Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi"

Transcript

1 Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi

2 Premessa La Normativa di Vigilanza in materia di conformità alle norma (compliance), emanata da Banca d Italia nell agosto 2006, detta principi di carattere generale, volti ad individuare le finalità e i principali compiti della funzione di conformità alle norme, riconoscendo nel contempo alle banche piena discrezionalità nella scelta dei modelli organizzativi da adottare. Già nell ottobre 2004 il Comitato di Basilea nel documento consultativo Compliance Functions in Banks auspica la presenza della funzione compliance in banca. Nell aprile 2005 il Comitato prende atto delle diverse soluzioni organizzative nelle quali si può configurare la funzione compliance e ricorda gli attributi che tale funzione deve avere, le responsabilità e i ruoli. Alla funzione Compliance spetta il compito di assistere la banca nella gestione del rischio di compliance. Il rischio di non conformità alle norme è il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative, perdite finanziarie rilevanti o danni in conseguenza di violazioni di norme di legge, di regolamenti, ovvero di norme di autoregolamentazione o di codici di condotta. Sia il Comitato di Basilea, sia Banca d Italia sottolineano che il compliance risk è legato ai concetti di integrità e di reputazione e che la compliance all insieme delle norme aiuta a mantenere integra la reputazione dell intermediario, andando così incontro alle aspettative dei propri clienti, del mercato e della società nel suo complesso. Per la rilevanza del tema il compliance risk management merita di essere oggetto di una distinta disciplina nell ambito del risk management. Peraltro, la natura stessa del compliance risk lo rende trasversale a tutta l attività dell intermediario ed implica nella sua gestione il coinvolgimento di tutte le funzioni aziendali. Obiettivi della ricerca e metodologia La ricerca intende analizzare lo stato attuale e lo scenario evolutivo dell organizzazione della funzione compliance da parte di banche e società di investimento, operative nel campo dei servizi di investimento alla clientela privata. In questo ambito si riconoscono sia gli intermediari operativi nell attività di gestione, sia quelli operativi nel collocamento di prodotti finanziari e di servizi di investimento. La rilevazione dei dati tramite questionario e la loro raccolta avviene ad opera di SDA Bocconi School of Management. Il questionario è stato costruito sulla base delle osservazioni emerse nella fase pilota della ricerca. In questa prima fase si sono svolte alcune di interviste mirate con Responsabili Compliance di banche ed società di investimento (Sgr e Sim). L elaborazione dei dati avverrà in forma anonima. L attività di ricerca è svolta con il sostegno di SIA e HP. Gruppo di ricerca Il gruppo di lavoro si compone di ricercatori della SDA Bocconi School of Management. In particolare, l attività di analisi e di rilevazione dei dati è svolta da: Paola Musile Tanzi ( Giampaolo Gabbi ( Daniele Previati ( Paola Schwizer ( La fase di elaborazione dei dati è supervisionata da. Maurizio Poli ( Guida alla compilazione Si consiglia di compilare la griglia di analisi direttamente on-line sul sito In alternativa i questionari compilati possono essere inviati via mail o via fax a Cristiana Testa che fornisce il supporto operativo alla ricerca presso la Divisione Ricerche della SDA Bocconi, via Bocconi Milano, tel , fax , I partecipanti alla ricerca saranno invitati alla presentazione dei risultati prevista presso SDA Bocconi. Si ringrazia anticipatamente per la collaborazione. Scadenza della fase di raccolta dati: 30 aprile

3 I. DATI ANAGRAFICI Nome della società e ragione sociale Codice Abi (solo per Banche) Nome della Business Unit Indirizzo - Città CAP Provincia Funzione aziendale rispondente Nome e cognome del referente aziendale della ricerca Telefono Indirizzo di posta elettronica II. AREE DI BUSINESS COPERTE DALLA REALTA AZIENDALE DEL RISPONDENTE a) RETAIL BANKING a. Si i. Se sì, quante sono le filiali in Italia (indicare il numero) ii. Se sì, quanti sono promotori finanziari operanti nella rete distributiva (indicare il numero) iii. Se sì, si utilizzano differenti modalità distributive di servizi? 1. Call Center a. sì 2. On-line a. sì 3. Smart phone a. sì 4. Altro specificare b) WEALTH MANAGEMENT a. Sì i. Se sì, quanti sono i private banker c) ASSET MANAGEMENT a. Si 3

4 i. Se sì, la percentuale dei clienti retail è tra % % 3. 50%- 75% 4. > il 75% d) INVESTMENT BANKING a. Si e) TRADING a Sì i. Se sì, la percentuale dei clienti retail è tra % 2. 25%-50% 3. 50%- 75% 4. > il 75% b. No e.2 L attività di trading è svolta: a. in conto proprio e in conto terzi b. prevalentemente per conto terzi c. prevalentemente in conto proprio III. Si prega di indicare il numero totale dei dipendenti della Business Units alla quale riferisce il rispondente 4

5 a. Posizionamento della funzione Compliance all interno della struttura organizzativa 1. A chi riporta il responsabile della funzione Compliance? 2. La funzione Compliance: a) è unica e centralizzata a livello di gruppo b) è presente in ciascuna business units c) è centralizzata a livello di gruppo, ma è presente anche in ciascuna business units c1) la compliance di ciascuna business units è autonoma nel processo di pianificazione c2) la compliance di ciascuna business units non è autonoma nel processo di pianificazione d) altro (specificare) 3. Dove si colloca la funzione compliance nella struttura organizzativa: a) nella Funzione Internal Audit b) nella Funzione Legale c) nel Risk management operativo d) riporta al Direttore Generale e) riporta all Amministratore Delegato f) in staff ad ogni Area di Business g) riporta al Consiglio di amministrazione h) altro (specificare) 4. Nella seguente matrice si chiede di indicare il livello di interdipendenza tra la funzione Compliance e le altre funzioni/organi indicati, con specifico riferimento all offerta di prodotti finanziari e di servizi di investimento. Il livello di interdipendenza può oscillare tra 0 (= assenza di interdipendenza) e 10 (massima interdipendenza). Per interdipendenza formale si intende la presenza di meccanismi formalizzati di comunicazione (ad es. report, riunioni periodiche,..) tra le funzioni. Funzioni/ Organi a) Funzione Legale b) Internal Audit c) Risk management (Operational Risk) d) Organizzazione e) Sistemi informativi f) Personale Livello di interdipendenza operativa con funzione compliance (da 0 a 10) Interdipendenza Formale (sì/no) se sì Frequenza (annuale, semestrale, trimestrale mensile, settimanale, giornaliera) Interdip. informale sì/no 5

6 g) Direzione Commerciale h) Org.Vigilanza ex D. Lgs. 231/01 i) Collegio Sindacale j) Consiglio di Amministrazione k) Altro (specificare:..) 5. La funzione compliance è rappresentata in altri organi collegiali? a) No b) Sì c) Se sì specificare quali: c1) c2).. 6. Considerando i tre livelli a cui vengono riferiti i controlli negli intermediari finanziari 1, con che intensità nella vostra realtà aziendale vengono esercitate le attività riconducibili alla Compliance, con riferimento all offerta di prodotti finanziari e servizi di investimento? Si indichi tale intensità con un punteggio da 0 (= attività assenti) a 10 (massima intensità) a) Primo livello - controlli di linea effettuati dalle stesse strutture produttive b) Secondo livello - controlli sulla gestione del compliance risk c) Terzo livello - attività di auditing sulle modalità utilizzate sub a) e sub b) Livello di intensità delle attività riconducibili alla compliance (da 0 a 10) 7. Qual è la situazione attuale: a) Presenza di un articolata funzione compliance (es. compliance departement) b) Presenza solamente di un responsabile compliance (compliance officer) c) Presenza di una funzione compliance specializzata nei servizi di investimento d) Presenza di un responsabile per la compliance nei servizi di investimento e) (specificare) 1 Le seguenti definizioni sono tratte dalle disposizioni della Banca d'italia in materia di controlli interni: - i controlli di linea, diretti ad assicurare il corretto svolgimento delle operazioni, sono effettuati dalle stesse strutture produttive (ad es., i controlli di tipo gerarchico) o incorporati nelle procedure ovvero eseguiti nell'ambito dell'attività di back-office; - i controlli sulla gestione dei rischi, hanno l'obiettivo di concorrere alla definizione delle metodologie di misurazione del rischio, di verificare il rispetto dei limiti assegnati alle varie funzioni operative e di controllare la coerenza dell'operatività delle singole aree produttive con gli obiettivi di rischio-rendimento assegnati. Essi sono affidati a strutture diverse da quelle produttive; - l'attività di revisione interna, volta a individuare andamenti anomali, violazioni delle procedure e della regolamentazione nonché a valutare la funzionalità del complessivo sistema dei controlli interni. Essa è condotta nel continuo, in via periodica o per eccezioni, da strutture diverse e indipendenti da quelle produttive, anche attraverso verifiche in loco. 6

7 8. Indicativamente quante sono le persone full-time impegnate nella funzione compliance: a) Nessuna persona full time b) 1-5 persone c) 6-10 persone d) e) oltre 20 persone f) se possibile specificare il numero esatto delle persone impegnate a livello di Gruppo aziendale nell attività di compliance 9. Se la struttura della funzione compliance è composta da più persone full-time come sono organizzate le attività al suo interno: a) per filone normativo (AML, Market Abuse, MiFID, ) b) per area di business (Crediti, Capital Markets, Depositi, ) c) per tipologia di attività (si prega di esemplificare) d) Altro (specificare) 10. Viene condotto un processo formalizzato di pianificazione delle attività di Compliance? a) sì b) no 11. Se sì, viene realizzata una pianificazione di: a) medio periodo (circa 3 anni) a 1. sì a 2. no b) breve periodo (annuale) b 1. sì b 2. no c) revisioni infra-annuali c 1. sì c 2. no 12. Con quale organo viene concordata la pianificazione dell attività di Compliance? 13. La funzione Compliance ha un suo budget indipendente? a) sì b) no 14. Se sì, a quanto ammonta? a) euro b) milione euro c) 1 2 milioni euro d) oltre 2 milioni euro e) altro (specificare) 15. Se sì, come è strutturato il budget della funzione Compliance? 7

8 a) Personale b) Tecnologia c) Formazione d) Consulenze legali e) Consulenze organizzative Altro Sì NO Se sì % su 100 % totale b. Quali sono i ruoli attribuiti alla funzione Compliance: 16. Quali sono le competenze delle persone impegnate nella funzione di Compliance? Si esprima un parere sul livello (0= competenze assenti; 10= competenza massima) Tipo di competenze Livello delle competenze (da 0 a 10) a) Legali rmativa di Vigilanza (Banca d Italia, Consob, Isvap, ecc.) c) Audit d) Organizzazione e) Prodotti e servizi di investimento f) Risk Management g) Amministrative h) Di business i) Altre (specificare) 17. Con riferimento ai compiti, nello svolgimento di quali attività le persone dedicate alla compliance sono impegnate? Compiti Allocazione relativa dell impegno delle risorse full time ( da 0=min a 10 max) Tendenza nei prossimi 3 anni (aumento / stabile / diminuzione ) a) Monitoraggio b) Reporting all Alta Direzione c) Supporto di informazioni/consulenza ad altre funzioni d) Formazione e) Implementare i cambiamenti richiesti dagli organi di controllo f) Progetti speciali g) Sviluppo prodotti/business h) Altro (specificare) 18. Con riferimento ai contenuti, nello svolgimento di quali attività le persone dedicate alla compliance sono impegnate? 8

9 Contenuti a) Trasparenza b) Patti chiari c) Privacy d) Tutela del risparmio e) Responsabilità di antiriciclaggio f) Mifid g) Market Abuse h) Altro (specificare) Allocazione relativa dell impegno delle risorse full time (da 0=min a 10 = max) Tendenza nei prossimi 3 anni (aumento / stabile / diminuzione ) 19. La funzione di compliance utilizza applicativi tecnologici dedicati? 20. Se no, da quali fonti trae informazioni: a) controllo di gestione b) operational risk c) estrazioni autonome e personalizzate d) altro specificare 21. Se sì, per quali delle attività descritte 22. Se sì, l applicativo è stato realizzato a) internamente b) esternamente c) una combinazione interno/esterno d) altro (specificare) 23. Se sì, sono previsti nell applicativo sistemi di controllo a distanza dell insorgere del rischio di compliance nelle procedure monitorate, ad esempio indicatori di early warning? 24. Indicare, se noto, il range nel quale si colloca l ammontare complessivo degli investimento in Information Technology per la funzione compliance: a) euro b) milione euro c) 1 2 milioni euro d) oltre 2 milioni euro e) altro (specificare) 25. Quali sono i principali fattori di cambiamento della funzione compliance (assegnare a fianco un 9

10 punteggio = 10 max 1 min) a) L evoluzione della normativa europea b) L evoluzione della normativa domestica c) Gli interventi del Comitato di Basilea d) La percezione di sanzioni da parte degli organi di controllo e) I cambiamenti tecnologici f) Best practices di settore g) La volontà di migliorare la qualità del servizio al cliente h) Altro (specificare) 26. Aspettative sull andamento dei costi di compliance nei prossimi tre anni: a) stabili b) forte crescita c) leggera crescita d) forte diminuzione e) leggera diminuzione c. Metodologie di misurazione, di trasferimento e di mitigazione del compliance risk nell area dei servizi di investimento: 27. Come è stato definito il compliance risk nell ambito della vostra Funzione? 28. Nell ambito della Funzione compliance sono utilizzati modelli di misurazione del rischio di compliance? 29. Quali tra seguenti modelli sono utilizzati al fine di misurare il compliance risk a) Identificazione dei fattori di rischio; b) Stima dell esposizione; c) Stima della probabilità di accadimento; d) Stima della severity; e) Stima della perdita attesa; f) Stima della perdita inattesa; g) Stima del capitale a rischio h) Altro (specificare 30. Se ci sono, quali sono gli strumenti utilizzati per la mitigazione del compliance risk 31. Quali sono gli strumenti utilizzati per il trasferimento del compliance risk: a) strumenti assicurativi (specificare) b) strumenti finanziari (specificare) c) entrambi 10

11 32. Esiste un codice di condotta aziendale? 33. Esiste un codice di condotta differenziato per le linee di business? a) retail banking b) private banking c) asset management d) investment banking e) altro (specificare) 34. Con riferimento all area dei servizi di investimento, quali sono le fonti di rischio di compliance più frequenti - Assegnare a ciascuna fonte un punteggio di importanza (0 min-10 max) a) mancato adeguamento alle disposizioni legislative/regolamentari b) mancato adeguamento codici di condotta interni c) inadeguatezza delle operazioni finanziarie con la clientela d) antiriciclaggio e) altro (specificare) d. Modalità di interazione tra la funzione Compliance all interno della struttura e all esterno 35. Strumenti di comunicazione interna - Quali? Assegnare a ciascuno un punteggio di importanza (10 max 1 min) a) intranet e b) riunioni c) interventi in corsi di formazione d) corsi di formazione dedicati e) codice interno f) circolari g) altro (specificare) 36. Strumenti di comunicazione esterna - Quali? Assegnare a ciascuno un punteggio di importanza (10 max 1 min) a) Bilancio di esercizio b) Codice di condotta c) Documenti presenti in rete d) Partecipazione a convegni e) Altro (specificare) 37. Dalla funzione compliance possono nascere opportunità di innovazione nell area dei servizi di investimento? 38. Se sì a) spesso 11

12 b) frequentemente c) talvolta d) raramente e) mai 39. Se sì, è possibile qualche esemplificazione? 40. Esiste qualche meccanismo o processo che raccorda la funzione compliance con il sistema dei valori della banca b) Esiste qualche meccanismo o processo che raccorda la funzione compliance con il sistema incentivante? 41. Se sì, è possibile qualche esemplificazione? a) collegamenti con il sistema dei valori b) collegamenti con il sistema incentivante 42. Allo stato attuale quale livello di coinvolgimento ha/prevede di avere la funzione Compliance nei processi interni aziendali di adeguamento alla MiFID? - propulsore - consulente - attuatore - Altro (specificare) 43. Con riferimento ai temi di execution policy / best execution, che ruolo ha/prevede di avere la funzione Compliance nell ambito della fase di attuazione della MiFID presso la Sua società (max responsabilità nella gestione del processo= 10 - min responsabilità = 0)? a) partecipazione alla definizione dei processi di customer profiling (classificazione retail, professional e eligible counterparty b) stesura del test di suitability e appropriateness; c) partecipazione alla definizione delle execution policy; d) monitoraggio del rispetto dell execution policy; e) monitoraggio del raggiungimento della best execution; 12

13 f) gestione degli approfondimenti con le funzioni di trading; g) gestione degli approfondimenti con le funzioni commerciali per la comunicazione ai Clienti; h) partecipazione al processo di revisione periodico delle execution policy i) gestione del reporting MiFID j) riferimento per gli organi di vigilanza negli approfondimenti MiFID k) altro specificare 44. Relativamente al processo di definizione e monitoraggio dell execution policy e della best execution, ritenete che sia necessario dotarsi di un sistema di advisory indipendente per la certificazione delle trading venues in cui operare per conto della clientela? Un grazie particolare per l attenzione e la collaborazione! 13

L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento

L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento SDA Bocconi School of Management 2009 In collaborazione con AICOM e SIA SSB Group Copyright SDA Bocconi Premessa

Dettagli

$ %!"##! Compliance Risk nei servizi di investimento 1

$ %!##! Compliance Risk nei servizi di investimento 1 $ %!"##! Copyright SDA Bocconi Copyright 2008 SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 1 Compliance risk nell evoluzione dei servizi di investimento - Natura, strumenti e aspetti organizzativi

Dettagli

La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II

La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II Paola Musile Tanzi Milano, 1 dicembre 2008 SIA-EAGLE Clients & Friends Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 1 RISCHI DEL GRUPPO BANCARIO Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi,

Dettagli

RISCHIO OPERATIVO. Gruppo di lavoro AIFIRM "Rischio operativo": oggetto, sfide e stato dell'arte

RISCHIO OPERATIVO. Gruppo di lavoro AIFIRM Rischio operativo: oggetto, sfide e stato dell'arte RISCHIO OPERATIVO Gruppo di lavoro AIFIRM "Rischio operativo": oggetto, sfide e stato dell'arte Davide Bazzarello Group Head Operational&Reputational Risk Unicredit Giampaolo Gabbi Università degli Studi

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso Paradigma - 24 maggio 2013 L esperienza di Intesa Sanpaolo Problemi applicativi

Dettagli

Company Profile. BLU Consulting Srl

Company Profile. BLU Consulting Srl Company Profile Forniamo, prevalentemente a Banche, Compagnie di Assicurazione e Società di Gestione del Risparmio, servizi di consulenza aziendale correlati alla pianificazione, gestione e revisione di

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA AI FINI MIFID

POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA AI FINI MIFID INDIRIZZO E CONTROLLO - GESTIONE DEL RISCHIO DI NON CONFORMITÀ POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA AI FINI MIFID Destinatari: Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Mantova

Dettagli

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014 Conferimento Ramo d azienda Siena, 6 maggio 2014 2014 Widiba. All rights reserved. Gruppo MPS 1 Il mercato italiano è fortemente influenzato dalla digital evolution e dai nuovi modelli relazionali Da banca

Dettagli

Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative. Milano, 8 marzo 2012

Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative. Milano, 8 marzo 2012 Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative Le attività di Internal Auditing sull antiriciclaggio tramite sistemi evoluti:

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets

Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets L evoluzione della Compliance da duty driven a business support : la nuova gestione dei conflitti di interessi e l impatto della sul controllo di conformità Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA PREMESSA SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ORGANI E FUNZIONI DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI IN AGOS AUDITING: OBIETTIVI, MODELLO

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011

ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011 ABI benchmarking Costing Benchmark Estratto del Rapporto Generale Individuale e Consolidato - Edizione 2011 ESTRATTO RAPPORTO INDIVIDUALE [ ] Il cost/income, risulta, in media ponderata, pari al 67,3%

Dettagli

Questionario Costi 2012 a livello individuale

Questionario Costi 2012 a livello individuale Attività prevalenti / Linee di business (evidenziare il peso relativo: totale = 100) trading asset management finanza personale banca commerciale e-banking, e-finance banca d'investimento credito al consumo

Dettagli

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo Business International La Compliance nelle Banche Italiane: compiti e responsabilità della funzione compliance alla luce delle Istruzioni della Banca d Italia BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Paolo Manuelli Gruppo Banca Etruria Michele Tanzi Gruppo ObjectWay 1

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Questionario Costi 2012 a livello consolidato

Questionario Costi 2012 a livello consolidato Gruppo in outsourcing (gestione informatica presso una società strumentale interno o esterna al gruppo) - in caso affermativo inserire un SI nella cella Gruppo non in outsourcing (gestione informatica

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi In conformità delle disposizioni normative comunitarie e nazionali attualmente in vigore, Pioneer Investment Management

Dettagli

Processo di gestione del rischio d informazione finanziaria

Processo di gestione del rischio d informazione finanziaria Processo di gestione del rischio d informazione finanziaria Deltas S.p.A. La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 Agenda Vincoli di conformità alla L. 262/20005 Soluzioni operative Nuove sfide

Dettagli

Università di Parma 7 Novembre 2011 parte 1. Chiara Burberi

Università di Parma 7 Novembre 2011 parte 1. Chiara Burberi Università di Parma 7 Novembre 2011 parte 1 Chiara Burberi Compliance Cos è? Perché è importante? Cosa dice la normativa? Cos è in pratica 2 A parole la Compliance va molto di moda come la CSR qc anno

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets Milano, 01/12/2008 sia ssb 2008 Importante per la nuova funzione

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2009 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2010 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE DI AREA...6 CREDITI...6 CONTROLLI...7 PERSONALE...8 COORDINATORE DI MERCATO

Dettagli

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE)

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) Dott. Werther Montanari Direttore Audit di Gruppo Società Cattolica di Assicurazione Soc. Coop. Verona, 9 dicembre

Dettagli

Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004

Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004 Modelli organizzativi e procedurali della funzione di Internal Audit in Deutsche Bank Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO

Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO Claudio Ruffini Presidente e Amministratore Delegato Augeos Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO Marco Carelli Responsabile Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica Federazione BCC Piemonte,

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari IL PROGRAMMA Modulo I I soggetti e il contesto operativo e regolamentare 1 2 dicembre 2011 - ore 15.00-19.00 Gli intermediari finanziari di cui al Titolo V del TUB a) La nascita della regolamentazione

Dettagli

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola 1 AGENDA: 1. Premessa 2. La funzione compliance 3. La funzione antiriciclaggio 4. Integrazione

Dettagli

La consulenza finanziaria nel private banking

La consulenza finanziaria nel private banking La consulenza finanziaria nel private banking Paolo Magnani Vice Direttore Generale Milano, 10.2.2011 Premessa 2 Il mondo è cambiato ma ancora noi non vogliamo accorgercene... Perchè il private banker

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale

La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale Milano, 24 aprile 2015 Franco Nardulli Resp. Divisione Risorse Organizzative e Qualità Gruppo Banca Popolare di Bari La rete distributiva

Dettagli

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 Milano, 3 ottobre 2008 AIDA Sezione Lombardia La compliance nelle assicurazioni: l adeguamento alla nuova normativa

Dettagli

SIA-EAGLE Clients & Friends Controlli MiFID e revisione periodica dell Execution Policy: il modello di controllo MiFID e i suoi obiettivi

SIA-EAGLE Clients & Friends Controlli MiFID e revisione periodica dell Execution Policy: il modello di controllo MiFID e i suoi obiettivi SIA-EAGLE Clients & Friends Controlli MiFID e revisione periodica dell Execution Policy: il modello di controllo MiFID e i suoi obiettivi A cura della Direzione Organizzazione e Sistemi Informativi Milano,

Dettagli

Funzionigrammi delle Strutture

Funzionigrammi delle Strutture Funzionigrammi delle Strutture Indice del documento Divisione Banca dei Territori 3 Divisione Corporate e Investment Banking 25 Divisione Banche Estere 52 Finanza di Gruppo 58 Direzione Affari Societari

Dettagli

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203 Capgemini Contacts: Merrill Lynch Contacts: Raffaella Poggio Martina Corak raffaella.poggio@capgemini.com martina_corak@ml.com +39 02 414931 +39 02 65594203 Community consulenza nella comunicazione Brunswick

Dettagli

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Canali e Core Banking Finanza Crediti Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Sistemi Direzionali

Dettagli

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010 CONSULENZA AVANZATA Convegno Sec - 22 ottobre 2010 - Indice - - Premessa e benchmark di mercato - Come cambia il modello di relazione con il cliente - Come cambia il raccordo tra direzioni centrali e rete

Dettagli

La più facile e completa suite di programmi per la gestione del risparmio

La più facile e completa suite di programmi per la gestione del risparmio La più facile e completa suite di programmi per la gestione del risparmio Agenda Evoluzione del modello di servizio La suite Live Desk I singoli moduli Evoluzione del modello di servizio Fabbrica di prodotto

Dettagli

La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A.

La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A. La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A. La piattaforma a supporto delle scelte di investimento delle famiglie nel contesto di un grande Gruppo Bancario internazionale. Milano, 18 aprile 2013

Dettagli

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 1 Indice Introduzione 3 Requisito informativo generale 4 Ambito di applicazione.11 Composizione del Patrimonio di Vigilanza..12 Adeguatezza

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia XXI Convegno Nazionale Information Systems Auditing Accademia Navale di Livorno, 24-25 Maggio 2007 La Continuità operativa nel sistema bancario italiano Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti

Dettagli

MANAGEMENT BANCARIO: ORGANIZZAZIONE, GESTIONE OPERATIVA E COMPETENZE MANAGERIALI I edizione, 21/11/2011-02/04/2012 Codice RA098

MANAGEMENT BANCARIO: ORGANIZZAZIONE, GESTIONE OPERATIVA E COMPETENZE MANAGERIALI I edizione, 21/11/2011-02/04/2012 Codice RA098 MANAGEMENT BANCARIO: ORGANIZZAZIONE, GESTIONE OPERATIVA E COMPETENZE MANAGERIALI I edizione, 21/11/2011-02/04/2012 Codice RA098 Direttore Franco Fontana, Ordinario di Economia e gestione delle imprese

Dettagli

Risk governance and risk-based internal control evaluation in international banks after the banking union. 5 febbraio 2015

Risk governance and risk-based internal control evaluation in international banks after the banking union. 5 febbraio 2015 Risk governance and risk-based internal control evaluation in international banks after the banking union 5 febbraio 2015 Agenda Le motivazioni e il perimetro di indagine Il campione I principali risultati

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Il sistema dei controlli interni delle banche: il ruolo degli organi aziendali e delle funzioni aziendali di controllo Foggia, 20 Novembre 2012

Dettagli

Allegato 5 PROFILO SOCIETARIO ED ORGANIZZATIVO DI TORRE SGR - 1 -

Allegato 5 PROFILO SOCIETARIO ED ORGANIZZATIVO DI TORRE SGR - 1 - Allegato 5 PROFILO SOCIETARIO ED ORGANIZZATIVO DI TORRE SGR - 1 - Indice PARTE I - PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ... 3 ATTIVITÀ SVOLTE... 3 ORGANI SOCIALI... 3 PARTECIPAZIONE AL CAPITALE SOCIALE... 4 PARTE

Dettagli

Integrazione sicurezza fisica e logica: strategie e benefici per la banca

Integrazione sicurezza fisica e logica: strategie e benefici per la banca Integrazione sicurezza fisica e logica: strategie e benefici per la banca Ing. Roberto Lorini Executive Vice President VP Tech Convegno ABI Banche e Sicurezza 2009 Roma, 9 giugno 2009 Agenda Gli orientamenti

Dettagli

Informativa al pubblico - pillar 3. Dati riferiti al 31 Dicembre 2010

Informativa al pubblico - pillar 3. Dati riferiti al 31 Dicembre 2010 Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 Dicembre 2010 1 Sommario Introduzione... 3 Requisito informativo generale... 4 Organizzazione delle Funzioni di Gestione dei Rischi... 5 La Funzione

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Global Wealth Advisory SIM SpA

Global Wealth Advisory SIM SpA Global Wealth Advisory SIM SpA Multi Family Office Indice Introduzione 3 Team 4 Offerta 5 Benchmark 6 Asset Allocation 7 Reporting 8 Performance Attribution 9 Risk Management 10 Conclusioni 11 Contatti

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico LA GESTIONE DEI RISCHI OPERATIVI E DEGLI ALTRI RISCHI La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico Nicola d Auria TMF Compliance (Italy) 26 giugno 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

COMPANY PROFILE. Maggio 2015

COMPANY PROFILE. Maggio 2015 COMPANY PROFILE Maggio 2015 La Banca in breve Appartenenza ad un gruppo di respiro internazionale Olte 4 miliardi di asset gestiti e amministrati al 31/03/ 15 Banca privata con vocazione di banca personale,

Dettagli

2015 Gruppo Dexia CreDiop

2015 Gruppo Dexia CreDiop 015 Informativa al Pubblico Basilea 3 - Pillar 3 Situazione al 30 giugno 2015 Gruppo Dexia Crediop Indice Introduzione... 3 3. Composizione dei Fondi Propri... 4 4. Adeguatezza Patrimoniale... 7 Dichiarazione

Dettagli

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Roma, 17 Aprile 2015 Gianfranco Ruggiero Internal Audit Manager Obiettivo del presente lavoro è rappresentare con specifico

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione QUALITY ASSESSMENT REVIEW I KEY PERFORMANCE INDICATORS

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI IMPATTI OPERATIVI SULLE AREE: RISK & CAPITAL MANAGEMENT PIANIFICAZIONE STRATEGICA E RISK REPORTING ORGANIZZAZIONE E IT

LA GESTIONE DEGLI IMPATTI OPERATIVI SULLE AREE: RISK & CAPITAL MANAGEMENT PIANIFICAZIONE STRATEGICA E RISK REPORTING ORGANIZZAZIONE E IT Filippo Fochi SpA Case No. 001/04 Protocollo R/35/13 LA GESTIONE DEGLI IMPATTI OPERATIVI SULLE AREE: RISK & CAPITAL MANAGEMENT PIANIFICAZIONE STRATEGICA E RISK REPORTING ORGANIZZAZIONE E IT Risultati dell

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti Company profile Agenda La società Industries I servizi Credentials Il network I contatti 1 La società Profile KEP Consulting è una società di consulenza indipendente creata da professionisti con esperienza

Dettagli

OFFERTA DI TIROCINIO (1)

OFFERTA DI TIROCINIO (1) OFFERTA DI TIROCINIO (1) All interno della Direzione Claims - Claims Centre La risorsa verrà inserita per il potenziamento della struttura Claims Centre direzione Sinistri. La risorsa dovrà supportare

Dettagli

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche a cura di Francesco Manganaro 11 Gennaio 2014 1 Obiettivo del seminario Il Sistema dei Controlli Interni,

Dettagli

2009 Pillar III. Informativa al Pubblico del Gruppo BPVi. Situazione al 31 dicembre 2009

2009 Pillar III. Informativa al Pubblico del Gruppo BPVi. Situazione al 31 dicembre 2009 2009 Pillar III Informativa al Pubblico del Gruppo BPVi Situazione al 31 dicembre 2009 Informativa al Pubblico Pillar III Società Cooperativa per azioni Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

Dettagli

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Antonio Zullo Chief Risk Officer Gruppo Banca Popolare di Bari 12 dicembre 2014 1 Il sistema dei controlli interni La nuova normativa

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli