Dalla Puglia alla Lombardia, tre strade per far vivere le Pari opportunità in cooperativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalla Puglia alla Lombardia, tre strade per far vivere le Pari opportunità in cooperativa"

Transcript

1 Visita il sito Anno XXVI - N Maggio 2015 Primo piano Dalla Puglia alla Lombardia, tre strade per far vivere le Pari opportunità in cooperativa Presentate in un workshop esperienze che indicano opportunità per le imprese Foto Gaia Levi a pagina 2-4 Presente al Salone Internazionale del Libro di Torino L Alleanza delle Cooperative Italiane della Comunicazione partecipa per la prima volta, insieme ad un gruppo significativo di cooperative associate, con un proprio Stand al Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma dal 14 Al 18 Maggio 2015, per poter rappresentare il ruolo attivo e propositivo che essa intende svolgere nel contribuire ad affermare la necessità di un quadro editoriale attento al nuovo... Legacoop Fon.Coop Il fondo si arricchisce di quattro nuovi Avvisi, per il 2015 Territori Forlì Il Nobel Amartya Sen al convegno Il senso del Buon Vivere Imprese Unicoop Tirreno Coopstartup,unbando per favorire lo start up di nuove imprese leggi Sondaggio Osservatorio SWG Un blocco navale per fermare i migranti La programmazione di Fon.Coop, il Fondo della formazione delle imprese... Settori Legacoop Servizi A Budapest primo workshop del progetto El for FM Dopo il Kick-off meeting, tenutosi a gennaio a Roma, è stata la volta... Il Premio Nobel per l Economia Amartya Sen è lo straordinario protagonista dell incontro aperto al pubblico che si svolgerà venerdì 8 maggio al Teatro Diego Fabbri di Forlì, con inizio alle ore 18. Dopo gli Experience colloquia dei mesi scorsi con alcune delle più grandi personalità mondiali dell economia e dell innovazione come Jeremy Rifkin, Eric Maskin e Jean Paul Fitoussi, la Romagna... Coopstartup Unicoop Tirreno è il progetto, aperto da 1 maggio al 31 luglio 2015, che la Cooperativa lancia in occasione del 70 compleanno per favorire l incremento dell occupazione giovanile. L iniziativa è rivolta a gruppi composti da almeno 3 persone, in maggioranza con meno di 35 anni, che intendano costituire un impresa cooperativa o che la abbiano costituita nel 2015 nelle aree di attività di Unicoop... Gli italiani che vorrebbero vedere i flussi migratori interrotti da un blocco navale oggi sono la maggioranza. L insofferenza verso i migranti è tuttavia un fenomeno in aumento da almeno 12 anni. A caldo, nei giorni delle più massicce e continuative ecatombi di migranti nel Mediterraneo, un sondaggio Swg evidenzia la presa di posizione maggioritaria tra i cittadini: i viaggi vanno fermati. Per il 39%, un... Nota della redazione Questo numero è stato chiuso il 7 maggio 2015 alle ore 14,30 Segreteria di Redazione: Anna Colomberotto Tel Fax Organo ufficiale della Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue Settimanale di notizie a cura dell Ufficio Stampa di Legacoop Direttore Responsabile: Dora Iacobelli Registrazione al Tribunale di Roma n /90 del

2 Primo piano 2 Dalla Puglia alla Lombardia, tre strade per far vivere le Pari opportunità in cooperativa Presentate in un workshop esperienze che indicano opportunità per le imprese Tra le attività del progetto Modelli per la diffusione delle Pari Opportunità nelle imprese cooperative, promosso dagli organismi di parità dell Alleanza delle Cooperative Italiane e dai tre sindacati confederali, è stato svolto un workshop sulla contrattazione di secondo livello. Obiettivo dell incontro - spiega Dora Iacobelli, vicepresidente Legacoop e responsabile della Commissione Pari opportunità- a cui hanno partecipato rappresentanti dei partner del progetto, è stato quello di analizzare alcuni contratti di secondo livello per valutarne l efficacia quali sedi per la costruzione di strumenti di welfare aziendale per la conciliazione vita-lavoro e per lo sviluppo di una cultura delle pari opportunità. Tra i casi considerati, ci sono stati in particolare i contratti territoriali, firmati dalle tre organizzazioni cooperative - Confcooperative, Legacoop e AGCI - e dai tre maggiori sindacati in vigore o in via di definizione di alcune province lombarde (Pavia, Como, Bergamo), il contratto delle cooperative sociali della Regione Puglia, il contratto integrativo aziendale di Coop Adriatica. Il workshop ha confermato l utilità della contrattazione di secondo livello per cogliere meglio i cambiamenti intervenuti o auspicabili in vaste aree di attività e per costruire modalità di esercizio dell attività lavorativa che consentano l equilibrio dei tempi di vita e di lavoro. Dall analisi svolta sui casi presi in esame e dal confronto tra le partecipanti al workshop sono emersi alcuni aspetti di particolare rilievo da promuovere. Un tema considerato importante, e oggetto di attenzione della Regione Lombardia, è il prevedere agevolazioni fiscali per le imprese che hanno politiche di welfare aziendale e, si è aggiunto nel dibattito, per quelle che realizzano progetti di welfare territoriale o di prossimità. Le cooperative sociali sono i soggetti per loro natura più idonei a sviluppare servizi fruibili da diverse Imprese ed amministrazioni. Un altro aspetto rilevante, tenuto presente nel contratto delle cooperative sociali pugliesi, è rappresentato dai cambiamenti demografici ed in particolare l invecchiamento della popolazione, con la previsione del part time reversibile e di congedi parentali specificamente rivolti alla cura degli anziani. Inoltre, è stata valutata positivamente l introduzione della figura del garante delle pari opportunità e, al di sopra di certe soglie dimensionali, del comitato di pari opportunità. Con riferimento all integrativo di Coop Adriatica, è stato dato rilievo alla misura dell utilizzo dei principali strumenti di conciliazione previsti, con particolare riferimento ai permessi retribuiti concessi, ai permessi per partecipare ad attività di volontariato, ai servizi erogati attraverso voucher, ai finanziamenti erogati per grave difficoltà economica, agli anticipi TFR concessi fuori dalle casistiche di legge, ai prestiti agevolati. È stato, peraltro, evidenziato come coop Adriatica sia stata un apripista in tema di politiche di conciliazione in ambito cooperativo, a partire dall introduzione dell organizzazione del lavoro ad isole. In conclusione dell incontro, si è concordato sulla necessità di un confronto con le parti sindacali per favorire l inserimento nei contratti di strumenti e percorsi utili a favorire anche la valorizzazione del capitale umano femminile.

3 3 >> Alleanza Cooperative Comunicazione >> Alleanza Cooperative Agroalimentare >> Alleanza Cooperative Produzione lavoro ALLEANZA COOPERATIVE COMUNICAZIONE Presente al Salone Internazionale del Libro di Torino L Alleanza delle Cooperative Italiane della Comunicazione partecipa per la prima volta, insieme ad un gruppo significativo di cooperative associate, con un proprio Stand al Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma dal 14 Al 18 Maggio 2015, per poter rappresentare il ruolo attivo e propositivo che essa intende svolgere nel contribuire ad affermare la necessità di un quadro editoriale attento al nuovo e alla qualità e teso a salvaguardare e valorizzare, all interno di una indispensabile dimensione plurale del settore, piccoli editori indipendenti e profondamente connessi alle realtà territoriali. Un contributo fattivo ed attento a proporre e promuovere nuovi strumenti e momenti di confronto ed aggregazione tra realtà cooperativa e piccole realtà imprenditoriali che ritengano ormai indispensabile trovare nuove forme di relazione, collaborazione e rete, aldilà della forma giuridica, per rispondere in modo utile ai fenomeni di concentrazione crescente che il mercato, se lasciato a se stesso, inevitabilmente produce. La cooperazione del settore opera nel comparto della produzione editoriale, nella gestione delle librerie, nella distribuzione dei piccoli editori, nella realtà delle librerie universitarie, nell educazione alla comunicazione nelle scuole, nell editoria specializzata in aree sociali e su tematiche di grande rilevanza culturale e sociale (ambiente, cultura, tematiche di genere, ecc.) e con profonda adesione ai valori e all etica del lavoro e alla straordinaria importanza che riveste per un Paese la scrittura, la produzione, la promozione e distribuzione e la lettura del libro. Oltre 60 mq di stand (PAD.3 STAND R25) dove dodici case editrici cooperative presenti presenteranno un calendario di circa 30 eventi ed attività, con incontri con autori, iniziative di intrattenimento e molto altro ancora. Nello Stand dell Alleanza saranno presenti: Altreconomia, Arca Edizioni, Celid, Edizioni Clut, Ecra Edizioni, Iuppiter Edizioni, Cooperativa L Arca, Liberlab Servizi Editoriali e Comunicazione, Officine Gutenberg Edizioni, Trenta e Lode Distribuzione Pagine Di, Unicopli Edizioni, Edizioni Vicolo del Pavone. Animerà le giornate del Salone ZAI.NET, una redazione di giovani reporter, coordinati dai giornalisti della Mandragola Editrice, che realizzeranno interviste, fotografie, vox populi e recensiranno in radio (Radio Jeans, in onda su web, App per Ios e Android, fm terrestre 97.5 Sanremo) i titoli editi o distribuiti dalle Cooperative dell Alleanza presenti allo stand, rilanciandole sui social. Tra gli appuntamenti, sono da ricordare: Giovedì 14 maggio alle ore 15, sala Arancio Pagine di...il Brand per la biblio diversità. Editori indipendenti nella Grande Distribuzione Organizzata (Trenta e Lode Distribuzione Pagine Di) Venerdì 15 maggio alle ore 12.30, sala Argento, Padiglione 2 Le regioni, il pluralismo dell editoria e il sostegno ai piccoli editori indipendenti: Forum di approfondimento nazionale Sabato 16 maggio alle ore 14, sala Workshop, Padiglione 2 Gli editori indipendenti in un mercato in evoluzione Cultura Impresa Festival. ALLEANZA COOPERATIVE AGROALIMENTARE Nel2014crescitafatturatoeoccupazione, vola export lattiero-caseario Il sistema agroalimentare cooperativo ha registrato nel 2014 una leggera crescita in termini di fatturato e di occupazione, specie nei settori ortofrutticolo e lattiero-caseario, un tasso di mutualità in linea con gli anni precedenti; ottime le performance nelle vendite all estero del settore lattiero-caseario, mentre il vino e il settore che ha liquidato a prezzi più alti i propri soci. è quanto emerge in sintesi, dal report preconsuntivo 2014 dell osservatorio della cooperazione agricola, redatto sulla base di interviste e rilevazioni condotte tra fine febbraio e inizio

4 4 marzo su un campione di 386 imprese avanzate del mondo cooperativo, che esprimono un fatturato di oltre 11 miliardi di euro, pari a circa un terzo del giro d affari dell intera cooperazione associata. le dinamiche che caratterizzano il campione preso ad esame afferma il presidente dell alleanza delle cooperative agroalimentari giorgio mercuri sono quindi assolutamente indicative delle tendenze complessive a livello nazionale e costituiscono per noi un valido strumento per approfondire le principali tendenze economiche in atto. le imprese del sistema cooperativo agroalimentare si legge nel comunicato hanno chiuso il 2014 in leggerissimo aumento rispetto al 2013 (+0,4%), con una sostanziale tenuta anche dei livelli occupazionali (+0,7% rispetto all anno precedente). i settori trainanti nel 2014 sono stati il lattiero-caseario e l ortoflorofrutticolo, comparti che hanno registrato le migliori performance sia in termini di fatturato che di occupati. segnali positivi anche in termini di prospettiva del fatturato: il 51% delle imprese prevede che il proprio fatturato rimarrà stabile nel 2015 e una quota pari al 31% si attende addirittura una crescita. relativamente alle vendite sui mercati esteri, prosegue la tendenza positiva dell export cooperativo lattiero-caseario (+10,6%), settore che nel sistema cooperativo registra una crescita molto più sostenuta rispetto al corrispondente dato nazionale, pari al 4,6%. termina il quadro d analisi, il focus sui prezzi di liquidazione, che vede il vitivinicolo, nonostante una flessione di fatturato e di export, il settore in cui più alta è stata la quota di imprese (30%) che ha dichiarato di avere liquidato prezzi in crescita, conclude l alleanza delle cooperative. ALLEANZA COOPERATIVE PRODUZIONE LAVORO La carica 5000 cantieri per far ripartire l Italia Un Building day per far ripartire l Italia. O per meglio dire, una giornata per provare a rispondere all emergenza italiana sul fronte dell edilizia scolastica, del dissesto idrogeologico e di altre problematiche che caratterizzano il Paese. Il titolo dell evento: La carica 5000 cantieri per far ripartire l Italia. L Associazione nazionale costruttori edili (Ance), in collaborazione con l Alleanza Cooperative-Produzione Lavoro, CNA Costruzioni e ANAEPA Confartigianato, hanno organizzato il Building day, il 29 aprile, a Roma nello spazio eventi dell Associazione. Una giornata in cui gli imprenditori hanno presentato i progetti di cui i loro territori hanno urgente bisogno, quali opere contro il dissesto idrogeologico o per mettere in sicurezza le scuole a rischio e per migliorare la vivibilità delle città. Tutti i progetti saranno inseriti in un piano di piccoli cantieri pronti a partire, che sarà presentato e consegnato al Governo, frutto di una ricognizione effettuata dal sistema Ance su tutto il territorio nazionale e che ha riscontrato la presenza di cantieri fermi in attesa di finanziamenti o a causa del patto di stabilità interno. Si tratta di cantieri che possono inoltre produrre 165mila posti di lavoro in tempi brevi, rispondendo quindi anche all emergenza disoccupazione.

5 Legacoop 5 >> Fon.Coop >> Cooperative di Comunità FON.COOP Il fondo si arricchisce di quattro nuovi Avvisi, per il 2015 La programmazione di Fon.Coop, il Fondo della formazione delle imprese cooperative, si arricchisce di quattro nuovi Avvisi e per il 2015 le risorse stanziate arrivano a 63 milioni. Carlo Marignani, Consigliere per parte Legacoop del Fondo, presenta e riassume tutte le iniziative di finanziamento, in corso e future, sui canali di offerta: Conto Formativo per le medie e grandi cooperative, il Fondo di Rotazione per le PMI e microimprese, gli Avvisi tematici per l occupabilità. Gli Avvisi pubblicati in questi giorni solo il 28, di due milioni di euro, dedicato alle imprese colpite dalla crisi economica e l Avviso 29 SMART, sempre di due milioni di euro, per piani formativi da presentare a sportello e fare formazione in tempi brevi. A luglio è prevista la pubblicazione di altri due nuovi Avvisi del Fondo di Rotazione dedicato alle PMI, per un totale di 9 milioni di euro. Con la pubblicazione di questi Avvisi si completa la programmazione 2015 e le imprese associate possono scegliere, nell arco di tutto l anno, la formazione più adatta al proprio fabbisogno. Sul Conto FormativoFondo di Rotazione avrà complessivamente 5 Avvisi, due Standard, due Complessi e uno SMART - e 21 milioni di euro. Ciascun Avviso del Fondo di Rotazione dice Marignani - è una linea di finanziamento per specifici tipologie di piano formativo, affinché ciascun fabbisogno trovi la strada più idonea. Gli Standard - il 26 già pubblicato e il 30 che uscirà a luglio - finanziano esclusivamente attività formative e sarà più adatto per le imprese che sanno già quale formazione fare e quando farla. I Complessi il 27, già pubblicato ed il 31 che esce a luglio - consentono alle imprese che hanno impegnativi programmi di sviluppo di avviare qualificate attività formative e di ricerca. E l Avviso 29 SMART che, come detto, è per una formazione veloce e pronta. Ma la possibilità di programmare la formazione non è la sola novità di quest anno. In oltre 10 anni dichiara Marignani - il nostro Fondo è cresciuto, associamo imprese e oltre lavoratori e soci, abbiamo ridistribuito per attività formative oltre 160 milioni di euro. Oltre alle risorse abbiamo offerto un alto livello di servizio e strumentazioni che hanno avvicinato tantissime piccole cooperative e altre organizzazioni dell economia sociale alla formazione. Oggi disponiamo di un nuovo sistema informativo che adotta procedure trasparenti e mette al centro l impresa e il suo fabbisogno di formazione. La nuova piattaforma informatica GIFCOOP consente già da ora alle associate e agli enti di formazione la presentazione delle domande di finanziamento in modalità completamente digitale. Dal 1 aprile è inoltre disponibile un Help Desk dedicato. Con GIFCOOP il Fondo diventa, oltre che soggetto che finanzia la formazione, un partner di sviluppo. Tutta la programmazione 2015 di Fon. Coop in un click. Scopri come registrarti su GIFCOOP. COOPERATIVE DI COMUNITA A Mendatica (IM) verso la costituzione della cooperativa Il 30 aprile un folto gruppo di giovani del paese si sono dati appuntamento per mettere a punto i dettagli della costituzione di questa nuova realtà in grado di gestire come impresa le tante realtà turistiche del paese. La cooperativa di comunità rispecchia la nostra volontà di lavorare per e sul territorio commenta Maria Ramella che insieme a Francesco Meoli, Paola Ferrari e tanti altri della Pro Loco sta portando avanti il progetto. Gestire il Parco Avventura, gli impianti del Parco Canalette, il rifugio, sviluppare le attività del Centro Turismo Escursionistico: sono tutte opportunità che possiamo mettere a sistema per creare posti di lavoro, coordinandoci e implementando le attività che in questi anni la Pro Loco ha saputo sviluppare. L altra sera erano presenti giovani che vivono sul territorio, ma tanti altri che vanno a lavorare altrove ma continuano a rimanere legati a Mendatica e che sul paese hanno voglia di scommettere. Un incontro estremamente positivo sottolinea Piero Pelassa, sindaco del Co-

6 Legacoop 6 mune di Mendatica dal Nel nostro paese si è fermato il fenomeno dell abbandono, la gente e in particolare i giovani hanno voglia di scommettere sulla propria comunità. Questa cooperativa permette di valorizzare ulteriormente punti di forza come il Parco Avventura, può coinvolgere soggetti che sul territorio hanno altre attività commerciali o ricettive. Rendendo così ancora più attrattivo un territorio che è stato in grado in questi anni, grazie a protocolli d intesa con l Università e molti altri enti, di realizzare Master estivi sul benessere della montagna ed eventi di grande interesse su temi come la pet therapy. Un opportunità, quelle delle cooperative di comunità, che Legacoop Liguria sta promuovendo su tutto il territorio regionale. In Liguria ci sono infatti numerosi centri di dimensioni ridotte, spesso collocati in contesti territoriali disagiati, con difficoltà di accesso e di collegamento con le reti infrastrutturali e di servizi appannaggio delle città. Grazie alla nuova legge della Regione Liguria sulle cooperative di comunità commenta il responsabile per Legacoop Liguria delle cooperative di comunità, Roberto La Marca possiamo raggiungere l obiettivo concreto di promuovere la crescita di una rete diffusa di cooperative che consentano di mantenere vive e valorizzare le comunità locali. Quella di Mendatica è sicuramente un esempio concreto di protagonismo dei cittadini, per dare risposte ai bisogni comuni, in grado di creare occasioni di lavoro per i giovani e sfruttare potenzialità di sviluppo locale.

7 Settori 7 >> Legacoop Servizi LEGACOOP SERVIZI Progettazione europea; a Budapest primo workshop progetto El for FM Dopo il Kick-off meeting, tenutosi a gennaio a Roma, è stata la volta dell Ungheria: i partner del progetto europeo EI for FM, di cui Legacoop Servizi è capofila, si sono incontrati il 28 aprile a Budapest per il coordination meeting e nella mattinata del 29 aprile hanno partecipato al workshop nazionale organizzato dal partner ungherese Hungarian Facility Management Society HFMS. Il progetto EI for FM - Employee Involvement in Facility Management Enterprises, finanziato con il sostegno della Commissione Europea, coinvolge organizzazioni di cinque paesi europei (Spagna, Grecia, Italia, Ungheria e Bulgaria) e ha come obiettivo quello di contribuire alla creazione di una struttura di business a livello europeo (impresa europea o impresa cooperativa europea) per le società impegnate nel settore di Facility Management, a partire da quelle presenti nei paesi coinvolti nel progetto. Focus del progetto sarà lo studio e lo sviluppo di procedure di informazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori delle imprese del settore di Facility Management. In apertura del workshop, dopo la presentazione degli obiettivi e dei risultati del progetto, è stato illustrato il quadro generale delle Direttive europee in materia di coinvolgimento dei lavoratori. I lavori sono proseguiti con due focus relativi alla tematica del coinvolgimento dei lavoratori nelle imprese: i partner italiani e spagnoli hanno illustrato i rispettivi sistemi nazionali e il partner ungherese ha presentato i primi risultati di una ricerca nazionale realizzata sul tema. I lavori si sono conclusi con un dibattito sulle procedure di informazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori nelle imprese del Facility Management e sulle sfide e opportunità in Ungheria. Le tappe del progetto prevedono l organizzazione di 5 workshop nazionali di formazione e informazione: dopo gli incontri a Roma e Budapest, le future tappe saranno Madrid, Atene e Sofia. La conclusione dei lavori si terrà a Bruxelles con un seminario pubblico europeo e il meeting di chiusura del progetto. Partner del progetto: Legacoop Servizi, Fondazione Scuola Nazionale Servizi, Diesis coop, Hellenic Management Association HMA, Facility Management Institute FMI, Hungarian Facility Management Society HFMS, Bulgarian Facility Management Association BGFMA. Partner affiliati: Coceta, Confesal.

8 Territori 8 >> Alto Adige-Südtirol >> Liguria >> Emilia Ovest >> Emilia Romagna >> Emilia Romagna >> Campania >> Calabria >> Bologna >> Forlì ALTO ADIGE-SÜDTIROL Una festa speciale per i 40 anni di Legacoopbund 200 cooperative associate, socie e occupati; sono questi i dati di Legacoopbund, l associazione di rappresentanza delle cooperativa altoatesine che festeggia quest anno il suo 40. anniversario. Dalla sua fondazione, nel 1975, ad oggi ci sono stati molti cambiamenti, afferma il Presidente di Legacoopbund Heini Grandi: Se nei primi anni i cittadini si riunivano in cooperativa soprattutto per soddisfare il loro bisogno di una casa, oggi sono le cooperative sociali a svolgere un ruolo fondamentale, venendo incontro alle nuove esigenze della nostra società. Delle 200 cooperative associate a Legacoopbund ben 73 sono, infatti, cooperative sociali. Vantiamo una buona presenza in questo settore, spiega il Direttore Stefano Ruele: Nelle nostre 31 cooperative sociali di tipo B lavorano circa 190 persone svantaggiate, ossia quasi il 50% di tutte le persone svantaggiate occupate nelle cooperative sociali dell Alto Adige. Anche tra le nuove cooperative spiccano quelle attive in ambito sociale: tra le 20 cooperative costituite nel 2014 ben 11 sono cooperative sociali. Ciò che caratterizza le cooperative, come afferma la Direttrice dell Ufficio Sviluppo della Cooperazione Manuela Paulmichl, è soprattutto un approccio diverso all economia: Le cooperative non sono solo una forma d impresa, esse sono l espressione di certi valori e idee. Nelle cooperative si promuove e si vive quotidianamente un economia partecipativa. È partecipativa anche la festa per i 40 anni di Legacoopbund. Si intendono, infatti, organizzare insieme alle cooperative diversi eventi e iniziative su tutto il territorio altoatesino. Vorremmo mettere le cooperative e la loro attività in primo piano e invitare i cittadini a conoscere la cooperazione e i cooperatori, spiega Francesca Peruz, membro della Presidenza di Legacoopbund e Presidente della cooperativa sociale CLAB. Tra gli appuntamenti spiccano le feste in piazza della Mostra a Bolzano (il 26 settembre), in piazza Gilm a Brunico (3 ottobre) e in Via Fienili a Bressanone (ottobre). In questi giorni le cooperative si presenteranno, offrendo ai cittadini e a tutti gli interessati diverse attività, musica e intrattenimento. Il simbolo dell albero farà da filo conduttore a tutti questi eventi; esso rappresenta la crescita, il futuro, la sostenibilità e il radicamento territoriale delle cooperative e di Legacoopbund. La cooperativa sociale Oasis ha, infatti, messo a disposizione una pianta vera che accompagnerà i cooperatori durante i vari eventi. Al termine di tutte le manifestazioni l albero della cooperazione verrà piantato in uno spazio pubblico che la Giardineria comunale individuerà. Un gesto semplice, che rappresenta però un azione concreta proiettata verso il futuro. LIGURIA Incontro su workers buy out Venerdì 15 maggio a Genova, presso Camera di Commercio, un incontro sul tema del Workers buyout, per mettere a fuoco questo strumento in grado di risolvere le crisi d impresa. Ci confronteremo da diversi punti di vista differenti spiega il presidente di Legacoop Liguria, Gianluigi Granero - per capire meglio quanto l autogestione permetta di riscattare imprese, lavoro e persone, valorizzando e rendendo chiara l utilità sociale della cooperazione. Dopo l introduzione ai lavori di Granero, la giornata proseguirà con l intervento della giornalista Elvira Corona autrice del libro

9 Territori 9 Lavorare senza padroni che presenta il fenomeno dell autogestione in Argentina e il ruolo delle cooperative. A seguire l intervento di Aldo Soldi, direttore generale di Coopfond, sul tema Da dipendente a socio: l esperienza delle imprese salvate dai lavoratori. Quindi Camillo De Berardinis, amministratore delegato di Cooperazione Finanza Impresa, che parlerà de Il lavoro che riparte dal lavoro: l esperienza di CFI nei workers buyout. L incontro si concluderà con gli interventi delle Organizzazioni Sindacali. EMILIA OVEST Presentata tesi di laurea su Expo e City of Cooperation Dai grandi eventi al marketing territoriale: il caso City of cooperation è stato al centro della tesi magistrale presentata e discussa da Roberta Ferrati presso il Dipartimento di Economia Marco Biagi a conclusione del corso di laurea in Management Internazionale dell Università di Modena e Reggio Emilia. La tesi sperimentale, che a avuto come relatore il prof Tiziano Bursi professore ordinario di Economia e gestione delle imprese e responsabile dello stesso corso di laurea, analizza in quattro capitoli i grandi eventi presentati come strumenti di catalizzazione turistica, e la storia delle esposizioni universali e delle loro caratteristiche con un attenzione in particolare a quelle realizzate in Italia prima di Expo 2015 e dell eredità e dei segni lasciati da questi grandi eventi internazionali. Un capitolo preciso affronta i valori e gli impegni di Expo 2015 legati al sistema agroalimentare italiano, agli obiettivi sintetizzati dallo slogan Nutrire il pianeta, energia per la vita e alle opportunità che l esposizione universale offre e al lascito immateriale che perverrà nell economia e nella società. Dal globale universale si passa poi a come Reggio Emilia abbia affrontato l opportunità di Expo 2015, in un contesto di estrema importanza del suo sistema agroalimentare e a come il sistema cooperativo reggiano abbia progettato e realizzato l iniziativa di marketing territoriale City of cooperation. Un progetto, quello di City of cooperation, voluto dall Alleanza delle Cooperative Italiane di Reggio Emilia (Agci, Confcooperative e Legacoop), che ha avuto un grande successo e ha visto come momento conclusivo l incontro della presidente di L analisi della neodottoressa ha riguardato: dalle fasi ai vari elementi che compongono il progetto; dai target particolari agli obiettivi generali a cui è indirizzato; dai giudizi espressi in interviste dirette dall dichiarazioni avvenute nelle conferenze preparatorie o apparse sui media porta a conclusioni estremamente positive per il progetto avviato da oltre 70 cooperative. Roberta Ferrati afferma che ha potuto constatare come lo studio approfondito, l analisi, la programmazione e le decisioni strategiche hanno portato alla realizzazione di un progetto corposo, innovativo e solido ideale per attirare l attenzione dei visitatori di Expo. EMILIA ROMAGNA Incontro su Expo 2015 alla Cooperativa il Raccolto di Baricella (BO) Si è tenuto il 23 aprile, presso la cooperativa il Raccolto di Baricella (BO), il secondo incontro su EXPO 2015 per conoscere le numerose progettualità che il Sistema Legacoop ha messo in campo per la grande manifestazione. Già lo scorso 26 febbraio, a Bologna, si era tenuta una Direzione allargata per fare il punto sulla partecipazione delle cooperative emiliano-romagnole a Expo 2015, alla presenza di 50 cooperative del territorio e agli stakeholder istituzionali. Le iniziative di coordinamento di cui Legacoop Emilia Romagna si è fatta promotrice in questo ultimo anno di preparazione a EXPO, hanno avuto lo scopo di condividere le informazioni all interno del sistema Legacoop regionale, favorire azioni integrate fra cooperative, associazione e sistema pubblico, progettare azioni di sistema e presentarsi sui tavoli istituzionali con informazioni aggiornate e condivise, supportare l orientamento e la fruizione degli eventi in cartellone, contribuire a dare valore all evento EXPO e capitalizzare valore durante e dopo l evento EXPO. Anche in questa seconda occasione sono state ascoltate le testimonianze di alcuni dei numerosi protagonisti cooperativi che hanno lavorato all interno dello spazio espositivo e che presenzieranno i sei mesi di esposizione universale, come il presidente Gianmaria Balducci di Cefla, la responsabile Comunicazione di Granarolo Myriam Finocchiaro, il responsabile Cultura Legacoop Roberto Calari, la Presidente di GVC Dina Taddia, il direttore del Distretto Nord Italia Cristian Maretti e il direttore di Legacoop Romagna Monica Fantini che ha lanciato il progetto Legacoop, co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, Exportiamo Buon Vivere. L occasione è stata preziosa anche per promuovere il progetto lanciato dalla Regione Emilia-Romagna dal titolo: Imprese a porte aperte, un programma di coordinamento degli incoming delle delegazioni internazionali in occasione di EXPO, in base al quale le aziende che decideranno di aderire, verranno informate e coinvolte dalla Regione ogni volta che arriverà in Emilia- Romagna una delegazione di un settore affine interessata a realizzare visite aziendali. La Regione ha puntato infatti l attenzione su circa 10 paesi dei 140 rappresentati presso EXPO, con i quali ci sono già investimenti e protocolli di collaborazione istituzionali in atto. Si tratta dei paesi BRICST oltre che USA, Canada, Vietnam e Messico. L incontro, oltre ad illustrare gli eventi da non perdere di cui il sistema cooperativo regionale è protagonista e/o promotore, ha previsto un prezioso momento di riflessione sul dopo EXPO che è stato arricchito dalla presenza di Tiziana Primori, vice presidente Eatalyworld e Alessandro Mazzoli, direttore commerciale Food di Coop Italia. La Regione Emilia-Romagna infatti, con i suoi 41 prodotti rappresenta la Regione Europea col più alto numero di prodotti DOP e

10 Territori 10 IGP e ha lanciato il World Food Forum, una piattaforma permanente internazionale per discutere di sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale con i maggiori esperti mondiali. La piattaforma, sostenuta dalla Commissione Europea in partenariato con EFSA Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare tra gli altri obiettivi, ha l ambizione di uniformare gli standard di salubrità dei prodotti a livello internazionale, per favorire la circolazione dei prodotti alimentari cercando di rimuovere gli ostacoli alla distribuzione alimentare che non siano strettamente legati a ragioni sanitarie. Forte di 200 imprese di produzione e distribuzione del settore, ben posizionate nelle produzioni certificate e di qualità e con una consolidata esperienza nell educazione al consumo, il sistema agroalimentare di Legacoop si inserisce a pieno titolo nelle attività della piattaforma. EMILIA ROMAGNA Pesca sostenibile e crescita blu Si terrà sabato 16 maggio prossimo a Bellaria Igea Marina un evento pubblico organizzato dal progetto Ecoadria Fisherman, una giornata dedicata al mare, all ambiente marino e al settore della pesca. L intenso programma dell evento di lancio del 16 maggio prevede la conferenza Pesca Sostenibile e processi di riconversione professionale per la diversificazione delle attività e la salvaguardia dell ambiente Marino, che si svolgerà a bordo della motonave Super Tayfun. A seguire visite guidate al porto di Bellaria, a bordo delle barche da pesca e al mercato ittico, lo spettacolo teatrale Una barca di storie voci e suoni per un mare pulito e degustazioni di ricette tradizionali. Il progetto Europeo Ecoadria Fisherman è promosso dal Comune di Bellaria Igea Marina, Legacoop Emilia Romagna, l Organizzazione dei Produttori Bellaria Pesca, l Arpa Emilia-Romagna, l Associazione Lega Pesca e la Cooperativa Mare. Coerente con gli orientamenti europei relativi alla crescita blu e alla Strategia Europea per il Mare Adriatico e Ionio, il progetto intende creare le condizioni di riconversione professionale dei pescatori nel Mare Adriatico, attraverso un progetto pilota che analizza la fattibilità e le potenzialità di sviluppo di servizi in campo ambientale, turistico e culturale. Il progetto prevede anche azioni di sensibilizzazione della cittadinanza e dei pescatori sui problemi dell inquinamento marino e dei rifiuti in mare. Un esempio è la predisposizione dell applicazione per smartphones APPena avvistato, che permette di segnalare la presenza di rifiuti in mare. Durante l estate verrà attivato uno speciale sportello informativo con personale addetto alla diffusione del progetto presso la cittadinanza, pescatori e turisti all interno dell area del Mercato ittico e della marineria di Bellaria. CAMPANIA Convegno Serbia verso Europa.... opportunità per la cooperazione L obiettivo del convegno,che si è svolto a Belgrado, è stato quello di migliorare lo sviluppo economico e lo sviluppo sostenibile dell`economia serba, di presentare il supporto finanziario per le società pubbliche e private e per i governi locali, e di rafforzare la cooperazione economica tra la Serbia e l`italia. Le società pubbliche e private e i governi locali della Serbia, infatti, trovano difficoltà ad accedere ai finanziamenti dei progetti, tanto più, perché gli orientamenti bancari non sono sufficientemente allineati con le esigenze dell economia, per gli alti tassi di interesse. In mancanza di finanziamenti, non si riescono a realizzare progetti di business e questo causa di assenza di sviluppo. L`idea di organizzare questo convegno, in cooperazione con le istituzioni dell`unione Europea (UE), è nata perché tramite i fondi europei e altri fondi, si può sostenere la realizzazione dei progetti e degli investimenti che aiutano lo sviluppo economico e, quindi, l`occupazione. Occorre, pertanto, sviluppare le buone idee progettuali perché si possano efficacemente domandare e ottenere i finanziamenti già disponibili per la Serbia, soprattutto da parte dell`ue. Il convegno è stato organizzato dalla società Ria Consulting D.o.o., con la collaborazione della Camera di Commercio Serba, ed il supporto del Ministero dell`economia della Repubblica Serbia, dell Ambasciata d Italia a Belgrado, della Cooperativa Progetto Nuova Impresa, dall ITA, organizzazione non governativa presso l`ambasciata d`italia. Gianni Pittella, presidente del Gruppo Socialisti&Democratici al Parlamento Europeo ha confermato l impegno in sede di parlamento europeo per favorire la rapida apertura dei primi capitoli nel negoziato di adesione della Serbia all UE. La cosa importante ha osservato Pittella è che si stanno facendo passi avanti e che c è una volontà pressoché unanime nel mondo politico, nello schieramento economico e nella società di aderire all Unione Europea anche se bisogna risolvere alcuni problemi aperti come l adeguamento del sistema giudiziario e i rapporti con gli stati confinanti. Sabatino Nocerino che è intervento in rappresentanza di Legacoop ha sottolineato il positivo fermento economico e culturale della Serbia: La situazione di questo Paese ha detto fa pensare a quella che il nostro ha già vissuto negli anni del cosiddetto boom economico. Sono in programma diversi progetti in collaborazione con la Camera di Commercio Serba quest anno, proprio sui temi dell`uso dei fondi europei e del miglioramento della cooperazione istituzionale tra il sistema dei governi locali in Serbia e in Italia, e dell assistenza per l ottimizzazione della cooperazione economica con le società italiane interessate ad essere presenti sul mercato serbo. C è un grande fiorire di iniziative e una grande attenzione all Italia, un opportunità che la cooperazione deve saper cogliere. Nives Monda, rappresentante della Cooperativa Progetto Nuova Impresa ed esperto di fondi europei è intervenuta con una relazione su Le opportunità dei fondi UE per la capacity building e lo sviluppo locale in Serbia. CALABRIA La scomparsa di Quirino Ledda Se n è andato nel sonno la notte del 6 maggio. In silenzio. Con lo stile che l aveva sempre contraddistinto anche nelle battaglie più

11 Territori 11 accese, quelle in piazza con i braccianti, quelle in consiglio regionale per il Partito comunista. Quirino Ledda era il volto di una sinistra che non c è più, che a Catanzaro continuava a fare rumore dalle pagine dei giornali per difendere la cultura delle idee, basta pensare alla strenua difesa di Palazzo Fazzari. Già presidente della Legacoop regionale Calabria, settore Politiche sociali, alla vice presidenza del consiglio regionale. La Presidenza di Legacoop ha inviato alla famiglia il seguente telegramma Esprimo, a nome della Presidenza Nazionale profondo dolore e sincero cordoglio per la scomparsa di Quirino Ledda. Nel partecipare al vostro lutto, voglio ricordare l importante contributo che Quirino, con il suo impegno e la sua competenza, ha dato alle politiche sociali, con onestà e rigore che, insieme con una forte carica umana ed una grande disponibilità, gli ha guadagnato la stima di quanti hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Mauro Lusetti BOLOGNA Coopyright, le premiazioni dei concorsi per scuole medie e superiori Si avvicinano le premiazioni per i due Concorsi riservati agli studenti delle scuole medie e superiori della provincia Bologna, Coopyrigt Inventa una Cooperativa e Coopyright Junior Scopri la Cooperazione. I Concorsi hanno l obiettivo di avvicinare la scuola al mondo della cooperazione, facendo conoscere ai ragazzi la storia e i principi della cooperazione e sfidandoli a inventare una cooperativa. In totale sono 12 classi le partecipanti con oltre 250 studenti, e 15 insegnanti che presenteranno i progetti su cui hanno lavorato, da novembre 2014, insieme a tutor, esperti in materia finanziaria, legislativa, economica ed il fondamentale contributo e disponibilità di presidenti ed operatori di molte cooperative aderenti a Legacoop e Confcooperative. Gli studenti delle 6 classi delle scuole medie di Coopyright Junior (quarta edizione) saranno premiati martedì 19 maggio 2015, - ore in Cappella Farnese del Comune di Bologna, mentre le 6 classi degli istituti superiori di Coopyright Inventa una cooperativa(ottava edizione) si troveranno venerdì 22 maggio ore presso la Sala Mastroianni del Cinema Lumiere (Via Azzo Gardino 65, Bologna). I progetti, sono promossi da Legacoop Bologna e Confcooperative Bologna, Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l Economia sociale, l Istituto Storico Parri ed Irecoop ed Open Group, con il contributo della CCIAA di Bologna, Fondazione del Monte, Emilbanca e Coop Adriatica ed il patrocinio dell Ufficio Scolastico Regionale Emilia-Romagna. FORLÌ Il Premio Nobel Amartya Sen al convegno Il senso del Buon Vivere Il Premio Nobel per l Economia Amartya Sen è lo straordinario protagonista dell incontro aperto al pubblico che si svolgerà venerdì 8 maggio al Teatro Diego Fabbri di Forlì, con inizio alle ore 18. Dopo gli Experience colloquia dei mesi scorsi con alcune delle più grandi personalità mondiali dell economia e dell innovazione come Jeremy Rifkin, Eric Maskin e Jean Paul Fitoussi, la Romagna del Buon Vivere torna a incontrare, per la seconda volta a Forlì, uno dei principali fautori del superamento del prodotto interno lordo in favore di nuovi indicatori basati sui diritti e le libertà. Il senso del Buon Vivere, questo il titolo del convegno di venerdì, è il primo atto di Exportiamo Buon Vivere, progetto che fino a ottobre in contemporanea a Expo 2015 farà diventare la Romagna il centro della discussione sull economia della relazione e la responsabilità sociale, grazie al supporto di ospiti e delegazioni internazionali, iniziative culturali e solidali, esperienze innovative e sostenibili, tavoli di lavoro con le scuole e migliaia di studenti, protagonisti del futuro. Venerdì Amartya Sen sarà a confronto con Enrico Giovannini, Enrico Letta e Gianni Riotta sui temi del benessere equo e sostenibile. Amartya Sen è tra i massimi esperti al mondo di economia del welfare e tra le voci più autorevoli a livello internazionale nella lotta a povertà e disuguaglianza. Lo studioso indiano è professore di economia e filosofia ad Harvard e ha ricevuto nel 1998 il massimo riconoscimento per le scienze economiche assegnato in memoria di Alfred Nobel. Lo studioso indiano ha fornito importanti contributi in vari settori, come la teoria delle scelte sociali, le tecniche di misurazione del reddito, la povertà, l ineguaglianza, la disoccupazione, la salute pubblica e l eguaglianza tra i generi. I suoi libri sono stati tradotti in più di trenta lingue.

12 Imprese 12 >> Unicoop Tirreno >> TTC >> C.M.C. >> Coop Adriatica >> Utopia 2000 >> Nova Coop e Slow Food >> Cooperativa S.A.B.A. >> Cooperativa Pirinoli >> Coop Programma 101 >> Coop Arborea >> Coop Kuni >> Codess Sociale >> Coop sociale Castelmonte >> Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo s.c UNICOOP TIRRENO Coopstartup, un bando per favorire lo start up di imprese cooperative Coopstartup Unicoop Tirreno è il progetto, aperto da 1 maggio al 31 luglio 2015, che la Cooperativa lancia in occasione del 70 compleanno per favorire l incremento dell occupazione giovanile. L iniziativa è rivolta a gruppi composti da almeno 3 persone, in maggioranza con meno di 35 anni, che intendano costituire un impresa cooperativa o che la abbiano costituita nel 2015 nelle aree di attività di Unicoop Tirreno (province di Massa Carrara, Lucca, Livorno, Grosseto, Terni, Viterbo, Roma, Frosinone, Latina, Napoli, Caserta, Avellino). L obiettivo è dare un contributo concreto, anche economico, allo sviluppo di idee imprenditoriali privilegiando le proposte che prevedono l introduzione di innovazioni tecnologiche, organizzative o sociali con particolare riferimento agli ambiti considerati prioritari dall Unione europea (salute, sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, bioeconomia, trasporti intelligenti e così via). L iniziativa è svolta in collaborazione con Coopfond, la società che gestisce il fondo mutualistico di promozione e sviluppo di Legacoop che, nell ambito della propria attività istituzionale, sta realizzando il progetto sperimentale Coopstartup (www.coopstartup.it) diretto a promuovere nuova cooperazione. Partner del progetto anche alcune Università e centri di ricerca (Sant Anna Pisa,Tuscia, Roma 3, Città della Scienza Napoli). Per tutti gli iscritti al bando è previsto l accesso ad un programma di formazione per la costituzione di start up cooperative mentre per i 30 gruppi che supereranno la prima selezione delle idee è previsto un percorso finalizzato a trasformare l idea iniziale in un progetto d impresa. Per i 5 gruppi che supereranno la seconda selezione sui progetti imprenditoriali è previsto l accompagnamento alla costituzione in cooperativa. Unicoop Tirreno ha stanziato per questo progetto la cifra di euro intervenendo come business angel (investitori informali che sostengono le imprese nascenti): i progetti imprenditoriali che si classificheranno nelle prime 5 posizioni saranno accompagnati alla costituzione in cooperativa e riceveranno fino a euro di contributo a fondo perduto da parte di Unicoop Tirreno e un contributo forfettario a fondo perduto di euro da parte di Coopfond per l avvio dell attività. Per i 5 progetti vincenti ci sarà la possibilità di accedere ad un finanziamento fino al 50% degli investimenti e fino a un massimo di euro non assistiti da garanzie. Si potrà accedere al progetto tramite un bando di concorso aperto dal 1 maggio al 31 luglio. Le candidature dovranno essere presentate online tramite la piattaforma Coopstartup passando per TTC Il consorzio toscano aderisce al network regionale Sharing Tuscany Rappresentare al meglio il sistema delle cooperative turistiche e culturali, che aderiscono all Alleanza Cooperative Italiane della Toscana in vista dell Expo. Per rispondere alle necessità di cui c è bisogno per poter catturare i flussi turistici che l Expo potrà determinare sul territorio. Con questa la finalità il TTC aderisce al network regionale Sharing Tuscany costituito appositamente per promuovere, intercettare e gestire l arrivo dei flussi turistici correlati all Expo. Legacoop Turismo Toscana, a cui fa capo il Consorzio Toscano Turismo & Cultura TTC - fornisce così il proprio input alla realizzazione di azioni specifiche per promuovere l incremento di presenze turistiche che proprio grazie all Expo si potranno determinare nella Regione Toscana. TTC comprende oltre 20 cooperative che svolgono servizi nel turismo e nella cultura, da oltre 5 anni anima il territorio toscano promuovendo il dì di festa, ma non solo. Infatti Sharing Tuscany e TTC proseguiranno la propria attività anche successivamente. Non a caso la convenzione firmata da Sharing Tuscany

13 Imprese 13 con la Regione Toscana é triennale. Sharing Tuscany e un network regionale, costituito da soggetti presenti su tutto il territorio, nato per aggregare, coinvolgere e coordinare i professionisti del turismo in Toscana in vista di Expo E il network che si è aggiudicato il bando della Regione Toscana volto alla selezione di un soggetto unitario capace di rappresentare tutto il mondo delle imprese che fanno parte del sistema dell offerta turistica toscana. Tutto questo, chiaramente, ai fini della promozione turistica in vista dell Expo. Il grande evento che ha preso il via il primo maggio, infatti, rappresenta sicuramente una opportunità unica le cui potenzialità vanno sapute costruire, catturare, interpretare. L Expo 2015 rappresenta anche un occasione unica per presentare ai circa 20 milioni di visitatori previsti una Toscana lontana dai cliché. Fanno parte di Sharing Tuscany oltre al sistema cooperativo che aderisce all Alleanza Cooperative Italiane operatori turistici espressione delle altre organizzazioni datoriali del turismo toscano: un progetto innovativo, dunque, che vuole creare un vero e proprio ecosistema turistico nell ambito dell incoming regionale. Prima azione del network è quella di accogliere le delegazioni business in Toscana per Expo e quindi accompagnarle in visita ai territori nei vari segmenti turistici del Tuscany life style: il viaggio nell arte e nella cultura, nelle terre dove la bellezza della natura che crea veri e propri capolavori. Tutto questo a partire da contatti che verranno messi a punto e comunicati dalla stessa Regione Toscana. Un lavoro in evoluzione. Il network, inoltre, metterà a punto pacchetti turistici promozionali utili per visitare la Toscana. C.M.C. Completata la consegna dei Padiglioni ad Expo 2015 CMC ha completato la consegna dei padiglioni per l Esposizione Universale in tempo per il taglio del nastro che ha dato avvio il 1 maggio a EXPO MILANO 2015 Dopo aver concluso venerdì 24 aprile il Padiglione Francia, realizzato insieme a CMB di Carpi e alla francese SIMONIN, lunedì 27 aprile C.M.C. di Ravenna ha completato i lavori del Padiglione Thailandia, ispirato al Ngob, cappello dei coltivatori di riso tailandesi e giovedì 30 aprile è stato consegnato il Padiglione Corea, che riprende il concetto del Moon Jar : tradizionale vaso di ceramica per conservare i cibi. Padiglione Thailandia Si estende su una superficie di metri quadri e riprende nella forma il Ngob, tradizionale cappello dei coltivatori di riso tailandesi, simbolo del sapere contadino e della saggezza locale: diventa l elemento simbolo dell opera, con struttura in acciaio e pannelli in legno lamellare. Il Padiglione si sviluppa per circa 100 m con una larghezza di 30 m; l edificio principale ha una lunghezza di 40 m e si trova circa 60 m arretrato rispetto al Decumano. Agricoltura, cucina e sostenibilità sono i contenuti declinati negli spazi interni che raccontano un economia agricola tesa alla sostenibilità e le altissime tecnologie sviluppate per la conservazione degli alimenti. Naga è il simbolo del serpente che accoglie i visitatori e rappresenta l acqua, elemento importante nella vita quotidiana dei thailandesi. Attraversando la passerella di ingresso verso l edificio principale i visitatori avranno la sensazione di galleggiare sopra al paesaggio, costituito da campi di riso e zone d acqua. Padiglione Corea Il Padiglione della Corea, che sarà consegnato il 30 aprile, è stato progettato e realizzato ispirandosi al tema architettonico del Moon Jar, il tradizionale vaso di ceramica utilizzato per la conservazione dei cibi che per Expo Milano 2015 diventa il luogo di dialogo e confronto sull alimentazione del futuro. Situato nell area tra il Decumano, la Cascina Triulza, il giardino e il canale e ad ovest il padiglione Brasile, ha una facciata ondulata sollevata da terra che avvolge l intera struttura. Il Padiglione si articola su 4 livelli funzionali: il piano terra destinato all accoglienza, dove si trovano i servizi di food & beverage e lo spazio shop; il piano primo con lo spazio espositivo, il secondo con uffici e la copertura superiore a verde. COOP ADRIATICA Tiziana Primori premiata ad Expo 2015 come Women Ceo dell anno La giuria del Premio Internazionale Le Tecnovisionarie, destinato a donne che contribuiscono a portare innovazione sostenibile nella società ha indicato come Women Cel dell anno, Tiziana Primori, direttore Sviluppo Partecipate del gruppo Coop Adriatica e vice presidente di Eataly. Dall ottobre 2014 è Amministratore Delegato di Eataly Word Bologna, la società che sta realizzando e gestirà il primo parco tematico dedicato all eccellenza dell agroalimentare italiano: Fico (Fabbrica Italiana Contadina). Il riconoscimento le è stato consegnato a Milano dal ministro dell Ambienta Gianluca Galletti, il 6 maggio, nell ambito dell Expo Women Global Forum. Sono onorata di questo premio, che va non solo a me, ma anche e soprattutto al mondo cooperativo sottolinea Primori vorrei de-

14 Imprese 14 dicare questo riconoscimento a un grande cooperatore, Ivano Barberini: a lui devo la mia formazione, e l insegnamento che un manager coop oltre ad essere competente, deve sempre pensare al futuro ed avere il coraggio di innovare, mettendo al centro le persone UTOPIA 2000 Presentato il libro La mia Utopia di Massimiliano Porcelli Alla libreria Feltrinelli di Latina martedì 5 maggio è stato presentato il libro La mia Utopia di Massimiliano Porcelli (Nuove Edizioni Aldine). Oltre all autore sono intervenuti: Antonio Veneziani, poeta, saggista e editor; Daniele Nardi, alpinista; Roberto Campagna, direttore della rivista Noi/Altri; Roberto Valentini, docente di Statistica sociale dell Università La Sapienza di Roma; Enrico Forte, consigliere regionale del Lazio; Mauro Lusetti, presidente nazionale Legacoop: ha coordinato Paolo Repetto, giornalista. Al cammino dei primi quindici anni di attività della Cooperativa Utopia 2000 onlus Porcelli, storico presidente della stessa, ha dedicato il libro. Impresa sociale e avventura umana Un avventura imprenditoriale e in particolare quella relativa a un impresa sociale, etica come sarebbe giusto definirla - afferma - è prima di tutto un avventura umana, nella quale gli elementi emotivi, passionali, sia personali che collettivi, assumono un valore difficilmente quantificabile, ma certamente di maggiore peso rispetto a tutto il resto. Questi elementi - continua - non entreranno mai a far parte di un business plan e non verranno mai presi in considerazione nell esame di un rating bancario, né costituiranno altresì indice di bilancio. I numeri infatti potranno anche appassionare, ma non potrebbero mai tener conto della passione, nemmeno se comparati in periodi diversi, qualora si cercasse di analizzarli in modo dinamico e non statico, come accade per esempio nel caso di controllo di gestione. E per questo forse che spesso anche gli addetti ai lavori più esperti sbagliano le proprie valutazioni. Quello che viene scritto successivamente nei bilanci, nelle analisi e perfino nel curriculum storico di un azienda, soprattutto di una cooperativa - conclude Porcelli - è solo una delle numerose possibili conseguenze del lavoro svolto, e la storia di Utopia 2000 può aiutare a comprenderlo. Durante la presentazione il presidente Legacoop Mauro Lusetti ha affermato che Il libro inizia con un titolo La mia utopia che appartiene alla sfera intima di Massimiliano e termina con l affermazione che se tutti abbiamo lo stesso sogno questo si realizza. Pare un percorso dal personale al collettivo, ma così non è. La cooperazione ed i suoi ideali si esaltano quando le persone e i loro bisogni trovano risposte assieme agli altri. Questa è l essenza della cooperazione, l io che convive con il noi. Dal libro presto uno spettacolo ricco di musica. Quella del presidente della Cooperativa Utopia 2000 è una cronaca romanzata. Ci sono vite da romanzo e romanzi - ha scritto il poeta Antonio Veneziani nell introduzione - che si trasformano in vita.del resto,la storia è il romanzo di quello che è stato, il romanzo invece è la storia che avrebbe potuto essere, e l avventura di Massimiliano Porcelli e di tutto il gruppo storico di Utopia 2000 lo dimostrano. Il libro di Porcelli è anche diventato uno spettacolo, che verrà presentato il 6 giugno al Teatro Subasio di Spello. Si tratta di una sorta di storia musicale: accanto all esecuzione dei brani di cantautori italiani che aprono i capitoli dello stesso libro, l autore, che è anche musicista, ha pensato di portare in scena i momenti più significativi raccontati attraverso un concerto live, arricchito da immagini in 3d e da alcune narrazioni scelte tra le più rappresentative delle attività fin qui svolte della stessa Utopia NUOVA COOP E SLOW FOOD Nova Coop e Slow Food: insieme contro lo spreco alimentare Quello della riduzione del cibo sprecato è uno dei temi più importanti per la nostra associazione. Se tutti, infatti, ci impegnassimo a ridurre il volume di cibo che ogni giorno viene gettato nella spazzatura, l impatto sarebbe molto forte. Questo l obiettivo di Nova Coop e Slow Food Italia, che il 9 maggio organizzano l Ortomusic alla Fabbrica delle e di Torino. Grazie al recupero dei prodotti invenduti da Nova Coop, si prepareranno alcuni piatti a base di verdura e di frutta fresche, poi donati gratuitamente e a suon di musica a tutti i partecipanti. Il tutto preceduto da un convegno che vede coinvolti rappresentanti delle istituzioni, l Università di Torino e i giovani studenti del Liceo Gioberti, in cui mettere l accento su spreco alimentare nei campi e sugli scaffali dei supermercati. Secondo il Ministero dell Ambiente nel 2013 sono rimaste nei campi 1,4 milioni di tonnellate di prodotto agricolo, per vari motivi non raccolto o andato sprecato, che corrispondono al 3% circa della produzione agricola nazionale. «Le cause di questo fenomeno che caratterizza il nostro sistema agroalimentare sono le più svariate. Una su tutte, però, dovrebbe farci riflettere a poche ore dall inaugurazione di Expo2015: le cifre risibili pagate ai contadini per i prodotti ortofrutticoli», commenta Francesco Mele, responsabile programma di lotta agli sprechi alimentari. «Per fare solo un esempio, possiamo prendere in considerazione le arance calabresi, pagate ai produttori 7 centesimi al chilo, ma lo stesso discorso vale anche per la filiera del latte. Facile comprendere come sia impossibile per un produttore agricolo sostenere la produzione e la raccolta del prodotto nel campo a queste cifre», continua Mele. «La diretta conseguenza di un sistema così squilibrato a svantaggio del produttore è che quest ultimo decide di lasciare sul campo buona parte del prodotto perché non ha sufficienti mezzi economici per poterlo raccogliere». Per sensibilizzare su questi temi, Slow Food organizza da qualche anno le cosiddette Disco Soup o Disco Salade in tutto il mondo.

15 Imprese 15 In poche parole, queste iniziative consistono nella raccolta di prodotti eccedenti da campi, aziende agricole, mercati, supermercati e dalla loro preparazione collettiva, a suon di musica, prima di distribuirle gratuitamente ai partecipanti. «Nova Coop da sempre è particolarmente sensibile alla riduzione degli sprechi. Una sensibilità che decliniamo ogni giorno con un attenta gestione delle merci e impegnandoci a donare alle Onlus del territorio le merci non più vendibili ma ancora consumabili. Si tratta di un impegno portato avanti da più di dieci anni grazie alla Legge del Buon Samaritano; solo nel 2014 abbiamo donato quasi tre milioni di euro di merce», dichiara Ernesto Dalle Rive, presidente di Nova Coop. «L impegno di Nova Coop per la realizzazione dell Ortomusic sarà assai concreto. Pensiamo quella sera di riutilizzare quasi 400 kg di frutta e verdura di stagione provenienti dai nostri supermercati e ipermercati». L appuntamento di Torino sarà l occasione per lanciare l iniziativa #100volticontrolospreco promossa da Slow Food e Nova Coop, campagna di comunicazione sociale volta a coinvolgere il pubblico under 30 e i clienti dei supermercati nella lotta contro lo spreco alimentare. Fonte: -food-e-nova-coop-insieme-contro-lospreco-alimentare/ COOPERATIVA S.A.B.A. Gestisce l ambulatorio Morego in Valpolcevera Inaugurato in Valpolcevera l Ambulatorio Morego gestito dalla cooperativa sociale S.A.B.A. Si amplia così la rete degli ambulatori sociali in grado di integrare una serie di servizi e risposte sanitarie in questo periodo storico molto delicato nel settore del welfare. L accesso è libero (senza prenotazione) ed è comunque possibile contattare telefonicamente il servizio per qualsiasi problema di salute ( ). Sono presenti medici specialistici nei settori Odontoiatria, Oculistica, Otorinolaringoiatria, Foniatria Audiologia, Nutrizionistica/Dietologia, Reumatologia, Diabetologia. Mettiamo a disposizione della popolazione spiega la presidente Elisabetta Profumo della Cooperativa S.A.B.A., operativa dal percorsi di accesso alla salute con tariffe sociali, con la partecipazione integrata di medici specialisti, contrastando l abbandono forzato delle cure da parte di ampie fasce della popolazione cittadina, che per motivi economici tende a rinunciare alle prestazioni sanitarie. Il punto più significativo del progetto consiste nella presa in carico globale ed integrata del paziente. L umanizzazione delle cure non può prescindere da un modello di presa in carico multidisciplinare realizzato attraverso una collaborazione profonda tra operatori di diverse discipline e con la partecipazione, nelle scelte terapeutiche, del malato e dei familiari prosegue la presidente della cooperativa S.A.B.A. -. Altro punto significativo è quello di offrire le prestazioni specialistiche a tariffe speciali il più possibile vicino ai ticket, anche tramite convenzionamenti ad hoc. Nella struttura trovano spazio prestazioni fisioterapiche e riabilitative svolte da personale qualificato tra cui fisiatri e fisioterapisti che permette di proporre l Ambulatorio Morego come un vero e proprio Presidio di riabilitazione funzionale. La progettazione di un offerta riabilitativa deve tenere conto che la domanda generale di riabilitazione presenta rilevanti differenziazioni al suo interno. Tre le aree fondamentali di intervento. Area della postacuzie - (tutte quelle condizioni cliniche prodotte da una malattia o un trauma insorti recentemente e che si caratterizzano per non essere ancora risolte pur avendo superato la fase critica, in altri termini non corrono rischio per la sopravvivenza). In questa condizione il progetto riabilitativo prevede l utilizzo di terapie che orientino l organismo a riparare il danno subito, aiutando l organo leso a riprendere la sua funzione, e/o aiutino il soggetto a adottare comportamenti che permettano di sostituire la funzione parzialmente o totalmente perduta. Area della prevenzione del decadimento funzionale cronico - All interno di questa area conviene distinguere un area che comprende tutti i soggetti che hanno avuto una malattia ormai guarita o un trauma concluso ma che a causa del cattivo funzionamento dell organismo danneggiato tendono a peggiorare negli anni per usura precoce di una parte di esso (per esempio il peggioramento della spasticità nel tempo o la comparsa di dolore muscolo-scheletrico da alterazioni articolari permanenti o del tono muscolare) una seconda area che comprende soggetti con malattie croniche evolutive ( per esempio la malattia di Parkinson, la Sclerosi Multipla, o la broncopneumopatia cronica ostruttiva). La differenza fra queste due aree è rilevante per la maggiore complessità dell intervento preventivo nella seconda area, dove sono presenti problemi specifici legati alla malattia e altri che appartengono all area del danno da usura, prima descritto. Area delle patologie dolorose croniche della colonna vertebrale - Sono escluse la patologie maggiori di natura infettiva, infiammatoria autoimmune, tumorale, neurologica. Si tratta di disturbi di natura multifattoriale (sovrappeso, sedentarietà, artrosi, depressione, patologia viscerale cronica, modificazioni funzionali, spesso reversibili, dei meccanismi che regolano il dolore a livello del sistema nervoso, ecc. ) Tra i servizi offerti anche il noleggio di apparecchi fisioterapici portatili e di prodotti consumabili consentendo ai pazienti il comodo uso delle apparecchiature a casa propria, agevolando quindi il recupero delle funzioni alterate, riducendo i tempi della guarigione e limitando la presenza presso il presidio stesso. Il servizio a domicilio garantisce un monitoraggio da parte dei professionisti che anche in questo caso

16 Imprese 16 saranno sempre a disposizione per eventuali dubbi o richieste di assistenza. Il servizio è rivolto a tutti. Tutti i locali e gli spazi sono correlati alla tipologia delle prestazioni specialistiche erogate e al volume delle attività, con particolare attenzione alla accessibilità e mobilità dell utente, dell operatore, e in totale sicurezza. Il Presidio è dotato di attrezzature e presidi medico chirurgici in relazione alla specificità dell attività svolta, comprese le complicanze prevedibili e, in particolare, per la gestione dell emergenza. Tutti i locali hanno i pavimenti e le pareti fino ad una altezza di 2 metri lavabili e disinfettabili. L Ambulatorio Morego ( entrata in via San Quirico 49 r oppure pedonale da via Serro a Morego) è aperto tutti i giorni da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle COOPERATIVA PIRINOLI Presentazione alla stampa della rinascita della cartiera PKarton Sabato 9 maggio, alle 12, in Comune a Roccavione conferenza stampa per illustrare La rinascita della storica cartiera Pirinoli-PKarton. L azienda, dopo il fallimento del 2012, grazie al coraggio e alla tenacia degli ex-dipendenti che con la loro indennità di mobilità hanno deciso di trasformarsi in proprietari costituendo una cooperativa, proseguirà l attività di produzione di cartoncini patinati e monolucidi per astucci pieghevoli. Saranno presenti presidente della Regione Sergio Chiamparino, il sindaco Germana Avena, l assessore regionale Gianna Pentenero, il presidente della Provincia Federico Borgna, il presidente della Legacoop Piemonte Giancarlo Gonella. «Questa operazione chiamata in linguaggio tecnico workers buy out è una risposta a situazioni di crisi, possibile grazie agli strumenti di finanza legislativa nazionale e regionale - spiegano i promotori dell iniziativa -. La Legacoop, assieme ai lavoratori rimasti senza lavoro dopo il fallimento della cartiera, hanno intrapreso il percorso dell autogestione dell azienda attraverso la forma cooperativa. E certo che l opportunità di associarsi è stato possibile grazie al forte spirito di cooperazione radicato tra i lavoratori; a riguardo si ricorda che l origine della cooperazione era già presente nell operato del ragioniere Ernesto Eva, unico amministratore della cartiera nella metà del secolo scorso, il quale già istituì una sorta di mutua aziendale integrativa». Fonte: ni/cuneo/la-rinascita-della-cartiera-di- roccavione-iv5dhgynn9xbspkumo- AgmO/pagina.html COOP PROGRAMMA 101 A Gaeta campo antimafia, una nuova #EstateFuoriProgramma Una vacanza intelligente, una condivisione del tempo e degli spazi, un occasione per conoscere persone nuove. Ma soprattutto una scelta che riscrive il futuro dei patrimoni sottratti alle mafie, vera e propria rinascita di territori, un obiettivo che si raggiunge sporcandosi le mani con quella stessa terra che forze dell ordine e magistratura hanno abilmente sottratto alla criminalità organizzata. E questo il significato profondo dell antimafia che i cooperatori di Programma 101 ripropongono in provincia di Latina con il Campo Antimafia 2015: una nuova #EstateFuoriProgramma cui apporre ancora una volta il baluardo dell impegno in favore della collettività, contro il fetore persistente delle mafie. Anche quest anno il Consorzio Parsifal sostiene e partecipa al progetto con il medesimo entusiasmo dimostrato lo scorso anno, facendosi partner di un iniziativa importante che punta a convertire i patrimoni confiscati in una risorsa occupazionale, oltre che a reinvestirli in circuiti economici positivi in un ampio orizzonte di utilità sociale. Sistemazione e riqualificazione pratica dei terreni abbandonati alla crescita delle erbe infestanti, conoscenza del territorio e partecipazione ad iniziative culturali, educazione alla legalità e alla sostenibilità ambientale, formazione e attività laboratoriali: in questo si sostanzia il progetto di antimafia alternativa che la Cooperativa Programma 101 renderà tangibile la prossima estate, per il secondo anno consecutivo, insieme a diversi partner tra cui Legacoop Nazionale, Consorzio Parsifal e Fondazione Angelo Vassallo. Già nell estate 2014, in occasione del Primo Campo Antimafia del Lazio, il Consorzio Parsifal aveva dato il proprio contributo all iniziativa tenendo alcune lezioni sulle tematiche dell imprenditoria cooperativa e del lavoro, in virtù del ruolo di operatore attivo che ricopre nei diversi ambiti del sociale, e ponendosi altresì come partner dell iniziativa insieme a Legacoop, SPI - CGIL e i comuni di Gaeta e Formia. Le novità del Campo Antimafia 2015 Molte le novità predisposte dalla Cooperativa Programma 101 per quanto riguarda il Campo Antimafia Anzitutto i turni complessivi di campo saranno cinque, distribuiti nei mesi di luglio e agosto: 7-13 luglio, luglio, 1-10 agosto, agosto, agosto. Accanto al lavoro mattiniero sui terreni - affiancato dai compiti di pulizia e gestione della cucina -, ciascun turno prevederà la possibilità di seguire una Scuola di Formazione, fruibile anche dai cittadini non partecipanti al campo. Gli incontri, a cura di formatori esperti, spazieranno tra diverse macroaree tematiche, conformi all obiettivo di rimessa in circolo delle conoscenze acquisite una volta tornati al proprio territorio: antimafia sociale; lavoro, impresa cooperativa e project management; beni confiscati e riutilizzo sociale; agricoltura - non solo nozionistica tecnica, ma anche organizzazione del lavoro di gruppo sui campi, studio delle attività economiche e progettazione delle migliorie da apportare ai beni -. A nutrire il bagaglio formativo di una coscienza orientata alla sostenibilità ambientale e all importanza del concetto di integrazione quale ricchezza contro l anti-cultura mafiosa, quest anno verranno introdotti gli argomenti ambiente

17 Imprese 17 e cultura delle diversità, tenuti da operatori di settore impegnati rispettivamente nella protezione del patrimonio naturalistico e nel sociale. Sul fronte dei laboratori, la 2a edizione del Campo Antimafia prevede l attivazione di numerosi momenti di operatività, in cui le capacità di ognuno, interagendo in modo cooperativo, danno vita ad un tutt uno creativo. In base alle propensioni individuali, ciascun partecipante frequenterà laboratori specifici curati da esperti, espressione concreta delle realtà più svariate, oltre che da ex fautori del Campo 2014: si tratta di un modello che Programma 101 intende replicare nel tempo in modo da valorizzare le esperienze dei vari attori e rendere questi ultimi protagonisti del Campo con le loro competenze specifiche. Mappatura dei beni confiscati nel Sud Pontino (reportage fotografici, censimento, studio delle condizioni), laboratori artistici (murales, esperimenti di teatro sociale, produzioni audiovisive), ecologia (riciclo creativo e smaltimento creativo degli scarti), mediattivismo (comunicazione multimediale, web radio, fotografia), giornalismo (inchieste, diario del campo), volontariato (esperienze con realtà del territorio): questi gli ambiti esperienziali in cui si misureranno i ragazzi, chiamati poi a lasciare una testimonianza concreta al termine del lavoro svolto. Accanto alle novità tecniche, quest anno il Campo Antimafia 2015 si fregia di un nome importante, quello di un amministratore che ha conferito autenticità alla parola politica, ponendosi al servizio del cambiamento della sua comunità: Angelo Vassallo, il Sindaco Pescatore di Pollica ucciso dalla camorra nel La preziosa testimonianza del fratello Dario, ospite del Campo 2014, ha lasciato una traccia talmente importante da persuadere i cooperatori di Programma 101 ad impugnare la battaglia contro le mafie con la medesima determinazione del si può fare di Vassallo. Inoltre, quest anno, per organizzare al meglio i contenuti del progetto, la Cooperativa Programma 101 ha sperimentato il contributo che si costruisce dal basso, basandosi sui risultati del questionario SOCIAL CAMP, compilato liberamente da 405 ragazzi, aspiranti campisti di tutta Italia. E proprio in virtù della rilevanza sociale che denota l antimafia che il Consorzio Parsifal ha deciso, anche quest anno, di dare il proprio apporto all iniziativa nella convinzione che il pilastro della cooperazione debba porsi come promotore privilegiato di una lotta in favore del bene comune. Come scrivono i ragazzi della Cooperativa Programma 101, non ci possiamo fermare, non ci dobbiamo fermare. Bisogna, insieme, continuare a percorrere questa difficile strada, fatta di impegno e passione, convinti che un mondo libero dalle mafie sia davvero possibile. COOP ARBOREA Parteciperà a Linkontro Nielsen 2015 Arborea parteciperà a Linkontro Nielsen 2015, l appuntamento annuale che riunisce le aziende e i protagonisti del largo consumo e che si terrà dal 21 al 24 maggio 2015 al Forte Village in Sardegna. La cooperativa dell Oristanese sarà presente come sponsor in modo consistente ed eterogeneo, con i marchi Arborea e Fattorie Girau e con la presentazione delle novità Arborea, punta ad identificarsi sempre più come player di rilievo a livello nazionale e internazionale, anche grazie alla partecipazione a eventi quali TuttoFood e Food & Hotel Indonesia. Presso uno stand personalizzato nel Giardino degli Sponsor, saranno a disposizione del pubblico prodotti Arborea e Fattorie Girau per un assaggio. Tra questi anche le referenze più recenti, esibite proprio in occasione della manifestazione. Linkontro costituisce infatti un opportunità per presentare alcune tra le più importanti novità 2015: prima fra tutte WEY, il nuovo snack da bere Arborea a base di siero di latte e frutta. WEY inaugurerà il weekend con la sponsorizzazione della WEY Cup On Run 2015, una maratona dedicata ai manager iscritti a Linkontro, che si terrà sabato pomeriggio. I maratoneti saranno sostenuti dalla carica di WEY: leggero e nutriente perché ricco di proteine e vitamine. WEY sarà anche un protagonista nella Galleria dell Eccellenza, la mostra d arte contemporanea dinamica le cui opere d arte sono i brand. Le altre novità riguardano il mondo degli yogurt. Da una parte le linee Intero Cremoso e Magro si arricchiscono con quattro nuovi gusti, rispettivamente Albicocca e Ciliegia (per la linea Intero) e Banana e Fragola (per la linea Magro). Dall altra, Arborea lancia una linea completamente nuova, gli Yogurt Golosi: tre nuovissime referenze Caffè, Stracciatella e Vaniglia che combinano nutrimento e gusto. I partecipanti potranno gustare i prodotti Arborea (latte fresco, yogurt, formaggi freschi e semistagionati) anche a colazione, pranzo e cena. COOP KUNI Nata da un workers buyout, festeggia il primo anno di attività Sorta dal fallimento dell azienda Mo.Ru.Pa. srl, con sede a Giacciano con Baruchella, nel Rodigino, la cooperativa Kuni apre le porte della propria sede produttiva a Castagnaro (Verona) per festeggiare il suo primo anno di attività. Saranno presenti per Legacoop Veneto il presidente Adriano Rizzi, e il direttore Franco Mognato. Specializzata nella lavorazione del legno per l arredamento di navi da crociera, negozi, esercizi pubblici, allestimenti fieristici, Kuni nasce nel maggio 2014 dalla volontà di nove lavoratori, costituitisi in cooperativa per salvaguardare i cinquant anni di esperienza e know how maturati dall azienda e naturalmente i posti di lavoro. Sono oggi già dodici i soci lavoratori, tutti provenienti dall ex Mo.Ru.Pa., a cui si aggiungono quattro dipendenti. Un percorso di workers buyout,in cui i lavoratori hanno deciso di mettersi in gioco diventando imprenditori di sé stessi. Nel farlo sono stati accompagnati passo passo da Legacoop Veneto, che con percorsi simili ha aiutato negli ultimi anni la nascita di altre tre cooperative nella regione.

18 Imprese 18 CODESS SOCIALE Inaugurazione del centro servizi per anziani a Gruaro Sarà inaugurata dalla cooperativa Codess Sociale sabato 9 maggio alle ore 11 la Residenza Gruaro. Accoglienza dell altra età, un centro servizi per anziani a Gruaro (Venezia) in via Roma 70. L evento è patrocinato dalla Regione Veneto, dall Ulss 10 Veneto Orientale e dal Comune. Dopo gli interventi delle autorità Giacomo Gasparotto, sindaco di Gruaro, Carlo Bramezza, direttore generale Ulss 10, un rappresentante della Regione Veneto e Luca Omodei, presidente di Residenza Gruaro, seguirà la benedizione del vescovo di Concordia-Pordenone Giuseppe Pellegrini. Per Legacoop Veneto saranno presenti Emilia Carlucci, vicepresidente, e Loris Cervato, responsabile del Settore Sociale. COOP SOCIALE CASTELMONTE Inaugurazione della nuova Bottega delcontadin acastelfrancoveneto Si inaugura sabato 9 maggio alle ore 11 a Castelfranco Veneto (Treviso), in via Circonvallazione Est 13, la nuova Bottega del contadin, il punto vendita della cooperativa sociale Castelmonte. Un luogo dove il mondo dell imprenditoria sociale, del volontariato e dell associazionismo danno testimonianza concreta dei valori del lavoro, della legalità e dell impresa sociale. Il nuovo spazio, che ha sede presso la fattoria sociale El Contadin, è una struttura in legno recuperato costruita dai soci e collaboratori che fanno parte del progetto di inclusione lavorativa della cooperativa. Nella bottega si possono trovare i prodotti agricoli della fattoria (vino, asparagi, fragole, radicchio, mele, insalata, ), quelli artigianali dell officina Ciclofactory (che ha qui un punto di informazione), entrambe della Castelmonte, e quelli di Libera Terra, coltivati nei terreni confiscati alle mafie e affidati a cooperative sociali. La fattoria El Contadin è un luogo di impresa sociale altamente simbolico per il territorio di Castelfranco Veneto e di Treviso perché inserisce nel mondo del lavoro persone con disagio ed è pensata come luogo d incontro. Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo s.c. Via Rochdale n Reggio Emilia (RE) C.F./P.IVA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA A tutti i soci in indirizzo Loro Sedi I soci sono convocati in Assemblea Ordinaria e Straordinaria in prima convocazione per il giorno 27 Maggio 2015 ore 8,00 presso la NUOVA CANTINA DI ALBINEA CANALI (RE) in via Tassoni n. 213 a Canali (RE) ed in seconda convocazione, nello stesso luogo, per il giorno GIOVEDI 28 MAGGIO 2015 ore 9,30 PARTE ORDINARIA ORE 9,30 ORDINE DEL GIORNO 1 PARTE Lettura del Bilancio al 31/12/2014; Lettura della Relazione sulla gestione; Relazione del Collegio Sindacale; Apertura del dibattito e interventi dei soci e degli invitati. 2 PARTE: per i soli soci delegati Approvazione del Bilancio al 31/12/2014, della Relazione sulla Gestione e delibere inerenti e conseguenti; Nomina del Consigliere cooptato dal Consiglio di Amministrazione; Presa d atto della restituzione delle azioni ai soci sovventori. PARTE STRAORDINARIA ORE 11,30 ORDINE DEL GIORNO Modifica dell articolo 3 oggetto sociale dello Statuto: eliminazione attività immobiliare e di costruzione; Revoca della delibera Assembleare del 27 Maggio 2011 limitatamente all emissione di azioni di socio sovventore. PASQUALE VERSACE (Presidente)

19 Sondaggio 19 OSSERVATORIO SWG Un blocco navale per fermare i migranti Gli italiani che vorrebbero vedere i flussi migratori interrotti da un blocco navale oggi sono la maggioranza. L insofferenza verso i migranti è tuttavia un fenomeno in aumento da almeno 12 anni. A caldo, nei giorni delle più massicce e continuative ecatombi di migranti nel Mediterraneo, un sondaggio Swg evidenzia la presa di posizione maggioritaria tra i cittadini: i viaggi vanno fermati. Per il 39%, un blocco navale delle coste nordafricane sarebbe probabilmente efficace. Per un 14% lo sarebbe di certo. Una maggioranza schiacciante, data anche la drasticità dell azione auspicata. Poco più di un terzo ritiene invece la misura probabilmente (22%) o sicuramente (13%) inefficacie; mentre una minoranza non saprebbe rispondere (12%). Questo atteggiamento mostra tuttavia continuità con il sentiment generale verso gli immigrati maturato dagli italiani nel tempo. Osservando l indice di apertura/chiusura verso gli immigrati, rilevato dall istituto a partire dal 1997, la chiusura ha raggiunto quest anno la cifra record del 63%. Siamo cioè più chiusi di quanto non lo fossimo oltre 18 anni fa, quando di immigrati se ne avvistavano pochi e non si sapeva neanche bene cosa fossero. Il processo di integrazione ha però visto questa distanza in parte colmarsi e le cifre invertirsi già entro il Ecco però che da allora gli effetti dell instabilità mediorientale e della lotta al terrore (la palude afgana e il conflitto in Iraq) hanno iniziato a pesare sia sull atteggiamento degli occidentali sia sulla numerosità e provenienza delle persone in fuga. A ciò si sono sommate le migrazioni interne all Europa da est a ovest. In due anni la chiusura è così balzata dal 40% al 52%. Da allora un lento crescendo - alimentato, tra le altre cose, dalla crisi economica e sociale che ha investito il Paese negli ultimi 7 anni - che vede oggi un maggioranza schiacciante di cittadini chiusi e respingenti verso gli immigrati. NOTA INFORMATIVA: Dati archivio Swg. Sondaggio cawi su un campione nazionale di italiani eseguito tra il 20 e il 22 aprile 2015.

Nuove imprese crescono. Saranno cooperative Bando per la promozione di startup cooperative

Nuove imprese crescono. Saranno cooperative Bando per la promozione di startup cooperative Nuove imprese crescono. Saranno cooperative Bando per la promozione di startup cooperative 1. DESCRIZIONE SINTETICA Coopstartup Unicoop Tirreno è un iniziativa che ha l obiettivo di accompagnare lo sviluppo

Dettagli

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA 21, 22, 23 Giugno 2013 FIERA DEL LIBRO E DEL TURISMO ENOGASTRONOMICO L editoria enogastronomica da alcuni anni registra una crescita notevole. I media hanno dato e continuano

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

PROGETTO. Festival del Giornalismo Alimentare International Food Journalism Festival. Torino 25-26-27 febbraio 2016

PROGETTO. Festival del Giornalismo Alimentare International Food Journalism Festival. Torino 25-26-27 febbraio 2016 PROGETTO Festival del Giornalismo Alimentare International Food Journalism Festival Torino 25-26-27 febbraio 2016 Aggiornamento 28 settembre 2015 SCENARIO In Italia, manca una manifestazione di respiro

Dettagli

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa»

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» Forlì, 16 gennaio 2015 1 L Esposizione Universale Expo Milano 2015

Dettagli

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS Titolo documento: Progetto: ALL.1 Introduzione alla riunione di confronto con il partenariato politicoistituzionale e socio economico sui documenti di preparazione al Programma Triennale di Sviluppo Turistico

Dettagli

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L FOOD FILM FEST C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L BERGAMO 15-20 SETTEMBRE 2015 piazza dante - domus bergamo quadriportico del sentierone palazzo dei contratti e delle manifestazioni COSA - DOVE

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 07 EDIZIONE 2013/2014 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY:

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: SCUOLA DI COMUNICAZIONE Proposta di MASTER di Primo livello in MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: Promozione enogastronomica e valorizzazione delle eccellenze del territorio A.A.2014-15 Premessa

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 EXPO 2015: UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA E IL LAVORO Attesi 20 milioni di visitatori Già venduti 8 milioni di biglietti 23,5 miliardi di indotto previsto tra

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

VOLONTARIATO, EXPO 2015 ED IL SISTEMA DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO

VOLONTARIATO, EXPO 2015 ED IL SISTEMA DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOLONTARIATO, EXPO 2015 ED IL SISTEMA DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO PREMESSA L Italia, che ospiterà l Esposizione Universale del 2015, si caratterizza per un tessuto associativo tra i più

Dettagli

Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani

Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani presenta il nuovo progetto multicanale dedicato al settore manifatturiero Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani IL PROGETTO E I CONTENUTI Le aziende manifatturiere rappresentano la spina

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani: sono 119.092 i giovani che si sono registrati, 13.770 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 5.860 hanno già ricevuto il primo colloquio di orientamento;

Dettagli

OOPYRIGHT. inventa una cooperativa IL CONCORSO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE 09 EDIZIONE 2015/2016

OOPYRIGHT. inventa una cooperativa IL CONCORSO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE 09 EDIZIONE 2015/2016 OOPYRIGHT b inventa una cooperativa IL CONCORSO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE 09 EDIZIONE 2015/2016 INTRO La cooperazione è un elemento importante della storia della nostra città e molte delle maggiori

Dettagli

LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015

LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015 LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015 3 Cosa è una Esposizione Universale Da oltre 100 anni, le Esposizioni Universali hanno un posto d eccellenza nell'educazione dei cittadini, del mondo e nel

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015 progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 08 EDIZIONE 2014/2015 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Spirit of the mountain

Spirit of the mountain Spirit of the mountain BERGAMO MILANO PONTRESINA SESTRIERE VERONA CINQUE FESTIVAL, UN GRANDE NETWORK L IDEA L'Associazione Montagna Italia nasce nel 1996 con lo scopo di promuovere il turismo, il rispetto

Dettagli

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA CULTURALE, SCIENTIFICO, TURISTICO, SPORTIVO ED ENOGASTRONOMICO

Dettagli

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA Roma, 9 Ottobre 2015 I giovani presi in carico sono 485.327. A più di 181 mila è stata proposta almeno una misura. Prosegue il successo di Crescere in Digitale: oltre 31.500 gli iscritti a quattro settimane

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 3 a CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

Molise verso EXPO 2015 >> Gli Obiettivi

Molise verso EXPO 2015 >> Gli Obiettivi IL MOLISE ALL EXPO Molise verso EXPO 2015 >> Gli Obiettivi La Regione Molise verso EXPO 2015 (Obiettivi) Sviluppo dell Immagine territoriale Creazione di canali commerciali Internazionali per il comparto

Dettagli

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, nata e promossa nel 2004 dall associazione internazionale Slow Food con la collaborazione delle regioni

Dettagli

relatore: Pietro Petraroia Mercoledì 30 ottobre 2013 Palazzo Leone da Perego Via Gilardelli, 10 Legnano (MI)

relatore: Pietro Petraroia Mercoledì 30 ottobre 2013 Palazzo Leone da Perego Via Gilardelli, 10 Legnano (MI) relatore: Pietro Petraroia Mercoledì 30 ottobre 2013 Palazzo Leone da Perego Via Gilardelli, 10 Legnano (MI) Lavori in corso www.expocantiere.expo2015.org www.expo2015.org Come si fa un EXPO? FREQUENZA

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

SINTESI INIZIATIVE PIANO ATTUATIVO 2015

SINTESI INIZIATIVE PIANO ATTUATIVO 2015 SINTESI INIZIATIVE PIANO ATTUATIVO 2015 Iniziativa n.1 Partecipazione alla Fiera agroalimentare Tutto Food 2015 Milano Data prevista di svolgimento 3-6 Maggio 2015 Italia Europa, Nordamerica, Estremo Oriente

Dettagli

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 Agenda Italia 2015 - Master Plan del Governo per Expo Milano 2015 INIZIATIVA N. 17

Dettagli

L Alleanza Slow Food dei Cuochi

L Alleanza Slow Food dei Cuochi L Alleanza Slow Food dei Cuochi Photos Oliver Migliore, Alberto Peroli Manifesto e regolamento internazionale Le tappe del progetto Nel 2006 oltre 1000 cuochi provenienti da 150 paesi si sono riuniti a

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

AL SERVIZIO DELL ECONOMIA. Economia che cambia. Programma di attività 2015 della Camera di commercio di Bolzano

AL SERVIZIO DELL ECONOMIA. Economia che cambia. Programma di attività 2015 della Camera di commercio di Bolzano AL SERVIZIO DELL ECONOMIA Economia che cambia Programma di attività 2015 della Camera di commercio di Bolzano AL SERVIZIO DELL ECONOMIA Economia che cambia Una sfida da affrontare on. Michl Ebner dott.

Dettagli

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 1. PREMESSA Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, Milano ha ospitato un padiglione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

La più importante manifestazione dedicata all Orientamento, la Scuola, la Formazione, il Lavoro

La più importante manifestazione dedicata all Orientamento, la Scuola, la Formazione, il Lavoro XIX mostra convegno nazionale FIERA DI VERONA 26-28 novembre 2009 ore 9.00-18.30 ingresso libero La più importante manifestazione dedicata all Orientamento, la Scuola, la Formazione, il Lavoro SEZIONI

Dettagli

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP)

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP) PROPOSTE PROGETTUALI BILANCIO CAMERALE 2013 Considerato il costante diminuire delle risorse pubbliche e di conseguenza dei contributi per le imprese, abbiamo ritenuto opportuno segnalare qui di seguito

Dettagli

Alimentare la Salute. www.sanit.org. XI edizione: dal 14 al 17 Dicembre 2014 Palazzo dei Congressi Roma, P.le Kennedy 1.

Alimentare la Salute. www.sanit.org. XI edizione: dal 14 al 17 Dicembre 2014 Palazzo dei Congressi Roma, P.le Kennedy 1. XI edizione: dal 14 al 17 Dicembre 2014 Palazzo dei Congressi Roma, P.le Kennedy 1. Ingresso gratuito Alimentare la Salute Direzione scientifica: Organizzato da: Con il patrocinio di: www.sanit.org Segreteria

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING MEMORANDUN OF UNDERSTANDING PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SAN MARINO ITALIA Repubblica di San Marino, 6 novembre 2012 Memorandum of understanding per la realizzazione del Parco

Dettagli

donne, valore, comunicazione, marketing, automobili, news, social, meeting, expo, città, formazione. community WIP, network imprese, associazioni

donne, valore, comunicazione, marketing, automobili, news, social, meeting, expo, città, formazione. community WIP, network imprese, associazioni www.womaninpower.it donne, valore, comunicazione, marketing, automobili, news, social, meeting, expo, città, formazione. community WIP, network imprese, associazioni charity Eventi 2015, WIP magazine on

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

www.expoveneto.it EXPO 2015

www.expoveneto.it EXPO 2015 www.expoveneto.it La piattaforma web ufficiale della Regione Veneto per l EXPO 2015 L Esposizione Universale sarà un occasione straordinaria di supporto alla crescita e al rilancio economico, confermando

Dettagli

L IDEA. e far conoscere gli ambienti montani d Italia e del mondo.

L IDEA. e far conoscere gli ambienti montani d Italia e del mondo. L IDEA L'Associazione Montagna Italia nasce nel 1996 con lo scopo di promuovere il turismo, il rispetto dell'ambiente, i beni culturali, le manifestazioni e le località montane in Italia e all'estero,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013

PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013 ASSEMBLEA 26 OTTOBRE 2012 PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013 PROGRAMMA GENERALE ALSOB 1. Start-up a) Tesseramento soci Con l evento Laureati Eccellenti si apre l opportunità per i soci

Dettagli

COS È EXPORTIAMO BUON VIVERE

COS È EXPORTIAMO BUON VIVERE COS È EXPORTIAMO BUON VIVERE La Settimana del Buon Vivere sin dalla prima edizione è stata sinonimo di incontro tra generi, generazioni e culture, ospitando momenti di confronto e di diffusione dei Valori

Dettagli

Pagina 2 - Curriculum vitae di Giugno 2010 [ MAURO Adriana ]

Pagina 2 - Curriculum vitae di Giugno 2010 [ MAURO Adriana ] CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ADRIANA MAURO Data di nascita 8 AGOSTO 1956 Qualifica DIRIGENTE II FASCIA Amministrazione MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Incarico attuale DIRIGENTE DELLA

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Settimana del Protagonismo

Settimana del Protagonismo Venerdì 11 Settembre 2015 International seminar on food allergy and coeliac disease Auditorium Palazzo Italia h. 10.30 GAIA Liguria Assessorato Sanità Regione Liguria Seminario Strategie adottate dai diversi

Dettagli

Parco dei Talenti Creativi e Innovativi

Parco dei Talenti Creativi e Innovativi Parco dei Talenti Creativi e Innovativi Bando 2011 CHE COS'È IL PARCO DEI TALENTI CREATIVI Fondazione Milano con la sua area Milano Progetti promuove il Parco dei Talenti Creativi e Innovativi: un insieme

Dettagli

Pur in presenza della crisi economica Nordiconad continua a crescere ed a investire

Pur in presenza della crisi economica Nordiconad continua a crescere ed a investire Comunicato stampa Pur in presenza della crisi economica Nordiconad continua a crescere ed a investire Il bilancio consuntivo 2013 Nordiconad è una delle otto cooperative associate a Conad ed è presente

Dettagli

XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA

XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA MARTEDI 29 OTTOBRE H 9.00 10.45 SALA DIONE Cerimonia inaugurale Il futuro dei giovani nell agenda politica Disoccupati, precari,

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Comuni di Faenza, Brisighella, RioloTerme, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo, Conferenza Economica SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Tavolo tematico di riferimento: PROMOZIONE DEL TERRITORIO, CULTURA,

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

FONDAZIONE CDSE DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Immaginare, ascoltare ricreare il lavoro

FONDAZIONE CDSE DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Immaginare, ascoltare ricreare il lavoro Modello 2 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Immaginare, ascoltare ricreare il lavoro SOGGETTO PROPONENTE/TITOLARE: Fondazione CDSE EVENTUALI SOGGETTI PARTNER: soggetti partner:

Dettagli

Il tema dell occupazione del personale

Il tema dell occupazione del personale Anche volontariato e non profit possono facilitare gli scambi fra i Paesi europei. Italia e Polonia, per esempio, hanno promosso un progetto comune per risolvere una reciproca emergenza: quello della carenza

Dettagli

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Durazzo/Revitalization Freedom square International Competition in

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

De Vinco confermato Gaetano De Vinco

De Vinco confermato Gaetano De Vinco 52notizie Modena Economica Numero 1 gennaio-febbraio 2012 De Vinco confermato alla guida di Confcooperative Gaetano De Vinco è stato riconfermato alla presidenza di Confcooperative Modena nella 19 a Assemblea

Dettagli

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica.

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica. PROGRAMMA DI ASSISTENZA TECNICA TRA ISTITUTZIONI (PATTI) Italia-Albania Dipartimento per le Politiche Regionali della Presidenza del Consiglio Roma, 12 aprile 2011 Seconda riunione Si è svolta a Roma lo

Dettagli

Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi

Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi ALESSANDRO ROSSO GROUP ALESSANDRO ROSSO GROUP Alessandro Rosso Group nasce nel 2002 da un gruppo di professionisti con oltre trent anni

Dettagli

Competitività e Sostenibilità

Competitività e Sostenibilità Stakeholder Engagement Co-Design Competitività e Sostenibilità CSR Management Smart City Social Innovation Green Economy Management Comunicazione per la Sostenibilità Formazione per la Sostenibilità Ricerca

Dettagli

LA SCUOLA: IL FUTURO E' QUI Milano, 18-20 marzo 2016

LA SCUOLA: IL FUTURO E' QUI Milano, 18-20 marzo 2016 LA SCUOLA: IL FUTURO E' QUI Milano, 18-20 marzo 2016 Chi siamo Terre di mezzo è un piccolo universo in cui abitano tanti mondi: dal giornale di strada, fondato nel 1994, sono nati il settore Libri, un'associazione

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

FINANZIAMENTO AGEVOLATO

FINANZIAMENTO AGEVOLATO FINANZIAMENTO AGEVOLATO MICROCREDITO CONTRIBUTO 40 MLN Il Microcredito è un fondo di garanzia istituito dal Ministero dello sviluppo economico ( MISE ), finanziato, per una cifra di 10 milioni di Euro,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a N. V II/2 ffebb rra io i 2011 I N D I C E F O C U S Concluso il ciclo di formazione per imprenditori

Dettagli

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati,

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati, EDITORIALE FRANCESCO CATERINI Gentili Associati, si è appena concluso un altro anno denso di avvenimenti per l Associazione e in particolar modo per me che festeggio il primo anno in qualità di Presidente.

Dettagli

L idea. Il perché. Un format a misura di business, pensato per fare tutto quello che in EXPO non si può fare.

L idea. Il perché. Un format a misura di business, pensato per fare tutto quello che in EXPO non si può fare. Cos è yesitaly. yesitaly è il nuovo brand di quell Italia pronta ad aggredire i grandi mercati internazionali o migliorare i risultati del proprio export. Di quell Italia fatta di territori, qualità e

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio Monza, 9 13 novembre 2013 ABSTRACT PREMESSA La crescita del nostro

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Progetto Venezia per l altraeconomia

Progetto Venezia per l altraeconomia Progetto Venezia per l altraeconomia Obiettivo del progetto è la costruzione e promozione di una Rete di Economia Solidale (RES) veneziana, che raduni intorno ad un Tavolo permanente per l altraeconomia,

Dettagli

Comunicazione di Dora Iacobelli dopo la nomina a Vicepresidente Legacoop

Comunicazione di Dora Iacobelli dopo la nomina a Vicepresidente Legacoop Comunicazione di Dora Iacobelli dopo la nomina a Vicepresidente Legacoop Ringrazio per la fiducia che mi è stata accordata, con la piena consapevolezza della complessità' della fase che l organizzazione

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO

MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO Milano, 19 aprile 2006 Presentato a Palazzo Marino il Primo Rapporto sull urbanistica a Milano MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO 10.482.337 di mq le aree trasformate e in trasformazione con i grandi

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori

La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori CHI SIAMO LATUAIDEADIMPRESA è una community costituita da migliaia di studenti italiani, professori, imprenditori. E un progetto finalizzato

Dettagli

Ricomincio da t(r)e. Bando per la promozione di startup cooperative

Ricomincio da t(r)e. Bando per la promozione di startup cooperative Ricomincio da t(r)e Bando per la promozione di startup cooperative 1. DESCRIZIONE SINTETICA Coopstartup Calabria Ricomincio da t(r)e è un iniziativa nata allo scopo di accompagnare lo sviluppo di idee

Dettagli

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Progetto PercoRSI Rete responsabile Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Con il contributo di: Partner operativo Finalità generali di PercoRSI Dal 2004

Dettagli

Diamo valore alle DOP IGP italiane

Diamo valore alle DOP IGP italiane Nel 2012 abbiamo attivato 77 milioni di contatti per 12 milioni di euro di valore della comunicazione Diamo valore alle DOP IGP italiane Rapporto 2012 Rapporto sintetico delle attività di valorizzazione

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Alle ore 08:30 è stato avviato il Convegno Conoscere e capire EXPO, concepito per favorire la conoscenza dell esposizione

Alle ore 08:30 è stato avviato il Convegno Conoscere e capire EXPO, concepito per favorire la conoscenza dell esposizione ASL Milano 1 Info Stampa Dr.ssa Anna Maria Stragapede Responsabile ufficio comunicazione e relazioni con la stampa anna.maria.stragapede@aslmi1.mi.it ufficio.comunicazione@aslmi1.mi.it cell. 329.75.09.210

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME!

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME! C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME! 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella

Dettagli

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO #IOLEGGOPERCHÉ 2016 IL PROGETTO, LA DINAMICA, GLI ATTORI UNA NUOVA MISSIONE PER I MESSAGGERI DELLA LETTURA: SVILUPPARE E RILANCIARE LE BIBLIOTECHE SCOLASTICHE

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO Assemblea di Bilancio 25.06.2015 CFI- - Cooperazione Finanza Finanza Impresa Impresa Via Giovanni Amendola, 5 Roma info@cfi.it - www.cfi.it Agenda CFI: mission, tipologie e

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

21 Giugno 2011 Estratto pag. 13 Sezione Salerno Il tema di quest anno è L innovazione tra rischio e opportunità e l evento è promosso dal Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Salerno,

Dettagli

Main Partners. Patrocini

Main Partners. Patrocini Main Partners Patrocini Provincia di Firenze Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa European Confederation of Conservator and Restorers Organisations Ufficio Scolastico Regionale per

Dettagli

ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione

ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione #1 IL PROGETTO APPENNINO ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione Edoardo Garrone, per il rilancio

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 CAMERA DEI DEPUTATI VII COMMISSIONE CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 DECRETO LEGGE MAGGIO 2014, N. 83 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO

Dettagli