Oggetto: La posizione di ATCP nei confronti del C.d.A. in carica: contrasto o critica?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: La posizione di ATCP nei confronti del C.d.A. in carica: contrasto o critica?"

Transcript

1 Novembre 2014 Oggetto: La posizione di ATCP nei confronti del C.d.A. in carica: contrasto o critica? Sul sito web della Comunità, in un post del u.s. a firma del presidente Piergianni Addis, si afferma che ATCP è un associazione che, in questo momento, contrasta il C.d.A. Questa affermazione, da ascrivere alla campagna di disinformazione e di discredito nei confronti di ATCP, intrapresa recentemente dal presidente del C.d.A. e dal suo braccio armato, la sedicente Unione dei Proprietari (una sigla che non potrebbe essere più utilizzata perché due delle tre componenti che l avevano costituita lo scorso anno, e cioè ATCP e Amici di Costa Paradiso, se ne sono ormai dissociate), merita delle precisazioni. ATCP non esercita alcuna azione di contrasto, ma non condivide ed anzi critica la linea d azione, o meglio di inazione, perseguita dal C.d.A. in carica Tale linea, infatti, contravviene ai propositi ed agli impegni assunti dall Unione Proprietari con i Partecipanti prima delle elezioni del 13 aprile 2013, tradendone le istanze di rinnovamento e di discontinuità rispetto al passato nella gestione della Comunità. In verità, questo C.d.A.: 1. Non ha avviato alcuna iniziativa per porre fine allo scandalo di una lottizzazione, trasformata in strumento attuativo senza tempo, con danni irreparabili al territorio; in particolare non ha attivato col Comune le necessarie trattative per trasferire ad esso gli oneri di manutenzione delle opere di urbanizzazione, rimaste illegittimamente a carico della Comunità; 2. Dopo le ingenti spese per la redazione del progetto per l ampliamento dell impianto fognario, sostenute dalla Comunità, ha manifestato la volontà di dar corso direttamente anche alla sua realizzazione, ovviamente a spese dei Partecipanti; 3. Ai fini della riforma della Comunità, non ha promosso alcuna iniziativa per dare ad essa una qualificazione giuridica definitiva, necessaria ad evitare forme di ambiguità e di disinvolta flessibilità nell attività di gestione; 4. Ha finanziato, in sostituzione del Servizio Sanitario Nazionale, l assistenza sanitaria dei Partecipanti, facendone gravare completamente l onere sul bilancio sociale; 5. Non ha apportato alcuna innovazione nel sistema amministrativo, ormai antiquato, della Comunità, e nei relativi strumenti di gestione, come quelli per la predisposizione dei bilanci e della contabilità; ha enfatizzato, più di quanto i risultati concreti non dicano, l azione di recupero della morosità, non definendo né assicurando una linea di uniformità nei confronti di tutti i partecipanti, circa le modalità di transazione; tantomeno ha assicurato quella trasparenza, sulla quale si era pubblicamente impegnato; 6. Non ha profuso alcun impegno reale nella tutela dell ambiente e del territorio, nei casi di violazione delle norme del Regolamento; 7. Ha volutamente rinunciato a proporre azione di responsabilità nei confronti dei precedenti amministratori, senza darne piena ed adeguata motivazione. 1

2 ATCP non può accettare passivamente e silenziosamente una situazione, in cui nulla è stato fatto per risolvere le problematiche principali di Costa Paradiso. Per contro, il C.d.A., evitando qualsiasi confronto sulle suddette questioni, ha reagito, in modo intollerante alle critiche, con una serie di articoli, pubblicati in forma anonima sul sito della Comunità, di dileggio e di discredito verso l ATCP ed il suo presidente in particolare, alimentando una vera e propria macchina del fango. Proprio per stimolare (e non contrastare) l azione del C.d.A. e per avviare a soluzione i problemi irrisolti del territorio e realizzare un significativo cambiamento del sistema di gestione della Comunità, ATCP, nel settembre scorso, aveva inviato una lettera al presidente del C.d.A., proponendogli un nuovo patto di collaborazione per il raggiungimento di quattro obbiettivi generali, specificati in un manifesto annesso alla lettera stessa. A garanzia dell'attuazione di quegli obbiettivi, nella lettera si proponeva il rientro, nel consiglio, del vicepresidente dimissionario e la cooptazione di un ulteriore rappresentante di ATCP. Tale proposta, che il presidente del C.d.A. ha definito esilarante, non ha avuto alcuna risposta, salvo una generica dichiarazione d intenti, riportata nel verbale della riunione del C.d.A. dell 11 ottobre u.s., di voler attivare un rapporto di collaborazione con ATCP con la disponibilità ad accogliere, nell'ambito del consiglio, un solo rappresentante di ATCP, in veste di uditore e senza diritto di voto. Di fatto, la proposta veniva rigettata; nel C.d.A., infatti, non sussisteva alcuna volontà di assumere impegni formali per raggiungere gli obbiettivi indicati nel manifesto di ATCP, mentre la disponibilità ad integrare la composizione del C.d.A. con altri rappresentanti di ATCP era di pura facciata. Nel frattempo, sul sito web della Comunità veniva pubblicato un articolo anonimo, contenente sarcastici giudizi sul sito web di ATCP, che veniva definito sito fotocopia del blog di Pasquale Ferrara, nonostante le evidenti differenze fra i due. Pochi giorni dopo, il presidente Piergianni Addis inoltrava ad un membro del consiglio direttivo di ATCP una lettera dal titolo Qualcuno dovrebbe, contenente un pesante attacco personale al presidente di ATCP. La lettera, scritta a due mani, consentiva di identificarne facilmente gli autori, legati da uno stretto vincolo di parentela. Il presidente di ATCP ha ritenuto di dover rispondere all attacco sia con un articolo pubblicato sul sito di ATCP, sia con una lettera diretta al presidente del C.d.A. Quest ultima, pur avendo carattere confidenziale, è stata pubblicata sul sito web della Comunità, così da far apparire il presidente del C.d.A. come vittima di un attacco personale e non come colui che aveva provocato la giusta reazione del presidente di ATCP. (E evidente, in questo caso, il tentativo smaccato di cambiare veste, da autore/istigatore della macchina del fango, a vittima). Si tratta di uno degli ultimi episodi, fra i tanti, in cui il sito web della Comunità, realizzato e gestito a spese dei Partecipanti, viene utilizzato per fini personali e per screditare singoli o gruppi di Partecipanti della Comunità. In realtà, l uso improprio e per fini di parte del sito della Comunità si colloca in un quadro più generale e più ampio di una gestione quella attuata da questo C.d.A. poco coerente con i fini della Comunità, che sono quelli di: a) assicurare l amministrazione ed il miglior uso dei beni comuni; b) applicare le norme regolamentari per assicurare il rispetto degli obblighi e dei diritti dei partecipanti; c) stabilire le intese necessarie col Comune di Trinità per il rispetto della convenzione di lottizzazione, cui è assoggettato l intero territorio; 2

3 d) garantire la corretta ripartizione delle spese fra i partecipanti in base ai principi di uguaglianza, parità di trattamento ed economicità. Ed è l uso non appropriato delle risorse della Comunità che ATCP denuncia e critica. Un caso, su tutti, è rappresentato dal progetto per l ampliamento dell impianto fognario e di depurazione. Fermo restando che risulta dubbio l obbligo in capo ai Partecipanti di finanziare la realizzazione della fognatura e su cui sarà il TAR a decidere, il progetto è stato volutamente sovradimensionato per favorire lo sviluppo edilizio del territorio. La Comunità, come soggetto proponente, non avrebbe potuto e dovuto farlo. Essa avrebbe dovuto assumere come parametro d obbligo i dati di riferimento del PdL esistente, in termini di numero massimo di unità abitative previste e di volumetrie edificabili. Invece, presentando un progetto per abitanti eq., la Comunità si è, di fatto, sostituita al Comune nella previsione di ulteriori sviluppi edilizi, non contemplati in nessun atto pubblico all'atto della presentazione del progetto. Il PUC è stato approvato solo qualche mese fa, ma, al momento, in mancanza degli strumenti attuativi, non può costituire un elemento di riferimento. Risulta, invece, evidente che la Comunità, presentando un progetto notevolmente sovradimensionato rispetto alle necessità attuali, si è fatta carico di apprestare, a spese dei Partecipanti, un'opera destinata a supportare gli sviluppi edilizi futuri sulla base di un piano non ancora definito da parte del Comune di Trinità. Basterebbe questo per proporre azione di responsabilità sia nei confronti del precedente C.d.A. che ha predisposto e presentato il progetto, sia per il C.d.A. in carica, che, sostanzialmente, l ha fatto proprio. Il che dimostra che quest ultimo, di fatto, persegue e tutela gli interessi degli imprenditori edilizi, anche se, dichiara (a parole) di rappresentare uno schieramento che si contrappone a quello costituito intorno agli imprenditori edilizi. Ma lo sconfinamento del C.d.A., rispetto ai richiamati compiti che il Regolamento gli assegna, non riguarda solo la realizzazione e la gestione delle opere di urbanizzazione di Costa Paradiso, per le quali la Comunità continua a svolgere, senza averne titolo, le funzioni ed i compiti del lottizzante in accordo tacito col Comune di Trinità, ma riguarda anche i servizi destinati alla collettività, come il servizio sanitario. Infatti, l organizzazione di un servizio di assistenza sanitaria, seppur finalizzato al benessere dei partecipanti della Comunità, esula dai compiti specifici ed istituzionali della Comunità stessa, previsti dal Regolamento del Territorio, essenzialmente destinati alla tutela ed alla gestione dei beni patrimoniali comuni. Pertanto, il servizio di assistenza sanitaria a favore dei partecipanti della Comunità per quanto necessario per la presenza, nel periodo estivo, di alcune migliaia di persone nel Territorio deve essere attivato ed organizzato dalla Comunità, d intesa con le strutture locali del Servizio Sanitario Nazionale, come servizio complementare ed integrativo, nella misura in cui le strutture stesse non sono in grado di assicurare a Costa Paradiso un adeguato servizio di presidio e di assistenza. Ciò, al fine, da un lato, di assicurare un livello di servizio adeguato, e, dall altro, di limitare gli oneri a carico dei partecipanti, che già provvedono, attraverso il pagamento delle tasse, a finanziare il Servizio Sanitario Nazionale. Oltre ai casi di sconfinamento dai compiti previsti dal Regolamento, con conseguente uso improprio dei fondi sociali, non meno criticabile è la gestione amministrativa della Comunità, svolta in modalità che richiama il ricordo di una trasmissione, prima radiofonica e poi televisiva, intitolata Dilettanti allo sbaraglio. La predisposizione del bilancio consuntivo triennale , bocciato nell assemblea dei Partecipanti dell 11 agosto scorso, ed il progetto, fallito, per l informatizzazione delle attività degli uffici amministrativi della Comunità ne danno piena ed efficace testimonianza. Sul primo, ATCP ha espresso le 3

4 sue valutazioni in occasione dell assemblea dell 11 agosto e non intende tornarci sopra; il secondo merita qualche riflessione, perché il fallimento del progetto non è dovuto a fattori tecnici, bensì ad un approccio sbagliato nell affrontare il problema, voluto e difeso pervicacemente da chi non aveva le competenze per occuparsene, aggravato da atteggiamenti di rifiuto e di supponenza verso consigli e suggerimenti circa le modalità più idonee da seguire. Il risultato è che il nuovo programma di gestione informatizzata, pur acquistato e pagato, non è disponibile, nonostante la promessa pubblica del Tesoriere, che, a breve, ciascun Partecipante avrebbe potuto consultare, on line, la sua posizione contabile grazie all attivazione del nuovo sistema. Oggi, il C.d.A. cerca affannosamente di porvi riparo, perseverando in una modalità da Dilettanti allo sbaraglio, chiedendo offerte qua e là, anche con improbabili capitolati in uso a grandi aziende, che vanno oltre le esigenze della Comunità. Non ha ancora capito che prima di acquistare un qualsiasi prodotto software esistente sul mercato, occorre rivolgersi ad un bravo analista in grado di fare l analisi delle esigenze e di definire correttamente i requisiti che il software, (non importa se come prodotto già esistente sul mercato, oppure da sviluppare ad hoc per Costa Paradiso), deve soddisfare in termini di funzioni necessarie ed utili per l utente. Quanto alla trasparenza, va riconosciuto che qualche passo in avanti questo C.d.A. l ha fatto nel mettere a disposizione e nel pubblicare i suoi atti; non sembra, invece, che abbia fatto molto per dare evidenza alla gestione contabile, ed in particolare alla prima nota di cassa, al fine di consentire il controllo dei flussi di cassa. Questa necessità è importante, considerato che in un recente passato si sono verificati ammanchi di cassa e non c è stata alcuna dichiarazione di responsabilità a carico di alcuno. In merito all azione di contrasto contro la morosità circolano opinioni ed informazioni discordi. Il Tesoriere in più riunioni pubbliche si è fatto vanto dei risultati conseguiti. In realtà, i risultati concreti vanno valutati in base alle cifre. Quando il C.d.A. è entrato in carica la cifra accertata era di ; nell assemblea dell 11 agosto 2013 lo stesso tesoriere ha dichiarato che il volume delle morosità era pari a Non è, tuttavia, questo l aspetto su cui vogliamo soffermarci, quanto sul fatto che i decreti ingiuntivi nei confronti dei grandi morosi sono stati promossi con un anno di ritardo, dopo tentativi di transazione non proprio vantaggiosi per la Comunità. E possibile conoscerne i motivi, visto che uno dei principi che questo C.d.A., all inizio del suo mandato, affermava di voler rispettare era quello della parità di trattamento verso tutti i Partecipanti? A questo proposito, riteniamo doveroso rivolgere al presidente del C.d.A. una domanda: qual è il significato delle parole usate dal sig. Agostino Magliulo nella lettera indirizzata al presidente del C.d.A. e pubblicata sul sito della Comunità il , là dove dice Ancora una volta devo però rilevare la pervicacia con cui Sandro Guiducci continua a imputare alle passate Amministrazioni uno scarso impegno nel recupero dei crediti. Tu eri con me in quelle Amministrazioni e sai che ciò non è vero. Poiché c è già qualcuno che ha chiesto AZIONI di rivalsa contro detti Amministratori, apprezzerei un tuo personale intervento per evitare giudizi, da parte di esponenti dell attuale CDA e/o CDR su fatti e circostanze che ignorano e che, tra l altro, potrebbero diventare un boomerang per l attuale amministrazione in futuro. In proposito, è possibile sapere, dato il tono velatamente minaccioso di Magliulo, quali siano i fatti e le circostanze che potrebbero diventare un boomerang per l attuale amministrazione? Sempre in nome della trasparenza, riteniamo, a questo punto, che sia un dovere verso i Partecipanti che il presidente del C.d.A. spieghi le ragioni e le circostanze, per la verità poco chiare, che, nel precedente C.d.A., hanno portato alla sua sostituzione nella carica di presidente col sig. Claudio Addis. Da ultimo, non può passare sotto silenzio la decisione del C.d.A., comunicata nell assemblea dei partecipanti del 4 ottobre a Bologna, di non voler procedere e quindi di 4

5 non voler sottoporre alle decisioni dell assemblea un azione di responsabilità nei confronti degli amministratori che lo avevano preceduto. A nostro giudizio è una decisione grave sia perché contrasta con le affermazioni del tesoriere espresse in incontri pubblici circa le responsabilità del precedente consiglio nella mancata tutela del credito vantato dalla Comunità verso coloro che non pagavano la quota condominiale, sia perché il precedente consiglio aveva sostenuto delle spese legali per intervenire, a fianco del Comune di Trinità, nel ricorso al TAR promosso da ATCP ed altri partecipanti contro il Comune stesso. Spese legali del tutto ingiustificate, in base ai citati fini della Comunità, e addirittura finalizzate contro altri partecipanti. Con queste osservazioni, abbiamo cercato di motivare la posizione critica di ATCP nei confronti del C.d.A., che appare attestato su una linea di conservazione di un modello di gestione che va contro gli interessi dei Partecipanti e che alle critiche risponde con attacchi personali, per lo più anonimi o per interposta persona. Il Consiglio direttivo di ATCP Ferdinando Mulas Giovanni Faure Davide Mancino Fabrizio Filone Stefano Angeli \ 5

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

Statuto dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi

Statuto dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi COSTITUZIONE E FINALITA Statuto ARTICOLO 1. Denominazione e scopi 1.1 - Si costituisce fra i Dottori Commercialisti che aderiscono

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 E CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 1. Contesto

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Regione TOSCANA Il giorno 12 del mese di maggio 2013, si è riunita a Collesalvetti, alle ore 18.00 l Assemblea Soci APNEC Toscana per discutere i

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Verbale del Consiglio d'amministrazione della Comunità del Territorio "Costa Paradiso" del 03 maggio 2013 presso gli uffici della Comunità.

Verbale del Consiglio d'amministrazione della Comunità del Territorio Costa Paradiso del 03 maggio 2013 presso gli uffici della Comunità. Comunità del Territorio Costa Paradiso 079.689.742-079.689.450-079.689.712 07038 Trinità d Agultu (Olbia Tempio) E-mail costa.paradiso@tiscali..it C.F. 82006630907 Info:comunitacostaparadiso.it Verbale

Dettagli

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE NEXTO Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10 Codice fiscale n. 97798460016 * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO DELL ASSOCIAZIONE come modificato dall Assemblea Straordinaria dei

Dettagli

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI Capo I: COSTITUZIONE, SCOPO E ATTIVITA Art. 1: Costituzione e scopi E costituita con sede in Roma ai sensi e per gli effetti di cui

Dettagli

4) Domanda di ammissione.

4) Domanda di ammissione. STATUTO 1) Denominazione e sede. Il 26 settembre 2001 presso il Circolo Sottufficiali di Udine in vicolo d Arcano 5 è costituita l Associazione non riconosciuta denominata TANGHITUDINE con sede a Udine,

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

Autogestione servizi accessori e spazi comuni. Condominio

Autogestione servizi accessori e spazi comuni. Condominio Autogestione servizi accessori e spazi comuni. ondominio on il presente documento, si intende evidenziare alcune fondamentali norme, nonché suggerimenti procedurali e di collaborazione tra l A.T.E.R. di

Dettagli

Condominio, per i risparmi energetici basta la maggioranza dei presenti.ipsoa.it

Condominio, per i risparmi energetici basta la maggioranza dei presenti.ipsoa.it Condominio, per i risparmi energetici basta la maggioranza dei presenti.ipsoa.it Claudio Bovino La riforma della disciplina del condominio, nel modificare l'articolo del codice civile dedicato alle innovazioni,

Dettagli

LINEE GUIDA PER I SERVITORI DELLA LETTERATURA

LINEE GUIDA PER I SERVITORI DELLA LETTERATURA LINEE GUIDA PER I SERVITORI DELLA LETTERATURA Cosa sono le Linee Guida e a cosa servono? Nel 1992, il Comitato per la Letteratura in Conferenza suggerì che i Fiduciari sviluppassero delle Linee Guida con

Dettagli

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Il comma 3 dell art.10 della c.d. Legge di stabilità per

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione, sede, durata E costituita, ai sensi degli artt. 36 e seguenti del codice civile, l

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

Tempi duri per i condomini morosi Ipsoa.it. Giampaolo Di Marco

Tempi duri per i condomini morosi Ipsoa.it. Giampaolo Di Marco Tempi duri per i condomini morosi Ipsoa.it Giampaolo Di Marco La riforma del condominio ha inciso su quasi tutta la disciplina prevista dal Codice Civile. Le modifiche legislative hanno riguardato il delicato

Dettagli

STATUTO CASSA SANITARIA

STATUTO CASSA SANITARIA STATUTO CASSA SANITARIA In attuazione del verbale di accordo del 14 maggio 2014 tra la Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. e le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rappresentanze sindacali aziendali

Dettagli

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI Approvato Dall Assemblea dei soci in data 29-05 - 2008 Art. 1 Costituzione e denominazione 1. E costituita in Firenze nel 1961, una associazione denominata Gruppo Fotografico

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ISPETTORI SANITARI

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ISPETTORI SANITARI ASSOCIAZIONE NAZIONALE ISPETTORI SANITARI STATUTO Art.1 L Associazione E costituita l Associazione Nazionale Ispettori Sanitari (A.N.I.S.). Ha sede ufficiale presso la residenza del suo presidente o luogo

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Donatori di sangue liceo A.Vallisneri ART. 1- l Associazione di volontariato donatori di sangue liceo A.Vallisneri più avanti chiamata per brevità associazione,

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

Determina Governo del territorio - Edilizia Privata/0000012 del 15/12/2015

Determina Governo del territorio - Edilizia Privata/0000012 del 15/12/2015 Comune di Novara Determina Governo del territorio - Edilizia Privata/0000012 del 15/12/2015 Area / Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata (09.UdO) Proposta Istruttoria Unità Urbanistica ed Edilizia Privata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2911 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONO, MURA, CIRINO POMICINO, MAZZOCCHI, FORLANI, CO- LUCCI, ZACCHERA, RAISI, BRUSCO, NESPOLI,

Dettagli

FAQ. La risposta alla domanda richiede una serie di precisazioni:

FAQ. La risposta alla domanda richiede una serie di precisazioni: FAQ L.r. 8 novembre 2007, n. 27: Criteri generali per la determinazione dei canoni per l'edilizia residenziale pubblica e norme sulla valorizzazione e razionalizzazione del patrimonio di edilizia residenziale

Dettagli

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. ---------------------------------------

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- ---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE NOTARILE -.-.- I - Definizione 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE S T A T U T O Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE 1) In attuazione dell articolo 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto degli Enti pubblici non economici stipulato il 6 luglio 1995,

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Art. 1 Denominazione e logo dell Associazione pag. 3 Art. 2 Scopi

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014 Oggetto: Piano straordinario di edilizia scolastica Iscol@: avvio dell asse di Interventi di messa in sicurezza e manutenzione programmata degli edifici scolastici. Il Presidente, nell illustrare la proposta

Dettagli

Regolamento della Consulta del Volontariato

Regolamento della Consulta del Volontariato Comune di Fucecchio Regolamenti Regolamento della Consulta del Volontariato Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.36 del 12 maggio 2010 Art. 1 Obiettivi...1 Art. 2 - Funzioni...2 Art. 3 - Competenze

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT Art. 1- L Associazione di volontariato Museo della Cultura Contadina più avanti chiamata per

Dettagli

Oggetto: Invio Testo intervento audizione 22/07 p.v.

Oggetto: Invio Testo intervento audizione 22/07 p.v. Spett.le Segreteria della Commissione Finanze e tesoro Senato della Repubblica Alla C.A. Presidente Commissione Finanze e tesoro Mauro Maria Marino tel. 06-67062803-4679-4680 Fax 06 67063662 P.zza Madama

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA ARTICOLO 1 - E costituita l Associazione denominata PRO SENECTUTE. Ai sensi e per gli effetti di cui agli art. 10 e segg. del D.L. 4 dicembre 1997,

Dettagli

COMUNICATO AL PERSONALE CNR

COMUNICATO AL PERSONALE CNR COMUNICATO AL PERSONALE CNR INCONTRO CNR OO.SS. 11-3-2010 Il giorno 11 marzo si è tenuto il primo dei quattro incontri già programmati con la nuova delegazione CNR preposta per la contrattazione con le

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: assume la forma giuridica di

Dettagli

STATUTO NUOVA CASSA SANITARIA

STATUTO NUOVA CASSA SANITARIA STATUTO NUOVA CASSA SANITARIA In attuazione di quanto previsto dal verbale di accordo del 21/11/2007, tra la Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. e le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rappresentanze

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013 MODULO DIDATTICO 1 Evoluzione del concetto di Trasparenza 1 of 20 In questo modulo sarà illustrato il concetto

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MORASSUT

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MORASSUT Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3112 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MORASSUT Introduzione dell articolo 1122-quater del codice civile, in materia di interventi

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO COPERTURA ASSICURATIVA IN CASO DI COLPA GRAVE QUESITO (posto in data 22 settembre 2009) La nostra Azienda ci ha comunicato che a partire dal 29/09/09 non avremo più la copertura assicurativa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE Bozza del 29.11.2013 (2 passo) REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE PER L AUTORIMESSA SOTTERRANEA SULL IMMOBILE N. 1615 INTAVOLATA COME DIRITTO A SÉ STANTE E PERMANENTE SUL FONDO N. D NEL REGISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI I pareri di Assifero EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI Motivazioni del parere Accade che, benché l erogazione sia fatta a favore di un soggetto, per diverse ragioni, le fatture vengono

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE

STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE E costituita l associazione culturale apartitica denominata PESCHIERA BENE COMUNE, associazione di fatto, libera, non riconosciuta

Dettagli

STATUTO Coordinamento Autismo Piemonte

STATUTO Coordinamento Autismo Piemonte STATUTO Coordinamento Autismo Piemonte SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART.1 Si costituisce un Associazione di Coordinamento tra le Associazioni di Volontariato e gli altri enti Associativi

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO Titolo I Denominazione, Funzionamento, Sede, Scopo, Durata Art. 1 - Denominazione Nell ambito dell Associazione Italiana Cultura Qualità

Dettagli

Modifiche Statutarie Fontedir

Modifiche Statutarie Fontedir Modifiche Statutarie Fontedir DA STATUTO IN VIGORE PROPOSTE DI MODIFICHE Art. 5 - Destinatari 1. In coerenza con le previsioni contenute nelle fonti istitutive sono destinatari delle prestazioni del fondo

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE. Articolo 1. Club GAMeC. Articolo 2 SCOPI DELL ASSOCIAZIONE. Articolo 3

S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE. Articolo 1. Club GAMeC. Articolo 2 SCOPI DELL ASSOCIAZIONE. Articolo 3 S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE Articolo 1 E costituita una associazione culturale denominata Club GAMeC Articolo 2 L associazione ha sede in Bergamo. SCOPI DELL ASSOCIAZIONE Articolo 3 L associazione

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

1. Spiegazioni dei termini e abbreviazioni usati nelle CMG Ellan Sp. z o.o. con sede legale a Warszawa (Polonia):

1. Spiegazioni dei termini e abbreviazioni usati nelle CMG Ellan Sp. z o.o. con sede legale a Warszawa (Polonia): Condizioni e Modalità Generali (di seguito denominate CMG) Ellan Sp. z o.o. (operante come società privata) con sede legale a Warszawa (Polonia), riguardanti la pubblicazione, di seguito denominata pure

Dettagli

Circolare n.25 del 30 luglio 2010

Circolare n.25 del 30 luglio 2010 Redazione a cura di Agostino Lombardi e Francesco Venunzio Circolare n.25 del 30 luglio 2010 News Giurisprudenziali Il locatore è responsabile per i danni provocati al conduttore per le infiltrazioni d'acqua

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB S T A T U T O Articolo 1 - Denominazione e sede E costituita in Azzano San Paolo (Bg), Via I Maggio n.15, l associazione sportiva denominata: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB. Articolo

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata..

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata.. ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Denominata.. L anno (in lettere), il mese, il giorno. (in lettere), i Signori: 1. (Cognome, Nome, luogo e data di nascita, residenza, attività svolta

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

NEWSLETTER. Del 14 novembre 2013. locazioni e ape art. 6 comma 2 dlgs 192/05 post legge 3.8.2013 n. 90, di conversione del d.l. 4.06.2013 n.

NEWSLETTER. Del 14 novembre 2013. locazioni e ape art. 6 comma 2 dlgs 192/05 post legge 3.8.2013 n. 90, di conversione del d.l. 4.06.2013 n. NEWSLETTER Del 14 novembre 2013 locazioni e ape art. 6 comma 2 dlgs 192/05 post legge 3.8.2013 n. 90, di conversione del d.l. 4.06.2013 n.63 A riprova di come e quante volte il legislatore sia intervenuto

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA Regolamento 2012-2014 Data di approvazione 11 settembre 2012 INDICE Pag. 2 Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Ordinamento

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

STATUTO Art.1 Costituzione e sede Art.2 Oggetto e scopo Art.3 Patrimonio ed entrate dell Associazione

STATUTO Art.1 Costituzione e sede Art.2 Oggetto e scopo Art.3 Patrimonio ed entrate dell Associazione STATUTO Art.1 Costituzione e sede E costituita, ai sensi dell art. 10 del D.Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460, su iniziativa della Associazione ARTE E SALUTE O.N.L.U.S. L Associazione ha sede in Bologna c/o

Dettagli

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Osservazioni di Confindustria Osservazioni generali L Autorità

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro Il giudice dr. Massimo Pagliarini nel procedimento ex art. 28 Stat. lav. n. 16949 del Ruolo affari contenziosi civili dell anno 2015, vertente TRA A.N.M.I.R.S.

Dettagli

STATUTO. Art.1) E costituita un Associazione animalista senza scopo di lucro denominata: VITA DA CANI - Associazione a tutela dei diritti animali.

STATUTO. Art.1) E costituita un Associazione animalista senza scopo di lucro denominata: VITA DA CANI - Associazione a tutela dei diritti animali. STATUTO Art.1) E costituita un Associazione animalista senza scopo di lucro denominata: VITA DA CANI - Associazione a tutela dei diritti animali. Art.2) La sede dell Associazione è in Arese (Mi), Via Mazzini

Dettagli

STATUTO della. Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG)

STATUTO della. Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG) STATUTO della Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG) Articolo 1 Denominazione e soggetti associati La "Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia" in breve FIOG (d'ora in avanti

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola DIRITTO DI PARABOLA Per installare una parabola non occorrono autorizzazioni La giurisprudenza ha affermato che il diritto alla installazione di antenne riconduce al diritto primario alla libera manifestazione

Dettagli

Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI

Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI 1 - Costituzione e Sede E costituta l Associazione Culturale

Dettagli

Regione Molise -34- Resoconti Consiliari

Regione Molise -34- Resoconti Consiliari Regione Molise -34- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE, A FIRMA DEL CONSIGLIERE MICONE, AD OGGETTO: DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE N. 576 DEL 3 NOVEMBRE 2013 E N. 607 DEL 18 NOVEMBRE 2013.

Dettagli

CONTABILITA ON LINE GUIDA ALL USO PER COMITATI PROVINCIALI E REGIONALI REDAZIONE E INVIO DEL BILANCIO PREVENTIVO

CONTABILITA ON LINE GUIDA ALL USO PER COMITATI PROVINCIALI E REGIONALI REDAZIONE E INVIO DEL BILANCIO PREVENTIVO CONTABILITA ON LINE GUIDA ALL USO PER COMITATI PROVINCIALI E REGIONALI REDAZIONE E INVIO DEL BILANCIO PREVENTIVO ACCESSO AD AICS NETWORK Il programma di Contabilità on line è inserito sulla piattaforma

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA E COLLABORAZIONE NELL AMBITO DEI CONTROLLI SUL TERZO SETTORE PREMESSE

PROTOCOLLO DI INTESA E COLLABORAZIONE NELL AMBITO DEI CONTROLLI SUL TERZO SETTORE PREMESSE Prot. 27396 PROTOCOLLO DI INTESA E COLLABORAZIONE NELL AMBITO DEI CONTROLLI SUL TERZO SETTORE tra Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Liguria, rappresentata dal Direttore Regionale, Alberta

Dettagli

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012 CORSO AVANZATO EFAC Roma, 30 marzo 2012 1 Corso avanzato per Caf Assessor La leadership e le dinamiche di gruppo 2 Da Henry Ford a Steve Jobs Siate affamati,.. siate folli Voi non dovete pensare, ci sono

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

BOZZA STATUTO dell associazione di cultura politica Network Sinistra Riformista Italiana. Art. 1 (Denominazione e sede)

BOZZA STATUTO dell associazione di cultura politica Network Sinistra Riformista Italiana. Art. 1 (Denominazione e sede) BOZZA STATUTO dell associazione di cultura politica Network Sinistra Riformista Italiana Art. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita in Roma, ove ha la sua sede in Via Sistina 57, l associazione senza

Dettagli

ART. 1 Generalità L Associazione porta il nome di Associazione degli Studenti di Scienze Politiche di

ART. 1 Generalità L Associazione porta il nome di Associazione degli Studenti di Scienze Politiche di STATUTO dell Associazione degli Studenti di Scienze Politiche - Forlì Presso la Scuola di Scienze Politiche sede di Forlì dell Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, Italia. ART. 1 Generalità L Associazione

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

- Guida Esplicativa - ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO Unione Provinciale di Napoli

- Guida Esplicativa - ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO Unione Provinciale di Napoli Linee applicative Accordo Stato Regioni in materia di formazione dei lavoratori, Dirigenti e Preposti per la sicurezza sul lavoro. Formazione dei Datori di lavoro che assumono il ruolo di RSPP. - Guida

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli