IL BAULE DELLE STORIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL BAULE DELLE STORIE"

Transcript

1

2 IL BAULE DELLE STORIE

3

4 1 Premessa Perchè il Baule Ciascuno di noi lavora in un certo modo, innanzitutto perché sa che è giusto farlo. Il so che è giusto farlo nasce dalla storia personale e contribuisce a fondare la storia collettiva, condivisa da chi lavora nella stessa funzione o punto vendita, da chi è parte della stessa Cooperativa e in definitiva di Coop. Questo punto di vista su ciò che è giusto fare, comune e condiviso, è ciò che chiamiamo cultura. Ogni persona che lavora contribuisce a crearla. La cultura dell organizzazione è una rete di culture individuali, sedimentate nel tempo, connesse tra loro a prescindere dalla distanza fisica. A prescindere anche dalle differenze, territoriali e generazionali. Il tempo porta con sé la perdita di memoria. La distanza e l isolamento - l abitare e il lavorare in luoghi diversi - portano a dimenticare la comune appartenenza. La mancanza di tempo per fermarsi a riflettere e la distanza, affievoliscono la consapevolezza: si finisce così per credere che una cultura comune non esista. La narrazione è un modo efficace per mantenere viva e aggiornata la cultura. Nelle aule, a Scuola Coop, di aneddoti e racconti ci capita di sentirne molti. Finché rimangono in forma orale esistono solo per chi li può ascoltare. Da tempo stavamo pensando di organizzarne una raccolta scritta; il

5 4 IL BAULE DELLE STORIE progetto del Baule ha dato forma all idea. Le persone che hanno frequentato la Scuola nell ultimo anno hanno raccontato la propria storia partendo da una traccia data, che ha costituito il pretesto per raccontare se stessi in relazione a Coop. Tutte le storie, anche quelle di fantasia, nascono da riferimenti autobiografici che è interessante leggere tra le righe. Il Baule non è soltanto una metafora. Esiste realmente a Scuola, e permette a chi ci passa davanti di leggere frammenti di storie che altri hanno scritto e regalato. Abbiamo chiamato questa iniziativa Baule delle storie perché baule richiama alla mente la memoria e perché nei bauli si nascondono i tesori. Il nostro non è un mobile polveroso, perché è sempre aperto e a disposizione di tutti, e la ricchezza che contiene nessuno la può sottrarre. Anzi, chi lo alimenta o ci guarda dentro, ne accresce il valore. Come rovistare nel Baule Il Baule delle storie non è un libro come tutti gli altri, di quelli che apri e poi leggi dall inizio alla fine. Prima di nascere sulla carta ha preso vita sul web, sul sito internet: ilbauledellestorie.scuolacoop.it Dentro sono state raccolte tutte le storie che i partecipanti dei corsi di Scuola Coop hanno voluto lasciare. Nel sito è possibile navigare fra le storie creando un proprio personalissimo percorso, sfruttando le etichette con le quali sono state classificate. Partendo da un punto è possibile perdersi e arrivare chissà dove. Nella versione cartacea abbiamo proposto una sorta di ordine dei racconti, rappresentato dai tre macrocapitoli e dalle sezioni all interno del primo di essi. Non è un im-

6 PREMESSA 5 posizione, sono solo idee, aperture, per permettere di scegliere ciò che più piace. Durante la revisione dei racconti abbiamo cercato di intervenire il meno possibile anche a scapito di una pulizia grammaticale che forse avrebbe reso meno viva la singola storia. L uso di espressioni dialettali o alcune piccole imprecisioni nella scrittura sono state quindi mantenute, perché anch esse testimoniano le differenze culturali che rendono questo testo vivo. Un elogio alle diversità che si amalgamano e cooperano. Speriamo che il percorso che il lettore sceglierà renda la lettura unica, come lo sono le storie di vita che stanno dietro a ogni singolo racconto presente nel Baule.

7

8 2 Un episodio vissuto in Coop 2.1 RICORDI D INFANZIA Un sogno al sapor di schiacciatina Avevo 7 anni e andavo al banco del pane per prendere la schiacciatina per la merenda per la scuola e quando andavo a pagare sognavo ad occhi aperti dicendo: quando sarò grande voglio fare la cassiera e non sembrerà vero, ma si è avverato dopo parecchi anni così come una passeggiata all improvviso. E poi il percorso è andato oltre alle mie aspettative.

9 8 IL BAULE DELLE STORIE Il giro in Vespa Mi ricordo quella volta era il 1984, l estate era appena iniziata, il futuro incerto e lontano. Un padre chiese al proprio figlio se voleva fare con lui un giro in vespa sull argine del Po. L argine è un meraviglioso nastro verde che fa da cornice al nostro mondo. Raggiunsero un paese vicino. L edificio dove si fermarono, e dove entrarono era la sede di una piccola Coop. L uomo anziano, ma autoritario, scrutò il padre e il figlio. Il padre chiese se c era lavoro per suo figlio. L uomo chiese al figlio se aveva voglia di lavorare. Il figlio, senza pensarci disse di sì! Incominciò come commesso e ora è un capo negozio. Non ho mai ringraziato abbastanza mio padre per quel meraviglioso giro in vespa, che non è ancora finito.

10 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 9 Fustighein Quanti anni avevo? Sette, otto? Probabilmente nemmeno, forse andavo ancora dalle suore, ma il ricordo è chiaro, nitido. Sono passati più di cinquant anni, mezzo secolo e allora si andava all asilo dalle suore, eppure mio padre è lì, al centro del ricordo, con i suoi chili in più, il capello ondulato, la bonomia e la solidità che quel corpo dietro al bancone esprimeva in perfetta sintonia con l imponenza del bancone stesso. Sarà che ero alto un niente, ma quel bancone ai miei occhi appariva mastodontico e mi chiedevo come fosse possibile risultare visibili standosene là dietro. Eppure, mio padre era là, con la sua giacca bianca di ruvido tessuto, la matita sull orecchio destro (l aveva per davvero), il sorriso accogliente e il fare di chi non ha tempo da perdere. L alta pedana di legno sulla quale se ne stava in piedi tutto il giorno l ho scoperta più tardi, in anni successivi, quando più grandicello mi è stato concesso il retrobanco e con esso la cella delle carni, le mezzene appese al gancio, ma anche la testa di un maiale tra vassoi ricolmi di frattaglie sanguinolente. Con nostalgia e calore lo rivedo sporgersi da quel bancone mentre mi si rivolge con quel suo affettuoso vezzeggiativo fustighein, ed oggi, che ho il doppio dei suoi anni di allora, mi chiedo quale fosse la sua idea di futuro, da dove traeva quella forza che in quei fine anni cinquanta animava lui e la sua generazione di cooperatori. Da quell idea traeva energie fin impossibili, livelli di impegno impensabili e spesso, troppo spesso, per averlo vicino dovevo andare in quel negozio che per tutti era lacoop. Mi mancava la sua compagnia, la sua presenza, rincasava che già dormivo e la sua settimana lavorativa era fatta di sette giorni e mentre io crescevo in età, lui cresceva di ruolo e il garzone apprendista quindicenne era nel frattempo diventato il capo negozio.

11 10 IL BAULE DELLE STORIE Il ricordo è nitido, preciso, fin negli odori: quei salami appesi, lassù in alto, quella merce nei sacchi di juta o nei sacchi di carta color nocciola, quelle leccornie nei vasi di vetro da quali spesso fuoriusciva il manico d una paletta d alluminio. Anche il sonoro è nel ricordo chiaro e stridente per la diversità rispetto a oggi: nessun bip di registratore cassa, nessuna sottofondo musicale o messaggio promozionale, ma le voci confidenziali, il dialetto per comunicare, il rombo del motore di un solitario camion che transita sulla via di fronte e che entra direttamente nel negozio da quell unico grande accesso dal quale uscendo, si apostrofa il più delle volte con un scucmai il conoscente, l amico che sta entrando. Le persone nel negozio sembrava entrassero più per far chiacchiere che per acquistare merce, per raccontare, ma anche per ascoltare le novità, l ultimo pettegolezzo se non l eventuale la sai l ultima riferita all amico appena uscito. Ricordo l effetto di straniamento che creava l entrata di un volto nuovo, di uno straniero, quella sospensione, quell interruzione subitanea delle voci, quegli sguardi indagatori, di sguincio, mai diretti, ma intensi e attenti a cogliere il particolare utile a raccontare il forestiero. Ed ecco allora che appartenere, sentirsi parte di un progetto, aderire ad una comunità, condividerne i valori, sentirne il calore, la solidarietà, l accettazione, la valorizzazione di quello che fai e potrai fare per la comunità, e si potrebbe continuare all infinito, ecco che in quei momenti, in quegli attimi di sospensione, appariva in tutta la sua evidenza la magia di quel luogo, la densità della relazione e del rapporto con quel luogo. Un po come quando con la sua manona mio padre mi prendeva per mano e la sensazione di calore, di protezione, di naturalità di quel gesto investiva di certezze e sicurezza il mio futuro. Lui ci sarà sempre per me e durerà in eterno, non mi tradirà mai. Mio padre e la Coop.

12 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 11 Augurio Circa 30 anni fa, ragazzino di 19 anni dopo avere lavorato tra fine scuola e militare in un negozio di HI-FI, si presentò l opportunità di fare un colloquio per un lavoro in Coop. Venendo da famiglia che lavorava nell allora chiamata Alleanza Cooperativa Genovese non ebbi nessuna esitazione anzi aspettai il giorno fatidico del colloquio con grande apprensione, pensando che forse non avrei potuto seguire ciò che i miei genitori e nel lavoro e nella vita avevano cercato di trasmettermi. Così non fu. Entrai in Coop prima come cooperativa di facchinaggio, successivamente passai alla parte alimentare, ricordo come fosse ieri il primo giorno, bimbetto (19 anni) in un negozio dove l età media era quella dei miei genitori, tutta gente con grande esperienza, con grande cuore, e grandi valori che sono stati per me come un prolungamento della famiglia. È vero, si cresce, si cambia, ma il desiderio di poter augurare a mio figlio e a tutti i giovani l inserimento nel mondo del lavoro così come è successo a me, è un sogno che vorrei continuare e cullare, anche se onestamente sono cambiate tante cose, forse troppe.

13 12 IL BAULE DELLE STORIE Da sempre! Ricordo fin dall età della scuola il valore delle cooperative, mio padre che non vuole più fare il mezzadro e ci porta a vivere e a lavorare in un bar chiamato bar della cooperativa, con la piccola Coop negozio alimentare nella porta accanto. Avevo otto anni; dopo due anni mia sorella venne assunta in Coop e nel 71 io termino la terza media. Papà dice: o lavori nel bar con noi o ti cerchi un lavoro qualsiasi o se vuoi continui la scuola pur dandoci una mano al bar. A trenta metri di distanza fanno allestimento nel nuovo supermercato che verrà inaugurato tre mesi dopo ed io voglio andarci. Voglio andarci a lavorare mi piace stare in mezzo alla gente e penso quello dovrà essere il mio lavoro. Entro a rifornire perché all epoca chiunque poteva andare a dare una mano solo per dare un aiuto non retribuito, solo per il piacere di farlo, allora tutti ci si dava una mano. Ci fu l inaugurazione del negozio e sei mesi dopo ebbi il piacere di entrare con un assunzione di tre mesi per sostituzione ferie. Non c era la possibilità di riassunzione. Disperata ripresi la scuola il primo di ottobre fino a che quaranta giorni dopo il preside mi chiama in ufficio e lì ci trovo mio padre e un dirigente Coop del paese davanti. Mi dicono continui la scuola o vuoi lavorare in Coop? ALLELUIA. Ce l avevo fatta. Mi assumevano come turnista. Ho avuto il piacere di lavorare con persone che mi hanno fatto crescere ho avuto la possibilità di apprendere il modo migliore di lavorare essendo turnista. Poi dieci anni nel supermercato di casa poi altri venti fuori in vari supermercati, con la possibilità di crescita, trasmettendo ai ragazzi giovani nuovi assunti lo spirito cooperativo, che purtroppo a volte nemmeno sanno che fortuna hanno di lavorare in COOP e non ne conoscono il significato.

14 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 13 Oggi sono tornata nel nuovo super come responsabile di negozio e il regalo più bello me lo hanno fatto i soci donandomi un quadretto con la mia foto di quando avevo 14 anni all inaugurazione del vecchio supermercato chiuso nel Quando i nuovi assunti vengono in ufficio e mi dicono Ehi ma quella sei tu! Ma da quanto lavori in Coop? e io con orgoglio dico Da sempre

15 14 IL BAULE DELLE STORIE 2.2 PRIMI GIORNI IN COOP Le scarpe vecchie Un giorno della mia vita mi trovai ad entrare in cooperativa, non come cliente, ma come dipendente. Per me quel mondo da sempre conosciuto come utente mi apparve del tutto sconvolgente. Una persona incontro mi arrivò e subito le scarpe mi guardò l imbarazzo che provai non ve lo racconterò mai, ma subito mi rinfrancai ed affermai: Certo le mie scarpe son vissute assai! Subito, però, la sua risposta arrivò: Ricorda che da noi se hai voglia di lavorare non è con scarpe nuove che ti devi presentare! Le parole che ascoltai per sempre ricordai e questo mi bastò per dirvi quel che so che la cooperativa entrò a far parte della mia vita!

16 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 15 Drin drin Sai qual è la cosa che non riuscirò a cancellare dalla mia mente? È sicuramente il drin drin del telefono che squilla, in un bel giorno di giugno di circa un anno e mezzo fa. Indovina un po chi era? Non lo sai? Era la COOP, non riuscivo a crederci, prima di rispondere pensavo, ma avranno sbagliato numero?, o forse mi vorranno dire guarda che la tua richiesta di lavoro l abbiamo ricevuta ma in questo periodo non abbiamo bisogno di te. In quel piccolo frangente di secondi il cuore mi era arrivato in gola. Faccio un gran respiro e rispondo, una voce molto gentile e cordiale mi dice che telefonava per conto della Coop e che voleva sapere se volevo sostenere un colloquio per un eventuale proposta di lavoro, non ci pensai nemmeno un secondo a rispondergli di sì. Appena messo giù il telefono, iniziai a pensare che fosse stato uno scherzo e dentro di me sentivo quella vocina che mi diceva, MA NON PUO ESSERE SÌ LA COOP CHE TI VIENE A CHIAMARE Non stavo più nella pelle, non vedevo l ora di andare in sede questo perché per me voleva dire molto poiché facendo questo mestiere da un po e avendo dei miei principi ho sempre sognato di poter avere almeno anche per un giorno l opportunità di far parte di un azienda cosi importante. Quel giorno arrivò. Sono andato in sede e per me il solo pensiero di aver avuto il mio momento di importanza voleva dire aver raggiunto un bel traguardo invece quel bel sogno che mentalmente era destinato a rimanere tale, oggi è diventato realtà. Ti racconto questo perché non puoi immaginare quanto può essere bello lavorare in un ambiente dove si parla di uguaglianza, di collaborazione dell essere partecipe della

17 16 IL BAULE DELLE STORIE vita dell azienda. Questo come ben sai per chi fa il nostro lavoro è come la linfa per un albero. Ogni giorno che passa scopro questa grande comunità fatta di soci, colleghi che insieme cercano di portare avanti i vari progetti legati all ambiente, al solidale, e ti assicuro che portare avanti queste iniziative oggi in questa tempesta che avvolge il modo della gdo non è sicuramente facile. Spero che in queste poche righe sia riuscito a trasmetterti l emozione e l entusiasmo che ti porta a collaborare con una azienda che non è dedita al fare solo profitto, ma che come prima cosa ha come principio quello di curare lo stare bene di chi ne fa parte.

18 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 17 Il primo giorno non si scorda mai Il primo giorno non si scorda mai ed è proprio di questo che voglio raccontare. Tanto tempo fa in una bottega di cinquanta metri forse, arriva un ragazzino appena quindicenne al quale, vista la prematura scomparsa del padre, è stato proposto di entrare in cooperativa e chiesto di fare il macellaio. Naturalmente il ragazzino sono io, e per spiegare come mi sono sentito devo raccontarlo proprio come si è svolto. Scendo dalla Vespa, entro dal retro in laboratorio, mi trovo davanti ad una mezzena di vitellone enorme (o quantomeno è così che la ricordo), mi viene incontro il capomacellaio (il cr di oggi) tutto sudato e imbrattato di sangue, mi allunga la mano, naturalmente insanguinata, che io con pudore stringo appena. L altro collega è alle prese con un quarto, da cui sgorga sangue, unto, odore di carne appena macellata. Rimango veramente colpito e perdo il briciolo di coraggio che mi ero fatto. Il capomacellaio comincia ad illustrarmi cosa devo fare, mi allunga una vestina bianco candido, un grembiule bianco candido, un cappellino a bustina bianco candido. Mi vesto e sono veramente al limite della sopportazione, non mi vedo con la vestina indosso, la bustina in testa mi arruffa tutti i capelli (di cui al momento ero provvisto), e mi chiedo come potrò mai sopportare tutto questo sangue e quest odore. In questo contesto però accade una cosa che non potrò mai dimenticare, il capomacellaio dopo una decina di minuti che mi spiega cosa avrei dovuto fare si ferma e mi dice testuali parole: Ascolta Lillo non fare nulla, ma perlomeno le mani di tasca levale

19 18 IL BAULE DELLE STORIE A questo punto trascorrono alcuni interminabili secondi, poi scoppia una fragorosa risata generale tra me, lui e l altro collega, e accade l incredibile, come per incanto entro a far parte della loro famiglia, la nostra cooperativa. Questi colleghi poi sono diventati due dei miei migliori amici e sono stato anche il loro CN, purtroppo poi il capomacellaio è scomparso prematuramente. Questo era il cooperativismo di allora, e voglio credere che quei valori che mi hanno trasmesso e che io cerco di trasmettere tutti i giorni non vadano perduti.

20 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 19 S. CASA Coop Ad agosto del 1978 entro a lavorare nella Coop S.C.A.S.A. un piccolo negozio di alimentari con tre casse che poteva vendere solamente a chi presentava la tessera di socio all ingresso, a due pensionati che tutti i giorni, tutto il giorno, ci aiutavano, con il loro volontariato, a dare un servizio ai nostri soci. Tutti i giorni, tutto il giorno. Quanta gente, tutti i giorni, chiedeva di entrare a fare la spesa anche se non aveva la tessera, o se la faceva prestare o arrivava in compagnia del socio per poter comperare ai prezzi più convenienti presenti in quel quartiere. Nei fine settimana arrivavano famiglie di operai, e non solo, anche da più di 20 km di distanza, perché da noi si risparmiava. Per la verità c era anche chi si vergognava di ammettere che comprava alla SCASA. Per 12 anni. E poi? Tutti dentro COOP LIGURIA!! La cooperativa vera, dove c erano quelli bravi, che avevano tanti negozi in tutta la Liguria, che ci guardavano con aria di superiorità. Ma che con il passare degli anni hanno capito che eravamo come loro: attenti alle esigenze delle stesse persone, con gli stessi obiettivi e valori, entusiasti quando vedevamo che i soci aumentavano tutte le settimane e che, con il passare del tempo, sempre meno persone si vergognavano di avere la tessera COOP. Oggi a distanza di 32 anni, siamo Quelli veri, quelli bravi, quelli che abbiamo sempre più negozi in Liguria, ma che siamo riusciti a tenere ferme le nostre attenzioni verso le persone, e ad avere gli stessi obiettivi e valori che avevamo noi che abbiamo cominciato ad impararli alla S.C.A.S.A.

21 20 IL BAULE DELLE STORIE Le 5 giornate Coop Ricordo un evento: ricordo con particolare emozione il metodo utilizzato da Coop negli anni 80 alla formazione dei neo assunti. Era il 1977, avevo finito la maturità e intrapreso il mio primo anno di università. Agli inizi della stagione primaverile avevo fatto domanda per poter lavorare la stagione estiva nel negozio Coop, che per quegli anni rappresentava nel modo migliore sia l offerta alimentare che quella del no food, c era infatti un intero piano del supermercato dedicato. La mia domanda venne accettata e l ufficio selezione del personale organizzò 5 giorni di Full Immersion nel mondo Coop, l importanza di lavorare in Coop, l importanza del socio e del cliente, le regole e le procedure che in una Cooperativa ci avrebbero contraddistinto dal resto del mondo. Si lavorava sotto una grande insegna, ma nessuno era padrone, i soci sono i padroni!!! Erano veramente cose impensabili per le mie conoscenze, e invece!

22 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 21 Lunedì mattina Tanti sono i ricordi di questi dieci anni di lavoro in cooperativa; profumi e colori, persone, volti, sentimenti. Ma il primo giorno di lavoro è un po come il primo giorno di scuola, rimane di esso un ricordo inconfondibile, nitido, quasi fermo nello spazio e nel tempo. Lo stato d animo era quello di chi è consapevole del proprio valore ed è pronto a impegnarsi ma che ha di fronte a sé comunque delle incognite. Sentimenti diversi si combinavano tra loro: attesa, incertezza, voglia di fare, curiosità. Ma il ricordo che in me rimarrà impresso per sempre è il momento in cui sono passata per la prima volta in area vendita a negozio chiuso, proprio quel lunedì mattina. Le persone stavano lavorando a un cambio di corsia nel tessile. Situazione strana, ipermercato vuoto, nessun cliente, diverse persone impegnate a smontare le strutture, a ricomporre i banchi per la vendita del pomeriggio. E poi musica, allegria, energia. Proprio quella visione nuova e inaspettata del punto vendita e dell organizzazione del dietro le quinte, che da cliente non si percepisce, mi ha colpito per sempre. Lì, ho avuto una conferma di quello che già pensavo razionalmente ma che ho percepito davvero e in modo imponente, in un modo che razionale non era: la sensazione che mi ha pervasa era che quello era un mondo che mi piaceva, che faceva per me, è stato un po come un amore a prima vista. A volte è strano come un immagine, una sensazione, un profumo, si fissino nella nostra memoria e ci guidino inesorabilmente verso il nostro destino. L ipermercato mi aveva stregata. Ancora oggi, quando mi capita di vedere i colleghi al lavoro, non posso non chiudere gli occhi e ripensare a quel lunedì mattina, in cui tante persone normali riuscivano, insieme, a fare cose straordinarie.

23 22 IL BAULE DELLE STORIE Il primo giorno Considerando che è da poco che sono nella cooperativa potrei descrivere la mia esperienza positiva nel mio primo giorno di lavoro in negozio. Provengo da una azienda privata dove facevo il responsabile di filiale, che ho lasciato perché ferito sul lato umano: mi hanno preso in giro promettendomi per ben 2 volte che sarei diventato capo negozio, ma non è mai successo. Ho cominciato a mandare via i curriculum; Dio ha voluto che arrivasse un altra occasione, fatto sta che a maggio ho avuto la chiamata per un colloquio dalla Coop. Dopo 4 colloqui sono stato assunto prima come capo reparto, e ora, superato il periodo di prova, da capo negozio. Ce l ho fatta! Per me la Coop fin da bambino è stata un qualcosa di grande, di inavvicinabile e mai avrei pensato di far parte di questo mondo. Mi ritengo una persona fortunata ad essere al centro di questo progetto che parte da lontano, prima ancora dell Unità d Italia. Penso che sono poche o forse non esistono le aziende che ti permettano di parlare liberamente come fa la Coop. La Scuola Coop ne è l esempio. Grazie di esistere!

24 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 23 Cambiare? Ho iniziato a lavorare nel mondo Coop, appena uscito dalla scuola superiore. Era il 1981 e sono entrato nel gruppo associate Coop Firenze. Dal 1982 ho iniziato a fare il capo negozio. Una realtà piccola che con il passare degli anni si è evoluta ed ampliata, fino a quando nel 2004 vi è stata la fusione in Unicoop Firenze. La direzione di Unicoop mi propose di continuare il ruolo che ricoprivo, però nella nuova organizzazione. Allora avevo 48 anni, moglie, un figlio. Vi giuro che non è stato facile scegliere, però alla fine ha prevalso il perché fermarsi, il perché non sfruttare questa grande opportunità di crescita?, con tutti i rischi del mettersi in gioco in una realtà a me sconosciuta. Ebbene ad oggi vi assicuro che non mi pento assolutamente della scelta fatta, e nonostante l infinità di sacrifici fatti (anche da parte dell intera famiglia) vi posso certificare che in questi 8 anni le soddisfazioni professionali e le gratificazioni avute non sono minimamente confrontabili con quelle della vecchia esperienza. Concludendo sono contento e gratificato di avere l opportunità che queste righe possano essere lette da persone che dovranno iniziare questo ruolo. Ma sarei ancora più contento se questa testimonianza potesse essere di aiuto a chi si trova nell indecisione della scelta.

25 24 IL BAULE DELLE STORIE 2.3 CAPI E COLLEGHI Libero tutti Solitamente le favole iniziano tutte con C era una volta. Voglio provare anch io ad iniziare così, a raccontare la mia Coop, voglio provare a tirar fuori ciò che sento ogni giorno, nel bene e nel male, dal lontano 13 maggio C era una volta un caporeparto che doveva ogni giorno confrontarsi con 18 giovanissimi addetti, tutti al primo impiego, pieni di vita e di passioni nel cuore. Ogni giorno gli sembrava di entrare in un turbine emotivo: chi rideva, chi piangeva e chi non faceva altro che ragionare. Libero, così si chiamava il protagonista, si sentiva come un fratello maggiore per i suoi ragazzi e, dato che ogni giorno, senza che loro se ne accorgessero, gli regalavano un mondo di emozioni e di valori da scoprire e da preservare, si sentì in obbligo di offrire loro tutto ciò che poteva, per restituire il favore però rimase perplesso per diversi giorni pensando a cosa potesse dare loro. Come fare? pensò Come posso ripagarli di tutto ciò che mi danno ogni giorno?!? in fin dei conti sono un semplice capo reparto senza molta esperienza e con solo tanta voglia di fare!!. Pensa e ripensa Libero capì che il bene più grande che poteva regalare loro era la possibilità di sentirsi partecipi di quella meraviglia che loro stessi stavano creando, capì che la consapevolezza della loro presenza attiva e partecipe in quel mondo valeva più di tutto. Pian piano iniziò a renderli partecipi di ogni attività, tutte le carte e gli strumenti di lavoro che avevano rappresentato fino a quel momento il suo tesoro privato, rimanevano sulla sua scrivania in modo apparentemente distratto e ognuno dei ragazzi, incuriositi da questa stranezza, si avvicinava con aria indifferente al materiale

26 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 25 cercando di carpire con la coda dell occhio cosa ci fosse di così fantastico in quei fogli che Libero aveva sempre tenuto gelosamente nascosti. Erano rapiti da quell atmosfera di mistero che si era creata intorno e, senza neppure accorgersene, avevano iniziato a condividere in gruppo ogni singola scoperta di ciascuno. Stavano componendo un puzzle e l immagine, che non sapevano di ricreare, rappresentava il volto di ognuno di loro. Giorno dopo giorno Libero iniziò a chiedere dei consigli e dei suggerimenti per portare a compimento dei lavori; inizialmente tutti lo guardarono un po di traverso Qui c è la fregatura! pensarono tutti, Ma ti pare che secondo lui noi siamo in grado di avere delle pensate memorabili!. Gli sguardi dubbiosi e il silenzio generale furono il primo risultato che ottenne, ma, inaspettatamente, il giorno dopo, mentre era preso da un lavoro importantissimo e complicato, una voce da dietro disse Senti Libero, a proposito di quello che dicevi ieri, ci ho pensato un po e avrei un idea per l allestimento di cui parlavi Sicuramente è una scemata, ma è da un po che mi frulla per la testa, ne ho parlato anche con gli altri che non l hanno trovata poi così male quindi mi sono detto ma sì, io glielo dico!. Fu un vulcano in eruzione. Da quel momento ognuno fece suo un piccolo pezzettino di quel mondo e ciascuno iniziò a coltivarlo con tante idee nuove e fresche. Chi li vedeva rimaneva stupito, perché in fin dei conti non facevano né più, né meno di quello che un addetto alle vendite fa ogni giorno, ma c era un armonia tale tra loro e un piacere nel farlo, che ti sentivi a casa ogni volta che li avevi vicino. Alla fine hanno completato il puzzle felici di esserne i protagonisti e hanno iniziato subito un lavoro nuovo.

27 26 IL BAULE DELLE STORIE Uno schiaffone senza mani Sono entrato in Cooperativa, come allora si chiamava comunemente in Toscana la nostra azienda, nell 88, quando ancora esistevano il PCI e l Unione Sovietica, con un contratto di formazione-lavoro di dodici mesi e la mia formazione è stata per i 12 (dodici!!) lunghi mesi spaccare le forme del reggiano e disossare prosciutti oltre che a formarmi nel rimanente come banconiere nel mitico (almeno per chi ne ha sentito parlare) supermercato della Rosa, che era allora per fatturato uno dei primi supermercati italiani. Ricordo sempre con piacere ai miei colleghi più giovani che durante quel periodo in una ristrutturazione del supermercato dovevano esser riposizionate le corsie e gli scaffali perché andavano spesso in rottura e durante un conciliabolo tra capi a cui assistevo mi permisi di dare un suggerimento sul da farsi, al che uno dei capi più autorevoli mi rispose dicendomi di non preoccuparmi e, con brusche maniere, mi consigliò di lavorare (manualmente s intende) di più, piuttosto che pensare, attività questa di pertinenza loro. Non posso nascondere che la risposta mi lasciò senza parole, come aver ricevuto uno schiaffone senza mani, senza però provocare da parte mia nessuna reazione istintiva, anzi seguii il suggerimento senza batter ciglio osservando le risatine che si facevano tra loro i `capi e nel contempo maturò in me una convinzione che ritengo ancor oggi valida: saper interpretare il ruolo del capo autorevole senza esser autoritario a prescindere. Quell episodio ha formato, insieme ad altri, il mio modo di essere cooperativistico poiché ritengo di esser fortunato nel poter svolgere la mia attività professionale in un posto come il nostro, che ha parecchi problemi ma offre

28 UN EPISODIO VISSUTO IN COOP 27 anche numerose opportunità, ed è per questo che penso sia opportuno migliorare il nostro modo di operare senza smarrire il nostro modo di essere. In un momento come quello attuale i nostri valori sono una possibile risposta alla crisi che il mondo del lavoro e dei lavori sta attraversando e noi, con i nostri comportamenti, possiamo esser d esempio a lavoratori e imprese. Un altro modo di lavorare è possibile.

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Una macchina ingenua per le divisioni. Strumenti di calcolo aritmetico ingenui ma ingegnosi,

Una macchina ingenua per le divisioni. Strumenti di calcolo aritmetico ingenui ma ingegnosi, Una macchina ingenua per le divisioni Estratto da: Strumenti di calcolo aritmetico ingenui ma ingegnosi, Bruno Jannamorelli, Ed. Qualevita È l ultimo giorno di scuola. I miei alunni liceali sono già in

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli