INDICE. Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING. Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING. Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN"

Transcript

1 INDICE Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN Il funzionaento della Macchina di Von Neuann 1

2 Macchine Teoriche e Architettura di base Per architettura di un calcolatore elettronico si intende l'insiee delle principali unità funzionali di un calcolatore ed il odo in cui queste interagiscono. Oggi le funzioni di base di un calcolatore si potrebbero così riassuere: eorizzazione dei dati elaborazione dei dati trasferiento dei dati controllo Ma che cos è un coputer? Ad una pria analisi possiao dire che è una acchina che coputa, ovvero che esegue un tipo di lavoro in aniera autoatica, ovvero che esegue un algorito specificato in un linguaggio che può essere capito dalla acchina. La definizione data ricollega la nozione di coputer a quella di algorito Coputer Algorito che possiao definire, ad una pria analisi intuitiva, coe un insiee di istruzioni, scritte, date,, codificate in un certo linguaggio, che definisce coe si deve effettuare l esecuzione di un certo lavoro. Vediao qualche esepio. Supponiao di voler cucinare una pietanza. Descriviao i passi necessari per copiere questo lavoro : I 1 I 2 I 3 I 4 I 5 I 6 I 7 I 8 I 9 I 10 I 11 I 12 I 13 I 14 I 15 I 16 Prendere una pentola Mettere ezzo bicchiere di olio di oliva nella pentola Mettere due agli spezzettati nella pentola Mettere la pentola sul fuoco fino a che l aglio è dorato Aggiungere 500 gr di poodori nella pentola Cuocere per 15 inuti Aggiungere 8 foglie di basilico nella pentola Cuocere per 15 inuti Prendere una pentola più grande Riepirla d acqua Metterci un pugno di sale Mettere la pentola sul fuoco fino a che l acqua non bolle Buttare 500 gr di spaghetti nella pentola Cuocere per 9 inuti Scolare gli spaghetti Mescolare gli spaghetti al sugo della pria pentola Un altro esepio potrebbe essere quello di effettuare un calcolo ateatico a partire da un dato noto, ad esepio quanto vale una certa funzione in corrispondenza di un dato valore. Ma possiao descrivere anche un attività artistica, ad esepio dipingere un quadro, con una serie di istruzioni fissate? Su questo i dubbi sono olteplici, la coponente creativa non è riassuubile in una sequenza logica di operazioni Va allora capito con aggior chiarezza cosa si intende per algorito. 2

3 Definizione di Algorito: un algorito è una particolare acchina di Turing (Alan Turing, , ateatico e logico inglese) oppure un prograa della acchina di Von Neuann (John Von Neuann, , ateatico statunitense di origine ungherese) Nel seguito descrivereo dappria le caratteristiche della acchina di Turing con uno sguardo anche alle idee e alle peculiarità del lavoro copiuto dallo scienziato inglese. Quindi ci occupereo della acchina di Von Neuann con uno sguardo anche alle sue attuali applicazioni. LA MACCHINA DI TURING Nel 1936 Alan Turing propose l'idea di una acchina iaginaria che fosse capace di eseguire ogni tipo di calcolo su nueri e siboli. Una acchina di Turing (MdT) è definita da un insiee di regole che definiscono il coportaento della acchina su un nastro di input-output (lettura e scrittura). Il nastro può essere iaginato coe un nastro di carta di lunghezza infinita, diviso in quadratini dette celle che dunque forano una sequenza lineare di celle. Ogni cella contiene un sibolo oppure è vuota. Una MdT ha una testina che si sposta lungo il nastro leggendo, scrivendo oppure cancellando siboli nelle celle del nastro. La acchina analizza il nastro, una cella alla volta, iniziando dalla cella che contiene il sibolo più a sinistra nel nastro. La acchina di Turing contiene un insiee finito di stati, un alfabeto finito (coprendente un sibolo nullo) e un insiee finito di istruzioni. Ad ogni passo, la acchina in accordo al suo stato interno corrente: 1. legge un sibolo sul nastro 2.decide il suo prossio stato interno 3.scrive un sibolo sul nastro 4. decide se spostare la testina (di una posizione) Coe per uno stato della ente di un essere uano, lo stato interno di una MdT definisce l'abiente in cui una decisione viene presa. Una MdT può avere solo un nuero finito di stati. Il coportaento di una MdT può essere prograato definendo un insiee di regole, o quintuple, del tipo: (stato-interno-corrente, sibolo-letto, prossio-stato-interno, sibolo-scritto, direzione). Per esepio la quintupla (0, A, 1, B, -) indica che se la acchina si trova nello stato interno 0 e legge sul nastro il sibolo A, allora passa nello stato interno 1, scrive B sul nastro e non sposta la testina di lettura. La quintupla (1, B, 0, A, >) indica invece che se la acchina si trova nello stato interno 1 e legge sul nastro il sibolo B, allora passa nello stato interno 0, scrive A sul nastro e si sposta di una posizione a destra. La acchina si fera quando raggiunge uno stato finale. Il risultato calcolato dalla acchina di Turing è la sequenza dei siboli segnati sul nastro che sono conseguenza di tutti i cabiaenti di stato. E' abbastanza sorprendente che un dispositivo seplice coe la acchina di Turing rappresenti il più potente struento di calcolo conosciuto, nel senso che per ogni problea per cui è nota una procedura di soluzione è possibile forulare un algorito eseguibile da una acchina di Turing. Malgrado l'estrea seplicità di questa acchina, essa risulta capace (con un adatto assegnaento di istruzioni) di risolvere problei di grande coplessità, a la sua iportanza non sta in tale capacità a nell'essere uno struento concettuale che perette di definire rigorosaente gli algoriti e di ottenere risultati di grande generalità. Le ricerche finora condotte fanno pensare che 3

4 qualsiasi algorito possa essere realizzato ediante una acchina di Turing. L accettazione di questa ipotesi ci porta a considerare la teoria degli algoriti coe coincidente con la teoria della acchina di Turing. La doanda che si pone il ateatico britannico appartiene ad un classico doinio di indagine del pensiero occidentale: che cosa significa calcolare? L'indagine copiuta da Turing, dunque, prende le osse dall'analisi dell'attività uana del calcolare, con particolare riguardo al processo di calcolo, da cui nasce l idea stessa di Macchina di Turing (M.d.T.): un dispositivo di calcolo in grado di operare, ediante una successione (finita) di passi discreti, secondo deterinate regole (prograa), su di un nuero finito di siboli, facendo astrazione da liiti di spazio (eoria), di tepo (lunghezza della coputazione) e da possibili errori di calcolo. È iportante sottolineare coe l'attenzione di Turing sia rivolta al processo di calcolo, indipendenteente da coe esso avviene fisicaente. In odo rigoroso, infatti, una M.d.T è un dispositivo ideale, cioè indipendente da ogni sua possibile realizzazione fisica. Sulla base della nozione di M.d.T. possiao definire il concetto di funzione (parziale) Turingcoputabile. Una funzione (parziale) f i (a) si dice Turing-coputabile se esiste una M.d.T., diciao T i, che è in grado di coputare, con un nuero finito di passi il suo valore (se esiste). Ci sono però funzioni che una M.d.T. non può calcolare, ovvero ci sono doande a cui non risponde o risponde sepre sbagliando. Ciò avviene ogniqualvolta si chieda ad una particolare M.d.T se troverà una risposta, in un tepo finito, ad una doanda particolare. L analisi di Turing riguarda i processi di calcolo eseguibili da un essere uano (U) idealizzato, cioè le azioni che U copie entre coputa, e si basa sull'individuazione di alcune condizioni di finitezza, giustificate dal fatto che eoria e percezione, coinvolte nel processo di calcolo, hanno dei liiti, e di condizioni di deterinatezza, giustificate dalla richiesta che l'attività di calcolo sia deterinata da una procedura (cioè non peretta scelte arbitrarie). Ipotizziao un calcolo su un nastro (avviene quindi in uno spazio unidiensionale) finito, a estendibile a piacere. Diao le condizioni di finitezza: 1) Il nuero di siboli è fissato e finito, altrienti, se il nuero di siboli fosse infinito, per i liiti della nostra capacità di percezione, avreo siboli così siili fra loro che non riuscireo a distinguerli. 2) Il nuero di caselle del nastro osservabili in una volta è finito (questa richiesta è iplicata dai liiti delle nostre capacità di percezione). 3) E` possibile ricordare distintaente solo un nuero finito di stadi precedenti del processo di calcolo, altrienti ci sarebbero stadi così siili uno all'altro che non sapreo distinguerli. Turing affera che la eoria è uno "stato entale", a intende con questo l'influenza degli stadi precedenti del calcolo su quello attuale. 4) Le operazioni che si possono copiere sono: a) Cabiare il contenuto di alcune caselle osservate b) Cabiare le caselle osservate (cioè spostare l'attenzione da una all'altra) c) Cabiare il proprio stato entale (cioè quello che ricorda del calcolo) d) Osservare nuove caselle che si trovano al assio ad una distanza prefissata L da una qualsiasi delle caselle osservate. Condizione di deterinatezza: le azioni di U, ad ogni istante, dipendono solo dai siboli contenuti nella casella osservata in quell'istante e dallo "stato entale" corrente (cioè da quello che U ricorda in quel oento). Un procediento così caratterizzato è siulabile da una acchina di Turing. 4

5 Ad una acchina di Turing associao un procediento di calcolo idealizzato, cioè supponiao di non avere liiti di spazio (il nastro su cui il calcolo avviene è potenzialente infinito) e di tepo, e che la acchina non coetta errori. Chiaiao infine UNIVERSALE una acchina di Turing in grado di calcolare tutte le funzioni calcolabili da ogni singola acchina di Turing. Allora possiao dire, se l'analisi di Turing è corretta, che ogni funzione parziale a valori interi che può essere coputata da un essere uano che soddisfa le condizioni di finitezza e deterinatezza date sopra è Turing-coputabile, cioè può essere coputata da una acchina di Turing. Resta da vedere se le condizioni date si applicano a qualsiasi processo di calcolo effettivaente eseguibile; La tesi di Turing affera che ogni funzione parziale calcolabile con un algorito è una funzione parziale calcolabile da una acchina di Turing. La tesi di Turing è equivalente a quella di Church. Il lavoro svolto da una particolare acchina di Turing in funzione può quindi essere descritto coe la trasforazione secondo regole delle inforazioni depositate nella sua eoria. La possibilità di identificare ogni acchina di Turing con il suo prograa, cioè con quelle particolari inforazioni che stabiliscono l elenco delle operazioni da copiere, garantisce l'esistenza della acchina calcolatrice generica. Tuttavia, solo quando la tecnologia ise a disposizione una sufficiente quantità di eoria fu però possibile realizzare concretaente una acchina calcolatrice prograabile. La acchina di Turing è quindi una acchina che elabora inforazione in senso generico, e la specifica elaborazione copiuta in un caso particolare è copletaente deterinata dal prograa che in quel caso ne detta le regole. Ciò significa che una acchina di Turing può fare tutto ciò che può essere descritto in un prograa, presentandosi così coe una entità dal coportaento estreaente flessibile. Il test di Turing. Can achines think? Turing riforulò questa doanda, per certi versi classica, nei terini di un gioco, che chiaò gioco dell'iitazione. Questo viene giocato da tre persone, un uoo (A), una donna (B) e un interrogante. L'interrogante viene chiuso in una stanza, separato dagli altri due, i quali sono a lui noti con le etichette X e Y. Scopo del gioco per l'interrogante è deterinare quale sia l'uoo e quale la donna, facendo delle doande del tipo Vuol diri X la sua altezza? Affinché né il tono della voce né la calligrafia possano aiutare l'interrogante, le risposte sono dattiloscritte. Lo scopo di A nel gioco è quello di ingannare l'interrogante e far sí che fornisca una identificazione errata. Lo scopo di B è invece quello di aiutarlo. Turing si chiese che cosa sarebbe accaduto se una acchina avesse preso il posto dell'uoo nel gioco. Più precisaente è vero che, odificando il calcolatore in odo da avere a disposizione una eoria adeguata, increentando adeguataente la sua velocità di azione e fornendogli una prograazione adeguata, C può prendere soddisfacenteente la parte di A nel gioco dell'iitazione, se la parte di B viene assunta da un essere uano? Per una acchina, il test di Turing consiste quindi nell'ingannare un essere uano giocando al gioco dell'iitazione, inducendolo a credere di conversare con un altro essere uano e non, appunto, con una acchina. Le acchine di Turing sono acchine a stati discreti in grado di siulare altre acchine a stati discreti perciò possiao cercare di iaginare la descrizione di un essere uano in terini di stati interni, segnali di ingresso e segnali di uscita, sulla quale basare la prograazione di una acchina di Turing che lo siuli e riesca così a superare il test. Il criterio di siilitudine incorporato nel test, per valutare la soiglianza tra la acchina e l'essere uano, è la capacità di interagire linguisticaente, ovvero la cappacità di usare un insiee di siboli (le lettere dell'alfabeto) e un insiee di regole (lessicali, graaticali e logiche) per cobinarli a forare parole e frasi. 5

6 Tanto gli stati interni che i segnali di ingresso e di uscita sono insiei di concatenazioni di siboli; gli stati interni sono gli insiei di proposizioni che espriono le conoscenze possedute dall'essere uano, i segnali di ingresso sono le doande rivolte dall'interlocutore e i segnali di uscita sono le eventuali risposte date dall'essere uano in base alle sue conoscenze. Se è noto il variare dello stato interno in dipendenza dal segnale di ingresso, e per ogni segnale di ingresso è possibile stabilire l'eventuale segnale di uscita, a patto di inserire questi dati in aniera opportuna in due tabelle analoghe a quelle raffigurate da Turing, è anche possibile prograare una acchina di Turing affinché siuli un essere uano. Un esepio tipico di acchina siulatrice potrebbe una acchina che gioca esclusivaente a scacchi Finora nessun prograa ha superato il test di Turing. Il più noto è Eliza, un prograa scritto nel 1966 da Joseph Weizenbau. Eliza è una psicoterapeuta che siula una conversazione tra lei (il edico), e voi (il paziente). Turing pensò una acchina astratta per fare questa elaborazione, una acchina che non è ai stata effettivaente costruita, sarebbe troppo scooda da usare, che però è servita a diostrare le qualità ed i liiti dei calcolatori reali di più di qualsiasi calcolatore reale. Il fatto che tutte acchine sono casi particolari della acchina di Turing non è possibile diostrarlo, a è un principio, noto coe Tesi di Church, che si è verificato vero in tutti i casi di acchine finora costruiti o anche solo pensati. Questa tesi, forulata nel 1936, all indoani dell ideazione della acchina stessa, affera: ogni funzione intuitivaente coputabile è coputabile con la acchina di Turing (intuitivaente significa che olte persone riconoscono l algorito coe coputabile) Le iplicazioni di questa asserzione sono di notevole portata, infatti ne consegue che: le basi teoriche dell inforatica si riducono ad un solo argoento (con i vari punti di vista); è inutile tentare di costruire acchine diverse, hanno tutte gli stessi liiti l iportanza dell inforatica non sta nella teoria a nelle applicazioni Queste conclusioni hanno creato olte delusioni: per i eccanicisti (per chi pensa al ondo coe una acchina) è difficile capire coe spiegare le cose che la acchina di Turing non può fare, per chi non è eccanicista è difficile restringere il non eccanico a ciò che la acchina di Turing non può fare. Certaente la MdT non è stata creata per risolvere problei del ondo reale a per essere sufficienteente seplice per diostrare con essa le proprietà del calcolo autoatico. La pria di queste proprietà è che la acchina di Turing è equivalente coe possibilità a quella di qualsiasi calcolatore con eoria illiitata. La diostrazione è stata fatta per tutti i casi di acchine note e per tutte le procedure generali di calcolo inventate. La seconda di queste proprietà è che una acchina di Turing rappresenta il riconoscitore del tipo di linguaggio più generale. La terza proprietà è che la MdT rappresenta una definizione forale del concetto di Algorito. Le Tavole di una MdT rappresentano in effetti la fora più generale di algorito possibile. Quando analizziao un algorito, cioè una procedura generale di soluzione, lo dobbiao sepre fare facendo riferiento ad una architettura di calcolo concreta. Dobbiao usare, in altre parole, passi dell algorito che siano effettivaente realizzabili. Cosa non può fare la acchina di Turing? 1) non può capire se stessa. Si può diostrare, infatti, che una acchina di Turing (MdT) non può calcolare fino in fondo il coportaento di un altra MdT o di se stessa. In altre parole, se 6

7 trasforiao anche la MdT in una serie di siboli da dare in pasto ad una MdT, non esiste una MdT in grado di assicurarci che la MdT in ingresso faccia bene il proprio lavoro (vedere nel seguito il problea della ferata); 2) non può usare la logica in odo soddisfacente, cioè non può utilizzare e penetrare in odo esauriente nel concetto di diostrazione. Vi sono diostrazioni vere che nessun calcolatore saprà diostrare tali. Non esistono MdT che possano prendere in input la diostrazione coe sequenza di siboli e dire che è vera o falsa. Ma che ci siano cose non diostrabili è noto in ateatica (Kurt Godel). L insiee di proposizioni vere non può essere generato in un nuero finito di passi (secondo teorea di Godel) e quindi non esiste nessuna MdT che possa generare tutte le proposizioni vere e a aggior ragione dire se una proposizione è vera o falsa: Godel ha diostrato che vi sono cose vere non diostrabili. Vediao il faoso problea della ferata. Abbiao una acchina di Turing qualsiasi M e le diao un ingresso. Vogliao sapere se essa si fera oppure procede all infinito. Supponiao ora di costruire una acchina di Turing MF che, dati in ingresso i dati e le istruzioni della generica M, calcola se essa si fera oppure no. Vedreo che questa MdT non esiste. Costruiao ora una seconda acchina MFL uguale a MF eccetto che in un particolare: dopo aver scoperto che la M si fera questa esegue un loop infinito. Se esiste MF allora anche MFL si può facilente costruire. Supponiao di prendere coa acchina generica M = MFL cioè chiediao alla MFL di calcolare se essa stessa si fera oppure no. Allora i casi sono due: a) se MFL si fera vuol dire che MFL ha scoperto che MFL non si fera b) se MFL non si fera allora vuol dire MFL ha scoperto che MFL si fera in entrabe i casi siao arrivati a una conclusione assurda. 7

8 LA MACCHINA DI VON NEUMANN Una acchina di Von Neuann è una terna (N, IS, P) dove N = {0, 1, 2, 3, } è l insiee dei nueri naturali (rappresenta l alfabeto della acchina) IS = {ZERO, INC, SOM, SOT, MOL, DIV, UGUALE, MINORE; SALCOND, ALT} è l Instruction Set ovvero l insiee delle istruzioni generiche della acchina: ZERO: N N n ZERO (n) = 0 SOM: N N N (n, ) SOM (n, ) = n + MOL: N N N (n, ) MOL (n, ) = n UGUALE: N N N (n, ) UGUALE (n, ) = { 1 0 se se n n = SALCOND: N J Azione (n, j) SALCOND (n, j) = salta a j se n 0 { non salta a j se n = 0 essendo J = {j N : 0 j < P 1} un insiee finito di indici. INC: N N n INC (n) = n + 1 SOT: N N N (n, ) SOT (n, ) = { n 0 se se n n < DIV: N N N (n, ) DIV (n, ) = [n / ] MINORE: N N N (n, ) MINORE (n, ) = { 1 0 se se n n < ALT: fera la coputazione della acchina P = {I 0, I 1, I 2, I 3,, I P 1 } è una sequenza finita e non vuota di istruzioni specifiche prese dall insiee IS in cui siano specificati particolari valori delle variabili. Questa sequenza è detta il prograa della acchina. Il funzionaento della Macchina di Von Neuann Un prograa eseguibile dalla acchina di Von Neuann consiste in una lista di istruzioni registrate in eoria centrale, che devono essere eseguite una alla volta secondo l'ordine specificato nel prograa fino a quando non si incontra un istruzione di arresto. La geniale soluzione che venne trovata da Von Neuann è quella di usare la eoria per conservare sia le istruzioni che i dati dei calcoli. L Hardware della acchina di Von Neuann è costituito dalla eoria, ovvero dall insiee delle locazioni di eoria, e dal processore. Inoltre: ad ogni locazione è associato l indice della locazione nella sequenza detto indirizzo della locazione di eoria nella eoria sono registrati il prograa ed i dati del prograa il prograa è registrato nelle locazioni di eoria i cui indirizzi vanno da 0 a P 1 (i-esia istruzione del prograa registrata nella locazione i) Il processore è costitutito da 4 parti fondaentali: 8

9 a) il contatore di prograa, una locazione di eoria contenente l indirizzo dell istruzione da eseguire b) il registro delle istruzioni, una locazione di eoria contenente l istruzione da eseguire c) l unità aritetica e logica, un sistea che esegue l istruzione d) il controllo, un sistea che, attraverso una sequenza di cabiaenti di stato, fa avvenire l esecuzione dell istruzione, dunque ha il coando del processo. La coputazione della acchina avviene eseguendo le istruzioni del prograa nell ordine definito dal prograa, a eno di sati condizionati, nel seguente odo: 1) Legge il contenuto del contatore, ovvero l indirizzo dell istruzione da eseguire 2) fa pervenire nel registro istruzioni (fetch) l istruzione da eseguire 3) decodifica l istruzione, ovvero capisce di quale istruzione si tratta (fra quelle possibili in IS) 4) invia segnali all unità logico-aritetica per far eseguire l istruzione 5) acquisisce dalla eoria i dati necessari (attraverso gli indirizzi delle locazioni di eoria). Se ad esepio l istruzione è SOM(M 1, M 2 ) M 1 e M 2 sono indirizzi di locazioni di eoria 6) aspetta che l unità logico-aritetica calcoli il risultato 7) registra il risultato nella locazione di eoria specificata dall operando più a sinistra dell istruzione. Se l istruzione è SOM(M 1, M 2 ) il risultato viene registrato nella locazione di eoria il cui indrizzo è M 1. Se l istruzione è un salto condizionato, il controllo registra nel contatore l indirizzo della prossia istruzione 8) Increenta il contatore a eno che l istruzione non sia un salto condizionato o un ALT ALT) Il ciclo si ripete fino a che non si incontra l istruzione ALT. Esepio di prograa per la acchina di Von Neuann: calcolare se un nuero è divisibile per 3 (il valore è registrato in M 0 ; se è divisibile pre tre scrivere in M 1 il valore 1 altrienti scrivere 0) 0 ZERO(M 1 ) 1 INC(M 1 ) 2 INC(M 1 ) 3 INC(M 1 ) 4 ZERO(M 2 ) 5 SOM(M 2,M 0 ) 6 DIV(M 2,M 1 ) 7 MOL(M 2,M 1 ) 8 SOT(M 0,M 2 ) Scrive 3 in M 1 Copia il contenuto di M 0 in M 2 Calcola r = n 3(n/3) e ette il risultato in M 0 9 SALCOND(M 0, 13) Se r 0 salta a ZERO(M 1 ) Scrive 1 in M 11 INC(M 1 ) 1 e si fera 12 ALT 13 ZERO(M 1 ) 14 ALT Scrive 0 in M 1 e si fera Esercizi. Realizzare i seguenti prograi per la acchina di Von Neuann: a) calcolare se la soa di due nueri è aggiore di 5 (i valori sono registrati in M 0, M 1 ; se la soa è aggiore di 5 scrivere in M 2 il valore 1 altrienti scrivere 0) b) calcolare la edia aritetica (approssiata al nuero intero) di tre nueri (i valori sono registrati in M 0, M 1, M 2 ; la edia risultante va registrata in M 3 ) c) dati due nueri, dividere il più grande per il più piccolo e prendere il resto intero della divisione (i valori sono registrati in M 0, M 1 ; il resto della divisione va registrato in M 3 ). 9

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere;

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere; Algoritmi 3 3.5 Capacità di calcolo Il matematico inglese Alan Turing (1912-1954) descrisse nel 1936 un tipo di automi, oggi detti macchine di Turing, e fornì una della prime definizioni rigorose di esecuzione

Dettagli

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006 LAVORO ED ENERGIA INTRODUZIONE L introduzione dei concetto di lavoro, energia cinetica ed energia potenziale ci perettono di affrontare i problei della dinaica in un odo nuovo In particolare enuncereo

Dettagli

Macchine Teoriche e Architettura di base INDICE

Macchine Teoriche e Architettura di base INDICE Macchine Teoriche e Architettura di base INDICE I. LA MACCHINA DI TURING II. IL TEST DI TURING III. JOHN VON NEUMANN IV. LA MACCHINA DI VON NEUMANN V. IL FUNZIONAMENTO DELLA MACCHINA DI VON NEUMANN 1 Macchine

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il concetto di Algoritmo e di Calcolatore Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Cos

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

accelerazione al posto di velocità. Ecco quello che otteniamo:

accelerazione al posto di velocità. Ecco quello che otteniamo: Lezione 5 - pag.1 Lezione 5: L accelerazione 5.1. Velocità e accelerazione Sappiao che la velocità è una grandezza essenziale per descrivere il oviento: quando la posizione di un corpo cabia nel tepo,

Dettagli

Lezione 8. La macchina universale

Lezione 8. La macchina universale Lezione 8 Algoritmi La macchina universale Un elaboratore o computer è una macchina digitale, elettronica, automatica capace di effettuare trasformazioni o elaborazioni su i dati digitale= l informazione

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Computabilità e Macchine di Turing Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing Macchina di Turing Una macchina di Turing è costituita dai seguenti elementi (vedi fig. 1): a) una unità di memoria, detta memoria esterna, consistente in un nastro illimitato in entrambi i sensi e suddiviso

Dettagli

Fasi di creazione di un programma

Fasi di creazione di un programma Fasi di creazione di un programma 1. Studio Preliminare 2. Analisi del Sistema 6. Manutenzione e Test 3. Progettazione 5. Implementazione 4. Sviluppo 41 Sviluppo di programmi Per la costruzione di un programma

Dettagli

Tipologie di macchine di Turing

Tipologie di macchine di Turing Tipologie di macchine di Turing - Macchina di Turing standard - Macchina di Turing con un nastro illimitato in una sola direzione - Macchina di Turing multinastro - Macchina di Turing non deterministica

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica

Modulo 1 Test di verifica Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory.co Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono eorie di assa? o o

Dettagli

Lezione n.15. Doppi bipoli

Lezione n.15. Doppi bipoli Lezione 5 Doppi bipoli Lezione n.5 Doppi bipoli. Definizione di N-polo. Definizione di doppio-bipolo 3. Doppi-bipoli in regie stazionario (doppi-bipoli di resistenze 4. Problei di analisi 5. Problei di

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA APPUNTI DL CORSO DI SISTMI IMPIANTISTICI SICURZZA RGIMI DI FUNZIONAMNTO DI CIRCUITI LTTRICI: CORRNT CONTINUA SOLO ALCUNI SMPI DI ANALISI DI UN CIRCUITO LTTRICO FUNZIONANTI IN CORRNT CONTINUA APPUNTI DL

Dettagli

UNITÀ 1 LA MISURA DELLE GRANDEZZE FISICHE

UNITÀ 1 LA MISURA DELLE GRANDEZZE FISICHE UNITÀ 1 LA MISURA DELLE GRANDEZZE FISICHE 1. Che cos è la Fisica. La fisica è una scienza sperientale che studia i fenoeni naturali, detti anche fenoeni fisici, utilizzando il etodo scientifico. Si tratta

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

L interesse nella macchina di Turing

L interesse nella macchina di Turing Aniello Murano Macchina di Turing universale e problema della fermata 6 Lezione n. Parole chiave: Universal Turing machine Corso di Laurea: Informatica Codice: Email Docente: murano@ na.infn.it A.A. 2008-2009

Dettagli

Unità Didattica N 16. Il comportamento dei gas perfetti

Unità Didattica N 16. Il comportamento dei gas perfetti Unità Didattica N 16 Il coportaento dei gas perfetti Unità Didattica N 16 Il coportaento dei gas perfetti 1) Alcune considerazioni sullo studio dei sistei gassosi 2) Dilatazione terica degli aerifori 3)

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Algoritmi e Complessità

Algoritmi e Complessità Algoritmi e Complessità Università di Camerino Corso di Laurea in Informatica (tecnologie informatiche) III periodo didattico Docente: Emanuela Merelli Email:emanuela.merelli@unicam.it Lezione 2 Teoria

Dettagli

Varianti Macchine di Turing

Varianti Macchine di Turing Varianti Macchine di Turing Esistono definizioni alternative di macchina di Turing. Chiamate Varianti. Tra queste vedremo: MdT a più nastri e MdT non deterministiche. Mostriamo: tutte le varianti ragionevoli

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

I.T.I. Modesto PANETTI B A R I

I.T.I. Modesto PANETTI B A R I I.T.I. Modesto PAETTI B A R I Via Re David, 86-705 BARI 080-54.54. - Fa 080-54.64.3 Intranet http://0.0.0. - Internet http://www.itispanetti.it eail : BATF05000C@istruzione.it Introduzione Analisi statistica

Dettagli

Le Macchine di Turing

Le Macchine di Turing Le Macchine di Turing Come è fatta una MdT? Una MdT è definita da: un nastro una testina uno stato interno un programma uno stato iniziale Il nastro Il nastro è infinito suddiviso in celle In una cella

Dettagli

FERRARI 575M Maranello Velocità Massima 325 Km/h Accelerazione Massima 0-100Km/h in 4,2 s

FERRARI 575M Maranello Velocità Massima 325 Km/h Accelerazione Massima 0-100Km/h in 4,2 s 1 IL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO L accelerazione. Una autoobile di grossa cilindrata, coe la Ferrari 575M Maranello, è apprezzata per la sua ripresa, cioè per la sua capacità di variare la

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6 PROVA INTRACORSO DI ELEMENTI DI INFORMATICA MATRICOLA COGNOME E NOME TRACCIA A DOMANDA 1 Calcolare il risultato delle seguenti operazioni binarie tra numeri interi con segno rappresentati in complemento

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

TECNOLOGIE INFORMATICHE DELLA COMUNICAZIONE ORE SETTIMANALI 2 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO PROVA DI LABORATORIO

TECNOLOGIE INFORMATICHE DELLA COMUNICAZIONE ORE SETTIMANALI 2 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO PROVA DI LABORATORIO CLASSE DISCIPLINA MODULO Conoscenze Abilità e competenze Argomento 1 Concetti di base Argomento 2 Sistema di elaborazione Significato dei termini informazione, elaborazione, comunicazione, interfaccia,

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Origini e caratteristiche dei calcolatori elettronici

Origini e caratteristiche dei calcolatori elettronici Origini e caratteristiche dei calcolatori elettronici Lunedì, 09 ottobre 2006 Supercomputer, mainframe 1 Server, workstation, desktop, notebook, palmare Un po di storia 1642 Biagio Pascal 1671 Leibniz

Dettagli

Pierluigi Graziani Università di Urbino pierluigi.graziani@uniurb.it

Pierluigi Graziani Università di Urbino pierluigi.graziani@uniurb.it Pierluigi Graziani Università di Urbino pierluigi.graziani@uniurb.it ALAN TURING (1912-1954) M. Frixione & T. Numerico «Alan M. Turing», in APhEx, 2013. URL=

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO Il sistema di numerazione decimale (o base dieci) possiede dieci possibili valori (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 o 9) utili a rappresentare i numeri. Le cifre possiedono

Dettagli

Il rischio di tasso di interesse

Il rischio di tasso di interesse MEBS Lecture 2 Il rischio di tasso di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 2.1 Il rischio di tasso di interesse Per rischio di tasso di interesse si intende la possibilità che, effettuato

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica nei conduttori. La corrente elettrica Connettendo due conduttori a diverso potenziale si ha un oto di cariche fino a quando si raggiunge una condizione di uilibrio. Questo oto terina

Dettagli

Centro di formazione professionale Don Bosco

Centro di formazione professionale Don Bosco Centro di forazione professionale Don Bosco Settore elettrico ELETTROTECNICA Eserciziario A.S. 204 205 CIRCUITI ELETTRICI, CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI e MACCHINE ELETTRICHE Fabio PANOZZO Indice Elettrostatica

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

Architettura del calcolatore

Architettura del calcolatore Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macro-componenti: Hardware Software Architettura del calcolatore L architettura dell hardware di un calcolatore reale

Dettagli

23/02/2014. Dalla scorsa lezione. La Macchina di Von Neumann. Uomo come esecutore di algoritmi

23/02/2014. Dalla scorsa lezione. La Macchina di Von Neumann. Uomo come esecutore di algoritmi Dalla scorsa lezione LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE Corso di laurea in matematica LA MACCHINA DI VON NEUMANN Marco Lapegna Dipartimento di Matematica e Applicazioni Universita degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

Complessità computazionale degli algoritmi

Complessità computazionale degli algoritmi Complessità computazionale degli algoritmi Lezione n. 3.bis I precursori dei calcolatore Calcolatore di Rodi o di Andikithira 65 a.c. Blaise Pascale pascalina XVII secolo Gottfried Leibniz Joseph Jacquard

Dettagli

la "macchina" universale di Turing

la macchina universale di Turing la "macchina" universale di Turing Nel 1854, il matematico britannico George Boole (1815-1864), elaborò una matematica algebrica che da lui prese il nome. Nell'algebra booleana le procedure di calcolo

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Contenuti. Visione macroscopica Hardware Software. 1 Introduzione. 2 Rappresentazione dell informazione. 3 Architettura del calcolatore

Contenuti. Visione macroscopica Hardware Software. 1 Introduzione. 2 Rappresentazione dell informazione. 3 Architettura del calcolatore Contenuti Introduzione 1 Introduzione 2 3 4 5 71/104 Il Calcolatore Introduzione Un computer...... è una macchina in grado di 1 acquisire informazioni (input) dall esterno 2 manipolare tali informazioni

Dettagli

Prima parte. giustificando le a operazioni fatte con le proprietà delle congruenze utilizzate. Poiché ax b mod n (a mod n) x (b mod n) mod n

Prima parte. giustificando le a operazioni fatte con le proprietà delle congruenze utilizzate. Poiché ax b mod n (a mod n) x (b mod n) mod n Soluione del copito di Fondaenti di Mateatica del discreto laurea OnLine 6 aio 7 Per la soluione si è posto: N = 7354 n=n od =354; =G od 4)+4=7; =M od 6)+=5; a=a od =86 Pria parte 3 96 od). Deterinare

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Il sapere tende oggi a caratterizzarsi non più come un insieme di contenuti ma come un insieme di metodi e di strategie per risolvere problemi.

Il sapere tende oggi a caratterizzarsi non più come un insieme di contenuti ma come un insieme di metodi e di strategie per risolvere problemi. E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Problemi-1 Il sapere tende oggi a caratterizzarsi non più come un insieme di contenuti ma come un insieme di metodi e di strategie per risolvere problemi. L'informatica

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Appendice 1 - Generalità sui metodi di misura

Appendice 1 - Generalità sui metodi di misura Appunti di Misure Elettriche Appendice 1 - Generalità sui etodi di isura Introduzione: isure relative ed assolute...1 Classificazione dei etodi di isura...1 Metodi a deviazione...2 Metodi di zero...3 Siboli

Dettagli

L architettura del calcolatore (Prima parte)

L architettura del calcolatore (Prima parte) L architettura del calcolatore (Prima parte) Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Calcolatore astratto e reale Concetto astratto

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 14

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 14 Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 14 Torniamo ai concetti base dellʼinformatica. Abbiamo sinora affrontato diversi problemi: avere unʼidentità online, cercare pagine Web, commentare il

Dettagli

Software Specifico per la Gestione e la Bilanciatura della Linea di Assemblaggio

Software Specifico per la Gestione e la Bilanciatura della Linea di Assemblaggio Tempi & Metodi di Giorgio Andreani Servizi di Controllo e di Organizzazione dei Processi Produttivi Iscrizione al Registro delle Imprese CCIAA di Verona REA 357269 Partita Iva 03686020235 - Cod. Fisc.

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (1963)

La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (1963) La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (963) Nastro di ingresso.......... PROGRAM COUNTER Nastro di uscita PROGRAMMA ACCUMULATORE UNITA' ARITMETICA............... 2 3 4 M E M O R I A Formato delle Istruzioni

Dettagli

Esercizi su. Funzioni

Esercizi su. Funzioni Esercizi su Funzioni ๒ Varie Tracce extra Sul sito del corso ๓ Esercizi funz_max.cc funz_fattoriale.cc ๔ Documentazione Il codice va documentato (commentato) Leggibilità Riduzione degli errori Manutenibilità

Dettagli

Matematica e giochi di gruppo

Matematica e giochi di gruppo Matematica e giochi di gruppo Possiamo riempire di contenuti matematici situazioni di piccola sfida personale, situazioni di giochi di società. Di seguito proponiamo attività che affrontano i seguenti

Dettagli

InterProcess Communication (IPC)

InterProcess Communication (IPC) 06//3 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 03-04 corso di Sistei Distribuiti 6. IPC (Inter Process Counication) (parte 3): altre fore di counicazione e la sincronizzazione. Prof. S.Pizzutilo InterProcess

Dettagli

Contratti indicizzati a tassi di interesse

Contratti indicizzati a tassi di interesse MEBS Lecture 1 Contratti indicizzati a tassi di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 1.1 Introduzione Abiente di lavoro: i contratti su tassi di interesse (bond arket). Contratti standard:

Dettagli

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 7

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 7 Econoia dell Abiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 7 SCELTA INTERTEMPORALE Modello di scelta del consuatore che abbiao studiato solo periodo beni: flusso reddito: flusso FLUSSO Grandezza per isurare

Dettagli

TRASMISSIONE DELLA POTENZA

TRASMISSIONE DELLA POTENZA TRASMISSIOE DELLA POTEZA (Distillazione verticale) Conoscenza del principio di fnzionaento dei principali sistei di trasissione e trasforazione del oto. Sapere effettare calcoli si principali sistei di

Dettagli

Nozione di algoritmo. Gabriella Trucco

Nozione di algoritmo. Gabriella Trucco Nozione di algoritmo Gabriella Trucco Programmazione Attività con cui si predispone l'elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari informazioni (dati), allo scopo di risolvere

Dettagli

Architettura di un Elaboratore

Architettura di un Elaboratore Architettura di un Elaboratore Fabio Massimo Zanzotto Ricapitoliamo puntate precedenti Cosa abbiamo a disposizione: Concetto di algoritmo (con eventuale parametrizzazione) Rappresentazione dell informazione

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 2

1^A - Esercitazione recupero n 2 1^A - Esercitazione recupero n 2 1. Un cavo di nylon si coporta coe una olla di costante elastica 5,0 10 4 N /. Con questo cavo, trasciniao sul paviento una cassa di 280 kg a velocità costante. Il coefficiente

Dettagli

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 10 Correttezza A. Miola Novembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Correttezza 1 Contenuti Introduzione alla correttezza

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

I Problemi e la loro Soluzione. Il Concetto Intuitivo di Calcolatore. Risoluzione di un Problema. Esempio

I Problemi e la loro Soluzione. Il Concetto Intuitivo di Calcolatore. Risoluzione di un Problema. Esempio Il Concetto Intuitivo di Calcolatore Fondamenti di Informatica A Ingegneria Gestionale Università degli Studi di Brescia Docente: Prof. Alfonso Gerevini I Problemi e la loro Soluzione Problema: classe

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Fondamenti di Informatica Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Perché studiare informatica? Perché l informatica è uno dei maggiori settori industriali, e ha importanza strategica Perché, oltre

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 3 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 3 - Sistemi Web per il turismo - lezione 3 - I computer sono in grado di eseguire molte operazioni, e di risolvere un gran numero di problemi. E arrivato il momento di delineare esplicitamente il campo di

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Le macchine di Turing

Le macchine di Turing Le macchine di Turing Alan Turing (1912-1954) 1954) Il problema della decisione i L Entscheidungsproblem [il problema della decisione] è risolto se si conosce una procedura che permette di decidere la

Dettagli

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo L equilibrio finanziario, patrioniale e onetario nei gruppi aziendali L apprezzaento dell equilibrio nelle iprese e nelle controllate di gruppo Eleenti di rilievo nell apprezzaento degli equilibri finanziari

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU Lezione n.7 Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU 1 SOMMARIO Architettura del moltiplicatore Architettura di base di una CPU Ciclo principale di base di una CPU Riprendiamo l analisi

Dettagli

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA Capittol lo 4 Copia Taglia Incolla 4-1 - Introduzione Durante la stesura di un foglio di lavoro o durante un suo aggiornamento, può essere necessario copiare o spostare dati e formule. Per questo sono

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Il calcolo letterale per risolvere problemi e per dimostrare

Il calcolo letterale per risolvere problemi e per dimostrare Il calcolo letterale per risolvere problemi e per dimostrare (si prevedono circa 25 ore di lavoro in classe) Nome e cognome dei componenti del gruppo che svolge le attività di gruppo di questa lezione

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni La volta scorsa Abbiamo avuto un primo assaggio! Abbiamo visto come usare l editor per scrivere un programma Java. Abbiamo analizzato riga per

Dettagli

CHE COS È L INFORMATICA

CHE COS È L INFORMATICA CHE COS È L INFORMATICA Prof. Enrico Terrone A. S. 2011/12 Definizione L informatica è la scienza che studia il computer sotto tutti i suoi aspetti. In inglese si usa l espressione computer science, mentre

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su...

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su... MODULAZIONE ANALOGICA UNITÀ VERIFICA Copleta: a) Per odulazione lineare si intende la... dello spettro del... intorno alla frequenza... b) La odulazione di apiezza consiste nel... del segnale portante...

Dettagli

Introduzione al Foglio Elettronico

Introduzione al Foglio Elettronico Microsoft Excel Introduzione al Foglio Elettronico Il Foglio Elettronico Si presenta come una grande tabella su un foglio di carta Le celle contengono differenti dati Numeri Testo Date Ecc I dati possono

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli