VADEMECUM REFERENTI INTEGRITY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM REFERENTI INTEGRITY"

Transcript

1 VADEMECUM REFERENTI INTEGRITY

2 Premesse La lotta alla contraffazione è difficile e spietata, combattuta contro organizzazioni criminali aggressive, pericolose, dotate di risorse finanziarie consistenti e facilitate da un assenza di coordinamento della lotta e della legislazione tra i paesi (ciò rafforza il merito e l abnegazione delle forze di contrasto). La lotta alle frodi nelle scommesse sportive è una scelta prioritaria per la Lega Pro. Siamo impegnati in un opera di contrasto nella quale spendiamo risorse umane, intelligenza e risorse finanziarie. L azione d attacco ha il suo epicentro in Asia e ha sviluppato un livello assoluto d innovazione tecnologica e di utilizzo della rete informatica.

3 Il Fenomeno criminalità E cambiato radicalmente rispetto al passato, i suoi confini non sono più nazionali bensì mondiali. Singapore: sede principale dei membri dell organizzazione criminale che trucca partite di calcio in tutto il mondo, anche di Champions League e di qualificazione ai Mondiali. Le bande criminali usano il massimo della tecnologia informatica disponibile sul mercato Il radicamento territoriale è molto strutturato. É costituito, sul territorio, da una rete criminale governata con un nucleo di direzione (slavi, ungheresi, croati, ecc.)

4 Il Giro d Affari A 750 miliardi di euro ammonta il giro d'affari derivante dalle scommesse sportive, pari a quanto le bande criminali ricavano dal traffico di stupefacenti Per rendere meglio l idea delle somme che girano intorno a questo fenomeno, basti pensare che i due bookmakers più grandi in Asia hanno un fatturato pari a quello della Coca Cola

5 Una nuova criminalità Perché le bande organizzate spostano o allargano il loro giro d affari alla contraffazione di gare sportive? 1. Giro d affari di pari portata al mercato degli stupefacenti e della droga 2. Pene meno severe rispetto ai reati per traffico e commercio di stupefacenti 3. Legislazione profondamente diversa da Paese a Paese, spesso ciò che è illegale in un Paese non lo è in quello vicino (es. Italia e Svizzera) 4. Difficoltà (escluso per l INTERPOL che svolge una forte e decisiva azione di contrasto) nel coordinare le azioni tra i governi, magistratura, e istituzioni sportive contro le bande criminali che hanno un raggio di intervento sull intero pianeta.

6 Gli Sport colpiti CALCIO: - 42 Paesi dell UE - Africa - Asia - America Latina Cricket Tennis Pugilato/Wrestling Sumo Pallamano

7 Le Organizzazioni criminali Sono sempre più spietate Si avvicinano ai calciatori/arbitri, con modalità semplici (esempio in un bar, al campo di allenamento, chi ha bisogno di aiuto amico/vecchio calciatore) facendo emergere una loro propensione a risolvere i problemi di chi è in difficoltà economica Iniziano da richieste piccole (es: garantire il primo fallo laterale o la prima punizione della partita) un episodio che non influisce sul risultato sportivo e prospettano l idea di poter guadagnare facilmente, subito e senza rischi. Successivamente passano a richieste più grandi (sbagliare un goal o prenderne nel caso di difensori e/o portieri, ecc.) Con le nuove tecnologie si filmano o fotografano i pagamenti e chi è entrato nella rete non ha più la forza di uscirne Ricatto e violenza sono le armi per condizionare se non si collabora più con le organizzazioni criminali Non si esce più dal giro e si cade in reati sempre più gravi

8 Su cosa si scommette? SU TUTTO!!! Ormai su un incontro di calcio è possibile scommettere su qualsiasi cosa: sul numero dei falli laterali, quale squadre otterrà il primo calcio d angolo, chi commetterà il primo fallo, il numero dei cartelli (gialli o rossi) se e quanti rigori saranno concessi, chi segnerà per primo, chi avrà il maggior possesso palla..e centinaia di altre possibili varianti. Il risultato è che una singola partita di calcio può essere suddivisa in circa 400 eventi quotabili

9 Su cosa si scommette? L introduzione dell OVER è stato un dato dirompente: Si scommette sul fatto che nella partita possano essere segnate più di un certo numero di reti. Cosa è cambiato? La partita poteva finire regolarmente ad esempio con la manipolazione termina 2-2 o 3-3 oppure terminare 1-0 -con la manipolazione termina 3-1 o 3-2 Il calciatore coinvolto nella combine, nei verbali degli interrogatori si chiede Cosa ho fatto? La partita è comunque terminata in pareggio oppure la partita è comunque stata vinta dalla stessa squadra L OVER è stato quindi un mezzo che ha determinato un disastro nella percezione valoriale e c è voluto del tempo per far comprendere che il reato c era ed era solo l inizio di un percorso senza ritorno

10 La Lega a Ginevra Nel mese di marzo la Lega ha presenziato all'iniziativa contro la discriminazione razziale presso la Sede dell'onu a Ginevra. La presenza all'onu conferma la volontà' della Lega di avere i valori nel DNA e di non attenuare la lotta in ogni zona di sofferenza morale, culturale e fisica. Perché la scelta di Ginevra? - L'Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra affianca quello di New York quale seconda sede principale dell'onu. Il complesso di edifici chiamato Palazzo delle Nazioni ospita tra l'altro il Consiglio dei Diritti dell'uomo dell'onu, nonché l'alto Commissariato dell'onu per i Diritti Umani. - Il 6 gennaio del 1920, su iniziativa del Comitato Internazionale della Croce Rossa, venne fondata a Ginevra l «Unione internazionale per il soccorso all'infanzia», che adottò la Dichiarazione dei diritti dell'infanzia. - Ginevra è sede di molti eventi mondiali legati allo sport e alle tecnologie.

11 L obiettivo: RISULTATI garantire DELLA LOTTA un futuro ALLA CONTRAFFAZIONE Il calcio deve tornare ad essere fondamentalmente lo sport che fa gioire. Il gioco che tanto amano i bambini. Il match fixing fa sì che i sogni dei bambini svaniscano mostrando la peggiore realtà degli adulti: la criminalità. La Convenzione sui Diritti dell Infanzia statuisce proprio ciò all art. 31: Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età. IL NOSTRO SLOGAN È PROPRIO: GIOCARE CON GIOIA RIPORTIAMO IL SORRISO AI BAMBINI Il match fixing lede il diritto al gioco e alla felicità delle bambine e dei bambini. L azione messa in campo dalla Lega Pro ha lo scopo di difendere e preservare tale diritto per l oggi e il domani. 11

12 Il ruolo della Lega Pro La Lega Pro fa della lotta alla contraffazione delle scommesse sportive, della lotta al doping e a ogni pratica illecita UNA SCELTA PRIORITARIA Noi vogliamo continuare a garantire la felicità ai bambini preservando il gioco del calcio dalle bande criminali e lo facciamo utilizzando il massimo della tecnologia a nostra disposizione

13 La nostra risposta Partnership con Sportradar: agenzia leader a livello mondiale nella lotta al frauding e al monitoraggio dei dati Valori: Innalzamento della barriera valoriale con l adozione del Codice Etico e la creazione del Comitato Etico Integrity Office: Istituzionalizzazione di un ufficio dedicato al monitoraggio, formazione, educazione e prevenzione

14 Il progetto Integrity Tour L Integrity Tour è un progetto itinerante ideato e promosso dalla Lega Pro finalizzato ad informare i club del fenomeno delle frodi legate alle scommesse sportive ed a svolgere un'attenta attività di educazione e prevenzione. Durante gli workshops formativi, svolti nelle sedi delle singole società di Lega, vengono spiegate le modalità di azione dei manipolatori, alcuni possibili tentativi di approccio di entrare con i tesserati, le tipologie di sanzioni sportive e penali previste e le modalità di denuncia. Gli incontri sono rivolti a diversi interlocutori, fra cui presidenti dei Club, dirigenti, giocatori della prima squadra e dei settori giovanili, tecnici, delegati della Lega Pro e arbitri della Can Pro. Il Tour, iniziato nella stagione insieme al partner tecnologico Sportradar, ha visto nella stagione l ingresso di ICS (Istituto Credito Sportivo) come Integrity Partner

15 Lega Pro e ICS La comunanza d intenti dell ICS con la Lega Pro ha avuto ulteriore conferma con la decisione, da parte dell Istituto, di diventare Integrity Partner della Lega, affiancando da vicino l opera di prevenzione, formazione e informazione che la Lega svolge presso tutte le società di Lega Pro.

16 Attività Integrity svolte - Prevenzione, Formazione, Educazione con dirigenti, arbitri, calciatori, è la strada maestra per fornire a tutti i tesserati gli strumenti di conoscenza del fenomeno e per spingerli ad un azione attiva. - Nella stagione 2010/11 è stato siglato un accordo con Sportradar, agenzia specializzata nella lotta ai fenomeni della contraffazione sulle scommesse sportive. È così assicurato il monitoraggio di tutte le partite di Lega Pro. - Ogni partita dei campionati di Lega Pro e di Coppa Italia è monitorata e Sportradar segnala ogni anomalia nei flussi delle giocate in qualsiasi parte del mondo dovesse verificarsi.

17 Sportradar Agenzia leader nella lotta al match-fixing e al monitoraggio dei dati I servizi di sicurezza offerti sono un sistema di rilevamento attivo 24 ore su 24 e un attività costante per la prevenzione delle frode sportiva

18 Il sistema di rilevazione e trasmissione dati FLUSSO DI INFORMAZIONI durante il campionato: 18

19 Interazione con le forze di contrasto INTERPOL, FIFA, GISS, UISS e UEFA: continuerà il rapporto di collaborazione mediante l interscambio informativo CODICE ETICO: per la prima volta diviene obbligatoria la sua sottoscrizione al momento delle iscrizioni al campionato. Tutti i tesserati dovranno sottoscriverlo. SPORTRADAR: prosegue l accordo per monitorare tutte le partite di Lega Pro (FDS) e con le attività di prevenzione (FPS)

20 L Azione della LEGA PRO Essere il canale di trasmissione degli alert tra Sportradar e le Forze di Contrasto PREVENZIONE, EDUCAZIONE E FORMAZIONE, è la strada maestra per fornire a tutti i tesserati gli strumenti di conoscenza del fenomeno e per spingerli ad un azione attiva di contrasto

21 L Integrity Office di Lega Pro COMPITI E FUNZIONI Monitoraggio di tutte le partite di Campionato e Coppa Italia di Lega Pro Accesso e utilizzo dello strumento FDS (Fraud Detection System) Interscambio informativo ed operativo costante con gli analisti di Sportradar ed i referenti integrity delle società Organizzazione workshop di prevenzione con arbitri, giocatori, società, dirigenti, settori giovanili di Lega Pro

22 Integrity Officers PECULIARITÀ DELL INTEGRITY OFFICE: Catena di comando semplice e diretta; risponde solo al Direttore Generale; Grande professionalità e formazione continua; Rapporti diretti con le autorità sportive e di pubblica sicurezza; Rapporti continui ed immediati con i club; Garanzia di riservatezza totale

23 Le azioni degli Integrity Officers A. Segnalazione di anomalie nei flussi delle giocate viene trasferita, immediatamente, alle unità dell UISS e del GISS del Ministero degli Interni in modo che le forze di contrasto svolgano tutte le attività che ritengono utili e necessarie; B. Redazione del Piano di FORMAZIONE-EDUCAZIONE-PREVENZIONE verso i calciatori (1^ squadra e settori giovanili), i dirigenti, i tecnici e gli arbitri affinché acquisiscano la dimensione del pericolo e, contemporaneamente, si approprino degli strumenti atti a comprendere e denunciare chi li dovesse avvicinare proponendo loro azioni che mirino all integrità del gioco del calcio; C. Forte radicamento territoriale che si esplicita attraverso l INTEGRITY TOUR, seminari e incontri in ogni città con tutti i club e anche alcuni Istituti scolastici, in modo da ampliare l area di consapevolezza dei rivali; D. Istituzione in ogni Club di un Referente nella lotta contro la contraffazione. Si è costituito un reticolo sul territorio nazionale capace di dialogare con il personale del proprio club, di farlo con la struttura centrale di Lega Pro ed anche capace di organizzare iniziative, corsi di formazione e/o informazione rivolti al territorio ove è insediato il proprio club di appartenenza.

24 RISULTATI DELLA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE Integrity Tour Stagione sportiva : 12 città/club tesserati - Stagione sportiva : 27 città/club tesserati - Stagione sportiva : 40 città/club tesserati L azione della Lega Pro è stata totale su tutto il territorio nazionale, con il coinvolgimento di: 79 città 79 club tesserati 24

25 Workshop - Giornata Tipo Ore Incontro con i calciatori e lo staff tecnico prima squadra e con i dirigenti della società Ore 14:30 Incontro con i calciatori e lo staff tecnico di tutte le squadre giovanili over 15

26 La Fotografia dell attività Cosa pensa l UEFA della nostra attività: "La Lega Pro non fa un buon lavoro, nemmeno ottimo, ma spettacolare sul fronte della lotta alle frodi sportive. L attività di educazione e prevenzione della Lega Pro è una best practice, un esempio da seguire anche a livello internazionale. E la prima anche nell'aver creato la figura dell'integrity Officer in ogni club. Graham Peaker (Direttore Integrity UEFA) 26

27 Lega Pro: un modello da seguire

28 INTEGRITY TOUR : I RITIRI INTEGRITY TOUR DURANTE I RITIRI PRE CAMPIONATO COMBATTIAMO LA MINACCIA DELLE MANIPOLAZIONE DELLE GARE AMICHEVOLI 29 luglio 2013: Gubbio - Primo Workshop GUBBIO CATANZARO BENEVENTO CASTEL RIGONE Generale Luigi Curatoli (Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale Polizia Criminale, Coordinatore del Gruppo Investigativo Scommesse Sportive G.I.S.S.) Francesco Ghirelli (Direttore Generale Lega Pro e Responsabile Integrity Office Lega Pro) Marcello Presilla (Integrity Sportradar) Emanuele Paolucci - Vittorio Angelaccio (Integrity Officers Lega Pro) 28

29 Referenti Integrity dei Club OBIETTIVO CREARE UN RETICOLO SUL TERRITORIO CAPACE DI: collaborare con l Integrity office della Lega Pro; segnalare i casi di pericolo; contribuire alla formazione dei giovani; lavorare per prevenire; avviare un forte rapporto con le forze di contrasto sul territorio; avviare attività di prevenzione negli istituti scolastici.

30 Referenti Integrity dei Club COMPITI REFERENTI INTEGRITY Coordinamento con l integrity office della Lega Pro in caso di necessità d intervento per il verificarsi di alert. Condivisione informazioni con l integrity office della Lega Pro (segnalare i casi di pericolo, persone e situazioni sospette, richiedere e fornire informazioni). Organizzazione della tappa dell Integrity Tour della società d appartenenza. Contatto sul territorio (formazione dei giovani, contatto con le scuole, rapporto con le forze di contrasto). Partecipazione agli workshop che verranno organizzati durante l anno (Dicembre e Maggio) per aggiornamento e bilancio finale. Relazione mensile con indicazione di eventuali problematiche. Gestione scout Sportradar per le partite casalinghe (accredito in tribuna stampa, postazione idonea con connessione internet, consegna formazioni nel pre-match ed invio delle stesse al responsabile Sportradar). 30

31 Gli Ultimi eventi Negli ultimi mesi gli attacchi più frequenti in ordine cronologico sono stati: sui settori giovanili nei college americani, dove i giocatori non ricevono alcun compenso per le loro prestazioni, anche se le Università guadagnano coi diritti televisivi delle partite. PERCHÉ LE BANDE CRIMINALI LAVORANO SULLE PARTITE DEI SETTORI GIOVANILI? a) Perché in tal modo fanno una formazione al contrario, abituando i giovani atleti ad essere preparati e già presenti all interno della rete criminale b) Perché per manipolare partite dei settori giovanili le organizzazioni criminali hanno bisogno di meno soldi rispetto alle partite dei campionati professionisti.

32 Stagione 2013/14 RISULTATI I nostri interventi DELLA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE stagione LA NOVITÀ: tutti i calciatori della Lega Pro (nelle gare di Campionato,Coppa Italia e Berretti) scendono in campo con un nuovo PATCH apposto sulla manica della maglia SARÀ LA PRIMA VOLTA AL MONDO IN CUI LA SCRITTA INTEGRITY COMPARE SU UNA PATCH NOI CI SIAMO NELLA LOTTA DI CONTRASTO 32

33 Stagione 2014/15 RISULTATI I nostri interventi DELLA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE stagione LA NOVITÀ: tutti i calciatori della Lega Pro (nelle gare di Campionato,Coppa Italia e Berretti) scendono in campo con un nuovo PALLONE, su cui è apposto il logo congiunto, Lega Pro - Integrity SARÀ LA PRIMA VOLTA IN CUI LA SCRITTA INTEGRITY COMPARE SU UN PALLONE DA GIOCO NOI CI SIAMO NELLA LOTTA DI CONTRASTO 33

34 Un passaggio RISULTATI DELLA chiave: LOTTA i calciatori ALLA CONTRAFFAZIONE Quando scoppiò nel lo scandalo in Italia delle partite truccate per merito dell inchiesta giudiziaria della PROCURA DELLA REPUBBLICA DI CREMONA, ci fu un atteggiamento PASSIVO, AL LIMITE DELLA COLLUSIONE DEI CALCIATORI. Due di questi, Farina del Gubbio e Pisacane del Lumezzane, denunciarono l avvenuto, ma furono due eccezioni. Tra febbraio e marzo 2013 in diverse squadre di Lega Pro c è stato un tentativo ampio di contattare calciatori per manipolare partite attraverso Facebook: tutti i calciatori contattati si sono recati in Questura a sporgere denuncia. Quest ultima vicenda segna un passaggio di portata eccezionale: Farina e Pisacane sono ECCEZIONI, eroi nel silenzio che li circonda Febbraio/Marzo 2013 la denuncia diventa un fatto NORMALE!! 34

35 RISULTATI DELLA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE Modalità di denuncia In virtù degli accordi e degli impegni assunti con le Forze di Polizia e con le Istituzioni statali e sportive, qualora si dovesse verificare nella vostra società un approccio volto al tentativo di combine, o se anche solo ne aveste il dubbio, dovrete subito: 1. Avvertire senza indugio l Integrity Office della Lega Pro. 2. Presentare un atto di denuncia/querela presso gli uffici delle forze dell'ordine (questure, commissariati di pubblica sicurezza, Arma dei Carabinieri) o presso la Procura della Repubblica. 3. Denunciare tali atti presso la Procura Federale della FIGC e allegando la denuncia/querela 4. Inoltrare tutta la documentazione all Integrity Office della Lega Pro che provvede all immediato invio della stessa all UISS ed al GISS. 35

36 CONTATTI VITTORIO ANGELACCIO Tel

WORKSHOP REFERENTI INTEGRITY LEGA PRO VADEMECUM REFERENTI. Firenze, 26 Ottobre 2015

WORKSHOP REFERENTI INTEGRITY LEGA PRO VADEMECUM REFERENTI. Firenze, 26 Ottobre 2015 WORKSHOP REFERENTI INTEGRITY LEGA PRO VADEMECUM REFERENTI Firenze, 26 Ottobre 2015 Il ruolo della Lega Pro La Lega Pro fa della lotta alla contraffazione delle scommesse sportive, della lotta al doping

Dettagli

INTEGRITY TOUR LEGA PRO 2013-2014 IL BILANCIO IN NUMERI. 3 elementi chiave dell Integrity Tour Lega Pro: prevenzione, formazione, informazione

INTEGRITY TOUR LEGA PRO 2013-2014 IL BILANCIO IN NUMERI. 3 elementi chiave dell Integrity Tour Lega Pro: prevenzione, formazione, informazione INTEGRITY TOUR LEGA PRO 2013-2014 IL BILANCIO IN NUMERI 3 elementi chiave dell Integrity Tour Lega Pro: prevenzione, formazione, informazione 9 mesi di attività dell Integrity Tour nel 2013-14 37 città

Dettagli

LOTTA ALLE FRODI NELLE SCOMMESSE SPORTIVE FRANCESCO GHIRELLI, DIRETTORE GENERALE LEGA PRO

LOTTA ALLE FRODI NELLE SCOMMESSE SPORTIVE FRANCESCO GHIRELLI, DIRETTORE GENERALE LEGA PRO Sorbonne-ICSS Sport Integrity Symposium 11-13 September, 2012, Paris LOTTA ALLE FRODI NELLE SCOMMESSE SPORTIVE FRANCESCO GHIRELLI, DIRETTORE GENERALE LEGA PRO 1 La Lega Pro È la terza Lega professionistica

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP))

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) P7_TA-PROV(2013)0098 Partite truccate e corruzione nello sport Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.11.2012 COM(2012) 655 final Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO che autorizza la Commissione europea a partecipare, per conto dell Unione europea, ai negoziati

Dettagli

Denominazione della società:

Denominazione della società: LICENZE NAZIONALI Titolo III Criteri Sportivi e Organizzativi Modulo T - Programma di Formazione del Settore Giovanile PROTOCOLLO FIGC Termine deposito: 31 ottobre 2014 Società richiedente Licenza Nazionale

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE

PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE Il calcio a 5 è fermo, bloccato, immobile. Và ricostruito, viene da un periodo troppo lungo di non scelte, di non coraggio di

Dettagli

Servizio di Psicologia dello sport

Servizio di Psicologia dello sport Servizio di Psicologia dello sport SCUOLE CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Ente Comitato Regionale Puglia, Federazione Italiana Giuoco Calcio, Lega Nazionale Dilettanti (Bari). Chi siamo Sportivamente

Dettagli

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657 focus 71.689 squadre Le squadre in attività nel 2010-2011 sono 71.689, delle quali 470 professionistiche, 17.020 dilettantistiche e 54.199 impegnate in attività di settore giovanile. Hanno disputato 704.496

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

FUORICLASSE CUP 2007/2008 SINTESI DEL PROGRAMMA

FUORICLASSE CUP 2007/2008 SINTESI DEL PROGRAMMA FUORICLASSE CUP 2007/2008 SINTESI DEL PROGRAMMA FIGC Settore Giovanile e Scolastico e Coca-Cola presentano la 6^ edizione di FUORICLASSE CUP Fuoriclasse Cup è il programma didattico-sportivo promosso ed

Dettagli

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1 Stagione sportiva 2006/2007 Comunicato Ufficilale N 1 4 Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica Corsi di formazione e di informazione Fuoriclasse cup C. ATTIVITA PROMOZIONALE

Dettagli

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI Categorie e limiti di età. MICRO - MINI 2004/2005/2006/2007 PROPAGANDA 2002/2003 UNDER 15 2000/2001 UNDER 18 1997/1998/1999 LIBERA 1996 e prec. PIGIESSIADI 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli

Si allega al presente comunicato: - il quadro riepilogativo delle attività ufficiali della stagione sportiva 2015/2016 (allegato n.

Si allega al presente comunicato: - il quadro riepilogativo delle attività ufficiali della stagione sportiva 2015/2016 (allegato n. 1.2 Scuole di Calcio Le Scuole di Calcio e di Calcio a 5, vengono riconosciute dalla F.I.G.C. che ne cura il controllo e il coordinamento per il tramite del Settore Giovanile e Scolastico sulla base dei

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 SOCIETA PARTECIPANTI - ZOLA PREDOSA VIA GESSO 26 - DOMENICA 24 maggio 2015 Il Settore Giovanile e Scolastico del Comitato Regionale Emilia Romagna si congratula per il

Dettagli

Genova 13 Settembre 2010

Genova 13 Settembre 2010 Genova 13 Settembre 2010 Progetto Giovani Matteo Quarantelli 2 La percezione della qualità di un servizio è generato dalla corrispondenza con le aspettative (bisogni) degli utenti. I nostri utenti sono

Dettagli

MISSIONE: Un mondo senza povertà e ingiustizia sociale in cui le persone possano esercitare i propri diritti

MISSIONE: Un mondo senza povertà e ingiustizia sociale in cui le persone possano esercitare i propri diritti MISSIONE: Un mondo senza povertà e ingiustizia sociale in cui le persone possano esercitare i propri diritti LA NOSTRA MISSIONE NEL SUD DEL MONDO: Lottare e lavorare a fianco delle comunità più povere

Dettagli

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE Il volume, edito dalla FIGC con la collaborazione di AREL e PwC, rappresenta la fotografia più aggiornata sullo stato del

Dettagli

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 -TESSERAMENTO GIOCATORI I tesseramenti dei calciatori / dirigenti saranno ammessi fino al 31/12/2012 senza alcuna deroga. I giocatori che non avranno

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

IL BAMBINO (centralità)

IL BAMBINO (centralità) Il Vero soggetto della Nostra proposta educativa SOCIETA di CALCIO Personalità Scuola Dirigente Educatore Sportivo Allenatore Preparatore Motorio Medico Psicologo IL BAMBINO (centralità) EVOLUZIONE (crescita)

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS)

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS) SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS) TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE PREMESSA Si ricorda che la manifestazione è una festa a carattere

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012 Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 (di seguito la Competizione ) REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE e DENOMINAZIONE DELLA COMPETIZIONE Organizzatrice

Dettagli

Federazione Italiana Rugby

Federazione Italiana Rugby 1 Federazione Italiana Rugby Norme che disciplinano l attività di Coppa Italia a 7 Femminile per la stagione sportiva 2014/2015. Coppa Italia a 7 Femminile 2014/2015. La Coppa Italia è considerata una

Dettagli

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA tra la Prefettura-U.T.G. di Agrigento, la Unione Provinciale degli Industriali di Agrigento ed il Consorzio A.S.I. di Agrigento per la realizzazione di un sistema di videosorveglianza

Dettagli

PRATICHE TESSERAMENTO STRANIERI DA INVIARE A MILANO

PRATICHE TESSERAMENTO STRANIERI DA INVIARE A MILANO PRATICHE TESSERAMENTO STRANIERI DA INVIARE A MILANO PRATICHE TESSERAMENTO DA INVIARE A MILANO PRIMO TESSERAMENTO DI ATLETI STRANIERI MINORENNI LND MAI TESSERATI ESTERO E MAI TESSERATI IN ITALIA Calciatori

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FOSSATI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FOSSATI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 774 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FOSSATI Disposizioni per la tutela dei segni distintivi delle società sportive, enti e federazioni,

Dettagli

MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA COMITATO PROVINCIALE DI VERONA MANIFESTAZIONE PROMOZIONALE OPEN DI CALCIO A 5 CENTRO SPORTIVO SAN FLORIANO

MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA COMITATO PROVINCIALE DI VERONA MANIFESTAZIONE PROMOZIONALE OPEN DI CALCIO A 5 CENTRO SPORTIVO SAN FLORIANO MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA COMITATO PROVINCIALE DI VERONA Ente di Promozione Sportiva Riconosciuto dal CONI PIANETA CALCIO A5 di CALCIO A5 8 TROFEO MANIFESTAZIONE PROMOZIONALE OPEN DI CALCIO A

Dettagli

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia UFFICIO SEGRETERIA SCUOLA - Via San Polo,1 42030 VIANO (RE) Regolamento Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano Approvato

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12 Allegato F FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12 Regolamenti per Tornei a carattere Regionale e Provinciale Attività di Base

Dettagli

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

LOTTA ALLE FRODI NELLE SCOMMESSE SPORTIVE SANZIONI PENALI E SANZIONI SPORTIVE

LOTTA ALLE FRODI NELLE SCOMMESSE SPORTIVE SANZIONI PENALI E SANZIONI SPORTIVE LOTTA ALLE FRODI NELLE SCOMMESSE SPORTIVE SANZIONI PENALI E SANZIONI SPORTIVE Integrity Partner Lega Pro e Istituto per il Credito Sportivo insieme per rafforzare la passione nel calcio. La partnership

Dettagli

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA APPELLO PER UN PIANO D AZIONE GLOBALE PER PROTEGGERE I BAMBINI DEL MONDO E PER FERMARE LA VIOLAZIONE DEI LORO DIRITTI Roma, Italia 3 novembre 2011 Ogni bambino è

Dettagli

1) Calciatori La gara è giuocata da due squadre, formate ciascuna da un massimo di 5 calciatori, uno dei quali nel ruolo di portiere.

1) Calciatori La gara è giuocata da due squadre, formate ciascuna da un massimo di 5 calciatori, uno dei quali nel ruolo di portiere. REGOLA 3 - NUMERO DEI CALCIATORI 1) Calciatori La gara è giuocata da due squadre, formate ciascuna da un massimo di 5 calciatori, uno dei quali nel ruolo di portiere. 2) Procedura di sostituzione a) È

Dettagli

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso Visti i positivi riscontri avuti, nella corrente stagione sportiva le gare della categoria Pulcini dovranno essere arbitrate con il metodo dell autoarbitraggio [

Dettagli

Federazione Italiana Giuoco Calcio Consiglio federale, 26 marzo 2015

Federazione Italiana Giuoco Calcio Consiglio federale, 26 marzo 2015 Federazione Italiana Giuoco Calcio Consiglio federale, 26 marzo 2015 1 INDICE MISSION SCENARIO ATTUALE CRITICITA AZIONI 2 MISSION Avviare un programma di rilancio del movimento calcistico femminile nel

Dettagli

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale Stagione Sportiva 2014/2015 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice)

Dettagli

TUTTI I COLORI DEL CALCIO

TUTTI I COLORI DEL CALCIO S e t t o r e G i o v a n i l e e S c o l a s t i c o TUTTI I COLORI DEL CALCIO P r o g r a m m a d i s e n s i b i l i z z a z i o n e 2 0 1 5 / 2 0 1 6 p e r l i n t e g r a z i o n e e l a l o t t a

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

IDEE E PROGETTI CNT EMILIA ROMAGNA LA FORMAZIONE E LA COMUNICAZIONE CONSUNTIVO. Ottobre 2014

IDEE E PROGETTI CNT EMILIA ROMAGNA LA FORMAZIONE E LA COMUNICAZIONE CONSUNTIVO. Ottobre 2014 CNT EMILIA ROMAGNA Ottobre 2014 IDEE E PROGETTI Newsletter del mese di Ottobre - 1410 anno 2 - CNT Regionale LA FORMAZIONE E LA COMUNICAZIONE CONSUNTIVO Si sta concludendo la stagione sportiva di questo

Dettagli

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE)

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) REGOLA NUMERO 12 FALLI E SCORRETTEZZE Un calcio di punizione diretto, da battere nel punto in cui è accaduto, è accordato alla squadra

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE COSENZA

COMITATO PROVINCIALE COSENZA COMITATO PROVINCIALE COSENZA 02 gennaio 2016 1 MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA Comitato Provinciale Cosenza Lega Calcio Cosenza 1^ Traversa Kennedy, 4 87037 RENDE (CS) Tel. e fax 0984 446750 e-mail:

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA P.le G. Matteotti n 9 43100 Parma Tel. 0521281226 289870 Fax 0521236626 E-mail: csi@csiparma.it http: www.csiparma.it CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato

Dettagli

Sintesi a fumetti del regolamento del Gioco del Calcio

Sintesi a fumetti del regolamento del Gioco del Calcio a.s. C.V.N. CASAL BERNOCCHI Sintesi a fumetti del regolamento del Gioco del Calcio Tratto da www.figc.it ( Federazione Italiana Giuoco Calcio ) www.casalbernocchi.com Carta dei Diritti del Ragazzo nello

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE COSENZA

COMITATO PROVINCIALE COSENZA COMITATO PROVINCIALE COSENZA 02 settembre 2015 1 MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA Comitato Provinciale Cosenza Lega Calcio Cosenza 1^ Traversa Kennedy, 4 87037 RENDE (CS) Tel. e fax 0984 446750 e-mail:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani

PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani tra Regione Emilia-Romagna Direzione Distrettuale Antimafia Emilia-Romagna Procura

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA 13,3 MILIONI DI DOLLARI PER COSTRASTARE LA VIOLENZA ARMATA IN TUTTO LO STATO DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA 13,3 MILIONI DI DOLLARI PER COSTRASTARE LA VIOLENZA ARMATA IN TUTTO LO STATO DI NEW YORK Per la diffusione immediata: 26/05/2015 IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA 13,3 MILIONI DI DOLLARI PER COSTRASTARE

Dettagli

ASD AQUILEIA REGOLAMENTI TORNEI GIOVANILI DI CALCIO

ASD AQUILEIA REGOLAMENTI TORNEI GIOVANILI DI CALCIO ASD AQUILEIA REGOLAMENTI TORNEI GIOVANILI DI CALCIO CITTA DI AQUILEIA 2013 REGOLAMENTO CATEGORIA ALLIEVI Art. 1 organizzazione La società ASD AQUILEIA indice ed organizza un torneo a carattere regionale

Dettagli

REGOLAMENTO (bozza) 1 FANTACALCIO Juventus Club Doc AG 2012-2013

REGOLAMENTO (bozza) 1 FANTACALCIO Juventus Club Doc AG 2012-2013 REGOLAMENTO (bozza) 1 FANTACALCIO Juventus Club Doc AG 2012-2013 1) COMPETIZIONI. Le principali competizioni del 1 FantacalcioJuventus Club Doc AG sono: LEGA JCD AG Campionato a PUNTI (somma totali giornata)

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI SEZIONE DI BELLUNO VADEMECUM DELL ARBITRO STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 74 32100 BELLUNO (BL)

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI SEZIONE DI BELLUNO VADEMECUM DELL ARBITRO STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 74 32100 BELLUNO (BL) ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI SEZIONE DI BELLUNO VADEMECUM DELL ARBITRO STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 Via San Lorenzo, 74 32100 BELLUNO (BL) Tel.: 0437/932343 Fax.: 0437/932343 E-mail: belluno@aia-figc.it

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI MILANO

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI MILANO CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI MILANO PROGETTO SPORT E CARCERE SAN VITTORE 2013 / 2014 Il Centro Sportivo Italiano Il Centro Sportivo Italiano (C.S.I.) è una associazione non profit (cioè

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 001

Comunicato Ufficiale N. 001 1 Stagione Sportiva 2010/2011 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca d intesa con Il Forum delle Associazioni Nazionali dei Genitori VISTO l articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana, al cui primo

Dettagli

22 Torneo FELICE FERRANDINI Categoria Esordienti 2002 REGOLAMENTO

22 Torneo FELICE FERRANDINI Categoria Esordienti 2002 REGOLAMENTO REGOLAMENTO Art. 1 ORGANIZZAZIONE L A.C.D. Lucento indice ed organizza, sotto l egida della F.I.G.C. Settore Giovanile e Scolastico, la 22^ edizione del Torneo calcistico a carattere provinciale denominato:

Dettagli

Settore Tecnico A.I.A.

Settore Tecnico A.I.A. A.I.A. TEST TECNICI SEZIONE 055_1213 TEST TECNICI domanda n. x TEST TECNICI domanda n. 1 Un calciatore, a gioco in svolgimento, commette condotta violenta su un avversario: l arbitro lo deve espellere

Dettagli

LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO. Sanzioni penali e sanzioni sportive

LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO. Sanzioni penali e sanzioni sportive LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO LOTTA ALLE FRODI NELLE SCOMMESSE SPORTIVE Sanzioni penali e sanzioni sportive SANZIONI INDICE SANZIONI PENALI L.401/89 - Art. 1. Frode in competizioni sportive pag.

Dettagli

Regolamento. Sommario

Regolamento. Sommario Regolamento Sommario LE COMPETIZIONI... 2 TORNEO LIGA E PREMIER... 2 SERIE A (CAMPIONATO A 16 SQUADRE)... 2 CLASSIFICA A PUNTEGGIO... 2 CLASSIFICA FORMULA 1... 2 COPPA D ANDATA E COPPA DI RITORNO... 3

Dettagli

1. RESPONSABILE DEI RAPPORTI CON I MEDIA

1. RESPONSABILE DEI RAPPORTI CON I MEDIA REGOLAMENTO MEDIA Il presente Regolamento Media viene stipulato in accordo con l USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) a partire dalla stagione 2010-2011. Esso regolamenta i rapporti fra le società aderenti

Dettagli

Scommesse Antepost: CALCIO

Scommesse Antepost: CALCIO Scommesse Antepost: ANTEPOST Vincente: Si deve pronosticare la squadra che si classifica al primo posto. Vincente Gruppo Si deve pronosticare la squadra che si classifica al primo posto del proprio gruppo.

Dettagli

CONVENZIONE. in tema di. Accordi per l'attuazione dei Licei scientifici con sezione ad indirizzo sportivo

CONVENZIONE. in tema di. Accordi per l'attuazione dei Licei scientifici con sezione ad indirizzo sportivo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Direzione Generale CONVENZIONE in tema di Accordi per l'attuazione dei Licei scientifici con sezione

Dettagli

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE FASI FINALI PROVINCIALI Le Fasi Finali Provinciali c5/c7 sono parte integrante dei Campionati 2013/14 e la mancata

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 A tutte le Società di Monza Brianza Loro sedi Agrate Brianza, 22-12-2014 Prot. 211/CPG e p.c. C.R. Lombardia FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 2 MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

Il fair play non è una regola scritta, bensì un codice d onore presente nel gioco del calcio e in molti altri sport. infatti la parola fair play si

Il fair play non è una regola scritta, bensì un codice d onore presente nel gioco del calcio e in molti altri sport. infatti la parola fair play si Il fair play non è una regola scritta, bensì un codice d onore presente nel gioco del calcio e in molti altri sport. infatti la parola fair play si può tradurre con lealtà. La parola fair play è stata

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE: Carmen Patrizia MURATORE Avente ad oggetto: INTERVENTI IN MATERIA DI USURA.

Dettagli

Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007

Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007 Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007 Sommario i Ricavi del semestre sono pari a 101,5 milioni, in diminuzione del 6,9% rispetto a 109 milioni consuntivati

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo.

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo. 2) ATTIVITÀ GIOVANILE AGONISTICA L attività giovanile è ad indirizzo competitivo e si configura principalmente attraverso i risultati delle gare ed il comportamento disciplinare in campo e fuori di Atleti,

Dettagli

Traduzione a cura della FIGH su testi EHF - riproduzione vietata -

Traduzione a cura della FIGH su testi EHF - riproduzione vietata - Federazione Italiana Giuoco Handball HANDBALL Il gioco Uno sguardo alle regole Pallllamano Diisciiplliina Olliimpiica 1 PRINCIPI DI BASE DELLA PALLAMANO La Pallamano è uno sport di squadra basato sui principi

Dettagli

1 Campionato Lega A HAPPINESS

1 Campionato Lega A HAPPINESS 1 Campionato Lega A HAPPINESS 2012-2013 Regolamento Il Centro sportivo HAPPINESS organizza una manifestazione a carattere amatoriale che si svolgerà a Nardò ( Le) in Via Penta 1 Campionato Lega A Calcio

Dettagli

Stagione Sportiva 2012/2013. Comunicato Ufficiale N. 001

Stagione Sportiva 2012/2013. Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2012/2013 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che l

Dettagli

Il percorso del Progetto CAPACI, da esperimento Italiano a progetto Europeo. Ivana Gargiulo. Riccardo Coletta

Il percorso del Progetto CAPACI, da esperimento Italiano a progetto Europeo. Ivana Gargiulo. Riccardo Coletta Il percorso del Progetto CAPACI, da esperimento Italiano a progetto Europeo Riccardo Coletta Ivana Gargiulo EU Programmes and Project Expert Formez PA Project Manager Consorzio CBI Convegno CBI Roma, 1

Dettagli

Bando di concorso UISP. Gioco per gioco. UISP aderisce a Mettiamoci in gioco campagna nazionale contro i rischi del gioco d azzardo.

Bando di concorso UISP. Gioco per gioco. UISP aderisce a Mettiamoci in gioco campagna nazionale contro i rischi del gioco d azzardo. Bando di concorso UISP 1. Premessa UISP aderisce a Mettiamoci in gioco campagna nazionale contro i rischi del gioco d azzardo. Campagna nata nel 2012 per sensibilizzare l opinione pubblica e le istituzioni

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

Associazione sportiva dilettantistica REGOLAMENTO. Versione 1 del marzo 2006

Associazione sportiva dilettantistica REGOLAMENTO. Versione 1 del marzo 2006 REGOLAMENTO Versione 1 del marzo 2006 INDICE 1 COMUNICAZIONE DELLE REGOLE...1 1.1 Modo ordinario... 1 1.2 Modo straordinario... 1 2 QUOTA ASSOCIATIVA E VISITA MEDICO-SPORTIVA...1 3 COMPORTAMENTO DURANTE

Dettagli

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16 Milano, 1 luglio 2015 Prot. 2 / COGP Oggetto: Campionati Provinciali e Tornei Promozionali 2015/2016 A tutte le Società della Provincia di Milano e p.c. C.R. Lombardo FIPAV Roma Il Comitato Provinciale

Dettagli

COMPANY LEAGUE. Centri sportivi di riferimento. L evento

COMPANY LEAGUE. Centri sportivi di riferimento. L evento COMPANY LEAGUE Zona Goal presenta l evento Company League: il più grande evento di calcio a 7 dedicato al mondo aziendale nato in collaborazione con adidas. Zona Goal è stata scelta da adidas come partner

Dettagli

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016 REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016 Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 La Divisione Calcio a Cinque organizza la Supercoppa stagione Sportiva 2015/2016, riservata

Dettagli

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO - LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE CALABRIA ATTIVITA GIOVANILE VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 Indirizzo

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 REGOLAMENTO UFFICIALE - Il Presidente di Lega I compiti del presidente di lega sono fondamentalmente i seguenti: 1. Gestione dell asta di calciomercato 2. Contabilità

Dettagli

GUIDA PRATICA PER ATLETI E FAMIGLIE alla Stagione Sportiva 2011/2012 e REGOLAMENTO SOCIETARIO ATLETI

GUIDA PRATICA PER ATLETI E FAMIGLIE alla Stagione Sportiva 2011/2012 e REGOLAMENTO SOCIETARIO ATLETI SEZIONE PALLAVOLO GUIDA PRATICA PER ATLETI E FAMIGLIE alla Stagione Sportiva 2011/2012 e REGOLAMENTO SOCIETARIO ATLETI A partire da questa stagione sportiva, il Comitato Direttivo della Newpol.Sala Bolognese,

Dettagli

Sottrazione internazionale di minori

Sottrazione internazionale di minori Sottrazione internazionale di minori 1) Che cosa s intende per sottrazione internazionale di minore Si parla di sottrazione internazionale di minore quando: il minore è stato illecitamente condotto all

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: Premessa Supporto normativo

Dettagli

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2014 2015

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2014 2015 REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2014 2015 Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 La Divisione Calcio a 5 organizza la Supercoppa riservata alla Società Campione d Italia 2013-2014

Dettagli

PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE DI COFINANZIATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A SEGUITO DI CONVENZIONE CON L ANCI NAZIONALE

PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE DI COFINANZIATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A SEGUITO DI CONVENZIONE CON L ANCI NAZIONALE PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE DI LIVORNO COFINANZIATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A SEGUITO DI CONVENZIONE CON L ANCI NAZIONALE PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

prima fila in prima fila

prima fila in prima fila con la tessera del tifoso vivi lo spettacolo in prima fila prima fila in La tessera del tifoso è il futuro per tutte le Società calcistiche che traggono, ogni domenica, energia dal cuore pulsante dei tifosi.

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP Il Comitato Regionale Umbria della F.I.G.C. indice ed organizza il 1 TROFEO PERUGIA CUP Campo Federale di Prepo R E G O L A M E N T O U F F I C I A L E STAGIONE SPORTIVA 2011/2012

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

3 Torneo Daniele Ghillani

3 Torneo Daniele Ghillani A.S.D. Montanara Calcio dal 1961 ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA 3 Torneo Daniele Ghillani dal 4 al 5 giugno 2015 CATEGORIA PICCOLI AMICI- ANNO 2007 Presentazione e sorteggio del 16 marzo 2014 Con

Dettagli