Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno"

Transcript

1 Provincia di Salerno UN MARE di qualità Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno

2 Un mare di qualità Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno 1

3 Elaborato al Lo studio è stato curato da: Legambiente: Dott. Nicola Corona, Dott.ssa Anna Savarese, Dott. Giancarlo Chiavazzo, Dott.ssa Monia Fresiello, Dott. Massimiliano Bottaro Provincia di Salerno: Dott. Valerio Catalano, Responsabile dell ufficio Risorsa mare, Geol. Francesco Peduto, Responsabile del servizio Difesa del suolo e tutela delle acque, Ing. Giuseppe D Acunzi, Dirigente del settore Ambiente Tutte le immagini inerenti le specie ittiche sono di proprietà esclusiva di Massimiliano Bottaro Stampa: GF PUBBLICITA Stampato su carta FSC 2

4 Indice La costa Salernitana La flotta da pesca salernitana Ambiti pescherecci della Provincia di Salerno Tipologie e sistemi di pesca Attrezzature da pesca La pesca sostenibile La sicurezza alimentare: la normativa sull etichettatura dei prodotti ittici Pesce e salute Quali pesci mangiare? Consigli per gli acquisti Sovrasfruttamento di una specie e Rendimento Massimo Sostenibile (RMS o MSY - Maximum Sustainable Yield ) Totale di Cattura Ammissibile (TAC) e sforzo di pesca e misure tecniche Come verificare la freschezza del Pescato? Occhio alle truffe! Come conservare il Pesce fresco Quali le tecniche di conservazione Le certificazioni di qualità ed i Marchi di Tutela Il controllo e la tutela della denominazione I Prodotti agroalimentari tradizionali La situazione dei Marchi in Italia ed in Europa La situazione italiana: raffronto tra prodotti ittici a Marchio e prodotti inseriti nell elenco dei PAT La situazione campana dei marchi agroalimentari Come cucinare il Pesce? I sistemi di cottura. Allegato A: schede specie sostenibili e ricette tipiche

5 4

6 Le coste salernitane si sviluppano per circa 210 km e rappresentano una delle principali ricchezze della nostra provincia, per le immense risorse ambientali, sociali, culturali ed economiche, che al mare ed alla sua costa restano intimamente legate. La Risorsa Mare, che è parte importante dell intero patrimonio ambientale, risulta prioritariamente strategica per lo sviluppo del nostro esteso territorio provinciale. Per tale motivo, il Presidente della Provincia On. Cirielli ha posto subito tra i propri obiettivi strategici quello della creazione della Rete Ecologica Provinciale ed ha attuato, fin dal suo insediamento, ed attraverso l Assessorato all Ambiente, un attività di incisiva valorizzazione e protezione del nostro patrimonio ambientale. L Ente ha avviato, in questi anni, numerose iniziative connesse all ambiente, tra le quali un Grande Progetto per la lotta all erosione costiera; la candidatura di un altro Grande Progetto relativo alla tutela delle risorse idriche; protocolli d intesa con le Capitanerie di Porto per la sicurezza in mare; la partecipazione a tavoli di coordinamento per incentivare la programmazione condivisa tra gli enti sulle tematiche connesse alla gestione della fascia costiera; la presentazione di progetti per il recupero e la valorizzazione dei siti della Rete Natura Ed ovviamente, vi sarebbero da citare tante altre iniziative, da riconoscere al merito di un intuizione di carattere politico ed amministrativo, ma anche, e forse in larga misura, alla fattività e creatività dei bravi tecnici del settore Ambiente della Provincia di Salerno. In questo contesto, si inserisce anche lo studio sulla valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della provincia di Salerno, con lo scopo dichiarato di diffondere, non solo nella nostra comunità, la consapevolezza che l utilizzo di specie autoctone, pescate con sistemi tradizionali ed ambientalmente sostenibili, può procurare un feedback positivo, coinvolgendo in un sistema virtuoso la piccola pesca costiera, la rete dei ristoratori salernitani ed i consumatori o gli ospiti locali, portando ad un prodotto finale naturale di alta qualità. Lo studio nasce dalla volontà della Provincia di Salerno di impiegare risorse ed energie, con l obiettivo di rafforzare la qualità dell ambiente naturale del territorio provinciale, trasformandolo in volano per la crescita sostenibile dell economia provinciale e regionale. Il tutto, con la preziosa collaborazione con l associazione Legambiente che, attraverso vari protocolli e progetti, ha portato alla diffusione 5

7 delle informazioni ambientali ed alla creazione di una coscienza sociale più rispettosa della natura. Particolare importanza rivestono le tecniche di pesca sostenibile, gli strumenti di pesca a basso impatto, i marchi di tutela e le certificazioni di qualità dei prodotti tipici, ai quali s è dato ampio spazio in questo vero e proprio Atlante delle specie ittiche salernitane e delle relative ricette tipiche locali. Anche questo serve a rafforzare il nostro sentimento di appartenenza ad una comunità tipicamente salernitana, fatta di identità socio-economiche, culturali, artistiche ed anche culinarie. Avv. Adriano Bellacosa Assessore all Ambiente Provincia di Salerno 6

8 Quello in corso è sicuramente il periodo più critico e delicato che il mondo della pesca italiana abbia mai conosciuto. Una situazione di crisi che è difficile ormai definire congiunturale e che si traduce nell allungamento della lista delle specie sovrasfruttate, nel progressivo innalzamento dell età media degli occupati, nella perdita cronica di posti di lavoro e di reddito per gli occupati. La crisi economica è aggravata da una vera crisi di identità che pesa sull intero comparto, stretto fra due visioni contrapposte: da un lato l immagine marginale e folkloristica di una piccola pesca prigioniera del retaggio del passato, dall altro quella di un settore aggressivo e senza scrupoli, che sfrutta la risorsa mare, che punta sui numeri e sulla quantità a dispetto della qualità. Entrambe non rendono affatto giustizia ad un settore strategico e potenzialmente caratterizzante la nostra economia. Ma proprio questo elemento di crisi può diventare paradossalmente un opportunità, la leva di un cambiamento che restituisca dignità e futuro al settore della pesca italiano. Così come nell ultimo ventennio le gravi crisi che hanno colpito in Italia settori contigui a quello della pesca pensiamo alla viticoltura ai tempi dello scandalo del vino al metanolo o all allevamento nel periodo di mucca pazza, all agricoltura tra pesticidi e Ogm sono state la chiave per una svolta positiva, per il ripensamento delle modalità di produzione riorientando il comparto verso la tipicità, la qualità, il forte legame con il territorio, così anche il settore della pesca è chiamato oggi a una svolta culturale, produttiva e di immagine. La pesca italiana è pronta a questa svolta epocale, che può diventare fattore strategico di competitività nei mercati nazionali e stranieri. Possiamo a pieno titolo puntare su una storia di millenni dove antiche conoscenze si evolvono in moderne tecniche produttive e distributive e mantengono un ideale continuità, non solo di contenuti, ma anche di tradizioni e di consapevolezza del ruolo fondamentale che possiedono, nel benessere, nella cultura, nella coesione, ma anche nella grande varietà di approcci e di apporti. Del resto, questa è una chiave che non sembra conoscere crisi e che va incontro agli interessi e alla domanda del grande pubblico sempre più orientato a preferire 7

9 i prodotti che coniugano la qualità e la certezza della provenienza. Una prospettiva non più ristretta ad un consumatore di nicchia, ma sposata anche dalla grande distribuzione che dedica sempre più attenzione e spazi ai prodotti territoriali italiani. Tradizione, tipicità, qualità, sostenibilità, valorizzazione delle specie meno conosciute, sicurezza alimentare sono le caratteristiche necessarie a promuovere e caratterizzare fortemente l intero comparto della pesca italiano nel mondo. Una sorta di made in Italy legato alla pesca, che può servire a promuovere non solo i prodotti di nicchia, ma tutto il pescato italiano, sia quello di pregio sia le varietà meno conosciute e utilizzate. Del resto l Italia ha una rendita di posizione unica al mondo nel comparto agroalimentare, fino ad oggi poco o per nulla sfruttata dal mondo della pesca. Basti pensare ad esempio che l Italia, leader europea insieme alla Francia di prodotti a marchio DOP e IGP, nel settore della pesca è riuscita solo recentemente ad ottenere il riconoscimento per un solo prodotto ittico del mare (le acciughe sotto sale del Mar Ligure IGP), un risultato inferiore anche a paesi come Germania e Regno Unito che hanno tradizioni nella pesca di gran lunga inferiori alle nostre. Ecco allora che questa pubblicazione può rappresentare un materiale unico e assolutamente strategico per invertire la tendenza in atto e orientare il settore della pesca verso una nuova prospettiva, verso un futuro che sappia coniugare tradizione e innovazione, qualità del territorio e sostenibilità. Ripartire dalle risorse tipiche del nostro territorio, a cominciare dall ambiente, è la chiave per restituire slancio al settore della pesca, per ridare profilo e dignità ai suoi operatori, per assicurare al consumatore un prodotto sano, nutriente e gustoso, per garantire futuro ai giovani pescatori di oggi. Sebastiano Venneri Responsabile mare Legambiente Onlus 8

10 1 La costa Salernitana 9

11 La costa della provincia di Salerno, in ragione della natura geologica del territorio particolarmente articolata, è caratterizzata da una elevata complessità di ambienti in cui si alternano fasce alte e rocciose a basse e sabbiose. Si individuano, infatti, ampi litorali sabbiosi in corrispondenza della pianura alluvionale del fiume Sele e litorali di ghiaia e sabbia a sud della stessa e nelle piane dei fiumi Alento, Mingardo e Bussento. Le coste alte, invece, costituite da rocce di natura carbonatica, si ritrovano nella Penisola Amalfitana, da Palinuro a Scario e nel tratto tra Sapri e Maratea, mentre coste di natura arenaceo-argillose, dalle forme più morbide, si rinvengono nel Cilento, divise da insenature e piccole spiagge sabbioso-ghiaiose. Il sistema costiero della provincia di Salerno si articola, in particolare, tra tre unità fisiografiche: il golfo di Salerno, la Costiera Cilentana ed il Golfo di Policastro, che si sviluppano per circa 210 km e sono costituite per il 47,6% da coste alte e per il 52,4% da coste basse e sabbiose, talora ghiaiose. Tale sistema, oltre che custodire paesaggi di eccezionale valore naturalistico e preziose testimonianze storiche, ospita una consistente parte delle risorse economiche della Provincia, con importanti centri urbani, infrastrutture varie e turistiche. La congiunzione tra terra e mare è un sistema particolarmente dinamico, caratterizzato da un fragile equilibrio, tipico degli ambienti di transizione, controllato da una serie di fattori, tra cui quelli meteoclimatici, geologici, sedimentologici, biologici e antropici. Le spiagge sono il risultato dell interazione tra il trasporto di sabbia da parte dei fiumi e l azione del moto ondoso e delle correnti marine che ridistribuiscono il sedimento lungo i litorali. La linea di costa salernitana è soggetta in generale ad un processo di arretramento, connesso essenzialmente all erosione dei litorali sabbiosi e dei costoni rocciosi. Per le coste alte dell intero tratto costiero provinciale si evidenzia una elevata franosità nelle falesie della Costiera Amalfitana, mentre le coste basse presentano fenomeni molto evidenti di erosione degli arenili, particolarmente evidente alla foce del Sele, dovuta allo scarso apporto solido da parte dei numerosi corsi d acqua, alla 10

12 realizzazione di strutture portuali e di difesa, che perturbano la dinamica di redistribuzione del trasporto solido lungo costa, e alla cementificazione del preesistente sistema dunale, come è il caso del tratto da Salerno a Battipaglia. Lungo le coste, considerando sia le aree marine che la terraferma contigua, si individuano una serie di aree di rilevante valore ambientale, naturalistico e paesaggistico, tutelate da specifiche norme, ascrivibili in particolare ai territori perimetrati di: Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano; Parco Regionale dei Monti Lattari; Riserva Regionale Foce Sele Tanagro; Area Marina Protetta di Punta Campanella; Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate; Area Marina Protetta di Costa degli Infreschi e della Masseta; Important Bird Area (IBA) Costa tra Marina di Camerota e Policastro Bussentino; aree SIC e ZPS appartenenti alla Rete Natura 2000 (di seguito l elenco). Aree SIC e ZPS costiere IT Fondali Marini di Punta Campanella e Capri IT Basso corso del Fiume Bussento IT Capo Palinuro IT Fasce litoranee a destra e a sinistra del fiume Sele IT Fascia interna di costa degli Infreschi e della Masseta IT Fiume Alento IT Fiume Mingardo IT Isola di Licosa IT Isolotti Li Galli IT Monte Licosa e Dintorni IT Monte Tresino e Dintorni IT Parco marino di S. Maria di Castellabate IT Parco marino di Punta degli Infreschi IT Pineta di Sant Iconio IT Rupi costiere della costa degli Infreschi e della Masseta 11

13 Aree SIC e ZPS costiere IT Scoglio del Mingardo e Cala del Cefalo IT Stazione a Genista cilentana di Ascea IT Valloni della Costiera Amalfitana IT Costiera Amalfitana tra Maiori e il Torrente Bonea IT Punta Campanella IT Costiera Amalfitana tra Maiori e il Torrente Bonea IT Costa tra Marina di Camerata e Policastro Bussentino IT Costa tra Punta Tresino e le Ripe Rosse Le aree marine protette, più di tutte le altre, rappresentano precipui strumenti per perseguire la conservazione, il mantenimento e la salvaguardia della biodiversità marina e favorire una gestione sostenibile delle risorse naturali. 12

14 2 La flotta da pesca salernitana 13

15 Il golfo di Salerno è molto importante per quanto riguarda la pesca. La sua marineria è famosa per le tonniere con una della maggiori flotte a livello italiano ed internazionale. Oltre al tonno, che rappresenta la preda più importante, il golfo di Salerno è ricco di sogliole, merluzzi, marmore, seppie, triglie, mazzancolle, nonché novellame da consumare (fravaglia), e polpi e alici. La flotta da pesca afferente al Comparto Marittimo salernitano, nel panorama campano, è la più numerosa e mostra buone performance su tutti i segmenti produttivi. I dati relativi alla consistenza della flotta, ricavati elaborando dati dell autorità portuale/ IREPA e della Regione Campania, sono riportati nelle tabelle 1, 2, 3 e 4. Tabella 1: dati della flotta salernitana al 2011 INDICATORI DI CAPACITÀ VALORE UNITA' (N ) 539 TONNELLAGGIO (GT) POTENZA MOTORE (kw) ,78 TONNELLAGGIO MEDIO 9,53 POTENZA MOTORE MEDIA 64,76 I valori riportati nella tabella precedente ci indicano che circa il 46% dei battelli da pesca campani (n ) operano proprio lungo le coste della Provincia di Salerno. La flotta da pesca salernitana è composta per lo più da imbarcazioni di piccola pesca costiera, da una buona flotta a strascico e dalla quasi totalità della flotta da pesca al tonno italiana. Le caratteristiche delle imbarcazioni aventi lunghezza superiore a 12 m f.t. sono riportate nella tabella 2 che segue. Tabella 2: imbarcazioni di lunghezza superiore a 12 Indicatori di capacità Valore UNITA' (N ) 89 TONNELLAGGIO (GT) POTENZA MOTORE (kw) ,64 TONNELLAGGIO MEDIO 46,55 POTENZA MOTORE MEDIA 250,63 La distribuzione della flotta da pesca salernitana superiore a 12 m f.t. distinguendo per sistema di pesca è riportata nella tabella 3. 14

16 Tabella 3: numero di pescherecci superiori a 12 m per sistema di pesca SISTEMA DI PESCA CIRCUIZIONE TONNO NR. PESCHERECCI 9 CIRCUIZIONE 13 STRASCICO 55 ALTRI SISTEMI 12 Il comparto della circuizione del tonno è sicuramente quello più rappresentativo, in quanto tra Salerno e Cetara trovano ormeggio 9 delle 13 imbarcazioni italiane dedite alla pesca del tonno rosso. Queste nove imbarcazioni gestiscono più del 50% delle quote tonno (circa ton) spettanti all Italia. Il tonno rosso pescato dalla flotta salernitana viene mantenuto vivo in un impianto offshore insistente nell area prospiciente il porto di Marina di Camerota. Questo impianto è l unico attualmente funzionante in Italia e tale realtà costituisce forse l unico nucleo di pesca industriale esistente in Italia. La flotta a circuizione, anch essa di tutto rilievo, è dedita esclusivamente alla pesca del pesce azzurro, ed in particolare delle alici. Questo prodotto è consumato fresco, per l elevata qualità, oppure è trasformato principalmente in filetti sottosale e sott olio. Particolare importanza è rivestita dalla trasformazione delle alici in colatura di alici, preparazione tipica della cucina cetarese. Il comparto della pesca a strascico è costituito da numerose unità. Si tratta di imbarcazioni che operano al largo della costa salernitana e sui banchi al largo della costa cilentana fino a Sapri. Queste pescano, nel periodo invernale, soprattutto naselli, gallinelle, triglie, sogliole, etc, mentre in primavera ed in estate, quando le condizioni meteomarine sono favorevoli, si spostano sui banchi al largo per la pesca dei gamberi e dei scampi. Le rimanenti 12 imbarcazioni della flotta operano con sistemi di pesca diversi dalla circuizione e dallo strascico. Utilizzano infatti prevalentemente il sistema dei palangari e sono dedite alla pesca del pesce sciabola, molto richiesto sul mercato locale, e del pesce spada. 15

17 Le caratteristiche delle imbarcazioni aventi lunghezza inferiore a 12 m f.t. sono riportate nella tabella 4. Tabella 4: imbarcazioni di lunghezza inferiore a 12 Indicatori di capacità Valore UNITA' (N ) 450 TONNELLAGGIO (GT) 992 POTENZA MOTORE (kw) ,14 TONNELLAGGIO MEDIO 2,2 POTENZA MOTORE MEDIA 28 I dati medi dimostrano che la flotta è costituita da imbarcazioni di piccolo tonnellaggio e bassa potenza motore. Queste operano soprattutto lungo la Costiera Amalfitana, lungo la costa tra Agropoli ed Acciaroli, a Palinuro, tra Marina di Camerota e Scario e a Sapri. La pesca effettuata da tale flotta è quella tipica dei mestieri della piccola pesca costiera ed in particolare quella praticata con reti da posta, piccole derivanti, nasse, palangari e lenze. Le specie prevalentemente pescate sono saraghi, corvine, cernie, scorfani, sgombro, tonno alletterato, occhialoni, palamita, etc. Si tratta di stock ittici multispecifici e di grande valore commerciale e nutrizionale. Gli attrezzi di pesca utilizzati risultano a basso impatto sia sugli stock che sull ambiente marino, in quanto sono lasciati in pesca sul fondo o in superficie senza che venga utilizzata la potenza motore durante l attività di cattura. Il Compartimento Marittimo di Salerno La flotta di pesca della provincia di Salerno è caratterizzata da una struttura fortemente artigianale. La gran parte delle imbarcazioni, infatti, è di piccole dimensioni ed è attrezzata per la piccola pesca, con una produzione di qualità elevata. Il pescato è destinato per la quasi totalità ad essere consumato fresco ed è destinato al mercato ittico locale. Fa eccezione la produzione tonniera destinata al mercato internazionale. La flotta si distribuisce e trova ormeggio nei 15 porti ove risiedono gli uffici di registrazione del Compartimento Marittimo di Salerno, così articolati: 16

18 Tabella 5: distribuzione della flotta da pesca PORTO/APPRODO DI ISCRIZIONE n <12 METRI n >12 METRI Acciaroli Agropoli 35 2 Amalfi 27 0 Capitello 8 1 Cetara 47 8 Maiori 17 0 Marina di Camerota 17 6 Marina di Pisciotta 11 0 Palinuro 28 1 Positano 25 0 Salerno Santa Maria di Castellabate Sapri 13 5 Scario 21 0 Vietri 5 0 TOTALE Con riguardo ai Punti di Sbarco, la Regione Campania con D.D. n. 9 del 24/02/2011 del Settore Demanio Regionale ha individuato i Punti di Sbarco del Pescato sul Demanio Marittimo Regionale. L elenco di quelli ubicati in Provincia di Salerno è riportato nella Tabella 6, estrapolata dall Allegato A dello stesso D.D. 17

19 Tabella 6: punti di sbarco del pescato sul demanio marittimo ubicato in Regione Campania Ambiti Pescherecci Costiera Amalfitana Salernitano Alto Cilento Comune Amalfi Cetara Maiori Positano Praiano Salerno Agropoli Casalvelino Castellabate Montecorice Punti di Sbarco Porto. Zona iniziale del molo foraneo: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca. Porto. Banchina di riva: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 13 del 30/03/2007, e ss. mm. e ii.). Porto. Banchina di riva: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 11 del 30/03/2007, e ss. Mm. e ii.). Approdo. Banchina antistante la cd. spiaggia grande. Banchina approdo di 10 metri circa, sulla spiaggia cd. Marina di Praia. 1. Banchina del Molo 3 Gennaio. 2. Porto turistico Masuccio Salernitano: banchina. 3. Molo di sopraflutto: tratto di banchina in radice. 4. Molo di sottoflutto: tratto di banchina in radice. 1. Porto. Molo di sottoflutto e banchina di riva: tratti di banchina destinati ad ormeggio piccole unità da pesca. 2. Porto. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca maggiori. Porto. Banchina di riva: tratto di banchina in prossimità del molo di sottoflutto. 1. Porto di San Marco di Castellabate. Banchina di riva: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca. 2. Porto di San Marco di Castellabate. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca. Porto di Agnone. Molo di sottoflutto. 18

20 Ambiti Pescherecci Alto Cilento Basso Cilento Comune Pisciotta Pollica Camerota Centola San Giovanni a Piro Santa Marina Punti di Sbarco 1. Porto. Molo sottoflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio piccole unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 125 del 31/08/2009, e ss. mm. e ii.). 2. Porto. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca d altura (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 125 del 31/08/2009, e ss. mm. e ii.). 1. Porto di Acciaroli. Banchina di riva, lato cantiere. 2. Porto di Acciaroli. Molo di sopraflutto: parte centrale. Porto. Molo di sopraflutto: tratti di banchina destinati ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n.172 del 25/11/2010, e ss. mm. e ii.). 1. Porto di Palinuro. Banchina di riva: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca d altura (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 55 del 06/05/2009, e ss. mm. e ii.). 2. Porto di Palinuro. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 55 del 06/05/2009, e ss. mm. e ii.). Porto di Scario. Molo interno: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 187 del 07/12/2010, e ss. mm. e ii.). 1. Porto di Policastro. Molo di sottoflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 104 del 16/07/2008, e ss. mm. e ii.). 2. Porto di Policastro. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca d altura (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 104 del 16/07/2008, e ss. mm. e ii.). 19

21 Ambiti Pescherecci Basso Cilento Comune Sapri Punti di Sbarco Porto. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 104 del 16/07/2008, e ss. mm. e ii.). Il Servizio Cartografia del Settore per il Piano Forestale Generale dell Assessorato all Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Campania ha redatto una Carta degli stessi Punti di Sbarco sotto riportata. Figura 1: carta dei Punti di Sbarco della Regione Campania Come si vede, i Punti di Sbarco del Pescato in Provincia di Salerno sono 26, in numero maggiore rispetto a quelli di Ormeggio della Flotta da Pesca (cfr. Tabella 5: distribuzione della flotta di pesca), e ciò per garantire una più efficace distribuzione del pescato, accorciando la filiera del consumo rivolto ai residenti, ma anche alle numerose presenze turistiche e ricettive. 20

22 3 Ambiti pescherecci della Provincia di Salerno 21

23 Relativamente ai principali Sistemi di Pesca, in sintesi si può dire che per ciascuno degli ambiti pescherecci della Provincia di Salerno viene praticata prevalentemente la Piccola Pesca Costiera, a cui si associano le pratiche della Pesca Costiera e della Pesca Mediterranea o d Altura. Il cospicuo numero di battelli strascicanti iscritti nel Compartimento Marittimo di Salerno e la presenza delle flotta tonniera influenzano i valori dimensionali medi dei battelli salernitani, che risultano superiori rispetto alle altre imbarcazioni della regione. > > L Ambito Costiera Amalfitana, da Positano a Vietri, è dedito esclusivamente alla Piccola Pesca Costiera, ad eccezione di Cetara ove opera una flotta di cianciolo che pesca pesce azzurro. > > L Ambito dell Alto Cilento, da Agropoli a Marina di Pisciotta, è dedito per lo più alla Piccola Pesca Costiera, anche se nel porto di Acciaroli trovano ricovero sia strascicanti, che imbarcazioni dedite alla pesca dello spada e dei pesci bandiera. > > L Ambito del Basso Cilento, da Palinuro a Sapri, è dedito per lo più alla Piccola Pesca Costiera, anche se operano in tale ambito sia strascicanti, che imbarcazioni dedite alla pesca dello spada e dei pesci bandiera. > > L Ambito Salernitano ove staziona sia una buona flotta di barche della piccola pesca costiera, è dedito allo strascico, e con le tonnare volanti opera in tutto il Mediterraneo. 22

24 4 Tipologie e sistemi di pesca 23

25 Nella Tabella 7, si riportano per ciascuna delle tre Tipologie complessivamente praticate dalla flotta da pesca salernitana i Riferimenti Normativi e i Sistemi di Pesca adottati. Piccola Pesca Costiera RIFERIMENTI NORMATIVI SISTEMI DI PESCA Tabella 7: tipologie e sistemi di pesca La piccola pesca costiera è praticata con navi di lunghezza fuori tutto inferiore a 12 metri. - Regolamento (CE) n. 2792/1999 La piccola pesca si esercita con barche non superiori alle 10 TSL, abilitate esclusivamente all uso dei seguenti attrezzi: reti da posta, ferrettara, palangari, lenze ed arpioni. - D.M. 26/07/95 Rete da posta Vengono lasciate in mare in una postazione fissa o in balìa delle correnti, in tal senso vengono definiti passivi perché gli organismi marini che nei loro spostamenti vi incappano e rimangono intrappolati. Le reti da posta sono destinate a recingere o sbarrare spazi acquei allo scopo di imbroccare od ammagliare gli organismi marini che vi incappano. Esse si dividono in fisse e derivanti; le prime sono ancorate sul fondale marino, mentre le seconde sono lasciate all azione delle correnti e dei venti. Questi attrezzi si compongono di lunghi pannelli rettangolari di rete, armati nella parte superiore alla lima dei galleggianti, e nella parte inferiore alla lima dei piombi (l effetto combinato assicura l apertura verticale della rete). Le reti da posta possono essere calate in mare vicino alla superficie, a mezz acqua o sul fondo, a seconda delle specie da catturare. Possono essere confezionate in due modi diversi: con un solo pannello di rete (imbrocco) o con tre pannelli (tremaglio) Battelli da pesca nella marineria di Salerno sono impiegati nella pesca del pesce bandiera con le reti fisse. Ferrettara In tale sistema di pesca si riconoscono tutte le reti da posta del tipo ad imbrocco, che vengono impiegate nella cattura di palamita, lampuga, biso, ricciola, occhiata, sgombro, salpa, boga, costardella, alaccia, sardina ed acciuga. 24

26 Sistemi di Pesca Palangari La pesca con gli ami è uno dei sistemi più diffusi e antichi del mondo, sia per la facilità di costruzione dell attrezzo, sia per la semplice manovrabilità ed adattabilità a tutte le condizioni ambientali. Il palangaro, è l attrezzo ad ami più usato a livello professionale, composto da una serie di lenze appese ad un cavo lungo diversi chilometri. Ogni lenza porta un amo con esca e la loro distanza sul cavo è pari al doppio della lunghezza della lenza stessa. Generalmente la pesca con il palangaro si effettua di notte, si cala verso il tramonto e si salpa all alba, mentre durante il giorno si allestiscono le ceste che li contengono. Esistono due tipi principali di palangari: da fondo (fissi), e da superficie (derivanti). Il primo si usa per la cattura di pesci bentonici e demersali: i braccioli sono corti e gli ami piccoli; il secondo si usa per la cattura di pesci pelagici di grandi dimensioni, come tonni e pesci spada, per cui gli ami sono più grandi ed i braccioli molto più lunghi. Battelli da pesca nella marineria di Salerno sono impiegati nella pesca del pesce spada. Lenze Le lenze sono costituite da un amo attaccato ad un filo, ed in relazione al loro impiego si dividono in lenze a mano, lenze a canna, lenze al traino. La caratteristica particolare di questo sistema di cattura sta nella presenza continua dell uomo, nella fase operativa. Proprio per questa particolarità le lenze vengono impiegate prevalentemente a livello sportivo, fatta eccezione per le lenze al traino per la cattura dei grandi pelagici. Arpioni Comprende l utilizzo di attrezzi come l arpione, per la cattura di esemplari medio grandi, la fiocina, atta alla cattura di esemplari medio piccoli, l asta e specchio per ricci e il rastrello per ricci. Pesca Costiera locale Riferimenti normativi La pesca costiera locale: si esercita fino ad una distanza di 6 miglia dalla costa con navi fino a 30 TSL. Se la nave è conforme alle prescrizioni di sicurezza per le navi abilitate alla pesca costiera ravvicinata (D.M. 22/06/82) si può richiedere l autorizzazione all esercizio dell attività fino ad una distanza di 12 miglia dalla costa. - D.M. 19/04/

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità sommario prepararsi all acqvisto 4 passi per compilare la lista della spesa 1 ~ Individuare

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione D.P.R. n 1639 del 2 ottobre 1968 recante "Regolamento per l'esecuzione della Legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima" (come modificato da vari D.P.R. e Decreti ministeriali)

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

S.E.Port. s.r.l. al servizio del Porto di Civitavecchia VII

S.E.Port. s.r.l. al servizio del Porto di Civitavecchia VII S.E.Port. s.r.l. al servizio del Porto di Civitavecchia Premessa L Autorità Portuale di Civitavecchia ha da tempo avviato un processo di ammodernamento del Porto affinché assuma le connotazioni di un moderno

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts Kate Holt / WWF-UK Lavorare con la natura. Quand tous Dati les e buone pratiche métiers seront verts Maria Antonietta Quadrelli Ufficio Transforming Culture WWF Italia 24 Aprile 2015 Quand tous les métiers

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli