COMUNE DI SAN GIOVANNI GEMINI ( Provincia di Agrigento )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SAN GIOVANNI GEMINI ( Provincia di Agrigento )"

Transcript

1 COMUNE DI SAN GIOVANNI GEMINI ( Provincia di Agrigento ) Art.67-comma 11- della legge n. 133/2008 Pubblicazione sul sito web dell'accordo decentrato integrativo anno 2012, della scheda informativa 2 e della tabella 15 del conto annuale = = = = Oggetto: CCDI del personale non dirigente del Comune, stipulato il 17 settembre 2012 Anno = = = = Prospetto di distribuzione di risorse anno 2012 : N.o. Istituto Importo assegnato Importo fondo 2012 ( S.C. n. 218/2012) = ,12 ( stabili variabili ) 2) Disagio n. 2 autisti scuolabus ( Accardo e Minafra Armando ) Eventuale sostituzione dell autrista scuolabus 3) Disagio per eventuali interventi in occasione di eventi eccezionali ( Galeone,Callari e Manetta Antonino che possono avvicendarsi con altro personale) " 2.000,00 500, ,00 4) IDEM n.2 addetto al servizio cimiteriale 1.200,00 6) IDEM riscossione diritti di Segreteria " 150,00 7) Disagio Muratore lavori edili Manetta Antonino / Può avvicendarsi con Li Crapi Carmelo " 500,00 Sub totale per disagio Euro 7.350,00 1) Posizione responsabilità n. 10 dipendenti di Cat. D incaricati formalmente di responsabilità di servizio e non titolari di posizione organizzativa ( Virga Mario, Martorana,Curto Maria, Mangiapane M. Giuseppa, Traina Carmela, Caracciolo Carmela,Minafra Renato,Tagliareni Egidio,Scrudato Carmela, Gagliano)...Euro 2500,00 x 10 = Euro ,00 IDEM,Narisi V. Concetta = Euro 2.500,00 Euro ,00 2) N. 4 posizioni di responsabilità rinvenibili fra il personale di Categoria C incaricato di responsabilità di servizio, ivi compresa la Coordinatrice Asilo Nido pro tempore.( Tagliareni M. Giuseppa, Lupo Carmelo, Compilati A.na (7/12) ed eventuale responsabile 5/12 di anno., Coordinatrice asilo Nido) ,00 Sub totale per responsabilità ,00

2 1) Compenso per reperibilità Servizio Stato civile denunce morte - ( determinazione della CCDI del D.Segr. n. 251/2002 -) 2) Indennità contrattuali personale educativo Asilo nido (10 unità ) ( 960,61 x 10 ) 1.500, ,10 3) Turnazione VV.UU ,00 4) Indennità di rischio 27 unità ( 13 soggetti stabilizzati FNO 2 autisti scuolabus- 4 ausiliari Asilo Nido - 8 soggetti stabilizzati ex C.A. n.331/99 ) 9.720,00 Indennità maneggio valori Euro 483,60 Sub totale per reperibilità, indennità Asilo nido, turnazione, rischio e maneggio valori Risorse stabili impegnate (Residuo risorse art.15 anno 2012 = ,12 meno ,70 =1.555,42) Euro ,70 Euro ,70 a) Risorse ex lett.k), provenienti da enti esterni L importo di euro ,03 assegnato dalla Regione Sicilia per risorse decentrate stabili in favore di n. 4 soggetti contrattisti, finanzierà un progetto o piano di lavoro comunque riconducibile ad un istituto stabile, che verrà elaborato all interno della stessa platea e proposto all Aministrazione. ( la proposta viene accolta a maggioranza con voto contrario dei Sigg.ri Gagliano Miryam e Napoli Antonino). L importo di euro ,80 relativo ad attività di rilevazione statistica dell ISTAT, è stato già destinato a compensare le operazioni relative al 15 censimento della popolazione, sicchè di fatto fa riferimento all annualità economica L importo di euro ,00, di cui all art.13 L.R. n. 17/90, è destinato a finanziare i progetti di miglioramento dell efficienza del servizio della Polizia Municipale; Per quanto riguarda l importo di euro ,00,viene accolta la proposta del Dirigente dell area finanziaria, Rag. Antonino Colletto, di destinare lo stesso alla prosecuzione dell attività di recupero dell evasione ICI e TARSU., la cui prima tranche è stata realizzata nell anno L importo di euro ,00 relativo al fondo ex art.16 L.R. n. 41/86 verrà utilizzato, in ossequio all art.36 del vigente CCDI sottoscritto il , come segue : per il 50% dell importo, pari ad euro ,00, per singoli progetti -.obiettivo secondo le priorità fissate dagli obiettivi dell Amministrazione; per il restante 50% per produttività collettiva con esclusione dei dipendenti destinatari degli incentivi individuati e comunicati dal Dirigente area finanziaria con nota prot.

3 n del e di altri incentivi provenienti da altre disposizioni di legge,eventualmente non ancora comunicati dall Ufficio di Ragioneria e di cui si abbia comunque conoscenza ( incentivi progettazione, incentivi per pratiche immigrazione etc..) Si conferma che il progetto di produttività collettiva da compensare con il 50% delle risorse di cui all art.16 L.R. 41/96,viene individuato nel progetto utenza ( 30 ore aggiuntive da effettuare entro il 31 marzo 2013, giusta tabelle di valutazione in vigore). Relativamente alle risorse ex art.15 del CCNL e ss.mm.ii., il Presidente propone che si confermi per il 2012 la destinazione delle risorse ex art.15 dell anno 2011,eccezion fatta per il compenso per responsabilità del Vice Comandante che viene elevato ad euro 2.500,00: a tal proposito il Presidente Dr.Vasile Salvatore dichiara che l elevazione del compenso trova la sua motivazione nel fatto che sia il Comandante che il Vice Comandante non solo si sostituiscono a vicenda nel coordinamento del servizio di polizia municipale, ma svolgono tale attività in fasce orarie diversificate, stante che il servizio viene erogato sia in fascia antimeridiana che pomeridiana, compresi i giorni festivi anche infrasettimanali.la proposta viene accolta a maggioranza con l astensione della Sig.ra Gagliano Miryam, la quale comunque dichiara di essere favorevole ad un compenso per posizione di responsabilità in misura uguale per tutti. Si concorda inoltre che il compenso per responsabilità destinato alla dipendente Compilati Antonina (in pensione dal ) venga mantenuto nella misura annua intera affinchè si possa disporre delle risorse necessarie in caso di conferimento di incarico di responsabilità del relativo servizio ad altro dipendente. L importo di euro ,12 viene suddiviso fra i vari istituti accessori confermando con la variazione di cui sopra ( responsabilità Narisi V. Concetta ) la suddivisione dell anno 2011, per l importo complessivo di euro ,70 con la precisazione che l importo residuale di euro 1.555,42 viene destinato ad incrementare il fondo ex art.16 L.R. 41/86 ( pertanto tale fondo viene rideterminato in euro ,71 per il primo 50% e in euro ,71 per il restante 50% ). Resta fermo, per quanto riguarda l istituto del disagio, che nel 2012 il muratore e i tre operai, chiamati ad operare in caso di eventi eccezionali, potranno alternarsi con personale diverso da quello individuato. Buono-pasto Ai sensi dell art.5 comma 7 - del D.Lgs. n.95/2012 ( decreto sulla spending review ), a decorrere dal il valore del buono pasto attribuito al personale che in atto effettua due rientri pomeridiani settimanali di nove ore ciascuno, viene ridotto da euro 11,00 ad euro 7,00. L assemblea concorda tuttavia sul fatto che sono fatte salve diverse più favorevoli disposizioni che in tema di buono-pasto dovessero essere

4 emanate in sede di conversione in legge del predetto d.lgs. n.95/2012 ovvero mediante pareri o circolari esplicative, ai sensi delle quali disposizioni risulti acclarato che la rideterminazione del tetto massimo del valore del buono pasto a 7,00 euro, di cui all art.5 comma 7 del D.Lgs. 95/2012, predetto, non riguarda né i dipendenti dei Comuni né i dipendenti che effettuano rientri pomeridiani di nove ore giornaliere. Orario di lavoro del personale turnante della Polizia municipale- Comunicazione - Con riferimento alla richiesta prot. n del del dipendente Alongi Contardo e prot. n del e n del della dipendente Gagliano Miryam,con le quali il predetto personale ha chiesto l attivazione di un tavolo di concertazione per discutere sulle modalità orarie della turnazione estiva in fascia serale e notturna, il Presidente Dr. Salvatore Vasile comunica che a seguito della nuova formulazione del art.5 comma 2 del D.Lg.n.165/2001 tutte le determinazioni per l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro sono assunte dagli organi preposti alla gestione; pertanto l articolazione dell orario di lavoro del personale in turno non è più argomento di concertazione ma di sola informazione; nella fattispecie non è intendimento del Dirigente interessato di modificare l assetto orario della turnazione serale e notturna del personale della Polizia municipale nel periodo estivo e in tali termini l informazione al Comandante della Polizia municipale viene fornita nella presente sede. Nell eventualità che l organo preposto alla gestione intenda modificare l attuale assetto orario della turnazione, ciò sarà oggetto di apposita informazione. La dipendente Gagliano Miryam chiede chiarimenti in ordine alla sicurezza dei lavoratori della polizia municipale che sulla base dell attuale articolazione oraria si trovano ad operare da soli in fascia serale e notturna, qualora debbano fronteggiare eventuali eventi delittuosi che potrebbero mettere in pericolo la loro incolumità personale. Conto annuale anno 2012 SCHEDA INFORMATIVA 2 Macrocategoria: PERSONALE NON DIRIGENTE - Monitoraggio del Contratto Integrativo - FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SONO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15 Data atto costituzione Fondo/i per la contrattazione integrativa giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Contratto Integrativo per Mese Contratto Integrativo per PERSONALE NON Anno Contratto Integrativo per PERSONALE NON

5 Data atto costituzione Fondo/i per la contrattazione integrativa Data della certificazione positiva dei revisori dei conti dell'accordo annuale Data entrata in vigore dell'accordo annuale vigente giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) PERSONALE NON 28 giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Certificazione Contratto Integrativo per PERSONALE NON Mese Certificazione Contratto Integrativo per PERSONALE NON Anno Certificazione Contratto Integrativo per PERSONALE NON giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Determinazione per PERSONALE NON Mese Determinazione per PERSONALE NON Anno Determinazione per PERSONALE NON 1) ANNO DI RIFERIMENTO DELL'ACCORDO ANNUALE VIGENTE ALLA DATA DI COMPILAZIONE O AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE SCHEDA: 2) FONDO 2010 (CORRISPONDE AL TOTALE DELLA TABELLA 15 CONTO ANNUALE DEL 2010) 3) FONDO ANNO CORRENTE (CORRISPONDE AL TOTALE DELLA TABELLA 15 DEL PRESENTE CONTO ANNUALE) 4) (EVENTUALE) PERCENTUALE DI RIDUZIONE PROPORZIONALE DEL PERSONALE AI SENSI DELLA CIRCOLARE RGS 12/2011 (NOTA BENE NON VA INSERITO IL SEGNO "-"): % 5) QUOTE FONDO 2010 NON ASSOGGETTATE AI VINCOLI EX ART. 9 C. 2-BIS L. 122/2010 (ES. ECONOMIE, CONTO TERZI, PROGETTAZIONI ECC.) 6) QUOTE FONDO ANNO CORRENTE NON ASSOGGETTATE AI VINCOLI EX ART. 9 C. 2-BIS L. 122/2010 (ES. ECONOMIE, CONTO TERZI, PROGETTAZIONI ECC.) , ) VALORE MASSIMO TEORICO FONDO ANNO CORRENTE NEL RISPETTO DELL'ART. 9C. 2-BIS L. 122/2010)

6 8) CALCOLO DELLA COERENZA ANNO CORRENTE CON MASSIMO TEORICO 1 Il valore esposto alla domanda 3, pari a euro, risulta coerente con il valore massimo teorico calcolato alla domanda 7 (euro ) POSIZIONI NELL' ANNO DI RILEVAZIONE 9) FINANZIAMENTO DELLA SPESA PER POSIZIONI ORGANIZZATIVE RIPORTATE IN TAVOLA 13 A CARICO DEL FONDO 10) FINANZIAMENTO DELLA SPESA PER POSIZIONI ORGANIZZATIVE RIPORTATE IN TAVOLA 13 A CARICO DEL BILANCIO 13) L'AFFIDAMENTO DELLE NUOVE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DELL'ANNO E AVVENUTA CON LA SCELTA DEL DIRIGENTE SULLA BASE DI INCARICHI PREDETERMINATI? Si No 14) ATTRAVERSO UN BANDO ED UNA SUCCESSIVA PROCEDURA COMPARATIVA? Si No 15) PER SCELTA DELL'ORGANO POLITICO? Si No 16) SULLA BASE DI ALTRI FATTORI? Si No DETTAGLIO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE IN ESSERE AL Valori economici della retribuzione di posizione/posizioni organizzative(cfr. circolare) N. posizioni Valore Posizione Posizione Posizione Posizione 4 PROGRESSIONI ORIZZONTALI NELL'ANNO DI RILEVAZIONE 51) E' STATA PREVENTIVAMENTE VERIFICATA LA SUSSISTENZA DEL REQUISITO DI CUI ALL'ART.9, COMMA 1 DEL CCNL 11/04/08 AI FINI DELLE PROGRESSIONI ORIZZONTALI SECONDO LA DISCIPLINA DELL'ART.5 DEL CCNL 31/03/99? Si No 52) E' STATA RISPETTATA LA DISPOSIZIONE DI CUI ALL'ART. 9, COMMA 21, D.L. 78/2010? Si No 61) NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE PER LE PROGRESSIONI ORIZZONTALI DELL'ANNO, QUANTI SONO STATI I DIPENDENTI CHE VI HANNO CONCORSO? PROGRESSIONI ORIZZONTALI NELL'ANNO DI RILEVAZIONE (LE PERCENTUALI VANNO CALCOLATE CON RIFERIMENTO AL TOTALE DEI DIPENDENTI DELL' AREA / CATEGORIA / FASCIA AL 31/12 DELL'ANNO PRECEDENTE) AREA A / CATEGORIA A / FASCIA I 64) NUMERO PROGRESSIONI 65) PERCENTUALE AREA B / CATEGORIA B / FASCIA II 67) NUMERO PROGRESSIONI 68) PERCENTUALE AREA C / CATEGORIA C / FASCIA III 70) NUMERO PROGRESSIONI 71) PERCENTUALE

7 AREA D / CATEGORIA D 73) NUMERO PROGRESSIONI 74) PERCENTUALE PRODUTTIVITA' REGOLATA DALL' ACCORDO ANNUALE SULL'UTILIZZO DELLE RISORSE 86) IMPORTO TOTALE DESTINATO ALLA PRODUTTIVITA' INDIVIDUALE CHE SI DESUME DALL'ACCORDO ANNUALE SULL'UTILIZZO DELLE RISORSE 87) IMPORTO TOTALE DESTINATO ALLA PRODUTTIVITA' COLLETTIVA CHE SI DESUME DALL'ACCORDO ANNUALE SULL'UTILIZZO DELLE RISORSE 88) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA' FONDO ANNO CORRENTE SUPERIORE O UGUALE AL 90% DEL MASSIMO ATTRIBUITO 89) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA' FONDO ANNO CORRENTE COMPRESA FRA 60% E 90% DEL MASSIMO ATTRIBUITO 90) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA' FONDO ANNO CORRENTE INFERIORE O UGUALE AL 60% DEL MASSIMO ATTRIBUITO RILEVAZIONE CEPEL 29) VIENE EFFETTUATA LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E DEI RISULTATI DEI DIPENDENTI (ART. 6 CCNL 31/03/1999)? Si No 30) IN FORMA SINGOLA Si No 31) IN FORMA ASSOCIATA Si No 43) QUAL E' IL VALORE MASSIMO IN PERC. DELL'INDENNITA DI RISULTATO RISPETTO ALL'INDENNITA DI POSIZIONE (ART.10, COMMA 3 CCNL 31/03/1999)? % In questo spazio l'organo di controllo deve fornire elementi circa la valutazione effettuata in relazione alla certificazione positiva o negativa del contratto integrativo di ente (max 1500 caratteri) Commento dell'organo di controllo: Conto annuale 2012 tabella 15 - Macrocategoria: DIRIGENTI - Monitoraggio del Contratto Integrativo FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SONO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15

8 Data atto costituzione Fondo/i per la contrattazione integrativa giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Mese Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Anno Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Data della certificazione positiva dei revisori dei conti dell'accordo annuale giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Certificazione Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Mese Certificazione Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Anno Certificazione Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Data entrata in vigore dell'accordo annuale vigente giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Determinazione per DIRIGENTI: Mese Determinazione per DIRIGENTI: Anno Determinazione per DIRIGENTI: 1) ANNO DI RIFERIMENTO DELL'ACCORDO ANNUALE VIGENTE ALLA DATA DI COMPILAZIONE O AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE SCHEDA: 2) FONDO 2010 (CORRISPONDE AL TOTALE DELLA TABELLA 15 CONTO ANNUALE DEL 2010) 3) FONDO ANNO CORRENTE (CORISPONDE AL TOTALE DELLA TABELLA 15 DEL PRESENTE CONTO ANNUALE) 4) (EVENTUALE) PERCENTUALE DI RIDUZIONE PROPORZIONALE DEL PERSONALE AI SENSI DELLA CIRCOLARE RGS 12/2011 (NOTA BENE NON VA INSERITO IL SEGNO "-"): % 5) QUOTE FONDO 2010 NON ASSOGGETTATE AI VINCOLI EX ART. 9 C. 2-BIS L. 122/2010 (ES. ECONOMIE, CONTO TERZI, PROGETTAZIONI ECC.) 6) QUOTE FONDO ANNO CORRENTE NON ASSOGGETTATE AI VINCOLI EX ART. 9 C. 2-BIS L. 122/2010 (ES. ECONOMIE, CONTO TERZI, PROGETTAZIONI ECC.) 7) VALORE MASSIMO TEORICO FONDO ANNO CORRENTE NEL RISPETTO DELL'ART C. 2-BIS L. 122/2010) 8) CALCOLO DELLA COERENZA ANNO CORRENTE CON MASSIMO TEORICO

9 0 La verifica non è possibile in base ai dati forniti POSIZIONI NELL' ANNO DI RILEVAZIONE 13) LE FASCE INDIVIDUATE DALL'ISTITUZIONE SONO SUPERIORI A 4? Si No INDICARE IL NUMERO DI POSIZIONI COPERTE AL PER CIASCUNA FASCIA ED IL CORRISPONDENTE VALORE UNITARIO DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE: Posizione 1 Posizione 2 Posizione 3 Posizione 4 Valori economici della retribuzione di posizione/posizioni organizzative(cfr. circolare) N. posizioni Valore RISULTATO 18) LE RETRIBUZIONI DI RISULTATO SONO CORRELATE ALLA VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE DEI DIRIGENTI? Si No 19) SONO UTILIZZATI INDICATORI DI RISULTATO ATTINENTI ALL' UFFICIO O ALL'ENTE NEL SUO COMPLESSO PER LA VALUTAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO? Si No 20) SONO UTILIZZATI GIUDIZI DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE O DI ALTRO ANALOGO ORGANISMO PER LA VALUTAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO? Si No 21) SONO UTILIZZATI AI FINI DELLA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI MECCANISMI DI CONFRONTO CON LE PERFORMANCE DI ALTRI ENTI ("BENCHMARKING")? Si No 22) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI RISULTATO FONDO ANNO CORRENTE SUPERIORE O UGUALE AL 90% DEL MASSIMO ATTRIBUITO 23) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI RISULTATO FONDO ANNO CORRENTE COMPRESA FRA 60% E 90% DEL MASSIMO ATTRIBUITO 24) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI RISULTATO FONDO ANNO CORRENTE INFERIORE O UGUALE AL 60% DEL MASSIMO ATTRIBUITO RILEVAZIONE CEPEL 29) SONO STATI COSTITUITI I NUCLEI DI VALUTAZIONE PER IL PERSONALE DIRIGENTE? Si No 30) IN FORMA SINGOLA Si No 31) IN FORMA ASSOCIATA Si No 38) VIENE EFFETTUATA LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E DEI RISULTATI DEI DIPENDENTI (ART. 14 CCNL 23/12/1999)? Si No 39) IN FORMA SINGOLA Si No 40) IN FORMA ASSOCIATA Si No

10 In questo spazio l'organo di controllo deve fornire elementi circa la valutazione effettuata in relazione alla certificazione positiva o negativa del contratto integrativo di ente (max 1500 caratteri) Commento dell'organo di controllo: Informazioni Generali Conto Annuale Anno: 2012 Tipologia Istituzione: COMUNI Istituzione: SAN GIOVANNI GEMINI Contratto: REGIONI E AUT.LOC. (CCNL NAZ.) L'Istituzione risulta certificata in data: 15/06/2013 SI1 SI1A T1 T2 T2A T3 T4 T5 T6 T7 T8 T9 T11 T12 T13 T14 T15 SI2 Controlli SQ/IN RIEPILOGO TRIENNALE SI1Cococo Tabella di Riconciliazione

11 Data ultimo aggiornamento modello: 26/06/ :15:51 Macrocategoria: PERSONALE NON DIRIGENTE Squadrature SQ5 Totale entrate Totale uscite Coerenza a b a=b OK %

12 Risorse per il finanziamento del Fondo (voci di entrata)(*) Descrizione Segno Importi Totale Fondo unico per le risorse decentrate Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità F556-UNICO IMPORTO CONSOLIDATO ANNO 2003 (ART.31 C. 2 CCNL 02-05) F61G-INCREMENTI CCNL (ART. 32. CC. 1-2 C. 7) F62G-INCREMENTI CCNL (ART. 4. CC. 1,4,5 PARTE FISSA) F63G-INCREMENTI CCNL (ART. 8. CC. 2,5,6,7 PARTE FISSA) F70A-RISPARMI EX ART. 2 C. 3 DLGS 165/2001 F64G-RIDET PER INCREM STIP (DICH CONG 14 CCNL 0205 E 1 CCNL08-09) F81H-INCREM. PER RID STAB STRAORD (ART. 14 C. 3 CCNL 98-01) F82H-INCREM PER PROC DEC.TO TRASF FUNZ (ART15 C1 L.L CCNL 98-01) F83H-INCREM DOTAZ ORG E RELAT COPERT (ART15 C5 P.FISSA CCNL98-01) F919-RIA E ASS. AD PERSONAM PERS. CESSATO (ART.4 C. 2 CCNL 00-01) F998-ALTRE RISORSE FISSE CON CARATTERE DI CERTEZZA E STABILITÀ F84H-DEC FONDO/PARTE FISSA LIMITE 2010 (ART Utilizzo del Fondo (voci di uscita)(*) Descrizione Segno Importi Totale Fondo unico per le risorse decentrate Destinazioni non contrattate specificamente dal CI di rif.to U07A-INDENNITÀ DI COMPARTO QUOTA CARICO FONDO U255-PROGRESSIONI ORIZZONTALI STORICHE U893-POSIZIONI ORGANIZZATIVE U08A-INDENNITÀ DI RESPONSABILITÀ / PROFESSIONALITÀ U257-INDENNITÀ TURNO, RISCHIO, DISAGIO ECC. U09A-PRODUTTIVITÀ / PERFORMANCE COLLETTIVA U10A-PRODUTTIVITÀ / PERFORMANCE INDIVIDUALE U998-ALTRI ISTITUTI NON COMPRESI FRA I PRECEDENTI totale Destinazioni non contrattate specificamente dal CI di rif.to Fondo unico Destinazioni contrattate specificamente dal CI di rif.to U515-PROGRESSIONI ORIZZONTALI - CONTR U885-POSIZIONI ORGANIZZATIVE - CONTR U11A-INDENNITÀ DI RESPONSABILITÀ / PROFESSIONALITÀ - CONTR U254-INDENNITÀ TURNO, RISCHIO, DISAGIO ECC. - CONTR U252-PRODUTTIVITÀ / PERFORMANCE

13 Macrocategoria: DIRIGENTI Squadrature SQ5 Totale entrate Totale uscite Coerenza a b a=b 0 0 OK

14 Risorse per il finanziamento del Fondo (voci di entrata)(*) Descrizione Segno Importi Totale 0 Risorse per la retribuzione di posizione e di risultato Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità F400-POSIZIONE E RISULTATO ANNO 1998 (ART.26 C.1 L. A CCNL 98-01) F403-INCREMENTI CCNL (ART. 26 C. 1 L. D) F65G-INCREMENTI CCNL (ART. 23. CC. 1,3) F66G-INCREMENTI CCNL (ART. 4 CC. 1,4) F940-INCREMENTI CCNL (ART. 16 CC. 1,4) F67G-INCREMENTI CCNL (ART. 5 CC. 1,4) F405-PROCESSI DI DECENTRAMENTO (ART. 26 C. 1 L. F CCNL 98-01) F406-RIA E MAT. EC. PERS. CESS. (ART. 26 C. 1 L. G CCNL 98-01) F942-INCR DOT ORG/RIORG STAB SERV (ART26 C3 - P.FISSA CCNL 98-01) F411-RID. STABILE ORG. DIRIG. (ART. 26 C. 5 CCNL 98-01) F998-ALTRE RISORSE FISSE CON CARATTERE DI CERTEZZA E STABILITÀ F934-DECURTAZIONE FONDO 3.356,97 EURO (ART.1 C.3 L. E CCNL 00-01) F84H-DEC FONDO/PARTE FISSA LIMITE 2010 (ART.9 C.2BIS L.122/10) F85H-DEC FONDO/PARTE FISSA RID PROP PERS (ART.9 C2BIS L.122/10) Utilizzo del Fondo (voci di uscita)(*) Descrizione Segno Importi Totale 0 Risorse per la retribuzione di posizione e di risultato Destinazioni non contrattate specificamente dal CI di rif.to U448-RETRIBUZIONE DI POSIZIONE U449-RETRIBUZIONE DI RISULTATO totale Destinazioni non contrattate specificamente dal CI di rif.to Risorse posizione risultato Destinazioni contrattate specificamente dal CI di rif.to U445-RETRIBUZIONE DI POSIZIONE - CONTR. U446-RETRIBUZIONE DI RISULTATO - CONTR. totale Destinazioni contrattate specificamente dal CI di rif.to Risorse posizione risultato (eventuali) Destinazioni ancora da regolare U994-RISORSE ANCORA DA CONTRATTARE totale (eventuali) Destinazioni ancora da regolare Risorse posizione risultato 0 0 0

15

T15 Fondo per la contrattazione integrativa

T15 Fondo per la contrattazione integrativa T15 Fondo per la contrattazione integrativa Macrocategoria PERSONALE NON DIRIGENTE Voci di spesa : Importo di competenza Costituzione Destinazione Fondo unico per le risorse decentrate Risorse fisse aventi

Dettagli

Macrocategoria DIRIGENTI Sezione FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SONO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15

Macrocategoria DIRIGENTI Sezione FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SONO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15 Anno 2010 Tipologia Istituzione C - COMUNI Istituzione 2890 - ERICE Contratto RALN - REGIONI E AUT.LOC. (CCNL NAZ.) Fase/Stato Rilevazione: Validazione/Attiva Data Creazione Stampa: 07/07/2011 08:36:47

Dettagli

Macrocategoria PERSONALE NON DIRIGENTE Sezione FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SONO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15

Macrocategoria PERSONALE NON DIRIGENTE Sezione FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SONO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15 Anno 2013 Tipologia Istituzione C - COMUNI Istituzione 2407 - CIVITAVECCHIA Contratto RALN - REGIONI E AUT.LOC. (CCNL NAZ.) Fase/Stato Rilevazione: Approvazione/Attiva Data Creazione Stampa: 10/06/2015

Dettagli

Scheda Informativa 2 Monitoraggio del contratto integrativo

Scheda Informativa 2 Monitoraggio del contratto integrativo Scheda Informativa 2 Monitoraggio del contratto integrativo Macrocategoria MEDICI FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SONO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15 Data atto costituzione Fondo/i per la contrattazione

Dettagli

Il Modello inviato risulta certificato in data : 30/05/2015 Il Modello inviato è stato certificato la prima volta in data : 30/05/2015

Il Modello inviato risulta certificato in data : 30/05/2015 Il Modello inviato è stato certificato la prima volta in data : 30/05/2015 Stampa Intero Modello in data : 31/5/2015 Tipo Rilevazione : CONSUNTIVAZIONE SPESE Anno : 2014 Tipo Istituzione : COMUNI Contratto : REGIONI E AUT.LOC. (CCNL NAZ.) Istituzione : 7562 - TRABIA T1 T1 T1

Dettagli

Scheda Informativa 2

Scheda Informativa 2 Scheda Informativa 2 Monitoraggio del contratto integrativo Macrocategoria PERSONALE N DIRIGENTE FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15 Data atto costituzione Fondo/i

Dettagli

COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI

COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI TABELLA 15 - FONDO PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA MACROCATEGORIA: PERSONALE NON DIRIGENTE Risorse per il finanziamento del fondo (voci di entrata)(*) Utilizzo del

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2013 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

Il Modello inviato risulta certificato in data : 03/06/2014 Il Modello inviato è stato certificato la prima volta in data : 03/06/2014

Il Modello inviato risulta certificato in data : 03/06/2014 Il Modello inviato è stato certificato la prima volta in data : 03/06/2014 Stampa Intero Modello in data : 5/6/2014 Tipo Rilevazione : CONSUNTIVAZIONE SPESE Anno : 2013 Tipo Istituzione : AUTOMOBILE CLUB Contratto : ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI Istituzione : 8514 - AUTOMOBILE

Dettagli

DESCRIZIONE CODICE IMPORTI DESCRIZIONE CODICE IMPORTI

DESCRIZIONE CODICE IMPORTI DESCRIZIONE CODICE IMPORTI #RIF! TABELLA 15 - FONDO PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA MACROCATEGORIA: PERSONALE N DIRIGENTE Risorse per il finanziamento del fondo (voci di entrata)(*) Utilizzo del Fondo (voci di uscita) (*) DESCRIZIONE

Dettagli

Il Modello inviato risulta certificato in data : 31/08/2011 Il Modello inviato è stato certificato la prima volta in data : 31/08/2011

Il Modello inviato risulta certificato in data : 31/08/2011 Il Modello inviato è stato certificato la prima volta in data : 31/08/2011 Stampa Intero Modello in data : 1/9/2011 Tipo Rilevazione : CONSUNTIVAZIONE SPESE Anno : 2010 Tipo Istituzione : AUTOMOBILE CLUB Contratto : ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI Istituzione : AUTOMOBILE CLUB PROVINCIALE

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2012 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema)

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) COMUNE DI GERACI SICULO Provincia di Palermo www.comune.geracisiculo.pa.it - Email: segretariogenerale@pec.comune.geracisiculo.pa.it Geraci Siculo Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) Modulo

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012;

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; In conformità della circolare della RGS n. 25 / 2012 Modulo I -

Dettagli

In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale del Comune di Monte Castello di Vibio, ha avuto luogo l incontro tra:

In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale del Comune di Monte Castello di Vibio, ha avuto luogo l incontro tra: CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA DI INCENTIVAZIONE DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E DELLA PRODUTTIVITA VALIDO PER L ANNO 2010 In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE FONTE NORMATIVA CONTENUTO DELLA NORMA POSSIBILE DISCIPLINA COMPETENZA AUTORE DATA Relazione illustrativa

Dettagli

S c h e d a I n f o r m a t i v a 1 : I N F O R M A Z I O N I D I C A R A T T E R E G E N E R A L E PAG.1 INDIRIZZO VIA ROMA, 53 31056 RONCADE TV

S c h e d a I n f o r m a t i v a 1 : I N F O R M A Z I O N I D I C A R A T T E R E G E N E R A L E PAG.1 INDIRIZZO VIA ROMA, 53 31056 RONCADE TV S c h e d a I n f o r m a t i v a 1 : I N F O R M A Z I O N I D I C A R A T T E R E G E N E R A L E PAG.1 ISTITUZIONE :COMUNE DI RONCADE COMPARTO :REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI DATI RELATIVI ALL`ISTITUZIONE

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA)

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA) Rispetto dell iter adempimenti procedurale e degli atti propedeutici e successivi alla contrattazione Personale News Modelli operativi www.publika.it Relazione illustrativa e relazione tecnico-finanziaria

Dettagli

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA AREA FINANZIARIA E DELLE RISORSE UMANE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE LAVORO 2002/2005 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO L anno2006 (duemilasei), il giorno 17 (diciassette

Dettagli

LA RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

LA RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO LA RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Nota metodologica: La relazione è preparata dal settore economico-finanziario del comune; è attestata dal collegio dei revisori

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Università degli Studi del Molise RELAZIONE ILLUSTRATIVA FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Anno 2013 Relazione illustrativa Indice Modulo I Illustrazione

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ED ILLUSTRATIVA CONTRATTO DECENTRATO PERSONALE NON DIRIGENTE C.C.I.A.A. DI VIBO VALENTIA PARTE ECONOMICA - ANNO 2011

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ED ILLUSTRATIVA CONTRATTO DECENTRATO PERSONALE NON DIRIGENTE C.C.I.A.A. DI VIBO VALENTIA PARTE ECONOMICA - ANNO 2011 RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ED ILLUSTRATIVA CONTRATTO DECENTRATO PERSONALE NON DIRIGENTE C.C.I.A.A. DI VIBO VALENTIA PARTE ECONOMICA - ANNO 2011 L art. 40 comma 3 sexies del dlgs.n.165/2001 dispone che

Dettagli

Area Finanziaria Comune di Bomporto. Prot. 11464 del 04.10.2010

Area Finanziaria Comune di Bomporto. Prot. 11464 del 04.10.2010 Prot. 11464 del 04.10.2010 RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ALLEGATA ALLA BOZZA DI CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL COMUNE DI BOMPORTO SULL UTILIZZO DELLE RISORSE FINANZIARIE 2008, 2009 e 2010. 1) LE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO

FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO FATTISPECIE 1 MAGGIORAZIONI Non spettano ai dirigenti, alle posizioni organizzative, alle alte professionalità..

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE

IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E PER LA PRODUTTIVITA

Dettagli

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Comune di Acquaviva Picena (Provincia di Ascoli Piceno) CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO QUADRIENNIO 1998-2001 COMPARTO AUTONOMIE LOCALI copia bozza accordo decentrato-piccoli comuni PRIMA PARTE

Dettagli

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili:

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili: IL DIRIGENTE Premesso che: il contratto nazionale di lavoro per il personale del comparto Regioni ed Enti Locali (di seguito per brevità CCNL) del 22/1/2004 all art. 31 ha ridisegnato, semplificando e

Dettagli

1) Art.3 commi 5 e 6: In caso di pignoramento dello stipendio da parte dell'agente della riscossione la quota da pignorare non può eccedere un decimo

1) Art.3 commi 5 e 6: In caso di pignoramento dello stipendio da parte dell'agente della riscossione la quota da pignorare non può eccedere un decimo La gestione del personale nella riforma degli assetti organizzativi anche alla luce del decreto fiscale 1) Art.3 commi 5 e 6: In caso di pignoramento dello stipendio da parte dell'agente della riscossione

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

COMUNE DI COSTA MASNAGA

COMUNE DI COSTA MASNAGA COMUNE DI COSTA MASNAGA PROVINCIA DI LECCO www.comune.costamasnaga.lc.it GAP 23845 - TEL O31-358981 FAX O31-879O22 - PIVA OO6O3O4O13O COD. F1SC. 82OO2850137 Contratto Collettivo Decentrato Integrativo

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 392 DEL 30.09.2013 OGGETTO: PERSONALE COSTITUZIONE FONDO RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO PERSONALE DIRIGENTE ANNO 2013

Dettagli

wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CONTRATTO DECENTRATO 2013/2015 wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui CCDI

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO Pervengono alla sottoscrizione del presente accordo, previa sessione

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane Regolamento per la disciplina dell'orario degli uffici e dei servizi comunali e delle attività didattico/educative di pertinenza comunale

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : SETTORE FINANZIARIO Responsabile: Casula Maria Angela DETERMINAZIONE N. 17 in data 20/01/2014 OGGETTO: COSTITUZIONE PROVVISORIA DEL FONDO PER LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

Dettagli

-----------------------------=----

-----------------------------=---- UNIVERSITÀ degli STUDI MAGNA GRiECIA D.D.G. 413 IL DIRETTORE GENERALE VISTI gli articoli 86, 87 e 88 nonché 90 del C.C.N.L. del Comparto Università del 16.10.2008, e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

COMUNE DI NOCETO SERVIZIO GESTIONE RISORSE UMANE ENTRATE E SERVIZI FISCALI DETERMINE 2014

COMUNE DI NOCETO SERVIZIO GESTIONE RISORSE UMANE ENTRATE E SERVIZI FISCALI DETERMINE 2014 GESTIONE FISCALI FISCALI 1 10/01/2014 ACQUISTO BUONI PASTO MEDIANTE ADESIONE ALLE CONVENZIONI CONSIP 15.314,00 SIG.RA A.O. ESENZIONE DAL DI REPERIBILITA' DAL 1/1/2014 AL 31/12/2014. ------------ FISCALI

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

N 00535 DEL 17/03/2014

N 00535 DEL 17/03/2014 Prot. N 75 Del 11/03/2014 Proposta N. 179/2014 CITTA DI ALCAMO Provincia di Trapani ***** Settore Affari Generali e Risorse Umane DETERMINAZIONE N 00535 DEL 17/03/2014 OGGETTO: Costituzione fondo risorse

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

annue lorde, confermando il finanziamento dei maggiori oneri con le risorse di cui all art. 15 del CCNL 1/04/199 e successivi incrementi.

annue lorde, confermando il finanziamento dei maggiori oneri con le risorse di cui all art. 15 del CCNL 1/04/199 e successivi incrementi. Il Comune di XXX pone quesito inerente l indennità spettante al personale educativo degli asili nido di cui all art. 31 comma 7 del CCNL 14/09/2000, in particolare se la medesima sia o meno erogabile in

Dettagli

Monitoraggio della contrattazione integrativa

Monitoraggio della contrattazione integrativa Monitoraggio della contrattazione integrativa (art. 40 bis commi 3 e 4 del d.lgs. n. 165/2001, nel testo introdotto dall art. 17 della legge n. 448/2001 e dell art. 67 della legge 133/2008, come modificato

Dettagli

Scheda su monetizzazione ferie non godute

Scheda su monetizzazione ferie non godute Scheda su monetizzazione ferie non godute Per il personale docente le ferie devono essere fruite durante i periodi di sospensione delle attività didattiche (ovvero dal 30 giugno al 31 agosto). Così prevedeva

Dettagli

COMUNE di CASTEL SAN GIOVANNI (PC)

COMUNE di CASTEL SAN GIOVANNI (PC) COMUNE di CASTEL SAN GIOVANNI (PC) Contratto Collettivo Decentrato Integrativo per il triennio normativo 2013 / 2015 Claudio /delegazione / Cdec2012 13 14 15 parte normativa Pagina 1 di 19 INDICE Articolo

Dettagli

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco 1 dott. Arturo Bianco Esperto in gestione delle risorse umane Già presidente Anci Sicilia, già componente la

Dettagli

ACCORDO DECENTRATO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE OO.SS. TERRITORIALI E AZIENDALI SULL EROGAZIONE DELLE INDENNITA DI RISCHIO E DISAGIO.

ACCORDO DECENTRATO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE OO.SS. TERRITORIALI E AZIENDALI SULL EROGAZIONE DELLE INDENNITA DI RISCHIO E DISAGIO. ACCORDO DECENTRATO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE OO.SS. TERRITORIALI E AZIENDALI SULL EROGAZIONE DELLE INDENNITA DI RISCHIO E DISAGIO. ART. 17 COMMA 2 LETT. D)ed E) CCNL 1/4/1999 e ART. 37 CCNL 14/9/2000

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l amministrazione

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

La contrattazione decentrata nel 2014 negli Enti Locali

La contrattazione decentrata nel 2014 negli Enti Locali La contrattazione decentrata nel 2014 negli Enti Locali MILANO - 18 settembre 2014 Struttura NOVITA' NORMATIVE NOVITA' INTERPRETATIVE IL NUOVO RUOLO DEI REVISORI Le attività preliminari (controllo della

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 146 del 1 settembre 2011

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 146 del 1 settembre 2011 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 146 del 1 settembre 2011 Oggetto: Personale con qualifica dirigenziale: determinazione dell'ammontare

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale dirigente adottato con deliberazione n. 78 del 09.05.2011 Art. 1. ORARIO DI LAVORO 1. Per Orario di Lavoro è da intendersi qualsiasi periodo in cui il Dirigente

Dettagli

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con Deliberazione di GIUNTA MUNICIPALE n. 53 del 28/05/2010 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli

SCHEMA DI DELIBERA LA GIUNTA

SCHEMA DI DELIBERA LA GIUNTA ! " SCHEMA DI DELIBERA OGGETTO: Approvazione nuova Disciplina dell orario di lavoro, dei relativi controlli e del lavoro straordinario applicabile al Direttore Generale, al Segretario Generale, agli incaricati

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 Roma, 3 dicembre 2010 Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 (Testo coordinato con l atto di revisione

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE,SPORT E RISORSE UMANE REG. GEN.LE N. 77500DEL 26/09/2014 REG. SERVIZIO

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il quadriennio normativo 2006-2009 ed il biennio economico

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Pag. 1 di 9 Articolo 1 Campo di applicazione e durata 1. Il presente contratto decentrato integrativo redatto ai sensi dell art. 5 del CCNL del 01.04.1999, così

Dettagli

Fondo Personale tecnico amministrativo (art. 87 CCNL 2006-2009) Sezione I - Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità

Fondo Personale tecnico amministrativo (art. 87 CCNL 2006-2009) Sezione I - Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25 Fondo Personale tecnico amministrativo (art. 87 CCNL 2006-2009) Sezione I - Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità - Risorse storiche consolidate

Dettagli

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti di: Carmine Lasco Dottore Commercialista (art. 239, comma 1, T. U.E. L. ) Le funzioni obbligatorie dell'organo di revisione sono così riassumibili: collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO AZIENDALE RELATIVAMENTE ALLA COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE DECENTRATE PER L ANNO 2011

ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO AZIENDALE RELATIVAMENTE ALLA COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE DECENTRATE PER L ANNO 2011 ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO AZIENDALE RELATIVAMENTE ALLA COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE DECENTRATE PER L ANNO 2011 In data 29/10/2012 alle ore 15,30 presso il Comune di Levanto,

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n. 16 del 15/05/2013 OGGETTO: Esame ed approvazione del Piano triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (legge 190 del 06.11.2012). IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che ai sensi dell art.

Dettagli

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU ACCORDO A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA L anno 2015, nel mese di MAGGIO, il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

E severamente vietata la riproduzione anche parziale delle informazioni contenute nel presente Manuale agli Enti non utenti dei servizi ALMA

E severamente vietata la riproduzione anche parziale delle informazioni contenute nel presente Manuale agli Enti non utenti dei servizi ALMA Azienda Certificata ISO 9001: 2000 Via Frabosa 29/B - 12089 Villanova Mondovì - CN Telefono: 0174/698468-10 linee r.a. Fax 0174/698154 698980 Orario call center 7,30 14 dal lunedì al venerdì sito www.almacentroservizi.it

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO AZIENDALE

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO AZIENDALE COMUNE DI SAVIANO PROVINCIA DINAPOLI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO AZIENDALE Stipulatoi1... 1\-of- {c'l 1 Parere collegio revisori i1... 1t - o z - {.) r } Firmatoi1...LNv I{or\ Inuiato A.r.a.n. i...

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

IPOTESI ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO RIPARTIZIONE FONDO SALARIO ACCESSORIO ANNO 2011

IPOTESI ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO RIPARTIZIONE FONDO SALARIO ACCESSORIO ANNO 2011 IPOTESI ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO RIPARTIZIONE FONDO SALARIO ACCESSORIO ANNO 2011 L'anno duemilaundici, il giorno 23 del mese di Novembre alle ore 9,30 presso la sede comunale di Baschi, tra: - Il

Dettagli

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE DATA 05/8/2015 OGGETTO: Programmazione triennale del fabbisogno di personale 2015-2017. Piano occupazionale anno 2015. N. 78 L anno duemilaquindici

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE RIALLINEAMENTO ALLA NORMATIVA CONTRATTUALE NAZIONALE Ad integrazione e specifica di quanto rappresentato nella nota trasmessa a codesto Dipartimento in data 29 aprile 2014,

Dettagli

I DUBBI DI FINE ANNO

I DUBBI DI FINE ANNO I DUBBI DI FINE ANNO Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono strasicuri, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi. Bertrand Russell 1) Nomino o Non nomino? = OIV o Nucleo di valutazione nel

Dettagli

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A seguito della registrazione da parte della Corte dei conti del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 30 novembre

Dettagli

ACCORDO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA ED IL FINANZIAMENTO DEL FONDO PER LE RISORSE DECENTRATE ANNO 2010

ACCORDO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA ED IL FINANZIAMENTO DEL FONDO PER LE RISORSE DECENTRATE ANNO 2010 ACCORDO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA ED IL FINANZIAMENTO DEL FONDO PER LE RISORSE DECENTRATE ANNO 2010 L'Amministrazione Comunale di Castelfiorentino, in nome e per conto della quale interviene la Delegazione

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 In data 31 luglio 2009, alle ore 11.30, ha avuto luogo l incontro tra l

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Sig.rB caterina FASOLA

Sig.rB caterina FASOLA ENTE MORALE PER IL R.D. 9 SETTEMBRE 1889 I{ Deliberazione N. OGGETTO: Ratificti del!' iplltesi di ficcem., s.ttftscrittn in dato 27/05/2015, n~lla sedutb di deù~zime trattante p&r 19 distribuziene del

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL DLGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009 A CHE COSA SERVE IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato

CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato ai Responsabili di P.O. e Alte Professionalità ART. 1

Dettagli

C O M U N E d i S E R M O N E T A

C O M U N E d i S E R M O N E T A AREA 1 - AMMINISTRATIVA, AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N 144 del 13-05-2013 C O M U N E d i S E R M O N E T A ( P r o v i n c i a d i L a t i n a ) COPIA DELLA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCES ED IL CONTROLLO STRATEGICO

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCES ED IL CONTROLLO STRATEGICO COMUNE DI TUSCANIA Provincia di Viterbo REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCES ED IL CONTROLLO STRATEGICO Approvato con delibera

Dettagli

Comune di BIBBONA (LI)

Comune di BIBBONA (LI) RELAZIONE AL BILANCIO SUL RISPETTO DEL PATTO DI STABILITA' 2013 1 IL QUADRO NORMATIVO VIGENTE 1.1 Aspetti introduttivi Le norme che disciplinano il patto di stabilità degli enti locali per l anno 2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (approvato con delibera della Giunta Comunale n. 21 del 08.03.2013) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli