La salute vien mangiando

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La salute vien mangiando"

Transcript

1 La salute vien mangiando IPERTESTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE a cura della classe 1 D anno scolastico Istituto Comprensivo LEONARDO DA VINCI - Roma

2 IL NOSTRO LABORATORIO Tutti i nostri lavori vengono preparati partendo dalla lettura di libri, articoli di giornale,ricerche su internet sotto la guida attenta dell insegnante. Vengono alla fine dell anno illustrati dagli alunni ai genitori. Il laboratorio è luogo privilegiato in cui si realizza una situazione di apprendimento che coniuga conoscenze e abilità specifiche su compiti unitari e significativi; momento significativo di relazione interpersonale e di collaborazione costruttiva di fronte a compiti concreti. occasione per scoprire l unità e la complessità del reale, mai riducibile a qualche schematismo più o meno disciplinare. P.TOZZI

3 Obiettivi del progetto conoscere i principi nutrivi contenuti negli alimenti promuovere un modello alimentare, corretto e sano. promuovere un informazione corretta che aiuti i ragazzi a diventare consumatori consapevoli Comprendere lo stretto legame esistente tra cibo e salute

4 Perché mangiamo Intolleranze e allergie I principi nutritivi La dieta equilibrata SAPERE I SAPORI Vitamine e Sali minerali Dieta e metabolismo Quanta energia al giorno? 7 regole da non dimenticare I.M.C. Mangiare sano La piramide alimentare Cosa mangiamo oggi Prodotti tipici del Lazio La dieta mediterranea Sport e alimentazione Le interviste di Laura

5 Perché mangiamo Per funzionare il nostro corpo ha bisogno di energia. Ne ha bisogno per ogni tipo di attività fisica e per tutte le sue funzioni vitali, dalla respirazione alla circolazione del sangue, alla regolazione della temperatura corporea; ne ha bisogno persino per digerire i cibi. L unica energia che il nostro organismo è capace di utilizzare è quella chimica contenuta negli alimenti.

6 L unita di misura di questa energia è la caloria ma presto diventerà una nuova unità di misura e chiamata Joule. L energia è considerata la capacità che ha un corpo di compiere un lavoro e quando si dice che un alimento ha energia pari a 300 calorie vuol dire che può compiere un lavoro consumando quelle calorie.

7 Che cosa sono gli alimenti Gli alimenti sono sostanze che contengono materia ed energia utilizzabili dagli organismi viventi tramite la nutrizione. Non tutto quello che mangiamo può considerarsi alimento: infatti alcune delle sostanze contenute nel cibo non ci sono utili e le eliminiamo velocemente.

8 Gli alimenti Gli alimenti sono materiali complessi, costituiti da molte sostanze diverse, che utilizziamo in parte a scopo energetico per camminare, correre e studiare e in parte per crescere e costruire nuovi tessuti. Tra gli alimenti che noi mangiamo ci sono i CARBOIDRATI e i GRASSI che hanno funzione energetica.i primi ci forniscono 4 cal circa al grammo e i grassi 9.Le PROTEINE hanno funzione plastica e ci forniscono,come i carboidrati, 4 cal circa ogni grammo.

9 Siamo quello che mangiamo Il filosofo Feuerbach affermava:"siamo quello che mangiamo". Dietro queste parole vi è un fondo di verità dal punto di vista fisico, infatti, una parte di ciò che mangiamo viene trasformata e utilizzata dall'organismo per crescere e costruire nuovi tessuti corporei come muscoli,sangue,ossa o pelle.

10 La dieta equilibrata Proteine; 10% Carboidrati; 60% Lipidi; 30% La dieta giornaliera equilibrata per un ragazzo di 11/13 anni prevede il 60% di carboidrati il 30% di lipidi e il 10% di proteine.ma ricordare sempre almeno 5 porzioni di frutta e verdura!!!

11 I componenti fondamentali degli alimenti 1. CARBOIDRATI :si trovano in alimenti come pane, pasta, pizza, patate, miele,nelle castagne,nel riso,nella farina e anche nello zucchero e in tutti i cibi dolci. 2. PROTEINE: Nobili ossia di origine animale e sono contenute in carne, pesce, uova, latte e derivati Non nobili ossia di origine vegetale si trovano nei legumi e nei semi oleosi come quelli di girasole 3. LIPIDI o grassi sono contenuti nel burro, nell olio e nei dolci,nel lardo, nei salumi nella panna e in quantità variabile anche nei formaggi. 4. VITAMINE,SALI MINERALI :contenuti principalmente in frutta e verdura

12 Metabolismo Metabolismo è una parola difficile.e molto importante capire il suo significato. Indica tutte le reazioni che avvengono nel corpo degli esseri viventi. Il nostro corpo ha bisogno di energia e se la procura dagli alimenti. L energia si misura in calorie. La caloria è un unità di misura della fisica e corrisponde alla quantità di energia necessaria per innalzare di 1 C un Kg di acqua distillata alla temperatura di 14,5 C.

13 Dieta e metabolismo Se la parola dieta indica l insieme degli alimenti che è utile consumare per mantenersi in buona salute il metabolismo è,quindi, l insieme delle trasformazioni chimiche ed energetiche che avvengono nel corpo di tutti gli organismi viventi. Anche a riposo, quando dormiamo,il nostro corpo continua a consumare energia:il cuore continua a battere,i polmoni respirano, i reni filtrano e il sangue circola, il cervello sogna;tutte queste attività richiedono energia e questo consumo minimo di energia si chiama metabolismo basale.

14 Quanta energia ci serve ogni giorno La quantità varia e dipende dal sesso, dall età, dalla taglia corporea e dall attività fisica. Gli esperti hanno calcolato un fabbisogno di circa 3000 calorie al giorno per un uomo adulto e mediamente 2150 calorie per la donna. Quando le calorie della dieta sono in eccesso rispetto a quelle che utilizziamo, si trasformano in grasso che si accumula facendoci aumentare di peso. Quando invece sono troppo poche, il tessuto grasso ci fornisce l energia mancante facendoci dimagrire.

15 Quanto consumiamo in 1 minuto?? (kcal/minuto) Vediamo qualche esempio! Dormire 0.9 Stare seduto 1.0 Stare in piedi inattivo 1.1 Scrivere al computer 1.3 Lavare la biancheria a mano 3.5 Pulire i pavimenti 3.6 Stirare 3.5 Montare circuiti elettronici 2.7 Intonacare una parete 4.6 Fare lavori agricoli 6.5 Spalare 6.0 Camminare in piano (4km/ora) 3.0 Correre in bicicletta (22km/ora) 11.0 Correre a piedi (12km/ora) 15.0 Pulire e battere i tappeti a mano 7.8

16 Quante calorie in alcuni alimenti? ( 100 grammi.) Burro 758 Cioccolato al latte 565 Fragole 27 Gelato al latte 218 Groviera 388 Latte intero 61 Latte scremato 36 Lattuga 20 Maiale magro 141 Manzo grasso 330 Manzo magro 129 Vitello grasso 204 Vitello magro 113 Mozzarella 243 Pane al latte 286 Pane in cassetta 240

17 Quante calorie in alcuni alimenti? ( 100 grammi.) Formaggio grana 374 Pasta alimentare 350 Pasta all uovo 368 Patate 85 Pizza margherita 271 Pollo 175 Prosciutto cotto 412 Prosciutto crudo 370 Riso 340 Sogliola 86 Spinaci 31 Uova gallina 78 Yogurt intero 63 Yogurt magro 44 Zucchero 395 Olio d oliva 900 Coca bicchiere 59 Succo d arancia 36

18 Alimenti Quante grassi in alcuni alimenti? ( 100 grammi.) g di grasso x100g Peso di una porzione Olio di oliva Burro Cioccolata al latte Cioccolata fondente Mozzarella di mucca 100,0 83,4 36,3 33,6 19,5 10(un cucchiaio) 10(1 porzione) 4(1 unità) 4(1 unità) 100(1 porzione) Parmigiano 28,1 10(un cucchiaio) Prosciutto di Parma 18,4 50(3-4 fette) Pizza con pomodoro Latte intero Salame Milano 6,6 3,6 31,1 150(1 porzione) 125(1 bicchiere) 50(8-10 fette)

19 Sette regole da non dimenticare Per prevenire alcune malattie occorre seguire, giorno dopo giorno, alcune semplici regole: 1. Mangiare molta frutta e verdura: consumare regolarmente almeno 5 porzioni di frutta e verdura, molto ricche delle note vitamine A, C, D. Agrumi, carote e verdure a foglia verde, e pomodori sono importanti nella prevenzione del cancro 2. Mangiare cereali anche integrali, che contenendo le fibre, sono molto efficaci nella protezione dal cancro al colon. 3. Consumare poco sale, troppo sale aumenta il rischio di tumore allo stomaco 4. Ridurre i grassi,perché è dimostrato che mangiando troppi grassi aumenta il rischio di sviluppare alcuni tumori. 5. Limitare gli alcolici, totalmente da evitare i superalcolici. 6. Utilizzare cotture semplici,pochi fritti e poca brace 7. Preferire i cibi con meno additivi.

20 Linee Guida per una buona qualità della vita Controlla il peso e mantieniti sempre attivo. Più cereali, legumi ortaggi e frutta. Grassi: scegli la qualità e limita la quantità. Zuccheri,dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza. Il sale? Meglio poco. Bevande alcoliche: se si; solo in quantità controllata. Varia spesso le tue scelte a tavola. Consigli speciali per persone speciali. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te!

21 L Indice di massa corporea L altezza e la massa muscolare influiscono sul nostro peso.non tanto importante sapere quanto pesiamo,ma conoscere l IMC o il giro vita,che se nella norma, ci assicurano un aspettativa di vita più lunga! L indice di massa corporea (IMC) ci aiuta a capire se siamo magri o grassi ma ognuno in base alle sue caratteristiche corporee. PER CALCOLARE IL PROPRIO IMC: Proprio peso in kg : altezza al quadrato in m. Inserisci peso Inserisci (kg) altezza (m) 51 1,58 Indice massa corporea (IMC) 20,4

22 Indice di massa corporea IMC La valutazione del peso è fatta in funzione dell Indice di Massa Corporea (IMC). Tale indice prende in considerazione l altezza e il peso dell individuo e si calcola: peso altezza 2 Categorie di IMC IMC Categorie di IMC IMC Magrezza grave < 16.0 Sovrappeso Magrezza moderata Obesità moderata Sottopeso Obesità grave > 40.0 Normopeso

23 Sport e alimentazione Per prevenire le malattie, oltre a una dieta corretta è necessario fare una regolare attività fisica, adeguata alle nostre caratteristiche.basterebbe camminare tutti i giorni mezz ora!! Dovremmo limitare anche l alcol a 1 bicchiere al massimo di vino per pasto,non bere alcolici forti se non eccezionalmente, e non fumare!!

24 E infatti ormai stato dimostrato che lo stile di vita e le scelte alimentari agiscono in modo incisivo sulla possibilità di evitare l insorgenza di malattie e di controllarne l evoluzione. Inoltre sappiamo che i benefici di un attività fisica regolare e la partecipazione a vari sport ed attività anche da giovani,si manifestano anche nel comportamento sociale e nell autonomia.

25 Se svolgiamo un attività sportiva, la nostra migliore fonte di energia è costituita dai soli carboidrati(una bella fetta di crostata,un piatto di riso,un piatto di pasta,non troppo conditi, un pezzetto di cioccolata o un bel gelato alla frutta).i grassi hanno un apporto doppio di calorie rispetto a questi ultimi,e non sono indicati perchè più pesanti da digerire

26 Le vitamine, anche se non sono fonte di energia, sono indispensabili pere la loro azione di protezione delle lesioni muscolari da sport (soprattutto la B e la C). Bisogna evitare l'assunzione eccessiva di vitamina D e A, poiché vengono accumulate nei tessuti e diventano potenzialmente dannose. I sali minerali sono importantissimi perché aiutano la produzione di energia (ad es.potassio e magnesio)

27 Cosa fare prima di una gara? Mangiare in modo leggero tre ore prima. Non mangiare, se non in minima quantità, cibi grassi e/o ricchi di proteine. Fare attenzione ai condimenti (burro in particolare). Evitare lo zucchero semplice e gli alcolici e scegliere carboidrati complessi che rilasciano più lentamente la loro energia. La frutta fresca è sempre una buona fonte di vitamine ed energia. Mangiare lentamente, masticando a lungo e bere molto per reintrodurre i liquidi che si perdono con il sudore. Ci possiamo aiutare anche con preparati a base di potassio e magnesio, un complesso vitaminico del gruppo B.

28 Conoscete la dieta mediterranea e i suoi vantaggi? La scoperta della dieta mediterranea è da attribuire al medico americano ANCEL KEYS che, sbarcato a Salerno nel 1945 al seguito della V armata americana, si rese conto che molte malattie cardiovascolari, diffuse nel suo paese, qui erano molto limitate. Cercò allora di capire il perché di questa limitata diffusione e..

29 Su quali alimenti si basa la Dieta Mediterranea? La dieta Mediterranea è basata principalmente su alimenti sani e genuini;i grassi sono di origine vegetale i cereali, la frutta e la verdura sono previsti in grandi quantità. Anche un bicchiere di vino a pasto è consentito, meglio se rosso: una sana alimentazione, come nella dieta mediterranea, allunga sicuramente la vita ed è la miglior cura per molte malattie!

30 Solo frutta? Troppi carboidrati? quanta carne? Attenti alle diete false! Gli stessi principi della dieta mediterranea li ritroviamo nella piramide alimentare. Molto spesso si pensa che malattie come l obesità si possano risolvere con l esclusione di vari alimenti, che invece sono indispensabili per delle giornate attive e movimentate. Il primo principio della dieta mediterranea si basa sulla varietà degli alimenti e in che quantità distribuirli ce lo spiega la piramide alimentare, di cui scopriremo nella prossima diapositiva le caratteristiche.

31 Grassi e dolci Proteine animali Frutta e verdura Carboidrati La piramide alimentare ci mostra la varietà e la quantità dei cibi da mangiare Nella piramide alimentare nessun cibo è vietato, anzi il concetto fondamentale è l importanza della varietà della dieta

32 Come e perché variare. La PIRAMIDE ALIMENTARE ci aiuta a capire che la dieta deve contenere tutti i principi nutritivi, ma in proporzioni diverse. Dobbiamo pensare ai nostri cibi come tanti tasselli che vanno a comporre il mosaico della nostra alimentazione. Ogni cibo dà il proprio apporto per far si che il nostro organismo funzioni al meglio.

33

34 Gli alimenti e le giuste proporzioni GRUPPI ALIMENTARI DONNA UOMO 1850 kcal circa 2100 kcal circa Numero porzioni nella giornata Numero porzioni nella giornata prodotti da forno 1 1 pane, pasta, riso 5 6 latte, yogurt 2 2 formaggio 2-3 a settimana 2-3 a settimana carne, pesce, uova, legumi 2 (1 quando c'è il formaggio) 2(1 quando c'è il formaggio insalata, ortaggi 2 2 frutta 3 3 grassi

35 Mangiamo sano Controllare regolarmente: presenza di colesterolo elevato,della pressione arteriosa alta,evitare il fumo, il sovrappeso la sedentarietà. Questi fattori,insieme alla presenza di zuccheri nel sangue (diabete),aumentano il rischio di essere colpiti da malattie cardiovascolari(ictus,infarti) Se sono presenti contemporanemente 2, 3 o 4 fattori, il rischio cresce vertiginosamente, anche di volte.

36 Un alimentazione con cibi ricchi di grassi saturi (grassi di origine animale) e di colesterolo aumenta il livello di colesterolo nel sangue favorendo l accumulo di questa sostanza, sotto forma di placche, nella parete stessa dei vasi sanguigni (arterie) che diventano più rigidi: questo processo viene chiamato aterosclerosi.

37 Siamo giovani,non facciamo diete senza il parere di un medico! Alla nostra età non dobbiamo fare diete ma dobbiamo nutrirci in modo vario e equilibrato. Quando si è adulti,però dobbiamo fare attenzione ai cibi ricchi di grassi saturi o di zuccheri semplici come i dolci che apportano nella dieta molte calorie, quasi sempre superiori a quelle necessarie, con conseguente aumento del peso che può essere molto pericoloso.

38 Controllare il peso negli adulti è importante,specialmente se altri fattori di rischio sono presenti!!nel caso in cui l eccesso di peso è accompagnato da valori elevati della circonferenza addominale (oltre 102 cm per gli uomini e 88 cm per le donne),è necessario praticare un attività fisica regolare, anche camminare tutti i giorni può essere sufficiente ad aumentare il livello di HDL (colesterolo buono ) e a ridurre il livello di LDL (colesterolo cattivo ).

39 NON TUTTI I GRASSI SONO UGUALI!!!!!!!! I grassi saturi (pericolosi per la salute) non sono solo di origine animale, ma esistono anche grassi saturi di origine vegetale (per es.. l olio di palma); L olio d oliva è un grasso vegetale che ha, invece, effetti protettivi sulle malattie cardiovascolari; gli acidi grassi poliinsaturi omega-3, contenuti nel pesce(alici, sardine, sgombri e salmone hanno effetti protettivi contro l aterosclerosi ed aumentano la durata di vita nei pazienti che hanno già avuto un infarto cardiaco.e necessario aumentare il consumo giornaliero di frutta fresca ed ortaggi. Non un giorno senza frutta o verdura!

40 E adesso qualcosa in più su..i PRINCIPI NUTRITIVI I nutrienti calorici sono: grassi, carboidrati e proteine. L energia che essi contengono viene misurata in kcal o joule. I nutrienti non calorici svolgono ruoli essenziali per la vita; ne fanno parte :acqua,vitamine,sali minerali,fibre e antiossidanti. I carboidrati si dicono anche glucidi o zuccheri; sono molecole formate da carbonio, idrogeno e ossigeno. Gli zuccheri si suddividono in due tipi,zuccheri semplici e complessi. Gli zuccheri semplici si dicono monosaccaridi se sono formati da una sola molecola e disaccaridi se le molecole sono due. Gli zuccheri semplici, una volta entrati nell organismo,si possono subito utilizzare mentre quelli complessi, avendo più molecole, devono essere prima demoliti

41 Le proteine sono molecole molto grandi composte da carbonio,idrogeno e ossigeno,con l aggiunta di azoto. Se noi immaginassimo le proteine come treni ogni vagone sarebbe chiamato aminoacido (unità base delle proteine). Nella natura ci sono molti aminoacidi diversi ma solamente 20 di essi risultano importanti:alcuni sono detti essenziali perché il corpo umano non è in grado di sintetizzarli: è quindi essenziale introdurli attraverso l alimentazione. Le proteine svolgono svariate funzioni: sono ormoni, sono enzimi, fondamentali per le reazioni chimiche del nostro corpo e la trasmissione dell impulso nervoso; come anticorpi difendono l organismo;sono indispensabili per la crescita rappresentando i mattoni dell organismo stesso.

42 I lipidi ( grassi ) sono molecole composte da carbonio,idrogeno e ossigeno. Sebbene siano costituiti come gli altri nutrienti calorici da H,O e C, i lipidi hanno una struttura chimica tale da fornire un energia più concentrata Ci sono tantissimi tipi di grassi. Le vitamine sono prive di valore energetico, ma indispensabili per lo svolgimento di funzioni vitali. Noi dobbiamo mangiare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno perché questi alimenti (anche latte ecc.) ne sono ricchi

43 Qualche volta siamo intolleranti. Le intolleranze consistono nella non digeribilità di alcuni alimenti.ecco alcuni esempi: Intolleranza al lattosio :consiste nell incapacità di digerire il lattosio (zucchero del latte) in età adulta. Intolleranza al glutine:determina la malattia celiaca o celiachia;gli ammalati devono sostituire tutti gli alimenti che contengono glutine,una proteina presente nel pane,nella pasta,nella farina in genere, con degli alimenti che ne sono privi.

44 Qualche volta siamo allergici. L'allergia alimentare è una sintomatologia scatenata entro pochi minuti dall'assunzione di un determinato alimento o gruppo di alimenti (da 2-3 minuti a minuti), la quale mette in azione il nostro sistema immunitario. I sintomi possono essere scatenati dall'assunzione anche di piccole quantità dell'alimento responsabile e possono avere gravi ripercussioni.

45 Vitamine A D E K B 1 B 2 Dove si trova Frutta, latte, fegato,uova Olio di fegato di merluzzo, latte, uova Carne, olio di semi,uova Spinaci, pomodori, fegato. Carne, cereali, latte, uova, fegato Carne, latte, uova A che cosa serve Alla pelle, ai capelli, contro le infezioni Per le ossa e i denti Per la protezione dalla membrana cellulare Per la coagulazione del sangue Per la crescita del sistema nervoso Per la crescita delle cellule B 12 C PP Carne, fegato, latte, uova Agrumi, patate, fragole, pomodori Carne fegato lievito, frumento Per la crescita dei globuli rossi Per combattere le infezioni Per la pelle, crescita, per il sistema nervoso

46 Calcio Fosforo Potassio Cloro Sodio I SALI MINERALI Carni, latte, frutta, patate, pomodori, banane Sale da cucina Sale da cucina SALI MINERALI latte, formaggi, ortaggi a foglia verde, legumi secchi latte, formaggi, carne, pollame, cereali arresto della crescita, rachitismo, osteoporosi, convulsioni debolezza, demineralizzazione delle ossa,perdita di calcio Debolezza muscolare, paralisi Crampi muscolari, apatia, appetito ridotto Crampi muscolari, apatia, appetito ridotto

47 Magnesio Ferro Fluoro Zinco Iodio I Sali minerali Cereali integrali, verdure a foglia verde Uova, carni magre, legumi, cereali integrali, verdure a foglia verde Acqua potabile, tè, frutti di mare Ampiamente distribuito negli alimenti Pesci e frutti di mare, latticini, molti ortaggi, Sali iodati Arresto della crescita, disturbi comportamentali, debolezza, spasmi Anemia di mancanza di ferro (debolezza, ridotta resistenza alle infezioni Maggiore frequenza di carie dentarie Arresto della crescita, ghiandole sessuali ridotte gozzo

48 Ma come mangiavano i nostri antenati? L uomo è onnivoro.i nostri antenati vivevano di quello che riuscivano a cacciare e di quello che riuscivano a raccogliere nel loro ambiente. Più avanti impararono ad usare il fuoco e a cuocere gli alimenti, rendendoli più gradevoli e teneri. Per migliaia di anni la ricerca del cibo era il problema fondamentale. Solo in tempi relativamente recenti l uomo imparò ad coltivare ed a allevare gli animali. Nel corso del tempo scoprì le tecniche di conservazione. Per le popolazioni che abitavano vicino mari, laghi o fiumi l alimentazione più frequente era il pesce. per quelli che vivevano lontani dal mare era la carne

49 L uomo abbandonò la vita nomade e cominciò a vivere in comunità. La coltivazione della terra, iniziata in oriente, si è poi estesa a tutte le civiltà dei grandi fiumi, il NILO, l INDO, tra il TIGRI e l EUFRATE, tra i grandi fiumi cinesi.. L orzo era intensamente coltivato in Egitto, insieme al frumento e al grano. A scopo alimentare si allevavano gli animali da cui si potevano ricavare latte e uova. L olio ricavato dalla pianta del sesamo non veniva usato per l alimentazione ma per l illuminazione e gli unguenti. Gli antichi egizi erano prevalentemente vegetariani e la carne e il pesce erano presenti solo sulle tavole dei ricchi, i greci mangiavano pesce e formaggio in grande quantità, i romani mangiavano carne, polenta e legumi, dolci con molto miele e vino allungato con l acqua.

50 I Romani consumavano una colazione sostanziosa a base di pane e formaggio, frutta e carne,e spesso, avanzi della cena.l alimentazione di epoca arcaica e repubblicana era sobria, a base di legumi, cereali, formaggio e frutta ; con la conquista dell Oriente, invece, almeno sulle mense ricche, arrivarono nuovi ingredienti. Accanto al pane quotidiano, alla puls (sorta di polenta condita), alle grandi quantità di lupini, lenticchie, ceci e soprattutto fave, oltre a lattughe, cavoli e porri, fichi, mele e pere, incominciano ad essere consumati anche cibi di lontana provenienza, come le ciliegie.

51 Noi sprechiamo tanto cibo e nel mondo c è chi muore di fame. Nel 2000 nella terra eravamo circa e nel 2050 le previsioni dicono che saremo circa Cosa succederà?? Già adesso il mondo sembra essere diviso in due: una parte di popolazione avrà un abbondanza di alimenti con cui nutrirsi e deve difendersi proprio dai rischi della sovralimentazioni e dall altra parte milioni di persone continueranno a morire di fame.

52 Le etichette Il nome del prodotto è la prima informazione che ci serve.ma insieme al nome è importante controllare l integrità della confezione.anche la frutta e verdura fresche devono avere l etichetta che indica la provenienza e la classificazione di qualità con un numero, che deve essere esposto ben visibile. Anche il pesce fresco deve contenere l indicazione della zona in cui è pescato o allevato.

53 Le etichette.l etichetta deve, inoltre,contenere: l indicazione degli ingredienti la tabella nutrizionale con il valore energetico espresso in calorie e juole.(ci dice quanta energia entra nel nostro corpo quando mangiamo una certa quantità di un alimento ).Tale energia viene utilizzata in parte per elaborare i nostri pensieri,in parte per far contrarre i nostri muscoli., quindi,...per compiere del lavoro.

54 Le etichette L etichetta ci dice anche: come conservare un alimento la data di fabbricazione la sua provenienza. Attenzione!! per i surgelati, la durata dell alimento varia notevolmente a seconda delle temperature di conservazione.

55 Varia spesso le tue scelte a tavola Abbiamo imparato che oltre a proteine, grassi e carboidrati dobbiamo assumere acqua, vitamine e minerali, sostanze essenziali proprio perché il nostro corpo non è capace di costruirsele da solo. Il modo più semplice e sicuro per garantire l apporto di tutte le sostanze nutrienti indispensabili è quello di variare il più possibile le scelte e di combinare opportunamente i diversi alimenti. Diversificare le scelte alimentari assicura una maggiore protezione della salute, perché favorisce non soltanto un più completo apporto di vitamine e di minerali, ma anche l assunzione di tutte le sostanze indispensabile per una dieta equilibrata.

56 Alimentiamoci in modo sano Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute di tutto il nostro organismo. Dobbiamo allora: Distribuire bene e regolarmente il fabbisogno alimentare in tre quattro pasti, nell arco della giornata,rispettando una distribuzione giornaliera di vari principi nutritivi: il % di proteine, il % di grassi e il % di carboidrati assumere proteine, sia di origine animale, sia di origine vegetale; assumere tutte le vitamine e i sali minerali e almeno 1,5 2 litri di acqua; Alimentarsi con cibi provenienti da tutti i gruppi alimentari. Possiamo riassumere il tutto con la rappresentazione grafica della la piramide alimentare,

57 Che mangiamo a colazione? Fare la prima colazione è una buona abitudine: essa infatti, dopo una notte di digiuno, fornisce all organismo la quota necessaria di energia per affrontare gli impegni della giornata. Con la colazione bisogna introdurre circa il 20% delle calorie totali giornaliere: esse devono essere fornite principalmente dai CARBOIDRATI ( o ZUCCHERI COMPLESSI), in quanto essi forniscono energia di pronto utilizzo al nostro organismo ed in piccola parte da PROTEINE e GRASSI.

58 Buone abitudini cattive abitudini Fare al mattino colazione a casa permette di scegliere un giusto apporto energetico e di fare uno spuntino più sano a metà mattina. Saltare la colazione del mattino e mangiare prima di pranzo porta a scegliere cibi che alzano la glicemia senza badare all apporto calorico.

59 Cosa mangiamo a pranzo? Il pranzo deve fornire il 50% delle calorie totali giornaliere. COSA SCEGLIERE? Un piatto di pasta o riso con verdure e legumi, oppure al sugo o al pomodoro oppure una zuppa di legumi, un minestrone di verdure Per quanto riguarda il secondo piatto, bisogna tenera presente che : 1. La carne è un alimento ricco di proteine nobili, ma anche di grassi e colesterolo, per cui il suo consumo va limitato a non più di due - tre volte la settimana. 2. Il pesce, almeno a 2-3 volte la settimana e specialmente di pesce azzurro, ricco di una particolare categoria di acidi grassi ( omega- 3) che proteggono dallo sviluppo di malattie cardiovascolari.

60 Cosa mangiamo a cena? Deve fornire il 30% circa delle calorie totali giornaliere: essa deve comprendere un secondo piatto, un contorno, del pane e della frutta. Anche la pizza margherita può costituire una cena, a patto che non si esageri (massimo due volte alla settimana). CONDIMENTO Il condimento ideale per tutte le pietanze è l olio extravergine di oliva, mentre è da limitare il consumo degli altri condimenti, ed in particolare quelli di origine animale (burro, strutto, panna, salse tipo maionese, mascarpone, sugna, lardo etc..).

61 La Fibra Alimentare La fibra alimentare fa parte del tessuto adiposo; l uomo l non e capace di digerirla, ma svolge importanti funzioni nell organismo, ritardando lo svuotamento gastrico a contribuendo a mantenere il senso di sazietà. Ha funzione regolatrice dell evacuazione evacuazione intestinale

62 I giusti spuntini Soprattutto per i bambini, lo spuntino, è il momento più importante della giornata alimentare. Infatti, per molti versi, la vita dei bambini risulta stressante e proprio in questa situazione gli spuntini e le merende possono svolgere una funzione nutritiva importante, per aiutarli a far fronte nel migliore dei modi alle continue e diverse richieste d impegno. Infatti, molto spesso il calo d attenzione è dovuto a una diminuzione del glucosio nel sangue e, di conseguenza, a una minor disponibilità del combustibile per il cervello

63 PRODOTTI TIPICI DEL LAZIO Il Lazio è una regione ricca di prodotti tipici e di tradizioni gastronomiche. I prodotti che la fanno da padrone sono l'olio extravergine, i salumi di maiale,i formaggi di mucca e i pecorini locali,.

64 IL LAZIO è un buon produttore di olio d oliva extravergine.nel comune di Fara in Sabina è presente l'ulivo più antico d'europa, un imponente albero risalente al V secolo. Tra i salumi prevalgono gli insaccati: tipico di tutta l'italia centrale, e del Lazio in particolare, il guanciale, la gola del maiale stagionata con sale e pepe, molto usato nella cucina della regione (basti citare gli spaghetti alla carbonara i bucatini all'amatriciana e i carciofi alla romana) Ulivo di Fara Sabina

65 La porchetta, il maiale da latte cotto allo spiedo, viene prodotta soprattutto ad Ariccia, che vanta la ricetta più famosa. Nel Lazio si producono anche ottimi prosciutti. Il formaggio più famoso è il pecorino romano (e la relativa ricotta). La produzione agricola vanta numerosi legumi di alta qualità, come lenticchie, cicerchie, fagioli e ceci, mentre famose sono le nocciole prodotte in tutta la Tuscia (provincia di Viterbo) e intorno alla zona del lago di Vico.

66 Spaghetti alla carbonara Ingredienti;150 gr di guanciale di maiale (o pancetta) 1 cucchiaio di strutto (o olio) 1 spicchio d'aglio schiacciato 600 gr di spaghetti piuttosto grossi sale q. b. 5 uova due dita di panna liquida (facoltativa) 4 cucchiaiate di parmigiano grattugiato 4 cucchiate di formaggio pecorino pepe q. b. Preparazione:Soffriggere il guanciale, tagliato a dadini, nell'olio con l'aglio a fuoco molto basso. Appena l'aglio sarà colorito toglierlo. Cuocere in abbondante acqua salata gli spaghetti, intanto sbattere le uova con un pizzico di sale il parmigiano, il pecorino una macinata di pepe e a piacere la panna. Appena gli spaghetti saranno cotti condirli immediatamente aggiungendo il guanciale caldo. Servire subito.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

I NUTRIENTI E L ENERGIA

I NUTRIENTI E L ENERGIA I NUTRIENTI E L ENERGIA Carboidrati, proteine, lipidi, vitamine, minerali ma cosa sono? E, soprattutto, quanti ce ne servono? Vediamo un po nel dettaglio. Gli alimenti sono sostanze assunte dagli organismi

Dettagli

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: Grassi 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: scegli la qualità e limita la quantità 30 Per stare bene è necessario introdurre con l'alimentazione una certa quantità di grassi,

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche,

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e delle tradizioni

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Alimentazione equilibrata èil primo trattamento della malattia diabetica èparte integrante della terapia per ottenere un compenso

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa.

Da allora, la dieta Atkins è stata popolare in tutto il mondo e molti altri libri sono stati scritti su di essa. Dieta Atkins 1 Dieta Atkins: ecco tutto quello che c è da sapere. Dal menu, alla descrizione delle 4 fasi. Dalla versione per vegetariani, fino alla Dieta Atkins in versione Pdf La dieta Atkins è una dieta

Dettagli

Elementi di Scienze Motorie e Sportive

Elementi di Scienze Motorie e Sportive Francesco Duca Elementi di Scienze Motorie e Sportive I principi nutritivi Dispense per la Scuola Secondaria di I grado Il dottore del futuro non darà medicine, ma invece motiverà i ELEMENTI DI SCIENZE

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Avvertenze Le informazioni racchiuse in questo documento non sono da intendere come indicazioni mediche, ma sono a fini educativi e di intrattenimento.

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

DIETA E KARATE PREMESSA

DIETA E KARATE PREMESSA DIETA E KARATE PREMESSA La dieta dello sportivo è spesso mirata a bruciare le prestazioni di pochi gruppi muscolari nell arco di pochi anni. Questo purtroppo può comportare un invecchiamento precoce e

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Sana alimentazione e piramide alimentare. Dott.ssa Gabriella Paganelli

Sana alimentazione e piramide alimentare. Dott.ssa Gabriella Paganelli Sana alimentazione e piramide alimentare Dott.ssa Gabriella Paganelli Benessere Per migliorare la qualità della vita e del benessere è necessario promuovere stili di vita sani agendo in particolare sui

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL GIOVANE SPORTIVO

L ALIMENTAZIONE DEL GIOVANE SPORTIVO L ALIMENTAZIONE DEL GIOVANE SPORTIVO 1) Digestione e digeribilità dei cibi 2) Gli alimenti calorici e non calorici 3) Il fabbisogno calorico 4) Il peso ideale 5) Diete 1) DIGESTIONE E DIGERIBILITÀ DEI

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Alimentazione e cancro Relatore: Marialuigia Troncon Data 15 gennaio 2014 Sede Sala Piccolotto I dieci e più principi per la prevenzione dei tumori Mantenersi

Dettagli

ACCIUGHE E VONGOLE ANCHE NEI MESI FREDDI ECCO LE RICETTE DEL PROF. MIGLIACCIO

ACCIUGHE E VONGOLE ANCHE NEI MESI FREDDI ECCO LE RICETTE DEL PROF. MIGLIACCIO ACCIUGHE E VONGOLE ANCHE NEI MESI FREDDI ECCO LE RICETTE DEL PROF. MIGLIACCIO Il Prof. Pietro Antonio Migliaccio, nutrizionista e Presidente della Società Italiana di Scienza dell alimentazione (SISA),

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari DELLE COMMISSIONI MENSA la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari 10 gennaio 2008 Lucia Antonioli Margherita Schiavi 3 COME SI STRUTTURA UNA TABELLA DIETETICA 5 LARN Livelli di assunzione

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIVERTICOLOSI Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di diverticolosi Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Perché rivolgersi al Medico di Famiglia? COME LO MISURIAMO? Con mezzi molto semplici, in ambulatorio 1 COME LO MISURIAMO? Uno sfingomanometro per misurare la pressione COME LO

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Prendi il cibo con premura dai tre regni della natura. (Valentina Galiazzo)

Prendi il cibo con premura dai tre regni della natura. (Valentina Galiazzo) II UNITA DIDATTICA Prendi il cibo con premura dai tre regni della natura. (Valentina Galiazzo) Obiettivi: Far conoscere l origine animale e vegetale del cibo e il valore dei sali minerali. Comprendere

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

BUON GIORNO: SONO LE 7 DEL MATTINO E TI PREPARI AD AFFRONTARE UNA NUOVA GIORNATA.

BUON GIORNO: SONO LE 7 DEL MATTINO E TI PREPARI AD AFFRONTARE UNA NUOVA GIORNATA. INTRODUZIONE Da un indagine condotta dal CONI Provinciale di Milano, risulta che 3 bambini su 10 sono in sovrappeso e obesi. Ciò è dovuto soprattutto ad abitudini alimentari errate e a un eccessiva sedentarietà.

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli