TFA Uso di software didattico Commento dei partecipanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TFA Uso di software didattico Commento dei partecipanti"

Transcript

1 TFA Uso di software didattico Commento dei partecipanti Terzo incontro Argomenti svolti. Seconda parte (programmi di geometria dinamica 2D) Schede 1-7 Claudia Belnero. Durante la prima parte della lezione odierna abbiamo discusso i commenti relativi alla seconda lezione e la soluzione della verifica sull ellisse. Dai commenti relativi alla seconda lezione è emerso che le lezioni in classe devono essere più graduali ed è spiccata l utilità del commento come strumento di riscontro per il professore su come la lezione è stata percepita dallo studente ed oggi, a differenza degli altri giorni ne ho capito le vere potenzialità. Chiedere un commento agli studenti, anche di scuola superiore, è un modo, non solo, per capire quello che loro hanno appreso ma è un modo per migliorare la lezione successiva cercando di non commettere gli stessi errori in futuro. Inoltre bisogna sempre ricordarsi che quando insegniamo qualcosa di nuovo agli studenti per loro è la prima volta che vedono quell argomento. Mentre, per quanto riguarda la soluzione sull ellisse è stato messo in evidenza che il problema principale era che il modo in cui l esercizio era stato formulato era forviante. Quando diamo gli esercizi agli studenti dobbiamo essere precisi sulle richieste. Il problema in questione chiedeva L ellisse che approssimava la curva, come ad intendere che ce ne fosse solo una, quando sappiamo che non esiste un unica approssimazione, ma ce ne sono infinite. Se volessimo proporre un esercizio simile in classe senza creare disguidi, dovremmo chiedere UN ellisse che approssima. Quindi è stato fatto vedere come con un altro software (questa volta di geometria dinamica) la soluzione sarebbe stata più evidente. Inoltre con CABRI ci saremmo subito resi conto che per scrivere una conica ci vogliono almeno 5 punti che noi non avevamo e che dire disegnare l ellisse noti 4 punti non è sufficiente ma bisogna anche aggiungere che la nostra ellisse deve avere come assi gli assi cartesiani (che non è una condizione insignificante). Dopo questa discussione sono stati presentati i comandi principali di CABRI e abbiamo iniziato a utilizzarlo come se avesse come strumenti solo riga e compasso e abbiamo fatto qualche costruzione. È stato un esercizio molto edificante in quanto con istruzioni molto più semplici di quelle date a DERIVE siamo riusciti a fare cose molto più sofisticate e lo stesso esercizio proposto la settimana scorsa, di tracciare la circonferenza circoscritta ad un triangolo, è stato risolto in pochi minuti. Questo strumento didattico è molto interessante perché permette di proporre la geometria sintetica in modo più coinvolgente per gli studenti, in quanto li trasforma in piccoli ricercatori, perché tramite CABRI loro vedono qualcosa (teorema) che poi noi chiediamo di dimostrare. Anna Rita Cocciolo. Nella lezione di ieri siamo passati dall uso di Derive a quello di Cabri 2, usando come ponte la costruzione dell Ellisse del Bernini. Abbiamo visto che tale costruzione è molto più semplice da fare con Cabri. Infatti, mentre con Derive, la costruzione delle Macro è più lunga e richiede la conoscenza delle equazioni cartesiane e/o parametriche delle curve disegnate, con Cabri l abbiamo disegnata usando i più semplici e classici strumenti della geometria sintetica: la riga ed il compasso Per questo motivo, Cabri potrebbe essere usato anche nelle scuole medie inferiori. Un altra differenza è che, mentre con Derive, una volta dati i comandi, è il computer a disegnare, con Cabri, il disegno lo deve fare lo studente, così come farebbe con carta e penna, di conseguenza, è molto più coinvolto. Il vantaggio dell uso di tale software è che il disegno è molto più preciso di un disegno fatto a mano; inoltre si ha la possibilità di trascinarlo sullo schermo in

2 modo da poter osservare che certe proprietà, intrinseche nell oggetto che stiamo disegnando, si mantengono in qualsiasi posizione lo si sposti, lo si ingrandisca o lo si rimpicciolisca. Il rischio che si corre è che lo studente pensi che, avendo tale strumento, non ci sia più bisogno delle dimostrazioni. Può capitare che la verità di un teorema appaia così ovvia da indurre lo studente a pensare che la dimostrazione sia inutile E allora, come al solito, è compito dell insegnante convincere lo studente che considerazioni fatte solamente osservando la figura, potrebbero essere fuorvianti. Solo una dimostrazione rigorosa ci può fare arrivare a dire se una proprietà è vera o meno. Il disegno fatto con Cabri è semmai utile alla dimostrazione stessa, in quanto una figura fatta bene, può far arrivare più velocemente alla soluzione Abbiamo anche intrapreso una discussione sul perché la Geometria risulti ostica alla maggior parte degli studenti. Siamo stati tutti più o meno concordi nel dire che le difficoltà stanno nell incapacità a sviluppare un ragionamento deduttivo e che su questo, un bravo docente dovrebbe lavorare. Nicolino Esposito. Nella lezione odierna abbiamo visto i primi rudimenti di Cabri software di geometria dinamica. Dopo aver discusso la soluzione del problema sull ovale di Piazza San Pietro, abbiamo visto come affrontare un percorso didattico e come primo esempio abbiamo visto le costruzioni di enti geometrici con riga e compasso. Poi abbiamo visto come disegnare e definire le Macro come Circonferenza Circoscritta che è risultata di gran lunga più semplice di quanto affrontato con Derive. Importante a mio avviso la spiegazione sui punti base ed il test di trascinamento per verificare, mano mano che costruiamo un qualunque ente, se ciò che stiamo facendo sia corretto o meno. Ritengo corretto aver parlato dei commenti della scorsa lezione, nonché i suggerimenti su come comportarsi in aula. Silvia Fantasia. Nella prima parte di questa lezione abbiamo discusso sui commenti relativi alle 2 lezioni precedenti e ai problemi che ciascuno di noi ha avuto. Abbiamo inoltre commentato la scheda 11 dell ellisse eseguita con Derive e l abbiamo svolta anche con Cabri. E risultata di notevole semplicità con tale programma semplicemente utilizzando lo strumento Conica (conica passante per 5 punti). Riguardo la migliore approssimazione ci siamo resi conti che il problema era fuorviante, e l articolo determinativo non era corretto una ellisse e non l ellisse. Ci siamo resi conto che bisogna stabilire cosa significa migliore approssimazione e che il tutto è soggettivo. Cabri invece risulta più divertente e dinamico. Abbiamo disegnato solo con riga e compasso segmenti, punti medi, retta perpendicolare ad una retta data, circonferenza circoscritta ad un triangolo (stesso es. svolto con Derive).e abbiamo creato rapidamente delle macro (cosa che Euclide aveva già concepito). Ritengo che per i ragazzi del liceo forse può essere più appassionante l utilizzo di Cabri semplicemente perché lo studente diventa un ricercatore, può fare delle congetture e dimostrarle. La geometria così può diventare più agevole e meno pesante, come attualmente è percepita dagli studenti. Stefano Farina. L insegnante deve tener conto dello stato dello studente, e regolarsi di conseguenza per quanto riguarda il lavoro e lo studio che gli richiede, nonché il suo criterio di valutazione; la lezione e la discussione di questo giorno è stata istruttiva da questo punto di vista. Per quanto riguarda in special modo il problema che ci era richiesto, trovare l ellisse che meglio approssima la curva del Bernini, credo sia un ottimo criterio quello di fare domande a trabocchetto, chiedendo cose che non hanno un senso preciso, in modo da indurre lo studente a riflettere: questo dovrebbe favorire l acquisizione di una certa padronanza della materia da parte sua. Sarei però un po restio a usare un simile metodo in sede di esame (che richiede valutazione). Per esempio, io mi ero accorto che l ellisse che meglio approssima è un espressione ambigua, e

3 che (come ho anche scritto) ci possono essere diversi criteri; ma, non avendo colto l importanza che lei attribuiva a questa presa di coscienza, mi sono fermato abbastanza poco sulle ellissi che potevano fornire altre approssimazioni, oltre a quella che ho scelto; mi sono limitato a enunciare, a parole, diverse di queste possibilità, spiegando in modo molto sintetico il motivo per cui non mi soddisfacevano (mancanza di simmetria, eccentricità ecc.), e, come unico esempio alternativo, ne ho tracciata una che, passando per 4 punti diversi da quelli da me scelti (i vertici dell ellisse), risultava molto chiaramente una pessima approssimazione (a confermare così la bontà della mia scelta, e al tempo stesso il fatto che essa non era scontata); se però avessi colto meglio ciò che per lei se ho ben capito aveva più importanza, avrei forse fatto più esempi di ellissi che, con criteri diversi da quello che ho scelto io, potevano comunque considerarsi delle buone approssimazioni. Concludendo, penso che domande a trabocchetto possano andar bene nel corso di una lezione, o anche di una interrogazione, in cui comunque, se lo studente non coglie quello che deve cogliere, c è sempre modo di farglielo capire in itinere; ma in un esame che deve eseguire da solo (vuoi in classe o vuoi a casa), sarebbe meglio, credo, dare almeno qualche piccolo indizio, per fargli capire, non qualcosa che dovrebbe capire da solo (come il fatto che non c è in modo automatico la miglior ellisse approssimante ), ma piuttosto, cosa deve sottolineare maggiormente nel suo lavoro: questo fatto può senz altro determinare delle notevoli differenze nello svolgimento dell esercizio (differenze non necessariamente dovute a una mancanza di comprensione dello studente). Altro breve appunto. Quando si tratta di procedure formali, nulla è scontato: ad esempio, il fatto che Derive mantenga la memoria delle variabili che si sono definite, anche in file diversi, fino a quando il programma intero non venga chiuso, ecc., non lo era affatto! Gli errori che possono venir fuori da una non conoscenza di questo genere di cose possono far perdere molto tempo, proprio perché uno può non riuscire a capire dove sia il problema (e ho il forte sospetto che sia proprio questo che, due lezioni fa, mi ha inchiodato al computer per un bel po ). Infine, brevemente, voglio rilevare le possibilità didattiche offerte da un software come Cabri: la geometria dinamica consente di visualizzare facilmente, in modo immediato, una molteplicità di esempi di teoremi (come quelli sugli angoli che sottendono archi di cerchio assegnati), senza beninteso poter sostituire la loro dimostrazione, o viceversa, permette di rendersi conto, in modo altrettanto rapido, dalla falsità di una congettura. Desiré Franchin. La terza lezione, in cui abbiamo iniziato a lavorare con Cabri, è stata geometricamente molto utile, anche più di Derive. Infatti ha un' impostazione concettuale diametralmente opposta, parte dai grafici e (forse vedremo se) arriverà alle equazioni, mentre Derive partiva dalla definizione algebrica per ottenere la rappresentazione geometrica, richiedendo in tal modo una pregressa dimestichezza con i programmi orientati ai linguaggi di programmazione. E' da considerare, a tal proposito, che operazioni come definire una macro o usarla dandogli dei valori in input, non sono ne' naturali ne' comuni al percorso scolastico di ogni alunno, risultando così adatti a scuole dove si studia programmazione ( quanto meno ad oggetti). Forse per questo Cabri è sempre più usato nei licei, e risulta essere molto intuitivo grazie anche all' interfaccia grafica. Come già detto in precedenza, ai ragazzi delle scuole superiori resta impresso tutto ciò che ha una rappresentazione grafica; se aggiungiamo poi la possibilità di ' toccare con mouse' il verificarsi di certi teoremi o situazioni matematiche abbiamo trovato uno strumento alternativo all' uso della lavagna che, se usato a piccole dosi, potrebbe destare quell' attenzione che spesso porta all' apprendimento facile e veloce. Basti pensare ad esempio all' applicazione del teorema di Euclide tramite proporzioni sui triangoli simili piuttosto che all' enunciato standard: il 90% degli alunni lo ricorda da un anno all' altro, e se ha funzionato su mio nipote allora funziona su tutti.

4 Ciò che invece vedo ancora lontano è l' uso delle macro, ritengo che debba restare uno strumento ad esclusivo uso dell' insegnante per molti mesi prima di introdurlo nelle lezioni in classe, facilita il lavoro dell' insegnante e gli permette di guadagnare tempo a lezione. Bella l'impronta delle lezioni sull' uso di riga e compasso, sto rifacendo tutte le costruzioni imparate in prima media ma con un punto di vista superiore, non avrei mai pensato che sarebbero tornate... Silvia Marconi. In questo secondo incontro ho finalmente fatto la conoscenza anche del programma Cabri. Questo programma di geometria dinamica permette di vedere in tempo reale come evolve una figura geometrica spostando punti o oggetti di riferimento che sono serviti a costruirla. Questo può risultare utile per far svincolare lo studente dalle figure fisse che disegna sul foglio o che vede sui libri e per convincerlo dell applicabilità dei teoremi in tutti i casi in cui è applicabile, di cui quello che vede è un caso particolare. Ad esempio, potendo vedere la misura degli angoli, che pure varia in tempo reale modificando la figura, può toccare con mano che tutti i triangoli inscritti in una semicirconferenza sono rettangoli, anche nei casi in cui sembrerebbe meno evidente. Spesso gli studenti infatti tendono a vedere la geometria come una cosa statica, perché così sono abituati a vederla, e non hanno la capacità di immaginare le figure da altri punti di vista e non sono in grado di prevedere come si modificherebbe una figura se se ne spostasse un punto o se se ne variasse una lunghezza. L esempio tipico è il triangolo rettangolo: per chi è stato abituato a vederlo sempre con i cateti lungo i quadretti del quaderno o della lavagna, poi fa fatica a vedere un triangolo rettangolo quando è l ipotenusa ad essere disegnata lungo i quadretti. Le difficoltà maggiori si incontrano poi nei problemi sulle figure geometriche, spesso fatti nell ultimo anno delle scuole superiori, quando si è già affrontato lo studio della goniometria e delle funzioni, in cui si chiede ad esempio di massimizzare o minimizzare una quantità che può essere un area o una lunghezza, al variare della figura a seguito dello spostamento di un punto o della variazione di una lunghezza o di un angolo Gli studenti spesso non hanno idea di come si modifica la figura. Di conseguenza spesso non sanno neanche dove mettere l incognita (se a un angolo o a una lunghezza ). Ho notato che ormai nei libri delle scuole superiori, nei problemi di questo genere c è sempre il suggerimento di dove mettere l incognita. Questo sicuramente non stimola lo studente a ragionare sulla figura: lo studente la maggior parte delle volte comincia ad applicare tutti i teoremi che sa e che coinvolgono quell incognita messa lì dal suggerimento nella speranza che tra le varie formule trovino quello che gli serve, senza farsi un progetto di cosa gli serve di trovare per raggiungere lo scopo. Veder variare le figure con un programma di geometria dinamica forse può abituarli ad avere una visione non statica della geometria, anche se gli studenti andrebbero sempre incoraggiati a pensare prima a cosa aspettarsi e verificarlo poi con il programma. L uso del programma è abbastanza intuitivo e questo incoraggia lo studente che abbia preso sufficiente manualità a fare diverse prove e a ragionare sulle figure, cosa che invece non farebbe se quello che ha in mente di fare gli risultasse difficile da realizzare. Luca Piselli. Nel terzo incontro abbiamo abbandonato Derive per passare a Cabri Géomètre II Plus. Tutta la parte di guardante derivate e integrali possiamo intuitivamente scoprirla e imparare ad usarla da soli. Nel farlo abbiamo collegato i due universi attraverso il problema riguardante piazza san Pietro. Finalmente abbiamo anche passato 40 minuti circa parlando effettivamente di COME insegnare e non COSA insegnare. Seguendo questo corso l insegnamento è costantemente incentrato in questo: capire COME insegnare e capire gli eventuali problemi che potremmo incontrare. Nel particolare abbiamo affrontato i pro e i contro di usare un programma di geometria dinamica con studenti di scuole superiori. Tra i contro, c è che i ragazzi potrebbero usare questo programma

5 al fine di faticare di meno, quindi di meno imparare. Ogni strumento può però essere utilizzato nel modo peggiore. Cabri Géomètre II Plus ci consente invece di disegnare con molta facilità, di fare in modo che siano gli studenti stessi a proporre congetture poi da dimostrare rigorosamente. Però così facendo gli studenti lavorano come dei veri matematici o dei ricercatori: fanno esperimenti, congetture e dimostrazioni. Inoltre con Cabri Géomètre II Plus (come analogamente con GeoGebra) possiamo anche immaginare un percorso che veda gli studenti, con l ausilio delle macro, fare passi avanti proprio come fece Euclide: con riga e compasso. Quest ultimo è uno degli aspetti che mi affascinano maggiormente dei programmi di geometria dinamica. La geometria è l arte di capire cosa succede da figure sbagliate ma dobbiamo anche dire che una figura BEN fatta aiuta!, anche per far congetture. Tiziana Raparelli. Sono stata presente solo durante la discussione dei nostri commenti relativi alla lezione precedente, dai quali abbiamo riscontrato che in molti avevamo avuto parecchie difficoltà nel realizzare l esercizio con le macro; difficoltà dovute all essere andati troppo velocemente, e al fatto che ci era stata chiesta la risoluzione di un problema senza prima averci fornito tutto il materiale previsto. I problemi riscontrati sono serviti da punto di partenza per fare delle considerazioni didattiche, relative ad alcuni errori, possibilmente da evitare, quali la mole eccessiva di lavoro da assegnare a casa, o la richiesta di un compito troppo difficile. Abbiamo inoltre evidenziato l importanza di essere chiari al momento della stipula del cosiddetto contratto didattico. Ci sono stati alcuni spunti di riflessione interessanti ma, non nego che, essendo il ritmo delle lezioni così serrato, preferirei dedicare il tempo a disposizione all esercizio dell utilizzo dei software. Propongo infine per le prossime volte di discutere i commenti alla fine della lezione, momento in cui siamo più stanchi. Daniele Ribatti. La lezione di oggi è stata la prima volta che mi interfacciavo con il programma CABRI, in effetti, con un programma di geometria dinamica. Il programma mi è sembrato immediatamente essere molto intuivo, e la possibilità di poter alterare le costruzioni geometriche con un semplice movimento del mouse è davvero grandiosa. Quello che ho pensato dal primo utilizzo di CABRI è stato finalmente libero dal sistema di riferimento cartesiano, e questo lo abbiamo visto con la costruzione della circonferenza dati tre punti: semplice, pulita e breve; l esatto opposto di quello che abbiamo visto con DERIVE, dove abbiamo dovuto risolvere sistemi ed equazioni per ottenere la formula del centro e del raggio. Trovo che CABRI sia molto spendibile in classe, sia in laboratorio, ma anche in classe tramite l uso di un proiettore, a completamento della spiegazione dove è possibile mostrare agli studenti come variando la struttura un teorema, una proprietà restano invariate. Francesca Salvi. Abbiamo iniziato questa lezione soffermandoci su alcune osservazioni emerse nei commenti da noi inviati al professore sulla lezione precedente. In particolare il professore ci ha parlato di alcune possibilità di Derive, ad esempio quella di richiamare ogni volta macro precedentemente create, senza doverle sempre riscrivere. Mi piacerebbe imparare il comando che permette di far ciò. Il professore ha poi richiamato la nostra attenzione sull importanza che, ogni volta che si assegnano dei compiti, lo studente abbia capito cosa precisamente deve fare e che priorità di consegna hanno i vari esercizi assegnati. Legato a questo c è un altra questione fondamentale: la scelta della modalità di valutazione degli studenti in laboratorio. Sono state proposte varie possibilità, e di ognuna è stato presentato almeno un pro ed un contro. Siamo dunque passati ad analizzare il problema assegnatoci per casa la volta scorsa sulla curva di Bernini. Questo esercizio ci è servito per cominciare ad usare il programma successivo: Cabri 2

6 plus. Il professore ha disegnato la curva, e così facendo ci ha introdotti all uso del nuovo programma. Abbiamo poi discusso l esercizio. In particolare abbiamo discusso su una domanda mal posta nel testo di tale esercizio: trovare l ellisse che meglio approssima la curva di Bernini disegnata. Non è stata data la nozione di meglio approssima, e così è nata l ambiguità. Personalmente ho pensato che dato che non era stata data una tale precisazione, per l eventuale professore anziché creare panico in una classe di ragazzi dei primi anni di superiori, una possibilità poteva essere prendere in mano la situazione decidendo a priori cosa intendere con tali termini, e quindi portare avanti l esercizio, ad esempio scegliendo che per meglio approssima si intende l ellisse con gli stessi assi della curva di Bernini. Sarebbe stato poi interessante vedere se a qualche alunno fosse sorta una domanda al riguardo, e quindi discuterne. Dalla discussione che abbiamo avuto noi in classe ieri, mi sono comunque accorta di una mia approssimazione, in quanto nello svolgere su Derive questo esercizio, sarebbe stato meglio esplicitare questo ragionamento. Mi sono dunque accorta sulla pelle dell importanza delle osservazioni che prima il professore ha fatto (vedi qui 3 paragrafo). Nel resto della lezione il professore ci ha consegnato 6 schede, per iniziare a imparare a lavorare con Cabri, cominciando con il disegnare figure come seguendo passo passo Euclide, e quindi provando a disegnare con questo programma figure geometriche come si stesse usando solo riga e compasso. Una volta imparato come si fanno alcune di queste figure, ci ha poi insegnato a creare delle piccole macro che salvassero i procedimenti appena svolti. Personalmente non avevo mai visto effettivamente Cabri, ne avevo solo sentito parlare, e mi ha un po impressionato vedere tutto ciò che in poco tempo siamo riusciti a fare con dei semplici clic. Mi è sembrato più intuitivo di Derive e più immediato, in quanto appunto con quest ultimo i comandi andavano da noi scritti, mentre con Cabri, almeno ieri, li abbiamo semplicemente cliccati. Trovo belle entrambe le possibilità, ma trovo comunque importante saper ripercorrere un processo, e saperlo indicare ad un terzo, non semplicemente con dei clic (un po come i sempre più nuovi programmi stile office ). Maria Francesca Sarullo. ASSENTE Elena Zaffaroni. All inizio della lezione si è brevemente discusso dell utilizzo dei sw al posto della matematica tradizionale, che nel futuro molte delle funzioni utilizzate in Analisi (derivate e integrali) verranno informatizzate e delle conseguenze di ciò. A questo proposito ho un esperienza diretta. Ho insegnato per due anni in una scuola americana. A ciascun studente era richiesto di possedere la propria TI-83, una calcolatrice programmabile. Con questa si possono fare cose molto interessanti ma ho trovato anche ragazzi che a 16 anni non sapevano risolvere un equazione (di primo o secondo grado), perché tanto era stata programmata nella calcolatrice! Nella lezione di oggi siamo stati introdotti al sw Cabrì. La reazione più immediata può essere: finalmente: fare matematica senza scrivere una formula! Sembra semplificare la vita e creare lezioni più stimolanti. Il rischio poi è che gli studenti predano quello che si fa nell ora di laboratorio più come un semplice divertimento che come un strumento di lavoro, se pur divertente. Per questo motivo, se dovessi utilizzare questo sw o simili, seguirei l approccio presentato a lezione in cui si parte dal creare gli oggetti di base che si possono costruire con sola riga e compasso (e via via si arriva a creare oggetti più complessi) invece che utilizzare fin da subito i comandi equivalenti della casella Strumenti. Così facendo, infatti, si percepisce che si sta effettivamente facendo geometria, anzi ci si rende conto di quanto la conoscenza della geometria sia fondamentale per un utilizzo ottimale di questo strumento e per sfruttarne a pieno le potenzialità. Ho apprezzato i collegamenti tra gli Elementi di Euclide e le macro che abbiamo creato. Sarebbe interessante fare osservare anche nelle scuole un collegamento tra come facciamo matematica oggi e come veniva fatta più di venti secoli fa, che gli antichi sapevano risolvere senza calcolatore molti

7 dei problemi per i quali oggi ci rivolgiamo alla tecnologia. Reputo che sia importante dare una dimensione storica a questa disciplina. Il tempo oggi è passato più velocemente del solito: forse perché il sw era intuitivo, o perché la lezione ha preso un ritmo più adatto a noi.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

ESPLORAZIONI MATEMATICHE CON GEOGEBRA

ESPLORAZIONI MATEMATICHE CON GEOGEBRA Piano Lauree Scientifiche Piemonte 2013, in collaborazione con il GeoGebra Institute of Torino e il Dipartimento di Matematica dell Università di Torino Pierangela Accomazzo, Silvia Beltramino, Ada Sargenti

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli I tasti utilizzati con Cabri Jr. [Y=] [WINDOW] [ZOOM] [TRACE] [GRAPH] [2ND] [DEL] [CLEAR] [ALPHA] [ENTER] Apre il menu File (F1).

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai chiesti, Qual è la via più breve tra tre punti? o tra quattro punti?

Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai chiesti, Qual è la via più breve tra tre punti? o tra quattro punti? Dov'è Moriart? Cerchiamo la via più breve con Mathcad Potete determinare la distanza più breve da tre punti e trovare Moriart? Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Corso di Storia ed epistemologia della matematica Prof. Lucio Benaglia Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Specializzando: Stefano Adriani Matricola 56152 Relatore: prof. Lucio Benaglia Anno

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI FIGUE GEOMETICHE SIMILI Nel linguaggio comune si dice che due oggetti sono simili quando si «assomigliano». Così si dicono simili due cani della stessa razza, i fiori della stessa pianta, gli abiti dello

Dettagli

Scuole di ogni ordine e grado

Scuole di ogni ordine e grado Scuole di ogni ordine e grado PERCHÉ LA SCUOLA MERITA IL MEGLIO Le sue prestazioni di calcolo e la ricchezza delle sue funzionalità, lo eleggono il miglior software per la gestione dell orario nelle scuole

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen Programmare con LOGO 1 Istruzioni di base Un istruzione è un comando che il computer è in grado di capire e di

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli