Insight. Modelli di gestione del rischio di liquidità (survey) Markets can remain irrational longer than you can remain solvent

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insight. Modelli di gestione del rischio di liquidità (survey) Markets can remain irrational longer than you can remain solvent"

Transcript

1 Insight N. 39 Settembre 2012 Modelli di gestione del rischio di liquidità (survey) La liquidità a disposizione delle banche era considerata, fino al 2007, cost e risk free. Trovare fondi a basso costo non era difficoltoso; gli istituti di credito, quindi, non si sono mai realmente occupati della gestione del rischio di liquidità. La contrazione significativa e senza precedenti del mercato interbancario e la natura contingente delle manovre adottate dalla Banca Centrale Europea hanno focalizzato l attenzione sulla gestione della liquidità e aumentato la percezione del rischio ad essa associato, spingendo gli operatori del mercato a condurre una revisione complessiva degli approcci adottati, mossi dall esigenza di non essere tagliati fuori dal nuovo contesto operativo. Ciò nonostante, come emerge anche dai risultati della survey da noi condotta in collaborazione con Concentric e Iason, i sistemi di gestione del rischio di liquidità oggi adottati dalle banche sono ancora in forte evoluzione dal punto di vista metodologico e strutturale, soprattutto in considerazione delle diverse dimensioni del rischio da presidiare. Date le caratteristiche di multidimensionalità e multidisciplinarietà intrinseche nella liquidità, il governo del rischio ad essa associato è realizzato tramite il coinvolgimento di una pluralità di soggetti e aree aziendali. Richiede, pertanto, una forte collaborazione e un continuo confronto, anche attraverso un crescente intervento dei vertici aziendali su tematiche specifiche, analizzate, fino a poco tempo fa, solamente da funzioni tecniche. Anche da un punto di vista metodologico, il framework di gestione del rischio di liquidità si presenta molto articolato. È particolarmente rilevante, dunque, assicurarne la robustezza e la coerenza complessiva. A tal fine, i costi e i rischi associati alla liquidità devono essere identificati, monitorati e correttamente incorporati in un sistema di Fund Transfer Pricing, con l obiettivo di fornire adeguata remunerazione per tali rischi e corretti incentivi all assunzione degli stessi in coerenza con le politiche aziendali. Infine, affinché il governo del rischio di liquidità sia efficace, è necessario un adeguato sistema di reporting, basato a sua volta su un set di dati e una infrastruttura IT solidi. Spesso questi elementi risultano sottostimati da parte degli istituti di credito, che si trovano a fronteggiare problematiche connesse al recupero e alla normalizzazione delle informazioni necessarie al monitoraggio del rischio di liquidità. La presente Newsletter vuole contribuire ad alimentare la discussione e il confronto sui temi di Liquidity Risk e, al tempo stesso, fornire utili spunti di riflessione per migliorarne i modelli di gestione. Markets can remain irrational longer than you can remain solvent John Maynard Keynes Financial institutions have operated with limits for many years, without necessarily effectively controlling aggregate risks within acceptable levels Institute of International Finance (IIF) 1 protiviti.it

2 Struttura dell indagine La ricerca, condotta tra novembre 2011 e febbraio 2012, ha coinvolto 15 tra i principali gruppi bancari italiani. I gruppi intervistati, che coprono il 91% degli sportelli presenti sul territorio italiano, sono stati suddivisi in 5 Banche di Classe 1 e 10 Banche di Classe 2, sulla base del numero di sportelli detenuti (le banche di Classe 1 dispongono di oltre sportelli, le banche di Classe 2 fino a sportelli). A supporto dell indagine sono stati sottoposti al campione selezionato questionari a risposta chiusa che hanno coperto i seguenti ambiti: Framework generale (rilevanza degli impatti strategici dovuti ai requisiti di Basilea III, funzioni coinvolte nella gestione del rischio di liquidità e funding, Risk Appetite Framework); Contingency Liquidity Management (formalizzazione e principali contenuti del Contingency Funding Plan); Risk driver e metriche (importanza delle tematiche di governance e metodologiche in termini di impatto sul profilo di rischio di liquidità, set di metriche e sistema di limiti operativi, tipologia di flussi di cassa considerati); Attività di stress testing (finalità, definizione degli scenari, caratteristiche delle prove di stress in termini di orizzonte temporale, livello di severity, livello di granularità, frequenza di conduzione, processo di revisione delle ipotesi e delle metodologie sottostanti); Fund Transfer Pricing (finalità, funzioni coinvolte, ambito di applicazione, componenti di costo della liquidità considerate, frequenza di aggiornamento, livello di granularità, processo di monitoraggio del costo del funding). Contesto Il mercato interbancario dei depositi ha avuto storicamente il ruolo di gestire in modo rapido e a basso costo gli scambi quotidiani di liquidità che caratterizzano l attività bancaria, ottimizzando i flussi del sistema bancario in senso generale. A partire dal 2007, parallelamente al rallentamento della crescita economica e all acuirsi della crisi del debito sovrano nell area Euro, si è assistito alla diminuzione dei tassi medi e alla progressiva contrazione del volume degli scambi (Fig. 1). La paralisi degli scambi sul mercato interbancario dei depositi è principalmente imputabile alla mancanza di fiducia tra le stesse banche, che hanno A partire dal 2007 il mercato interbancario dei depositi si è contratto. Il crollo dei volumi è stato provocato principalmente dalla mancanza di fiducia tra le stesse banche. diminuito le attività di reciproco finanziamento per il timore di restare coinvolte in una possibile crisi della banca debitrice o di trovarsi, in futuro, in una situazione di debolezza di liquidità. La riduzione della liquidità disponibile sul mercato interbancario ha comportato, a sua volta, una significativa crescita del costo del funding per le banche. Tale incremento ha avuto, come conseguenza, un contenimento della domanda del credito bilanciato da un incremento nella sollecitazione della raccolta diretta (depositi, obbligazioni, pronti contro termine). Fig. 1 Andamento mercato interbancario 2007/2011 (a 1 mese e a 3 mesi) Il mercato interbancario italiano dei depositi (e- Mid) ha subìto una significativa contrazione dei volumi intermediati. I volumi medi giornalieri negoziati ad 1 mese nel 2010 sono diminuiti dell 86% rispetto al 2007, mentre i volumi medi giornalieri negoziati a 3 mesi, nello stesso periodo di analisi, mostrano una diminuzione del 91%. Per contrastare la crisi di fiducia del sistema bancario e ripristinare l accesso alla liquidità da parte degli istituti creditizi, la BCE ha ridotto costantemente il tasso ufficiale, abbattendolo, tra l ottobre 2008 e il febbraio 2012, di circa il 70% e introducendo misure non convenzionali. Fonte: Banca d Italia e Banca Centrale Europea 2 protiviti.it

3 Elementi del Framework Governance Il rischio di liquidità presenta un elevato livello di complessità derivante dalle sue caratteristiche intrinseche di multidimensionalità e multidisciplinarietà. È multidimensionale, perché può realizzarsi con diverse modalità: l impossibilità di far fronte ai propri pagamenti (funding liquidity risk), di affrontare dette difficoltà su specifiche scadenze (breve vs. medio-lungo) o di smobilizzare i propri attivi (market liquidity risk). La gestione del rischio di liquidità, inoltre, può essere impostata in termini di condizioni ordinarie o di contingenza. Infine, mostra strette relazioni con le altre tipologie di rischio alle quali gli istituti creditizi sono esposti (di credito, di concentrazione, di mercato, operativo e di reputazione). Il rischio di reputazione, tradotto ad esempio nella diffusione di notizie sulla solvibilità di una banca, può minare la capacità della stessa di fare funding, influendo sui costi e sui livelli di finanziamento concessi dalle controparti. Il rischio di liquidità è anche multidisciplinare, in quanto la sua corretta gestione implica il coinvolgimento di molteplici aree aziendali e diversi profili professionali con obiettivi ed esigenze diversi e, alle volte, anche in conflitto. Una governance efficace per il rischio di liquidità non può realizzarsi, quindi, se non attraverso il confronto costante tra le diverse aree aziendali, insieme ad un sempre maggiore coinvolgimento dell alta direzione, come anche dimostrato dai risultati della ricerca, da cui si evince: il coinvolgimento di una pluralità di soggetti, dipartimenti aziendali e organi collegiali, che richiede forte collaborazione e continuo confronto; l intervento crescente dei vertici aziendali su tematiche più specifiche, che fino a poco tempo fa erano analizzate solo nell ambito delle funzioni tecniche (il coinvolgimento arriva al 100% per le banche di Classe 1, mentre si attesta al 90% per le banche di Classe 2); la presenza di una funzione di Liquidiy Risk Management dedicata solamente nel 60% delle banche di Classe 1 alle quali è stato sottoposto il quesito. Il framework organizzativo di gestione del rischio di liquidità si presenta molto articolato per l intero sistema bancario: ai fini di una gestione integrata del rischio, nel contesto attuale la liquidità dovrà rappresentare una dimensione chiave del Risk Appetite Framework (RAF). Il RAF si configura come un insieme di metriche, processi e sistemi a supporto della corretta gestione del livello di rischio assunto dalla banca (v. anche la nostra newsletter Insight n 36 febbraio 2012). Dove il RAF rappresenta uno strumento fondamentale per una efficace gestione del rischio nel normale corso degli affari, il Contingency Funding Plan (CFP) rappresenta lo strumento, obbligatorio, preposto alla gestione delle crisi di liquidità, che prevede azioni e iter autorizzativi determinati sulla base della gravità e delle cause della crisi. Nello specifico, il CFP rappresenta il piano di intervento che deve essere approvato dall alta direzione e nel quale sono declinati esattamente i ruoli, le responsabilità e i relativi compiti degli attori coinvolti, gli indicatori qualitativi e quantitativi, le procedure e il piano delle azioni poste in essere al fine di mitigare gli effetti negativi sulla liquidità. Dall analisi dei modelli di governance delle principali banche italiane è emersa una necessità condivisa di miglioramento dello strumento CFP sotto il profilo della completezza e della formalizzazione (Fig. 2); in particolare, dalla ricerca sono emerse opportunità di miglioramento relative a: Stime della liquidità di back-up; Formulazione di piani di intervento dettagliati, in ipotesi di tensione di liquidità (comprese tutte le azioni per il reperimento di fonti di finanziamento in casi di emergenza); Verifiche delle procedure incluse nel CFP; Raccordo tra il Contingency Funding Plan e i risultati delle prove di stress, al fine di gestire tempestivamente situazioni in cui l esposizione al rischio di liquidità sia prossima o superiore a quella corrispondente alla soglia di tolleranza. Sulla base di ulteriori informazioni acquisite nel corso della survey, si rileva che, a livello di sistema, non tutte le attività di Contingency Liquidity Management sono incluse e formalizzate nei Contingency Funding Plan, anche con riferimento a specifici requisiti normativi. Il Contingency Funding Plan costituisce un tassello fondamentale del Recovery Plan per le banche di rilevanza sistemica. Fig. 2 Contingency Funding Plan 3 protiviti.it

4 Metodologia L efficacia della struttura di governance può trovare la sua realizzazione solo basandosi su un quadro metodologico robusto e coerente in tutte le sue parti, in termini di ipotesi ed elementi considerati, ed espressivo degli impatti quantitativi di scelte di business e situazioni di stress. Di seguito descriviamo brevemente gli ambiti metodologici attualmente più critici, anche sulla base dei risultati della survey, in ordine sequenziale di implementazione. Modelli comportamentali di stima dei flussi di cassa Calibrazione del Liquidity Buffer La stima dei flussi di cassa generati dall attività di intermediazione finanziaria, sopra e sotto la linea, è alla base di tutto l apparato metodologico sottostante la gestione del rischio di liquidità. Alcuni di questi flussi necessitano talvolta di una modellizzazione di tipo comportamentale, indicando con questo termine la dipendenza del comportamento del cliente da variabili di tipo finanziario (tipicamente i tassi di interesse) secondo relazioni di tipo statistico. Set di metriche e sistemi di limiti operativi La gestione del rischio di liquidità, a differenza di quanto avviene per le altre tipologie di rischio, soprattutto a causa della multidimensionalità dello stesso, necessita del monitoraggio di numerose metriche, ciascuna delle quali finalizzata a cogliere specifici aspetti. Nonostante la pluralità di metriche utilizzate, l insieme di indicatori ad oggi utilizzato dalle banche non copre totalmente le dimensioni più rilevanti del rischio di liquidità. Definizione di scenari e attività di stress testing Lo stress test si configura come un elemento centrale e di raccordo tra le componenti metodologiche del modello di gestione del rischio di liquidità e non come un mero esercizio quantitativo (Fig. 3). Gli stress test rientrano nella definizione dei parametri associati alla metrica di liquidità inclusa nel RAF, in modo che essa sia determinata non solo considerando il normale corso aziendale ma anche le potenziali situazioni di tensione. Sono integrati nella parametrizzazione dei diversi elementi di governo del rischio, anche in risposta a specifici elementi normativi utilizzando, ad esempio, alcuni scenari come segnali di attenzione o di allerta, nell ambito del CFP, o della calibrazione del Liquidity Buffer, o per la pianificazione della strategia di funding. Il Liquidity Buffer (LB) rappresenta la disponibilità di liquidità da utilizzare per coprire un eventuale fabbisogno che si potrebbe verificare su un orizzonte di breve periodo in condizioni di stress, evitando, quindi, al singolo istituto di credito di dover attuare misure di carattere straordinario. Le riserve di liquidità costituiscono uno strumento fondamentale di mitigazione del rischio di liquidità. E pertanto necessario, anche per esigenze normative, attivare un processo periodico di calibrazione del LB che consideri tutte le dimensioni fondamentali che lo caratterizzano: dimensionamento del buffer, composizione delle attività che costituiscono il buffer, costi di detenzione del buffer. Sistema di Fund Transfer Pricing (FTP) L allocazione interna dei costi e dei rischi legati alla liquidità è necessaria per fornire incentivi alla loro assunzione che siano coerenti con le strategie di balance sheet management e con il modello di funding adottato. Tale allocazione si realizza attraverso l incorporazione di tutte le componenti di costo e rischio associate alla liquidità all interno del sistema di Fund Transfer Pricing (FTP), al fine di valutare la redditività associata a ciascuna funzione aziendale e ai singoli prodotti, nonché di guidare il pricing di nuovi prodotti. La ricerca ha evidenziato come gli attuali sistemi di FTP non considerino adeguatamente tutte le componenti legate alla liquidità (Fig. 4) Fig. 4 Principali componenti FTP Fig. 3 Finalità prove di stress La considerazione del rischio di liquidità come elemento importante del sistema di FTP rende necessario un miglior raccordo con gli altri elementi dell infrastruttura di gestione del rischio di liquidità, nonché con le attività complessive della banca, compresa quella di pricing dei nuovi prodotti. 4 protiviti.it

5 Sistema di reporting Un sistema di reporting adeguato deve essere basato su un set di dati e una infrastruttura IT efficace, al fine di supportare correttamente il sistema di governo e gli elementi metodologici, consentendo la misurazione, il monitoraggio e la gestione dei rischi cui la banca è esposta. L esigenza di sviluppare un sistema di reporting e un infrastruttura IT per la gestione del rischio di liquidità è considerata una tematica rilevante per gli istituti di credito. I risultati della survey e di altre informazioni acquisite (Fig. 5) evidenziano come le tematiche legate al reporting, ai dati e ai sistemi IT siano ritenute molto rilevanti in termini di impatto sul profilo di rischio liquidità e funding dalle banche di Classe 1. Le banche di Classe 2, invece, attribuiscono a tali tematiche una rilevanza media. Da ulteriori informazioni acquisite nel corso delle indagini, emerge la rilevanza di problematiche connesse al recupero delle informazioni necessarie alla produzione dei report sul rischio di liquidità. Fig. 5 Rilevanza tematiche reporting e dati Conclusioni Dai risultati della survey emerge lo stato di avanzamento dell implementazione del framework di gestione del rischio di liquidità nel sistema bancario italiano. La struttura di governo disegnata è in linea con le caratteristiche intrinseche del rischio. I maggiori sforzi sono, al momento, concentrati sul disegno di approcci metodologici adeguati al nuovo contesto operativo. L intervento evolutivo sulla base dati e sull infrastruttura IT a supporto della nuova architettura rappresenteranno la prossima sfida nella realizzazione di un sistema di gestione completo e adeguato del rischio di liquidità. Per approfondimenti sulla ricerca: * * * Marin Gueorguiev - Managing Director Anna Maria Capolongo Associate Director Per richiedere copia integrale della ricerca: L argomento oggetto di questa newsletter è ripreso in un intervista ad AnnaMaria Capolongo nel numero di settembre di AziendaBanca, disponibile sul sito dell editore: I dati raccolti sono stati trattati in forma aggregata e conseguentemente le informazioni di cui al presente documento sono di portata generale e non intendono fare riferimento ad alcuna specifica situazione. Protiviti, pur adoperandosi per fornire informazioni accurate e tempestive, non è responsabile per qualsiasi errore o omissione né per i risultati ottenuti attraverso la presente ricerca e non può garantirne la correttezza e validità nel tempo. In nessun caso Protiviti sarà responsabile per danni conseguenti, indiretti, accidentali o speciali di qualsiasi natura, derivanti dall utilizzo di qualsiasi informazione contenuta nel presente documento. Chi è Concentric: Concentric è una società attiva nella ricerca, consulenza e formazione a banche, assicurazioni e corporate. Adotta un approccio dinamico per rispondere ai continui cambiamenti del mercato, delle esigenze dei clienti e degli sviluppi nelle best practice aziendali. E organizzata in 3 unità di business integrate (advisory, research, training), il cui punto di riferimento è l attività di ricerca (concentric research). Chi è Iason: Iason è una società di consulenza che sviluppa modellistica avanzata in ambito di rischio di mercato, credito, controparte e liquidità, anche in conformità con la vigente regolamentazione nazionale ed internazionale. I servizi offerti includono il disegno di metodologie di analisi, lo sviluppo di applicativi, il supporto per l attuazione di progetti per il risk management e il front office su mercati Protiviti Srl. Protiviti non è registrata come società di revisione e non fornisce opinioni su bilanci e servizi di attestazione. 5 protiviti.it

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico. 31 dicembre 2011 ver. 2.0

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico. 31 dicembre 2011 ver. 2.0 BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico 31 dicembre 2011 ver. 2.0 Sommario PREMESSA...4 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...5 RISCHIO DI CREDITO... 7 RISCHIO DI CONTROPARTE... 9 RISCHIO

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Comply or Explain La Road Map verso Solvency II in Italia Maria Alejandra Guglielmetti 30.01.2014 Comply or Explain?

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Cash management. Il rischio di liquidità: modelli di gestione e controllo. di Maurizio Vallino e Matteo Cagetti (*)

Cash management. Il rischio di liquidità: modelli di gestione e controllo. di Maurizio Vallino e Matteo Cagetti (*) Analisi Cash management Il rischio di liquidità: modelli di gestione e controllo di Maurizio Vallino e Matteo Cagetti (*) La recente turbolenza sui mercati finanziari ha evidenziato il ruolo centrale di

Dettagli

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013 Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager Convegno CAREFIN Milano - 31 Gennaio 2013 Davide Alfonsi Resp. Direzione Risk Management, Intesa Sanpaolo Agenda

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo Giuseppe Toniolo. Informativa al pubblico : Titolo IV circolare Banca d Italia 263/06

Banca di Credito Cooperativo Giuseppe Toniolo. Informativa al pubblico : Titolo IV circolare Banca d Italia 263/06 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2011 Indice Premessa...3 Tavola 1 Requisito informativo generale...4 Tavola 2 Ambito di applicazione...25 Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza...26

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Strategie e Valore a Rischio: Quanto il Board ne è consapevole? Ricerca condotta da Protiviti in collaborazione con Nedcommunity

Strategie e Valore a Rischio: Quanto il Board ne è consapevole? Ricerca condotta da Protiviti in collaborazione con Nedcommunity Strategie e Valore a Rischio: Quanto il Board ne è consapevole? Ricerca condotta da Protiviti in collaborazione con Nedcommunity Contenuti Introduzione a cura di Protiviti Prefazione a cura di Nedcommunity

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk Assignment finale NB: per ottenere risultati uniformi attraverso i gruppi di lavoro, si raccomanda per lo svolgimento degli esercizi l utilizzo

Dettagli

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione FLASH REPORT Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Novembre 2013 Quadro normativo Il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo hanno approvato il nuovo meccanismo

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO

PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO Sede Legale: Via Gramsci, 7 10121 Torino Capitale sociale 156.037.608 int. vers. Codice Azienda Bancaria n. 3043.7 Albo Banche n. 5319 Registro Imprese di Torino n. 02751170016

Dettagli

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011

SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011 SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011 1 Le banche cercano di orientare i risparmiatori verso quei conti correnti

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 1 RISCHI DEL GRUPPO BANCARIO Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi,

Dettagli

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP richiesta di commenti Novembre 2013 1 Indice RICHIESTA DI COMMENTI SULLA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP... 3 LE MOTIVAZIONI... 4 I PRINCIPALI ELEMENTI

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

Il portafogliodi proprietà

Il portafogliodi proprietà Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Set 5 Il portafogliodi proprietà LIUC Università Cattaneo A.A. 2014-2015 Valter Lazzari I temi della lezione Il portafoglio di proprietà Trading Book Banking

Dettagli

Enterprise Risk Management - ERM

Enterprise Risk Management - ERM Enterprise Risk Management - ERM ANALISI, VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI La sopravvivenza di un azienda è assicurata dalla sua capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Tutte le aziende devono

Dettagli

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con il mondo finanziario Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa Massimo Talone Milano, 26 maggio

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 35 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT

POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT INDICE Chi Siamo Risk Management e Risk Governance per il Valore d Impresa Lo Scenario Italiano Le Attività Il Portale Insurance Academy A Chi ci rivolgiamo Contatti

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008 1 Indice PREMESSA...3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...30 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO. AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers. Data: novembre 2013

CODICE DEONTOLOGICO. AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers. Data: novembre 2013 AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers CODICE DEONTOLOGICO Data: novembre 2013 Aifirm - Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers www. aifirm.it - email: segreteria@aifirm.it

Dettagli

Operational Risk vs Advanced IT RISK

Operational Risk vs Advanced IT RISK Operational Risk vs Advanced IT RISK Claudio Ruffini 24 Giugno 2015 L evoluzione normativa in tema di sicurezza informatica Disposizioni di vigilanza prudenziale di Banca d Italia in materia di sistema

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

oooo Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO

oooo Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO data di riferimento 31 dicembre 2013 2009 1 oooo Banca Popolare delle Province Calabre

Dettagli

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI Mauro Senati Chief Risk Officer Gruppo UBI IX Convention AIFIRM, Milano 19 Novembre 2013 1 Agenda Il contesto Gli effetti

Dettagli

Concetto di formazione 2012. Management e cooperative

Concetto di formazione 2012. Management e cooperative Concetto di formazione 2012 Management e cooperative OBIETTIVI DEL PROGETTO INCREMENTO Competenze tecniche Competenze sociali Competenze metodologiche Competenze personali Macro aree tematiche Leadership

Dettagli

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA L approccio e l offerta del nostro Gruppo Gli accordi con Confindustria Confindustria Piccola Industria L accordo, rinnovato lo scorso 1 marzo, richiama la rilevanza

Dettagli

BANCA SVILUPPO TUSCIA S.p.A. PILLAR 3 - INFORMATIVA AL PUBBLICO 2014

BANCA SVILUPPO TUSCIA S.p.A. PILLAR 3 - INFORMATIVA AL PUBBLICO 2014 BANCA SVILUPPO TUSCIA S.p.A. PILLAR 3 - INFORMATIVA AL PUBBLICO 2014 BANCA SVILUPPO TUSCIA S.P.A. Viale Francesco Baracca 73, 01100 Viterbo Tel.: +39.0761.1750100 - Fax: +39.0761.1750126 Codice Fiscale

Dettagli

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009 Insight N. 24 Maggio 2009 Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo Il termine crisi suggerisce istintivamente un momento, nella vita di una persona o di un azienda, dalle conseguenze non prevedibili

Dettagli

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 pag. 1 di 81 INDICE 1. PREMESSA... 4 2. DEFINIZIONI... 4 3. ARTICOLO 435: OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 5 3.1 Rischio di mercato...

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Sommario Tavola 1 - Requisito informativo generale...5 Informativa qualitativa...5 Tavola

Dettagli

La Supervisione bancaria nella

La Supervisione bancaria nella Incontri organizzati dal Sibc La Supervisione bancaria nella prospettiva della Banking Union Paola Petagna 28 gennaio 2015 L evoluzione del contesto esterno e la difesa della stabilità finanziaria difronte

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

Indice TAVOLA 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI TUTTE LE BANCHE...35

Indice TAVOLA 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI TUTTE LE BANCHE...35 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2009 1 Indice PREMESSA...3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...8 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...26 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...27

Dettagli

MISURAZIONE, MONITORAGGIO E GESTIONE DEL RISCHIO DI LIQUIDITA

MISURAZIONE, MONITORAGGIO E GESTIONE DEL RISCHIO DI LIQUIDITA Dipartimento di Economia e Finanza Cattedra: Economia degli Intermediari Finanziari c.p. MISURAZIONE, MONITORAGGIO E GESTIONE DEL RISCHIO DI LIQUIDITA RELATORE Prof. Domenico Curcio CANDIDATA Federica

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2009. Basilea 2 Terzo Pilastro Deliberato dal Consiglio di Amministrazione 09 Giugno 2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2009. Basilea 2 Terzo Pilastro Deliberato dal Consiglio di Amministrazione 09 Giugno 2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2009 Basilea 2 Terzo Pilastro Deliberato dal Consiglio di Amministrazione 09 Giugno 2010 Indice PREMESSA 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...3

Dettagli

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali 16 Convention APB 2009 La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali Intervento del dr. Stefano Mieli Direttore Centrale per la Vigilanza Creditizia e Finanziaria Banca d

Dettagli

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Il sistema dei controlli interni delle banche: il ruolo degli organi aziendali e delle funzioni aziendali di controllo Foggia, 20 Novembre 2012

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

Un approccio olistico alle strategie di ottimizzazione del capitale

Un approccio olistico alle strategie di ottimizzazione del capitale Un approccio olistico alle strategie di ottimizzazione del capitale Carlo Gabardo Head of Basel Consulting, EMEA Daniele Vergari Head of Analytics, Italia Roma, 23 giugno 2015 2015 Experian Limited. All

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/214 Processo ICAAP BANCA DI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 9/6/215 INDICE Sommario

Dettagli

Gruppo ALLIANZ BANK FINANCIAL ADVISORS

Gruppo ALLIANZ BANK FINANCIAL ADVISORS Gruppo ALLIANZ BANK FINANCIAL ADVISORS III PILASTRO Informativa al pubblico al 31 Dicembre 2013 Premessa...3 Tavola 1. Requisito informativo generale...4 Tavola 2. Ambito di applicazione...16 Tavola 3.

Dettagli

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Antonio Zullo Chief Risk Officer Gruppo Banca Popolare di Bari 12 dicembre 2014 1 Il sistema dei controlli interni La nuova normativa

Dettagli

FINANCIAL RISK MANAGEMENT

FINANCIAL RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT PERCORSO EXECUTIVE IN FINANCIAL RISK MANAGEMENT INDICE MIP Management Academy 1 AREA TEMATICA 2 Direzione 3 Percorso Executive in Financial Risk Management 4 Programma 5 Costi e modalità

Dettagli

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria www.pwc.com/it Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria Reggio Emilia, 28 maggio 2013 Agenda Introduzione il rischio di liquidità e gli strumenti per la sua gestione 1. Gestione della liquidità

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

REGOLAMENTO per la gestione del Patrimonio dell ENPAP

REGOLAMENTO per la gestione del Patrimonio dell ENPAP REGOLAMENTO per la gestione del Patrimonio dell ENPAP INDICE 1. Premesse e riferimenti normativi 2. Contenuti generali 3. Obiettivi della gestione del patrimonio 4. Criteri di attuazione del processo di

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

Global Wealth Advisory SIM SpA

Global Wealth Advisory SIM SpA Global Wealth Advisory SIM SpA Multi Family Office Indice Introduzione 3 Team 4 Offerta 5 Benchmark 6 Asset Allocation 7 Reporting 8 Performance Attribution 9 Risk Management 10 Conclusioni 11 Contatti

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 18

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 18 9878838668739 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGrawHill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 18 1. Il rischio dal lato dell attivo deriva

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA 0 Economia reale e monetaria REGOLE REGOLE BANCA Concorrenza IMPRESA Comunicazione Competenze Mercati creditizi e finanziari Tecnologia 1 REGOLE.. IAS/IFRS BASILEA 2 2.. ASPETTI Autonomia Interdipendenza

Dettagli

SISTEMA DEI CONTROLLI INTEGRATO

SISTEMA DEI CONTROLLI INTEGRATO 16 Maggio 2013 SISTEMA DEI CONTROLLI INTEGRATO SERGIO GIOMMETTI VINCENZO CAROLLA 1 AGENDA Presentazione di Interlem Management Consulting Presentazione del Gruppo Banca Popolare di Bari Il Contesto di

Dettagli

ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015

ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015 1/75 SOMMARIO 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO (ART. 435 CRR)... 4 1.1 INTRODUZIONE... 4 1.2 RISCHIO DI CREDITO E CONTROPARTE...

Dettagli

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rating Advisory e reporting finanziario del rischio d impresa Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 sulla situazione al 31/12/2014

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 sulla situazione al 31/12/2014 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 sulla situazione al 31/12/2014 La nostra banca è differente INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO... 2 TAVOLA 1 - OBIETTIVI

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2010 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli