PRIMA PARTE - UNO SVILUPPO INSOSTENIBILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMA PARTE - UNO SVILUPPO INSOSTENIBILE"

Transcript

1 - Introduzione Pensate ad un bicchiere di plastica, quello che usate solitamente per prendere un the o caffè nei distributori. La plastica é un prodotto non esistente in natura ma creato dall uomo con derivati del petrolio; esistono circa 500 tipi di plastica diversi, con proprietà chimiche e fisiche diverse ma tutte con una caratteristica comune: non è biodegradabile e solo in parte riciclabile. Vuol dire che un oggetto di plastica impiegherà dai 100 ai 1000 anni per decomporsi e se lo si incenerisce provoca dei fumi tossici. Quindi produciamo dei bicchieri di plastica che durano più di 100 anni per usarli al massimo 5 minuti e poi gettarli inquinando... E le conseguenze sono ben visibili nei mucchi di rifiuti che riempiono le nostre città! Questo non vi fa pensare che c'è qualcosa di sbagliato nel nostro stile di vita? PRIMA PARTE - UNO SVILUPPO INSOSTENIBILE - Un modello di sviluppo poco equo Con il termine modello di sviluppo si intende lo stile di vita complessivo del popolo di una nazione, sia considerando i meccanismi che regolano la politica e l'economia della nazione che le abitudini quotidiane dei cittadini. Il nostro attuale modello di sviluppo è quello capitalistico occidentale basato sull'industrializzazione ed il libero mercato, che è diventato negli ultimi 50 anni un modello sempre più globalizzato. Questo modello di sviluppo ha cambiato totalmente lo stile di vita di parte della popolazione mondiale con molti vantaggi (basti pensare ai progressi medici e tecnologici nell'ultimo secolo), però ha causato una situazione di grave squilibrio, sia dal punto di vista economico/sociale che ambientale. - Pochi ricchi e sempre più poveri Innanzitutto si è creata una situazione di forte squilibrio nella distribuzione delle ricchezze mondiali, come evidenziato nel grafico sottostante. Le nazioni sono classificate in base all'isu (Indice di Sviluppo Umano), un indice calcolato tenendo conto non solo del PIL (Prodotto Interno Lordo) e quindi della ricchezza media dei cittadini, ma anche della qualità della vita, quindi considerando altri fattori come la durata media della vita e il livello di alfabetizzazione. Possiamo notare una grande differenza tra alcuni paesi "ricchi" del "Nord" (Nord America, Europa dell'ovest, Giappone ed Australia) e gli altri, con i paesi più "poveri" soprattutto nel continente Africano e nel Sud Asiatico.

2 Nel seguente grafico a calice possiamo vedere che i paesi più ricchi, con il 20% della popolazione mondiale, possiedono l'80% della ricchezza globale mondiale, mentre al restante 80% della popolazione ne rimane solo il 20%. Tra questi sono 1300 milioni le persone al di sotto della soglia di povertà assoluta, cioè che vivono con meno di un dollaro al giorno. Tale squilibrio non riguarda solo la ricchezza in termini di soldi, ma anche i consumi delle materie prime e la disponibilità di risorse quali cibo e acqua potabile.

3 Le cause di tale situazione ricadono in gran parte sulle scelte economiche dei paesi del Nord. Nel mercato globalizzato ci sono tre vie attraverso le quali il Nord si arricchisce alle spalle della gente del Sud, tramite le sue banche e le multinazionali: 1) il controllo commerciale; 2) lo sfruttamento del lavoro; 3) il debito internazionale. (Ma non possiamo approfondire questo aspetto in questa sede). Inoltre questo squilibrio non è solo tra stati, ma anche all'interno delle singole nazioni, con una piccola minoranza di persone miliardarie con sempre più soldi ed il resto della popolazione sempre più povero. Si potrebbe allora pensare che la soluzione sia aiutare i paesi poveri a svilupparsi e raggiungere il nostro livello di paese industrializzato, ma ciò non e possibile! Dobbiamo infatti tener conto di un altro importantissimo fattore legato al nostro sistema di sviluppo: l'impatto ambientale. - Consumismo e costo energetico Pensate alla vostra camera ed immaginate quale potrebbero essere le differenze con la camera di un giovane della vostra età di un secolo fa... Sicuramente nella vostra si trova una grandissima quantità di oggetti: vestiti, apparecchi elettronici, giochi, libri, peluche, poster... Uno degli aspetti fondamentali del modello capitalistico è infatti il "consumismo". L'economia funziona se si vendono sempre più cose e la pubblicità ci spinge a comprare sempre più oggetti (della maggior parte dei quali non abbiamo bisogno). Ma qual è l'impatto ambientale degli oggetti che compriamo? Tutti gli oggetti che noi usiamo abitualmente hanno un costo energetico. Prendiamo come esempio un telefonino: è servita dell'energia per estrarre le materie prime (un telefonino medio contiene Piombo, Cadmio, Oro, Berillio, Ferro, Cloro, Argento e Bismuto provenienti dal Nord America; Alluminio, Stagno, Zinco e Rame dal Sud America; Nichel e Palladio dalla Russia; Tantalio dall Australia; Cromo e Platino dall Africa; Silicio, Antimonio e Arsenico dalla Cina; da Israele il Bromo e chiaramente tanto petrolio per le plastiche), energia per trasportare i materiali alle fabbriche in qualche paese del terzo mondo, energia per la lavorazione, energia per spedirli in Italia

4 ed essere venduti, energia usata dal centro commerciale, energia per pubblicizzarlo... e quando l'abbiamo comprato serve ancora energia per farlo funzionare ed infine energia per lo smaltimento quando lo buttiamo via. Quindi per mantenere il nostro stile di vita serve continuamente una grandissima quantità di energia, che dobbiamo procurarci in qualche modo. Nel grafico sottostante possiamo vedere quali sono le fonti energetiche usate in Italia. - Conseguenze ambientali L'uso di una sempre maggior quantità di materie prime e di energia, che proviene per la maggior parte dal petrolio e dai gas naturali, ha delle conseguenze: 1) lo sfruttamento incontrollato delle risorse del pianeta, come nel caso del petrolio o del metano che che sono risorse in via di esaurimento, o come nel caso della distruzione delle foreste per procurasi il legname; 2) i gravissimi danni provocati dall'inquinamento delle fabbriche o dello smog del traffico; infatti ogni volta che si bruciano degli idrocarburi (come petrolio o metano) per ottenere energia si genera dell'anidride carbonica (CO 2 ) che sale nell'atmosfera, e solitamente anche delle polveri sottili, cioè dei metalli ed altre impurità presenti negli idrocarburi, che rimangono a bassa quota (e vanno direttamente nei nostri polmoni con gravi conseguenze per la salute, come l'aumento di persone con asma e problemi respiratori). Tutto ciò ha come conseguenza un forte impatto ambientale: effetto serra, buco dell ozono, piogge acide, distruzione delle foreste, avanzare dei deserti, ricadute radioattive, per non parlare dello smog che rende invivibili le nostre città ed il problema dei rifiuti. Ma fino a che punto possiamo spingerci ad inquinare e sfruttare il nostro pianeta prima di arrivare a conseguenze irreparabili? Dobbiamo tener conto della sostenibilità ambientale, cioè del limite di emissioni inquinanti che il pianeta può assorbire e riciclare. - Anidride Carbonica ed effetto serra Studiando il problema della sostenibilità ambientale, uno dei dati più significativi trovati dagli scienziati è quello riguardante le emissioni di anidride carbonica. L'uomo e gli animali per vivere hanno bisogno di respirare ossigeno e di energia che prendono dal cibo, ma producono anidride carbonica; per fortuna invece le piante fanno il contrario, attraverso la fotosintesi assorbono luce, acqua ed anidride carbonica e producono ossigeno e zuccheri di cui hanno bisogno. Quindi piante ed animali sono fatte per vivere in simbiosi ed ognuno ha bisogno degli altri.

5 Ma negli ultimi 100 anni come abbiamo visto l'uomo ha prodotto sempre più CO 2... Una conseguenza è l'aumento dell'effetto Serra. Vediamo cos'è... Il calore dei raggi luminosi provenienti dal Sole viene in parte assorbito ed in parte riflesso dalla superficie terrestre e dagli oceani. Questa radiazione diretta verso lo spazio viene in parte nuovamente riflessa verso il basso da alcuni gas presenti nell atmosfera, creando un effetto simile a quello di una serra che così contribuisce ad aumentare le temperature terrestri. Questi gas serra sono il vapore acqueo e alcuni gas come anidride carbonica, metano, ozono, ecc. I principali componenti dell atmosfera, invece, gas come azoto, ossigeno e argon (che rappresentano circa il 99% del sottile strato che circonda il nostro Pianeta), non hanno nessuna capacità di trattenere il calore, essendo trasparenti alla radiazione solare. L effetto serra è dunque un fenomeno naturale. Senza di esso la Terra sarebbe un posto molto più freddo di quello attuale, sul quale la vita si sarebbe difficilmente evoluta. Ma da alcuni decenni gli effetti dell azione dell uomo hanno ingigantito questo fenomeno, aumentando la quantità di gas serra e dando origine ad un riscaldamento della temperatura. Un importante centro di ricerca (centro Wuppertal, tedesco) ha calcolato l'emissione annua di CO 2 massima sostenibile dal pianeta, cioè quanta CO 2 possiamo produrre e può essere assorbita da tutte le piante del pianeta. Dividendo poi il valore trovato per il numero di uomini del pianeta hanno trovato che l'immissione annua massima pro capite è di 2,3 tonnellate. Nella tabella sottostante confrontiamo questo valore con i dati sulla emissione pro capite effettiva di alcune nazioni (trovata calcolando l'emissione globale dello stato, considerando il numero di fabbriche, di automobili, di elettrodomestici, e poi dividendo per il numero di abitanti), negli anni 2000 e 2010: valore massimo sostenibile dal pianeta: 2,3 Emissione annua pro capite di CO 2 (in tonnellate) anno 2000 anno 2010 India 1,0 1,5 Cina 2,9 6,8 Europa 8,8 7,9 Italia 8,1 6,8 Stati Uniti 20,8 16,9 Australia 18,6 18,0 In Italia produciamo il triplo della CO2 massima sostenibile, negli Stati Uniti circa nove volte il limite! Quindi i paesi industrializzati inquinano molto più del dovuto. C'è stato un miglioramento negli ultimi dieci anni (in seguito al protocollo di Kyoto del 1997, di cui parleremo dopo) ma non ancora abbastanza, mentre la Cina ed i paesi in via di sviluppo iniziano ad inquinare sempre più. Questo scompenso non riguarda solo l inquinamento da CO2 ma è una tendenza generalizzata nei consumi. Se tutti consumassero ed inquinassero come Stati Uniti ed Australia servirebbero 9 pianeti Terra per assorbire l'inquinamento... ma di pianeta ne abbiamo solo uno! - Cambiamenti climatici Una delle conseguenze sempre più evidenti di tutto questo inquinamento sono i cambiamenti climatici. Vediamo alcuni dati sulla situazione attuale del clima presi dal rapporto presentato il 2 febbraio 2007 dall IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), un team di scienziati di tutto il mondo che ha avuto l'incarico dall'onu di studiare i cambiamenti climatici: - le concentrazioni atmosferiche attuali di gas serra sono le più alte mai verificatesi negli ultimi 650 mila anni, con un incremento di oltre 35% negli ultimi 200 anni; - le capacità "naturali" globali stanno diminuendo e sono attualmente in grado di assorbire meno della metà delle emissioni causate dall'uomo, il resto si accumula in atmosfera;

6 - la temperatura media del pianeta è aumentata (di 0,74 C in 100 anni ma con ritmo crescente); - le temperatura degli oceani sono aumentate; - i ghiacci polari e quelli delle medie latitudini sono in forte diminuzione; - le precipitazioni hanno cambiato caratteristiche; - è aumentata l intensità degli eventi estremi come i cicloni tropicali (uragani e tifoni), le tempeste tropicali ed extratropicali, le alluvioni e le siccità, le ondate di caldo e di freddo, ecc. Concentrazione di CO2 nell'atmosfera Temperatura media del pianeta Nel grafico vengono rappresentati, negli ultimi 1000 anni, i valori della concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera (in blu) e la temperatura media annua del pianeta (in rosso). Risulta evidente che l'aumento delle due grandezze negli ultimi 100 anni è collegato... ed il cambiamento inizia nel 1800 con l'avvento della rivoluzione industriale! In conclusione l ultimo rapporto del IPCC dimostra che non sussistono più margini di dubbio sui cambiamenti climatici in corso e sull accelerazione che tali cambiamenti stanno assumendo in questi ultimi anni e che la causa sono le attività umane! - Cosa può succedere? Per quanto riguarda l evoluzione futura del clima, nell ipotesi più probabile, sempre secondo l'ipcc, l aumento della temperatura media globale sarà compreso fra 0,6 e 0,7 C nel 2030 e raggiungerà circa 3 C nel 2100 (sembra poco ma avrà conseguenze drastiche su tutte le coltivazioni e sulla vita animale). A causa dello scioglimento dei ghiacciai dei poli, al 2100 il livello del mare aumenterà mediamente tra i 28 ed i 43 cm. Purché non si inneschino fenomeni imprevedibili di destabilizzazione del sistema climatico, in tal caso, infatti, i ghiacciai potrebbero collassare sciogliendosi completamente e l innalzamento del livello del mare potrebbe arrivare a 7 metri. Drastiche riduzioni si avranno anche per i ghiacciai delle catene montuose poste alle medie e basse latitudini, come le nostre Alpi, con ripercussioni sulla disponibilità di acqua potabile nelle falde acquifere dipendenti da tali ghiacciai. Diventeranno sempre più frequenti ed intensi gli estremi climatici quali le ondate di calore, le precipitazioni intense ed alluvionali delle medie ed alte latitudini, prolungati periodi di siccità alle medie e basse latitudini.

7 - Biodiversità in pericolo Infine accenniamo anche ad un'altro grave problema che è la perdita della biodiversità. La biodiversità è il termine con cui si indicano la innumerevole varietà degli esseri viventi che popolano la Terra. Fino ad oggi sono state descritte oltre un milione e settecentomila specie diverse, ma sono molte di più quelle che aspettano di essere scoperte. Una varietà incredibile di organismi, piante, animali, tutti legati l uno all altro e tutti indispensabili per la salute dei vari ecosistemi e per la vita, compresa quella umana Dall'ambiente non solo ricaviamo il cibo e l'acqua e tutti i materiali che ci servono, ma un ambiente sano serve anche per riciclare l'aria, stabilizzare il clima e impedire la diffusione di malattie Eppure questa ricchissima moltitudine di vita è sempre più minacciata. Molte specie animali e vegetali si sono estinte o sono a rischio di estinzione principalmente a causa delle attività umane e dell'inquinamento, per la perdita dei loro ambienti naturali (come nel caso del panda che si sta estinguendo a causa della perdita della foreste di bambù di cui si nutre) oppure per il commercio e la caccia indiscriminata (come per le balene che, nonostante la maggior parte dei paesi del mondo ne abbia proibito la caccia, continuano ad essere sterminate). Dal 1970 ad oggi già un terzo delle specie animali mondiali è andato perduto! - In conclusione Riassumendo, i problemi dell attuale modello di sviluppo sono: - iniqua distribuzione delle ricchezze - inquinamento - sfruttamento indiscriminato delle risorse - cambiamenti climatici - distruzione della biodiversità Abbiamo poco tempo per cambiare le cose! Cosa possiamo fare? La reazione più comune sembra essere quella dello struzzo... cioè far finta di non vedere. Ma non funziona!

8 SECONDA PARTE - UNO SVILUPPO SOSTENIBILE - Un nuovo modello di sviluppo A questo punto si impone una scelta: dobbiamo perseguire un nuovo modello di sviluppo che sia rispettoso dell ambiente ed etico, offrendo le stesse possibilità a tutti i popoli della terra, senza ingiustizie e sfruttamenti. Uno sviluppo sostenibile! Alla base del concetto di sviluppo sostenibile stanno due principi: - ogni persona ha lo stesso diritto ad un ambiente intatto e a disporre delle risorse globali; - le generazioni future devono avere uguali opportunità di vita. Quindi lo sfruttamento delle risorse naturali deve seguire i seguenti criteri: - una risorsa rinnovabile non può essere sfruttata oltre la sua capacità di rigenerarsi; - non si possono immettere nell ambiente più risorse di quanto l ambiente riesce ad assorbire; - i flussi di energia e materiali devono essere ridotti ai livelli che generano i minori rischi. Perché ciò sia possibile, ecco alcuni degli obiettivi fissati dall istituto Wuppertal: - riduzione delle emissioni di CO2 del 60%; - riduzione delle emissioni di ossido di azoto e idrocarburi del 80%; - dimezzamento del consumo di energia entro il Il protocollo di Kyoto Questi obiettivi sono stati discussi dai rappresentanti delle nazioni del mondo in una assemblea a Kyoto nel 1997 e la maggioranza dei paesi ha deciso di muoversi verso una diminuzione dell inquinamento firmando un protocollo di intesa sugli obiettivi da perseguire (anche se con dei parametri molto al di sotto di quelli proposti dagli scienziati). Non tutte le nazioni hanno firmato subito l'accordo che è divenuto operativo solo nel Purtroppo gli Stati Uniti non hanno ancora firmato questo protocollo. Successivi incontri, come quello di Copenaghen, non sono serviti a prendere scelte vincolanti ed incisive a livello mondiale. Purtroppo è difficile arrivare a degli accordi politici internazionali su questi temi a causa degli enormi interessi economici in gioco. - Energia rinnovabile e pulita Molte nazioni si stanno comunque dando da fare con scelte politiche a favore dell'ambiente, salvaguardando la biodiversità o incrementando l uso delle energie rinnovabili. Infatti, come abbiamo detto, l'uso degli idrocarburi (petrolio e metano) per ottenere energia è la principale causa dell'inquinamento atmosferico da CO 2 oltre a sfruttare risorse non rinnovabili ed in via di esaurimento. Anche le centrali nucleari non sono una buona fonte di energia sia per gli enormi problemi di sicurezza (come è accaduto recentemente in Giappone a Fukushima) che per le pericolose scorie radioattive che producono. Bisognerebbe quindi fare delle precise scelte politiche per abbandonare queste fonti di energia non rinnovabile ed inquinante ed iniziare ad usare delle fonti di energia rinnovabile e pulita, come l'energia eolica, idroelettrica, geotermica, dalle onde... e soprattutto l'energia solare! E stato calcolato infatti che la sola energia solare, inesauribile e pulita, potrebbe fornire 20 volte l'energia di cui l'umanità ha bisogno!

9 - Tutti devono darsi da fare! Ma senza aspettare che si muova la politica, tutti noi possiamo e dobbiamo iniziare a fare qualcosa! Ad esempio anche nelle proprie abitazioni si possono usare delle tecnologie per autoprodursi energia o limitare i consumi. ottenendo alla fine anche dei vantaggi economici. Vediamo quindi cosa ognuno di noi può fare per cambiare le cose. Riciclare o usare i mezzi pubblici sono attività molto importanti (ma anche molto conosciuti quindi non li approfondiremo). - Consumare meno, consumare meglio In generale dobbiamo imparare a consumare meno e consumare meglio! Innanzitutto bisogna cercare di consumare meno energia, quindi comprare elettrodomestici di nuova generazione con consumi ridotti, usare le lampadine a basso consumo, usare batterie ricaricabili, ecc... In generale dobbiamo abituarci ad evitare gli sprechi, ad esempio spegnendo la luce quando non serve. Una chiarissima dimostrazione di come si spreca energia in modo insensato sono i LED, cioè le lucine presenti in quasi tutti gli elettrodomestici (tv, lettore dvd, videoregistratore, decoder, computer ) che servono a segnalare che l'apparecchio è acceso o in standby; certo consumano poca energia, però sono sempre accesi. In una casa media questi LED consumano circa il 6% dell'energia giornaliera usata... Allora basta attaccare la tv o i computer ad una ciabatta con pulsante e spegnerli quando non vengono usati. - Risparmiare acqua Anche risparmiare acqua è importantissimo. Bisogna assolutamente abituarci a diminuire i consumi. A volte basterebbe anche molto poco e sprechiamo acqua per cattive abitudini; pensiamo ad esempio al lavaggio dei denti: un rubinetto consuma dai 10 ai 20 litri al minuto, se semplicemente teniamo chiuso il rubinetto mentre li laviamo e lo apriamo solo per sciacquare la bocca, abbiamo un

10 risparmio di circa 30 litri al giorno (provate a calcolare quanto si risparmierebbe in un anno se lo facessero tutti). Bisogna cambiare abitudini: facendo docce veloci anziché bagni in vasca o lavando l'auto con un secchio e non con la pompa. Un modo molto semplice di risparmiare è quello di mettere dei riduttori di flusso nei rubinetti. Esce la metà dell'acqua ma con la stessa velocità che è quella che serve quando ci si lava. In una casa il maggior consumo di acqua si ha nello sciacquone del water ( 30% acqua consumata in casa) dove scendono dagli 8 ai 12 litri d acqua alla volta; da alcuni anni si è iniziato per fortuna ad usare dei water con due pulsanti per regolare la quantità di acqua a seconda delle necessità. - Riduzione dei rifiuti Un italiano produce 455 Kg di rifiuti all anno! Tenendo conto che per eliminare questi rifiuti serve molta energia e si producono comunque sostanze tossiche e pericolose, possiamo ben capire come sia fondamentale cercare di ridurre questa quantità di rifiuti. Va limitato soprattutto l'uso eccessivo di oggetti di plastica (pensiamo ad esempio alle borse di plastica per la spesa... basta andare con una propria borsetta) oppure degli oggetti usa e getta!. Bisogna cambiare la nostra mentalità quando facciamo la spesa, vediamo alcuni esempi... Se compro un pacco di merendine al supermercato non compro solo le merendine che mangio ma anche la plastica colorata che lo avvolge, il cartone della confezione, la plastica e carta che avvolge ogni singola merendina, la sorpresa di plastica (con cui gioco cinque minuti e poi butto via). Tutti questi imballaggi diventano poi un rifiuto inquinante che ho pagato. Dobbiamo allora cercare di ridurre gli imballaggi, ad esempio comprando le merendine senza sorpresa o quelle non confezionate una a una, o ancor meglio prendendo delle paste fresche in un panificio senza alcuna confezione di plastica o imparando a farsi un dolce a casa (che probabilmente è anche più sano). Comprando della frutta in un supermercato bisognerebbe evitare quella confezionata su un vassoio di polistirolo, altamente inquinante; meglio ancora comprare direttamente dal fruttivendolo che impacchetta con un sacchetto di carta. In alcuni supermercati ci sono dei distributori di pasta, cereali, detersivo, latte o vino. Mi porto il contenitore da casa e compro solo quello che mangio senza creare rifiuti. - Spesa a chilometro zero Provate a leggere sulle confezioni dove vengono prodotte le cose che compriamo. Se in un negozio trovo un pacco di biscotti fatto a Treviso e uno simile fatto in Danimarca, quale compro? I prodotti arrivano nei negozi trasportati con dei camion, con consumo di benzina e produzione di inquinamento. Quindi comprando il prodotto fatto più vicino a casa aiuto a diminuire il traffico e causo un minor danno ambientale. L'ideale sarebbe una "spesa a chilometro zero" con la maggior parte possibile di prodotti locali. - Che acqua bere? In Italia si fa un largo consumo di acque minerali in bottiglia. In che modo viene scelta quale acqua comprare al supermercato? A parte qualcuno che legge la composizione chimica e sceglie quella adeguata a particolari esigenze di salute, la maggior parte delle persone sceglie casualmente tra quella con la pubblicità migliore o quella più economica. Ma come fare una scelta intelligente? Intanto scegliendo bottiglie di vetro anziché di plastica; è più pesante ma completamente riciclabile. Poi leggendo sull etichetta la località di imbottigliamento e scegliendo quella più vicina a casa. Ma perché si usa tanto l acqua in bottiglia anziché bere quella del rubinetto? Molti risponderanno perché non è buona. Certo quella che esce dai nostri rubinetti è sicuramente potabile, ma a volte ha un gusto peggiore; ciò è dovuto al fatto che lungo il percorso nei tubi l acqua raccoglie una piccola dose di impurità (sabbia, ruggine, metalli pesanti, calcare), oltre al cloro che viene aggiunto per depurarla che lascia un sapore sgradevole. Ma per eliminare tutte queste impurità e sapori

11 sgradevoli basta aggiungere un filtro al rubinetto di casa o comprare una caraffa con il filtro. Faccio una piccola spesa iniziale (dipende dal modello, ce ne sono diversi in circolazione e alcuni danno anche l'acqua frizzante) ma alla fine risparmio parecchi soldi. Oppure più semplicemente riempiamo una caraffa normale e la lasciamo riposare... dopo un po' il cloro evapora spontaneamente e l'acqua non ha più un cattivo sapore. In questo modo potete bere l'acqua del rubinetto di casa ed in un colpo solo evitate rifiuti, il traffico dei camion, consumo energetico e risparmiate anche parecchi soldi! Quanto appena visto sull acqua ci fa allora capire come i vari problemi sono strettamente interconnessi tra loro e come a volte bastano delle scelte anche semplici per ottenere un grande risultato. - Alimentazione sostenibile Un altro concetto importante è quello di alimentazione sostenibile. Un bella grigliata è certamente appetitosa, ma anche la produzione del cibo che mangiamo ha un impatto ambientale. Ad esempio serve dell'energia per coltivare il grano che poi diventerà un piatto di pasta, ma serve molta più energia per allevare una mucca che diventerà bistecche. Infatti mentre il raccolto di grano si fa ogni anno, una mucca va allevata per almeno 5 anni prima di essere macellata, nel frattempo respira producendo CO 2 e mangia consumando un grossa quantità di fieno/grano/cereali. Nella tabella possiamo vedere la produzione di CO 2 necessaria per produrre 100 grammi di calorie per diversi tipi di alimenti. In generale mangiare verdure, riso e mais provoca un impatto ambientale molto inferiore alla carne, solo il pollo ha un basso impatto.dobbiamo anche tener conto che il cibo usato per l'allevamento di animali potrebbe sfamare delle persone; se 7 miliardi di persone mangiassero tutte carne ogni giorno non ce ne sarebbe a sufficienza. Lo stesso se mangiassero sempre pesce. Bisogna quindi cambiare stile di alimentazione. La dieta mediterranea è abbastanza equilibrata, basta limitare il consumo di carni e pesci... e limitare gli hamburger da fast food con miglioramento anche della salute.

12 - Consumo critico e boicottaggio In una società basata sul consumismo, tutti noi abbiamo un ruolo importantissimo: quello di consumatori. E con le nostre scelte possiamo orientare il mercato. Si tratta di fare delle scelte meditate su quali prodotti comprare e su quali evitare, considerando non solo la bontà e qualità del prodotto o il suo prezzo, ma anche l eticità della azienda produttrice. Chiediamoci quindi in che modo è stato prodotto un certo bene: sono stati sfruttati dei lavoratori? hanno lavorato dei bambini? hanno rispettato l ambiente? ecc Bisogna allora studiare ed informarsi, leggendo ad esempio la Guida al consumo critico (edita dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo) o andando su specifici siti internet come "Altroconsumo", per evitare di dare soldi ad una azienda che si comporta in modo poco etico o dannoso per l'ambiente (e gli esempi purtroppo sarebbero molti). Nel caso che una grande azienda o multinazionale abbia comportamenti particolarmente gravi, nascono delle campagne di boicotaggio organizzate dalle associazioni ed enti di volontariato (su queste trovate molti libri e siti internet che ne parlano). Ad esempio contro la Nestlè vi è da anni un boicotaggio internazionale a causa delle strategie adottate dalla Nestlè nei paesi del centro Africa. La Nestlè regala agli ospedali dei paesi poveri grandi quantità di latte in polvere assieme a sovvenzioni, chiedendo però i medici a somministrare ai bambini appena nati questo latte anziché quello della madre. La conseguenza è che una volta usciti dall'ospedale i bambini non sono più in grado di bere il latte materno e i genitori devono per forza comprare il latte in polvere della Nestlè. Però in quei paesi, con problemi di povertà e igiene, questo latte viene preparato con acqua non pulita e molto allungato, causando quindi una vera e propria strage di neonati (si calcola oltre un milione all'anno). Non è facile boicottare queste multinazionali perché comprendono una grande quantità di marchi diversi e non è facile capire quali sono i prodotti nei negozi. Ad esempio vediamo alcune marchi della Nestlè: Nesquik, Orzoro, Nescafè, Beltè, Gingerino, Chinò, Sanbitter, Buitoni, Antica gelateria del Corso, Motta, Mare fresco, After Eight, Fruti joy, Kit Kat, Smarties, Perugina, Polo, Lion... (la lista è lunghissima potete leggerla in internet, su Wikipedia). Inoltre negli ultimi anni la Nestlè ha comprato quasi tutte le acque minerali presenti in Italia; e scopriamo che sono prodotti della Nestlè i seguenti marchi: Panna, San Pellegrino, Lievissima, Vera, Recoaro, Lora Recoaro,Fiuggi, Claudia, Fontelimpia, Pejo, Perrier, Limpia, Giulia, Terrier, San Bernardo, S. Antonio! - Commercio Equo e Solidale Per ultimo affrontiamo la questione del prezzo delle cose che compriamo: quanta parte va al commerciante e quanta al produttore? Vediamo l'esempio del prezzo delle banane. Se spendiamo 1 euro per comprare delle banane che vengono dal campo di un contadino della Guinea, gran parte di questi soldi vanno al commerciante (circa il 40%), al trasporto, al grossista, alla navigazione ed una quota di tasse al governo della Guinea. Al contadino arriva solo 1 centesimo ma, considerando che deve sostenere le spese di concime e antiparassitari, il suo guadagno effettivo sarà di 0,02 centesimi! Ovviamente con questi dati dei piccoli agricoltori non hanno la possibilità di accedere al mercato e tutto il commercio internazionale è in mano alle grandi multinazionali (come Dal Monte, responsabile di disastri ambientali, o Chiquita, più volte denunciata per il trattamento dei lavoratori)! Esiste però un tipo di commercio diverso con negozi equosolidali che comprano le merci direttamente da piccole cooperative dei paesi poveri pagandoli un giusto prezzo, guadagnandoci di meno ma permettendo a loro di sopravvivere. Anche al compratore costerà un po' di più... ma ormai dovreste aver capito che un mondo più giusto è un guadagno per tutti!

13 - Iniziare ad agire Gli esempi visti allora ci fanno capire che cambiare stile di vita non vuol dire rinunciare al proprio benessere ma cercare un benessere alternativo, ed essere anche più liberi da condizionamenti pubblicitari e consumistici che ci impongono una serie infinita di desideri inutili. Molte altre sono le cose che si possono e devono fare: finanzia etica, turismo sostenibile, volontariato... L'importante è informarsi ed iniziare a darsi da fare!

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici).

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). IL CAMBIAMENTO CLIMATICO \ INQUINAMENTO DELL'ARIA Ogni anno

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

= 1.000 litri + SI RISPARMIA

= 1.000 litri + SI RISPARMIA Acqua SI CONSUMA + SI RISPARMIA lavare i piatti igiene personale consumo giornaliero pro capite di acqua potabile i consumi contrassegnati con potrebbero essere sostituiti con acqua piovana altri utilizzi

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia Unità 19 Risparmiare acqua: consigli pratici CHIAVI In questa unità imparerai: a parlare dell uso responsabile dell acqua le parole relative all utilizzo dell acqua a usare verbi quali occorrere, servire,

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

L acqua. Quando tantissime molecole di acqua si fondono insieme possiamo vedere l'acqua e berla o usarla.

L acqua. Quando tantissime molecole di acqua si fondono insieme possiamo vedere l'acqua e berla o usarla. L acqua L'acqua è una sostanza molto importante, poiché forma la maggior parte dell'organismo umano. E' fatta di particelle molto piccole, gli ATOMI. Uno di questi atomi è chiamato IDROGENO (H) e l'altro

Dettagli

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia Unità 19 Risparmiare acqua: consigli pratici In questa unità imparerai: a parlare dell uso responsabile dell acqua le parole relative all utilizzo dell acqua a usare verbi quali occorrere, servire, volerci

Dettagli

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio J.H. C. Classe I B Virgilio C.G. Classe V B Virgilio Classe V A Virgilio Il suolo è uno dei beni più preziosi dell umanità. Consente la vita dei vegetali, degli animali e dell uomo sulla superficie della

Dettagli

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!!

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! Immagine elaborata con i dati forniti dal Defense Meteorological Satellite Program (DMSP) Operational Linescan System (OLS). ( NASA) ENERGIA L energia è la capacità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

Forme di energia alternative

Forme di energia alternative Forme di energia alternative L energia, bene primario della nostra società, è utilizzata costantemente durante tutto l arco della giornata, da quando ci svegliamo la mattina fino a quando andiamo a dormire

Dettagli

EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITÀ E SULL AGROECOSISTEMA BOSCHI-BRIANTI-MELEGA CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITA Molti studi affermano che i cambiamenti climatici

Dettagli

IL CICLO DEI MATERIALI

IL CICLO DEI MATERIALI 1 LA SOCIETA DEI CONSUMI La nostra società produce molti beni di consumo, perché la pubblicità ci convince che abbiamo bisogno di nuovi prodotti buttando quelli vecchi anche se perfettamente funzionanti,

Dettagli

dove finiscono i 42 % in discarica 20 % negli inceneritori utile suggerimento per la riduzione dei rifiuti

dove finiscono i 42 % in discarica 20 % negli inceneritori utile suggerimento per la riduzione dei rifiuti 60x90_IT 20/11/09 15:33 Pagina 1 1 Troppi rifiuti La produzione di rifiuti urbani è quasi raddoppiata in 30 anni ed è pari ad una media di 522 kg per abitante all anno che significa 10 kg alla settimana.

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2 trasporti il kit del risparmio trasporti L automobile è, per il singolo come per la famiglia, la seconda voce di spesa dopo l abitazione, sia per l acquisto che per i consumi energetici. Rappresenta generalmente

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

un bene prezioso da non sprecare

un bene prezioso da non sprecare ACQUA un bene prezioso da non sprecare Consumo giornaliero di acqua per abitante USA 425 l L acqua dolce è solo circa l 1% Francia 150 l dell acqua totale della terra. Italia 215 l Africa 10 20 l Un abitante

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

Quanta acqua serve per produrre un kg di carta?

Quanta acqua serve per produrre un kg di carta? Quanta acqua serve per produrre un kg di carta? a) nuova 10 litri / riciclata 0,5 litri b) nuova 100 litri / riciclata 2 litri c) nuova 350 litri / riciclata 70 litri Quasi nessun prodotto può essere fabbricato

Dettagli

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi Prospettive energetiche Oggi e Domani DA DOVE ARRIVA L ENERGIA? L energia si può ottenere

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Bisogna sapere che ogni italiano consuma in media, per le sole necessità domestiche, circa 210 litri di acqua al giorno, l equivalente di due vasche

Bisogna sapere che ogni italiano consuma in media, per le sole necessità domestiche, circa 210 litri di acqua al giorno, l equivalente di due vasche ACQUA AZIONE ACQUA Bisogna sapere che ogni italiano consuma in media, per le sole necessità domestiche, circa 210 litri di acqua al giorno, l equivalente di due vasche da bagno piene. Di questi, solo 2

Dettagli

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti che cosa è l'energia? L energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema a compiere un lavoro. Dal punto di vista strettamente termodinamico

Dettagli

L energia. Pre-ascolto. sprecare l energia è stupido perché... 1. Osservate e descrivete l immagine.

L energia. Pre-ascolto. sprecare l energia è stupido perché... 1. Osservate e descrivete l immagine. L energia L energia 08 Pre-ascolto 1. Osservate e descrivete l immagine. (campagna promossa dal WWF Italia nell ambito di Generazione Clima, luglio 2007) 2. Completate per iscritto il messaggio contenuto

Dettagli

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Riduco Riciclo Recupero Riutilizzo Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Quaderno di nato a il scuola classe sez. Cari ragazzi, questo quaderno che state leggendo, scritto e realizzato per voi

Dettagli

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili Nella fisica classica l'energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro Le

Dettagli

Batti la crisi col cervello!

Batti la crisi col cervello! Batti la crisi col cervello! 20 suggerimenti per vivere meglio consumando meno alimentazione trasporti economia domestica denaro tempo libero calcola il valore della tua AltraCard! Batti la crisi col cervello!

Dettagli

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI Come tutelare l ambiente ed accrescere lo sviluppo sostenibile attraverso i nostri comportamenti quotidiani Il manuale che state per leggere intende promuovere

Dettagli

Energia Sostenibile. Senza Aria Fritta. Stefano Argirò. Università di Torino Dipartimento di Fisica Sperimentale http://www.withouthotair.

Energia Sostenibile. Senza Aria Fritta. Stefano Argirò. Università di Torino Dipartimento di Fisica Sperimentale http://www.withouthotair. Energia Sostenibile Senza Aria Fritta Stefano Argirò Università di Torino Dipartimento di Fisica Sperimentale http://www.withouthotair.com/ Perché è importante Si afferma tutto e il contrario di tutto

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

Auto, moto, scooter, biciclette, urban mobility elettrici e ibridi, la mobilità è ad una svolta!! Ma cosa sono e come funzionano?

Auto, moto, scooter, biciclette, urban mobility elettrici e ibridi, la mobilità è ad una svolta!! Ma cosa sono e come funzionano? Auto, moto, scooter, biciclette, urban mobility elettrici e ibridi, la mobilità è ad una svolta!! Ma cosa sono e come funzionano? Vediamo di conoscerli un po meglio!! Come è costituito un mezzo elettrico

Dettagli

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA QUANTA ACQUA IN BOTTIGLIA SI CONSUMA IN ITALIA? Il consumo nazionale di acqua in bottiglia è molto elevato: nel 2007, gli italiani ne hanno acquistato 12,4 miliardi

Dettagli

REGOLE COMPORTAMENTALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

REGOLE COMPORTAMENTALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO REGOLE COMPORTAMENTALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Piccoli accorgimenti da adottare a casa ed in ufficio Risparmio energetico Il risparmio energetico è l insieme dei comportamenti, processi e interventi

Dettagli

ACQUISTIAMO PRODOTTI NO OGM: i prodotti geneticamente modificati possono provocare danni alla biodiversità

ACQUISTIAMO PRODOTTI NO OGM: i prodotti geneticamente modificati possono provocare danni alla biodiversità NELL ACQUISTO DEI PRODOTTI TTENIAMO CONTO DEL TIPO DI IMBALLAGGIO e privilegiamo quelli che non ne hanno del tutto No al monodose, no ai prodotti in vaschetta ACQUISTIAMO PRODOTTI NO OGM: i prodotti geneticamente

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Uso consapevole dell acqua nelle scuole superiori

Uso consapevole dell acqua nelle scuole superiori Uso consapevole dell acqua nelle scuole superiori LICEO ALDO MORO Reggio Emilia, 17 Novembre 2010 OBIETTIVI - VALORIZZAZIONE DELLA RISORSA: IL PROBLEMA DELL ORO BLU azioni locali e sfide globali - RISPARMIO

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Comportamenti Sostenibili

Comportamenti Sostenibili Comportamenti Sostenibili Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES COMPORTAMENTI SOSTENIBILI L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche

Dettagli

Il grido della Terra

Il grido della Terra Il grido della Terra La terra non ce la fa più a sopportare l impatto dei nostri alti livelli di consumi. Il giorno del superamento: Il 20 Agosto è l Earth Overshoot Day che segna la data in cui l umanità

Dettagli

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti sono un prodotto inevitabile della società dei consumi e del nostro stile di vita

Dettagli

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI 24 aprile 15 Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa Ci siamo incontrati con Matteo che collabora con LAST MINUTE MARKET. LAST MINUT MARKET

Dettagli

L anidride carbonica è uno dei più importanti gas presenti nell atmosfera. Benché rappresenti in percentuale solo lo 0,03 per cento ha un ruolo

L anidride carbonica è uno dei più importanti gas presenti nell atmosfera. Benché rappresenti in percentuale solo lo 0,03 per cento ha un ruolo L anidride carbonica è uno dei più importanti gas presenti nell atmosfera. Benché rappresenti in percentuale solo lo 0,03 per cento ha un ruolo chiave nella regolazione del clima della terra: lascia passare

Dettagli

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto siamo quello che mangiamo STAGIONALE E LOCALE: LA DIETA GIUSTA La tua salute dipende in gran parte dalla tua alimentazione. Mangia un po di tutto con moderazione,

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. GALILEI ISPRA. Progetto Green School Anno scolastico 2010/11

SCUOLA PRIMARIA G. GALILEI ISPRA. Progetto Green School Anno scolastico 2010/11 SCUOLA PRIMARIA G. GALILEI ISPRA Progetto Green School Anno scolastico 2010/11 UN PASSO...INDIETRO Da diversi anni collaboriamo con Legambiente aderendo alle iniziative: Puliamo il mondo e Nontiscordardimè.

Dettagli

Acqua: bene comune dell umanità

Acqua: bene comune dell umanità Acqua: bene comune dell umanità Carenza d acqua Quante persone colpisce? Nel mondo 1.680 milioni di persone non hanno accesso all acqua potabile. Con l attuale crescita dei modelli di consumo, nel 2.020

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

Happy Home Wallet. Una guida che vi aiuta a risparmiare le vostre risorse

Happy Home Wallet. Una guida che vi aiuta a risparmiare le vostre risorse Una guida che vi aiuta a risparmiare le vostre risorse 1 Introduzione... 3 Come cambiare i modelli di consumo privato?... 4 Come salvaguardare le nostre risorse: Acqua?... 6 Come salvaguardare le nostre

Dettagli

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Marilena Colussi Direttore di ricerca Food e Retail GPF Roma 4 novembre 2010 CONSUMI ALIMENTARI IN TEMPO DI CRISI 1 La difesa dell ambiente è ampiamente

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia:

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia: Energy in our life 1. Forme di energia: Energia meccanica; Energia nucleare; Energia elettrica; Energia chimica; Energia termica; 1. Consumi nel mondo; 2. Consumi in italia; 3. Consumi in Sicilia; 4. Energia

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo.

LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo. Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo. Con la compartecipazione della Provincia di Bologna, Tavolo Provinciale per la Pace.

Dettagli

Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io!

Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io! Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io! Di energia voi ragazzi ve ne intendete: ne avete così tanta! Per giocare, andare a scuola, studiare, fare i compiti, fare sport, correre, saltare. Ma

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO PRIMO L AMBIENTE Sommario: 1. Introduzione all economia ambientale. - 2. Il ruolo dell ambiente nell attività economica. - 3. Classificazioni delle risorse: non rinnovabili e rinnovabili. - 4.

Dettagli

La mia fonte d acqua pura. Pura belezza / acqua pura

La mia fonte d acqua pura. Pura belezza / acqua pura La mia fonte d acqua pura Pura belezza / acqua pura La mia fonte d acqua pura L acqua e il nostro corpo L ACQUA, ELEMENTO ESSENZIALE PER IL CORPO UMANO. Il nostro corpo è costituito per il 70 % d acqua.

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI Energie nella storia La storia del lavoro dell uomo è caratterizzata da un continuo aumento del bisogno di energia. Solo trecento anni fa l'uomo consumava un decimo dell'energia di oggi. Allora si usavano

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

L Energia: fonti e risparmio

L Energia: fonti e risparmio L Energia: fonti e risparmio Alunni: Lucantonio Arturi; Gennaro Grispo; Franco Iaquinta; Pier Maria Montalto (Classe III B, a. s. 2012 1013, Liceo Scientifico Enzo Siciliano, Bisignano, CS). Referente:

Dettagli

Progetto Green Schools

Progetto Green Schools SCUOLA DELL INFANZIA FONDAZIONE MARIA SERBELLONI TAINO Progetto Green Schools EDUCAZIONE AMBIENTALE E RISPARMIO ENERGETICO A.s. 2013-2014 1 INTRODUZIONE Il progetto greeen schools in questo anno scolastico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua L acqua è la sostanza che rende possibile la vita degli uomini, degli animali e delle piante sulla terra. Non a caso le prime forme di vita si sono sviluppate nell acqua. Anche se la terra è ricoperta

Dettagli

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Lavoro di Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Anno Scolastico 2009/2010 INDICE Presentazione Prima parte : -Gli elementi del computer (presentazione degli elementi del computer al fine

Dettagli

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI E NON RINNOVABILI La Forza Della Natura Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE G. FERRARIS DI VERCELLI. LA 3a A PRESENTA

SCUOLA ELEMENTARE G. FERRARIS DI VERCELLI. LA 3a A PRESENTA SCUOLA ELEMENTARE G. FERRARIS DI VERCELLI LA 3a A PRESENTA L ACQUA NELLE NOSTRE MANI ACQUA E CONSUMI LA LAVATRICE CONSUMA 40 LITRI PER OGNI LAVAGGIO CIRCA 26 BOTTIGLIE DI ACQUA MINERALE DA 1,5 LITRI RICORDIAMOLO

Dettagli

Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge.

Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge. Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge. I ragazzi delle scuole medie, i loro genitori e professori: insieme per pulire il futuro Che progetti hai per il tuo futuro? Il

Dettagli

Esistono vari tipi di inquinamento:

Esistono vari tipi di inquinamento: L inquinamento L inquinamento è un alterazione delle caratteristiche ambientali. Queste variazioni possono essere provocate da fenomeni naturali e da fenomeni dovuti all azione dell uomo, in particolar

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

SCATTI INQUINATI INQUINAMENTO DEL SUOLO IN CITTA

SCATTI INQUINATI INQUINAMENTO DEL SUOLO IN CITTA SCATTI INQUINATI In questo periodo a scuola ci siamo occupati dell inquinamento del suolo, dell acqua e dell aria, abbiamo pensato di fotografare, con l aiuto dei genitori, esempi di inquinamento che abbiamo

Dettagli

STILI DI VITA COSA SONO?

STILI DI VITA COSA SONO? STILI DI VITA COSA SONO? PICCOLE AZIONI PER GRANDI CAMBIAMENTI guardare le cose da un altro punto di vista incentivare una economia pensare a cosa solidale ci rende veramente felici rispettare l ambiente

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente Cristiana Viti CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente ENERGIA ED AMBIENTE PROBLEMA ENERGETICO è STRETTAMENTE CORRELATO ALLA TUTELA DELL AMBIENTE perché per produrre energia consumiamo

Dettagli

Noi ci crediamo. Scopri con noi come riciclare i tuoi rifiuti elettronici. Campagna di informazione ReMedia e Legambiente. Con la partecipazione di:

Noi ci crediamo. Scopri con noi come riciclare i tuoi rifiuti elettronici. Campagna di informazione ReMedia e Legambiente. Con la partecipazione di: Campagna di informazione ReMedia e Legambiente Noi ci crediamo. Con la partecipazione di: Scopri con noi come riciclare i tuoi rifiuti elettronici. In collaborazione con: DIAMO VALORE AI RIFIUTI TECNOLOGICI

Dettagli

Acido citrico: come usarlo e perche' preferirlo all'aceto nelle p...

Acido citrico: come usarlo e perche' preferirlo all'aceto nelle p... greenme.it Acido citrico: come usarlo e perche' preferirlo all'aceto nelle pulizie Marta Albè L'acido citrico è un ingrediente multiuso per le pulizie ecologiche. Vi servirà come ammorbidente e disincrostante

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

COME SI SONO PRODOTTE? Tutte le fonti di energia rinnovabili ed esauribili, oggi a nostra disposizione si sono generate dal sole.

COME SI SONO PRODOTTE? Tutte le fonti di energia rinnovabili ed esauribili, oggi a nostra disposizione si sono generate dal sole. LE FONTI DI ENERGIA COSA SONO? Le fonti di energia sono sostanze in cui all origine è immagazzinata l energia che gli uomini utilizzano. Le fonti di energia più importanti sono quelle che sono in grado

Dettagli

Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola secondaria di primo grado RIFIUTI, NO GRAZIE! LE SCUOLE DI MANTOVA CONTRO LO SPRECO

Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola secondaria di primo grado RIFIUTI, NO GRAZIE! LE SCUOLE DI MANTOVA CONTRO LO SPRECO Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola secondaria di primo grado RIFIUTI, NO GRAZIE! LE SCUOLE DI MANTOVA CONTRO LO SPRECO La natura non spreca l uomo sì! s Sì!!! Primo comandamento :

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

ETICA E SPRECO ALIMENTARE I GRANDI PARADOSSI DEL SISTEMA ALIMENTARE MONDIALE

ETICA E SPRECO ALIMENTARE I GRANDI PARADOSSI DEL SISTEMA ALIMENTARE MONDIALE ETICA E SPRECO ALIMENTARE I GRANDI PARADOSSI DEL SISTEMA ALIMENTARE MONDIALE 2 ETICA E SPRECO ALIMENTARE - indice Etica e sostenibilità 3 grandi paradossi del sistema alimentare mondiale Spreco alimentare,

Dettagli

L Amministrazione comunale

L Amministrazione comunale L Amministrazione comunale ha adottato, negli anni decorsi, una pluralità di iniziative di tutela ambientale da realizzare nel territorio del Comune di Castelgrande, iniziative che si muovono lungo il

Dettagli

- - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - -

- - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - - - - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - - Nel periodo compreso tra i mesi di novembre e gennaio di ogni anno vengono ormai sempre più gioiosamente installate nelle nostre case decorazioni luminose natalizie

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

www.wutel.net - Solar Energy Way -

www.wutel.net - Solar Energy Way - www.wutel.net - Solar Energy Way - Gruppo di volontariato per le energie rinnovabili e l ambiente - Piccoli consumi elettrici = grandi richieste energetiche - http://www.wutel.net/sew Generalmente i "piccoli"

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli