Il governo delle piene nel Bacino del Fiume Tevere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il governo delle piene nel Bacino del Fiume Tevere"

Transcript

1 LA DIRETTIVA EUROPEA «ALLUVIONI»: VERSO UNA NUOVA GESTIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO Libera Università di Bolzano Novembre 2013 Il governo delle piene nel Bacino del Fiume Tevere Ingg. Nicola BERNI, Claudia PANDOLFO Angelo VITERBO e Loredana NATAZZI

2 Indice 1) Governo delle piene: inquadramento tematica e quadro normativo/istituzionale 2) Governo delle piene nel bacino del F. Tevere 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente al cedimento di parte dello sfioratore della Diga di Montedoglio; nel bene: laminazione piene alto e medio Tevere 2005, 2008, 2010, 2012 e Diga di Corbara Fiume Tevere, 14 novembre 2012

3 Regolazione delle piene: problematica affrontata già dagli antichi romani Fonte: archivi dello stato pontificio. Muro grosso romano (traversa di laminazione delle piene a bocca tarata) sul T.Chiani a monte della stretta di Olevole per la salvaguardia di Roma da parte delle piene del T. Chiani 3

4 Regolazione delle piene: problematica affrontata già dagli antichi romani Fonte: archivi dello stato pontificio. Muro grosso romano (traversa di laminazione delle piene a bocca tarata) sul T.Chiani a monte della stretta di Olevole per la salvaguardia di Roma da parte delle piene del T. Chiani Traversa per la laminazione delle piene sul F. Corno (loc. Ruscio, Monteleone di Spoleto) 4

5 1) Governo piene all interno delle azioni di prevenzione e mitigazione del rischio idraulico AZIONI STRUTTURALI Realizzazione opere di messa in sicurezza per le aree sottoposte a rischio elevato Manutenzione delle opere di difesa AZIONI NON STRUTTURALI Mappatura aree a rischio, pianificazione territoriale, ecc Sistemi di previsione, monitoraggio strumentale in tempo reale, presidio territoriale, valutazione (dinamica) degli scenari di rischio e degli effetti al suolo attesi per le fasi di supporto alle decisioni, governo delle piene, informazione alla popolazione, primo intervento di contrasto, attuazione della pianificazione d emergenza.

6 1) Governo piene: principali riferimenti normativi 1. Legge 24 febbraio 1992, n. 225 e s.m. e i.: Istituzione del Servizio nazionale della protezione civile ; 2. Decreto Legislativo n. 112/1998: "Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59 ; 3. Circolare DSTN/2/7019 del 19 marzo 1996 "Disposizioni inerenti l'attività di protezione civile nell'ambito dei bacini in cui siano presenti dighe ; 4. Circolare DSTN/2/22806 del 13 dicembre 1995: "Disposizioni attuative e integrative in materia di dighe". 5. Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 e s.m. e i.: "Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di protezione civile ; 6. Decreto Legislativo, n. 49, del 23/02/2010: recepimento della Direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione ed alla gestione del rischio alluvioni.

7 Recepimento Direttiva Alluvioni 2007/60/CE: D.Lgs. n 49 del 23 febbraio 2010 Aspetti che riguardano le Regioni e le Province Autonome: Art.3 c.2 Le regioni, in coordinamento tra loro e con il Dipartimento Nazionale della protezione civile, provvedono, ai sensi della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 27 febbraio 2004, e successive modificazioni, pubblicata nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 59 dell'11 marzo 2004, per il distretto idrografico di riferimento, alla predisposizione ed all'attuazione del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale, per il rischio idraulico ai fini di protezione civile, secondo quanto stabilito all'articolo 7, comma 3, lettera b). Art.7 c.3 b) le regioni, in coordinamento tra loro, nonche' con il Dipartimento nazionale della protezione civile, predispongono, ai sensi della normativa vigente e secondo quanto stabilito al comma 5, la parte dei piani di gestione per il distretto idrografico di riferimento relativa al sistema di allertamento, nazionale, statale e regionale, per il rischio idraulico ai fini di protezione civile, di cui alla direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 27 febbraio 2004, con particolare riferimento al governo delle piene. (ART.7 c.2: attuazione prioritaria di interventi non strutturali)

8 1) Governo delle piene: cosa è? Nell ambito della azioni non strutturali per la gestione del rischio idraulico, il governo delle piene è un insieme di attività finalizzate alla prevenzione ed alla riduzione del rischio nel caso di eventi di piena: 1) previsione, monitoraggio e sorveglianza (attuate attraverso la rete nazionale dei Centri Funzionali); Portate (m 3 /s) Esempio di laminazione della piena del F. Chiascio - novembre da parte della Diga di Casanuova Comune di Valfabbrica) /11/12 0:00 11/11/12 0:00 12/11/12 0:00 13/11/12 0:00 14/11/12 0:00 15/11/12 0:00 16/11/12 0:00 17/11/12 0:00 Data (gg/mm/aaaa) Pianello Branca

9 1) Governo delle piene: cosa è? 2) presidio territoriale idraulico (strutture regionali o provinciali). La normativa vigente intende estendere le attività di servizio di piena e di pronto intervento idraulico, disciplinati dal R.D. n. 523/1904 e dal R.D. n. 2669/1937, dai soli tronchi fluviali classificati di prima e seconda categoria a tutte le aree nel frattempo classificate ad elevato rischio idraulico del reticolo idrografico principale, secondario e minore; 3) Regolazione dei deflussi attraverso gli invasi presenti nel bacino idrografico. Attività fino a poco tempo fa affidate al solo «documento di protezione civile» di cui alla Circolare «Barberi» DSTN/2/7019 del 19 marzo 1996, e quindi prive di un reale governo organizzato. Il recente quadro legislativo (esempio Fiume Po da quest anno) prevede un percorso di lavoro ben preciso.

10 1) Governo delle piene: soggetti istituzionali coinvolti La normativa vigente individua nelle Regioni, in forma singola oppure d'intesa tra loro (con l eventuale concorso del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile), i soggetti che devono assolvere a tale attività. Nel caso di eventi di piena che coinvolgano bacini che interessano più Regioni, il DPC promuove ed indirizza, anche attraverso la rete dei Centri Funzionali, l interscambio e la condivisione delle informazioni tra tutti i soggetti interessati al governo della piena. Per il governo delle piene in tali circostanze, l evento viene gestito dall Unità di Comando e Controllo (UCC) che rappresenta l autorità di protezione civile per il governo delle piene (tavolo politico istituzionale costituito dai vertici delle Regioni, del Ministro dell Ambiente, del DPC o loro delegati).

11 1) Unità di Comando e Controllo: la decisione Nei bacini di interesse nazionale in cui insistono dighe iscritte nel Registro italiano dighe, il governo e la gestione dei deflussi durante un evento di piena comporta il concorso di molte amministrazioni statali, regionali e locali afferenti al bacino. Per mitigare gli effetti di una piena in tali contesti è prevista l istituzione di una Unità di Comando e Controllo (UCC), che rappresenterà l Autorità di protezione civile per il governo delle piene. Riferimento attuale la DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 febbraio Indirizzi operativi per l istituzione dell Unità di Comando e Controllo del bacino del fiume Po ai fini del governo delle piene, nonché modifiche ed integrazioni alla Direttiva del P.C.M. del 27/02/2004 e s. m. e i.

12 1) Unità di Comando e Controllo: la decisione L UCC, sulla base delle informazioni fornite dai Centri regionali di coordinamento tecnico idraulico (rappresentanti del Centro Funzionale coinvolto, della Direzione Generale delle Dighe del Ministero Infrastrutture e trasporti, delle autorità idrauliche competenti e dell Autorità di Bacino, principalmente), sulla base degli scenari in atto e previsti, assume decisioni sulle possibili azioni necessarie a fronteggiare, e, se possibile, ridurre gli effetti determinati dall evento di piena, al fine di tutelare l integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l ambiente. Il Documento di base su cui basare le decisioni è il.

13 1) Piano di Laminazione: cosa è? Necessità di organizzare un adeguata attività di regolazione dei deflussi dagli invasi artificiali presenti sul bacino, per concorrere a limitare gli effetti delle piene: i soggetti istituzionali preposti, attraverso i gestori delle opere idrauliche, sono tenuti ad attuare la massima laminazione possibile dell evento di piena atteso con il rilascio di portate compatibili con l alveo di valle. A tal fine deve essere primariamente valutata, attraverso studi specifici, l'influenza che possono esercitare i volumi accumulabili negli invasi significativi presenti sulla formazione e propagazione dell'onda di piena a valle. Per tali invasi le Regioni, con il concorso tecnico dei Centri Funzionali, delle autorità idrauliche competenti (di solito le Province), dell'autorità di bacino e del Registro italiano dighe, d'intesa con i gestori, sotto il coordinamento del Dipartimento della protezione civile, predispongono ed adottano un piano di laminazione.

14 1) Piano di Laminazione: cosa è? Per diversi e possibili prefigurati scenari d'evento e per ciascuna diga, il piano di laminazione deve prevedere prioritariamente le misure e le procedure da adottare per la salvaguardia della incolumità della vita umana, dei beni, degli insediamenti e dell'ambiente. Valutata la massima portata di piena transitabile in alveo a valle dello sbarramento e contenuta nella fascia di pertinenza fluviale come delimitata dalla competente Autorità di bacino, possono essere individuate due diverse procedure: un programma statico o un programma dinamico, per rendere disponibile con un adeguato anticipo i volumi utili ai fini della laminazione della piena. 1) programma statico: mantenimento, con continuità e durante i periodi dell'anno valutati critici per il verificarsi di eventi di piena, di una quota di invaso minore della quota d' esercizio autorizzata. 2) programma dinamico: nel tempo reale prevede l'esecuzione di manovre preventive e/o nel corso dell'evento per rendere disponibili i volumi necessari.

15 1) Piano di Laminazione: cosa è? Tali manovre sono eseguite sulla base di previsioni quantitative delle precipitazioni sul bacino a monte e dei conseguenti deflussi attesi all'invaso, nonché sulla base dello stato dell'invaso e della portata territorialmente sostenibile a valle dello stesso; le manovre possono rendere necessaria comunque l'attivazione del piano di emergenza a valle della diga stessa. I documenti di protezione civile già redatti ai sensi della circolare DSTN/2/7019 del 19 marzo 1996 sono di fatto modificati ed integrati con le disposizioni che scaturiscono da questa attività. NB: Oggi, assieme alla concertazione relativa all omogeneizzazione dei messaggi di allerta nazionali e al Servizio Meteorologico Nazionale Distribuito (SMND) è in corso la concertazione di uno schema di Direttiva che andrà a sostituire la Circolare PCM DSTN/2/7019 ed integrare la DSTN/2/22806 (nuovi aspetti del Documento di Protezione Civile, modifica sul sistema di comunicazioni, ecc..)

16 2) Bacino idrografico del Fiume Tevere 6 Regioni: Toscana, Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo, Umbria, Lazio 14 Province: Ancona, Arezzo, Ascoli Piceno, Forlì, Frosinone, Grosseto, L Aquila, Macerata, Perugia, Rieti, Roma, Siena, Terni, Viterbo 357 Comunitra cui Roma abitanti: 90% nelle città principali Rilevanti aspetti di beni culturali a rischio

17 2) Caratteristiche del territorio umbro Superficie Regionale ~ 8500 km 2 Superficie bacino idrografico dell Alto-Medio Tevere~ km 2 95,1 % dell Umbria nel bacino del Tevere (Umbria 46,9 % del bacino stesso) Topografia complessa prevalentemente collinare/monuosa, con quote dai 50 ai 2500 m s.l.m. Litologia: facies terrigene e depositi flyschioidi. Uso del suolo: agricoltura/terre arate (53.6%), foreste(22.4 %), urbanizzato(2.8 %). Precipitazioni: MA ~ 1000 mm. Temperature: media annuale ~ 11 C. Baciniartificialidi interesse(dighe di Montedoglio, Casanuova e Corbara).

18 Il rischio idraulico in Umbria (fonte Servizio regionale Risorse Idriche e Rischio Idraulico) Le fasce di pericolosità idraulica lungo il reticolo idrografico principale e secondario (quasi 1000 km lineari studiati) occupano 426 Km 2,(5% superficie regionale). Il 55% è classificata in fascia A, con tempi di ritorno di 50 anni. Gli edifici nelle fasce di pericolosità del reticolo principale sono (45% a prevalente destinazione abitativa) e nel reticolo secondario (59% a prevalenza abitativa). Reticolo Principale Fascia A: 97.3 kmq; Fascia B: 44.2 kmq; Fascia C: 25.4 kmq Reticolo Secondario Fascia A: kmq; Fascia B: 47.3 kmq; Fascia C: 86.1 kmq

19 Il rischio idraulico in Umbria (fonte Servizio regionale Risorse Idriche e Rischio Idraulico) Varietà di fenomeni: debrs flow, flash floods, rotte arginali su aree di bonifica, piene fluviali tipiche di medio grandi fiumi

20 2) sbarramenti di interesse per l Umbria 11 dighe di competenza dell ex RID (oggi Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ufficio Dighe): 3 in Toscana ma di interesse interregionale (bacino idrografico del Fiume Tevere); Volume complessivo invasato di circa 600 Milioni di m 3 di acqua; 2 grandi dighe a uso plurimo (Montedoglio sul Tevere e Casanuova sul Chiascio); 4 dighe ad uso irriguo, le restanti uso idroelettrico; Circa 1400 invasi di competenza regionale (1200 in Provincia di Perugia e 200 Provincia di Terni), con l incidenza di circa 1,8 crolli parziali/totali all anno (specialmente quelli realizzati in terra).

21 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Per il Tevere, il DPCN ha istituito, nel maggio 2004 presso l Autorità di Bacino del Fiume Tevere, un Tavolo tecnico con il compito di definire la regolazione dei deflussi ai fini del Governo delle piene. Studi/Documenti pregressi e disponibili sull argomento per il Bacino del Fiume Tevere 1) Gestione integrata degli Invasi dei Proff.Ing. Ubertini e Calenda (ABT 1993); 2) Informazioni e fogli condizioni/esercizio e piani di protezione civile per le dighe del bacino

22 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Tratti fluviali analizzati Alto-Medio Tevere: Autorità di Bacino Dipartimento Protezione Civile Registro Italiano Dighe Provincia di Perugia Regione Toscana Regione Umbria Provincia di Arezzo Ente Irriguo Umbro Toscano Corbara-Castel Giubileo Autorità di Bacino del Fiume Tevere Dipartimento della Protezione Civile Registro Italiano Dighe Regione Umbria Regione Lazio ARDIS Provincia di Terni Consorzio di Bonifica della Val di Paglia Superiore ENDESA ENEL Soggetti istituzionali coinvolti Soggetti istituzionali coinvolti (es. primi due schemi)

23 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Sbarramenti selezionati: Sistema Alto-Medio Tevere Invaso Chiascio-Valfabbrica Invaso Montedoglio Traversa sul Sovara Sistema Corbara- Castel Giubileo Invaso Elvella Cassa di espansione sul Chiani Invaso Corbara Traversa Alviano Traversa Ponte Felice Traversa Nazzano Traversa Castel Giubileo Sistema Nera-Velino Aja Stifone San Liberato Salto Turano Centrale di Cotilia Piediluco Traversa sul Fiume Corno Sistema Aniene San Cosimato Fiumerotto San Giovanni

24 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Tratto Invasi interessati Zone difendibili Riduzione possibile Volume a disposizione CHIASCIO A VALLE DI INVASO VALFABBRICA Valfabbrica Torgiano e Bastia Portate con tempi di ritorno < 50 anni 30 Mm 3 TEVERE A VALLE INVASO MONTEDOGLIO Montedoglio Citta di Castello, Umbertide Portate con tempi di ritorno = 50 anni 20 Mm 3 A VALLE CONFLUENZA CON IL CHIASCIO Montedoglio/ Chaiscio Deruta Portate con tempi di ritorno = 50 anni 50 Mm 3 (*) A VALLE DI CORBARA Corbara Orte, Monterotondo, Settebagni, castel Nuovo di Porto Portate con tempi di ritorno < 50 anni 60 Mm 3 VELINO A VALLE DEL SALTO Salto Rieti Portate con tempi di ritorno = 50 anni 20 Mm 3 (**) (40 Mm 3 ) A VALLE DEL TURANO Turano Area a valle di Rieti Portate con tempi di ritorno = 50 anni 20 Mm 3 (***) (40 Mm 3 ) NERA A VALLE DELLA CONFLUENZA CON IL VELINO Salto/Turano Area di Terni Portate con tempi di ritorno < 50 anni 80 Mm 3 NB: attraverso gli scenari di riferimento individuare misure adeguate per garantire lo sfasamento dei picchi di piena monte-valle

25 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Primo Piano di Laminazione del Tevere (ai sensi della Direttiva PCM, 27/02/2004 ) Scopo del piano: (redatto nel 2005 da DPCN, ABTevere, Regioni, gestori, RID, ed approvato, purtroppo, SOLO dalla Giunta regionale dell Umbria con DGR 1102 del 28/06/2006 quindi NON COGENTE) a) le condizioni ottimali di laminazione per l attenuazione delle inondazioni; b) le condizioni ottimali di gestione dei volumi in eccesso per vari scopi evitando problemi nell asta a valle; Il piano prevede: 1) Laminazione statica (volumi di laminazione fissi) Dighe di MONTEDOGLIO e CASANUOVA 2) Laminazione dinamica (scarico controllato della portata in funzione delle reali condizioni osservate e/o previste) Diga di CORBARA Diga di MONTEDOGLIO Fiume TEVERE h=54m, V=153 Mm 3 Diga di CASANUOVA Fiume CHIASCIO h=74m, V=200 Mm 3 Diga di CORBARA Fiume TEVERE h=52m, V=192 Mm 3

26 2) Governo delle Piene nel Tevere: Saladin CASO DI STUDIO: PIENA DEL TEVERE del DICEMBRE 2008 Simulazione della UCC virtuale con SALADIN: gestione della piena in modalità dinamica MODULO INVASI di SALADIN: funzione ANALIZZA SCENARI per la caratterizzazione degli effetti di applicazione di diversi scenari di svaso/invaso (Figura 3 di 4 sull'analisi dei livelli e/o volumi simulati in tempo reale all'invaso selezionato dai modelli di preannuncio in seguito all'applicazione di una della manovre di svaso previste Autorità di Bacino del fiume Tevere Programma operativo di laminazione di tipo dinamico e la definizione dei modelli di preannuncio in tempo reale

27 2) Governo delle Piene nel Tevere: Dewetra LA PIATTAFORMA DEWETRA Applicazione web 2.0: software web-gis dedicato al monitoraggio degli eventi in atto ed alla valutazione del rischio naturale ed antropico sul territorio nazionale. Autorità di Bacino del fiume Tevere Programma operativo di laminazione di tipo dinamico e la definizione dei modelli di preannuncio in tempo reale

28 I Centri Funzionali la gestione del sistema di allerta nazionale è assicurata dal Dipartimento della protezione civile, dalle Regioni e dalle Province autonome attraverso la Rete dei Centri Funzionali, nonché le strutture regionali ed i centri di competenza chiamati a concorrere funzionalmente ed operativamente a tale rete (punto 1 della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 Febbraio 2004) Effettuano attività di previsione Collaborano nelle: Attività di sorveglianza, vigilanza e contrasto Individuazione dell evento Valutazione del rischio indotto Monitoraggio strumentale e previsione dell evento e degli effetti a brevissimo termine Attività di vigilanza non strumentale Interventi di contrasto per la riduzione del rischio in tempo reale Attività di prima gestione emergenziale dell evento Informazione della popolazione Attuazione della pianificazione d emergenza

29 Il Centro Funzionale della Regione Umbria Ottobre 2006: istituita nuova sezione presso Servizio Difesa del Suolo Marzo 2007: primo ufficio operativo presso il Centro Regionale di Protezione Civile (CRPC) di Foligno Dicembre 2007: adozione atti regionali propedeutici alla richiesta di attivazione formale da parte del DPC (DDGR 2312 e 2313/07) Dicembre 2008: Protocollo di Intesa DPC-RU (anche aspetti di governo delle piene) Febbraio 2010: attivazione formale CFD Umbria (D.P.G.R. 26/2010) 13 Novembre 2010: passaggio sezione Centro Funzionale da Servizio regionale Risorse Idriche e Rischio Idraulico a quello Protezione Civile, attivazione CRPC

30 Rischio idrogeologico ed idraulico in Regione Umbria: strumenti oggi disponibili per la previsione e prevenzione Reti di Monitoraggio idrometeorologico tradizionali in tempo reale Sensori sperimentali (umidità suolo, velocità superficiale, portata, ecc ) Individuazione soglie e zone di allerta Sistemi automatici di segnalazione superamento soglie Procedure di allertamento Presidi Territoriali Modelli previsionali meteo quantitativi (QPFs) Immagini e dati radar e satellitari Modelli di preannuncio frane e alluvioni Scenari statici di pericolosità frane e alluvioni Scenari statici di rischio frane e alluvioni Produzione di scenari dinamici di rischio frane e alluvioni Web GIS e Sistemi di Supporto alle Decisioni (DSS) web based

31 Prevedibilità degli eventi, incertezza e precursori Intesità Scala temporale Portate critiche per bacino idrografico Dimensioni piccole S<10 Km 2 (sistemi idrici urbani e reticolo minore/marginale, es. T.Scatorbia) Previsioni Meteorologiche (PQFs/satellite/radar) Dimensioni medie 10<S<1000 Km 2 (reticolo secondario, es. F.Chiascio alla confluenza nel F.Topino) Pluviometri Dimensioni grandi S>1000 Km 2 (reticolo principale, es.f.tevere ai ponti di Perugia) Idrometri Incertezza Fonte De Bernardinis

32 Rete di Monitoraggio idrometeorologico in tempo reale 126 Stazioni in Regione Umbria (in media una ogni 65 km2) 15 stazioni umidità del suolo 1 Radar Meteo (DPCN) 72 Idrometri (con aggiornamento quasi annuale di 41 scale deflusso e circa 400 misure/anno) 88 Pluviometri 76 Termometri e altri sensori meteo

33 Regione Umbria Macrobacini idrografici di interesse ai fini dell allertamento F. Tevere a M. Molino A b 5300 km 2 F. Chiani-Paglia a Orvieto S. A b 1275 km 2 F. Nera a T. Orsina A b 1360 km 2

34 Fonte: Biacchi (Eon)

35 Modellistica idrologico-idraulicaidraulica per la previsione delle piene Input M. Idrologico M. Idraulico Mobidic bacino MISDc Hec-HMS Hec-RAS SANTA LUCIA STaFoM 2,3,4,5,6 6(3+3),7(3+4),8(4+4) PIERANTONIO 8(4+4),9(4+5),10(5+5) 3,4,5,6,7 PONTE FELCINO 1,2,3,4,5,6 7(3+4),8(4+4), 8(3+5),9(4+5) PONTE NUOVO 2,3,4,5,6 MONTE MOLINO riverflo-2d

36 MISDc (Modello Idrologico Semi-Distribuito in continuo) Sviluppato dal CNR-IRPI Perugia Gruppo di Idrologia Experimental Catchment MatLab INPUT P, T obs 20 gg formato ascii Parametri 5 INPUT P obs formato ascii Parametri 6 Dt calcolo ~ 1-2 min (ogni 20 min) OUTPUT H for, Qfor formato ascii

37 MISDc (Modello Idrologico Semi-Distribuito in continuo)

38 STAFOM (STAge FOrecasting Model) Sviluppato dal CNR-IRPI Perugia Gruppo di Idrologia STAFOM è un modello idrologico di routing basato sul metodo Muskingum per la previsione dei livelli idrometrici in tempo reale. INPUT h d (t f ), Q u (t f ) formato ascii Parametri 5 Q u (t f ) h d (t f ) monte MatLab valle F. Chiani F. Paglia F. Tevere h d (t f + t*) F. Chiascio F. Topino Dt calcolo ~ 1-2 min (ogni 20 min)

39 HEC-HMS (USACE - United States Army Corps of Engineers) Software libero di simulazione idrologica, al cui interno sono implementate le principali formulazioni utilizzate nella pratica idrologica. Il sistema idrografico è rappresentato con una struttura ad albero (sottobacini, canali, junction, invasi, diversion, sorgenti, pozzi). *.DSS INPUT P obs formato *.DSS (USACE) Parametri 3 Dt calcolo ~ 1-2 min (ogni bacino) (ogni 30 min) *.DSS OUTPUT Q for formato *.DSS (USACE)

40 HEC-RAS (USACE - United States Army Corps of Engineers) Software libero di simulazione idraulica. Modello idraulico in moto vario strutture idrauliche *.DSS TevereA Plan: scale deflusso 14-Jan-10 ponte ferroviario di Ponte San Giovanni ad archi in muratura *.DSS Legend strutture idrauliche WS Max WS Ground Ineff Bank Sta 190 INPUT Output HecHMS formato *.DSS (USACE) Parametri 1 Elevation (m) Station (m) sez. trasversale Tratto da Gorgabuia a Monte Molino (160 km sezioni - oltre 40 strutture - Delta x=300 m ca) Dt calcolo ~ 20 min (ogni 30 min) profilo longitudinale OUTPUT h for, Q for formato *.DSS (USACE)

41 HEC-HMS + HEC-RAS (USACE) Hec-HMS Hec-RAS Shapefile delle aree potenzialmente allagabili Aggiornato ogni 30 minuti

42 Piattaforma web: (sviluppato in collaborazione con il CF della Regione Toscana) I risultati in tempo reale dei modelli sono consultabili (con profilatura user-password) all interno della piattaforma di supporto alle decisioni basata su tecnologie Web open source (Php Phpe MySql):

43 Piattaforma web: Monitoraggio in Tempo reale (grafici e tabelle): Precipitazioni Idrometria livelli/portate Anemometria Termometria

44 Piattaforma web: Previsioni meteorologiche Zone e soglie idropluviometriche di allerta Dati RT e anagrafica rete monitoraggio Telerilevamento (MSG, fulminazioni, radar) Abachi, statistiche, dati storici, rapporti evento Modelli di previsione rischio idrogeologico idraulico Bollettini e Avvisi Meteo e di Criticità, Procedure operative informazioni sulle principali dighe Supporto ad attività multirischio Web-Gis Esempio: Immagini satellitari (MSG), fulminazioni, radar

45 Piattaforma web:

46 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 Fine dicembre 2010: occasione favorevole per completare procedure di collaudo e per raggiungere, per la prima volta, la quota di massima regolazione. Diga Montedoglio, 27/12/2010: raggiungimento quota 394,6 m slm e inizio sfioro Alle ore del 29 dicembre l Ente gestore comunica via fax l ALLARME TIPO 2 ( collasso dell opera di ritenuta e imminenza di un evento catastrofico da Circolare del 1996) dovuto alla rottura di due conci dello scarico di superficie con una portata iniziale stimata attorno ai m 3 /s.

47 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 attivazione procedure d emergenza per i territori di valle (Regioni Toscana e Umbria); apertura immediata h24 di Centri Funzionali e Sale Operative regionali per il monitoraggio strumentale; attivazione immediata dei Presidi Territoriali Idraulici dislocati nei nodi critici del reticolo fluviale a valle della diga; Centri Coordinamento Soccorsi (CCS) c/o Prefetture UTG di Arezzo e Perugia; Aperura Centri Operativi Comunali (COC) c/o i Comuni interessati dal passaggio della piena attesa; chiusura di tutti i ponti critici; evacuazione preventiva di circa 400 persone c/o 10 aree di prima accoglienza predisposte tra Toscana e Umbria.

48 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 Circa 60 Mm 3 potenzialmente interessati!!

49 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 Circa 60 Mm 3 potenzialmente interessati!! 1 idrometro A valle Idrometri disponibili tra diga Montedoglio e diga Corbara (6 in telemisura)

50 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 Al momento dell allarme, uscivano dalla diga portate di m 3 /s, valori di molto superiori alle portate transitabili a valle e associabili a tempi di ritorno tra i 200 e 500 anni. Per stimare gli scenari di pericolità e rischio a valle dello sbarramento sono stati impiegati i modelli disponibili c/o il CF umbro: modelli idrologici di routing (Stafom, del CNR-IRPI) ed idraulici (Hec-RAS) implementati in moto vario (gli unici funzionanti in assenza di precipitazioni previste e/o osservate) Observed Simulated Stafom Discharge (m 3 /s) Hec-RAS 29/12/201012:00 30/12/201012:00 31/12/201012:00 Time (gg/mm/aaaa hh:mm)

51 3) Casi studio reali: nel male, male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio Montedoglio,, 29 Dicembre 2010 Al momento dell allarme, uscivano dalla diga portate di m3/s, valori di molto superiori alle portate transitabili a valle e associabili a tempi di ritorno tra i 200 e 500 anni. Per stimare gli scenari di pericolità e rischio a valle dello sbarramento sono stati impiegati i modelli disponibili c/o il CF umbro: modelli idrologici di routing (Stafom, del CNR-IRPI) ed idraulici (Hec-RAS) implementati in moto vario (gli unici funzionanti in assenza di precipitazioni previste e/o osservate). 500 Observed Simulated Stafom Discharge (m3/s) Hec-RAS 0 29/12/ :00 30/12/ :00 31/12/ :00 Time (gg/mm/aaaa hh:mm)

52 3) Casi studio. Nel bene: laminazione delle piene. Esempio alluvione novembre 2005 Repentino innalzamento termico, scioglimento nivale e pioggia media areale sull intero bacino di monte del Tevere fino a 140 mm in 48 ore.

53 3) Casi studio. Nel bene: laminazione delle piene. Esempio alluvione novembre 2005 Repentino innalzamento termico, scioglimento nivale e pioggia media areale sull intero bacino di monte del Tevere fino a 140 mm in 48 ore. 1600,0 1400,0 1200,0 1000,0 800,0 600,0 S.Lucia Pierantonio Ponte Felcino P.te Nuovo Monte Molino 400,0 200,0 0,0 25/11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ portate (m^3/s) tempo (giorno - ora)

54 3) Casi studio. Nel bene: laminazione delle piene. Esempio alluvione novembre 2005 portate (m^3/s) Diga di Montedoglio sul Fiume Tevere ingressi Montedoglio Gorgabuia /11/ /11/ Effetto di laminazione (statica): 26/11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ tempo (giorno - ora) Portata di picco dell onda di piena in ingresso: Volume invasato: Portata massima in uscita durante la piena: 420 m^3/s 25 milioni di m^3 3 m^3/s 54

55 3) Casi studio. Nel bene: laminazione delle piene. Esempio alluvione novembre 2005 Cosa sarebbe successo a Città di Castello senza effetto laminazione diga? Qmax = 815 m^3/s circa la portata di TR500 anni! ingressi Montedoglio Gorgabuia S.Lucia ingressi Montedoglio + S.Lucia 600 portate (m^3/s) /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ tempo (giorno - ora) 55

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004 Pubblicata nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale dell 11 marzo 2004 n. 59 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011 Piano di Ambito Revisione Triennio 2009-2011 ALLEGATO 3 CANONI DI CONCESSIONE per: - concessioni ex ANAS - concessioni ANAS-Ferrovie - concessioni derivazioni idriche - concessioni ai fini idraulici REPORT

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

SOLUZIONI WIRELESS PER LA PREVISIONE, PREVENZIONE E MITIGAZIONE DEI RISCHI AMBIENTALI

SOLUZIONI WIRELESS PER LA PREVISIONE, PREVENZIONE E MITIGAZIONE DEI RISCHI AMBIENTALI SOLUZIONI WIRELESS PER LA PREVISIONE, PREVENZIONE E MITIGAZIONE DEI RISCHI AMBIENTALI I.CO INNOVATIVE COMPANY I.Co Innovative Company Srl si occupa di rispondere a bisogni latenti, studiando soluzioni

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Le alluvioni e la protezione delle abitazioni

Le alluvioni e la protezione delle abitazioni Marzo 2015 Position paper Le alluvioni e la protezione delle abitazioni Le proposte del settore assicurativo per superare l attuale carenza di polizze Executive summary Nella storia umana le alluvioni

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

I - PRINCIPI GENERALI

I - PRINCIPI GENERALI D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334 Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose (G.U. 28.09.1999, n. 228, s. o)

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli