ALLEGATO D VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA COMUNE DI CINISI Prov. Palermo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO D VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA COMUNE DI CINISI Prov. Palermo"

Transcript

1 SCHEDA 3 di III : delle competenze tecniche, professionali ed organizzative mostrate dalla Posizione Organizzativa Anno 1. Orientamento ai risultati Capacità di tradurre direttive e atti di indirizzo in progetti, piani di attività e piani di lavoro. Rendimento e qualità Dimostrazione di impegno e capacità di svolgere il proprio ruolo in modo efficace e di saper affrontare la situazione in modo positivo, mostrando spirito di iniziativa anche in assenza di direttive e informazioni dettagliate. Capacità di diversificare e sviluppare le competenze che comportino allargamento ed arricchimento dei compiti assegnati 3. Capacità innovative Quantità e qualità di atti prodotti finalizzati a specificare, per gruppi di lavoro o singoli dipendenti, modalità attuative in tema di trasparenza e relativa pubblicazione di atti e documenti sul sito web

2 . Servizio agli utenti Atti posti in essere per migliorare i servizi resi agli utenti finali, anche a seguito ad adozione di tecniche di valutazione in tema di gradimento dei servizi resi alla cittadinanza di cui al comma 3 dell art. del Regolamento del Sistema di 5. Capacità relazionali Capacità di gestire e risolvere situazioni di conflittualità non solo interne alla Struttura, ma anche esterne in seguito a controversie nate con i fruitori del servizio di cui è Responsabile. Capacità propositiva Capacità propositiva nei confronti degli Organi della Direzione politica e del Segretario Comunale

3 7. Assunzione di responsabilità Capacità di iniziativa e propensione all assunzione delle responsabilità correlate alla posizione professionale. Professionalità Grado di conoscenze professionali generali e/o specialistiche richieste per lo svolgimento delle mansioni affidate. Capacità di svolgere le mansioni attribuite con la perizia necessaria 9. Formazione professionale Capacità di valorizzare l'aspetto della formazione professionale personale provvedendo allo stesso tempo alla formazione interna dei propri collaboratori. Capacità di redimere controversie Vertenze civili, amministrative, contabili, penali sorte, in relazione all attività svolta, e concluse con esito positivo

4 RIEPILOGO VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE n. 1 Orientamento ai risultati Rendimento e qualità 3 Capacità innovative Servizio agli utenti 5 Capacità relazionali Capacità propositiva 7 Assunzione di responsabilità professionalità 9 Formazione professionale Capacità di redimere vertenze Totale ΣP = P1 + P P = Coefficiente di presenza = giornate lavorate = giornate dovute complessiva = ΣP x Coefficiente di presenza = Conclusioni dell Organismo di del grado dei Comportamenti organizzativi Totale punti Considerazioni dell Organismo di I componenti dell Organismo di 1..

5 3. Per ricevuta Cinisi li, La Posizione Organizzativa

SCHEDE DI VALUTAZIONE FINALIZZATE ALLA DETERMINAZIONE DELLA PRODUTTIVITA INDIVIDUALE

SCHEDE DI VALUTAZIONE FINALIZZATE ALLA DETERMINAZIONE DELLA PRODUTTIVITA INDIVIDUALE Allegato A al Sistema di valutazione permanente approvato con delibera di Giunta comunale n. 82 del 22.10.2011 SCHEDE DI VALUTAZIONE FINALIZZATE ALLA DETERMINAZIONE DELLA PRODUTTIVITA INDIVIDUALE 16 Allegato

Dettagli

Allegato e) SCHEDA TIPO DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE INQUADRATO NELLE CATEGORIE. anno. Comune di Saint-Denis. Nome e cognome: Livello di appartenenza:

Allegato e) SCHEDA TIPO DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE INQUADRATO NELLE CATEGORIE. anno. Comune di Saint-Denis. Nome e cognome: Livello di appartenenza: Comune di Saint-Denis Allegato e) SCHEDA TIPO DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE INQUADRATO NELLE CATEGORIE anno 2013 Nome e cognome: Livello di appartenenza: 1 P a g i n a Criterio di valutazione n. 1 VALUTAZIONE

Dettagli

SISTEMA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PREMESSA Il presente allegato definisce il sistema permanente di valutazione, di cui al D.Lgs. 7/0/009 N. 0, in materia di ottimizzazione della produttività

Dettagli

Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni Pagina 1

Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni Pagina 1 Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni Pagina 1 Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni Pagina 2 Regolamento

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE COMUNE DI MONTANERA (Provincia di Cuneo) PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1. ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DELLE

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE AREA DI COMPARTO RUOLO AMMINISTRATIVO E TECNICO di Area Centrale Categorie A, B e B liv. Bs Pagina 1 di 6 Il presente sistema di valutazione è finalizzato

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Legge 12 marzo 1999, n 68 Norme per il diritto al lavoro dei DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Legge 12 marzo 1999, n 68 Norme per il diritto al lavoro dei DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 13 NOVEMBRE 2013 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo SCHEDA di 3 II Fattore di Valutazione: Comportamenti professionali e organizzativi e competenze Anno Settore Servizio Dipendente Categoria Profilo professionale Responsabilità assegnate DECLARATORIA DELLA

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DEI LIVELLI. Manuale

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DEI LIVELLI. Manuale LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DEI LIVELLI LA VALUTAZIONE CCNL 31.03.1999 ART. 6 Sistema di valutazione 1. In ogni ente sono adottate metodologie permanenti per la valutazione delle prestazioni

Dettagli

Costruzione della scheda obiettivo e sistema di valutazione dipendenti

Costruzione della scheda obiettivo e sistema di valutazione dipendenti VERBALE N. 4 DEL 09/06/2011 Costruzione della scheda obiettivo e sistema di valutazione dipendenti La scheda obiettivo allegata al presente verbale sotto la voce Allegato 4 Scheda anagrafica del dipendente

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Premessa Il Sistema di misurazione e valutazione della performance è uno strumento pensato per sviluppare le competenze, riconoscere i risultati,

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

UNIONE ROVERESCA SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI MANUALE PER LA VALUTAZIONE

UNIONE ROVERESCA SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI MANUALE PER LA VALUTAZIONE UNIONE ROVERESCA SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI MANUALE PER LA VALUTAZIONE Approvato con deliberazione G.E. n. 40 del 22/06/2013 INDICE Finalità della valutazione Pag.

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA E FABBRICATI

SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA E FABBRICATI OPERE PUBBLICHE ADOZIONE PROGRAMMA TRIENNALE OPERE PUBBLICHE D. Lgs 163/2006 D. M. 11/11/11 entro il 30/09 DELIBERA DI ADOZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE OO.PP Delibera del Commissario Straordinario n 187/47998

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

Tecnico dei servizi di animazione turistico-sportiva e del tempo libero. Standard della Figura nazionale

Tecnico dei servizi di animazione turistico-sportiva e del tempo libero. Standard della Figura nazionale Tecnico dei servizi di animazione turistico-sportiva e del tempo libero Standard della Figura nazionale Denominazione della figura TECNICO DEI SERVIZI DI ANIMAZIONE TURISTICO-SPORTIVA E DEL TEMPO LIBERO

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO DENOMINAZIONE PROGETTO: LA SCUOLA ALTROVE (Percorsi culturali nel Veneto)

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO DENOMINAZIONE PROGETTO: LA SCUOLA ALTROVE (Percorsi culturali nel Veneto) PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Normativa di riferimento: D.L.vo 15 aprile 2005, n. 77 art. 2 comma 7 Direttiva MIUR n. 102 del 7-11-2011 Decreto USR Veneto prot. N. 1930/C15 del 17/2/2012 e successivi

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

MANUALE PER LA VALUTAZIONE

MANUALE PER LA VALUTAZIONE COMUNE DI SELLANO (Provincia di Perugia) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI MANUALE PER LA VALUTAZIONE Approvato con deliberazione G.C. n.... del... INDICE Finalità della

Dettagli

Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona

Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI PERSONALE E FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI PERSONALE

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO DIPARTIMENTO DI PRESIDENZA E SEGRETERIA GENERALE Servizio Partecipazioni Societarie AVVISO DI SELEZIONE

PROVINCIA DI BERGAMO DIPARTIMENTO DI PRESIDENZA E SEGRETERIA GENERALE Servizio Partecipazioni Societarie AVVISO DI SELEZIONE PROVINCIA DI BERGAMO DIPARTIMENTO DI PRESIDENZA E SEGRETERIA GENERALE Servizio Partecipazioni Societarie AVVISO DI SELEZIONE Per il conferimento di un incarico professionale finalizzato all'acquisizione

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INTERNO PER PROGETTAZIONE O ATTI DI PIANIFICAZIONE (Art.18, commi 1 e 2, Legge 11 febbraio 1994

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE

SISTEMA DISCIPLINARE COZZI S.r.l. Sistema disciplinare ex D.lgs. 231/2001 COZZI S.r.l. SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi dell art. 6 D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 ENTRATA IN VIGORE DATA (Deliberazione C.d.a. 15/12/2009) 15/12/2009

Dettagli

SETTORE AFFARI CULTURALI, ISTRUZIONE, SPORT E TEMPO LIBERO. Oggetto: CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE AMICI DELLA BIBLIOTECA

SETTORE AFFARI CULTURALI, ISTRUZIONE, SPORT E TEMPO LIBERO. Oggetto: CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE AMICI DELLA BIBLIOTECA SETTORE AFFARI CULTURALI, ISTRUZIONE, SPORT E TEMPO LIBERO Oggetto: CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE AMICI DELLA BIBLIOTECA Il sottoscritto Pietta Riccardo, in qualità di Responsabile del Settore Affari Culturali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE 6/02/20 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO Con delibera del Consiglio di Amministrazione del 2/0/200, Mondo Acqua S.p.A. adotta il presente regolamento per il reclutamento e la selezione del personale da

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE Con deliberazione del Consiglio di Amministrazione del 27.01.2015, nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza e pubblicità, in attuazione delle

Dettagli

DELIBERA n. 35/2015. VISTA la Direttiva 2009/12/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 marzo 2009 concernente i Diritti Aeroportuali;

DELIBERA n. 35/2015. VISTA la Direttiva 2009/12/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 marzo 2009 concernente i Diritti Aeroportuali; DELIBERA n. 35/2015 Proposta di revisione dei Diritti Aeroportuali dell Aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze per il periodo tariffario 2015-2018: conformità ai Modelli di Regolazione dei Diritti Aeroportuali

Dettagli

Sistema di Valutazione delle Performance del personale dei livelli

Sistema di Valutazione delle Performance del personale dei livelli Sistema di Valutazione delle Performance del personale dei livelli In applicazione dell art. 7 del D. Lgs. 150/2009 recante Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 35 DEL 31/03/2001

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 35 DEL 31/03/2001 ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 35 DEL 31/03/2001 METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E DEI RISULTATI DEI DIPENDENTI GENERALMENTE CONSIDERATI CUI NON SIANO STATI CONFERITI

Dettagli

Circolare N.24 del 07 Febbraio 2013. Sicurezza sul lavoro. Obblighi e scadenze

Circolare N.24 del 07 Febbraio 2013. Sicurezza sul lavoro. Obblighi e scadenze Circolare N.24 del 07 Febbraio 2013 Sicurezza sul lavoro. Obblighi e scadenze Sicurezza sul lavoro: obblighi e scadenze Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, il D.Lgs n. 81/2008

Dettagli

COMUNI DI COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MONTECALVO IN FOGLIA MONTECICCARDO MONTELABBATE - SANT'ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA

COMUNI DI COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MONTECALVO IN FOGLIA MONTECICCARDO MONTELABBATE - SANT'ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA COMUNI DI COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MONTECALVO IN FOGLIA MONTECICCARDO MONTELABBATE - SANT'ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA UNIONE PIAN DEL BRUSCOLO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLE PRESTAZIONI DEI DIPENDENTI E DELLA PROGRESSIONE ECONOMICA

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLE PRESTAZIONI DEI DIPENDENTI E DELLA PROGRESSIONE ECONOMICA COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLE PRESTAZIONI DEI DIPENDENTI E DELLA PROGRESSIONE ECONOMICA 1 INDICE ART. 1 : VALUTAZIONE PERMANENTE

Dettagli

Sistema di Valutazione delle Performance del personale dei livelli

Sistema di Valutazione delle Performance del personale dei livelli Sistema di Valutazione delle Performance del personale dei livelli In applicazione dell art. 7 del D. Lgs. 150/2009 recante Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della

Dettagli

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI Il Sistema di valutazione delle performance ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI Premessa L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei

Dettagli

PERCENTUALE PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE N GIORNI ASSENZA NEL MESE N GIORNI PRESENZA NEL MESE

PERCENTUALE PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE N GIORNI ASSENZA NEL MESE N GIORNI PRESENZA NEL MESE GENNAIO 2013 ASSENZA NEL NEL % ASSENZA % IN 1 6 26 156 9 147 5,77% 94,23% 2 25 26 650 119 531 18,31% 81,69% 3 7 26 182 13 169 7,14% 92,86% 4 31 26 806 170 636 21,09% 78,91% 5 9 26 234 59 175 25,21% 74,79%

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZE. Provincia di VICENZA

COMUNE DI PIANEZZE. Provincia di VICENZA COMUNE DI PIANEZZE Provincia di VICENZA METODOLOGIA OPERATIVA E SCHEDE DI VALUTAZIONE APPROVATE CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 72 DEL 15.09.201, AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 2, DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Dispense a cura di Dott. Lisa Conforto

Dispense a cura di Dott. Lisa Conforto Dispense a cura di Dott. Lisa Conforto Dall indagine sulle competenze nelle imprese italiane è emerso che le cinque COMPETENZE più importanti richieste sono: AFFIDABILITA (78,3%) LE ABILITA MANUALI (70,3%)

Dettagli

COMUNE DI SALUDECIO REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI SALUDECIO REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI SALUDECIO Provincia di Rimini ******************************** REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI ART. 3 D.L.10.10.2012 n.174 convertito nella L. 07.12.2012 n.213 Approvato con delibera

Dettagli

Insieme a noi! www.aadi.it. www.infermieristicaforense.eu

Insieme a noi! www.aadi.it. www.infermieristicaforense.eu Insieme a noi! www.aadi.it www.infermieristicaforense.eu OPPORTUNITA PER I SOCI A.A.D.I. I soci A.A.D.I. hanno l opportunità di perfezionare il proprio cammino verso una maggiore consapevolezza

Dettagli

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL DIPENDENTE VALUTATORE

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL DIPENDENTE VALUTATORE ALLEGATO A/5 COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino ANNO SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL DIPENDENTE SIG. CAT. SERVIZIO AREA Area P.O. U.O. VALUTATORE Cognome e Nome Qualifica VALUTATO: COLLOQUIO INIZIALE

Dettagli

Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona

Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI PERSONALE E FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI PERSONALE

Dettagli

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE INDICE Premessa art. 1 Ambito di applicazione art. 2 Pari opportunità e protezione dati personali art. 3 Categorie protette art. 4 Tipologie di contratti art. 5

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA L anno 2005 il giorno 25 del mese di Ottobre, alle ore 8.45, nella sala del Consiglio di Palazzo Giuliari, sede dell Università di Verona, si sono riunite le delegazioni di Parte Pubblica e di Parte Sindacale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Finalità del processo di gestione del patrimonio Fondo stabilizzazione

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

PROGETTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO PER I CONTRATTI DI FORMAZIONE E LAVORO PREVISTI DALL ARTICOLO 3 PUNTO 14 DELLA LEGGE 19.12.

PROGETTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO PER I CONTRATTI DI FORMAZIONE E LAVORO PREVISTI DALL ARTICOLO 3 PUNTO 14 DELLA LEGGE 19.12. PROGETTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO PER I CONTRATTI DI FORMAZIONE E LAVORO PREVISTI DALL ARTICOLO 3 PUNTO 14 DELLA LEGGE 19.12.1984 N. 863 E DALL ARTICOLO 16 DELLA LEGGE 451/94 PARTE

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo luogo di lavoro Marisa Forti Piazza Unità d Italia, 26 - Formigine Telefono 059-416248 E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 17.06.1057

Dettagli

Tecnico dei servizi di animazione turistico-sportiva e del tempo libero. Standard formativo minimo regionale

Tecnico dei servizi di animazione turistico-sportiva e del tempo libero. Standard formativo minimo regionale Tecnico dei servizi di animazione turistico-sportiva e del tempo libero Standard formativo minimo regionale Denominazione della TECNICO DEI SERVIZI DI ANIMAZIONE TURISTICO-SPORTIVA E DEL TEMPO LIBERO Referenziazioni

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEGLI APICALI (Posizioni Organizzative) Manuale

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEGLI APICALI (Posizioni Organizzative) Manuale LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEGLI APICALI (Posizioni Organizzative) LA VALUTAZIONE CCNL 31.3.1999 Personale dei livelli ART. 9 - Conferimento e revoca degli incarichi per le posizioni organizzative

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEL PERSONALE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEL PERSONALE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEL PERSONALE 1. IL SISTEMA 1.1. Premessa Il Sistema ha ad oggetto sia la misurazione e la valutazione della prestazione

Dettagli

Valutazione di Risultato del Direttore Generale per l anno

Valutazione di Risultato del Direttore Generale per l anno Ambiti di valutazione Pianificazi one strategica (tot. punti) Programm azione, budgeting, gestione, e controllo (tot. punti) Valutazione di Risultato del Direttore Generale per l anno Analisi delle fonti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE, VALUTAZIONE E LA TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE, VALUTAZIONE E LA TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE COMUNE DI CALCO (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE, VALUTAZIONE E LA TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE Allegato alla deliberazione di G.C. n. 66 del 13/12/2012 TITOLO I MISURAZIONE, VALUTAZIONE

Dettagli

DENOMINAZIONE POSIZIONE: CODICE POSIZIONE: TIPO DI POSIZIONE: STRUTTURA ORGANIZZATIVA DI APPARTENENZA: AREA SETTORIALE DI APPARTENENZA:

DENOMINAZIONE POSIZIONE: CODICE POSIZIONE: TIPO DI POSIZIONE: STRUTTURA ORGANIZZATIVA DI APPARTENENZA: AREA SETTORIALE DI APPARTENENZA: DENOMINAZIONE POSIZIONE: CODICE POSIZIONE: TIPO DI POSIZIONE: STRUTTURA ORGANIZZATIVA DI APPARTENENZA: AREA SETTORIALE DI APPARTENENZA: FAMIGLIA PROFESSIONALE DI APPARTENENZA: GRADUAZIONE POSIZIONE: FINALITÀ

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE EROGAZIONI LIBERALI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE EROGAZIONI LIBERALI PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE EROGAZIONI LIBERALI SOMMARIO Premessa Pag. 2 1. Oggetto.. 2 2. Ambito di applicazione. 2 3. Normativa applicabile 3 4. Ricezione della donazione e gestione delle erogazioni

Dettagli

Comune di Partinico (Provincia di Palermo) Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia

Comune di Partinico (Provincia di Palermo) Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia Comune di Partinico (Provincia di Palermo) Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE, RIDUZIONE E CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA Settore Personale, Organizzazione e Informatizzazione Servizio Organizzazione e Formazione

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA Settore Personale, Organizzazione e Informatizzazione Servizio Organizzazione e Formazione COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA Settore Personale, Organizzazione e Informatizzazione Servizio Organizzazione e Formazione ! # % # # & ' # # # ( # '! )*!) + # # ( # ' *!) + #, & #. / ( 0 -!#%&#'(!)!*%&#&!+,-%'.)%//(,#)#..!%'&()!*/-&&(#0(1!-&&!!#**-.'#&!

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Sistema di valutazione della performance

Sistema di valutazione della performance COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE PROVINCIA DI PAVIA Sistema di valutazione della performance Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 17.09.2015 Introduzione Sommario 1. Contenuti ed ambiti 1.1.

Dettagli

Regolamento Commissioni di Invalidità Civile Azienda Sanitaria di Nuoro ALLEGATO 1

Regolamento Commissioni di Invalidità Civile Azienda Sanitaria di Nuoro ALLEGATO 1 Regolamento Commissioni di Invalidità Civile Azienda Sanitaria di Nuoro ALLEGATO 1 Art. 1 - Attività delle Commissioni 1. Le attività delle Commissioni preposte alle valutazioni in tema di invalidità civile,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Titolo del progetto: NESSUN LUOGO È LONTANO Settore ed area di intervento: E11 Obiettivi del progetto: L obiettivo generale è quello di promuovere l Educazione allo Sviluppo

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE INDENNITA DI RISULTATO TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA ANNO 2011

SCHEDA DI VALUTAZIONE INDENNITA DI RISULTATO TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA ANNO 2011 SCHEDA DI VALUTAZIONE INDENNITA DI RISULTATO TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA ALLEGATO A ANNO 2011 DIPENDENTE: La valutazione delle prestazioni del personale apicale riguarda gli obiettivi assegnati

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA DIREZIONE GENERALE

UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA DIREZIONE GENERALE Regolamento per la disciplina delle Progressioni Economiche Orizzontali (PEO) del personale tecnico-amministrativo dell' Premessa (Linee di indirizzo generali) Il presente Regolamento si ispira alle seguenti

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione delle Performance della Provincia Regionale di Catania

Sistema di misurazione e valutazione delle Performance della Provincia Regionale di Catania Sistema di misurazione e valutazione delle Performance della Provincia Regionale di Catania Premessa Il presente documento illustra il Sistema di misurazione e valutazione della Performance della Provincia

Dettagli

ALLEGATO B CONVENZIONE

ALLEGATO B CONVENZIONE ALLEGATO B CONVENZIONE 1 Convenzione per la gestione del servizio di brokeraggio assicurativo del Comune di Carlino Quadriennio 2004-2007 L anno duemiladue, il giorno 28 del mese di ottobre, nella sede

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

Professionista nella Posizione Organizzativa: Presidio processi complessi a rilievo finanziario e verifica sostenibilità atti amministrativi

Professionista nella Posizione Organizzativa: Presidio processi complessi a rilievo finanziario e verifica sostenibilità atti amministrativi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione di appartenenza Indirizzo sede lavorativa GIORDANO GIUSEPPE ARPA Lombardia Via Ippolito Rosellini,

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELLA COMUNICAZIONE Lauree Magistrali - Facoltà di Psicologia LM in Psicologia dello Sviluppo e della Comunicazione (Classe LM 051) CHE COSA SI INSEGNA

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina le procedure comparative di reclutamento e selezione che Italia Lavoro utilizza per l assunzione del personale dipendente

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

Sistema di individuazione, pesatura, conferimento incarico e valutazione posizioni organizzative

Sistema di individuazione, pesatura, conferimento incarico e valutazione posizioni organizzative ALLEGATO 1 Reg. Performance Sistema di individuazione, pesatura, conferimento incarico e valutazione posizioni organizzative I. CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Riferimenti: Artt.

Dettagli

Laboratorio I Bandi di finanziamento alle attività sociali

Laboratorio I Bandi di finanziamento alle attività sociali Laboratorio I Bandi di finanziamento alle attività sociali Corso: Organizzazione del lavoro e delle imprese di servizi Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali 03/10/2014 Regolamento didattico

Dettagli

Pagina 1 di 32 SISTEMA PERMANENTE DI VALUTAZIONE.DOC

Pagina 1 di 32 SISTEMA PERMANENTE DI VALUTAZIONE.DOC PREMESSA La valutazione è un attività tipicamente umana che, consapevolmente o meno, viene posta in essere quotidianamente, sia nella vita personale che in quella lavorativa. È ampiamente diffusa la giusta

Dettagli

COMUNE DI CARBONIA OBIETTIVI STRATEGICI DELL AMMINISTRAZIONE IN RELAZIONE AI DUE AMBITI DI RICERCA

COMUNE DI CARBONIA OBIETTIVI STRATEGICI DELL AMMINISTRAZIONE IN RELAZIONE AI DUE AMBITI DI RICERCA Analisi di caso per la rilevazione dei fabbisogni formativi nei settori gestione e sviluppo delle risorse umane e comunicazione istituzionale e interna Comune di Carbonia Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N.

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. 190) INDICE Premessa 1. La formazione: strumento di promozione della

Dettagli

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE Sommario CAPO I....2 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA...2 ART. 1 - MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Formato europeo per il

Formato europeo per il Formato europeo per il c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Cognome e Nome LA PLACA AGNESE Telefono 091 6277206 3351294785 E-mail Codice fiscale agneselaplaca@virgilio.it LPLGNS57B50G273O

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 I MUTUI BANCARI. Capitolo 2 PENALI PER L ESTINZIONE ANTICIPATA DEI MUTUI

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 I MUTUI BANCARI. Capitolo 2 PENALI PER L ESTINZIONE ANTICIPATA DEI MUTUI INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 I MUTUI BANCARI 1.1. I mutui bancari: aspetti introduttivi... 1 1.2. Mutui di scopo e mutui agevolati.... 4 1.3.

Dettagli

Capitolato speciale d appalto per l affidamento della gestione del nido - scuola Faber di

Capitolato speciale d appalto per l affidamento della gestione del nido - scuola Faber di 1 ALLEGATO N 4 Capitolato speciale d appalto per l affidamento della gestione del nido - scuola Faber di Via Brigata Reggio 20 (durata 01.09.2015 30.06.2017). Nuovo affidamento ai sensi dell art. 57, comma

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA DETERMINAZIONE n 3.638-2008 SETTORE RISORSE CULT. TURIST. SERV. ALLA PERS.-COMUNITA Proponente: DIR.SET.RIS.CULT.TUR.SERV.PERSDR. GIANNI PETTERLINI OGGETTO: AFFIDO D'INCARICO DI CONSULENZA

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI

SETTORE AFFARI GENERALI SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZI: SEGRETERIA, LEGALE E AFFARI ISTITUZIONALI CONTRATTI E APPALTI SEGRETERIA SINDACO RELAZIONI ESTERNE U.R.P. CENTRO DI RESPONSABILITA : COD.02 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO

Dettagli

PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI CAPO I - DEFINIZIONI Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente Protocollo si intende per: a) TUF : il decreto legislativo 24 febbraio

Dettagli

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE PER LA PROGETTAZIONE NONCHE MODALITA E CRITERI DI ATTRIBUZIONE AL PERSONALE Approvato con delib.

Dettagli

E) Rispetto delle normative Lʼimpresa sottoscritta dichiara di rispettare integralmente, ai sensi e per gli effetti dellʼart 10 L.

E) Rispetto delle normative Lʼimpresa sottoscritta dichiara di rispettare integralmente, ai sensi e per gli effetti dellʼart 10 L. C) Percentuali di conferma Nei precedenti 24 mesi sono stati mantenuti in servizio apprendisti corrispondenti a non meno del 80% dei rapporti cessati nel suddetto periodo. D) Formazione Il piano formativo

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - TRENTO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - TRENTO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - TRENTO Determinazione dirigenziale n. 11/2 del 20 gennaio 2015 Oggetto: Consulenza contabile, fiscale, amministrativa al dott. Stefano Tomazzoni

Dettagli