La vendita e la scommessa della clinica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La vendita e la scommessa della clinica"

Transcript

1 La vendita e la scommessa della clinica ARMANDO VERDIGLIONE Prosegue la pubblicazione dei master tenuti da Armando Verdiglione, nel 1995, in alcune città (a Modena, il 22 e 23 settembre e a Padova, il 21 e 22 ottobre). Essi testimoniano dell'elaborazione in corso e costituiscono le basi del programma della città del secondo rinascimento. Modena, sabato 22 settembre 1995 ARMANDO VERDIGLIONE C è qualche domanda, Chiara Russo? Qualche persona le ha chiesto qualcosa in merito al titolo? CHIARA RUSSO Sì, direi che la domanda più frequente è stata intorno alla seconda parte del titolo: la scommessa della clinica. Devo ammettere che mi è stato difficile spiegarla. A. V. Mentre per spiegare la prima parte c è arrivata. C. R. Insomma, dopo qualche anno di frequenza dell Associazione sono riuscita a capire qualcosa, ma ho avuto qualche difficoltà nel fare intendere la seconda parte. A. V. Quanti anni ha? C. R. Molti... A. V. Ne dica alcuni. C. R. Poiché parliamo di un corso intorno alla vendita posso fare uno sconto. Comunque, non ho problemi a dire la mia vera età: trentacinque anni. A. V. Ha trentacinque anni! E chi l avrebbe mai detto? C. R. I miracoli della tecnica e della scienza. A. V. Pensi che una nostra amica ne sconta molti di più. Chi è il più giovane qui, a parte noi altri? Lei, quanti anni ha? KATIA GENERALI Ventisei. A. V. Lei? 11

2 CHIARA GOZZI Ventitré. A. V. Allora, Chiara, ha qualche quesito da porre? Lei frequenta la libreria? Abita qui vicino? C. G. A Modena. A. V. E che studi ha fatto? Nel senso di che libri legge, non per chiederle quali sono le onorificenze che ha acquisito. C. G. Ho fatto la scuola per assistenti sociali a Parma. A. V. Anche di psicanalisi e di psichiatria? Sembra che psicologia e psicanalisi abbiano qualche parentela, e invece non ne hanno proprio nessuna: o psicologia o psicanalisi. Psicologia e psicanalisi costituiscono, se vuole, un ossimoro, sono cioè assolutamente inconciliabili. La psicologia è il luogo delle superstizioni. La prima superstizione è il soggetto e la certezza soggettiva. La psicologia distribuisce il sapere quindi la destinazione, la predestinazione del soggetto. Nell epoca postmoderna, nell ideologia postmoderna, il soggetto è la morte, la morte bianca. Nell epoca postmoderna, la psicologia distribuisce purismo. Ci sono vari modi di raggiungere il purismo. Marx scrive che la rivoluzione si raggiunge o con le armi o con il tribunale. La rivoluzione celeste: la rivoluzione che fa cerchio, la rivoluzione dove il serpente si morde la coda e se la divora. La rivoluzione circolare: quella francese dell 89 e quella russa. Rivoluzione che si avvale del colpo di stato, che è definita, e fondata, dal colpo di stato. La rivoluzione nazionalsocialista era un altra variante anche se posta come reazione o come controrivoluzione della stessa rivoluzione circolare. Infatti, la purezza purezza del linguaggio, del colore, della razza, della finanza è prerogativa di questo illuminismo rivoluzionario. Nell epoca postmoderna tutto ciò e altro di quanto ha potuto chiamarsi, a torto, barbarie, ma che è l umano più umano, il più umano ritorna, riemerge, rifluisce nella visibilità, nella sincronia. Mai come nell epoca postmoderna tutto è contemporaneo, e tutto visibile, tutto spettacolare. E tutto più che significabile, già significato. A proposito del libro di Arturo Diaconale Tecnica postmoderna del colpo di stato: magistrati e giornalisti, Mauro Mellini diceva che il partito dei magistrati è il partito più forte in Italia. Tra i poteri forti sarebbe comunque il partito più forte. Ci sono i poteri forti, ci sono i partiti. Questo è il partito più forte e, come partito più forte, deve rispettare i cosiddetti poteri forti: certamente può nutrire l aspirazione di condizionarli, ma finora, in questi tre anni, ha potuto condizionarli rispetto alla propria salvezza, alla propria sopravvivenza. La ragion di partito del 12

3 partito più forte consiste nel principio di sicurezza e di salvezza proprie. Purismo etnico nella ex Iugoslavia, purismo a vari livelli in Italia, purismo anche in altri paesi: l ideologia postmoderna non è esclusiva della Iugoslavia e dell Italia. La psicologia, quindi, si allea con la mitologia medica, con l ideologia postmoderna, con la psicofarmacologia e concorre a realizzare, nella propria disciplina, il principio di morte come principio di piacere. Che cosa promette la psicologia? La personalità, la forza dell io, l autonomia dell io. La realizzazione di sé, senza dubbio, la gnosi, cioè la conoscenza della morte, e la morte: è per questa via che promette la salvezza. Più che un freno, determina la paralisi dovunque intervenga nella vita civile, sociale, familiare, istituzionale, e l albo degli psicologi è l albo dei netturbini e dei necrofori. L impresa nuova che si avvale della psicologia è l impresa che si assegna la predestinazione, è l impresa soggetto. L impresa della psicologia è una speciale impresa di pompe funebri, ma senza nulla di nero: né il carro né i cavalli né la bara né le insegne, anzi, tutto sbiancato e bianchissimo. L impresa di pompe funebri bianche. L impresa di pulizia etnica. Prima era pulizia ideologica, adesso è pulizia etnica dove etnica, ormai, riguarderebbe la religione, l ideologia, l occulto. Pulizia etnica fratricida, pulizia etnica anche della guerra civile. La guerra civile come pulizia etnica. Guerra bianca. Abbiamo detto: golpe bianco e rivoluzione bianca. Ecologismo giudiziario, ecologismo bellico, psicologico, finanziario. La psicanalisi, con Freud, ha certamente scosso, agitato le acque del mondo istituzionale psi, figurarsi poi quelle del mondo istituzionale tedesco e anche austriaco (che non sono la stessa cosa) nell ambito della frenologia, della psicologia, della psichiatria già allora c era una specie di protoecologismo, di naturalismo. Cosa consigliavano i medici all epoca di Freud? C era un esaurimento nervoso: un mese al mare, un mese in montagna. Evidentemente, non suggerivano a chiunque un mese al mare e un mese in montagna solo ai loro clienti speciali. Nulla di strano che, dopo il mese al mare e il mese in montagna, i clienti e le clienti tornassero dal medico. Freud, ebreo, a Vienna. La famiglia non era di Vienna, comunque si trova in questa capitale straordinaria, quale era Vienna in quel periodo. E certamente nella sua opera ci sono pregiudizi propri di Vienna, della sua famiglia, dell educazione, dello hassidismo di quel periodo; però c è una breccia, c è la scia del rinascimento della parola, della sua industria, 13

4 che si afferma con lui, con molti contrasti, contraddizioni, sviste, cantonate e altre cose di grande interesse intellettuale. Insomma, il testo di Freud è uno dei testi più interessanti, nell ambito del testo occidentale. Dopo la prima guerra mondiale, non prima, la psicanalisi comincia a affermarsi in Europa e in America. Il periodo successivo alla seconda guerra mondiale determina il boom della psicanalisi in America, in Inghilterra e, poi, in altri paesi. A Mosca, invece, è proibita. L editto di Stalin del 29 proscrive la psicanalisi e proscrive Freud. Il gesto di Lacan sembra tanto casuale quanto inaudito, estraneo al contesto culturale e sociale, estraneo alle genealogie parigine, per quanto, a vario titolo, le avanguardie nei settori differenti intervengano lungo il suo itinerario. (Abbiamo tenuto cinque master intorno a Lacan, intorno al testo di Lacan: nell ultimo, intorno alla Question préliminaire à tout traitement possible de la psychose, ho letto in parte il saggio, come essenziale.) Che cosa resta di Lacan? Il testo. Non resta il postlacanismo, ghettizzato e frammentarizzato in Francia e irrisorio in altri paesi. Se noi indaghiamo intorno a questa storia, a questa esperienza, a questo itinerario particolare dal 5 febbraio del 73 a oggi, intorno ai dispositivi dispositivo congresso, dispositivo editoriale, dispositivo clinico, dispositivo proprio alla tripartizione dell esperienza (conversazione, narrazione, lettura), dispositivo insegnamento-formazione, vari dispositivi propri della Fondazione, ma anche dispositivo finanziario o dispositivo relativo al programma della città o dispositivo della città (anche qui differenti e vari i dispositivi della città: dispositivi artificiali, dispositivi intellettuali), forse ci accorgiamo dell assenza di qualsiasi certezza soggettiva, dell assenza del soggetto, e della questione intellettuale come questione della parola, della sua logica, della sua struttura, della sua qualità. Che la parola sia originaria, quindi con la sua particolarità, con il suo itinerario, con la sua qualità, ha implicazioni nuove è il meno che possiamo dire rispetto al discorso occidentale, che interviene, semmai, nell ossimoro, nell anfibologia. Una di queste implicazioni è la dissipazione della psicosomatica, che è il trattamento zoologico della combinazione del corpo e della scena: trattamento del corpo con tavola semiologica, trattamento della scena con tavola che deve concorrere al cerchio conoscendo il negativo, il male, il peccato, l incesto, la morte. Leonardo ha impegnato molti anni in quadrature impossibili del cerchio, la gnosi fa circolare ogni quadrato, quadra, squadra e accerchia. Il cerchio è quello della morte, è la morte stessa. Che la parola sia originaria indica che non è tributaria della morte, che non può essere confiscata né spazializzata, e che nessuno toglie nulla 14

5 all Altro. Intendere questa cosa così semplice è qualcosa che può sembrare enormemente sovversiva in qualsiasi istituzione, dove lo psicodramma si nutre proprio del principio secondo cui ognuno toglie qualcosa all Altro, toglie o strappa o lacera o sottrae o ruba, oppure si strappa, si lacera, si sottrae. È impossibile l assenza dalla parola: il discorso psicotico prova questo. La vendita di sé o dell Altro è la cura di sé o dell Altro, cioè la morte di sé o dell Altro. Egoismo e altruismo sono due facce della stessa ginnastica tanatofila. Il sé: tu, io, lui; specchio, sguardo, voce. Il sé, nessun soggetto. Il sé, oggetto della parola. Non già estraneo, esterno alla parola, non già ineffabile, sostanziale. Oggetto inconcettuale e insostanziale. Venditore, provocatore, ciarliero, questionante, causante, condizionante se volete perché condizione, ma per nulla determinante. La condizione non determina. Nella sembianza diciamo venditore di fumo. La sembianza è acustica e non visiva, e il fumo provocato da questo fuoco fatuo non è visibile. Il fumo è ciò che fa eco nella sembianza. Il venditore è l imprenditore cioè il tempo. Il cifrante: il tempo cifra. Cifrante e statuto di cifrante. Tempo e statuto di cifrante. Bisogna distinguere tra il cifrante e lo statuto di cifrante: lo statuto di cifrante è nel dispositivo, artificiale. Il tempo vende perché è imprenditore e perché è finanziere, perché l odio è finanziere e perché l odio indica l infinibilità del tempo, e l odio è anche istanza di conclusione. A che cosa bada la vendita propria del tempo? Bada alla conclusione e alla firma, alla clinica e al piacere. La mitologia della rottura, del superamento, del passaggio, del cambiamento, della frattura è fatta apposta per demonizzare e criminalizzare la politica, la finanza, la qualità della parola. La vendita è il frutto del tempo, e quindi dell impresa, e si rivolge all estremo prodotto, cioè alla qualità; il prodotto sta, per dir così, oltre la vendita, oltre la conclusione, oltre il piacere. L erotizzazione della vendita è l altro nome della mortificazione di sé e dell Altro. L erotizzazione: porsi o porre l Altro come soggetto o come oggetto della vendita. Ci sono tanti trattati, cioè tante demonologie, che si prefiggono di gestire l erotizzazione, tante psicofarmacie. Finalmente l'hanno realizzato: con l albo, loro sono in grado di dare la fattura. La vendita di sé nega qualcosa d innegabile, nega la giustizia di sé. La vendita dell Altro espunge qualcosa che non si può espungere nonostante il principio del terzo escluso e il principio di selezione e cioè il diritto dell Altro. Esplorare la vendita comporta esplorare prima di tutto la giustizia e il diritto, e il diritto è costituito dalle sue virtù: la generosità, quella per cui voi siete qui oggi, quella per cui nessuno toglie nulla 15

6 all Altro e nessuno aggiunge nulla all Altro; l indulgenza: ciò che ha comportato l era moderna. L indulgenza, la vendita delle indulgenze. L indulgenza, cioè il tempo dispensa l evento, lo elargisce, lo effettua, e non è il taglio, non è la divisione del soggetto. Poi l umiltà, altra virtù dell Altro. L umiltà, ovvero dell Altro nessun segreto, come prescrive il matricidio con il suo segreto di mamma, nessuno svelamento, nessuna messa a nudo, nessuna giustizia dell Altro. Umiltà, ovvero soltanto ciò che si divide si ode, e quindi disposizione all ascolto. La vendita propria del tempo è anche l ascolto. Umiltà: disposizione alla vendita, disposizione all ascolto. La scommessa di Pascal si situa all interno della dottrina della predestinazione così come si propone nella variante giansenista. Che ne è della scommessa senza cerchio, senza predestinazione, senza soggetto, senza riferimento alla morte? E chi scommette? Scommessa d impresa, scommessa di riso e di verità. Chi rischia? Chi assicura? Chi non ha bisogno dell affanno, del pathos, della passione, della pazienza? Chi non ha bisogno di finirla con il tempo, con la madre, con l Altro, con la morte? Chi è sicuro? Non il padre, non il figlio. Neppure lo spirito? Non il fantasma. La ragione dell Altro non può essere espunta dalla ragione sull Altro. La ragione dell Altro è ragione nel fare, la ragione del fare, perciò ragione pragmatica, ragione narrativa. ANNA SPADAFORA Se non c è ragione sull Altro, allora c è chi vince e chi perde nella vendita? A. V. Intanto, c è chi combatte. Combattente è ciascuno in quanto si trova nel dispositivo della battaglia dispositivo di battaglia, di governo, di amministrazione, di finanza, di vendita. Chi combatte non rischia mai di perdere, rischia di vincere, cioè di vivere; la vittoria è uno dei fiori del superfluo che non si possono cogliere, che non vale nessun bottino. Il perdente, il soccombente non è chi combatte, è il soggetto come soggetto alla morte e, nell epoca postmoderna, come morte bianca, come sangue bianco, il puro più puro. La scommessa è propria del fare, dell impresa, è di chi combatte. Il combattente scommette sulla clinica, cioè sul compimento della scrittura pragmatica, della scrittura della politica, della scrittura finanziaria, punta sulla qualità e alla qualità. È per questo che non può mai puntare su un cavallo, su un animale fantastico. [Rivolgendosi alla giovane interpellata in precedenza] Chiara Gozzi, ventitré anni, di Modena. Ha fatto la Scuola per assistente sociale. È una scuola secondaria? 16

7 C. G. No. A. V. Primaria. Dopo il liceo classico è andata a fare la Scuola per assistenti sociali. E gli assistenti sociali che cosa assistono, chi assistono? Assistono delle persone o assistono se stessi? Lei dice, prima medico di sé poi medico dell Altro: questo è un problema. E non è un università questa Scuola? Laurea breve? Ah, ecco, è la prima persona che incontro che faccia una laurea breve. Due anni? C. G. Tre. A. V. Tre anni. E quindi è breve perché dura tre anni invece di quattro. Ma dopo tre anni non è dottore. Pochissimi faranno una laurea breve se non possono chiamarsi dottore. PIERLUIGI DEGLIESPOSTI Alcune teorie psicologiche promuovono l idea che vendere sia vendersi. In una conferenza, lei disse che elaborare la questione della vendita è anche elaborare il pudore e la vergogna. Il fantasma materno tenta, a suo modo, di dominare l oggetto e il tempo, però del fantasma materno, con l analisi, resta il fantasma e non il materno. Che ne è di questo resto partendo dai quattro discorsi? E rispetto al mito, al sogno e alla dimenticanza? A. V. Allora, qui ci sono almeno tre domande: alla prima, quella riguardante la vendita di sé o dell Altro, abbiamo già risposto. L altra è l idea materna di vendita, che è l idea materna di morte, che poi diventa l ideologia, per cui, tolto l Altro, la madre è la morte, in particolare morte della parola, morte dell oggetto, quindi il soggetto va al posto del tu, dell io, del lui, e al posto dell Altro. Fantasma materno o animale fantastico sono qualcosa di prossimo, sono cose vicine tra loro; il materno in questa accezione cioè materno senza fantasma, materno senza idea è il mortale, e, come morte, entra nell ossimoro, come questione di vita o di morte, come questione aperta. Non si tratta di compiere un esorcismo della morte o del materno o del discorso occidentale, ma di esplorare, anzitutto, l anfibologia, quindi la questione aperta, il modo dell apertura, della relazione, senza genealogia, senza archeologia, senza zoologia, senza zoologia del potere, senza morfologia delle strutture simboliche, sociali, economiche, finanziarie, politiche. Lei dice: del fantasma materno resta il fantasma. Il fantasma opera, opera alla scrittura, ciò che resta è la scrittura. Opera alla scrittura è un modo poetico, un modo antico, trecentesco, di dire che opera per la scrittura, verso la scrittura. Poi, lei chiede che cosa resta di ciascun discorso che si ponga come causa. Dato che il fantasma opera, ciò che resta è la scrittura. Il fantasma materno come discorso isterico, il fantasma materno come discorso 17

8 schizofrenico, il fantasma materno come discorso paranoico, il fantasma materno come discorso ossessivo hanno un esito differente. Ciò che resta nel discorso isterico è la scrittura della sintassi; ciò che resta nel discorso ossessivo è la scrittura della frase. Poi c è una questione: osiamo già dire che ciò che resta del discorso schizofrenico è la scrittura della politica e che ciò che resta del discorso paranoico è, addirittura, la cifra? È chiaro che qui, però, andiamo verso il compimento. ALESSANDRO GENNARI Ciò che resta del discorso paranoico è la cifra? A. V. Sarebbe l estremo resto. L estremo resto: la cifra, cioè la qualità, in questo senso l estremo prodotto. Esplorare il discorso schizofrenico è qualcosa di estremamente interessante, a parte l uso che la psichiatria ha potuto farne per decenni. Il discorso schizofrenico tiene oggi il posto che un tempo teneva la mistica. Qual è il posto della mistica? La mistica, volendo indicarla come discorso, è il discorso spiritualista per antonomasia che predilige l intervallo e l infinito attuale. Il discorso schizofrenico tenta di abitare il tempo provando che è inabitabile, tenta di tramutare i due sentieri in due parallele su cui camminare. È chiaro che questa è l apparente tentazione schizofrenica, cioè il fantasma materno proprio al discorso schizofrenico. Curioso che proprio questo discorso, che più di ogni altro insiste sull inalgebricità del tempo, sia significato dalla semiologia psichiatrica come l esempio massimo di naufragio del soggetto. Il termine schizofrenia è mal trovato (da Bleuler, a Zurigo, nel 1911), e non è un termine interessante. È curioso che sia stato trovato proprio a Zurigo: infatti s inquadra in una specie d ideologia nazionale elvetica, che tuttavia, successivamente, ha invaso una parte del pianeta, con altri contributi. Il discorso paranoico comporta l esplorazione di molti aspetti. Se il discorso isterico formula la radice degli altri discorsi perché attiene all incominciamento radice in questo senso delle cose, alla sintassi e alla sua scrittura, l esplorazione e l analisi del discorso paranoico comportano l acquisizione di risultati degli altri discorsi e addirittura la proprietà e la qualità della parola. Se i miei scritti sono scritti clinici, come è evidente, il volume Niccolò Machiavelli è quello che più di ogni altro indaga intorno al discorso paranoico, e non a caso dopo la redazione di questo libro c è stata tutta una serie di conferenze, d interventi, di corsi. MARIELLA BORRACCINO Nel Giardino dell automa lei scrive che la clinica acclude all atto di parola l implicazione della scrittura, il suo impiego, e stamattina ha posto la dissoluzione della psicosomatica fra le 18

9 diverse implicazioni della parola originaria. Può dire qualcosa intorno alla nozione d implicazione? A. V. Implicazione, qui, era detto ovviamente in un accezione differente, cioè come teorema. Che non ci sia più psicosomatica è un teorema. M. B. La cura quindi va situata nel compimento della scrittura... A. V. No, la cura è nell impresa, non nel compimento della scrittura. Certamente si rivolge alla clinica come compimento della scrittura. Compimento della scrittura sono anche la legge e l etica. La legge è compimento della scrittura della sintassi, l etica è compimento della scrittura della frase. Entrambe, legge e etica, sono compimento della scrittura della storia cioè della scrittura della ricerca. La clinica è compimento della scrittura del fare, della scrittura pragmatica, della scrittura della politica, della scrittura finanziaria. M. B. Qual è la risposta alla domanda chi cura? A. V. Cura non è nell accezione dell affanno, del pathos, della passione, della pazienza, che di solito presuppone la psicopatologia e la psicofarmacologia. La cura è del tempo. La cura è dell impresa e del tempo, la cura è dell altro tempo. Nessuno può curarsi di sé o del tempo o dell Altro, né della cura, ecco perché la cura non è la preoccupazione. In italiano, cura è un termine antico. Non è la cura medica. Cura attiene allo strumento anziché al mezzo. È un termine che avevamo indagato molto diversi anni fa. C è qualcosa nel Dizionario di psicanalisi e di cifrematica? (Faccio una precisazione: questi sono brani scelti da Fabiola Giancotti, cioè non sono esaustivi su ciascuno dei termini, sono quelli che Fabiola Giancotti ritiene utili per una definizione, quindi è assolutamente una raccolta arbitraria, ma che può essere utile, come le cose arbitrarie.) REGISTA. Cura: la cura costituisce il perno della pratica che corre il rischio dell improbabile e dell incomune: fra l assoluto e l immediato; fra il sembiante e l automa. Il perno aggiunge alla prova di realtà la prova di verità e di riso. Quindi, la cura è il perno dell impresa. GIORNALISTA. La cura punta con il dispensario all instaurazione del soggettuale e con il dipartimento all approdo alla cifra della parola (Il giardino dell automa, 1984). Nell Albero di San Vittore (1989): La cura sta nella struttura dell Altro, cura temporale, cura pragmatica. In una conferenza dell 84: La cura combina formazione e terapia, e dell 85: A proposito del termine cura occorre precisare che non posso essere io a manovrare la cura, ma che essa riguarda la parola, il tempo. Credere di potere curare fonda l irresponsabilità. Freud, per esempio, a un certo punto, ha creduto che l uomo dei lupi fosse irresponsabile. 19

10 A. S. Alcuni enunciati e significanti sessuali, che intervengono nella vendita esigono un elaborazione della relazione come non rapporto: spingere un prodotto con un cliente, capacità di penetrazione di una ditta o di un prodotto in una determinata area di mercato, introduzione di un nuovo prodotto in un mercato, e così via. Il tabù della vendita può intervenire come tabù della violenza e della rapina immaginate come personali e soggettive? A. V. Intanto, il tabù della vendita è il tabù dell identificazione, nel senso che si prefigge di evitare l identificazione, e poi è tabù dell influenza (rapina e violenza del tempo, questa è l influenza), pertanto tabù della finanza e tabù della scrittura. Il tabù della vendita è, in definitiva, il tabù della differenza sessuale e della scrittura. A. S. Come vendere praticando il razzismo. In generale, il discorso pubblicitario comune è questo: come vendere facendo a meno della differenza sessuale, della differenza invalicabile, insormontabile. A.V. Questa è una domanda che può portare a un testo. Monica Medici, ci siamo già presentati? MONICA MEDICI Ci siamo incontrati A. V. Incontrati, addirittura? M. M. Sì, visti, diciamo A. V. Visti proprio? O intravisti? M. M. Lei afferma, come si legge nella rivista Il secondo rinascimento intitolata Monoteismo, etica e finanza, che nella vendita non ci si vende, che il venditore non può essere venduto. Ma assumendo il termine vendersi in un accezione più larga, non è forse innegabile che ciò che si propone, si offre, si vende, spesso passa non tanto per sé quanto piuttosto per la relazione che s instaura tra cliente e venditore e che nei rapporti commerciali è molto importante per il cliente trovare una persona cui fare riferimento e su cui fare affidamento? A. V. Grande guaio M. M. Non è forse vero che nella vendita, anche se essa ruota intorno a un oggetto materiale, a una situazione concreta, ciò che conta e che permette l esito positivo è la relazione? Potrebbe chiarire questo aspetto? Seconda domanda: il perdente è chi rinuncia a combattere? A. V. Sì, perché ha già perso, evidentemente. Il perduto, addirittura più che perdente, lo sperduto. Poi, lei parlava dell offerta. L offerta è una prerogativa della ricerca, quindi del labirinto; insiste sull impossibile proprio al non dell avere la funzione di zero, l impossibile della rimozione, l incodificabile e 20

11 sull impossibile proprio al non dell essere la funzione di uno, l impossibile della resistenza e l indecidibile. Insiste anche sulla difficoltà come teorema. L offerta di sé è un eufemismo caratteristico di questo impossibile, è il rischio dell impossibile, se volete, è una smorfia dell impossibile. Se invece offrirsi, offrire l Altro, comporta accettarsi o accettare l Altro, allora si tratta della creazione del capro espiatorio, dell accettazione ancora accettazione del ruolo di vittima. Prendete e mangiate è un altra cosa. La transustanziazione è un teorema: non c è più sostanza. A. G. Significa trasformazione della sostanza? A. V. No. Non è la metamorfosi della sostanza in un altra sostanza, che sarebbe sempre sostanza. È: non c è più sostanza. Leggiamo con attenzione sant Agostino: la questione essenziale per lui è proprio la non accettazione della sostanza, che invece veniva proposta dall arianesimo, dal manicheismo e, in generale, dalla dottrina orientale, greca, bizantina. L eucarestia prendete e mangiate è ringraziamento, gratitudine. È un modo, anche questo, dell apertura, come la preghiera, come l invettiva, come la beffa, come l insulto, come l antifrasi. Può sembrarvi strano che queste cose siano varianti del modo dell apertura, varianti dell ironia. Altra cosa è il cibo, cibo intellettuale. L eucarestia non è il cibo. Il cibo il nutrimento intellettuale procede dall eucarestia. Leonardo non aveva torto, nell ingegneria, a preparare il nutrimento intellettuale. Prendete e bevete ci porta ancora altrove. L ultima economia del sangue è il sangue bianco. Aristotele parla dell economia del sangue che si esprime in maniera umana, perfettibile e perfetta nell uomo e in maniera imperfetta, impura, inumana nella donna, che, propriamente, non attua questa economia del sangue. Ma lui credeva che questo fosse necessario per la procreazione. La credenza di Aristotele era che la fecondazione avvenisse durante le mestruazioni: e è una credenza che insiste le credenze antiche insistono nella tradizione popolare, è una superstizione che c è anche in alcune campagne nella Magna Grecia. Proseguendo, c è l offerta. Dice Monica Medici: Ma assumendo il termine vendita in un accezione più larga, non è forse innegabile che ciò che si propone, si offre, si vende, non passa tanto per sé, quanto piuttosto per la relazione che s instaura tra cliente e venditore?. Sì, la vendita procede dalla relazione, ma la relazione non è tra cliente e venditore. C è maestro e allievo, perché no?, ma non c è la logica del maestro e dell allievo. La logica del maestro e dell allievo è la genealogia del maestro e dell allievo, morfologia, zoologia, è la logica dell interroga- 21

12 zione e della risposta, è il discorso occidentale, è la questione chiusa. Maestro e allievo costituiscono un dispositivo nella bottega. Il discorso occidentale pone maestro-allievo nella relazione come medico e paziente, padrone e schiavo e amico-nemico al posto dell Altro. Amico-nemico è un modo della relazione, ma non la relazione tra amico e nemico. Tra venditore e cliente non c è nessuna relazione, questo è essenziale. In altri termini, non c è nessun rapporto commerciale, nessun rapporto sessuale; se ci fosse, la relazione tra venditore e cliente si chiamerebbe relazione sociale, relazione sessuale, relazione politica, relazione economica, relazione finanziaria, ma non c è questa relazione relazione o rapporto. (Nel caso di Lacan non c è rapporto sessuale è in un altra accezione, cioè la sessualità partecipa al reale, quindi non è simbolizzabile, non è formalizzabile, non rientra nel simbolico.) Che rapporto si crea tra venditore e cliente?. Si crea un rapporto imbecille, totalmente imbecille, di zoppicanti, cioè di soggetti zoppi, che zoppicano entrambi questo è il rapporto e che quindi vanno nel fosso. Non mi pare un bel destino. Nei rapporti commerciali è molto importante per il cliente trovare una persona cui fare riferimento e su cui fare affidamento. Questo è l erotismo. Non c è rapporto commerciale. C è contratto e c è commercio. Il contratto è sempre un modo della relazione, senza genealogia. Il commercio è la struttura dell equivoco. Il commercio, cioè un qui pro quo. Il simbolico è il commerciale, pertanto incommercializzabile. Il rapporto commerciale presuppone il commercio del commercio, cioè la simbolica, il sistema simbolico, e quindi lo junghismo. Poi, lei dice che nei rapporti commerciali è molto importante per il cliente trovare una persona cui fare riferimento e su cui fare affidamento. Una persona cui fare riferimento sarebbe il sembiante, una persona su cui fare affidamento sarebbe Dio. Il sembiante e Dio non appartengono al rapporto commerciale. Però lei è stata gentilissima a fare queste formulazioni, perché sono formulazioni comuni. Non è forse vero che nella vendita, anche se essa ruota intorno a un oggetto materiale, a una situazione concreta oggetto materiale è un conto, situazione concreta è un altro conto ciò che conta e che permette l esito positivo è la relazione?. Nella vendita ciò che importa è la conclusione. La vendita e la conclusione procedono dalla relazione, dall apertura, senza l apertura non c è nessuna vendita. [A un giovane seduto in prima fila] Massimo Ceci ha già formulato qualche domanda? 22

13 MASSIMO CECI No. A. V. In altra epoca? M. C. No. A. V. Mai? È la prima volta? M. C. Sì. La prima volta che A. V. La prima volta che noi c incontriamo, ci vediamo. E quindi lei cosa fa, Massimo Ceci? M. C. Sono un agente di commercio. A. V. A Modena? M. C. Faccio base a Modena, però A. V. Fa base a Modena? M. C. Sì. A. V. Faccio base è proprio la formula militare. Base militare, base era in questa accezione. Lei non è originario di Modena? M. C. Io sono di Pavullo, in provincia di Modena. A.V. Lei viene da Pavullo e è agente di commercio. Che cosa commercia? M. C. Ho un mandato da una ditta per vendere il suo prodotto su un area che comprende l Emilia Romagna, il Piemonte e la Liguria. A. V. Emilia Romagna, Piemonte e Liguria. E la Val d Aosta? M. C. C è anche quella, anche se non ci sono mai stato. A. V. Mi sembrava che ci fosse. Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, e la Val d Aosta se l è scordata, se l è dimenticata, perché non ci va. M. C. Non ci vado. A. V. E come fa a vendere in quella regione? M. C. Infatti non vendo in Val d Aosta. A. V. E qual è il prodotto? M. C. Stampanti a sublimazione. A. V. Stampanti a sublimazione? M. C. Sono delle periferiche per apparecchiature medicali. A. V. Quindi ci sono stampanti sessuali e stampanti a sublimazione. M. C. È la tecnica di stampa. A. V. Che sublima qualcosa? M. C. Sì. C è un foglio molto sottile, trasparente, con i tre inchiostri base, che passa fra la testina termica e il rullo su cui passa la carta. La testina termica scalda a diverse temperature; a seconda della temperatura, per ogni punto passa più o meno inchiostro, e con la combinazione dei tre inchiostri forma 256 livelli di colore per punto che, moltiplicati per tre, diventano un milione e tanto di tonalità di colore. A. V. Un milione e tanto? M. C. Io non le so riconoscere, ma 23

14 A. V. Di tonalità di colore, come stampante? M. C. Sì. A. V. Quindi, insomma, lei ci suggerisce questa stampante? M. C. Se lei ha un ecografo cui collegarla, sì. A. V. Un ecografo. Ah, quindi serve per i medici? Si collegano anche al computer? M. C. Volendo, sì. Però il costo è un po elevato. A. V. Questa è una cosa che lei suggerisce soltanto ai medici? M. C. Sì, all ambiente medicale. A. V. E comprano molto i medici, qui, a Modena? M. C. Io non vendo direttamente ai medici, vendo a aziende che vendono ecografi o altre apparecchiature mediche in cui vanno inserite queste stampanti, quindi è una periferica per questo motivo. A. V. Insomma negli ospedali, nelle case di cura, negli ambulatori, nei laboratori medici di queste regioni. Ma, i medici della Val d Aosta come fanno a utilizzare queste stampanti? M. C. Ho clienti, a Torino, che sono agenti di aziende di ecografi, io vendo a loro e loro, che hanno una struttura di vendita, vendono anche in Val d Aosta. A. V. Chi è il venditore, chiede lei. Venditore è il sembiante, venditore è il tempo. M. C. In un azienda, che detiene una quota percentuale del mercato di un certo prodotto, viene elaborata una strategia per raggiungere una percentuale maggiore, in base a questa vengono assegnati degli obiettivi ai vari venditori. Alla fine dell anno, pur se con alcuni spostamenti tra i vari venditori, l obiettivo è raggiunto. A. V. Cioè, c è chi porta dieci, chi porta cinque, e chi sotterra: è la parabola dei talenti. È questo che lei sta dicendo: all inizio dell anno, il signore dà questi obiettivi da raggiungere e poi, quando l anno si conclude, ciascuno porta i risultati che possono essere confrontati con gli obiettivi. M. C. In questo caso, il venditore è venditore o raccoglitore di ordini frutto della strategia messa in atto dall azienda? Cioè, alla fine si vede che l azienda ha elaborato una strategia per cui i conti tornano, anche se magari c è chi ha venduto cinque, chi ha venduto dieci, chi ha venduto dodici. L azienda, attraverso i venditori, ha comunque raggiunto l obiettivo effettivamente previsto. A. V. Ma raggiunge sempre l obiettivo? No, può oltrepassarlo. Diciamo che non lo raggiunge mai, che non è mai esattamente uguale. M. C. Uguale no. 24

15 A. V. È una meta che non viene mai raggiunta, perché il risultato globale si sposta sempre dalla meta, o in eccesso o in difetto. Lei dice che, astrattamente, potrebbe essere uguale? M. C. Dipende da quanto uno ritiene A. V. È come la quadratura del cerchio: è impossibile. La meta non è l oggetto, e quello che viene chiamato il risultato è il resto, ciò che resta, è la scrittura. In questo caso il venditore è venditore o raccoglitore di ordini frutto della strategia messa in atto dall azienda?. Questa strategia viene chiamata budget. Strategia, in questo caso, è un termine non proprio. M. C. Se l azienda prevede un aumento delle vendite del 10%, come mai alla fine dell anno, magari, questo aumento non è stato del 25%, è stato del 10%, e come mai io, se opero come devo operare, raggiungo l obiettivo di un aumento del 10% e non, per esempio, del 30%? Se vado oltre il limite, vuol dire che il mio intervento come venditore è effettivo. Ma se io rimango dentro quel limite significa che è la strategia dell azienda, non la mia, che il venditore è l azienda, non io, e che io vado a raccogliere gli ordini che sono già stati previsti dall azienda. A. V. Ci sono due modi d intendere questa cosa. Un modo è che l azienda assegni a ognuno la sua linea, o il suo segmento, rispetto a cui è possibile soltanto trasgredire, in un senso o nell altro, o per eccesso o per difetto. Considerando questi vari segmenti risulta la linea dell azienda. E questa non è una strategia, ma un ideologia, una religiosità dell azienda, un suo paganesimo. Ciò non toglie che un azienda fatta così possa vivacchiare, che possa sopravvivere, ma nel senso che è composta da soggetti, da venditori soggetti o, se vuole, da soggetti venditori. C è l altro modo d intendere la sua formulazione e è quello cui accennavo prima, cioè la parabola dei talenti. In questo caso, l imprenditore è il signore della parabola dei talenti, il capitano di Machiavelli, o il maestro di Leonardo, insomma è l imprenditore; e allora c è un dispositivo. Questo dispositivo non soggiace alla psicodinamica o alla termodinamica, non soggiace alla dinamica. È il dispositivo di vendita, con differenti statuti, anziché soggetti. M. C. A volte trovo una certa facilità per la prima vendita, detta campionatura, e difficoltà per le successive, poiché vengono decise, tabulato alla mano, in base agli indici di rotazione del prodotto. A. V. Sembra una narrazione pornografica. Cioè, lei dice: A volte trovo una certa facilità per la prima vendita, detta campionatura, e difficoltà per le successive, poiché vengono decise, tabulato alla mano, in base agli indici di rotazione del prodotto. 25

16 M. C. Il cliente sostiene che gli acquisti vengono decisi in base alla redditività e rotazione del prodotto; tocca quindi alle aziende, se vogliono aumentare le vendite, provocare una maggiore richiesta del prodotto da parte dell utente finale. Che strategia seguire in questi casi? A. V. Quella di andare dritti allo scopo. Cosa vuol dire rotazione del prodotto? M. C. Quante volte il prodotto acquistato viene venduto in un mese. A. V. E redditività? M. C. Gli utili che si riescono a realizzare sul prodotto. A. V. Quindi questa rotazione è la quantità del prodotto venduto? Lei si chiede come provocare la domanda? Come provocare la domanda è una questione: si tratta del sembiante come venditore, tu, io, lui come venditore, come oggetto. Poi, chiede qual è il dispositivo di vendita. Nel dispositivo di vendita nessun interlocutore può essere escluso, nemmeno l acquirente, sia perché è acquirente, e chiaramente entra nel dispositivo, sia perché, in quanto acquirente, è il migliore alleato della vendita. M. C. Un mio cliente dice: se il venditore esce soddisfatto dal mio ufficio, vuol dire che ho comperato male. A. V. Ho capito. Lei fa domande interessanti. Allora, prendiamo questo caso. Lei fa l analisi, va a trovare la dottoressa Spadafora per l analisi. Quanti appuntamenti alla settimana? M. C. Tre. A. V. È preferibile che siano quattro. Rispetto al ritmo. Lei va a fare l analisi, benissimo. Che lei sia contento, dell analisi, dell incontro, va bene. Che l analista sia contenta è un problema. È un problema che può avere sfumature, è un dramma, una tragedia, un disastro, una rovina questa è anche la lettura che io posso dare del testo di Serge Leclaire di cui abbiamo pubblicato due libri, Rompere gli incantesimi e Il paese dell altro. Allora, se lei vende qualcosa e c è un acquirente, e lei è contento, lei sta per precipitare nell abisso e il suo acquirente nel baratro. Non c è da scegliere tra l abisso e il baratro, purtroppo. Infatti lei, non a torto, ha rilevato questa notazione di un suo cliente, che dice: Se il venditore esce soddisfatto dal mio ufficio, vuol dire che ho comperato male. Insomma, in questo caso si tratta di un discorso isterico: Se il venditore esce soddisfatto dal mio ufficio, vuol dire che ho comperato male e che sono rimasto fregato. Ho detto sì, avrei dovuto dire no e quindi sono rimasto fregato. Nel discorso isterico mai dire sì, dire sempre di no, anche quando è sì. Ora, se il venditore è lo psichiatra, egli fa soltanto la cartella clinica 26

17 dove dice il negativismo, e porta tutto ciò che possa significare in negativismo. Qual è l impressione? Che la partita non ci sia, che il dispositivo non ci sia, che i giochi siano fatti, e che ognuno tolga qualcosa all Altro, e quindi che questa vendita sia stata una specie di strappo erotico. Allora, chiamiamo le cose con il loro nome: lo psicanalista soddisfatto è lo psicanalista stupido, così il venditore soddisfatto è il venditore stupido. Il venditore soddisfatto prima di vendere non è stupido, è idiota, ha quello che Lacan chiamava il godimento dell idiota, insomma, si bagna ancor prima che piova. Poi, lei dice: La vendita può o deve concludersi con la soddisfazione di entrambi?. L ideale del rapporto sessuale postmoderno è l orgasmo sincronico, sempre immaginando che ci sia questa telecamera invisibile per cui tutto è visibile. A. G. L espressione pregustare, pregusto A. V. Pregusto il piacere è: il piacere mi spaventa, lo pregusto, lo localizzo, già lo isolo, e ne faccio un piacerino. Un piacerino, da masticare, da acquolinare. ALESSANDRO ATTI La morte bianca è morte senza sesso, senza sessualità o senza differenze sessuali? A. V. Diciamo, morte bianca senza la parola, così ha messo già tante cose. A. A. L epoca postmoderna è l epoca gnostica e come tale antichissima? A. V. No, l epoca gnostica oggi è l epoca postmoderna. A. A. La sembianza è acustica e non visiva. Mi pare di capire che qui visivo è ciò che vede, più che ciò che si vede. A. V. Lei ha detto che la sembianza è anche visio, ma la visio è acustica, insomma, ciò che si vede, si vede con le orecchie. Chiara Gozzi, com è andato finora questo master? C. G. Un po difficile. A. V. Difficile? Ma proprio difficilissimo? Neanche una cosa ha capito? C. G. Credo che sia difficile la conoscenza. A. V. Sì, questo sì, perché, insomma, è una cosa nuovissima, no? E le cose nuovissime sembrano difficili, perché sono da acquisire, le cose nuovissime non sono già acquisite. Ma non c è proprio nulla che lei abbia capito? C. G. Qualcosa sì. ELENA LANZARINI Riguardo all accenno che facevamo stamattina rispetto alla psicologia, la domanda è questa: la psicologia promette il sapere, promette l onnipotenza A. V. La psicologia promette il sapere della morte. E. L. Promette l onnipotenza. 27

18 A. V. No, l onnipotenza no; promette solo la potenza. E. L. Promette il discorso universitario partendo dall isteria, oppure partendo dal discorso universitario come isteria? A. V. Vuol sapere se promette l isteria o se promette l università? Come gnosi, promette il bene come sintesi superiore. WILLIAM VESCOVINI Ely Bielutin scrive che non c è niente da spiegare all uomo. Che non bisogna persuadere l uomo, perché convincerlo è praticamente impossibile, e lui stesso non lo consentirebbe. Scrive anche che lo scopo dell arte è d infondere nell uomo energia creativa, di caricare il suo accumulatore spirituale che ogni giorno viene distrutto dalla vita reale. E dice che è per questo che lui dipinge. A. V. È un modo di formulare qualcosa. W. V. Se anche la vendita è un arte, qui c è un analogia ben precisa, che dice che all uomo non c è niente da spiegare, non bisogna persuaderlo perché convincerlo è praticamente impossibile: sono parole di Bielutin. Come entra un discorso di questo tipo nel fattore vendita? A. V. La sua domanda comporta la suggestione, la persuasione e l influenza. Però, rispetto a questi tre termini suggestione, persuasione e influenza ho avanzato qualcosa dopo una traversata precisa, un analisi di vari discorsi, sopra tutto nella Congiura degli idioti (1992), ripreso poi nei due libri successivi, Leonardo da Vinci (1993) e Niccolò Machiavelli (1994). Suggestione, persuasione, influenza sono senza soggetto. Questi significanti chiamiamoli così sono stati trattati in maniera demonologica; in questo libro intervengo nell altro modo, cioè anzitutto in modo non demonologico. GIANNI TAGLIAPIETRA Le aziende, o comunque una certa struttura aziendale, funzionano con discorsi intorno all obiettivo e alla strategia. L obiettivo sarebbe una sorta di animale fantastico che fa la sua apparizione ciclica ogni dodici mesi e, una volta apparso fiorisce la strategia, che è il fantasma con cui acchiappare l oggetto, ritenuto obiettivabile, nell obiettivo. Mi chiedo quale sia lo statuto dell obiettivo e in che registro si situi. A. V. L obiettivo può essere l altro nome del motivo. Il motivo come pretesto del gioco, del gioco pragmatico, e come pretesto della danza, dell intelligenza, della politica, della musica, della strategia. G. T. La direzione per obiettivi è la nuova ideologia delle organizzazioni. È un ideologia molto diffusa nelle organizzazioni di produzione. Viene assegnato l obiettivo, dopo di che c è qualcuno che, teoricamente, ne verifica l approssimazione. Il problema è che le organizzazioni non sembrano accedere a altra modalità del funzionamento che non sia la 28

19 psicotizzazione totale; perché c è una mitologia imperante che viene chiamata management e che è la pressione sugli obiettivi e su coloro che devono raggiungerli. A. V. Sì, ho capito, è un compromesso psicopatologico. Un compromesso sociale. Paranoia, diciamo, naturalizzata, quasi resa modello naturale, non paranoia nella sua struttura. A. A. Stamattina lei ha detto che la psicanalisi incomincia a affermarsi dopo la prima guerra mondiale. A questo punto, mi chiedo: come fa la psicanalisi a affermarsi in un mondo dominato dalla psicologia? Oppure come fa la psicanalisi a affermarsi in un mondo che accetta soltanto ciò che è gnosi? A. V. Come fa la psicanalisi a affermarsi nel mondo. Allora, le dico subito: se è intesa come esperienza della parola, la psicanalisi nel mondo non esiste. A. A. Perché, se lei dice che, nel mondo, comincia a affermarsi dopo la prima guerra mondiale... A. V. Non ho mai detto: nel mondo. A. A. Comunque quella psicanalisi che si è affermata, nel mondo, è gnostica. A.V. È una pratica gnostica, sì. Dopo la seconda guerra mondiale, la psicanalisi viene un po assorbita dalle ideologie nazionali. Entra nell ideologia svizzera con Jung, e non solo: entra nell ideologia tedesca, nell ideologia angloamericana, nell ideologia francese. A. A. In questo senso non è distinta dalla psicologia? A. V. Non è che non sia distinta; è distinta dalla psicologia come può essere distinta dalla sociologia, dall antropologia. In Germania, ogni volta, si afferma convertendosi in sociologia, in Francia convertendosi in antropologia, in America convertendosi in psicologia. Adesso, la psicanalisi non si afferma da nessuna parte; quella che viene praticata ancora come psicanalisi è un cerimoniale attorno a un ricordo della psicanalisi, che risponde a un bisogno sociale, dove non c è più la ricerca né la novità. Con Freud c era qualche novità. Con Lacan pure. A. A. La mia domanda era anche in seguito al fatto che, allora, si vedeva qualcosa di nuovo A. V. Il puro più puro più puro più puro, il nudo più nudo più nudo più nudo, e poi il bianco più bianco. Da cinquecento anni c è questo bianco, che adesso è diventato bianchissimo. L ultima economia del sangue, il sangue bianco. ROBERTO FRANCESCO DA CELANO La vendita, l economia e la finanza sembrano compartimenti: il venditore non si occupa di econo- 29

20 mia, l economista non si occupa di vendita, ecc. Il venditore sembrerebbe dovere vendere e basta. Ma con il mito del padre e il mito della madre, con l amore e l odio, con l economia e la finanza, il venditore dovrebbe giungere a elaborare questa questione. A. V. L economista e il finanziere sono l amore e l odio. Non sono come l amore e l odio, sono l amore e l odio. R. F. D. C. Allora, l economia sarebbe domestica, la finanza sarebbe di altri... A. V. Occorre tenere conto delle superstizioni, occorre considerare le superstizioni per situarle, anzitutto, nell anfibologia e per analizzarle. L analisi procede dalla relazione. CARLO MARCHETTI Stamattina, lei accennava alla psicosomatica definendola trattamento zoologico. Fra Modena e Bologna, ci sono cattedre d insegnamento... A. V. Esistono cattedre di psicosomatica? C. M. Sì. A. V. C è una sola cattedra che è interessante, e è quella di Giovanni Paolo II; oltre quella, le altre sono davvero secondarie. C. M. Nel Giardino dell automa lei dice che la psicosomatica è l estrema economia della pulsione. A. V. Nel senso che non c è né somatizzazione né incorporazione. C. M. Può dire qualcosa in più sull incidenza dell arte rispetto alla dissipazione della mitologia psicosomatica? A. V. L artista non interviene con influenza psicosomatica, ma con l influenza dell Altro. Con l influenza intellettuale. C. M. A Bologna vengono fatti attualmente interventi ex cathedra da un personaggio molto noto, appunto, Umberto Eco... A. V. Fa interventi ex cathedra Umberto Eco? Non ne ha mai fatti, perché il suo è il discorso comune, e non è ex cathedra. Ciò che è ex cathedra non è discorso comune, altrimenti che ex cathedra è? C. M. Ho letto un articolo di Umberto Eco... A. V. Lei vorrebbe che io confutassi Umberto Eco? C. M. No, assolutamente. Però tra i giovani passa qualcosa... A. V. Cioè, alcuni studenti di Umberto Eco ripetono ciò che dice Umberto Eco? C. M. Sì, per la città. A. V. Sì, va bene. Ma non trovo nessun inconveniente. Umberto Eco non è un maestro, nell accezione che dicevamo prima. Anche Ken Follett fa libri che si vendono più di quelli di Umberto Eco; non per questo il suo è un intervento ex cathedra. Quanto ha venduto Ken Follett? Mille 30

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

GIOVANNI SIAS 1 La tua domanda è ben posta per me, tutt altro che impropria, perché mi dà modo di precisare alcune cose che non ho ancora detto o che si potevano leggere solo fra le righe. Innanzitutto,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli