N. 1 anno XVI PETIT Á PETIT L OISEAU FAIT SON NID SOMMARIO NEWS. All interno troverete anche: - Dove stiamo andando?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 1 anno XVI PETIT Á PETIT L OISEAU FAIT SON NID SOMMARIO NEWS. All interno troverete anche: - Dove stiamo andando?"

Transcript

1 N. 1 anno XVI 9 marzo 2008 SOMMARIO PETIT Á PETIT L OISEAU FAIT SON NID Una frase in francese che racchiude un significativo concetto. A piccoli passi l uccellino costruisce il suo nido. Riguardando indietro al lavoro fatto in questi anni vedo come questa frase sia vera. Le cose che si fanno devono essere costruite a poco alla volta. Spesso al fuori sembra che si stia facendo poco, oppure che ci si trovi a grande distanza dagli obiettivi attesi, ma il nido cresce poco alla volta. Impianti sportivi 4 Mbo 5 Posso dire che tutti i settori del nostro Consiglio hanno lavorato bene e stanno portando avanti il lavoro un passettino alla volta, per dare sempre il meglio a voi tutti. Qualche volta il vento della polemica ha rischiato di fare volare quella fragile costruzione, ma poi tutta la squadra del Consiglio ha continuato a migliorare e terminare i progetti in opera, cosicché speriamo di lasciare in eredità al prossimo Consiglio Regionale una costruzione solida per continuare a valorizzare il nostro sport. Questa giornata è anche l occasione per trovarci alla Consulta dei presidenti di società, un appuntamento che alla fine si è aperto a tutti i tesserati e sarà il primo incontro di inizio anno con tutti voi; vi presenteremo i bilanci e valuteremo insieme le cose che si sono realizzate, ed ascolteremo le vostre critiche sui nostri errori di percorso. Vi aspetto numerosi per fare una bella chiacchierata insieme con tutti voi. L anno 2008 è iniziato con il nuovo direttore tecnico Mario Ruggiero che ha organizzato gli allenamenti invernali, un classico rendez-vous per tutti i tesserati lombardi per iniziare a togliere i grassi delle vacanze e tornare con la testa nel bosco. Per questo numero Mario ci ha regalato alcune pagine che ci ricordano che ormai la stagione è iniziata. Go right, young man Appuntamenti 2008 Allenamenti invernali Minna, Pasi, Alessio e Abbiamo poi un contributo di Angelo Bozzola, che da poco entrato in Consiglio ha preso le redine della MBO ed è riuscito a rinfoltire il nostro Trofeo Lombardia di specialità, riuscendo a trovare ben 5 gare in Lombardia; per fare ciò, d accordo con Angelo, è stato deciso di rendere più semplice e snella l organizzazione delle gare: forse si potrebbe perdere un po in valore tecnico, ma abbiamo riportato il Trofeo di MTB-O in Lombardia. Anche nel settore scuola Anna Riva ha lavorato per coinvolgere sempre più i delegati provinciali, i quali insieme alle società locali sono i motori principali del nostro movimento; sono previsti quest anno interventi all interno dei plessi scolastici, inoltre nel mese di maggio ci sarà la prova regionale dei Giochi Studenteschi Scolastici sulla carta di Menaggio (Como) e il CRL sarà presente per supportare questa importante manifestazione che coinvolge molte scuole di tutte le province lombarde. Così hanno progredito gli altri settore, con Remo Madella che ci tiene aggiornati sulla nostra parte informatica (software, sport ident, ecc). Paolo Ferrari (il nostro segretario) che a piccoli passi aggiorna il nostro sito. Paolo Bocchiola, anche lui subentrato in corso d opera, si è preso l incarico di cercare i premi e organizzare la Festa del Lanternino: non è facile cercare ogni anno qualcosa di nuovo rispettando i budget imposti all inizio dell anno; Stefano Gottardi con tanta pazienza ha organizzato tutto l archivio delle nostre cartine ed ogni anno ha portato un piccolo mattoncino per tenere sempre aggiornato per tutti voi il settore cartografico. Infine, (solamente per una casualità di inserimento) Giuseppe Bambozzi, che si è impegnato ogni anno per redigere il calendario regionale, fra ritardi di comunicazioni e incastri di date. Tutte queste persone hanno fatto si che PETIT Á PETIT L OISEAU FAIT SON NID e oggi alla Consulta potete incontrarli e parlare con loro; per questo vi invito ad essere presenti e a fare questa bella chiacchierata tutti insieme. Ciao a tutti, Beppe Ceresa F.I.S.O. Comitato Regionale Lombardo Via G.G. Mora 22 Milano tel. 335/ www,fisolombardia.it NEWS All interno troverete anche: - Dove stiamo andando? - Risparmiare secondi, e non dovremmo preoccuparci dei minuti - Una favola - Giochino!

2 Qualche notizia storica sul paese che ci ospita I primi segni della presenza umana risalgono all epoca preistorica, periodo al quale risalgono i resti di alcune abitazioni su palafitta rinvenuti sulle sponde del fiume Brembo. In seguito il territorio venne interessato da piccoli insediamenti stabili di popolazioni appartenenti al gruppo dei Liguri, a cui subentrarono gli Etruschi nel periodo dell età del bronzo ed i Galli Cenomani tra il V ed il IV secolo a.c.. Questi caratterizzarono fortemente il territorio, inserendolo nel contesto dell insediamento di Lemine. Successivamente si verificò la dominazione romana, i cui abitanti si fusero con quelli di origine celtica presenti precedentemente. Anche gli insediamenti ebbero un notevole sviluppo, favoriti dalla costruzione di un importante strada di comunicazione, utilizzata principalmente dai militari, che collegava la città orobica con quella di Lecco, da cui poi era possibile raggiungere il nord Europa. La costruzione di questa via prevedeva anche la costruzione di un ponte, denominato ponte della Regina, che superava il fiume Brembo collegando il borgo di Almè alla piana di Almenno. Questa favorì notevolmente la trasformazione del sito da postazione militare a centro demico, rinominato quindi pagus Lemennis. Altri sono i resti del periodo romano, tra cui spicca un incisione su pietra, attualmente conservata presso il Museo archeologico di Bergamo, recante la seguente iscrizione: Con il termine dell impero romano il territorio visse un periodo di scarsa antropizzazione, terminato con l arrivo della popolazione dei Longobardi nel VI secolo, che diede vita alla curtis lemennis, inserita nel ducato di Bergamo. A questa popolazione subentrarono, a partire dall' VIII secolo, i Franchi, con i quali Lemine diventò un beneficium entrando nell ordinamento e nel costume feudale. Inizialmente i territori vennero dati in feudo ai conti Gisalbertini di Bergamo, a cui subentrò il vescovo di Bergamo, il quale in seguito li diede in gestione ai monaci della valle di Astino, come citato in documenti del Il toponimo ebbe a formarsi in questi anni derivante dal nome della zona, Lemine, poi diventato Lemen in Plano e successivamente abbreviato in Almè. Nel corso del XIV secolo il territorio venne interessato dalle violente lotte di fazione tra guelfi e ghibellini, con Almè schierato con questi ultimi e conseguentemente soggetto alle incursioni guelfe. In quegli anni il borgo di Almè vide un progressivo ma inesorabile declino, e la sua importanza andò scemando già nel XIV secolo, dovuta al sempre minore utilizzo della strada per Lecco, favorita dal crollo del ponte della regina, avvenuto nel Poco interessato dai regimi che si susseguirono nella provincia di Bergamo, passò alla Repubblica di Venezia nel XV secolo, con la quale terminarono gli scontri tra fazioni avverse, alla Repubblica Cisalpina nel 1797, al Regno Lombardo-Veneto nel 1815 ed infine al Regno d'italia nel 1859, durante i quali venne più volte unito amministrativamente al vicino paese di Villa d Almè, l ultima delle quali avvenuta nel 1927, con la definitiva autonomia sopraggiunta soltanto nel Fonte Wikipedia Pagina 2

3 DOVE ERAVAMO RIMASTI??? Questa volta la pagina di storia recente ci porta indietro di 6 anni. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti (e sopra le teste degli orientisti ) ma perché non ricordare una bella edizione del Trofeo Lombardia al Parco dei Colli? Era la gara di fine stagione del 2002, quasi 6 anni fa In che categoria gareggiava la nazionale Federica Maggioni? In che squadra militavano Alessandro Di Pace e Mario Ruggiero? ***** Quando si avvicina il giorno della gara gli orientisti interrogano con frequenza ed attenzione maggiore le previsioni del tempo, scambiandosi le informazioni raccolte ed arrestando la visione non appena qualche sconosciuto commentatore di una oscura televisione privata accenna alla possibilità di bel tempo (ha detto che sarà bello! Ha detto che sarà bello!) Quando il calendario prevede la gara al Parco dei Colli (Bergamo) lo sguardo volge al cielo per tutta la settimana precedente la gara: il terreno di gara, infatti, e' caratterizzato da un fondo argilloso ben noto agli orientisti lombardi, terreno che resta impregnato d'acqua anche quando le precipitazioni sono già finite, rendendo improbe le salite e particolarmente sdrucciolevoli le discese. Per l'edizione 2002 Giove Pluvio ha riservato acqua per tutta le settimana, ma almeno il giorno della gara le nuvole sono state clementi e solo qualche goccia ha accompagnato la fatica dei 160 partecipanti, convenuti per l'ultima prova "boschiva" del Trofeo Lombardia. A questi vanno aggiunti gli oltre 60 iscritti nelle categorie di contorno (Esordienti, Scuole ed Open). All'apparenza proprio questi ultimi hanno affrontato, sui tracciati disegnati da Ivan e Tommaso Civera e Moritz Etter, le maggiori difficoltà dovute al fango che si addensava copioso proprio sui sentieri, mentre nel bosco gli atleti hanno dovuto fare i conti con canalette asciutte divenute improvvisamente "bagnate" (e le cabalette bagnate si sono comportate di conseguenza... divenendo allegri fiumiciattoli). Apprezzata la scelta dell'organizzazione del S.Alessandro Koala Bergamo che ha provveduto, in extremis, ad annullare una lanterna dei percorsi HA e DA che, per la sua localizzazione al di là del fiumiciattolo che scorre nella parte nord della carta, avrebbe potuto mettere in pericolo gli atleti. I percorsi non ne hanno risentito, e molti atleti anche delle categorie inferiori hanno manifestato l'apprezzamento verso il lavoro del tracciatore. Nella categoria HA si e' rinnovato il duello di fine stagione tra l'ikp e il Lombardia Orienteering; questa volta i primi hanno avuto la meglio, con il primo posto di Giaime Origgi, il terzo di Massimo Bianchi ed il quarto di Mario Ruggiero. Secondo posto (ma ad oltre 7 minuti dal primo) per Paolo Grassi e quinto per Emanuele Patton; per trovare il primo "estraneo" a questo scontro si scende al sesto posto di Michele Caraglio (Oricuneo). Tra le DA, e' indubbio che il finale di stagione fa bene a Daniela Poete (Interflumina) che come l'anno scorso piazza una bella zampata vincendo con 3 minuti esatti di vantaggio su Emanuela Titoli (Punto Nord Monza) e 6 su Enrica mantovani (Lombardia Orienteering). Tra i giovani si nota la vittoria dell'interflumina sia nella D12 che nella H12 (qui il podio e' tutto della società di Casalmaggiore), mentre nella D14 Silvia Albrici emerge dal bosco dopo una prova maiuscola che le da il primato con quasi 30 minuti di vantaggio sulla seconda. Federica Maggioni (Pol. Besanese) e Francesca Minetto (Vivaio) vincono rispettivamente la D16 e la D18; Jacopo Benini (Pol. Besanese) vince la H14 con quasi 11 minuti di vantaggio, mentre di 9 minuti e' il vantaggio di Andrea Bruno (Oricuneo) nella H18. Più contrastata la H16, con la vittoria di Davide Fumagalli (Nirvana Verde). Tra i veterani vittorie per Cristina Turolla (Punto Nord Monza - D35), Marina Beltramo (Cus Torino - D40) e Lucia Sacilotto (Unione Lombarda - D45) nelle categorie femminili; 5 regioni diverse si impongono invece tra i master maschili: Liguria (Gianluca Di Stefano - S.Stefano Orienteering - H35), Lombardia (Massimo Accorroni - Atletica Varese - H40), Veneto (Stefano Zonato - Erebus - H45), Trentino (Franco Tamanini - Orienteering Mezzocorona - H50) e Piemonte (Giuseppe Anfossi - Oricuneo - H55). Tra i "duellanti" di tutta la stagione di HB, Remo Madella (Unione Lombarda) ed Alessandro Di Pace (Cus Bologna) la spunta il primo, ma e' un confronto di cui si sentirà ancora parlare a lungo nei prossimi anni. Stefano Galletti N. 1 anno XVI Pagina 3

4 ... che tradotto significa: dove praticare l'orienteering nella nostra regione? Ecco una breve carrellata sulle aree toccate in quesa prima parte di stagione dall'attività lombarda! Avevamo chiuso il 2007 con la CO "boschiva" nella zona di Sesto Calende, precisamente a Taino per la staffetta regionale, e si ritorna proprio da quelle parti con gli allenamenti invernali in gennaio La provincia di Varese rappresenta una zona molto interessante per noi orientisti, infatti ha gia' un lungo elenco di cartine storiche per il Comitato Lombardo e per alcune società: da Sesto Calende- Taino ci si muove (di poco) per arrivare a Monte della Croce, eppoi ancora Golasecca, Brinzio e Tradate. E non dimentichiamo che lì vicino la Sesto76 ha realizzato pochissimi anni fa una carta molto bella e interessante nel vicino Piemonte, ovvero a Borgo Ticino. E se come Comitato esiste la possibilita' di aggiornare Colle della Croce, attualmente inutilizzabile per le gare regionali e "ferma" da ormai 10 anni, è alquanto verosimile che a breve (2009?) verrà u- tilizzata una nuova cartina, appena realizzata, di proprietà di una storica società lombarda. Ma non è finita qui, visto che altre due nuovissime cartine non lontano da Sesto Calende sono in produzione e potrebbero ospitare gare lombarde nel giro di un paio d'anni. Non posso anticipare nulla di più ma spero di lasciarvi un pò di curiosità e buone prospettive future. Spostandoci verso est, gli allenamenti invernali hanno toccato la recente carta IKP di Barni e quella, un pò più datata, della Brughiera Comasca: di quest'ultima, la zona Nord è in fase di aggiornamento, mentre quella Sud potrebbe essere aggiornata a breve. Infine, arriviamo al weekend di gare bergamasche: il S.Alessandro Koala, dopo la "sfortunata" esperienza con la cartina del Monte Canto - ahimè generalmente poco apprezzata dagli atleti - torna nello storico teatro del Parco dei Colli, su una cartina realizzata originariamente ben 18 anni fa proprio alle spalle della città di Bergamo. Il Parco venne istituito nel 1977 per rispondere all'esigenza di salvaguardia (e valorizzazione) della natura vista la rapida e intensa antropizzazione del territorio; è il terzo parco regionale dopo quelli del Ticino e delle Groane. La cartina del Parco dei Colli ha fatto da scenario a numerose gare e allenamenti: ricordate anche il mitico Half-Marathon-Orienteering, oltre 20 Kmsf, su tre diverse cartine? Correva l'anno A margine di tutto ciò, voglio condividere questa osservazione: molte belle cartine lombarde realizzate anni fa hanno subito, per effetto dei cambiamenti climatici (forse) ma anche per mutamenti delle abitudini dell'uomo, una variazione sostanziale della vegetazione, con "verdini" diventati "verdoni" il che si traduce in una grossa difficoltà di avanzamento per noi orientisti. Insomma, molte carte in bassa quota (a ridosso della pianura padana) stanno diventando sempre più intricate e meno sfruttabili per il nostro sport. Dicevo, "anche per mutamenti delle abitudini dell'uomo", e magari vi state chiedendo cosa intendo... Presto detto: lo sapete che sul Monte Maddalena (Brescia) venivano lasciate pascolare numerose capre le quali mangiando i rovi mantenevano il bosco pulito - e bellissimo per l'orienteering -??? E la stessa cosa è successa in molte altre aree lombarde... Forse il CRL dovrebbe valutare l'acquisto di qualche centinaio di capre selvatiche da utilizzare quà e là? Ci potremmo pensare ;o)... S.G. IMPIANTI SPORTIVI PER ORIENTEERING (IN LOMBARDIA) Pagina 4

5 Il 16 marzo si accenderà, all autodromo di Monza, il semaforo verde per la Ferrari di Raikkonen e Massa ops in realtà a sfrecciare nel vecchio circuito monzese saranno le mountain bike alla ricerca delle lanterne. Prima un po di storia: il circuito di Monza è il terzo circuito permanente realizzato al mondo (1922), preceduto solo dalla pista americana di Indianapolis (1909) e da quella inglese di Brooklands (1911), oggi non più esistente. Nel 1955 venne realizzato un nuovo anello di alta velocità, tuttora esistente, anche se non più utilizzato per le competizioni automobilistiche, con curve sopraelevate in cemento armato a pendenza crescente verso l'esterno: la fascia esterna ha una pendenza dell'80%. Un'unica curva con sviluppo di 180 gradi, chiamata Parabolica per il suo tracciato a raggio crescente, molto simile ad un arco di parabola. Nello stesso anno, durante una sessione di prove private, perse la vita il pilota Alberto Ascari: la dinamica dell'incidente, al quale non assistette alcun testimone, non è mai stata del tutto chiarita. La curva dove avvenne il fatale schianto, in precedenza chiamata curva del Vialone, fu ribattezzata curva Ascari, in ricordo del campione scomparso. In attesa di una stagione (il 2009) agonistica che si preannuncia ricca di impegni nazionali nella nostra regione, prende il via il 5 Trofeo Lombardia di MBO, quest anno in edizione più snella e semplificata per facilitare le società nell organizzazione e per avvicinare un maggior numero di appassionati delle due ruote. Rinnovato nella grafica il simbolo del circuito grazie a Cristina Turolla (ideatrice), le gare spaziano in ben cinque differenti province. Alcune sono già state sedi di manifestazione, anche a livello nazionale, altre sono delle novità, Monte Canto e Tradate. Quest ultima gara (sabato 24 maggio) sarà valida anche per l assegnazione del titolo Regionale Lombardo. Un peccato che ci siano solo 52 domeniche! Anche quest anno, infatti, ci saranno delle sovrapposizioni tra gare regionali e nazionali, tra MBO e CO, d altronde si può fare tutto? Appuntamento a fine di giugno, per la squadra lombarda, in Toscana (dove si sono svolti gli ultimi Europei) per il Trofeo delle Regioni che torna alla formula antica del punto K, molto spettacolare e che richiede un bel lavoro di squadra. E vero che l estate e le vacanze saranno alle porte, ma non per tutti (vedi esami per i giovani e commissione per gli insegnanti) e posizionare due Trofei delle Regioni in giugno, a così breve intervallo di tempo e con trasferte lontanissime, non è certo il massimo. Si auspica, in un futuro prossimo, di tener conto di questi aspetti pratici, organizzativi che non facilitano certo il lavoro dei Comitati. Un augurio a tutti gli appassionati di MBO di divertirsi al Trofeo Lombardia e di invitare altri amici a provare questa disciplina. Angelo Bozzola MBO in Lombardia e in Italia: semaforo verde n.4 anno XV Periodico edito dal Comitato Lombardo della FISO - Direttore Responsabile : Giuseppe Ceresa - Capo Redattore : Stefano Galletti Redazione : Giuseppe Bambozzi - Andrea Gianotti - Paolo Bocchiola Hanno collaborato a questo numero : Stefano Gottardi, Angelo Bozzola, Mario Ruggiero, Jacopo Benini Il Nuovo Lanternino, periodico ufficiale del CRL, pubblica articoli (firmati) che possono non corrispondere al parere della redazione o del CRL stesso, auspicando un sempre maggior contributo da parte di tutti gli orientisti. N. 1 anno XVI Pagina 5

6 Risparmiamo secondi, e non dovremo preoccuparci dei minuti! L articolo che segue scritto dal pluri campione regionale Hally Hardie (H60) è apparso nel febbraio 2004 su CompassSport, rivista dell orientamento Inglese ed è stato tradotto in italiano da un monaco tibetano residente in Costa Azzurra. Per caso l ho trovato anche sul sito del CSI Treviso e mi è sembrata una cosa carina pubblicarlo anche sul Lanternino. Buona lettura. Si può pensare che sia fuori luogo parlare di come guadagnare qualche secondo in gara, quando normalmente perdiamo svariati minuti. Dobbiamo però tenere presente che è molto facile sprecare 30 secondi o anche di più ad ogni punto di controllo senza che ci rendiamo conto di fare effettivamente degli errori veri e propri. E se il nostro percorso prevede 20 punti di controllo, i secondi persi si sommeranno provocando un ritardo di 10 minuti. Se però possediamo un metodo efficace di procedere, del quale siamo pratici e di cui abbiamo acquisito quegli automatismi che ci fanno fare istintivamente le mosse giuste al momento giusto, allora potremo migliorare le nostre prestazioni, salire in classifica oppure affrontare con fiducia un percorso di difficoltà superiore. Come guadagnare secondi nel bosco La prima cosa è quella di saper riconoscere i particolari che fanno da punto di controllo. Le nostre esperienze di vita e di atleti nella natura e nell ambiente in generale dovrebbero averci insegnato come riconoscere le caratteristiche del bosco e del territorio, e quindi dovremmo essere in grado di riconoscere immediatamente le caratteristiche dei punti di controllo, oppure la loro più probabile ubicazione sul terreno, in tempi inferiori a quelli di un novellino o di un osservatore meno accorto. Per essere più veloci dovremo però allenarci ad essere più percettivi imparando a valutare quanto segue. Depressioni/buche: dobbiamo tenere presente che potrebbero esserci meno alberi, fino ad una loro assenza completa, nelle depressioni più piccole, accompagnata ad una vegetazione più fitta nelle immediate vicinanze, grazie alla maggior presenza di acqua. Eventualmente è possibile un cambiamento repentino del sottobosco, spesso un anello leggermente sollevato intorno, in confronto all area circostante. Le depressioni più grandi e poco profonde, a causa del cambiamento della vegetazione, possono sembrare delle radure. Non è necessario conoscere i nomi delle piante per rendersi conto del cambiamento della loro tipologia. Le depressioni più piatte, d'estate, a causa della deformazione del terreno, potranno quasi scomparire. Radure: i raggi del sole riescono a penetrare meglio tra gli alberi, ed è probabile una variazione del sottobosco, che può essere più denso, con cespugli o ciuffi d erba più rigogliosi. Le radure possono cambiare radicalmente in dipendenza delle stagioni, e una cartina che ha più di due anni molto probabilmente non è più in grado di definirle con precisione. Paludi, pozze d acqua: normalmente la diversità della vegetazione, per es. un canneto, è molto evidente e può essere riconosciuta da una certa distanza. Ci sarà un evidente appiattimento del terreno e in caso di pozze sarà visibile una leggera scarpata prima di arrivare allo specchio d'acqua. Se la pozza d acqua serve per l abbeveraggio, è facile incontrare tracce di animali, che possono formare nuovi sentieri. Anche qui, nelle immediate vicinanze dello specchio d acqua, gli alberi si diradano. Estati secche ed inverni ricchi di precipitazioni possono radicalmente modificarne l'aspetto e le dimensioni. In ogni luogo dove si raccoglie o scorre l'acqua dovremo aspettarci una vegetazione più rigogliosa che non in altri posti, con un possibile cambio di tipologia. Cocuzzoli: se coperti di vegetazione, la vegetazione bassa sembrerà salire, e anche l'altezza dei rami più bassi degli alberi sembrerà più alta. Una vegetazione rigogliosa renderà più difficile il riconoscimento dei cocuzzoli più piccoli. Muri di terra: possono essere associati a canalette non molto pronunciate, e saranno cartografati solo se di dimensioni evidenti. Saranno molto difficili da riconoscere se vecchi ed dissestati, ma i più recenti tendono ad avere una composizione o tipologia di vegetazione differente dall'area adiacente. Per composizione si intende per es. 70% sottobosco e 30% altri tipi di piante contro 90% di sottobosco e 10% di altri tipi di piante. Anche la velocità di crescita della vegetazione sarà diversa. I muri di terra in genere hanno due lati mentre le Scarpate: hanno un lato solo e spesso sono più ripide. Per trovarle, occorre cercare di individuare un repentino abbassamento del terreno. Gli alberi potranno essere simili a quelli che troviamo nelle depressioni, vale a dire che la struttura dei rami tende a riflettere l'altezza della crescita. Ruscelli/canali di drenaggio: se non sentiamo scorrere l'acqua di un ruscello, allora probabilmente il terreno assomiglia molto a una zona paludosa in terreno piatto o a un avvallamento in una zona collinosa. Ma potremmo trovarci anche in una estate secca, oppure la zona potrebbe trovarsi vicino ad una strada trafficata che copre il rumore dell'acqua. In ogni caso, anche qui la vegetazione bassa sarà più rigogliosa tutto attorno, ed è probabile che gli alberi lungo il corso d'acqua crescano meno fitti. In queste zone vengono spesso scavati dei canali di drenaggio che, se contengono acqua, aumenteranno la rigogliosità della vegetazione ai loro lati. Fosse/fosse di erosione: le fosse di erosione sono molto simili a canali di drenaggio o a ruscelli secchi. Infatti, in zone ad elevata piovosità possono essere pieni di acqua o può scorrervi acqua. Nelle piantagioni potremo trovare un sistema composto da canali di drenaggio e argini per l'irrigazione, in cui gli alberi solitamente vengono piantati sopra gli argini. Può essere molto difficile correrci di traverso, ma potrà altresì essere facile percorrerle in senso longitudinale. Possono infatti rappresentare un facile passaggio attraverso un terreno altrimenti contraddistinto da un intenso verde tre. Avvallamento: certamente sappiamo tutti che cos è un avvallamento, ma siamo certi di essere sempre in grado a riconoscerlo? Dovrebbe essere un luogo nel quale la curva di livello che vi passa fa una stretta curva e poi ritorna nella direzione iniziale, indicando così una piccola valletta. Sembra essere di moda posare il punto di controllo nella parte alta della valletta, se non indicato diversamente. Trattandosi di un luogo di drenaggio naturale, il sottobosco potrà essere più rigoglioso e diverso dalla zona circostante. Pagina 6

7 Cespugli e rovi: sono in genere facilmente riconoscibili a distanza, a seconda della stagione, grazie all'intensificarsi del tono del colore generale del bosco. Sembra non esistere uno standard nell'altezza dei cespugli, quindi aspettiamoci di trovare qualcosa con altezze tra uno e i quattro metri. Recinti, muri, particolari lineari: frequentemente potremo trovare tracce lasciate da animali che corrono lungo tali particolari. Queste tracce solo raramente sono riportate in cartina. I muretti sono spesso coperti da piante rampicanti o dalla vegetazione in genere. Tracce/sentieri: quando non stiamo correndo su un sentiero o su una traccia, vediamo altri orientisti correre velocemente come se stessero correndo su un sentiero? Dovremmo essere in grado di stimare correttamente la nostra distanza da un particolare lineare per localizzare un punto di controllo, tenere la rotta o correggere la nostra direzione se necessario. Siamo in grado di riconoscere le tracce degli animali? Siamo in grado di approfittarne? Il sentiero sarà stretto, magari appena largo come il nostro piede, ma invece di occasionali interruzioni nella vegetazione potremo osservare una linea continua sul suolo. E sebbene le tracce degli animali, a differenza dei sentieri fatti dagli uomini, sembrino andare a zig-zag, un insieme di tali tracce potrà aiutarci a correre più veloci, in particolare in un terreno coperto da erica, rododendri o mirtilli. Lungo queste tracce dovremmo essere in grado di procedere più velocemente che non nel bosco, a condizione di usare queste tracce con l - occhio attento alla direzione nella quale stiamo avanzando. Le tracce di animali si trovano spesso parallelamente a particolari lineari quali muretti, recinti e ruscelli, spesso anche là dove il cartografo ha indicato un bel verde tre. Nei pascoli montani, le tracce delle pecore e delle vacche seguono spesso le curve di livello o procedono con pendenze molto lievi. Strade: le strade trafficate possono esserci di aiuto anche quando non sono in vista, e senza correrci sopra. Il nostro udito dovrebbe essere in grado di indicarci quanto distanti possono essere. E la bussola o il sole, insieme al rumore proveniente da una strada, possono essere una guida molto affidabile. Le linee ferroviarie, nelle poche zone dove passano in cartina, possono servire allo stesso scopo. Altri rumori riconoscibili, ma anche odori (in una gara, un allevamento di maiali mi fu di qualche aiuto), possono essere un'altra fonte di utili informazioni se siamo in grado di relazionarli alla nostra cartina di gara. Sottobosco morbido: erba, felci, erica, giovani piante di more, mirtilli. Quando qualche concorrente è passato sopra questo tipo di terreno, esso appare leggermente più scuro di quello non schiacciato dai piedi. Lo schiacciamento delle foglie, foglie rotte o rovesciate, sia vive che secche, ramoscelli spezzati, strisciate sul terreno, cortecce lesionate con ferite di color chiaro, tutto questo può indicare che qualcuno è passato di recente. Con il tempo, queste tracce possono diventare carrarecce da elefanti e possono influenzare di molto la velocità di corsa e le nostre scelte di percorso. Ma attenzione, non dimentichiamo di mantenere il contatto con la cartina! Terreni aperti: a seconda della densità della vegetazione e della conformazione del terreno nel quale stiamo transitando, le aree aperte possono essere visibili da una distanza di 300 m. Dobbiamo utilizzate il nostro senso della distanza e di direzione per sfruttare queste informazioni aggiuntive. La lanterna: nella maggior parte dei casi, il tracciatore/controllore posizionerà la lanterna sul lato opposto del punto di controllo, visto dalla più probabile direzione di avvicinamento. Questo vale in particolare per punti che permettono un avvicinamento con buona visibilità quali cocuzzoli, cespugli, ruderi, muri, edifici, scarpate, massi ecc. Quindi, se non vediamo la lanterna o il particolare di riferimento trovandoci nella presumibile zona-punto, allora diamo un'occhiata proprio dietro di noi. Non si sa mai, potrebbe trovarsi giusto dietro le nostre spalle! Se neanche così riusciamo a vedere la lanterna o il particolare, proviamo ad avvicinarlo da un punto di attacco che si trovi lungo la traiettoria individuata dal punto precedente. La descrizione del punto dovrebbe indicare con sufficiente precisione su quale lato dell'oggetto la lanterna dovrebbe trovarsi. Altri orientisti: osservando il comportamento degli altri orientisti, possiamo notare diversi tipi di comportamento nei pressi di un punto di controllo. I tipi che troveremo fermi nei dintorni si distinguono come segue: a) quelli che stanno facendo la scelta di percorso per il prossimo tratto e la cui attività è abbastanza ovvia in quanto stanno leggendo la cartina dando magari un rapido sguardo alla bussola. Queste persone possono rivelare la posizione di una lanterna, aiutando NOI a guadagnare secondi. b) quelli che sono momentaneamente insicuri della loro posizione (quelli cioè che si sono persi). Anche loro probabilmente stanno studiando la cartina, ma per tentare di rintracciare l'oggetto al quale sono arrivati per sbaglio. Queste persone in genere continuano a guardare un po' il terreno e un po' la cartina. Vagano intorno, probabilmente con l'intenzione di avvicinare qualche povero sfortunato che possa magari dare loro un aiuto. In genere hanno un'aria smarrita, indecisa. Non dobbiamo tentare di avvicinarli! È sorprendentemente facile convincersi che loro sappiano dove si trovano, in particolare quando ci aspettiamo di trovare il nostro punto di controllo. c) infine ci sono quelli che vedono il punto di controllo o sanno esattamente dove si trovano. Le loro azioni sono sicure e decise. Corrono dritti verso il punto, punzonano e lasciano il punto velocemente verso una direzione precisa, non facendo altro che controllare rapidamente il codice della lanterna, dare uno sguardo veloce alla cartina e/o alla bussola e via. Se ci fermiamo ad ascoltare non sentiremo altro che il beep della punzonatura elettronica! Ora che NOI sappiamo che cosa aspettarci dagli altri quando si trovano intorno ai punti di controllo, potremo utilizzarli a nostro vantaggio. Potremo anche fare i finti tonti se stiamo cercando di staccare qualcuno dalle nostre calcagna. Avanti, proviamo, potrebbe essere divertente! Nell orientamento ci sono tre categorie di persone: quelle che guardano, quelle che vedono e quelle che osservano. Queste ultime sono quelle che tendono ad approfondire ciò che vedono e a farsi una memoria mentale da richiamare in futuro, quando dovesse servire. N. 1 anno XVI Pagina 7

8 Go right, young man Da giovedì 14 febbraio a domenica 17 febbraio si è svolto il primo raduno della squadra nazionale giovanile, dove i convocati, Lorenzo Pittau, Adrienne Brandi, Seppi Andrea e Jacopo Benini, accompagnati da Origgi Giaime, hanno avuto la possibilità di tastare il terreno svedese, terreno che quest anno ospiterà i JWOC di Goteborg dal 30 giugno al 6 luglio. Sbarcati all aereoporto di Skavsta verso le di mercoledì sera e dopo aver ricevuto le chiavi di casa da Henrik Skoglund, l allenatore svedese che ci avrebbe seguiti durante la nostra trasferta, siamo saliti sulla nostra Volvo monovolume e ci siamo diretti alla volta di Åby. Giunti a destinazione, e sistemate velocemente le nostre borse ci siamo infilati nei sacchiapelo, aspettando un sonno che avrebbe tardato, considerato lo stato di eccitazione che ci dominava. Il giorno seguente, alla luce del sole abbiamo potuto vedere cose che voi lombardi non potete neppure immaginare... la clubhouse, oltre a concederci una ampia e notevole vista sul pittoresco laghetto (ghiacciato) situato dietro di essa, presentava la comodità di essere immersa completamente nel bosco, naturalmente cartografato, ricco di dettagli e forme che avrebbero facilmente soddisfatto le nostre voglie orientistiche. Per familiarizzare con l ambiente ostile abbiamo affrontato il primo allenamento, un percorso classico, procedendo a ritmo blando, e cercando di trarre quante più informazioni possibili sul terreno circostante e sul metodo utilizzato dal cartografo per disegnare dettagli e forme. Il pomeriggio ci siamo spostati su un tracciato in scala 1:10.000, decisamente più ricco di dettagli. A differenza della mattina, abbiamo proceduto ad un ritmo più sostenuto, ma comunque controllato, in modo da non perdere il contatto con la carta. La presenza dei numerosi dettagli e i continui cambi di direzione ci hanno messo a dura prova, ma, nonostante ciò, durante la riunione serale ognuno di noi ha manifestato buone sensazioni. (CARTINA IN QUESTA PAGINA) La mattina del giorno successivo, la temperatura atmosferica non si avvicinava a nulla di minimamente paragonabile agli standard italiani : 0 centigradi, ma per fortuna, a risollevare il morale avevamo il nostro programma di allenamento che presentava una bella long di 10.5km. L allenamento era composto da un percorso classico, mirato alla pianificazione delle scelte. Era importante partire dal punto avendo pianificato tutto, sia la scelta che i punti di passaggio intermedi (possibilmente ben riconoscibili). Da notare il tempo registrato dal migliore del nostro gruppo, circa 1.30h, e il tempo datoci come tempo di percorrenza dei migliori juniors svedesi se il percorso fosse stato un percorso di gara: h c è ancora molto da imparare. (CARTINA NELLA PAGINA SEGUENTE) Durante le riunioni tecniche è risultata interessante l analisi del tragitto tra punto 3 e 4, dove tutti abbiamo optato per una scelta più lineare under the red line, con qualche variante a sinistra, ma ignorando completamente la destra. Henrik ci ha fatto notare quale fosse secondo lui la scelta ottimale e come dargli torto?! La scelta migliore era decisamente scendere a destra, puntando grossolanamente alle due grandi paludi (punti di passaggio facilmente riconoscibili), per poi costeggiarne l ultima e attaccare il punto con orientamento fine; durante tutta la scelta si sarebbe infatti riuscito a tenere una velocità elevata, sia durante la discesa alla palude più grande, sia seguendo il perimetro della stessa, a differenza invece delle nostre scelte, che oltre a non essere del tutto in discesa, prevedevano l attraversamento di zone sassose, a lenta percorribilità. Pagina 8

9 L allenamento del pomeriggio è stato probabilmente l allenamento più noioso della settimana, ma non per questo il meno efficace. L esercizio proposto era un segui-linea, di per sè monotono, ma reso interessante e molto impegnativo della conformazione del terreno, dove ogni piccola disattenzione o accelerazione di ritmo poteva farti sbandare. Sabato mattina invece è stata la volta di Olintervaller (cosa saranno mai?!), che a mio parere è stato uno degli allenamenti più divertenti della settimana: allenamento diviso in mini percorsi da due punti ciascuno, con partenza scaglionata ogni 10 secondi e velocità a ritmo di gara. E risultato molto stimolante, il correre più o meno a vista, considerato che ognuno voleva limitare i danni evitando di farsi superare da chi partiva dopo, ma allo stesso tempo aumentare per superare chi stava davanti. Nel pomeriggio si è ripresentato un allenamento sulla stessa modalità e lunghezza di quello di giovedì mattina, quindi percorso classico, facilitato rispetto al primo dalla maggiore sicurezza e dalle capacità di lettura acquisite, ma appesantito dalla fatica di cinque allenamenti. Jacopo Benini Gli appuntamenti nazionali ed internazionali che vedranno al via la rappresentativa lombarda quest anno saranno quattro. Si comincerà nel ponte del primo maggio con la partecipazione all ALPE ADRIA a Graz in Austria. A giugno poi ci saranno i Trofei delle Regioni di CO in Puglia e MBO in Toscana. Ad Ottobre infine concluderemo con la partecipazione all ARGE ALP. L ALPE ADRIA quest anno è concomitante con i campionati austriaci middle e prevede giovedì 1 maggio una sprint valida come WRE, venerdì 2 una staffetta, sabato 3 una middle e domenica 4 una long valida anch essa come WRE. Quattro giorni molto impegnativi dal punto di vista tecnico e fisico che ci vedranno al via speranzosi di ben figurare. La squadra selezionata sarà composta da 15 atleti cosi divisi: 21Elite (4 Men / 3 Women), 18E (2 Men / 2 Women), 35 (2 Men / 2 Women). La trasferta sarà comunque allargata agli altri atleti junior meritevoli e desiderosi di fare esperienza internazionale. Il TdR di CO che si terrà sul Gargano il 21 e 22 giugno e il TdR di MBO della settimana successiva a Mercatale Val di Pesa e Castelfiorentino saranno invece un ottima occasione per cercare di dimostrare la completezza del nostro movimento. I posti sono davvero molto tecnici e meritevoli della nostra presenza con il maggior numero delle forze in campo. L ultimo appuntamento della rappresentativa regionale è fissato per il 18/19 Ottobre 2008 nel cantone di San Gallo in Svizzera dove parteciperemo all ARGE ALP cercando di riscattarci agli occhi degli altri land dopo le problematiche legate alla scorsa edizione. I criteri di selezione della rappresentativa regionale, per quanto riguarda la corsa, non prevedono particolari prove di selezione ma si baseranno su tutti i risultati che gli atleti otterranno prima delle prove. Per concludere non dimentichiamo infine il raduno estivo dal 19 al 24 agosto che quest anno si terrà in Svizzera a San Bernardino e sarà sicuramente un esperienza indimenticabile sotto tutti i punti di vista! Mario Ruggiero Appuntamenti 2008 N. 1 anno XVI Pagina 9

10 Tradate 64, Taino 69, Brughiera sud 60, Barni 5. Questi sono i numeri degli atleti lombardi e non che hanno partecipato agli allenamenti invernali, che di invernale con i 25 che c erano nell ultimo appuntamento di Barni avevano ben poco. La partecipazione considerando il periodo è stata importante. Oltre ai soliti noti un cospicuo gruppetto di principianti soprattutto di giovane età ha utilizzato questo appuntamento per muovere i primi passi nel bosco. Ormai l utilizzo di Ocad è entrato nel bagaglio di ogni istruttore e si è visto come possa permettere di creare nello stesso luogo percorsi con caratteristiche diverse. Il bosco che ben conosciamo, e nel quale abbiamo già corso parecchie volte, appare diverso ai nostri occhi se privato dei sentieri In questa prima serie di allenamenti si è cercato di proporre costantemente un percorso facile (BLU) che potesse essere fatto in sicurezza dai ragazzi meno esperti. I due tracciati più impegnativi invece si sono basati sull interpretazione corretta delle forme del terreno che secondo me distingue un orientista medio da uno esperto. I percorsi ROSSO e NERO hanno proposto costantemente la lettura delle curve di livello nelle loro diverse sfaccettature (terreno piatto-ondulato). Le carte degli esercizi svolti sono state infine pubblicate sul sito regionale per poter permettere a tutti di vedere l attività svolta. E chiaro a tutti che questi quattro appuntamenti sono pochi, ma spero siano serviti. Una nota. Nel 2000 gli allenamenti si svolgevano a marzo ed aprile. Quest anno il calendario regionale e nazionale ha lasciato libere solo le domeniche di gennaio e la prima di febbraio e marzo. Forse una pausa non sarebbe stata male, ma a cosa avremmo voluto-potuto rinunciare? Che bellezza! Allenamenti invernali 2008 Giochino? >>> Mario Ruggiero E ricominciata la stagione 2008 di orienteering! Che voglia di ritornare a navigare tra gli alberi del bosco, di trovare un passaggio nascosto tra due rocce per punzonare la lanterna che sta proprio in mezzo, di guadagnare terreno nel bosco slalomeggiando tra gli alberi Ecco, adesso che vi ho riportato alla ruvida e dura realtà dei giochino del Nuovo Lanternino, provate ad indovinare quale ruvidissima cartina del nord Italia è nascosta nella sequenza di parole riportata nella pagina seguente. Suggerimento: una delle parole rappresenta un aiutino per la soluzione del gioco ma non è Orobie! Pagina 10

11 La città dei sogni intrappolati In un lontano passato, in una terra di cui ormai nessuno si ricorda il nome, gli uomini, ogni volta che facevano i sogni, di notte o a occhi aperti, li trasformavano in uccelli coloratissimi che poi tenevano in casa con loro, per illuminare la propria vita. Ce n erano di tutti i colori e forme e ogni volta che li guardavi il tuo animo si riempiva di felicita. Succedeva però che dopo poco tempo gli uccelli tendevano a volare via, magari a breve tornavano oppure a volte non tornavano più. Gli uomini di quel paese allora cominciarono a chiuderli in gabbie, attraverso le quali avrebbero potuto continuare ad ammirarli ma in modo esclusivo e continuo. Tempo dopo, nel paese vicino, altri uomini e donne cominciarono a non sognare più. Si addormentavano e facevano sonni bui e vuoti. Anche la loro immaginazione stava morendo, la fantasia andava perdendo tutti i suoi colori. Le persone cominciarono ad ammalarsi e i dottori non riuscivano a capire che malattia fosse. Avevano fatto tutte le analisi possibili ed erano ancora al punto di partenza solo con una certezza in più: quelle persone non potevano continuare a vivere così. Nel paese dei sogni intrappolati, intanto, quei bellissimi uccelli colorati all interno delle gabbie cominciarono a diventare tristi, con la tristezza cominciarono a sbiadire i colori e guardandoli non provavi più quel senso di felicità. Una notte, un bambino, di nascosto dai suoi genitori, si avvicinò a una delle gabbie e liberò il bellissimo uccello colorato che questa intrappolava. Appena fu libero, l uccello si diresse verso il cielo, riprendendo graduatamene i suoi colori e i suoi contorni cominciarono a sfumare mentre saliva sempre più in alto nel cielo, fino a che non si vide che una massa informe, ma dai colori stupendi. Allora quel bambino la osservò e pianse lacrime di gioia, poiché stava sognando. Contemporaneamente, anche nel paese dei sonni bui, un altro bambino che dormiva nelle braccia di Morfeo, vide quei colori e sorrise nel buio ormai colorato. <<< Giochino! TIMIDA SLALOM OROBIE PANINO ELENCO BARILI DEDICA CIVILE MUTATO Pagina 11

12 Dove stiamo andando? Ero molto indeciso su scrivere o meno questo articolo e sono perplesso che serva a muovere qualcosa. Io però ci provo. Guardando il calendario Lombardo di quest anno la prima sensazione che ho avuto è stata di grande tristezza: 4 sprint, 5 middle e 1 long non sono secondo me quello che gli orientisti lombardi si a- spettavano. Le sprint mi hanno stancato. In occasioni particolari e in posti adatti come domenica scorsa al Parco Lambro ci possono stare, possono essere un gustoso aperitivo ad una gara importante, ma poi basta. Non è l orientamento che i più vogliono, ne sono sicuro, comincio a leggerlo con continuità nei vari blog. Allora perché se come sembra queste sprint cominciano a stancare gli atleti non è così per le società che invece ci credono? I motivi che portano l IOF a credere nelle sprint li conosciamo, ma vedere Tizio che corre 10 /km sforzo o Caio che si ferma a leggere la carta non è piacevole da vedere e non credo che possa aumentare la visibilità del nostro sport. Qualcosa da rivedere c è di sicuro, magari destinando questa formula sola alla categoria assoluta che realmente può raggiungere velocità diverse nelle varie specialità. Una società ormai si sente appagata ad organizzare gare con questa formula. Il terreno da rilevare sarà minore, l impegno tutto sommato minore, i polli che verranno a correre ci saranno lo stesso e quindi l incasso sarà salvaguardato. Anzi mettendo due sprint lo stesso giorno l incasso aumenterà! Altre ragioni io per ora non ne vedo. Dopo la grande produzione cartografica dei primi anni 90 nulla di nuovo si è visto sul fronte lombardo. Anzi più e più volte si è continuato a riscaldare la stessa minestra e visti i buoni piatti che possiamo mettere in campo forse è stato il minore dei mali! E non mi si venga dire che non ci sono posti adatti! Forza riprendiamo a rilevare aree nuove! Non si è più creduto nella produzione cartografica e i costi via via maggiori hanno fatto il resto. Prima rilevavi la tua bella carta di diversi chilometri quadri, stampavi le tue 2000 copie, e nel giro di un paio di gare con un buon numero di iscritti le eventuali spese sostenute venivano coperte. Oggi considerando numero di iscritti e quote varie, di gare ne servono almeno 4. Con la vegetazione che cambia continuamente già dopo il primo anno e talvolta nemmeno quello, la carta risulta da aggiornare, figuriamoci dopo 4! Cosa facciamo allora? Rileviamo 1 km2, omologhiamo la carta, ci organizziamo una gara regionale con tanto di punteggio Fiso ed è tutto risolto. Carte sprint, omologazione e lista base sono oggi secondo me i mali più grandi dell orienteering in I- talia. Se il punteggio di lista base si potesse acquisire solo in alcune gare in cui realmente si confrontano i vari atleti, la classifica finale sarebbe di sicuro più veritiera. Alzi la mano chi non ha mai pensato la stessa cosa. Se il punteggio di lista base si potesse acquisire solo in alcune gare non ci sarebbe la necessità di omologare in continuazione le carte che potrebbero così essere aggiornate in continuazione. L omologazione resterebbe solo per le carte delle gare nazionali. Se il punteggio di lista base si potesse acquisire solo in alcune gare si potrebbero ridurre le categorie, aumentare la competitività tra atleti di età diversa e semplificare l organizzazione da parte della società con benefici per tutti. L esempio delle categorie del nuovo Trofeo Lombardia di MBO mi sembra quanto di meglio proposto negli ultimi anni. Se il punteggio di lista base si potesse acquisire solo in alcune gare forse potremmo tornare a divertirci praticando questo bellissimo sport. Mario Ruggiero Pagina 12

13 Metti un giorno con Minna, Pasi e Alessio I read the news today, oh boy About a lucky man who made the grade (A day in the life J.Lennon & P. McCartney) Metti che un giorno all orizzonte si profili un occasione come questa: Minna Kauppi e Pasi Ikonen passeranno una giornata in Lombardia come prima tappa di un lungo tour che li porterà a campi di allenamento in Francia ed in Ticino Metti che come base di appoggio per la loro giornata lombarda, Minna e Pasi chiedano ad Alessio Tenani di organizzare un paio di allenamenti Metti che Alessio Tenani chiami a dargli man forte un imbolsito non-addetto-stampa A questo punto dovrebbe scattare la domanda: sappiamo tutti chi sono Minna, Pasi ed Alessio? Se state leggendo questo sito, dovreste saperlo! Ma per i meno attenti alle notizie di primo piano ricapitolo: Alessio Tenani: due volte campione italiano a staffetta con i colori della Forestale, da alcuni anni membro della squadra nazionale italiana; per inciso, compagno di disavventura di un certo Pasi Ikonen in una staffetta di Coppa del Mondo (si erano persi insieme!) Minna Kauppi: contende a Simone Luder il primato di orientista più famosa del mondo. Non ha ancora vinto 14 titoli mondiali, ok, ma è già stata due volte campionessa del mondo a staffetta per la sua Finlandia (2006 e 2007) ed è campionessa del mondo in carica sulla lunga distanza (Kiev 2007). Uno dei personaggi più carismatici dell universo orientistico. E non solo femminile. Pasi Ikonen: una autentica icona dell orientamento mondiale. L uomo senza bussola nel parlare comune, quando gli orientisti si ritrovano davanti al caminetto nelle lunghe serate invernali a raccontare le storie delle gare, dei campioni e delle proprie avventure. E, anche, Pasi Ikonen campione del mondo middle distance dell era pre-gueorgiou. Un era, quella del francese, che proprio Pasi dichiarerà di voler cercare di interrompere nel 2008 ad Olomouc! Sissignori, Pasi sta tornando in forma, e reclama quel titolo che fu suo! Bene, dopo una giornata con questi tre autentici fenomeni del nostro sport potrei uscirne con un ritratto di Pasi Ikonen rappresentato come un vero gladiatore dei boschi, un atleta passato attraverso la disavventura di un grave infortunio di cui riporta ancora le conseguenze ma fermamente deciso a tornare ai fasti di qualche anno fa; un atleta che senz altro si sarà stufato di sentirsi chiedere ogni volta Ma come fai a correre senza bussola?, ma ogni volta la sua grande modestia, la sua affabilità che è anche un misto di timidezza e di gentilezza, lo portano a sorridere all interlocutore, a rispondere che è una sua abitudine, che non ne sente la mancanza, che il bosco e la carta gli danno elementi sufficienti per tracciare delle rotte sicure sia quando si tratti di navigare nel bianco piatto o ripido di Borgo Ticino sia quando si tratti di identificare uno dei mille e mille avvallamentini della ruvidissima carta del Parco Pineta di Tradate. Se posso permettermi, un autentico toro del bosco, inarrestabile anche nel verde aggressivo di Tradate nel quale lo ho visto passare con lo stesso incedere imponente e giganteggiante, petto in fuori e ginocchia alte, con il quale lo vediamo sui video di Youtube o in alcune foto di Orienteering Today. Pasi Ikonen che sorride raccontando come abbia da poco preso la patente di guida a 27 anni; Pasi Ikonen che nella sala del ristorante dove ci siamo concessi uno spuntino si mette ventre a terra a mostrare uno dei mille esercizi che aiutano la sua schiena infortunata, Pasi Ikonen che esce dal bosco di Borgo Ticino mandando lodi alla scelta di cartografare un bosco così bello e così pulito; Pasi Ikonen che parte per l allenamento di Tradate gridando fiero Try to catch me!, prova a prendermi! e che esce dal bosco e dai rovi di Tradate come un gladiatore che esce dall arena vincitore: challenging, dirà. Sfidante. E fosse anche solo un allenamento, è u- na sfida che ha vinto. Interludio con Alessio Tenani. L approccio di Pasi Ikonen alla partenza del primo allenamento è stato Alessio, we go together. Come rifiutare? Prima lanterna con Pasi a tirare e Alessio Continua nella pagina seguente N. 1 anno XVI Pagina 13

14 Continua dalla pagina precedente a seguire, seconda lanterna viceversa: una traversata ad azimut del bosco bianco; Alessio che con un po di emozione piazza la tirata sotto la linea rossa, il punto raggiunto con grande perizia, il ghiaccio che si scioglie, la sicurezza che aumenta: da lì in poi Pasi ed Alessio proseguono insieme come se non a- vessero mai fatto altro nella loro vita. Un Alessio Tenani che emerge dal bosco di Borgo Ticino come un atleta con una nuova grande fiducia in se stesso, e che a Tradate sarà capace di pareggiare i tempi di Ikonen fino a due lanterne dalla fine, quando solo un po di stanchezza gli appesantirà l andatura. Che dire di Minna Kauppi? Il quadro che potrei disegnare è quello di una ragazza sicuramente estroversa, sicuramente conscia del movimento mediatico che c è attorno al suo nome e al suo volto. Minna che mi racconta dei suoi inizi, con due genitori orientisti che la portano nel bosco fin da piccolissima finché, ad 8 anni, non è in grado di andare da sola; Minna che mi parla di sua sorella, anche lei orientista che ora ha un bambino, il suo nipotino preferito; Minna che mi spiega come il suo carattere così estroverso non sia affatto una posa ma il suo vero modo di essere, una voglia di socializzare che quasi le fa perdere la concentrazione anche in gara (mi dice anche che questa cosa a Simone Luder, di cui è amica, non capiterebbe mai); Minna Kauppi che non nasconde un obiettivo legato alla gara middle distance di Olomouc 2008, oltre al tentativo di tripletta con la staffetta della sua nazione, per il quale però non sente una grande pressione personale; Minna che però aggiunge anche di sentire talvolta la pressione dei fans di tutto il mondo che la vorrebbero sempre vedere vincente e sorridente, cosa ovviamente impossibile; Minna che sorride quando le chiedo se in fondo il suo essere un atleta umana che può commettere errori e non una macchina non sia emerso in occasione delle due staffette mondiali vincenti, con errori apparentemente marchiani proprio in vista del traguardo; la stessa Minna che mi risponde che lei stessa non sa ancora spiegarsi l origine di questi black-out (comunque andati sempre a finire bene) ma che uno dei ricordi più belli e più brutti della sua carriera agonistica è legato alla 5 giorni della Val di Non 1998 (eh già! Il cronista la aveva scovata nelle classifiche D16) quando in uno dei più bei panorami frequentati come orientista la sua giovane età non era venuta a capo di alcune tratte che l avevano vista peregrinare a lungo per il Monte Penegal. Minna Kauppi che durante l allenamento continua a ripetermi quanto sia bello correre e lasciar andare le gambe e l andatura nel bosco di Borgo Ticino con una visibilità così ampia ( se non ci fossero queste colline si riuscirebbe a vedere da una lanterna all altra ) e nel Parco Pineta di Tradate si fionda in mezzo ai rovi e su e gli per gli avvallamenti anche se ammette subito di non essere a suo agio con una vegetazione così aggressiva: Ma se conosco Pasi, lui si che sarà contento!. La domanda forse sorge spontanea. Se c erano solo loro tre, chi ha raccolto tutte queste impressioni da una Minna Kauppi in corsa per il bosco? Ovviamente c era anche l imbolsito non-addettostampa no? Il quale ancora adesso scuote la testa incredulo ripensando al momento in cui, con Pasi ed Alessio che si allontanano verso la partenza, Minna si è girata e ha detto Noi andiamo insieme! ; al momento in cui, alla lanterna 1, Minna si è parimenti girata e ha detto Ok, le lanterne pari sono tue (non ho fatto il tirone di Alessio sulla 2 ma poco ci manca e sui punti ci siamo arrivati anche noi!); ripensando all ultima salita di Borgo Ticino, con il cuore a mille e la nera signora con la falce che aspetta in cima alla salita ma come fai a mollare il treno di Minna Kauppi a 300 metri dall arrivo??? E ripensando a Tradate, a seguire in mezzo ai valloni ed ai rovi un folletto biondo che scappa avanti appena il bosco lascia 10 metri di spazio aperto Minna e Pasi sono ora in viaggio per la Francia. Da parte di un atleta nazionale e dello scrivente visibilmente emozionato, in bocca al lupo per la vostra preparazione al Mondiale. E grazie per il tempo, la pazienza, la freschezza e la spontaneità che ci avete dedicato. E poiché le nostre cartine vi sono piaciute perché non tornate a trovarci e non vi fermate più a lungo? Stefano Galletti (altre foto e le cartine degli allenamenti sono pubblicate sul sito ) Pagina 14

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL FONDO MEDIO E VELOCE di Giorgio Rondelli

IL FONDO MEDIO E VELOCE di Giorgio Rondelli IL FONDO MEDIO E VELOCE di Giorgio Rondelli In questo articolo sui mezzi di allenamento del mezzofondo e fondo per atleti di medio- alto livello parleremo dei lavori di potenza aerobica, quelli che vengono

Dettagli

RAID IN ORIENTAMENTO E MULTISPORT

RAID IN ORIENTAMENTO E MULTISPORT RAID IN ORIENTAMENTO E MULTISPORT Vademecum per orientisti ignoranti (ovvero che non conoscono l'argomento) COSA SONO I RAID I raid in orientamento sono delle manifestazioni sportive in cui i team, composti

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

UNA GIORNATA DI SPORT E INCLUSIONE

UNA GIORNATA DI SPORT E INCLUSIONE 16 maggio 2015 Milano, Arena Civica RECORD FOR ALL UNA GIORNATA DI SPORT E INCLUSIONE RASSEGNA STAMPA COMUNICAZIONE comunicazione@labilita.org Associazione l abilità Onlus Via Pastrengo 16/18 20159 Milano

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

LA NUOVA STAGIONE E' ALLE PORTE E L'ATTIVITA' DEL CP RICOMINCIA!

LA NUOVA STAGIONE E' ALLE PORTE E L'ATTIVITA' DEL CP RICOMINCIA! Il magazine ufficiale del Comitato Provinciale Monza Brianza LA NUOVA STAGIONE E' ALLE PORTE E L'ATTIVITA' DEL CP RICOMINCIA! Cari amici di Volleylando, spero che le vostre vacanze siano andate bene. Noi

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 E..STATE A CANTALUPA - Bilancio favorevole per la «Tre Denti Bike» del 15 Luglio - Ferragosto cantalupese - 2 Settembre: «Di nuovo in volo per la vita»:festa del Freidour,

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Cominciamo a correre. Alessandro Grainer

Cominciamo a correre. Alessandro Grainer Cominciamo a correre Alessandro Grainer Ad un certo punto della tradizionale partita scapoli ammogliati, il rag. Ugo Fantozzi vede San Pietro che, in piedi sopra la traversa, gli mostra sorridente le chiavi

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO RAGAZZI IN GAMBA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO +MOVIMENTO TV = OK! SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO Laboratorio sperimentale per la ricerca di una maggiore consapevolezza e conoscenza

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

29 Maggio 2010: fraz. Granarolo, Faenza (Ravenna)

29 Maggio 2010: fraz. Granarolo, Faenza (Ravenna) 29 Maggio 2010: fraz. Granarolo, Faenza (Ravenna) Foto e diagramma: http://www.faenzashiatsu.it/ Il giorno 29 Maggio viene rinvenuto un interessante cerchio nel grano nella frazione Granarolo, comune di

Dettagli

"Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter."

Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter. "Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter." A tutte le giocatrci In vista di un lungo ed intenso campionato di basket,che affronteremo insieme, nella prossima

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La Veneziana Nuoto vince la Coppa Cantù. Giancarlo Paulon primatista italiano 400 s.l. categoria ragazzi

La Veneziana Nuoto vince la Coppa Cantù. Giancarlo Paulon primatista italiano 400 s.l. categoria ragazzi CURRICULUM SPORTIVO di Giancarlo Paulon Nato a Venezia il 14/05/1928 Residente: Dorsoduro 2359 30123 Venezia Tel. 041 72 23 52 Cell. 340 38 12 734 Mail: giancarlo.paulon@gmail.com Nella foto: Paulon dopo

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1 Settimanale di scommesse sportive QUOTE 2 LA SCOMMESSA Puntiamo su Napoli, Milan, Cesena e Palermo. OVER in Genoa-Roma Prevalenza del fattore casalingo di Vincenzo

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Akrotiri. Pagina 1 (regolamento inglese)

Akrotiri. Pagina 1 (regolamento inglese) Akrotiri Traduzione solo testuale del regolamento originale inglese. Per le figure fare riferimento al manuale incluso nella scatola del gioco. Traduzione a cura di Andrea Casarino "turing70" per la Tana

Dettagli

Conosciamoci giocando

Conosciamoci giocando Primi incontri GIANNI FRIGERIO Conosciamoci giocando Alla ripresa del catechismo il primo obiettivo è quello di favorire nei ragazzi la reciproca conoscenza e di aiutarli a fare gruppo. Vi presentiamo

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri 26/3/2015 Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri È un dato di fatto: rispettare il prossimo e fare azioni positive nei confronti degli

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

INDOOR ROWING, REMARE IN PALESTRA Elena Ansuini da "SPORT E SALUTE" (Anno I, numero 2 - Novembre 2004)

INDOOR ROWING, REMARE IN PALESTRA Elena Ansuini da SPORT E SALUTE (Anno I, numero 2 - Novembre 2004) INDOOR ROWING, REMARE IN PALESTRA Elena Ansuini da "SPORT E SALUTE" (Anno I, numero 2 - Novembre 2004) È una disciplina nata dalla fusione tra canottaggio e fitness, dove il concetto di equipaggio viene

Dettagli

COSTRUTTORI DI CARTELLE

COSTRUTTORI DI CARTELLE COSTRUTTORI DI CARTELLE E ora di cominciare a viaggiare in lungo e in largo per l Italia e raccogliere ricordi virtuali da registrare sul nostro computer; costruiamo la prima cartella, Viaggio in Italia

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

LA VOSTRA MARATONA CON IL METODO GALLOWAY

LA VOSTRA MARATONA CON IL METODO GALLOWAY LA VOSTRA MARATONA CON IL METODO GALLOWAY 1. PREMESSA Le presenti note di sintesi sono state estratte dal libro di Jeff Galloway Galloway Book On Running al quale in ogni caso si rimanda per una illustrazione

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

CONVOCA DEL CONSIGLIO DIRETTIVO Il Consiglio Direttivo e i suoi Cooptati sono convocati per

CONVOCA DEL CONSIGLIO DIRETTIVO Il Consiglio Direttivo e i suoi Cooptati sono convocati per CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI BIELLA pagina n 83 PVO - 2013/2014 13900 BIELLA Via G. Marconi, 15 - tel. 015 22594 Segreteria telefonica e fax 015 22594 e-mail : biella@csi-net.it Sito

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Le 7 Strategie di un Sito Vincente

Le 7 Strategie di un Sito Vincente Le 7 Strategie di un Sito Vincente Il Sito Vetrina è il modo più diffuso di realizzare un sito web. Fino a 10 anni fa, gli unici che potevano realizzare un sito internet di questo tipo erano i Web Master

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

10 KM PROGRAMMA DI ALLENAMENTO DI 8 SETTIMANE

10 KM PROGRAMMA DI ALLENAMENTO DI 8 SETTIMANE 10 KM PROGRAMMA DI ALLENAMENTO DI 8 SETTIMANE L O B I E T T I V O D I Q U E S T O P R O G R A M M A N O N È S O L O F A R T I T A G L I A R E I L T R A G U A R D O, B E N S Ì F A R C I A R R I V A R E

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO Capire chi siamo, come siamo fatti e in che mondo viviamo sono esigenze vitali delle persone e, in particolare, dei bambini. Bisogna allora cominciare a guardare

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

La preparazione per le gare di 10-12 Km

La preparazione per le gare di 10-12 Km I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare di 10-12 Km Introduzione: le gare di 10-12 Km, sono le più frequenti nei calendari provinciali; la loro distanza, non impegnativa, rende

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli