COMUNE DI SAN GIOVANNI GEMINI ( Provincia di Agrigento )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SAN GIOVANNI GEMINI ( Provincia di Agrigento )"

Transcript

1 COMUNE DI SAN GIOVANNI GEMINI ( Provincia di Agrigento ) Art.67-comma 11- della legge n. 133/2008 Pubblicazione sul sito web dell'accordo decentrato integrativo anno 2012, della scheda informativa 2 e della tabella 15 del conto annuale = = = = Oggetto: CCDI del personale non dirigente del Comune, stipulato il 17 settembre 2012 Anno = = = = Prospetto di distribuzione di risorse anno 2012 : N.o. Istituto Importo assegnato Importo fondo 2012 ( S.C. n. 218/2012) = ,12 ( stabili variabili ) 2) Disagio n. 2 autisti scuolabus ( Accardo e Minafra Armando ) Eventuale sostituzione dell autrista scuolabus 3) Disagio per eventuali interventi in occasione di eventi eccezionali ( Galeone,Callari e Manetta Antonino che possono avvicendarsi con altro personale) " 2.000,00 500, ,00 4) IDEM n.2 addetto al servizio cimiteriale 1.200,00 6) IDEM riscossione diritti di Segreteria " 150,00 7) Disagio Muratore lavori edili Manetta Antonino / Può avvicendarsi con Li Crapi Carmelo " 500,00 Sub totale per disagio Euro 7.350,00 1) Posizione responsabilità n. 10 dipendenti di Cat. D incaricati formalmente di responsabilità di servizio e non titolari di posizione organizzativa ( Virga Mario, Martorana,Curto Maria, Mangiapane M. Giuseppa, Traina Carmela, Caracciolo Carmela,Minafra Renato,Tagliareni Egidio,Scrudato Carmela, Gagliano)...Euro 2500,00 x 10 = Euro ,00 IDEM,Narisi V. Concetta = Euro 2.500,00 Euro ,00 2) N. 4 posizioni di responsabilità rinvenibili fra il personale di Categoria C incaricato di responsabilità di servizio, ivi compresa la Coordinatrice Asilo Nido pro tempore.( Tagliareni M. Giuseppa, Lupo Carmelo, Compilati A.na (7/12) ed eventuale responsabile 5/12 di anno., Coordinatrice asilo Nido) ,00 Sub totale per responsabilità ,00

2 1) Compenso per reperibilità Servizio Stato civile denunce morte - ( determinazione della CCDI del D.Segr. n. 251/2002 -) 2) Indennità contrattuali personale educativo Asilo nido (10 unità ) ( 960,61 x 10 ) 1.500, ,10 3) Turnazione VV.UU ,00 4) Indennità di rischio 27 unità ( 13 soggetti stabilizzati FNO 2 autisti scuolabus- 4 ausiliari Asilo Nido - 8 soggetti stabilizzati ex C.A. n.331/99 ) 9.720,00 Indennità maneggio valori Euro 483,60 Sub totale per reperibilità, indennità Asilo nido, turnazione, rischio e maneggio valori Risorse stabili impegnate (Residuo risorse art.15 anno 2012 = ,12 meno ,70 =1.555,42) Euro ,70 Euro ,70 a) Risorse ex lett.k), provenienti da enti esterni L importo di euro ,03 assegnato dalla Regione Sicilia per risorse decentrate stabili in favore di n. 4 soggetti contrattisti, finanzierà un progetto o piano di lavoro comunque riconducibile ad un istituto stabile, che verrà elaborato all interno della stessa platea e proposto all Aministrazione. ( la proposta viene accolta a maggioranza con voto contrario dei Sigg.ri Gagliano Miryam e Napoli Antonino). L importo di euro ,80 relativo ad attività di rilevazione statistica dell ISTAT, è stato già destinato a compensare le operazioni relative al 15 censimento della popolazione, sicchè di fatto fa riferimento all annualità economica L importo di euro ,00, di cui all art.13 L.R. n. 17/90, è destinato a finanziare i progetti di miglioramento dell efficienza del servizio della Polizia Municipale; Per quanto riguarda l importo di euro ,00,viene accolta la proposta del Dirigente dell area finanziaria, Rag. Antonino Colletto, di destinare lo stesso alla prosecuzione dell attività di recupero dell evasione ICI e TARSU., la cui prima tranche è stata realizzata nell anno L importo di euro ,00 relativo al fondo ex art.16 L.R. n. 41/86 verrà utilizzato, in ossequio all art.36 del vigente CCDI sottoscritto il , come segue : per il 50% dell importo, pari ad euro ,00, per singoli progetti -.obiettivo secondo le priorità fissate dagli obiettivi dell Amministrazione; per il restante 50% per produttività collettiva con esclusione dei dipendenti destinatari degli incentivi individuati e comunicati dal Dirigente area finanziaria con nota prot.

3 n del e di altri incentivi provenienti da altre disposizioni di legge,eventualmente non ancora comunicati dall Ufficio di Ragioneria e di cui si abbia comunque conoscenza ( incentivi progettazione, incentivi per pratiche immigrazione etc..) Si conferma che il progetto di produttività collettiva da compensare con il 50% delle risorse di cui all art.16 L.R. 41/96,viene individuato nel progetto utenza ( 30 ore aggiuntive da effettuare entro il 31 marzo 2013, giusta tabelle di valutazione in vigore). Relativamente alle risorse ex art.15 del CCNL e ss.mm.ii., il Presidente propone che si confermi per il 2012 la destinazione delle risorse ex art.15 dell anno 2011,eccezion fatta per il compenso per responsabilità del Vice Comandante che viene elevato ad euro 2.500,00: a tal proposito il Presidente Dr.Vasile Salvatore dichiara che l elevazione del compenso trova la sua motivazione nel fatto che sia il Comandante che il Vice Comandante non solo si sostituiscono a vicenda nel coordinamento del servizio di polizia municipale, ma svolgono tale attività in fasce orarie diversificate, stante che il servizio viene erogato sia in fascia antimeridiana che pomeridiana, compresi i giorni festivi anche infrasettimanali.la proposta viene accolta a maggioranza con l astensione della Sig.ra Gagliano Miryam, la quale comunque dichiara di essere favorevole ad un compenso per posizione di responsabilità in misura uguale per tutti. Si concorda inoltre che il compenso per responsabilità destinato alla dipendente Compilati Antonina (in pensione dal ) venga mantenuto nella misura annua intera affinchè si possa disporre delle risorse necessarie in caso di conferimento di incarico di responsabilità del relativo servizio ad altro dipendente. L importo di euro ,12 viene suddiviso fra i vari istituti accessori confermando con la variazione di cui sopra ( responsabilità Narisi V. Concetta ) la suddivisione dell anno 2011, per l importo complessivo di euro ,70 con la precisazione che l importo residuale di euro 1.555,42 viene destinato ad incrementare il fondo ex art.16 L.R. 41/86 ( pertanto tale fondo viene rideterminato in euro ,71 per il primo 50% e in euro ,71 per il restante 50% ). Resta fermo, per quanto riguarda l istituto del disagio, che nel 2012 il muratore e i tre operai, chiamati ad operare in caso di eventi eccezionali, potranno alternarsi con personale diverso da quello individuato. Buono-pasto Ai sensi dell art.5 comma 7 - del D.Lgs. n.95/2012 ( decreto sulla spending review ), a decorrere dal il valore del buono pasto attribuito al personale che in atto effettua due rientri pomeridiani settimanali di nove ore ciascuno, viene ridotto da euro 11,00 ad euro 7,00. L assemblea concorda tuttavia sul fatto che sono fatte salve diverse più favorevoli disposizioni che in tema di buono-pasto dovessero essere

4 emanate in sede di conversione in legge del predetto d.lgs. n.95/2012 ovvero mediante pareri o circolari esplicative, ai sensi delle quali disposizioni risulti acclarato che la rideterminazione del tetto massimo del valore del buono pasto a 7,00 euro, di cui all art.5 comma 7 del D.Lgs. 95/2012, predetto, non riguarda né i dipendenti dei Comuni né i dipendenti che effettuano rientri pomeridiani di nove ore giornaliere. Orario di lavoro del personale turnante della Polizia municipale- Comunicazione - Con riferimento alla richiesta prot. n del del dipendente Alongi Contardo e prot. n del e n del della dipendente Gagliano Miryam,con le quali il predetto personale ha chiesto l attivazione di un tavolo di concertazione per discutere sulle modalità orarie della turnazione estiva in fascia serale e notturna, il Presidente Dr. Salvatore Vasile comunica che a seguito della nuova formulazione del art.5 comma 2 del D.Lg.n.165/2001 tutte le determinazioni per l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro sono assunte dagli organi preposti alla gestione; pertanto l articolazione dell orario di lavoro del personale in turno non è più argomento di concertazione ma di sola informazione; nella fattispecie non è intendimento del Dirigente interessato di modificare l assetto orario della turnazione serale e notturna del personale della Polizia municipale nel periodo estivo e in tali termini l informazione al Comandante della Polizia municipale viene fornita nella presente sede. Nell eventualità che l organo preposto alla gestione intenda modificare l attuale assetto orario della turnazione, ciò sarà oggetto di apposita informazione. La dipendente Gagliano Miryam chiede chiarimenti in ordine alla sicurezza dei lavoratori della polizia municipale che sulla base dell attuale articolazione oraria si trovano ad operare da soli in fascia serale e notturna, qualora debbano fronteggiare eventuali eventi delittuosi che potrebbero mettere in pericolo la loro incolumità personale. Conto annuale anno 2012 SCHEDA INFORMATIVA 2 Macrocategoria: PERSONALE NON DIRIGENTE - Monitoraggio del Contratto Integrativo - FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SONO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15 Data atto costituzione Fondo/i per la contrattazione integrativa giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Contratto Integrativo per Mese Contratto Integrativo per PERSONALE NON Anno Contratto Integrativo per PERSONALE NON

5 Data atto costituzione Fondo/i per la contrattazione integrativa Data della certificazione positiva dei revisori dei conti dell'accordo annuale Data entrata in vigore dell'accordo annuale vigente giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) PERSONALE NON 28 giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Certificazione Contratto Integrativo per PERSONALE NON Mese Certificazione Contratto Integrativo per PERSONALE NON Anno Certificazione Contratto Integrativo per PERSONALE NON giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Determinazione per PERSONALE NON Mese Determinazione per PERSONALE NON Anno Determinazione per PERSONALE NON 1) ANNO DI RIFERIMENTO DELL'ACCORDO ANNUALE VIGENTE ALLA DATA DI COMPILAZIONE O AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE SCHEDA: 2) FONDO 2010 (CORRISPONDE AL TOTALE DELLA TABELLA 15 CONTO ANNUALE DEL 2010) 3) FONDO ANNO CORRENTE (CORRISPONDE AL TOTALE DELLA TABELLA 15 DEL PRESENTE CONTO ANNUALE) 4) (EVENTUALE) PERCENTUALE DI RIDUZIONE PROPORZIONALE DEL PERSONALE AI SENSI DELLA CIRCOLARE RGS 12/2011 (NOTA BENE NON VA INSERITO IL SEGNO "-"): % 5) QUOTE FONDO 2010 NON ASSOGGETTATE AI VINCOLI EX ART. 9 C. 2-BIS L. 122/2010 (ES. ECONOMIE, CONTO TERZI, PROGETTAZIONI ECC.) 6) QUOTE FONDO ANNO CORRENTE NON ASSOGGETTATE AI VINCOLI EX ART. 9 C. 2-BIS L. 122/2010 (ES. ECONOMIE, CONTO TERZI, PROGETTAZIONI ECC.) , ) VALORE MASSIMO TEORICO FONDO ANNO CORRENTE NEL RISPETTO DELL'ART. 9C. 2-BIS L. 122/2010)

6 8) CALCOLO DELLA COERENZA ANNO CORRENTE CON MASSIMO TEORICO 1 Il valore esposto alla domanda 3, pari a euro, risulta coerente con il valore massimo teorico calcolato alla domanda 7 (euro ) POSIZIONI NELL' ANNO DI RILEVAZIONE 9) FINANZIAMENTO DELLA SPESA PER POSIZIONI ORGANIZZATIVE RIPORTATE IN TAVOLA 13 A CARICO DEL FONDO 10) FINANZIAMENTO DELLA SPESA PER POSIZIONI ORGANIZZATIVE RIPORTATE IN TAVOLA 13 A CARICO DEL BILANCIO 13) L'AFFIDAMENTO DELLE NUOVE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DELL'ANNO E AVVENUTA CON LA SCELTA DEL DIRIGENTE SULLA BASE DI INCARICHI PREDETERMINATI? Si No 14) ATTRAVERSO UN BANDO ED UNA SUCCESSIVA PROCEDURA COMPARATIVA? Si No 15) PER SCELTA DELL'ORGANO POLITICO? Si No 16) SULLA BASE DI ALTRI FATTORI? Si No DETTAGLIO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE IN ESSERE AL Valori economici della retribuzione di posizione/posizioni organizzative(cfr. circolare) N. posizioni Valore Posizione Posizione Posizione Posizione 4 PROGRESSIONI ORIZZONTALI NELL'ANNO DI RILEVAZIONE 51) E' STATA PREVENTIVAMENTE VERIFICATA LA SUSSISTENZA DEL REQUISITO DI CUI ALL'ART.9, COMMA 1 DEL CCNL 11/04/08 AI FINI DELLE PROGRESSIONI ORIZZONTALI SECONDO LA DISCIPLINA DELL'ART.5 DEL CCNL 31/03/99? Si No 52) E' STATA RISPETTATA LA DISPOSIZIONE DI CUI ALL'ART. 9, COMMA 21, D.L. 78/2010? Si No 61) NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE PER LE PROGRESSIONI ORIZZONTALI DELL'ANNO, QUANTI SONO STATI I DIPENDENTI CHE VI HANNO CONCORSO? PROGRESSIONI ORIZZONTALI NELL'ANNO DI RILEVAZIONE (LE PERCENTUALI VANNO CALCOLATE CON RIFERIMENTO AL TOTALE DEI DIPENDENTI DELL' AREA / CATEGORIA / FASCIA AL 31/12 DELL'ANNO PRECEDENTE) AREA A / CATEGORIA A / FASCIA I 64) NUMERO PROGRESSIONI 65) PERCENTUALE AREA B / CATEGORIA B / FASCIA II 67) NUMERO PROGRESSIONI 68) PERCENTUALE AREA C / CATEGORIA C / FASCIA III 70) NUMERO PROGRESSIONI 71) PERCENTUALE

7 AREA D / CATEGORIA D 73) NUMERO PROGRESSIONI 74) PERCENTUALE PRODUTTIVITA' REGOLATA DALL' ACCORDO ANNUALE SULL'UTILIZZO DELLE RISORSE 86) IMPORTO TOTALE DESTINATO ALLA PRODUTTIVITA' INDIVIDUALE CHE SI DESUME DALL'ACCORDO ANNUALE SULL'UTILIZZO DELLE RISORSE 87) IMPORTO TOTALE DESTINATO ALLA PRODUTTIVITA' COLLETTIVA CHE SI DESUME DALL'ACCORDO ANNUALE SULL'UTILIZZO DELLE RISORSE 88) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA' FONDO ANNO CORRENTE SUPERIORE O UGUALE AL 90% DEL MASSIMO ATTRIBUITO 89) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA' FONDO ANNO CORRENTE COMPRESA FRA 60% E 90% DEL MASSIMO ATTRIBUITO 90) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA' FONDO ANNO CORRENTE INFERIORE O UGUALE AL 60% DEL MASSIMO ATTRIBUITO RILEVAZIONE CEPEL 29) VIENE EFFETTUATA LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E DEI RISULTATI DEI DIPENDENTI (ART. 6 CCNL 31/03/1999)? Si No 30) IN FORMA SINGOLA Si No 31) IN FORMA ASSOCIATA Si No 43) QUAL E' IL VALORE MASSIMO IN PERC. DELL'INDENNITA DI RISULTATO RISPETTO ALL'INDENNITA DI POSIZIONE (ART.10, COMMA 3 CCNL 31/03/1999)? % In questo spazio l'organo di controllo deve fornire elementi circa la valutazione effettuata in relazione alla certificazione positiva o negativa del contratto integrativo di ente (max 1500 caratteri) Commento dell'organo di controllo: Conto annuale 2012 tabella 15 - Macrocategoria: DIRIGENTI - Monitoraggio del Contratto Integrativo FONDO: LE DOMANDE SEGUENTI SONO RELATIVE AL FONDO COMUNICATO IN TABELLA 15

8 Data atto costituzione Fondo/i per la contrattazione integrativa giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Mese Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Anno Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Data della certificazione positiva dei revisori dei conti dell'accordo annuale giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Certificazione Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Mese Certificazione Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Anno Certificazione Contratto Integrativo per DIRIGENTI: Data entrata in vigore dell'accordo annuale vigente giorno (GG) mese (MM) anno (AAAA) Giorno Determinazione per DIRIGENTI: Mese Determinazione per DIRIGENTI: Anno Determinazione per DIRIGENTI: 1) ANNO DI RIFERIMENTO DELL'ACCORDO ANNUALE VIGENTE ALLA DATA DI COMPILAZIONE O AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE SCHEDA: 2) FONDO 2010 (CORRISPONDE AL TOTALE DELLA TABELLA 15 CONTO ANNUALE DEL 2010) 3) FONDO ANNO CORRENTE (CORISPONDE AL TOTALE DELLA TABELLA 15 DEL PRESENTE CONTO ANNUALE) 4) (EVENTUALE) PERCENTUALE DI RIDUZIONE PROPORZIONALE DEL PERSONALE AI SENSI DELLA CIRCOLARE RGS 12/2011 (NOTA BENE NON VA INSERITO IL SEGNO "-"): % 5) QUOTE FONDO 2010 NON ASSOGGETTATE AI VINCOLI EX ART. 9 C. 2-BIS L. 122/2010 (ES. ECONOMIE, CONTO TERZI, PROGETTAZIONI ECC.) 6) QUOTE FONDO ANNO CORRENTE NON ASSOGGETTATE AI VINCOLI EX ART. 9 C. 2-BIS L. 122/2010 (ES. ECONOMIE, CONTO TERZI, PROGETTAZIONI ECC.) 7) VALORE MASSIMO TEORICO FONDO ANNO CORRENTE NEL RISPETTO DELL'ART C. 2-BIS L. 122/2010) 8) CALCOLO DELLA COERENZA ANNO CORRENTE CON MASSIMO TEORICO

9 0 La verifica non è possibile in base ai dati forniti POSIZIONI NELL' ANNO DI RILEVAZIONE 13) LE FASCE INDIVIDUATE DALL'ISTITUZIONE SONO SUPERIORI A 4? Si No INDICARE IL NUMERO DI POSIZIONI COPERTE AL PER CIASCUNA FASCIA ED IL CORRISPONDENTE VALORE UNITARIO DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE: Posizione 1 Posizione 2 Posizione 3 Posizione 4 Valori economici della retribuzione di posizione/posizioni organizzative(cfr. circolare) N. posizioni Valore RISULTATO 18) LE RETRIBUZIONI DI RISULTATO SONO CORRELATE ALLA VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE DEI DIRIGENTI? Si No 19) SONO UTILIZZATI INDICATORI DI RISULTATO ATTINENTI ALL' UFFICIO O ALL'ENTE NEL SUO COMPLESSO PER LA VALUTAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO? Si No 20) SONO UTILIZZATI GIUDIZI DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE O DI ALTRO ANALOGO ORGANISMO PER LA VALUTAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO? Si No 21) SONO UTILIZZATI AI FINI DELLA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI MECCANISMI DI CONFRONTO CON LE PERFORMANCE DI ALTRI ENTI ("BENCHMARKING")? Si No 22) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI RISULTATO FONDO ANNO CORRENTE SUPERIORE O UGUALE AL 90% DEL MASSIMO ATTRIBUITO 23) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI RISULTATO FONDO ANNO CORRENTE COMPRESA FRA 60% E 90% DEL MASSIMO ATTRIBUITO 24) NUMERO DIPENDENTI CON RETRIBUZIONE DI RISULTATO FONDO ANNO CORRENTE INFERIORE O UGUALE AL 60% DEL MASSIMO ATTRIBUITO RILEVAZIONE CEPEL 29) SONO STATI COSTITUITI I NUCLEI DI VALUTAZIONE PER IL PERSONALE DIRIGENTE? Si No 30) IN FORMA SINGOLA Si No 31) IN FORMA ASSOCIATA Si No 38) VIENE EFFETTUATA LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E DEI RISULTATI DEI DIPENDENTI (ART. 14 CCNL 23/12/1999)? Si No 39) IN FORMA SINGOLA Si No 40) IN FORMA ASSOCIATA Si No

10 In questo spazio l'organo di controllo deve fornire elementi circa la valutazione effettuata in relazione alla certificazione positiva o negativa del contratto integrativo di ente (max 1500 caratteri) Commento dell'organo di controllo: Informazioni Generali Conto Annuale Anno: 2012 Tipologia Istituzione: COMUNI Istituzione: SAN GIOVANNI GEMINI Contratto: REGIONI E AUT.LOC. (CCNL NAZ.) L'Istituzione risulta certificata in data: 15/06/2013 SI1 SI1A T1 T2 T2A T3 T4 T5 T6 T7 T8 T9 T11 T12 T13 T14 T15 SI2 Controlli SQ/IN RIEPILOGO TRIENNALE SI1Cococo Tabella di Riconciliazione

11 Data ultimo aggiornamento modello: 26/06/ :15:51 Macrocategoria: PERSONALE NON DIRIGENTE Squadrature SQ5 Totale entrate Totale uscite Coerenza a b a=b OK %

12 Risorse per il finanziamento del Fondo (voci di entrata)(*) Descrizione Segno Importi Totale Fondo unico per le risorse decentrate Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità F556-UNICO IMPORTO CONSOLIDATO ANNO 2003 (ART.31 C. 2 CCNL 02-05) F61G-INCREMENTI CCNL (ART. 32. CC. 1-2 C. 7) F62G-INCREMENTI CCNL (ART. 4. CC. 1,4,5 PARTE FISSA) F63G-INCREMENTI CCNL (ART. 8. CC. 2,5,6,7 PARTE FISSA) F70A-RISPARMI EX ART. 2 C. 3 DLGS 165/2001 F64G-RIDET PER INCREM STIP (DICH CONG 14 CCNL 0205 E 1 CCNL08-09) F81H-INCREM. PER RID STAB STRAORD (ART. 14 C. 3 CCNL 98-01) F82H-INCREM PER PROC DEC.TO TRASF FUNZ (ART15 C1 L.L CCNL 98-01) F83H-INCREM DOTAZ ORG E RELAT COPERT (ART15 C5 P.FISSA CCNL98-01) F919-RIA E ASS. AD PERSONAM PERS. CESSATO (ART.4 C. 2 CCNL 00-01) F998-ALTRE RISORSE FISSE CON CARATTERE DI CERTEZZA E STABILITÀ F84H-DEC FONDO/PARTE FISSA LIMITE 2010 (ART Utilizzo del Fondo (voci di uscita)(*) Descrizione Segno Importi Totale Fondo unico per le risorse decentrate Destinazioni non contrattate specificamente dal CI di rif.to U07A-INDENNITÀ DI COMPARTO QUOTA CARICO FONDO U255-PROGRESSIONI ORIZZONTALI STORICHE U893-POSIZIONI ORGANIZZATIVE U08A-INDENNITÀ DI RESPONSABILITÀ / PROFESSIONALITÀ U257-INDENNITÀ TURNO, RISCHIO, DISAGIO ECC. U09A-PRODUTTIVITÀ / PERFORMANCE COLLETTIVA U10A-PRODUTTIVITÀ / PERFORMANCE INDIVIDUALE U998-ALTRI ISTITUTI NON COMPRESI FRA I PRECEDENTI totale Destinazioni non contrattate specificamente dal CI di rif.to Fondo unico Destinazioni contrattate specificamente dal CI di rif.to U515-PROGRESSIONI ORIZZONTALI - CONTR U885-POSIZIONI ORGANIZZATIVE - CONTR U11A-INDENNITÀ DI RESPONSABILITÀ / PROFESSIONALITÀ - CONTR U254-INDENNITÀ TURNO, RISCHIO, DISAGIO ECC. - CONTR U252-PRODUTTIVITÀ / PERFORMANCE

13 Macrocategoria: DIRIGENTI Squadrature SQ5 Totale entrate Totale uscite Coerenza a b a=b 0 0 OK

14 Risorse per il finanziamento del Fondo (voci di entrata)(*) Descrizione Segno Importi Totale 0 Risorse per la retribuzione di posizione e di risultato Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità F400-POSIZIONE E RISULTATO ANNO 1998 (ART.26 C.1 L. A CCNL 98-01) F403-INCREMENTI CCNL (ART. 26 C. 1 L. D) F65G-INCREMENTI CCNL (ART. 23. CC. 1,3) F66G-INCREMENTI CCNL (ART. 4 CC. 1,4) F940-INCREMENTI CCNL (ART. 16 CC. 1,4) F67G-INCREMENTI CCNL (ART. 5 CC. 1,4) F405-PROCESSI DI DECENTRAMENTO (ART. 26 C. 1 L. F CCNL 98-01) F406-RIA E MAT. EC. PERS. CESS. (ART. 26 C. 1 L. G CCNL 98-01) F942-INCR DOT ORG/RIORG STAB SERV (ART26 C3 - P.FISSA CCNL 98-01) F411-RID. STABILE ORG. DIRIG. (ART. 26 C. 5 CCNL 98-01) F998-ALTRE RISORSE FISSE CON CARATTERE DI CERTEZZA E STABILITÀ F934-DECURTAZIONE FONDO 3.356,97 EURO (ART.1 C.3 L. E CCNL 00-01) F84H-DEC FONDO/PARTE FISSA LIMITE 2010 (ART.9 C.2BIS L.122/10) F85H-DEC FONDO/PARTE FISSA RID PROP PERS (ART.9 C2BIS L.122/10) Utilizzo del Fondo (voci di uscita)(*) Descrizione Segno Importi Totale 0 Risorse per la retribuzione di posizione e di risultato Destinazioni non contrattate specificamente dal CI di rif.to U448-RETRIBUZIONE DI POSIZIONE U449-RETRIBUZIONE DI RISULTATO totale Destinazioni non contrattate specificamente dal CI di rif.to Risorse posizione risultato Destinazioni contrattate specificamente dal CI di rif.to U445-RETRIBUZIONE DI POSIZIONE - CONTR. U446-RETRIBUZIONE DI RISULTATO - CONTR. totale Destinazioni contrattate specificamente dal CI di rif.to Risorse posizione risultato (eventuali) Destinazioni ancora da regolare U994-RISORSE ANCORA DA CONTRATTARE totale (eventuali) Destinazioni ancora da regolare Risorse posizione risultato 0 0 0

15

COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI

COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI TABELLA 15 - FONDO PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA MACROCATEGORIA: PERSONALE NON DIRIGENTE Risorse per il finanziamento del fondo (voci di entrata)(*) Utilizzo del

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

ANNO 2008 - COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART.15 DEL C.C.N.L. 01.04.1999

ANNO 2008 - COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART.15 DEL C.C.N.L. 01.04.1999 ANNO 2008 - COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART.15 DEL C.C.N.L. 01.04.1999 24/04/2009 : integrazione al C.C.D.I. sottoscritto in data 13 marzo 2008 Oggetto: stipula del contratto integrativo

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Quota media Salario Accessorio 2010 liquidata per Settore

Quota media Salario Accessorio 2010 liquidata per Settore Quota media Salario Accessorio 2010 liquidata per Settore 3500 3000 2500 2000 Totale 1500 1000 500 0 AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI GESTIONE DEL TERRITORIO POLIZIA MUNICIPALE RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO CATANZARO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE DEL COMPARTO

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO CATANZARO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE DEL COMPARTO AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO CATANZARO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE DEL COMPARTO 1 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE del COMPARTO Articolo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO del Personale del Comparto Università quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO del Personale del Comparto Università quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO del Personale del Comparto Università quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 A seguito del parere favorevole espresso dal Comitato di Settore

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi

ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi Comune di ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi Comune di Arienzo - Regolamento per l'ordinamento degli uffici e dei servizi Pagina 1 INDICE Art. 1-Oggetto del regolamento Art.

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Contratto Collettivo Integrativo del Ministero degli affari esteri 1998 2001, firmato il 3 agosto 2000. INDICE

Contratto Collettivo Integrativo del Ministero degli affari esteri 1998 2001, firmato il 3 agosto 2000. INDICE 1 Contratto Collettivo Integrativo del Ministero degli affari esteri 1998 2001, firmato il 3 agosto 2000. Premessa INDICE Parte Prima * Art. 1 - Campo di applicazione durata, decorrenza, tempi, procedure

Dettagli

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 di Lalla, Orizzonte scuola 23.2.2015 Scade il 15 marzo la domanda per la richiesta di part time. I requisiti e le modalità

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995)

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) Comparto Regioni e Autonomie locali Luglio 2013 INDICE Introduzione... 2 Permesso per lutto... 4 Permesso per matrimonio... 11 Permesso per concorsi

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

Possibili contenuti di un contratto decentrato integrativo Indice ragionato. Comparto Regioni e Autonomie locali Personale non dirigente

Possibili contenuti di un contratto decentrato integrativo Indice ragionato. Comparto Regioni e Autonomie locali Personale non dirigente Possibili contenuti di un contratto decentrato integrativo Indice ragionato Comparto Regioni e Autonomie locali Personale non dirigente Marzo 2013 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. DISCIPLINA GENERALE DELLA

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

DOCUMENTI RAPPORTO ROMA, APRILE 2004

DOCUMENTI RAPPORTO ROMA, APRILE 2004 DOCUMENTI 35 RAPPORTO L UTILIZZO DEL FONDO PER LA RETRIBUZIONE ACCESSORIA NEI CONTRATTI INTEGRATIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE: QUADRIENNIO 1998-2001 ROMA, APRILE 2004 Il rapporto è stato curato dalla

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli