Finito di stampare nel mese di luglio 2015 da Copygraph sas - Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Finito di stampare nel mese di luglio 2015 da Copygraph sas - Roma"

Transcript

1

2 Finito di stampare nel mese di luglio 2015 da Copygraph sas - Roma

3 di Carlo Cambi

4 Nota dell autore Coltivare l acqua Un po di storia Le ragioni dell acquacoltura Il miglior amico dell uomo La sostenibilità La qualità Come si fa C è del buono I buonissimi dieci Le regole auree Antipasti Primi Secondi 4

5 Nota dell autore Nel redigere questo volume ho avuto tre obiettivi. Il primo è riaffermare il valore nutrizionale del pesce recuperando la buona prassi alimentare della dieta mediterranea che già proclamata patrimonio immateriale dell umanità dall Unesco è tutt oggi il regime dietetico considerato più salutare. Le proteine nobili del pesce sono un apporto fondamentale per la nutrizione umana. Il secondo obiettivo è mettere in valore l acquacoltura come attività economica, ma anche come risposta positiva alla questione alimentare. Con l accrescersi della popolazione mondiale la domanda di proteine non può che essere soddisfatta da sistemi produttivi che assicurino qualità, salubrità del cibo ma anche rispetto della risorsa ambientale, che è limitata. L acquacoltura è una risposta sostenibile alla domanda alimentare. Il terzo obiettivo è quello, però, di affermare anche il valore gastronomico del pesce. Alcune mode culinarie hanno messo in secondo piano il pesce come ingrediente di cucina alta e del pari alcune abitudini di consumo hanno escluso il pesce dalla dieta ritenendo che esso sia difficile da cucinare, che la sua preparazione richieda troppo tempo, che la fruizione medesima del pesce non si attagli al pane quotidiano. L intento che mi sono posto è dimostrare esattamente il contrario. Per tre fondamentali ragioni. La prima è che il pesce è facile da cucinare e dunque chi si misura ai fornelli con ricette ittiche ne riceve immediata gratificazione. La pratica di cucina è come qualsiasi altra attività: servono allenamento e passione. Ma se si raggiungono buoni risultati intermedi, questo aiuta non poco a confermarci nel proposito di cucinare. La seconda è che la cucina è accudimento degli altri. Aveva proprio ragione Michel Bourdin nel dire che «la cucina è un modo di dare». Offrire pesce ai propri cari o agli amici è un vero segno di affetto perché ci prendiamo cura del loro benessere. Il terzo motivo è che il pesce ha una forte valenza simbolica. Basta fare una discesa nelle catacombe di San Callisto a Roma per scoprire come la comunità paleocristiana usasse accostare il miracolo operato da Gesù della moltiplicazione dei pani e dei pesci all ultima cena, riconoscendo nel Nazareno il pescatore di uomini e nella condivisione del cibo la valenza dell alleanza. Ma sempre rifacendoci all iconografia paleocristiana, sappiamo che l ichthýs, cioè il simbolo stilizzato del pesce, era il segno di riconoscimento dei devoti a Gesù di Nazareth. Perché il pesce? Perché è segno di purezza e di nutrimento, perché era facile tracciare sulla sabbia il primo semicerchio e se qualcuno avesse completato il disegno formando, appunto, un pesce con un semicerchio opposto ci si sarebbe riconosciuti; infine, perché in greco ichthýs è l acronimo di Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore. Ora, al di là di ciò che ognuno crede, queste valenze simboliche fanno sì che offrire pesce sia offrire pace. A rendere possibile questa fruizione del pesce sono le ricette che qui ho raccolto. Sono ricette di grandi chef e di gente di mare e di lago, di famiglia e di parata, di trattorie e di tradizione, e perché no di cultura. 5

6 Fondamentale in questo lavoro di ricerca è stata la collaborazione di Petra Carsetti, che ha largamente contribuito alla stesura delle ricette, che sono state da me e da lei testate. E, se siamo riusciti a rifarle noi, è di tutta evidenza che anche le nostre lettrici e i nostri lettori non avranno difficoltà a misurarsi con queste preparazioni. La mia prima preoccupazione è stata di suggerire piatti che fossero facilmente realizzabili, che mettessero in risalto i magnifici dieci dell acquacoltura (le specie ittiche più allevate e di cui è maggiore la reperibilità) e che al contempo dessero valore aggiunto all abilità culinaria di chiunque si provi a ripeterle. In fin dei conti la cucina è anche un esercizio di autostima! Un ringraziamento speciale va alla Redazione, che ha curato con intelligente apporto l edizione di questo libro. Un grazie sentito va agli acquacoltori, che con il loro scrupoloso e faticoso operare ci consentono di poter usare in cucina questi straordinari ingredienti, e ai cuochi e alle cuoche che ci hanno dato i suggerimenti necessari per le ricette. Nel volume sono state inserite anche alcune schede rapide di presentazione dei singoli pesci e molluschi per una necessaria, ancorché sintetica, opera di divulgazione e una sorta di decalogo del pesce in cui si danno suggerimenti su come acquistare, conservare e cucinare il pesce e i molluschi, con l augurio che consumandoli regolarmente possiamo mantenerci in forma. Anzi, meglio: sani come pesci! Carlo Cambi 6

7 Coltivare l acqua 7

8 il pesce, fra le mani di un abile preparatore, può diventare una fonte inesauribile di godimenti del palato. Jean-Anthelme Brillat-Savarin, Fisiologia del gusto, 1825 Quasi ventisette secoli dopo possiamo ancora dire con Talete di Mileto, uno dei sette sapienti: «L acqua è la sostanza da cui traggono origine tutte le cose; la sua scorrevolezza spiega anche i mutamenti delle cose stesse. Animali e piante si nutrono di umidità, gli alimenti sono ricchi di succhi». Sorgente di vita e quindi di sapienza se concordiamo con Friedrich Hegel, secondo il quale dall affermazione di Talete esser l acqua l assoluto sgorgò il fiume della filosofia. Può apparire bizzarro che, dovendo qui ragionar di pesci, di come acconciarli e gustarli e di acquacoltura, si ricorra ai filosofi. Accade ai tempi nostri perché essi sono affetti da presentismo: tutto risolto nell hic et nunc come se il pensiero, l osservazione del naturale, la ricerca delle ragioni non fossero alla base del conformarsi del nostro modo di condurre l esistenza. Già poco meno di due secoli fa si avrebbe avuta una concezione diversa. Quando Jean-Anthelme Brillat-Savarin diede alle stampe la sua Physiologie du goût (1825), a lui appariva chiaro che la gastronomia è quella disciplina che si deve necessariamente interessare di economia, di geografia, di commerci, di agricoltura e di ingegneria, d arte e di letteratura, di medicina e di filosofia poiché attiene «all uomo in quanto egli si nutre» e che i veri protagonisti della gastronomia non sono tanto i gastronomi quanto i facitori del cibo a vario titolo. Così ne sono attori principali gli agricoltori e la gente di mare, gli allevatori e la variegata pattuglia di cuoche e cuochi che variamente e con diversi gradi di abilità e di conoscenza imbandiscono le mense. È dunque un approccio olistico o, se si preferisce, interdisciplinare quello che si è avuto a tutto ciò che riguarda l uomo in quanto egli si nutre prima dell avvento della società dell immagine e dell ipertrofia d informazione. Oggi, invece, si tende a segmentare, specializzare fino a rendere non comunicanti tra loro le esperienze e le stratificazioni delle esperienze medesime. Siamo nell era della téchne imperante e dell economia dominante e assorbente. Ma ci tornerebbe utile, per assaporare il valore della nostra esistenza, sospendere nella comprensione dei fatti agricoli e gastronomici il giudizio di Galileo Galilei, che postulò come la scienza debba occuparsi delle quantità piuttosto che delle qualità. Da quando la téchne, che da abilità come la intendevano i Greci è diventata finalità, non c interessa più la percezione dell acqua, ma ci basta sapere che essa è costituita da due atomi di idrogeno e da uno di ossigeno in un legame covalente. Se oggettivamente l acqua è H 2 O, per noi, nella nostra esperienza di vita, essa diviene buona, putrida, vacanza, pioggia, urgenza. Siamo comunque obbligati nella nostra soggettività a percepire e a ricercare le qualità. Per noi che ne abbiamo bisogno al pari dell aria, l acqua più che una formula è una prece: «Laudato si, mi Signore, per sor acqua, / la quale è molto utile et hùmile et pretiosa et casta», per invocarla come grazia di Dio nei versi di Francesco d As- 8

9 sisi. Dacché il mondo e l uomo sono composti più o meno della stessa quantità d acqua: il 70% la Terra, dal 75% al 50% (con il passare degli anni ci asciughiamo) gli esseri umani. È di questa acqua che conviene occuparsi, sapendo che la tecnologia e l economia sono strumentali al mantenimento di quell acqua e ci servono a renderla produttiva e si spera a mantenerla pura, ma il fine è conservarla, conoscerla e viverla perché «da essa traggono origine tutte le cose» e la nostra stessa vita dipende da essa. Oggi più che mai. Basterebbe considerare che ai tempi di Talete sulla Terra vivevano all incirca 30 milioni di umani, oggi siamo 7 miliardi e da qui a un ventennio supereremo la soglia dei 9 miliardi. Ma ecco la scienza a che cosa ci serve stando ad Antoine-Laurent Lavoisier, «nulla si crea, niente si distrugge e tutto si trasforma». Il padre della chimica arrivò, nel Settecento, a questa affermazione proprio studiando l acqua. Che è oggi nella stessa quantità di quella che aveva a disposizione Talete, solo che a usarla siamo 7 miliardi cioè volte di più. Conviene perciò che ci occupiamo della qualità dell acqua piuttosto che della quantità, che è immodificabile. Egualmente il problema si pone per il cibo e soprattutto per gli alimenti che possiamo ricavare dall acqua, che è probabilmente la più potente fabbrica di proteine che l uomo ha ancora a disposizione perché da lei «traggono origine tutte le cose». Ancora una volta, però, l approccio dovrebbe essere interdisciplinare: non basta produrre tanto, bisogna produrre bene preservando le risorse naturali che ci consentono di perpetuare la produzione, e non basta dare cibo, bisogna dare buon cibo. Un po di storia Con tutta probabilità l uomo ha imparato a coltivare l acqua ancor prima di cominciare a coltivare la terra. Le popolazioni delle palafitte sapevano conservare il pesce vivo, non sapevano indurne però la riproduzione, che è un processo che scopriremo in epoca recente, e certamente la loro dieta era ampiamente integrata da pesci e molluschi. È opinione diffusa tra i paleoantropologi che una potente spinta all evoluzione fu determinata dal cambiamento dell alimentazione: da quando gli umani da cacciatori-raccoglitori si fecero agricoltori, il loro sviluppo cognitivo fu impressionante, così come quello del know-how. La prima forma di stoccaggio di riserve alimentari è proprio la conservazione del pesce vivo. L acquacoltura si sviluppò in quattro direzioni che sono riassunte in altrettante teorie. La prima è quella delle anse. Mutando il proprio corso, i fiumi lasciavano specchi 9

10 d acqua dove i pesci restavano intrappolati. Lì gli uomini andavano a raccogliere i frutti dell acqua e successivamente cominciarono a immettere in queste golene e in queste pozze nuovo pesce. Una testimonianza di questa antichissima pratica si ha, ad esempio, in Bangladesh dove tale forma di acquacoltura è ancora diffusamente praticata. La seconda teoria è quella del mantenimento. Una volta predati, i pesci venivano posti in vasche perché fossero sempre disponibili ed è logico pensare che si svilupparono in tal modo le prime riproduzioni in cattività. La terza teoria fa riferimento a una forma primitiva di allevamento ma in alcune zone dell Africa ancora attualissima che prevede lo sfruttamento delle alluvioni provocate dai monsoni, dalla stagione delle piogge in zona tropicale, dall ingrossamento dei fiumi che poi si ritirano. I pesci venivano presi per intrappolamento naturale, ma si aveva cura di lasciare una riserva ittica che, riproducendosi, consentiva uno sfruttamento continuo della pozza alluvionale. La quarta teoria ci porta sulle rive del mare, dove è nata la maricoltura. Lungo le zone umide costiere, nelle insenature naturali, gli uomini impararono a convogliare il pesce e a mantenerlo in modo che si riproducesse. Un documento importantissimo è, a questo proposito, un bassorilievo egizio della tomba di Aktihetep (2500 a.c.) che mostra un uomo intento alla raccolta del pesce. Ed è certo che in Cina verso l XI secolo a.c. era già praticata la carpicoltura. Il primo allevatore cinese di cui si abbia notizia fu Fang, che nel XII secolo a.c. si dette a costruire vasche e a osservare il comportamento dei pesci per studiarli al fine di moltiplicarli. Circa cinquecento anni più tardi, Fan Li fu l autore del primo compendio di piscicoltura che ci sia dato conoscere. Avveniva, più o meno, tremila anni fa! Del pari straordinario è quanto ci ha lasciato scritto Archestrato di Gela che, con la sua Hedypátheia (Le gioie della vita), può dirsi a buon diritto l inventore della gastronomia. Nel suo poema, scritto attorno al 360 a.c. e dedicato ai cibi del mondo, egli dà grande importanza ai pesci. Nel leggere i frammenti del primo gastronomo si capisce che quando si trovava al cospetto di una vivanda dell acqua gli veniva l acquolina in bocca. Il siciliano offre indicazioni dove si debbano acquistare i pesci per avere i migliori. Ebbene, in un frammento Archestrato, che fu quasi certamente in contatto con Epicuro, ci testimonia: «Là nello stretto che riguarda Scilla, / Nella piena di selve Italia, il mare / Il pesce lato, ch è famoso, alleva, / boccone in vero da recar stupore». Non sappiamo dire che pesce fosse il lato, ma evidentemente doveva essere una prelibatezza. Notizie certissime dell acquacoltura in Italia ce le hanno date gli archeologi. Sappiamo che era diffusamente praticata dagli Etruschi (forse l appresero dagli Egizi o dai Fenici), i quali la trasmisero ai Romani. Basta andare a Villa Adriana a Tivoli o a Ponza o a Ventotene per vedere le peschiere dove gli imperatori romani 10

11 allevavano murene, triglie, anguille, spigole e orate, che erano considerate le pietanze degli dèi! Ce lo testimonia Marco Gavio Apicio (I secolo d.c.) che con il De re coquinaria ci ha lasciato un fastoso ricettario imperiale. Sono dieci libri, di cui il nono e il decimo dedicati al pesce. Per la verità il De re coquinaria che conosciamo è un rifacimento tardoromano (IV secolo d.c.) su cui devono aver messo le mani molti cuochi, ma resta una testimonianza diretta di quanto il pesce fosse importante nella mensa aristocratica. Ad esempio: è sicuramente di Apicio l invenzione della Esca Apicii, da cui lo scapece che ben s attaglia al pesce. Leggendo La cena di Trimalcione nel Satyricon (I secolo d.c.) di Petronio Arbitro si comprende quanto i Romani patrizi, non importa se di censo dacché Trimalcione è un liberto arricchito o di sangue, dessero al pesce posto di privilegio nel banchetto. Proprio per soddisfare tanta e continua richiesta le peschiere divennero dotazione comune delle ville imperiali, ma si cominciò ad allevare pesce anche nelle campagne (sommamente anguille di cui i Romani erano ghiottissimi) e questa tecnica del resto, i Romani furono maestri d idraulica e inventarono per i pesci i vivaria, antenati della nostra acquacoltura intensiva fu esportata ai confini dell impero, fino in Bretagna, dove si trovavano le ostriche, che già i Greci avevano eletto a cibo afrodisiaco, ricercatissime a Roma. Per la verità, i Galli già allevavano le ostriche con il sistema della raccolta e conservazione nelle insenature, ma i Romani costruirono lì sulle rive atlantiche veri e propri stabilimenti. Alla caduta dell impero l acquacoltura, da fiorente che era, deperì così come quasi tutte le attività economiche e agricole. Si ricominciò a praticarla intensamente solo a partire dal basso Medioevo e di nuovo almeno in Italia fu un acquacoltura di valle, di aree marine naturalmente chiuse dove, come in epoca etrusco-romana, venivano allevati molluschi, ostriche, pesci costieri, mentre lungo i fiumi e nei laghi si passò all itticoltura di acqua dolce intensiva con la costruzione di vere e proprie peschiere. Lungo i corsi trentini o nei laghi lombardi se trovano tutt oggi evidenti tracce. Indubbiamente i due paesi europei che hanno dato i maggiori contributi allo sviluppo dell acquacoltura sono stati la Francia e l Italia. Anche se è merito dello scienziato tedesco Stephan Ludwig Jacobi la prima fecondazione artificiale di uova di trote di ruscello (1741), che poi, un secolo più tardi (1842), Jean-Victor Coste del Collegio di Francia riprese dando vita alla moderna troticoltura. Sarà, però, solo dopo la Seconda guerra mondiale che l acquacoltura diventa a pieno titolo un attività economica praticata su larga scala. Mutuando dalle tecniche francesi e italiane di riproduzione del pesce, la Grecia, che ha ampi spazi marini incontaminati, la Spagna e la Turchia, grazie anche all apporto italiano nel progetto MedRAP (Mediterranean Regional Aquaculture Project) voluto dalla FAO, hanno sviluppato una fiorente attività di maricoltura. 11

12 Le ragioni dell acquacoltura Imparare dalla storia per costruire il futuro, un futuro buono e sostenibile. Questo dà la spinta all acquacoltura, che è ormai ritenuta la risposta possibile a una doppia sfida che si pone davanti all umanità: come produrre buon cibo a sufficienza senza intaccare le risorse naturali; anzi, contribuendo quanto più possibile a ricostruire l equilibrio degli ecosistemi e della biosfera. Questi sono i punti di forza dell acquacoltura. La FAO l organizzazione mondiale che si occupa delle risorse alimentari e agricole del pianeta sotto l egida dell ONU ha stimato che il 47% di tutto il pesce consumato a livello mondiale proviene da acquacoltura, ma che l incremento di popolazione e il conseguente aumento di consumi pongono l esigenza di potenziare la produzione di pesce. A livello mondiale la domanda di pesce è in continua crescita. Sempre secondo la FAO, siamo ormai alla cifra record di 19 chili di pesce pro capite e dalla risorsa ittica viene, per 3 miliardi di persone, il 15% del fabbisogno proteico. Ma gli oceani, ancora secondo la FAO, non ce la faranno a soddisfare questa crescente domanda perché il 32% degli stock ittici mondiali risulta sfruttato in eccesso, esaurito o in fase di ricostituzione. La risposta più pronta è dunque l acquacoltura. Un esigenza stringente per l Europa e per l Italia in particolare. Stando agli ultimi dati disponibili per il mercato europeo, soltanto due paesi sono quasi autosufficienti: Finlandia e Danimarca. Tutti gli altri dipendono massicciamente dalle importazioni. L Italia, dove il consumo di pesce è attestato attorno ai 21 chili pro capite (si colloca a metà classifica tra i due estremi: 60 chili del Portogallo e 5 dell Ungheria), l importazione copre circa il 70% del fabbisogno, ma per tutta Europa la produzione è sufficiente per una quota di poco superiore. Quanto all Italia, nel suo complesso fornisce circa il 13% del pesce europeo. Di fronte al che cosa fare, l Europa che dal 2013 si è data una politica comune per il pesce ha deciso di puntare sull acquacoltura, che attualmente soddisfa circa il 20% del fabbisogno di pesce del continente, dando lavoro a persone per un fatturato stimato attorno ai 3 miliardi di euro. Se l acquacoltura è un esigenza di tutta Europa, lo è a maggior ragione per i paesi mediterranei che si affacciano su un mare ormai stanco, come ha sancito la FAO. Ecco che si deve tornare a coltivare l acqua. Peraltro l Europa, e l Italia in particolare, detiene la leadership in fatto di qualità, di controlli sanitari, di tecnologie, di ricerca dell acquacoltura mondiale. Rafforzare la produzione continentale e, a maggior ragione, italiana diventa un esigenza anche per evitare l importazione di prodotti che arrivano da paesi dove i sistemi di allevamento e i controlli sulla filiera sono meno rigorosi, con la liceità di qualche dubbio sulla qualità del pesce extra UE importato e in qualche caso anche con sospetti non infondati rispetto alla salubrità di quegli alimenti. 12

13 L acquacoltura è, dunque, sia un esigenza nutrizionale sia un esigenza ambientale sia, ancora, una prospettiva economica. Gli italiani sembrano propensi, da una parte, a dare nuovo impulso imprenditoriale all acquacoltura e, dall altra, come consumatori sembrano sempre più attenti al valore, anzi, meglio: ai valori dell acquacoltura. Che sono tre e fondamentali. Il primo è quello nutrizionale, il secondo è quello ambientale, il terzo è quello sociale. Il miglior amico dell uomo Non è un iperbole affermare che in tavola il pesce è il miglior amico dell uomo. Ormai tutti gli istituti di ricerca mondiali sono concordi che al pesce vada affidata la maggior parte di proteine che noi consumiamo. Una dieta equilibrata prevede di mangiare pesce almeno tre volte alla settimana. Per i bambini e gli adolescenti le porzioni andrebbero aumentate arrivando almeno a sei alla settimana su quattordici pasti principali. La ragione di questa esuberanza ittica per l infanzia sta nel fatto che il pesce è un ottimo alimento per favorire un armonico sviluppo psicofisico. Molti studi hanno dimostrato come le gestanti, se si alimentano regolarmente di pesce, danno alla luce bambini con capacità mnemoniche potenziate e i neonati sono più protetti da danni neuronali e della vista. Per noi italiani, peraltro, quella del pesce dovrebbe essere una sorta di cultura identitaria dacché la dieta mediterranea il regime alimentare che è stato riconosciuto dall Unesco patrimonio immateriale dell umanità ci appartiene come elemento connotante della nostra civiltà. La dieta mediterranea prevede un moderato consumo di proteine animali, ma queste proteine sono apportate quasi esclusivamente dal consumo di pesce. Perciò anche se con i nostri 21 chili a testa siamo su un buon livello, considerando un consumo corretto di tre pasti alla settimana con pesce, dovremmo arrivare all incirca a consumare sui 35 chili di pesce all anno, 10 in più dell attuale livello. È di tutta evidenza che la risposta più pronta e sostenibile a questo salutare incremento di domanda sta nel potenziamento dell acquacoltura. Dunque, impariamo a conoscere il pesce dall interno. Il pesce è costituito per la maggior parte di acqua, ma ha dal 15 al 23% di proteine di altissimo valore nutritivo con una digeribilità che arriva al 97%. È ricchissimo di metionina (un aminoacido che ci disintossica dai metalli pesanti e ricostituisce i tessuti muscolari), che il nostro corpo non è in grado di produrre da solo, e di lisina, un altro aminoacido essenziale, che stimola e protegge il sistema immunitario, rafforza le ossa, favorisce la produzione enzimatica e ormonale; insomma, ci serve per avere un buono sviluppo. In più ha i famosissimi omega-3, indispensabili per mantenere le nostre cellule in buona salute, ha molti grassi 13

14 polinsaturi, ha basso livello di colesterolo e apporta sali minerali fondamentali come fosforo, selenio, iodio (pesci di mare). Ma l amico pesce ha un altra unicità: è l unica fonte alimentare che ci consente di metabolizzare DHA ed EPA, che sono la trasformazione degli omega-3 (acido linoleico) e che proteggono cervello, retina e gonadi e prevengono aterosclerosi e malattie cardiovascolari. Ora abbiamo capito che il detto sano come un pesce un fondamento ce l ha! La sostenibilità L acquacoltura è sostenibile per definizione. È amica dell ambiente e ha bisogno di un ambiente amico. È, tra le attività per la produzione di cibo, quella che ha il minor impatto sull ecosistema perché appunto moltiplica, attraverso le pratiche di allevamento, le risorse disponibili senza intaccare le riserve naturali. Ma al contempo ha necessità di un ambiente il più incontaminato possibile. Basti pensare che alcune specie ittiche se le acque non sono pure non riescono né a crescere né a riprodursi, altre hanno bisogno di temperature dell acqua costanti, altre ancora necessitano di livelli di ossigenazione al di sotto dei quali muoiono. Quando sentiamo parlare del riscaldamento dei mari o della minor portata dei fiumi o, ancora, dell invasione di alghe o di specie animali aliene nelle nostre acque dobbiamo sapere che tutti questi fattori sono nemici dell acquacoltura, che dunque deve operare per migliorare la qualità ambientale e deve cercare di essere essa stessa il più sostenibile possibile per evitare di segare il ramo su cui è seduta o, se preferite, di affogare nell acqua dove nuota. La testimonianza più evidente della sostenibilità dell acquacoltura è data, però, proprio dagli intenti che l Europa si è data con la politica comune del pesce ( ) cercando di incentivare l acquacoltura per preservare i mari, i laghi, i fiumi, i torrenti d Europa, per avere pesce a sufficienza intaccando il meno possibile le riserve naturali e l ecosistema. Per noi italiani, che ci affacciamo sul meraviglioso, ma affaticato Mediterraneo, questa è un esigenza assoluta. Perciò consumare pesce di acquacoltura significa fare del bene a noi, ma anche all ambiente. La qualità L acquacoltura europea, e sommamente quella italiana, ha fattori qualitativi che le assegnano la leadership mondiale. Questi elementi distintivi sono sostanzialmente quattro: la professionalità e competenza degli operatori e dei produttori, la qualità ambientale, i controlli scrupolosissimi, la ricerca e la tecnologia. 14

15 Come si sa, l Italia ha il primato mondiale nella sicurezza alimentare. Abbiamo già visto che l acquacoltura ha bisogno di un buon ambiente per svilupparsi. Ma i controlli previsti dalla normativa europea sono stringenti e riguardano il pesce e il benessere animale nelle fasi di allevamento, la qualità delle acque dove si svolgono le attività di acquacoltura, i controlli sulla salubrità e sanità dei prodotti, sui mangimi e sui sistemi di allevamento, fino alle pratiche di abbattimento del pesce, di conservazione, di trasporto e di distribuzione. In più, l Europa prevede un rigoroso sistema di etichettatura del pesce per dare al consumatore la massima informazione e tutte le garanzie. Un fattore qualitativo fondamentale è dato, inoltre, dallo stato dell ambiente sia costiero sia delle acque interne oltreché dai microclimi. Da questo punto di vista, l acquacoltura gode di un vantaggio di posizione che viene accresciuto dalle tecnologie e dalla ricerca continua applicata al miglioramento sia delle pratiche di allevamento sia del materiale biologico, sia dell accrescimento e dell alimentazione dei pesci. Infine, vi è una componente non secondaria: la preparazione e la competenza degli operatori del settore dell acquacoltura, i quali, insieme con le istituzioni e le associazioni di categoria, hanno elaborato un Sistema di qualità totale per l acquacoltura ritenendolo un fattore strategico e un importante asset competitivo. Tutto questo comporta che i costi di produzione in Europa, e specialmente in Italia, siano più alti, ma in cambio l acquacoltura garantisce la massima qualità. Perché il pesce è buono se è buon pesce. Come si fa I sistemi di acquacoltura sono molti. Per coltivare l acqua bisogna sapere quale si vuole seminare per ottenere quali frutti (pesci, molluschi, crostacei, pesci di acqua dolce). Diciamo che il pianeta itticoltura ha due emisferi: uno è quello dell acquacoltura, l altro è la maricoltura, che ha un satellite molto importante, almeno in Italia, che è la molluschicoltura. Andando per macro categorie possiamo dire che l acquacoltura può essere estensiva, semintensiva o intensiva. In Italia, poi, esiste una particolarità unica: la vallicoltura, cioè l allevamento di pesce nelle lagune costiere naturali e nelle zone umide che, oltre a produrre ottimo pesce e ottimi molluschi, ha anche un altissimo e insostituibile valore ambientale perché preserva questi ecosistemi assai fragili e peculiari. L acquacoltura estensiva in acqua dolce viene praticata negli stagni, dove i pesci immessi si nutrono naturalmente e sono controllati. È il caso, ad esempio, 15

16 dell allevamento della carpa. L acquacoltura intensiva in acqua dolce è fatta in vasche dove i pesci vengono nutriti con alimenti specifici per loro, le acque sono continuamente controllate come si fa per l allevamento delle trote. L acquacoltura intensiva a terra può essere fatta anche per specie marine: in particolare, vengono allevati in vasca i pesci piatti come il rombo. L acquacoltura estensiva marina è praticata in lagune, in golfi e in insenature dove i pesci vengono in parte nutriti con alimenti specifici per loro e si fanno immissioni di avannotti per incrementarne la produzione, come nel caso di orate e spigole. L acquacoltura marina in grandi gabbie, più propriamente detta maricoltura, prevede che i pesci siano allevati in zone costiere e in mare aperto, come avviene per i salmoni, i branzini e le spigole. La molluschicoltura, infine, è una sorta di allevamento estensivo. Si sviluppa in golfi e insenature o nelle lagune e negli stagni salmastri dove il novellame sia selvatico sia di allevamento viene liberato, si nutre naturalmente (filtra il plancton) e cresce liberamente e/o su strutture predisposte dall uomo. Così sono allevate le cozze e le ostriche (e in parte le vongole), che sono l attività di acquacoltura europea di gran lunga preponderante per fatturato e volumi. Una particolare attenzione va prestata alle avannotterie, che sono strutture specializzate che forniscono agli allevatori il novellame. Sono come incubatrici dove i riproduttori vengono controllati continuamente e dove si stimola la riproduzione cercando di dilatare i tempi di deposizione delle uova. Tutto questo avviene con la massima cura e se vi capitasse di entrare in avannotteria o di vedere come operano gli addetti ai cuccioli di pesce vi potrebbe venire il dubbio di essere capitati in un reparto di neonatologia. Il primo interesse dei gestori delle nurseries acquatiche è che l ambiente sia il più incontaminato possibile e la salute dei piccoli massima. Così si può dire che il pesce di acquacoltura è controllato da prima della nascita alla tavola. C è del buono Sarà per un inconsapevole eredità di gusto che ci hanno lasciato gli imperatori romani, ma andare a mangiare il pesce è percepito come un momento di felice trasgressione gastronomica, di rafforzamento del piacere della convivialità, di offerta simbolica fatta sull altare degli affetti e dell amicizia. Quante volte ci capita di invitare la famiglia e gli amici a una botta di vita gastronomica che ha un protagonista scontato: il pesce! Quando vogliamo partecipare gli altri della nostra abilità culinaria o allestire una cena in gran pompa proponiamo un menu di pesce. C è in questa disposizione d animo molto di vero, ma anche molto di errato. Il pesce dovrebbe essere un abitudine alimentare costante e, quanto all abilità 16

17 gastronomica, diciamocelo: è ben più complicato acconciare per gli ospiti una lasagna o un Saint-Honoré piuttosto che un sauté di cozze o un branzino all acquapazza. Però il pesce nel nostro immaginario evoca almeno tre emozioni che hanno a che fare non solo con la soddisfazione alimentare, ma anche con l autostima e un po con l ostentazione. Insomma, per dirla con la piramide di Maslow, siamo a un livello di bisogni non solo fisiologici, ma sommamente relazionali e culturali. Nel pesce è racchiuso l immaginario delle vacanze, del mare o dei paesaggi di lago e di montagna, con il pesce evochiamo la nostra eucronia e la nostra eunomia, quel tempo buono e quella regola buona che ci danno il senso della libertà, dell otium latino. In più, c è la sensazione che il pesce ci dia un contatto con la naturalità e ci ponga in buona disposizione fisica dacché tutti lo percepiscono come un alimento leggero. Ebbene, aveva ragione Brillat-Savarin: il pesce è una fonte inesauribile di godimenti del palato. Anche perché si presta a infinite preparazioni e a stimolanti sperimentazioni. E marca converrà affermarlo la supremazia della cucina italica. Per abitudine gastronomica della dieta mediterranea la cucina italiana di pesce è la più ricca di ricette e anche la più rispettosa dell ingrediente principe. Difficilmente i nostri piatti prevedono salse corpose in abbinamento a pesce, crostacei e molluschi. Semmai, vi è la tendenza a sposare l acqua con l orto per portare in tavola un piatto spontaneamente equilibrato dal punto di vista nutrizionale e identitario per quanto attiene al gusto. La vera difficoltà della cucina di pesce sta prima di accendere i fuochi. Bisogna saper scegliere il pesce giusto per il piatto giusto e, soprattutto, badare alla freschezza della materia prima. Ed ecco il grande vantaggio dell acquacoltura. Ci offre pesci freschissimi e di pezzature utili a un uso gastronomico equilibrato e, se vogliamo, anche più semplice. Comprando pesce di acquacoltura, in cucina si comincia con il piede giusto. Teniamo presente che i pesci allevati ma non vale per i molluschi hanno solitamente due caratteristiche: carni più morbide e leggermente più grasse. Ciò ci consente di abbreviare le cotture e al contempo di limitare i grassi di preparazione a tutto vantaggio dell esaltazione del sapore del pesce. Con Veronelli e Carnacina possiamo azzardare anche a proporre, ad esempio, delle trotelle al blu: cioè a cottura molto rapida in modo da lasciare la carne interna semicruda. Con Artusi potremmo portare così in tavola un rombo al piatto (preparazione che ha il vantaggio di digrassare molto). A proposito del buon Pellegrino, ci sono da registrare una sua carenza e una sua piccola eresia. Scrive nella famosissima La Scienza in cucina e l Arte di mangiar bene: «Ritengo che il pesce, per essere alimento poco nutritivo, sia più igienico usarlo promiscuamente alla carne anziché cibarsi esclusivamente di esso ne giorni magri, ammenoché non vi sentiate il bisogno di equilibrare il corpo per ripienezza di cibi troppo succolenti. Di più il pesce, in ispecie i così detti frutti di 17

18 mare e i crostacei, per la quantità notevole d idrogeno e di fosforo che contengono, sono eccitanti e non sarebbero indicati per chi vuol vivere in continenza». Povero Artusi. Vittima anche lui del luogo comune (in realtà lo pensavano i Greci e pure i Romani che ne erano golosi) che vuole, ad esempio, le ostriche afrodisiache. Se lo sono è per via del nostro immaginario che ce le presenta come la conchiglia di Venere. Botticelli s è sbagliato: non era una Saint-Jacques quella da cui la dea della bellezza sorse dalle acque bensì un ostrica piatta! Però è vero che cozze, ostriche e vongole mettono in buona disposizione d animo. E questo all amore serve. Ma l errore del buon Pellegrino sta nel pensare che il pesce sia poco nutriente. Al contrario: nutre assai, ma in maniera del tutto equilibrata. E noi italiani, che sappiamo cucinarlo in concordanza con il resto del naturale, ne traiamo massimo vantaggio di gusto e di salute. Tuttavia, a proposito dell Artusi, converrà notare come nel suo ricettario siano relativamente scarse le preparazioni di pesce. Le ragioni sono sostanzialmente due. Egli ha collazionato le ricette borghesi e La Scienza in cucina è ampiamente carente della culinaria meridionale. Due fattori che spiegano come egli che, peraltro, di natali romagnoli e di biografia fiorentina, doveva ben anelare il pesce abbia giocoforza dovuto limitare i piatti di pesce. Il motivo è che ai tempi dell Artusi siamo nel 1891 il pesce costava caro e le signore della buona borghesia, le suggeritrici di messer Pellegrino, erano parsimoniose assai in fatto di annona. Ecco, attualizzando ai tempi nostri, un altro vantaggio dell acquacoltura: ci dà ottimi pesci a buon prezzo. Dunque, possiamo permetterci di sentirci con spigole e orate, rombi e trote, salmoni e carpe, cozze e ostriche come gli imperatori romani imitando un po Trimalcione. Ma, mi raccomando, senza cadere nelle sue ostentate castronerie gastronomiche. Un pranzo o una cena di pesce non deve mai prevedere che vi siano portate differenti dal pesce. Non si serve neppure il formaggio ed è preferibile chiudere con un dessert leggero. Sarebbe infatti un insulto al gusto del pesce quello d inframmezzarlo con piatti di terra dai sapori più spessi. Semmai, è ammesso servire un antipasto di pesce in una cena che si dipani poi su altri temi gastronomici. È profondamente sbagliato come spesso capita in banchetti anche di una certa pretesa portare come piatto di mezzo del pesce. Lo si fa obbedendo all apparenza. Siccome il pesce fa chic (e in qualche misura viene sempre associato, sbagliando, a un idea di esuberanza economica), si ostenta, ma l apparenza, anche in questo caso, finisce per mortificare la sostanza. Per il medesimo motivo, se si è optato di servire sia pesce di mare sia pesce di acqua dolce, si offrirà per primo il più delicato e poi il pesce salso, che ha sapore un po più deciso. Egualmente si dovrà aver riguardo ai condimenti e agli olii, così come i vini che accompagnano le portate dovranno adeguarsi. Perché, per avere il massimo dal pesce, così come l acquacoltura rispetta l ambiente, il nostro bisogno alimentare e anche il nostro portafogli, bisogna che in cucina portiamo rispetto al pesce. Ci ripagherà con guizzi di gusto! 18

19 I buonissimi dieci 19

20 Facciamo qui una breve rassegna delle caratteristiche peculiari delle dieci specie ittiche che sono protagoniste dell acquacoltura europea tra pesci di acqua dolce, di mare e molluschi. Branzino o Spigola Dicentrarchus labrax È uno dei pesci di mare più apprezzati dai gourmet. Vive in acque temperate costiere e si nutre prevalentemente di crostacei: questo conferisce alle sue carni un particolare pregio. Dal punto di vista nutrizionale è considerato un pesce magro (145 calorie per etto edibile) ed è ricco di ferro, potassio e di grassi mono e polinsaturi. Si riconosce per la forma allungata e la livrea argentea che va dal grigio scuro sul dorso al bianco nella parte ventrale. Dal punto di vista gastronomico è particolarmente versatile. Carpa Cyprinus carpio Originaria del Sud asiatico, è uno dei pesci più allevati al mondo ed è considerata di grande pregio in Oriente. Vive in acque dolci temperate. La livrea è brunoverdastra con riflessi bronzei su dorso e fianchi, giallastra sul ventre. Ha carni sode e compatte di colore rosso chiaro. Dal punto di vista nutrizionale è ricca in sodio, potassio e fosforo, e apporta circa 135 calorie per etto edibile. In cucina si presta a piatti arricchiti di erbe aromatiche e verdure da farsi in stufato. Cozza Mytilus galloprovincialis È uno dei molluschi più comuni, vive filtrando il plancton ed è allevato facendolo aderire a sagole calate in acqua. Il maschio si riconosce perché ha polpa gialla, mentre nella femmina è arancio-rossastra. Dal punto di vista nutrizionale la cozza è ricca di fosforo e potassio e ha un ottimo corredo di grassi polinsaturi. Apporta all incirca 84 calorie per etto di parte edibile. In cucina è versatilissima. 20

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA COZZE PASTELLATE - 2 Kg di cozze - 2 uova - 2 cucchiai di farina - ½ bicchiere di birra - sale - pepe Preparazione: Prendere le cozze, dopo averle

Dettagli

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti.

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti. IL MARE IN TAVOLA MENU Antipasti: 1. Bottarga e pomodori 2. Cozze alla marinara 3. Fagioli cannellini e gamberetti Primi piatti: 4. Spaghetti alle cozze e vongole veraci in bianco 5. Spaghetti alla bottarga

Dettagli

ACCIUGHE E VONGOLE ANCHE NEI MESI FREDDI ECCO LE RICETTE DEL PROF. MIGLIACCIO

ACCIUGHE E VONGOLE ANCHE NEI MESI FREDDI ECCO LE RICETTE DEL PROF. MIGLIACCIO ACCIUGHE E VONGOLE ANCHE NEI MESI FREDDI ECCO LE RICETTE DEL PROF. MIGLIACCIO Il Prof. Pietro Antonio Migliaccio, nutrizionista e Presidente della Società Italiana di Scienza dell alimentazione (SISA),

Dettagli

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Consigli pratici per la preparazione delle Lumache vive Le nostre lumache Helix Aspersa Muller, sono allevate all aperto e seguono il ciclo biologico

Dettagli

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 2 Zucchine trifolate ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 6 zucchine 1 cipolla 1 spicchio di aglio 50 g di scalogno 20 g di pinoli 50 g di prezzemolo 50 g di aceto di vino bianco 50 g di zucchero Olio extra

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

Carne svizzera di vitello.

Carne svizzera di vitello. Carne svizzera di vitello. Piacere delicato nella qualità migliore. www.carnesvizzera.ch Per una cucina delicata e leggera La carne svizzera di vitello è tenera e ha un sapore molto delicato, ma è anche

Dettagli

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni GIAPPONE Dolce di carote (Gajar Halwa) 2 kg di carote 250 g di zucchero 80 g di mandorle pelate 120 g di burro chiarificato 80 g di pistacchi 2 l di latte cardamomo verde pelare e grattuggiare le carote

Dettagli

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO Pomodori Pelati I nostri pomodori pelati sono il risultato di una procedura di accurata selezione che parte dalla scelta dei semi ed arriva fino alla valutazione dei terreni adatti ad ospitare le coltivazioni.

Dettagli

www.ricettegustose.it Pagina 1

www.ricettegustose.it Pagina 1 www.ricettegustose.it Pagina 1 Indice primi piatti di pesce 1 Iscriviti alla NewsLetter per conoscere tutte le nuove ricette inserite Bucatini pesce spada e olive nere Farfalle patate e trota salmonata

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

- RICETTE di PESCE -

- RICETTE di PESCE - - RICETTE di PESCE - ZUPPA ALLA MARANESE (per 4 persone) 2 Kg di pesce misto (passera, cefalo, ghiozzo,anguilla, ecc) tutto di piccola taglia Mezza cipolla Aceto ½ bicchiere di vino bianco 2 coste di sedano

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

Schede Prodotto Gamma Sagra

Schede Prodotto Gamma Sagra Scaricato da www.largoconsumo.info Schede Prodotto Gamma Sagra Sagra è ormai da anni un marchio conosciuto e apprezzato dai consumatori italiani per la qualità dei suoi oli grazie ad una selezione accurata

Dettagli

Per ricordare le origini a tavola

Per ricordare le origini a tavola Per ricordare le origini a tavola LA CUCINA CON AMORE... di Lucia Tardelli. ANTIPASTO : alici marinate ingredienti per 4 persone : 400gr alici fresche un po grosse 70gr farina olio per fritture 2 dl di

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

menu di legumi a tavola Falafel di fave secche 400 Kcal a porzione

menu di legumi a tavola Falafel di fave secche 400 Kcal a porzione prodotti a tavola menu di legumi 64 400 g di fave secche 1 mazzetto di finocchietto selvatico 200 g di ricotta 2 uova 2 spicchi d aglio pangrattato q.b. sale e pepe olio per friggere 1 cucchiaio di farina

Dettagli

Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa. Delizie. dei. Mari del Nord

Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa. Delizie. dei. Mari del Nord Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa P Delizie dei Mari del Nord h D alle fredde e basse acque del Mare del Nord alle nostre tavole, la platessa porta con sé tutte le qualità che

Dettagli

Carré d agnello in crosta di pistacchi

Carré d agnello in crosta di pistacchi Corso Cucina Pag. 1 di 6 Carré d agnello in crosta di pistacchi Ricetta presentata da: Obiettivi del corso: Preparazione del Carré d agnello in crosta di pistacchi ed erbe aromatiche al forno Accompagnamento:

Dettagli

ricette per cucinare le rane

ricette per cucinare le rane 2 Introduzione Come già detto, le rane sono una prelibatezza per palati fini e anche nel passato, quando era possibile catturarne, venivano cucinate in vari modi, in base anche alla quantità di cui si

Dettagli

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto Spaghetti al Guazzetto 4 cicale 4 scampi medi 4 pezzi di razza 4 piccole pescatrici calamaretti seppioline prezzemolo, aglio, olio d oliva pomodorini, sale peperoncino a discrezione. tempo di realizzazione

Dettagli

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT - 1 - RICETTARIO - 2 - RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT La pentola Slow Cooker è lo strumento ideale per chi vuole cucinare con facilità. Bastano pochi passi e il risultato sarà sempre perfetto!

Dettagli

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione Ricettario tabella dietetica Asilo Nido Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana,

Dettagli

Formato: Quantità pezzi Pezzi per strato Quantità Strati Dimensioni in cm. Peso netto in Kg 8 2 4 26,5x35,0x15,0h 2,4

Formato: Quantità pezzi Pezzi per strato Quantità Strati Dimensioni in cm. Peso netto in Kg 8 2 4 26,5x35,0x15,0h 2,4 Barchette di Cozze Le Barchette di cozze Fish&Co. sono cozze panate, ripiene di verdure e besciamella. Subito pronte, per un sapore delicato ed apprezzato. Rappresentano un appetitoso antipasto di mare.

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia

MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia Mattonella di puro Sale dolce di Cervia ideale per la cottura a caldo o per preparazioni a freddo delle pietanze. Il sale della millenaria Salina di Cervia

Dettagli

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto SALSA KETCHUP Il libretto è la raccolta di alcune ricette cucinate dalla cuoca della nostra mensa, Letizia Bambagioni, per i bambini delle scuole di Scandicci. Le ricette, inserite nel menù stagionale

Dettagli

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca Menù AZZURRO Prepasto Zanzarelli Minestra Brodetto saracenico Pasto Pollo al finocchio Postpasto Budino di frutta secca 1 Ricetta e preparazione menu azzurro (4) Zanzarelli (Libro de arte coquinaria, Maestro

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

FORNO ALOGENO. COD. GD043 1400W - 230V~ - 50Hz

FORNO ALOGENO. COD. GD043 1400W - 230V~ - 50Hz FORNO ALOGENO COD. GD043 1400W - 230V~ - 50Hz 1. 2. 4. 3. 5. 7. 6. 10. 1. Spia di controllo funzionamento (POWER) 2. Orologio timer (TIME) 3. Maniglia con sicurezza 4. Termostato per controllo temperatura

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

Facili idee di preparazione. secondi

Facili idee di preparazione. secondi Facili idee di preparazione secondi al microonde o in pade lla I Salvaminuti 90 secondi, cereali antichi per stili di vita moderni! Cereali e legumi cotti a vapore con olio Extra Vergine d Oliva Monini,

Dettagli

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati 500 gr di porcini 3 agli prezzemolo olio evo mezzo bicchiere di vino bianco farina Procedimento Pulite i porcini, grattando il gambo e la cappella con un

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Le nostre ricette DietaVita sono studiate secondo i principi di una dieta equilibrata e varia, e ognuna fornisce circa 500-600 calorie. Snack e bevande contenenti

Dettagli

TARTUFI FRESCHI E SURGELATI

TARTUFI FRESCHI E SURGELATI TARTUFI FRESCHI E SURGELATI tartufi freschi e surgelati Tartufi freschi Disponibili tutto l anno nelle diverse tipologie, in relazione ai diversi periodi di raccolta, i tartufi bianchi, neri, estivi e

Dettagli

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- --------------------------------------------------

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ESERCITAZIONE PRATICA N 9 CARPACCIO DI CARCIOFI CON BRESAOLA DELLA VALTELLINA SU LETTO DI RUGHETTA CON MOUSSE DI FORMAGGIO ALLE ERBE ----------------------------------------------- CREMA PARMANTIER -------------------------------------------------

Dettagli

menu di gorgonzola a tavola Vol-au-vent al gorgonzola 400 Kcal a porzione

menu di gorgonzola a tavola Vol-au-vent al gorgonzola 400 Kcal a porzione prodotti a tavola menu di gorgonzola 64 Vol-au-vent al gorgonzola 12 vol-au-vent 100 g di gorgonzola dolce 80 g di burro 2 cucchiai di marsala secco 4 cucchiai di panna montata 1 cucchiaio di cipolla fresca

Dettagli

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione Signora Dieta Mediterranea: più di 50 anni ma non li dimostra Giovedì 29 Ottobre 2009 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze Via del Pozzetto,

Dettagli

CONGRATULAZIONI ... UNO PER TUTTO, TUTTO IN UNO!

CONGRATULAZIONI ... UNO PER TUTTO, TUTTO IN UNO! RICETTARIO DELUXE CONGRATULAZIONI Gentile cliente, la ringraziamo per aver acquistato, il sorprendente sistema di cottura che le permetterà di cucinare solo con una pentola in modo facile, sano e gustoso

Dettagli

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE INDICE PRESENTAZIONE 5 GLOSSARIO ESSENZIALE 6-9 Celti, greci, latini: la cucina racconta la storia 10-11 Comuni, signorie, regioni: le cento cucine d Italia 12-13 Le differenze regionali nel lessico della

Dettagli

RICETTARIO APRILE 2015

RICETTARIO APRILE 2015 RICETTARIO APRILE 2015 RISOTTO CON FIORI DI BORRAGINE, MANDORLE E LIMONE GRATTUGIATO DI SORRENTO - 280 g di riso, 2-3 mazzetti di fiori di borragine, - 1 scalogno, - 1 l di Brodo vegetale (per la preparazione

Dettagli

CONTEST LENTICCHIA PEDINA

CONTEST LENTICCHIA PEDINA Gentile Cliente, ti ringraziamo per aver scelto Lenticchia Pedina e per il contributo che hai dato al progetto Casa del Sorriso del CESVI in aiuto ai bambini brasiliani di Rio de Janeiro. Guarda il video

Dettagli

Pratähäpfla (Patate arrosto)

Pratähäpfla (Patate arrosto) Pratähäpfla (Patate arrosto) - 8 patate di grandezza media - burro quanto basta - 200/300 gr di formaggio nostrano grasso, tipo Bettelmatt - sale e pepe : Far bollire le patate in acqua salata, pelarle,

Dettagli

Insalate, le ricette. Insalata di sgombri, patate e barbabietola

Insalate, le ricette. Insalata di sgombri, patate e barbabietola Insalate, le ricette Insalata di sgombri, patate e barbabietola I nostri ingredienti Novità Gli sgombri grigliati Solo Scomber japonicus colias, la specie più pregiata, per il suo equilibrio di sapore

Dettagli

Olio Piave nasce in Veneto nel 1938 dalla tradizione e dalla passione olearia che la mia famiglia si tramanda di generazione in generazione da quasi

Olio Piave nasce in Veneto nel 1938 dalla tradizione e dalla passione olearia che la mia famiglia si tramanda di generazione in generazione da quasi Olio Piave nasce in Veneto nel 1938 dalla tradizione e dalla passione olearia che la mia famiglia si tramanda di generazione in generazione da quasi cento anni. Questa grande storia, unita alla continua

Dettagli

Collana Digitale IPSSAR Brindisi

Collana Digitale IPSSAR Brindisi Collana Digitale IPSSAR Brindisi Piatti realizzati dagli allievi del prof. Vincenzo Mustich Ricettario antipasti primi secondi contorni dessert dolci IPSSAR S. Pertini - Brindisi antipasti Porzione: 129

Dettagli

Il piccolo ricettario della cucina di recupero

Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero nasce nell ambito del progetto CiBiTe Cibo, Biodiversità e Territorio

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI Ricettario Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana, timo, alloro, basilico) e farli cuocere in acqua per un'ora a fuoco moderato. Colare il brodo ed

Dettagli

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano Riso con piselli Ingredienti; 1kg di piselli freschi, 500 g di riso, 80 g di burro, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 1 cipolla, olio, sale e qualche foglia di menta. Preparazione: Sgranate i piselli.

Dettagli

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Per la formulazione delle tabelle dietetiche sono state

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Carne svizzera. di maiale. Un piacere pregiato. www.carnesvizzera.ch

Carne svizzera. di maiale. Un piacere pregiato. www.carnesvizzera.ch Carne svizzera di maiale. Un piacere pregiato. www.carnesvizzera.ch Un invito al gusto La carne svizzera di maiale gode di grande popolarità. È tenera, è a fibra sottile e ha un bel colore rosa. La scelta

Dettagli

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Menu delle feste dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Morbido di cioccolato Baccalà mantecato riso croccante

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

La frittura fa bene o male? Tutte le risposte.

La frittura fa bene o male? Tutte le risposte. La frittura fa bene o male? Tutte le risposte. CuDriEc 8 maggio, 2016 La frittura fa bene o male? Questo l amletico dubbio. Abbiamo cercato opinioni in merito, cercando di raccogliere più documentazione

Dettagli

Cottura: Costo: bassa. 45 min. Olio extravergine di oliva 25 g, di cui per il pomodori e basilico, che sono protagonisti indiscussi della caponata,

Cottura: Costo: bassa. 45 min. Olio extravergine di oliva 25 g, di cui per il pomodori e basilico, che sono protagonisti indiscussi della caponata, Contorni Caponata Difficoltà: Preparazione: Cottura: Dosi per: Costo: bassa 20 min 45 min 6 persone basso NOTA: + 1 ora di riposo delle melanzane Ingredienti Melanzane 1 kg Sedano i gambi 600 g Cipolle

Dettagli

23 aprile 2011. Cucina Zen per Occidentali

23 aprile 2011. Cucina Zen per Occidentali 23 aprile 2011 Cucina Zen per Occidentali 1 Gli ingredienti giapponesi (*) Tofu: é ricavato dalla cagliatura del latte di soia a mezzo del cloruro di magnesio (nigari) e dalla successiva pressatura in

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

Ricette di Andreas Caminada

Ricette di Andreas Caminada Zuppa di gulasch 600 g di cipolle 800 g di carne di manzo 20 g di paprika in polvere (piccante o dolce) 10 g di cumino 1 tazza di brodo 1 spicchio d'aglio peperoncino buccia di 1/2 limone 3 peperoni rossi

Dettagli

RICETTARIO STUDIOVERDE COZZE E VONGOLE. cam. www.camittico.it

RICETTARIO STUDIOVERDE COZZE E VONGOLE. cam. www.camittico.it STUDIOVERDE RICETTARIO COZZE E VONGOLE cam www.camittico.it i frutti più buoni del mare i frutti più buoni del mare SPAGHETTI CON LE VONGOLE 600g di vongole, 4 cl di olio extravergine d oliva, 1 spicchio

Dettagli

CHICCO CEREA MERCOLEDI 5 Febbraio 10h 13h

CHICCO CEREA MERCOLEDI 5 Febbraio 10h 13h CHICCO CEREA MERCOLEDI 5 Febbraio 10h 13h Menu Carbon pacchero Moscardini al verde / Moscardini affogati con polenta Casoncelli di Taleggio con crema di mais e tartufo nero Risotto con zucca, strachitunt

Dettagli

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia 12 1 I COPERCHI SMARTY PATATE AL FORNO Facili da usare Non sporcano Sono sicuri Riducono le dosi dei condimenti Pulite bene le patate e tagliatele a tocchetti. Accendete il fornello a fuoco medio. Coprite

Dettagli

Ribollita. Piatti Unici. Ingredienti

Ribollita. Piatti Unici. Ingredienti Piatti Unici Ribollita Difficoltà: Preparazione: Cottura: Dosi per: Costo: media 35 min 210 min 6 persone basso NOTA: + 1 notte di ammollo dei fagioli cannellini e 1 notte di riposo della ribollita Ingredienti

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Ricette. IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero

Ricette. IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero Ricette del menù proposto nella cena promozionale di Star bene a tavola di Venerdì 04 aprile 2014 ore 20,00 Insalatina

Dettagli

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO Anno 2013 Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Comunale 1 PRIMI PIATTI Crema di piselli con riso Vellutata di zucchine con

Dettagli

MENU DI NATALE 2015. Crostini avogado e olive. Zucca con passolina e pinoli. Vellutata di giri. Risotto melograno e broccoli.

MENU DI NATALE 2015. Crostini avogado e olive. Zucca con passolina e pinoli. Vellutata di giri. Risotto melograno e broccoli. MENU DI NATALE 2015 Crostini avogado e olive Zucca con passolina e pinoli Vellutata di giri Risotto melograno e broccoli Polpettone vegano Insalata ricca Torta Sacher VEG Crostini avogado e olive ingredienti:

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

Sommario LA STORIA LE PROPRIETÀ LA SALUTE IN CUCINA LE RICETTE. Le origini. Le sue virtù. I benefici. Lavorazione. I menu

Sommario LA STORIA LE PROPRIETÀ LA SALUTE IN CUCINA LE RICETTE. Le origini. Le sue virtù. I benefici. Lavorazione. I menu Sommario Le origini Il cibo povero più amato dai sovrani 7 LA STORIA Le sue virtù Mangia la pizza e resti in salute 19 LE PROPRIETÀ I benefici I trucchi per renderla meno calorica 43 LA SALUTE Lavorazione

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

fangocur sale marino

fangocur sale marino O r i g i n a l e fangocur sale marino i l m i g li o r sale d e l m o n d o senza iodio, filtrato naturalmente, non trattato, raccolto a mano Le condizioni ideali per la formazione di un sale pregiato

Dettagli

Crema di broccoletti

Crema di broccoletti 1 VITACuISINE Crema di broccoletti CREMA DI BROCCOLETTI, MOZZARELLA DI BuFALA E SCAMORZA AFFuMICATA 2 cime di broccoli 30 g di olio extravergine 10 g di sale fino 4 g di capperi dissalati 60 g di mozzarella

Dettagli

Riso venere con asparagi mantecato al caprino

Riso venere con asparagi mantecato al caprino Riso venere con asparagi mantecato al caprino Gli asparagi contengono asparagina o acido aspartico (la sostanza che conferisce l odore pungente) che sembra avere proprietà diuretiche. Come tutti gli ortaggi,

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Caprese con mezzelune di pomodoro

Caprese con mezzelune di pomodoro Caprese con mezzelune di pomodoro, piatto simpatico. Uno dei mille modi per presentare una caprese. pomodoro mozzarella origano Tec-Al olio al peperoncino Caprese con mezzelune di pomodoro Ingredienti:

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

Giulia Scarpaleggia CUCINA DA CHEF CON INGREDIENTI LOW COST. Compra con la testa Cucina con il cuore. varia

Giulia Scarpaleggia CUCINA DA CHEF CON INGREDIENTI LOW COST. Compra con la testa Cucina con il cuore. varia Giulia Scarpaleggia CUCINA DA CHEF CON INGREDIENTI LOW COST Compra con la testa Cucina con il cuore varia Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07688-3 Prima edizione

Dettagli

7 MODI PER AMARSI DI PIÙ

7 MODI PER AMARSI DI PIÙ 7 MODI PER AMARSI DI PIÙ Napoletana verace con due grandi passioni: i viaggi e il cibo. Dell amore per la buona e sana cucina ne ha fatto un lavoro, quello di nutrizionista, e uno stile di vita. Facili

Dettagli

Le mie ricette: nutrizione e chemioterapia

Le mie ricette: nutrizione e chemioterapia Le mie ricette: nutrizione e chemioterapia Le mie ricette: nutrizione e chemioterapia è un libro curato da Manuela Pellegrini e promosso dal reparto di Oncologia dell ospedale di Lucca. Questa pubblicazione,

Dettagli

ANTIPASTI. Prendere & gustare. Antipasti italiani da preparare in casa. marche-restaurants.com

ANTIPASTI. Prendere & gustare. Antipasti italiani da preparare in casa. marche-restaurants.com ANTIPASTI Antipasti italiani da preparare in casa Prendere & gustare marche-restaurants.com Funghi ripieni 200 gr. Champignon giganti, marroni o bianchi 10 gr. Prezzemolo in foglia 1 Uovo fresco 25 gr.

Dettagli

Arrosto di maiale alle pere

Arrosto di maiale alle pere Arrosto di maiale alle pere Ecco un altra ricette che amo molto. La considero un cavallo di battaglia, perché e davvero molto semplice da realizzare e stupisce sempre per il suo tono saporito, ingentilito

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

denim bikini shorts crochet turchese hippy chambray fiori jeans bandeau tee-shirt Gli uomini secondo elle Relazioni misteriose Moda

denim bikini shorts crochet turchese hippy chambray fiori jeans bandeau tee-shirt Gli uomini secondo elle Relazioni misteriose Moda in prima persona che cosa ho imparato da questi Miei 50 ANNi lifestyle sognare una campagna col mare LugLio 2013 Gli uomini secondo elle I bellissimi, i più spiritosi, i meglio vestiti Relazioni misteriose

Dettagli

quelli del coniglio nato allevato e lavorato ITALIA

quelli del coniglio nato allevato e lavorato ITALIA quelli del coniglio nato allevato e lavorato quelli del coniglio LA NOSTRA STORIA UNA LUNGA TRADIZIONE FAMILIARE. Da più di cinquant anni ci occupiamo della lavorazione della carne di coniglio. L esigenza

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

Rotolo di vitello ripieno

Rotolo di vitello ripieno Rotolo di vitello ripieno Il rotolo di vitello ripieno con prosciutto, spinaci e frittata è un secondo piatto ricco e gustoso, ideale per il pranzo della domenica o per una occasione speciale. Un piatto

Dettagli

Salmone Norvegese affumicato. Più facile di così! www.fiordisapori.it

Salmone Norvegese affumicato. Più facile di così! www.fiordisapori.it Salmone Norvegese affumicato Più facile di così! www.fiordisapori.it Un mare di gusto e creatività Il Salmone Norvegese affumicato è protagonista di un infinità di ricette invitanti e sfiziose e si adatta

Dettagli

Corso Cucina Pag. 1 di 7

Corso Cucina Pag. 1 di 7 Corso Cucina Pag. 1 di 7 Ricetta presentata da: contenuti del corso: Preparazione: Cinghiale in umido Medaglioni di cervo Fettine di capriolo Contorni di stagione Dessert (mousse di cachi) Contenuto del

Dettagli

COLAZIONE TURCA COLAZIONE

COLAZIONE TURCA COLAZIONE COLAZIONE TURCA Descrizione della tradizionale colazione turca. Noi diamo grande importanza alla prima colazione, soprattutto il fine settimana. Una tipica colazione turca è costituita da fette di formaggio

Dettagli

Variazione di polenta

Variazione di polenta Variazione di polenta Portare ad ebollizione dell acqua aggiungere sale ed incorporare la farina di polenta a pioggia fino alla consistenza voluta. Aggiustare di sale e pepe. Far cuocere per 40 minuti

Dettagli

Mare. Specialità di. Specialità. Acciughe. Tonno. Un po di cultura. SPECIALITÀ DI MARE Specialità Acciughe Tonno. Frutti di mare e non

Mare. Specialità di. Specialità. Acciughe. Tonno. Un po di cultura. SPECIALITÀ DI MARE Specialità Acciughe Tonno. Frutti di mare e non Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Con il termine pesce si intendono le carni di animali acquatici forniti

Dettagli

MOZZARELLA IN CARROZZA

MOZZARELLA IN CARROZZA Ricette di pane pane raffermo a fette passata di pomodoro salata mozzarella origano olio PIZZETTE tagliare a fette non troppo sottili il pane raffermo,disporlo in una teglia, versarvi sopra qualche cucchiaio

Dettagli

Ricettario della nostra cucina tradizionale di Patrizia Rago. www.istitutopalatucci.it

Ricettario della nostra cucina tradizionale di Patrizia Rago. www.istitutopalatucci.it Ricettario della nostra cucina tradizionale di Patrizia Rago www.istitutopalatucci.it Pomodori secchi Dividere i pomodori a metà, metterli su una gratella e farli essiccare al sole. Disporli in un barattolo

Dettagli

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. CARNI-OVINI pagina 7. DESSERT pagina 9 PARTNERSHIP

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. CARNI-OVINI pagina 7. DESSERT pagina 9 PARTNERSHIP MENU WARSTEINER PRIMO PIATTO pagina 5 CREMA DI FORMAGGIO E BIRRA CON CODE DI GAMBERO E SEDANO RAPA CARNI-OVINI pagina 7 BRASATO DI AGNELLO GLASSATO ALLA BIRRA E SESAMO DESSERT pagina 9 FAGOTTINI DI CREPES

Dettagli

VERDURA CREMA DI ZUCCA CON COUS-COUS PAG. 3 VERDURE IN AGRODOLCE CON VERDURE SURGELATE INSALATA DI AVOCADO E PISELLI

VERDURA CREMA DI ZUCCA CON COUS-COUS PAG. 3 VERDURE IN AGRODOLCE CON VERDURE SURGELATE INSALATA DI AVOCADO E PISELLI LA COTTURA AL VAPORE È UN METODO DI COTTURA OTTIMALE PER PRESERVARE VITAMINE, MINERALI E SAPORE DEGLI ALIMENTI, RENDENDO SEMPLICISSIMA LA PREPARAZIONE DI PIETANZE GUSTOSE! UN NUMERO SEMPRE MAGGIORE DI

Dettagli