IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO"

Transcript

1 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 1. Fate una buona prima impressione. Nessuno ha una seconda possibilità per fare una buona prima impressione e questa vi rimarrà inevitabilmente appiccicata addosso. Il colloquio è diviso in 4 fasi: il riscaldamento (2-3 minuti cercare di stabilire una buona intesa personale con il selezionatore); l esame del candidato (20 minuti); il controesame (10 minuti); la chiusura (4-5 minuti) Appuntatevi l orario e il luogo del colloquio e il nome del selezionatore Arrivate puntuali all appuntamento portate con voi una penna e una piccola agenda Subito dopo il colloquio fatene un breve riassunto scritto Ricordatevi il nome del selezionatore Ricordatevi tutte le regole della buona educazione Cercate di dare l impressione di una persona onesta: non tentate di nascondere niente Cercate di lottare contro la noia del selezionatore Fate in modo che il selezionatore vi dica sin dai primi momenti del colloquio in che cosa consiste nel dettaglio il posto per cui vi state candidando

2 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 2. Preparatevi sui vostri punti deboli per evitare di essere giudicati alla luce dei vostri difetti bisogna giocare d anticipo, riconoscendo le nostre eventuali lacune, inquadrandole nella loro vera luce e dimostrando come siamo riusciti a compensarle. Per non farsi etichettare in base ai propri apparenti punti deboli occorre: Prevedere che ci venga richiesto di parlarne Ammetterne serenamente la plausibilità Inquadrarli in un ottica più vasta Dimostrare come, essendone consapevoli, abbiamo già individuato gli antidoti ai potenziali rischi che queste lacune rappresentano

3 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 3. Informatevi sull azienda quanto più disinformati si è sull azienda ed il suo business, tanto più anonima sarà la discussione, e ci si espone al rischio di essere relegati ad esercitare un ruolo passivo se non addirittura a fare qualche brutta figura. Ricordiamoci che uno dei principali obiettivi è quello di abbattere la distanza tra sé e il selezionatore. cercate di sapere tutto ciò che è possibile scoprire sull azienda I selezionatori sono di solito curiosi di sapere perché si vuole andare a lavorare per la loro azienda e quale potrebbe essere il vostro contributo Non fate domande per impressionare il selezionatore

4 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 4. Sfruttate la tensione essere tesi prima di un colloquio è una cosa assolutamente normale. La tensione inoltre, è anche un indispensabile meccanismo di difesa che consente di mobilitare e sfruttare al massimo tutte le proprie risorse. Un atteggiamento eccessivamente rilassato può indurre a commettere degli errori

5 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 5. Siate sinceri, coerenti, equilibrati in presenza di un obiettivo preciso è possibile essere sinceri, coerenti, ispirare fiducia nell interlocutore ed evitare di atteggiarvi a ciò che non siete. Le quattro qualità indispensabili per vendere noi stessi sono: entusiasmo, sincerità, tatto e cortesia In caso di dubbio dite sempre la verità Ogni bugia anche se non scoperta è destinata a non farvi stare tranquilli Se si scopre che avete detto una bugia la vostra credibilità è distrutta Non dimenticate mai che non siete in grado di sapere quante cose il selezionatore sa di voi Fate attenzione a distinguere tra le domande con cui vi si chiedono dei dati di fatto e quelle con cui vi si chiedono delle opinioni alle quali risponderete in modo da mettervi nella migliore luce possibile Essere incoerenti può indurre a pensare che non si è onesti

6 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 6. Pensate in modo positivo, creativo e concreto tutti i datori di lavoro, nessuno escluso, vogliono al loro fianco persone concrete, propositive e attive, che pensino a come risolvere i problemi e non a commentarli o a complicarli. Evitate dunque di sembrare lamentosi, teorici, passivi. Mai dare la colpa dei propri insuccessi ad altri; mai fare commenti fatalisti o manifestarsi egoisti, cavillosi, burocratici o scaricabarile. Dovete comunicare il vostro entusiasmo al selezionatore Non coinvolgete il selezionatore nei vostri conflitti Non parlate male del vostro precedente datore di lavoro Se dovete parlare di un problema verificatosi nel vostro precedente impiago fatelo in maniera spassionata

7 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 7. parlate, per favore raccolte alcune informazioni indispensabili, al selezionatore interesserà soprattutto farvi parlare per capire come ragionate, come interagite, come polemizzate, che opinione avete di voi stessi e di ciò che vi circonda, quali aspirazioni avete e come volete raggiungerle. Parlare bene vuol dire anche non parlare troppo:la capacità di sintesi è una delle virtù più apprezzate perché implica metodo, rigore logico e capacità espressive. Ascoltate attentamente le domande Se la domanda è ambigua dovete o interpretarla liberamente e parlare di cose che vi mettano sotto una luce favorevole o chiedere delle spiegazioni Servitevi di trucchi per guadagnare tempo per riflettere: domandate delle spiegazioni o fate uso di frasi di raccordo Presupponete sempre che ogni domanda ha uno scopo ben preciso Rispondete con precisione a domande precise Non rispondete con una battuta ad una domanda seria

8 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 8. Attenzione al linguaggio i rischi di incomprensione, nel colloquio, possono derivare o da un atteggiamento innaturale del candidato, che proietta un immagine falsata e quindi incomprensibile da sé, o da una mancata sintonia di linguaggi tra selezionatore e candidato. Partite dal presupposto che ogni domanda viene posta per motivi relativi al lavoro in oggetto Osservate bene i segnali dati dalle reazioni fisiche del selezionatore per poter reagire di conseguenza Se percepite da parte del selezionatore dei segnali negativi, fermatevi subito e cambiate discorso

9 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 9. Tenete presente chi avete di fronte il selezionatore è interessato quanto voi al buon esito del colloquio: deve trovare qualcuno da assumere. Non è quindi un asettico esaminatore ed è più un alleato che un nemico; non merita quindi un atteggiamento sospettoso o reticente da parte vostra. Se vi fa domande cattive, che mirano a mettervi in difficoltà, significa che il colloquio sta andando bene Partite dall idea che sarete sottoposti ad un colloquio di selezione diretto da persone altamente specializzate; se il vostro selezionatore si rivela poco preparato non ne subirete brutte conseguenze

10 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO 10. Attenti alla comunicazione non verbale (i vestiti, la postura, i gesti e lo sguardo) durante il colloquio i nostri gesti, i nostri sguardi, il tono della nostra voce confermano, integrano o smentiscono le nostre affermazioni. Anche se la nostra comunicazione non verbale è molto meno controllabile di quella verbale, in quanto più istintiva, si sono alcuni semplici accorgimenti che possono essere presi in considerazione. Come vestirsi: è indubbio che la nostra immagine è data anche dal nostro abbigliamento, infatti noi scegliamo di vestirci così; per il colloquio l importante è dare anche nel look una sensazione di affidabilità e serietà; la fantasia e l originalità sono degli optional a rischio per cui è da consigliare un abito classico.

11 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO Come parla il corpo: la comunicazione interpersonale è un fenomeno tremendamente complesso e non è facile migliorare la propria efficacia di comunicatori in poco tempo. Ci sono comunque alcuni atteggiamenti chiave che tutti i selezionatori noteranno: tono di voce affannato e precipitoso, movimento nervoso o contratto delle mani, posizione rigida sulla sedia indicano tensione respirate profondamente e rilassatevi; Braccia conserte, faccia contratta, sguardo corrugato sono atteggiamenti di difesa Eccessivo gesticolare indica scarso autocontrollo Sguardo deve essere sempre rivolto agli occhi del selezionatore, ma non in modo ossessivo o penetrante La stretta di mano deve trasmettere un minimo di energia vitale Il tono della voce deve essere caldo ma deciso

12 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO Se riuscirete ad essere voi stessi, a non farvi mettere in soggezione, tutto sarà più semplice Anche se non avete fiducia in voi stessi, sforzatevi di far credere al selezionatore che l avete Non dimenticatevi che ogni colloquio di selezione ha per tema l argomento che conoscete meglio: voi stessi Non lasciatevi scoraggiare dai consigli e dalle impressioni degli altri Non dimenticatevi che i selezionatori sono abituati al fatto che i candidati mostrino un qualche nervosismo Quando andate ad un colloquio di selezione non dimenticate mai che anche voi, in un certo senso, state selezionando l azienda cercando di scoprire se vi interessa Abbiate fiducia che al momento opportuno reagirete nel modo opportuno

13 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO Domande indiscrete o provocatorie (matrimonio, soldi, politica, sfera personale ) Sdrammatizzare con una battuta di spirito o con un sorriso Rispondere con spontaneità, sincerità, tranquillità Esercitare il diritto alla riservatezza Se il selezionatore vi pone una domanda indiscreta, cercate innanzi tutto di capire se tale domanda è giustificata e poi rispondete di conseguenza

14 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO Il potere del silenzio Quando il selezionatore rimane in silenzio, generalmente ci sta sottoponendo ad una prova Se il candidato resta anche lui silenzioso dimostra di aver fiducia in se stesso Non interrompete mai il silenzio del selezionatore se non per porre una domanda Non fatevi indurre dal silenzio del selezionatore a cambiare le vostre dichiarazioni Durante le pause di silenzio cercate di controllare la vostra ansia contando i secondi Se vi rendete conto che il selezionatore è inesperto e non parla perché non sa cosa dire, rompete il silenzio con delle domande

15 IL DECALOGO DEL BUON COLLOQUIO Attraverso il colloquio i selezionatori vogliono sapere: Se avete le conoscenze tecniche e le capacità di base necessarie per ricoprire quel tipo di posizione Se combaciate con le caratteristiche peculiari di quella specifica posizione: localizzazione, personalità del capo e dei colleghi, sviluppi e problemi prevedibili Quali sono le vostre motivazioni e aspettative Quali sono le vostre capacità interpersonali che sono sotto osservazione durante tutto il colloquio

16 IL CONTROINTERROGATORIO Durante il colloquio il selezionatore si aspetta che siate voi a fare delle domande quali: mi può illustrare più a fondo i contenuti del lavoro? Che tipo di persona cerca la vostra azienda, quali sono i suoi valori? Mi tolga una curiosità: a lei cosa piace di più dell azienda in cui lavora? Quali sono le sfide più difficili che dovrà affrontare la vostra azienda nei prossimi anni?

17 Il selezionatore GLI INTERLOCUTORI Il giovane rampante entusiasta, innamorato dell azienda, curioso e ottimista. Il suo metro di paragone è principalmente sé stesso cercate di somigliargli Il manager di linea lo si incontra in genere al secondo colloquio, ed è quasi sempre il futuro capo dell assumendo. Non è esperto di selezione e quindi si basa su impressioni, pregiudizi e, per fortuna, sulla relazione del selezionatore. Egli vuole verificare che siate simpatici, non piantagrane, che conosciate almeno l ABC di quello che dite di conoscere, che siate sgobboni, intelligenti e motivati Il tecnico può sostituire il colloquio con il manager di linea o può consistere in un passaggio ulteriore. Se siete preparati sarà la prova più semplice e il rischio è rappresentato dalle manie, fissazioni e pregiudizi di ogni tecnico evitate quindi di dare giudizi lapidari su temi controversi L impreparato in tutte le categorie menzionate ci può essere un impreparato che ha perso il vostro CV e non sa bene chi siete portatevi dietro una copia del CV e cercate di approfittare della situazione

18 fonte: associazione Mercurius - la guida al mercato del lavoro per giovani laureati edizioni Mercurius Alcune delle domande più frequenti Qual è stata la sua formazione scolastica? Mi parli della sua esperienza professionale Perché ha deciso di abbandonare il suo ultimo impiego? Quanto desidererebbe guadagnare? E disposto a viaggiare? Quali sono le sue capacità di coordinamento? Ama lavorare in gruppo? Come si inserirebbe all interno di una equipe? Quali sono le sue attività extraprofessionali? Come si giudica? Quali sono le sue migliori qualità e i suoi più grandi difetti? Qual è il suo progetto di carriera? Quali gli obiettivi a medio e lungo termine? Cosa sa di noi? Della nostra società? Dei nostri prodotti? Del nostro settore? Perché ha scelto questo campo di attività in particolare? Fra le sue attitudini ed esperienze, quali le fanno pensare che riuscirebbe in questa posizione? Perché dovremmo assumerla? Cosa le interessa di meno nella funzione che le stiamo proponendo? Gli altri come la descrivono? Ama le responsabilità? quale è stata la più grande responsabilità che ha affrontato? Quale è il suo stile di lavoro?

19 Il colloquio di valutazione del potenziale di crescita

20 CAPACITÀ COGNITIVE Coerenza, linearità e profondità del processo logico (capacità di analisi e di sintesi) Capacità di analisi Capacità di identificare i singoli elementi di un problema distinguendoli in funzione della loro importanza e proponendo eventuali soluzioni specifiche Capacità di sintesi Capacità di porsi in un ottica allargata indagando i fenomeni nel loro scenario. Capacità di individuare e prevedere le razioni tra gli elementi significativi di una situazione o di un problema proponendo eventuali soluzioni adeguate.

21 CAPACITÀ REALIZZATIVE: Orientamento ai risultati/motivazione/energia Capacità di porsi in un ottica allargata indagando i fenomeni nel loro scenario. Capacità di individuare e prevedere le razioni tra gli elementi significativi di una situazione o di un problema proponendo eventuali soluzioni adeguate.

22 CAPACITÀ REALIZZATIVE: Orientamento all obiettivo Motivazione a misurarsi con sé stessi ponendosi obiettivi sfidanti ma realistici. Capacità di fare proposte non solo su richiesta

23 CAPACITÀ REALIZZATIVE: Capacità di decisione Capacità di prendere tempestivamente le decisioni in condizioni di incertezza, senza norme precise e vincolanti

24 CAPACITÀ REALIZZATIVE: Decision making Disponibilità ad un ampio dibattito sulle idee nelle situazioni pre decisionali e, presa la decisione, a sentirla, agirla e testimoniarla come propria in tutte le sue articolazioni operative.

25 CAPACITÀ REALIZZATIVE: Responsabilità/ successi e insuccessi Capacità di farsi carico di risultati (conseguenze) delle decisioni o delle azioni proprie o dei propri collaboratori. Capacità di valutare, decidere, agire in modo non avventato e superficiale, ma dopo adeguata riflessione sugli effetti e sulle conseguenze.

26 CAPACITÀ REALIZZATIVE: Autonomia Capacità di operare, nell ambito della propria area di competenza, senza disperdere energie e senza dipendere continuamente da altri per aiuti, consigli, impostazione di lavori. Più genericamente capacità di agire, nella vita, senza subire eccessivamente i condizionamenti esterni.

27 CAPACITÀ REALIZZATIVE: Gestione di meccanismi operativi Capacità di organizzazione e pianificazione. Capacità di predisporre programmi ed attività, di organizzare mezzi e procedure, di assegnare adeguatamente i ospiti, di utilizzare in modo accorto le risorse disponibili rispetto ai vincoli di tempo/costo ed effettuando i necessari controlli. Capacità di utilizzare nel modo più economico possibile le proprie energie, quelle di altre persone o dei mezzi a disposizione per raggiungere gli obiettivi prefissati. Saper distribuire i compiti secondo le possibilità dei singoli. Attitudine a catalogare, ordinare, programmare, pianificare secondo un metodo basato sull efficienza e tendente ad ottenere il massimo con il minimo sforzo. Capacità di dosare le energie secondo le esigenze della situazione e secondo le proprie possibilità, con metodicità ed uniformità di rendimento. Adattabilità a compiti in prevalenza esecutivi e ripetitivi

28 CAPACITÀ RELAZIONALI: relazione/empatia Capacità di comprendere le esigenze degli interlocutori e di sapersi relazionare con essi. Capacità di utilizzare la comunicazione e la negoziazione per sviluppare la collaborazione: disposizione ed abilità nello stabilire rapporti interpersonali. Capacità di comunicare mettendo a proprio agio gli altri e sentendosi a proprio agio. Capacità di ascoltare, di ispirare fiducia, di entrare in sintonia con gli altri, di inserirsi senza scosse in ambienti sociali nuovi. Capacità di chi sa trovare un punto di incontro tra le proprie aspettative e motivazioni e la realtà entro la quale può trovarsi inserito.

29 CAPACITÀ RELAZIONALI Autorevolezza/leadership Capacità di influenzare gli atteggiamenti e le decisioni altrui con modalità coerenti con gli obiettivi ed il contesto di riferimento, in modo da conquistare rispetto e fiducia indipendentemente dal ruolo ricoperto. Avere, nell ambito del gruppo formale o spontaneo, un peso specifico tale da incidere sulle decisioni del gruppo stesso. Saper mantenere la coesione del gruppo ed ottenere la collaborazione per il raggiungimento di una finalità comune. Capacità di interpretare i bisogni del gruppo, di incanalare le energie, di favorire i rapporti tra i membri ed i collegamenti con l ambiente esterno, rispettando le individualità ed assumendosi la responsabilità del loro operato.

30 SENSIBILITÀ COMMERCIALE Capacità di cogliere prontamente tutte le opportunità di vendita in un ottica di redditività, assumendo nei confronti del mercato interno ed esterno comportamenti idonei a stabilire, mantenere e concretizzare relazioni economicamente convenienti.

31 MATURITÀ ED EQUILIBRIO Capacità di reagire in modo adeguato ad una frustrazione o ad uno stress. Capacità di mantenere le reazioni in misura non esagerata rispetto allo stimolo ricevuto ed in termini socialmente accettabili. Adeguato sviluppo affettivo e libertà da blocchi emotivi. Capacità di non lasciare prevalere la sfera emotiva su quella relazionale.

32 CAPACITÀ ESPOSITIVE Capacità di adeguare il tono e il tipo di discorso all interlocutore e alle circostanze; ricchezza di vocabolario; utilizzo di esempi

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

DOPO LA SCUOLA? CHE IMPRESA!

DOPO LA SCUOLA? CHE IMPRESA! DOPO LA SCUOLA? CHE IMPRESA! Diffusione della cultura del lavoro Anno Scolastico 2006-2007 Il colloquio di lavoro in collaborazione con: IL COLLOQUIO DI LAVORO COLLOQUIO DI LAVORO Colloquio è una parola

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Emanuele Lajolo di Cossano COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Università degli Studi - Torino, 19 aprile 2010 La prima cosa da fare PERCHE SONO QUI? QUAL E IL MIO OBIETTIVO? CHE COSA VOGLIO ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO in collaborazione con PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO Fausto Ciarcia (Direttore HR W. Astoria Hilton) Stefano Biscioni (Presidente ESI) Giovedi 13/03/2014 Salone

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Questionario di fine modulo Accoglienza

Questionario di fine modulo Accoglienza Questionario di fine modulo Accoglienza Si propongono di seguito n. 18 di domande chiuse con 4 possibili risposte. Solo una risposta è corretta. Le domande sono state divise in 4 sezioni (A, B, C, D).

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Prof. Ventricelli Massimo Michele Psicologo Tel. 320 7769900 1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Al colloquio di selezione bisogna giungere preparati: non c è

Dettagli

PRESENTARSI E PRESENTARE

PRESENTARSI E PRESENTARE Network management Sviluppare le competenze attraverso il network: laboratorio di self-assessment PRESENTARSI E PRESENTARE 15 febbraio 2010 Barbara Parmeggiani Executive Consultant & Coach Il filo rosso

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Come avere successo ed ottenere il lavoro desiderato! AIUTA LE AZIENDE A SELEZIONARTI Essere consapevoli dei propri vantaggi, conoscere l azienda

Dettagli

COMUNICARE EFFICACEMENTE

COMUNICARE EFFICACEMENTE CORSO MANAGER DIDATTICI COMUNICARE EFFICACEMENTE A cura di: Franco Tartaglia COMUNICAZIONE TRASMISSIONE TRA DUE O PIÙ PERSONE DI : IDEE/OPINIONI MESSAGGI FATTI SENTIMENTI COMANDI RICHIESTE PROPOSTE PRESENTAZIONI

Dettagli

I SEGRETI DEL PUBLIC SPEAKING

I SEGRETI DEL PUBLIC SPEAKING IL TUO PARTNER STRATEGICO SERVIZI - CONSULENZE FORMAZIONE PROFESSIONALE ORGANIZZAZIONE AZIENDALE ORGANIZZAZIONE EVENTI COMUNICAZIONE EFFICACE CAMPAGNE PUBBLICITARIE WWW.INCOMMUNICATIONS.IT info@incommunications.it

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Promuovere Rapporti Interpersonali

Promuovere Rapporti Interpersonali Promuovere Rapporti Interpersonali Obiettivi: Sensibilizzare maggiormente i soci sulla necessità del lavoro di squadra e di allacciare a tal fine rapporti interpersonali Fornire ai governatori distrettuali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate)

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate) TRAINING Riservato ad agenti e venditori (3 giornate intervallate) 2 1. INTERPRETARE IL PROPRIO RUOLO CON ORGOGLIO, POSITIVITÀ, CREATIVITÀ E CORAGGIO, RAFFORZANDO LA PROPRIA AUTOMOTIVAZIONE AL MIGLIORAMENTO

Dettagli

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Comunicazione Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Non si può non comunicare, afferma uno degli assiomi della comunicazione. Non esiste infatti la non

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP PRESENTAZIONE DEL PROGETTO La CISL ha organizzato questo incontro perché

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009 IL WEB WRITING di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale 15 0ttobre 2009 PARTE PRIMA Perché gli studi professionali sottovalutano ciò che viene riportato nei testi del loro

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. (TECNICHE PER LA VITA) G. Colli «Punto com» vol. B

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. (TECNICHE PER LA VITA) G. Colli «Punto com» vol. B LA COMUNICAZIONE EFFICACE (TECNICHE PER LA VITA) G. Colli «Punto com» vol. B 4 FASI IMPORTANTI PER ACQUISIRE LE TECNICHE PER UNA COMUNICAZIONE EFFICACE 1. INCOMPETENZA INCONSAPEVOLE 2. INCOMPETENZA CONSAPEVOLE

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA

LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA Dott.ssa Alessandra Marsili Psichiatra, Psicoterapeuta Civitanova Marche L assertività è la capacità del soggetto di utilizzare in ogni contesto relazionale, modalità di comunicazione

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA ASSERTIVITA ETIMOLOGIA: Assertività deriva dal latino assèrere. Il significato

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

A.A.A LAVORO CERCASI!!!

A.A.A LAVORO CERCASI!!! A.A.A LAVORO CERCASI!!! 1 2 Carissimi, l'amministrazione Comunale di Azzano San Paolo nel corso degli anni ha promosso attività volte al sostegno dei giovani cittadini. Pensiamo che sia fondamentale in

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda

Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda LE TEMATICHE Il contesto competitivo Le competenze delle nuove imprese Gli obiettivi di sopravvivenza e di successo Come scegliere il personale Requisiti

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO QUESTIONARIO DI GRADIMENTO Il BRUCO Asilo Nido e Scuola d Infanzia Via Case Basse San Vittore, 24 Pavia www.asiloilbruco.com Tel. 0382.1726.241 Tel. 393.900.6211 Cari Genitori, il questionario è stato

Dettagli

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE

L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE LA SCIENZA Se si cerca programmazione neurolinguistica O PNL si hanno questi risultati ( tantissimi ) Definire la PNL, Programmazione Neuro Linguistica

Dettagli

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4 35040 Boara Pisani (PD) Quando comunichiamo con altre persone dobbiamo riuscire a capire: se ci stanno seguendo, se comprendono

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone I 12 principi della Leadership Efficace in salone Leadership = capacita di condurre e di motivare Per condurre i tuoi dipendenti devono avere stima e fiducia di te. Tu devi essere credibile. Per motivare

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

FARE O ESSERE VOLONTARI?

FARE O ESSERE VOLONTARI? Corso di formazione FARE O ESSERE VOLONTARI? Il volontariato come manifestazione dell essere e dell operare a favore dell altro Caritas Ambrosiana Salone Mons. Bicchierai via San Bernardino 4 20122 Milano

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing. la prima volta di un piatto non sarà mai 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.it ottimale ogni nuova ricetta richiede uno specifico know how che si apprende nel tempo Il

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

La leadership sanitaria:

La leadership sanitaria: La leadership sanitaria: una nuova dimensione per le professioni sanitarie Dott. Alessandro Rovetta Leadership SAPER CREARE UN MONDO AL QUALE LE PERSONE DESIDERINO APPARTENERE 1 Perchè servono professionisti

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli