Eppur mangiar..bisogna - Cucinare quando c era Lui!-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Eppur mangiar..bisogna - Cucinare quando c era Lui!-"

Transcript

1 1 Eppur mangiar..bisogna - Cucinare quando c era Lui!- Giovanni Stefanoni Cuomo Certo, il titolo non spicca per originalità, però è risaputo che cucinare è un arte: un arte sublime che evoca pensieri, ricordi, sensazioni, talvolta affiorano reminiscenze gradite che si sono perse nella notte dei tempi, oppure tornano a galla memorie che si vorrebbero morte e sepolte, sono percezioni che stanno a confermare eventi, manifestazioni, epoche storiche ed è proprio il caso di questo titolo che vuole ricordare un passato italico iniziato nel remoto 1922 con Lui, ovvero quel tal Benito Mussolini, di sangue romagnolo e divenuto Duce dell allora Regno d Italia. Sappiamo che Lui s interessava di tutto: era uno sportivo, un pilota d aerei, aveva partecipato alla Grande Guerra 15-18, sapeva di lettere e poesia, era un giornalista, guidava audacemente automobili anche quelle a pedali- motociclette e biciclette, andava a cavallo, sia di equini, sia di.. avete ben capito di che cosa. Egli sapeva di teologia e filosofia, comandava le Forze Armate e la strategia e la tattica militare erano cose innate in esso, insomma sapeva tutto e far di tutto, quindi, anche la culinaria era una sua specialità, ed infatti in un preciso momento storico gli Italiani si trovarono proprio cul in aria. Con l agognata unificazione nazionale, bisognava poi arrivare a certe unità d intenti non più tipici di una sola parte d Italia; quindi, il folklore facciamolo pure, che ogni regione si celebri le sue ricorrenze laiche o religiose come crede, ma per il raggiungimento di certe mete, importantissime sotto il profilo economico e sociale, queste dovranno essere comuni per tutti, quindi, nazionali e fra questi obbiettivi vi era anche la Cucina Italiana ; come far da mangiare in ogni famiglia italiana. Era assurdo che una nazione come l Italia, erede della romanità imperiale che aveva dominato in Europa, si ritrovasse ad essere riconosciuta solo per spaghetti, pizza, O sole mio, mandolini e altri gingilli del genere: come era possibile che quell isola, lassù al nord, la perfida Albione (l Inghilterra) a suo tempo colonizzata dalle legioni romane potesse ora vantare un immenso impero coloniale; lo stesso dicasi per quegli odiati cugini d oltralpe, quei Galli anch essi dominati da Roma; ovvio che l Italia doveva correre ai ripari, quindi l obiettivo sarà crearsi un impero coloniale, anche questo sarà un modo per il Regime di agire sulla gastronomia nazionale. Vediamo ora una serie di manifesti e motti mussoliniani che hanno invaso l Italia in quel ventennio. Occorre precisare che il XX secolo è anche il periodo in cui la classica cucina, intesa come ambiente di lavoro per la massaia, ha profondi sconvolgimenti che riguardano i comuni attrezzi e strumenti; pensate solamente al comune frigorifero, che però inizierà la sua introduzione nelle famiglie solamente nel secondo dopoguerra, all epoca era ancora in uso la ghiacciaia che svolgerà ancora il suo lavoro negli anni 50. Comunque un rinnovamento anche se lentissimo è in atto, ne beneficerà l industria conserviera e i produttori di svariati generi alimentari. Restano comunque in auge, anzi si rafforzano anche per una questione squisitamente culturale, le cucine regionali che si avvantaggiano quando il regime fascista decide l avventura coloniale in Etiopia o come si diceva allora, in Abissinia; saranno le cosiddette sanzioni che in primis Inghilterra e Francia useranno contro l Italia fascista ad avvalorare la gastronomia regionale e proibire anche in campo culinario l utilizzo di parole straniere. La cucina fascista doveva quindi essere paragonabile a un modus vivendi basato sull essenziale, senza fronzoli, frugale, solida per dare quel giusto ed equilibrato sostentamento in previsione di impegni vitali, anche faticosi, ma per il bene della nazione; in realtà, era in atto una pesante crisi economica che si rifletteva su tutte le classi sociale, quindi il fascismo decise per l autarchia per superare questo grave problema economico, il sistema autarchico, che oggi si direbbe il fai da te non poteva concedere alla cucina frivolezze, abbondanze, lussi affascinanti ricette straniere in specie quelle francesi, perciò: pane, uova, verdure, frutta, qualche bistecca, le mucche servono soprattutto per il latte, frittate, olio, un po di burro, il grano per la pasta e grandi coltivazioni di riso, ossa per il brodo e via di questo passo

2 Il 18 novembre del 1930, Mussolini, in un suo discorso disse: Fortunatamente il popolo italiano non è ancora abituato a mangiare molte volte al giorno. Due anni prima aveva celebrato il pane, l alimento, per antonomasia sinonimo di tutti i cibi, emblema spirituale e materiale di ogni popolo. 2

3 3 I T A L I A N I AMATE IL PANE cuore della casa profumo della mensa gioia dei focolari, RISPETTATE IL PANE sudore della fronte orgoglio del lavoro poema di sacrificio ONORATE IL PANE gloria dei campi fragranza della terra festa della vita NON SCIUPATE IL PANE ricchezza della patria il più soave dono di Dio il più santo premio alla fatica umana.

4 E quindi nella logica di un movimento come quello fascista, far si che il regime entri prepotentemente nelle famiglie italiane a imporre una gastronomia nazionale improntata a un sobrio cucinare, gustoso ma come s è detto precedentemente, senza inutili infiorettature. Gli Italiani devono mangiare bene ma in modo regolato, con metodo, nutrendosi di proteine che saranno propedeutiche per l incremento demografico tanto caro al Duce. L Italia è distesa nel Mare Nostrum il Mediterraneo- perciò ricco di pesci e poi la prima risorsa agricola di ogni Paese, il frumento o grano che dir si voglia, perciò il Duce lancerà quella che passerà alla storia come la battaglia del grano dove il Duce si esibirà a torso nudo lavorando alacremente nei campi di frumento, l esibizione di quei muscoli lucidi per il sacro sudore che irrora il possente torace mussoliniano, farà il giro del mondo. 4

5 Il Duce impegnato fieramente in un campo di grano, sembra dire: Ecco, è così che si lavora il raccolto; imparate da me, oh, contadini fascisti! 5

6 6 : Io sono profondamente convinto che il nostro modo di mangiare, di vestire, di lavorare e di dormire, tutto il complesso delle nostre abitudini deve essere riformato. (Mussolini) Perciò, basandosi su questa definizione, Mussolini e conseguentemente la politica fascista avrà il compito di plasmare gli Italiani e le future generazioni, a seconda degli avvenimenti storici che succederanno; classico esempio l impresa etiopica, che farà nascere la cosiddetta cucina imperiale ; sarà poi la volta in cui il fascismo contrasterà la politica sanzionistica e quindi vi sarà una cucina di opposizione, ai veti delle altre nazioni contrarie all impresa coloniale italiana, infine quando l Italia scenderà in campo, ecco che si svilupperà una cucina di guerra. In questi tre passaggi si può riconoscere tutta l avventura del ventennio di Mussolini a capo di un Italia monarchica e fascista. Il popolo italiano ha creato col suo sangue l'impero. Lo feconderà col suo lavoro e lo difenderà contro chiunque con le sue armi. (Mussolini)

7 7 La Società delle Nazioni (S.d.N.) decreterà sanzioni punitive contro l Italia, rea di aver aggredito l Abissinia; a parole sembrerebbe che tutti gli stati aderenti a questo sodalizio vogliano punire, affamandola, l Italia, in realtà vi sono Paesi che a parole sono d accordo, nei fatti hanno troppi interessi economico-commerciali con l Italia, pertanto le sanzioni saranno solo di facciata, addirittura gli Stati Uniti d America e la Germania di Hitler non aderendo a tale associazione, proseguiranno i loro rapporti d affari con l Italia. Il fascismo ne approfitterà per lanciare una sfida a tutta la nazione, con una parola nuova, mai sentita: autarchia! in pratica una sorta di bricolage o fai da te. Il Regime dimostrerà al mondo che il Bel Paese può fare a meno degli altri e nel frattempo lavorerà sulla psiche degli italiani facendo loro capire che vi sono prodotti, soprattutto con nome italiano, che possono benissimo sostituire quelli stranieri d importazione, settore importante per questa operazione d italianità è perciò la cucina. Perciò in Italia si scatenerà una vera e propria battaglia pubblicitaria contro quelle che saranno definite le inique sanzioni. Alcune componenti chimiche estratte da taluni generi alimentari ebbero uno sfruttamento diverso da quello dell alimentazione, insomma gli Italiani si ricordarono che il loro Paese aveva dato i natali a geni quali Dante, Leonardo, Michelangelo, Galilei, ed altri ancora e quindi dovevano e potevano trovare il modo per sopperire al blocco delle materie prime. Fu rispolverata un arte tipica dell italiano, quella di arrangiarsi, perciò si scoprì che avendo una produzione di latte abnorme, dalla caseina del latte in più si poteva ricavare il lanital, ovvero un tipo particolare di lana; poi dalla ginestra e dai fiocchi di canapa si poteva produrre il sostituto del cotone, il cafioc, mentre dalla canapa già si producevano lenzuola e sacchi, le lenzuola per la verità creavano fastidiosi pruriti, poi, dal vino si traeva dell alcool che serviva da combustibile anche per i motori.

8 8 Non bisogna bere il the, di chiaro riferimento inglese, il carcadè ricavato dai fiori seccati di una peculiare pianta di ibisco che viene coltivata in Eritrea, quindi in un territorio coloniale italiano, può sostituire la perfida bevanda britannica, anzi è addirittura benefica con le sue proprietà antinfiammatorie, diuretiche, antisettiche e può essere bevuta tranquillamente anche dai bambini essendo priva di azione stimolante. Aborrire il caffè, un buon espresso di cicoria è assolutamente da preferire; ricordate il celebre caffè Franck, non lasciatevi ingannare dal nome straniero, era una italianissima azienda di Milano; o dell altrettanto celebre miscela Leone, erano i caffè che avevano sostituito quello d importazione che, lo dice anche la scienza medica di regime, fa molto male. Anche il famosissimo liquore inventato dai francesi con particolare distillazione, il Cognàc, deve mutare nome, se proprio dobbiamo ordinarlo in un caffè-bar, chiediamo un arzente, che proviene da ardiente e quindi corrotta in seguito in ardente, naturalmente il liquore deve essere prodotto in Italia, in realtà fu una parola che non ebbe grande fortuna, la gente continuò a dire cognàc, per la verità, si usava dire cognac, senza l accento sulla a. La radio e i cinegiornali di quegli anni ripetevano incessantemente che il Duce spesso si recava in campagna a lavorare e prestava la sua opera ininterrottamente per tre ore, senza dar mostra di essere assolutamente stanco... era questa la prova tangibile che la classe contadina era consegnataria e custode di tutti i valori e dei costumi morali della famiglia italiana ".

9 In questo clima di euforico fare e produrre in proprio, in ambito famigliare chi dovrà curarne la gestione? Risposta ovvia: la donna! Questi autentici angeli del focolare, tanto per usare una frase ultra sfruttata, ma che è la pura e semplice verità, dovranno spremersi le meningi per far quadrare bilanci e porre all ora di pranzo e cena, cibi appetitosi, saporiti, utilizzando risorse alimentari semplici e talvolta neanche troppo redditizie. Una risorsa sono le castagne, per il brodo viene adoperato l Italdado, un prodotto della Liebig, saporito e poco costoso; c è una pubblicità che esalta il formaggio Robbiola, saporito e nutriente più di una bistecca. 9

10 "Invece del burro faremo cannoni", tuona Mussolini. 10

11 11 Ai bambini che frequentano le scuole vengono loro affidati i salvadanai, con questo gesto propagandistico il regime vuole istruire le nuovissime generazioni al risparmio. Le sezioni del Dopolavoro sono impegnate a dare estrema importanza e propugnare incessantemente l allevamento dei conigli; le bestiole oltre a fornire carne per l alimentazione, possono fornire pellicce, calde e poco costose. E Mussolini rincara la dose proclamando: Dobbiamo considerarci soldati anche nel rancio.

12 Sono poi diramati consigli per i contadini: 12

13 13 Un immenso, grandissimo sforzo propagandistico nonché pubblicitario, a cui sono abbinati concorsi e ovviamente le industrie alimentari nazionali, avviene con le Mostre Nazionali dell Agricoltura, che si allestiscono ogni anno in città diverse. Nel marzo del 1929, Benito Mussolini afferma alla prima Assemblea quinquennale del Regime: Bisogna dare la massima fecondità a ogni zolla di terreno.

14 Anche le inique sanzioni finiranno, anzi, diciamo che sarà una fine ingloriosa, sono durate pochi mesi, sette per la precisione, quando il 4 luglio 1936, la Società delle Nazione si vide costretta a ritirarle, fu un fallimento per questa istituzione che perdette sempre più credibilità e naturalmente una magra figura la fece anche Londra che assieme alla Francia, ne fu la principale artefice e sostenitrice, addirittura inviando una flotta navale in Mediterraneo. 14

15 15 Naturalmente la casalinga quando era impegnata ai fornelli o a rassettar la casa, non poteva fare a meno di canticchiare le canzoni in voga a quei tempi; erano motivi anche sostenuti dall eterno e onnipresente MinCulPop, come ad esempio Reginella campagnola ; Amor di pastorello ; Rosabella del Molise oppure quelle inneggianti al colonialismo: Faccetta nera ; Carovana del Tigrai e parecchie altre. Il mondo rurale era perciò ampiamente sorretto dal regime e quindi gli autori erano invitati a produrre canzoni che celebravano la terra e la vita contadina. Questo clima appoggia e incoraggia la composizione di quelle canzoni che esaltano le virtù dei paesini rurali sparsi nelle diverse regioni italiane. Ne è una tipica dimostrazione quel motivo titolato Se vuoi goder la vita in cui si canta: Se vuoi goder la vita, torna al tuo paesello / che è assai più bello della città". Ovviamente la gente quando cantava talvolta storpiava le parole o ne aggiungeva, la Reginella campagnola ne è un classico esempio, quando la strofa è al termine con le seguenti parole: Se vuoi vivere felice devi vivere quassù!... c è un intermezzo musicale a cui la gente lombarda adottò le seguenti parole: con cinc ghei te la foo vedè, con des ghei te la foo toccaa, con vint ghei te la foo provà in mez al praa! ma tante altre canzoni avevano dei testi abbastanza ambigui ed infatti, non erano propriamente gradite al regime, però la gente cantava ugualmente cercando sempre di far quadrare il bilancio familiare, anche quando una certa canzone s intitolava E arrivata la bufera l allusione è significativa, e in una strofa si può leggere senza pepe e senza sale la minestra non si fa!. Dopo questo intermezzo torniamo alla nostra cucina dell epoca. Prendiamo in esame quello che mangiava un lavoratore, la differenza fra impiegato ed operaio non era nettissima, la massaia doveva dare fondo a tutte le sue risorse d ingegnosità per allestire un menù che avesse un certo sapore e naturalmente una certa sostanza, ecco perciò la lista dei cibi: polenta e baccalà, oppure con sugo di pomodoro, c erano poi le uova al tegame, in dialetto milanese le celebri oeuv in cereghin, ovvero quelle affogate nel burro, le minestre la facevano da padrone, poi si consumavano formaggi, eventualmente la frutta e andava per la maggiore il riso e latte e patate arrostite nel burro. Alla domenica la donna di casa, madre, moglie, zia, amante, amica, insomma fate un po voi, s industriava nel mettere in tavolo cose che durante la settimana lavorativa era ben difficile assaporare, vale a dire pasta asciutta, polpettone di carne, arrosti, mentre alla sera si cenava più leggeri con una minestra di riso, patate e formaggio. In abbondanza vi era la coltivazione del riso, tutta la pianura padana era un immensa risaia, perciò pur con l ostinata battaglia del grano la relativa produzione era ancora insufficiente; la produzione di pane era per la massima parte quello nero, quindi meno pregiato, quello cosiddetto banco era considerato un privilegio a cui potevano accedere una riservata elite di persone.

16 16 A un certo punto saltò fuori Filippo Tommaso Marinetti, il padre del Movimento Futurista, che era un acerrimo nemico della pasta in tutte le sue forme e sagome, l avversione marinettiana per gli spaghetti, i maccheroni, gli ziti e altre similarità era notissima a tutti, l artista proponeva autentiche crociate anti-pasta, arrivando ad auspicare la sua abolizione dai deschi familiari. Marinetti, nel suo Manifesto della Cucina Futurista così declama: «Convinti che nella probabile conflagrazione futura vincerà il popolo più agile, più scattante, noi futuristi... Crediamo anzitutto necessaria: L'abolizione della pastasciutta, assurda religione gastronomica italiana». Perché da «questo alimento amidaceo... ne derivano: fiacchezza, pessimismo, inattività nostalgica e neutralismo». Questo orrendo cibo, sostiene Marinetti, uccide l'animo nobile dei napoletani; sarebbe quindi indispensabile la sua eliminazione, in questa maniera si eviterebbe la dispendiosa importazione di grano straniero con il conseguente aumento della produzione risicola. Pare altresì scontato che l ispiratore di tutto questo maccheronico pandemonio non sia stato altro che tal Benito Mussolini. Per la cronaca è doveroso segnalare che il buon Marinetti un bel giorno viene scoperto al Ristorante Biffi di Milano, mentre si pappa una strepitosa porzione di spaghetti, ovvia la risposta popolare alla sua crociata antipasta: Marinetti dice basta, messa al bando sia la pasta; poi si scopre Marinetti che divora gli spaghetti. E assodato che il Marinetti farà una più che logica retromarcia riconciliandosi con la pasta. Ed ecco gli Italiani Con l obiettivo di rendere sempre più attuale e utilizzare al meglio la lingua italiana, il regime che cosa ti inventa, la forzata italianizzazione di quelle parole straniere che però sono entrate a far parte di un comune lessico in tutti i Paesi del mondo. E scontato parlare di consommé, quando vogliamo parlare di un brodo ristretto, a Milano il vocabolo ha addirittura un inflessione dialettale, infatti, si pronuncia el consumé, ancora oggi come allora il roast beef è pronunciato senza interruzione e dal macellaio si chiedono doo bistecch de rosbif. D'altronde sono svariate le pietanze con denominazione straniera, soprattutto in inglese e in francese, proprio i due popoli che il regime non riesce a sopportare, e allora che fare? Semplice, conclusero i soloni fascisti, si usi la lingua di Dante per tutte quelle pietanze con nome forestiero.

17 17 Il Min.Cul.Pop (Ministero Cultura Popolare) decise che bisognava incul care agli Italiani le giuste definizioni per i cibi. Guai a dire: Ho mangiato un omelette questo cibo non è altro che frittatine avvolte, le mousse divennero salse, e via di questo passo. Queste indicazioni erano soprattutto destinate ai ristoranti che preparavano le liste dei menù, oh! Chiedo venia, bisogna dire o elencare: lista delle vivande ecco una serie di traduzioni in lingua italica. Aspic = gelatina / Beefsteck = Trancio di filetto di bue / Carrè di vitello = Lombata di vitello / Chàteaubriand = Doppio trancio filetto di bue / Consommè = Brodo ristretto Chantilly=Panna montata / Crème caramelle = Crema Caramellata / Crèpes = Frittelle dolci Croquettes= Polpette / Entrecòtes = Braciola di Lombo / Flan = Sformato / Gigot=Cosciotto Gulasch = Spezzatino di manzo con paprika / Julienne = Zuppa di legumi minuti / La mousse, di qualsiasi composto, non è altro che spuma / I marrons glacés, sono le castagne candite / Noisette di vitello = Nocettine di vitello / Le Omelette, sono le diverse frittate, se con finerbes, sono avvolte con il prezzemolo / Parmentier = Zuppa di patate schiacciate / Purèe di patate = Patate schiacciate / Pudding = Bodino / Roastbeef = Lombo di bue / Rumpsteack = Braciola di costata / Salmì = Infuso di vino / Santè = Zuppa di legumi / Soufflée significa, gonfiato / St. Germain = Zuppa di piselli stacciati / Vola au vent sono le sfogliatine/ I Tournedos sono i medaglioni di filetto di bue / Wurstel = Salsicciotti affumicati Questa opera d invogliare e pretendere da tutti a ogni costo di non usare più vocaboli stranieri, era giustificata dal regime per garantire: Un autarchia alimentare; una coscienza alimentare; una cultura gastronomica italiana; per un arte cucinaria imperiale e per la conservazione e procreazione della stirpe! Questa era la bella pensata del MinCulPop che fra le altre cose era il propugnatore per l eliminazione dei dialetti, esistenti nelle varie regioni e provincie italiane.

18 18 La propaganda per le attività agricole è incessante, un autentica inflazione di manifesti, concorsi e pure le Regie Poste ci si mettono con l uso di timbri che annullino la corrispondenza, sono modelli che i cosiddetti gli esperti filatelici definiscono come annulli con targhetta meccanica. Inutile dire che la maggior parte delle descrizioni che compaiono su questi timbri, sono opera del Duce.

19 La Cucina Italiana Giornale per famiglie e buongustai 19

20 Il 12 gennaio 1927, Mussolini rilascia un intervista al London Daily Express dove dichiara: Sono io Benito Mussolini- che ho curato la dieta morale e fisica dell Italia e ancora oggi sorveglio attentamente che nulla di dannoso al sistema del mio paese possa arrivare al suo stomaco e provocare malattie e disturbi 20

21 21

22 22

23 23 Il Duce continua a imperversare con le sue dichiarazioni sull alimentazione degli Italiani, ecco un suo proclama datato 28 gennaio 1932: Può sembrare incredibile, ma sta nel fatto che da quando ho invitati i medici italiani a sollecitare gli italiani stessi a consumare l uva, il consumo dell uva da tavola si è quasi quintuplicato; l uva, dal tempo dei tempi, è stata sempre riconosciuta ottima, non solo come nutrimento, ma come medicamento. Se domani i medici dicessero che il riso non è più quell alimento disprezzabile che taluni pensano. soprattutto gli ex combattenti, per via che in trincea ce lo davano troppo spesso e non sempre adeguato nella cottura, se tutto ciò ci conducesse a consumare un solo chilogrammo di riso in più pro capite durante l anno, non ci sarebbe più la crisi del riso. (e qualcuno aggiunse: E vero, allora bisognerebbe coltivare più comici che sono gli artefici del riso e lui come Capo saprebbe come fare ) Mussolini era decisamente legato al mondo contadino,

24 24 egli non poteva dimenticare di essere nato in una terra di cui l agricoltura era fra i principali sistemi produttivi per il sostentamento, e il Duce dimostrava questo suo attaccamento alla terra coniando frasi e motti a ripetizione per l universo agricolo. L Italia diceva Mussolini- ha nella terra la sorgente maggiore di produzione e ricchezza, e il cittadino italiano è, nel suo intimo, contadino anche quando non maneggia gli strumenti agricoli. Il contadino deve rimanere fedele alla terra, dev'essere orgoglioso di essere contadino, fiero di lavorare il suo campo. (Mussolini) Io rispetto i calli alle mani. Sono un titolo di nobiltà. (Mussolini) Rimanendo rurali sarete più vicini al mio cuore (Mussolini)

25 25 É l'aratro che traccia il solco, ma è la spada che lo difende. E il vomere e la lama sono entrambi di acciaio temprato come la fede dei nostri cuori. (Mussolini) Parlando sempre di cucina autarchica, la celebre Petronilla suggeriva che in mancanza di burro, si può ottenere un ottimo condimento con grasso di vitello (oppure di montone o bue), timo, olio, cipolla, carote, sale e croste di pane; naturalmente il tutto sarà cotto per ottenere questo succedaneo grasso del burro. Vi manca l olio? E nuovamente Petronilla ha la soluzione utilizzando olive nere, aglio e aceto; anche questo composto verrà cotto per ottenere un misto di olio e aceto.

26 L olio è una naturale risorsa dell agricoltura italiana e quindi per la cucina nazionale. 26

27 27 Ora proponiamo una serie di ricette Focaccia economica Si tramenino (mescolare, miscelare) 3 tuorli d uovo con 200 gr. di zucchero e 50 gr. di burro o strutto; si uniscano 400 gr. di farina, a poco a poco, alternandola con qualche cucchiaio di latte fino a che si sarà versato un ottavo di litro, le tre chiare battute a neve, la raschiatura di una buccia di limone ed una polverina di lievito artificiale. Si ponga tutto in uno stampo burrato e spolverizzato di farina, e si cuocia per un ora circa a forno basso. Gnocchi di pane Si lascino rammollire in una bacinella con del latte bollente 10 o 12 fettine di pane raffermo tagliato a quadrellini. Si rimesti ogni tanto, badando che il pane non sia pregno di liquido, ma soltanto molle. Un ora prima della colazione si soffriggano a trasparenza 100 gr. di pancetta tagliata a quadrelli e si versino sul pane. Si friggano poi in 50 gr. di burro due o tre fette di pane, pure tagliate a quadrelli, si uniscano due foglie di salvia, e si versi tutto nella bacinella dell impasto, aggiungendo due uova intere e due o tre cucchiaiate di farina. Si formino gli gnocchi, mettendo sul asse un po di farina e arrotolando una cucchiaiata di impasto per volta, in modo da fare delle pallottole della grandezza di albicocche. Si provi prima a gettarne uno nell acqua bollente, e se si vedrà che questo non è ancora abbastanza solido, si aggiunga all impasto ancora un po di farina. Si facciano bollire pochi per volta e quando vengono a galla si tolgano col mestolo bucato. Questi gnocchi vanno conditi con molto burro e parmigiano. Questa dose basterà per 5 o 6 persone.

28 Nell'Italia autarchica, il riso è in grande considerazione, poiché prodotto nostrano e, soprattutto, assai a buon mercato. Un risotto giallo finisce nel ricettario di Petronilla, al secolo la dottoressa Amalia Moretti Foggia della Rovere, faro della gastronomia economica dei tempi; la ricetta cita alcuni passaggi non convenzionali, come quello di soffriggere la cipolla fino all'annerimento, dimostrando, però, quanto il piatto fosse ormai incancellabile dalla letteratura culinaria italiana. 28

29 29 RISOTTO ALLA MILANESE Sbucciate e tritate finemente la cipolla; fatela appassire a fuoco basso in una casseruola con il burro e il midollo di bue. Aggiungete il riso e lasciatelo tostare fino a quando non diventa traslucido; bagnate con il vino e, mescolando, lasciatelo evaporare completamente. Versate un mestolo di brodo bollente e portate a cottura il riso, aggiungendo altro brodo solo quando il precedente è stato completamente assorbito. Mescolate spesso. Quando il riso è quasi cotto sciogliete lo zafferano in polvere in poco brodo e unitelo al risotto. Se necessario aggiustate di sale. Continuando a mescolare spegnete la fiamma, incorpora- te il burro e una parte di grana grattugiato, coprite e fate riposare per 5 minuti. Aggiungete il restante grana. Se il riso risultasse troppo asciutto, scioglietevi un altro pezzetto di burro. Guarnite con i pistilli di zafferano e servite in tavola.

30 30 RISOTTO DEL CONTADINO Sbucciate la cipolla, lavate e mondate sedano e prezzemolo, raschiate la carota e tritate finemente tutti questi ingredienti. Eliminate il pistillo dai fiori di zucca, lavateli e asciugateli delicatamente tamponandoli con carta assorbente da cucina. Mondate gli asparagi eliminando la parte finale dei gambo, più legnosa, lavateli, tagliateli a pezzetti e fateli insaporire in un tegame con 30 g di burro, insieme al trito di verdure preparato. Mescolate, dopo 5 minuti, unite il riso e fatelo tostare fino a quando non diventa traslucido bagnate con il vino e lasciate evaporare. Versate un mestolo di brodo bollente, quindi portate a cottura il risotto aggiungendo altro brodo solo quando il precedente è stato completamente assorbito, mescolate spesso. 5 minuti prima dei termine di cottura unite i fiori di zucca spezzettati. Regolate di sale. Lavate e sgocciolate bene i germogli di crescione, tenendone da parte una manciata per decorare i piatti. Spegnete il fuoco, mantecate il risotto con il burro rimasto e unite i germogli di crescione; aromatizzate con una macinata di pepe bianco, coprite e lasciate riposare per 5 minuti. Servite caldo, guarnendo i piatti con i germogli di crescione.

31 Naturalmente non è solo l Italia a produrre riso, parecchie altre nazioni coltivano questo ambito cereale, però come viene cucinato e preparato in Italia, probabilmente è una cosa unica e le sue innumerevoli ricette più o meno sofisticate, lo stanno a dimostrare; probabilmente anche per questa imbattibilità nella preparazione, Mussolini si ostinava a proporre il riso sulla tavola degli italiani. 31

32 32 Anche gli spinaci, come altri ortaggi erano assai utilizzati in questa cucina di regime. Spinaci alla crema Lessa gli spinaci passati per il setaccio e mescolali con una leggera besciamella fatta di poco latte e burro. Guarniscili con crostini di pane fritto e con fegatini di capra. Conchiglie di spinaci Prepara gli spinaci come quelli alla crema, prendi della pasta fatta conchiglia. Imburrale e col cornetto guarniscine il contorno, nel vuoto rimasto metti un po di prosciutto cotto passato aggiungendo un po di burro e sugo di carne concentrato, poni in forno e attendi che facciano la crosticina. Naturalmente a tavola non poteva mancare, vino e acqua, sebbene Mussolini prediligesse l acqua, sul desco di ogni italiano far mancare del vino era come bestemmiare, quindi, che il Duce si bevesse pure tutta l acqua che vuole E l acqua si poteva mineralizzare usando le apposite bustine.

33 33

34 34

35 Frattanto la catastrofe si sta avvicinando, siamo verso la fine degli anni 30 e dopo si dovrà parlare di cucina di guerra. 35

36 Lavoratore, ricorda che anche tu sei soldato, perché il tuo lavoro è la tua trincea. (Mussolini) 36

37 37 Il Führer, Adolf Hitler è in visita in Italia, dopo aver visitato Venezia e Firenze, giunge a Roma accolto da Benito Mussolini. Probabilmente il Duce, da questa visita si attendeva molto di più di quello che in realtà si ebbe. Gli italiani, con la scusa del gravoso impegno per le grandiose cerimonie organizzate in onore di Hitler, tendevano a non entrare troppo nel concreto di questa visita. I tedeschi invece avrebbero voluto esattamente il contrario.

38 38

39 39 Sciroppo d uva Prendete 5 kg di uva bianca o nera, bella e matura, spremetela in un sacchetto di tela allungando il sugo ottenuto con un po d acqua; mettete quindi tutto il sugo in un tegame con 100 grammi di zucchero e fatelo cucinare su fuoco piccolo, riducendo il tutto a un litro di liquido. Versate poi lo sciroppo in un vaso e lasciatelo riposare per 48 ore, scolate quindi, adagio la parte chiara del sugo in una bottiglia, aggiungendovi 50 grammi di spirito di vino. Tappate poi bene la bottiglia e conservatela in cantina, o in luogo fresco. Servite poi lo sciroppo con dell acqua o con del selz e offrite così una buona bibita. Naturalmente l impresa coloniale in Etiopia ha prodotto anche una serie di ricette che risuonano di echi africani, eccone alcune. Africani Con un tuorlo d uovo si possono fare cinque di questi dolcetti: per ogni tuorlo un cucchiaio di zucchero e un po di raschiatura di limone. Sbattere molto, sino a ridurre il composto quasi bianco, versare in uno stampo di carta pieghettata sino a metà, quindi, infornate e cuocete per circa mezz ora in forno non troppo ardente, finché il composto non sarà dorato. Questi dolcetti si servono negli stampini di carta che si possono anche comperare già pronti, si possono comunque preparare anche in casa con carta trasparente.

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati 500 gr di porcini 3 agli prezzemolo olio evo mezzo bicchiere di vino bianco farina Procedimento Pulite i porcini, grattando il gambo e la cappella con un

Dettagli

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione Ricettario tabella dietetica Asilo Nido Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana,

Dettagli

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte Ricette Bielorusse Frittelle sottili 1 tazza di farina, 2 tazze di latte, 1 cucchiaino di zucchero, 4 cucchiai di lardo o burro, Miscelate le uova, lo zucchero, il sale, la farina e metà del latte. Mescolate

Dettagli

- RICETTE di PESCE -

- RICETTE di PESCE - - RICETTE di PESCE - ZUPPA ALLA MARANESE (per 4 persone) 2 Kg di pesce misto (passera, cefalo, ghiozzo,anguilla, ecc) tutto di piccola taglia Mezza cipolla Aceto ½ bicchiere di vino bianco 2 coste di sedano

Dettagli

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI Ricettario Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana, timo, alloro, basilico) e farli cuocere in acqua per un'ora a fuoco moderato. Colare il brodo ed

Dettagli

Albergo Dimaro***superior

Albergo Dimaro***superior MINESTRA D'ORZO ALLA TRENTINA (Orzèt alla trentina) Ingredienti per 6 persone: 180 grammi di orzo perlato 1 osso di prosciutto con ancora carne attaccata 1 patata 1 carota 1 porro 2 pugni di pisellini

Dettagli

LE SCHEDE DEL PUNTO INFORMATIVO.9 Alimentazione e Terapia

LE SCHEDE DEL PUNTO INFORMATIVO.9 Alimentazione e Terapia LE SCHEDE DEL PUNTO INFORMATIVO.9 Alimentazione e Terapia Ricette ipercaloriche e iperproteiche Primi piatti Pasta al forno 300 g maccheroncini 25 g parmigiano stagionato, grattugiato Salsa bianca: 50

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA di Francesca Tammaccaro, Paolo Torresan Sequenza di suoni 1 bollire 2 friggere 3 mescolare 4 accendere il gas 5 versare 6 tagliare 38 Livello principiante Obiettivi: comprendere

Dettagli

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Menu delle feste dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Morbido di cioccolato Baccalà mantecato riso croccante

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) 1 tacchino (peso complessivo di 6 kg circa) 1 kg di castagne 150 g di burro mollica di pane raffermo cipolla sedano rosmarino

Dettagli

Per ricordare le origini a tavola

Per ricordare le origini a tavola Per ricordare le origini a tavola LA CUCINA CON AMORE... di Lucia Tardelli. ANTIPASTO : alici marinate ingredienti per 4 persone : 400gr alici fresche un po grosse 70gr farina olio per fritture 2 dl di

Dettagli

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola.

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola. La natura soddisfa il palato con un alimentazione sana ed equilibrata. Fagioli, lenticchie, ceci, piselli, soia, da apprezzare in zuppe e piatti ricchi di proteine vegetali, vitamine e sali minerali. Legumi

Dettagli

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito DOLCE EPIFANIA Pinza de Marantega 300 gr. farina gialla 200 gr. farina bianca 200 gr. zucchero 200 gr. burro 50 gr. uvetta 50 gr. cedri canditi 50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice

Dettagli

MENU DI NATALE 2015. Crostini avogado e olive. Zucca con passolina e pinoli. Vellutata di giri. Risotto melograno e broccoli.

MENU DI NATALE 2015. Crostini avogado e olive. Zucca con passolina e pinoli. Vellutata di giri. Risotto melograno e broccoli. MENU DI NATALE 2015 Crostini avogado e olive Zucca con passolina e pinoli Vellutata di giri Risotto melograno e broccoli Polpettone vegano Insalata ricca Torta Sacher VEG Crostini avogado e olive ingredienti:

Dettagli

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca Menù AZZURRO Prepasto Zanzarelli Minestra Brodetto saracenico Pasto Pollo al finocchio Postpasto Budino di frutta secca 1 Ricetta e preparazione menu azzurro (4) Zanzarelli (Libro de arte coquinaria, Maestro

Dettagli

PIATTI TIPICI DI FABRO

PIATTI TIPICI DI FABRO PIATTI TIPICI DI FABRO Vigilia di Natale Crostini di cavolo: pane abbrustolito con cavolo lessato e condito con olio, sale e aceto. Frittelle di cavolfiore: cavolfiore lessato e fritto in pastella Minestra

Dettagli

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO Pomodori Pelati I nostri pomodori pelati sono il risultato di una procedura di accurata selezione che parte dalla scelta dei semi ed arriva fino alla valutazione dei terreni adatti ad ospitare le coltivazioni.

Dettagli

MOZZARELLA IN CARROZZA

MOZZARELLA IN CARROZZA Ricette di pane pane raffermo a fette passata di pomodoro salata mozzarella origano olio PIZZETTE tagliare a fette non troppo sottili il pane raffermo,disporlo in una teglia, versarvi sopra qualche cucchiaio

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto SALSA KETCHUP Il libretto è la raccolta di alcune ricette cucinate dalla cuoca della nostra mensa, Letizia Bambagioni, per i bambini delle scuole di Scandicci. Le ricette, inserite nel menù stagionale

Dettagli

PASQUA. I menù di ViviDanone MENÙ PASQUA IN FAMIGLIA MENÙ PASQUA CON GLI AMICI

PASQUA. I menù di ViviDanone MENÙ PASQUA IN FAMIGLIA MENÙ PASQUA CON GLI AMICI PASQUA I menù di ViviDanone MENÙ PASQUA IN FAMIGLIA MENÙ PASQUA CON GLI AMICI Primo Pasqua in famiglia RISOTTO AGLI ASPARAGI 500 g di asparagi verdi 320 g di riso carnaroli ½ porro 1 bicchiere di vino

Dettagli

Rotolo di vitello ripieno

Rotolo di vitello ripieno Rotolo di vitello ripieno Il rotolo di vitello ripieno con prosciutto, spinaci e frittata è un secondo piatto ricco e gustoso, ideale per il pranzo della domenica o per una occasione speciale. Un piatto

Dettagli

Ricette evasive. A cura di Fagiolino

Ricette evasive. A cura di Fagiolino Ricette evasive A cura di Fagiolino Ricette di facile preparazione pensate soprattutto per chi è prigioniero/a, riutilizzando parte del vitto fornito dall'amministrazione Penitenziaria. L'asterisco * sta

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE INDICE PRESENTAZIONE 5 GLOSSARIO ESSENZIALE 6-9 Celti, greci, latini: la cucina racconta la storia 10-11 Comuni, signorie, regioni: le cento cucine d Italia 12-13 Le differenze regionali nel lessico della

Dettagli

Polenta pasticciata. ricetta nonna per il mese di gennaio. della

Polenta pasticciata. ricetta nonna per il mese di gennaio. della di gennaio ½ litro acqua ½ litro latte 1 cucchiaino sale 250 gr. farina gialla 250 gr. formaggio affettato 150 gr. burro Polenta pasticciata Preparare la polenta base migliorata con latte. Affettarla,

Dettagli

www.ricettegustose.it Pagina 1

www.ricettegustose.it Pagina 1 www.ricettegustose.it Pagina 1 Indice primi piatti di pesce 1 Iscriviti alla NewsLetter per conoscere tutte le nuove ricette inserite Bucatini pesce spada e olive nere Farfalle patate e trota salmonata

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

Ingredienti. 2,5 kg di zucchine. 1 litro di aceto (oppure 1/2 litro aceto e 1/2 litro di vino bianco) olio extravergine di oliva. 1 etto di zucchero

Ingredienti. 2,5 kg di zucchine. 1 litro di aceto (oppure 1/2 litro aceto e 1/2 litro di vino bianco) olio extravergine di oliva. 1 etto di zucchero Zucchine sott'olio Questo è il procedimento per preparare le zucchine sott'olio e può essere utile anche per conservare altre verdure: peperoni, melanzane, funghi ecc... Ingredienti 2,5 kg di zucchine

Dettagli

Torta di grano saraceno

Torta di grano saraceno Torta di grano saraceno Ricetta originale di Anneliese Kompatscher Ingredienti: 250g burro morbido 250g zucchero 6 uova 250g farina di grano saraceno 250g mandorle macinate 1 bustina di zucchero vanigliato

Dettagli

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- --------------------------------------------------

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ESERCITAZIONE PRATICA N 9 CARPACCIO DI CARCIOFI CON BRESAOLA DELLA VALTELLINA SU LETTO DI RUGHETTA CON MOUSSE DI FORMAGGIO ALLE ERBE ----------------------------------------------- CREMA PARMANTIER -------------------------------------------------

Dettagli

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP MENU WARSTEINER PRIMO PIATTO pagina 5 Brodo Alla Verdure e WARSTEINER ANTIPASTO pagina 7 Sciatt Frittelle della Valtellina PRIMO PIATTO pagina 9 Risotto con WARSTEINER barbabietola e spuma di gorgonzola

Dettagli

Collana Digitale IPSSAR Brindisi

Collana Digitale IPSSAR Brindisi Collana Digitale IPSSAR Brindisi Piatti realizzati dagli allievi del prof. Vincenzo Mustich Ricettario antipasti primi secondi contorni dessert dolci IPSSAR S. Pertini - Brindisi antipasti Porzione: 129

Dettagli

COMITATO DI ROMA della SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI Piazza Firenze, 27 - tel. 06 687 37 22 - www.dantealighieri-roma.it

COMITATO DI ROMA della SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI Piazza Firenze, 27 - tel. 06 687 37 22 - www.dantealighieri-roma.it CARPACCIO DI TROTA Ingredienti per 4 persone: Trota 1 da circa 1 kg Zucchero Insalata mista Fagiolini 200 gr Ravanelli 100 gr Salsa al tartufo 1. Per prima cosa lavate la trota, tagliatela in due filetti,

Dettagli

cottura 5 GOLOSE ricette

cottura 5 GOLOSE ricette cottura 5 GOLOSE ricette PROVA LA COTTURA del FUTURO! La prima batteria di pentole a risparmio energetico INNOVATIVA Grazie agli speciali canali collocati sul fondo IL TEMPO DI COTTURA DIMINUISCE RISPARMIANDO

Dettagli

TOSCANA Acquacotta alla grossetana Dosi per 10 persone

TOSCANA Acquacotta alla grossetana Dosi per 10 persone TOSCANA Acquacotta alla grossetana 850 g di funghi porcini 500 g di pomodori freschi da sugo privati dei semi 250 g di olio di oliva extra vergine 120 g di parmigiano grattugiato 20 piccole fette di pane

Dettagli

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni GIAPPONE Dolce di carote (Gajar Halwa) 2 kg di carote 250 g di zucchero 80 g di mandorle pelate 120 g di burro chiarificato 80 g di pistacchi 2 l di latte cardamomo verde pelare e grattuggiare le carote

Dettagli

Ricette di Andreas Caminada

Ricette di Andreas Caminada Zuppa di gulasch 600 g di cipolle 800 g di carne di manzo 20 g di paprika in polvere (piccante o dolce) 10 g di cumino 1 tazza di brodo 1 spicchio d'aglio peperoncino buccia di 1/2 limone 3 peperoni rossi

Dettagli

ricette per cucinare le rane

ricette per cucinare le rane 2 Introduzione Come già detto, le rane sono una prelibatezza per palati fini e anche nel passato, quando era possibile catturarne, venivano cucinate in vari modi, in base anche alla quantità di cui si

Dettagli

Le Ricette del Ristorante Conca Bella. Le ricette saranno aggiornate periodicamente

Le Ricette del Ristorante Conca Bella. Le ricette saranno aggiornate periodicamente Le Ricette del Ristorante Conca Bella Le ricette saranno aggiornate periodicamente Il filo d Arianna Crème Brûlée di tonno, capperi, olive e patata soffiata Per il crudo di tonno: 250 gr. Tonno 80 gr.

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

MUFFINS DI NOCI AL GRANA PADANO CON GELATINA DI CACHI ALLA VANIGLIA

MUFFINS DI NOCI AL GRANA PADANO CON GELATINA DI CACHI ALLA VANIGLIA 1 CLASSIFICATO MUFFINS DI NOCI AL GRANA PADANO CON GELATINA DI CACHI ALLA VANIGLIA RICETTA REALIZZATA DA GABRIELE GALOFARO DELL ISTITUTO I.P.S.A.R. ROSMINI DI DOMODOSSOLA VERBANIA. Per i Muffins: 30 gr

Dettagli

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani Corso Cucina Pag. 1 di 5 per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Obiettivi del corso: Conoscenza degli ingredienti (carne e verdure) Farcitura e preparazione dei vari stuzzichini Contenuto del corso

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

SALSE SUGHI & CONDIMENTI

SALSE SUGHI & CONDIMENTI SALSE SUGHI & CONDIMENTI CREMA DI AVOGADOS Per condire insalate 1 avogado maturo 100 gr di yogurt intero bianco 50 gr di olio extra vergine di oliva 1 limone spremere il succo ½ cucchiaino di sale fino

Dettagli

IN CUCINA CON FANTASIA

IN CUCINA CON FANTASIA IN CUCINA CON FANTASIA CLASSI 2 A E 2 B SCUOLA PRIMARIA E. TOTI ISTITUTO COMPRENSIVO FERMI CAVARIA CON PREMEZZO PROGETTO IL VALORE DEL CIBO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON LA DOTT. ZAMBELLI E INTERAMENTE

Dettagli

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti.

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti. IL MARE IN TAVOLA MENU Antipasti: 1. Bottarga e pomodori 2. Cozze alla marinara 3. Fagioli cannellini e gamberetti Primi piatti: 4. Spaghetti alle cozze e vongole veraci in bianco 5. Spaghetti alla bottarga

Dettagli

CONTEST LENTICCHIA PEDINA

CONTEST LENTICCHIA PEDINA Gentile Cliente, ti ringraziamo per aver scelto Lenticchia Pedina e per il contributo che hai dato al progetto Casa del Sorriso del CESVI in aiuto ai bambini brasiliani di Rio de Janeiro. Guarda il video

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro Dosi per 10 persone

EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro Dosi per 10 persone EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro 1,8 kg di fesa di vitellone in un unica fetta 200 g di carote 180 g di pancetta tesa 120 g di cipolla 80 g di burro 15 dl di vino rosso 7 dl di brodo circa 2 coste

Dettagli

Antipasti. Mousse al prosciutto cotto 4 Pittole salentine 4 Formaggio fresco 5 Torta salata ai carciofi Insalata russa 6 Torta Panaspa 8

Antipasti. Mousse al prosciutto cotto 4 Pittole salentine 4 Formaggio fresco 5 Torta salata ai carciofi Insalata russa 6 Torta Panaspa 8 Antipasti Mousse al prosciutto cotto 4 Pittole salentine 4 Formaggio fresco 5 Torta salata ai carciofi 5 Insalata russa 6 Torta Panaspa 8 3 Mousse al prosciutto cotto 150 g prosciutto cotto 100 g mascarpone

Dettagli

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano Riso con piselli Ingredienti; 1kg di piselli freschi, 500 g di riso, 80 g di burro, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 1 cipolla, olio, sale e qualche foglia di menta. Preparazione: Sgranate i piselli.

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Consigli pratici per la preparazione delle Lumache vive Le nostre lumache Helix Aspersa Muller, sono allevate all aperto e seguono il ciclo biologico

Dettagli

Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento.

Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento. Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento. Quando negli ingredienti trovi la parola sottolineata (ES: Besciamella), significa che

Dettagli

Le Ricette. di mamma Giuseppina

Le Ricette. di mamma Giuseppina Ricetta del Patrono 4 pugnetti di farro (come riso), cipolla abbondante, sedano abbondante, olio di oliva a discrezione, pelati di pomodoro o salsa di pomodori (si possono aggiungere anche 2 patate). Tritare

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO Anno 2013 Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Comunale 1 PRIMI PIATTI Crema di piselli con riso Vellutata di zucchine con

Dettagli

TARTUFI FRESCHI E SURGELATI

TARTUFI FRESCHI E SURGELATI TARTUFI FRESCHI E SURGELATI tartufi freschi e surgelati Tartufi freschi Disponibili tutto l anno nelle diverse tipologie, in relazione ai diversi periodi di raccolta, i tartufi bianchi, neri, estivi e

Dettagli

CucinaRiciclona. #nataleamodobio

CucinaRiciclona. #nataleamodobio CucinaRiciclona #nataleamodobio Menù di Natale Mini Burger di Gambi e Semi Con Maionese Vegetale Crackers Integrali Con Crema di Avocado e Hummus di Ceci Lasagna Integrale ai Carciofi Crema di Zucca Gialla

Dettagli

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia 12 1 I COPERCHI SMARTY PATATE AL FORNO Facili da usare Non sporcano Sono sicuri Riducono le dosi dei condimenti Pulite bene le patate e tagliatele a tocchetti. Accendete il fornello a fuoco medio. Coprite

Dettagli

PRIMI PIATTI --------------------------------------------------------------------------------

PRIMI PIATTI -------------------------------------------------------------------------------- La Cucina In questo spazio vi indichiamo, con delle ricette molto semplici, come si fa ad avere al campo un menu completo di sali minerali e carboidrati PRIMI PIATTI Riso in brodo: fai cuocere 400 g di

Dettagli

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia LE RICETTE DI CARLO CRACCO Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia ingredienti pasta

Dettagli

Ricetta Spaghetti al Caffè

Ricetta Spaghetti al Caffè Ricetta Spaghetti al Caffè Per gli appassionati del caffè e della pasta, ecco un accoppiata vincente: gli spaghetti al caffè. Ingredienti per preparare gli spaghetti al caffè: DOSI PER 4/5 PERSONE 400

Dettagli

la Festa di FINE ANNO

la Festa di FINE ANNO Piatti golosi e simbolici celebrano con successo la Festa di FINE ANNO PER LA TUA FESTA DI FINE ANNO SULLA TAVOLA NON DEVE MANCARE: UVA: Perché porta soldi; MELAGRANA: Perché porta soldi e Amore; LENTICCHIE:

Dettagli

PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi. Risotto alla Gualtiero Marchesi

PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi. Risotto alla Gualtiero Marchesi CORSO DI CUCINA 4-5 DICEMBRE 2012 PRIMI PIATTI 1 PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi Risotto alla Gualtiero Marchesi Agnolotti al burro,timo e salsa ai due peperoni

Dettagli

In questo anno scolastico 2007/08. ci hanno fatto fare il giro del mondo con alcuni menù etnici: momenti di scambio di sapori e di unione di saperi

In questo anno scolastico 2007/08. ci hanno fatto fare il giro del mondo con alcuni menù etnici: momenti di scambio di sapori e di unione di saperi In questo anno scolastico 2007/08 San Gallicano ci hanno fatto fare il giro del mondo con alcuni menù etnici: momenti di scambio di sapori e di unione di saperi La nostra cuoca Gina e le sue collaboratrici,

Dettagli

Ricettario. MARE in SICILY.

Ricettario. MARE in SICILY. Ricettario Ricettario MARE in SICILY. Il ricettario DRAGO è una raccolta di ricette a base di pesce, in grado di soddisfare tutti i palati. Tante idee della tradizione siciliana, dalle più semplici alle

Dettagli

LA FAME E LA MEMORIA RICETTE ED OGGETTI PER SFAMARE UN BATTAGLIONE (DI ALPINI) a cura di Angelo Nataloni

LA FAME E LA MEMORIA RICETTE ED OGGETTI PER SFAMARE UN BATTAGLIONE (DI ALPINI) a cura di Angelo Nataloni LA FAME E LA MEMORIA RICETTE ED OGGETTI PER SFAMARE UN BATTAGLIONE (DI ALPINI) a cura di Angelo Nataloni Fig.1 Alpini del 4 Rgt. Macelleria e rancio in preparazione (Archivio Stato Maggiore E.I.) Tra il

Dettagli

In cucina con lo chef La donna in festa

In cucina con lo chef La donna in festa Scuola di impresa della A SCUOLA DI GUSTO In cucina con lo chef La donna in festa Cappesante con indivia, radicchio e grana Spiedini saporiti alle cozze e pancetta Polpa di granchio al rhum Risotto al

Dettagli

Bomba crepe nel muro. Ingredienti per 6 crepes: ¼ di latte 2 uova 125 gr di farina 30 gr di burro Sale Pepe Noce Moscata.

Bomba crepe nel muro. Ingredienti per 6 crepes: ¼ di latte 2 uova 125 gr di farina 30 gr di burro Sale Pepe Noce Moscata. Bomba crepe nel muro Ingredienti per 6 crepes: ¼ di latte 2 uova 125 gr di farina 30 gr di burro Noce Moscata Per ripieno: 3 Patate 4 hg di Champignon Aglio Prezzemolo roncino Per besciamella: 1 lt di

Dettagli

COLAZIONE TURCA COLAZIONE

COLAZIONE TURCA COLAZIONE COLAZIONE TURCA Descrizione della tradizionale colazione turca. Noi diamo grande importanza alla prima colazione, soprattutto il fine settimana. Una tipica colazione turca è costituita da fette di formaggio

Dettagli

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Ricette proposte: Taralli con semi di finocchietto Gnocchi di patate Pizza con la zucca Pasta cu spezzi, muddica e anciova I taralli sono una specialità tipica

Dettagli

Radichio Rosso In Sao r (Treviso) Ingredienti per 4 persone:

Radichio Rosso In Sao r (Treviso) Ingredienti per 4 persone: Radichio Rosso In Sao r (Treviso) 8 cespi di radicchio rosso di Treviso 150 g di cipolle 40 g di uva passa 30 g di pinoli ½ bicchiere di aceto rosso 3 cucchiai d olio e.v. d oliva 1 cucchiaino di zucchero

Dettagli

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie C A S T E L P E R G I N E Quando i piccoli frutti Sant Orsola incontrano le sapienti mani dello chef del Castello di Pergine nasce un perfetto connubio di sapore e colori che siamo lieti ed orgogliosi

Dettagli

Ricette tipiche toscane. Crostini di fegatini di pollo. Crostini di fegatini con acciughe e capperi

Ricette tipiche toscane. Crostini di fegatini di pollo. Crostini di fegatini con acciughe e capperi Ricette tipiche toscane In questa sezione abbiamo deciso di svelarvi alcune delle ricette toscane più famose. Crostini di fegatini di pollo Crostini di fegatini con acciughe e capperi Crostini di milza

Dettagli

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA COZZE PASTELLATE - 2 Kg di cozze - 2 uova - 2 cucchiai di farina - ½ bicchiere di birra - sale - pepe Preparazione: Prendere le cozze, dopo averle

Dettagli

Ribollita. Piatti Unici. Ingredienti

Ribollita. Piatti Unici. Ingredienti Piatti Unici Ribollita Difficoltà: Preparazione: Cottura: Dosi per: Costo: media 35 min 210 min 6 persone basso NOTA: + 1 notte di ammollo dei fagioli cannellini e 1 notte di riposo della ribollita Ingredienti

Dettagli

Le ricette della cucina bolognese

Le ricette della cucina bolognese Le ricette della cucina bolognese Ragù alla bolognese: Ingredienti: Carne bovina di manzo (cartella, copertina o fesone, girello di spalla) 250 gr Carne di suino (coscia) 250 gr Brodo di carne 250 ml Pancetta

Dettagli

VERDURA CREMA DI ZUCCA CON COUS-COUS PAG. 3 VERDURE IN AGRODOLCE CON VERDURE SURGELATE INSALATA DI AVOCADO E PISELLI

VERDURA CREMA DI ZUCCA CON COUS-COUS PAG. 3 VERDURE IN AGRODOLCE CON VERDURE SURGELATE INSALATA DI AVOCADO E PISELLI LA COTTURA AL VAPORE È UN METODO DI COTTURA OTTIMALE PER PRESERVARE VITAMINE, MINERALI E SAPORE DEGLI ALIMENTI, RENDENDO SEMPLICISSIMA LA PREPARAZIONE DI PIETANZE GUSTOSE! UN NUMERO SEMPRE MAGGIORE DI

Dettagli

stracchino light Sformatino di melanzane e Prepara questa ricetta con Consigli e curiosità Ingredienti Preparazione Stracchino Light Granarolo

stracchino light Sformatino di melanzane e Prepara questa ricetta con Consigli e curiosità Ingredienti Preparazione Stracchino Light Granarolo Sformatino di melanzane e stracchino Antipasto Facile min. 0/ min. kcal 00 g di Stracchino 0 g di melanzane lunghe pulite timo 0 g di olio extravergine di oliva sale Per decorare: x 0 g di pomodorini /0

Dettagli

RICETTARIO PER COTTURA A VAPORE

RICETTARIO PER COTTURA A VAPORE RICETTARIO PER COTTURA A VAPORE LA COTTURA AL VAPORE È UN METODO DI COTTURA OTTIMALE PER PRESERVARE VITAMINE, MINERALI E SAPORE DEGLI ALIMENTI, RENDENDO SEMPLICISSIMA LA PREPARAZIONE DI PIETANZE GUSTOSE!

Dettagli

Quello che hai sempre sognato in cucina

Quello che hai sempre sognato in cucina COPERCHI EASY-COOKING Indirizzo : Viale Ajello, 5 80018 Mugnano di Napoli Telefono : 0815714147 Fax : 0810606167 Quello che hai sempre sognato in cucina E-mail : info@futurehousesocietyit Web Site : wwwfuturehousesocietyit

Dettagli

Ricette 2015. Alcune idee per i vostri piatti

Ricette 2015. Alcune idee per i vostri piatti Ricette 2015 Alcune idee per i vostri piatti Indice Indice generale Riso orientale alle verdure by DEB...3 Carciofini in agrodolce...4 Mezzemaniche cozze e fagioli...5 Pasta al ragù di melanzane...6 Spaghetti

Dettagli

Un altro mondo è possibile, anche con i prodotti del commercio equo e solidale

Un altro mondo è possibile, anche con i prodotti del commercio equo e solidale Un altro mondo è possibile, anche con i prodotti del commercio equo e solidale 7 giugno 2003 - L'ISOLA CHE NON C'ERA - MENU' Crostini con salse Chuntey, pomodoro e cipolla dal Sud Africa Shattah, pomodoro

Dettagli

Primi Passi di Cucina

Primi Passi di Cucina Gruppo Scout Sammichele 1 Reparto Halley Primi Passi di Cucina 1 Cucina da campo La cucina da campo è realizzata tramite bidoni scoperchiati, bucati sul davanti per permettere l introduzione della legna

Dettagli

TIMBALLI, SFORMATI, PASTICCI

TIMBALLI, SFORMATI, PASTICCI TIMBALLI, SFORMATI, PASTICCI Immediatamente pensiamo a qualcosa di succulento e appetitoso, qualcosa che sostituisce un intero pranzo, qualcosa con cui stupire i nostri ospiti, perché dentro c è tutto:

Dettagli

Gusto. &Fantasia. Il ricettario per te che ami la cucina gustosa e creativa.

Gusto. &Fantasia. Il ricettario per te che ami la cucina gustosa e creativa. Gusto &Fantasia Il ricettario per te che ami la cucina gustosa e creativa. I prodotti della gamma Chef sono sempre pronti a rendere più buone e delicate le ricette di ogni giorno, ad esaltare il sapore

Dettagli

Le ricette della Scuola di Cucina delle Bollicine!

Le ricette della Scuola di Cucina delle Bollicine! Le ricette della Scuola di Cucina delle Bollicine! CALENDARIO1.indd 11 12/08/14 13.22 Mousse al cioccolato 2 uova, 150 g. di cioccolato fondente, 50 g. di burro, 2 cucchiai di zucchero. Sminuzzate il cioccolato

Dettagli

TESORI DA SCOPRIRE : LE CONSERVE

TESORI DA SCOPRIRE : LE CONSERVE TESORI DA SCOPRIRE : LE CONSERVE Il sapore delle cose buone fatte in casa con le nostre mani, dolci o salate sono uno stuzzicante antipasto, l accompagnamento di un secondo, o il tocco in più per un goloso

Dettagli

Tutto quello che (forse) non sai sulla carne di coniglio. Ricette e Curiosità

Tutto quello che (forse) non sai sulla carne di coniglio. Ricette e Curiosità Tutto quello che (forse) non sai sulla carne di coniglio Ricette e Curiosità Gentile Cliente, sono ormai 15 anni che produciamo conigli e polli per la vendita diretta e, spesso, ci è capitato di incontrare

Dettagli

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO Il cibo ci viene in aiuto anche per conoscere e confrontare usi, abitudini e tradizioni di altri Paesi. Perciò ecco alcune ricette regionali italiane ed altre provenienti

Dettagli

CONGRATULAZIONI ... UNO PER TUTTO, TUTTO IN UNO!

CONGRATULAZIONI ... UNO PER TUTTO, TUTTO IN UNO! RICETTARIO DELUXE CONGRATULAZIONI Gentile cliente, la ringraziamo per aver acquistato, il sorprendente sistema di cottura che le permetterà di cucinare solo con una pentola in modo facile, sano e gustoso

Dettagli

LAZIO Abbacchio alla romana Dosi per 10 persone

LAZIO Abbacchio alla romana Dosi per 10 persone LAZIO Abbacchio alla romana 1 kg di agnello che comprenda il cosciotto e la rognonata 80 g di olio extravergine di oliva 5 dl di aceto bianco 4 acciughe sotto sale 4 spicchi di aglio 1 rametto di rosmarino

Dettagli

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Le nostre ricette DietaVita sono studiate secondo i principi di una dieta equilibrata e varia, e ognuna fornisce circa 500-600 calorie. Snack e bevande contenenti

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli