COMUNE DI AREZZO. Comune di Arezzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI AREZZO. Comune di Arezzo"

Transcript

1 COMUNE DI AREZZO PROGETTISTI: Ing. Marco BENINI Ing. Giancarlo CAROLI COMMITTENTE: OGGETTO: ELABORATO: 1 Comune di Arezzo Progetto definitivo dei lavori di intervento atti a ridurre il rischio idraulico nel territorio del comune di Arezzo Area di espansione Torrente Castro loc. Cognaia Relazione generale ed allegati: Quadro sommario di spesa, Documentazione fotografica Luglio 2012 AGGIORNAMENTI N. MOTIVO AGGIORNAMENTO FILE DATA 0.0 Revisione costi ed espropri All1_Relazione generale Luglio 2012

2 SOMMARIO 1. PREMESSA INQUADRAMENTO GENERALE Piano di Bacino del Fiume Arno, Stralcio Assetto Idrogeologico Inquadramento urbanistico Inquadramento territoriale Presenza di reti infrastrutturali DESCRIZIONE DELLE OPERE Manufatto di derivazione Sfioratori di alimentazione della cassa di espansione Scarichi di fondo Arginature Opere accessorie RIFERIMENTI IDROLOGICI ED IDRAULICI RIFERIMENTI STRUTTURALI RIFERIMENTI GEOLOGICI-GEOTECNICI NORMATIVA DI RIFERIMENTO...25 Allegati: QUADRO SOMMARIO DI SPESA DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA...28 Pagina 1 di 31

3 1. PREMESSA I sottoscritti - Ing. Marco Benini ed, avente studio in Arezzo, via G. Puccini n. 150, iscritto all Ordine degli Ingegneri della Provincia di Arezzo con il n. 528; - Ing. Giancarlo Caroli, avente studio in Roma, Via Circonvallazione Gianicolense n. 54, iscritto all Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma con il n in qualità di Tecnici incaricati dall Amministrazione Comunale di Arezzo, redigono la relazione qui di seguito riportata. Tale relazione costituisce parte integrante della documentazione di supporto al progetto definitivo delle opere da realizzare lungo il Torrente Castro al fine di ridurre il rischio idraulico all interno del territorio comunale di Arezzo e viene redatta in ottemperanza all Art. 17, Sezione II, del D.P.R. n. 207/2010. L intervento in esame, relativo alla cassa di espansione da realizzare nella porzione di territorio comunale ubicata in sinistra idrografica del Torrente Castro, in località Cognaia, è stato oggetto, negli anni, di un complesso iter procedurale, iter le cui fasi salienti sono qui di seguito sintetizzate: Anno 1998: presentazione del Progetto Preliminare per Interventi atti a ridurre il rischio idraulico nel territorio del comune di Arezzo. Oggetto: realizzazione di quattro sub-casse di espansione lungo il Torrente Castro. Giugno 2000: in un ottica di gradualità di intervento, il Comune di Arezzo commissiona agli scriventi professionisti la progettazione definitiva dei lavori di 1 Lotto di interventi atti a ridurre il rischio idraulico nel territorio del comune di Arezzo. Oggetto: realizzazione di due delle quattro sub-casse previste sul Torrente Castro (la 2 e la 4). Le altre due sub casse (la 1 e la 3) sono progettate anche se non portate a quadro economico del 1 Lotto. Anno 2002: conclusione della procedura di VIA relativa a tutto il Progetto Preliminare del 1998 (rif. Decreto Dirigenziale R.T. n. 657 del 15/2/2002). Prescrizioni: il rivestimento dei manufatti in cemento armato con blocchetti di pietraz o altro tipo, al fine di attenuare l impatto paesaggistico. Anno 2008: dopo un periodo di stallo durante il quale la questione del rischio idraulico della città di Arezzo viene affrontata con ipotesi progettuali diverse (rif. progetto del canale diversore), l attuale Amministrazione dà seguito all incarico sempre in corso di validità per proseguire l iter progettuale delle casse sul Torrente Castro: in relazione a ciò vengono aggiornati i prezzi di opere, materiali e di indennità di esproprio e servitù. Anno 2010: nell intento di perseguire la riduzione del rischio idraulico nell intero territorio, l Amministrazione Comunale conferisce a diversi professionisti l incarico di procedere alla progettazione definitiva delle casse di espansione sui torrenti Bicchieraia, Valtina, e Sellina. Per quanto riguarda il Torrente Castro viene prescritta la progettazione di tutte le quattro sub-casse. In relazione alla prescrizione di cui sopra, le opere aggiuntive necessarie alla realizzazione delle 4 Pagina 2 di 31

4 sub casse sono i due rilevati arginali ed i due scarichi di fondo, opere comunque visibili e computate nel progetto definitivo in quanto considerate di secondo stralcio funzionale Aprile 2011: presentazione del Progetto Esecutivo per Interventi atti a ridurre il rischio idraulico nel territorio del comune di Arezzo. Area di espansione Torrente Castro loc. Cognaia. L intero Progetto esecutivo viene attuato operando secondo un unica fase di realizzazione, fase che quindi non risulta più suddivisa in stralci funzionali. In seguito all accoglimento delle Osservazioni al Regolamento Urbanistico ed alla sentenza della Corte Costituzionale in merito agli espropri, per l intervento in esame si rende necessario intraprendere di nuovo l iter procedurale di presentazione del progetto, secondo i contenuti riportati nel D.P.R. n. 207/2010; al proposito, si specifica che la documentazione di progetto preliminare è stata depositata presso Codesta Amministrazione nel Marzo u.s. Si rimarcano gli obbiettivi dell intervento tesi a realizzare, in particolare: la laminazione della portata di piena di riferimento (TR=200 anni), sì da ridurre il rischio idraulico nei territori del comune di Arezzo situati a valle, consentendo in alveo il deflusso compatibile con la capacità di smaltimento del Castro (salvo eliminazione di strettoie e punti singolari di insufficiente capacità di smaltimento) fino alla confluenza dello stesso con il Torrente Bicchieraia. Per quanto attinente i valori di portata compatibili a valle si rimanda a quanto riportato nel Progetto Preliminare per la individuazione della Serie degli interventi atti a ridurre il rischio idraulico nel territorio del comune di Arezzo ed in altri precedenti studi redatti a cura e per conto dell Amministrazione Comunale; la realizzazione degli interventi mirati a concretizzare la riduzione delle portate del Torrente Castro nel tratto tombato cittadino, interventi inseriti nella più ampia pianificazione del Piano Stralcio di Bacino del Fiume Arno per la riduzione del rischio idraulico. Le opere progettate sono coerenti con gli obbiettivi attesi. A seguito della realizzazione della cassa di espansione in sinistra del Torrente Castro, durante il fenomeno di piena, circa mc di acqua in condizioni statiche e circa mc con le altezze di massimo sfioro raggiunte, verranno trattenuti all interno delle aree individuate e successivamente restituiti in alveo, al regredire della piena. L idrogramma della piena duecentennale verrà in tal modo scolmato e laminato, con riduzione della portata del Torrente Castro a valle della cassa di espansione al valore di circa 40 mc/sec. A tale portata andrà sommato il contributo del Torrente Gaglioffo, perlomeno fino a quando non verranno attuati i provvedimenti delineati nel progetto preliminare al riguardo 1 ma il valore complessivo della stessa sarà comunque compatibile con la capacità di deflusso del tratto di alveo immediatamente a valle della cassa. 1 Il pericolo rappresentato dall incremento sostanziale delle portate per effetto del contributo dell apporto del Torrente Gaglioffo è in realtà relativo poiché nel tratto terminale, a cavallo della Strada di Mulinelli, il Torrente ha una sezione del tutto inadeguata che provoca, in occasione di eventi significativi, esondazioni in corrispondenza di tale strada che, di fatto, vanno a limitare gli apporti al recipiente naturale. Pagina 3 di 31

5 Si specifica che lo studio Progeo Associati di Arezzo (incaricato della redazione delle indagini geologiche e idrauliche a supporto del Regolamento Urbanistico) è stato altresì incaricato dall Amministrazione Comunale di valutare gli effetti di laminazione delle casse progettate per ridurre il rischio idraulico all interno del comune di Arezzo, questa compresa. Si specifica inoltre che, come indicato dall Amministrazione Comunale e dalla Provincia di Arezzo, quelle di progetto sono casse di espansione prive di recinzione. Sebbene sussista un moderato rischio di danni a cose e persone che occasionalmente si trovassero nelle aree di espansione durante un evento di piena, la realizzazione di una recinzione che racchiuda tutto il perimetro delle zone soggette ad allagamenti avrebbe le seguenti controindicazioni: - nel caso si optasse per un esclusione totale dell accesso a tali aree, occorrerebbe procedere all esproprio totale, con oneri altissimi e, soprattutto, creazione di una porzione di territorio di fatto morta ; - nel caso di non esproprio si avrebbe comunque l accesso consentito ai proprietari e/o conduttori dei fondi agricoli, per i quali sussisterebbero comunque le condizioni di rischio; - l impatto paesaggistico sarebbe molto peggiore di quello previsto con le opere senza recinzione. Pertanto, come è ormai prassi consolidata nella realizzazione di casse di espansione (anche in Provincia di Arezzo) è preferibile non realizzare la recinzione perimetrale quanto, piuttosto, predisporre da parte dell Amministrazione Comunale un adeguato Capitolo del Piano di Protezione Civile che regoli le procedure da porre in atto durante un evento di piena. Le procedure di cui sopra dovranno prevedere, in caso di allerta meteo e di allarme piena, l interdizione all accesso alle aree sede d intervento, nonché la sorveglianza ed il presidio degli organi di immissione, sfioro e restituzione, sì da allontanare le persone dalle zone a rischio. Nella prassi quotidiana, la destinazione dell area sarà ricordata mediante adeguata segnaletica predisposta lungo la viabilità adiacente alle casse di espansione, sì da informare e tutelare la salute pubblica (rif. esempio segnaletica a lato). Parimenti, sarà cura del Gestore delle casse provvedere al costante monitoraggio dell efficienza dell opera oltre che all inibizione dell accesso alla zona durante l eventuale fenomeno di piena. In virtù di quanto esposto alla Sezione III, Art. 24 del D.P.R. n. 207/2010, oltre alla presente costituiscono parte integrante del progetto gli elaborati qui di seguito elencati: Allegati idrologici alla relazione generale (Allegato 1.a); Allegati idraulici alla relazione generale: verifiche relative al Torrente Castro (Allegato 1.b); Allegati idraulici alla relazione generale: verifiche relative allo sfioratore intermedio (Allegato 1.c); Pagina 4 di 31

6 Allegati idraulici alla relazione generale: verifiche scarichi di fondo (Allegato 1.d); Verifiche statico dimensionali (Allegato 1.e); Relazione Geotecnica (Allegato 2); Relazione Geologica (Allegato 3); Elaborati grafici: - Tav. 4.a: Estratto C.T.R. con individuazione area d intervento - Tav. 4b: Manufatto di derivazione: planimetria e sezioni - Tav. 4c: Manufatto di derivazione: Armatura sfioratore e spalla sinistra - Tav. 4d: Manufatto di derivazione: Armatura tombino e spalla destra - Tav. 4e: Sfioratore intermedio: Planimetria e sezioni - Tav. 4f: Sfioratore intermedio: Armatura impalcato - Tav. 4g: Sfioratore intermedio: Armatura strutture - Tav. 4h: Sfioratore terminale: Planimetria e sezioni - Tav. 4i: Scarichi di fondo: Planimetria e sezioni - Tav. 4l: Scarichi di fondo: Armature strutture - Tav. 4m: Scarichi di fondo: Paratoia tipo - Tav. 4n: Sezioni argini lato Castro: sez. 1 / sez Tav. 4o: Sezioni argini lato Castro: sez. 11 / sez Tav. 4p: Profili e sezioni argini Modulo I - Tav. 4q: Profili e sezioni argini Modulo II - Tav. 4r: Profili e sezioni argini Modulo III - Tav. 4s: Profili e sezioni argini Modulo IV - Tav. 4t: Sezioni trasversali moduli cassa di espansione - Tav. 4u: Sezioni argini tipo - Tav. 4v: Piano particellare di esproprio Disciplinare tecnico (Allegato 5); Elenco Prezzi (Allegato 6); Computo metrico estimativo (Allegato 7); Relazione di stima aree soggette ad esproprio e servitù di allagamento. Quadro espropri e servitù; Prime indicazioni e disposizioni per la stesura del Piano di Sicurezza e Cronoprogramma Lavori. Pagina 5 di 31

7 2. INQUADRAMENTO GENERALE L area destinata a cassa di espansione ha un estensione globale di circa 20 ha. Ubicata nel territorio comunale di Arezzo, la zona si trova ad Est-Nord-Est del centro urbano ed è confinata tra la sponda sinistra dell alveo del Torrente Castro e le pendici del colle di Cognaia; a Sud il limite è rappresentato dalla porzione trasversale all alveo di Via della Ghirlanda (rif. Estratto veduta aerea d interesse sottostante). In relazione alla porzione di territorio in esame si riporta nel seguito quanto attualmente disciplinato dall Autorità di bacino del Fiume Arno, mediante il Piano di Assetto Idrogeologico ed il Piano Stralcio Rischio Idraulico, e dal Comune di Arezzo. 2.1 Piano di Bacino del Fiume Arno, Stralcio Assetto Idrogeologico Il Piano di Bacino del Fiume Arno, Stralcio Assetto Idrogeologico, approvato con D.P.C.M. 6 Maggio 2005, inserisce l area in classe di pericolosità bassa - P.I.1 (rif. Estratti cartografici sotto riportati, stralcio 128 e 140 della documentazione di Piano). Cartografia P.A.I. Stralcio n. 129 L area in esame non è inserita tra le zone individuate dall Autorità di Bacino del Fiume Arno per la realizzazione di interventi atti a ridurre il rischio idraulico. Pagina 6 di 31

8 2.2 Inquadramento urbanistico In relazione allo Strumento Urbanistico comunale, si evidenzia che l area in esame non è inserita tra le aree a tutela paesistica ed ambientale (rif. estratto cartografia R.U. Tav. C4 Tutele strategiche: aree agricole speciali ). R.U. Comune di Arezzo Estratto Tav. C.4c Tutele strategiche: aree agricole speciali Per quanto riguarda il vincolo idrogeologico, l estratto sotto riportato indica come la perimetrazione del vincolo sia marginale all area d intervento (sia ai sensi del R.D. 3267/1923, sia ai sensi della proposta di PTCP). Pagina 7 di 31

9 R.U. Comune di Arezzo Estratto Tav. B17 Vincoli: aree naturali e suolo idrogeologico ai sensi del R.D, 3267/1923 idrogeologico ai sensi del R.D, 3267/1923 (P.T.C.P. proposta di inclusione) acque pubbliche ai sensi del R.D. 523/1904 Come è possibile evincere dall estratto cartografico sotto riportato (cartografia di R.U. Tav. Usi e modalità d intervento ) la zona interessata dall intervento è inserita nei sottosistemi qui di seguito indicati: sottosistema ambientale V: corridoi e connessioni fluviali; sottosistema ambientale V: la pianura coltivata; Più in generale, l area in esame si va ad inserire nell area di fondovalle ubicata ai piedi delle alture caratterizzate dalla coltura dell incluse del sottosistema ambientale V2 le aree di transizione pedecollinari. Pagina 8 di 31

10 . R.U. Comune di Arezzo Estratto Tav. Usi e modalità d intervento Pagina 9 di 31

11 Dal punto di vista della pericolosità idraulica, geomorfologica e sismica, si riportano nel seguito gli estratti relativi alla cartografia di supporto al R.U. comunale, rimandando alle specifiche relazioni per gli approfondimenti e per i dettagli in materia. R.U. Comune di Arezzo Estratto Tav. B.34 Carta della pericolosità idraulica Pagina 10 di 31

12 R.U. Comune di Arezzo Estratto Tav. B.31 Carta della pericolosità geomorfologica Pagina 11 di 31

13 R.U. Comune di Arezzo Estratto Tav. B.30 Carta della pericolosità sismica locale Come desumibile da quanto riportato nella Carta della fattibilità del vigente R.U. comunale, l unico intervento schedato in termini di fattibilità è ubicato nella porzione di monte della zona in esame (rif. estratto sotto riportato). Pagina 12 di 31

14 R.U. Comune di Arezzo Estratto Carta della fattibilità Scheda fattibilità n k Intervento N. 203 Sigla intervento Geomorfologia CE - CASSA ESPANSIONE Superficie alluvionale non attiva ZMPSL Aree costituite da conoidi alluvionali e/o coni detritici (11) Pericolosità geomorfologica Pericolosità sismica locale Pericolosità idraulica Pericolosità geologica PAI - Pericolosità idraulica PAI - Fattibilità geomorfologica Fattibilità sismica Fattibilità idraulica Pericolosità geomorfologica media (G.2) Pericolosità sismica locale elevata (S.3) Pericolosità idraulica elevata (I.3), Pericolosità idraulica molto elevata (I.4) CLASSE G2 CLASSE S3 CLASSE I2 In tali aree non possono essere previsti interventi di carattere edificatorio in quanto le stesse sono esclusivamente destinate alla laminazione delle piene, pertanto allo stato attuale possono essere utilizzate per la normale conduzione delle attività agricole senza rimodellamenti di carattere morfologico. Classe G2 di FATTIBILITÀ GEOMORFOLOGICA. Le condizioni di attuazione dell'intervento sono subordinate agli esiti delle indagini geognostiche ed alla caratterizzazione geotecnica dei terreni, nonché alle verifiche geotecniche sullo stato attuale e di progetto, in ottemperanza ai disposti della vigente normativa in materia. Pagina 13 di 31

15 Per le porzioni di area ricadenti in classe S3 di FATTIBILITÀ SISMICA, caratterizzati dalla possibile amplificazione stratigrafica (ZMPSL = 9, 10, 11) dovrà essere condotta una campagna di indagini geofisica e geotecnica che definisca spessori, geometrie e velocità sismiche dei litotipi sepolti al fine di valutare l'entità del contrasto di rigidità sismica dei terreni tra alluvioni e bedrock sismico, secondo quanto previsto al paragrafo 3.5 "Criteri generali in relazione agli aspetti sismici" di cui al Regolamento di Attuazione art. 62 L.R. 1/05. La FATTIBILITÀ IDRAULICA è indicata come classe I2 in quanto l'area è stata già oggetto di studio idrologico idraulico e di progetto al quale si rimanda per le indicazioni e prescrizioni necessarie per la realizzazione dell'intervento. In tali aree non possono essere previsti interventi di carattere edificatorio in quanto le stesse sono esclusivamente destinate alla laminazione delle piene, pertanto allo stato attuale possono essere utilizzate per la normale conduzione delle attività agricole senza rimodellamenti di carattere morfologico. 2.3 Inquadramento territoriale Si rileva la morfologia pianeggiante del sito, con sensibile pendenza in senso longitudinale, secondo l andamento vallivo: la variazione altimetrica complessiva, tra l area di monte e la zona a Sud di via della Ghirlanda, è di oltre 15 m. L uso attuale è quello agricolo-forestale; la porzione a monte di via di Cognaia è stata forestata in tempi relativamente recenti mentre a valle le colture dominanti sono il seminativo e, in misura minore, il seminativo erborato. Ai margini dell area si rileva la presenza di un casolare riattato, di una villa residenziale e di alcune strutture a servizio dei complessi residenziali e turistici limitrofi e sovrastanti. Alveo Torrente Castro Casolare ristrutturato Area d interesse Colle di Cognaia Via della Ghirlanda Estratto veduta aerea zona d intervento Pagina 14 di 31

16 Non si hanno notizie per l area in esame di danni storicamente accertati in seguito ai precedenti eventi alluvionali del Torrente Castro, ciò anche in virtù della giacitura relativamente elevata dei piani in sinistra. I resoconti dell evento del 1934 registrano in questa zona solo il franamento e l asportazione di alcune serrette. A valle della cassa di espansione di progetto, il Torrente Castro si dirige verso il centro abitato di Arezzo con andamento rettilineo ed in buona parte arginato: l altezza degli argini pari anche a 3.0 m sul piano di campagna, la tipologia uniforme dell alveo e il tracciato che nel tratto cittadino si discosta dalla linea di massimo compluvio, fanno ritenere tale tratto completamente artificiale, il cui anomalo tracciato parrebbe risalire all epoca romana. L assetto idraulico esistente consente di far defluire in condizioni di sicurezza idraulica, a monte della confluenza con il Torrente Bicchieraia, una portata di circa 60 mc/sec; il tratto successivo è condizionato dall esteso tombamento del corso tratto per il quale, da precedenti studi commissionati dall Amministrazione Comunale (Ing. Remo Chiarini) sono state valutate condizioni di moto in pressione già a partire da 80 mc/sec, con consequenziali esondazioni a monte dell imbocco del tombato. Portate superiori determinano quindi potenziali esondazioni generalizzate e danno adito a condizioni di rischio idraulico da rotture per sormonto arginale. Il mutamento dell assetto idraulico connesso con il presente progetto, conformemente alle prescrizioni del Piano di Bacino del Fiume Arno e nei confronti di un evento di piena duecentennale, rappresenta pertanto un primo tassello da apporre per la messa in sicurezza del territorio comunale, territorio rappresentato dall abitato di Arezzo e dalle aree interessate, prima dell inizio del tratto tombato, da una notevole espansione edilizia con vertiginoso incremento delle opere di urbanizzazione. 2.4 Presenza di reti infrastrutturali Per quanto riguarda le reti infrastrutturali, si rileva la presenza di una linea aerea della media tensione (ENEL), corrente lungo via della Ghirlanda, ed una linea interrata di metanodotto (COINGAS) corrente lungo via di Cognaia e via delle Conserve, attraversante la stessa in corrispondenza del ponte (rif. Estratto C.T.R. a lato): tali reti ricadono, peraltro, ai margini del territorio effettivamente occupato dalla cassa. Tracciato indicativo linea interrata COINGAS Linea aerea ENEL Pagina 15 di 31

17 Ing. M. Benini e Ing. GC. Caroli In virtù di quanto sopra, alla realizzazione della cassa di espansione è correlata la realizzazione dei seguenti interventi: sistemazione di 3 pali della linea aerea ENEL, posti lungo Via della Ghirlanda esattamente al piede a valle dell argine della subcassa n. 4 (quella più a valle), in modo che i lavori non ne compromettano la stabilità; deviazione della linea di metanodotto COINGAS in corrispondenza dell attraversamento di Via di Cognaia per il collegamento tra le subcasse n. 2 e 3, da concordare tra l Amministrazione Comunale e l Ente preposto; deviazione, per un tratto di circa 120 m soggetto ad allagamento, della strada comunale della Ghirlanda Per le linee in bassa tensione lungo i campi anche soggetti ad allagamento ma che non interferiscono con le opere arginali, non si effettua alcun intervento come è prassi in tutte le casse di espansione. Per l attuazione dei citati interventi è prevista tra le somme a disposizione una provvista economica riportata nel quadro in calce alla presente. FOTO F1 FOTO F2 FOTO F1, F2 Linea aerea ENEL e strada della Ghirlanda (in F1 tratto della strada da deviare) FOTO F3 Linea metanodotto COINGAS Pagina 16 di 31

18 3. DESCRIZIONE DELLE OPERE Come precedentemente citato, la cassa di espansione sarà alimentata attraverso l opera di captazione ubicata all interno dell alveo del torrente Castro: dalla soglia di immissione di tale manufatto avrà origine il canale diversivo che consentirà di convogliare parte della fluenza idrica all interno delle aree della prima sub cassa di monte. Il manufatto sarà ubicato ad una distanza di circa 500 m dal ponte della Strada di Cognaia, procedendo verso monte lungo la viabilità che dalla periferia di Arezzo conduce all abitato di Mulinelli. Mediante un sistema di sfioratori, le acque derivate verranno immesse nella successiva sub cassa II e da qui nelle successive sub casse III e IV essendo la cassa di espansione articolata in quattro moduli a cascata (rif. Schema opere di progetto sotto riportato). Schema opere di progetto Il contenimento delle acque all interno del bacino di trattenuta che si viene a creare verrà attuato mediante la costruzione di arginature perimetrali in terra, di altezza massima pari a 3.50 m dal p.d.c. e viabilità di coronamento di larghezza 3.50 m. La continuità idraulica per l invaso delle sub casse successive al Modulo I sarà garantita dagli sfioratori in cascata previsti nelle arginature traverse che delimitano i comparti idraulici dei Moduli stessi; la continuità idraulica tra la cassa di espansione ed il Torrente Castro sarà invece garantita dallo sfioratore terminale di sicurezza che recapita nell alveo a valle della soglia sita in località Le Conserve. Pagina 17 di 31

19 Cassa espansione Cognaia Superficie (ha) Volume statico (mc) Volume dinamico (mc) Sub cassa 1 1, Sub cassa 2 2, Sub cassa 3 1, Sub cassa 4 2, Sommano 7, Caratteristiche delle sub casse Le opere previste nel progetto vengono nel seguito descritte. 3.1 Manufatto di derivazione Il manufatto principale di derivazione sarà uno sfioratore laterale a soglia fissa, di larghezza pari a 42 m e posto ad una quota di circa 292,90 m s.l.m.; per lo stesso verrà ipotizzato il funzionamento a stramazzo laterale. Il manufatto sarà realizzato all interno dell attuale sezione defluente del Torrente Castro e della varice ricavata all interno di detta strozzatura: la varice sarà munita di soglia sfiorante, sì da limitare a valori prefissati i massimi deflussi ammessi a fluire verso valle. Manufatto di derivazione: ubicazione piede argine rispetto al fabbricato esistente Pagina 18 di 31

20 La struttura avrà strozzatura dotata di sistema di regolazione a mezzo pancone e gargame, sì da realizzare l eventuale aggiustamento delle dimensioni della strozzatura dopo i primi eventi; si reputa che i cicli di apertura e chiusura saranno talmente sporadici da non giustificare un azionamento meccanico del sistema. A delimitazione della strozzatura sarà previsto un traverso in c.a., opportunamente dimensionato, tale da supportare l incastellatura adibita a spazio di controllo, manovra e manutenzione; l accesso alla stessa avverrà dalla sponda in destra idrografica. La realizzazione dello sfioratore laterale assicurerà l entrata in funzione della cassa solo quando il livello idrico nell alveo raggiungerà valori critici, evitando così di riempire la cassa con basse portate e di diminuirne, nel tempo l efficienza. 3.2 Sfioratori di alimentazione della cassa di espansione La continuità idraulica per l invaso del Modulo I e II e del Modulo III e IV sarà garantita da due sfioratori in cascata inseriti nelle arginature traverse delimitanti i comparti idraulici delle quattro sub casse; la continuità idraulica tra il Modulo II ed il Modulo III sarà affidata allo sfioratore bilaterale attraversante l argine di contenimento e la vicina Strada di Cognaia. La continuità idraulica tra la cassa di espansione ed il Torrente Castro sarà invece garantita dallo sfioratore terminale di sicurezza, recante soglia sfiorante realizzata nell argine longitudinale della cassa con recapito in sinistra del Castro. Gli sfioratori stramazzanti direttamente dagli argini saranno realizzati in scogliera annegata in cls, sì da garantire il controllo e la sicurezza della vena d acqua stramazzante; la soglia sarà sagomata con profilo idraulico Creager-Scimeni. Al fine di prevenire eventuali scalzamenti al piede, tutte le soglie terminali delle strutture saranno adeguatamene ammorsate nel terreno a mezzo di taglioni di fondazione. Il canale sarà a cielo aperto, ad eccezione delle due porzioni connesse con gli attraversamenti da costruire per garantire la continuità di transito sulla sommità arginale e lungo la Strada di Cognaia. Per quanto riguarda lo sfioratore terminale, si specifica che la vasca ed il canale fugatore ad esso connessi saranno realizzati mediante opportuna modellazione del terreno e posa in opera di scogliera di pietrame cementata e legata con betoncino, sì da realizzarne l adeguato inserimento nel contesto ambientale, in armonia con la tipologia delle vicine murature arginali in destra Castro e della limitrofa briglia; allo stesso modo verranno effettuati i raccordi con i corpi arginali in terra mentre il raccordo nel recipiente Castro è a mezzo di scogliera aperta. 3.3 Scarichi di fondo I moduli della cassa di espansione saranno attrezzati mediante scarichi di fondo; a tali manufatti sarà demandato il compito di restituire al Torrente Castro, al regredire della piena, le acque invasate nella cassa. Pagina 19 di 31

21 La sezione trasversale di scarico sarà realizzata mediante tubazione in cls vibrocompresso DN 1200 mm regolato da paratoia piana di dimensioni 1.20x1.20 m, manovrabile a mano dalla sommità dell argine della cassa; lo sbocco nel Torrente sarà realizzato mediante opera di protezione con scogliera di pietrame e gabbioni al piede. 3.4 Arginature Il contenimento delle acque all interno dei quattro moduli della cassa di espansione sarà realizzato mediante arginature in terra con sovrastante viabilità di coronamento. L argine tipo avrà una sezione trapezia con coronamento di larghezza pari a 3.5 m e scarpate inclinate, verso l invaso e la campagna, nel rapporto 2:1; il paramento trasversale della scarpata limitante a valle il modulo II ed il modulo IV sarà incrementato al valore 3:1 sia per ragioni di maggiore sicurezza legata alla presenza di abitati e di viabilità dominata dai predetti argini, sia per limitare l impatto della struttura sui circostanti ambienti paesaggistici di pregio. La costruzione delle arginature sarà da realizzare previa bonifica del terreno di fondazione a mezzo scotico del p.d.c. di almeno 50 cm; al piede degli argini, da ambo i lati, sarà realizzata una cunetta di raccolta delle acque. Nel prospetto che segue si riportano i volumi di terra necessari per la costruzione delle arginature, i volumi di terra derivanti dalle operazioni di scavo connesse con le opere di progetto e quelli in difetto, da reperire presso idonee cave di prestito. Quantitativo di terra per realizzazione rilevati (mc) Quantitativo di terra da scavi interni al cantiere (mc) Quantitativo di terra da reperire (mc) ~ ,00 ~ ,00 ~ ,00 Per la realizzazione degli argini è ipotizzato l impiego del materiale di risulta proveniente dalla realizzazione delle gallerie idrauliche connesse con la diga di Montedoglio (Progetto a cura dell Ente Irriguo Umbro-Toscano), materiale giacente attualmente a monte, lungo la strada per Molinelli. Il reperimento dei materiali per la realizzazione dei corpi arginali appare efficace sia dal punto di vista tecnico e strutturale che dal punto di vista economico; la conformità di tale materiale all impiego nell opera è stata appurata, mediante campagna di indagine ad uopo condotta, dal Consulente Ing. Marco Sacchetti (rif. Relazione allegata). Da tali analisi si evince che il campione di materiale analizzato presenta caratteristiche fisiche, meccaniche ed idrauliche tali da renderlo idoneo all impiego come materiale da costruzione di rilevati ed argini; il terreno analizzato presenta infatti, oltre che ottime caratteristiche meccaniche, anche una discreta percentuale (circa il 19%) di componente fine in grado di ridurre la permeabilità complessiva del corpo arginale a valori nettamente inferiori a quelli del terreno di fondazione superficiale (Unità 1) e quindi, in ultima analisi, prevenire indesiderati fenomeni di filtrazione all interno del corpo arginale in presenza di battenti idraulici. Pagina 20 di 31

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO Provincia di Arezzo COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDE DI FATTIBILITA' (Zona industriale Farniole) Gennaio 2014 Sindaco - Ass. all'urbanistica: Franco Parigi Resp. del Procedimento:

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMMITTENTE: MANCINELLI GIUSEPPINA OPERA DELL INGEGNO RIPRODUZIONE VIETATA OGNI

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE GARZA NEL COMUNE DI NAVE (BS)

SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE GARZA NEL COMUNE DI NAVE (BS) Comune di Nave (BS) SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE GARZA NEL COMUNE DI NAVE (BS) ENTE ATTUATORE: COMUNE DI NAVE (BS) ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI U.O. TECNICA LAVORI PUBBLICI RUP: Geom. Michele

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO D.P.R. n 380/01 s.m.i. art. 67 Lavori: Costruzione Progettista architettonico: con

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Il progetto prevede la realizzazione di una cassa di laminazione in derivazione in sx idraulica al Fiume Pecora, ubicata in loc. Scopaione - Comune di Scarlino (GR) ed

Dettagli

LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR)

LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR) LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR) -Progetto di variante edilizia al P.d.C.202/06 del 20/11/2007- RELAZIONE IDROGEOLOGICA AI SENSI

Dettagli

I. OPERE OGGETTO DELLA 1 a PERIZIA DI VARIANTE E SUPPLETIVA

I. OPERE OGGETTO DELLA 1 a PERIZIA DI VARIANTE E SUPPLETIVA I. OPERE OGGETTO DELLA 1 a PERIZIA DI VARIANTE E SUPPLETIVA Le opere oggetto della presente 1 a Perizia di Variante e Suppletiva comportano delle variazioni dell importo contrattuale in aumento, ammesse

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque.

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque. 12/8 CONDIZIONAMENTI IDROGEOLOGICI 1. Il P.R.G.C. individua alla tav. P3a-b Carta di Sintesi geomorfologica le aree in cui le condizioni idrogeomorfologiche impongono limitazioni agli interventi consentiti

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO OGGETTO: STRADA DI COLLEGAMENTO ALL ACCESSO EST DELLO STABILIMENTO

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7 RELAZIONE INTEGRATIVA PAG 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 NOTE INTEGRATIVE SUL RETICOLO IDRAULICO MINORE...3 2.1 Generalità...3 2.2 Fossi della Piana di San Giovanni...4 2.3 Fosso della Concia e Fosso Carpani...5

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE.

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE. Studio di Ingegneria Civile Dott. Ing. Massimo Carli Studio di Geologia Tecnica Dott. Geol. Roberto Castellano Via Matteotti n 18, 18014 Ospedaletti (IM) Via Manzoni n 75, 18038 Sanremo (IM) Tel. 0184/689368

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI MURO LECCESE (Provincia di LECCE) Lavori di COMPLETAMENTO E MIGLIORAMENTO INFRASTRUTTURALE DELLA ZONA PIP CUP: CIG: RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA Premesso che: con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA OGGETTO: Recupero e ristrutturazione

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 OGGETTO: Competenze del Geologo in materia di progettazione,

Dettagli

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A.

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 SARZANESE - VALDERA IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A. SIMONE STEFANI - GEOLOGO GEOLOGIA ECOLOGIA - AMBIENTE COMUNE DI TERRICCIOLA (Provincia di Pisa) VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Viale della Repubblica, 4-47014 Meldola (FC) Tel-Fax. 0543/49 03 36 - C. F. MDR PLG 44L06 A 565 O - P. IVA 00627450406 PREMESSA La presente

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi dell

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI RELAZIONE GEOLOGICA E GEOLOGICO-TECNICA Contenuti: Illustrazione degli

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... 7 6. COMPETENZE TECNICHE PROFESSIONALI... 7 1 1. PREMESSA

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I SEDE OPERATIVA STRADA CAVEDOLE 12/C 41126 PORTILE (MO) STUDIO GEOLOGICO E AMBIENTALE TEL E FAX +39 059 784335 CELL +39 339 8179913 DOTT.SSA CLAUDIA BORELLI e mail c.borelli@studio-borelli.191.it P. IVA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

QUADRO ECONOMICO 53.927,88 112.412,73 A.II TOTALE ONERI SICUREZZA NON SOGGETTI A RIBASSO

QUADRO ECONOMICO 53.927,88 112.412,73 A.II TOTALE ONERI SICUREZZA NON SOGGETTI A RIBASSO QUADRO ECONOMICO A-LAVORI A.I TOTALE IMPORTO LAVORI + SICUREZZA 4.825.078,93 Di cui oneri diretti della sicurezza (All. al computo sommario della spesa) Di cui oneri speciali della sicurezza (All. al computo

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Regione Lombardia Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della L. R. per il Governo del Territorio del 11.03.2005 n 12 Gennaio 2008 NORME GEOLOGICHE DI PIANO

Dettagli

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario Tecnico Il fiume Fiora tra la S.S. 1 ed il mare: aspetti idraulici e difesa costiera Roma, 16

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI...

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI... Spett.le AOB2 S.r.l. Via XXV Aprile, 18 25038 Rovato (BS) OGGETTO: Stima di massima importo intervento di consolidamento vasche di ossidazione linea 2 impianto di depurazione di Chiari, in previsione di

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. INQUADRAMENTO GEOTECNICO 1 1. PREMESSA La presente relazione ha come

Dettagli

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE INDICE 1. Premesse...2 2. Manuale d uso delle opere...3 2.1. Descrizione delle opere...3 2.2. Modalità d uso delle opere progettate...4 3. Monitoraggio delle opere...5 4. Manutenzione...6 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Progetto di demolizione e ricostruzione di immobile da adibire ad uffici comunali in via Solferino.

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Progetto di demolizione e ricostruzione di immobile da adibire ad uffici comunali in via Solferino. RELAZIONE TECNICA Oggetto: Progetto di demolizione e ricostruzione di immobile da adibire ad uffici comunali in via Solferino. PREMESSA L Amministrazione Comunale di Peschici, nell intento di procedere

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI COMUNE DI ANCONA Provincia di Ancona Regione Marche Piano di Recupero tav. scala: C 5 data: Luglio 2011 agg.: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE PROPRIETA' : Sig.ra Maria Lodovica Cesaroni, Ancona

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI PROGETTO DI NUOVA DERIVAZIONE D ACQUA DAL TORRENTE MONGIA AD USO ENERGETICO - RELAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA AI SENSI DEL R.D. 523/1904 - REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FOSSANO PROVINCIA DI CUNEO PROGETTO

Dettagli