L'attrattiva del tempo moderno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'attrattiva del tempo moderno"

Transcript

1 I NOTIZIE DALLA MARIAPOLI PERMANENTE REDAZIONE: LOPPIANO INCISA VA SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE GRUPPO IV (70%) L'attrattiva del tempo moderno E CCO la grande attrattiva del tempo moderno: penetrare nella più alta contemplazione e rimanere mescolati fra tutti, uomo accanto a uomo. Vorrei dire di più: perdersi nella folla, per informarla del divino, come s'inzuppa un frusto di pane nel vino. Vorrei dire di più: fatti partecipi dei disegni di Dio sull'umanità, segnare sulla folla ricami di luce e, nel contempo, dividere col prossimo l'onta, la fame, le percosse, le brevi gioie. Perchè l'attrattiva gel nostro, come di tutti i tempi, è ciò che di più umano e di più divino SI possa pensare, Gesù e Maria: il Verbo di Dio, figlio d'un falegname; la Sede della Sapienza, madre di casa. Chiara Lubich

2 ---_.. nella città «F u in quei giorni che, aprendo il Vangelo e leggendo il brano della perla preziosa, per la quale il ricco commerciante vende tutto quello che possiede, esso ci si svelò nella sua profondità. Valeva la pena perciò vendere tutto, vendere l'intellettualismo, il criticismo, i beni di questa terra, una carriera... Tutto valeva la pena di vendere, pur di comperare questa perla preziosa che avevamo trovato: Cristo vivente in una comunità di persone». Così si esprime don Pasquale Foresi, il primo focolari no sacerdote, ricordando i giorni in cui venne in contatto con quel gruppetto di giovani che, a Trento, sulle orme di Chiara e delle sue com- editoriale Dare tutto "O tutto o niente" sembra, spesso, essere il motto dei giovani, di tutti i giovani in generale. Un motto che in molti casi ha portato a scelte difficili, a volte tragiche, ma che è anche stato alla base di atti eroici, di vite spese interamente, senza mezze misure, al servizio degli altri. Forse è proprio la sete di totalitarietà quel qualcosa che i giovani riconoscono d'avere in comune e che li rende disponibili a qualsiasi esperienza, anche a quelle che appaiono maggiormente gravide di conseguenze serie, coinvolgenti tutta la loro esistenza. L'idea di dare tutto affascina anche molti dei giovani che vivono qui a Loppiano. Sono i "focolarini" che, di fronte alle proposte più ardite di Gesù, come quel "Vieni e seguimi" che ha sconvolto il giovane ricco, rispondono: «Sì, o tutto o niente;>. Anche loro vengono qui a Loppiano per vivere in una originale scuola, una scuola di vita che si propone una meta ardua: formare uomini e donne che sappiano essere nel mondo strumenti di unità, distributori di gioia. Questo numero del nostro notiziario, dopo quelli che ci hanno fatto conoscere le scuole dei gen, dei sacerdoti e delle famiglie, lo dedichiamo interamente a loro. 2 "Ho trovato la perla preziosa" i focolarini si presentano pagne, avevano voluto formare il primo "focolare" maschile del mondo. È l'esperienza, oggi, di centinaia di giovani, ragazze e ragazzi, che desiderano vivere lo stile di vita che Gesù propone. E arrivano a decine e decine ogni anno, qui a Loppiano, dopo aver fatto un passo decisivo, quello di lasciare la famiglia, la patria, il lavoro, spinti dall'esigenza di vivere alla lettera, tra le altre, anche quella frase di Gesù che dice: "Chi non lascia padre, madre, campi... non è degno di me». È difficile, quasi impossibile, per tanti, tradurre in parole i connotati di quella spinta, di quell'esigenza. Qualcuno, guardando indietro, non può far altro che ricondurre tutto al desiderio prepotente di rispondere, nel modo più adeguato possibile, all'amore di Dio, un amore così personale, così profondo, da trasformare tutto ciò che tocca. È il caso di Gabriella, argentina, e di Martin, un giovane svizzero. "Conoscevo da poco il Movimento gen, l'espressione giovanile del Movimento dei Focolari - è Gabriella che parla - quando sentii parlare della cittadella di O'Higgins, una piccola Loppiano a pochi chiloll)etri da Buenos Aires. Desideravo fare un'esperienza di unità profonda, ventiquattro ore su ventiquattro. Per questo decisi di andare a vivere lì per un periodo. Proprio in quell'arco di tempo, però, la situazione a casa mia diventava pro- Trento, piazza Cappuccini. AI numero 2 il piccolo appartamento del primo focolare femminile. Gabriella, argentina blematica: mio fratello, per frequentare l'università, era costretto a trasferirsi in un'altra città; così mia madre, vedova da alcuni anni, sarebbe rimasta sola col nonno ormai tanto anziano. Contemporaneamente, dentro di me, andava maturando un'esigenza. Vivendo ad O'Higgins, con altre gen, mentre approfondivo la spiritualità dell'unità, sentivo crescere il mio rapporto con Dio, dal quale ogni giorno di più mi sentivo amata. Era soprattutto sconvolgente la scoperta dell'immenso amore di quel Dio che, inchiodato su una croce, si sente abbandonato da tutti, perfino dal Padre suo, lo stesso Padre che

3 .. gli aveva chiesto di affrontare quei tremendi supplizi. Quel Dio aveva gridato il suo dolore per me, aveva sofferto e pianto per me. Di più non poteva darmi. E io, che l'avevo incontrato, come avrei potuto rispondere al suo amore, se non dandogli anch'io il mio tutto? Era come se Lui mi dicesse: "Vuoi darmi tutto? Seguimi, spendi la tua vita, a tempo pieno, per costruire l'unità là dove non c'è". Gli dissi il mio sì. Poi il lasciare 'padre, madre, campi...' vènne di conseguenza, una conseguenza che in tanti momenti ha fatto sentire il suo doloroso peso da entrambe le parti, ma che non è mai stata motivo di tentennamenti di fronte a quella esigenza totalitaria che Dio stesso - e questo era chiaro sia per me che per mia madre - mi aveva messo dentro». «Ero un bravo ragazzo - dice Martin - un cristiano praticante, ma il mio rapporto con Dio era intellettuale, teorico. Ammiravo i santi, ma non pensavo che fosse possibile imitarli. Conoscendo il Movimento dei Focolari, ho capito invece che il Vangelo poteva, anzi doveva essere vissuto. A poco a poco m i sono reso conto che Dio mi dava tutto, anche la libertà assoluta e quindi la possibilità di usare questa libertà dandola tutta a Lui. Ed è stato proprio questo suo amore che arrivava perfino a rispettare così profondamente la mia libertà, che mi ha fatto decidere: nessuno mi costringeva ad intraprendere l'una o l'altra strada, nemmeno Dio stesso. Per tanto tempo ho aspettato che arrivasse qualcosa che mi facesse capire con certezza quello che Lui voleva da me. Certo c'erano molte cose che mi facevano pensare d'essere fatto per il focolare, ma tanti altri argomenti erano a favore del no: una scelta così impegnativa faceva paura... Eppure proprio in questa situazione il silenzio di Dio, che significava per me piena libertà, è stato l'argomento più convincente. Ora la mia unica preoccupazione è quella di essere disponibile al massimo al lavoro che lui vuoi fare in me, di stare al suo gioco, di non ritirarmi mai. Sento che è proprio in questo modo che la mia umanità va maturando, assomiglia cioè sempre di più a quella di Gesù». Bambini evangelici A Trento le mamme, parlando dei loro figli, li chiamano "popi", cioè bambini, anche quando questi ormai si fanno la barba e hanno messo su casa. È un'abitudine che risale a chissà quanto tempo fa, quando il dialetto trentino, dolce e colorito, era veramente l'unica lingua di quei posti. Martin, svizzero Mi-Sook, coreana Anche Chiara e le sue prime compagne, negli anni '40, non smentivano la tradizione: erano le "pope" di Piazza Cappuccini. Così, insieme a quell'inesauribile patrimonio spirituale che ha fatto il giro del mondo, abbiamo visto partire da Trento ed esportare all'estero anche quel simpatico nomignolo. Naturalmente, al di là delle dolomiti tridentine, il significato del termine ha subito una notevole restrizione: ora, per noi del resto del mondo, il "popo" non è più il figlio, il bambino in genere, ma quello che, toccato dalla luce di questo carisma, vi aderisce con la semplicità e la gioia di chi riscopre e sente d'essere figlio di Dio. Essere "papa", quindi, è una caratteristica, anzi una meta comune a tutti i membri del Movimento, perchè coincide col credere all'amore del Padre, coll'essere puri, semplici, liberi, incantati dalla Sapienza, arditi nell'agire perchè certi di non essere mai soli. Anche i focolarini, così come i gen, i volontari, i sacerdoti del Movimento, puntano lì, anzi sembra che siano stati messi da Dio nelle condizioni più adatte per incarnare questo modello. E viene da dire che a Loppiano è particolarmente evidente questa identità del focolarino col tipo del bambino evangelico. Forse perchè sono giovani, forse perchè hanno tagliato da poco ogni legame con la vita precedente, forse perchè hanno ancora freschissimo in cuore il momento in cui hanno sentito il potente richiamo di Gesù che li invitava a seguirlo, certo è che vedendoli riaffiora spesso alla mente la figura del "popo". Alcuni di loro, riannodando il filo d'oro della loro storia personale, che li ha condotti fin qui, fanno chiaramente riferimento a questo amore paterno di Dio, che li ha portati per mano, rimuovendo ogni ostacolo e strappandoli da circostanze che apparivano incontrastabili. È l'esperienza di Mi Sook, della Corea. «Mio padre si era trasferito negli Stati Uniti già da tempo. Noi avremmo dovuto raggiungerlo di lì a qualche mese. Così, mentre si dava il via ai preparativi, per me iniziava un periodo di grande travaglio. Avevo già espresso il desiderio di entrare in focolare e sarei stata felice di restare nella mia città per realizzare quel sogno. Ma non era così facile... Mio fratello più piccolo non aveva ancora fatto il servizio militare, eppure la legge gli permetteva di uscire dal paese in caso di trasferimento dell'intera famiglia. Quell"intera' era il mio problema: se fossi rimasta in Corea avrei reso inapplicabile quella legge al caso di mio fratello e l'avrei costretto a separarsi dal resto della famiglia. Per me era un dilemma: partire avrebbe certamente significato perdere i contatti col Movimento - visto che la destinazione dei miei era uno stato nordamericano a migliaia di chilometri dal più vicino focolare -e dire forse addio per sempre al mio sogno. Non sapevo proprio cosa fare. Ricordo che ad un certo punto misi in dubbio proprio tutto: "Forse - pensai - non è quella la strada che Gesù ha pensato per me... " Di fronte a quell'interrogativo, però, mi parve che la cosa migliore fosse girare la domanda al più diretto interessato e mi abbandonai nelle mani di Dio chiedendogli di farmi capire lui, chiaramente, cosa voleva da me. Finchè arrivò il momento di chiedere il visto per l'espatrio. La mia pratica era tra quelle degli altri miei fratelli. Vidi apporre anche sul mio passaporto quella firma e quel timbro. Ormai sembrava cosa fatta. Il giorno dopo, invece, veniamo a sape- 3 "..

4 re dal telegiornale, che l'articolo tot della legge tot, proprio quello che vincolava mio fratello alle mie eventuali scelte, aveva subito sostanziali modifiche: lui avrebbe potuto partire anche se io fossi rimasta. I miei salti di gioia fecero immediatamente capire alla mamma e agli altri quel che stavo pensando. Per me era chiaro: Dio mi voleva in focolare e aveva trovato il modo di dirmelo. Mia madre, prima di partire mi disse: "Resta pure e sii felice. Tutto questo non poteva farlo un uomo, ma solo Dio"». Un giovane europeo, col suo accento marcatamente tedesco, non può che sottolineare con gioia l'esperienza dell'amore di Dio Padre, che ha cambiato il corso della sua esistenza. "Vivevo come tutti: andavo a scuola, lavoravo. Ma in fondo non ero mai contento: mi sentivo trascinato dalla corrente, trasformato in un ingranaggio di una società che non mi piaceva. Con alcuni amici avevamo deciso di cercare qualcosa che fosse in grado di capovolgere la situazione. Scoprimmo la musica come strumento di protesta, ma ben presto mi accorsi che era una protesta sterile. L'incontro con la droga, quello si, mi sembrò risolutivo: avevo trovato ciò che cambiava qualcosa, almeno dentro di me. Ero finalmente contento, sereno. A poco a poco, però, il giro della droga scavò attorno a me il solco della solitudine: la necessità di procurarsi e di vendere dosi annullava ogni possibilità di sincera amicizia. Fui invitato ad un incontro di giovani che si sarebbe svolto a Roma. Ci andai e li, per la prima volta, mi posi seriamente la questione sull'esistenza di Dio. I giovani che erano intorno a me dicevano di sì: Dio esisteva e mi amava, anzi loro stessi erano una testimonianza di questo suo amore. Tornai a casa e cercai di vivere come loro. Cosi, seppur a fatica, riuscii a smettere, ad uscire dal tunnel. Oggi, guardando al Dio che mi ha tirato fuori dalla situazione in cui mi ero incagliato, irrompe dentro di me un'infinita gratitudine. Mi sento avvolto dal suo amore e sono qui a Loppiano per questo, per inserirmi pienamente nella sua volontà, certo che, come è stato finora, essa non sarà che il mio maggior bene, l'espressione del suo amore per me». Il Dott. Rossi fa il cuoco C'è un fatto che sorprende la maggioranza delle persone che in un modo o in un altro vengono in contatto con Loppiano. Si tratta di scene che si ripetono spessissimo. Eccone un esem- 4 Vietor, della Columbia pio. Qualcuno interrompe Rita che sta tagliando stoffe già destinate a diventare copriletti per bambini, e le chiede: "Che lavoro facevi prima di venire qui?». È facilmente immaginabile la sorpresa di fronte alla sua risposta: "Sono medico, lavoravo in ospedale». E nella sua voce non si coglie neppure un accento di stanca rassegnazione o di amarezza. Nei laboratori dell' Azur legno troviamo Victor della Columbia intento a scolpire crocifissi; veniamo a sapere che ha scoperto quel talento stando qui a Loppiano. Prima, infatti, faceva l'insegnante di tae kwon-do. Da dove nasce questa originale prassi, per la quale molto spesso la professione o il mestiere che ciascuno ha scelto di esercitare nella propria vita, è diverso dal compito che si trova a svolgere qui a Loppiano? Il nocciolo è sempre lì, in quell'esigenza di totalitarietà che fa fare... pazzie evangeliche. Gesù, infatti, chiede di vendere tutto, di lasciare anche i 'campi', cioè il proprio lavoro, e questo, per chi sente di rispondere a tali richieste nel modo più radicale possibile, comporta necessariamente un distacco totale dalla propria professione. Quasi certamente Rita e Victor, quando partiranno da Loppiano, torneranno a esercitare la loro professione, proprio per sfruttare al massimo i talenti che Dio ha loro affidato. Ma qui le necessità, le esigenze sono particolari: certo anche a Loppiano si lavora per vivere, ma i "lavoratori" qui non sono tutti padri e madri di famiglia che col tempo acquistano sempre maggior esperienza e specializzazione nel loro campo, ma sono Gianni, italiano giovani di tutto il mondo, che lavorano e studiano e che, soprattutto, sono abitanti della cittadella per un periodo limitato, di soli uno o due anni. E sono proprio le circostanze pratiche, determinate da questo contesto, che qui in Mariapoli portano questa disposizione interiore, questo distacco spirituale dalla propria professione, a tradursi in un passo concreto. Allora i ruoli si scambiano con semplicità e le esperienze si moltiplicano per tutti. E molti non finirebbero più di dire quanto sentono utile, per la loro stessa crescita umana, oltre che spirituale, questa piena e concreta disponibilità a passare da un ufficio ad una cucina, dai libri ai cacciaviti, da una catena di montaggio ad un banco di recezione e

5 accoglienza. Gianni, italiano, ci ha detto che anche questo, per lui, è stato ed è "scuola": «Allenandosi con questa continua ginnastica - che aiuta a ridimensionarsi e a valorizzare ognuno e ogni aspetto della vita - nascono, si sviluppano e si fortificano delle qualità che forse neanche pensavi di avere o che erano sciupate, maltrattate, perchè non vissute in funzione del servizio agli altri. lo sono partito da casa propria nel momento in cui mi si aprivano tante possibilità: avevo davanti a me la prospettiva di una brillante carriera, ma... Dio mi chiedeva di più". Mentre Gianni ci spiega il significato di questo "di più", ci sembra di capire che proprio in queste due parole sta la chiave della sua esperienza, della sua scelta: «Da piccolo cercavo la felicità tra gli amici, i parenti, lo studio, lo chiaramente che Dio voleva di più da me: voleva la mia vita, le mie forze, la mia intelligenza, la mia umanità, il mio cuore. Era come una catena: più davo, più ricevevo, più sentivo che Dio mi chiedeva, più gioivo nel costatare che Lui mi dava sempre di più. Diventava, insomma, un'autentica esigenza per me, quella di dare tutto a Dio. Capivo che solo lasciando tutto per seguirlo, dove e come lui voleva, realizzavo il più alto disegno suo su di me. È così che sono approdato a Loppiano. E mi fa una certa impressione, ora, ripensare a quel ragazzo in cerca di felicità che, per sentirsi qualcuno, rompeva le vetrine o tagliava i copertoni delle macchine. Oggi sento che la mia felicità non dipende dai momenti in cui riesco ad impormi, ma, all'opposto, da quelli in cui non sono, da quelli, cioè, in cui riesco a perdere la mia idea, il mio reso sempre più fiorente, erano naturalmente aperte per me. Col tempo avrei potuto assumere incarichi direttivi o amministrativi, mantenendo invariato o accrescendo il prestigio di cui già godeva il mio cognome. In famiglia ci volevamo un gran bene e pure la piccola fortuna dei miei nasceva da una continua, sincera onestà, da una grande generosità. Anche per questo oggi, quando penso a quello che ho lasciato - il che, a dire il vero, avviene molto di rado - mi ritrovo a gioire del fatto che la mia scelta non è stata una reazione ad uno stile di vita contrario ai principi evangelici. Dunque, da dove è venuta fuori l'idea di voltare le spalle ad un futuro così sicuro e promettente? È stata tutta "colpa" di una frase del Vangelo, anzi di un intero episodio della vita di Gesù: quello del giovane ricco. Anch'io, come lui, avevo sentito su di me quello sguardo carico d'amore; anch'io, come lui, avevo il desiderio di fare della mia vita un gioiello di perfezione. E allora? Mi sarei anch'io allontanata da Gesù "col cuore triste perchè aveva molti beni"? No, volevo che la mia vita rimediasse a quel rifiuto, il mio sì sanasse la ferita aperta da quel no. Ora sono qui a Loppiano, lavoro come centralinista. Domani mi guadagnerò il pane, probabilmente, come impiegata, come segretaria o contabile, ma avrò sempre nel cuore la gioia che provo ora, quella di sentirmi completamente nelle mani di Dio, libera, semplice, pronta a sorprendermi e a gioire, ogni volta, dei continui interventi della provvidenza, nella quale già da ora ho la prova tangibile dell'amore di Dio per me". sport... Ma quanti buchi nell'acqua! Volevo resistere alla società ed essere qualcuno. Riguardo al 'come', poi, tutto faceva brodo: piccoli furti, un po' di teppismo, vendette, ripicche... Poi l'incontro con i gen. Per me è stato l'incontro col Vangelo. Ho cominciato a sperimentare che è un libro vero. Da allora tutto quello che riuscivo a costruire nella vita mi appariva legato ad una radice precisa: rapporti profondi con compagni di studio o vicini di casa, una gamma enorme di conoscenze oltre i confini della mia città, lo stesso studio, la laurea ottenuta a pieni voti, la possibilità di una carriera, mi parevano tutti frutti del Vangelo vissuto. Ma andando avanti, mi rendevo conto Maria, italiana limitato modo di vedere, per far posto all'altro completamente. È proprio attraverso queste circostanze che Dio mi chiede di più e che io posso dargli di più". Anche Maria è italiana. Per lei la scelta del focolare coincide con la scelta di una vita sobria, non certo fine a se stessa, ma semplice espressione concreta di una frase di Gesù: «Guardate i gigli del campo: non lavorano nè filano, ma vi dico che neppure Salomone in tutta la sua gloria, fu mai vestito come uno di essi. Se dunque Dio veste così l'erba del campo, che oggi è e domani si butta al forno, quanto di più farà per voi?". «Le porte della piccola fabbrica di mobili, che mio padre e i miei zii avevano Insomma Loppiano, per questi giovani che vogliono essere, come si diceva, strumenti di unità nel mondo, sembra essere la palestra più adatta per perdere quella scala di valori che usa come unità di misura lo status sociale e acquistare un nuovo modo di valutare le persone, quello di vederle tutte come figli di Dio, di pari dignità al di là di razze, lingue, culture diverse. Si impara ad ascoltarsi, a comprendersi e così ci si trasforma: gli orizzonti si allargano, il cuore si dilata su tutti i popoli, la propria cultura diventa un dono e ci si arricchisce dei valori specifici di culture diverse... Cosi ci si ritrova pronti a partire per qualsiasi destinazione: Asia, Americhe, Africa, Oceania, Europa, dovunque, nei cinque continenti, sorge o deve sorgere un centro del Movimento. Così il focolari no sperimenta quelle "cento case" che insieme ai cento padri, madri, fratelli e sorelle, il Vangelo promette a chi lascia tutto per seguire Gesù. a cura della redazione 5

6 Esperienze Alla ricerca della verità Ogni anno arrivano a Loppiano giovani asiatici, spesso provenienti da famiglie di tradizione non cristiana, ma che, una volta incontrato Gesù, scoprono d'essere stati pensati e scelti proprio per vivere alla sua sequela. Uno di loro è Austin, coreano, di cui riportiamo l'esperienza. S e da bambino mi avessero chiesto: "Cosa farai da grande?» avrei certamente risposto, senza tentennamenti: "II pittore o il filosofo». Ero ancora a scuola, però, quando rinunciai a quelle mete e mi incamminai su una strada che aveva tutt'altra direzione. Tutto cominciò il giorno in cui fui picchiato senza motivo dal gruppo più violento della scuola, che mirava sempre agli studenti più bravi. lo non avevo mai cercato grane, ma quel giorno decisi che mi sarei difeso, che avrei reso loro la vita difficile. Con altri amici formai anch'io un gruppo e il nostro motto era tutto un programma: "Occhio per occhio, dente per dente». Risse, zuffe, picchiaggi, erano i motivi per cui ci radunavamo negli angoli più nascosti della città. Due anni così e toccai la disperazione. Sapevo che facevo male, ma ormai ero entrato in un circolo chiuso. Cominciai Austin, della Corea anche a fumare e a bere. Agli occhi dei miei, intanto, ero il bravo ragazzo di sempre, perchè mi bastava ben poco per riuscire a superare gli testimonianze di vita che ascoltavo mi esami. Quando l'alcool cominciò a minare la mia salute, mi spaventai. Mi buttezza dell'esistenza di Dio e del suo colpivano profondamente. Ebbi la certai, allora, nello studio: volevo la verità amore per me. e la cercavo disperatamente nei libri di Tornai a casa deciso a ricevere il battesimo. filosofia. Ma niente riusciva a saziarmi; ero stanco e tremendamente solo. Non lasciai più le persone del Movimento; con loro cominciai a visitare gli Avevo spesso voglia soltanto di ascoltare il silenzio, per questo, di notte, andavo nel giardino adiacente ad una Gesù. Lessi anche molti libri per cono ammalati, i poveri, a vivere le parole di chiesa cattolica, un luogo che sembrava fatto apposta per calmarmi, dove Ci fu, insomma, un cambiamento di vita scere sempre meglio il cristianesimo. c'era una statuetta bianca: mi avevano radicale, finchè cominciai a pormi un detto che si trattava di un'immagine di quesito: "Cosa vorrà Dio da me, dalla Maria, la madre di Gesù. Di lei non sapevo altro, ma guardandola mi entrava inginocchiai davanti al tabernacolo e mia vita?» Un giorno entrai in chiesa, mi la pace nell'anima. per ore ed ore rimasi lì, a parlare con Una notte, mentre suonavo la chitarra Gesù del mio futuro. Quando uscii ero in quel giardino, mi si avvicinò una suora. Da quel primo saluto alla stima reci come, ma ero certo che da me voleva deciso a dare tutto a Lui. Non sapevo proca e all'amicizia profonda, passò tutto. poco tempo. Seguendo un suo consiglio, iniziai a studiare catechismo e per il servizio militare. Trentasei mesi Con questo segreto nel cuore, partii partecipai alla Mariapoli, il convegno terribili, che mi parvero trentasei anni: estivo del Movimento dei Focolari. Mi fame, freddo, sonno, fatica, maltrattamenti... Nonostante tutto, trovavo la trovai in un clima fraterno, fra persone che mettevano in pratica il Vangelo e le forza di continuare ad amare come 6 avevo imparato a fare. Un giorno finsi di star male per convincere un mio compagno, che mi pareva ancor più affamato di me, ad accettare un pezzo di carne e un po' di riso dal mio piatto. Evidentemente i superiori notarono il mio atteggiamento: mi chiedevano di far loro conoscere il cristianesimo e mi consegnavano premi di buona condotta. Così ebbi la possibilità di partecipare, anche in quel periodo, alle Mariapoli e ai congressi dei giovani del Movimento. Dopo il servizio militare mi trasferii a Seoul per lavorare come disegnatore. L'ambiente non era facile, ma anche lì cercai di amare tutti con piccole cose, come fare le pulizie dell'ufficio, accogliere i miei colleghi con un sorriso, far loro trovare un po' di fiori sul tavolo, e così via. Ma dopo qualche tempo dovevo lottare con tutte le forze per non essere risucchiato da quel mondo che viveva solo per guadagnare e guadagnare sempre di più. Durante la Mariapoli di quell'anno, capii con certezza che Gesù mi voleva in focolare. Quando comunicai ai miei genitori - che non conoscono il cristianesimo - la mia decisione, la loro reazione fu disastrosa: mia madre avrebbe voluto addirittura portarmi in ospedale perchè pensava che la stanchezza mi avesse fatto perdere la bussola. A niente servivano i miei tentativi di spiegare, di calmarli... Li lasciai così e ripartii per Seoul. Sul pulmann sentivo bruciare dentro di me quel dolorosissimo. strappo. Mi venne in mente, allora, una semplice frase che, sapevo, aveva avuto un posto importante anche nella storia di Chiara: "Tutto vince l'amore». Sì, volevo crederci e solo questa certezza mi fece ritrovare la pace. Una settimana dopo mia madre e mia sorella vennero a trovarmi. Non so come, tutto era cambiato: "La tua vita è tua - mi disse mia madre - non mia. Noi cercheremo di capirti e speriamo che tu abbia scelto la strada giusta per te». Pochi mesi più tardi ero sull'aereo che mi avrebbe portato in Italia. Sotto di noi correvano le nuvole e dentro di me, come in un film, scorreva la storia della mia vita, tutto quello che Dio aveva fatto in me fino a quel momento: "Da ora in poi - pensai - voglio essere nulla in Dio che è tutto». a cura della redazione

7 Flash ALCUNI CENTRI DEL MOVIMENTO DEI FOCOLARI IN ITALIA Corporeità e Affettività 210 giovani del Movimento Gioventù Nuova, sorto proprio per raccogliere più giovani possibile intorno all'ideale dell'unità del mondo, hanno partecipato al Forum su "Corporeità e affettività", che si é svolto a Loppiano dal 23 al 25 aprile u.s.. A condurlo erano soprattutto tre esperti: Alberto Friso, Flavia Caretta e P. Amedeo Ferrari, che hanno affrontato il tema rispettivamente dal punto di vista sociologico, fisiologico e psicologico, facendo emergere il giusto valore che deve essere attribuito al corpo affinché esso serva e non ostacoli l'unità della persona in se stessa e quella tra gli uomini. I partecipanti hanno colto e apprezzato molto la novità del modo in cui é stato affrontato l'argomento. Ogni intervento, infatti, era corredato da testimonianze che avallavano la tesi del relatore. Proprio queste ultime sono risul- un Forum del Movimento Giulietta Masina a Loppiano; Carmine Lanci, (in alto) attore mimo, conduce una delle attività del Forum insegnando ai giovani esercizi di animazione. Gioventù Nuova tate il linguaggio più chiaro e convincente. Particolarmente incisive, tra le altre, quelle sull'invecchiamento, sul limite fisico e sulla scoperta dell'amore vero tra due fidanzati. È venuta in grande rilievo, poi, la testimonianza di Liliana Cosi, la celebre ballerina étoile, sulla corporeità e gestualità nella arte della danza, vista come linguaggio che comunica messaggi. I giovani, prima di partire, scambiandosi le loro impressioni riguardo questo incontro, si sono espressi in termini molto positivi: per alcuni di essi il Forum ha coinciso con la scelta di un nuovo orientamento da imprimere alla loro vita, per tanti é servito a chiarire idee prima confuse. Infine, il desiderio di tutti: comunicare agli amici e a quanti più giovani possibile "questa nuova visione e questo nuovo modo di vivere". "Omaggio a Maria" una rassegna d'arte conte m poranea Dal 15 maggio al 6 giugno si é svolta,. nella Cripta della Basilica di S. Lorenzo, a Firenze, la rassegna d'arte contempora-. nea "Omaggio a Maria", organizzata dal Centro Ave Arte di Loppiano. Tra gli espositori molti nomi di spicco nell'arte informale internazionale.. Accompagnava la rassegna una serie di manifestazioni culturali collaterali, che hanno allargato i confini della rassegna stessa su molte altre forme di espressione artistica: dalla danza alla lirica, dall'architettura alla musica. Una di queste, svoltasi il 10 giugno, ha visto la partecipazione di Giulietta Masina, che ha letto alcune meditazioni di Chiara Lubich. Poi l'attrice ha trascorso la serata con noi, a Loppiano. Dopo cena, per poco più di un'ora, le abbiamo offerto qualche canto e alcune danze folkloristiche. Alla fine Giulietta Masina, tra le altre cose, ha voluto ringraziarci per l'accoglienza "così calda, così dolce, così giovane". "Veramente mi sono emozionata - ci ha confidato con quel suo conosciutissimo e inconfondibile tono di voce. E non lo dico per civetteria, né per rendermi simpatica, ma perché qui si sente il bisogno di essere sinceri, autentici... Grazie di essere così, ragazzi. E aiutate anche gli altri ragazzi a diventare come voi». ANCONA Via Fazioli, 10 - ti. (071 ) F.F. Via Tagliamento 19, tf (071) F.M. AREZZO Via Malpighi 54, tf. (0575) F.F. BARI Via Bottalico 44, tl (080) F.F. Via Melo 15/3, ti. (080) F.M. BOLOGNA Via Baracca 2, tl (051) FF Via San Donato 156, ti. (051) F,M, BRESCIA Via Diaz 9, tf. (030) F.F. Via L Gambara 3, ti. (030) F.M. CAGLIARI Via dei Visconti, 52 - tf. (070) F.F. Via Fracastoro 12, tf. (070) F.M. CATANIA Via Ciccaglione 9, tf. (095) F.F. Via Mineo 11. ti. (095) F.M. FtRENZE Via V. Emanuele, (055) F.F. Via Cino da Pistoia 13, tf. (055) F,M. Centro Internazionale Studenti "G. La Pira" Via de' Pescioni 3. ti. (055) F.M. FOGGIA Via Ruggero Bonghi 22, tf. (0881) F.F. Via Molfetta 42. tf. (0881) F.M. GENOVA Corso Armellini, 10/4, tf. (010) F.F. Via al Campo di S. Chiara 16/A, ti. (010) F.M. G ROTTAFERRATA Via Ouattrucci 156. ti. (06) F.M. MARtNO C,so Vittoria Colonna 78 - Pal. A in!. 11 IL (06) F.F. MILANO Via Faruflini 16, ti. (02) F.F. Via Pastorelli 19, tf. (02) F.M. MONTEVARCHt (AR) Via Fonte Moschetta 54, tl (055) F.M, NAPOLI Via B. Caracciolo 34, ti. (081) F.F. Salita S. Antonio ai Monti 13/10, tf. (081) F.M. PADOVA Via Palladio 26, tf. (049) F.F. Via Ss. Trinita 1, ti. (049) F.M, PALERMO Via Rapisardi 60, ti. (091) F.F. Via Sammartino 22, tf. (091) F.M. PARMA Via Pergolesi 2, ti. (0521) F.F. Via Stalingrado 8, tf. (0521) F.M. PERUGIA Via Sacchetti 23, ti. (075) FF. Via Bonciario ti. (075) F.M. PESCARA Via S. Eufemia Maiella 8, tf. (085) F.F. Via Milite Ignoto 24/9, tf. (085) F.M. REGGIO CALABRIA Via Emilio Cuzzocrea 16, tf. (0965) F.F, Via Annunziata 13. tf. (0965) F.M. ROMA Via Marcello Il 26/10-4' tf. (06) F.F. Via V. Mazzola F20-Sc. A. - ti. (06) F.F. Via M. Dionigi 16/8, tf. (06) F.M. TORINO P.za Peyron 7, tf. (011) F.F. Via R. Sineo 12/8, tf. (011) F.M. TRENTO Via Vicenza 10, tf. (0461) F.F. Via Grazioli 4317, tf. (0461) F.M. TREVISO Viale Repubblica 103/E, tl (0422) F.F, Via Cervellini 1/A, tf. (0422) F.M. TRIESTE Via Matteotti 39, tl (040) F.F. Via A Madonizza 6, ti. (040) F.M. LOPPIANO - ufficio recezione tel. (055) feriali ore 15,30-18,30 F,F, - Focolare Femminile F.M. - Focolare Maschile Direzione, Amministrazione, Redazione in LOPPIANO - tf, (055) INCISA VALDARNO (FI) direttore responsabile Guglielmo Boselli Aut. Trlb, Firenze n det C.C.p. n intestato a Loppiano - Incisa Valdarno Recezione della Mariapoli - ti, (055) Stampa Baldesi - Firenze 7

8 I ar a I settembre 1988 "Che giova, fratelli miei, se uno dice di avere la fede ma non ha le opere?". (Gc 2,14). "Che giova, fratelli miei, se uno dice di avere la fede ma non ha le opere?". Uno dei mali spirituali più insidiosi che paralizza completamente e svuota la vita cristiana, è l'incoerenza, ossia il distacco tra fede ed impegno concreto. È questo il pericolo contro cui l'apostolo Giacomo vuole metterci in guardia nella lettera da lui indirizzata alle comunità cristiane sparse nel mondo e dalla quale viene presa la Parola di vita di questo mese. Egli si riferisce appunto a coloro che esaltavano, e giustamente, la professione della fede, ma poi non sapevano o non volevano tirare le dovute conseguenze che la fede compolia nella vita di ogni giorno. Di qui il verificarsi in queste comunità di inconvenienti ed abusi, specialmente nel campo della solidarietà e dell'amore del prossimo, del tutto incompatibili con la vocazione cristiana. "Che giova, fratelli miei, se uno dice di avere la fede ma non ha le opere?". Le opere, di cui parla san Giacomo, sono evidentemente una condotta conforme agli insegnamenti di Gesù. Sono le parole stesse di Gesù messe in pratica, attuate nella vita quotidiana, e non lasciate a livello di sterile adesione intellettuale. In particolare, come traspare dal contesto, sono le opere della carità cristiana, a partire da quelle più urgenti, e cioè dalle opere di misericordia corporali, sulle quali saremo giudicati un giorno: "Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare;... ero nudo e mi avete vestito..." (Mt 25,35s.). Se la fede non viene tradotta in opere concrete, ci dice l'apostolo, non avrà servito a nulla; a nulla avrà servito l'aver accolto il messaggio di Gesù. Anzi una fede che non incida seriamente, che non trasformi effettivamente il nostro comportamento in modo da mostrare tutta la fecondità del messaggio evangelico, non merita nemmeno questo nome; non sarebbe che pura illusione. La fede è una luce che per natura sua non tollera di restare sterile ed inoperosa. La logica di Gesù a questo riguardo è inesorabile. Se non incarneremo la luce che abbiamo ricevuto, questa si spegnerà dentro di noi e ci verrà tolta. "Che giova, fratelli miei, se uno dice di avere la fede ma non ha le opere?". Come mettere in pratica, allora, questa Parola? Dobbiamo prendere seriamente le parole di Gesù. L'indifferenza e le mezze misure non devono mai avere in noi il sopravvento. Dobbiamo frugare negli angoli più segreti della nostra coscienza, dove si nascondono, cercando di difendersi e di giustificarsi, la nostra pigrizia e i nostri egoismi. Un giorno saremo giudicati non tanto in base alla nostra comprensione del suo Vangelo, quanto piuttosto in base al modo con cui l'avremo fatto fruttificare. Prepariamoci, allora, a questo giudizio con diligenza e con perseveranza.soprattutto teniamo vivo in noi l'amore del prossimo in cui è riassunta la dottrina di Gesù. "Che giova, fratelli miei, se uno dice di avere la fede ma non ha le opere?". Chiara Lubich 8

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

LINEE DEL CARISMA FOCOLARINO SPIRITUALITÀ DELL UNITÀ

LINEE DEL CARISMA FOCOLARINO SPIRITUALITÀ DELL UNITÀ LINEE DEL CARISMA FOCOLARINO SPIRITUALITÀ DELL UNITÀ Anche oggi, come è avvenuto lungo i secoli, specie nei momenti di crisi, di svolta epocale, lo Spirito, con il dono dei suoi carismi, fa sgorgare nella

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Educarsi per educare al perdono. Pietro Paolo Piras

Educarsi per educare al perdono. Pietro Paolo Piras Educarsi per educare al perdono Pietro Paolo Piras C arissimi tutti, A tutti i Genitori ed Amici dell'infanzia Lieta un saluto cordiale ed affettuoso dall'ospedale dove cercano di rimettere a nuovo il

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Anno Internazionale del Fanciullo

Anno Internazionale del Fanciullo Anno Internazionale del Fanciullo COMUNICATO DEL CONSIGLIO PERMANENTE In occasione dell'anno internazionale del fanciullo, sono molte le iniziative che si prendono da ogni parte anche nel nostro paese.

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008

Essere con - Essere per Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Bellissima la coincidenza odierna, qui al Suffragio, che celebra insieme la festa

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli