COMUNE DI VILLASALTO PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA, IDROGEOLOGICO E IDRAULICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VILLASALTO PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA, IDROGEOLOGICO E IDRAULICO"

Transcript

1 COMUNE DI VILLASALTO PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA, IDROGEOLOGICO E IDRAULICO ALLEGATO A: RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO E MODELLO DI INTERVENTO Sindaco e Assessore Urbanistica Responsabile Servizio Manutenzione Impianti Tecnologici e Protezione Civile Progettista Consulente per Studi Geologici Idrogeologici e Idraulici Delegato per il Piano di Protezione Civile Responsabile Ufficio del Piano Ufficio del Piano Dott. Leonardo Usai Dott. Ing. Davide Atzeni Dott. Ing. Antonello Siddi Dott. Geol. Livio Lusso Sig. Andrea Congiu Dott. Ing. Davide Atzeni Dott. Ing. Davide Atzeni Geom. Marco Olla

2 INDICE 1. CONTESTO IDRAULICO SCENARIO DEGLI EVENTI ATTE Rio Flumendosa Rio Cannachili Rio Domueu Rio S Acqua Callenti Ponti e guadi stradali 8 2. CONTESTO IDROGEOLOGICO SCENARIO DEGLI EVENTI ATTE RISCHIO SMICO PARTE GENERALE POPOLAZIONE BENI ESPOSTI RISORSE COMUNALI AREE DI EMERGENZA VIABILITA DI EMERGENZA LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA COORDINAMENTO OPERATIVO LOCALE Struttura comunale di protezione civile:gli uomini Coordinamento operativo comunale Presidio operativo comunale o intercomunale Centro operativo comunale o intercomunale (C.O.C.) Attivazione del presidio territoriale SALVAGUARDIA DELLA POPOLAZIONE Informazione alla popolazione Sistemi di allarme per la popolazione Modalità di evacuazione assistita Modalità di assistenza alla popolazione Individuazione e verifica della funzionalità delle aree di emergenza RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI LOCALI PER LA CONTINUITÀ AMMINISTRATIVA E SUPPORTO ALL ATTIVITÀ DI EMERGENZA RIPRISTINO DELLA VIABILITÀ E DEI TRASPORTI FUNZIONALITÀ DELLE TELECOMUNICAZIONI SALVAGUARDIA DELLE STRUTTURE ED INFRASTRUTTURE A RISCHIO Salvaguardia del sistema produttivo locale Funzionalità dei servizi essenziali Censimento e salvaguardia dei beni comunali Modulistica di intervento Relazione giornaliera STRUTTURA DINAMICA DEL PIANO AGGIORNAMENTO DEL PIANO CONCLUONI MODELLO DI INTERVENTO STEMA DI COMANDO E CONTROLLO STEMA DI ALLERTAMENTO PROCEDURE OPERATIVE NORME DI COMPORTAMENTO DELLA POPOLAZIONE FASE DI SOCCORSO 62 2

3 1. CONTESTO IDRAULICO 1.1 SCENARIO DEGLI EVENTI ATTE Il territorio amministrativo di Villasalto comprende un area piuttosto vasta (130,72 kmq) con un gradiente altimetrico superiore ai 900 m slm che gli consente di rappresentare innumerevoli paesaggi e formazioni morfologiche che comprendono gli scenari vallivi del basso Flumendosa fino al sistema orogenetico montano localizzato nel plutone granitico del Monte Genis e aree limitrofe. Altresì molto particolare è il contesto geologico e geostrutturale in cui si colloca l intero territorio del comune. Trattasi di terreni sempre ascrivibili al basso Paleozoico ovvero di età superiore ai 300 milioni di anni che rappresentano il sistema dei più antichi territori emersi del bacino del mediterraneo. Trattasi in sintesi di metarenarie scistose e metacalcari silicizzati che hanno subito le più importanti manifestazioni tettoniche a scala europea e di questi eventi qui si conservano importanti evidenze morfodinamiche quali, antiche quanto imponenti, lineazioni di faglia e i resti dell altopiano di Villasalto (in letteratura: penepiano post ercinico ) ove è ubicato l abitato, che da originaria formazione di bassura oggi si trova dislocato a quasi 600 m slm circoscritto da ripide e profonde vallate. Pertanto la dislocazione morfologica dell intero nucleo abitato, pone lo stesso lontano da fenomenologie di alluvionamento. Non risulta in situ alcun vincolo idraulico cartografato nel P.A.I. Ai sensi delle norme di attuazione del P.A.I (aggiornate con DPGR n. 35 del 21/03/2008), art. 26 aree pericolose non perimetrate nella cartografia di piano, è demandato alla pianificazione comunale l individuazione di aree a significativa pericolosità idrauliche non precedentemente perimetrale dal P.A.I. Non essendo state condotte precedentemente indagini durante la redazione del P.A.I., la loro definizione dovrà essere condotta attraverso nuove analisi e indagini sui fattori predisponenti la caratterizzazione idraulica/idrologica dei siti. Tutto il territorio comunale è coperto da una densa e capillare reticolazione idrografica di tipo dendritica e localmente radiale centrifuga in corrispondenza dell altopiano di Villasalto. Tali forme di reticolo idrografico rappresentano comunque un elemento della massima espressione di maturità morfologica del paesaggio che si esplica con formazioni erosive modeste e in generale con una notevole stabilità dello stesso. Non sono pertanto noti elementi e situazioni di grave pericolo idraulico ad eccezione dei territori che ricadono in aree golenali del fiume Flumendosa e del rio S Acqua Callenti e incluse nel Piano stralcio Fasce Fluviali (P.S.F.F). Questi hanno una capacità idrologica molto importante che si esplica più volte l anno in forma di piene con relativa inondazione delle golene. Qui il fatto che tali eventi manifestino storicamente una cadenza pluriennale hanno imposto alle genti locali il non utilizzo delle aree golenali. 3

4 Fa però eccezione a questo assunto il problema della viabilità carraia che essendo piuttosto diffusa e capillare va spesso a intersecarsi con la fitta rete dei segmenti fluviali e da essa risulta fortemente influenzata poiché porta sovente all isolamento di intere aree ed attività a carattere prettamente zootecnico e silvocolturale. Gli scenari di rischio considerati nella redazione del presente piano sono le emergenze per inondazione nella porzione di territorio ricadente nel Piano Stralcio Fasce Fluviali. Oltre allo scenario di rischio sopra indicato, per avere una migliore conoscenza di eventuali problematiche legate al territorio e che si possono verificare in caso di eventi metereologici intensi, in seguito ad una analisi del territorio e dei dati storici, è stato inoltre possibile evidenziare i seguenti punti: - un numero elevato di zone sensibili con rischio di inondazione alto comprese nell ambito della zonizzazione del P.S.F.F. che storicamente e a cadenza pluriannuale, in caso di eventi metereologici intensi e a rilascio delle acque dalle dighe del Flumendosa, risultano essere soggette a fenomeni di inondazione anche di particolare entità. Alcune di esse risultano localizzate sull asse idrologico del fiume Flumendosa, altre nelle confluenze degli affluenti in destra Rio Cannachili, Rio Domueu, Rio S Acqua Callenti; - un numero elevato di zone sensibili presunte con rischio di inondazione medio costituite da ponti, coulvert, punti di intersezione tra strade e corsi d acqua, che per tipologia e condizioni di manutenzione non sempre ottimali (culvert sottodimensionati e scarsa pulizia) sono in una situazione potenziale di rischio per persone o cose in caso di eventi metereologici intensi; - un numero elevato di zone sensibili presunte con rischio di inondazione basso costituite da ponti, culvert, punti di intersezione tra strade e corsi d acqua, che se correttamente mantenuti in condizioni ottimali (manutenzione delle strutture e pulizia periodica dei culvert) non creerebbero rischi a cose o persone anche in caso di eventi metereologici intensi. Segue la descrizione dei principali bacini idrografici ricadenti nel territorio comunale e l inventario delle presunte situazioni sensibili. 4

5 1.1.1 Rio Flumendosa Il territorio di Villasalto è interessato nella sua porzione nord-orientale da circa 10 km di alveo del Flumendosa che scorre in condizione di alveo alluvionale con golena marcata e ampie anse fluviali. Il 97% del territorio comunale è incluso nel suo bacino idrografico e la sua estesa valle è sede storica di pregiati vigneti impiantati prevalentemente nella fascia di interdigitazione fra i sedimenti della fascia colluviale dei rilievi metacalcarei e metarenacei del paleozoico e i sedimenti quaternari della piana alluvionale. La parte morfodinamica e morfometrica, vista la dimensione e complessità del suo bacino idrografico non può essere qui trattata anche per il fatto che diversi segmenti del suo asse sono interessati da dighe, così come alcuni dei suoi affluenti principali. Lo stresso territorio comunale è interessato da una traversa di derivazione per il collegamento con il lago della diga sul Mulargia. Questo bacino avente una capacità di invaso pari a circa mc e una superficie di mq è utilizzato inoltre per l adduzione idrica per il comprensorio irriguo dell altopiano di Villasalto e per attività sportive e ricreative quali canottaggio organizzato e pesca sportiva/birdwatching. È importante rimarcare che gli eventi di piena si verificano a cadenza stagionale dall autunno alla primavera con conseguente isolamento dei territori a nord del Fiume serviti nella fattispecie da un'unica passerella sommergibile peraltro idonea al passaggio dei mezzi di peso inferiore alle 5 tonnellate. Nel periodo estivo resta invece il problema dei guadi che divengono inutilizzabili nei frequenti periodi di rilascio idrico dalle dighe a monte necessario per il mantenimento delle condizioni vitali del Fiume Rio Cannachili Il Rio Cannachili è dislocato sulla valle parallela a quella del rio Domueu nelle quali hanno giocato un ruolo determinante le antiche dinamiche tettoniche delle falde paleozoiche della Sardegna. Anche questo Rio nasce dal rilievo Bruncu su Piroi a una quota di 604 m. s.l.m. ma il suo alveo è assolutamente correlato alla litologia metacalcarea su cui è impostato nella sua parte terminale seguendo probabilmente una lineazione tettonica che ha prodotto questa caratteristica quanto amena valle stretta con pareti a falesia nell ordine dei 300 m. di altezza. Idrologicamente trattasi di torrente occasionale affluente in destra del Flumendosa con sezione di chiusura a quota 44 m. slm. Il suo reticolo idrografico è di tipo dendritico con due ordini di gerarchizzazione e indici morfodinamici tendenti alla maturità paesaggistica. Lo sviluppo dell asse idrologico principale è di circa 7300 metri con Tempo di Corrivazione stimato nell intorno delle 2-3 ore. In quota si registrano alvei nudi stretti e acclivi con ampie forme di erosione fluviale a valle sui metacalcari in forma di forre e marmitte. Sola in prossimità della foce, laddove la vallata si apre sulla valle del Flumendosa l alveo è impostato su sedimenti alluvionali prettamente ghiaiosi con abbondanza di detrito derivato dalle vecchie discariche minerarie dei primi decenni del

6 Occorre rimarcare che tale Rio, sebbene non interessi zone a particolare interesse antropico produttivo, ad eccezione del settore terminale sede di impianti a vigneto e frutteti, riveste un ruolo idrologico molto importante per la comunità di Villasalto poiché nel suo bacino idrografico ricade quasi interamente l abitato del paese con tutte le problematiche di ricezione e smaltimento delle acque bianche dei settori urbani impermeabilizzati, nonché le acque di scarico del depuratore comunale. Per tale motivo la parte valliva del Rio è stata dotata di briglie per la laminazione degli eventi di piena mentre un suo segmento che lambisce la periferia Sud dell abitato nei pressi della pineta comunale è stato tombinato per circa 200 m. manifestando altresì diverse problematiche in fase di ricezione con rigurgito sulla viabilità Rio Domueu Il Rio Domueu acquisisce la sua denominazione dalla stretta vallata cieca su cui è impostato. Ha origine in una zona collinare posta nella parte centro - orientale del territorio di Villasalto (Bruncu su Piroi q. 604 m. s.l.m.) con esposizione morfologica verso i quadranti orientali e orograficamente protetta dai venti di tramontana e maestrale. Per tale motivo è storicamente interessata da notevole attività antropico - agricola, come: colture a vigneto, frutteti, attività di legnatico e ricovero invernale del bestiame. La stessa dislocazione morfologica espone altresì la vallata ai venti umidi di scirocco e alle sue abbondanti manifestazioni pluviali che associate a un Tempo di Corrivazione relativamente breve (circa 1-2 ore) danno origine a portate idrologiche importanti che si ripercuotono seriamente sulla sua viabilità principale dislocata prevalentemente in area golenale. Sotto il profilo geomorfologico il Rio è impostato su terreni paleozoici appartenenti al basamento cristallino sardo e definiti in prima analisi come litoidi scistosi tettonizzati costituiti da metarenarie quarzose (Formazione delle arenarie di San Vito) in discordanza tettonica con i metacalcari silicei del siluriano (Formazione del Gerrei). Quindi la sua idrografia è impostata esclusivamente su queste litologie e sulle relative coltri colluviali, dando origine a un reticolo idrografico di tipo dendritico con almeno tre ordini di gerarchizzazione e con indici morfometrici che suggeriscono una discreta maturità morfologica del paesaggio. Il reticolo è quindi ben strutturato con alvei nudi in quota e sebbene l asta principale abbia uno sviluppo di soli 4350 metri, si rileva a valle un meandro incassato e un alveo fluviale ben strutturato con discreta quantità di materiale alluvionale fine e ghiaioso. Idrologicamente il rio Domueu è un affluente in destra del fiume Flumendosa con sezione di chiusura a quota 34 m. slm. È definibile come un torrente a carattere temporaneo occasionale (con piccole risorgive dell alveo sommerso a carattere semiperenne) che termina la sua capacità idrologica nell arco delle 12/24 con qualche problematica di deflusso quando anche il Flumendosa è in condizione di piena con inevitabili effetti di rigurgito sui ponti stradali che sovrastano la foce (S.S. 387). 6

7 1.1.4 Rio S Acqua Callenti Il Rio S Acqua Callenti nasce ad una quota di 979 m. s.l.m. nel rilievo di Monte Genis e si sviluppa con un asta fluviale di circa 30 km sino a sfociare come affluente in destra del Flumendosa con sezione di chiusura a quota 33 m. slm. Tale Rio rappresenta uno dei maggiori affluenti della bassa valle del fiume Flumendosa il cui toponimo ricorda forse la risorgiva di qualche elemento termale, geologicamente compatibile, ma oggi assolutamente non identificabile. Esso può essere idrologicamente definito quale corso d acqua a regime torrentizio semiperenne con ampie zone a risorgive di sub-alveo a carattere perenne sulle quali è possibile praticare l attività di pesca sportiva. Il suo bacino idrografico è piuttosto ampio (73 kmq) ed è impostato su tutte le litologie paleozoiche presenti in questo settore della Sardegna (metarenarie, metacalcari e graniti plutonici). La dimensione, l esposizione e il gradiente altimetrico di questo bacino costituiscono l area antropicamente più utilizzata dalla comunità villasaltese. Sono qui presenti numerose attività a carattere zootecnico, nonché alcune migliaia di ettari sede di cantieri forestali (Ente Foreste) integrate da limitrofe attività di ricerca e coltura mineraria. A completamento dell utilizzo antropico dei luoghi, va considerato in maniera non subordinata l utilizzo di ogni settore del bacino per attività a carattere ricreativo nonché di sfruttamento stagionale delle risorse naturali delle campagne. Sotto il profilo geomorfologico abbiamo un bacino idrografico molto complesso a sua volta ripartito in almeno quattro sottobacini idrografici appartenenti ai rii: Giuanni Spada; S Ossia Figu; Su Bettu e Marzana. Nel complesso abbiamo un reticolo idrografico di tipo dendritico molto maturo con elevato ordine di gerarchizzazione e morfometria d alveo discretamente strutturata passando dagli alvei nudi dei settori acclivi marginali, agli esempi didattici di meandro incassato del settore più prettamente vallivo, fino agli ampi depositi alluvionali a sabbie e ghiaie della valle che si immette nel Flumendosa. La capacità idrologica del rio S Acqua Callenti è sicuramente molto importante così come lo sono gli effetti idrodinamici sulle attività umane che si svolgono in situ. Il Tempo di Corrivazione può essere stimato nell ordine delle 5-6 ore con gli effetti idrologici che si esauriscono nell arco delle 48/96 ore. 7

8 1.1.5 Ponti e guadi stradali L assetto morfologico locale e la caratterizzazione pluviometrica di quest area della Sardegna espongono il territorio a periodiche manifestazioni pluviali a carattere alluvionale che si verifica sovente in occasione di precipitazioni con venti umidi dei quadranti meridionali di Scirocco e Libeccio. In generale il territorio di Villasalto non presenta particolari problematiche di alluvionamento del suolo, al quale fanno eccezione le aree golenali dei suoi assi idrografici più importanti (fiume Flumendosa, rio S Acqua Callenti e affluenti tributari). La caratterizzazione idraulica/idrologica di tutto il territorio comunale ha messo in evidenza come non sussista nel luogo un incidente Pericolo Idraulico poiché il territorio montano possiede una sua naturale stabilità e il drenaggio delle acque è sempre favorito dalle condizioni di acclività naturale. Anche le aree golenali dei segmenti idrografici suddetti non presentano particolari condizioni di Rischio perché le rispettive golene, periodicamente sottoposte ad esondazione, sono storicamente rispettate e in esse non vi insistono attività antropico/economiche di alcun tipo, neanche a carattere agricolo. Merita invece assoluta attenzione la problematica correlata all estesa e capillare viabilità campestre, densamente interessata da attraversamenti torrentizi e fluviali a cui si è spesso ovviato con la realizzazione di semplici guadi e/o attraversamenti tombinati tipo culvert, quasi sempre sottodimensionati rispetto alla capacità idrologica occasionale dei segmenti fluviali sottesi e sempre necessitanti di manutenzione idraulica e pulizia. Ne deriva una non idoneità alla loro funzione. Si sono quindi ritenute la viabilità e le relative opere idraulico/stradali gli elementi su cui grava il maggior Rischio Idraulico nel territorio comunale di Villasalto. In quest ambito si è proceduto all inventario degli attraversamenti fluviali. Per ogni elemento è stato elaborato lo specifico scenario di rischio presunto che tiene conto dei seguenti aspetti: Carico antropico servito dalla viabilità specifica. Presenza di eventuali percorsi alternativi. Tipologia dell opera di attraversamento fluviale. Portata idrologica del segmento fluviale in condizioni di estrema criticità. Superficie viaria alluvionabile. Altezza della corrente fluida sul piano del tracciato stradale. Velocità della corrente fluida sull area di guado (filo della corrente). Tempo di esaurimento del fenomeno alluvionale. La somma di queste variabili ha consentito la redazione della tabella sotto riportata. Le eventuali azioni predisposte dovranno assicurare la maggior tutela possibile nei limiti oggettivi delle strutture idrauliche esistenti da cui risulta evidente che, come sopra accennato, lo scenario di rischio muterà in considerazione di alcuni fattori, quali per esempio: a. Classificazione di rischio soggettivo dell area interessata (area NON classificata PAI). 8

9 b. Natura, consistenza e tipologia dei beni e delle strutture esposte al rischio idraulico. c. Natura e dimensione del fenomeno meteorologico pluviale. d. Possibilità di utilizzare vie di fuga alternative e sicure previa una auspicabile redazione di un concreto piano della viabilità comunale. e. Copertura telefonica della zona almeno con rete GSM. Dovrà essere cura dell Amministrazione Comunale provvedere alla manutenzione periodica dei manufatti idraulici al fine di garantire la perfetta funzionalità degli stessi. 9

10 Compreso in Pianificazione Regionale P.S.S.F. 1 P.S.S.F. 2 NUM IDENTIFICATIVO LOCALITA Currulia Currulia INVENTARIO GUADI TERRITORIO VILLASALTO TIPOLOGIA DELL ATTRAVERSAMENTO FLUVIALE E CONDIZIONE DI SERVITU passerella sommergibile per raggiungimento territori oltre fiume guado camionabile per mezzi superiori a 3,0 tonnellate DENOMINAZIONE DEL SEGMENTO IDROGRAFICO Fiume Flumendosa Fiume Flumendosa COORDINATE UTM (est) (nord) SUP DI INOND. (m) ALT DELLA CORRENTE sul piano di transito (m) VELOCITA DELLA CORRENTE (m/s) TEMPO DI ESAURIMENTO DELL EVENTO DI PIENA (ore) / , /360 PERCOR CARRABILI ALTERNATIVI NOTE il transito è consentito a veicoli di peso inferiore a 3.0 tonnellate P.S.S.F. 3 P.S.S.F. 4 P.S.S.F. 5 Baccu Scivu Cea E Giossu S Arena Manna guado per l accesso all azienda zootecnica Loc. Baccu (Madau) Scivu guado in cemento per l accesso all azienda zootecnica Loc. Cea E Giossu guado di accesso Fiume Flumendosa Fiume Flumendosa Fiume Flumendosa / / /360 NO nessuna viabilità alternativa NO nessuna viabilità alternativa il guado è utilizzato per esigenze aziendali è rilevata una passerella pedonale sommergibile 350 m a valle del guado è rilevata una passerella pedonale sommergibile attigua al guado P.S.S.F. 6 Serra Madau guado per il ricongiungimento strade Giuanni Spada Su Pressiu Rio S Acqua Callenti /96 il guado si presenta in condizioni attuali di disuso viabilità alternativa al vecchio ponte sulla S.S Su Tittioni (1) Su Tittioni (2) strada Su Pressiu strada Su Pressiu Rio Su Tittioni Rio Pistillonis / /12 viabilità alternativa paese di Villasalto valle Flumendosa (Ss 387) viabilità alternativa paese di Villasalto valle Flumendosa (Ss 387)

11 Compreso in Pianificazione Regionale NUM IDENTIFICATIVO LOCALITA Peigottu Cuili Giuanni Spada TIPOLOGIA DELL ATTRAVERSAMENTO FLUVIALE E CONDIZIONE DI SERVITU strada Giuanni Spada strada Giuanni Spada S Ossia Figu guado strada Villasalto Ossiu Figu S Ossiu Mannu (1) guado strada cantiere forestale INVENTARIO GUADI TERRITORIO VILLASALTO DENOMINAZIONE DEL SEGMENTO IDROGRAFICO Canali Peigottu Rio Giuanni Spada Rio S acqua Callenti Rio S ossiu Mannu COORDINATE UTM (est) (nord) SUP DI INOND. (m) ALT DELLA CORRENTE sul piano di transito (m) VELOCITA DELLA CORRENTE (m/s) TEMPO DI ESAURIMENTO DELL EVENTO DI PIENA (ore) / / / /24 PERCOR CARRABILI ALTERNATIVI viabilità alternativa accesso cantiere forestale (ente foreste) NOTE viabilità per aziende zootecniche, cantiere forestale e attività mineraria viabilità per aziende zootecniche, cantiere forestale e attività mineraria viabilità alternativa paese di Villasalto Valle Flumendosa (Ss 387) viabilità rilevata sull alveo fluviale 13 Bruncu Brellas strada S ossiu Figu Rio Crescentinu /12 14 Riu Muvroni strada S ossiu Figu Rio Muvroni /12 15 Su Bettu guado in cemento strada Pala Perdixi azienda zootecnica Rio Su Bettu , /48 No guado dotato di passerella pedonale sommergibile 16 Cuili Becciu ingresso cantiere forestale Monte Arrubiu Rio Cuileddu /12 culvert ad ampia sezione idraulica 11

12 Compreso in Pianificazione Regionale NUM IDENTIFICATIVO 17 LOCALITA Cuileddu TIPOLOGIA DELL ATTRAVERSAMENTO FLUVIALE E CONDIZIONE DI SERVITU strada cantieri forestali Monte Arrubiu Monte Genis INVENTARIO GUADI TERRITORIO VILLASALTO DENOMINAZIONE DEL SEGMENTO IDROGRAFICO Canali Cuileddu affluente Riu Cuileddu COORDINATE UTM (est) (nord) SUP DI INOND. (m) ALT DELLA CORRENTE sul piano di transito (m) VELOCITA DELLA CORRENTE (m/s) TEMPO DI ESAURIMENTO DELL EVENTO DI PIENA (ore) /12 PERCOR CARRABILI ALTERNATIVI NOTE 18 Marraconi strada cantieri forestali Monte Arrubiu Monte Genis Riu Nannai (basso) /12 19 Cuili Su Cracconi strada cantieri forestali monte arrubiu monte genis Rio Carradeddu /12 culvert ad ampia sezione idraulica 20 Su Cracconi strada cantieri forestali Monte Arrubiu Monte Genis canali Is Cantonis /12 strada di accesso all azienda zootecnica Falchi 21 Su Zurreddu strada miniera monte genis cantiere forestale Monte Genis rio zurreddu (basso) /12 22 Argiola Su Linnamini strada Pala Perdixi azienda zootecnica Rio Arruinas Centraxia strada sorgenti zipuledda Rio Centraxia /12 strada comunale Sinnai Genn e Funtana 24 Bodana strada sorgenti zipuledda Rio Bodana /12 strada comunale Sinnai Genn e Funtana 25 Zipuledda strada sorgenti zipuledda Rio Zipuledda /15 strada comunale Sinnai Genn e Funtana 12

13 Compreso in Pianificazione Regionale NUM IDENTIFICATIVO 26 LOCALITA Meriagu TIPOLOGIA DELL ATTRAVERSAMENTO FLUVIALE E CONDIZIONE DI SERVITU strada sorgenti Zipuledda INVENTARIO GUADI TERRITORIO VILLASALTO DENOMINAZIONE DEL SEGMENTO IDROGRAFICO Rio Meriagu COORDINATE UTM (est) (nord) SUP DI INOND. (m) ALT DELLA CORRENTE sul piano di transito (m) VELOCITA DELLA CORRENTE (m/s) TEMPO DI ESAURIMENTO DELL EVENTO DI PIENA (ore) /12 PERCOR CARRABILI ALTERNATIVI NOTE strada comunale Sinnai Genn e Funtana 27 Tabariu guado strada Furittu azienda Rio S Acqua Callenti /96 NO guado dotato di passerella pedonale sommergibile 28 Curcuris guado strada bosco S Antruxi canali Pixina Ranas (basso) /48 29 S Antruxi guado cemento strada S Antruxi - Is Arrossus rio S Antruxi /48 30 Padenti Meliana guado in cemento strada Is Arrossus rio Ziu Notau /48 31 Niu Su Crobu guado in cemento strada Marzana rio Niu Crobu /24 32 Marzana (1) strada Marzana - Su Pressiu rio Baccu Mannu /12 13

14 Compreso in Pianificazione Regionale NUM IDENTIFICATIVO 33 LOCALITA Turritas TIPOLOGIA DELL ATTRAVERSAMENTO FLUVIALE E CONDIZIONE DI SERVITU strada Marzana INVENTARIO GUADI TERRITORIO VILLASALTO DENOMINAZIONE DEL SEGMENTO IDROGRAFICO Rio Turritas (basso) COORDINATE UTM (est) (nord) SUP DI INOND. (m) ALT DELLA CORRENTE sul piano di transito (m) VELOCITA DELLA CORRENTE (m/s) TEMPO DI ESAURIMENTO DELL EVENTO DI PIENA (ore) /12 PERCOR CARRABILI ALTERNATIVI NOTE 34 Su Giro strada Marzana affluente rio Ziu Nottau /12 35 Mitza Sa Sermenta strada Marzana (1) affluente rio Ziu Nottau /12 36 Mitza Sa Sermenta strada Marzana (2) affluente rio Ziu Nottau /12 37 Ziu Orateddu strada marzana rio ziu Orateddu (basso) /12 38 Ziu Orateddu culvert somergibile strada Marzana rio Ziu Orateddu (alto) /12 innesto strada comunale eliporto di Villasalto 39 Bruncu Murgioni culvert somergibile strada Su Pressiu Rio Murgioni /12 14

15 Compreso in Pianificazione Regionale NUM IDENTIFICATIVO 40 LOCALITA Burridroxius TIPOLOGIA DELL ATTRAVERSAMENTO FLUVIALE E CONDIZIONE DI SERVITU strada sorgente Caboni INVENTARIO GUADI TERRITORIO VILLASALTO DENOMINAZIONE DEL SEGMENTO IDROGRAFICO canali su bacili COORDINATE UTM (est) (nord) SUP DI INOND. (m) ALT DELLA CORRENTE sul piano di transito (m) VELOCITA DELLA CORRENTE (m/s) TEMPO DI ESAURIMENTO DELL EVENTO DI PIENA (ore) /12 PERCOR CARRABILI ALTERNATIVI NO NOTE 41 Caboni passerella pedonale sommergibile rio su bacili /48 NO 42 Pineta Su Depositu ingresso canale tombinato Rio Su Bacili /12 ruscellamento stradale sulla via colombo 43 Genn e Bentu guado in cemento zona aziende zootecniche varie Rio Sa Stoia (alto) /12 44 Funtana Baccas strada rio tolu affluente Rio Funtana Baccas /12 NO strada cieca in zona ad alta attività antropica 45 Funtana Baccas guado (ex culvert sommergibile) strada rio tolu Rio Funtana Baccas /12 NO strada cieca in zona ad alta attività antropica P.S.S.F. 46 Domueu ponte sulla S.S. 387 km 72,200 Rio Domueu confluenza fiume Flumendosa /12 ponte sulla confluenza Rio Domueu fiume Flumendosa 47 Arcu Felix guado cemento accesso vigneti Rio Domueu /24 NO strada cieca in zona ad alta attività antropica 15

16 Compreso in Pianificazione Regionale NUM IDENTIFICATIVO 48 LOCALITA Domueu TIPOLOGIA DELL ATTRAVERSAMENTO FLUVIALE E CONDIZIONE DI SERVITU strada Domueu INVENTARIO GUADI TERRITORIO VILLASALTO DENOMINAZIONE DEL SEGMENTO IDROGRAFICO Rio Domueu COORDINATE UTM (est) (nord) SUP DI INOND. (m) ALT DELLA CORRENTE sul piano di transito (m) VELOCITA DELLA CORRENTE (m/s) TEMPO DI ESAURIMENTO DELL EVENTO DI PIENA (ore) /24 PERCOR CARRABILI ALTERNATIVI NO NOTE strada cieca in zona ad alta attività antropica 49 Figu Bordosa guado strada accesso vigneti Rio Domueu /24 NO strada cieca in zona ad alta attività antropica 50 Domueu culvert somergibile strada Domueu Rio Domueu /24 NO strada cieca in zona ad alta attività antropica 51 Domueu culvert somergibile strada Domueu Rio Domueu /24 NO strada cieca in zona ad alta attività antropica 52 Domueu culvert somergibile strada Domueu Rio Domueu /24 NO strada cieca in zona ad alta attività antropica P.S.S.F. 53 Pirucciu guado accesso vigneti foce Rio S Acqua Callenti /48 NO strada cieca in zona ad alta attività antropica 54 Serra S Incorradroxiu strada Crecentinu Rio Crescentinu (alto) /12 strada accesso cantiere forestale area mineraria 55 Serra S Incorradroxiu strada Crecentinu Rio Crescentinu (medio) /12 strada accesso cantiere forestale area mineraria 56 Serra S Incorradroxiu Strada Crecentinu Rio Crescentinu (basso) /12 strada accesso cantiere forestale area mineraria 16

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari ALL. 2 Piano di protezione civile SCHEDA COMUNE COMMITTENTE: Comune di Sinnai REV SCALA BASE TOPOGRAFICA: DATA 01 Aprile 2014 IL SINDACO Dott. ssa Maria Barbara Pusceddu

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE APPLICAZIONE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO

PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE APPLICAZIONE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE APPLICAZIONE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO INDICE Premessa Parte A - Generale A1 - Pericolosità idrologica A2 - Elementi esposti al rischio A3 - Monitoraggio

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI La Legge 225/1992 Istituzione del servizio nazionale della protezione civile (modificata ed integrata dalla Legge 100/2012 Disposizioni urgenti per il riordino

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

! " # $ " '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $

!  # $  '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $ ! " # " %% & " '###( ) & *+%, - & & ). / 0)1 +-234563 )+ 7 ) 8 7 111& 287 ) / 9) #.:; " < &=44>.:; < - / # '###( ' ( ;?&0 -.:;/ @! A, # *%? '(, ' 1(@ :B 1!? # 288 +.:;/ +; # ;,&1;1C - # ' ( @ " " @ " *%

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE DOCUMENTO SINTETICO

PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE DOCUMENTO SINTETICO Provincia di: CAGLIARI Comune di : PULA PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE DOCUMENTO SINTETICO Aggiornamento 24/09/2009 DATI DI BASE RELATIVI AL COMUNE INQUADRAMENTO GENERALE COMUNE PULA PROVINCIA

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO 1. GENERALITA La morfologia del territorio della provincia di Bologna, pianeggiante e a volte depressa, solcato da diversi corsi d acqua naturali o artificiali anche di

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO

PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO PIANO DI BACINO STRALCIO SUL RISCHIO IDROGEOLOGICO (ai sensi dell art.1, comma 1, del D.L. 180/1998 convertito in L. 267/1998) Caratteristiche idrauliche

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE DI GRUARO Assessorato alla Protezione Civile Data aggiornamento 31.07.2014 INDICE 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale...4 1.2.2. Rischio

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Dott. Aldo Guadagnino Dirigente Servizio 3 Assetto del territorio e difesa

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI Provincia di Salerno

CITTÀ DI AGROPOLI Provincia di Salerno CITTÀ DI AGROPOLI Provincia di Salerno INDIVIDUAZIONE DELLE AREE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE A LIVELLO COMUNALE RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA DEFINIZIONE DELLE ATTIVITÀ DI AGGIORNAMENTO ED INTEGRAZIONE

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

COMUNE di MARTELLAGO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di MARTELLAGO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di MARTELLAGO Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. Rischio Idraulico...3 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...3 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale....4 1.2.2 Rischio

Dettagli

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO COMUNE DI CAPOLIVERI Provincia di Livorno STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO a cura del dott. Ing. Filippo Ginanni Il Sindaco: Ruggero Barbetti I Progettisti: arch. Gianni Vivoli e arch. Sergio Seritti Collaborazione:

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE E PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

PROTEZIONE CIVILE E PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA PROTEZIONE CIVILE E PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA 1.1. La Protezione Civile Con il termine Protezione Civile non si intende, come è opinione diffusa, solo l insieme di mezzi e risorse umane che intervengono

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa:

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa: TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Dossier di sintesi: quadro attuale finalizzato all analisi SWOT partecipata Premessa: Con riferimento ai temi da

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1.

ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1. ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1.4 ALLARME ALLEGATO ID-BB 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO

Dettagli

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008)

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008) INDICE 1. Lavori di mitigazione dei fattori di rischio idrogeologico nel bacino del Rio San Giusto (Frana Rifugio Rey / Rio San Giusto) : RELAZIONE E CERTIFICATO DI COLLAUDO (13 aprile 2006) 2. Sistemazione

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI ARGENTA

PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI ARGENTA Comune di Argenta Provincia di Ferrara PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI ARGENTA Il Sindaco: Dott. Antonio Fiorentini Gruppo di lavoro Polizia Municipale Allertamento, Associazionismo Comandante

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

SOMMARIO 3. IL RISCHIO IDROGEOLOGICO NEL COMUNE DI SAN GREGORIO DI CATANIA... 3

SOMMARIO 3. IL RISCHIO IDROGEOLOGICO NEL COMUNE DI SAN GREGORIO DI CATANIA... 3 SOMMARIO 1. GENERALITA... 2 2. RISCHIO IDRAULICO E RISCHIO GEOMORFOLOGICO... 2 3. IL RISCHIO IDROGEOLOGICO NEL... 3 4. SCENARI DI INTERVENTO... 10 5. MODELLI DI INTERVENTO (RISCHIO GEOMORFOLOGICO)... 11

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DEL COMUNE DI ORCO FEGLINO TOMO 2 RISCHIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 2 RISCHIO

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5 2.1 INTERVENTI DI PROGETTO... 5 2.2 GESTIONE DELLE INTERFERENZE... 7 Progetto esecutivo 1 1 PREMESSA L Amministrazione Comunale di Montalcino, con l obiettivo

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO. Risposta alle Osservazioni R.U.

REGOLAMENTO URBANISTICO. Risposta alle Osservazioni R.U. COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO URBANISTICO Risposta alle Osservazioni R.U. Gruppo di Lavoro Vittorio D'Oriano Geologo Marco Folini Geologo Tommaso Cantini Ingenere Ambientale data:

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1.1 MODELLO D INTERVENTO 2 1.1.1 LIVELLI DI ALLERTA E FASI OPERATIVE 2 1.2 MODELLO DI INTERVENTO PROCEDURE OPERATIVE 3 1.2.1 PROCEDURE OPERATIVE (DA ESEGUIRE QUALUNQUE

Dettagli

MODULISTICA OPERATIVA

MODULISTICA OPERATIVA MODULISTICA OPERATIVA INDICE SCHEDA OPERATIVA PER ATTIVAZIONE PIANO DI EMERGENZA Pag. 2 MESSAGGIO DI ALLARME, EMERGENZA E CESSATO ALLARME Pag. 4 COMUNICATO ALLA POPOLAZIONE Pag. 7 SCHEDA OPERATIVA RISCHIO

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 IV A. Area a rischio significativo di alluvione ARS Distrettuali

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

Protezione Civile Municipaale - Piano di emergenza

Protezione Civile Municipaale - Piano di emergenza Alla popolazione del Comune di Imola: informazione preventiva della Protezione Civile e norme da attuarsi in occasione di eventi calamitosi sul territorio. Generalità La Protezione Civile Col termine Protezione

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08.

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08. MARCA DA BOLLO Comune di Capannori (Prov. di Lucca) Al Sindaco del Comune di Capannori Piazza Aldo Moro, 1 55012 Capannori (LU) Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art.

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

COMUNE DI VILLAPUTZU PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI VILLAPUTZU PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI VILLAPUTZU PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO SPEDITIVO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE ANNO 2014 Elaborato B2 Piano Speditivo di Emergenza della Protezione Civile - Relazione Illustrativa di accompagnamento

Dettagli

COMUNE DI VILLASALTO PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA, IDROGEOLOGICO E IDRAULICO

COMUNE DI VILLASALTO PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA, IDROGEOLOGICO E IDRAULICO COMUNE DI VILLASALTO PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA, IDROGEOLOGICO E IDRAULICO RELAZIONE GENERALE Sindaco e Assessore Urbanistica Responsabile

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

La pianificazione di emergenza

La pianificazione di emergenza La pianificazione di emergenza Antonio Gioia Dipartimento della Protezione civile antonio.gioia@protezionecivile.it Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA PIANO DELLE ATTIVITA 2015 (L.R. 79/2012 ART. 26 comma 2) VERSIONE 2 APPROVATA DEL 13/03/2015 RELAZIONE COMPRENSORIO Il Direttore Tecnico di Comprensorio Pianura Pisana (Dott. Ing. Sandro Borsacchi) 1 /

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli