4.3 Ultima fase: lo scioglimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4.3 Ultima fase: lo scioglimento"

Transcript

1 4.3 Ultima fase: lo scioglimento È poco usuale pensare la fine delle relazioni. Ma, se la relazione educativa è un processo, e un processo affettivo, ha una fine che sancisce delle acquisizioni, degli apprendimenti: una fine che chiede di essere vista, pensata, progettata, per il significato esistenziale e formativo che assume. È dalle esperienze effettivamente concluse, da quelle esperienze di cui si è elaborato il senso o appreso il guadagno che hanno comportato, che possono partire esperienze e avventure altre. Occorre pensare la fine del processo educativo in primo luogo per gli affetti che sono in gioco: Affetti potenti, inquietanti, che hanno a che fare con i significati che l esperienza della fine che ognuno di noi ha sperimentato mette in gioco. Tutto ciò richiede un adeguato trattamento, un pensiero che si traduca nella fattibilità di un progetto: Questo pare particolarmente importante nell esperienza educativa con persone in situazione di disabilità. Come si accennava, uno dei rischi che corrono i servizi che si occupano di educare o riabilitare persone disabili è quello di rimanere immersi in un tempo circolare, che diventa eterno, perpetrandosi uguale a se stesso: perché spesso alla disabilità si accompagna la cronicità, o, peggio, 68

2 la degenerazione di una condizione esistenziale già complessa, situazione difficile da accogliere, da accettare e da elaborare per chi lavora in un servizio che, forse, sotto sotto, essendo educativo, pare comunque orientato a quella che chiamiamo crescita, e che porta con sé l idea, o l illusione, del progredire, dell andare sempre e comunque verso condizioni migliori. Il rischio, per i disabili e per chi si occupa di loro, è che il tempo si fermi, che ciò che si fa ora non abbia mai fine. Così, però, non si dà educazione, perché ogni azione, ogni processo educativo ha bisogno di chiudersi, per potersi riaprire poi ad un altro livello (Cfr Jole Orsenigo, 1998, Oltre la fine, Unicopli, Milano). La questione della fine si staglia quindi come una questione fondamentale nel lavoro con la disabilità: pensare la fine, progettare le conclusioni anche solo di un attività può essere importante per mantenere quella tensione temporale che connota l esperienza educativa e formativa. Pensare la fine significa anche obbligarsi a restituire, a valutare, per comprendere come poter riprogettare, anche in condizioni esistenziali stazionarie o regressive. Significa inoltre darsi il tempo di vivere la conclusione, di scambiare i significati che si animano intorno ad essa, di farsi carico dei processi di separazione e di lutto che essa inaugura. 69

3 Terzo modulo LE ATTENZIONI PEDAGOGICHE E LE COMPETENZE IN GIOCO NELLA RELAZIONE EDUCATIVA 70

4 1. Premessa Obiettivo del terzo modulo è individuare cosa significhi, in termini di attenzioni pedagogiche e di competenze in gioco nella relazione, progettare, realizzare e governare la relazione educativa. Non si tratta di fornire indicazioni prescrittive, ma di comprendere quali attenzioni, relative in particolare alla costruzione del setting educativo, mantenere per tenere alta la tensione sulla costruzione, all interno di contesti che sono sempre unici e particolari, di una relazione e di un esperienza che sia effettivamente educativa. Tutto ciò nell ottica di una progettazione debole, attenta alla materialità delle situazioni, alla loro specificità e alle dimensioni imprevedibili e non standardizzabili che costituiscono strutturalmente le persone che, nella relazione, si incontrano e fanno esperienza di sé. Il riferimento bibliografico qui è principalmente al testo di Palmieri, La cura educativa. Dove si orientano le attenzioni pedagogiche di cui parliamo? L ipotesi è quella che segue Si tratta di quattro livelli o piani di lavoro tra loro intrecciati, irriducibili l uno all altro: quattro livelli da considerare quindi nei loro rimandi e nella loro complessità. La concentrazione su qualcuno di essi a scapito di altri produrrebbe uno slittamento di uno o più di essi nell ombra o nella lateralità, sottraendoli a quell operazione di governo che consente a chi educa e progetta relazioni educative di stare nelle situazioni essendo presente a se stesso e contemporaneamente sapendo di aver a che fare con qualcosa di complesso, di vivo, di non predeterminabile, di imprevedibile. Scivolare a lato non significa essere depotenziati, ma agire da un luogo che sfugge: in un certo senso significa poter essere trascinati dalla routine, dagli altri, da sé, dallo svolgimento delle relazioni, quasi subendo una o più di queste dimensioni del lavoro educativo. Un ultima precisazione: si è parlato di governo, non di controllo: quel governo che consente di navigare a vista, sentendo quello che accade momento per momento all interno dei contesti progettati e vissuti sulla scena educativa. 71

5 2. La dimensione rituale nella relazione La prima attenzione è alla ritualità: se la relazione educativa è concepita come un processo, dotato di una sua materialità, spazialità e temporalità, allora porta con sé una dimensione rituale che, nella sua circoscrizione di tempi e spazi, nella sua ritmicità, nel suo stagliarsi dalla quotidianità o nel suo appartenere, proprio ritualmente e individualmente, alla quotidianità, segna l esperienza esistenziale dei soggetti, trasformandola in esperienza formativa nel momento in cui nel rito si apre lo spazio per significati altri, per eventi trasformativi, per la sperimentazione di sé, per l espressione di sé. Occorre però in prima battuta chiedersi cosa si intenda per rito, per poi comprendere come la cura di tale dimensione possa avere rilevanza pedagogica. I riferimenti bibliografici riguardano: Cozzi D. e Nigris D. (1996), Gesti di cura, La Grafica Nuova, Torino; Van Gennep A. (1981), I riti di passaggio, Boringhieri, Torino. 72

6 Per tutto ciò, il rito sembra in sé avere una valenza formativa: istituisce uno spazio e un tempo altro attraverso una cornice che stacchi dal flusso delle azioni e della vita abituale, creando le condizioni perché un evento possa accadere: un evento che è soprattutto e innanzitutto un evento di apprendimento, personale e sociale (interiore, ma anche esteriore, dandosi nei riti, e in particolare nei riti di iniziazione, la possibilità di morire rispetto al vecchio status sociale, e di rinascere attraverso un nuovo status, riconosciuto dal soggetto ma anche e soprattutto dalla comunità di appartenenza). Costruire ritualità all interno dei contesti educativi sembra essere un modo per poter garantire quella mediazione relazionale che favorisca apprendimento e formazione nei soggetti coinvolti; la relazione allora funziona in quanto inserita all interno di una cornice che ne prescrive, in qualche modo, le modalità di espressione, facendo della stessa relazione un terreno di sperimentazione sia di una nuova corporeità, sia di nuovi significati, di nuove visioni del mondo. 73

7 Curare la relazione, in questo senso, significa curare il setting in cui essa avviene, predisponendolo in modo da costruire una scena educativa che sappia conservare un carattere rituale, declinandolo opportunamente a seconda delle situazioni e delle persone coinvolte. 74

8 3. La cura delle persone La seconda attenzione pedagogica è alla cura delle persone. Cosa significa curarsi, a livello educativo, degli altri? L ipotesi è che la cura educativa, nella sua pratica, abbia a che fare con le dimensioni seguenti, nel loro intreccio e nella loro ineliminabile complessità. Il principale riferimento bibliografico è a Palmieri, La cura educativa, seconda parte. Durante il corso, è stato chiesto agli studenti e alle studentesse di elaborare in gruppo, a partire da quanto già detto e appreso sulla relazione educativa, ognuno dei punti elencati, facendo particolare attenzione alla loro declinazione all interno di eventuali contesti educativi e riabilitativi destinati a persone disabili. Di seguito, si riportano le indicazioni dei gruppi e quindi le riflessioni teoriche. Uso dello sguardo Uso dello sguardo come mezzo comunicativo, ad esempio con disabili che non possono parlare; Evoluzione/cambiamento della figura del disabile nel corso del tempo; Differenza tra uno sguardo che vede unicamente i limiti e uno sguardo attento alle potenzialità del disabile, da cui derivano diverse modalità di azione con il disabile; Sguardo empatico, comprensivo, non superficiale VS sguardo superficiale, appiattito sulla routine; Sguardo progettuale (spesso assente nei confronti dei disabili), orientato verso il futuro e anche al di fuori della comunità per disabili. 75

9 76

10 L uso della corporeità: Cura del corpo del disabile (bisogni primari); Corporeità come sperimentazione di sé nelle diverse situazioni (l educatore osserva le diverse reazioni del corpo del disabile alle situazioni: come reagisce, come affronta gli ostacoli). Attraverso l esperienza del corpo si sviluppa la conoscenza dei propri limiti e delle proprie possibilità; Corpo come veicolo di emozioni e affetti (accarezzare.) Fatica dell educatore nel relazionarsi con il corpo del disabile (peso, odori ); Corpo come mezzo indispensabile attraverso cui passa la relazione e la comunicazione (vicinanza/contatto); Tabù culturale del corpo (imbarazzo) 77

11 Bisogno e desiderio Risposta basata sull osservazione attenta e profonda del corpo del disabile, delle sue reazioni alle diverse situazioni, alla sua globalità; Cura non solo materiale, ma anche attenzione alla soggettività e ai desideri soggettivi; Disabile spesso visto unicamente come portatore di bisogni (lavarsi, mangiare), invece che come portatore di desideri personali (andare a cavallo, stare al mare, fare ua festa per i 18 anni ): desideri che potrebbero/dovrebbero rientrare nella progettazione educativa. 78

12 L individuazione degli spazi e dei tempi effettivamente educativi Strutturazione di spazi e tempi in base alle attività educative (a discrezione del servizio in modo flessibile o rigido tema). ES: attività di cucina: spazio cucina supermercato vicino alla struttura; tempi: 2 o 3 ore, 1 volta alla settimana: Spazio strutturato per favorire l autonomia e il movimento. ES: armadi e tavoli a portata di carrozzina per garantire il movimento e la presa degli oggetti; Uno spazio diventa educativo nel momento in cui si dà un significato diverso da quello assunto nella quotidianità ES: bagno. 79

13 L uso degli oggetti Oggetti di uso comune riempiti di valenze educative, che hanno a che fare con la promozione dell autonomia, con la sperimentazione della negoziazione e della scelta, con la possibilità di diventare luogo di incontro, ma anche di premio o punizione ; Diventa educativo il rapporto con oggetti che compensano i loro limiti grazie alla risignificazione data dall educatore (dare un significato ludico al sollevatore); Oggetti significativi per le persone disabili (è importante capire perché); Oggetti riabilitativi (palline, pongo, pasta di sale, salvagente, ma anche soggetti come il cavallo) 80

14 Individuazione e significazione dei percorsi Avviene attraverso progetti educativi e PEI Obiettivi: promozione dell autonomia; individuazione dei limiti e delle risorse/possibilità personali; analisi dei bisogni, dei desideri, degli interessi; Osservazione continua per dare significato al percorso Sviluppo della comunicazione/collaborazione Promozione del confronto e della socializzazione Monitoraggio continuo del PEI 81

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Documentazione delle attività di ruotine

Documentazione delle attività di ruotine Istituto Comprensivo Statale C. Tura- Pontelagoscuro- Ferrara Sezione infanzia statale G. Rossa Documentazione delle attività di ruotine La documentazione delle esperienze proposte è un aspetto molto importante

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A Via G. Dolce 8 Presidenza 0922-826570- Segreteria e Fax 0922-820290- Sc.Primaria 0922-820289 Sc.Dell Infanzia

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Proposte Didattiche Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Il Progetto Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo con idee piccole.

Dettagli

Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo

Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo Dal PEI al Progetto di Vita L ovvietà delle sigle, la routine delle pratiche Il potere delle procedure di progettazione individualizzata Porsi domande

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO www.ilpuntocoop.it IL PUNTO S.C.S. O.N.L.U.S. Società Cooperativa Sociale 10090 GASSINO T.se (TO) Via Bussolino Centro, 16 E-mail: ilpunto@ilpuntocoop.it Albo Nazionale A119438 P.IVA e Cod. Fisc. 05339380015

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO Dopo uno studio e una sperimentazione sul campo durata più di 4 anni, abbiamo realizzato un applicazione per tablet (inizialmente per ipad, ma con progetti futuri di sviluppo

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

COMPETENZE PER L INNOVAZIONE E LO SVILUPPO NELL'AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE

COMPETENZE PER L INNOVAZIONE E LO SVILUPPO NELL'AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE CORSI IN PARTENZA A GENNAIO 2010 1 COMPETENZE PER L INNOVAZIONE E LO SVILUPPO NELL'AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Accrescere le doti manageriali dei partecipanti nella gestione delle risorse umane Trasmettere

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola.

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola. INTERCULTURA accoglienza, inclusione, educazione e didattica interculturale Corsi di formazione per dirigenti scolastici, insegnanti, personale non docente e operatori sociali che collaborano con le scuole

Dettagli

MIURAOODGOS Prot. n. 5001 Roma, 25.07.2012. All On.le Ministro SEDE

MIURAOODGOS Prot. n. 5001 Roma, 25.07.2012. All On.le Ministro SEDE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Segreteria del Consiglio Nazionale

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Document Name Your Company Name (C) Copyright (Print Date) All Rights Reserved

Document Name Your Company Name (C) Copyright (Print Date) All Rights Reserved Document Name Your Company Name (C) Copyright (Print Date) All Rights Reserved 1 L a proposta dei progetti di seguito illustrati, ai quali se ne possono aggiungere altri in base ai bisogni e alle esigenze

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Scuola dell infanzia in sintonia con le Linee Guida per il diritto alla studio degli alunni con disturbi specifici di apprendimento

Scuola dell infanzia in sintonia con le Linee Guida per il diritto alla studio degli alunni con disturbi specifici di apprendimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Tiraboschi Passaggio Rodari, 1 24030 Paladina (Bg) - 035 637559 035 633900 www.icpaladina.it Cod. Fisc. 95118520162

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

Fuga dalla sessualità: la dipendenza dalla pornografia

Fuga dalla sessualità: la dipendenza dalla pornografia Fuga dalla sessualità: la dipendenza dalla pornografia di Carla Anna Durazzi Il sito 1 del Centro di Aiuto Psicologico, centro di cui sono la responsabile, offre una sezione nella quale le persone possono

Dettagli

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria Diana Saccardo MIUR-Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici La riforma scolastica propone l insegnamento-apprendimento

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

CONVEGNO ABITARE È SAPERE DOVE DEPORRE GLI ABITI. Chieri, 19 febbraio 2010 LAVORI DI GRUPPO GRUPPO A RAPPRESENTAZIONI E CODICI DELL ABITARE

CONVEGNO ABITARE È SAPERE DOVE DEPORRE GLI ABITI. Chieri, 19 febbraio 2010 LAVORI DI GRUPPO GRUPPO A RAPPRESENTAZIONI E CODICI DELL ABITARE CONVEGNO ABITARE È SAPERE DOVE DEPORRE GLI ABITI Chieri, 19 febbraio 2010 LAVORI DI GRUPPO GRUPPO A RAPPRESENTAZIONI E CODICI DELL ABITARE La relazione che segue costituisce una sintesi dei contenuti emersi

Dettagli

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Ass. culturale Domus de Jana Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org L Associazione culturale Domus de Jana propone: IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Oggetto:

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Laura Viganò 13.12.10

Laura Viganò 13.12.10 LA SCUOLA dell INFANZIA UN CONTESTO PREDISPOSTO ALL INCLUSIONE Laura Viganò 13.12.10 Alcune caratteristiche proprie della scuola dell infanzia, se riconosciute e condivise dall intero collegio docenti,

Dettagli

Scuole dell Infanzia. Istituto Comprensivo 3 Bassano del Grappa PROGETTAZIONE EDUCATIVA

Scuole dell Infanzia. Istituto Comprensivo 3 Bassano del Grappa PROGETTAZIONE EDUCATIVA Scuole dell Infanzia Istituto Comprensivo 3 Bassano del Grappa PROGETTAZIONE EDUCATIVA PREMESSA La Scuola dell Infanzia concorre all educazione armonica e integrale dei bambini e delle bambine che, attraverso

Dettagli

PAROLE, TESTI E STORIE. 3 Modulo PENSARE PER STORIE

PAROLE, TESTI E STORIE. 3 Modulo PENSARE PER STORIE PAROLE, TESTI E STORIE 3 Modulo PENSARE PER STORIE E OGGI COSA MI RACCONTI? ASCOLTA.E LA MIA STORIA 20-21 Settembre 2010 1 Indice Tra le Indicazioni per il Curricolo 07e gli Orientamenti 91 Il pensiero

Dettagli

Teatro naturale con Albert Camus dalle Ariette

Teatro naturale con Albert Camus dalle Ariette Teatro naturale con Albert Camus dalle Ariette di Massimo Marino - Controscene Vive impastando letteratura, autobiografia e cibo il Teatro delle Ariette. Torna, nelle colline tra Bazzano, Castello di Serravalle

Dettagli

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 -

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - PROPOSTA RISERVATA AGLI ADERENTI AL CRAEM Un tuffo nella terra sarda (S. Teresa di Gallura OT) dall 1 al 19 luglio o dal 18 al 31 luglio dai 12 ai

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

IMPARARE A DIRSI ADDIO

IMPARARE A DIRSI ADDIO IMPARARE A DIRSI ADDIO Quando la vita volge al termine: guida per familiari, operatori sanitari, volontari Se avete paura, leggete questo libro. Questo libro parla di un argomento proibito. Parla di una

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero)

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) Un laboratorio aperto tutto l anno per favorire gli inserimenti lavorativi delle persone svantaggiate, è la

Dettagli

Linee Guida per il Mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza alla persona con disabilità

Linee Guida per il Mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza alla persona con disabilità Linee Guida per il Mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza alla persona con disabilità PREMESSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI

ESSERE GENITORI OGGI ESSERE GENITORI OGGI II Ciclo di incontri a sostegno della genitorialità 6 0 INCONTRO: Almese 10 Dicembre 2008 TEMA: FAVOLANDO 1 All ingresso del museo dei bambini di Boston c è questa iscrizione: Qui

Dettagli

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende favorire l inserimento sociale e lavorativo delle persone con disabilità, indipendentemente

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

MOTIVAZIONE: Tratto da http://www.canossianevilla.it/wp/piano-di-lavoro-annuale-routine-che-accolgono/

MOTIVAZIONE: Tratto da http://www.canossianevilla.it/wp/piano-di-lavoro-annuale-routine-che-accolgono/ Piano di lavoro annuale: Routine che accolgono Istituto Canossiano Villafranca di Verona Esperienze realizzate con tutti i bambini della scuola Da settembre 2012 a giugno 2013 Tratto da http://www.canossianevilla.it/wp/piano-di-lavoro-annuale-routine-che-accolgono/

Dettagli

Metti in gioco le tue emozioni e libera il tuo pensiero creativo

Metti in gioco le tue emozioni e libera il tuo pensiero creativo Scuola Primaria Caterina Cittadini - Suore Orsoline di Somasca - Roma a.s. 2013-2014 Nucleo tematico annuale: Emozioni in corso: viaggio nel mondo delle emozioni. NUCLEO TEMATICO ANNUALE a.s. 2013-2014

Dettagli

Istituto Comprensivo di Molinella PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA DI SAN PIETRO CAPOFIUME SEZIONE 4 ANNI (GIALLI)

Istituto Comprensivo di Molinella PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA DI SAN PIETRO CAPOFIUME SEZIONE 4 ANNI (GIALLI) Istituto Comprensivo di Molinella PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA DI SAN PIETRO CAPOFIUME SEZIONE 4 ANNI (GIALLI) Anno scolastico 2013/2014 1 ANALISI DELLA SITUAZIONE Presentazione

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI. L Asilo Nido LE GRIGNE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI. L Asilo Nido LE GRIGNE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 1 CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è uno strumento di garanzia e di tutela dove vengono dichiarate le caratteristiche e le qualità del servizio erogato, In essa vengono esplicitati,

Dettagli

Tipologia formativa: Corso cod. 3013 ID evento: Sede: Provincia di Milano, viale Piceno 60, Milano

Tipologia formativa: Corso cod. 3013 ID evento: Sede: Provincia di Milano, viale Piceno 60, Milano Tipologia formativa: Corso cod. 3013 ID evento: Sede: Provincia di Milano, viale Piceno 60, Milano Valutazione e documentazione nei servizi socio-sanitari Un laboratorio di indagine e formazione per leggere

Dettagli

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative possono cambiare? Emozioni= stati mentali e fisiologici

Dettagli

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 La famiglia etica EDUCAZIONE AUTORITARIA 1. Comando 2. Responsabilità del padre 3. Severità 4. Esemplarità 5. Paura e senso di colpa del bambino La famiglia

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Luglio 2011 Indice Premessa... pag. 3 Documenti e ricerche... pag. 5 Gli obiettivi... pag.

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Caratteristiche strutturali della scuola e della Sezione Primavera I cuccioli della San Vincenzo La scuola ha sede a Senigallia

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

NIDO D INFANZIA TRA MODELLI GESTIONALI E PERCORSI DI FATTIBILITA. Bologna Giovedì 1 marzo 2012

NIDO D INFANZIA TRA MODELLI GESTIONALI E PERCORSI DI FATTIBILITA. Bologna Giovedì 1 marzo 2012 NIDO D INFANZIA TRA MODELLI GESTIONALI E PERCORSI DI FATTIBILITA Bologna Giovedì marzo 22 L esperienza della gestione diretta dell Unione dei Comuni Terre di Castelli Dott.ssa Romana Rapini Dirigente struttura

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE EUROPEA DI COUNSELING SEDE DI MILANO

SCUOLA SUPERIORE EUROPEA DI COUNSELING SEDE DI MILANO SCUOLA SUPERIORE EUROPEA DI COUNSELING SEDE DI MILANO Via Sangallo 41 20133 Milano Tel 02/70006555 aspicmilano@libero.it www.aspicmilano.com aspicmilano CHI SIAMO ASPIC SCUOLA SUPERIORE EUROPEA DI COUNSELING

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

MARIA ROCCA Consulente Grafologo Perito e Consulente Tecnico del Tribunale C.P. di Verona

MARIA ROCCA Consulente Grafologo Perito e Consulente Tecnico del Tribunale C.P. di Verona MARIA ROCCA Consulente Grafologo Perito e Consulente Tecnico del Tribunale C.P. di Verona Relazione di Maria Rocca Al Convegno del 16 Marzo 2012 Buon pomeriggio a tutti i presenti e grazie agli organizzatori

Dettagli

Nido d infanzia privato Il Mago di Oz CARTA DEL SERVIZIO

Nido d infanzia privato Il Mago di Oz CARTA DEL SERVIZIO Nido d infanzia privato Il Mago di Oz CARTA DEL SERVIZIO Anno educativo 2016/2017 CARTA DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA PRIVATO IL MAGO DI OZ Sede Piazza Garibaldi, n. 8/9-56019 Vecchiano (Pisa) Recapiti

Dettagli

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta IL GUSTO DI CRESCERE INSIEME NELLA GIOIA. Per l anno educativo 2014/15 proponiamo ai bambini un viaggio nel mondo dell alimentazione: partendo dalla

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

Scuola dell Infanzia SAN MATTEO Via S. Matteo 5 10042 Nichelino (TO) MUSICA E'

Scuola dell Infanzia SAN MATTEO Via S. Matteo 5 10042 Nichelino (TO) MUSICA E' Scuola dell Infanzia SAN MATTEO Via S. Matteo 5 10042 Nichelino (TO) MUSICA E' PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Laboratorio Musicale Essere immersi nella musica non è solo una metafora, poiché ognuno

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto 2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto a ricevere, nella comunità, tutte le opportunità educative per lo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

Gruppi di auto mutuo aiuto per donne sole: cosa sono e come funzionano

Gruppi di auto mutuo aiuto per donne sole: cosa sono e come funzionano Gruppi di auto mutuo aiuto per donne sole: cosa sono e come funzionano Conducono l incontro: la dott.ssa Monica Tessarolo (psicologa psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo comportamentale, criminologa,

Dettagli

LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo

LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo La riflessione del gruppo che si occupa dello Spazio educativo è iniziata con l individuazione delle procedure, che hanno portato a modificare il contesto, e delle

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Lo studio digitale Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Roberto Maragliano Università degli Studi Roma Tre r.maragliano@gmail.com Le tecnologie possono essere viste come veicoli.

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

Corsi di Team Building

Corsi di Team Building Corsi di Team Building Allegato 1 CIRCOLO IPPICO LA NUOVA CERRINA A.S.D. VIA VITTORIA NENNI, 90 10040 RIVALTA-TO C.F. 95605740018 - P.IVA 10681580014 TEL. 3355652738 3897981030 www.cerrina.it info@cerrina.it

Dettagli

Inclusione sociale e servizi: i servizi per la disabilità di fronte alla sfida inclusiva. Milano 19 novembre 2013 Palazzo delle Stelline

Inclusione sociale e servizi: i servizi per la disabilità di fronte alla sfida inclusiva. Milano 19 novembre 2013 Palazzo delle Stelline Inclusione sociale e servizi: i servizi per la disabilità di fronte alla sfida inclusiva. Milano 19 novembre 2013 Palazzo delle Stelline In qualità di Presidente di Anffas Lombardia Onlus, porto il saluto

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

I GIOCHI PSICOLOGICI: ESERCITAZIONI ESPERIENZIALI

I GIOCHI PSICOLOGICI: ESERCITAZIONI ESPERIENZIALI I GIOCHI PSICOLOGICI: ESERCITAZIONI ESPERIENZIALI Cosa sono i giochi psicologici? MODALITA DIDATTICA che utilizza l ESPERIENZA DIRETTA dei partecipanti come PARTE FONDAMENTALE DELL APPRENDIMENTO. Condizioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Corso di formazione dei collaboratori scolastici per il servizio di assistenza di base ad alunni in situazione di handicap

Corso di formazione dei collaboratori scolastici per il servizio di assistenza di base ad alunni in situazione di handicap Agenzia per la valorizzazione dell individuo nelle organizzazioni di servizio Corso di formazione dei collaboratori scolastici per il servizio di assistenza di base ad alunni in situazione di handicap

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

Luigi Dotti psicologo psicoterapeuta ASL di Brescia Come parlare di sessualità agli adolescenti: il corpo, l eros e gli affetti

Luigi Dotti psicologo psicoterapeuta ASL di Brescia Come parlare di sessualità agli adolescenti: il corpo, l eros e gli affetti Luigi Dotti psicologo psicoterapeuta ASL di Brescia Come parlare di sessualità agli adolescenti: il corpo, l eros e gli affetti Il contesto è il contenuto La sessualità è soprattutto un esperienza relazionale.

Dettagli