VISITE AI NIDI - IL NIDO COME TEMPO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VISITE AI NIDI - IL NIDO COME TEMPO"

Transcript

1 VISITE AI NIDI - IL NIDO COME TEMPO MANUELA CECOTTI "Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice col passare dell'ora aumenterà la mia felicità quando saranno le quattro, comincerò ad agitarmi e ad inquietarmi ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore ci vogliono i riti". "Che cos'è un rito"? " E' quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore". "E' il tempo che tu hai perduto per la tua rosa, che ha reso la tua rosa così importante". (da: Il piccolo principe, A. de Saint-Exupéry) Premessa Il percorso formativo "Visite ai nidi" ha visto, in questo secondo anno di realizzazione, un consistente aumento del numero dei partecipanti ed un progressivo, importante approfondimento di tematiche cruciali per la vita, l'evoluzione e lo sviluppo qualitativo dei servizi rivolti alla prima infanzia. Se nel corso del primo anno ci siamo sentiti dei pionieri, alla ricerca di strumenti oggettivi, efficaci e significativi per individuare caratteristiche salienti e confrontabili, curiosi osservatori di strutture, diverse nella forma, ma affini nella sostanza, in questo secondo anno la base metodologica collaudata ha costituito lo "sfondo culturale" del gruppo di lavoro, permettendo movimenti più audaci e riflessioni più acute e sicure. Il tema del tempo ci ha guidato, ed in esso sono state incorniciate le osservazioni e le presentazioni dei Nidi d'infanzia che abbiamo visitato, le raccolte di dati da parte di ogni servizio partecipante e le letture effettuate nei sottogruppi suddivisi per province. Rimandando alla pubblicazione relativa al percorso dello scorso anno per tutto ciò che riguarda le informazioni relative ai criteri generali, all'organizzazione ed agli strumenti di osservazione e di presentazione utilizzati durante le visite (che hanno subìto solo lievi ritocchi), mi soffermerò in questo scritto sulle caratteristiche specifiche della lettura del Nido come tempo e sulle riflessioni emerse durante lo svolgimento del percorso. Osservare il Nido come tempo ci ha portati a pensare ai tempi di vita di bambini e adulti, ai tempi della crescita dei piccoli e dell'evoluzione professionale dei grandi, alla costruzione e ri-costruzione continua delle esperienze nel corso della giornata educativa, ai ritmi, ai rituali ed a come il linguaggio simbolizzi e sintetizzi messaggi e pensieri relativi alla temporalità, intesa come intreccio tra vissuti personali e qualità organizzative. Punto di riferimento: il tempo Per quale motivo fermarsi a riflettere sui tempi del Nido? Perché il tempo può essere un elemento di analisi importante? Che cosa c'è che lo rende una variabile così significativa per la vita di un Nido e per coloro che lo "abitano"? Che cosa significa ragionare intorno al Nido come tempo? Quali gli elementi salienti per una riflessione sulla qualità del tempo trascorso al Nido? Sono queste le domande da cui siamo partiti, effettuando una ricognizione articolata intorno al concetto di tempo ed alle sue principali coordinate: linearità e ciclicità, oggettività e soggettività. Abbiamo utilizzato come testo di riferimento lo scritto del biologo E. Boncinelli Tempo delle cose, tempo della vita, tempo dell'anima, nel quale si confrontano i tempi della vita e la vita del tempo. L'autore rileva due prime dimensioni del tempo, diverse e complementari: "quello della vita nel suo complesso si configura come un tempo lineare e aperto, ma, vista dall'interno, la vita di

2 ogni singolo organismo si presenta come un complesso di eventi ciclici, controllati da meccanismi ad orologeria accuratamente regolati su scale temporali e ritmi diversi". Riportando questa prospettiva al nostro contesto, potremmo dire che la vita del Nido come servizio educativo si sviluppa e si spiega all'interno di una prospettiva lineare, che racconta la storia dei Nidi e che ha nella sequenza delle leggi che regolano i servizi e nelle evoluzioni culturali e sociali, le radici dei cambiamenti che li hanno trasformati nel corso della loro storia. Lo sviluppo da servizi di assistenza a servizi educativi, da strutture rigide ad organizzazioni sempre più flessibili ed articolate, si è realizzato nel trascorrere degli anni ed ha modificato tanto gli edifici, quanto la scansione della giornata educativa, quanto ancora le funzioni del personale e la sua professionalità ed i rapporti con le famiglie. Se oggi entriamo in un Nido di nuova costruzione, con personale appena formato, corriamo il rischio di non ritrovare facilmente le radici ed i fili che ci facciano capire come le realizzazioni attuali siano i risultati di un'evoluzione, possono sembrare a tutti dei punti di partenza, a volte senza memoria e con pochi desideri. Viceversa con l'ingresso in Nidi ospitati in strutture di vecchia concezione, dove il cambio generazionale del personale non sia ancora completamente avvenuto, troviamo documenti e testimoni che mantengono costante il rapporto con la storia, a volte il confronto tra passato e presente diventa scontro, nella misura in cui i cambiamenti risultino irreversibili e rischino di negare istanze un tempo rilevanti ed oggi disconosciute. La storia dei Nidi si intreccia con la storia delle figure professionali in essi operanti. Le educatrici più anziane hanno portato alcuni flash risalenti ai loro primi anni di lavoro nelle strutture OMNI (istituite nel 1925 e funzionanti fino al 1975): "I bambini venivano spogliati ed indossavano soltanto l'abbigliamento in dotazione al Nido. d'altronde molti erano sporchi, malati o con parassiti" "Noi eravamo puericultrici e, come le infermiere, indossavamo cuffia e grembiule, e non incontravamo mai i genitori dei bambini. Il nostro compito consisteva nel tenerli puliti e nel dar loro da mangiare" "Non potevamo riunirci come personale, ognuna aveva il proprio gruppo e le proprie mansioni e niente era previsto potesse cambiare o essere modificato". Le educatrici entrate in servizio dopo l'emanazione della legge n.1044 del 1971 in strutture di nuova concezione hanno avuto un impatto molto diverso: "Facevamo tutto insieme, eravamo da subito un gruppo di lavoro" "Eravamo assunte come personale educativo e ci occupavamo soprattutto di organizzare delle attività adatte ai bambini di quell'età". Attraverso queste testimonianze abbiamo collocato su una linea del tempo i cambiamenti più importanti ed abbiamo potuto capire quanti e quanto significativi, a volte rivoluzionari, siano stati alcuni passaggi. E' questo un patrimonio di cui le nuove generazioni debbono avere conoscenza e consapevolezza culturale. Uno dei cambiamenti più rilevanti riguarda sicuramente il cambio di prospettiva rispetto ai tempi dei bambini. Giungiamo così alla seconda parte della citazione di Boncinelli, quella che fa riferimento all'altra coordinata del tempo: la ciclicità. Ci sono voluti anni di ricerca e di riflessione per accogliere nel Nido tanto l'aspetto ciclico dello sviluppo infantile, quanto la differenziazione dei ritmi di crescita. Gli studi di psicologia dello sviluppo, condotti da un certo punto in poi proprio nei servizi per la prima infanzia, hanno considerato i Nidi luoghi privilegiati per l'osservazione dello sviluppo e la sperimentazione educativa, e ad essi hanno restituito idee innovative e proposte organizzative sempre più differenziate e calibrate sui reali bisogni dei bambini e delle loro famiglie. Oggi i Nidi hanno una propria identità educativa che è frutto di un intenso lavoro di ricerca e sperimentazione, volti ad individuare e sviluppare le specificità di questo livello di istituzione per l'infanzia. I Nidi non sono più delle strutture assistenziali, né delle scuole in miniatura, ma sono riusciti a diventare dei luoghi connotanti a livello educativo sulle specifiche esigenze e caratteristiche dei bambini da 3 mesi a 3 anni, che si offrono alle famiglie ed al territorio come luoghi sani e privilegiati per la costruzione di cultura dell'infanzia. In questa prospettiva, il tempo lineare è stato incrociato con il tempo ciclico, affrontando i temi dei ritmi, dei rituali e delle routine, come elementi di lettura della giornata educativa e del tempo di vita del bambino al Nido. La funzione più generale della declinazione ciclica del tempo, è quella di tenere incardinato al presente il fluire del tempo stesso, dandogli significati che permettano a

3 ciascuno di orientarsi, di ritrovarsi, di riconoscersi. Il tempo della crescita non è solo il tempo che passa, il tempo che fa crescere è il tempo dotato di significato, in cui i processi di conoscenza del bambino vengono sostenuti dalla concentrazione, che permette di esplorare la realtà circostante. Il bambino elabora i propri schemi mentali ri-creandoli secondo ritmi ed attraverso processi in parte comuni ed in parte re-inventati da ciascuno, in un sapiente equilibrio tra ripetizione e novità (Stern, 1085). Utilizziamo ancora il testo di Boncinelli per analizzare ancora due coordinate del concetto di tempo con le quali abbiamo costantemente a che fare: il tempo oggettivo ed il tempo soggettivo. Il tempo oggettivo è quello rappresentato dall'orologio che, con regolarità ed irreversibilmente si muove sempre e solo in avanti, ma se pensiamo alla percezione del tempo, essa è soggettiva, può presentarsi come discontinua, di velocità variabile e può, a volte, presentare anche dei vuoti. La percezione del tempo è un'operazione mentale, nel compiere la quale il cervello "utilizza le nostre esperienze passate e le nostre aspettative, mettendo insieme così un tempo che è fin dall'inizio inconfondibilmente personale" (p.110) Utilizzare le esperienze e anticipare gli eventi sono le operazioni mentali che permettono a ciascun individuo di avere un presente condizionato giocoforza tanto dal passato quanto dal futuro, ma, proprio per questo, percepibile come un presente dinamico e vissuto interiormente come significativo e proprio. Poiché è "il passato metabolizzato e sedimentato che genera le aspettative e le anticipazioni che ci guidano nell'azione ed alla progettazione" (p.123), il tempo della storia ed il tempo presente formano un intreccio importante, sia a livello istituzionale, che sociale, che personale. Quando Boncinelli conclude il suo testo scrivendo che "forse il tempo si trova al punto in cui l'oggettivo si salda con il soggettivo" (p.141) lo troviamo in concordanza con le interessantissime osservazioni di Stern (1985), nel punto in cui l'autore spiega ciò che avviene nella mente del bambino, quando questi costruisce il significato di sé stesso e della propria esistenza proprio cercando di saldare tra loro elementi di esperienza con elementi di pensiero. Il senso di sé, nel bambino molto piccolo, viene vissuto prima che pensato, ed è l'esperienza diretta e soggettiva dello sviluppo sociale ciò che dà al bambino la percezione di essere un soggetto unitario, che agisce, che stabilisce rapporti intersoggettivi e che prova affetti. Prima ancora della comparsa del linguaggio e della consapevolezza di sé, il bambino è in grado di vivere un senso di continuità (o discontinuità), della propria esistenza, il quale gli permette di pervenire alla costituzione (o no) della sua memoria e della sua identità. Le riflessioni svolte attraverso queste coordinate e questi autori ci hanno permesso di pensare insieme e ci hanno portato preziosi suggerimenti per utilizzare al meglio la storia dei Nidi e la rivisitazione delle caratteristiche di ogni struttura, per costruirne e progettarne ancora, domani, la quotidianità, attraverso le singole identità professionali. Viaggio nel tempo dei nidi La scelta dei nidi da visitare ha seguito, come lo scorso anno, il criterio della varietà e della volontarietà dell'esposizione. Però, poiché la visita di due strutture in una mattinata si era rivelata molto faticosa, in questa seconda esperienza abbiamo scelto di visitare una sola struttura nella mattinata, approfondendo con maggiore calma tanto la presentazione di ciascun Nido, quanto il confronto con i Nidi partecipanti. Pertanto, i Nidi visitati sono stati:

4 Luogo Nome del Nido Gestione Bambini accolti Anni di funzionament o TS - città GORIZIA - città UDINE - città PORDENONE - SACILE Nido Semidimela (con sezione di lingua slovena e sezioni a tempo parziale) Nido Scoprire e giocare Nido Dire, fare, giocare Nido Arcobaleno (con punto gioco) pubblica 66 dal 1933 pubblica 45 dal 1987 pubblica 48 dal 1977 privata 45 dal 1980 Il tempo ed i suoi numerosi significati Nel corso delle visite ai Nidi, il tempo è stato analizzato sia dal punto di vista dei bambini, che dal punto di vista degli adulti. Riporterò ora gli argomenti di più forte interesse che sono stati affrontati durante le ore di discussione nei gruppi di lavoro. Per quanto riguarda il punto di vista dei bambini, il tema più forte ha riguardato il significato del termine "riferimento". Abbiamo incontrato Nidi che propongono la figura di riferimento ed altri che vedono una rotazione di tutte le educatrici con tutti i bambini. Alcuni Nidi utilizzano lo spazio di riferimento della sezione come base sicura, all'interno della quale viene svolta l'intera giornata educativa. Alti Nidi ancora adoperano il gruppo dei bambini come punto di riferimento, permettendosi spostamenti sia spaziali sia di personale. La questione è stata a lungo discussa nel gruppo di lavoro, in quanto esigenze organizzative e teorie di riferimento si sono incrociate, non sempre trovando concordi i pareri del gruppo. L'utilizzo di una figura di riferimento risponde ad un modello che ha nella genitorialità biologica il suo esempio concreto. Così come il bambino costruisce in famiglia un legame privilegiato con gli adulti che si prendono cura di lui, altrettanto al Nido si propone un adulto come costruttore di un altro legame privilegiato, attraverso la costanza nell'accoglimento e nelle routine. Le critiche che vengono mosse a questa prospettiva sono sia di ordine pratico che di ordine sociale. Dal punto di vista puramente organizzativo, non avere vincoli educatore-bambino permette una maggiore flessibilità di turni e ruoli all'interno del servizio. Dal punto di vista sociale questa prospettiva alimenta una visione di genitorialità sociale che prevede che ogni bambino possa maturare una fiducia nei confronti degli adulti che incontra, potendo pensare che ogni adulto possa comprendere i suoi bisogni e venirgli in aiuto. E' possibile inoltre lasciare una maggiore scelta ai bambini, anche per ciò che riguarda chi si prenderà cura di loro. Si tratta di passare, così come propongono diversi autori, dalla "figura" al "sistema" di riferimento (vedi AA.VV.,2001 e Galardini, 2003) Questa prospettiva può essere utilmente percorsa solamente a patto di una collegialità reale e costante da parte di tutto il personale educativo. Se dovesse venire meno la coerenza dei comportamenti, la regolarità degli eventi, e la modalità comune di approccio, ne potrebbe risultare un forte disorientamento nel momento in cui il piccolo non dovesse sapere o

5 capire a chi rivolgersi o da chi andare. Teniamo comunque conto del fatto che ciò che comporta disorientamento ed insicurezza nei bambini è soprattutto l'imprevedibilità. Perciò è significativo osservare come i riferimenti di spazio e di gruppo permettano di rendere solido e costante il senso di appartenenza del bambino ad elementi concreti e sempre presenti. E' inoltre la "capacità dell'adulto di cogliere la natura del bisogno del bambino e di rispondervi in modo adeguato, alternando reciprocità, sincronia e coerenza, ciò che alimenta la fiducia e la sicurezza del piccolo. Le recenti teorie sull'attaccamento dimostrano che "i bambini sono in grado di intraprendere percorsi comunicativi precoci anche con soggetti diversi dalla madre" e dunque il Nido può diventare "un luogo privilegiato d'incontro in quanto universo rappresentato da adulti significativi, che il bambino può scegliere, allo stesso modo dei compagni e dell'ambiente-contesto in cui lasciare tracce del suo passaggio" (AA. VV., p.18) Da parte delle educatrici è indispensabile una buona capacità osservativa per una conoscenza di ogni bambino e delle sue peculiarità, in modo che i comportamenti siano personalizzati, e sintonici, accoglienti ed in grado di ascoltare sempre i bisogni di ciascuno, di riconoscere quali siano i comportamenti rassicuranti e quali i rituali significativi. E' indispensabile inoltre una capacità di comunicare e costruire relazioni tanto con i bambini quanto con gli adulti. Prestare una grande attenzione sul piano relazionale è ciò che permette a ciascuna educatrice di trasformarsi, da un'estranea ad una figura rassicurante e significativa. Ancora il tempo, dunque, quello della lenta e progressiva costruzione delle relazioni. Ciascuna educatrice, è perciò al tempo stesso sé stessa e parte di un gruppo di lavoro e non può, per definizione, rappresentarsi in rapporti di tipo esclusivo. Questo fatto permette, peraltro, di differenziare chiaramente il ruolo educativo da quello genitoriale, con grande sollievo emotivo da parte di tutti i partecipanti alla relazione.(aavv., 2001) Per quanto riguarda il punto di vista degli adulti ci siamo soffermati a leggere i resoconti relativi ai tempi della giornata educativa cronometrati oggettivamente e li abbiamo confrontati nella loro percezione soggettiva. Abbiamo scoperto, così, che viene connotato negativamente come "lungo" quel tempo che passa troppo lentamente, o che non sembra passare mai. In particolare la routine del sonno dei bambini risulta a volte un tempo lungo e poco significativo per gli adulti. Viene vissuto come un tempo di non attività, dunque sembrerebbe che quando non è l'azione ciò che caratterizza il tempo trascorso, tale tempo fatichi ad essere vissuto come importante dal punto di vista educativo. Raramente le educatrici decidono di riposare nella stanza dei bambini insieme a loro. Più frequentemente cercano di stare a metà strada tra la stanza del sonno ed il fuori, vorrebbero svolgere delle attività, ma non sono completamente libere, questo comporta una percezione di sospensione del tempo, di attesa, di poca utilità, che rende faticoso il passaggio. Quando invece le educatrici decidono di "vivere il sonno dei bambini" sperimentano un'esperienza molto diversa: si accorgono che i bambini "sentono", pur dormendo, che l'adulto è lì con loro, ed avere la possibilità di vedere l'educatrice se capita di aprire gli occhi o di rigirarsi, fa sì che i tempi del riposo diventino più lunghi e che i bambini si rilassino meglio. Le educatrici, inoltre, possono osservare il sonno dei bambini, venendo così a conoscenza di aspetti molto intimi e personali. Un altro tempo spesso "lungo" è quello che si vive nelle zone di passaggio, ad esempio l'ingresso in salone dei bambini al mattino e l'uscita pomeridiana. Si tratta di quei tempi di attesa che, se non ben gestiti, rischiano di rendere poco significative ore intere della giornata. I luoghi di passaggio come il salone o il corridoio sono spesso luoghi di attesa. Abbiamo potuto osservare come alcuni Nidi abbiano brillantemente risolto la difficoltà, da un lato attrezzando con giochi e cuscini anche le zone di passaggio, dall'altro organizzando il personale in modo tale da avere educatrici che traghettano i bambini da una situazione all'altra, ad esempio accompagnandoli dall'ingresso in sezione o dalla sezione all'uscita. Un altro tempo lungo e critico è quello che va dalla merenda pomeridiana in poi. In particolare dopo le 15.30, tenendo conto del fatto che alcune strutture proseguono l'attività con orario prolungato, come connotare significativamente il tempo dopo la merenda affinché non sia solamente una lunghissima attesa? Non sempre si trovano progetti che organizzino nello specifico questa parte

6 della giornata educativa, mentre una buona gestione di questo tempo permetterebbe di qualificarlo, sia per i bambini, sia per gli adulti che lo coordinano. Il tempo lungo è, a volte, quello dell'osservazione. Diverse educatrici fanno fatica ad osservare e a non agire, il tempo dell'azione, invece, viene vissuto come un tempo in cui l'educatrice è utile. Questa prospettiva non ha trovato concorde il gruppo di lavoro, in quanto, per alcune educatrici, il tempo dell'osservazione è un tempo che "dura sempre troppo poco". E' emerso, in questo caso, un diverso modo di percepire l'osservazione, anche a seconda dei percorsi formativi pregressi. Anche il tempo "troppo corto" è, a volte, indicatore di qualche criticità. In alcuni Nidi e per alcuni educatori il passaggio pomeridiano dal risveglio al cambio, alla merenda, all'uscita, è un tempo "che non basta mai", "troppe cose da fare in poco tempo" "noi saltiamo la merenda" "i tempi del risveglio non sono sempre gli stessi". Abbiamo ragionato molto sulla necessità, da un lato, di accogliere i tempi dei bambini, dall'altro, di fare in modo che l'organizzazione interna aiuti, in pratica, l'educatrice a far fronte alle diversità dei tempi. Si sono scambiati così suggerimenti pratici per semplificare certi passaggi o anche solamente per fare in modo che l'educatrice abbia più facilità a compiere determinate azioni, grazie ad una migliore sistemazione di arredi e materiali. Un altro tempo sempre troppo breve è quello dedicato allo scambio di informazioni tra colleghe e quello, in collettivo, utile per poter esprimere le proprie idee e farsi ben comprendere. Infine, per ciò che riguarda la funzione dei rituali abbiamo approfondito sia il loro significato teorico, sia la loro presenza all'interno dei Nidi. I rituali, dunque, si presentano come sequenze di azioni regolate da norme più o meno rigorosamente codificate. Essi sono caratterizzati da ridondanza, semplificazione ed esagerazione. La ripetizione ritmica che li caratterizza, ha lo scopo di unificare i partecipanti sulla stessa tonalità emotiva, determinando in questo modo la coesione del gruppo. I rituali possiedono, pertanto, valenze culturali e sociali che rendono comune il linguaggio e l'azione. Infine, dal punto di vista emotivo, essi assumono una importante funzione di contenitore psichico della trasformazione e sono utili per mantenere e sostenere l'equilibrio dell'individuo e del gruppo. Nei Nidi i rituali si suddividono in due categorie: alcuni sono personali di ciascun bambino, colti e conosciuti attraverso la mediazione dei genitori, durante l'inserimento, o nati come linguaggio condiviso tra bambino e educatrici, altri sono collettivi, riconosciuti da tutti i bambini, ed utilizzati per scandire i tempi del Nido, per rendere riconoscibili la fasi della giornata, e preludono ad eventi giornalieri significativi. La loro regolarità "è una forma di ordine, che tranquillizza a livelli profondi il bambino, gli permette di anticipare mentalmente ciò che accadrà, di sperimentare in modo rassicurante l'attesa"(p.17) E. Pikler "Aspetta", insieme ad "adesso" e "dopo" sono i termini temporali più frequentemente emersi nella comunicazione tra educatrici e bambini. Si capisce allora quale grande importanza possano avere tutti gli elementi in grado di fungere da contenitore emotivo dell'incertezza e di marcatura rassicurante del trascorrere ordinato del tempo. Riflessioni conclusive Il contatto diretto con le strutture e la gestione delle presentazioni da parte del personale direttamente interessato ha attivato un forte grado di coinvolgimento e l'esperienza di visite ai Nidi è stata concordemente valutata in modo positivo. La coerenza tra le schede di presentazione e ciò che abbiamo visto ed immaginato in azione è stato uno degli elementi di maggiore positività, in quanto autenticità dell'esperienza. Nel gruppo di lavoro una buona comunicazione è stata sostenuta attraverso gli strumenti utilizzati per le presentazioni e le osservazioni e la motivazione al miglioramento ed alla conoscenza reciproca è andata incrementandosi progressivamente da un incontro all'altro. Molti i cambiamenti nei Nidi, effettuati a volte addirittura in fase di preparazione della presentazione della visita. Il bilancio del percorso di quest'anno ci porta dunque a considerare con molta fiducia gli effetti formativi di questa impostazione del lavoro.

7 Sono state avanzate alcune significative proposte per l'ampliamento di questa esperienza. Sarebbe interessante, a questo punto, poter varcare le soglie della regione ed effettuare scambi di visite con i servizi delle vicine Slovenia ed Austria. Un ulteriore passo avanti potrebbe inoltre essere realizzato attraverso lo scambio diretto di educatori tra Nidi. Speriamo tutti di poter proseguire in questo avvincente viaggio. Bibliografia AA.VV. (2001) Entrare al nido a piccoli passi, Junior. Boncinelli Edoardo (2003) Tempo delle cose, tempo della vita, tempo dell'anima, Laterza. Galardini Anna Lia (a cura di) (2003) Crescere al Nidio, Carocci. Pikler Emmi (1988) Datemi tempo, trad. it. 1996, Red Edizioni. Stern Daniel N. (1985) Il mondo interpersonale del bambino, trad.it. 1987, Bollati Boringhieri.

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana Perchè sceglierci? Perchè il nostro Asilo Nido fornisce un servizio assistenziale ed educativo che, in collaborazione con le famiglie, sa fornire uno spazio

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio Il nostro cesto Lo Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti, nato nel 2004, si trova a Roma-Municipio XII, in Via Laurentina, 748 ed è un servizio

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Parrocchiale San Domenico Via C.P. Taverna n.6 20050 Canonica di Triuggio Tel.0362.997127 P.I. 00985860964

Scuola dell Infanzia Parrocchiale San Domenico Via C.P. Taverna n.6 20050 Canonica di Triuggio Tel.0362.997127 P.I. 00985860964 Pagina 1 di 7 PREMESSA E FINALITA La sezione primavera nasce, all interno della scuola dell Infanzia nel settembre 2007 come sperimentazione messa in atto dal Ministro Fioroni e continua fino ad oggi.

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA La proposta educativa La proposta Psicomotoria educativa rivolta a bambini dai 2 ai 6 anni, tende ad una armonica formazione della personalità vista come

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Piccola guida all ambientamento al nido

Piccola guida all ambientamento al nido Piccola guida all ambientamento al nido anno educativo 2015-16 Rivisitazione a cura del Coordinamento Pedagogico Servizi Educativi Comunali Comune di Correggio Piccola guida all ambientamento al nido «Che

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Sottogruppo progetto pedagogico

Sottogruppo progetto pedagogico COORDINAMENTO PEDAGOGICO PROVINCIALE Sottogruppo progetto pedagogico Macro punti di riflessione del gruppo a partire dal 2004 ad oggi Principali tematiche: A) Il progetto pedagogico analizzato nei suoi

Dettagli

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud)

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) I BAMBINI e il TEMPO di CRISTIANA BOTTO Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) PERCHE LA SCELTA DI FREQUENTARE UN LABORATORIO SUL TEMA DEL TEMPO Necessità di: aumentare le proprie competenze

Dettagli

CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti

CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti Nido e scuola infanzia condividono un idea e insieme costruiscono un progetto educativo e lo assumono

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio

Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio Assessorato all Educazione Servizi all infanzia Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio Giovanna Malavolti Coordinamento pedagogico Servizi

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri Nido d infanzia Comune di Gualtieri Il ciliegio Nido comunale d infanzia Il ciliegio Gualtieri RE Via G. di Vittorio tel. 0522 828603 nidociliegio@alice.it www.asbr.it storia 1978 Il nido d infanzia Il

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA.

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. LA SCUOLA DELL INFANZIA Il nostro sistema scolastico è riuscito attraverso una felice convergenza

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara scuola comunale dell infanzia Arcobaleno Identità e filosofia di un ambiente Storia La scuola dell infanzia Arcobaleno nasce nel 1966 ed accoglie 3 sezioni. La scuola comunale è stata

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Comune di Brescia Settore Pubblica Istruzione Servizio scuole dell infanzia Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2012/2013 PROGETTO EDUCATIVO Profilo

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

SCHEDA di PRESENTAZIONE del PROGETTO per l arricchimento dell offerta formativa Anno scolastico 2008-2009

SCHEDA di PRESENTAZIONE del PROGETTO per l arricchimento dell offerta formativa Anno scolastico 2008-2009 1 SCHEDA di PRESENTAZIONE del PROGETTO per l arricchimento dell offerta formativa Anno scolastico 2008-2009 Progetto triennale di Circolo GIOCHI PER CRESCERE rivolto ai bambini di 5 anni TITOLO RESPONSABILE

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

L uso e il significato delle regole (gruppo A)

L uso e il significato delle regole (gruppo A) L uso e il significato delle regole (gruppo A) Regole organizzative: devono essere rispettare per far sì che la struttura possa funzionare e che si possa vivere in un contesto di rispetto reciproco; Regole

Dettagli

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI TRE ANNI S.A. 1 S.A. 2 S.A. 3 S.A. 4 S.A. 5 TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI IL BAMBINO GIOCA IN MODO COSTRUTTIVO E CREATIVO CON GLI ALTRI, SA ARGOMENTARE,

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 68 DEL 30/07/2009 IN VIGORE

Dettagli

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Momo alla conquista del tempo

Momo alla conquista del tempo Momo alla conquista del tempo La vita è fatta di eventi che si susseguono nel tempo che ci è dato da vivere. Vogliamo imparare con i bambini a considerare il tempo come occasione propizia per costruire

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE L Ingresso alla Scuola dell Infanzia costituisce l inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino il più delle volte alla sua prima esperienza

Dettagli

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Proposte Didattiche Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Il Progetto Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo con idee piccole.

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

IDENTITA, CREATIVITA' E COMUNICAZIONE PROGETTO INTERCULTURALE E DI INTEGRAZIONE PER BAMBINI NON ITALOFONI DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA A.S.

IDENTITA, CREATIVITA' E COMUNICAZIONE PROGETTO INTERCULTURALE E DI INTEGRAZIONE PER BAMBINI NON ITALOFONI DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. IDENTITA, CREATIVITA' E COMUNICAZIONE PROGETTO INTERCULTURALE E DI INTEGRAZIONE PER BAMBINI NON ITALOFONI DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2010-2011 PREMESSA Il lavoro svolto dalla Commissione intercultura

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale Le caratteristiche dell adolescenza Problematiche tipiche del contesto attuale Le mete da raggiungere L obiettivo è la maturità: Fisica (corpo e capacità di generare) Mentale (generalizzazione e astrazione)

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Scuola dell Infanzia M.Montessori Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Premessa Ogni bambino-a giunge alla Scuola dell Infanzia con un bagaglio di esperienze e conoscenze legate alla propria storia

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia si rivolge a tutte le bambine e i bambini dai tre ai sei anni di età E la risposta al loro diritto all

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO.

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. Supporto psicologico a favore degli operatori e dei familiari coinvolti nel lavoro di assistenza

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA EDUCATIVO-PREVENTIVA anno scolastico 2012/2013 Scuola dell Infanzia Don Antonio Dalla Croce Monteforte d Alpone a cura di: Sara Franchi PREMESSA La proposta di questo progetto

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza Provincia di Piacenza Settore Sistema Scolastico e servizi alla persona e alla comunità RIFLESSIONI SUL LAVORO DEL COORDINATORE CHE OPERA PER FACILITARE, SUPPORTARE, SVILUPPARE LA CRESCITA PROFESSIONALE

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli