Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno"

Transcript

1 Provincia di Salerno UN MARE di qualità Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno

2 Un mare di qualità Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno 1

3 Elaborato al Lo studio è stato curato da: Legambiente: Dott. Nicola Corona, Dott.ssa Anna Savarese, Dott. Giancarlo Chiavazzo, Dott.ssa Monia Fresiello, Dott. Massimiliano Bottaro Provincia di Salerno: Dott. Valerio Catalano, Responsabile dell ufficio Risorsa mare, Geol. Francesco Peduto, Responsabile del servizio Difesa del suolo e tutela delle acque, Ing. Giuseppe D Acunzi, Dirigente del settore Ambiente Tutte le immagini inerenti le specie ittiche sono di proprietà esclusiva di Massimiliano Bottaro Stampa: GF PUBBLICITA Stampato su carta FSC 2

4 Indice La costa Salernitana La flotta da pesca salernitana Ambiti pescherecci della Provincia di Salerno Tipologie e sistemi di pesca Attrezzature da pesca La pesca sostenibile La sicurezza alimentare: la normativa sull etichettatura dei prodotti ittici Pesce e salute Quali pesci mangiare? Consigli per gli acquisti Sovrasfruttamento di una specie e Rendimento Massimo Sostenibile (RMS o MSY - Maximum Sustainable Yield ) Totale di Cattura Ammissibile (TAC) e sforzo di pesca e misure tecniche Come verificare la freschezza del Pescato? Occhio alle truffe! Come conservare il Pesce fresco Quali le tecniche di conservazione Le certificazioni di qualità ed i Marchi di Tutela Il controllo e la tutela della denominazione I Prodotti agroalimentari tradizionali La situazione dei Marchi in Italia ed in Europa La situazione italiana: raffronto tra prodotti ittici a Marchio e prodotti inseriti nell elenco dei PAT La situazione campana dei marchi agroalimentari Come cucinare il Pesce? I sistemi di cottura. Allegato A: schede specie sostenibili e ricette tipiche

5 4

6 Le coste salernitane si sviluppano per circa 210 km e rappresentano una delle principali ricchezze della nostra provincia, per le immense risorse ambientali, sociali, culturali ed economiche, che al mare ed alla sua costa restano intimamente legate. La Risorsa Mare, che è parte importante dell intero patrimonio ambientale, risulta prioritariamente strategica per lo sviluppo del nostro esteso territorio provinciale. Per tale motivo, il Presidente della Provincia On. Cirielli ha posto subito tra i propri obiettivi strategici quello della creazione della Rete Ecologica Provinciale ed ha attuato, fin dal suo insediamento, ed attraverso l Assessorato all Ambiente, un attività di incisiva valorizzazione e protezione del nostro patrimonio ambientale. L Ente ha avviato, in questi anni, numerose iniziative connesse all ambiente, tra le quali un Grande Progetto per la lotta all erosione costiera; la candidatura di un altro Grande Progetto relativo alla tutela delle risorse idriche; protocolli d intesa con le Capitanerie di Porto per la sicurezza in mare; la partecipazione a tavoli di coordinamento per incentivare la programmazione condivisa tra gli enti sulle tematiche connesse alla gestione della fascia costiera; la presentazione di progetti per il recupero e la valorizzazione dei siti della Rete Natura Ed ovviamente, vi sarebbero da citare tante altre iniziative, da riconoscere al merito di un intuizione di carattere politico ed amministrativo, ma anche, e forse in larga misura, alla fattività e creatività dei bravi tecnici del settore Ambiente della Provincia di Salerno. In questo contesto, si inserisce anche lo studio sulla valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della provincia di Salerno, con lo scopo dichiarato di diffondere, non solo nella nostra comunità, la consapevolezza che l utilizzo di specie autoctone, pescate con sistemi tradizionali ed ambientalmente sostenibili, può procurare un feedback positivo, coinvolgendo in un sistema virtuoso la piccola pesca costiera, la rete dei ristoratori salernitani ed i consumatori o gli ospiti locali, portando ad un prodotto finale naturale di alta qualità. Lo studio nasce dalla volontà della Provincia di Salerno di impiegare risorse ed energie, con l obiettivo di rafforzare la qualità dell ambiente naturale del territorio provinciale, trasformandolo in volano per la crescita sostenibile dell economia provinciale e regionale. Il tutto, con la preziosa collaborazione con l associazione Legambiente che, attraverso vari protocolli e progetti, ha portato alla diffusione 5

7 delle informazioni ambientali ed alla creazione di una coscienza sociale più rispettosa della natura. Particolare importanza rivestono le tecniche di pesca sostenibile, gli strumenti di pesca a basso impatto, i marchi di tutela e le certificazioni di qualità dei prodotti tipici, ai quali s è dato ampio spazio in questo vero e proprio Atlante delle specie ittiche salernitane e delle relative ricette tipiche locali. Anche questo serve a rafforzare il nostro sentimento di appartenenza ad una comunità tipicamente salernitana, fatta di identità socio-economiche, culturali, artistiche ed anche culinarie. Avv. Adriano Bellacosa Assessore all Ambiente Provincia di Salerno 6

8 Quello in corso è sicuramente il periodo più critico e delicato che il mondo della pesca italiana abbia mai conosciuto. Una situazione di crisi che è difficile ormai definire congiunturale e che si traduce nell allungamento della lista delle specie sovrasfruttate, nel progressivo innalzamento dell età media degli occupati, nella perdita cronica di posti di lavoro e di reddito per gli occupati. La crisi economica è aggravata da una vera crisi di identità che pesa sull intero comparto, stretto fra due visioni contrapposte: da un lato l immagine marginale e folkloristica di una piccola pesca prigioniera del retaggio del passato, dall altro quella di un settore aggressivo e senza scrupoli, che sfrutta la risorsa mare, che punta sui numeri e sulla quantità a dispetto della qualità. Entrambe non rendono affatto giustizia ad un settore strategico e potenzialmente caratterizzante la nostra economia. Ma proprio questo elemento di crisi può diventare paradossalmente un opportunità, la leva di un cambiamento che restituisca dignità e futuro al settore della pesca italiano. Così come nell ultimo ventennio le gravi crisi che hanno colpito in Italia settori contigui a quello della pesca pensiamo alla viticoltura ai tempi dello scandalo del vino al metanolo o all allevamento nel periodo di mucca pazza, all agricoltura tra pesticidi e Ogm sono state la chiave per una svolta positiva, per il ripensamento delle modalità di produzione riorientando il comparto verso la tipicità, la qualità, il forte legame con il territorio, così anche il settore della pesca è chiamato oggi a una svolta culturale, produttiva e di immagine. La pesca italiana è pronta a questa svolta epocale, che può diventare fattore strategico di competitività nei mercati nazionali e stranieri. Possiamo a pieno titolo puntare su una storia di millenni dove antiche conoscenze si evolvono in moderne tecniche produttive e distributive e mantengono un ideale continuità, non solo di contenuti, ma anche di tradizioni e di consapevolezza del ruolo fondamentale che possiedono, nel benessere, nella cultura, nella coesione, ma anche nella grande varietà di approcci e di apporti. Del resto, questa è una chiave che non sembra conoscere crisi e che va incontro agli interessi e alla domanda del grande pubblico sempre più orientato a preferire 7

9 i prodotti che coniugano la qualità e la certezza della provenienza. Una prospettiva non più ristretta ad un consumatore di nicchia, ma sposata anche dalla grande distribuzione che dedica sempre più attenzione e spazi ai prodotti territoriali italiani. Tradizione, tipicità, qualità, sostenibilità, valorizzazione delle specie meno conosciute, sicurezza alimentare sono le caratteristiche necessarie a promuovere e caratterizzare fortemente l intero comparto della pesca italiano nel mondo. Una sorta di made in Italy legato alla pesca, che può servire a promuovere non solo i prodotti di nicchia, ma tutto il pescato italiano, sia quello di pregio sia le varietà meno conosciute e utilizzate. Del resto l Italia ha una rendita di posizione unica al mondo nel comparto agroalimentare, fino ad oggi poco o per nulla sfruttata dal mondo della pesca. Basti pensare ad esempio che l Italia, leader europea insieme alla Francia di prodotti a marchio DOP e IGP, nel settore della pesca è riuscita solo recentemente ad ottenere il riconoscimento per un solo prodotto ittico del mare (le acciughe sotto sale del Mar Ligure IGP), un risultato inferiore anche a paesi come Germania e Regno Unito che hanno tradizioni nella pesca di gran lunga inferiori alle nostre. Ecco allora che questa pubblicazione può rappresentare un materiale unico e assolutamente strategico per invertire la tendenza in atto e orientare il settore della pesca verso una nuova prospettiva, verso un futuro che sappia coniugare tradizione e innovazione, qualità del territorio e sostenibilità. Ripartire dalle risorse tipiche del nostro territorio, a cominciare dall ambiente, è la chiave per restituire slancio al settore della pesca, per ridare profilo e dignità ai suoi operatori, per assicurare al consumatore un prodotto sano, nutriente e gustoso, per garantire futuro ai giovani pescatori di oggi. Sebastiano Venneri Responsabile mare Legambiente Onlus 8

10 1 La costa Salernitana 9

11 La costa della provincia di Salerno, in ragione della natura geologica del territorio particolarmente articolata, è caratterizzata da una elevata complessità di ambienti in cui si alternano fasce alte e rocciose a basse e sabbiose. Si individuano, infatti, ampi litorali sabbiosi in corrispondenza della pianura alluvionale del fiume Sele e litorali di ghiaia e sabbia a sud della stessa e nelle piane dei fiumi Alento, Mingardo e Bussento. Le coste alte, invece, costituite da rocce di natura carbonatica, si ritrovano nella Penisola Amalfitana, da Palinuro a Scario e nel tratto tra Sapri e Maratea, mentre coste di natura arenaceo-argillose, dalle forme più morbide, si rinvengono nel Cilento, divise da insenature e piccole spiagge sabbioso-ghiaiose. Il sistema costiero della provincia di Salerno si articola, in particolare, tra tre unità fisiografiche: il golfo di Salerno, la Costiera Cilentana ed il Golfo di Policastro, che si sviluppano per circa 210 km e sono costituite per il 47,6% da coste alte e per il 52,4% da coste basse e sabbiose, talora ghiaiose. Tale sistema, oltre che custodire paesaggi di eccezionale valore naturalistico e preziose testimonianze storiche, ospita una consistente parte delle risorse economiche della Provincia, con importanti centri urbani, infrastrutture varie e turistiche. La congiunzione tra terra e mare è un sistema particolarmente dinamico, caratterizzato da un fragile equilibrio, tipico degli ambienti di transizione, controllato da una serie di fattori, tra cui quelli meteoclimatici, geologici, sedimentologici, biologici e antropici. Le spiagge sono il risultato dell interazione tra il trasporto di sabbia da parte dei fiumi e l azione del moto ondoso e delle correnti marine che ridistribuiscono il sedimento lungo i litorali. La linea di costa salernitana è soggetta in generale ad un processo di arretramento, connesso essenzialmente all erosione dei litorali sabbiosi e dei costoni rocciosi. Per le coste alte dell intero tratto costiero provinciale si evidenzia una elevata franosità nelle falesie della Costiera Amalfitana, mentre le coste basse presentano fenomeni molto evidenti di erosione degli arenili, particolarmente evidente alla foce del Sele, dovuta allo scarso apporto solido da parte dei numerosi corsi d acqua, alla 10

12 realizzazione di strutture portuali e di difesa, che perturbano la dinamica di redistribuzione del trasporto solido lungo costa, e alla cementificazione del preesistente sistema dunale, come è il caso del tratto da Salerno a Battipaglia. Lungo le coste, considerando sia le aree marine che la terraferma contigua, si individuano una serie di aree di rilevante valore ambientale, naturalistico e paesaggistico, tutelate da specifiche norme, ascrivibili in particolare ai territori perimetrati di: Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano; Parco Regionale dei Monti Lattari; Riserva Regionale Foce Sele Tanagro; Area Marina Protetta di Punta Campanella; Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate; Area Marina Protetta di Costa degli Infreschi e della Masseta; Important Bird Area (IBA) Costa tra Marina di Camerota e Policastro Bussentino; aree SIC e ZPS appartenenti alla Rete Natura 2000 (di seguito l elenco). Aree SIC e ZPS costiere IT Fondali Marini di Punta Campanella e Capri IT Basso corso del Fiume Bussento IT Capo Palinuro IT Fasce litoranee a destra e a sinistra del fiume Sele IT Fascia interna di costa degli Infreschi e della Masseta IT Fiume Alento IT Fiume Mingardo IT Isola di Licosa IT Isolotti Li Galli IT Monte Licosa e Dintorni IT Monte Tresino e Dintorni IT Parco marino di S. Maria di Castellabate IT Parco marino di Punta degli Infreschi IT Pineta di Sant Iconio IT Rupi costiere della costa degli Infreschi e della Masseta 11

13 Aree SIC e ZPS costiere IT Scoglio del Mingardo e Cala del Cefalo IT Stazione a Genista cilentana di Ascea IT Valloni della Costiera Amalfitana IT Costiera Amalfitana tra Maiori e il Torrente Bonea IT Punta Campanella IT Costiera Amalfitana tra Maiori e il Torrente Bonea IT Costa tra Marina di Camerata e Policastro Bussentino IT Costa tra Punta Tresino e le Ripe Rosse Le aree marine protette, più di tutte le altre, rappresentano precipui strumenti per perseguire la conservazione, il mantenimento e la salvaguardia della biodiversità marina e favorire una gestione sostenibile delle risorse naturali. 12

14 2 La flotta da pesca salernitana 13

15 Il golfo di Salerno è molto importante per quanto riguarda la pesca. La sua marineria è famosa per le tonniere con una della maggiori flotte a livello italiano ed internazionale. Oltre al tonno, che rappresenta la preda più importante, il golfo di Salerno è ricco di sogliole, merluzzi, marmore, seppie, triglie, mazzancolle, nonché novellame da consumare (fravaglia), e polpi e alici. La flotta da pesca afferente al Comparto Marittimo salernitano, nel panorama campano, è la più numerosa e mostra buone performance su tutti i segmenti produttivi. I dati relativi alla consistenza della flotta, ricavati elaborando dati dell autorità portuale/ IREPA e della Regione Campania, sono riportati nelle tabelle 1, 2, 3 e 4. Tabella 1: dati della flotta salernitana al 2011 INDICATORI DI CAPACITÀ VALORE UNITA' (N ) 539 TONNELLAGGIO (GT) POTENZA MOTORE (kw) ,78 TONNELLAGGIO MEDIO 9,53 POTENZA MOTORE MEDIA 64,76 I valori riportati nella tabella precedente ci indicano che circa il 46% dei battelli da pesca campani (n ) operano proprio lungo le coste della Provincia di Salerno. La flotta da pesca salernitana è composta per lo più da imbarcazioni di piccola pesca costiera, da una buona flotta a strascico e dalla quasi totalità della flotta da pesca al tonno italiana. Le caratteristiche delle imbarcazioni aventi lunghezza superiore a 12 m f.t. sono riportate nella tabella 2 che segue. Tabella 2: imbarcazioni di lunghezza superiore a 12 Indicatori di capacità Valore UNITA' (N ) 89 TONNELLAGGIO (GT) POTENZA MOTORE (kw) ,64 TONNELLAGGIO MEDIO 46,55 POTENZA MOTORE MEDIA 250,63 La distribuzione della flotta da pesca salernitana superiore a 12 m f.t. distinguendo per sistema di pesca è riportata nella tabella 3. 14

16 Tabella 3: numero di pescherecci superiori a 12 m per sistema di pesca SISTEMA DI PESCA CIRCUIZIONE TONNO NR. PESCHERECCI 9 CIRCUIZIONE 13 STRASCICO 55 ALTRI SISTEMI 12 Il comparto della circuizione del tonno è sicuramente quello più rappresentativo, in quanto tra Salerno e Cetara trovano ormeggio 9 delle 13 imbarcazioni italiane dedite alla pesca del tonno rosso. Queste nove imbarcazioni gestiscono più del 50% delle quote tonno (circa ton) spettanti all Italia. Il tonno rosso pescato dalla flotta salernitana viene mantenuto vivo in un impianto offshore insistente nell area prospiciente il porto di Marina di Camerota. Questo impianto è l unico attualmente funzionante in Italia e tale realtà costituisce forse l unico nucleo di pesca industriale esistente in Italia. La flotta a circuizione, anch essa di tutto rilievo, è dedita esclusivamente alla pesca del pesce azzurro, ed in particolare delle alici. Questo prodotto è consumato fresco, per l elevata qualità, oppure è trasformato principalmente in filetti sottosale e sott olio. Particolare importanza è rivestita dalla trasformazione delle alici in colatura di alici, preparazione tipica della cucina cetarese. Il comparto della pesca a strascico è costituito da numerose unità. Si tratta di imbarcazioni che operano al largo della costa salernitana e sui banchi al largo della costa cilentana fino a Sapri. Queste pescano, nel periodo invernale, soprattutto naselli, gallinelle, triglie, sogliole, etc, mentre in primavera ed in estate, quando le condizioni meteomarine sono favorevoli, si spostano sui banchi al largo per la pesca dei gamberi e dei scampi. Le rimanenti 12 imbarcazioni della flotta operano con sistemi di pesca diversi dalla circuizione e dallo strascico. Utilizzano infatti prevalentemente il sistema dei palangari e sono dedite alla pesca del pesce sciabola, molto richiesto sul mercato locale, e del pesce spada. 15

17 Le caratteristiche delle imbarcazioni aventi lunghezza inferiore a 12 m f.t. sono riportate nella tabella 4. Tabella 4: imbarcazioni di lunghezza inferiore a 12 Indicatori di capacità Valore UNITA' (N ) 450 TONNELLAGGIO (GT) 992 POTENZA MOTORE (kw) ,14 TONNELLAGGIO MEDIO 2,2 POTENZA MOTORE MEDIA 28 I dati medi dimostrano che la flotta è costituita da imbarcazioni di piccolo tonnellaggio e bassa potenza motore. Queste operano soprattutto lungo la Costiera Amalfitana, lungo la costa tra Agropoli ed Acciaroli, a Palinuro, tra Marina di Camerota e Scario e a Sapri. La pesca effettuata da tale flotta è quella tipica dei mestieri della piccola pesca costiera ed in particolare quella praticata con reti da posta, piccole derivanti, nasse, palangari e lenze. Le specie prevalentemente pescate sono saraghi, corvine, cernie, scorfani, sgombro, tonno alletterato, occhialoni, palamita, etc. Si tratta di stock ittici multispecifici e di grande valore commerciale e nutrizionale. Gli attrezzi di pesca utilizzati risultano a basso impatto sia sugli stock che sull ambiente marino, in quanto sono lasciati in pesca sul fondo o in superficie senza che venga utilizzata la potenza motore durante l attività di cattura. Il Compartimento Marittimo di Salerno La flotta di pesca della provincia di Salerno è caratterizzata da una struttura fortemente artigianale. La gran parte delle imbarcazioni, infatti, è di piccole dimensioni ed è attrezzata per la piccola pesca, con una produzione di qualità elevata. Il pescato è destinato per la quasi totalità ad essere consumato fresco ed è destinato al mercato ittico locale. Fa eccezione la produzione tonniera destinata al mercato internazionale. La flotta si distribuisce e trova ormeggio nei 15 porti ove risiedono gli uffici di registrazione del Compartimento Marittimo di Salerno, così articolati: 16

18 Tabella 5: distribuzione della flotta da pesca PORTO/APPRODO DI ISCRIZIONE n <12 METRI n >12 METRI Acciaroli Agropoli 35 2 Amalfi 27 0 Capitello 8 1 Cetara 47 8 Maiori 17 0 Marina di Camerota 17 6 Marina di Pisciotta 11 0 Palinuro 28 1 Positano 25 0 Salerno Santa Maria di Castellabate Sapri 13 5 Scario 21 0 Vietri 5 0 TOTALE Con riguardo ai Punti di Sbarco, la Regione Campania con D.D. n. 9 del 24/02/2011 del Settore Demanio Regionale ha individuato i Punti di Sbarco del Pescato sul Demanio Marittimo Regionale. L elenco di quelli ubicati in Provincia di Salerno è riportato nella Tabella 6, estrapolata dall Allegato A dello stesso D.D. 17

19 Tabella 6: punti di sbarco del pescato sul demanio marittimo ubicato in Regione Campania Ambiti Pescherecci Costiera Amalfitana Salernitano Alto Cilento Comune Amalfi Cetara Maiori Positano Praiano Salerno Agropoli Casalvelino Castellabate Montecorice Punti di Sbarco Porto. Zona iniziale del molo foraneo: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca. Porto. Banchina di riva: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 13 del 30/03/2007, e ss. mm. e ii.). Porto. Banchina di riva: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 11 del 30/03/2007, e ss. Mm. e ii.). Approdo. Banchina antistante la cd. spiaggia grande. Banchina approdo di 10 metri circa, sulla spiaggia cd. Marina di Praia. 1. Banchina del Molo 3 Gennaio. 2. Porto turistico Masuccio Salernitano: banchina. 3. Molo di sopraflutto: tratto di banchina in radice. 4. Molo di sottoflutto: tratto di banchina in radice. 1. Porto. Molo di sottoflutto e banchina di riva: tratti di banchina destinati ad ormeggio piccole unità da pesca. 2. Porto. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca maggiori. Porto. Banchina di riva: tratto di banchina in prossimità del molo di sottoflutto. 1. Porto di San Marco di Castellabate. Banchina di riva: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca. 2. Porto di San Marco di Castellabate. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca. Porto di Agnone. Molo di sottoflutto. 18

20 Ambiti Pescherecci Alto Cilento Basso Cilento Comune Pisciotta Pollica Camerota Centola San Giovanni a Piro Santa Marina Punti di Sbarco 1. Porto. Molo sottoflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio piccole unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 125 del 31/08/2009, e ss. mm. e ii.). 2. Porto. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca d altura (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 125 del 31/08/2009, e ss. mm. e ii.). 1. Porto di Acciaroli. Banchina di riva, lato cantiere. 2. Porto di Acciaroli. Molo di sopraflutto: parte centrale. Porto. Molo di sopraflutto: tratti di banchina destinati ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n.172 del 25/11/2010, e ss. mm. e ii.). 1. Porto di Palinuro. Banchina di riva: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca d altura (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 55 del 06/05/2009, e ss. mm. e ii.). 2. Porto di Palinuro. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 55 del 06/05/2009, e ss. mm. e ii.). Porto di Scario. Molo interno: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 187 del 07/12/2010, e ss. mm. e ii.). 1. Porto di Policastro. Molo di sottoflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 104 del 16/07/2008, e ss. mm. e ii.). 2. Porto di Policastro. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca d altura (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 104 del 16/07/2008, e ss. mm. e ii.). 19

21 Ambiti Pescherecci Basso Cilento Comune Sapri Punti di Sbarco Porto. Molo di sopraflutto: tratto di banchina destinato ad ormeggio unità da pesca (decreto dirigenziale AGC Trasporti e viabilità Settore Demanio marittimo n. 104 del 16/07/2008, e ss. mm. e ii.). Il Servizio Cartografia del Settore per il Piano Forestale Generale dell Assessorato all Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Campania ha redatto una Carta degli stessi Punti di Sbarco sotto riportata. Figura 1: carta dei Punti di Sbarco della Regione Campania Come si vede, i Punti di Sbarco del Pescato in Provincia di Salerno sono 26, in numero maggiore rispetto a quelli di Ormeggio della Flotta da Pesca (cfr. Tabella 5: distribuzione della flotta di pesca), e ciò per garantire una più efficace distribuzione del pescato, accorciando la filiera del consumo rivolto ai residenti, ma anche alle numerose presenze turistiche e ricettive. 20

22 3 Ambiti pescherecci della Provincia di Salerno 21

23 Relativamente ai principali Sistemi di Pesca, in sintesi si può dire che per ciascuno degli ambiti pescherecci della Provincia di Salerno viene praticata prevalentemente la Piccola Pesca Costiera, a cui si associano le pratiche della Pesca Costiera e della Pesca Mediterranea o d Altura. Il cospicuo numero di battelli strascicanti iscritti nel Compartimento Marittimo di Salerno e la presenza delle flotta tonniera influenzano i valori dimensionali medi dei battelli salernitani, che risultano superiori rispetto alle altre imbarcazioni della regione. > > L Ambito Costiera Amalfitana, da Positano a Vietri, è dedito esclusivamente alla Piccola Pesca Costiera, ad eccezione di Cetara ove opera una flotta di cianciolo che pesca pesce azzurro. > > L Ambito dell Alto Cilento, da Agropoli a Marina di Pisciotta, è dedito per lo più alla Piccola Pesca Costiera, anche se nel porto di Acciaroli trovano ricovero sia strascicanti, che imbarcazioni dedite alla pesca dello spada e dei pesci bandiera. > > L Ambito del Basso Cilento, da Palinuro a Sapri, è dedito per lo più alla Piccola Pesca Costiera, anche se operano in tale ambito sia strascicanti, che imbarcazioni dedite alla pesca dello spada e dei pesci bandiera. > > L Ambito Salernitano ove staziona sia una buona flotta di barche della piccola pesca costiera, è dedito allo strascico, e con le tonnare volanti opera in tutto il Mediterraneo. 22

24 4 Tipologie e sistemi di pesca 23

25 Nella Tabella 7, si riportano per ciascuna delle tre Tipologie complessivamente praticate dalla flotta da pesca salernitana i Riferimenti Normativi e i Sistemi di Pesca adottati. Piccola Pesca Costiera RIFERIMENTI NORMATIVI SISTEMI DI PESCA Tabella 7: tipologie e sistemi di pesca La piccola pesca costiera è praticata con navi di lunghezza fuori tutto inferiore a 12 metri. - Regolamento (CE) n. 2792/1999 La piccola pesca si esercita con barche non superiori alle 10 TSL, abilitate esclusivamente all uso dei seguenti attrezzi: reti da posta, ferrettara, palangari, lenze ed arpioni. - D.M. 26/07/95 Rete da posta Vengono lasciate in mare in una postazione fissa o in balìa delle correnti, in tal senso vengono definiti passivi perché gli organismi marini che nei loro spostamenti vi incappano e rimangono intrappolati. Le reti da posta sono destinate a recingere o sbarrare spazi acquei allo scopo di imbroccare od ammagliare gli organismi marini che vi incappano. Esse si dividono in fisse e derivanti; le prime sono ancorate sul fondale marino, mentre le seconde sono lasciate all azione delle correnti e dei venti. Questi attrezzi si compongono di lunghi pannelli rettangolari di rete, armati nella parte superiore alla lima dei galleggianti, e nella parte inferiore alla lima dei piombi (l effetto combinato assicura l apertura verticale della rete). Le reti da posta possono essere calate in mare vicino alla superficie, a mezz acqua o sul fondo, a seconda delle specie da catturare. Possono essere confezionate in due modi diversi: con un solo pannello di rete (imbrocco) o con tre pannelli (tremaglio) Battelli da pesca nella marineria di Salerno sono impiegati nella pesca del pesce bandiera con le reti fisse. Ferrettara In tale sistema di pesca si riconoscono tutte le reti da posta del tipo ad imbrocco, che vengono impiegate nella cattura di palamita, lampuga, biso, ricciola, occhiata, sgombro, salpa, boga, costardella, alaccia, sardina ed acciuga. 24

26 Sistemi di Pesca Palangari La pesca con gli ami è uno dei sistemi più diffusi e antichi del mondo, sia per la facilità di costruzione dell attrezzo, sia per la semplice manovrabilità ed adattabilità a tutte le condizioni ambientali. Il palangaro, è l attrezzo ad ami più usato a livello professionale, composto da una serie di lenze appese ad un cavo lungo diversi chilometri. Ogni lenza porta un amo con esca e la loro distanza sul cavo è pari al doppio della lunghezza della lenza stessa. Generalmente la pesca con il palangaro si effettua di notte, si cala verso il tramonto e si salpa all alba, mentre durante il giorno si allestiscono le ceste che li contengono. Esistono due tipi principali di palangari: da fondo (fissi), e da superficie (derivanti). Il primo si usa per la cattura di pesci bentonici e demersali: i braccioli sono corti e gli ami piccoli; il secondo si usa per la cattura di pesci pelagici di grandi dimensioni, come tonni e pesci spada, per cui gli ami sono più grandi ed i braccioli molto più lunghi. Battelli da pesca nella marineria di Salerno sono impiegati nella pesca del pesce spada. Lenze Le lenze sono costituite da un amo attaccato ad un filo, ed in relazione al loro impiego si dividono in lenze a mano, lenze a canna, lenze al traino. La caratteristica particolare di questo sistema di cattura sta nella presenza continua dell uomo, nella fase operativa. Proprio per questa particolarità le lenze vengono impiegate prevalentemente a livello sportivo, fatta eccezione per le lenze al traino per la cattura dei grandi pelagici. Arpioni Comprende l utilizzo di attrezzi come l arpione, per la cattura di esemplari medio grandi, la fiocina, atta alla cattura di esemplari medio piccoli, l asta e specchio per ricci e il rastrello per ricci. Pesca Costiera locale Riferimenti normativi La pesca costiera locale: si esercita fino ad una distanza di 6 miglia dalla costa con navi fino a 30 TSL. Se la nave è conforme alle prescrizioni di sicurezza per le navi abilitate alla pesca costiera ravvicinata (D.M. 22/06/82) si può richiedere l autorizzazione all esercizio dell attività fino ad una distanza di 12 miglia dalla costa. - D.M. 19/04/

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE CONSORZIO DI RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Piano Operativo Regionale 2000-2006 Misura 4.17. sottomisura A Promozione PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE Attività A500 Azioni volte all attivazione di campagne

Dettagli

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450 ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE A.G.C.I. PESCA Via A. Bargoni n. 78 00153 ROMA Tel. 0658328.1 CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

Dettagli

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo SELETTIVITA' DEGLI ATTREZZI DA PESCA CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI PESCA: CIRCUIZIONE I più usati attrezzi da circuizione sono: il cianciolo per il pesce azzurro (acciughe e sardine) e la tonnara volante

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

Rilascio/rinnovo della licenza di pesca

Rilascio/rinnovo della licenza di pesca Rilascio/rinnovo della licenza di pesca Per nuove licenze: Ai fini del rilascio della licenza di pesca, l interessato (proprietario o armatore) presenta direttamente ovvero a mezzo raccomandata con avviso

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

Gli attrezzi da pesca. in uso nelle Marinerie Italiane. Nicola Sassu Alessandra Cannas Mario Ferretti

Gli attrezzi da pesca. in uso nelle Marinerie Italiane. Nicola Sassu Alessandra Cannas Mario Ferretti Gli attrezzi da pesca in uso nelle Marinerie Italiane Primi risultati del programma MAPP (Monitoraggio Attività Pesca Polivalente) Nicola Sassu Alessandra Cannas Mario Ferretti QUESTO LAVORO È STATO REALIZZATO

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Regolamento (CE) n.1799/2006 della Commissione del 6 dicembre 2006, che modifica l allegato I del regolamento (CE) n.26/2004 relativo

Dettagli

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA PIANO D AZIONE PER LO SVILUPPO, LA COMPETITIVITA E LA SOSTENIBILITA DELLA PESCA COSTIERA ARTIGIANALE AI SENSI DEL REG. (CE) 508/2014 art.18, comma 1, lettera i INDICE

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

II 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE

II 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE II 2007 Caratteristiche tecniche della flotta Questa sezione viene, di norma, aggiorna una volta all anno, nella newsletter relativa al quarto trimestre. Riportiamo

Dettagli

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Milano, 28 ottobre 2015 Sala Meeting Padiglione Commissione Europea Giovanni Tumbiolo Mazara del Vallo - Italy Distretto Produttivo della Pesca -

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO XXV CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO DiSTAfA Dipartimento

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca LA PESCA INN NEL MEDITERRANEO Ripercussioni sociali, economiche e ambientali Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA

Dettagli

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Azione C1 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nella pesca con i palangari:

Dettagli

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA ABSTRACT DEL RAPPORTO CAPITOLO I - Quadro generale socio-economico

Dettagli

TECNOLOGIA DELLE ATTREZZATURE E TECNICHE DI PESCA

TECNOLOGIA DELLE ATTREZZATURE E TECNICHE DI PESCA TECNOLOGIA DELLE ATTREZZATURE E TECNICHE DI PESCA 1 MATERIALI PER RETI DA PESCA: FIBRE, FILI, PEZZE DI RETE RETI CON NODO E SENZA NODO 2 PIANO DI RETE; ARMAMENTO DI UNA RETE; TAGLIO DELLE PEZZE; GIUNZIONE;

Dettagli

SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche

SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche Tratto: 18 Comuni interessati: Civitanova Marche (0,52 ) Lunghezza del tratto di costa: 0, 5 2 k m Bacini principali di apporto solido alla spiaggia: in questo tratto

Dettagli

Roma, 18 dicembre 2014 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI

Roma, 18 dicembre 2014 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ufficio Legislativo e Affari Giuridici Roma, 18 dicembre 2014 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ai Responsabili territoriali FIESA, FIEPeT, ASSOTURISMO Loro sedi ed indirizzi Prot.n.

Dettagli

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa.

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa. L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università

Dettagli

Business Questionnaire

Business Questionnaire Allegato B Transnational Networking and Cooperation Initiatives for the Development of coastal SMEs in the Balkan Adriatic Region - CONNECT PROJECT L. 84/01 Business Questionnaire Rivolto alle PMI locali

Dettagli

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo I MARI ITALIANI L Italia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo. Le coste della penisola italiana sono lunghe oltre 7000 chilometri e hanno caratteristiche diverse. Nei mari italiani sono presenti

Dettagli

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei Introduzione Nei primi mesi del 2011, l incremento del costo del gasolio sui livelli del 2008 ha compromesso la profittabilità del settore peschereccio, ponendo gli operatori in una situazione di incertezza

Dettagli

Le basi di gestione della pesca divengono le O.U. Unità Operative, che sono costituite da gruppi di motopesca che operano con lo stesso sistema di

Le basi di gestione della pesca divengono le O.U. Unità Operative, che sono costituite da gruppi di motopesca che operano con lo stesso sistema di 1 Introduzione L iniziativa della Commissione Europea di avviare una discussione sulla politica comune della pesca è estremamente positiva. Essa stimola la riflessione del settore sulle cause degli insuccessi

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura Osservatorio Socio Economicoo della Pesca e dell Acquacoltura Indagine sulla pesca a strasci ico entro le 3 miglia dallaa costa in Veneto o: risultati e considerazioni 1. Premessa L esigenza di un analisi

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

AZIONI DI PIANIFICAZIONE

AZIONI DI PIANIFICAZIONE L ENTE PARCO E BENEFICIARIO DEL PROGETTO LIFE NATURA CILENTO IN RETE GESTIONE DELLA RETE DEI SIC E ZPS NEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO DURATA: GENNAIO 2007 DICEMBRE 2010 COSTO TOTALE:

Dettagli

Il sottoscritto (1) con sede in Via.. CHIEDE il rilascio/il rinnovo/la variazione (2) della licenza di pesca per esercitare la pesca (3)

Il sottoscritto (1) con sede in Via.. CHIEDE il rilascio/il rinnovo/la variazione (2) della licenza di pesca per esercitare la pesca (3) MOOULARIO 18 MODELLO 18 Marca da bollo AI Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali Direzione Generale della Pesca e dell'acquacoltura Via dell' Arte, 16-00144 ROMA (EUR) Il sottoscritto

Dettagli

Il pesce a miglio zero

Il pesce a miglio zero Il pesce a miglio zero E A COSTI SOCIALI E AMBIENTALI ZERO Vademecum per un consumo responsabile del pesce Quando l eccellenza del cibo e l emozione, che ne consegue, si misurano dalla capacità di identità

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

Consumo del motore, velocità della barca

Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore - Consumo specifico di carburante secondo i vari tipi di motore Motore Densità (d ) del carburat ore Consumo (s) in grammi per CV e per ora 2

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1967/2006 DEL CONSIGLIO. del 21 dicembre 2006

REGOLAMENTO (CE) N. 1967/2006 DEL CONSIGLIO. del 21 dicembre 2006 L 36/6 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 8.2.2007 Rettifica del regolamento (CE) n. 1967/2006 del Consiglio, del 21 dicembre 2006, relativo alle misure di gestione per lo sfruttamento sostenibile

Dettagli

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Anno accademico 2007-2008 Meccanizzazione

Dettagli

La rete dei Gac Pugliesi

La rete dei Gac Pugliesi La rete dei Gac Pugliesi I Gruppi di Azione Costiera (GAC) nascono per l attuazione del cosiddetto Piano di Sviluppo Costiero (PSC), ovvero quell insieme di azioni, programmi e progetti finalizzati allo

Dettagli

Prot. N. 5461 lì 8/04/2014. Comune di Castellabate. Piazza Lucia 84048 S.Maria di Castellabate (SA) Fax 0974/961188 Pec: comune.castellabate@pec.

Prot. N. 5461 lì 8/04/2014. Comune di Castellabate. Piazza Lucia 84048 S.Maria di Castellabate (SA) Fax 0974/961188 Pec: comune.castellabate@pec. Prot. N. 5461 lì 8/04/2014 Comune di Castellabate Piazza Lucia 84048 S.Maria di Castellabate (SA) Fax 0974/961188 Pec: comune.castellabate@pec.it Comune di Camerota Via Roma 1 Camerota (SA) 09749202322

Dettagli

art. 4 comma 1 lett. b D.P.R. 470/82

art. 4 comma 1 lett. b D.P.R. 470/82 AGROPOLI 75 76 77 78 500 MT EST TORRE S.MARCO baln baln baln baln baln baln FOCE TESTENE baln non non non non non SPIAGGIA LIBERA PORTO baln baln baln baln baln baln LIDO TRENTOVE baln baln baln baln baln

Dettagli

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari

Dettagli

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative E IMPATTO Nota introduttiva Lo SFOP (Strumento Finanziario di Orientamento per la Pesca) finanzia gli interventi

Dettagli

LA GUIDA DEL PESCATURISMO

LA GUIDA DEL PESCATURISMO LA GUIDA DEL PESCATURISMO Nell oscurità il vecchio sentì giungere il mattino e mentre remava udì il suono tremolante dei pesci volanti che uscivano dall acqua e il sibilo fatto dalle rigide ali tese mentre

Dettagli

LA MARINERIA DI TRIESTE

LA MARINERIA DI TRIESTE LE MARINERIE DI RIMINI E CATTOLICA LA MARINERIA DI TRIESTE Sommario La marineria di Trieste...... 2 La flotta...... 3 Le imprese........... 4 Occupati e retribuzioni...... 5 Il mercato ittico...........

Dettagli

GUARDIA COSTIERA DIREZIONE MARITTIMA DELLA CAMPANIA AREE MARINE PROTETTE IN CAMPANIA

GUARDIA COSTIERA DIREZIONE MARITTIMA DELLA CAMPANIA AREE MARINE PROTETTE IN CAMPANIA GUARDIA COSTIERA DIREZIONE MARITTIMA AREE MARINE PROTETTE IN CAMPANIA www.napoli.guardiacostiera.it www.anrc.it GUARDIA COSTIERA DIREZIONE MARITTIMA L encomiabile idea della Associazione Nautica Regionale

Dettagli

I capitoli dell'indice (che si trova alle pagine 9 e 10)

I capitoli dell'indice (che si trova alle pagine 9 e 10) ò essere letto con Acrobat Reader 4.0, ma è del rendimento e dell'interattività. È conveniente per una buona lettura scegliere l'opzione Continuopagine affiancate dal Menu "Vista" I capitoli dell'indice

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Laurea magistrale in Ingegneria Civile per la protezione dai rischi naturali Tirocinio per la tesi svolto presso l agenzia Conservatoria delle Coste, Regione Sardegna Relazione di fine tirocinio Studente:

Dettagli

Considerazioni, innovazioni e sviluppo del settore produttivo dell acquacoltura. Pier Antonio Salvador Presidente

Considerazioni, innovazioni e sviluppo del settore produttivo dell acquacoltura. Pier Antonio Salvador Presidente Considerazioni, innovazioni e sviluppo del settore produttivo dell acquacoltura. Pier Antonio Salvador Presidente Fiera MSE di Rimini 24 febbraio 2008 Dati macroeconomici dati e previsioni FAO - novembre

Dettagli

Presentazione Gianfranco Nappi Riccardo Marone

Presentazione Gianfranco Nappi Riccardo Marone Presentazione Per le imprese della pesca si sta affermando con crescente successo il principio della multifunzionalità, capace di definire nuove possibilità di reddito per un comparto sempre più in difficoltà,

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

CAMPAGNA CONCENTRATA NAZIONALE DI TUTELA AMBIENTALE - ESTATE 2014 -

CAMPAGNA CONCENTRATA NAZIONALE DI TUTELA AMBIENTALE - ESTATE 2014 - CAMPAGNA CONCENTRATA NAZIONALE DI TUTELA AMBIENTALE - ESTATE 2014-1 SOMMARIO Premessa.......PAG. 2 Principali obiettivi della campagna...pag. 2 Ulteriori obiettivi della campagna.......... PAG. 2 I mezzi

Dettagli

Progetto di educazione alimentare Un amico di nome Pesce

Progetto di educazione alimentare Un amico di nome Pesce DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE U.O. Igiene Alimenti Origine Animale Progetto di educazione alimentare Un amico di nome Pesce REFERENTI Dr. Valter Dini - Direttore Unita Operativa Igiene degli Alimenti di

Dettagli

Tratto: 11. dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona

Tratto: 11. dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona 11 dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona D. 4 7 SCHEDA n.11 dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona Tratto: 11 Comuni interessati: Falconara Marittima (4,69 ) Ancona (5,09 ) Lunghezza del

Dettagli

Capo I Disposizioni generali

Capo I Disposizioni generali Legge regionale Sardegna 14 aprile 2006, n. 3 Disposizioni in materia di pesca. Capo I Disposizioni generali Art. 1 Finalità 1.Le presenti norme disciplinano, ad integrazione di quanto disposto dalla legge

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO IL RUOLO DELLE CAPITANERIE DI PORTO NELLA FILIERA ITTICA Torino, 17 Giugno 2013 C.V. (CP) Enrico MORETTI NORMATIVA DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO (CE) N. 1224/2009 che istituisce un regime di controllo comunitario

Dettagli

Tra Capo Palinuro e Marina di Camerota

Tra Capo Palinuro e Marina di Camerota Tra Capo Palinuro e Marina di Camerota nel Parco Nazionale del Cilento Tra mare e monti Terra di Cilento Patrimonio dell Umanità dell UNESCO, come paesaggio culturale di rilevanza mondiale. Una terra dai

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO PRODOTTI ITTICI DEL LAGO DI BOLSENA Ottobre 2014 Disposizioni generali Il presente disciplinare, ad integrazione del Regolamento per l'accesso

Dettagli

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe. Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.it Protocollo c/o Comune di Copparo Via Roma, 28 44034 Copparo

Dettagli

Relazione di sintesi della riunione sui Piani di Gestione ed il Regolamento sui Controlli tenutasi a Roma il 30 Novembre 2010

Relazione di sintesi della riunione sui Piani di Gestione ed il Regolamento sui Controlli tenutasi a Roma il 30 Novembre 2010 Prot. 65/ REL Roma, 14 marzo 2011 Relazione di sintesi della riunione sui Piani di Gestione ed il Regolamento sui Controlli tenutasi a Roma il 30 Novembre 2010 Presenti: vedi lista allegata. Assenti giustificati:

Dettagli

Disciplinare di produzione del "NASELLO SAPORE DI CAMPANIA"

Disciplinare di produzione del NASELLO SAPORE DI CAMPANIA Disciplinare di produzione del "NASELLO SAPORE DI Art. 1 denominazione del prodotto la dicitura "NASELLO SAPORE DI CAMPANIA è riservata agli esemplari adulti della specie Merluccius merluccius L. provenienti

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Decreto Legislativo 9 gennaio 2012, n. 4, recante misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura, a norma

Dettagli

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO PRODOTTI ECCELLENTI di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE IN ITALY Il MARE generoso di PORTO SANTO PORTOSANTOSPIRITO La domanda l abbiamo rivolta a uno chef che di fresco se ne intende e nella cui

Dettagli

Città di Caorle (Provincia di Venezia)

Città di Caorle (Provincia di Venezia) Città di Caorle (Provincia di Venezia) PIANO PROGRAMMA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE ALIEUTICHE NELLE ACQUE OGGETTO DI DIRITTI ESCLUSIVI DI PESCA DELCOMUNE DI CAORLE All interno della laguna di Caorle

Dettagli

Le produzioni ittiche

Le produzioni ittiche Capitolo ventottesimo Le produzioni ittiche La pesca La situazione mondiale e comunitaria La pesca mondiale, secondo i dati Fao, ammonta nel 2012 a poco più di 91 milioni di tonnellate, registrando una

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana ESTRATTO DAL PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2007. Presidenza del Vicepresidente del Consiglio regionale Paolo Bartolozzi. Deliberazione n. 75 concernente:

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 220 del 01 marzo 2011 pag. 1/5 Relazione illustrativa La presente relazione è relativa alla proposta di individuazione di due Siti di Importanza Comunitaria

Dettagli

NOTA. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT

NOTA. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT NOTA Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT Direzione generale delle Politiche interne dell Unione Unità tematica - Politiche strutturali e

Dettagli

Direzione Generale della pesca e dell acquacoltura

Direzione Generale della pesca e dell acquacoltura Rilascio delle Licenze di Pesca "Informatizzazione della procedura" Gennaio 2000 Direzione Generale della pesca e dell acquacoltura Generalità QUADRO DI RIFERIMENTO Le nuove tecnologie, ed in particolare

Dettagli

Bici e Barca nel Mar Tirreno tra Campania e Basilicata Maratea e il Cilento

Bici e Barca nel Mar Tirreno tra Campania e Basilicata Maratea e il Cilento Bici e Barca nel Mar Tirreno tra Campania e Basilicata Maratea e il Cilento 1.100,00 Tour guidato - Codice B01 Durata: 8 giorni/7notti (da sabato a sabato) Una crociera in Caicco lungo le rotte del mito

Dettagli

REGOLAMENTO UE 404/2011

REGOLAMENTO UE 404/2011 REGOLAMENTO UE 404/2011 RECANTE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) 1224/2009 CHE ISTITUISCE UN REGIME DI CONTROLLO COMUNITARIO PER GARANTIRE IL RISPETTO DELLE NORME DELLA POLITICA COMUNE DELLA

Dettagli

Pubblicazione realizzata da. Via Eurialo, 7-91100 Trapani. nellíambito del progetto: ìp.o.s.e.i.d.o.n.î

Pubblicazione realizzata da. Via Eurialo, 7-91100 Trapani. nellíambito del progetto: ìp.o.s.e.i.d.o.n.î La pesca artigianale e le pratiche di acquacoltura nel Golfo di Patti Pubblicazione realizzata da Via Eurialo, 7-91100 Trapani nellíambito del progetto: ìp.o.s.e.i.d.o.n.î (Programma di Orientamento, Sviluppo

Dettagli

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3.1 Le componenti del Sistema Pesca ad Ancona 3.1.1 Il concetto di sistema applicato all economia della pesca ad Ancona Per lo studio dell economia della

Dettagli

Prot. n. 3265 Del 23/02/2011

Prot. n. 3265 Del 23/02/2011 Prot. n. 3265 Del 23/02/2011 ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Oggetto: Circolare esplicativa del bando di attuazione della misura 1.3 del Fondo Europeo per la Pesca 2007-2013. Investimenti

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli

Parco Nazionale delle Cinque Terre DISCIPLINARE PROVVISORIO Deliberazione del Consiglio direttivo 4 febbraio 2005 n. 1

Parco Nazionale delle Cinque Terre DISCIPLINARE PROVVISORIO Deliberazione del Consiglio direttivo 4 febbraio 2005 n. 1 Parco Nazionale delle Cinque Terre DISCIPLINARE PROVVISORIO Deliberazione del Consiglio direttivo 4 febbraio 2005 n. 1 Il presente Disciplinare Provvisorio si applica alle attività che, secondo quanto

Dettagli

La Campania lancia la sfida

La Campania lancia la sfida Territorio PORTI TURISTICI INTEGRATI La Campania lancia la sfida 88 Servizi a supporto delle attività degli scali, bonifiche e risanamento dei litorali, potenziamento dei collegamenti marittimi, scali

Dettagli

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO 1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO Il Comune di Rimini con finanziamento della Giunta Regionale dell Emilia Romagna (delibere G.R. n. 2552/2003 del 09/12/2003 e n. 2334/2005 del 29/12/2005)

Dettagli

PIANO DI GESTIONE GSA 17 MAR ADRIATICO CENTRO-SETTENTRIONALE. (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 e art.19 del Reg. (CE) n.1967/2006) ALTRI SISTEMI

PIANO DI GESTIONE GSA 17 MAR ADRIATICO CENTRO-SETTENTRIONALE. (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 e art.19 del Reg. (CE) n.1967/2006) ALTRI SISTEMI PIANO DI GESTIONE (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 e art.19 del Reg. (CE) n.1967/2006) GSA 17 MAR ADRIATICO CENTRO-SETTENTRIONALE ALTRI SISTEMI 1. Ambiti di applicazione... 3 2. Obiettivo globale...

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA

IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA A FUEL CONSUMPTION BASED METHOD TO MEASURE THE FISHING EFFORT 7 IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA

Dettagli

MINISTERO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI IL MINISTRO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI IL MINISTRO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI D.M. 26 luglio 1995. Disciplina del rilascio delle licenze di pesca. (G.U.R.I. 31-08-1995, n. 203). IL MINISTRO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI

Dettagli

Introduzione. Greenpeace non era lì per caso: tutti sanno che una flottiglia di spadare italiane

Introduzione. Greenpeace non era lì per caso: tutti sanno che una flottiglia di spadare italiane Unvi deor appor t osul l ast r anast or i adeldi omedei I esulper chénonsir i esceaf er mar el a pescapi r at adel l er et ider i vant ii ni t al i a www. gr eenpeace. i t 100% PI RATERI AI TALI ANA Introduzione

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

Il progetto LIFE+ del mese

Il progetto LIFE+ del mese Il progetto LIFE+ del mese LIFE12 ENV/IT/000289 Beneficiario coordinatore: Regione Liguria Dipartimento Ambiente - Settore Ecosistema Costiero e Ciclo delle Acque Coordinatore del progetto: Ilaria Fasce

Dettagli

IL PROGETTO DREPANCOAST

IL PROGETTO DREPANCOAST IL PROGETTO DREPANCOAST La Provincia Regionale di Trapani, nell ambito di un progetto POR, ha affidato al Gruppo Gifaco dell Istituto per l Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net I divieti della navigazione dopo la tragedia umana e marittima della Costa Concordia A cura del dott. Cristian Rovito Sottufficiale del Corpo delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera A seguito del sinistro

Dettagli

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA Tipologia dell area (isola, zona scarsamente popolata, piccolo porto di pesca isolato o adiacente

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELL ICCAT CHE MIRA A DETERMINARE UN PROGRAMMA PLURIENNALE DI RICOSTRUZIONE PER IL TONNO ROSSO DELL EST ATLANTICO E DEL MEDITERRANEO

RACCOMANDAZIONE DELL ICCAT CHE MIRA A DETERMINARE UN PROGRAMMA PLURIENNALE DI RICOSTRUZIONE PER IL TONNO ROSSO DELL EST ATLANTICO E DEL MEDITERRANEO RACCOMANDAZIONE DELL ICCAT CHE MIRA A DETERMINARE UN PROGRAMMA PLURIENNALE DI RICOSTRUZIONE PER IL TONNO ROSSO DELL EST ATLANTICO E DEL MEDITERRANEO Riconoscendo che il Comitato Permanente per la Ricerca

Dettagli

La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo

La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo Progetto LIFE NATURA Co.Me.Bi.S. La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo Integrated management of coastal and marine ecosystems of the Mediterranean Simona Clò Responsabile

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014)

FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014) FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014) Risorse finanziarie Risorse totali FEAMP 5 miliardi e 750 milioni da dividersi fra 27 Stati Membri Disponibilità per l Italia: 537 milioni

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 NAT/IT/000279 Beneficiario Coordinatore: CTS - Centro Turistico Studentesco e Giovanile Via Albalonga n. 3 00183 Roma (RM) Tel.: 06-64960300/1/2 Fax: 06-64960366 Contatto:

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli