I DES, i GAS e i Sistemi Partecipativi di Garanzia

I DES, i GAS e i Sistemi Partecipativi di Garanzia I DES, i GAS e i Sistemi Partecipativi di Garanzia L'esperienza del progetto "Per una pedagogia della terra" nei territori dei Distretti di Economia Solidale di Varese, Como e Monza All assemblea GAS/DES

Dettagli

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design IL BRAND Il marchio GAZZARRINI nasce nel 1993 dall iniziativa e dall esperienza trentennale nel mondo della moda. Fin dall inizio, si distingue subito per un approccio innovativo al prodotto, tanto da

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

SEMPLICE MENTE ENERGIA

SEMPLICE MENTE ENERGIA SEMPLICE MENTE ENERGIA NOI SIAMO ENERGIA L affermazione siamo fatti di energia è ormai diventata assunto scientifico. Ed al di là di quanto affermato da scienziati e filosofi, conosciamo molto bene, per

Dettagli

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA)

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) COMPETENZE EUROPEE INFANZIA CAMPO D ESPERIENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA E CONTENUTI LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) Ha interiorizzato le nozioni

Dettagli

I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale. Roma, 17 settembre 2013

I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale. Roma, 17 settembre 2013 I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale Roma, 17 settembre 2013 Intervento di Claudio Andrea Gemme, Presidente ANIE Confindustria Signore e Signori, buongiorno. Grazie a tutti voi per

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A10_1 V1.1 Gestione della conoscenza Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

sms museo d arte per bambini e servizi educativi

sms museo d arte per bambini e servizi educativi sms museo d arte per bambini e servizi educativi sms museo d arte per bambini Il Museo d arte per bambini apre l arte e la cultura artistica all infanzia facendo vivere sia lo spazio museale sia le opere

Dettagli

Prefazione. Se non cambiamo il nostro modo di pensare non riusciremmo mai a risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato Albert Einstein

Prefazione. Se non cambiamo il nostro modo di pensare non riusciremmo mai a risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato Albert Einstein Prefazione Se non cambiamo il nostro modo di pensare non riusciremmo mai a risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato Albert Einstein Durante l anno scolastico, nelle lezioni di scienze, gli insegnanti

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento.

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Mario Solerio Partner D.O.C. marketing Di cosa parleremo Cosa intendiamo con cambiamento e le relative dinamiche Come comportarsi nei percorsi di cambiamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ RICONOSCERE E DESCRIVERE FENOMENI FONDAMENTALI DEL MONDO TECNOLOGICO - I bisogni primari dell uomo: gli oggetti,

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: Geografia CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

Risorse per la didattica

Risorse per la didattica Risorse per la didattica Presentazione di cd-rom e ipertesti Spunti per la ricerca di materiali e documentazione in rete Amelia Goffi, Luca Gazzola - Febbraio 2008 CD-Rom e Ipertesti I cd-rom allegati

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE AREA MARKETING E COMUNICAZIONE Si tratta di un area particolarmente centrale del nostro settore, che punta a sviluppare le capacità comunicative e le tecniche di marketing (anche quelle non convenzionali),

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE; DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

UNA STARTUP PUGLIESE CONQUISTA

UNA STARTUP PUGLIESE CONQUISTA Lecce, 15 giugno 2015 COMUNICATO STAMPA UNA STARTUP PUGLIESE CONQUISTA LA GRANDE DISTRIBUZIONE COOP CON PRODOTTI OPEN SOURCE E LANCIA UNA TRE GIORNI DEDICATA A INNOVAZIONE E STAMPA 3D. Un evento di tre

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

Videoproiezioni: Studio Materia sta sviluppando un circuito di videoproiezioni su alcuni muri significativi della città.

Videoproiezioni: Studio Materia sta sviluppando un circuito di videoproiezioni su alcuni muri significativi della città. Milano, novembre 2005 Chi Siamo Studio Materia è un agenzia di comunicazione urbana che nasce con l obiettivo di sviluppare un sistema di comunicazione specifico per il contesto urbano milanese. Per raggiungere

Dettagli

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR MASTER 2013 Tecnologie digitali e metodologie sullo spettacolo direttore scientifico da Antonella Ottai Il Centro Teatro Ateneo, insieme con il Dipartimento

Dettagli

SCUOLA DI PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Corso di GRAFICA EDITORIALE

SCUOLA DI PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Corso di GRAFICA EDITORIALE SCUOLA DI PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Corso di GRAFICA EDITORIALE SCUOLA DI PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Corso di GRAFICA EDITORIALE Corso di Diploma Accademico di I livello in Grafica

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI TECNOLOGIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole Questa metodologia di lettura astrologica nasce dal presupposto che esista una connessione intrinseca, tra la dimensione esterna della realtà

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corso, di durata triennale, permette di conseguire un alta formazione nel campo del design della comunicazione visiva. Il percorso formativo è strutturato in modo da trasmettere

Dettagli

Semplificati la vita. manuale d uso

Semplificati la vita. manuale d uso Semplificati la vita manuale d uso Introduzione. Nel mondo del lavoro rendere le cose semplici è uno degli obiettivi più complicati da perseguire. La complessità dei problemi è una costante che scoraggia

Dettagli

materiali prodotti attraverso convegni e seminari, sono confluiti in testi a stampa a larga fusione dif. Tra questi:

materiali prodotti attraverso convegni e seminari, sono confluiti in testi a stampa a larga fusione dif. Tra questi: le pubblicazioni Nel corso degli anni alcuni dei materiali di ricerca prodotti dalla Rur, come anche i materiali prodotti attraverso convegni e seminari, sono confluiti in testi a stampa a larga fusione

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole

Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole INTERCULTURA nasce e si sviluppa intorno a un progetto educativo: si propone di contribuire alla crescita di studenti, famiglie e scuole attraverso

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

REINVENTARE I TERRITORI ATTRAVERSO L ECONOMIA COLLABORATIVA 28 MAGGIO 2015 PALAZZO DEI CONGRESSI, ROMA

REINVENTARE I TERRITORI ATTRAVERSO L ECONOMIA COLLABORATIVA 28 MAGGIO 2015 PALAZZO DEI CONGRESSI, ROMA REINVENTARE I TERRITORI ATTRAVERSO L ECONOMIA COLLABORATIVA 28 MAGGIO 2015 PALAZZO DEI CONGRESSI, ROMA È una comunità globale, un THINK AND DO TANK. La nostra missione è di costruire e coltivare una SOCIETÀ

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento)

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento) ANNI TRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze. (alla fine del triennio)

Dettagli

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016 PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE Primarie e Secondarie di 1 a.s.2015.2016 La Casa delle Culture propone, attraverso la cooperativa, per l anno scolastico 2015/2016, un offerta di percorsi di animazione

Dettagli

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE Accademia di Belle Arti di Brera - Milano La Scuola di Didattica dell arte dell Accademia di Brera risponde ad un vuoto formativo sulle culture del contemporaneo e dei

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere. Esplora i fenomeni

Dettagli

Teeled S.r.l. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ

Teeled S.r.l. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ Teeled S.r.l. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ Teeled S.r.l. - Sede in Rapallo (GE), Corso Italia n.36/6 C.F. e P.IVA: 01931930992 - Capitale sociale: 10.000,00 - Iscritta presso la C.C.I.A.A. di Genova - R.E.A.446248

Dettagli