Il governo delle piene nel Bacino del Fiume Tevere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il governo delle piene nel Bacino del Fiume Tevere"

Transcript

1 LA DIRETTIVA EUROPEA «ALLUVIONI»: VERSO UNA NUOVA GESTIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO Libera Università di Bolzano Novembre 2013 Il governo delle piene nel Bacino del Fiume Tevere Ingg. Nicola BERNI, Claudia PANDOLFO Angelo VITERBO e Loredana NATAZZI

2 Indice 1) Governo delle piene: inquadramento tematica e quadro normativo/istituzionale 2) Governo delle piene nel bacino del F. Tevere 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente al cedimento di parte dello sfioratore della Diga di Montedoglio; nel bene: laminazione piene alto e medio Tevere 2005, 2008, 2010, 2012 e Diga di Corbara Fiume Tevere, 14 novembre 2012

3 Regolazione delle piene: problematica affrontata già dagli antichi romani Fonte: archivi dello stato pontificio. Muro grosso romano (traversa di laminazione delle piene a bocca tarata) sul T.Chiani a monte della stretta di Olevole per la salvaguardia di Roma da parte delle piene del T. Chiani 3

4 Regolazione delle piene: problematica affrontata già dagli antichi romani Fonte: archivi dello stato pontificio. Muro grosso romano (traversa di laminazione delle piene a bocca tarata) sul T.Chiani a monte della stretta di Olevole per la salvaguardia di Roma da parte delle piene del T. Chiani Traversa per la laminazione delle piene sul F. Corno (loc. Ruscio, Monteleone di Spoleto) 4

5 1) Governo piene all interno delle azioni di prevenzione e mitigazione del rischio idraulico AZIONI STRUTTURALI Realizzazione opere di messa in sicurezza per le aree sottoposte a rischio elevato Manutenzione delle opere di difesa AZIONI NON STRUTTURALI Mappatura aree a rischio, pianificazione territoriale, ecc Sistemi di previsione, monitoraggio strumentale in tempo reale, presidio territoriale, valutazione (dinamica) degli scenari di rischio e degli effetti al suolo attesi per le fasi di supporto alle decisioni, governo delle piene, informazione alla popolazione, primo intervento di contrasto, attuazione della pianificazione d emergenza.

6 1) Governo piene: principali riferimenti normativi 1. Legge 24 febbraio 1992, n. 225 e s.m. e i.: Istituzione del Servizio nazionale della protezione civile ; 2. Decreto Legislativo n. 112/1998: "Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59 ; 3. Circolare DSTN/2/7019 del 19 marzo 1996 "Disposizioni inerenti l'attività di protezione civile nell'ambito dei bacini in cui siano presenti dighe ; 4. Circolare DSTN/2/22806 del 13 dicembre 1995: "Disposizioni attuative e integrative in materia di dighe". 5. Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 e s.m. e i.: "Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di protezione civile ; 6. Decreto Legislativo, n. 49, del 23/02/2010: recepimento della Direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione ed alla gestione del rischio alluvioni.

7 Recepimento Direttiva Alluvioni 2007/60/CE: D.Lgs. n 49 del 23 febbraio 2010 Aspetti che riguardano le Regioni e le Province Autonome: Art.3 c.2 Le regioni, in coordinamento tra loro e con il Dipartimento Nazionale della protezione civile, provvedono, ai sensi della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 27 febbraio 2004, e successive modificazioni, pubblicata nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 59 dell'11 marzo 2004, per il distretto idrografico di riferimento, alla predisposizione ed all'attuazione del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale, per il rischio idraulico ai fini di protezione civile, secondo quanto stabilito all'articolo 7, comma 3, lettera b). Art.7 c.3 b) le regioni, in coordinamento tra loro, nonche' con il Dipartimento nazionale della protezione civile, predispongono, ai sensi della normativa vigente e secondo quanto stabilito al comma 5, la parte dei piani di gestione per il distretto idrografico di riferimento relativa al sistema di allertamento, nazionale, statale e regionale, per il rischio idraulico ai fini di protezione civile, di cui alla direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 27 febbraio 2004, con particolare riferimento al governo delle piene. (ART.7 c.2: attuazione prioritaria di interventi non strutturali)

8 1) Governo delle piene: cosa è? Nell ambito della azioni non strutturali per la gestione del rischio idraulico, il governo delle piene è un insieme di attività finalizzate alla prevenzione ed alla riduzione del rischio nel caso di eventi di piena: 1) previsione, monitoraggio e sorveglianza (attuate attraverso la rete nazionale dei Centri Funzionali); Portate (m 3 /s) Esempio di laminazione della piena del F. Chiascio - novembre da parte della Diga di Casanuova Comune di Valfabbrica) /11/12 0:00 11/11/12 0:00 12/11/12 0:00 13/11/12 0:00 14/11/12 0:00 15/11/12 0:00 16/11/12 0:00 17/11/12 0:00 Data (gg/mm/aaaa) Pianello Branca

9 1) Governo delle piene: cosa è? 2) presidio territoriale idraulico (strutture regionali o provinciali). La normativa vigente intende estendere le attività di servizio di piena e di pronto intervento idraulico, disciplinati dal R.D. n. 523/1904 e dal R.D. n. 2669/1937, dai soli tronchi fluviali classificati di prima e seconda categoria a tutte le aree nel frattempo classificate ad elevato rischio idraulico del reticolo idrografico principale, secondario e minore; 3) Regolazione dei deflussi attraverso gli invasi presenti nel bacino idrografico. Attività fino a poco tempo fa affidate al solo «documento di protezione civile» di cui alla Circolare «Barberi» DSTN/2/7019 del 19 marzo 1996, e quindi prive di un reale governo organizzato. Il recente quadro legislativo (esempio Fiume Po da quest anno) prevede un percorso di lavoro ben preciso.

10 1) Governo delle piene: soggetti istituzionali coinvolti La normativa vigente individua nelle Regioni, in forma singola oppure d'intesa tra loro (con l eventuale concorso del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile), i soggetti che devono assolvere a tale attività. Nel caso di eventi di piena che coinvolgano bacini che interessano più Regioni, il DPC promuove ed indirizza, anche attraverso la rete dei Centri Funzionali, l interscambio e la condivisione delle informazioni tra tutti i soggetti interessati al governo della piena. Per il governo delle piene in tali circostanze, l evento viene gestito dall Unità di Comando e Controllo (UCC) che rappresenta l autorità di protezione civile per il governo delle piene (tavolo politico istituzionale costituito dai vertici delle Regioni, del Ministro dell Ambiente, del DPC o loro delegati).

11 1) Unità di Comando e Controllo: la decisione Nei bacini di interesse nazionale in cui insistono dighe iscritte nel Registro italiano dighe, il governo e la gestione dei deflussi durante un evento di piena comporta il concorso di molte amministrazioni statali, regionali e locali afferenti al bacino. Per mitigare gli effetti di una piena in tali contesti è prevista l istituzione di una Unità di Comando e Controllo (UCC), che rappresenterà l Autorità di protezione civile per il governo delle piene. Riferimento attuale la DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 febbraio Indirizzi operativi per l istituzione dell Unità di Comando e Controllo del bacino del fiume Po ai fini del governo delle piene, nonché modifiche ed integrazioni alla Direttiva del P.C.M. del 27/02/2004 e s. m. e i.

12 1) Unità di Comando e Controllo: la decisione L UCC, sulla base delle informazioni fornite dai Centri regionali di coordinamento tecnico idraulico (rappresentanti del Centro Funzionale coinvolto, della Direzione Generale delle Dighe del Ministero Infrastrutture e trasporti, delle autorità idrauliche competenti e dell Autorità di Bacino, principalmente), sulla base degli scenari in atto e previsti, assume decisioni sulle possibili azioni necessarie a fronteggiare, e, se possibile, ridurre gli effetti determinati dall evento di piena, al fine di tutelare l integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l ambiente. Il Documento di base su cui basare le decisioni è il.

13 1) Piano di Laminazione: cosa è? Necessità di organizzare un adeguata attività di regolazione dei deflussi dagli invasi artificiali presenti sul bacino, per concorrere a limitare gli effetti delle piene: i soggetti istituzionali preposti, attraverso i gestori delle opere idrauliche, sono tenuti ad attuare la massima laminazione possibile dell evento di piena atteso con il rilascio di portate compatibili con l alveo di valle. A tal fine deve essere primariamente valutata, attraverso studi specifici, l'influenza che possono esercitare i volumi accumulabili negli invasi significativi presenti sulla formazione e propagazione dell'onda di piena a valle. Per tali invasi le Regioni, con il concorso tecnico dei Centri Funzionali, delle autorità idrauliche competenti (di solito le Province), dell'autorità di bacino e del Registro italiano dighe, d'intesa con i gestori, sotto il coordinamento del Dipartimento della protezione civile, predispongono ed adottano un piano di laminazione.

14 1) Piano di Laminazione: cosa è? Per diversi e possibili prefigurati scenari d'evento e per ciascuna diga, il piano di laminazione deve prevedere prioritariamente le misure e le procedure da adottare per la salvaguardia della incolumità della vita umana, dei beni, degli insediamenti e dell'ambiente. Valutata la massima portata di piena transitabile in alveo a valle dello sbarramento e contenuta nella fascia di pertinenza fluviale come delimitata dalla competente Autorità di bacino, possono essere individuate due diverse procedure: un programma statico o un programma dinamico, per rendere disponibile con un adeguato anticipo i volumi utili ai fini della laminazione della piena. 1) programma statico: mantenimento, con continuità e durante i periodi dell'anno valutati critici per il verificarsi di eventi di piena, di una quota di invaso minore della quota d' esercizio autorizzata. 2) programma dinamico: nel tempo reale prevede l'esecuzione di manovre preventive e/o nel corso dell'evento per rendere disponibili i volumi necessari.

15 1) Piano di Laminazione: cosa è? Tali manovre sono eseguite sulla base di previsioni quantitative delle precipitazioni sul bacino a monte e dei conseguenti deflussi attesi all'invaso, nonché sulla base dello stato dell'invaso e della portata territorialmente sostenibile a valle dello stesso; le manovre possono rendere necessaria comunque l'attivazione del piano di emergenza a valle della diga stessa. I documenti di protezione civile già redatti ai sensi della circolare DSTN/2/7019 del 19 marzo 1996 sono di fatto modificati ed integrati con le disposizioni che scaturiscono da questa attività. NB: Oggi, assieme alla concertazione relativa all omogeneizzazione dei messaggi di allerta nazionali e al Servizio Meteorologico Nazionale Distribuito (SMND) è in corso la concertazione di uno schema di Direttiva che andrà a sostituire la Circolare PCM DSTN/2/7019 ed integrare la DSTN/2/22806 (nuovi aspetti del Documento di Protezione Civile, modifica sul sistema di comunicazioni, ecc..)

16 2) Bacino idrografico del Fiume Tevere 6 Regioni: Toscana, Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo, Umbria, Lazio 14 Province: Ancona, Arezzo, Ascoli Piceno, Forlì, Frosinone, Grosseto, L Aquila, Macerata, Perugia, Rieti, Roma, Siena, Terni, Viterbo 357 Comunitra cui Roma abitanti: 90% nelle città principali Rilevanti aspetti di beni culturali a rischio

17 2) Caratteristiche del territorio umbro Superficie Regionale ~ 8500 km 2 Superficie bacino idrografico dell Alto-Medio Tevere~ km 2 95,1 % dell Umbria nel bacino del Tevere (Umbria 46,9 % del bacino stesso) Topografia complessa prevalentemente collinare/monuosa, con quote dai 50 ai 2500 m s.l.m. Litologia: facies terrigene e depositi flyschioidi. Uso del suolo: agricoltura/terre arate (53.6%), foreste(22.4 %), urbanizzato(2.8 %). Precipitazioni: MA ~ 1000 mm. Temperature: media annuale ~ 11 C. Baciniartificialidi interesse(dighe di Montedoglio, Casanuova e Corbara).

18 Il rischio idraulico in Umbria (fonte Servizio regionale Risorse Idriche e Rischio Idraulico) Le fasce di pericolosità idraulica lungo il reticolo idrografico principale e secondario (quasi 1000 km lineari studiati) occupano 426 Km 2,(5% superficie regionale). Il 55% è classificata in fascia A, con tempi di ritorno di 50 anni. Gli edifici nelle fasce di pericolosità del reticolo principale sono (45% a prevalente destinazione abitativa) e nel reticolo secondario (59% a prevalenza abitativa). Reticolo Principale Fascia A: 97.3 kmq; Fascia B: 44.2 kmq; Fascia C: 25.4 kmq Reticolo Secondario Fascia A: kmq; Fascia B: 47.3 kmq; Fascia C: 86.1 kmq

19 Il rischio idraulico in Umbria (fonte Servizio regionale Risorse Idriche e Rischio Idraulico) Varietà di fenomeni: debrs flow, flash floods, rotte arginali su aree di bonifica, piene fluviali tipiche di medio grandi fiumi

20 2) sbarramenti di interesse per l Umbria 11 dighe di competenza dell ex RID (oggi Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ufficio Dighe): 3 in Toscana ma di interesse interregionale (bacino idrografico del Fiume Tevere); Volume complessivo invasato di circa 600 Milioni di m 3 di acqua; 2 grandi dighe a uso plurimo (Montedoglio sul Tevere e Casanuova sul Chiascio); 4 dighe ad uso irriguo, le restanti uso idroelettrico; Circa 1400 invasi di competenza regionale (1200 in Provincia di Perugia e 200 Provincia di Terni), con l incidenza di circa 1,8 crolli parziali/totali all anno (specialmente quelli realizzati in terra).

21 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Per il Tevere, il DPCN ha istituito, nel maggio 2004 presso l Autorità di Bacino del Fiume Tevere, un Tavolo tecnico con il compito di definire la regolazione dei deflussi ai fini del Governo delle piene. Studi/Documenti pregressi e disponibili sull argomento per il Bacino del Fiume Tevere 1) Gestione integrata degli Invasi dei Proff.Ing. Ubertini e Calenda (ABT 1993); 2) Informazioni e fogli condizioni/esercizio e piani di protezione civile per le dighe del bacino

22 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Tratti fluviali analizzati Alto-Medio Tevere: Autorità di Bacino Dipartimento Protezione Civile Registro Italiano Dighe Provincia di Perugia Regione Toscana Regione Umbria Provincia di Arezzo Ente Irriguo Umbro Toscano Corbara-Castel Giubileo Autorità di Bacino del Fiume Tevere Dipartimento della Protezione Civile Registro Italiano Dighe Regione Umbria Regione Lazio ARDIS Provincia di Terni Consorzio di Bonifica della Val di Paglia Superiore ENDESA ENEL Soggetti istituzionali coinvolti Soggetti istituzionali coinvolti (es. primi due schemi)

23 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Sbarramenti selezionati: Sistema Alto-Medio Tevere Invaso Chiascio-Valfabbrica Invaso Montedoglio Traversa sul Sovara Sistema Corbara- Castel Giubileo Invaso Elvella Cassa di espansione sul Chiani Invaso Corbara Traversa Alviano Traversa Ponte Felice Traversa Nazzano Traversa Castel Giubileo Sistema Nera-Velino Aja Stifone San Liberato Salto Turano Centrale di Cotilia Piediluco Traversa sul Fiume Corno Sistema Aniene San Cosimato Fiumerotto San Giovanni

24 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Tratto Invasi interessati Zone difendibili Riduzione possibile Volume a disposizione CHIASCIO A VALLE DI INVASO VALFABBRICA Valfabbrica Torgiano e Bastia Portate con tempi di ritorno < 50 anni 30 Mm 3 TEVERE A VALLE INVASO MONTEDOGLIO Montedoglio Citta di Castello, Umbertide Portate con tempi di ritorno = 50 anni 20 Mm 3 A VALLE CONFLUENZA CON IL CHIASCIO Montedoglio/ Chaiscio Deruta Portate con tempi di ritorno = 50 anni 50 Mm 3 (*) A VALLE DI CORBARA Corbara Orte, Monterotondo, Settebagni, castel Nuovo di Porto Portate con tempi di ritorno < 50 anni 60 Mm 3 VELINO A VALLE DEL SALTO Salto Rieti Portate con tempi di ritorno = 50 anni 20 Mm 3 (**) (40 Mm 3 ) A VALLE DEL TURANO Turano Area a valle di Rieti Portate con tempi di ritorno = 50 anni 20 Mm 3 (***) (40 Mm 3 ) NERA A VALLE DELLA CONFLUENZA CON IL VELINO Salto/Turano Area di Terni Portate con tempi di ritorno < 50 anni 80 Mm 3 NB: attraverso gli scenari di riferimento individuare misure adeguate per garantire lo sfasamento dei picchi di piena monte-valle

25 2) Piano di Laminazione del Bacino del F. Tevere Primo Piano di Laminazione del Tevere (ai sensi della Direttiva PCM, 27/02/2004 ) Scopo del piano: (redatto nel 2005 da DPCN, ABTevere, Regioni, gestori, RID, ed approvato, purtroppo, SOLO dalla Giunta regionale dell Umbria con DGR 1102 del 28/06/2006 quindi NON COGENTE) a) le condizioni ottimali di laminazione per l attenuazione delle inondazioni; b) le condizioni ottimali di gestione dei volumi in eccesso per vari scopi evitando problemi nell asta a valle; Il piano prevede: 1) Laminazione statica (volumi di laminazione fissi) Dighe di MONTEDOGLIO e CASANUOVA 2) Laminazione dinamica (scarico controllato della portata in funzione delle reali condizioni osservate e/o previste) Diga di CORBARA Diga di MONTEDOGLIO Fiume TEVERE h=54m, V=153 Mm 3 Diga di CASANUOVA Fiume CHIASCIO h=74m, V=200 Mm 3 Diga di CORBARA Fiume TEVERE h=52m, V=192 Mm 3

26 2) Governo delle Piene nel Tevere: Saladin CASO DI STUDIO: PIENA DEL TEVERE del DICEMBRE 2008 Simulazione della UCC virtuale con SALADIN: gestione della piena in modalità dinamica MODULO INVASI di SALADIN: funzione ANALIZZA SCENARI per la caratterizzazione degli effetti di applicazione di diversi scenari di svaso/invaso (Figura 3 di 4 sull'analisi dei livelli e/o volumi simulati in tempo reale all'invaso selezionato dai modelli di preannuncio in seguito all'applicazione di una della manovre di svaso previste Autorità di Bacino del fiume Tevere Programma operativo di laminazione di tipo dinamico e la definizione dei modelli di preannuncio in tempo reale

27 2) Governo delle Piene nel Tevere: Dewetra LA PIATTAFORMA DEWETRA Applicazione web 2.0: software web-gis dedicato al monitoraggio degli eventi in atto ed alla valutazione del rischio naturale ed antropico sul territorio nazionale. Autorità di Bacino del fiume Tevere Programma operativo di laminazione di tipo dinamico e la definizione dei modelli di preannuncio in tempo reale

28 I Centri Funzionali la gestione del sistema di allerta nazionale è assicurata dal Dipartimento della protezione civile, dalle Regioni e dalle Province autonome attraverso la Rete dei Centri Funzionali, nonché le strutture regionali ed i centri di competenza chiamati a concorrere funzionalmente ed operativamente a tale rete (punto 1 della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 Febbraio 2004) Effettuano attività di previsione Collaborano nelle: Attività di sorveglianza, vigilanza e contrasto Individuazione dell evento Valutazione del rischio indotto Monitoraggio strumentale e previsione dell evento e degli effetti a brevissimo termine Attività di vigilanza non strumentale Interventi di contrasto per la riduzione del rischio in tempo reale Attività di prima gestione emergenziale dell evento Informazione della popolazione Attuazione della pianificazione d emergenza

29 Il Centro Funzionale della Regione Umbria Ottobre 2006: istituita nuova sezione presso Servizio Difesa del Suolo Marzo 2007: primo ufficio operativo presso il Centro Regionale di Protezione Civile (CRPC) di Foligno Dicembre 2007: adozione atti regionali propedeutici alla richiesta di attivazione formale da parte del DPC (DDGR 2312 e 2313/07) Dicembre 2008: Protocollo di Intesa DPC-RU (anche aspetti di governo delle piene) Febbraio 2010: attivazione formale CFD Umbria (D.P.G.R. 26/2010) 13 Novembre 2010: passaggio sezione Centro Funzionale da Servizio regionale Risorse Idriche e Rischio Idraulico a quello Protezione Civile, attivazione CRPC

30 Rischio idrogeologico ed idraulico in Regione Umbria: strumenti oggi disponibili per la previsione e prevenzione Reti di Monitoraggio idrometeorologico tradizionali in tempo reale Sensori sperimentali (umidità suolo, velocità superficiale, portata, ecc ) Individuazione soglie e zone di allerta Sistemi automatici di segnalazione superamento soglie Procedure di allertamento Presidi Territoriali Modelli previsionali meteo quantitativi (QPFs) Immagini e dati radar e satellitari Modelli di preannuncio frane e alluvioni Scenari statici di pericolosità frane e alluvioni Scenari statici di rischio frane e alluvioni Produzione di scenari dinamici di rischio frane e alluvioni Web GIS e Sistemi di Supporto alle Decisioni (DSS) web based

31 Prevedibilità degli eventi, incertezza e precursori Intesità Scala temporale Portate critiche per bacino idrografico Dimensioni piccole S<10 Km 2 (sistemi idrici urbani e reticolo minore/marginale, es. T.Scatorbia) Previsioni Meteorologiche (PQFs/satellite/radar) Dimensioni medie 10<S<1000 Km 2 (reticolo secondario, es. F.Chiascio alla confluenza nel F.Topino) Pluviometri Dimensioni grandi S>1000 Km 2 (reticolo principale, es.f.tevere ai ponti di Perugia) Idrometri Incertezza Fonte De Bernardinis

32 Rete di Monitoraggio idrometeorologico in tempo reale 126 Stazioni in Regione Umbria (in media una ogni 65 km2) 15 stazioni umidità del suolo 1 Radar Meteo (DPCN) 72 Idrometri (con aggiornamento quasi annuale di 41 scale deflusso e circa 400 misure/anno) 88 Pluviometri 76 Termometri e altri sensori meteo

33 Regione Umbria Macrobacini idrografici di interesse ai fini dell allertamento F. Tevere a M. Molino A b 5300 km 2 F. Chiani-Paglia a Orvieto S. A b 1275 km 2 F. Nera a T. Orsina A b 1360 km 2

34 Fonte: Biacchi (Eon)

35 Modellistica idrologico-idraulicaidraulica per la previsione delle piene Input M. Idrologico M. Idraulico Mobidic bacino MISDc Hec-HMS Hec-RAS SANTA LUCIA STaFoM 2,3,4,5,6 6(3+3),7(3+4),8(4+4) PIERANTONIO 8(4+4),9(4+5),10(5+5) 3,4,5,6,7 PONTE FELCINO 1,2,3,4,5,6 7(3+4),8(4+4), 8(3+5),9(4+5) PONTE NUOVO 2,3,4,5,6 MONTE MOLINO riverflo-2d

36 MISDc (Modello Idrologico Semi-Distribuito in continuo) Sviluppato dal CNR-IRPI Perugia Gruppo di Idrologia Experimental Catchment MatLab INPUT P, T obs 20 gg formato ascii Parametri 5 INPUT P obs formato ascii Parametri 6 Dt calcolo ~ 1-2 min (ogni 20 min) OUTPUT H for, Qfor formato ascii

37 MISDc (Modello Idrologico Semi-Distribuito in continuo)

38 STAFOM (STAge FOrecasting Model) Sviluppato dal CNR-IRPI Perugia Gruppo di Idrologia STAFOM è un modello idrologico di routing basato sul metodo Muskingum per la previsione dei livelli idrometrici in tempo reale. INPUT h d (t f ), Q u (t f ) formato ascii Parametri 5 Q u (t f ) h d (t f ) monte MatLab valle F. Chiani F. Paglia F. Tevere h d (t f + t*) F. Chiascio F. Topino Dt calcolo ~ 1-2 min (ogni 20 min)

39 HEC-HMS (USACE - United States Army Corps of Engineers) Software libero di simulazione idrologica, al cui interno sono implementate le principali formulazioni utilizzate nella pratica idrologica. Il sistema idrografico è rappresentato con una struttura ad albero (sottobacini, canali, junction, invasi, diversion, sorgenti, pozzi). *.DSS INPUT P obs formato *.DSS (USACE) Parametri 3 Dt calcolo ~ 1-2 min (ogni bacino) (ogni 30 min) *.DSS OUTPUT Q for formato *.DSS (USACE)

40 HEC-RAS (USACE - United States Army Corps of Engineers) Software libero di simulazione idraulica. Modello idraulico in moto vario strutture idrauliche *.DSS TevereA Plan: scale deflusso 14-Jan-10 ponte ferroviario di Ponte San Giovanni ad archi in muratura *.DSS Legend strutture idrauliche WS Max WS Ground Ineff Bank Sta 190 INPUT Output HecHMS formato *.DSS (USACE) Parametri 1 Elevation (m) Station (m) sez. trasversale Tratto da Gorgabuia a Monte Molino (160 km sezioni - oltre 40 strutture - Delta x=300 m ca) Dt calcolo ~ 20 min (ogni 30 min) profilo longitudinale OUTPUT h for, Q for formato *.DSS (USACE)

41 HEC-HMS + HEC-RAS (USACE) Hec-HMS Hec-RAS Shapefile delle aree potenzialmente allagabili Aggiornato ogni 30 minuti

42 Piattaforma web: (sviluppato in collaborazione con il CF della Regione Toscana) I risultati in tempo reale dei modelli sono consultabili (con profilatura user-password) all interno della piattaforma di supporto alle decisioni basata su tecnologie Web open source (Php Phpe MySql):

43 Piattaforma web: Monitoraggio in Tempo reale (grafici e tabelle): Precipitazioni Idrometria livelli/portate Anemometria Termometria

44 Piattaforma web: Previsioni meteorologiche Zone e soglie idropluviometriche di allerta Dati RT e anagrafica rete monitoraggio Telerilevamento (MSG, fulminazioni, radar) Abachi, statistiche, dati storici, rapporti evento Modelli di previsione rischio idrogeologico idraulico Bollettini e Avvisi Meteo e di Criticità, Procedure operative informazioni sulle principali dighe Supporto ad attività multirischio Web-Gis Esempio: Immagini satellitari (MSG), fulminazioni, radar

45 Piattaforma web:

46 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 Fine dicembre 2010: occasione favorevole per completare procedure di collaudo e per raggiungere, per la prima volta, la quota di massima regolazione. Diga Montedoglio, 27/12/2010: raggiungimento quota 394,6 m slm e inizio sfioro Alle ore del 29 dicembre l Ente gestore comunica via fax l ALLARME TIPO 2 ( collasso dell opera di ritenuta e imminenza di un evento catastrofico da Circolare del 1996) dovuto alla rottura di due conci dello scarico di superficie con una portata iniziale stimata attorno ai m 3 /s.

47 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 attivazione procedure d emergenza per i territori di valle (Regioni Toscana e Umbria); apertura immediata h24 di Centri Funzionali e Sale Operative regionali per il monitoraggio strumentale; attivazione immediata dei Presidi Territoriali Idraulici dislocati nei nodi critici del reticolo fluviale a valle della diga; Centri Coordinamento Soccorsi (CCS) c/o Prefetture UTG di Arezzo e Perugia; Aperura Centri Operativi Comunali (COC) c/o i Comuni interessati dal passaggio della piena attesa; chiusura di tutti i ponti critici; evacuazione preventiva di circa 400 persone c/o 10 aree di prima accoglienza predisposte tra Toscana e Umbria.

48 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 Circa 60 Mm 3 potenzialmente interessati!!

49 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 Circa 60 Mm 3 potenzialmente interessati!! 1 idrometro A valle Idrometri disponibili tra diga Montedoglio e diga Corbara (6 in telemisura)

50 3) Casi studio reali: nel male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio, 29 Dicembre 2010 Al momento dell allarme, uscivano dalla diga portate di m 3 /s, valori di molto superiori alle portate transitabili a valle e associabili a tempi di ritorno tra i 200 e 500 anni. Per stimare gli scenari di pericolità e rischio a valle dello sbarramento sono stati impiegati i modelli disponibili c/o il CF umbro: modelli idrologici di routing (Stafom, del CNR-IRPI) ed idraulici (Hec-RAS) implementati in moto vario (gli unici funzionanti in assenza di precipitazioni previste e/o osservate) Observed Simulated Stafom Discharge (m 3 /s) Hec-RAS 29/12/201012:00 30/12/201012:00 31/12/201012:00 Time (gg/mm/aaaa hh:mm)

51 3) Casi studio reali: nel male, male, evento conseguente alla rottura dello sfioratore della Diga di Montedoglio Montedoglio,, 29 Dicembre 2010 Al momento dell allarme, uscivano dalla diga portate di m3/s, valori di molto superiori alle portate transitabili a valle e associabili a tempi di ritorno tra i 200 e 500 anni. Per stimare gli scenari di pericolità e rischio a valle dello sbarramento sono stati impiegati i modelli disponibili c/o il CF umbro: modelli idrologici di routing (Stafom, del CNR-IRPI) ed idraulici (Hec-RAS) implementati in moto vario (gli unici funzionanti in assenza di precipitazioni previste e/o osservate). 500 Observed Simulated Stafom Discharge (m3/s) Hec-RAS 0 29/12/ :00 30/12/ :00 31/12/ :00 Time (gg/mm/aaaa hh:mm)

52 3) Casi studio. Nel bene: laminazione delle piene. Esempio alluvione novembre 2005 Repentino innalzamento termico, scioglimento nivale e pioggia media areale sull intero bacino di monte del Tevere fino a 140 mm in 48 ore.

53 3) Casi studio. Nel bene: laminazione delle piene. Esempio alluvione novembre 2005 Repentino innalzamento termico, scioglimento nivale e pioggia media areale sull intero bacino di monte del Tevere fino a 140 mm in 48 ore. 1600,0 1400,0 1200,0 1000,0 800,0 600,0 S.Lucia Pierantonio Ponte Felcino P.te Nuovo Monte Molino 400,0 200,0 0,0 25/11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ portate (m^3/s) tempo (giorno - ora)

54 3) Casi studio. Nel bene: laminazione delle piene. Esempio alluvione novembre 2005 portate (m^3/s) Diga di Montedoglio sul Fiume Tevere ingressi Montedoglio Gorgabuia /11/ /11/ Effetto di laminazione (statica): 26/11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ tempo (giorno - ora) Portata di picco dell onda di piena in ingresso: Volume invasato: Portata massima in uscita durante la piena: 420 m^3/s 25 milioni di m^3 3 m^3/s 54

55 3) Casi studio. Nel bene: laminazione delle piene. Esempio alluvione novembre 2005 Cosa sarebbe successo a Città di Castello senza effetto laminazione diga? Qmax = 815 m^3/s circa la portata di TR500 anni! ingressi Montedoglio Gorgabuia S.Lucia ingressi Montedoglio + S.Lucia 600 portate (m^3/s) /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ tempo (giorno - ora) 55

Esperienze regionali: Regione Umbria.

Esperienze regionali: Regione Umbria. Esperienze regionali: Regione Umbria ingg. A. Viterbo Viterbo, N.Berni, N.Berni, G.Paggi Esperienze regionali: Regione Umbria. La gestione di allarmi connessi alla sicurezza delle grandi dighe: il caso

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ipotesi di regolazione dei deflussi ai fini del governo delle piene nel bacino del Tevere (Direttiva Presidente del Consiglio dei Ministri del 27/02/2004) Luglio 2005

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

Direzione Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Servizio Protezione Civile Sezione Centro Funzionale

Direzione Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Servizio Protezione Civile Sezione Centro Funzionale Direzione Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Servizio Protezione Civile Sezione Centro Funzionale Piano di Gestione del Rischio Alluvioni (PGRA) ai sensi del Decreto legislativo 23

Dettagli

CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE UMBRIA: PREVISIONE DELLE PIENE IN TEMPO REALE A SUPPORTO DELLE DECISIONI PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO

CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE UMBRIA: PREVISIONE DELLE PIENE IN TEMPO REALE A SUPPORTO DELLE DECISIONI PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO XXXII Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Palermo, 14-17 settembre 21 CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE UMBRIA: PREVISIONE DELLE PIENE IN TEMPO REALE A SUPPORTO DELLE DECISIONI PER LA

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Regione Marche Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile. Dott. Maurizio Ferretti

Regione Marche Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile. Dott. Maurizio Ferretti Regione Marche Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Dott. Maurizio Ferretti Camerino, 25 marzo 2015 Piano di Gestione rischio alluvioni Attività di Protezione

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale e regionale per il rischio idrogeologico

Dettagli

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino distrettuali

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino

Dettagli

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014 PRESIDENZA Direzione Generale della Protezione Civile Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta Ing. Salvatore Cinus scinus@regione.sardegna.it Terralba 31 gennaio 2014 Inquadramento

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO STITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE Pianificazione di Emergenza Coordinamento - Formazione di Protezione Civile Relazione Cosimo Golizia Vice Presidente I.N.S.F.O. P.C.

Dettagli

2. RISCHIO METEO-IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLUVIONI

2. RISCHIO METEO-IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLUVIONI 2. RISCHIO METEO-IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLUVIONI Il rischio relativo alle alluvioni viene comunemente denominato idraulico. A volte, tuttavia, il rischio alluvioni viene accomunato al rischio frane

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

DOCUMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Circ. P.C.M. 19/3/96)

DOCUMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Circ. P.C.M. 19/3/96) DOCUMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Circ. P.C.M. 19/3/96) Si verifica una fase di preallerta per i serbatoi in esercizio normale, allorché l'invaso supera la quota massima di regolazione in occasione di eventi

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013 Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni Gorizia, 12 marzo 2013 La gestione del rischio di alluvioni nell ambito di protezione civile prevede tre diverse fasi consequenziali

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Direzione generale per le dighe e le infrastrutture idriche ed elettriche

Direzione generale per le dighe e le infrastrutture idriche ed elettriche Workshop: DIGHE E TERRITORIO DÄMME UND IHR UMFELD Dighe e territorio: i Criteri di allertamento Vincenzo Chieppa Direzione generale per le dighe e le infrastrutture idriche ed elettriche Workshop: DIGHE

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana.

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana. AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE 00185 Roma, Ufficio Piani e Programmi Via V. Bachelet, 12 tel. 06.49249221 fax 06.49249300 Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010.

Dettagli

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future Prof. Ing.

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO SINTETICO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri recante indirizzi operativi la predisposizione della parte dei piani di gestione relativa al sistema di allertamento nazionale, statale

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare SERVIZIO TRASPORTI,PROTEZIONE CIVILE E SICUREZZA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE N. meccanografico DT008-162-2010 del 10/12/2010 N. determina 6536 del 27/12/2010

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI dano le competenze e le conoscenze professionali richieste. S impegnano ad assicurare l equilibrio fra i sessi e una rappresentanza adeguata dei gruppi etnici e minoritari del Paese. 3. Gli Stati Parte

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PER LA SALVAGUARDIA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA IN CASO DI ONDA DI PIENA SULLE BANCHINE DEL FIUME TEVERE INTERESSATE DALLE

PIANO DI EMERGENZA PER LA SALVAGUARDIA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA IN CASO DI ONDA DI PIENA SULLE BANCHINE DEL FIUME TEVERE INTERESSATE DALLE PIANO DI EMERGENZA PER LA SALVAGUARDIA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA IN CASO DI ONDA DI PIENA SULLE BANCHINE DEL FIUME TEVERE INTERESSATE DALLE MANIFESTAZIONI DELL ESTATE ROMANA Tratto Ponte Umberto I Ponte

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

Il ruolo dell Agenzia Interregionale per il fiume Po (A.I.Po) nel sistema di gestione del rischio alluvioni del distretto del Po

Il ruolo dell Agenzia Interregionale per il fiume Po (A.I.Po) nel sistema di gestione del rischio alluvioni del distretto del Po Il ruolo dell Agenzia Interregionale per il fiume Po (A.I.Po) nel sistema di gestione del rischio alluvioni del distretto del Po Milano, 23 giugno 2015 Dott. Ing. Luigi Mille Dirigente dell Area Lombarda

Dettagli

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA.

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. Il Consorzio esplica le funzioni ed i compiti che gli sono attribuiti dalla

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

Ruwa acqua territorio energia. Programma di formazione in Modellistica Idrologica e Idraulica. Corso sul software HEC-HMS

Ruwa acqua territorio energia. Programma di formazione in Modellistica Idrologica e Idraulica. Corso sul software HEC-HMS Ruwa acqua territorio energia Programma di formazione in Modellistica Idrologica e Idraulica Corso sul software HEC-HMS marzo 2006 Ing. Dario Tricoli Ruwa srl sede a Catanzaro via G. Bruno 4 A www.ruwa.it

Dettagli

Entrambi gli invasi hanno portate di scarico monitorabili (quasi!) in tempo reale.

Entrambi gli invasi hanno portate di scarico monitorabili (quasi!) in tempo reale. Stato attuale: i dati già disponibili Idrometri: Rilevano il livello dei fiumi in 6 sezioni d alveo (4 sul Trebbia, 2 sull Aveto) con intervalli di 30 Min. Pluviometri: Rilevano le piovosità in mm/30min

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera 1. GENERALITA La morfologia del territorio

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo Patrocinio Confindustria Foggia Foggia 21/11/2006 Relatore: Ing. Dario Tricoli PROGRAMMA

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Lecce (dal 04 al 07 Febbraio 2014) e Foggia (dal 18 al 21 Febbraio 2014) I Semestre

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

- Destra Fiume Topino a Foligno che preleva l acqua del fiume Topino, che analogamente a Trevi è provvisorio il sollevamento.

- Destra Fiume Topino a Foligno che preleva l acqua del fiume Topino, che analogamente a Trevi è provvisorio il sollevamento. B) IRRIGAZIONE La pratica irrigua è stata caratterizzata nel corso degli ultimi decenni da un continuo e costante sviluppo dettato da una serie di esigenze che investono settori di interesse differenziati

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Catanzaro ed in video conferenza II Semestre 2012 HEC-HMS (V.3.5) HEC-RAS (V.4.1)

Dettagli

Auditorium Giovanni Paolo II Benevento 29 febbraio 2008

Auditorium Giovanni Paolo II Benevento 29 febbraio 2008 La disponibilità, la qualità, gli usi dell acqua. La funzione delle dighe Ing. Pellegrino SOLIMENE Ministero delle Infrastrutture Ufficio Tecnico per le Dighe - Napoli Docente alla Scuola Regionale di

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI 85 PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI IL

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 B. Primo Piano di gestione del rischio di alluvioni (PGRA

Dettagli

Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 1994. Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 2000

Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 1994. Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 2000 Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 1994 Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 2000 Pavia Alluvione del 2000 Sistema di preannuncio dei livelli del Fiume Ticino a Pavia Pavia Borgo Ticino (ingresso di via

Dettagli

Lario, 15. io Idrogeologico

Lario, 15. io Idrogeologico Seminario proposto ost dall Ordine dine degli Architetti tti PCC Monza e Brianza col Patrocinio io della la Consulta Architetti ttiti Lombardi Durata presentazione enta ne : 1 ora Sala conferenze enze

Dettagli

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI La Legge 225/1992 Istituzione del servizio nazionale della protezione civile (modificata ed integrata dalla Legge 100/2012 Disposizioni urgenti per il riordino

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA STRALCIO RISCHIO IDRAULICO

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA STRALCIO RISCHIO IDRAULICO Provincia di Modena U.O. PROTEZIONE CIVILE e DIFESA DEL SUOLO PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA STRALCIO RISCHIO IDRAULICO PROTOCOLLO D INTESA E MODELLO DI INTERVENTO Aprile 2006 INDICE PREMESSA....1 1) IL

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa:

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa: TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Dossier di sintesi: quadro attuale finalizzato all analisi SWOT partecipata Premessa: Con riferimento ai temi da

Dettagli

SISTEMI DI PREVISIONE E GESTIONE IDROLOGICA IN TEMPO REALE

SISTEMI DI PREVISIONE E GESTIONE IDROLOGICA IN TEMPO REALE SISTEMI DI PREVISIONE E GESTIONE IDROLOGICA IN TEMPO REALE DHI / DHI TECHNICAL PAPER n 2 I MODELLI NUMERICI NEI SISTEMI DI SUPPORTO ALLE DECISIONI NEL CAMPO DELLE RISORSE IDRICHE I codici di simulazione

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 febbraio 2013

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 febbraio 2013 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 febbraio 2013 Indirizzi operativi per l'istituzione dell'unita' di Comando e Controllo del bacino del fiume Po ai fini del governo delle piene, nonche'

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Variante al Piano Strutturale relativa all'assetto urbanistico del Viale Leonardo da Vinci per la localizzazione del polo espositivo Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Giugno

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA PROVINCIA DI TERNI ASSESSORATO ALLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE Con la collaborazione Prefettura

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007)

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) SETTORE RISCHIO IDRICO - CENTRO FUNZIONALE CENTRALE Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) Servizio Rischio idro-geologico,

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni:

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni: 1 2 Una breve descrizione del network dei Centri Funzionali: nei confronti del rischio idrogeologico, il sistema di allerta nazionale è assicurato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPCN),

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

PIANO SPEDITIVO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO

PIANO SPEDITIVO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO PIANO SPEDITIVO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO Approvato con Deliberazione della Giunta Regionale n. INDICE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA SEMINARIO NAZIONALE La tutela della risorsa idrica in montagna Applicazione della direttiva acque negli ambienti alpini italiani STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA Tolmezzo,

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica WORKSHOP PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità

Dettagli

Progetto di aggiornamento del Piano di bacino stralcio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce - PS5

Progetto di aggiornamento del Piano di bacino stralcio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce - PS5 Progetto di aggiornamento del Piano di bacino stralcio per il tratto metropolitano del Tevere da Castel Giubileo alla foce - PS5 Relazione di sintesi - aggiornamento Dicembre 2014 RELAZIONE DI SINTESI

Dettagli