FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE"

Transcript

1 FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

2 RELAZIONE SEMESTRALE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE SISTEMA FONDI ZENIT MC AL 30 GIUGNO 2014 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC BREVE TERMINE 2 NOTA ILLUSTRATIVA 6 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO 7 NOTA ILLUSTRATIVA 11 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PIANETA ITALIA 12 NOTA ILLUSTRATIVA 16 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC EVOLUZIONE 17 NOTA ILLUSTRATIVA 21 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PARSEC 22 NOTA ILLUSTRATIVA 26 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC MEGATREND 27 NOTA ILLUSTRATIVA 31 1

3 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC BREVE TERMINE RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO

4 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC BREVE TERMINE SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

5 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC BREVE TERMINE SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

6 Elenco degli strumenti finanziari in portafoglio alla data della relazione semestrale in ordine decrescente di valore 5

7 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC BREVE TERMINE NOTA ILLUSTRATIVA AL 30 GIUGNO 2014 Il Fondo Zenit MC Breve termine mostra, alla fine del primo semestre 2014, un decremento del patrimonio di circa 1,42 milioni di Euro, evidenziando il prevalere dei rimborsi rispetto alle sottoscrizioni. Il rendimento semestrale della classe I è stato di +1.30%, mentre quello della classe R di +1.11% Il 2014 inizia sulla scia delle preoccupazioni riguardanti il tapering statunitense, ossia della riduzione del flusso di acquisti da parte della Federal Reserve, a 65 miliardi di dollari al mese: il Treasury tocca quindi quota 3% per poi invertire il trend e trascinare al ribasso anche tutte le curve europee. Nonostante alcune fasi di volatilità coincise con la fuoriuscita dei capitali dai mercati emergenti, l acuirsi di alcuni rischi geopolitici come ad esempio la situazione tra Russia ed Ucraina, o l esito delle elezioni europee, dove da un lato riprendono forza alcune istanze antieuropeiste e dall altro, in Italia, si delinea una stabilità politica che non si raggiungeva da anni e che potrebbe favorire le tanto attese riforme strutturali l atteggiamento ultra espansivo della maggiori parte delle banche centrali rende il trend dei mercati obbligazionari sostanzialmente unidirezionale con i tassi decennali periferici europei che si restringono di bp, a fronte di movimenti sul breve termine compresi tra bp. Le parole del presidente della BCE Draghi, che continua ad annunciare interventi specifici qualora ce ne fosse bisogno, rendono gli investitori più disponibili ad accettare un sempre minore premio per rischi addizionali. Assistiamo quindi a ottime performance del comparto corporate bond, di buona è di bassa qualità, con la nascita di una nuova categoria di attivi, gli strumenti ibridi, tra capitale e debito, emesso da società industriali, sulla scia della pratica bancaria. In giugno, il rischio di deflazione, ha finalmente permesso alla BCE di concretizzare parte delle promesse fatte fino ad ora: è quindi la prima tra le grandi Banche Centrali a tagliare i tassi di deposito sotto lo zero. A ciò si aggiunge un generoso programma di operazioni di rifinanziamento a lungo termine (TLTROs) che permetteranno alle banche di prendere a prestito un totale di 400 miliardi di euro ad un tasso di 0.25% su scadenza 4 anni. Un programma condizionato al fatto che la liquidità possa davvero affluire alle vene dell economia reale. Le banche, che ad aprile 2016 non avranno aumentato i loro prestiti sopra il livello medio degli ultimi 12 mesi, dovranno rimborsare il prestito anticipatamente. La BCE si è altresì dichiarata decisa a proseguire con i lavori preparatori per eventuali acquisti di asset backed securities, inoltre se i rischi di deflazione dovessero persistere nulla esclude un vero e proprio quantitative easing, ovvero l acquisto di titoli di varia natura. Si prevede ancora un atteggiamento positivo verso il rischio credito, sia governativo sia corporate, ma si sottolinea come mercati talmente compressi possano esasperare varie tipologie di notizie provocando Spike di breve periodo che possono essere sfruttati in ottica di trading. L asset allocation per tutto il corso del primo semestre ha privilegiato le obbligazioni corporate rispetto a quelle governative che rimangono sottopesate rispetto al benchmark. Il peso di queste ultime è rimasto pressoché invariato in zona 57%, ma incrementando il peso della componente periferica (Italia, Spagna e Portogallo) nel corso dei mesi, che passa da un iniziale 29% all attuale 36%. Anche il peso della componente corporate rimane sui livelli medi di periodo del 30 35% con una buona esposizione al settore bancario italiano, al settore assicurativo subordinato, e ad alcuni corporate con un merito credito inferiore all Investment grade. Si evidenzia l inserimento di due titoli così detti Minibond, ossia obbligazioni societarie emesse da aziende non quotate, per cui viene fatta un attenta e specifica due diligence sul piano di sviluppo per il quale richiedono fondi al mercato dei capitali. L esposizione verso questa nuova asset class è dello 0.8%. Si è inoltre inserito un OICR di una casa terza, per un peso del 2.35% per esporsi al mercato degli ibridi societari. L unica fonte di diversificazione valutaria è il dollaro statunitense per un peso di circa il 4%. 6

8 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO

9 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

10 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

11 Elenco dei primi 50 strumenti finanziari in portafoglio alla data della relazione semestrale in ordine decrescente di valore 10

12 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO NOTA ILLUSTRATIVA AL 30 GIUGNO 2014 Il Fondo Zenit MC Obbligazionario mostra, alla fine del primo semestre del 2014, un incremento del patrimonio di circa 3,34 milioni di Euro, evidenziando il prevalere delle sottoscrizioni rispetto ai rimborsi. Il rendimento semestrale della classe I è stato di +3.22%, mentre quello della classe R di +2.95%. Il 2014 inizia sulla scia delle preoccupazioni riguardanti il tapering statunitense, ossia della riduzione del flusso di acquisti da parte della Federal Reserve, a 65 miliardi di dollari al mese: il Treasury tocca quindi quota 3% per poi invertire il trend e trascinare al ribasso anche tutte le curve europee. Nonostante alcune fasi di volatilità coincise con la fuoriuscita dei capitali dai mercati emergenti, l acuirsi di alcuni rischi geopolitici come ad esempio la situazione tra Russia ed Ucraina, o l esito delle elezioni europee, dove da un lato riprendono forza alcune istanze antieuropeiste e dall altro, in Italia, si delinea una stabilità politica che non si raggiungeva da anni e che potrebbe favorire le tanto attese riforme strutturali l atteggiamento ultra espansivo della maggiori parte delle banche centrali rende il trend dei mercati obbligazionari sostanzialmente unidirezionale con i tassi decennali periferici europei che si restringono di bp, a fronte di movimenti sul breve termine compresi tra bp. Le parole del presidente della BCE Draghi, che continua ad annunciare interventi specifici qualora ce ne fosse bisogno, rendono gli investitori più disponibili ad accettare un sempre minore premio per rischi addizionali. Assistiamo quindi a ottime performance del comparto corporate bond, di buona è di bassa qualità, con la nascita di una nuova categoria di attivi, gli strumenti ibridi, tra capitale e debito, emessi da società industriali, sulla scia della pratica bancaria. In giugno, il rischio di deflazione, ha finalmente permesso alla BCE di concretizzare parte delle promesse fatte fino ad ora: è quindi la prima tra le grandi Banche Centrali a tagliare i tassi di deposito sotto lo zero. A ciò si aggiunge un generoso programma di operazioni di rifinanziamento a lungo termine (TLTROs) che permetteranno alle banche di prendere a prestito un totale di 400 miliardi di euro ad un tasso di 0.25% su scadenza 4 anni. Un programma condizionato al fatto che la liquidità possa davvero affluire alle vene dell economia reale. Le banche, che ad aprile 2016 non avranno aumentato i loro prestiti sopra il livello medio degli ultimi 12 mesi, dovranno rimborsare il prestito anticipatamente. La BCE si è altresì dichiarata decisa a proseguire con i lavori preparatori per eventuali acquisti di asset backed securities, inoltre se i rischi di deflazione dovessero persistere nulla esclude un vero e proprio quantitative easing, ovvero l acquisto di titoli di varia natura. Si prevede ancora un atteggiamento positivo verso il rischio credito, sia governativo sia corporate, ma si sottolinea come mercati talmente compressi possano esasperare varie tipologie di notizie provocando Spike di breve periodo che possono essere sfruttati in ottica di trading. L asset allocation per tutto il corso del primo semestre ha privilegiato le obbligazioni corporate rispetto a quelle governative che rimangono sottopesate rispetto al benchmark. Il peso di queste ultime è rimasto pressoché invariato in zona 40%, ma incrementando il peso, e la duration, della componente periferica (Italia, Spagna e Portogallo) nel corso dei mesi, che passa da un iniziale 34% all attuale 38%. Anche il peso della componente corporate rimane sui livelli medi di periodo del 40 45% con una buona esposizione al settore bancario senior e subordinato, al settore assicurativo subordinato, e ad alcuni corporate con un merito credito inferiore all Investment grade. Si evidenzia l inserimento di due titoli così detti Minibond, ossia obbligazioni societarie emesse da aziende non quotate, per cui viene fatta un attenta e specifica due diligence sul piano di sviluppo per il quale richiedono fondi al mercato dei capitali. L esposizione verso questa nuova asset class è del 2.6%. Si è inoltre inserito un OICR di una casa terza, per un peso del 1% per esporsi al mercato degli ibridi societari. Avendo una preferenza relativa per i titoli azionari rispetto ai titoli del reddito fisso, la componente equity, in titoli e attraverso fondi specializzata, è stata alzata tra l 8 e il 10%, cui si somma una quota piuttosto stabile di obbligazioni convertibili per circa il 2% L unica fonte di diversificazione valutaria è il dollaro statunitense per un peso di circa il 7%. 11

13 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PIANETA ITALIA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO

14 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PIANETA ITALIA SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

15 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PIANETA ITALIA SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

16 Elenco dei titoli in portafoglio alla data della relazione semestrale in ordine decrescente di valore 15

17 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PIANETA ITALIA NOTA ILLUSTRATIVA AL 30 GIUGNO 2014 Il Fondo Zenit MC Pianeta Italia mostra, alla fine del primo semestre del 2014, un incremento del patrimonio di circa 4,52 milioni di Euro, evidenziando il prevalere delle sottoscrizioni rispetto ai rimborsi. Il rendimento semestrale della classe I è stato di +6.96%, mentre quello della classe R di +6.30% Il primo semestre del 2014 è stato complessivamente positivo per il mercato azionario italiano, con l indice FTSE All share (benchmark di riferimento del Fondo) che ha guadagnato l 11,73%. Il primo trimestre del 2014 è stato caratterizzato da tre mesi positivi, dovuto principalmente al restringimento dello spread BTP/Bund. In Gennaio è stata molto alta la volatilità intra settoriale, con rendimenti molto differenziati sia tra settori sia tra i titoli dello stesso settore: i titoli industriali, le telecomunicazioni e alcune grandi banche sono stati i migliori, mentre i titoli del lusso e gli assicurativi sono stati tra i peggiori. Il mese di Febbraio si è caratterizzato per un consolidamento del mercato, con quello italiano che si è distinto come il migliore in Europa dall inizio di Gennaio (+7,5%). I titoli finanziari, e in particolar modo le banche popolari, e alcuni industriali sono stati tra i titoli migliori mentre le telecomunicazioni, i titoli energetici e quelli del lusso sono stati tra i peggiori. Sul fronte politico italiano, la nomina del nuovo Presidente del Consiglio dei ministri ha contribuito a dare slancio ai mercati italiani. Molto positivo il mese di Marzo, quando il mercato ha registrato una crescita di quasi il 6%; ancora una volta i titoli delle banche e di alcuni ciclici sono stati i migliori, mentre i titoli legati ai consumi, alcuni tra i ciclici e i titoli del lusso hanno sottoperformato in modo significativo. Il secondo trimestre è stato più contrastato, con il mercato che ha continuato la crescita in Aprile, mentre ha invertito il trend a Maggio e a Giugno. Sebbene, come anticipato, Aprile sia stato anch esso un mese positivo si è notata una diminuzione della forza del mercato italiano. I titoli delle Telecomunicazioni e delle utilities sono salite mentre soprattutto le banche e i gestori di patrimoni hanno cominciato a scendere. A Maggio si è manifestato un cambiamento del trend in atto sui mercati fin dall inizio di Gennaio (anche in questo mese il mercato italiano non è stato il migliore in Europa). Sono andate relativamente bene le utilities, mentre gli assicurativi, i media e i gestori di patrimoni hanno continuato a stornare. In Giugno il mercato azionario è sceso del 2% circa con le utilities e le società energetiche tra le migliori, mentre i titoli media, le banche e i gestori di patrimoni sono stati tra i peggiori. La strategia del Fondo nel semestre ha privilegiato i titoli ciclici, con un sovrappeso di settori industriali e consumi, un atteggiamento dinamico, ma sostanzialmente in sovrappeso, della componente finanziaria, e sottopesata di energetici e utilities, variando l esposizione azionaria globale fra sottopeso e sovrappeso con una forte caratterizzazione della componente mid small cap. Sui mercati azionari è stato assunto un atteggiamento più reattivo in termini di asset allocation, che è stata tenuta in sovrappeso pur in un contesto di dinamismo: l esposizione azionaria netta sarà quindi tendenzialmente over rispetto al benchmark, nell intervallo 70% 110%. Si mantiene un netto sovrappeso small medium caps e si intensificherà l attività di trading, sia sui singoli titoli sia tramite futures su indici. In un ottica di diversificazione del rischio, si potrebbe allocare fino al 15% del portafoglio in titoli area euro. 16

18 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC EVOLUZIONE RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO

19 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC EVOLUZIONE SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

20 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC EVOLUZIONE SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

21 Elenco degli strumenti finanziari in portafoglio alla data della relazione semestrale in ordine decrescente di valore 20

22 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC EVOLUZIONE NOTA ILLUSTRATIVA AL 30 GIUGNO 2014 Il Fondo Zenit MC Evoluzione mostra, alla fine del primo semestre del 2014, un incremento del patrimonio di circa 2,25 milioni di Euro, evidenziando il prevalere delle sottoscrizioni rispetto ai rimborsi. Il rendimento semestrale della classe I è stato di +0.30%, mentre quello della classe R di 0.38%. Il primo trimestre 2014 ha visto il mercato azionario nel suo complesso segnare nuovi massimi, per poi correggere lievemente. E evidente nei numeri il trend favorevole ai periferici europei, in particolar modo l Italia, che risultava essere il miglior mercato, con una performance trimestrale del 14.36%, decisamente superiore al +1.70% dell indice europeo o al +1.30% dello S&P500. Molto più erratici gli altri paesi, con Giappone ed alcuni emergenti pesantemente negativi. Sui mercati in via di sviluppo pesano le attese del rialzo tassi in USA e alcune instabilità politiche che portano gli investitori a far uscire gran parte dei flussi finanziari che vengono riposizionati sull eurozona, dove si evidenziano numerosi segnali di inversione di trend, dopo un lungo periodo di crisi, e valutazioni azionarie, aggiustate per il ciclo, a sconto fra il 30% e il 50%. Sui movimenti di mercato sempre maggior peso viene attributo alle indicazioni delle Banche Centrali in tema di supporto non convenzionale all economia. La Federal Reserve in pratica congela l exit strategy e la BCE, nella riunione di giugno, per il reale rischio di deflazione che pesa sull Europa, riesce finalmente a concretizzare parte delle promesse fatte fino ad ora: è quindi la prima tra le grandi Banche Centrali a tagliare i tassi di deposito sotto lo zero. A ciò si aggiunge un generoso programma di operazioni di rifinanziamento a lungo termine (TLTROs) che permetteranno alle Banche di prendere a prestito un totale di 400 miliardi di euro ad un tasso di 0.25% su scadenza 4 anni. Un programma condizionato affinché la liquidità possa davvero finire nelle vene dell economia reale. Le Banche che ad aprile 2016 non avranno aumentato i loro prestiti sopra il livello medio degli ultimi 12 mesi dovranno rimborsare il prestito anticipatamente. La BCE si è altresì dichiarata decisa a proseguire con i lavori preparatori per eventuali acquisti di asset backed Securities; inoltre, se i rischi di deflazione dovessero persistere, nulla esclude un vero e proprio quantitative easing, ovvero l acquisto di titoli di varia natura. Nonostante ciò i mercati azionari nel secondo trimestre riallineano le performance tra le diverse aree geografiche, con una riconquista della leadership, in termini di forza relativa, da parte degli USA e una ripresa dei mercati emergenti con alcune aree (India) sugli scudi. Affinché il rally possa proseguire è quindi essenziale che da un lato i mercati non si adagino solo su aspettative interventistiche da parte della Banche Centrali, indubbiamente alle prese con la difficoltà di normalizzare i tassi, e dall altro che si proceda con le riforme strutturali in grado di far ripartire vigorosamente il ciclo economico. Sui mercati del reddito fisso l atteggiamento ultra espansivo delle Banche Centrali rende il trend dei mercati obbligazionari praticamente unidirezionale con i tassi decennali periferici europei che si restringono di bp, a fronte di movimenti sul breve termine compresi tra bp. Gli investitori vendono quindi ridursi drasticamente il rischio sistemico e si dimostrano sempre disponibili ad accettare un minore premio per rischi addizionali; si assiste quindi a ottime performance del comparto corporate bond, di buona è di bassa qualità, con la nascita di una nuova categoria di attivi, gli strumenti ibridi, tra capitale e debito, emessi da società industriali, sulla scia della pratica bancaria. Il portafoglio del Fondo nel corso del semestre ha subito una profonda riallocazione geografica, assegnando sempre maggior peso all Europa, soprattutto periferica, attraverso fondi specializzati o operatività in future. Il Giappone, per la sua elevata volatilità è stato lavorato in trading, mentre nella prima parte dell anno, preoccupati dell impatto del tapering americano si è usciti dai mercati emergenti, su cui si è deciso di rientrare solo verso la fine del semestre con un esposizione sui Mercati di frontiera. In termini di asset allocation, avendo una preferenza relativa per i mercati dei capitali rispetto ai mercati del reddito fisso, si è deciso di preferire a fondi governativi, fondi flessibili, che acquistano sempre maggior peso nel corso dei mesi. Vista l elevata rotazione settoriale si è lavorato in trading sul settore più volatile risultato essere quello bancario europeo e sui ciclici influenzati dai dati macro altalenanti, finanziati spesso dal settore più difensivo, ossia quello dell Healthcare. L ultima scommessa settoriale presa sul Fondo a fine semestre risulta quella sulle Utilities europee. Sul mercato dei corporate è stato inserito un Fondo dedicato ai nuovi strumenti di debito ibrido, che incorporano quindi anche un rischio capitale a fronte di una remunerazione significativamente superiore alle normali obbligazioni societarie. Per caratterizzare maggiormente il Fondo e per sfruttare le dinamiche corporate si sono inserite in trading varie nuove emissioni, dai subordinati assicurativi e bancari, a corporate industriali sia senior sia convertibili. La politica di gestione attuata prevede anche l impiego di future su indici di mercati azionari, sia al fine di coprire il rischio di mercato, sia come strumento per incrementare l esposizione del Fondo in modo rapido e flessibile. 21

23 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PARSEC RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO

24 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PARSEC SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

25 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PARSEC SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

26 Elenco degli strumenti finanziari in portafoglio alla data della relazione semestrale in ordine decrescente di valore 25

27 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC PARSEC NOTA ILLUSTRATIVA AL 30 GIUGNO 2014 Il Fondo Zenit MC Parsec mostra, alla fine del primo semestre del 2014, un valore complessivo del patrimonio sostanzialmente invariato rispetto a quello della fine del Il rendimento semestrale della classe I è stato di +0.32%, mentre quello della classe R di 0.35%. Il primo trimestre 2014 ha visto il mercato azionario nel suo complesso segnare nuovi massimi, per poi correggere lievemente. E evidente nei numeri il trend favorevole ai periferici europei, in particolar modo l Italia, che risultava essere il miglior mercato, con una performance trimestrale del 14.36%, decisamente superiore al +1.70% dell indice europeo o al +1.30% dello S&P500. Molto più erratici gli altri paesi, con Giappone ed alcuni emergenti pesantemente negativi. Sui mercati in via di sviluppo pesano le attese del rialzo tassi in USA e alcune instabilità politiche che portano gli investitori a far uscire gran parte dei flussi finanziari che vengono riposizionati sull eurozona, dove si evidenziano numerosi segnali di inversione di trend, dopo un lungo periodo di crisi, e valutazioni azionarie, aggiustate per il ciclo, a sconto fra il 30% e il 50%. Sui movimenti di mercato sempre maggior peso viene attributo alle indicazioni delle Banche Centrali in tema di supporto non convenzionale all economia. La Federal Reserve in pratica congela l exit strategy e la BCE, nella riunione di giugno, per il reale rischio di deflazione che pesa sull Europa, riesce finalmente a concretizzare parte delle promesse fatte fino ad ora: è quindi la prima tra le grandi Banche Centrali a tagliare i tassi di deposito sotto lo zero. A ciò si aggiunge un generoso programma di operazioni di rifinanziamento a lungo termine (TLTROs) che permetteranno alle Banche di prendere a prestito un totale di 400 miliardi di euro ad un tasso di 0.25% su scadenza 4 anni. Un programma condizionato affinché la liquidità possa davvero finire nelle vene dell economia reale. Le Banche che ad aprile 2016 non avranno aumentato i loro prestiti sopra il livello medio degli ultimi 12 mesi dovranno rimborsare il prestito anticipatamente. La BCE si è altresì dichiarata decisa a proseguire con i lavori preparatori per eventuali acquisti di asset backed Securities; inoltre, se i rischi di deflazione dovessero persistere, nulla esclude un vero e proprio quantitative easing, ovvero l acquisto di titoli di varia natura. Nonostante ciò i mercati azionari nel secondo trimestre riallineano le performance tra le diverse aree geografiche, con una riconquista della leadership, in termini di forza relativa, da parte degli USA e una ripresa dei mercati emergenti con alcune aree (India) sugli scudi. Affinché il rally possa proseguire è quindi essenziale che da un lato i mercati non si adagino solo su aspettative interventistiche da parte della Banche Centrali, indubbiamente alle prese con la difficoltà di normalizzare i tassi, e dall altro che si proceda con le riforme strutturali in grado di far ripartire vigorosamente il ciclo economico. Sui mercati del reddito fisso l atteggiamento ultra espansivo delle Banche Centrali rende il trend dei mercati obbligazionari praticamente unidirezionale con i tassi decennali periferici europei che si restringono di bp, a fronte di movimenti sul breve termine compresi tra bp. Gli investitori vendono quindi ridursi drasticamente il rischio sistemico e si dimostrano sempre disponibili ad accettare un minore premio per rischi addizionali; si assiste quindi a ottime performance del comparto corporate bond, di buona è di bassa qualità, con la nascita di una nuova categoria di attivi, gli strumenti ibridi, tra capitale e debito, emessi da società industriali, sulla scia della pratica bancaria. Il portafoglio del Fondo nel corso del semestre ha subito una profonda riallocazione geografica, assegnando sempre maggior peso all Europa, soprattutto periferica, attraverso fondi specializzati o operatività in future. Il Giappone, per la sua elevata volatilità è stato lavorato in trading, mentre nella prima parte dell anno, preoccupati dell impatto del tapering americano si è usciti dai mercati emergenti, su cui si è deciso di rientrare solo verso la fine del semestre con un esposizione sui Mercati di frontiera. In termini di asset allocation, avendo una preferenza relativa per i mercati dei capitali rispetto ai mercati del reddito fisso, si è deciso di preferire a fondi governativi, fondi flessibili, che acquistano sempre maggior peso nel corso dei mesi. Vista l elevata rotazione settoriale si è lavorato in trading sul settore più volatile risultato essere quello bancario europeo e sui ciclici influenzati dai dati macro altalenanti, finanziati spesso dal settore più difensivo, ossia quello dell Healthcare e telecomunicazioni. L ultima scommessa settoriale presa sul Fondo a fine semestre risulta quella sulle Utilities europee. Sul mercato dei corporate si è inserito un Fondo dedicato ai nuovi strumenti di debito ibrido, che incorporano quindi anche un rischio capitale a fronte di una remunerazione significativamente superiore alle normali obbligazioni societarie. La politica di gestione attuata prevede anche l impiego di future su indici di mercati azionari, sia al fine di coprire il rischio di mercato, sia come strumento per incrementare l esposizione del Fondo in modo rapido e flessibile. 26

28 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO

29 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC MEGATREND SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

30 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC MEGATREND SITUAZIONE PATRIMONIALE AL

31 Elenco dei titoli in portafoglio alla data della relazione semestrale in ordine decrescente di valore 30

32 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO ZENIT MC MEGATREND NOTA ILLUSTRATIVA AL 30 GIUGNO 2014 Il Fondo Zenit MC Megatrend mostra, alla fine del primo semestre del 2014, un valore complessivo del patrimonio sostanzialmente invariato rispetto a quello della fine del Il rendimento semestrale della classe I è stato di +3.31%, mentre quello della classe R di +2.54%. Il primo trimestre 2014 ha visto il mercato azionario nel suo complesso segnare nuovi massimi, per poi correggere lievemente. E evidente nei numeri il trend favorevole ai periferici europei, in particolar modo l Italia, che risultava essere il miglior mercato, con una performance trimestrale del 14.36%, decisamente superiore al +1.70% dell indice europeo o al +1.30% dello S&P500. Molto più erratici gli altri paesi, con Giappone ed alcuni emergenti pesantemente negativi. Sui mercati in via di sviluppo pesano le attese del rialzo tassi in USA e alcune instabilità politiche che portano gli investitori a far uscire gran parte dei flussi finanziari che vengono riposizionati sull eurozona, dove si evidenziano numerosi segnali di inversione di trend, dopo un lungo periodo di crisi, e valutazioni azionarie, aggiustate per il ciclo, a sconto fra il 30% e il 50%. Sui movimenti di mercato sempre maggior peso viene attributo alle indicazioni delle Banche Centrali in tema di supporto non convenzionale all economia. La Federal Reserve in pratica congela l exit strategy e la BCE, nella riunione di giugno, per il reale rischio di deflazione che pesa sull Europa, riesce finalmente a concretizzare parte delle promesse fatte fino ad ora: è quindi la prima tra le grandi Banche Centrali a tagliare i tassi di deposito sotto lo zero. A ciò si aggiunge un generoso programma di operazioni di rifinanziamento a lungo termine (TLTROs) che permetteranno alle Banche di prendere a prestito un totale di 400 miliardi di euro ad un tasso di 0.25% su scadenza 4 anni. Un programma condizionato affinché la liquidità possa davvero finire nelle vene dell economia reale. Le Banche che ad aprile 2016 non avranno aumentato i loro prestiti sopra il livello medio degli ultimi 12 mesi dovranno rimborsare il prestito anticipatamente. La BCE si è altresì dichiarata decisa a proseguire con i lavori preparatori per eventuali acquisti di asset backed Securities; inoltre, se i rischi di deflazione dovessero persistere, nulla esclude un vero e proprio quantitative easing, ovvero l acquisto di titoli di varia natura. Nonostante ciò i mercati azionari nel secondo trimestre riallineano le performance tra le diverse aree geografiche, con una riconquista della leadership, in termini di forza relativa, da parte degli USA e una ripresa dei mercati emergenti con alcune aree (India) sugli scudi. Affinché il rally possa proseguire è quindi essenziale che da un lato i mercati non si adagino solo su aspettative interventistiche da parte della Banche Centrali, indubbiamente alle prese con la difficoltà di normalizzare i tassi, e dall altro che si proceda con le riforme strutturali in grado di far ripartire vigorosamente il ciclo economico. Il portafoglio del Fondo nel corso del semestre ha subito una riallocazione geografica, assegnando sempre maggior peso all Europa, soprattutto periferica, attraverso fondi specializzati o operatività in future. Il Giappone, per la sua elevata volatilità è stato lavorato in trading, mentre nella prima parte dell anno, preoccupati dell impatto del tapering americano si è usciti dai mercati emergenti, su cui si è deciso di rientrare solo verso la fine del semestre con un esposizione sui Mercati di frontiera. Per quanto riguarda gli USA, sul finire del semestre si è preferito azzerare l esposizione sulle large cap a favore delle società a minore capitalizzazione. Vista l elevata rotazione settoriale si è lavorato in trading sul settore più volatile risultato essere quello bancario europeo e sui ciclici influenzati dai dati macro altalenanti, finanziati spesso dal settore più difensivo, ossia quello dell Healthcare e telecomunicazioni. L ultima scommessa settoriale presa sul Fondo alla fine del semestre è quella sulle Utilities europee. La politica di gestione attuata prevede anche l impiego di future su indici di mercati azionari, sia al fine di coprire il rischio di mercato, sia come strumento per incrementare l esposizione del Fondo in modo rapido e flessibile. 31

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager FONTEDIR Selezione Gestori Finanziari Monica Basso Milano, luglio 2007 Institutional Sales Manager Agenda Struttura e esperienza del mercato dei Fondi pensione Filosofia e Processo di investimento Sistema

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014 Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014 Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo a cura di Giuseppe Russo Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager Soluzioni orientate ai risultati Obiettivo raggiunto L esperienza trentennale di UBS Global Asset Management nella gestione dei

Dettagli

DAILY REPORT 20 Agosto 2014

DAILY REPORT 20 Agosto 2014 DAILY REPORT 20 Agosto 2014 I DATI DELLA GIORNATA PROVE DI TENUTA? Ieri abbiamo esaminato l indice Dax. Per certi versi le dinamiche degli ultimi 2 anni sembrano le stesse, anche se il terreno un tantino

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli