Out line LHC CMS Summer Studen t Project

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Out line LHC CMS Summer Studen t Project"

Transcript

1 Experiment

2 Out line LHC Perchè un hadron collider? Acceleratore ed esperimenti Tracker ECAL &HCAL Muon System Summer Student Project Idea base del progetto Risultati raggiunti 2

3 LHC Ultimi COLLIDERS: Large Electron Positron 209 GeV ( ) CERN e+e- TeVATRON 1.96 TeV ( ) FERMILAB p pbar Large Hadron Collider (2008??) CERN pp Macchina da scoperta!! 3

4 LHC Perchè un hadron collider? Dobbiamo essere il più sensibili possibile ai processi di fisica che possono realizzarsi Tanta energia: energia necessaria per produrre particelle massive (es: il bosone di Higgs) e per indagare regioni inesplorate Altri collisionatori (es e-e) non sarebbero stati altrettanto convenienti energeticamente Alta luminosità: luminosità Spesso i processi che si vorrebbero osservare sono molto rari (es: 10 ordini di grandezza) 4

5 LHC Perchè proprio LHC? Collisioni p- p Protone: prticella composita-> quark di valenza, gluoni coppie q-qbar Se l energia dell interazione è sufficientemente alta: possiamo vedere il protone con una risoluzione temporale sufficiente per osservare le reazioni tra gluoni e quark del mare (interazioni forti -tempi di reazione piccolissimi) Il campo di Higgs: puo essere perturbato quindi particelle di Higgs possono essere visibili; (es: onde del mare!) Basta che l energia sia sufficiente!! 5

6 LHC Iniezione di protoni dal CERN PREACELERATOR COMPLEX 450 GeV Due Beam- Pipe diverse 6

7 LHC Al posto di LEP: a 80 m sotto terra con un diametro fissato a 27 kmkm > unico modo per incrementare l'energia del fascio: FORTE CAMPO MAGNETICO! Campo magnetico 8T: 8T 1232 dipoli SUPERCONDUTTORI (traiettoria) Raffreddati a 1. 9 K con elio superfluido 700 quadrupoli (focusing) Dimensione trasversale del fascio al punto di interazione: 16μm 8 cavità RF: da 450 GeV a 7 Tev 7

8 LHC I protoni circolano in bunches spaziatura temporale è di 25 ns (i.e. 7.5 metri) rate di Bunch-crossing è 40 MHz Consideriamo: la sezione d urto totale p-p ~ 100 mb TOT Il rate di eventi a L = 1034 cm-2s-1 è R ~ 109 Hz ci sono circa ~ 25 interazioni pp separate per bunchcrossing Diventa difficile separare un evento interessante dal fondo di eventi prodotti 8

9 LHC ( I): LHCb: fisica del b ALICE: ioni pesanti TOTEM-LHCf: farward particles ATLAS E : general purpose experiments maggior potenziale di scoperta possibile 9

10 LHC ( II): LHC detta le condizioni... alta effecienza di rilevazione (es: 1 traccia interessante su > devo essere in grado di ricostruirle tutte) alta risoluzione spaziale (quale delle n interazioni vicine è quella giusta? Devo ricostruire n vertici di decadimento distanti poche decine di micron tra loro) alta velocità di risposta (25 ns e la frequenza di interazione) resistenza al danneggiamento da radiazione 10

11 ATLAS vs Differenze Principali CAMPO MAGNETICO DIMENSIONI ( P /BL2) ATLAS: campo toroidale 2 T : campo solenoidale 4 T T CALORIMETRO ADRONICO: ATLAS: Argon liuido : rame intervallato da materiale plastico scintillante 11

12 12

13 13

14 ... dal vero! 14

15 Solenoide Super conduttore: Lungo 13m Diametro interno 5. 9 m Campo 4 T Campo di ritorno 1. 8 T (chiuso dal ferro esterno) Contiene: Tk- detectr ECAL HCAL 15

16 Tracker detector Dimensioni: Ragio esterno: 110 cm Lunghezza: 540 cm 3 zone: Zona interna : Pixel detector Zona intermedia: Microstrip detector Zona esterna: Microstrip detector (celle più grandi) 16

17 La misura del momento di una particella <- Forza di Lorentz: F=qv x B La risoluzione della misura d impulso: determinata dalla precisione nella ricostruzione della traiettoria (es: numero di punti con cui si ricostruisce, risoluzione spaziale del punto) Per bassi impulsi: fondamentale che i rivelatori siano leggeri -> meno materiale meno multiple scattering 17

18 Pixel Vertex Detector 3 layers 2 ENDCAP 2 Dimensioni celle: 100x150 m Risoluzione: = 10 m r/ z= 20 m Occupancy < 1 per mille 65 milioni di Pixel Ogni pixel collegato ad un chip (BUMP- BONDING) BONDING Passaggio della particella libero coppia e- h amplifico il segnale Ricostruzione traccia 3D (griglia di pixel + strati!) 18

19 Silicon Strip detector inner barrel (TIB) TIB inner endcaps (TID) TID Outer barrel (TOB) TOB Endcaps (TEC) TEC TIB occupancy < 1% Risoluzione: = 15 m r/ z= 30 m 19

20 Prestazioni: Efficienza del tracking Muoni Pioni Risoluzione in impulso: < 1% per muoni di 1 GeV 20

21 Calorimetro elettromagnetico ECAL ( I) Calorimetro omogeneo: cristalli di PbWO4: finemente segmentati forma trapezioidale con facce quadrate Materiale adatto! Misura distruttiva: Energia della particella depositata nel mezzo Energia convertita in luce da fotodiodi e/o fototriodi 21

22 Calorimetro elettromagnetico ECAL ( II) Sciami elettromagnetici Scala della lunghezza dello sciame dipende dalla X0 (dipende dallo Z) ECAL deve contenere tutto lo sciame!!! COME PUÒ ESSERE COMPATTO?? Raggio di Molier : R = 21.9 mm M Lunghezza di radiazione: X0 = 8.9 mm 22

23 Calorimetro elettromagnetico ECAL ( III) Risoluzione energetica: a- > 2.7% fluttuazioni nello sviluppo dello sciame; b- > 0.55%, sistematiche da calibrazione; c-> 0.2 GeV, sistematiche strumentali; 23

24 Alta risoluzione energetica (es: H-> ) Photon angular resolution: 50 mrad/ E Mass resolution: somma in quadratura delle risoluzioni energetiche dei due fotoni e quella angolare Intrinsecamente tracciante per l'alta granularità 24

25 Calorimetro adronico HCAL ( I) Calorimetro a campionamento: Mezzo assorbente: rame Materiale plastico scintillante attivo; Misura distruttiva Struttura adatta a contenere gli sciami adronici 25

26 Calorimetro adronico HCAL ( II) Sciami adronici Si sviluppano tramite interazione forte con i nuclei dell' assorbitore Gran parte dell'energia si usa per eccitare/rompere nuclei solo una piccola frazione è EM importante la CALIBRAZIONE Lo Sciame è definito dalla lunghezza di assorbimento: più profondo e più largo dello sciame EM ( HO hadron outer) 26

27 Calorimetro adronico HCAL ( III) La misura adronica è più complessa di quella elettromagnetica. La risoluzione energetica intrinseca bassa: σ /E ~ 100%/ E + few % MA integrando la misura con altri sottorilevatori migliora di un fattore 2 la risoluzione ( tecniche di ENERGY FLOW) 27

28 Muon system( I): Posizionato Interamente al di fuori del magnete Zone attive interposte a blocchi di ferro (1.8 T) 3 SOTTOSISTEMI DIFFERENTI: Drift Tubes Resistive Plate Chamber Cathode Strip Chamber 28

29 Muon system( II): Perchè 3 sottosistemi? Ampia zona da coprire Vasta varietà di tipi di radiazione Diverse funzioni: DT: DT buona risoluzione spaziale CSC: adatte per la ENDCAP region (alta radiazione) RPC: bassa risoluzione spaziale MA ottima risoluzione temporale (< 3ns) Goal del Muon System: Identificare i muoni Misurare il pt Regolare il trigger dell'intero esperimento 29

30 Muon system( III): Misura del pt: Muon system only: only misura con risoluzione dominata dal multiple scattering (molto bassa) Inner tracker only: adatto per misure di bassi lowpt muon Full system: combinando il tracker e il muon system la risoluzione energetica migliora nettamente! Barrel region 30

Parte 11 Esempio di un rivelatore (CMS)

Parte 11 Esempio di un rivelatore (CMS) Introduzione ai rivelatori di particelle Parte 11 Esempio di un rivelatore (CMS) AA 2008/2009 Cesare Voci - Roberto Carlin 1 CMS Esempio di un rivelatore: CMS perchè CMS: Rivelatore moderno ma già costruito

Dettagli

Il rivelatore Compact Muon Solenoid di LHC. Amedeo Staiano Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Il rivelatore Compact Muon Solenoid di LHC. Amedeo Staiano Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il rivelatore Compact Muon Solenoid di LHC Amedeo Staiano Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Obbiettivi e Sfide Obbiettivi scientifici: CMS e un General Purpose Experiment, disegnato per trovare risposte

Dettagli

The Large Hadron Collider LHC

The Large Hadron Collider LHC The Large Hadron Collider LHC European Masterclasses 2008 dip. di Fisica G.Galilei 12/13/14 Marzo 2008 dott Stefano Lacaprara, INFN Laboratori Nazionali di Legnaro Large Hadron Collider Perche' lo facciamo

Dettagli

The Large Hadron Collider LHC

The Large Hadron Collider LHC The Large Hadron Collider LHC European Masterclasses 2007 dott Stefano Lacaprara, INFN Laboratori Nazionali di Legnaro stefano.lacaprara@pd.infn.it Large Hadron Collider Perche' lo facciamo Cos'e' Cosa

Dettagli

I rivelatori di particelle, ovvero come vedere senza vedere

I rivelatori di particelle, ovvero come vedere senza vedere I rivelatori di particelle, ovvero come vedere senza vedere Che cosa avviene in un urto fra particelle Cosa ci interessa osservare Come riusciamo a osservare le particelle Problematiche di un moderno esperimento

Dettagli

STUDIO DI UN ALGORITMO DI TRIGGER PER MUONI A BASSO P T NEL RIVELATORE CMS A LHC

STUDIO DI UN ALGORITMO DI TRIGGER PER MUONI A BASSO P T NEL RIVELATORE CMS A LHC ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DIBOLOGNA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica STUDIO DI UN ALGORITMO DI TRIGGER PER MUONI A BASSO P T NEL RIVELATORE

Dettagli

LHCb. - Barbara Sciascia (INFN/LNF) - MasterClass (LNF) - 16 marzo

LHCb. - Barbara Sciascia (INFN/LNF) - MasterClass (LNF) - 16 marzo LHCb [Thanks to F. Alessio, A. Carbone, R. Forty, J. Rademacker for some material] - Barbara Sciascia (INFN/LNF) - MasterClass (LNF) - 16 marzo 2017-1 LHC @ CERN Alpes Lac Léman Genève ATLAS Jura +LHCf

Dettagli

Accoppiamento con fermioni e bosoni di gauge Rapporti di decadimento Ricerca dell Higgs a LHC

Accoppiamento con fermioni e bosoni di gauge Rapporti di decadimento Ricerca dell Higgs a LHC Accoppiamento con fermioni e bosoni di gauge Rapporti di decadimento Ricerca dell Higgs al Lep Ricerca dell Higgs a LHC 0 Accoppiamento dell Higgs con W e Z Lagrangiana elettrodebole invariante per trasformazione

Dettagli

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra.

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. di Maria Curatolo 24 > 25 Scoprire il bosone di Higgs è uno degli scopi principali del Large Hadron Collider (Lhc) e, in

Dettagli

Rivelazione di particelle. Incontro con gli studenti di Ingegneria Energetica

Rivelazione di particelle. Incontro con gli studenti di Ingegneria Energetica Rivelazione di particelle Incontro con gli studenti di Ingegneria Energetica roberto spighi, Bologna 22 maggio 2012 1 Indice Stato attuale sulla conoscenza delle particelle Questioni aperte Rivelazione

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Fisica. Tesi di Laurea Specialistica

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Fisica. Tesi di Laurea Specialistica Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Fisica Tesi di Laurea Specialistica Studio del calorimetro elettromagnetico dell esperimento CMS a LHC mediante misure

Dettagli

La fisica delle particelle

La fisica delle particelle .. La fisica delle particelle Luisa Alunni Solestizi Luisa Alunni Solestizi 20/03/2014 1 / 16 Particelle ad alta energia La Fisica delle Particelle studia i costituenti fondamentali della materia e le

Dettagli

Il bosone di Higgs: che cosa è? Come funziona? E a che cosa serve? Stefano Sandrelli INAF Osservatorio Astronomico di Brera

Il bosone di Higgs: che cosa è? Come funziona? E a che cosa serve? Stefano Sandrelli INAF Osservatorio Astronomico di Brera Il bosone di Higgs: che cosa è? Come funziona? E a che cosa serve? Stefano Sandrelli INAF Osservatorio Astronomico di Brera Riassunto: che cosa è la luce? Onda o par5cella? Il fotone. Natura ondulatoria

Dettagli

Theory Italiano (Italy)

Theory Italiano (Italy) Q3-1 Large Hadron Collider (10 punti) Prima di iniziare questo problema, leggi le istruzioni generali nella busta a parte. In questo problema è discussa la fisica dell acceleratore di particelle del CERN

Dettagli

Parte 10 Calorimetria

Parte 10 Calorimetria Introduzione ai rivelatori di particelle Parte 10 Calorimetria AA 2008/2009 Cesare Voci - Roberto Carlin 1 Calorimetri: introduzione Calorimetri misura dell energia mediante l assorbimento totale in un

Dettagli

Studio della produzione associata di getti adronici e bosoni vettori Z e W in collisioni p-p nell esperimento CMS.

Studio della produzione associata di getti adronici e bosoni vettori Z e W in collisioni p-p nell esperimento CMS. Università degli Studi di Trieste Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Tesi di Laurea Studio della produzione associata di getti adronici e bosoni vettori Z e W

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM.FF.NN Corso di laurea in Fisica Progettazione e sviluppo di un sistema d acquisizione dati per il controllo e il monitoring dell apparato

Dettagli

I rivelatori. Un rivelatore non è una grossa macchina fotografica

I rivelatori. Un rivelatore non è una grossa macchina fotografica I rivelatori Un rivelatore non è una grossa macchina fotografica Sistema di migliaia di sensori specializzati Sfruttano l interazione delle particelle con la materia per ricavare misure indipendenti di

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali. Corso di Laurea Magistrale in Fisica

Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali. Corso di Laurea Magistrale in Fisica Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica Calibrazione di un detector a scintillazione per la rivelazione di particelle secondarie di 20-250 MeV di energia

Dettagli

Gli acceleratori di particelle e LHC. Roberta Arnaldi INFN Torino

Gli acceleratori di particelle e LHC. Roberta Arnaldi INFN Torino Gli acceleratori di particelle e LHC Roberta Arnaldi INFN Torino Masterclass, 25 Marzo 2011 1 2 Sommario Come si studia l infinitamente piccolo: gli acceleratori i rivelatori Dove si studiano le particelle:

Dettagli

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 Alcune defnizioni RIVELATORE E un dispositivo che conta, traccia o identifica le particelle prodotte dai decadimenti radioattivi, dalle radiazioni cosmiche o

Dettagli

Il sistema di selezione dei muoni per il trigger del rivelatore CMS

Il sistema di selezione dei muoni per il trigger del rivelatore CMS Università degli Studi di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Dipartimento di fisica Corso di laurea in fisica Il sistema di selezione dei muoni per il trigger del rivelatore CMS

Dettagli

Simone Gennai Scuola Normale Superiore INFN Sez. di Pisa

Simone Gennai Scuola Normale Superiore INFN Sez. di Pisa Simone Gennai Scuola Normale Superiore INFN Sez. di Pisa 2 Le previsioni del Modello Standard sono state verificate fino ad un precisione di 10-5 L unica particella predetta e ancora non scoperta rimane

Dettagli

Gli acceleratori di particelle

Gli acceleratori di particelle Gli acceleratori di particelle terza parte Corso di valorizzazione delle eccellenze in Matematica e Fisica Liceo Statale Scientifico, Linguistico e Classico Giolitti-Gandino Acceleratori circolari Poi

Dettagli

Possibili progetti futuri in WP7

Possibili progetti futuri in WP7 LABORATORI NAZIONALI DI FRASCATI www.lnf.infn.it Possibili progetti futuri in WP7 P. Giacomelli INFN Bologna Contatti In questi ultimi mesi e stato possibile avere molti contatti sia con la comunità europea

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Civile ed Industriale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Chimica Candidato Antonio Valerio Franchi n matricola

Facoltà di Ingegneria Civile ed Industriale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Chimica Candidato Antonio Valerio Franchi n matricola Studio dei materiali costituenti le GEMs (Gas Electron Multipliers) nel rivelatore CMS (Compact Muon Solenoid) presso LHC (Large Hadron Collider) al CERN di Ginevra: caratterizzazione ed interazioni con

Dettagli

Caratterizzazione di Silicon Photomultipliers in detector a scintillazione

Caratterizzazione di Silicon Photomultipliers in detector a scintillazione Caratterizzazione di Silicon Photomultipliers in detector a scintillazione Alessandro Berra Relazione di fine anno di dottorato XXIV Ciclo Outline I sistemi di lettura nei detector a scintillazione I detector

Dettagli

LHC : rivelatori. Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1

LHC : rivelatori. Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1 LHC : rivelatori Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1 I rivelatori di LHC (1) - sommario nota storica : ATLAS e CMS [anche ALICE, LHC-b, TOTEM] ; CMS : cenni (2) ; ATLAS : rivelatore centrale; calorimetro

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Anno Accademico 1999/2000. Tesi di Laurea in Fisica

Università degli Studi di Genova. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Anno Accademico 1999/2000. Tesi di Laurea in Fisica Università degli Studi di Genova Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Anno Accademico 1999/2000 Tesi di Laurea in Fisica Studio delle caratteristiche funzionali del rivelatore a pixel di

Dettagli

I MRPC del TOF nell esperimento ALICE

I MRPC del TOF nell esperimento ALICE I MRPC del TOF nell esperimento ALICE L esperimento ALICE. Caretteristiche fondamentali del TOF. Sviluppo dei MRPC (Camere multigap a piani resistivi). Risultati su fascio e al GIF. Conclusioni. A.Margotti

Dettagli

Quattro Luglio Questa data

Quattro Luglio Questa data La scoperta del bosone di Higgs Aleandro Nisati Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - sezione Roma 1 Quattro Luglio 2012. Questa data segna una tappa fondamentale nella comprensione della natura del

Dettagli

Studio di rivelatori di posizione Micromegas per lo spettrometro per muoni in avanti dell esperimento ATLAS a LHC

Studio di rivelatori di posizione Micromegas per lo spettrometro per muoni in avanti dell esperimento ATLAS a LHC Università degli Studi di Roma La Sapienza FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Fisica Tesi di Laurea Magistrale Studio di rivelatori di posizione Micromegas

Dettagli

Il Large Hadron Collider

Il Large Hadron Collider Il Large Hadron Collider Ma anche: sono soldi spesi bene? com è la vita al Cern? Riccardo.Paramatti@roma1.infn.it 26/03/2009 Il Large Hadron Collider (LHC) l'acceleratore di particelle più potente al mondo

Dettagli

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI

Dettagli

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato.

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. : seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. Sistema di acquisizione dati (DAQ): raccoglie i dati prodotti dall apparato e li immagazzina

Dettagli

Itinerario del viaggio

Itinerario del viaggio Itinerario del viaggio Massimo Passera Treviso - 01/02/2013 1 Massimo Passera Treviso - 01/02/2013 2 Le 4 interazioni fondamentali! Elettromagnetiche! Deboli! Forti! Gravitazionali Interazione elettromagnetica

Dettagli

Le particelle elementari e l acceleratore LHC al CERN di Ginevra

Le particelle elementari e l acceleratore LHC al CERN di Ginevra Le particelle elementari e l acceleratore LHC al CERN di Ginevra Andrea Bizzeti Università di Modena e Reggio Emilia e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Sezione di Firenze andrea.bizzeti@fi.infn.it

Dettagli

Studio delle camere a deriva per lo spettrometro muonico dell esperimento ATLAS

Studio delle camere a deriva per lo spettrometro muonico dell esperimento ATLAS Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Studio delle camere a deriva per lo spettrometro muonico dell esperimento ATLAS Tesi

Dettagli

Osservazione di una nuova particella con massa di 125 GeV

Osservazione di una nuova particella con massa di 125 GeV Osservazione di una nuova particella con massa di 125 GeV Esperimento CMS, CERN 4 Luglio 2012 Sintesi: Oggi al CERN di Ginevra, in un seminario congiunto con la conferenza "ICHEP 2012" [1] a Melbourne,

Dettagli

GLAST-LAT: risultati delle calibrazioni su fascio

GLAST-LAT: risultati delle calibrazioni su fascio GLAST-LAT: risultati delle calibrazioni su fascio Claudia Monte per la collaborazione GLAST claudia.monte@ba.infn.it Dipartimento Interateneo di Fisica M. Merlin dell Università e del Politecnico di Bari

Dettagli

Studio di tecniche di accesso ai dati dell esperimento CMS a LHC: il caso dell axigluone

Studio di tecniche di accesso ai dati dell esperimento CMS a LHC: il caso dell axigluone Studio di tecniche di accesso ai dati dell esperimento CMS a LHC: il caso dell axigluone Relatore: Prof. Luciano M. Barone Candidato: Giovanni Carta 1 Il Large Hadron Collider collisore pp, anello lungo

Dettagli

Large Hadron Collider-LHC

Large Hadron Collider-LHC Large Hadron Collider-LHC Nicola Semprini Cesari Radiazione di sincrotrone, energia, luminosità Parametri Magneti Radiazione di sincrotrone Un acceleratore circolare determina un moto accelerato delle

Dettagli

Ricerca di nuova fisica in eventi con bosone di Higgs e top quark singolo con l esperimento CMS

Ricerca di nuova fisica in eventi con bosone di Higgs e top quark singolo con l esperimento CMS Ricerca di nuova fisica in eventi con bosone di Higgs e top quark singolo con l esperimento CMS Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica Candidato Marco La

Dettagli

LHC e il CERN. Riccardo Paramatti 19/06/2008

LHC e il CERN. Riccardo Paramatti 19/06/2008 LHC e il CERN Riccardo Paramatti 19/06/2008 Indice della lezione Il Cern di Ginevra Il Modello Standard delle particelle elementari Il bosone di Higgs L acceleratore e gli esperimenti LHC Qualche esempio

Dettagli

Ricostruzione di tracce in tempo reale su FPGA a LHC

Ricostruzione di tracce in tempo reale su FPGA a LHC FACOLTÀ Università di Pisa DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Fisica Tesi di Laurea Magistrale Ricostruzione di tracce in tempo reale su FPGA a LHC Candidato: Daniele

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica

Corso di Laurea in Fisica Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Fisica Corso di Laurea in Fisica Laurea Specialistica Studio di tecniche di accesso ai dati dell esperimento CMS a LHC: il caso dell axigluone.

Dettagli

Acceleratori e Rivelatori di Particelle Elementari

Acceleratori e Rivelatori di Particelle Elementari Acceleratori e Rivelatori di Particelle Elementari Massimiliano Fiorini!! Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra! Università degli Studi di Ferrara! e-mail: Massimiliano.Fiorini@cern.ch! International

Dettagli

surriscaldato e compresso bollicine

surriscaldato e compresso bollicine Camera a Bolle Eʼ costituita da un recipiente metallico contenente un liquido surriscaldato e compresso. Una particella carica ionizza il liquido e lungo il percorso si formano bollicine che possono essere

Dettagli

Di : Gustavo Maccioni. Tutor. Marco Rescigno

Di : Gustavo Maccioni. Tutor. Marco Rescigno Misure delle sezioni d'urto inclusive di W e Z nelle collisioni p p-bar ad una S=1.96 TeV Di : Gustavo Maccioni Tutor Marco Rescigno Scopo e Introduzione La misura delle sezioni d'urto di produzione di

Dettagli

Programma del corso di FNSN II AA 2012-2013 ( 9 Crediti)

Programma del corso di FNSN II AA 2012-2013 ( 9 Crediti) Programma del corso di FNSN II AA 2012-2013 ( 9 Crediti) - Modello a Quark Statico (tutto il capitolo I App. Dionisi ) - Scattering Elastico e anelastico e-nucleoni 1) fattori di forma dei nuclei; 2) fattori

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA POLITECNICO DI TORINO I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Nucleare TESI DI LAUREA CERN-THESIS-2002-043 14/10/2002 Studio della risposta di dosimetri a stato solido da utilizzare per la

Dettagli

International Masterclasses 2017 Il Bosone Z. Prof. Camilla Di Donato Dott. Paolo Massarotti

International Masterclasses 2017 Il Bosone Z. Prof. Camilla Di Donato Dott. Paolo Massarotti International Masterclasses 2017 Il Bosone Z Prof. Camilla Di Donato Dott. Paolo Massarotti Non perdiamo tempo Ci aspetta un viaggio alla scoperta degli elementi più piccoli che costituiscono la materia!

Dettagli

Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS

Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS i Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS Il testo si propone di spiegare gli aspetti più importanti degli studi di fisica

Dettagli

Misura della massa del quark top in eventi con top singolo nell esperimento CMS ad LHC

Misura della massa del quark top in eventi con top singolo nell esperimento CMS ad LHC Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola politecnica e delle scienze di base Area didattica di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Anno Accademico 2012/2013 Tesi

Dettagli

Presentazione. 24/10/2013 1

Presentazione. 24/10/2013 1 Presentazione Io, Luigi Moroni: Dirigente di Ricerca dello Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e titolare del corso Metodi Sperimentali della Fisica delle Alte Energie all Universita di Milano

Dettagli

Università degli Studi di Milano. Percorsi della laurea Magistrale in Fisica

Università degli Studi di Milano. Percorsi della laurea Magistrale in Fisica Università degli Studi di Milano Percorsi della laurea Magistrale in Fisica Docente Tutor: prof. Emanuela Meroni Corsi Obbligatori AMBITO DISCIPLINARE "Sperimentale Applicativo Elettrodinamica Classica

Dettagli

Abbiamo scoperto il bosone di Higgs. Scienza Estate giugno 2013

Abbiamo scoperto il bosone di Higgs. Scienza Estate giugno 2013 Abbiamo scoperto il bosone di Higgs Scienza Estate 10-11 giugno 2013 La materia è fatta di atomi Elettroni, in orbite ben definite N. Bohr, Premio Nobel 1922 Un nucleo, formato da protoni e neutroni Dall

Dettagli

Come si misurano le particelle

Come si misurano le particelle Come si misurano le particelle Molti piu dettagli nel corso Apparati sperimentali Introduzione Misure di impulso. Misure in campo magnetico e sistemi di tracciatura Misure di energia: Calorimetri Identificazione

Dettagli

Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare Prof. A. Andreazza. Lezione 10. Acceleratori

Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare Prof. A. Andreazza. Lezione 10. Acceleratori Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare Prof. A. Andreazza Lezione 10 Acceleratori Acceleratori Gli acceleratoti sono, insieme ai rivelatori, una delle componenti essenziali per la sperimentazione

Dettagli

Evidenza delle diverse famiglie di neutrini

Evidenza delle diverse famiglie di neutrini Fenomenologia del Modello Standard Prof. A. Andreazza Lezione 2 Evidenza delle diverse famiglie di neutrini Diversi tipi di neutrini Agli inizi degli anni 60 si sapeva che il numero leptonico era conservato

Dettagli

STATO del progetto AFP

STATO del progetto AFP STATO del progetto AFP AFP è uno dei progetti previsti come possibile upgrade di fase- I per ATLAS. Lo scopo di AFP è quello di aggiungere rivelatori traccianti posti a circa 210m dal vertice di interazione

Dettagli

Alberto Filipuzzi. Modello standard e verifiche sperimentali di θ W da DIS di ν

Alberto Filipuzzi. Modello standard e verifiche sperimentali di θ W da DIS di ν Alberto Filipuzzi Modello standard e verifiche sperimentali di θ W da DIS di ν Anno accademico 2005-2006 Divergenze delle sezioni d urto Il calcolo delle sezioni d urto per lo scattering ν e -e pensate

Dettagli

L'origine della massa e il bosone di Higgs. Massimo Casarsa Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Trieste

L'origine della massa e il bosone di Higgs. Massimo Casarsa Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Trieste L'origine della massa e il bosone di Higgs Massimo Casarsa Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Trieste Trieste Next 28 29 30 settembre 2012 Scaletta ➊ Parte I: breve introduzione sul Modello

Dettagli

Scoperta delle interazioni da neutrino tau

Scoperta delle interazioni da neutrino tau Scoperta delle interazioni da neutrino tau Corso di fisica nucleare e subnucleare II Prof. Carlo Dionisi FALIVENE MARIA Nell architettura della materia così com è descritta dal cosiddetto modello standard

Dettagli

il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Proposte di Tesi di Laurea presso il

il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Proposte di Tesi di Laurea presso il Proposte di Tesi di Laurea presso il il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Carlo Dionisi Dipartimento di Fisica Univ. di Roma La Sapienza INFN Sezione di Roma Dove si trova Fermilab? Cosa e' Fermilab?

Dettagli

Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS

Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Fisica Tesi Laurea Magistrale in Fisica Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS

Dettagli

Tecniche sperimentali in fisica delle particelle elementari e introduzione alle attività pratiche

Tecniche sperimentali in fisica delle particelle elementari e introduzione alle attività pratiche Tecniche sperimentali in fisica delle particelle elementari e introduzione alle attività pratiche Massimo Casarsa INFN Sez. di Trieste International Masterclasses 2012 Programma Parte I: tecniche di rivelazione

Dettagli

Studio delle prestazioni del rivelatore centrale di tracciamento dell esperimento CMS

Studio delle prestazioni del rivelatore centrale di tracciamento dell esperimento CMS Universitá degli Studi di Torino Scuola di Dottorato. TESI DI DOTTORATO Studio delle prestazioni del rivelatore centrale di tracciamento dell esperimento CMS Coordinatore: Prof. Ezio Menichetti Relatore

Dettagli

Stato degli algoritmi di energy flow in Atlas e Cms

Stato degli algoritmi di energy flow in Atlas e Cms Stato degli algoritmi di energy flow in Atlas e Cms 1) & Iacopo Vivarelli 2) 1) SNS INFN Pisa CMS group 2) SNS INFN Pisa Atlas group Sommario Introduzione Il Ilmetodo di dienergy Flow Flow (EF) (EF) Applicazione

Dettagli

Quark pesanti:misure di produzione e proprietà con i rivelatori multiscopo al Large Hadron Collider

Quark pesanti:misure di produzione e proprietà con i rivelatori multiscopo al Large Hadron Collider Quark pesanti:misure di produzione e proprietà con i rivelatori multiscopo al Large Hadron Collider Corso di Dottorato di Ricerca in Fisica Università di Roma - La Sapienza Anno Accademico 2016-2017 b

Dettagli

Allinemento, stato dell'attivita' e impatto sui primi dati per Atlas e CMS DISCUSSIONE

Allinemento, stato dell'attivita' e impatto sui primi dati per Atlas e CMS DISCUSSIONE III Workshop Fisica di Atlas e CMS Allinemento, stato dell'attivita' e impatto sui primi dati per Atlas e CMS DISCUSSIONE G. Cerminara (Universita' ed INFN Torino) M. Della Pietra (Universita' ed INFN

Dettagli

STUDIO DI ALCUNE CARATTERISTICHE DI UN PROTOTIPO DI CALORIMETRO A CAMPIONAMENTO TUNGSTENO-FLUORURO DI CERIO CON LETTURA A FIBRE OTTICHE

STUDIO DI ALCUNE CARATTERISTICHE DI UN PROTOTIPO DI CALORIMETRO A CAMPIONAMENTO TUNGSTENO-FLUORURO DI CERIO CON LETTURA A FIBRE OTTICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Fisica Corso di Laurea Triennale in FISICA STUDIO DI ALCUNE CARATTERISTICHE DI UN PROTOTIPO DI CALORIMETRO A CAMPIONAMENTO TUNGSTENO-FLUORURO DI CERIO

Dettagli

ESPERIMENTO ALICE. Viaggio al CERN

ESPERIMENTO ALICE. Viaggio al CERN ESPERIMENTO ALICE Viaggio al CERN 2014-2015 ALICE è l acronimo di A Large Iron Collider Experiment ed è uno dei più grandi esperimenti fisici al mondo riguardanti la ricerca della fisica della materia

Dettagli

Ottimizzazione di un Rivelatore a Tripla-GEM per l Esperimento LHCb

Ottimizzazione di un Rivelatore a Tripla-GEM per l Esperimento LHCb Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Ottimizzazione di un Rivelatore a Tripla-GEM per l Esperimento LHCb Tesi di Laurea Relatori:

Dettagli

Riceca di paticelle neute a lunga vita media co l'espeimento ATLAS. Daniela Salvatore (INFN Cosenza)

Riceca di paticelle neute a lunga vita media co l'espeimento ATLAS. Daniela Salvatore (INFN Cosenza) Riceca di paticelle neute a lunga vita media co l'espeimento ATLAS Daniela Salvatore (INFN Cosenza) Decadimenti di paticelle neute a lunga vita media M. Strassler, K. Zurek Phys. Lett. B651 (2007) 374-379

Dettagli

Dalle macchine elettrostatiche agli acceleratori di particelle

Dalle macchine elettrostatiche agli acceleratori di particelle PLS - Incontri di Orientamento Dalle macchine elettrostatiche agli acceleratori di particelle M. Diemoz - 16 dicembre 2011 INFN Sezione di Roma Accelerare le particelle Una particella di carica elettrica

Dettagli

Fisica delle collisioni adroniche

Fisica delle collisioni adroniche Fisica delle collisioni adroniche Protoni sono oggetti complessi : Substructura partonica: Quarks e Gluoni Q 2 : ~(M 2 +p T2 ) Björken-x: Frazione del momento del protone portata dal partone Processi con

Dettagli

Analisi esclusiva del bosone di Higgs nel canale H γγ

Analisi esclusiva del bosone di Higgs nel canale H γγ Analisi esclusiva del bosone di Higgs nel canale H γγ Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica Nucleare e Subnucleare Candidato Giulia D Imperio Matricola

Dettagli

Identificazione di W, Z e H in CMS

Identificazione di W, Z e H in CMS Identificazione di W, Z e H in CMS Stage 9-19 giugno 2015 Pavia, 15 Giugno 2015 Che cos è LHC? LHC = Large Hadron Collider il più grande acceleratore di particelle al mondo Accelera 2 fasci di protoni

Dettagli

Quaderni del «Bobbio» Rivista di approfondimento culturale dell IIS «Norberto Bobbio» di Carignano

Quaderni del «Bobbio» Rivista di approfondimento culturale dell IIS «Norberto Bobbio» di Carignano Quaderni del «Bobbio» Rivista di approfondimento culturale dell IIS «Norberto Bobbio» di Carignano N. 4 anno 2012-2013 Direttore responsabile: Franco Zanet Coordinamento scientifico: Michele Calabrese,

Dettagli

Curriculum Vitae. Marco Musich. 3 Giugno 2009

Curriculum Vitae. Marco Musich. 3 Giugno 2009 Curriculum Vitae Marco Musich 3 Giugno 2009 Informazioni personali: Cognome Musich Nome Marco Indirizzo via XXV Aprile 1, 10076 Nole (TO) Telefono 0119206627 Cellulare 3206443515 Nazionalità italiana Luogo

Dettagli

Uscita didattica al CERN di Ginevra

Uscita didattica al CERN di Ginevra Scaltritti Matteo Classe 5^A Caruggi Federico 14/10/2014 Il CERN Uscita didattica al CERN di Ginevra Il CERN, l'organizzazione europea per la ricerca nucleare, è un associazione istituita in Europa, che

Dettagli

BeamLine for Schools (BL4S)

BeamLine for Schools (BL4S) BeamLine for Schools (BL4S) Catanzaro, Liceo Scientifico L.Siciliani 2.12.2016 Gianluca Lamanna (alunno ex 5E) gianluca.lamanna@cern.ch Introduzione 2 La fisica delle particelle Studia la struttura dell

Dettagli

I m i n i Big Ba n g d e l La r g e Ha d r o n Co l l i d e r 1

I m i n i Big Ba n g d e l La r g e Ha d r o n Co l l i d e r 1 31 I m i n i Big Ba n g d e l La r g e Ha d r o n Co l l i d e r 1 (alla scoperta delle leggi che governano l Universo) Rino Castaldi INFN, Sezione di Pisa 1. Introduzione La conoscenza che abbiamo del

Dettagli

Misura della velocita di deriva degli elettroni nella miscela gassosa di un rivelatore di particelle a filo. P. Campana M. Anelli R.

Misura della velocita di deriva degli elettroni nella miscela gassosa di un rivelatore di particelle a filo. P. Campana M. Anelli R. Misura della velocita di deriva degli elettroni nella miscela gassosa di un rivelatore di particelle a filo P. Campana M. Anelli R. Rosellini Urti random tra la particella e gli atomi di gas (cammino

Dettagli

Introduzione alle particelle elementari

Introduzione alle particelle elementari Introduzione alle particelle elementari Andrea Bizzeti Università di Modena e Reggio Emilia e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Sezione di Firenze andrea.bizzeti@fi.infn.it Physics Masterclass, Modena

Dettagli

Introduzione ai rivelatori di particelle

Introduzione ai rivelatori di particelle Introduzione ai rivelatori di particelle Parte 8 Identificazione delle particelle (PID) AA 2008/2009 Cesare Voci - Roberto Carlin 1 Particle Identification Metodi basati sulla misure del momento p e di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Allegato D) al Verbale n. 3 GIUDIZI ANALITICI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Allegato D) al Verbale n. 3 GIUDIZI ANALITICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Procedura selettiva 2017RUA04 Allegato 1 per l assunzione di n. 1 posto di ricercatore a tempo determinato presso il Dipartimento di Fisica e astronomìa Galileo Galilei"

Dettagli

Capitolo 10 Test del Modello Standard ( LEP fase 1 )

Capitolo 10 Test del Modello Standard ( LEP fase 1 ) Capitolo 10 Test del Modello Standard ( LEP fase 1 ) Corso di Fisica Nucleare e Subnucleare II Professor Carlo Dionisi 1 Il modello Standard delle interazioni Elettrodeboli Il Modello Standard e stato

Dettagli

Ricerca del Bosone di Higgs

Ricerca del Bosone di Higgs Ricerca del Bosone di iggs Fenomenologia delle nterazioni Forti Diego Bettoni Anno Accademico 008-09 Produzione e Rivelazione del Bosone di iggs La teoria elettrodebole dipende in modo cruciale dal meccanismo

Dettagli

MISURA DI SEN 2 (θ ) W DALL INTERAZIONE. Valentina Zambrano

MISURA DI SEN 2 (θ ) W DALL INTERAZIONE. Valentina Zambrano MISURA DI SEN DA INTERAZIONE N. Valentina Zambrano Correnti Cariche e Correnti Neutre CC: cambia lo stato di carica del vertice d interazione. e u e NC: non cambia lo stato di carica del vertice d interazione.

Dettagli

ALLA RICERCA DEL BOSONE DI HIGGS. Festival della Scienza 2015 V 08

ALLA RICERCA DEL BOSONE DI HIGGS. Festival della Scienza 2015 V 08 ALLA RICERCA DEL BOSONE DI HIGGS V 08 Cosa facciamo e perchè? Cerchiamo: o i componenti fondamentali della materia ( mattoncini indivisibili che formano la materia o se preferite particelle elementari

Dettagli

Università degli Studi di Siena. Tesi di Laurea Triennale

Università degli Studi di Siena. Tesi di Laurea Triennale Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica e Tecnologie Avanzate Tesi di Laurea Triennale Analisi preliminare sui dati a s = 8 TeV relativi

Dettagli

Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori

Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori Acceleratori Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori Perché alte energie? Generazione di particelle Cavità a radiofrequenza Tipologie di acceleratori Modo di utilizzo Tipologie

Dettagli

Summer Student al CERN

Summer Student al CERN Summer Student al CERN www.cern.ch Fabrizio Palla INFN Pisa Sommario Il CERN e la fisica delle particelle Il programma di summer students per il 2007 I campi di interesse Cos e il CERN Fondato nel 1954,

Dettagli

Particelle Elementari e Forze Fondamentali. Enrico Robutti

Particelle Elementari e Forze Fondamentali. Enrico Robutti Particelle Elementari e Forze Fondamentali Enrico Robutti Le interazioni fondamentali E. Robutti Particelle Elementari e Forze Fondamentali 2 Forze fondamentali e unificazione Le interazioni fondamentali

Dettagli

Sommario. 1. I Raggi Cosmici Alcuni effetti dei RC sulla vita quotidiana. i. Generalità e prime osservazioni ii. iii.

Sommario. 1. I Raggi Cosmici Alcuni effetti dei RC sulla vita quotidiana. i. Generalità e prime osservazioni ii. iii. Sommario 1. I Raggi Cosmici i. Generalità e prime osservazioni ii. Misure dirette e composizione chimica a. La nostra Galassia b. Le Supernovae originano i RC iii. Misure Indirette a. Possibili sorgenti

Dettagli

RIVELATORI AD LHC Parte II. M. Cobal, Università di Udine

RIVELATORI AD LHC Parte II. M. Cobal, Università di Udine RIVELATORI AD LHC Parte II M. Cobal, Università di Udine Sistema calorimetrico Risposta veloce: Calorimetria ad LHC Ad ogni bunch, 25 minimum-bias producono 1500 particelle in η < 2.5 con ~ 500 MeV,

Dettagli

Risoluzione spaziale del calorimetro elettromagnetico dell esperimento CMS

Risoluzione spaziale del calorimetro elettromagnetico dell esperimento CMS Università degli Studi di Trieste Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Tesi di Laurea Risoluzione spaziale del calorimetro elettromagnetico dell esperimento CMS

Dettagli