RETI INTERNET MULTIMEDIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI INTERNET MULTIMEDIALI"

Transcript

1 RETI INTERNET MULTIMEDIALI Introduzione ai protocolli ed alla rete Internet Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris

2 INTERNET Introduzione al paradigma e alla rete

3 internet : il paradigma Rete di reti Rete logica indipendente dalle tecniche trasmissive utilizzate Virtualizzare la rete e rendere le applicazioni indipendenti dai dettagli del trasporto Una piattaforma per lo sviluppo delle applicazioni, indipendente dall evoluzione delle tecnologie di rete (WAN, LAN) Basata su protocolli standard sia per l interlavoro tra reti che per le applicazioni Il protocollo di rete non presuppone servizi particolari dai livelli protocollari sottostanti (nessuna garanzia di consegna o riscontri) Standard pubblicamente disponibili

4 Il modello a clessidra WWW phone... SMTP HTTP RTP... TCP UDP IP ethernet PPP CSMA async SDH... copper fiber radio...

5 Internet: la rete mondiale Un insieme di reti indipendenti interconnesse Nata da un nucleo iniziale di stampo accademico e no-profit, migrato ad utilizzi universali Ciascuna rete interconnessa ha un proprio: finanziamento gestione politica d uso Impiega una famiglia di protocolli comune, detta comunemente TCP/IP

6 Modello di interconnessione La rete logica è ottenuta interconnettendo reti fisiche e realizzando l interlavoro a livello 3 del modello OSI Router: nodi che svolgono il compito di interconnettere le reti fisiche, instradando verso la destinazione l informazione contenuta nei pacchetti di livello 3 OSI, secondo la modalità datagram (senza connessione-store&forward- best-effort) Host: nodi terminali che espletano compiti che corrispondono a tutti i livelli della pila OSI Packet Payload Header A C B

7 Capacità di garantire qualità Paradigmi di commutazione ALTA Circuiti Dedicati Circuiti Commutati Commutazione di Circuito Circuiti Virtuali Permanenti Commutazione di Pacchetto Circuiti Virtuali Commutati BASSA BASSA Capacità di condividere le risorse Commutazione Datagramma ALTA Risorse: Capacità trasmissiva, memoria, capacità elaborativa Qualità del Servizio: caratteristiche del trasporto in termini di: ritardo, varianza, volume di dati trasferiti nell unità di tempo, tasso di perdita, disponibilità della comunicazione

8 Pila internet e modello OSI Application Presentation Application Application SMTP, NNTP Telnet, SNMP, HTTP Session Transport Transport TCP UDP Network Network IP ICMP Data Link Physical OSI stack Internet stack

9 Esempio

10 Pila completa Video VoIP Telnet FTP HTTP SMTP End User Applications Application SNMP RTSP DNS RTP/RTCP DHCP SIP RIPv1 RIPv2 OSPF RSVP BGP Network Management & Control Applications SCTP UDP TCP NAPT Transport MobileIP IPSec IPv6 IGMP IPv4 ICMP ICMPv6 NAT Internet ARP/RARP Some Internet protocols & their dependencies Some links represent mostly used configuration Data Link IEEE 802, PPP Physical Layer Twisted Pairs, Coax, Fiber, Radio, Powerline,.. Data Link & Physical

11 Protocolli di controllo e di trasporto dati

12 Il medioevo di Internet Fonte: Prof. Jim Kurose 2008

13 Il sistema di interconnessione

14 Peering Interconnessione tra ISP: Peering e Transito Due ISP offrono mutuamente la connettività tra i loro clienti (solitamente senza compenso) Non transitivo Transito Un ISP offre connettività verso ogni rete ad esso nota (dietro compenso)

15 Transito

16 Peering

17 Tipologie di peering Peering pubblico Ci si connette ai Peer attraverso un IXP Peering privato La connessione col Peer avviene con collegamento diretto Paid peering Connessione tra Peer in cui una delle due parti chiede un compenso (rapporto sbilanciato)

18 Depeering A luglio 2013 Telecom Italia ha interrotto unilateralmente le interconnessioni esistenti tra sé e quasi tutte le altre reti italiane: depeering Nuovo criterio per il peering settlement free: [essere] suoi Pari, ossia Operatori di Telecomunicazioni rispondenti a criteri quali, /inter alia/, volumi bilanciati, una base di clienti finali significativa, traffico elevato, punti di ridondanza, e altro Peering solo privato Peering a pagamento in alternativa

19 Architettura Internet alle origini

20 Architettura Internet attuale Più piatta e densamente interconnessa Disintermediazione tra fornitori di contenuti e eyeball providers (ISP di accesso) Modelli commerciali complessi tra fornitori di contenuti, di transito e consumatori IXP: Internet exchange Points

21 Tier 1, IXP e CDN Rete gerarchica Al centro un numero piccolo di grandi reti interconnesse tier-1 commercial ISPs (es. Verizon, Sprint, AT&T, Qwest, Level3) con copertura nazionale e internazionale Grandi Content Delivery Networks - CDN (Google, Akamai, Microsoft) Si comportano in modo paritetico e non prevedono compensi Hanno accesso a tutte le rotte Internet Tier-1 ISPs & Grandi CDN si interconnettono (peer) privatamente o presso gli Internet exchange points IXPs large content distributor (e.g., Akamai) IXP Tier 1 ISP IXP large content distributor (e.g., Google) Tier 1 ISP Tier 1 ISP

22 Fonte: elaborazione Analsysis Mason, 2011 Catena del valore di Internet The Internet is a network of networks interconnected with one another, and operated by different Internet providers Five different roles in the value chain of content delivery over the Internet CA: Content Aggregator OTT: Over The Top CA Telco/ISP ISP: Internet Service Provider TSP: Transit Service Provider OTT Telco/ISP TSP

23 Player di Internet OTT Content Aggregator (CA) TELCO/ISP Transit service Provider (TSP) End user Offre agli end-user dei Telco uno o più servizi, sfruttando la connettività della rete Internet Attraverso una rete di delivery rende maggiormente efficace la fruizione dei contenuti e sei servizi OTT da parte degli end user Il Telco offre agli end-user suoi clienti un accesso ad Internet attraverso una linea trasmissiva dati Distribuisce traffico da e verso una rete di terza parte, sfruttando la propria infrastruttura di rete in fibra ottica high-speed di dimensione internazionale L end-user (eyeball-isp) accede ad Internet attraverso un dispositivo fisso o mobile connesso ad Internet tramite un Telco

24 Evoluzione del paradigma Fase 1 Fase 2 Fase 3 Prezzi dell accesso costanti -Banda commodity - forse non l accesso - certamente non il mobile Prezzi dell accesso costanti -Banda commodity - forse non l accesso -certamente non il mobile Aumento costi infrastruttura (porte, transito, ) Prezzi dell accesso costanti -Banda commodity - forse non l accesso -certamente non il mobile Miliardi di ricavi per servizi OTT (Cloud) Pubblicità su Internet Provider in cerca di margini e in forte competizione per la stessa torta

25 Netflix paga Comcast Il 24 febbraio 2014 Netflix ha raggiunto un accordo con il maggiore cable-operator americano, Comcast, per ottenere un trattamento privilegiato del traffico video streaming a fronte di un compenso (Paid Peering) Primo atto a valle di una sentenza a favore di Verizon vs Netflix sulla «Network Neutrality»

26 Top 10 Traffico Internet I primi 10 player di Internet generano una quota notevole del traffico totale Negli ultimi anni player che rivestono un ruolo importante nei contenuti hanno scalato la classifica

27 Traffico video in grande evidenza Negli Stati Uniti la percentuale di traffico Internet nell ora di punta è principalmente imputabile al video streaming di Netflix Google (incluso Youtube) vale quasi il 25% del traffico in US

28 P2P e direct download Nel 2007 il traffico P2P contabilizzava il 30% del traffico Internet Successivamente soppiantato da direct download

29 Tendenza del traffico Internet 1 EB = B = bytes = 1000petabytes = 1 million terabytes = 1 billion gigabytes Il traffico cresce complessivamente Video e mobile sono i contributi in maggior crescita Il cloud computing si sta inserendo come elemento di innovazione importante

30 Tendenza del traffico (US) https://www.sandvine.com/downloads/general/global-internet-phenomena/2013/sandvine-global-internet-phenomena-report-1h-2013.pdf

31 Tendenza del traffico (EU) https://www.sandvine.com/downloads/general/global-internet-phenomena/2013/sandvine-global-internet-phenomena-report-1h-2013.pdf

32 Tendenza del traffico VoIP Il traffico telefonico a commutazione di circuito (TDM) è ancora l elemento portante dei ricavi degli operatori di telecomunicazioni fisse e mobili Inizialmente il VoIP come strumento di efficienza interna per tratte a lunga distanza o come nicchia per chiamate a lunga distanza con scarsi requisiti di qualità In atto una trasformazione progressiva dei ricavi verso i servizi dati a larga banda Spinta indotta dai player OTT (in particolare Skype, ora Microsoft) per la telefonia Operatori Mobili e VoIP

33 Nuovi strumenti per i messaggi

34 SMS e nuova messaggistica Gli SMS rappresentano una fonte importante di ricavi per gli operatori mobili, ma Internet offre una moltitudine di vie sostitutive dirette oltre all Instant Messaging e Chat in modalità isolata (MSN, Yahoo Messanger, Whatsapp, ) o inseriti in suite più ampie di comunicazione unificata (es. Skype) o di Social networking (es. Facebook) A questi si affiancano strumenti che cavalcano paradigmi innovativi che superano la logica della messaggistica tra persone (uno a uno o uno a molti per mailing massivi) es. Twitter Tutte queste novità trasformano traffico e ricavi della messaggistica

35 Ricavi e traffico per i messaggi

36 Ricavi core dei Telco La trasformazione dei ricavi core dei telco impatta pesantemente lo sviluppo delle reti: Il bilanciamento di ricavi ed investimenti per potenziare le infrastrutture è chiave per determinare lo sviluppo Source: European regulators, Mobile operators, Barclays Capital, STL Partners assumptions and analysis

37 Interventi nelle reti mobili

38 Tendenza del traffico Video IPTV Consegna gestita Enfasi sulla qualità TV lineare e VOD Servizi a pagamento IP video Consegna best-effort Qualità non garantita Principalmente on-demand A pagamento o free La consegna di contenuti TV tradizionali in rete a larga banda aiuta a contenere il churn e ad aumentare l ARPU

39 Il fenomeno Netflix

40 Il fenomeno Netflix Netflix è nata come azienda che distribuiva contenuti video su supporto DVD con consegna postale ed ha progressivamente abbandonato questo business per concentrarsi sullo streaming on-line in Internet di contenuti video e TV premium (tariffazione flat all-you-can-view) La grande crescita del traffico impone grande sforzo nell usare forme di codifica e di distribuzione in rete del traffico: uso spinto delle CDN commerciali ed introduzione di una propria CDN

41 Il fenomeno Netflix

42 Altre tendenze emergenti Internet of things Smart mobile devices Social technology Pervasive video Cloud computing services 1 miliardo di smartphone nel Q3Y milioni di tablet venduti nel Miliardo di utenti attivi 4 miliardi di video visionati ogni giorno nel 2012 ogni minuto vengono caricate 60 ore di video 200 milioni di utenti attivi al mese 175 milioni di membri

43 Ecosistemi OTT dominanti

44 IPv4 Internet Protocol (version 4)

45 Reti TCP/IP La suite di protocolli di Internet definisce un architettura di internetworking Mediante quest insieme di protocolli è possibile collegare reti diverse e calcolatori diversi per il trasferimento di informazioni e per la creazione di servizi avanzati di comunicazione Il protocollo base è l Internet Protocol (IP)

46 IP: le funzionalità locali richieste IP aggiunge delle funzionalità di comunicazione che si basano su funzionalità disponibili a livello di rete locale Si assume un insieme minimo di funzionalità di trasferimento locale: indirizzamento locale (indirizzo fisico) trasferimento di pacchetti a destinazione in ambito locale (anche non garantito) capacità di indirizzamento broadcast

47 IP: le funzionalità base Assegna un indirizzamento universale Trasferisce pacchetti in modo datagram Non garantisce né l integrità né la consegna né la sequenza dei pacchetti Consegna best effort dei pacchetti Frammenta i pacchetti se il livello locale lo richiede (sia alla sorgente che nei router intermedi) Ricostruisce i frammenti solo in ricezione

48 L architettura IP Il protocollo IP ha le funzionalità di un protocollo di livello 3 (rete) e si appoggia sopra i livelli delle reti che serve Tipico l esempio delle reti locali (LAN): G 3 IP IP IP 2 LLC MAC LLC MAC LLC MAC LLC MAC 1 PHY PHY PHY PHY LAN A LAN B

49 Lo stack TCP/IP base L4 TCP UDP L3 routing ICMP IP ARP Livelli inferiori

50 Indirizzi e nomi Gli indirizzi IP sono assegnati su base globale Internet fa uso anche di nomi simbolici che sono anch essi assegnati su base globale (sistema DNS) IANA (Internet Assigned Numbers Authority) 1998 (Jon Postel) ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers)

51 Gli indirizzi IP Sono costituiti da 32 bit solitamente raggruppati in gruppi di 8 bit (byte) I byte sono usualmente riportati in notazione decimale divisi da punti (dotted decimal notation) e possono assumere valori compresi tra 0 e

52 Gli indirizzi IP L indirizzo è diviso in due parti NetID HostID La NetID (indirizzo di rete) identifica la rete La HostID (indirizzo di host) identifica l host nella rete Tutti gli host all interno della stessa rete hanno lo stesso indirizzo di rete (NetID) Rete Host

53 Le classi Primo ottetto Classe A (0-127) 0 NetID Indirizzamento Classful HostID Classe B ( ) 10 NetID HostID Classe C ( ) 110 NetID HostID Classe D ( ) 1110 Classe E ( ) 1111 Multicast Experimental/Future use

54 Indirizzi speciali Indirizzo di rete L'indirizzo con il campo HostID posto a 0 serve ad indicare la rete il cui indirizzo è contenuto nel campo NetID (usato solo nelle tabelle di instradamento) Esempio: rete in classe B: rete in classe C:

55 Indirizzi speciali Indirizzo broadcast diretto: Un indirizzo con il campo HostID di soli 1 assume il significato di indirizzo broadcast della rete indicata nel campo NetID. Esempio:

56 Indirizzi speciali Indirizzo broadcasting limitato: Un indirizzo di tutti 1 ( ) assume il significato di indirizzo broadcast nella stessa rete di chi invia il pacchetto. Il pacchetto non può oltrepassare dei router

57 Indirizzi speciali Quando il campo NetID è posto a zero, l'indirizzo indica l'host il cui indirizzo è contenuto nel campo host sulla stessa rete del mittente. Esempio: (in una rete in classe B) Se anche il campo host è posto a zero l'indirizzo indica il mittente stesso del pacchetto (usato quando l host non conosce il proprio indirizzo). Esempio: Infine, l'indirizzo con il primo ottetto pari a 127 e gli altri campi qualsivoglia indica il loopback sullo stesso host (usato nei sistemi operativi per testare le funzionalità di rete). Esempio:

58 Indirizzi Speciali: riassunto Questo host Host su questa rete Broadcast Limitato Tutti 0 Tutti 0 Tutti 1 HostID Broadcast Diretto NetID Tutti 1 Loopback 127 Qualunque cosa Primi due indirizzi possono essere usati solo durante lo startup di sistema, e non rappresentano mai un indirizzo di destinazione valido Il 3 e 4 indirizzo non rappresentano mai un indirizzo sorgente valido Il 5 indirizzo non dovrebbe mai comparire in rete

59 Indirizzamento IP L indirizzo IP indica l interfaccia (ovvero il collegamento) di un dispositivo con la rete Se un dispositivo ha più interfacce su più reti deve avere un indirizzo per ciascuna interfaccia Rete Rete

60 Subnetting RFC 950, del 1985, introduce con il concetto di subnet un terzo livello nella organizzazione gerarchica degli indirizzi IP (rete, sottorete, host) Il subnetting aggiunge un grado di flessibilità e elimina la rigidità e i limiti del classful addressing Tutti gli host collegati alla stessa rete fisica (ossia non vi sono router o dispositivi di interconnessione più complessi che li separano), hanno lo stesso indirizzo di sottorete (subnet) Con una granularità più fine nell assegnazione degli indirizzi riduco lo spreco nell uso dello spazio d indirizzamento Con il subnetting il dettaglio della ripartizione in sottoreti è noto solo alla periferia della rete per evitare la crescita delle tabelle di routing Questo è possibile solo se le sottoreti che partizionano una data Net sono localizzate nella stessa regione della rete

61 Supernetting Molte organizzazioni hanno più di 256 host e molte meno ne hanno oltre 1600: anziché assegnare ad un organizzazione un indirizzo di classe B, si assegnano più indirizzi di classe C contigui Gli indirizzi di classe C contigui condividono i MSB dell indirizzo: questo corrisponde all identificazione di una supernet Si aumenta la quantità di informazione scambiata, memorizzata ed elaborata dai router Il supernetting si applica solo a indirizzi di classe C

62 Esempio di supernet

63 Subnet Mask La Subnet mask indica la porzione dell indirizzo IP che interessa Net e subnet Alternativamente, si può usare un formalismo che identifica la lunghezza del prefisso :/N Network number Host number Class B address Subnet mask ( ) Network number Subnet ID Host ID Subnetted address

64 Variable Length Subnet Masks RFC 1009 del 1987 Lo stesso network ID ammette diverse subnet mask per le proprie subnet Applicazione ricorsiva della regola delle subnet mask senza confini pre-assegnati bbbbbbbb.bbbbbbbbb.xxxx sottorete #x bbbbbbbb.bbbbbbbbb.xxxxyyyy sottorete #x y Vantaggi: possibilità di ritagliare la dimensione delle subnet in modo mirato, riducendo al minimo l inefficienza nell uso dello spazio di indirizzamento possibilità di sommarizzare gli indirizzi in modo da ridurre le dimensioni delle tabelle di instradamento L instradamento si basa sulla regola del Longest Prefix Match: se più regole di instradamento sono applicabili, si utilizza quella con la maschera più lunga

65 Il pacchetto/datagramma IP (RFC 791) Header 1 32 bit Ver HLEN TOS Total length Fragment Identification Flags Frag. Offset TTL Protocol Header Checksum Source address Destination address 20 BYTE IP Options (if any) Padding Dati (Payload)

66 Il pacchetto IP Ver (4 bit) Version: indica la versione del protocollo; quella che noi studiamo è la versione 4 HLEN (4 bit) Header length: indica la lunghezza dell header del pacchetto (comprese opzioni e padding) espressa in parole da 32 bit (4 byte). Minimo valore valido: 5 TOS (8 bit) Type Of Service: un campo che adesso prende il nome di DS field (RFC 2474) e può essere utilizzato per la gestione delle priorità nelle code dei router Total length (16 bit) Indica la lunghezza totale del pacchetto in byte: valore massimo 2 16 =65536; una volta sottratta la dimensione dell header, si ha la lunghezza del payload

67 TOS: raccomandazione IANA

68 TOS: raccomandazione IANA

69 Evoluzione delle classi di servizio

70 RFC2474 Definition of the Differentiated Services Field (DS Field) in the IPv4 and IPv6 Headers, 2008 Utilizza il campo TOS dell header IPv4 (campo Traffic Class per IPv6) per attuare le strategie di QoS in reti IP, secondo il modello DiffServ L ottetto viene rinominato DS (Differentiated Services) Il trattamento differenziato dei pacchetti IP secondo il Per Hop Behavior (PHB) è basato sul valore del DSCP assegnato ad una classe di traffico IP Explicit Congestion Notification è stato introdotto successivamente nella RFC3168 ( The Addition of Explicit Congestion Notification (ECN) to IP, 2001) DiffServ Code Point (DSCP) IP ECN

71 Valori del campo DSCP EF: Expedited Forwarding (RFC3246) (DSCP 46) CSx: Class Selector (RFC2474) Ove x corrisponde all valore IP Precedence (1 7) (DSCP 8, 16, 24, 32, 40, 48, 56) AFxy: Assured Forwarding (RFC2597) In cui x corrisponde al valore IP Precedence (si usano solo valori tra 1-4 per AF) e y corrisponde al valore di Drop Preference (1, 2 o 3) valori più elevati indicano maggior esposizione alla perdita (DSCP 10/12/14, 18/20/22, 26/28/30, 34/36/38) BE: Best Effort o Default Marking Value (RFC2474) (DSCP 0)

72 Mappatura secondo RFC4594 Configuration Guidelines for DiffServ Service Classes,

73 Mappatura a più livelli 802.1Q/p VLAN Frame Format IPv4 ToS Bits IP Precedence (IPP) Format DSCP Format

74 Mappatura QoS in reti aziendali

75 La frammentazione Identification, Flags, Fragment Offset Alcuni protocolli di livello inferiore a cui IP si appoggia richiedono una dimensione massima del pacchetto (MTU) inferiore a byte (tipico l esempio di Ethernet che accetta pacchetti fino a 1500 byte) Prima di passare il pacchetto al livello inferiore, IP divide il pacchetto in frammenti, ciascuno con il proprio header I frammenti verranno ricomposti dall entità IP del destinatario mentre la frammentazione può essere fatta da sorgente o da router intermedi (anche più volte) I campi Identification, Flags e Frag. Offset sono usati per questo scopo

76 La frammentazione G IP IP frag. IP LL (A) LL (A) LL (B) LL (B) Rete A Rete B

77 La frammentazione Identification (16 bit) Campo che identifica tutti i frammenti di uno stesso pacchetto in modo univoco. E scelto dall IP Sender Frag. Offset (13 bit) I byte del pacchetto originale sono numerati da 0 al valore della lunghezza totale. Il campo Frag. Offset identifica la posizione del frammento nel datagramma IP originale (in multipli di 8 byte). Il primo frammento ha Offset pari a 0. Ad esempio: se un pacchetto di 2000 byte viene diviso in due da 1000 il primo frammento avrà un offset pari a 0 e il secondo pari a 1000 (ovvero: nel campo Frag. Offset del secondo troveremo scritto 1000/8=125)

78 La frammentazione Flags (3 bit) 0 D M Il primo bit è riservato e deve contenere 0 il bit M (More) è pari a 0 solo nell ultimo frammento (last fragment), ad 1 negli altri (more fragments) il bit D viene posto a 1 quando non si vuole che lungo il percorso venga applicata la frammentazione in questo caso se la frammentazione fosse necessaria non viene applicata ma viene generato un messaggio di errore

79 TTL (Time To Live) (8 bit) Il campo TTL viene settato ad un valore elevato da chi genera il pacchetto e viene decrementato da ogni router attraversato Se un router decrementa il valore e questo va a zero, il pacchetto viene scartato e viene generato un messaggio di errore verso la sorgente IP TIME TO LIVE PARAMETER The current recommended default time to live (TTL) for the Internet Protocol (IP) is 64 [RFC791, RFC1122] TTL=250 TTL=2 TTL=1 messaggio d errore: time exceeded TTL=0

80 Checksum (16 bit) Serve per individuare eventuali errori nell header (e solo nell header) Viene calcolato dal mittente e controllato dal destinatario (ad ogni hop) campo checksum (si assumono tutti 0) = somma L header viene diviso in blocchi di 16 bit Viene fatta la somma modulo 2 dei bit corrispondenti in ciascun blocco Il risultato viene complementato e quindi inserito nel campo checksum complemento a 1

81 Checksum In ricezione si calcola la somma e si verifica il complemento: checksum se sono tutti 0 il pacchetto viene accettato altrimenti viene scartato! = somma complemento a 1

82 Checksum Nota: poiché esistono campi dell header IP che cambiano a mano a mano che il pacchetto viene inoltrato (es. Time To Live, TTL), ogni entità IP lungo il percorso ricalcola il checksum L entità IP del nodo successivo può così verificare l integrità dell header ed accettare o meno il pacchetto IP

83 Protocol (8 bit) E un codice che indica il protocollo di livello superiore (RFC 790) Esempio: ICMP=1, TCP=6, UDP=17, IPv4=4, più protocolli di livello superiore possono usare IP (multiplazione) il codice identifica il SAP (Service Access Point) tra IP e il protocollo di livello superiore TCP UDP IP Livelli inferiori

84 Le opzioni La parte iniziale dell header IP è di 20 byte ed è sempre presente In aggiunta è possibile la presenza di campi aggiuntivi (le opzioni) che possono allungare l header fino ad un massimo di 60 byte 1 32 bit Ver HLEN TOS Total length Fragment Identification Flags Frag. Offset TTL Protocol Header Checksum Source address Destination address Options: security, source routing, record route, timestamp Dati 20 BYTE

85 Le opzioni type 8 bit length 8 bit data dimensione variabile copy 1 bit class 2 bit Copy: 0 nel primo o unico frammento 1 negli altri (copied) option number 5 bit Class: 00 controllo del datagram 10 debugging e measurement Class Number Length Descrizione Fine di una lista di opzioni No Operation usata per allineare gli ottetti Sicurezza 0 3 Var Usata per instradare su uno specifico path(loose) 0 7 Var Traccia la via percorsa Stream Identifier (obsoleta) 0 9 Var Usata per instradare su uno specifico path(strict) 2 4 Var Raccoglie i Time-stamp lungo la strada 01 e 11 sono riservate per usi futuri

86 Le opzioni Type sinonimo di Value (e di Option Number)

87 Record Route Il pointer indica l ottetto con cui comincia la prossima area in cui registrare un indirizzo. Il puntatore è relativo a questa opzione. Tutti i campi address sono inizialmente vuoti e il pointer vale 4 (ovvero punta al primo campo address, che comincia appunto al 4 ottetto dall inizio dell opzione) ogni volta che viene attraversato un router viene registrato l indirizzo nel campo puntato e il puntatore viene aumentato di 4, fino all eventuale riempimento di tutti i campi address (per conoscere il percorso verso una destinazione esiste la possibilità di usare pacchetti ICMP come vedremo in seguito) code 8 bit Opt. length 8 bit 1 st address 32 bit 2 nd address 32 bit 9 th address 32 bit pointer 8 bit Massimo 40 byte

88 Strict Source Routing Implementa un meccanismo di source routing (percorso scelto dalla sorgente) Tutti i campi address sono inizialmente pieni e indicano i router che l IP sender vuole vengano attraversati il puntatore viene incrementato di 4 ad ogni hop se viene raggiunto un router non previsto il pacchetto viene scartato e viene generato un messaggio di errore (usata molto raramente!!!) code 8 bit length 8 bit 1 st address 32 bit 2 nd address 32 bit 9 th address 32 bit pointer 8 bit Massimo 40 byte

89 Loose Source Routing Come la precedente, ma è possibile visitare anche altri router (il pacchetto non viene scartato) (usata molto raramente!!!) code 8 bit length 8 bit 1 st address 32 bit 2 nd address 32 bit 9 th address 32 bit pointer 8 bit Massimo 40 byte

90 Timestamp Misura il tempo assoluto di uscita del pacchetto in un router Il campo Over-Flow indica il numero di router sul percorso che non hanno potuto aggiungere il timestamp (per mancanza di spazio nell opzione, che al massimo può raggiungere i 40 byte) Il campo Flag indica la modalità operativa stabilita dal mittente (address riempiti dal mittente o dai router, ecc.) code 8 bit length 8 bit pointer 8 bit 1 st address 32 bit 1 st time stamp 32 bit 2 nd address 32 bit 2 nd time stamp 32 bit O-Flow 4 bit Flag 4 bit

91 Internet Control Message Protocol ICMP: protocollo di supporto utilizzato per veicolare informazione di controllo e segnalazioni di errore - RFC 792 Incapsulato in datagrammi IP (ha una sua intestazione veicolata nel campo dati del datagramma IP) Nei router e negli host, viene inviato alla sorgente del datagramma a fronte di eventi particolari, tra cui situazioni di errore o di sovraccarico Offre uno strumento di base per la diagnostica e l amministrazione delle reti IP

92 Formato del datagramma ICMP Type Code Checksum Rilevamento errore su tutto il datagramma ICMP ICMP Header ICMP Data IP Header Datagram Data Area Frame Header Frame Data Area

93 Messaggi ICMP: campo TYPE TYPE (8 bit): identifica il tipo di messaggio Type Field ICMP Message Type 0 Echo Reply 3 Destination Unreachable 4 Source Quench 5 Redirect (change a route) 8 Echo Request 9 Router Advertisement 10 Router Solicitation 11 Time Exceeded for a Datagram 12 Parameter Problem on a Datagram 13 Timestamp Request 14 Timestamp Reply 15 Information Request (obsolete) 16 Information Reply (obsolete) 17 Address Mask Request 18 Address Mask Reply

94 Messaggi ICMP: campo CODE CODE (8 bits): specifica ulteriormente il tipo di messaggio Esempio: nel caso di datagrammi ICMP con TYPE=3 (risposte di tipo destination unreachable ) CODE 0 rete irraggiungibile 1 host irraggiungibile 2 protocollo irraggiungibile 3 porta irraggiungibile 4 frammentazione necessaria 5 source route fallito 6 rete dest. Sconosciuta 7 host dest. Sconosciuto 8 host sorgente isolato 9 comunicazione con rete proibita 10 comunicazione con host proibita 11 rete irraggiungibile per TOS 12 host irraggiungibile per TOS

95 Uso dell ICMP: comando ping Comando usato per verificare la raggiungibilità Usa i messaggi ICMP echo request/reply La sorgente invia un messaggio di ICMP echo request verso un certo indirizzo Il pacchetto di echo request contiene numero di sequenza e timestamp L host indirizzato risponde con una ICMP echo reply contenente i dati del messaggio di richiesta La sorgente calcola il round trip time (RTT) Se non torna la risposta il programma ping restituisce una diagnosi della irraggiungibilità

96 Uso del ping A R1 R2 R3 B Echo request Time Echo reply

97 Uso dell ICMP: comando traceroute Traceroute restituisce il percorso verso un host Si basa su un uso intelligente del campo TTL Un router che riceve un datagramma IP decrementa il campo TTL di 1 Se TTL=0, il router invia un datagramma ICMP time exceeded alla sorgente del datagramma IP Si trasmettono datagrammi IP successivi, in cui si aumenta progressivamente il valore TTL Ogni volta che viene ricevuto un datagramma ICMP con time exceeded, si registra l indirizzo del router che lo ha generato Si itera fino a raggiungere l host destinatario o a ricevere messaggi di errore

98 Traceroute A R1 R2 R3 Te = Time exceeded Pu = Port unreachable B TTL=1, Dest = B, port = invalid Te (R1) Time TTL=2, Dest = B TTL=3, Dest = B Te (R2) Te (R3) TTL=4, Dest = B Pu (B)

99 Corrispondenza tra indirizzi IP e indirizzi fisici Illustrando le tecniche di inoltro abbiamo ipotizzato la presenza di una tabella di corrispondenza tra indirizzi IP e indirizzi di livello inferiore (indirizzi fisici) Queste tabelle vengono create dinamicamente da ciascun host mediante il protocollo ARP IP-B: MAC-B: 05:98:76:6c:4a:7b IP addr MAC addr. 00:9f:7a:89:90:7a... IP-A: MAC-A: 00:9f:7a:89:90:7a B A

100 ARP (Address Resolution Protocol) Il meccanismo si basa sulla capacità di indirizzamento broadcast della rete locale quando nella tabella memorizzata nell host (denominata ARP-cache) non è presente l indirizzo cercato, viene generato un messaggio di ARP-request La ARP-request viene inviata in broadcast e contiene l indirizzo IP di cui si chiede il corrispondente indirizzo MAC L host che riconosce l indirizzo IP come proprio invia una ARP-reply direttamente a chi aveva inviato la richiesta, con l indicazione dell indirizzo MAC

101 ARP (Address Resolution Protocol) IP addr.... MAC addr.... MAC broadcast: ff:ff:ff:ff:ff:ff IP-B: MAC-B: 05:98:76:6c:4a:7b IP-A: MAC-A: 00:9f:7a:89:90:7a B ARP-request A LAN src-mac=mac-b, dst-mac=broadcast ARP-request IP-mitt=IP-B MAC-mitt=MAC-B IP-targ=IP-A MAC-targ=00:00:00:00:00:00

102 ARP (Address Resolution Protocol) IP-B: MAC-B: 05:98:76:6c:4a:7b IP addr.... MAC addr.... MAC broadcast: ff:ff:ff:ff:ff:ff IP-A: MAC-A: 00:9f:7a:89:90:7a B ARP-reply A LAN src-mac=mac-a, dst-mac=mac-b ARP-reply IP-mitt=IP-A MAC-mitt=00:9f:7a:89:90:7a IP-targ=IP-B MAC-targ=MAC-B

103 Formato dei pacchetti ARP 1 16 Lunghezza indir. locale Tipo hardware Tipo protocollo Lunghezza Ind. IP ARP_request / ARP_reply; Indirizzo IP del mittente (32 bit) Indirizzo locale del mittente (48 bit) Indirizzo IP richiesto (32 bit) Indirizzo locale richiesto (48 bit) ARP può essere usato per altri protocolli di livello 2 e livello 3 quindi occorre indicare il tipo di protocollo (IP nel nostro caso) e il tipo di hardware (Ethernet per esempio) Ovviamente: il formato di un pacchetto ARP (ovvero la lunghezza dei suoi campi) varia in funzione del tipo di hardware e di protocollo utilizzati!

104 Domini di broadcast e reti IP Per il funzionamento del meccanismo di inoltro e dell ARP abbiamo fin qui ipotizzato che una sottorete IP corrisponda uno a uno con una rete locale (Dominio di Broadcast) In realtà un unica rete locale può corrispondere a diverse sottoreti IP (per es. perché la numerazione disponibile per una non è sufficiente) Non è possibile che più reti locali coesistano in un unica sottorete IP perché non potrebbero comunicare (mancano apparati di routing che le interconnettono realizzando la convergenza allo strato IP)

105 Domini di broadcast e reti IP: proxy ARP Un alternativa è quella dell installazione di un proxy ARP nel router La tecnica del proxy ARP consente a due reti fisicamente distinte di condividere lo stesso indirizzo di rete Il router conosce la collocazione fisica dei vari host nelle due reti Il router risponde alle richieste ARP su ciascuna delle due reti, fingendosi il destinatario. Dopodiché instrada i pacchetti al vero host destinatario A B Rete principale Router che funge da Proxy ARP C Rete nascosta D

106 RARP (Reverse ARP) Il protocollo ARP consente di associare ad un indirizzo IP noto un indirizzo fisico non noto usando la capacità di broadcast della rete sottostante Il protocollo RARP (Reverse ARP) è in grado di effettuare l operazione inversa: Un host che conosce il proprio indirizzo fisico chiede di sapere il proprio indirizzo IP Utile per macchine diskless che effettuano il bootstrap in rete Ma non è più usato!!! BOOT server RARP request RARP reply

107 Indirizzi dinamici L uso di procedure di questo tipo ha suggerito la possibilità di usare procedure per associare in modo flessibile gli indirizzi IP agli indirizzi fisici Può essere comodo non configurare i singoli host con l indirizzo IP, ma usare un server per memorizzare tutte le configurazioni In molti casi non è necessario avere un associazione stabile tra i due indirizzi ma si può usare un associazione dinamica (più host degli indirizzi disponibili): Host spesso inattivi (es. collegamenti remoti con rete d accesso telefonica) Host che usano IP solo per rari scambi di informazioni

108 Indirizzi dinamici Supponiamo di avere un server in grado di fornire l indirizzo IP ad un host su richiesta Sono possibili diversi casi: Associazione statica: il server ha una tabella di corrispondenza tra indirizzi fisici e indirizzi IP e all arrivo di una richiesta consulta la tabella e invia la risposta Associazione automatica: la procedura di corrispondenza nella tabella è automatizzata dal server Associazione dinamica: l insieme di indirizzi IP è più piccolo del numero di host che possono usarlo

109 Associazione dinamica Il caso dell allocazione dinamica è utile in situazioni nelle quali gli host non necessitano di avere sempre un indirizzo IP L associazione deve essere temporanea (uso di timeout o procedure di rilascio esplicito) E possibile che all arrivo di una richiesta non vi siano indirizzi disponibili (rifiuto della richiesta) Il dimensionamento del numero di indirizzi IP segue gli stessi principi del dimensionamento di un fascio di circuiti in telefonia

110 Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP) Per la configurazione di indirizzi IP non si usa il RARP, ma un protocollo più evoluto derivato dal BOOTP E un protocollo di tipo client-server DHCP client LAN DHCP server

111 DHCP Un client che deve configurare il proprio stack IP invia in broadcast un messaggio di DHCPDISCOVER contenente il proprio indirizzo fisico Il server risponde con un messaggio di DHCPOFFER contenente un proprio identificativo e un indirizzo IP proposto DHCP client LAN DHCP server

112 DHCP Il client può accettare l offerta inviando una DHCPREQUEST contenente l identificativo del server (anche questo messaggio viene inviato in broadcast) Il server crea l associazione con l indirizzo IP e manda un messaggio di DHCPACK contenente tutte le informazioni di configurazione necessarie DHCP client LAN DHCP server

113 DHCP Parametri di configurazione IP address Netmask Default Gateway DNS server Il rilascio dell indirizzo avviene con l invio di un messaggio di DHCPRELEASE da parte del client DHCP client LAN DHCP server

114 DHCP E possibile avere più server DHCP client DHCP server LAN DHCP server E possibile usare dei DHCP Relay DHCP client LAN DHCP Relay Rete IP DHCP server DHCP server

115 Trasporto dei messaggi DHCP si appoggia su UDP per il trasporto dei messaggi I messaggi dei client fino all assegnamento dell indirizzo IP hanno: ind. IP di sorgente: ind. IP di destinazione: porta UDP sorgente: 68 porta UDP destinazione: 67 DHCP UDP IP 2 1

116 Messaggi OP HTYPE HLEN HOPS XID (Transaction ID) SECS FLAGS CIADDR YIADDR SIADDR GIADDR CHADDR SNAME FILE OPTIONS CAMPO BYTE DESCRIZIONE op 1 Tipo di messaggio (1 = BOOTREQUEST, 2 = BOOTREPLY) htype 1 Tipo di indirizzo fisico (1 = Eth 10Mb) hlen 1 Lunghezza ind. fisico ('6' per Eth 10Mb) hops 1 Settato dal client a 0 e incrementato dai relay agents xid 4 Numero casuale settato dal client e usato per evitare ambiguità secs 2 Settato dal client, numero di sec dall'inizio della procedura flags 2 Flags (si usa solo il primo bit per chiedere una risposta multicast o unicast). ciaddr 4 Indirizzo IP del client (settato dal client, zero se non noto) yiaddr 4 Indirizzo IP del client (settato dal server) siaddr 4 Indirizzo IP del server giaddr 4 Indirizzo del relay agent chaddr 16 Indirizzo fisico del client sname 64 Stringa Nome del server (opzionale) file 128 Stringa nome del file di boot (opzionale) options 312 Lista di opzioni per il trasferimento di altre informazioni

117 INTRANET Indirizzamento Privato, NAT, Tunnelling

118 Intranet EG sottorete IG IG rete IG Le reti private si sono evolute grazie alla tecnologia IP e sono passate da grandi reti collegate a livello 2 (bridge) a reti collegate con router IP Una INTRANET non è altro che una rete privata che utilizza tecnologia di interconnessione IP Di solito oggi con INTRANET si intende una rete IP collegata con la rete pubblica INTERNET mediante un ISP e dotata di servizi per gli utenti di Internet come server www, server di posta, ecc.

119 Intranet L evoluzione di servizi e protocolli ha però reso le Intranet strutturalmente differenti dalle reti pubbliche Problemi di sicurezza Problemi di gestione degli indirizzi Problemi di distinzione tra servizi offerti ai soli utenti della Intranet e servizi offerti anche agli utenti di Intenet

120 Indirizzi L aumento vertiginoso del numero di host collegati ad Internet ha reso il problema della disponibilità di indirizzi IPv4 pressante E questo problema che ha spinto alla standardizzazione di IPv6 Nel frattempo però si è trovata un altra soluzione basata su indirizzi privati Se una rete IP non è collegata con INTERNET non deve sottostare alle regole di univocità degli indirizzi

121 Indirizzamento privato La comunità Internet ha individuato gruppi di indirizzi IP che non vengono usati nella rete pubblica possono essere usati più volte purché all interno di Intranet Private non è ammesso che pacchetti con indirizzi privati (sorgente o destinazione) viaggino nella rete Internet pubblica IETF indica porzioni dello spazio di indirizzamento per indirizzi privati (RFC1918): classe A: rete 10.xx.xx.xx (16 milioni di indirizzi) classe B: da a (16 reti contigue da indirizzi) classe C: reti xx.xx (256 indirizzi)

122 Utilizzo di indirizzi privati IETF Una rete privata ha normalmente una serie di servizi che sono accessibili dalla rete Internet pubblica (host esposti) I server per questi servizi devono avere un indirizzo pubblico mentre gli host interni alla rete possono avere un indirizzo privato web R ISP ind. pubblici R ind. privati

123 Utilizzo di indirizzi privati IETF E chiaro comunque che in questo modo si impedisce agli host della rete privata di aver accesso a tutti servizi di Internet Prima o poi sorge l esigenza di consentire lo scambio di pacchetti tra host con indirizzo pubblico e host con indirizzo privato I metodi più comunemente usati per consentire il colloqui sono il NAT e i Proxy web R ISP R NAT ind. pubblici NAT: Network Address Translation ind. privati

124 Network Address Translator (NAT) E un meccanismo reso disponibile su un router/gateway Consente di associare, anche temporaneamente, un ridotto numero di indirizzi pubblici, ai numeri della numerazione privata (NAT statico, NAT dinamico) I pacchetti diretti all esterno vengono riconosciuti e inviati al NAT NAT Pool disponibile: sottorete Source Destination IP privata IP pubblica Source Destination Possibilità di blocco

125 Application Proxy I proxy sono application gateway qualunque richiesta viene inviata al proxy che la inoltra con il proprio IP address pubblico occorre avere un proxy per tutte le applicazioni http proxy ftp proxy remote web server R Internet ind. pubblici R ind. privati

126 NAT Tabella di NAT Perché il colloquio sia bidirezionale occorre mantenere l associazione tra indirizzo privato e pubblico in una tabella di NAT Corrispondenza statica Corrispondenza dinamica NAT Pool disponibile: sottorete Tabella di NAT Source Destination IP privata IP pubblica Source Destination

127 NAT assegnamento dinamico L assegnamento dinamico si basa sul concetto di sessione Quando il NAT vede il primo pacchetto di una sessione crea l associazione tra indirizzo privato e pubblico Al termine della sessione l indirizzo viene rilasciato Cos è una sessione? Dipende dal protocollo utilizzato Per TCP e UDP una sessione viene identificata dall indirizzo di socket Per ICMP dalla terna IP sorgente, IP destinazione e Identifier Per direzione di una sessione si intende il verso di percorrenza del primo pacchetto

128 NAT assegnamento dinamico Definita la sessione occorre capire quando inizia e quando finisce Inizio sessione: TCP: pacchetto di SYN UDP, ICMP: sono connection-less, non vi è un metodo unico Fine sessione: TCP: pacchetti di FIN per entrambe i lati (però possono non arrivare mai ) Altri protocolli: non vi è un metodo univoco Occorrono sempre dei time-out per recuperare situazioni d errore o perdita di pacchetti

129 NAT Application Level Gateway Alcune applicazioni trasportano nel Payload dei loro messaggi indirizzi IP (in formato ASCII o binario) e numeri di porta Gli Application Level Gateway (ALG) sono funzionalità aggiuntive che servono per un corretto funzionamento del NAT Sulla base del tipo di applicazione e del tipo di messaggio si preoccupano di modificare i messaggi applicativi in transito e, se del caso, adattare i segmenti TCP

130 Traditional NAT Detto anche Outbound NAT Permette solo sessioni iniziate dall interno (verso della sessione dall interno verso l esterno) Le informazioni di routing possono essere distribuite dall esterno verso l interno ma non viceversa 2 sotto-tipi Basic NAT NAPT (Network Address and Port Translator)

131 Traditional NAT Basic NAT Viene traslato il solo indirizzo IP C è una corrispondenza uno-a-uno nell assegnamento degli indirizzi durante una sessione e due host non possono usare lo stesso indirizzo contemporaneamente Ci può essere blocco se si esauriscono gli indirizzi pubblici disponibili quando il traffico (numero di sessioni attive) è elevato NAPT Viene traslata la coppia (indirizzo,porta) Molti indirizzi interni possono usare lo stesso indirizzo esterno Ci sono problemi con flussi diversi da UDP e TCP (per ICMP si può usare il campo Identifier) Nel caso di frammenti tutto si complica ulteriormente

132 Bi-directional NAT Si può iniziare una sessione in entrambe i versi Problema: Come fa un host pubblico ad iniziare un sessione con un host privato senza avere un indirizzo pubblico a cui raggiungerlo? Occorre usare dei nomi simbolici e il servizio DNS deve usare un unico spazio dei nomi DNS Intranet DNS resp: DNS query: server.azienda.com? DNS ALG R Tabella di NAT DNS resp: Internet server.azienda.com

133 NAT alcune considerazioni Il cambio di indirizzo non è un operazione indolore Esso impone: Il ricalcolo del Header Checksum Sostituzione degli indirizzi dei messaggi ICMP e ricalcolo header checksum Il ricalcolo dei checksum di TCP o UDP con il nuovo pseudo-header Sorgono poi dei problemi con alcuni ALG per via del trasporto degli indirizzi e porte nei messaggi di livello applicativo (es. caso FTP)

134 NAT alcune considerazioni Il caso del FTP Si usa il comando di PORT (FTP Active mode) PORT n1,n2,n3,n4,n5,n6 dove: n1.n2.n3.n4 è l indirizzo IP del client N5x256+n6 = numero di porta del client per la connessione dati Occorre tradurre il payload del comando PORT con un ALG, ma la cosa genera problemi: Da (privato) in (pubblico) Ma FTP usa codice ASCII e nel mapping la codifica dell indirizzo si allunga di due caratteri e quindi si sballano il conteggio dei byte per i SN e AN del TCP ALG per FTP deve dunque costruirsi una tabella di mapping al volo anche per i numeri di sequenza e di ACK del TCP!!!

135 FTP active e passive https://learningnetwork.cisco.com/thread/31455

136 Connessione WAN di intranet remote Una volta create le Intranet può sorgere il problema di collegarle tra loro (ad es. sedi diverse di una stessa azienda) Problemi: costo uso di indirizzi privati sicurezza Intranet Intranet Intranet

137 Connessione WAN di intranet remote Uso di canali dedicati Problemi: l uso può non giustificare il costo elevato Intranet Intranet Intranet

138 Connessione WAN di intranet remote Uso di reti a pacchetto pubbliche (ad es. Frame Relay o VPLS) Problemi: l uso può non giustificare il costo elevato Intranet Intranet Rete pubblica FR o VPLS Intranet

139 Connessione WAN di intranet remote Uso di INTERNET (Virtual Private Network - VPN) Problemi: uso di indirizzi privati sicurezza prestazioni ISP ISP Intranet Intranet

140 Virtual Private Networks Tunnel di collegamento ISP tunnel ISP Intranet Intranet

141 IP tunneling Il tunnel si costruisce incapsulando trame IP in altre trame IP Il payload che viaggia nel segmento pubblico può essere crittato (utilizzando IPSEC) Gli indirizzi A e B possono essere privati IP Router/gateway Tunneling Tunnel destination/source Destination Source Destination Source Payload IP Destination Source Payload Tunnel payload

142 IP tunneling ISP tunnel ISP Intranet Intranet

143 IPv6 Internet Protocol version 6

144 IPv6 IP versione 6 è la nuova versione dell Internet Protocol il cui processo di standardizzazione è iniziato negli anni 90 Mantiene l impostazione fondamentale di IPv4 ma cambia molti aspetti e soprattutto aumenta la lunghezza degli indirizzi da 32 a 128 bit

145 Funzioni chiave di IPv6 Funzioni chiave di IPv6 Spazio di indirizzamento capiente (128 bit) 340,282,366,920,938,463,463,374,607,431,768,211,456 indirizzi IP teorici corrispondenti a 667 * (667 sestilioni) di indirizzi per m 2 della Terra (superficie 0.51 * ) Febbraio 2011: Internet Assigned Numbers Authority (IANA) distribuisce gli ultimi blocchi di indirizzi liberi IPv4 ai Regional Internet Registries (RIR) Aprile 2011: APNIC inizia ad allocare l ultimo blocco /8 Miglioramento prestazioni (assenza segmentazione, assenza opzioni, header ridotto e fisso, assenza NAT, ) Integrazione delle funzioni di identificazione di flusso (e QoS) Integrazione nativa della sicurezza (IPsec) e del mobile IP Autoconfigurazione dei dispositivi Indirizzi anycast

146 IPv6: le novità principali IPv6 Indirizzi, gestione delle opzioni, gestione della frammentazione, identificazione flussi, classi di traffico, niente header checksum, ecc. ICMPv6: Nuova versione di ICMP con funzionalità aggiuntive ARP: Eliminato e sostituito da ICMPv6 DHCPv6 Modificato per il nuovo protocollo (alcune funzioni sono svolte da ICMPv6) Routing RIPng e OSPFv6

147 Header IPv6 Basic Header 1 32 bit Vers. Traffic class Flow label Payload length Next Header Hop count Source address 40 byte Destination address

148 Header IPv6 Campo Lung. (bit) Descrizione Version 4 Versione del Protocollo (6) Traffic Class 8 Campo utilizzabile per distinguere diversi tipi di traffico nelle reti Differentiated Services Flow Label 20 Campo utilizzabile per identificare un flusso di pacchetti (stessa lunghezza di MPLS) Payload Length 16 Lunghezza del pacchetto (eccetto basic header) Next Header 8 Identifica il tipo di header che segue il basic header (può essere di livello superiore come TCP o un extension header) Hop Limit 8 Stessa funzione del TTL di IPv4 Source Address 128 Indirizzo di sorgente Destination Address 128 Indirizzo di destinazione

149 IPv4 vs IPv6 14 campi, almeno 20 byte Indirizzi su 32 bit Frammentazione possibile ad ogni hop Ricalcolo del header checksum ad ogni hop campo Options di lunghezza variabile 8 campi, lunghezza fissa pari a 40 byte Indirizzi su 128 bit Frammentazione solo alla sorgente Assenza di checksum Nuovo campo flow label di 20 bit Le opzioni negli Extension Headers

150 Confronto tra intestazioni bit bit Version IHL Service Type Total Length Identifier Flags Fragment Offset Version Class Flow Label Payload Length Next Header Hop Limit Time to Live Protocol Header Checksum 32 bit Source Address 128 bit Source Address 32 bit Destination Address Options and Padding IPv4 Header 20 octets, 12 fields, including 3 flag bits + fixed max number of options 128 bit Destination Address Changed Removed IPv6 Header 40 octets, 8 fields + Unlimited Chained Extension (options) Header

151 Next Header Next Header IPv6 Basic Header Next Header IPv6 Extension Header Next Header IPv6 Extension Header Upper Layer Protocol

152 IPv6 Extension Headers Hop-by-hop option: Deve essere interpretato dai router Ha varie opzioni per pacchetti lunghi e gestione di allineamenti a 32 bit Source Routing: Serve a obbligare i router a seguire un particolare percorso per il pacchetto Fragmentation: Implementa la frammentazione, ma questa può essere eseguita solo dal mittente che deve conoscere la massima MTU del path (la ottiene mediante i messaggi di MTU Path discovery di ICMPv6) Autenticazione Serve per l autenticazione del mittente Encrypted security payload Serve per crittare il payload (altro pacchetto IP o livelli superiori)

153 Indirizzi IPv6 Lunghi 128 bit Notazione sintetica valori 8 x 16 bit separati da : 1040: 0000: 0000: 0000: 0008: 0020: 400B: 516B Sintesi: 1040: 0: 0: 0: 8: 20: 400B: 516B or 1040:: 8: 20: 400B: 516B IPv6 prevede un ricca varietà di indirizzi e assume che normalmente una interfaccia abbia più di un indirizzo associato Uso: globale o locale allo stesso link (o sito) IPv6 non prevede indirizzi broadcast Il primo campo dell indirizzo IPv6 è il Format Prefix (FP) che descrive il tipo di indirizzo: Unicast (uno) Multicast (tutti gli appartenenti a un gruppo) Anycast (almeno uno tra gli appartenenti a un gruppo) IPv4 Compatible/ Mapped Speciale es. loopback

154 Prefissi IPv6 Così come IPv4 anche IPv6 assume i prefissi per una individuazione del campo che identifica l interfaccia La notazione è la stessa (ad. Es. /60) I tipi diversi di indirizzi sono individuati dalla prima parte del prefisso (format prefix - FP) Format Prefix variabile Restante parte dell indirizzo 128 bit

155 Tipi di indirizzi IPv6 Prefix (binary) Usage Fraction Reserved for IPv4 addresses 1/ Unassigned 1/ OSI NSAP addresses 1/ Novell Netware IPX addresses 1/ Unassigned 1/ Unassigned 1/ Unassigned 1/ Aggregatable Global Unicast add. 1/8 010 Unassigned 1/8 011 Unassigned 1/8 100 Unassigned 1/8 101 Unassigned 1/8 110 Unassigned 1/ Unassigned 1/ Unassigned 1/ Unassigned 1/ Unassigned 1/ Unassigned 1/ Link local use addresses 1/ Site local use addresses 1/ Multicast 1/256

156 Indirizzi speciali Unspecified address (0:0:0:0:0:0:0:0) Usato come indirizzo di sorgente quando il nodo non conosce altri suoi indirizzi Non può essere usato come indirizzo di destinazione Loopback address (0:0:0:0:0:0:0:1) Indirizzo di loopback analogo al 127.x.y.z di IPv4 IPv4-compatible IPv6 address (::IPv4_addr) Utilizzato per far comunicare host IPv6 quando occorre attraversare una rete IPv4 (96 zero + 32 bit IPv4_addr) IPv4-mapper IPv6 address (::FFFF:IPv4_addr) Utilizzati per far comunicare host IPv6 con host IPv4 (80 zero + 16 uno + IPv4_addr)

157 Aggregatable Global Unicast Address Formato unicast globale Struttura gerarchica per ridurre i problemi di scalabilità delle tabelle di routing 3 macrolivelli: Public Topology, Site Topology, Interface_ID 001 TLA Res NLA SLA Interface ID FP 3 bit 13 bit 8 bit 24 bit 16 bit 64 bit TLA (Top Level Aggregation) NLA (Next Level Aggregation) SLA (Site Level Aggregation)

158 Aggregatable Global Unicast Address TLA (Top Level Aggregation) Livello gerarchico più elevato normalmente assegnato su base geografica o agli ISP di backbone Res (Reserved) future espansioni NLA (Next Level Aggregation) Ogni ISP con un TLA può strutturare gerarchicamente le sue reti con diversi NLA SLA (Site Level Aggregation) Livello legato al singolo sito (sottorete) Interface ID 64 bit con formato derivato da IEEE EUI-64 Extended Unique Identifier (EUI-64) I livelli NLA e SLA possono essere ulteriormente divisi gerarchicamente

159 Link-Local Unicast Address FP = Sono indirizzi utilizzabili sono per l indirizzamento su un singolo link (sottorete) IPv6 prevede che ogni interfaccia disponga di almeno un link-local unicast address normalmente assegnato per autoconfigurazione a partire dall indirizzo fisico di interfaccia (IEEE EUI-64) Questi indirizzi sono fondamentali nel processo di Neighbour Discovery Interface ID FP 10 bit 54 bit 64 bit

160 Site-Local Unicast Address FP = Anche questi destinati ad uso locale Definiscono una spazio di indirizzamento privato Subnet Interface ID FP 10 bit 38 bit 16 bit 64 bit

161 Multicast Address FP = Diversi sotto-tipi Multicast global Multicast link-local Multicast site-local All interno esistono indirizzi per usi speciali T Scope Group identifier FP 8 bit Flags 4 bit 4 bit 112 bit

162 Multicast Address Flags: T=1 indirizzo temporaneo T=0 indirizzo permanente Scope: 0: reserved 1: node-local scope 2: link-local scope 5: site-local scope 8: organization-local scope E: global scope Altri: unassigned T Scope Group identifier FP 8 bit Flags 4 bit 4 bit 112 bit

163 Multicast indirizzi speciali FF01::1 = all systems node-local scope FF02::1 = all systems link-local scope FF01::2 = all-routers node-local scope FF02::2 = all-routers link-local scope FF05::2 = all-routers site-local scope Indirizzi utilizzati in modo simile al broadcast locale suddividendo tra tutti i sistemi e tutti i router

164 Multicast indirizzi speciali Solicited-Node Multicast address Ogni sistema IPv6 deve avere un solicited-node multicast address per ogni indirizzo unicast o anycast configurato Tale indirizzo viene costruito automaticamente concatenando il prefix FF02::1:FF00:0/104 con gli ultimi 24 bit del corrispondente indirizzo unicast o anycast XXXX XXXX XXXX XXXX XXXX XXXX XXyy yyyy FF FFyy yyyy

165 Molti indirizzi per diversi scopi IPv6 prevede l uso di processi di autoconfigurazione Normalmente un nodo deve: Autoconfigurarsi un link-local address a partire dall indirizzo fisico di 64 bit Autoconfigurarsi un solicited-node multicast address per ogni indirizzo Può autoconfigurarsi altri indirizzi mediante diverse procedure (vedi ICMP e DHCP)

166 ICMP version 6 ICMP ha un importanza molto maggiore con IPv6 Vengono svolte molte funzioni: Error reporting e diagnostica di rete Risoluzione degli indirizzi di livello link Individuazione del router corretto Controllo degli indirizzi IPv6 assegnati Autoconfigurazione degli indirizzi IPv6 Calcolo del PATH-MTU per la frammentazione

167 ICMPv6: struttura dei messaggi Next header =58 ICMP_Type ICMP_Code Checksum Message Body Alcuni tipi comuni (ICMP_Type) Type=1 destination unreachable Type=2 Packet too big Type=3 Time exceeded Type=4 Parameter problem, Type=128 Echo request Type=129 Echo reply

168 ICMPv6 Neighbor Discovery Sono previste diverse procedure di ND Address Resolution Funzione analoga a quella di ARP per IPv4 Router Discovery Segnalare e scoprire presenza di router sul link Redirection Simile all opzione redirect di IPv4 Neighbor Unreachability Detection Scopre irraggiungibilità di host noti

169 ICMPv6 Neighbor Discovery Sono utilizzati molti indirizzi speciali (link-scope): All-systems Multicast Address (FF02::1) All-Routers Multicast Address (FF02::1) Solicited-node Multicast Address Unicast Link-Local Address Unspecified Address (0::0) E sono introdotti 5 nuovi tipi di messaggio: Router Solicitation message: type=133 Router Advertisement message: type=134 Neighbor Solicitation message: type=135 Neighbor Advertisement message: type=136 Redirect message: type=137

170 ICMPv6 Address Resolution Stessa funzione di ARP Servono indirizzi multicast/broadcast sul livello inferiore Si suppone l esistenza di un mappaggio tra indirizzi multicast IPv6 e multicast/broadcast a livello link Si fa uso dei messaggi di Neighbor Solicitation e Neighbor Advertisement

171 ICMPv6 Address Resolution Il messaggio di Neighbor Solicitation viene inviato all indirizzo nodesolicited multicast address che può essere ricavato anche dal richiedente Il messaggio di Neighbor Advertisement viene inviato all indirizzo IPv6 di sorgente del pacchetto di richiesta IPv6_addr FE80::0800:2001:C782 Neighbor Solicitation msg Chi è FE80::0:C033:6382? Neighbor Advertisement msg Io sono FE80::0:C033:6382 IPv6_addr FE80::0:C033:6382

172 ICMPv6 Address Resolution IP-A primi 104 bit ultimi 24 bit primi 104 bit ultimi 24 bit IP-B FF02::1 = all systems link-local scope S-A FF02::1FF00:0 ultimi 24 bit Solicited-node multicast address FF02::1FF00:0 ultimi 24 bit S-B HX Multicast fisico HA Unicast fisico Algoritmo di corrispondenza dipendente dal tipo di link. A HY Multicast fisico HB Unicast fisico B ICMP Neighbor Solicitation Target_addr=IP-B Sender_link_addr=HA Src_addr=IP-A Dst_addr=S-B Dest. HY Dest. HA Src_addr=IP-B Dst_addr=IP-A ICMP Neighbor Advertisement Target_addr=IP-B Sender_link_addr=HB

173 Router Discovery Invio periodico da parte dei router All indirizzo multicast All-systems link-localscope (FF02::1) ICMP Router Advertisement IPv6_addr (link local)= FE80::0:ABCD:9999 Prefix: 2000:111::0/64 ICMP Router Advertisement Invio su richiesta ad indirizzo unicast richiedente ICMP Router Solicitation Indirizzo multicast all-routers link-local scope (FF02::2)

174 Autoconfigurazione Indirizzi Oltre agli indirizzi Link-local si possono autoconfigurare indirizzi globali Stateful configuration (tramite DHCPv6) Stateless configuration (tramite ICMP) Noto il prefisso annunciato dai router Si può ricavare l indirizzi a partire dall indirizzo fisico a 64 bit

175 MTU Path Discovery Obiettivo: Il mittente deve sapere la MTU più piccola sul percorso Invia 1 pacchetto lungo quanto MTU primo link Se arriva messaggio ICMP errore Packet too big ridurre MTU Fino a che non arrivano più messaggi di errore

176 Migrazione IPv4 IPv6 Si basa sull uso delle seguenti componenti Dual stack Sistemi con doppio stack IPv4 e IPv6 Tunneling Attraversamento di porzioni di rete IPv4 mediante tunneling Header translation Traduzione degli header dei due formati

177 Dual-stack

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Introduzione a Internet Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris e dal Prof. Vittorio Trecordi 1 INTERNET Traffico Internet

Dettagli

7 Evoluzione del livello rete: IPv6

7 Evoluzione del livello rete: IPv6 Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici 7 Evoluzione del livello rete: IPv6 Architetture e Protocolli per Internet IPv6 (Internet Protocol version 6) IPv6

Dettagli

Il Mondo delle Intranet

Il Mondo delle Intranet Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il Mondo delle Intranet Network Address Translation (NAT) Virtual Private Networks (VPN) Reti Private e Intranet EG sottorete IG IG rete IG

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Concetti Propedeutici

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Concetti Propedeutici RETI INTERNET MULTIMEDIALI Concetti Propedeutici IPv4 Internet Protocol (version 4) Reti TCP/IP La suite di protocolli di Internet definisce un architettura di internetworking Mediante quest insieme di

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Gestione degli indirizzi - Address Resolution Protocol (ARP) - Reverse Address Resolution Protocol (RARP) - Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Gestione degli indirizzi -Address Resolution Protocol (ARP) -Reverse Address Resolution Protocol (RARP) -Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

1. IPv4. 01. IPv4. Telematica 3 - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Telematica 3. dist. Architettura. Prof.

1. IPv4. 01. IPv4. Telematica 3 - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Telematica 3. dist. Architettura. Prof. Università di Genova Facoltà di Ingegneria Architettura OSI DoD (TCP/IP) 1. IPv4 Application Presentation Session Transport FTP, Telnet, SMTP, SNMP,... TCP e UDP Prof. Raffaele Bolla dist Network Data

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 3 : TCP/IP Lo strato di rete.

Anno Accademico 2012-2013. Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 3 : TCP/IP Lo strato di rete. CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2012-2013 Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 3 : TCP/IP Lo strato di rete Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Elettronica Corso di Reti di Telecomunicazioni Internet Protocol versione 4 Generalità sulle reti IP... 2 Lo header IP versione 4... 3 Concetti generali sugli

Dettagli

IP versione 6 Mobilità nelle reti IP

IP versione 6 Mobilità nelle reti IP IP versione 6 Mobilità nelle reti IP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

IPv4 Internet Protocol Versione 4

IPv4 Internet Protocol Versione 4 IPv4 Internet Protocol Versione 4 Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it IPv4-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario. ICMP Internet Control Message Protocol Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ICMP - 1 Copyright: si

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Tappe evolutive della rete Internet

Tappe evolutive della rete Internet UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica e Automatica Internet della nuova generazione: protocolli e prestazioni Laureando: ANDREA CAPRIOTTI Relatore: Ing. E.GAMBI

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

Reti di comunicazione

Reti di comunicazione Reti di comunicazione Maurizio Aiello Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell Informazione e delle Telecomunicazioni Comunicazione via rete Per effettuare qualsiasi

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP)

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9.1. Introduzione La quarta funzione fondamentale di un servizio di comunicazione di livello di rete è la segnalazione, alla sorgente, di situazioni di errore

Dettagli

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Architettura Internet

Architettura Internet Marco Listanti Architettura Internet Struttura di Internet (1) Internet è una rete di calcolatori ad estensione mondiale Internet è una rete di reti Internet nasce per svolgere la funzioni di interconnessione

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Tutorial IPv6 - base. I concetti principali: Header, indirizzamento, ICMP. Gabriella Paolini WS9, Roma, 15.06.2009

Tutorial IPv6 - base. I concetti principali: Header, indirizzamento, ICMP. Gabriella Paolini WS9, Roma, 15.06.2009 Tutorial IPv6 - base I concetti principali: Header, indirizzamento, ICMP Header IPv6 Indirizzi IPv6 ICMPv6 Protocollo e tipi di pacchetto Path MTU discovery Neighbor Discovery DNS 2 IPv6 - il nuovo protocollo

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

Telematica 4. TCP/IP - IPv6

Telematica 4. TCP/IP - IPv6 4. TCP/IP - (v.02) Università di Genova Facoltà di Ingegneria Telematica 4. TCP/IP - Prof. Raffaele Bolla dist L uso del CIDR ha solo temporaneamente risolto (o attenuato) i problemi legati allo spazio

Dettagli

Architettura di TCP/IP. IP: Internet Protocol. IP:Internet Protocol. Il livello Network si occupa di: È il livello di Network di TCP/IP

Architettura di TCP/IP. IP: Internet Protocol. IP:Internet Protocol. Il livello Network si occupa di: È il livello di Network di TCP/IP a.a. 2002/03 Architettura di TCP/IP IP L architettura di Internet è organizzata intorno a tre servizi organizzati gerarchicamente Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/

Dettagli

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico IP e subnetting Ip IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico come nel caso del MAC Address) una

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

L evoluzione di IP: Internet Protocol Versione 6. Introduzione al nuovo protocollo di livello network della suite TCP/IP

L evoluzione di IP: Internet Protocol Versione 6. Introduzione al nuovo protocollo di livello network della suite TCP/IP L evoluzione di IP: Internet Protocol Versione 6 Introduzione al nuovo protocollo di livello network della suite TCP/IP Lo scenario IP Powerline DVDM GSM/UMTS Bluetooth Token Ring ATM Frame Relay Ethernet

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori

Corso di Reti di Calcolatori Corso di Reti di Calcolatori IP switch uplink FDDI backbone global server porta Fddi Prof. Orazio Mirabella HUB SWITCH Ethernet SWITCH Ethernet Eth. 10Base-T SWITCH Ethernet TCP/IP Cenni Storici Internet

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

4. TCP/IP - IPv6 (v.02.2)

4. TCP/IP - IPv6 (v.02.2) 4. TCP/IP - (v.02.2) Università di Genova Facoltà di Ingegneria Telematica 4. TCP/IP - Prof. Raffaele Bolla dist Gli elementi distintivi principali del nuovo standard sono Non richiede sostanziali modifiche

Dettagli

Indirizzamento IP (v4)

Indirizzamento IP (v4) (v4)! Indirizzo unico di 32 bit per ciascuna interfaccia presente nella rete " Un host puo avere interfacce multiple " Alcuni indirizzi possono essere assegnati piu volte --> VPN, NAT (piu avanti)! Interfaccia

Dettagli

Configurazione IP. Assegnazione Indirizzi IP

Configurazione IP. Assegnazione Indirizzi IP Configurazione IP Reti II Stefano Leonardi Configurazione IP 4a-1 Assegnazione Indirizzi IP! Indirizzi IP memorizzati su memoria secondaria! Non disponibile per dispositivi senza disco o con file system

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

L architettura di rete TCP/IP. www.vincenzocalabro.it 1

L architettura di rete TCP/IP. www.vincenzocalabro.it 1 L architettura di rete TCP/IP 1 Cenni Storici Nella prima metà degli anni 70 la DARPA dimostra interesse e finanzia l Università di Stanford e la BBN (Bolt, Beraken e Newman) per realizzare una rete: a

Dettagli

Forme di indirizzamento

Forme di indirizzamento Anno Accademico 2013-2014 CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 3 - TCP/IP: Lo strato di rete (parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: indirizzamento e routing. Aspetti di indirizzamento, forwarding e routing del protocollo IPv4

Internet Protocol Versione 4: indirizzamento e routing. Aspetti di indirizzamento, forwarding e routing del protocollo IPv4 Internet Protocol Versione 4: indirizzamento e routing Aspetti di indirizzamento, forwarding e routing del protocollo IPv4 1 Architettura di base delle reti IP Idee di base: Rete Reti distinte ed indipendenti

Dettagli

ICMPv6 Neighbor Discovery Configurazione degli indirizzi. Tutorial IPv6 - G. Barbagallo, V. Carcione, L. Colitti, G. Paolini

ICMPv6 Neighbor Discovery Configurazione degli indirizzi. Tutorial IPv6 - G. Barbagallo, V. Carcione, L. Colitti, G. Paolini ICMPv6 Neighbor Discovery Configurazione degli indirizzi 1 ICMPv6 Protocollo e tipi di pacchetto 2 Il protocollo ICMPv6 Equivalente IPv6 di ICMP Stesse funzionalità di base Segnalazione errori, controllo,

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo II

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo II Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Internet: statistiche

Internet: statistiche Parte IV Interconnessione di rete Architettura di Internet Il protocollo IP Internet: statistiche 5.6 5.6 Milioni Domini Internet 56 56 Milioni di di terminali 246 246 IP IP countries 605.60 Milioni di

Dettagli

VISITA IL SITO http://www.the-skulls.com PER ALTRO MATERIALE E GUIDE

VISITA IL SITO http://www.the-skulls.com PER ALTRO MATERIALE E GUIDE COPYRIGHT SEGO LICENSE Questo documento viene fornito così come è: se pensate che faccia schifo problemi vostri, nessuno vi obbliga a leggerlo. Se pensate che sia qualcosa di positivo e/o avete suggerimenti

Dettagli

TCP/IP : Livello 3 di rete ARP (Address Resolution Protocol)

TCP/IP : Livello 3 di rete ARP (Address Resolution Protocol) CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2012-2013 Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 5 TCP/IP : i protocolli a livello 3 e 4 Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Networking Tipi di reti, gli standard e gli enti Protocollo IP Protocolli TCP, UDP 1

Dettagli

Architettura TCP/IP: indirizzamento e routing

Architettura TCP/IP: indirizzamento e routing Architettura TCP/IP: indirizzamento e routing Manlio Astolfi Servizio Reti e Telecomunicazioni m.astolfi@src.cnr.it STORIA 1964: proposta di una rete resistente agli attacchi Le caratteristiche dovevano

Dettagli

La sicurezza delle reti

La sicurezza delle reti La sicurezza delle reti Inserimento dati falsi Cancellazione di dati Letture non autorizzate A quale livello di rete è meglio realizzare la sicurezza? Applicazione TCP IP Data Link Physical firewall? IPSEC?

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Reti di calcolatori. Modulo V vers. 5.0 IP ed il livello di rete Claudio Covelli claudio.covelli@gmail.com

Reti di calcolatori. Modulo V vers. 5.0 IP ed il livello di rete Claudio Covelli claudio.covelli@gmail.com Reti di calcolatori Modulo V vers. 5.0 IP ed il livello di rete Claudio Covelli claudio.covelli@gmail.com Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Università di Trento 1 Agenda IP, ROUTER e PROTOCOLLI

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Prof. Filippini 2!!!!!!! 3!!!!!!!!!! 4!!!!!! 5!!!!!!!!!!! 6!!!!!!!! 7!!! 8 Prefix (binary) Usage Fraction 0000 0000 Reserved for IPv4 addresses 1/256

Dettagli

Laurea in INFORMATICA

Laurea in INFORMATICA Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2013/2014 Capitolo 4 Indirizzi del Protocollo IP fausto.marcantoni@unicam.it Agenda Indirizzamento, gerarchia, classificazione degli indirizzi

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il livello rete in Internet Il protocollo

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Socket API per il Multicast

Socket API per il Multicast Socket API per il Multicast Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy http://www.iac.cnr.it/

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

3 - Internet Protocol

3 - Internet Protocol Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici 3 - Internet Protocol Architetture e Protocolli per Internet 1 Lo stack TCP/IP base 4 TCP UDP 3 routing ICMP ARP IP

Dettagli

Tutte le subnet di una stessa rete tipicamente usano la stessa subnet mask, facilitando così il compito del gestore. Tuttavia questa strategia, pur

Tutte le subnet di una stessa rete tipicamente usano la stessa subnet mask, facilitando così il compito del gestore. Tuttavia questa strategia, pur Corso di SISTEMI TELEMATICI a.a. 2011-2012 2012 Livello rete: Indirizzamento, maschere di sottorete e CIDR VLSM Tutte le subnet di una stessa rete tipicamente usano la stessa subnet mask, facilitando così

Dettagli

Internet Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1

Internet Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Internet Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Argomenti Introduzione a Internet ARPANET, NSFNET, Struttura di base di Internet Architettura protocollare di Internet Pila protocollare, Protocollo

Dettagli

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET Walter Cerroni wcerroni@deis.unibo.it http://deisnet.deis.unibo.it/didattica/master Internetworking Internet è una rete di calcolatori nata con l obiettivo di realizzare

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Indirizzi IP. Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento

Indirizzi IP. Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento Indirizzi IP Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento Lo schema di indirizzamento IP svolge più o meno la stessa funzione svolta dall indirizzo

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6 Riassunto: reti IP Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli