Web: PEC:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Web: www.ersucam.it - E-mail: ersu.camerino@ersucam.it - PEC: ersu.camerino@_emarche.it"

Transcript

1 ERSI! di Camerino PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ( A CARATTERE PROVVISORIO) Art.1 Oggetto 1.1. Il Piano della prevenzione della corruzione (di seguito denominato "Piano") si applica all'ersu di Camerino (di seguito denominato "Ente") ai sensi del comma 59 dell'art. 1 della Legge n. 190/2012 (di seguito denominata L. 190/12) Il Piano analizza il diverso livello di esposizione dei servizi al rischio di corruzione e di illegalità e indica gli interventi organizzativi volti a prevenire il medesimo rischio. Il Piano altresì dà indicazioni sulle procedure più appropriate per selezionare e formare, in collaborazione con la Scuola regionale di Formazione della Pubblica Amministrazione, i dipendenti chiamati a operare in servizi particolarmente esposti alla corruzione, prevedendo, per quanto possibile, negli stessi la rotazione dei responsabili e dei dipendenti Il Piano viene aggiornato con apposita deliberazione consiliare con cadenza annuale e ogni volta intercorrono mutamenti organizzativi della struttura gestionale Il Piano viene recepito da ogni dipendente dopo l'approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione e per i nuovi assunti al momento della presa in servizio; al personale verranno notificati gli eventuali aggiornamenti di cui al punto Parte integrante e sostanziale del Piano sono: a) le strategie, le norme e i modelli standard che saranno definiti con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri previsto dall'art. 1, comma 4 della L. 190/12; b) le linee guida contenute nel piano nazionale anticorruzione approvate dal Comitato Interministeriale Anticorruzione nella seduta del 12 marzo 2013; c) il Piano della Trasparenza e della Integrità inteso come articolazione del presente Piano. Art. 2 Ambito di applicazione e individuazione della attività a più elevato rischio di corruzione nell'ente Il presente Piano ha come scopo quello di prevenire le condotte di corruttela nei seguenti ambiti e materie: a) materie oggetto di incompatibilità, cumulo di impieghi e incarichi: art. 53 DLgs n. 165/2001 s. m. e i.; b) materie oggetto di codice di comportamento dei dipendenti dell'ente: art. 54 DLgs n. 165/2001 s. m. e i.; c) materie il cui contenuto è pubblicato nei siti internet delle pubbliche amministrazioni : art. 54 DLgs n. 82/2005; d) retribuzioni dei dirigenti e delle posizioni organizzative, tassi di assenza e di maggior presenza del personale: art. 21 L.n. 69/2009; e) trasparenza: art. 11 L. n. 150/2009; f) materie oggetto di informazioni rilevanti con le relative modalità di pubblicazione individuate con Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri ai sensi del comma 31 dell'art. 1 della L. 190/12; g) attività riferite ai "livelli essenziali delle prestazioni" di cui al comma 15 dell'art. 1 della L: n. 190/12, con particolare riferimento ai procedimenti di: - autorizzazione o concessione; Web: PEC:

2 ERSU di Camerino scelta del contraente per l'affidamento di lavori, forniture e servizi, anche con riferimento alle modalità di selezione prescelta ai sensi del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, - concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati, concorsi e prove selettive per l'assunzione del personale e progressioni di carriera di cui all'art. 24 del DLgs n. 150/2009. h) attività connesse alla spendig review: telefonia i) salario accessorio; j) controlli informatizzati della presenza; k) manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici di proprietà e gestiti dall'ente. Art. 3 Formazione 3.1. L'Ente emana il piano annuale di formazione in cui vengono indicati: a) le materie oggetto di formazione corrispondenti alle attività indicate al precedente art.2, nonché sui temi della legalità e dell'etica mediante prioritariamente corsi della Scuola Regionale di Formazione della Pubblica Amministrazione; b) i dipendenti e i funzionari che svolgono attività nell'ambito delle materie sopra citate; c) il grado di informazione e di conoscenza dei dipendenti nelle materie-attività a rischio di corruzione; d) le metodologie formative con riferimento alla formazione applicata (analisi dei rischi tecnici) e quella amministrativa (analisi dei rischi amministrativi) e) la individuazione dei docenti ricorrendo preferibilmente a persone esterne all'ente con provata esperienza nelle materie/attività a rischio corruzione Le attività formative vengono distinte in processi di formazione "base" e di formazione "continua" per aggiornamenti, (fondi di bilancio) Responsabile della prevenzione della corruzione (di seguito denominato "R.P.C.") con la definizione del piano di formazione assolve la definizione delle procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti incaricati ad operare in servizi particolarmente esposti alla corruzione: comma 8 art.l L. 190/12. Art. 4 Attuazione e controllo delle decisioni idonei a prevenire il rischio di corruzione provvedimenti conclusivi il procedimento amministrativo, nel caso delle attività di cui al precedente articolo 2, sono assunti in forma di "determina" o, nei casi previsti nella LR n. 38/1996, di "delibera" del Consiglio di Amministrazione, al fine di garantire la trasparenza dell'azione amministrativa e dell'accessibilità agli atti dell'amministrazione Determine e delibere sono pubblicate all'albo pretorio on-line e nel sito web dell'ente e rese disponibili a chiunque; nel caso in cui il provvedimento conclusivo sia un atto diverso si provvede alla pubblicazione sul sito web provvedimenti conclusivi debbono riportare nel documento istruttorio la puntuale descrizione del procedimento svolto, richiamando tutti gli atti prodotti, anche interni, per addivenire alla decisione finale; ciò al fine di garantire a chiunque vi abbia interesse di ricostruire l'intero procedimento amministrativo, anche avvalendosi dell'istituto del diritto all'accesso (art. 22 e seguenti L. 241/1990) provvedimenti conclusivi, a norma dell'art. 3 della L. 241/1990, debbono essere motivati con precisione, chiarezza e completezza; la motivazione deve indicare i presupposti di fatto e le ragioni Web: PEC:

3 ERSU di Camerino giuridiche che hanno determinato la decisione, in relazione alle risultanze dell'istruttoria. Lo stile dovrà essere il più possibile semplice e diretto; la motivazione deve essere opportunamente espressa con frasi brevi intervallate da punteggiatura; l'uso degli acronimi, abbreviazioni e sigle è circoscritto a quelle di uso più comune. Quanto sopra per consentire a chiunque, soprattutto a coloro che sono estranei alla pubblica amministrazione, di comprendere appieno la portata di tutti i provvedimenti La pubblicazione, nel sito internet dell'ente, costituisce il metodo fondamentale per il controllo da parte del cittadino e/o utente, delle decisioni nelle materie a rischio di corruzione evidenziate nel presente Piano Per le attività indicate nel precedente art. 2, sono individuate le seguenti regole di legalità e integrità: a) obbligo di astensione dei dipendenti e degli amministratori dell'ente in atti e/o provvedimenti riconducibili alla propria persona e/propri interessi; b) trasparenza sulle retribuzioni dei dirigenti, delle posizioni organizzative e sui tassi di assenza e di maggior presenza del personale; c) codice di comportamento delle pubbliche amministrazioni emanato con DPR n. 62/2013; d) obbligo di procedere, almeno sei mesi prima della scadenza dei contratti aventi per oggetto la fornitura di beni e servizi, alla indizione delle procedure previste dalla vigente normativa; e) carta dei servizi; f) rotazione, per quanto possibile, di funzionari particolarmente esposti alla corruzione; g) attuazione di processi di controllo di gestione per monitorare le attività del presente Piano; h) previsione di forme di presa d'atto del presente Piano da parte dei dipendenti dell'ente. La stazione appaltante dell'ente deve prevedere negli avvisi, bandi di gara o lettere d'invito che il mancato rispetto delle sopra citate regole, costituisce causa di esclusione dalla gara. Stante l'obbligo di prevenire i possibili rapporti illeciti, il Responsabile di Posizione Organizzativa deve garantire la certezza del rispetto dei tempi procedimentali e il rispetto scrupoloso delle seguenti modalità: a) la esecuzione dei regolamenti, protocolli e procedimenti disciplinanti le decisioni nelle attività a rischio corruzione, deve essere preceduta dalla redazione della lista delle operazioni da eseguirsi, ove sia indicato l'iter del procedimento amministrativo; b) la lista delle operazioni indica, per ciascuna fase procedimentale: 1) le norme da rispettare e la interpretazione giurisprudenziale, 2) il responsabile unico del procedimento, 3) i tempi di ciascuna fase del procedimento e i tempi di conclusione dello stesso. Il Responsabile di posizione organizzativa verifica periodicamente la corretta esecuzione dei regolamenti, protocolli e procedimenti disciplinanti le decisioni nelle attività a rischio corruzione informando contestualmente il R.P.C., anche nel caso di interventi correttivi delle anomalie. Art. 5 Obblighi di trasparenza 5.1. La trasparenza viene assicurata con la pubblicazione nel sito web dell' Ente e con la trasmissione alla Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche: a) delle informazioni relative alle attività indicate nel precedente art. 2 tra le quali è più elevato il rischio corruzione, b) delle informazioni relative ai procedimenti amministrativi nel rispetto delle disposizioni in materia di segreto di Stato, di segreto d'ufficio e di protezione dei dati personali, Web: PEC:

4 REGIONE MARCHI; ERSI) di Camerino c) dei bilanci, nonché dei costi unitari di produzione dei servizi erogati agli utenti e di realizzazione delle opere pubbliche, secondo lo schema tipo redatto dall'autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, d) delle informazioni di attuazione dei protocolli di legalità e delle regole di integrità indicati nel precedente art L'Ente rende noto, tramite il proprio sito web istituzionale, gli indirizzi di posta elettronica certificata dei seguenti dipendenti: a) Direttore dell'ente e ciascun Responsabile di Posizione Organizzativa, b) coloro che sono incaricati ad operare nei servizi particolarmente esposti alla corruzione, c) Responsabili unici dei procedimenti. Agli indirizzi sopra citati è possibile rivolgersi per trasmettere istanze ai sensi dell'art. 38 del DPR 445/2000 e ricevere informazioni circa i provvedimenti e i procedimenti amministrativi che lo riguardano Le stazioni appaltanti nei procedimenti di scelta del contraente per l'affidamento dei lavori, forniture e servizi, sono in ogni caso tenute a pubblicare nel sito web istituzionale: la struttura proponente, l'oggetto del bando, l'elenco degli operatori invitati a presentare offerte, l'aggiudicatario, l'importo di aggiudicazione, i tempi di completamento dell'opera, servizio o fornitura, l'importo delle somme liquidate Le informazioni di cui al precedente comma e relative all'anno precedente, sono pubblicate in tabelle riassuntive rese liberamente scaricabili in un formato digitale standard aperto che consenta di analizzare e rielaborare, anche ai fini statistici i dati informatici e trasmesse all'autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture E' prevista la massima trasparenza sulle retribuzioni dei dirigenti e posizioni organizzative, nonché sui tassi di assenza e di maggiore presenza del personale (art. 21 L. 69/2009). Art. 6 Compiti del Responsabile della prevenzione della corruzione R.P.C. dell'ente, individuato con Delibera n. 42 del deve: - proporre il piano triennale della prevenzione entro il 15 dicembre di ogni anno; approva entro il 28 febbraio 2014, e di ogni anno successivo, la relazione rendiconto di attuazione del piano dell'anno di riferimento sulla base dei rendiconti presentati dai Responsabili di Posizione Organizzativa sui risultati realizzati; presentare al Consiglio di Amministrazione entro il mese di febbraio 2014, e di ogni anno successivo, la relazione sulle attività poste da ciascun responsabile di posizione organizzativa in merito alla attuazione delle regole di legalità e integrità emanate dall'ente; lo stesso Consiglio esamina le azioni di correzione del piano proposte dal Responsabile a seguito di criticità emerse; proporre, ove possibile, al Consiglio di Amministrazione la rotazione degli incarichi dei Responsabili di Posizione Organizzativa; individuare, previa proposta dei Responsabili di riferimento, il personale da inserire nei programmi di formazione; - verificare almeno tre mesi prima della scadenza dei contratti aventi per oggetto la fornitura di beni e servizi, la avvenuta indizione, da parte dei Responsabili di posizione Organizzativa, delle procedure di selezione previste dalla normativa vigente; proporre al Consiglio di Amministrazione, entro la fine del mese di maggio di ogni anno, una eventuale rotazione dei funzionari e dipendenti particolarmente esposti a rischio corruttivo; Web: PEC:

5 ERSI! di Camerino procedere con proprio atto a definire le azioni correttive per l'eliminazione delle criticità, per le attività individuate dal presente Piano con più alto rischio di corruzione, previa proposta del Responsabile di Posizione Organizzativa; approvare, entro quattro mesi dalla approvazione del piano di prevenzione della corruzione, previa proposta dei Responsabili di Posizione Organizzativa, il piano annuale di formazione delle Aree, con esclusivo riferimento alle materie inerenti le attività a rischio di corruzione individuate nel presente Piano; presentare entro il mese di febbraio di ciascun anno al Consiglio di Amministrazione una relazione sulle attività poste da ciascun Responsabile di Area in merito alla attuazione effettiva delle regole di legalità o integrità previste nel presente Piano. Art. 7 Compiti di responsabilità dei Dipendenti e delle Posizioni Organizzative dipendenti incaricati di operare in servizi e/o attività particolarmente esposti alla corruzione e i relativi Responsabili delle Posizioni Organizzative, con riferimento balle rispettive competenze previste dalla legge e dai regolamenti vigenti: attestano di essere a conoscenza del presente piano di prevenzione della corruzione; provvedono alla esecuzione del suddetto piano, - si astengono, ai sensi dell'art. 6 bis della L. n. 241/1990, in caso di conflitto di interessi, segnalando tempestivamente ogni situazione di conflitto anche potenziale Il Responsabile di Posizione Organizzativa, per l'attuazione delle attività ad alto rischio di corruzione indicate al precedente art. 2, presenta al Responsabile della prevenzione della corruzione, entro 120 giorni dalla approvazione del presente atto, un piano preventivo dettagliato dipendenti che svolgono le attività a rischio di corruzione, relazionano, con cadenza trimestrale, al Responsabile di Posizione Organizzativa di riferimento sul rispetto dei tempi procedimentali e su qualsiasi anomalia accertata, indicando, per ciascun procedimento nel quale i termini non sono stati rispettati le motivazioni in fatto e in diritto che giustifica il ritardo Responsabili di Posizione Organizzativa: provvedono trimestralmente al monitoraggio del rispetto dei tempi procedimentali e alla tempestiva eliminazione delle anomalie; informano, con particolare riguardo alle attività a rischio di corruzione, tempestivamente il Responsabile della prevenzione della corruzione in merito al mancato rispetto dei tempi procedimentali e di qualsiasi anomalia accertata, compresa l'adozione delle azioni intraprese per la relativa eliminazione; nel rispetto della disciplina del diritto di accesso ai documenti amministrativi di cui al Capo V della L. n.241/1990, rendono accessibili in ogni momento agli interessati, tramite gli strumenti di identificazione informatica di cui all'art. 65, comma 1, del decreto legislativo n. 82/2005, le informazioni relative ai provvedimenti e ai procedimenti amministrativi, ivi comprese quelle relative allo stato della procedura, ai relativi tempi e alla specifica Area competente in ogni singola fase; inseriscono negli avvisi, bandi di gara e lettere d'invito che il mancato rispetto delle clausole contenute nei protocolli di legalità o integrità del presente Piano costituisce causa di esclusione; - procedono, almeno sei mesi prima della scadenza dei contratti aventi per oggetto la fornitura dei beni, servizi e lavori, alla indizione delle procedure di selezione, secondo le modalità indicate dal DLgs n. 163/2006; Web: PEC:

6 REGIONE MARCHI KRSU di Camerino - indicano al R.P.C., previo monitoraggio delle attività individuate dal presente Piano, i procedimenti che palesano criticità e le azioni correttive; comunicano al R.P.C., entro il 30 aprile di ogni anno: a) i dipendenti da inserire nei programmi di formazione della propria Area, con esclusivo riferimento alle materie inerenti le attività a rischio di corruzione individuate nel presente Piano, b) le materie oggetto di formazione, c) il grado di informazione e di conoscenza dei dipendenti nelle materie/attività a rischio di corruzione, d) le metodologie formative prevedendo se sia necessaria la formazione applicata e/o quella amministrativa, presenta, entro il mese di giugno di ogni anno, al R.P.C, una relazione sulle attività poste in merito alla attuazione delle regole di legalità o integrità indicate nel presente Piano. Art. 8 Responsabilità 8.1. Il R.P.C, risponde nelle ipotesi previste dai commi 12, 13 e 14 dell'art. 1 della L. 190/ Per le responsabilità derivanti dalla violazione del codice di comportamento, si rinvia all'art. 54 del DLgs n. 165/2001; le violazioni gravi e reiterate comportano l'applicazione del comma 1 dell'art. 55-quater del DLgs n. 165/2001. Art. 9 Norme di rinvio ed entrata in vigore 9.1. Per quanto afferisce le procedure e gli obblighi in materia di trasparenza dell'azione della pubblica amministrazione, si rimanda alla delibera 9.2. Il presente Piano entra in vigore il giorno di pubblicazione all'albo Pretorio dell'ente della delibera di approvazione. \\Krsu-doc\DocUtenti\RobertoF\Docunienti\Piano triennale della corruzione.doc Web: ersu.camerino&ersucam.it - PEC: ersu.camerino&emarche.it

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). Piano triennale approvato con deliberazione del Consiglio d Amministrazione 8/2013 del 26/03/2013 ART. 1 premessa 1. Il piano della

Dettagli

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n.

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n. Comune di Pompiano (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (Legge 6 novembre 2012, n. 190) ART. 1 Premessa e finalità del Piano di Prevenzione della Corruzione

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n. 16 del 15/05/2013 OGGETTO: Esame ed approvazione del Piano triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (legge 190 del 06.11.2012). IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che ai sensi dell art.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE C I TT A D i G E R A C E 1. Oggetto del Piano PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE 1. Il piano di prevenzione della corruzione: a) fornisce il diverso livello di esposizione degli

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Piano Triennale di prevenzione della corruzione per il periodo 2015/2017 1/ 9 ART. 1 - Premessa COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Il Piano Triennale della prevenzione della corruzione si applica al Comune

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 (Legge n. 190 del 6.11.2012) ART. 1 PREMESSA a) Il piano della prevenzione della corruzione si applica

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia. PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (legge n. 190 del 6 novembre 2012).

COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia. PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (legge n. 190 del 6 novembre 2012). COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (legge n. 190 del 6 novembre 2012). Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio n. 23 del 21 marzo 2013 ART.

Dettagli

oggetto: esame e approvazione piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012).

oggetto: esame e approvazione piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012). oggetto: esame e approvazione piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012). ART. 1 premessa a) il piano della prevenzione della corruzione si applica ai Comuni ai sensi del

Dettagli

COMUNE DI GUARENE PROVINCIA DI CUNEO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PARTE PRIMA PREMESSA. Art. 1 Oggetto

COMUNE DI GUARENE PROVINCIA DI CUNEO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PARTE PRIMA PREMESSA. Art. 1 Oggetto COMUNE DI GUARENE PROVINCIA DI CUNEO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PARTE PRIMA PREMESSA Art. 1 Oggetto 1. Il presente piano triennale dà attuazione alle disposizioni di cui alla L. 6

Dettagli

Piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012)

Piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012) Allegato 1 Piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012) ART. 1 Premessa Il Piano di prevenzione della corruzione, che si applica ai Comuni ai sensi dell'art. 1, co. 59, legge

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL IPAB ISTITUTI DI SANTA MARIA IN AQUIRO (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012).

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL IPAB ISTITUTI DI SANTA MARIA IN AQUIRO (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL IPAB ISTITUTI DI SANTA MARIA IN AQUIRO (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). ART. 1 OGGETTO E FINALITA' Ai sensi della Legge 190/2012 "Disposizioni per

Dettagli

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1 I N D I C E Art. 1 Premessa.. pag. 2 Art. 2 I settori e le attività particolarmente esposti alla corruzione. pag. 2 Art. 3 Attuazione e controllo delle

Dettagli

PIANO TRIENNALE di PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE di PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE All. B) PIANO TRIENNALE di PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 16 del 13 MAGGIO 2013 A cura del Segretario Comunale d.ssa Alessandra Ferrara 1 I

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE PREMESSA Oggetto del piano Il Responsabile della prevenzione

Dettagli

ATERP DELLA PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (legge n. 190 del 6 novembre 2012).

ATERP DELLA PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (legge n. 190 del 6 novembre 2012). ATERP DELLA PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (legge n. 190 del 6 novembre 2012). PREMESSA Il presente piano della prevenzione della corruzione, predisposto ai fini e per

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

ART. 2 Mappatura del rischio ed individuazione delle attività

ART. 2 Mappatura del rischio ed individuazione delle attività Piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012) ART. 1 premessa a) il piano della prevenzione della corruzione si applica al Comune ai sensi del comma LIX dell art. 1 legge 190/2012

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso PIANO TRIENNALE PROVVISORIO PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE

Dettagli

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO Alberatura La soluzione consente di assolvere agli obblighi di legge in materia di trasparenza per quanto riguarda la strutturazione della sezione amministrazione trasparente quale link proposto nella

Dettagli

ONLINE l'integrità d.lgs. 33/2013) Riferimenti normativi su organizzazione e attività. Atti amministrativi generali

ONLINE l'integrità d.lgs. 33/2013) Riferimenti normativi su organizzazione e attività. Atti amministrativi generali Disposizioni generali SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE - PIANIFICAZIONE Macrofamiglie Tipologie di dati Riferimento normativo Denominazione del singolo obbligo

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNIO 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNIO 2014/2016 Allegato A alla deliberazione di G.C. n. 16 del 29/01/2014 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNIO 2014/2016 ART. 1 PREMESSA 1. Il Piano della prevenzione della corruzione si applica ai Comuni ai

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNIO 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNIO 2014/2016 Allegato A alla deliberazione di G.C. n. del /01/2014 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNIO 2014/2016 ART. 1 PREMESSA 1. Il Piano della prevenzione della corruzione si applica ai Comuni ai sensi

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SEZIONE I PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ Anni 2015-2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SEZIONE I PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ Anni 2015-2017 SEZIONE I PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ Anni 2015-2017 Premessa. L art. 10 del d.lgs. n. 33/2013 dispone che ogni singola amministrazione, o altri soggetti obbligati ai sensi dell

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l'integrità. Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. 33/2013

Programma per la Trasparenza e l'integrità. Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. 33/2013 Programma per la Trasparenza e l'integrità Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. Programma per la Trasparenza e l'integrità Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Azienda Speciale Servizi Alla Persona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Numero 39 Data 13/10/2014 Oggetto: Approvazione programma triennale trasparenza e piano triennale anticorruzione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS 1 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) Legge 6 novembre 2012, n. 190) Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 (approvato con delibera di G.C. n. del ) predisposto a cura della Segreteria Generale e del Servizio di Controllo Interno Monitoraggio PEG INDICE

Dettagli

ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA

ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015 2017 Il Piano Triennale di prevenzione della corruzione è il documento previsto dall'art. 1 della

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC onlus

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC onlus PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC onlus (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) Legge 6 novembre 2012, n. 190)

Dettagli

AUTORITA' PORTUALE DI PALERMO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 AGGIORNAMENTO 2015

AUTORITA' PORTUALE DI PALERMO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 AGGIORNAMENTO 2015 AUTORITA' PORTUALE DI PALERMO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 AGGIORNAMENTO 2015 Indice: 1. Premessa 1.1. Oggetto e principi generali 1.2. Fonti normative 2. Introduzione: Organizzazione

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 INTRODUZIONE Con la legge n. 190 del 6 novembre 2012, entrata in vigore il 28 novembre 2012, sono state dettate

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 Comune di Ronchis Provincia di Udine PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Il Decreto Legislativo n. 33/2013 ha confermato

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE Premessa Lo scorso 28 novembre è entrata in vigore la legge 6 novembre 2012 n. 190 contenente le disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DELLA VALLE USTICA PROVINCIA DI ROMA

UNIONE DEI COMUNI DELLA VALLE USTICA PROVINCIA DI ROMA UNIONE DEI COMUNI DELLA VALLE USTICA PROVINCIA DI ROMA Deliberazione COPIA Giunta dell Unione Atto n.03/2013 OGGETTO: Approvazione piano di prevenzione triennale. Legge n. 190 del 6 novembre 2012.. L anno

Dettagli

Allegato al Piano per la trasparenza e l integrità Categorie di dati ed informazioni da pubblicare

Allegato al Piano per la trasparenza e l integrità Categorie di dati ed informazioni da pubblicare 1 Allegato al Piano per la trasparenza e l integrità Categorie di dati ed informazioni da pubblicare 2 Denominazione sotto-sezione 1 livello (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie

Dettagli

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE sottosezione del singolo obbligo Contenuti dell'obbligo Aggiornamento Disposizioni generali Attestazioni OIV o struttura analoga Art. 14, c. 4, lett. g), 150/2009 Attestazioni OIV o struttura analoga Attestazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33) Finalità del Piano Con il presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, l ATC di

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PER IL TRIENNIO 2014-2016

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PER IL TRIENNIO 2014-2016 UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Cadoneghe Vigodarzere PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PER IL TRIENNIO 2014-2016 Approvato con delibera

Dettagli

SCHEDE DELLE ATTIVITA' A RISCHIO E DELLE MISURE DI PREVENZIONE E CONTRASTO

SCHEDE DELLE ATTIVITA' A RISCHIO E DELLE MISURE DI PREVENZIONE E CONTRASTO SCHEDE DELLE ATTIVITA' A RISCHIO E DELLE MISURE DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLEGATO "A" al Piano triennale della corruzione e dell'illegalità 2014-2016 Tutti i procedimenti aventi ad oggetto sovvenzioni,

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

OGGETTO: ESAME E APPROVAZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (L. 6.11.2012 n.190).

OGGETTO: ESAME E APPROVAZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (L. 6.11.2012 n.190). OGGETTO: ESAME E APPROVAZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (L. 6.11.2012 n.190). ART. 1 PREMESSA 1) il piano della prevenzione della corruzione si applica ai Comuni ai sensi dell articolo 1, comma

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Fondazione Provinciale Bresciana per L Assistenza Minorile onlus PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Triennio 2014 2016 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI ALLEGATO A) QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI Data Attività Soggetto competente 30 marzo di ogni anno Comunicazione al Responsabile della prevenzione della corruzione e al nucleo di valutazione, della

Dettagli

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELL AREA METROPOLITANA DI TORINO Sede legale: Viale C. Emanuele II, 256 10078 Venaria Reale (TO) - P.I. 01699930010 - tel. 011 4993311 fax 011 4594352 PIANO PROVVISORIO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PREMESSA Il presente Programma Triennale 2014/2016 rappresenta il terzo

Dettagli

ALLEGATO 1) SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI

ALLEGATO 1) SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI ALLEGATO 1) SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI Denominazione sotto-sezione livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sottosezione 2 livello (Tipologie

Dettagli

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA AVVISO AL PERSONALE DIPENDENTE Procedura di consultazione interna: ai fini dell aggiornamento del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015-2017 (P.T.P.C.)

Dettagli

C I T T A D I L A G O N E G R O (Provincia di Potenza)

C I T T A D I L A G O N E G R O (Provincia di Potenza) C I T T A D I L A G O N E G R O (Provincia di Potenza) COPIA DELIBERAZIONE N. 6 in data: 02.02.2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PIANO ANTICORRUZIONE 2015-2017. L anno duemilaquindici addi

Dettagli

Denominazione del singolo obbligo (1) Programma per la Trasparenza e l'integrità

Denominazione del singolo obbligo (1) Programma per la Trasparenza e l'integrità Tabella 1 allegata al Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI Macrofamiglie Programma per la Trasparenza

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE (2014-2016)

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE (2014-2016) PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE (2014-2016) SOMMARIO PRESENTAZIONE 1. CONTESTO INTERNO 2. IL PERSONALE 3. GLI ORGANI 4. OGGETTO E FINALITA 5. RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 6. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Provincia di Padova GIURIDICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Provincia di Padova GIURIDICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova GIURIDICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 1522/2014 Determina n. 1281 del 18/04/2014 Oggetto: INDIZIONE GARA CON PROCEDURA NEGOZIATA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DEL MEDICO COMPETENTE,

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

Il Programma che segue indica gli obiettivi di trasparenza triennali da aggiornare annualmente.

Il Programma che segue indica gli obiettivi di trasparenza triennali da aggiornare annualmente. Il Programma che segue indica gli obiettivi di trasparenza triennali da aggiornare annualmente. SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI Programma per la Trasparenza

Dettagli

COMUNE DI VALMACCA PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

COMUNE DI VALMACCA PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE COMUNE DI VALMACCA PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ART. 1 Premessa Il piano della prevenzione della corruzione si applica ai Comuni ai sensi del comma 49 dell'art. 1 legge 190/2012:

Dettagli

SCHEDA n.1 AREA DI RISCHIO: SOVVENZIONI e CONTRIBUTI Mappatura del Valutazione del Rischio

SCHEDA n.1 AREA DI RISCHIO: SOVVENZIONI e CONTRIBUTI Mappatura del Valutazione del Rischio Tutti i procedimenti aventi ad oggetto sovvenzioni, contributi e sussidi a persone fisiche e a persone giuridiche pubbliche e private SCHEDA n.1 AREA DI RISCHIO: SOVVENZIONI e CONTRIBUTI 2)Inosservanza

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 5 DEL 29.01.2014 COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA PIANO DELL INTEGRITA E DELLA TRASPARENZA PROGRAMMA TRIENNALE ANNO 2014 2016 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

TPER SPA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016

TPER SPA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 TPER SPA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 Direzione Generale Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014 1 Sommario Fonti di riferimento pag. 3 I contenuti del

Dettagli

1. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELLA SOCIETÀ... 2. AMBITO NORMATIVO... IL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LA PUBBLICITA

1. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELLA SOCIETÀ... 2. AMBITO NORMATIVO... IL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LA PUBBLICITA INTRODUZIONE: 1. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELLA SOCIETÀ... 2. AMBITO NORMATIVO... IL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LA PUBBLICITA 1. IL PROCEDIMENTO DI ELABORAZIONE E ADOZIONE. 2. IL FLUSSO

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 )

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) 1. Finalità del Piano Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di

Dettagli

Area Amministrativa Emissione titoli di spesa Basso Emissione lasciapassare incasso denaro

Area Amministrativa Emissione titoli di spesa Basso Emissione lasciapassare incasso denaro CT SERVIZI SRL CON SOCIO UNICO IL COMUNE DI CAVALLINO TREPORTI Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014 2015 2016 Art. 1 Oggetto e finalità Ai sensi della Legge 190/2012 Disposizioni per la

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 CAPO I PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA Articolo 1 (Oggetto e finalità) 1.

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

SETA SPA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 16.02.2015

SETA SPA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 16.02.2015 SETA SPA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 16.02.2015 1 Sommario Fonti di riferimento pag. 3 I contenuti del Programma pag. 3

Dettagli

Stato di attuazione del. Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova. - Relazione integrativa anno 2013 -

Stato di attuazione del. Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova. - Relazione integrativa anno 2013 - Stato di attuazione del 10/3/2014 Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova - Relazione integrativa anno 2013 - Sommario Premessa... 2 1. Sintesi delle principali attività

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DELL AREA AMMINISTRATIVA - AFFARI GENERALI RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DELL AREA AMMINISTRATIVA - AFFARI GENERALI RENDE NOTO Scade il 16 novembre 2015 AVVISO PUBBLICO PER PASSAGGIO DIRETTO DI PERSONALE DI RUOLO DIPENDENTE DI ENTI DI AREA VASTA EX. ART. 30 D.LGS 165/2001 ESCLUSIVAMENTE RISERVATO AGLI ISCRITTI NELLE LISTE DELLE

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 01-014 (Aggiornamento Tecnico 014 del 30 SETTEMBRE 013) Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale delle informazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

DELIBERA DI GIUNTA N. 16

DELIBERA DI GIUNTA N. 16 COMUNITA VALSUGANA E TESINO DELIBERA DI GIUNTA N. 16 OGGETTO : Adozione piano triennale di prevenzione della corruzione (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. L anno 2014, il giorno 23

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 Allegato A Al Programma Triennale per la 2015-2017 Di seguito i dati oggetto di pubblicazione, ai sensi di quanto previsto dalla normativa sulla di cui al 33 del 2013.

Dettagli

COMUNE DI GRECCIO Provincia di Rieti

COMUNE DI GRECCIO Provincia di Rieti COMUNE DI GRECCIO Provincia di Rieti FR Betlemme S.Donato Val di Comino - Città D Arte Luogo del Primo Presepio del Mondo - 1223 Guardea -TR Ai dipendenti del Comune di Greccio e p.c. al Sindaco OGGETTO:

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NUMERO 5 DEL 27-01-2014

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NUMERO 5 DEL 27-01-2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A NUMERO 5 DEL 27-01-2014 Oggetto: PIANO TRIENNALE COMUNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNI 2013-2014 - 2015-2016. APPROVAZIONE. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE

PROVINCIA DI VICENZA SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE PROVINCIA DI VICENZA SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE Contrà Gazzolle n. 1 36100 VICENZA Tel. 0444.908143 - Fax 0444.908541- C. Fisc. P. IVA 00496080243 Indirizzo posta elettronica: segreteria.direzione@provincia.vicenza.it

Dettagli

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ALLEGATO a) AL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2015-2017 - Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n._12_ del 29/01/2015 AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE SOTTOSEZIONE 1 livello sottosezione

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

Denominazione del singolo obbligo (1) Programma per la Trasparenza e l'integrità

Denominazione del singolo obbligo (1) Programma per la Trasparenza e l'integrità Tabella allegata al Piano Triennale per la Trasparenza e l Integrità SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI Macrofamiglie Tipologie Programma per la Trasparenza

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Opere Sociali di N.S. di Misericordia Savona

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Opere Sociali di N.S. di Misericordia Savona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA La trasparenza è uno strumento per il controllo diffuso da parte dei cittadini dell attività amministrativa e un elemento dell azione di prevenzione

Dettagli

Livello di rischio (art. 5, lett.a)) Procedimenti (art. 9, lett.a))

Livello di rischio (art. 5, lett.a)) Procedimenti (art. 9, lett.a)) SCHEDA N. 1 : APPALTI Lavori eseguiti in somma urgenza 1)Registro delle somme urgenze, recante le seguenti informazioni: - Estremi provvedimento di affidamento - Oggetto della fornitura - Operatore economico

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELL'EMILIA ROMAGNA

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELL'EMILIA ROMAGNA ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELL'EMILIA ROMAGNA SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE - PIANIFICAZIONE Macrofamiglie Tipologie di dati Riferimento normativo Denominazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Premessa Il Consorzio è stato costituito ai sensi dell art. 31 del T.U di cui al D.Lgs 267/2000

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE

DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE Copia Città di Manfredonia Provincia di Foggia Segretario Generale DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE N. 666 del 11/05/2015 OGGETTO: Selezione pubblica per titoli e colloquio per l assunzione a tempo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015 2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015 2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015 2017 Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 29/10/2015 Indice Premessa I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità

Dettagli

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio ALLEGATO A PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio Area A : Acquisizione e progressione del personale Reclutamento personale:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art. 11 del D.Lgs n. 150 del 27.10.2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art. 11 del D.Lgs n. 150 del 27.10.2009) COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art. 11 del D.Lgs n. 150 del 27.10.2009) 2011-2013 VERIFICA STATO ATTUAZIONE AL 31.12.2012 Premessa

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE SANZIONATORIO AI SENSI DELL ARTICOLO 47 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (data di pubblicazione nel sito internet dell Autorità: 23 luglio 2015)

Dettagli

COMUNE DI BOSISIO PARINI PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI BOSISIO PARINI PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI BOSISIO PARINI PROVINCIA DI LECCO Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 (articolo 1, commi 8 e 9 della legge 60 novembre 2012 numero 190 recante le disposizioni per la prevenzione

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

ALLEGATO "A" PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016

ALLEGATO A PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1. Rendere pubblici tutti i contributi erogati con identificazione del beneficiario, nel rispetto delle regole della tutela della riservatezza; 2.Predisposizione di linee guida operative, 2. Introduzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA Anni 2011-2013 (approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 440 del 22/11/2011) 1 SOMMARIO ART. 1- PRINCIPI 3 ART.

Dettagli

Art. 3 - I compiti dei dipendenti, responsabili delle posizioni organizzative e Responsabili Servizio

Art. 3 - I compiti dei dipendenti, responsabili delle posizioni organizzative e Responsabili Servizio COMUNE DI LESSONA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 (articolo 1, commi 8 e 9, della legge 6 novembre 2012 numero 190 recante le disposizioni

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 G.A.L. Mongioie società consortile a r.l. Piazza Vittorio Veneto n. 1 12070 Mombasiglio C.F. e P.I. 02581140049 Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 Approvato dal Consiglio

Dettagli

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 Approvato con deliberazione commissariale, adottata con i poteri della Giunta Comunale n. 28 del 04.03.2014

Dettagli

Tabella per la pubblicazione dei dati previsti dall All. 1 della Delibera A.N.AC. 50/2013

Tabella per la pubblicazione dei dati previsti dall All. 1 della Delibera A.N.AC. 50/2013 Organizzazione - Organi di indirizzo politico-amministrativo - Organi di indirizzo politico-amministrativo Nome / Cognome Curricula (art. 14, c. 1, lett. b), D. Lgs. n. Compensi di qualsiasi natura connessi

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Servizio Sanitario Regionale Basilicata Azienda Sanitaria Locale di Potenza NUMERO 2014/00168 DEL 28/03/2014 Collegio Sindacale il 28/03/2014 Controllo preventivo regionale

Dettagli

enzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012).

enzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012). oggetto: esame e approvazione piano triennale di preven enzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012). ART. 1 premessa a) il piano della prevenzione si applica ai Comuni ai sensi del comma LIX dell'art. 1

Dettagli

COMUNE DI GRADO AREA SERVIZI AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI GRADO AREA SERVIZI AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA Piazza Biagio Marin, 4 - cap 34073 Codice Fiscale e Partita IVA 00064240310 tel. 0431 898248 - fax 0431 85212 E-MAIL: servizi.amministrativi@comunegrado.it AREA SERVIZI

Dettagli

Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico

Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico USR UMBRIA - Giornata della trasparenza 2014 18 dicembre 2014 - Sala S. Anna, PERUGIA Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico Ing. Bruno G. Lamonaca Ufficio

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Il presente regolamento disciplina la gestione, il funzionamento e l utilizzo del sito internet istituzionale del Comune di Trapani, nonché le modalità

Dettagli