Consuetudini e leggi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consuetudini e leggi"

Transcript

1 Consuetudini e leggi La seconda tappa della nostra investigazione ha come oggetto l assetto istituzionale del matrimonio così come risulta documentato nell'antico Testamento. Nel capitolo precedente abbiamo esaminato i racconti delle origini, che ci hanno messi in contatto con una teologia del matrimonio. Le origini, come abbiamo detto, sono guardate come evento fondativo: il matrimonio originario è il matrimonio come deve essere. Ora volgiamo lo sguardo al matrimonio storico, al concreto fenomeno matrimoniale come si dà a conoscere attraverso le disposizioni legislative e le narrazioni che in vario modo vi fanno cenno. In materia di disposizioni legislative la nostra fonte principale è il Pentateuco, il libro che per ragioni di ordine pratico è stato diviso in cinque parti, comunemente indicate con nomi ricalcati dal greco: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio. Tale partizione convenzionale non deve far dimenticare che letterariamente si tratta di un solo libro, 1 non di cinque. Il Pentateuco contiene sia materiale narrativo che legislativo, in proporzioni più o meno eguali. Quello legislativo si presenta sia disperso (norme isolate all'interno di sezioni narrative) che raggruppato in insiemi più o meno vasti. Alcuni di questi insiemi hanno ricevuto nomi di comodo: decalogo (Es 20,2-17; Dt 5,6-21); libro dell'alleanza (in tedesco Bundesbuch, da cui la sigla B), che indica Es 20,22-23,33; legge di santità (in tedesco Heiligkeitgesetz, da cui la sigla H), che si trova nel libro del Levitico (Lv 17-26); codice deuteronomico (sigla D), che corrisponde a Dt Sull epoca di composizione di queste raccolte non vi è attualmente consenso tra gli studiosi. La questione non è importante per la nostra ricerca, dato che non ci proponiamo di ricostruire l'evoluzione storica del diritto matrimoniale dell'antico Israele, ma più semplicemente di cogliere alcune linee di fondo. È la fisionomia generale dell'istituto matrimoniale ai tempi dell'antico Testamento quella che ci interessa afferrare nei suoi tratti essenziali. 1 Lo stesso vale per i libri di Samuele, dei Re e delle Cronache, divisi in due per ragioni pratiche, ma letterariamente un opera unica. Pure Esdra e Neemia non sono due libri distinti, ma uno solo diviso in due, designati con diversi nomi. I due libri dei Maccabei invece sono due opere interamente distinte dal punto di vista letterario. 61

2 Per l'intelligenza delle leggi contenute nel Pentateuco è di capitale importanza tenere conto della loro natura, che possiamo definire paradigmatica. La vita sociale dell'antico Israele era infatti regolata da un insieme di norme non scritte, conosciute e tramandate a memoria, che serviva di riferimento ed era largamente sufficiente alla vita della società. Le leggi scritte suppongono questo diritto consuetudinario, rispetto al quale si collocano come delle esemplificazioni paradigmatiche; esse trattano cioè casi esemplari, tali da fornire ai giudici elementi su cui regolarsi. In mancanza infatti di un codice in cui ogni situazione è prevista e regolata, ci si orienta secondo l'analogia. Il principale problema interpretativo riguardo a questo genere di leggi è proprio la conoscenza del diritto consuetudinario cui fanno riferimento. Se non è scritto, come si può conoscerlo? Un aiuto ci viene dalle raccolte di leggi di altri popoli del Vicino Oriente antico, soprattutto mesopotamici. 2 La comparazione tra queste e la legislazione biblica apre non raramente utili piste di comprensione. Un altro strumento utile sono le narrazioni, contenute nel Pentateuco e in altri libri dell'antico Testamento, là dove testimoniano di usanze e costumi giuridici. Nessuna delle collezioni legislative contenute nei libri di Mosé offre una raccolta organizzata di norme relative al matrimonio. 3 Dobbiamo dunque per forza attingere ad elementi sparsi. Non possiamo ovviamente esimerci dal tenere conto della documentazione extrabiblica, non abbondante, ma comunque utile. Menzioniamo anzittutto i papiri di Elefantina, l'isola del Nilo dove c'era una colonia militare giudaica, di cui ci sono giunti documenti del secolo V a.c., tra i quali tre contratti di matrimonio. 4 Ai primi decenni del II secolo d.c. risale l'archivio di Babatha, 5 rinvenuto in una grotta del deserto di Giuda, comprendente anche contratti di matrimonio. 2 Molto utile è la raccolta curata da C. SAPORETTI, Le leggi della Mesopotamia, Firenze 1984 (Studi e manuali di archeologia 2). La città fenicia di Ugarit non ci ha lasciato raccolte di leggi, ma elementi di diritto matrimoniale si possono ricavare dai poemi trovati nella sua biblioteca: vedi A. VAN SELMS, Marriage and Family Life in Ugaritic Literature, Londra Fa eccezione la sezione Dt 22,13-29, la cui composizione è studiata da C. EDENBURG, «Ideology and Social Context of the Deuteronomic Women's Sex Laws (Dt 22:13-29)», Journal of Biblical Literature 128 (2009), Mi sono servito della versione francese annotata di P. GRELOT, Documents araméens d'egypte, Parigi Un'edizione italiana è in preparazione a cura di C. MARTONE. 62

3 Un importante punto di riferimento per il nostro studio è la tesi dottorale di A. TOSATO, 6 che fa ampio uso delle fonti mesopotamiche, che analizza e compara con un acume e una sensibilità giuridica che destano ammirazione. Il suo libro, recentemente ristampato, fornisce a tutt'oggi la migliore analisi giuridica complessiva dell'istituto matrimoniale dell'antico Israele. 7 Espositivamente tratteremo anzittutto dell'ordinamento di base del matrimonio israelitico. Tratteremo in seguito di adulterio, divorzio, ed impedimenti matrimoniali. All'interno di ogni paragrafo esamineremo prima le disposizioni legislative e poi i materiali narrativi. 6 Il matrimonio israelitico. Una teoria generale, Roma 1982 (Analecta Biblica 100). Per matrimonio israelitico TOSATO intende il matrimonio come era configurato nell'epoca monarchica, altrimenti detta epoca del primo Tempio. TOSATO intendeva studiare anche il matrimonio giudaico, ossia il matrimonio nell'epoca del secondo Tempio, quando Israele non godeva più dell'indipendenza politica, ma solo di un'autonomia interna, governata delle famiglie sacerdotali. La morte gli ha impedito di realizzare questo progetto: un abbozzo è tracciato nella prima parte del suo articolo «L'istituto famigliare dell'antico Israele e della Chiesa primitiva», Anthropotes 13 (1997), Roma Segnalo anche alcuni studi successivi: «The Law of Leviticus 18:18: A Reexamination», Catholic Biblical Quarterly 46 (1984) ; «Il trasferimento dei beni nel matrimonio israelitico». Bibbia e Oriente 27 (1985), ; «Sul consenso dei figli e delle figlie di famiglia nel matrimonio israelitico», Studia et Documenta Historiae et Iuris 36 (1986), Abbiamo già avuto occasione nel precedente capitolo di citare «On Genesis 2:24», Catholic Biblical Quarterly 52 (1990),

4 Sponsali e nozze In ebraico biblico non esiste un termine che corrisponda all'italiano matrimonio. Non esiste neppure un termine specifico per dire marito o moglie, per i quali sono comunemente usati îš e iššāh, uomo e donna. Una donna diventa moglie di un uomo ( ēšet îš, cfr. Lv 20,10 e Pr 6,26) nel momento in cui una persona che ne ha diritto (capofamiglia, padrone o padrona) gliela dà in matrimonio. L'uomo diventa marito di una donna quando la prende in moglie. Giova rilevare che mai nell'antico Testamento si parla di uomo dato o preso come marito. 8 Nell'Israele biblico, e in tutta l'area mediorientale di quell'epoca, una donna non sposa un uomo, ma è sposata da un uomo. Il linguaggio è indicativo della realtà delle cose. Non per nulla nel racconto del paradiso terrestre abbiamo letto che il Signore condusse Eva ad Adamo, non lui a lei. In questa società e cultura il matrimonio non è un istituto egualitario. Per indicare l'azione di sposare una donna, l'ebraico biblico dispone di un verbo specifico: rś. Esso designa l'atto mediante il quale un uomo acquisisce il diritto di prendere in moglie una certa donna. Con questo atto, che in mancanza di termini più appropriati possiamo chiamare sponsali, l'uomo si impegna a prenderla in casa come moglie e si assicura che non sarà data a nessun altro richiedente. Il vincolo matrimoniale è costituito da questo atto, non dalla coabitazione che seguirà. Dell'intervallo di tempo che separa sponsali e coabitazione 9 è testimone la norma del codice deuteronomico relativa al guerriero sposato non ancora convivente: Chi è l'uomo che ha sposato ( ēraś) una donna ma non l'ha ancora presa (l e qāḥāh)? Vada e torni a casa sua, perché non capiti che muoia in battaglia e un altro uomo la prenda. (Dt 20,7) La Bibbia CEI traduce: che si sia fidanzato con una donna e non l'abbia ancora sposata. In italiano il termine fidanzamento designa però la relazione tra due che progettano di sposarsi, relazione che non è giuridicamente vincolante e si può interrompere in ogni momento. rś designa invece una promessa impegnativa, che pone in essere lo stato matrimoniale. 8 Di una donna si dice che diventa moglie, mentre solo una volta (Rt 1,11) si dice di un uomo che diventa marito. 9 Il romanzo di Tobia, scritto in epoca ellenistica, ci presenta due sposi che vanno a dormire insieme la notte stessa in cui lei è stata concessa a lui in matrimonio (cfr. Tb 7,9-8,1). Questa è però una presentazione letteraria. 64

5 Il caso contemplato in Dt 20,7 è quello di un giovane che ha legato a sé giuridicamente una ragazza ma non l'ha ancora presa, ricevuta in casa sua: la legge lo esenta dall'andare in battaglia. La stessa esenzione è concessa, per il periodo di un anno, a colui che ha appena preso in casa la moglie: Quando uno prenderà (yiqqaḥ) una moglie nuova, 10 non andrà in guerra e non si passerà da lui per alcun motivo; 11 sarà libero di stare a casa sua per un anno e farà lieta la moglie che ha preso (lāqaḥ). (Dt 24,5) Un anno è valutato come tempo sufficiente per fare lieta la moglie, il che significa con tutta probabilità metterla incinta e farle fare un bambino. 12 Non è giusto esporre al rischio di perdere la vita in battaglia un giovane che non ha ancora preso in casa la moglie, oppure l'ha presa da poco e non avuto ancora un figlio. Oltrettutto non combatterebbe al meglio delle sue capacità, pensando a ciò che rischia di perdere. La guerra è per uomini sposati e con figli. In connessione con rś si incontra una volta il verbo mhr, di difficile traduzione in italiano. Il passo si trova nel libro dell'alleanza: [15] Se uno seduce una vergine che non è stata ancora sposata ( ōrāśāh) e giace con lei, dovrà versare il mōhar per lei per farla sua moglie. [16] Se suo padre rifiuta di dargliela, dovrà pagare quanto il mōhar delle vergini. (Es 22,15-16) Il verbo tradotto con sedurre indica un'azione persuasiva nei confronti di una persona che non vorrebbe fare una data cosa: 13 non un vero e proprio stupro, ma un'azione che gli si avvicina. 14 Per vergine non si intende una virgo intacta, ma semplicemente una ragazza in età da marito. La Bibbia CEI traduce: non ancora fidanzata ; il senso è: legata da promessa matrimoniale. 10 Si intende da poco tempo, come la casa nuova di Dt 20,5. 11 Si intendono forse corvées, che il re poteva imporre per utilità pubbliche. Vedi J. SCHIPPER, «Deuteronomy 24:5 and King Asa's Foot Disease in 1 Kings 15:23b», Journal of Biblical Literature 128 (2009), La gioia principale di una donna è diventare madre. Certo una moglie è anche allietata dalla presenza del marito accanto a lei; il contesto mi pare però favorire la gioia della maternità. 13 Come la moglie di Sansone che riuscì a farsi dire la soluzione all'indovinello (cfr. Gdc 14,15). 14 Si consideri che le ragazze erano generalmente date in matrimonio appena erano in grado di fare bambini. Si tratta dunque di persuasione nei confronti di una minorenne. 65

6 La Bibbia CEI traduce mōhar come prezzo nuziale. Pure questo termine non è felice, in quanto la moglie non era propriamente comperata. Il mōhar era una somma che colui che chiedeva in moglie una donna offriva a lei come attestazione della sua volontà di averla come moglie. Lo si può considerare un controvalore: attesta quanto vale per il richiedente la donna di cui vuole fare sua moglie. Es 22,16 menziona il mōhar delle vergini, sicuramente maggiore di quello delle divorziate 15 o delle vedove. L'uomo che si è fatto la ragazza senza averla prima chiesta e ottenuta in matrimonio è obbligato a versare il mōhar che spetta alle vergini, anche nel caso che il padre di lei rifiuti di dargli la figlia. In questo caso la somma versata viene a costituire un risarcimento. 16 Di mōhar si parla nel libro della Genesi, dove si racconta di Sichem che rapisce una figlia di Giacobbe, poi se ne innamora e la vuole sposare, dichiarandosi disposto a versare un mōhar più alto del normale (cfr. Gen 34,12), giustificato dal fatto che ha commesso un abuso, prendendo la ragazza senza averla debitamente chiesta e ottenuta in matrimonio. In casi particolari, il mōhar può consistere in una prestazione. Giacobbe, che essendo profugo non dispone di ricchezze, lavora sette anni per ottenere Rachele come moglie; ingannato 17 da Labano che al posto di Rachele gli dà Lea, ne lavora altri sette. Quando finalmente parte per tornare alla sua terra di origine, le due mogli recriminano contro il padre: ci ha vendute e ha mangiato il nostro denaro (Gen 31,15). Lea e Rachele si sentono defraudate perché Labano si è tenuto per sé il frutto del lavoro di Giacobbe, che spettava invece a loro in quanto era un mōhar. 18 Questo infatti, una volta versato, è proprietà della donna per cui è stato versato, e rimane a lei 19 anche dopo il matrimonio. TOSATO ha perfettamente ragione di sostenere che il matrimonio israelitico non è una compravendita. 15 In un contratto matrimoniale trovato ad Elefantina il mōhar per una vergine è fissato in dieci sicli, in cinque per una divorziata. Vedi TOSATO, Matrimonio israelitico, cit., 102 nota Infatti Es 22,15-16 è parte di un insieme di norme relative al risarcimento di danni di vario genere procurati a un'altra persona. 17 Come lui aveva ingannato suo padre, facendosi passare per suo fratello Esaù (cfr. Gen 27,18-29). 18 Il termine non è usato, ma il contesto non lascia dubbi in proposito. 19 Anche se il marito lo amministra, come tutti i beni della moglie. L'amministrazione non lo rende però affatto proprietario. 66

7 Altro caso di mōhar non consistente in denaro è quello di Davide, che per avere in moglie una figlia di Saul uccide duecento Filistei, portando come prova i loro prepuzi (cfr. 1 Sm 18,27). Quando poi deve fuggire, Saul dà la figlia ad un altro; dopo la morte di Saul, Davide la rivuole indietro: l'ho sposata ( ēraśtî) con duecento prepuzi di Filistei (2 Sm 3,14). L'accettazione del mōhar funge da accettazione della domanda di matrimonio: da quel momento la donna per cui è stato versato è giuridicamente sposata a colui che lo ha versato. La traduzione prezzo nuziale è pertanto fuorviante: non è un prezzo e non è nuziale. È meglio dire: offerta sponsale ; offerta che una volta accettata conferisce diritti all'offerente. Sul caso della vergine sedotta si pronuncia pure la legge deuteronomica: [28] Se un uomo troverà una ragazza vergine non sposata (m e ōrāśāh), la prenderà e giacerà con lei, e saranno trovati, [29] l'uomo che è giaciuto con lei darà al padre della ragazza cinquanta monete d'argento. Diventerà sua moglie perché ha abusato di lei, e non potrà divorziare da lei per tutta la vita. (Dt 22,28-29) Rispetto alla norma che abbiamo trovato nel libro dell'alleanza, viene qui specificata la cifra che deve essere versata 20 e si aggiunge la perdita del diritto di divorzio. La legge vuole chiaramente impedire che il seduttore colto sul fatto se la possa cavare a buon mercato, sposando la ragazza di cui ha abusato e poi liberandosene mediante divorzio. Avere rapporti sessuali con una ragazza prima di averla regolarmente chiesta e ottenuta in matrimonio è considerata un'offesa molto grave. Si legga a questo proposito la storia di Sichem e Dina, la figlia di Giacobbe da lui rapita e poi chiesta in moglie. Giacobbe accetta il matrimonio riparatore, ma non i fratelli di Dina, Simeone e Levi, che organizzano una spedizione punitiva e ammazzano Sichem, suo padre e tutti i maschi della famiglia, e si portano via le donne come bottino. Ai rimproveri del padre rispondono: è come una prostituta che si tratta nostra sorella? (Gen 34,31). I fratelli di Dina non sono disposti a lasciare vivo chi l'ha presa per il suo piacere, disprezzando lei e la famiglia di cui fa parte. La prostituta non conta niente, non dà ad un uomo altro che un momento di piacere; donna di tutti e di nessuno, se fa un figlio non si sa chi ne è il padre. La figlia di famiglia è invece un bene prezioso: la si sposa per avere da lei figli ed eredi. 20 È evidente che si tratta del mōhar, anche se il termine non viene usato. Non si dice che il padre possa rifiutare la figlia a colui che ne ha abusato, ma lo si può considerare sottinteso. 67

8 Un altro esempio di vendetta per avere usato di una donna senza averla chiesta e ottenuta in matrimonio ci è offerto dalla storia di Amnon e Tamar, figlio e figlia di Davide (avuti da due mogli diverse). Amnon concepisce una passione folle per la sorellastra, l'attira a casa sua con un inganno e la costringe a giacere con lui, ignorando le sue suppliche di essere prima chiesta in moglie (cfr. 2 Sm 13,13). Dopo di che il suo amore si cambia in detestazione e la sbatte fuori di casa; Davide si adira molto per questo fatto (cfr. 2 Sm 13,21), ma non obbliga Amnon a sposare Tamar: grave mancanza da parte di un padre, che mostra di non avere cara una figlia. A fare giustizia pensa allora Assalonne, fratello di Tamar, che lascia passare due anni, poi attira con un inganno Amnon a casa sua e lo fa ammazzare dai suoi servi (cfr. 2 Sm 13,29). Come nel caso di Sichem e Dina, è il fratello che vendica la sorella, non il padre la figlia. L'istituto degli sponsali, di cui il mōhar è parte integrante, fa comprendere il valore che era allora attribuito alla donna. Non ci si sposava perché ci si era innamorati, ma per fare una famiglia, o, in linguaggio più biblico, per costruire una casa (cfr. Sal 127,1). Per la donna essere sposata era un onore, non esserlo un disonore. È illuminante in proposito questo passo di Isaia: In quel giorno sette donne afferreranno un uomo solo, dicendo: mangeremo il nostro pane, vestiremo il nostro mantello, purché sia pronunciato su di noi il tuo nome, togli il nostro disonore. (Is 4,1) Il profeta preannuncia ad Israele un tempo di grande sventura, in cui nel popolo saranno rimasti in vita pochissimi uomini, tanto che pur di avere marito le donne rinunceranno al loro diritto di essere da lui mantenute (provvedute di cibo e vestiario). A ciò si rassegnano pur di portare il nome di un uomo, ossia essere chiamata: moglie di. Questo è ciò che per una donna conta più di tutto nel matrimonio, l'onore che questa condizione assicura nella società. Ricordiamo anche la storia della figlia di Iefte, che accettò di essere immolata per soddisfare il voto di suo padre, chiedendogli però due mesi di tempo per piangere insieme con le sue amiche per la sventura di dover morire ancora vergine (cfr. Gdc 11,37), senza avere avuto marito e fatto figli. 21 Qui del matrimonio più che l'onore è messa in rilievo la felicità che rappresenta per la donna. 21 Il libro dei Giudici ci informa che le ragazze di Israele usavano trovarsi quattro giorni all'anno per fare lamento sulla figlia di Iefte (cfr. Gdc 11,40). 68

9 Il fatto che la donna fosse data in matrimonio dal padre o da chi fungeva da capofamiglia non significa che fosse considerata un oggetto. È un bene prezioso, come abbiamo detto, ma ciò non significa un oggetto. Certo la domanda di matrimonio era rivolta al capofamiglia, non direttamente alla donna. 22 Non sappiamo se il suo consenso fosse sempre chiesto, come nel caso di Rebecca, alla quale la madre e il fratello domandano se vuole andare in matrimonio ad Isacco (cfr. Gen 24,58). Ciò era probabilmente lasciato alla discrezione del capofamiglia. 23 Il contratto matrimoniale prevedeva pure quella che possiamo chiamare dote, ossia i beni che il padre consegnava alla figlia che dava in moglie. Tali beni potevano consistere in denaro, gioielli, abiti, proprietà fondiarie, o schiave. 24 I contratti matrimoniali israelitici giunti fino a noi li elencano dettagliatamente. Giova ricordare che di essi era proprietaria la moglie, non il marito, e restavano a lei in caso di divorzio 25 o vedovanza. Con il matrimonio una donna acquisiva quindi un patrimonio, costituito da ciò che le dava il marito (il mōhar) e ciò che le dava il padre (la dote). L'autonomia patrimoniale era manifestamente una difesa e una garanzia per la donna sposata. Agli sponsali seguivano, a tempo debito, 26 le nozze. Con questo termine, che non ha un esatto corrispondente in ebraico biblico, designamo la festa che celebrava l'inizio della coabitazione tra sposo e sposa. Festoso era già il corteo che si formava quando la sposa 27 era condotta a casa dello sposo: nel primo libro dei Maccabei leggiamo di uno sposo che va incontro alla sposa con famigliari ed amici, al suono di strumenti musicali (cfr. 1 Mac 9,39). A casa dello sposo era costume tenere un banchetto (in ebraico mišteh, termine che evoca le bevute), che si teneva per sette sere 28 di seguito (cfr. Gen 29,27-28; Gdc 14,12.17), cui erano invitati parenti ed amici. 22 Eccettuato il caso della vedova. Quando Davide vuole sposare Avigail, manda dei messaggeri direttamente a lei, che accetta la sua proposta (cfr. 1 Sm 25,39-42). 23 Nel libro di Tobia Raguel concede la figlia in matrimonio senza consultare né la moglie né la figlia stessa, la quale non fa obiezioni (cfr. Tb 7,9-14). 24 Rebecca è condotta ad Isacco con la sua nutrice e le sue ancelle (cfr. Gen 24,59.61), Lea e Rachele seguono Giacobbe con una schiava ciascuna (cfr. Gen 29,24.29). 25 Almeno di divorzio senza colpa. 26 Il tempo necessario per mandare ad effetto gli accordi patrimoniali presi durante gli sponsali. 27 Splendidamente vestita ed ingioiellata: cfr. Is 49,18; 61,10; Ger 2, Quattordici nel caso delle nozze di Tobia e Sara (cfr. Tb 8,20 e 10,8), durata da considerare del tutto eccezionale. 69

10 Le nozze erano infatti un evento gioioso non solo per gli sposi. Il matrimonio non era sentito come fatto privato di una coppia, ma come evento di speranza per tutta la comunità. L'inizio della coabitazione del marito e della moglie 29 preludeva a prossime nascite, continuità di vita per la famiglia e per tutto il gruppo sociale di cui la famiglia faceva parte, e in prospettiva più ampia per l'intera nazione. Non consta che in occasione delle nozze fossero recitate preghiere, o fosse compiuta alcuna cerimonia religiosa. Da ciò non si deve trarre la conseguenza che il matrimonio fosse vissuto in modo non religioso. La religione dell'antico Testamento non è infatti unicamente né principalmente rituale o cultuale. La gioia stessa era sentita come un modo per rendere grazie a Dio per i suoi doni. 29 Dall'inizio della coabitazione il marito è detto ba al, signore, la moglie b e ulat ba al (cfr. Gen 20,3 e Dt 22,22), o semplicemente b e ûlāh (cfr. Is 54,1), signoreggiata. Va tenuto presente che ba al non implica solo autorità, ma anche protezione. 70

11 La moglie di stato servile Ciò che abbiamo detto nel paragrafo precedente vale per la figlia di famiglia, ossia la ragazza giuridicamente libera. Diverso è il caso delle ragazze in stato di servitù o schiavitù, 30 per le quali non si versa alcun mōhar. Il loro statuto non libero non impedisce tuttavia che divengano mogli, anche se di secondo rango rispetto alle libere. Su questo secondo tipo di matrimonio ci informa il libro dell'alleanza, là dove tratta dell'uomo e della donna che cadono in servitù. Vediamo prima la normativa riguardante i servi: [2] Quando acquisterai un servo ebreo, servirà per sei anni: il settimo anno andrà via libero gratuitamente. [3] Se sarà venuto solo, andrà via solo; se ammogliato, sua moglie andrà via con lui. [4] Se il suo padrone gli darà una moglie e gli genererà figli o figlie, la moglie e i figli rimarranno al padrone, e lui andrà via solo. [5] Se il servo dirà: amo il mio padrone, mia moglie e i miei figli, non voglio andare via libero, [6] il suo padrone lo farà accostare a Dio, 31 lo farà accostare alla porta o allo stipite, il suo padrone gli bucherà l'orecchio con un punteruolo e lui lo servirà per sempre. (Es 21,2-6) La statuizione generale è la cessazione della servitù dopo sei anni, giudicati sufficienti ad estinguere il debito. Se vuole però il servo può rinunciare al suo diritto di tornare libero e farsi servo perpetuo. La legge glielo consente in un caso preciso, quello che abbia preso in moglie una serva o schiava del suo padrone, che non gli è consentito di portare via con sé al settimo anno, come neppure i figli avuti da lei, che restano al padrone come la loro madre. Ben triste alternativa: o la libertà o la famiglia. Nessuna alternativa invece per la moglie che gli ha dato il padrone: rimane in ogni caso in stato servile, sia che il marito la lasci per tornare libero sia che rimanga con lei. Solo la moglie che non appartiene al padrone riacquista la libertà insieme col marito al termine dei sei anni di servitù. Vediamo ora la normativa relativa alle serve: 30 La lingua ebraica usa gli stessi termini per indicare due condizioni giuridicamente non identiche. In servitù si cade per debiti, in schiavitù a seguito di una guerra perduta. Gli sconfitti erano infatti per diritto schiavi dei vincitori; ne consegue che gli schiavi erano normalmente stranieri. 31 Si intendono forse divinità domestiche come quelle che Labano rimprovera Giacobbe di avergli portato via (cfr. Gen 31,30). 71

12 [7] Quando un uomo venderà sua figlia come serva, non andrà via come vanno via i servi. 32 [8] Se non sarà gradita al suo padrone che l'aveva destinata 33 a sé 34, la lascerà riscattare: non la venderà a un popolo straniero 35 agendo slealmente verso di lei. [9] Se la destinerà a suo figlio, la tratterà secondo il diritto delle figlie. 36 [10] Se ne prenderà un'altra, non le 37 diminuirà né il cibo né l'abbigliamento né i rapporti coniugali. 38 [11] Se non farà per lei queste tre cose, 39 lei andrà via gratuitamente, senza denaro. (Es 21,7-11) La statuizione generale è l'opposto della precedente: la ragazza data in servitù rimane a perpetuità in questo stato. Perché questa disparità tra servi e serve? 40 La spiegazione più logica è che le serve fossero normalmente date in moglie, condizione in linea di principio permanente Vale a dire alla fine di sei anni di servitù. 33 Il verbo ebraico y d designa l'azione di prendere accordi con una persona, o decisioni riguardo a una persona. In questo contesto è intesa un accordo matrimoniale: il creditore aveva preso la figlia del debitore con l'impegno di farne sua moglie. 34 Secondo la lezione marginale, il cosiddetto qere, mentre la lezione interna, il cosiddetto ketib, è non l'aveva destinata. Sulle ragioni per preferire il qere, vedi la mia tesi dottorale Tradizioni orali di lettura e testo ebraico della Bibbia, Friburgo 1989 (Studia Friburgensia n.s. 72), A favore del ketib si è pronunciato A. SCHENKER, «Affranchissement d'une esclave selon Ex 21,7-11», Biblica 69 (1988), Così la Settanta e i Targumim, ad eccezione del Neofiti. L'ebraico nokrî può essere inteso sia come straniero in senso etnico che come estraneo alla famiglia. 36 Sono intese le figlie sotto la giurisdizione del padre, quindi in stato di libertà. 37 Alla prima. 38 In ebraico ōnah, termine che compare solo qui nella Bibbia ebraica. Tanto la Settanta quanto il Targum l'hanno inteso nel senso dei rapporti coniugali; così anche E. LEVINE, «On Ex 21:10. onah and Biblical Marriage», Zeitschrift für altorientalische und biblische Rechtsgeschichte 5 (1999), Un'altra interpretazione ( her needs ) è proposta da J. PARADISE, «What Did Laban Demand of Jacob? A New Reading of Genesis 31:50 and Exodus 21:10». in Tehillah le-mosheh. Biblical and Judaic Studies in Honor of M. Greenberg, edd. M. COGAN e altri, Winona Lake 1997, I tre obblighi elencati al v. 10, oppure le tre prescrizioni contenute nella pericope: consentire il riscatto, trattare secondo il diritto delle figlie, non diminuire le sue spettanze. 40 La legge deuteronomica prevede invece la liberazione al settimo anno sia per i servi che per le serve (cfr. Dt 15,12), facendo pure obbligo al padrone di dare al servo che ritorna libero un dono (dal gregge, dall'aia e dal torchio). 41 Vedi C. PRESSLER, «Wives and Daughters, Bond and Free: Views of Women in the Slave Laws of Ex 21:2-11», Gender and Law in the Hebrew Bible and the Ancient Near East, edd. V.H. MATTHEWS e altri, Sheffield 1998 (Journal for the Study of the Old Testament. Supplement Series 262),

13 La serva può riacquistare la libertà solo se, anziché ad un servo (caso previsto da Es 2,4), è data in moglie ad un uomo libero. Ciò avviene in tre casi: se il padrone-marito non la gradisce e, non avendo facoltà di rivenderla, consente al suo riscatto; se la dà in moglie a uno dei suoi figli; 42 se lede i diritti di lei in fatto di cibo, vestiti e rapporti sessuali. La pratica di dare in servitù un figlio o una figlia a saldo di un debito è attestata pure dal Codice di Hammurabi ( 117), che però menziona anche la moglie come persona che poteva essere data in servitù (per una durata massima di tre anni). Nel libro dell'alleanza, e nella legislazione biblica in generale, la possibilità di dare in servitù la moglie per pagare i propri debiti non è menzionata. 43 Nel codice deuteronomico incontriamo una norma che tratta del matrimonio con la prigioniera di guerra: [10] Quando uscirai in guerra contro il tuo nemico e il Signore tuo Dio lo metterà in tuo potere e farai prigionieri, [11] se vedrai tra i prigionieri una donna di bell'aspetto, te ne innamorerai e vorrai prenderla in moglie, [12] la farai entrare dentro la tua casa. Si raderà la testa, si taglierà le unghie, [13] si toglierà le vesti di prigioniera, siederà in casa tua e piangerà suo padre e sua madre per un mese. Dopo di ciò potrai andare da lei e possederla, e sarà per te una moglie. [14] Se non ti sarà gradita, la lascerai andare via: non potrai venderla per denaro. Non dovrai trarne guadagno dopo averla umiliata. 44 (Dt 21,10-14) Qui non si tratta di una ragazza venduta per i debiti di suo padre, ma catturata dopo una guerra vinta, una schiava dunque, non una serva. La legge consente all'israelita di prenderla come moglie, prescrivendo di concederle un mese di tempo per piangere suo padre e sua madre che non vedrà mai più. Nel caso che il padrone-marito non sia contento di lei, gli è vietato di rivenderla: deve lasciarla andare via libera. È già una umiliazione per lei il fatto di essere ripudiata, volerci anche guadagnare sopra è troppo. 42 Secondo il diritto delle figlie. Sui suoi contenuti vedi TOSATO, Matrimonio israelitico, cit., Il diritto delle figlie è menzionato in un contratto matrimoniale su coccio, rinvenuto nel 1993 nella città edomita di Maresha, che porta la data del 176 a.c. Vedi H. ESHEL - A. KLONER, «An Aramaic Ostracon of an Edomite Marriage Contract from Maresha, dated 176 B.C.E.», Israel Exploration Journal 46 (1996), Il fatto che non sia menzionata non permette certo di escludere che esistesse anche in Israele. 44 Il verbo ebraico indica una violenza esercitata su una persona più debole, non lo stupro: cfr. E. VAN WOLDE, «Does innâ Denote Rape? A Semantic Analysis of a Controversial Word», Vetus Testamentum 52 (2002),

14 Nel libro dell'alleanza abbiamo visto che una serva può andare via libera se il padrone non mantiene verso di lei gli obblighi di un marito; nel codice deuteronomico vediamo che una schiava può andare via libera se il padrone divorzia da lei. Il fatto di essere presa in moglie conferisce pertanto ad una donna, serva o schiava che sia, dei diritti che le consentono in determinati casi di riacquistare la libertà. Di matrimoni con schiave ci parla il libro della Genesi, dove non si tratta però di schiave del marito, bensì della sua prima moglie. Vediamo ad esempio Hagar, schiava egiziana di Saray, che la sua padrona, non riuscendo ad avere figli, dà in moglie ad Abram per essere costruita (= avere figli) attraverso di lei (cfr. Gen 16,1-3). I figli di una serva o di una schiava sono proprietà del padrone (cfr. Es 21,4) o padrona di lei. 45 Rimasta incinta, Hagar tratta con disprezzo Saray, 46 che se ne lamenta col marito. La risposta di Abram è istruttiva: la tua schiava è in tuo potere, agisci con lei come è bene ai tuoi occhi (Gen 16,6). Anche dopo essere divenuta moglie di Abram, Hagar resta schiava di Saray; il matrimonio non ha modificato il suo stato servile. Quando Saray la umilia, Hagar fugge, non dal marito, ma dalla sua padrona, e l'angelo del Signore che le parla nel deserto le dice di tornare non al marito, ma alla sua padrona (cfr. Gen 16,8-9). Hagar torna effettivamente da Saray, accettando di dipendere da lei come schiava. Quando però Saray (chiamata ora Sara) ha finalmente un figlio suo, chiede ad Abram (chiamato ora Abraham) di mandare via Hagar ed Ismaele, il figlio che gli ha generato (cfr. Gen 21,10), poiché non vuole che l'eredità di Abraham sia divisa tra il figlio della schiava e il figlio della libera. 47 Ciò che spinge Sara a chiedere al marito di cacciare Hagar e Ismaele è l'interesse del suo proprio figlio, Isacco, per il quale desidera che sia il solo ad ereditare dal padre. Hagar è quindi spedita fuori di casa insieme col figlio, ambedue ora giuridicamente liberi, ma privi della protezione di un marito e di un padre. 48 Hagar è la prima divorziata di cui parla la Bibbia; divorziata a causa del figlio che la prima moglie vuole escludere dall'eredità paterna. 45 Così pure per i figli di Bilha e Zilpa, schiave rispettivamente di Rachele e di Lea (cfr. Gen 30,3-13). Delle dodici tribù di Israele quattro (Dan, Naftali, Gad e Asher) discendono dai figli che Giacobbe ebbe dalle mogli schiave. 46 Il caso è trattato anche nel codice di Hammurabi ( 146), che si preoccupa di difendere i diritti della padrona. 47 Il codice di Lipit Ishtar ( 30) dispone che un uomo affranchi la schiava e il figlio avuto da lei, perché non divida l'eredità col figlio che ha avuto dalla moglie libera. La richiesta di Sara è dunque conforme al diritto vigente. 48 Giova ricordare che Ismaele era ancora molto giovane. Abramo lo ebbe all'età di ottantaquattro anni, mentre ebbe Isacco all'età di cento anni. La cacciata di Hagar avviene dopo la festa dello svezzamento di Isacco, pochi anni dopo. 74

15 Possiamo considerare in questo contesto anche la storia della concubina del Levita raccontata nel libro dei Giudici. Concubina è la traduzione italiana consueta 49 della parola ebraica pilegeš, che in Gen 35,22 qualifica Bilha, la schiava di Rachele che la sua padrona diede in moglie a Giacobbe per essere, come Sara, costruita attraverso di lei (cfr. Gen 30,3). Questo parallelo ci autorizza a ritenere che pilegeš indichi la moglie in stato servile. La traduzione concubina è in realtà fuorviante, dato che questa parola nell'uso italiano corrente indica una donna con cui un uomo va regolarmente a letto senza essere a lei legato in matrimonio. Ce ne serviremo egualmente in mancanza di termini più appropriati, avvertendo però che la concubina di cui si parla nella Bibbia è una moglie, sia pure di secondo rango. La storia narrata in Gdc 19 ha come oggetto il crimine commesso dagli abitanti della città di Givea nei confronti di un viaggiatore cui è stata offerta ospitalità per la notte. Per la nostra ricerca è di particolare interesse l'antefatto della vicenda, ossia il ritorno della concubina a casa di suo padre e la venuta del marito per riportarla a casa. Il ritorno della concubina dal padre può essere stato volontario oppure obbligato. Il testo ebraico dice che lei commise prostituzione, ossia adulterio; 50 in questo caso è logico pensare che sia stato il marito a mandarla via. L'apparato della Biblia Hebraica Stuttgartensia a Gdc 19,2 suggerisce però la possibilità che in questo versetto il verbo znh abbia il senso andare in collera, 51 attestato dalla più antica versione greca del libro dei Giudici. In questo caso si può pensare che la concubina abbia lasciato il marito ritenendosi lesa nei suoi diritti. In ogni caso quattro mesi dopo il marito si reca da lei e parla al suo cuore, 52 convincendola a tornare a casa con lui. È una storia di crisi e riconciliazione coniugale, dopo la rottura avvenuta per colpa di lei o di lui, secondo la lettura che si dà di Gdc 19,2. 49 Prima ancora latina, dato che si incontra regolarmente nella Vulgata. 50 Poco credito merita l'interpretazione di P. T. REIS, che ritiene che la concubina esercitasse la prostituzione a profitto del marito: cfr. «The Levite's Concubine: New Light on a Dark Story», Scandinavian Journal of the Old Testament 20 (2006), znh designa in senso stretto la pratica della prostituzione, e in senso lato ogni forma di promiscuità sessuale. Alcuni lessici riconoscono gli omografi znh I e znh II. 52 Parlare al cuore significa parlare per apportare conforto. Vedi Gen 34,3, dove Sichem conforta Dina, la ragazza da lui presa con la forza, promettendo di sposarla; e Os 2,16, dove un marito conforta la moglie adultera rimasta sola e abbandonata, promettendo di riprenderla con sé. 75

16 Il seguito della storia è tragico. Nel viaggio di ritorno a casa il Levita e la sua concubina devono pernottare nella città beniaminita di Givea, dove sono accolti solo da un Efraimita. Di notte alcuni delinquenti della città bussano alla porta chiedendo di conoscere 53 l'ospite. Il padrone di casa cerca di farli desistere da tale proposito, offrendo in cambio sua figlia ancora vergine. 54 Poiché i violenti non desistono, il Levita consegna loro la sua concubina ed essi ne abusano per tutta la notte. Il mattino seguente il Levita la trova morta davanti alla porta, la carica sull'asino, la porta a casa e comunica il fatto a tutto Israele chiedendo vendetta (cfr. Gdc 19,14-30). Segue una guerra tra Beniamino e le altre tribù, che termina con la sconfitta dei Beniaminiti, che rischiano addirittura di scomparire come tribù. Non si può certamente dire una storia edificante, e ci si domanda perché è raccontata. 55 Il narratore non pare affatto scandalizzato, al contrario del lettore contemporaneo della Bibbia, all'idea di un uomo che offre la moglie come oggetto sessuale al proprio posto. Il marito di questa storia non dà la vita per sua moglie, 56 ma la vendica dopo morta. Possiamo anche ricordare le dieci concubine che Davide lascia a Gerusalemme quando deve fuggire davanti ad Assalonne, mentre si porta dietro le mogli (cfr. 2 Sm 15,16). Appena arrivato a Gerusalemme Assalonne si unirà pubblicamente con le concubine (cfr. 2 Sm 16,22), per dimostrare che tutto ciò che era stato di suo padre apparteneva ora a lui. 57 Tornato a Gerusalemme dopo la sconfitta e morte di Assalonne, Davide fece rinchiudere le concubine che suo figlio aveva preso, mantenendole ma senza avere più rapporti sessuali con loro, obbligandole a vivere come vedove il cui marito è ancora vivo (cfr. 2 Sm 20,3). 53 Probabilmente in senso sessuale. Tuttavia in Gdc 20,5 il Levita dichiara che gli abitanti di Givea volevano ucciderlo. 54 Così fa anche Lot a Sodoma in una situazione analoga (cfr. Gen 19,4-8). Una figlia vergine è un bene prezioso, ma ancora più preziosa è la vita della persona cui si è dato ospitalità. 55 Poiché il re Shaul era di Givea, la storia di Gdc viene a gettare una luce negativa sulla sua figura e preannuncia la sua triste fine. 56 Probabilmente non la sua unica moglie, trattandosi di una concubina. Notiamo per inciso che Abramo, temendo per la sua vita, non si perita di concedere Sara in moglie al Faraone (cfr. Gen 12,10-16), e in seguito al re di Gerar (cfr. Gen 20,9-13). Lo stesso è disposto a fare Isacco con Rebecca, per la stessa ragione (cfr. Gen 26,6-9). Tutti questi racconti danno per scontato che la moglie non valga per il marito quanto la sua propria vita. 57 Prendere la concubina del re morto equivale ad accampare il diritto di succedergli: per questo Ishbaal si insospettisce di Avner (vedi 2 Sm 3,7) e Salomone fa uccidere Adonia (cfr. 1 Re 2,22-24). 76

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

1. Matrimonio 2. Divorzio 3. Poligamia 4. Velo

1. Matrimonio 2. Divorzio 3. Poligamia 4. Velo Sottomesse A chi?! 1. Le fonti del sapere islamico 2. Lo status della donna nell islam 3. I diritti che l islam ha garantito alla donna 4. Temi controversi: 1. Matrimonio 2. Divorzio 3. Poligamia 4. Velo

Dettagli

Attività di potenziamento e recupero

Attività di potenziamento e recupero Attività di potenziamento e recupero 7. Dio e l uomo Dio e l uomo (attività e verifiche) 1 ATTIVITA DI POTENZIAMENTO Utilizzando un motore di ricerca in Internet, o materiale fornito dal tuo insegnante,

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata.

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata. VAVVICH RAH Levitico Egli chiama Parla dell'appello di Dio ai credenti per entrare in comunione con Lui ed alla santificazione del corpo, dell'anima e dello Spirito. Queste istruzioni furono date a Mosè

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Domande e risposte sommarie sulla fede cristiana evangelica 1. Chi ti ha creato? Mi ha creato Dio. 2. Che cosa ha fatto d'altro? Egli ha pure creato ogni altra

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO Il patto matrimoniale con cui l uomo e la donna stabiliscono di vivere insieme per tutta la vita, per sua natura ordinato al bene dei coniugi ed alla procreazione

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL LUOGO DELLLA PRESENZA

IL LUOGO DELLLA PRESENZA Il Cammino sulla Spiritualità familiare si articola in due anni durante i quali lavoreremo alla costruzione della Chiesa domestica seguendo lo schema: la famiglia ad intra e la famiglia ad extra. IL LUOGO

Dettagli

C'è della muffa in casa tua?

C'è della muffa in casa tua? Domenica, 16 novembre 2008 C'è della muffa in casa tua? Levitico 14:33-48- Il Signore parlò ancora a Mosè e ad Aaronne, e disse: Quando sarete entrati nel paese di Canaan, che io vi do come vostro possesso,

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

APPUNTI SUL FIDANZAMENTO NEL N.T. (don Gerardo Antonazzo) Operatori di pastorale familiare 27 gennaio 2011

APPUNTI SUL FIDANZAMENTO NEL N.T. (don Gerardo Antonazzo) Operatori di pastorale familiare 27 gennaio 2011 APPUNTI SUL FIDANZAMENTO NEL N.T. (don Gerardo Antonazzo) Operatori di pastorale familiare 27 gennaio 2011 L ISTITUTO DEL FIDANZAMENTO E DEL MATRIMONIO IN ISRAELE A. VERSO IL MATRIMONIO 1. La scelta della

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne Newsletter n 6 Ottobre e Novembre 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

La donna nelle società paleolitiche

La donna nelle società paleolitiche La donna dell antichità La donna nelle società paleolitiche Nel Paleolitico i gruppi sociali erano nomadi, si procuravano il necessario per vivere attraverso la caccia e la raccolta e si spostavano alla

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014 I LICEO EUROPEO FINALITA FORMATIVE: L alunno deve riconoscere che la domanda di assoluto è presente in ogni uomo e quindi come la religione sia fortemente ancorata alla dimensione esistenziale dell uomo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

Note al Codice di famiglia Algerino approvato il 27 febbraio 2005 ( vecchio codice del 1984)

Note al Codice di famiglia Algerino approvato il 27 febbraio 2005 ( vecchio codice del 1984) Note al Codice di famiglia Algerino approvato il 27 febbraio 2005 ( vecchio codice del 1984) di Gabriella Friso CAPITOLO III DEL MANTENIMENTO (traduzione letterale: pensione alimentare - Il "Mantenimento

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO 18 settembre INTRODUZIONE VESPRI V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto.. Alleluia INNO San Giuseppe onoriamo: la sua virtù sublime l'ordine

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO

2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO SCHEDA 5 (per operatori) Nota introduttiva 2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO Questa scheda può essere una lectio sulla pagine delle nozze di Cana, completata dalla Lettera ai fidanzati di Giordano

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo Alice Walker Non restare muti Traduzione di Silvia Bre nottetempo 1. Tre anni fa Tre anni fa ho visitato il Ruanda e il Congo Orientale. A Kigali ho reso omaggio alle centinaia di migliaia di neonati,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE LOMBARDO piazza Fontana 2 20122 Milano 02/8556.223 fax 02/8556.414

TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE LOMBARDO piazza Fontana 2 20122 Milano 02/8556.223 fax 02/8556.414 TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE LOMBARDO piazza Fontana 2 20122 Milano 02/8556.223 fax 02/8556.414 NORME E INFORMAZIONI PER LA CONSULENZA DA DARE ALLA PERSONA RICHIEDENTE Gentile Signora, Egregio Signore,

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

PRENDERE LA PROPRIA CROCE

PRENDERE LA PROPRIA CROCE PRENDERE LA PROPRIA CROCE Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a sé stesso, prenda la sua croce e mi segua. 25 Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà;

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

4ª Domenica di Pasqua (A) Gesù, Buon Pastore Sono venuto affinché tutti abbiano vita, e vita in abbondanza! Giovanni 10,1-10

4ª Domenica di Pasqua (A) Gesù, Buon Pastore Sono venuto affinché tutti abbiano vita, e vita in abbondanza! Giovanni 10,1-10 Sulla strada di Emmaus a cura dei Carmelitani IV Domenica di Pasqua (Anno A) (13/04/2008) Vangelo: Gv 10,1-10 4ª Domenica di Pasqua (A) Gesù, Buon Pastore Sono venuto affinché tutti abbiano vita, e vita

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9

Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9 Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9 Sermone 25 Testo: Ebrei 11:4 Data predicato: 3 novembre 2013 Titolo: La fede di Abele *Per favore, aiutate Mirko e Simona. Grazie! Per capire in che modo, ecco il link

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

L'UOMO SCEGLIE SE' C 0 N S E G U E N Z E D I U N A S C E L T A

L'UOMO SCEGLIE SE' C 0 N S E G U E N Z E D I U N A S C E L T A PARROCCHIA REGINA PACIS Via Poli S. Lucia STUDIO DELLA BIBBIA Scheda n. 14 (2007) L'UOMO SCEGLIE SE' C 0 N S E G U E N Z E D I U N A S C E L T A Attraverso il racconto ricco di umanità, dei capitoli 2

Dettagli

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza La forza dei simboli Elisabeth Löh Manna In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza che i simboli ricoprono nella nostra vita, ci aiuta a discernere quando se ne abusa

Dettagli

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum Giulia Piovano Un complotto in Julia Augusta Taurinorum I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

Preghiera per la famiglia

Preghiera per la famiglia Domenica 4 ottobre 2009 a San Fidenzio: Chiesa e famiglia: verso una maggior corresponsabilità Preghiera per la famiglia Fa o Signore che nella nostra casa quando si parla, sempre ci si guardi negli occhi.

Dettagli

Es 19,1-24,11: l'alleanza sul Sinai

Es 19,1-24,11: l'alleanza sul Sinai Es 19,1-24,11: l'alleanza sul Sinai 1. Es 19,1-20,26: L'ALLEANZA ED IL DECALOGO Composizione Ecco come si può considerare composto il testo, composto concentricamente: ABCB'A'. In A e A' JHWH richiama

Dettagli

Nel nostro paese è possibile divorziare grazie alla legge 898 del 1970. Da allora sono

Nel nostro paese è possibile divorziare grazie alla legge 898 del 1970. Da allora sono IL FUNERALE DEL MATRIMONIO Nel nostro paese è possibile divorziare grazie alla legge 898 del 1970. Da allora sono sempre in crescendo le coppie che decidono di intraprendere questa strada, basti pensare

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. È un cam m ino di preghiera m olto presente nella tradizione della Chiesa: essa aiuta i credenti a far m em oria della passione del Salvatore per rendere presente il suo am ore salvifico nella loro vita

Dettagli