Trimestrale d informazione culturale Contiene il supplemento IL LERCARIANO a cura della Biblioteca Lercari Quaderno n.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trimestrale d informazione culturale Contiene il supplemento IL LERCARIANO a cura della Biblioteca Lercari Quaderno n."

Transcript

1 Trimestrale d informazione culturale Contiene il supplemento IL LERCARIANO a cura della Biblioteca Lercari Quaderno n. 18 Gennaio 2013 Settore coordinamento processi Per lo sviluppo dei municipi Municipio III Genova Bassa Valbisagno Biblioteca G. L. LERCARI Via S. Fruttuoso Genova

2 2

3 INTRODUZIONE (di Mario Montagna) Quando ho scelto di scrivere questa introduzione per La mia città mi sono detto: ecco, ora prenderò la funicolare per il Righi, guarderò il panorama da Portofino attraverso il Porto Antico fino a Savona, farò il giro dei Forti e poi scenderò sulla spianata di Castelletto: i palazzi di Rubens ai miei piedi, la Villetta Di Negro con il suo Museo d Arte Orientale, i monti lontani, l intricato miscuglio di ardesie Ecco, è stato proprio il groviglio di tetti, di terrazze, di giardini fioriti, di passerelle che mi hanno fatto dire: no, Genova è questa, antica e medioevale, col suo centro storico più grande d Europa, con la speranza di poterla rivedere un giorno Superba. E così, invece di parlare delle cose belle, dei suoi scorci, della severità dei suoi monumenti, ho scelto di parlare di una Genova che purtroppo non e- siste più, di una Genova che forse non esisterà mai più. La mia città, la mia Genova. 3

4 Sejann-a (di Bruna Pedemonte) Tanto me piaxe Zena mentre parpélla a seja. E in to porto 'na veja bansiga a o vento de mâ. Spruinn-a in to sciôco cianzín e mûagie me pan de sea l'arzillo c'o ven da Rivéa o porta ma gu in mai scentæ. S'aççenddan i lampiun in ti caruggi maccaja, de læte a fa a luxe e a l'e n'a guggia c'a cuxe 'na teja de tûtti i pensê. Serata Tanto mi piace Genova/ mentre sbatte le ciglia la sera/ e nel porto una vela/ si dondola al vento del mare. // Pioviggina finemente nello scirocco piagnucoloso/ i muri mi paiono di seta/ l'odore buono di mare che viene dalla Riviera/ si porta magoni mai stroncati.// S'accendono i lampioni nei caruggi/ l'aria umida e spessa fa la luce di latte/ ed è un ago che cuce/ una tela di tutti i pensieri. 4

5 On vous attend à Marcq en baroeul C est incidemment, que j ai découvert «Marcq en baroeul»en y cherchant un appartement pour aider une amie, quand j étais toute jeune..nous y vivons ainsi maintenant depuis de nombreuses années.bien que Marcq ne soit pas ma ville natale, je la connais donc assez bien, mais cette ville de habitants est grande. Elle s étend sur 1404hectares et je vous la présenterai donc dans son ensemble. Traversée par une rivière, la Marque,elle allie les avantages de la ville avec ceux de beaucoup de verdure et un petit air de campagne Ainsi, une très grande avenue, l avenue Foch qui relie le Bourg au Croisé Laroche, petite plaque tournante. Le mongi (tramway) qui passe toutes les 5 minutes, réunit Marcq à Lille la métropole, puis à Roubaix et, Tourcoing, deux autres villes importantes qui ont vu les débuts de grosses industries lainières. Cette avenue est très longue et bordée d une centaine de cerisiers sauvages, d hôtels particuliers et de très jolies maisons bourgeoises. Au printemps, lors de la floraison, tout est rose.c est un ravissement, et parfois quand il vente, le sol est recouvert d un tapis de pétales. Au Moyen Age, la commune devint le territoire de chasse des rois carolingiens Un peu en retrait de cette avenue, la mairie de Marcq magnifiquement décorée à Noël, avec de nombreuses illuminations bleues qui scintillent dans de très hauts arbres et un groupe féerique de formes diverses s étalant sur un parvis On remarque de nombreux petits magasins d antan, plus classiques et plus onéreux, mais aussi de grands magasins avec même un Chronodrive où l on peut retirer des marchandises commandées sut notre clavier informatique... Aussi, des restaurants du plus intime et du plus onéreux au moins coûteux, faisant alors partie d une chaîne, comme «la Courte paille» par exemple ; le» Mac Donald» ou le «quick».. Vient de s ouvrir tout dernièrement,au plaisir de 5

6 tous, un immense restaurant italien «Il Ristorante». Un autre, raffiné existe sur un grand boulevard : «Guerino» et est classé 5 étoiles et plusieurs autres encore. Quatre jours par semaine, un marché bien fourni avec du poisson acheminé directement par camionnette du port de Boulogne situé à environ deux heures de route. On y trouve aussi plein d autres choses : de magnifiques fleurs et plantes diverses, de la charcuterie,du fromage, des fruits, des vêtements Cinq églises accueillent les marcquois, des plus modernes à «Saint Vincent» dans le Bourg, ma paroisse, qui date du 16 ème siècle avec deux tableaux de Pharaon de Winter : «les saintes femmes au tombeau» et «l adoration des bergers». On trouve aussi un peu à l écart, un grand collège privé, avec sa chapelle privée, classée, le collége de marcq qui existe depuis d innombrables années, qui est un peu une petite ville dans la ville et admet les collégiens de 11 ans jusqu au lycée pour préparer au baccalauréat On note également le lycée publique dénommé Collège et Lycée Kernanec puis le collège des rouges barres et de nombreuses autres écoles primaires, sans oublier une école internationale. Egalement l école Kienz (anciennement école d'hôtesse) Cet établissement propose 4 filières de formations : commerce/gestion, métiers du service, carrières paramédicales et sociales, carrières artistiques. Ou encore, le Lycée Professionnel Automobile Alfred Mongy Quand on prend le temps de se promener, on rencontre encore de vieilles fermes et des petits chemins, deux golfs, un club de rugby, de football, une magnifique piscine et surtout l hippodrome,30 hectares de verdure,attraction de «Marcq en Baroeul» où l on vient souvent de Belgique, pays tout proche, pour assister aux courses hippiques. Un magnifique restaurant panoramique et plusieurs salles de réunion achèvent de clore ce superbe espace. 6

7 S il fait froid, un cinéma : «le colisée lumière» vous accueille avec une salle équipée de 226 fauteuils avec grand écran de 60 m², son Dolby Stéréo Digital et d'une boucle magnétique pour malentendants : cette salle est désormais équipée d un projecteur numérique et du système 3D Vous verrez, vous ne regretterez pas de venir visiter Marcq en baroeul où il fait bon vivre.dans le cadre du développement durable, les abeilles y font même leur miel et vous pourrez le goûter.. A bientôt. Brigitte Haegeli Vi aspettiamo a Marcq en baroeul E' avvenuta casualmente la mia scoperta di Marcq en baroeul, cercandovi un appartamento per un'amica, quando ero più giovane. Ora ci viviamo da parecchi anni. Anche se non è la mia città natale, conosco piuttosto bene questa grande città con abitanti e 1404 ettari di superficie, che vado a presentarvi. Attraversata dal fiume Marcq, unisce I vantaggi della città con quelli della campagna e dei campi... La strada principale è l'avenue Foch che conduce al piccolo hub del Bourg au Croisé Laroche. Il mongi (il tram) passa ogni 5 minuti ed unisce Marcq alla metropoli di Lille, poi a Roubaix e Tourcoing, altre due importanti città dove si sono sviluppate grandi industrie tessili. Questa strada molto lunga è contornata dacentinaia di ciliegi, hotel e belle case della borghesia locale. In primavera, durante la fioritura, la tinta dominante è il rosa. E' uno spettacolo e talvolta, quando tira vento, il sole viene oscurato da un tappeto di petali. Nel Medio Evo, il comune faceva parte del territorio di caccia dei re carolingi. 7

8 Lungo il viale vi è il palazzo del comune, magnificamente decorato sotto Natale, con molte luci blu che scintillano tra le fronde degli alberi e immagini fiabesche che abbracciano la piazza. Vediamo molti piccoli negozi di una volta, più tradizionali e più costosi, ma anche i grandi magazzini ed un Chronodrive dove è possibile ritirare la merce ordinata tramite internet. Ci sono molti ristorante, da molto intimi ed assai costosi fino ai più economici, appartenenti a catene come La courte paille, McDonald o Quick. E' stato aperto in tempi molto recenti, con grande piacere della popolazione, un enorme ristorante italiano: Il Ristorante. Un altro, raffinato, Guerino è su un grande viale ed è classificato a cinque stelle, e molti altri ancora. Quattro giorni alla settimana si tiene il mercato, ricco di pesce proveniente dal porto di Boulogne, a circa due ore di strada. Al mercato si trovano anche molte altre cose: fiori e piante meravigliosi, carni, formaggi, frutta, vestiti... Cinque chiese accolgono la popolazione, dalla più moderne alla mia parrocchia, San Vincenzo situata in centro, costruita nel XVI secolo e con due dipinti di Pharaon de Winter: Le pie donne al sepolcro e!l'adorazione dei pastori. Vi è anche, un pò più lontano, un grande collegio privato che esiste da innumerevoli anni, che è un pò una città nella città ed ammette collegiali da 11 anni fino al liceo ed al diploma. E' presente anche un liceo pubblico, il College et Lycéè Kernanec, un altro collegio, diverse altre scuole primarie ed anche una scuola internazionale. La scuola Kienz propone quattro tipologie di percorsi: studi aziendali, servizi alle imprese, servizi sociali e carriera artistica. O ancora, il liceo professionale Alfred Mongy. Passeggiando si possono notare vecchie finestri e piccoli camini, due campi da golf, uno da rugby, un campo di calcio, una spendida piscina e soprattutto l'ippodromo, 30 ettari di verde, 8

9 attrazione di Marcq en Baroeul dove spesso molte persone vengono dal Belgio, a poca distanza, per assistere a concorsi ippici. In questa struttura si trovano anche un bellissimo ristorante panoramico e molte sale riunioni. Nelle giornate fredde vi attende il cinema Colosseo, con la sua sala da 226 posti ed il grande schermo da 60 metri quadrati, il Dolby Stereo e una spira magnetica per i non udenti: vi sono anche un proiettore digitale e il sistema 3D. Non vi pentirete di visitare Marcq en Baroeul, un paese dove si vive bene. Nel contesto dello sviluppo sostenibile, le api producono miele che potrete gustare. A presto. Brigitte Haegeli. (traduzione di Fabio Sardi) 9

10 Notte in città S addormenta la città, tutto cade nel silenzio, solo il cuore mai riposa. Pensieri intermittenti scivolano lungo il rivolo della mente come auto sfreccianti sulle strade asfaltate. Seguono la rotta dei sogni, tra case, ponti e viali, correndo corse di magia per inseguire la vita. Paola Carroli Calcagno 10

11 A un amica speciale (che ha spiccato il volo) Oggi il lungomare pare il disegno di un bambino e una bici arrugginita giace come abbandonata al poema dei ricordi, quando pennellate di luce catturavano la tua vita. Ora accarezzo le ruote ormai sgonfie sulla strada, mentre passano i viandanti incuranti della sorte. La tua giocosa libertà ha trovato un nuovo cielo sopra tinte già sbiadite. Paola Carroli Calcagno 11

12 Suggestioni d oriente tra i caruggi È questo il breve resoconto di un giro, una passeggiata, in centro città. Ai tempi in cui dalla periferia si partiva dicendo di andare a Genova come fosse davvero un'altra località o un altra dimensione: di certo quella più vissuta e frequentata, fervida di operose attività, piena di negozi ed emblematici personaggi. Alcuni giovani amici, picari moderni, si addentrano nel centro storico sopraffatti dalle sensazioni di un luogo pittoresco, non esitando a intercalare oggettive osservazioni all imprevedibilità dell immaginario. È tuttavia un tuffo nella fantasia di ragazzi recalcitranti e schivi, coloro che tutto volevano sapere ma assai rigettavano, per distorcere la realtà, prendere a schiaffi la consuetudine quotidiana, assurgendo a eroi, talora di fumetti o narrazioni lontane: i miti tramandati da popolari virtù. Si accendono nelle loro menti le percezioni o manifestazioni vivaci, gli spunti che danno origine a un immediata presa di coscienza di mirabili partecipazioni: quel che era e resterà sempre nella loro memoria. Una volta arrivati, come automi generati dal ventre di una macchina, calarono a terra tra un nugolo di persone che andava disperdendosi in tutte le direzioni. La solidità del substrato su cui poggiarono i piedi, li riportò rapidamente alla concretezza del mondo reale, risvegliando la loro sopita coscienza riacquistarono l immancabile volontà di reazione. Compirono speditamente un breve tratto di strada prima di infilarsi negli stretti vicoli del centro storico che degradava coi suoi meandri verso il porto mercantile. Era come penetrare in un labirinto, tanto erano anguste le vie e contorte, sia per le continue diramazioni che per gli innumerevoli accessi a case e negozi. A piano terra era tutto un susseguirsi di vetrine, zeppe di articoli in esposizione, che la gente valutava e confrontava 12

13 soffermandosi a guardare. Ai piani rialzati, gli appartamenti si fronteggiavano con piccole finestre che si affacciavano direttamente sulle case a dirimpetto, quasi da potersi catapultare da una parte all altra o perlomeno scambiare oggetti di comune utilità. Un brulichio di passanti, assidui residenti od occasionali frequentatori, si disponeva in piccole file indiane procedendo a gruppi, ipotetici convogli umani. La luce solare non penetrava facilmente tra gli alti palazzi, così che la strada pareva illuminata da un tenue chiarore che smorzava e uniformava le tinte, batteva sulle ardesie slavate, i marmi porosi, gli intonaci scalcinati, i lastricati consunti. Se la luce era monotona, l aria era intrisa di vividi odori, penetranti sensazioni che avvolgevano al passaggio a seconda dei generi in vendita. Sanguinolente carni, piumosi pollami, sapidi caci, salacche in conserva, fermentati frutti, fragranti dolciumi, farinosi macinati, diventavano alla successiva traversa resinosi legnami, aulenti cere e vernici, poi acri tinture di panni e di stoffe o macerate carte impregnate di colla, pungenti inchiostri di stampa, fino a medicamentosi preparati galenici, alcolici disinfettanti o, girando l angolo, profumati saponi, perborati sbiancanti, clorati igienizzanti. Un opulenta casba, coi suoi mercanti e i suoi compratori, coi tesori riposti della munifica tradizione popolare, architettura arcaica come i modi dei suoi abitanti, imprigionava la fantasia dei tre giovani amici cadenzandone i pensieri. Le mille e una notte in un mercato d oriente. Atmosfera tardo medievale, un po' arabeggiante. Ogni genere di oggetto vi si poteva trovare, insignificante all apparenza ma dotato di strane virtù. Prova a strofinare e vedrai che succede. Lampade delle meraviglie o tappeti volanti. A volte basta una parola magica, imparala a memoria se vuoi svicolare, sparire in un antro o nasconderti dietro un prodigio. 13

14 Enigmatici personaggi dall incedere sospetto, apparivano e sparivano, vivevano d inganni, trabocchetti e intrighi. Visir, pascià o sultani che fossero, con le loro scimitarre e i loro turbanti. Moralmente distanti da noi, potevano infliggere i più a- troci supplizi. Disponevano del destino degli esseri ridotti in schiavitù. Fu solo narrando storie fantastiche che una donna ebbe salva la vita. Sherazade e le altre, ancelle moderne del mercimonio carnale, esibivano le loro grazie sulle soglie di un celato mistero, antica professione nel mondo. Né di piume o sete pregiate era l alcova, ma di semplici stracci. In un buio stanzino, testimone d umane passioni, tra gemiti e sospiri nell oblio del momento, si consumava l ambiguo connubio, surrogato d amore. Marco Marzagalli 14

15 La mia città. La mia casa. Londra, Ontario, Canada. (di Jenny H Thornton Woodley) Essendo cresciuta nel Manitoba rurale e nell'area mineraria del Nord Ontario, non avevo idea di cosa fosse una città. Ero stata talvolta per qualche visita a Winnipeg e persino alcuni giorni a Toronto per andare a trovare amici o familiari, ma in quelle occasioni ciò che veramente importava erano le persone da visitare. La visita di quei posti non interessava I miei genitori, quindi siedevamo in casa o nei giardini degli amici, mangiavamo bene e ci divertivamo, il tutto senza esplorare I dintorni. Quando mio fratello tornò a casa dopo un periodo da militare in Germania e fu inviato a Londra, non avevo nozioni relative a quel posto. Vi feci la mia prima visita durante un weekend quando nacque mio nipote, dopo tredici ore di guida per arrivare, vi sono rimasta due giorni prima di ripartire verso casa. Anche in quell'occasione tutto ciò che vidi furono l'appartamento di mio fratello e l'ospedale dove passammo la maggior parte del tempo ad ammirare il nuovo membro della famiglia. Ho visto il Tamigi lungo la strada e ne ebbi una visuale anche migliore dalla stanza dell'ospedale e ricordo di aver pensato che non fosse quel granché: avevo visto fiumi più grandi e più impetuosi al Nord, e le sue rive non apparivano particolarmente invitanti. Non vi erano grandi rocce sulle quali sedersi bagnando I piedi in acqua e neppure spiagge sabbiose dove sedersi cullati dal sole che riscaldava l'aria. Era qualcosa che non avevo mai sperimentato prima. L'aria calda, afosa dell'ontario del Sud in luglio, e ritenevo che non avrei ripetuto l'esperienza. Sentivo il mio corpo sciogliersi. In quei momenti fremevo da voglia di tornare al nord, dove l'aria era frescia e rinvigorente anche in estate, e non esisteva l'inquinamento dovuto alle industrie o al traffico. Odiavo quell'odore e continuo ad associarlo con un qualcosa che voglio evitare ad ogni costo delle città. E' 15

16 uno dei lati negativi della vita in città e vi sono poi venuta a patti. Mentre sedevo in sala d'attesa, qualcosa attirò il mio sguardo: un libricino sulla storia di Londra. Ero piuttosto certa di ricordare che il nome fosse copiato dalla Londra inglese, e così anche l'idea di chiamarne il fiume Tamigi, e nella mia mente vaghi ricordi dell'importanza del Tamigi originale nella storia inglese. Il fiume che vedevo dalla finestra dell'ospedale non pareva avere molto in comune con la controparte inglese, e io decisi di sfogliare il libro. Non avevo di meglio da fare nell'attesa, mentre I miei genitori facevano le loro sceneggiate di fronte al nuovo nipotino; avevo già avuto la mia parte nell'ammirare il pargolo, ma dopo due giorni spesi così necessitavo di un pò di distrazione e cominciai a leggere. La storia si rivelò eccitante. C'era un museo nei sobborghi, sulle rive del fiume chiamato Eldon House dove uno dei primi governatori dell'ontario aveva vissuto con la famiglia, ed era nella stesse condizioni degli anni sessanta dell'ottocento. Questo mi incuriosiva e decisi che avrei voluto visitarlo. Lessi che il fiume era stata la principale via di trasporto per molti anni e che vi erano numerose barche in circolazione ancora a metà del novecento. Londra era costruita alla foce del fiume e di conseguenza era una città fiorita sul commercio. Continuai la lettura conoscendo la storia e le scoperte locali e fui sorpresa nell'apprendere che l'inventore dell'insulina, Sir Frederick Banting era nato a Londra, Ontario, e vi era ancora la casa dove aveva vissuto e compiuto I suoi studi e si progettava l'apertura di un museo in suo onore. Questo mi interessava molto poiché mio padre era malato di diabete e l'insuilina serviva a mantenerlo in vita. Scoprii che Londra aveva, ed ha tuttora, un'importante clinica universitaria conosciuta nel mondo e c'era in progetto di aumentarne le dimensioni, cosicchè nuovi dottori,infermieri e 16

17 tecnici potessero giungere da altre nazioni per studiare medicina. L'Università dell'ontario Orientale era noto da molti anni per la qualità degli studi e dei programmi e poteva ancora migliorare in futuro. Iniziavo ad essere impressionata da quella città che mio fratello ora definiva casa e devo ammettere che al termine del weekend ero triste all'idea di partire senza aver visitato alcune delle cose delle quali avevo letto. Mi ripromisi di tornare per vederle. L'opportunità sarebbe giunta di lì a un anno. Mio fratello era stato mandato a Cipro per 9 mesi e sua moglie era sola in terra straniera. Lei era una giovane tedesca, con due figli piccoli dei quali occuparsi; quindi venne l'idea che io potessi andare a vivere con lei e I bambini e terminare il mio percorso scolastico a Londra. Ero entusiasta all'idea, piena di fiducia ed impavida al pensiero dei cambiamenti; se avessi saputo come sarebbero andate le cose, probabilmente non avrei riempito le mie due valigie per trasferirmi nel piccolo appartamento dovrei avrei condiviso la stanza con I bambini. Mi sembrava una grande avventura, fino al giorno in cui cominciò la scuola. Arrivavo da un paese dove tutti conoscevano tutti; le superiori avevano 200 studenti o poco più, 8 classi ed una palestra che serviva anche da aula studio, sala delle assemblee e qualsiasi altra attività per più di 50 persone. Tornavamo a casa per pranzo e partecipavamo ad attività ed eventi sportivi come un unico gruppo compatto. Immaginate il mio shock alla scoperta di ritrovarmi in un palazzo a tre piani con oltre 25 classi, più di 1200 studenti, 2 palestre, 2 sale per assemblee e 2 caffetterie dove ci si aspettava che mangiassimo a pranzo. Alcuni studenti si portavano il pasto da casa, ma la maggior parte lo compravano nella caffetteria gestita da signore. Mi sembrava incredibile che potessimo comprare un pasto a scuola e il mio piatto preferito erano sempre le patatine fritte. Tutto ciò dopo che mi adat- 17

18 tai e feci qualche amicizia, inizialmente stavo seduta in disparte a mangiare il mio panino e pregando di tornare al nord. Ero molto sola e tutto sembrava così assurdo, e le altre ragazze mi guardavano come se fossi un'aliena. Facevano le domande più stupide, come: Al Nord vivete negli igloo e guidate le slitte trainate dai cani?. Ritenevo una perdita di tempo spiegare loro che anche da noi c'erano le automobili, delle case e persino la televisione. Aspettavo solo, ogni giorno, che l'orario di scuola finisse. La mia paura più grande era andare sugli autobus, certa che mi sarei persa, ed una volta accadde davvero, quindi quando potevo andavo sempre a piedi, anche impiegando ore rispetto ai minuti che ci sarebbero voluti con l'autobus. Camminando imparai molto della città, vidi delle belle vecchie case e dei giardini curati da molte persone nel corso degli anni, vedevano piccoli sentieri che conducevano a posticini nascosti in riva al fiume dove le giovani coppie si appartavano e cervi nel bosco. In città c'erano cervi, procioni e scoiattoli. Penso che sia stato allora che è nato il mio amore per quei piccoli mangiatori di noccioline, a Victoria Park sedevano accanto a me sulla panchina o di mettevano ai miei piedi chiedendo cibo. Da allora porto sempre delle noccioline e del pane per oche ed anatre nel fiume. Erano I miei momenti più felici. Ho visto anche I musei e scoperto Springbank Park dove c'era un bel posto chiamato Storybook Gardens. Vi erano animali e si potevano ascoltare molte ninne nanne di chi vi portava I bambini. Era un posto fantastico per portarvi I nipotini e passarci la giornata, con I tavoli da picnic, il trenino e la giostra. Fare amicizia era molto più difficile che al Nord, ciascuno era interessato ad essere al centro dell'attenzione. Le ragazze dovevano essere all'ultima moda coi vestiti e le acconciature, dovevano truccarsi e passare giornate nei centri commerciali, cose 18

19 per me senza senso, quindi me ne stavo da sola, con l'eccezione di due ragazze che mi presero sotto la loro ala e cercarono di inserirmi nel sistema. Per quanto apprezzassi I loro sforzi, quello non era il mio mondo, quindi di solito passavo I fine settimana con mia cognata, ed I militari amici di mio fratello, che era molto amichevoli e protettivi nei miei confronti. I miei genitori ne erano sicuramente entusiasti, io non sempre. Ma mi facevano compagnia e le feste militari erano occasione di gioia e svago. La base di Londra era grande ed importante negli anni sessanta. A scuola andavo bene, ma dopo due anni ero felicissima di tornare al Nord. O così credevo. Scoprii che mi mancavano la città e gli amici che mi ero fatta, il tempo caldo e persino l'afa estiva. Mi mancavano gli animali e I parchi, ma soprattutto I nipotini. Li avevo praticamente tirati su io e la vita senza di loro appariva monotona. Quando ebbi l'opportunità di tornare, accettai subito e vivo a Londra da allora, tranne un breve ritorno al Nord durato circa un anno. La clinica universitaria è stata ingrandita, il museo di Banting aperto e la Eldon House è ancora un posto bellissimo per stare nel passato per qualche ora. L'Università ha avuto un boom ed ospita studenti da tutto il mondo, I parchi ed I fiumi sono sotto osservazione con l'obiettivo di curarli e preservarli al meglio per le future generazioni. La base militare c'è ancora ma con un piccolo organico e nulla resta dei giorni di gloria, almeno per me e la mia famiglia, c'è un piccolo museo poco frequentato, ma almeno l'esercito c'è ancora ed anche una piccola accademia. La mia vecchia scuola è ora una scuola per adulti che cercano di finire il loro percorso scolastico e con un asilo nido dove I genitori possono lasciare I bambini. Purtroppo Storybook Gardens è mutato molto e non è più un posto piacevole dove portare I bambini, ma ho recentemente sentito che stanno pensando di farlo tornare alle origini. Spero proprio che lo facciano. 19

20 Ho cresciuto qui I miei figli e abbiamo scoperto nuovi posti da esplorare. Può essere una piccola città, ed anche noiosa per gli amanti delle metropoli come Toronto o Vancouver, ma è un posto fantastico e sicuro per metter su famiglia. La città è cresciuta e tristemente è cresciuto anche il crimine, ma c'è sempre la speranza che non diventi mai come le grandi città. Abbiamo un teatro, dei musei e siamo vicini a due grandi laghi. Huron e Erie. D'estate andiamo in spiaggia ed in autunno a comprare prodotti freschi dai contadini. La vita qui è bella, nonostante le molte fabbriche chiuse e la perdita di posti di lavoro, e mi piace dare il benvenuto ai nuovi arrivati. Cerco di farli sentire davvero benvenuti perchè ricordo ancora quando mi sentivo sola e sperduta nella nuova città. Amo I miei scoiattoli e gli altri animali e ricordo la grande gioia che mi hanno dato e amo I parchi naturali che mi fanno sentire come a casa. La mia prima casa resta sempre il Nord, ma Londra è per me una fantastica seconda casa per me e non vorrei vivere in alcun altro posto. Talvolta scopriamo noi stessi quando veniamo posti in situazioni nuove, ed è meraviglioso scoprire che casa è dove è il proprio cuore, e siccome nel mio cuore ci sono I miei figli ed I nipoti che vivono a Londra, questa è casa. 20

21 Zena (di Fabio SARDI) Genova è la mia città; l'ho sempre amata e come molti dei locali, sono fiero di esser genovese. Zena, superba nei secoli passati ed ancora bella in tempi non troppo distanti, che possono comunque essere ricordati da persone ancora in vita. Genova, ai tempi delizia dei sensi, di magiche visioni, dolci suoni, odori inebrianti. Genova con gli occhi che spaziando nel panorama vedono il mare, gli spruzzi delle onde che si frangono contro gli scogli, il verde dei boschi sulle colline alle spalle della città, il tramonto rosso fuoco del sole sul mare alla sera. Genova con le sue belle chiese ed abbazie, con Santa Maria delle Vigne, Santo Stefano, San Siro, gioielli meno appariscenti rispetto alla grandiosità della cattedrale, ma ancor più belli ai miei occhi. Il suono della lingua genovese, che immediatamente identificava il parlante come indigeno, il suono delle sirene delle navi che attraccavano in porto, il suono del vento che fischia, ulula, ti penetra nelle ossa. L odore del pane fresco, della focaccia e della farinata uscite dai forni dei panifici, l odore di salino che si avverte passeggiando in riva al mare, l odore del pesce portato sulla spiaggia dalle barche dei pescatori, che ancor si muove non volendosi rassegnare al suo destino, l odore dell erba bagnata sui prati in campagna, subito dopo un acquazzone. Genova e le colline attorno e dentro la città, conforto e protezione. La cinta dei forti a proteggerla, mute sentinelle in posizione, ad ammirare il panorama a valle, nell attesa di eventuali invasori da cacciare a forza dal proprio territorio. Genova magnifica, ma ritrosa a mostrarsi: in quanto superba, rifiuta le sue bellezze a chi non faccia almeno un po' di fatica a scoprirle. La bellezza spesso nascosta nei cortili interni delle vecchie case, in fregi di palazzi nei caruggi o edicole votive 21

22 sparse nel centro storico, che richiedono un andamento calmo e un'osservazione di ciò che sta in alto, anziché correre come turisti frettolosi. Genova verticale, che si mostra in maniera piena a chi la giri con calma e ne scali a piedi le antiche ed uniche creuze od utilizzi la funicolare, la cremagliera ed i pubblici a- scensori. Genova bellissima e un po' scontrosa, proprio come i genovesi veri. Genova che ha dato i natali a grandi personaggi della storia. Tanti geni nel proprio campo. In un imparziale ordine alfabetico, voglio ricordare Cristoforo Colombo, Andrea Doria, Eugenio Montale e Niccolò Paganini. Ma come appare Genova oggi? Gli occhi si tengono bassi perché camminando per strada bisogna fare lo slalom fra le deiezioni canine. Se poi si ha l idea di alzarli ci si trova di fronte a palazzi ricoperti da graffiti di mentecatti o da un delirante susseguirsi di parole a casaccio in rima baciata. I suoni che permeano la giornata sono il rumore assordante del traffico, il suono del clacson se non si è più che pronti appena scatta il semaforo verde, ed a volte pressato con insistenza da alcuni quasi fosse un rimedio magico per dissolvere le lunghe code. Si sale sull autobus ed in molti urlano i fatti propri nei cellulari, forse pensando che l'interlocutore, fisicamente distante, possa udirli meglio, o forse soltanto vittime di un'educazione fatta da televisione urlata e personaggi tanto famosi quanto beceri. Non capita di ascoltare qualcuno che parli genovese, ma giorno dopo giorno sparisce anche l'italiano corretto, vittima di una scuola che insegna la più semplice lingua inglese, dimenticandosi del glorioso e ben più arduo italico idioma, con il congiuntivo come prima vittima da ormai remoti tempi lontani. Camminando per strada si avverte l odore dello smog. Avvicinandosi al mare, in certe zone, miasmi immondi provocati da depuratori di dubbia funzionalità. 22

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Introduzione... 7 Ti lascio una ricetta... 9 Ottobre... 13 Novembre... 51 Dicembre... 89 Gennaio...127 Febbraio...167 Marzo... 203 Aprile... 241

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Art. della rivista MODUS Roche

Art. della rivista MODUS Roche 15 Art. della rivista MODUS Roche 16 17 Turisti per caso Vacanze in crociera di J.S. 18 Non sono stata mai sulla nave in un viaggio lungo, ma conoscere posti come Dubai, Il Cairo, Muskat, Sharm el-sheikh

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo bambini

Livello CILS A1 Modulo bambini Livello CILS A1 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com BASIC QUESTIONS 200 Opportunities to Discover ITALIAN Basic Questions Italian INDICE 1. SEI CAPACE DI?...3 2. TI PIACE?...4 3. COME?...5 4. QUANDO?...6 5. CHE?...7 6. COSA?...8 7. QUALE?...9 8. QUANTO?...10

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3)

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) 1. Completa il testo con gli articoli e le desinenze dei nomi e degli aggettivi. Le tendenze alimentari italiane. Quali sono le mode alimentari

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12. E pace in terra raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.2007 INTRODUZIONE Il lavoro è stato svolto all interno di tre classi

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di febbraio 2015 Una notizia importante

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di febbraio 2015 Una notizia importante Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere A modo mio Le notizie più importanti di febbraio 2015 Una notizia importante Le nuove etichette sui cibi e sulle bevande Sui cibi e sulle bevande

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

LA MIA CASA LIVELLO 3

LA MIA CASA LIVELLO 3 LA MIA CASA LIVELLO 3 Education Department Italian Consulate in London 1 Osserva le vignette. Poi ascolta. Leggi la descrizione e riconosci la casa di Luca fra i 4 disegni. Nel mio appartamento ci sono

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

Gino Paoli La gatta. Invece chi non poteva permettersi un'auto, girava in Vespa, mezzo di trasporto molto amato soprattutto dai giovani.

Gino Paoli La gatta. Invece chi non poteva permettersi un'auto, girava in Vespa, mezzo di trasporto molto amato soprattutto dai giovani. Gino Paoli La gatta Contenuti: lessico, imperfetto indicativo e presente indicativo. Livello QCER: B1 Tempo: 45 minuti L'Italia negli anni '60 vive un vero e proprio boom economico. C'è uno sviluppo delle

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena. Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla

Dettagli

L ambiente in cui vivi

L ambiente in cui vivi L ambiente in cui vivi 1. Cosa vorresti fare da grande? (indica per esteso il lavoro che ti piacerebbe fare) 2. Potendo scegliere, cosa ti piacerebbe diventare? (1 sola risposta) Un divo televisivo o del

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto.

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto. Poesia per le mamme Questo è per le madri che stanno alzate tutta la notte tenendo in braccio i loro bambini ammalati dicendo "è tutto a posto tesoro, la mamma è qui con te". Per quelle che stanno per

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli