Le scuole comunitarie: una scommessa per il futuro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le scuole comunitarie: una scommessa per il futuro"

Transcript

1 Gennaio Le scuole comunitarie: una scommessa per il futuro 5 Da una scuola della savana all università 6 Il ruolo preponderante dei genitori 8 Mobilitazione in Svizzera romanda a favore dei bambini del Sahel

2 Una sana tenacia porta i suoi frutti Editoriale La popolazione del Ciad è in maggioranza analfabeta, in una percentuale dell' 80 % circa. Secondo un rapporto pubblicato dall Unesco, la quota di bilancio statale al settore scolastico diminuisce, anche se il tasso di scolarizzazione è in continua crescita. Quanto ai genitori, le spese legate all'istruzione dei figli sono in costante aumento. Bisogna allora rassegnarsi? «Lo sviluppo è il risultato di una buona istruzione, ricorda Ferdinand Itondjibaye, uno dei nostri collaboratori del Ciad. Grazie alla formazione oggi troviamo persone qualificate e competenti per sviluppare vari settori di attività» Ma oggi, anche se il bambino è scolarizzato, e supera i primi esami, non porta comunque avanti gli studi. Causa: la povertà che non permette ai genitori di pagare le spese del collegio. Inoltre la mediocre formazione del personale docente, la mancanza di controllo sui programmi, la penuria di materiale didattico e l'insufficienza di infrastrutture e attrezzature indeboliscono il sistema di insegnamento nel suo insieme In numerose regioni del paese le scuole funzionano comunque in modo indipendente con esiti soddisfacenti. Le scuole comunitarie della savana, controllate dalla Federazione delle Scuole Comunitarie Cristiane (FECC) che sosteniamo, si battono pour formare al meglio gli insegnanti. Con successo: l'esempio di Job, oggi universitario e del quale ricordiamo il percorso in queste pagine, è il frutto di una tenacia che avete condiviso con lui, con noi. La costruzione di scuole continua come qui nel villaggio di Kemadja Egli vi è molto riconoscente e, come noi, vi ringrazia per il vostro fedele sostegno. L equipe di Morija Associazione umanitaria En Reutet 1868 Collombey-le-Grand Tél Fax CCP Associazione senza scopo di lucro Fondata nel 1979 conformemente agli Articoli 60 e seg. del Codice Civile Svizzero Sede sociale: Collombey-le-Grand (VS) Revisore dei conti: Fiduciaire R. Künzlé SA Monthey Scopo Assistenza al bisognoso popolo africano, del Sahel in particolare, senza distinzione alcuna di razza o religione. I 3 pilastri dell aiuto sono l intervento di emergenza il miglioramento delle condizione di vita i progetti di sviluppo Lo spirito con cui viene offerto il nostro aiuto trova le sue origini nel Vangelo. Mensile d informazione Redazione: Morija Grafia e stampa: Jordi SA, Belp Prezzo dell abbonamento: CHF 25. / 15. Abbonamento di sostegno: CHF 50. / 30. Qualsiasi contributo sarà ben accetto. GRAZIE Misto Cert no. SQS-COC FSC

3 Gli sforzi si concentrano sulla formazione dei maestri Scuole comunitarie della savana I maestri comunitari beneficiano di formazioni da cui i bambini sono i primi a trarre profitto Il sistema educativo del Ciad deve affrontare un deficit formativo degli insegnanti. I maestri comunitari beneficiano invece di una formazione adeguata che migliora sensibilmente il livello dei loro corsi. In Ciad più del 48 % degli insegnanti della scuola primaria sono privi di una formazione professionale completa e i loro programmi di insegnamento risalgono all'indipendenza. I pochi maestri formati dallo Stato preferiscono restare in città invece di insegnare nelle scuole rurali. Nella savana i genitori preoccupati del destino dei figli si sono raggruppati in Associazioni di genitori di alunni (APE) e hanno chiamato coloro che sanno leggere, scrivere e parlare francese nel loro villaggio per istruire la propria progenie. Queste persone, chiamate oggi maestri comunitari, nella maggior parte dei casi non hanno potuto accedere agli studi secondari per mancanza dei mezzi finanziari. La Federazione delle scuole comunitarie cristiane (FECC) che controlla le APE ha preso in mano la situazione e si è impegnata a migliorare la formazione di questi insegnanti; essi presentavano in effetti lacune evidenti rispetto ai programmi ed erano privi di formazione pedagogica. Lo sforzo non è stato inutile: notiamo oggi un grande miglioramento delle loro prestazioni. Il numero in costante aumento di allievi che si presentano agli esami nazionali, il loro successo, nonché i colloqui con questi maestri e le loro testimonianze ci permettono di dire con certezza che queste formazioni hanno notevolmente accresciuto il livello generale dell'insegnamento prodigato. Resta però un inconveniente: alcune di queste formazioni si svolgono durante periodi scolastici, cosicché due o tre maestri di una stessa scuola non possono seguirle. E per colmare il vuoto lasciato da una persona in formazione, le APE sono obbligate ad assumere un nuovo maestro o ancora a riunire due effettivi scolastici. Questo modo di procedere ha esposto la FECC alle critiche delle autorità scolastiche pubbliche, per le quali non è normale che i maestri seguano corsi di formazione mentre dovrebbero insegnare. «Oggi notiamo un grande miglioramento delle prestazioni dei maestri comunitari» A tale proposito ho chiesto ad un responsabile del centro di formazione continua dello Stato se non sarebbe invece opportuno sacrificare un anno per fare di un maestro un insegnante di qualità per il prosieguo della sua attività invece di lasciarlo con le sue carenze pedagogiche, con un ulteriore calo del livello dei bambini Da notare infine che pur essendo la FECC riuscita a migliorare il livello dei maestri comunitari con formazioni adeguate, queste ultime non sono ancora riconosciute ufficialmente dallo Stato. La collaborazione con le autorità amministrative dell'educazione nazionale è tuttavia eccellente: un fatto incoraggiante! Ferdinand Itondjibaye Assistente coordinatore della FECC

4 Difficoltà tipiche del Ciad La povertà delle famiglie è un forte ostacolo alla scolarità dei bambini del Ciad. A ciò si aggiunge una complessità linguistica e una situazione politicomilitare instabile. L'istruzione in Ciad deve affrontare un certo numero di sfide. Innanzitutto la povertà dei genitori è un grave svantaggio per l'istruzione dei figli: anche se questi ultimi superano i primi esami e possono passare al collegio, succede che debbano restare a casa se i genitori non hanno i mezzi sufficienti per pagare le spese scolastiche. L'esclusione dei genitori dal controllo o dall'amministrazione delle scuole ha del resto provocato molti problemi nell'educazione nazionale. Alcuni maestri che dovrebbero essere sospesi dalle loro funzioni per negligenza, assenteismo, alcolismo o sottrazione di fondi continuano spesso ad esercitare le professione andando da una scuola all'altra... e distruggendo classi intere al loro passaggio. Bisogna dire altresì che alcuni genitori considerano ancora i figli come manodopera in grado di aiutarli nei lavori quotidiani del villaggio. Così, pur frequentando la scuola, questi allievi non riescono a compiere normalmente il proprio dovere e alla fine vengono respinti. Inoltre nessuno ignora l'influenza di certi fenomeni quali l'esodo rurale, il matrimonio precoce, il fenomeno del bambino bovaro (vedi foto). Si tratta di problemi che sfidano il sistema educativo. La diversità linguistica è un'altra caratteristica della popolazione del Ciad che rappresenta un ostacolo all'insegnamento. Si contano in effetti più di 130 lingue nel paese, di cui solo 18 sono parlate da o più persone. Questa diversità non facilita il compito degli insegnanti, chiamati a insegnare in arabo classico (che praticamente nessuno parla) e in francese, le due lingue ufficiali del paese. La situazione instabile del Darfour occidentale e lungo la frontiera tra Ciad e Sudan mette per il resto regolarmente in pericolo le popolazioni civili e rende di fatto più fragili le condizioni di insegnamento, come tutte le attività chiamate a svilupparsi sul lungo termine e in buone condizioni. Ferdinand Itondjibaye Assistente coordinatore della FECC In Ciad i bambini devono spesso aiutare i genitori a spese della loro istruzione. Un bambino = 2 vitelli da lavoro Sotto la definizione «Fenomeno del bambino bovaro» si nasconde in Ciad una pratica disastrosa che riduce numerosi giovani a merce. Si tratta di uno scambio tra popoli di agricoltori e popoli di allevatori nel sud del paese. Nelle regioni del Medio Chari e del Mandoul in effetti gli agricoltori che vivono solo delle magre produzioni agricole e che sono limitati da mezzi di produzione oggi desueti (buoi, aratri) decidono di mettere i figli a servizio di allevatori, ottenendo in cambio di questo baratto due vitelli da lavoro. Il bambino oggetto di scambio viene allora assunto per lavorare mesi. L'allevatore che lo prende lo considera come sua proprietà, su cui ha diritto di vita o di morte

5 Da una scuola della savana all'università L'insegnamento prodigato in una scuola comunitaria della savana offre percorsi interessanti. Ecco la testimonianza di un giovane oggi studente di economia e gestione. Job Nguehogbe ha 24 anni. Nato a Maindeye, nel sud del paese, è entrato nella scuola primaria del villaggio vicino di Dankyan a 7 anni. Quando nel 1997 è stata creata una scuola comunitaria nel suo villaggio, naturalmente è stato lieto di inserirvisi, uscendone con un certificato di studio primario elementare del Ciad (CEPET) nel In seguito si è potuto iscrivere al Collegio di Insegnamento Generale della città di Sarh, diplomandosi con un brevetto di studio del primo ciclo nel 2004; poi nello stesso anno è stato ammesso al test di entrata in un politecnico di amministrazione e gestione a Sarh, dove ha conseguito il diploma di maturità nel Job si è poi iscritto all Istituto di scienze economiche e gestionali applicate, dove frequenta oggi il secondo anno di formazione universitaria. Oggi egli afferma che la scuola comunitaria della savana che ha conosciuto alcuni anni fa gli ha permesso di concludere con successo gli studi primari e gli è servito come trampolino di lancio per continuare la propria istruzione. Egli ricorda la vita associativa del villaggio, i grandi sforzi dei maestri comunitari che, pur non essendo pagati regolarmente, hanno sempre rispettato i propri impegni nei confronti degli allievi. Job menziona anche l'interesse manifestato dal capo villaggio per il buon funzionamento della scuola, come pure il costante sostegno dei genitori. Job, al secondo anno di formazione universitaria Grazie a questo ricordo, questo studente intende aiutare finanziariamente in futuro, se necessario, il suo villaggio a proseguire questo insegnamento indipendente e ad organizzare campagne di sensibilizzazione sull analfabetismo che ritarda lo sviluppo del suo paese. «Ringrazio dal profondo del cuore i miei genitori che mi hanno iscritto a questa scuola comunitaria, nonché gli insegnanti che hanno contribuito alla mia istruzione. Grazie anche alla FECC e a Morija che ha permesso la costruzione di un edificio scolastico in muratura, che facilita enormemente le condizioni di apprendimento!» Yamtébaye Saingaral Contabile della FECC Le scuole comunitarie sono riconosciute Ispettori dell'educazione presenti alla cerimonia di chiusura di una formazione di maestri La Federazione delle scuole comunitarie cristiane (FECC) occupa oggi un posto importante nel sistema scolastico del Ciad. Essa ha ottenuto un'autorizzazione operativa globale per tutte le sue scuole e mantiene buone relazioni con lo Stato. I formatori dei maestri comunitari sono del resto o ispettori ufficiali dell'insegnamento pubblico primario, oppure formatori della Scuola normale o ancora responsabili dei centri di formazioni continue dello Stato. Anche il controllo pedagogico è assicurato dagli ispettori statali, e ciò contribuisce alla grande credibilità delle formazioni prodigate dalla FECC. Tutti questi professionisti non mancano di apprezzare le attività della federazione. «Globalmente consideriamo che gli sforzi compiuti finora non sono inutili, ha commentato una delegazione di ispettori statali in un rapporto ufficiale. Questi sforzi meritano di essere mantenuti e incoraggiati» Gli sforzi meritano di essere mantenuti e incoraggiati Infine merita di essere sottolineato l impatto positivo di queste scuole della savana in termini di successo scolastico, che permette loro di occupare una buona posizione nel sistema educativo del Ciad. Ferdinand Itondjibaye

6 Il ruolo preponderante dei genitori Le Associazioni dei genitori degli alunni (APE) svolgono un ruolo primordiale nel funzionamento delle scuole comunitarie. Esse le rendono efficienti organizzando formazioni per i propri membri. Chi fa cosa e con quali competenze? In vista di una migliore definizione del ruolo di ciascuno e di un migliore rendimento delle persone assunte nelle APE, sono state organizzate formazioni destinate ai loro membri. In programma: temi legati alle questioni organizzative, gestionali e funzionali. Gilbert Hondjinbaye, presidente di una di queste associazioni, afferma a tale proposito che i moduli di formazione seguiti rispondono perfettamente alle attese dei partecipanti. «Questi moduli permettono ad ogni partecipante sin dal ritorno al villaggio di migliorare il funzionamento della sua scuola. In precedenza ad esempio non sapevo chiaramente quale ruolo doveva svolgere ciascun membro impegnato nell APE. Ciò creava confusione nell'organizzazione, nel funzionamento e anche nella gestione della struttura scolastica. «Avvalendomi di questa formazione mi impegno a mettere in pratica le mie nuove conoscenze e a condividerle attorno a me. Auspico che queste formazioni si moltiplichino e si applichino a tutti i membri delle APE. Desidero ringraziare di tutto cuore i formatori che non si sono risparmiati nel trasmettere ai partecipanti le loro conoscenze. Grazie anche alla FECC e a Morija che rendono possibili queste formazioni!» Yamtébaye Saïngaral Genitori di alunni in formazione Organizzazione e sviluppo Riuniti puntualmente in assemblea generale, i genitori devono prendere decisioni, organizzarsi per vederle confermate nei fatti, occuparsi della gestione e del controllo della loro scuola comunitaria Il buon funzionamento di questa microsocietà si riflette oltre la struttura stessa della scuola. Quando funziona bene, essa permette lo sviluppo dell'intero villaggio. Secondo l'adagio che dice «è meglio insegnare alla gente a pescare piuttosto che darle pesce da mangiare», le APE hanno consentito a vari membri di realizzare attività comuni come lo stoccaggio di cereali, la coltivazione di campi comunitari, la produzione agricola e l'allevamento. CHF 30. / 19 offrono a 3 bambini una scolarizzazione in buone condizioni CHF 390. / 260 permettono ad un maestro di ricevere la formazione necessaria affinché possa dispensare un insegnamento di qualità

7 Il delicato lavoro di coordinamento Per assicurare il buon funzionamento di ogni scuola comunitaria e stimolare tutti i partner interessati, un coordinatore li visita regolarmente. Distribuzione di libri in una biblioteca Il coordinatore della FECC visita almeno due volte l'anno ogni scuola appartenente alla federazione. Durante queste ispezioni, chiamate «giri di fornitura», questo responsabile distribuisce mobilio e manuali scolastici necessari alle varie strutture. Egli offre inoltre supporto tecnico e consigli ai genitori degli allievi. Questi contatti regolari sono anche l'occasione per riscuotere i contributi annuali. Durante queste ispezioni viene formulata una diagnosi sul funzionamento generale di ogni scuola. Il coordinatore deve dimostrare tatto e cercare di risolvere le difficoltà riscontrate dagli allievi, ma anche dagli insegnanti, e dai responsabili delle associazioni dei genitori degli alunni (APE). Spetta a lui anche incoraggiare i vari partner. Spesso sorgono questioni legate alla buona gestione di ciascuna entità. Un altro problema rilevante è la povertà delle famiglie che non sono in grado di pagare tutte le spese scolastiche dei figli e che provoca di conseguenza ritardi nel pagamento degli stipendi dei maestri comunitari. Altri genitori non sono pronti a rispondere agli appelli dell APE riguardanti i servizi scolastici, come la costruzione di hangar per le aule, o semplicemente ad assicurare la propria presenza alle riunioni dei genitori. Malgrado le molteplici difficoltà un certo miglioramento è comunque palpabile negli ultimi tempi, in particolare per quanto riguarda il lavoro collettivo e la presa di coscienza dei genitori sull'importanza della scolarità per i loro figli. A proposito delle ragazze: pur essendo il tasso di frequentazione inferiore, esse hanno oggi un posto in queste scuole allo stesso titolo dei ragazzi. L equipe di coordinamento Ferdinand Itondjibaye La giornata di un alunno nella savana Il bambino di un villaggio del Ciad cammina almeno 5 10 km al giorno, cioè circa 1 2 ore per andare a scuola e tornare a casa. Nonostante queste lunghe distanze, percorse spesso sotto un sole a picco, è molto contento di imparare a parlare francese, a contare, a scambiare le proprie conoscenze con i compagni e soprattutto di potersi proiettare in una formazione professionale. Ogni giorno prende quaderno, libro e lavagna prima di mettersi in cammino. Poi, seduto su un tronco d'albero o su un pezzo di mattone, al riparo in un hangar di paglia, segue l'insegnamento dispensato con la massima attenzione, se possibile. Se è fortunato la costruzione di un edificio in muratura sostituisce la capanna e gli permette di studiare senza essere disturbato dalla pioggia, dal vento e dalla polvere. Se l apprendimento è difficile per gli allievi, anche i maestri comunitari devono affrontare vari ostacoli. Ali Djotoingue, impegnato da 4 mesi in una di queste scuole, riferisce ad esempio di problemi di ordine materiale e pedagogico: mancanza di manuali didattici, di strutture di accoglienza, di formazione specifica pedagogica e di stipendio. Ma, come i suoi colleghi, sente su di sé una responsabilità particolare verso questi bambini. Saïngaral Yamtébaye Nonostante alcune costrizioni gli alunni apprezzano il tempo trascorso assieme in classe Dopo la lezione torna a casa, consuma rapidamente un pasto e va a lavorare sui campi o si occupa del bestiame. Deve giocare astuzia per trovare il tempo di imparare le lezioni

8 Mobilitazione in Svizzera romanda a favore dei bambini del Sahel La nostra tradizionale giornata di Solidarietà Sahel è giunta al 30 anno consecutivo. Come al solito vi hanno partecipato numerosi volontari e le somme raccolte sono state destinate ai nostri centri nutrizionali del Burkina Faso e in Ciad. Di anno in anno siamo sempre molto riconoscenti per tutti gli sforzi prodigati da coloro che si impegnano in questa azione. E quanto sfoggio di talento: confezioni di pasticceria, marmellate, lavori a maglia, vasi dipinti pieni di dolciumi, ma anche tutte le persone che offrono il loro tempo di sabato. E' magnifico! Mi viene in mente un commento che ho ricevuto da una delle responsabili di stand. Mi confidava che, qualche tempo dopo la giornata di Solidarietà Sahel, uno dei volontari l'aveva chiamata per scusarsi di non avere risposto alla sua domanda di partecipazione sul suo stand Morija. Ecco le parole utilizzate dal volontario: «Come si può dimenticare di prendere tempo per cose così importanti?» Queste frasi hanno rafforzato nella nostra responsabile di stand e in me stesso la convinzione che Morija ha l'immensa fortuna di essere circondata de persone motivate e sensibili alla causa che difendiamo. Talenti e disponibilità al servizio della giornata di Solidarietà Sahel E ancora questa riflessione di una volontaria di Ginevra: «Il sentimento di impotenza che provo davanti alla miseria si trasforma modestamente in un'azione costruttiva: uno sforzo qui in Svizzera e vari beneficiari laggiù. Da sola non potrei fare nulla per loro. Così attraverso questa azione, l'idea dell'impatto che posso esercitare nella vita dei più poveri mi apre il cuore. Fare conoscere Morija è anche un modo per incoraggiare tutti coloro che lavorano per aiutarli così concretamente». A tutti un vivo ringraziamento per la vostra fedele collaborazione. Alexandra Jacquiard Responsabile del volontariato Mercatino di Natale di Confignon (GE) Mentre vari mercati di Natale facevano il pieno nel cantone di Ginevra, Morija è stata l'invitato d onore del mercatino di Natale di Confignon (GE). Sabato 28 novembre, con un tempo clemente, Morija ha beneficiato di una buona posizione all'entrata della sala comunale di Confignon. Lo stand era pieno di cose belle e deliziose: magnifiche presine per pentole, diverse marmellate e gelatine fatte in casa, superbe candele artigianali ideate da Margot, Anita, Catherine, Brigitte e Jean-Michel. Ma anche vari articoli di artigianato africano e noccioline zuccherate arrivate direttamente dal Burkina Faso. Quel giorno è stata registrata una grande affluenza, con persone che desideravano ricevere sia informazioni su Morija che trovare idee regalo. Inoltre vari donatori di Morija sono stati molto lieti di farci visita. Brigitte Rufi Responsabile del gruppo di volontari di Genève Desiderate anche voi avere un impatto sulla vita dei più poveri? Perché non organizzare un'attività di volontariato? Concerto, spettacolo di danza, torneo sportivo, corsa sponsorizzata, cena, vendita di dolci ecc. Avete un'idea? Da soli o in gruppo, comunicatemela allo o inviatemi una mail a: alexandra. Vi consiglierò su come procedere e vi sosterrò nella vostra azione. Il vostro impegno può salvare vite umane! Alexandra Jacquiard I volontari, principalmente giovani della regione, avevano risposto spontaneamente quando avevo annunciato l'allestimento dello stand. Tutti sono rimasti molto soddisfatti della partecipazione a questo evento e hanno scelto di attribuire la somma raccolta di CHF 690. ai beneficiari del progetto di formazione per i maestri in Ciad. Questi corsi, dispensati in vari moduli, permettono ai maestri di ricevere la formazione necessaria per poter dispensare un insegnamento di qualità nelle scuole comunitarie del Ciad. Ancora una volta grazie di cuore a tutte e a tutti per il vostro prezioso e fedele aiuto.

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa Concorso per l assunzione di un/a direttore/direttrice scolastico/a con un grado di occupazione al 100% per le scuole elementari e dell infanzia dall anno scolastico 2015-2016 Il Municipio di Novaggio

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli