Decidere di non avere un (altro) figlio. Valori, costrizioni e possibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Decidere di non avere un (altro) figlio. Valori, costrizioni e possibilità"

Transcript

1 Decidere di non avere un (altro) figlio. Valori, costrizioni e possibilità Maria Castiglioni Introduzione. In questo lavoro, riflettiamo sui valori che sottostanno alle scelte riproduttive e sulle costrizioni con cui si trovano a fare i conti le coppie. Ragioneremo su questi temi partendo dalle motivazioni espresse dalle donne per non avere il primo, il secondo, il terzo figlio. Vogliamo anche capire se e come queste costrizioni possono essere superate, cioè capire se ci sono delle possibilità per andare incontro alla realizzazione dei progetti di costruzione della propria famiglia. Queste possibilità, naturalmente, possono essere diverse a seconda dei valori e delle priorità delle coppie. Le analisi empiriche su cui ci baseremo sono state condotte sui dati raccolti nell indagine Troppi o nessuno, realizzata nel in cinque città italiane. Alle donne senza figli, di anni, che sono entrate almeno una volta in unione, che non hanno avuto problemi noti di sterilità, e che non hanno mai provato ad avere un figlio è stato chiesto di indicare se una serie di motivazioni sono state importanti per determinare la scelta di non avere voluto figli. Le stesse motivazioni, con i necessari adattamenti, sono state sottoposte alle donne con 1 o 2 figli, che fisicamente avrebbero potuto averne altri ma che comunque non pensavano di averne più, madri di ragazzi in terza media. Per loro si tratta dunque di motivazioni per non volere un altro figlio 1. I motivi che portano le donne e le coppie a non volere un (altro) figlio possono essere ricondotti ad alcune delle ipotesi interpretative della bassa fecondità proposte dalla letteratura. Usualmente queste ipotesi vengono sottoposte a verifica empirica tramite l analisi di tassi di fecondità o di probabilità di avere un figlio (in più), si studia cioè la propensione ad avere figli tramite il confronto tra chi ha avuto e chi non ha avuto un figlio. In questo lavoro, invece, studiamo i motivi della rinuncia (distinguendo, naturalmente, a seconda del numero di figli avuti). Mettendo in evidenza chi privilegia, per esempio, motivazioni di natura economica, possiamo riflettere sulla rilevanza delle chiavi di lettura più economiche sulla bassa fecondità italiana. È necessario dunque ripercorrere velocemente le ipotesi interpretative a cui si riferiscono le motivazioni della rinuncia alla fecondità (par.1). Alle stesse donne (senza figli e con 1 o 2 figli) nel questionario sono stati proposti alcuni interventi pubblici, molto generosi e certamente irrealistici, a favore delle famiglie con figli. Si voleva capire se, di fronte a interventi decisamente orientati al sostegno della maternità, le coppie avrebbero ripensato le loro scelte 2. Dopo aver presentato le risposte fornite dalle donne alle diverse motivazioni (par.2), verifichiamo la forza di ciascuna costrizione o preferenza espressa osservando appunto l eventuale disponibilità delle donne a modificare le proprie scelte (par.3). Infine, un analisi delle 1 I dati per le donne senza figli sono stati raccolti tramite intervista telefonica sulla base di un questionario strutturato, quelli per le donne con figli tramite questionario autocompilato. Le motivazioni per non avere un (altro) figlio sono state rilevate sottoponendo alle donne un elenco di possibili motivi (15 per le donne senza figli, 14 per quelle con uno o due figli) e chiedendo loro di indicare per ciascuno di essi se è stato o no importante nella decisione di non avere un figlio (in più). Per una presentazione delle risposte alle motivazioni delle madri di uno o due figli, separatamente nelle cinque città, si veda Dalla Zuanna e Salvini (2003), per le donne senza figli Tanturri e Mencarini (2003). 2 Con riferimento ad alcune proposte ipotetiche si chiedeva alle donne se avrebbero modificato il loro comportamento fecondo. Trattandosi di donne presumibilmente al termine della loro vita riproduttiva, le domande sono ancora più irrealistiche perché si riferiscono a scelte ormai definitive. Tuttavia, proprio a causa della razionalizzazione a posteriori di quanto vissuto, le risposte dovrebbero riflettere i sistemi di valore delle donne. 1

2 caratteristiche di chi esprime le singole motivazioni, permette di approfondire le condizioni che portano alle scelte riproduttive (par.4) e offre l opportunità di riflettere su quali sono le costrizioni percepite come più pesanti dalle coppie (par.5). 1. I fattori esplicativi della fecondità. Secondo i sostenitori della New Home Economics, le scelte riproduttive sono una risposta razionale ad una valutazione di costi (diretti e indiretti) e benefici (anche di ordine psicologico) derivanti da un nato (in più). Alla luce di questa chiave di lettura, si può pensare che coppie più ricche possano permettersi con più facilità di avere un figlio; nello stesso tempo, però, le coppie più ricche sono anche quelle che hanno investito di più nel proprio capitale umano, e dunque potrebbero percepire in misura più pesante la presenza di un figlio, se questa è di ostacolo alla realizzazione economica o personale degli investimenti fatti. L esperienza della maternità può entrare in concorrenza con la partecipazione della donna nel mercato del lavoro non solo se comporta una riduzione di reddito, ma anche una diminuzione delle gratificazioni personali e delle opportunità di carriera, soprattutto all interno di un contesto sociale in cui il sostegno dei servizi è debole, e la divisione dei compiti interni alla famiglia è ancora di tipo tradizionale. La relazione negativa tra fecondità e lavoro della donna in Italia è documentata da molte analisi empiriche 3, ed è opposta a quanto si osserva nei paesi del centro e nord Europa, in cui il sistema di welfare è molto più orientato al sostegno delle madri che lavorano ed è maggiore la condivisione dei compiti domestici tra i partner. Il reddito femminile da lavoro sembra dunque deprimere la fecondità in Italia. Non è così, invece, con riferimento al reddito maschile, come sembrerebbe suggerito dalle analisi di Ongaro e Salvini (2003), in cui il titolo di studio è interpretato come una proxy del livello economico 4. Per misurare quanto queste componenti hanno condizionato le scelte riproduttive delle coppie, abbiamo introdotto nel questionario una serie di motivazioni che dovrebbero cogliere con sfumature diverse i vincoli e le preferenze di natura economica. Era troppo costoso avere un (altro) figlio e Il mio lavoro serviva per tirare avanti, e con un (altro) figlio sarebbe stato per me impossibile continuare a lavorare cercano di cogliere i vincoli imposti da un reddito, altrimenti insufficiente. Un altro figlio avrebbe danneggiato il benessere economico di quelli che ho (rivolto solo alle donne con figli) si riferisce ancora al costo dei figli, ma in forma indiretta, cioè come sottrazione di risorse economiche ai figli già nati. Con un (altro) figlio, avrei dovuto rinunciare a lavorare o a migliorare il mio lavoro, e per me il lavoro è importante, non solo dal punto di vista economico cerca invece di escludere la componente della necessità, per mettere in evidenza l importanza del lavoro come ambito di realizzazione della donna fuori dalla sfera domestica. Infine, Per avere un (altro) figlio avrei dovuto rinunciare a troppe cose esprime una valutazione dei costi/opportunità, cioè del costo indiretto associato alla rinuncia (almeno temporanea) ad altre opportunità ed esperienze significative per la famiglia 5. 3 Si vedano i riferimenti proposti in Ongaro e Salvini (2003) e in Giraldo et al., in questo volume. 4 Lo stesso risultato è confermato anche con riferimento alla probabilità di avere il secondo figlio tra le donne che hanno sempre lavorato, nel contributo di Mencarini e Tanturri in questo volume. Lo stesso lavoro, inoltre, mostra che le donne che mantengono costante il loro impegno per il mercato e non hanno una riduzione di reddito hanno più probabilità di avere un secondo figlio, evidenziando così un possibile effetto reddito anche tra le donne. Anche l intervento di Giraldo et al., in questo volume, cerca di rilevare l influenza del reddito (al netto degli effetti spuri dipendenti dal lavoro) sulla fecondità. 5 Anche De Santis e Breschi (2003) cercano la presenza di un freno economico alla fecondità nella risposta a tre dei quesiti qui considerati (il costo dei figli, il lavoro per esigenze economiche e il danno 2

3 Come messo in evidenza nel lavoro di Dalla Zuanna in questo volume, la chiave di lettura della seconda transizione demografica enfatizza l importanza dei nuovi valori postmaterialisti e postmoderni nel determinare le scelte di fecondità. Ai valori tradizionali, condizionati dall adesione alle istituzioni, si contrappongono quelli che riportano al centro delle scelte l individuo: la libertà, il prestigio, l autorealizzazione. Tra i valori postmoderni può rientrare anche il desiderio di maternità: il figlio diventa generatore di senso, attribuisce un ruolo sociale all individuo, arricchisce di relazioni forti la vita quotidiana, è fonte di gioia 6. Il valore del figlio passa dunque attraverso la qualità della relazione con lui. Per questo è necessario avere tempo, tempo liberato da altri impegni di lavoro, tempo che potrebbe scarseggiare se il numero di figli fosse elevato. Questo investimento nella relazione con i figli potrebbe essere accentuato all interno della società italiana, permeata da un sistema di legami forti tra le generazioni, in cui i genitori si sentono responsabili della qualità della vita dei figli. Per valutare l importanza nelle scelte riproduttive delle attenzioni e delle risorse non solo economiche da dedicare al figlio, abbiamo introdotto nel questionario le seguenti motivazioni: Non avevamo abbastanza tempo per seguire bene un bambino (per le donne senza figli) e Con un figlio in più, avremmo seguito male sia il nuovo nato sia i figli che avevamo già (per le donne con uno o due figli). Uno dei fattori già ricordati che concorrono a tenere bassa la fecondità italiana è da ricondurre a un sistema di genere privato che presenta ancora elementi di disequilibrio. Di fronte a un capitale umano equiparabile a quello dell uomo, e alle stesse possibilità di accesso al mercato del lavoro, la donna rimane sovraccaricata dal lavoro domestico e dai compiti di cura e allevamento dei figli. Secondo quanto suggerito da Mc Donald (2000), ci si potrebbe aspettare che nelle coppie in cui vi è una maggiore condivisione tra i partner nei compiti di cura familiari la fecondità sia più elevata. Ciò non emerge in alcune analisi della probabilità di avere il primo o il secondo figlio sui dati dell Indagine Nazionale sulla Fecondità del 1996, in cui però erano state considerate tutte le donne, sia le lavoratrici, sia le casalinghe (Rivellini e Zaccarin, 1999; Rampichini e Salvini, 2001). Viceversa, in un analisi limitata alle donne che hanno sempre lavorato (Mencarini e Tanturri in questo volume), la probabilità di avere il secondo figlio è più alta se il marito si prende cura del primo, e la probabilità di avere il terzo è più elevata quando il marito non riduce il suo impegno in casa dopo la nascita del secondo. Nelle analisi presentate in questo lavoro vedremo come agisce il sistema di genere interno alla famiglia nel determinare le motivazioni alla scelta di non avere (altri) figli 7. Infine, la realizzazione delle scelte riproduttive deve fare i conti anche con vincoli di altra natura. Innanzitutto, la fecondità ha luogo all interno di una esperienza di coppia. In Italia, le nascite fuori del matrimonio sono ancora pochissime, per cui la rottura di un unione coniugale segna spesso anche l uscita, almeno temporanea, da una condizione che rende possibile la procreazione. In secondo luogo, anche se si sono allungate le fasi di passaggio all assunzione di ruoli tipici dell età adulta, i vincoli biologici nell intervallo di vita fertile della donna sono rimasti (ovviamente) invariati, imponendo un serio ostacolo alla realizzazione di progetti riproduttivi procrastinati nel tempo. Se da un lato questi due aspetti costituiscono delle condizioni oggettive di economico ai figli già nati), con riferimento però solo alle madri: essi ritengono che questo freno sia nel complesso debole. 6 Si vedano i contributi di Maggioni e di Dalla Zuanna in questo volume. 7 A differenza delle altre chiavi di lettura, non ci sono nel questionario motivazioni riconducibili al sistema di genere. Per studiare dunque l impatto della condivisione dei ruoli sulle scelte di fecondità, introduciamo alcune variabili di comportamento delle coppie tra le esplicative nei modelli di analisi delle diverse motivazioni. 3

4 ostacolo alla riproduzione, ci si può chiedere se e come entrano in gioco, nella percezione soggettiva, tra le motivazioni per non volere (altri) figli. Ciò può essere esplorato attraverso l analisi delle seguenti motivazioni: La nostra coppia non era così forte per poter pensare di avere un (altro) figlio e La nostra coppia si è divisa poco dopo il matrimonio/la nascita dell ultimo figlio, verificano l importanza della tenuta della relazione di coppia, e Ci sentivamo troppo vecchi per avere un (altro) figlio e I primi anni con i nostri figli sono stati così duri, che non ce la siamo sentita di ricominciare da capo (solo per le madri), si riferiscono al fatto di sentirsi troppo vecchi e stanchi. 2. Valori, costrizioni Una lettura delle motivazioni espresse dalle donne permette di mettere in risalto i valori e le costrizioni più sentiti nel determinare le scelte riproduttive (fig. 1). [figura 1 circa qui] Con riferimento agli aspetti economici e alle scelte lavorative alcune motivazioni sottolineano più la presenza di vincoli, altre indicano invece scelte e priorità. Tra i vincoli, il costo diretto dei figli è molto importante, soprattutto per chi ne ha già due. È un po meno sentito da chi ne ha uno, ancora meno da chi non ne ha. Questa motivazione certamente riflette l esperienza diretta della donna. Allo stesso modo, il timore di privare di risorse economiche i figli già nati cresce al crescere del numero di figli. Il lavoro femminile ha condizionato le scelte riproduttive soprattutto per il timore che una (nuova) maternità avrebbe limitato le possibilità di realizzazione della donna al di fuori della famiglia (in particolare per le donne senza figli). Le differenze rispetto al lavoro come fonte di reddito indispensabile non sono in realtà molto elevate, e dunque il dilemma lavoro-fecondità si manifesta in tutte e due le sue dimensioni: come espressione di una preferenza, di una scelta, da un lato, e come vincolo, dall altro. Ma tra le valutazioni di costi e benefici, quella che sembra dominare è la preoccupazione che un (altro) figlio costringa a rinunciare a molte cose, senza differenze tra donne con diverso numero di figli. I figli dunque entrano in concorrenza con altre scelte ad ogni ordine di parità. Probabilmente il paniere di scelte alternative cambia in funzione del numero di figli già nati, ma l aver lasciato ad una valutazione soggettiva l individuazione delle cose importanti non permette di fare distinzioni ulteriori. Con la motivazione Con un figlio in più avremmo seguito male sia il nuovo nato sia i figli che avevamo già si vuole esplorare l importanza della qualità della relazione con i figli, e quanto questa possa essere messa in discussione se i figli sono numerosi. Effettivamente, questa motivazione ha raccolto gran parte dei consensi, soprattutto tra le donne con due figli. Anche per le donne senza figli, la rinuncia alla maternità dipende fortemente dalla consapevolezza di non avere il tempo per instaurare una relazione di qualità. I vincoli dati dall età sono poco importanti tra le donne senza figli, mentre crescono all aumentare del numero di figli; tra chi è già genitore pesano anche le esperienze precedenti, se sono state faticose. Infine, la debolezza della relazione di coppia è uno dei vincoli principali che hanno condizionato le scelte riproduttive delle donne senza figli: quasi il 20% delle donne infeconde che sono state in coppia riportano la separazione come motivo dell essere senza figli. 4

5 In conclusione: la scelta di non avere figli dipende da alcune priorità (importanza della realizzazione personale tramite il lavoro, timore che la maternità costringa a rinunciare ad altre cose importanti) e da alcuni vincoli (mancanza di tempo da dedicare al figlio, e debolezza della relazione di coppia), ma sembra essere largamente indipendente da vincoli di natura economica. La scelta di non superare i due figli dipende certamente dai costi, ma anche dall impressione che una famiglia più numerosa sottragga risorse, non solo economiche, ai figli, e si ponga in alternativa ad altre opportunità ed esperienze; viene percepito anche un vincolo legato all età. La scelta del figlio unico si colloca in una situazione intermedia: pesano ancora i costi, ma specialmente la preoccupazione di dover rinunciare ad altre cose e di non riuscire a seguire bene i figli. 3. e possibilità. Quanto la fecondità raggiunta è espressione di una scelta, è realizzazione di un desiderio, e quanto, invece, nasconde una rinuncia a un (altro) figlio? Se ci fossero state circostanze diverse, se l intervento pubblico avesse dato forme di sostegno molto più incisive, le coppie avrebbero avuto un bambino in più? E tra le motivazioni indicate, ve ne sono alcune che sarebbero state superate con un sostegno adeguato da parte dello Stato? Rispondiamo a queste domande osservando le reazioni (ipotetiche) delle donne di fronte a diverse proposte di intervento pubblico (fig. 2) 8. [figura 2 circa qui] Le donne senza figli sono quelle più difficili da smuovere dalla loro scelta, mentre quelle con un solo figlio sarebbero le più disposte ad averne un altro. Le donne con due figli si discostano un po da quelle con un figlio solo. Tra gli interventi proposti quello che sembra riscuotere maggior successo è il congedo parentale, seguito alla pari da alti assegni familiari fino all adolescenza e da servizi scolastici a costi molto bassi, con ampia disponibilità di orario, adattabile alle esigenze familiari. In ultima posizione sono gli assegni familiari molto consistenti, limitati però ai primi tre anni di vita del bambino. L ordine di preferenza non varia in funzione del numero di bambini avuti. Questi risultati permettono di proporre alcune prime considerazioni. La preferenza per il congedo sottolinea come sia forte la preoccupazione di conciliare il lavoro con la cura dei figli. La proposta è certamente allettante: permette di assentarsi dal lavoro per tre anni, conservando reddito e posizione 9. Risponde quindi all esigenza del lavoro 8 Si riportano in modo esteso i quesiti: Se lo Stato avesse versato un assegno familiare molto alto (ad esempio 750 euro al mese), dal momento della nascita fino al terzo compleanno, avrebbe voluto avere un (altro) figlio? ; Se lei o suo marito aveste potuto stare a casa per tre anni dal lavoro, conservando il vostro reddito e con la certezza di poter riprendere a lavorare, avrebbe voluto avere un (altro) figlio? ; Se lo Stato avesse versato un alto assegno familiare (ad esempio 250 euro al mese), dal momento della nascita di un figlio fino ai suoi 16 anni, avrebbe voluto avere un (altro) figlio? ; Se gli asili nido e le scuole materne, elementari e medie fossero state disponibili a costi molto bassi, a tempo pieno e flessibile, lei avrebbe voluto avere un (altro) figlio?. A tutte le domande le possibilità di risposta erano le seguenti: Certamente no, Penso di no, Penso di sì, Certamente sì. Nelle figure del testo si riporta la somma di chi risponde Certamente sì e Penso di sì. Una presentazione dei risultati differenziati nelle cinque città si può trovare in Dalla Zuanna e Salvini (2003) per le madri di 1 o 2 figli, e in Tanturri e Mencarini (2003), per l insieme delle donne senza figli. De Santis e Breschi (2003) cercano di stimare il numero di figli ipotetici aggiuntivi sulla base delle risposte date dalle madri. 9 La legislazione italiana attuale in questa materia è tra le più avanzate all interno dell Europa, definita all avanguardia nell intervento di Brollo e Filì in questo volume. In questo contesto, il grado di adesione al congedo parentale proposto nel questionario sembra suggerire che la legislazione italiana si sta muovendo nella giusta direzione. Uno degli aspetti problematici di ogni legge di tutela della maternità riguarda le ricadute discriminatorie nella partecipazione effettiva della donna nel mercato del lavoro. 5

6 come fonte di reddito, e non compromette la carriera lavorativa salvo il fatto di interromperla provvisoriamente. Nello stesso tempo permette di dedicarsi per tre anni completamente al bambino. Anche la disponibilità di servizi a basso costo, tempo pieno e orario flessibile permette di conciliare il tempo del lavoro con la cura dei figli. Tuttavia, il fatto che il congedo abbia ottenuto una percentuale di preferenze più alta di quella raccolta dai servizi sottolinea come la difficoltà di conciliare lavoro e maternità non si traduce solo in un problema organizzativo, ma riguarda anche la quantità di tempo da poter dedicare ai figli: secondo le mamme italiane, la costruzione di una relazione con loro non può essere delegata a nessuno 10. La preferenza verso un assegno distribuito fino ai 16 anni piuttosto che un contributo molto più elevato per un periodo limitato della crescita potrebbe da un lato essere frutto dell esperienza maturata dalle madri di figli quattordicenni (i figli costano, non solo nei primi tre anni di vita), dall altro dal fatto che l impatto di un nuovo nato sul bilancio familiare è per gran parte delle madri intervistate un esperienza ormai lontana e superata. Tuttavia, l intervento è preferito anche dalle donne senza figli. Ciò sembra piuttosto sottolineare quanto sia ritenuta importante e seria la scelta di avere un figlio. Non è una scelta di un momento, non si tratta di affrontare un emergenza temporanea; si tratta di assumere un impegno che dura nel tempo, che non si esaurisce dopo la prima infanzia. Per capire quanto la decisione di non avere (altri) figli sia espressione di una scelta o di una costrizione, mettiamo in relazione le motivazioni indicate dalle donne con la loro reazione di fronte alle proposte di intervento pubblico. Scegliamo cinque motivazioni, una per ogni chiave teorica proposta. Nella figura 3 si riporta la percentuale di donne che avrebbero avuto un figlio se fosse stato attuato uno specifico intervento, calcolata sulle donne senza figli che hanno indicato una specifica motivazione. [figura 3 circa qui] Tra le donne senza figli, che lo ricordiamo sono le più ferme sulla loro scelta riproduttiva, alcune condizioni sono vincolanti: la debolezza del rapporto di coppia, e il sentirsi troppo avanti negli anni costituiscono delle costrizioni che non potevano essere rimosse. Viceversa, le poche donne che hanno rinunciato a diventare madri in previsione dei costi elevati avrebbero modificato più facilmente la propria scelta se fosse stata sostenuta da un intervento pubblico, e in misura un po inferiore anche le donne che ritenevano il lavoro importante per la propria realizzazione. Gli interventi di maggior successo sono il congedo e i servizi. Il congedo, in particolare, poteva spingere anche le donne che erano preoccupate di non avere abbastanza tempo per seguire bene i Nella proposta del questionario non si fa riferimento a questo aspetto, anche se l espressione con la certezza di poter riprendere a lavorare lascia intendere, probabilmente, che questo problema è superato. Le donne intervistate, comunque, hanno messo al mondo i figli quando la legge era circoscritta solo ad alcune categorie di lavoratrici, era ristretta a un periodo limitato di vita del bambino, ed era rivolta esclusivamente alle madri e non ai padri. 10 Un altro modo per conciliare il lavoro con la famiglia è il ricorso al part-time. Questa prospettiva non è stata presentata alle donne intervistate, così non siamo in grado di verificare il grado di adesione che avrebbe potuto raccogliere. Avremmo potuto vedere attraverso i modelli quali motivazioni alla rinuncia a un figlio in più erano sostenute dalle donne che hanno scelto il part-time in qualche momento della loro vita lavorativa. Tuttavia, le analisi di Mencarini e Tanturri (in questo volume) mostrano che le donne che hanno avuto una riduzione di orario di lavoro dopo la nascita dei figli hanno una minore propensione ad avere un altro figlio. Sembra dunque prevalere il vincolo della diminuzione del reddito, piuttosto che la risorsa del tempo liberato. 6

7 figli a modificare la loro scelta. Ancora una volta, gli interventi più apprezzati sembrano essere quelli che non solo liberano tempo, ma permettono di utilizzarlo per costruire una relazione di qualità con il figlio. Come già detto, le madri di un figlio unico sembrano le più disponibili a rivedere la scelta. Le stesse condizioni che erano risultate vincolanti per le donne senza figli, sono ora meno stringenti (fig. 4). Anche la sensazione di vecchiaia, se sostenuta adeguatamente dal congedo o dai servizi (molto meno efficaci gli assegni) poteva essere superata. La debolezza della coppia sembra riflettere più una fatica di fondo (o una situazione determinatasi ex-post?) che una situazione di effettiva rottura, visto che di fronte a tutti gli interventi si nota una certa disponibilità a ripensare alla propria scelta. Come per le donne senza figli, il costo è il vincolo che più facilmente poteva essere rimosso dalla mano pubblica (con un discreto apprezzamento anche degli assegni familiari), e chi ha rinunciato al figlio perché in concorrenza con un lavoro importante nella vita della donna avrebbe forse fatto una scelta diversa di fronte a una possibilità di congedo molto generosa. Ancora una volta è più difficile andare incontro alla preoccupazione di non riuscire a seguire bene i figli e il congedo è l intervento che sembra rispondere meglio a questa difficoltà. [figura 4 circa qui] L osservazione della figura 5 offre un quadro diverso per le madri con due figli: la disponibilità a rivedere le proprie scelte non sembra dipendere dalla motivazione indicata. Questa stabilità suggerisce che un numero di figli pari a due è espressione di una scelta piuttosto che il risultato di una costrizione. Sembra una scelta di fondo, che coincide, non casualmente, con il numero di figli indicato come ideale da gran parte delle donne nelle indagini italiane ed europee. Certamente una scelta giustificata anche da vincoli e priorità, come emerso dai risultati relativi alle motivazioni, ma non il risultato di una rinuncia 11. [figura 5 circa qui] 4. Le motivazioni per la rinuncia a un figlio: le caratteristiche delle donne e delle coppie. Le analisi finora presentate sembrano mettere in evidenza che le scelte delle coppie rilevate attraverso quanto dichiarato dalle donne sono espressione di valori, come la qualità della relazione con i figli o l importanza del lavoro per la realizzazione personale, e di vincoli, intesi come limitazioni alle possibilità di scelta, come per esempio le difficoltà di conciliare lavoro e famiglia, i costi, la debolezza della relazione di coppia, l età. In questo paragrafo vogliamo capire meglio le caratteristiche di chi esprime quattro diverse motivazioni, riferite a ipotesi esplicative diverse. Con riferimento alla dimensione economica consideriamo il costo dei figli (come vincolo economico in senso stretto) e l importanza del lavoro per la realizzazione personale (come espressione di una priorità quale la valorizzazione delle proprie risorse); con riferimento alla lettura della seconda transizione demografica consideriamo il timore di non riuscire a seguire bene i figli (come indicatore del valore dei figli); tra i vincoli, infine, consideriamo la solidità della relazione di coppia. Il sistema di genere è 11 Anche l analisi di Ongaro e Salvini (2003) sulla probabilità di avere il secondo e il terzo figlio, condotta sugli stessi dati, suggerisce che almeno fino al 2 figlio, il lavoro è una irrinunciabile fonte di reddito familiare e che la scelta del 3 figlio appare maggiormente influenzata da aspetti valoriali piuttosto che economici (pp ). 7

8 considerato tra le variabili che possono contribuire a formare i diversi motivi che portano a rinunciare ai figli. La motivazione che fa riferimento alla preoccupazione per il costo dei figli viene indicata da chi manifesta, sotto diversi aspetti, la presenza di difficoltà economiche (tab.1). Si tratta di coppie con basso titolo di studio, che provengono da famiglie di classe sociale medio-bassa, con una situazione economica non favorevole, in cui la donna contribuisce poco al reddito della famiglia. Sono coppie in cui il marito aumenta il proprio carico di lavoro (peraltro già alto) dopo la nascita dei figli, a causa, evidentemente, della necessità di aumentare il reddito familiare. Oppure coppie in cui il padre si occupa dei figli: questo risultato, che mette in evidenza una condivisione dei ruoli parentali, può indicare ancora una volta una necessità: non basta un solo stipendio, la donna deve andare a lavorare e dunque anche il padre deve prendersi cura dei figli. Il timore dei costi viene indicato anche dalle donne che provengono da una famiglia numerosa: è possibile che durante la loro crescita abbiano maturato la percezione di un costo più elevato delle famiglie numerose. Risulta meno facilmente interpretabile l effetto della pratica religiosa tra le madri di due figli di Messina. [tabella 1 circa qui] Le variabili riconducibili alle costrizioni economiche sono del tutto assenti quando si analizza l importanza del lavoro come ambito di realizzazione e soddisfazione personale (tab.2). È un risultato interessante, perché sta a indicare che, contrariamente a quanto si pensa di solito, tutte le donne, anche quelle con qualifiche più basse, ritengono importante il lavoro. La conciliazione dell impegno lavorativo con la cura della famiglia è dunque un problema condiviso da tutti, e va affrontato tenendo conto delle esigenze di tutte le categorie professionali. Coerentemente con l interesse espresso per il lavoro, si individuano gruppi di donne che hanno scelto di privilegiare l attività professionale: sono le donne senza figli che hanno poco tempo libero, le donne con due figli che hanno sempre lavorato, e le madri di Messina che sono consapevoli del loro ruolo centrale nella determinazione del reddito familiare (donne che hanno sempre lavorato, che hanno sollevato la situazione economica della famiglia, il cui marito non occupa lo stesso ruolo). Gli altri fattori che risultano associati alla motivazione dell importanza del lavoro mettono in evidenza aspetti diversi. L importanza del lavoro è indicata dalle coppie in cui è maggiore la condivisione nella cura della casa (anche se il risultato è opposto a quello relativo alla cura del figlio per le madri di un bambino): in questo caso la parità del sistema di genere privato porta a privilegiare il lavoro rispetto alla scelta di avere un primo o un secondo figlio. Ancora: il lavoro è sentito come opportunità per realizzare forme di mobilità sociale ascendente. [tabella 2 circa qui] Esaminiamo ora le caratteristiche di chi ritiene di non avere abbastanza tempo per seguire bene il figlio o comunque ritiene che con un nuovo nato non avrebbe potuto dedicarsi al meglio ai figli già presenti (tab.3). Nelle famiglie con due figli esistono dei vincoli economici in senso stretto, non tanto tra chi gode di risorse limitate, quanto tra chi ha visto un peggioramento della propria condizione in corrispondenza della nascita dei figli precedenti. Inoltre, in tutte le famiglie in cui almeno uno dei due genitori proviene da una classe sociale medio-bassa è evidente il desiderio di non sottrarre risorse ai figli, e di offrire loro tutte le opportunità per accrescere il proprio capitale 8

9 umano. La consapevolezza di avere poco tempo libero è come era facile attendersi un ostacolo alla cura dei figli, come pure, per le madri di due figli del centro nord, il fatto di non poter contare sulla collaborazione del marito né per la cura della casa, né per quella della prole. La mancanza di una condivisione dei ruoli all interno della coppia mostra invece un effetto opposto tra le donne con un figlio e tra le meridionali con due figli. Questo risultato potrebbe trovare una duplice giustificazione: da un lato si potrebbe trattare di coppie in cui la parità di genere si traduce nella partecipazione al lavoro di entrambi i coniugi (come in tab.2 per le donne con un figlio), piuttosto che in un aumento della dimensione della famiglia, dall altro di coppie in cui la più elevata collaborazione del marito dipende da più pesanti esigenze economiche che costringono anche la donna a lavorare. Il vincolo del poco tempo libero è espressamente indicato dalle donne senza figli e dalle meridionali con due figli. E la mancanza di tempo è probabilmente anche il motivo per cui le donne che hanno sempre lavorato temono di non riuscire a seguire bene i figli nell eventualità di un nuovo nato. Il fatto, invece, che questa motivazione sia stata indicata anche da coppie con alto titolo di studio (al netto delle altre variabili) suggerisce che esse abbiano delle elevate aspettative nei confronti del figlio e della relazione con lui, in coerenza con la lettura della seconda transizione demografica, che inserisce l esperienza della maternità e della paternità tra i valori postmoderni. Infine, richiamiamo l attenzione sugli effetti della socializzazione nella famiglia d origine. Le coppie che provengono da famiglie numerose indicano con minore probabilità questa tra le motivazioni alla rinuncia a un figlio (in più): nella loro esperienza, probabilmente, avere avuto tanti fratelli non ha portato alla percezione di una sottrazione di risorse e attenzioni da parte dei genitori; viceversa, le donne che lavorano e la cui madre aveva lavorato potrebbero avere maturato maggiormente la percezione di vincoli nella disponibilità di tempo. L effetto della pratica religiosa sembra suggerire che questa motivazione è più forte tra coppie meno ancorate alla tradizione, più secolarizzate, in linea con la lettura della seconda transizione demografica. Per inciso, anche la dimensione della famiglia di origine potrebbe essere un indicatore di famiglie più o meno tradizionali. [tabella 3 circa qui] La motivazione della fragilità della coppia viene associata a fattori che riflettono possibili situazioni di conflitto (tab.4). Essa è indicata da chi ha vissuto dei momenti di difficoltà economica, che probabilmente hanno creato delle tensioni all interno della relazione. Inoltre, se i coniugi hanno titolo di studio diverso o provengono da famiglie di diversa estrazione culturale, se la donna è sempre stata impegnata nel lavoro e proviene da una famiglia in cui la madre ha sempre lavorato, se ha sempre contribuito al reddito familiare, se il marito si occupa poco dei figli, è molto occupato nel versante lavorativo e è stato protagonista di un salto di classe sociale molto elevato, se non c è una condivisione tra i coniugi nell adesione alla religione, in tutte queste circostanze viene percepita una maggiore debolezza della relazione di coppia. Ciò accade sovente anche nelle coppie poco praticanti e provenienti da famiglie di piccole dimensioni, che probabilmente si rifanno a modelli familiari meno tradizionali. [tabella 4 circa qui] 5. Conclusioni. Nelle realtà urbane in Italia, c è spazio per interventi a sostegno delle nascite? Quali interventi potrebbero andare incontro ai desideri e alle aspirazioni delle 9

10 coppie? Proviamo a sintetizzare i risultati delle nostre analisi cercando di rispondere a queste domande. Cominciamo dalle coppie che hanno già due figli, e confrontiamo le donne che hanno espresso diverse motivazioni alla scelta di non avere il terzo. Tra di esse, la proporzione che avrebbe potuto riconsiderare la propria decisione sul numero di figli (nell ipotesi che fossero stati disponibili interventi molto generosi da parte dello Stato) è molto stabile, non varia, cioè, in funzione delle motivazioni indicate. Questo fatto suggerisce che la scelta di avere due figli è in realtà determinata a priori. È una scelta dalla quale è anche possibile scostarsi (il 30-40% dichiara che a fronte di generosi interventi forse avrebbe voluto avere un altro figlio), ma non perché si superano problemi legati al basso reddito, o alla difficoltà di seguire bene i propri figli, o al fatto di sentirsi troppo avanti negli anni. I due figli sembrano più il risultato di una scelta che di una costrizione. Ciò sarebbe coerente anche con le fonti che indicano percentuali basse di donne con due figli, che hanno intenzione di averne ancora 12. Tra le donne che hanno fatto esperienza di coppia ma non hanno avuto figli, la proporzione di coloro che poteva modificare il proprio comportamento di fronte a interventi pubblici è molto bassa. Mediamente essa oscilla tra il 10 e il 20%. Tuttavia, vi sono profonde differenze a seconda delle motivazioni che hanno concorso alla scelta. Da un lato si sono presentate alcune situazioni che hanno reso di fatto impossibile la maternità: l età avanzata all inizio dell unione (motivazione indicata dal 13% delle donne), e la debolezza della relazione di coppia (35%). Pochissime tra queste donne avrebbero preso in considerazione la possibilità di avere un bambino, anche di fronte a interventi generosi da parte dello Stato. Dall altro lato, alcune condizioni sono state sì di ostacolo, ma non è escluso che, con un adeguato sostegno, le scelte non potessero essere diverse (ad esempio, le poche donne che sentono il peso del costo dei figli avrebbero rivisto la loro scelta in proporzioni che variano tra il 40 e il 60%). Le donne con un solo figlio sono quelle che più di tutte avrebbero potuto modificare la scelta fatta. Anche in questo caso le diverse motivazioni alla rinuncia sono associate con una maggiore o minore disponibilità al secondo figlio. Come per le donne senza figli, la sensazione di essere troppo vecchie non può essere superata con ricchi assegni familiari. Meno stringente sembra invece la crisi dei legami di coppia: è probabile che essa indichi un non completo affiatamento più che una vera e propria situazione di crisi. Ancora una volta, le donne che percepiscono fortemente i vincoli economici sono quelle che più facilmente avrebbero reagito positivamente a interventi di sostegno della maternità. In conclusione, le coppie con un figlio solo potrebbero essere quelle più sensibili a interventi di sostegno alla fecondità, seguite a distanza dalle donne con due figli (qualunque sia la motivazione della loro scelta) e in parte dalle donne che non hanno avuto figli a causa soprattutto di vincoli di natura economica o della difficoltà di conciliare il lavoro con la famiglia. Riflettiamo ancora sulle circostanze che concorrono a definire le scelte riproduttive e sulle possibilità di intervento. Gli ostacoli economici sono sentiti soprattutto dalle donne di classe sociale mediobassa, che sanno di dover lavorare e con il marito che ha dovuto aumentare l impegno lavorativo. Tutti gli ambiti di intervento proposti potrebbero essere utili per alleggerire questo vincolo. Si tratta di un elemento di costrizione, che, se allentato, potrebbe 12 I dati dell Indagine Nazionale sulla Fecondità condotta in Italia nel 1996 indicano che l 86% delle donne di anni con due figli non intende avere il terzo (De Sandre et al. 1997). 10

11 permettere a molte coppie (con un figlio ma anche senza figli) di realizzare delle scelte riproduttive diverse. Il desiderio di non rinunciare al proprio lavoro non è inconciliabile con la famiglia, tanto che più del 50% delle donne con un figlio avrebbe ripensato alla possibilità di averne un altro, soprattutto grazie agli interventi che da un lato permettono di dedicare del tempo ai figli e dall altro tutelano la posizione lavorativa (di fronte a questa prospettiva la percentuale sale al 68%, e al 41% tra le donne senza figli). È importante osservare che questa aspirazione non dipende dalla classe sociale della coppia, ma è comune a tutte le donne. Anche chi svolge mansioni apparentemente più modeste ritiene importante il proprio lavoro non solo come fonte di guadagno, e desidera migliorarlo. I vincoli sulle risorse materiali entrano in gioco anche nel determinare il timore di non riuscire a seguire bene i figli. Se le risorse sono limitate, è evidente che non è possibile offrire a molti figli molte opportunità. Ma la preoccupazione non riguarda solo questo aspetto. È sentita maggiormente da chi ha poco tempo libero, ha sempre lavorato, sente che il lavoro sottrae tempo al rapporto con i figli, vorrebbe più collaborazione da parte del marito nella gestione quotidiana della casa. È più sentita dalle coppie in cui entrambi i coniugi hanno un titolo di studio alto, che hanno un aspettativa elevata nei confronti della qualità del rapporto con i figli. Non è facile proporre interventi che aiutino le coppie a realizzare questo loro irrinunciabile obiettivo. Infatti, le donne che indicano questo tra i motivi della rinuncia a un figlio (in più) avrebbero ripensato alle proprie scelte in proporzione minore rispetto a quello che accade per altre motivazioni. L intervento che ha più successo riguarda ancora una volta i lunghi congedi parentali, sia per le donne senza figli, sia per le madri di un figlio unico. È una ulteriore conferma di quanto sia importante la possibilità di instaurare con i figli una relazione vera, di qualità. I problemi non sono solo organizzativi, non si tratta solo di disporre di servizi a cui affidare i figli. Secondo le donne da noi intervistate, la relazione con i figli può essere costruita solo dai genitori. È importante dunque offrire aiuti che liberino tempo, energia, risorse per stare con i figli. Riferimenti bibliografici G. Dalla Zuanna, S. Salvini 2003, Un quadro generale della fecondità nelle realtà urbane, in M. Breschi, M. Livi Bacci (a cura di), La bassa fecondità italiana tra costrizioni economiche e cambio di valori. Presentazione delle indagini e risultati, Forum, Udine, P. De Sandre, F. Ongaro, R. Rettaroli, S. Salvini 1997, Matrimonio e figli: tra rinvio e rinuncia, il Mulino, Bologna. G. De Santis, M. Breschi 2003, Fecondità, costrizioni economiche e interventi politici, in M. Breschi, M. Livi Bacci (a cura di), La bassa fecondità italiana tra costrizioni economiche e cambio di valori. Presentazione delle indagini e risultati, Forum, Udine, P. Mc Donald 2000, Gender equity in theories of fertility transition, «Population and Development Review», 26, 3, F. Ongaro, S. Salvini 2003, Variazioni lavorative e passaggi di parità, in M. Breschi, M. Livi Bacci (a cura di), La bassa fecondità italiana tra costrizioni economiche e cambio di valori. Presentazione delle indagini e risultati, Forum, Udine,

12 G. Rivellini, S. Zaccarin 1999, Comportamenti riproduttivi: biografie individuali e contesto in un ottica multilevel, in P. De Sandre, A. Pinnelli, A. Santini (a cura di), Nuzialità e fecondità in trasformazione: percorse e fattori del cambiamento, il Mulino, Bologna, C. Rampichini, S. Salvini 2001, A dynamic study of the work-fertility relationship in Italy, «Statistica», Anno LXI, 3, M.L. Tanturri, L. Mencarini 2003, Il mistero della donna senza figli: I risulatati di un indagine ad hoc, in M. Breschi, M. Livi Bacci (a cura di), La bassa fecondità italiana tra costrizioni economiche e cambio di valori. Presentazione delle indagini e risultati, Forum, Udine,

13 Tab. 1. Fattori associati alla motivazione Era troppo costoso avere un altro figlio. Risultati di modelli logistici espressi attraverso il rischio relativo. Donne senza figli, con un figlio, con due figli di Udine, Padova, Firenze, Pesaro, con due figli di Messina Donne con 0 figli 1 figlio 2 figli C/N 2 figli Messina NECESSITÀ ECONOMICHE Titolo di studio di donna e marito entrambi basso 2.89*** 3.06*** 3.75*** donna alto, marito basso 2.76*** 2.46*** donna basso, marito alto 2.89*** 1.65*** 4.49*** entrambi alto Titolo di studio dei padri entrambi medio-basso 5.03** entrambi alto 1.00 Situazione economica della famiglia non buona o peggiorata 2.23** 4.12*** sempre buona o migliorata Contributo donna al bilancio familiare sempre nullo o scarso 0.32* 1.56*** buono poi peggiorato 1.53*** 1.85* sempre buono Carico di lavoro del marito sempre scarso o calato 0.57** alto e aumentato un po 0.76* alto e aumentato molto Cure del marito al figlio scarse 0.68* 0.65** buone CARATTERISTICHE INDIVIDUALI Dimensione della famiglia di origine donna 3 figli o più, marito 1 o * entrambi 1 o 2 figli 1.00 Pratica religiosa di donna e marito donna alta, marito bassa 1.60** entrambi bassa 1.00 *** p <0,01 ** 0,01< p <0,05 * 0,05< p <0,1 Nota: I modelli logistici sono stati calcolati includendo anche altri parametri, non presentati in questa sede: l intercetta, più la città e l età al matrimonio, o alternativamente alla nascita del primo o del secondo figlio, come variabili di controllo. 13

14 Tab. 2. Fattori associati alla motivazione Con un altro figlio, avrei dovuto rinunciare a lavorare o a migliorare il mio lavoro, e per me il lavoro è importante, non solo dal punto di vista economico. Risultati di modelli logistici espressi attraverso il rischio relativo. Donne senza figli, con un figlio, con due figli di Udine, Padova, Firenze, Pesaro, con due figli di Messina Donne con 0 figli 1 figlio 2 figli C/N 2 figli Messina COERENZA TRA MOTIVAZIONE E COMPORTAMENTO Tempo libero della donna poco 2.05** molto, poi calato ** costante Lavoro della donna mai o discontinuo 0.44*** 0.23*** sempre Situazione economica della famiglia scarsa e poi migliorata 2.06** sempre buona o migliorata 1.00 Carico di lavoro del marito sempre alto o calato 1.58* alto e aumentato molto 1.00 CONDIVISIONE DEI RUOLI E EQUILIBRIO DI GENERE Lavoro domestico del marito peggiorato 0.53** 0.62* migliorato Cure del marito al figlio scarse 1.56* buone 1.00 COSTI / OPPORTUNITÀ Titolo di studio dei padri donna alto, marito medio-basso 1.99* donna medio-basso, marito alto 0.66* 2.26** entrambi alto Mobilità sociale del marito ascendente debole 0.71** ascendente forte 1.00 *** p <0,01 ** 0,01< p <0,05 * 0,05< p <0,1 Nota: I modelli logistici sono stati calcolati includendo anche altri parametri, non presentati in questa sede: l intercetta, più la città e l età al matrimonio, o alternativamente alla nascita del primo o del secondo figlio, come variabili di controllo. 14

15 Tab. 3. Fattori associati alla motivazione Con un figlio in più, avremmo seguito male sia il nuovo nato sia i figli che avevamo già. Risultati di modelli logistici espressi attraverso il rischio relativo. Donne senza figli, con un figlio, con due figli di Udine, Padova, Firenze, Pesaro, con due figli di Messina Donne con 0 figli 1 figlio 2 figli N/C 2 figli Messina NECESSITÀ ECONOMICHE Contributo donna al bilancio familiare sempre nullo o scarso 0.76* buono poi peggiorato 1.45** sempre buono 1.00 Situazione economica della famiglia buona poi peggiorata 1.54* sempre buona o migliorata 1.00 Titolo di studio dei padri entrambi basso 2.60* 1.64** entrambi medio-basso 2.05*** donna alto, marito medio-basso 2.38*** donna medio-basso, marito alto 1.48* entrambi alto CONDIVISIONE DEI RUOLI E EQUILIBRIO DI GENERE Cure del marito al figlio scarse 1.44*** buone 1.00 Lavoro domestico del marito peggiorato 0.70* migliorato 1.00 scarso e peggiorato 1.38* 0.60** sempre buono o peggiorato 1.55*** buono e migliorato TEMPO E QUALITÀ DELLA RELAZIONE Tempo libero della donna molto, poi calato 1.67* poco, poi calato 2.14** 1.73* costante Lavoro della donna mai o discontinuo 0.65* 0.62*** 0.51*** sempre Titolo di studio di donna e marito entrambi basso 0.31** 0.73** entrambi alto CARATTERISTICHE INDIVIDUALI Dimensione della famiglia di origine entrambi 3 figli o più 0.65* 0.61** entrambi 1 o 2 figli Lavoro della donna e della madre almeno una non sempre 0.77** entrambe sempre

16 Pratica religiosa di donna e marito entrambi alta 0.58** entrambi bassa 1.00 *** p <0,01 ** 0,01< p <0,05 * 0,05< p <0,1 Nota: I modelli logistici sono stati calcolati includendo anche altri parametri, non presentati in questa sede: l intercetta, più la città e l età al matrimonio, o alternativamente alla nascita del primo o del secondo figlio, come variabili di controllo. Tab. 4. Fattori associati alla motivazione La nostra coppia non era così forte per poter pensare di avere un altro figlio. Risultati di modelli logistici espressi attraverso il rischio relativo. Donne senza figli, con un figlio, con due figli di Udine, Padova, Firenze, Pesaro, con due figli di Messina Donne con 0 figli 1 figlio 2 figli N/C 2 figli Messina NECESSITÀ ECONOMICHE Situazione economica della famiglia non buona e peggiorata 1.59** 1.47** 2.29** sempre buona e migliorata COERENZA TRA MOTIVAZIONE E COMPORTAMENTO Pratica religiosa di donna e marito entrambi alta 0.35*** 0.40** donna alta, marito bassa 1.78** entrambi bassa CONDIVISIONE DEI RUOLI E EQUILIBRIO DI GENERE Titolo di studio di donna e marito donna alto, marito basso 4.75*** entrambi alto 1.00 Titolo di studio dei padri donna medio-basso, marito alto 2.03** 2.75** entrambi alto Lavoro della donna mai o discontinuo 0.63* sempre 1.00 Lavoro della donna e della madre almeno una non sempre 0.50** entrambe sempre 1.00 Contributo donna al bilancio familiare scarso poi migliorato 0.49** sempre buono 1.00 Cure del marito al figlio scarse 2.48*** 1.41** 1.90* buone Carico di lavoro del marito alto 1.99* basso 1.00 Mobilità sociale del marito discendente o stabile 0.23* ascendente debole 0.21*** 16

17 ascendente forte 1.00 CARATTERISTICHE INDIVIDUALI Dimensione della famiglia di origine entrambi 3 o più figli 0.61* entrambi 1 o 2 figli 1.00 *** p <0,01 ** 0,01< p <0,05 * 0,05< p <0,1 Nota: I modelli logistici sono stati calcolati includendo anche altri parametri, non presentati in questa sede: l intercetta, più la città e l età al matrimonio, o alternativamente alla nascita del primo o del secondo figlio, come variabili di controllo. 17

18 Fig.1. Proporzione di donne per le quali sono stati importanti vari motivi per non avere un (altro) figlio. Dati in percentuale Era troppo costoso No benessere economico figli Mio lavoro indispensabile Per me il lavoro è importante Rinunciare a troppe cose Avremmo seguito male i figli Ci sentivamo troppo vecchi Primi anni sono stati duri La nostra coppia si è divisa Nostra coppia non così forte figli 1 figlio 2 figli

19 Fig.2. Proporzione di donne che dichiarano che avrebbero avuto un altro figlio se fossero stati attuati alcuni interventi a sostegno delle famiglie con figli. Dati in percentuale Scuole disponibili con orario flessibile Congedo per 3 anni e stipendio pieno Assegni familiari alti fino a 16 anni Assegni familiari molto alti fino a 3 anni figli 1 figlio 2 figli

20 Fig.3. Proporzione di donne senza figli che avrebbero avuto il primo se fossero stati attuati alcuni interventi a sostegno delle famiglie con figli, per motivo per cui non hanno avuto figli. Dati in percentuale costo seguire figli lavoro importante coppia debole vecchiaia Scuole disponibili con orario flessibile Assegni familiari alti fino a 16 anni Congedo per 3 anni e stipendio pieno Assegni familiari molto alti fino a 3 anni

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume Convegno su La paternità in Italia Roma, ottobre 5 - ISTAT Come e quando si diventa padri Alessandro Rosina Istituto di studi su popolazione e territorio Università Cattolica Milano alessandro.rosina rosina@unicatt.itit

Dettagli

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Cinzia Castagnaro e Claudia Di Priamo Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. Introduzione La prima indagine campionaria sulle nascite

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7,

5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7, 5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7, La distribuzione dei questionari è stata progettata in una serie di luoghi che abbiamo definito ad alta frequentazione femminile, come le scuole, gli ambulatori

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE Vicenza, 16 aprile 2013 Local Area Network s.r.l. p.tta Gasparotto, 8 35131 Padova tel. 049.80.46.411 fax 049.80.46.444 www.lanservizi.com info@lanservizi.com LA

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Mauro Maltagliati Gianni Marliani Firenze, 19 gennaio 2009 Dipartimento di Statistica Università di

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA Comune di Cornate d Adda Assessorato alle politiche sociali Laboratorio Territoriale Brianza Est PIC Equal II Fase Rif. IT-G2-LOM-061 INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3

Dettagli

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie?

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Rapporto famiglia Cisf 2009 A cura di Pierpaolo Donati Con questo volume inizia la nuova serie del Rapporto Cisf sulla famiglia in Italia che presenta

Dettagli

Maternità e partecipazione femminile al mercato del lavoro

Maternità e partecipazione femminile al mercato del lavoro Maternità e partecipazione femminile al mercato del lavoro Un analisi della situazione professionale delle neo-madri Martina Lo Conte e Sabrina Prati Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. La partecipazione

Dettagli

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI MOD. ISTAT/IMF-10/B1.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI 1 2... Comune... Sezione di Censimento...

Dettagli

Il valore generato dal welfare aziendale

Il valore generato dal welfare aziendale Il valore generato dal welfare aziendale di Daniele Grandi Produttività e benessere organizzativo: lo studio di McKinsey Italia Negli ultimi anni è andato crescendo il numero degli addetti ai lavori, dal

Dettagli

Storia del Lavoro: un approccio di genere

Storia del Lavoro: un approccio di genere Storia del Lavoro: un approccio di genere Debora Migliucci- Archivio del Lavoro Progetto Diritto al Lavoro Fondazione Roberto Franceschi Onlus Gennaio 2013 Di cosa parleremo: 1. Sesso e genere. Definizioni

Dettagli

Statistiche rapide fascicolo 2/2006

Statistiche rapide fascicolo 2/2006 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica Statistiche rapide fascicolo 2/2006 I MOLTI SIGNIFICATI DEL VIVERE COME UNA FAMIGLIA LE UNIONI NON MATRIMONIALI A BRESCIA INTRODUZIONE

Dettagli

Luca Romano Direttore Local Area Network. Centro Congressi Abbazia di Praglia 26 settembre 2015

Luca Romano Direttore Local Area Network. Centro Congressi Abbazia di Praglia 26 settembre 2015 Luca Romano Direttore Local Area Network Centro Congressi Abbazia di Praglia 26 settembre 2015 L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI 1/5 Durante l estate si è assistito al massiccio arrivo di profughi in Europa attraverso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea triennale in Scienze Statistiche, Popolazione e Società

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea triennale in Scienze Statistiche, Popolazione e Società UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea triennale in Scienze Statistiche, Popolazione e Società L età al matrimonio e al primo figlio. Differenze di genere. Age

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto

Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto Abstract dei risultati 1 Contesto: percezioni sulla situazione economica La crisi economica continua ad essere fonte di costanti

Dettagli

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione Cinque dei principi basilari introdotti analizzati secondo quattro chiavi di lettura: 1) il dettato normativo,

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

Essere madri in Italia

Essere madri in Italia 17 gennaio 2007 Essere madri in Italia Anno 2005 L Istat presenta i risultati della seconda edizione dell Indagine campionaria sulle nascite, condotta nel 2005 su un campione di circa 50 mila madri di

Dettagli

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL 1 Milano 21 novembre 2014 Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL L ingresso massiccio delle donne nel mercato del lavoro,

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-DIPLOMA: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI

DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-DIPLOMA: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI di Serena Cesetti 1. Aspetti introduttivi Questo studio, presentato al 4 Convegno Nazionale AlmaDiploma

Dettagli

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook LA MEDIAZIONE FAMILIARE IN ITALIA PASSATO, PRESENTE E FUTURO I versione: 30 marzo 2006 Ultima revisione: 15 maggio 2008 A partire dal 1970, anno di introduzione della legge sul divorzio, assistiamo nel

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: IL PUNTO DI VISTA DELLE COPPIE IN PMA Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia SINTESI DEI RISULTATI Roma, 18 maggio 2016 A otto anni di distanza dalla

Dettagli

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est approva la fecondazione assistita

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est approva la fecondazione assistita OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est approva la fecondazione assistita Il Gazzettino, 11.12.2012 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Questionario per intervista

Questionario per intervista MOD. ISTAT/IMF-10/B2.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE 1... Comune... Sezione di Censimento... (a cura del Comune)

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI Sistema di Gestione Qualità, rendicontazione indagini di soddisfazione 2011 Direzione Programmazione e Controllo Servizio Studi e Ricerche Sistemi Qualità Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell

Dettagli

Le strategie di conciliazione e le reti formali e informali di sostegno alle famiglie con figli piccoli

Le strategie di conciliazione e le reti formali e informali di sostegno alle famiglie con figli piccoli Le strategie di conciliazione e le reti formali e informali di sostegno alle famiglie con figli piccoli Sabrina Prati, Martina Lo Conte, Valentina Talucciˆ Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 Introduzione

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

CONIUGARE FAMIGLIA E LAVORO: LE SOLUZIONI LAVORATIVE DI DONNE E UOMINI

CONIUGARE FAMIGLIA E LAVORO: LE SOLUZIONI LAVORATIVE DI DONNE E UOMINI CONIUGARE FAMIGLIA E LAVORO: LE SOLUZIONI LAVORATIVE DI DONNE E UOMINI Opzioni di lavoro nel futuro Durante l estate e l autunno del 1998, la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro

Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro Conferenza stampa Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro Daniele Di Nunzio (IRES-CGIL) Presentazione n. 06/2011 Roma, 27 aprile 2011 I gruppi professionali Questionario on-line: per

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo

Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo Contributo della CISL a cura di: - Sociale, Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA La progettazione dell insegnante è un lavoro molto impegnativo che richiede tempo e accuratezza: una buona programmazione semplifica molto il lavoro di gruppo

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA. Fondazione Giovanni Agnelli

ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA. Fondazione Giovanni Agnelli ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA di Daniela Del Boca e Silvia Pasqua (Università di Torino, CHILD e Collegio Carlo Alberto) Sintesi della ricerca Dicembre 2010 1 Con

Dettagli

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine 1 La crisi colpisce più le valli L indagine realizzata dall Osservatorio delle Acli trentine ci dà modo di riflettere sulle condizioni

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

L affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi

L affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi L affidamento dei figli nelle separazioni e nei divorzi nno 2006 6 agosto 2008 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali

Dettagli

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO SCIENZE PSICO-SOCIALI E AFFIDAMENTO DEI FIGLI IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDICE DEL TRIBUNALE DI MILANO SILVANA D ANTONA Pur avendo maturato esperienza in materia di diritto di famiglia solo da

Dettagli

Questionario per mediatori familiari Associazione GeA - Genitori Ancòra. Indagine sull attività di mediazione familiare (giugno 2014)

Questionario per mediatori familiari Associazione GeA - Genitori Ancòra. Indagine sull attività di mediazione familiare (giugno 2014) Questionario per mediatori familiari Associazione GeA - Genitori Ancòra Indagine sull attività di mediazione familiare (giugno 2014) Premessa L Associazione GeA - Genitori Ancòra, nella sua costante opera

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE in collaborazione I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 GENNAIO 2016 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 LA SPESA DELLE FAMIGLIE E INFERIORE DEL 6,3% RISPETTO AL 2008 Nonostante un

Dettagli

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE Prof.ssa Carla Guatteri IL CASO DI K. K. È UNA RAGAZZA ITALIANA IL SUO PERCORSO SCOLASTICO ALL INTERNO DEL NOSTRO ISTITUTO INIZIO CONCLUSIONE

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI DOMANDA FORMATIVA Indagiine conosciitiiva sugllii iimmatriicollatii aii corsii dii llaurea triiennalle dellll Uniiversiità dell

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro

Rilevazione sulle forze di lavoro Rilevazione sulle forze di lavoro Modulo ad HOC 2008 L integrazione dei migranti e dei loro discendenti nel mercato del lavoro Istruzioni per i rilevatori Marzo 2008 1 Introduzione... 3 Popolazione di

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Per una crescita di tutti: formazione, lavoro, conciliazione Alessandra Casarico, Paola Profeta

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013 Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano A cura del Servizio del Personale Anno 2013 Indice Introduzione 4 Obiettivi dell indagine 5 Note metodologiche 6 Caratteristiche

Dettagli

AXA COMUNICATO STAMPA

AXA COMUNICATO STAMPA AXA COMUNICATO STAMPA ROMA, 21 OTTOBRE 2014 I Millennials nel rapporto con le assicurazioni: rischi percepiti, bisogni emergenti e nuovi linguaggi Nel corso dell Italian AXA Forum 2014, AXA Italia analizza

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie?

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? 1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? Il tema del controllo è trasversale a tutti gli operatori (assistenti

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

Essere precari stanca

Essere precari stanca Essere precari stanca Il precariato nelle scuole friulane Sintesi degli esiti dell inchiesta promossa dal Coordinamento Precari Scuola (CPS) della provincia di Udine Settembre 2010 Il campione considerato

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO Care compagne e cari compagni, sono molte le ragioni che ci hanno convinto

Dettagli