La Crio. ELEZIONI COMUNALI del 28/29 maggio 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Crio. ELEZIONI COMUNALI del 28/29 maggio 2006"

Transcript

1 16 Gennaio La Crio ORARI UFFICI comunali: Il Sindaco riceve il giovedì sera dalle 19,00 alle ore 20,30 ed il sabato dalle ore 11,00 alle ore 12,30. Ufficio di Segreteria (tel:0171/97109): dal Martedi al Sabato dalle ore 9,00 alle ore 13,00; Ufficio Tecnico (tel: 0171/97524): il martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 18,00. il venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00. Ufficio Finanziario (tel. 0171/97109): dal Martedi al Sabato dalle ore 9,00 alle ore 13,00; Ufficio Anagrafe e Protocollo (tel: 0171/97109): dal Martedì al Sabato dalle ore 9,00 alle ore 13,00; Ufficio Tributi (tel: 0171/97109): dal Martedi al Sabato dalle ore 9,00 alle ore 13,00; Ufficio Polizia Municipale (tel: 0171/97109): dal Martedi al Sabato dalle ore 9,00 alle ore 13,00; Sportello Agenzia delle Entrate: il Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00; ORARI UFFICI Comunità Montana delle Valli Gesso e Vermenagna: Tel. 0171/78240 Orario di apertura al pubblico: dal lunedì al giovedì dalle ore 9,00 alle ore 12,30 e dalle ore 14,30 alle ore 17,30 Il venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,30, Chiuso il sabato. Servizio socio - assistenziale: riceve a Valdieri c/o la casa di riposo, in via G. B. Raggi n. 6 il martedì dalle ore 10,30 alle ore 12,00 (0171/97152) ORARI UFFICI Parco Naturale Alpi Marittime Sede amministrativa - Piazza Regina 30 - Valdieri (tel: 0171/97397): dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00/12,00-14,00/17,00 Sede operativa : località Casermette - Strada Provinciale per San Giacomo 1 (tel: 171/978809): dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00/12,00-14,00/17,00 La Crio Notiziario dell amministrazione comunale di Valdieri Anno 10 - N.1- Aut. Trib. CN n. 512 del 29/7/98 Dirett. resp.: Mauro Fantino - Gennaio PISTA FORESTALE DI ANDONNO: UNA SCOMMESSA VINTA. Dopo circa venti anni di attese e richieste della popolazione, finalmente siamo arrivati alla concreta realizzazione di una tra le più importanti piste forestali per il nostro territorio. Il risultato è tanto più importante se pensiamo alle peripezie burocratiche tico da terreno minato : oltre alle ordinarie autorizzazioni (Servizio Economia Montana e Foreste, Beni Ambientali, Corpo Forestale dello Stato, Servizio regionale urbanistica, Servizio regionale geologico, Comitato Usi Civici locale e Settore regionale Usi Civici) che CANDIDATO PROCLAMATO SINDACO: PARRACONE Emanuel LISTA DI MAGGIORANZA avente il contrassegno montagna stilizzata con segno astratto sottostante e la scritta continuare per crescere collegata al candidato proclamato Sindaco. CONSIGLIERI PROCLAMATI ELETTI: 1. DI GIAMBATTISTA Ivano 2. GIRAUDO Giorgio 3. MACARIO Graziano 4. ROSSO Antonio 5. TOSELLI Manuel 6. CAPPAI Giovanni 7. FORNERIS Ada 8. LOVERA Adriana LISTA DI MINORANZA Consiglieri eletti per la lista n. 2 avente contrassegno montagna di color verde stelle alpine di color bianco sfondo azzurro con la scritta insieme per nuovi orizzonti ORARI Ambulatori medici: (Dott.sa Marina Ghidini) Lunedì: 9,30/12,30 - Valdieri - Corso Dante Livio Bianco 7 14,30/16,30 - Entracque c/o Casa di Riposo Martedì 9,30/10,30 - S. Anna di Valdieri c/o Parrocchia 11,30/12,30 - Valdieri - Corso Dante Livio Bianco 7 Mercoledì 9,30/12,30 - Valdieri - Corso Dante Livio Bianco 7 Giovedì 9,30/12,30 - Andonno - Via Giovanni Rosso 15,30/17,30 - Entracque c/o Casa di Riposo Venerdì 14,30/18,30 - Valdieri - Corso Dante Livio Bianco 7 ORARI Stazione Carabinieri di Valdieri: (tel: 0171/97113):.dal lunedì alla domenica dalle ore 9,00 alle ore 12,00 ORARI Biblioteca comunale: venerdì dalle ore 17,30 alle ore 19,00 c/o scuole elementari - Piazza della Resistenza n. 1. FARMACIA Dr. F. Bruna - Piazza Regina Elena 16 - Valdieri tel. 0171/97317 dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00/12,30 e dalle ore 15,00/19,00 Soccorso sanitario: 118 Guardia Medica: 0171/ Vigili del Fuoco: 115 Guardia di Finanza: 117 Carabinieri: 112 Polizia di Stato: 113 Corpo Forestale dello Stato: 1515 Soccorso Alpino: 0171/ NUMERI DI EMERGENZA: Comune di Valdieri - Protezione Civile: / A.C.D.A. - segnalazione guasti rete acquedottistica e fognaria: 0171/ Enel Distribuzione - segnalazione guasti rete elettrica: (numero verde) GAS - ENI Spa Divisione Gas & Power: tel. 800/ affrontate, come in diverse occasioni abbiamo avuto modo di evidenziare. Ora, grazie anche alla professionalità dell'impresa appaltatrice, le opere sono state portate a termine, nel ristrettissimo tempo che avevamo a disposizione per non perdere il finanziamento. A fronte della non rilevante somma del progetto, di importo inferiore ai Euro, il risultato per il territorio è di assoluto rilievo: siamo riusciti a creare una maggiore facilità di accesso ai lottini boschivi, con enormi vantaggi per la cura e salvaguardia del patrimonio boschivo; una maggiore facilità di accesso ai terreni agricoli posti a monte dell'abitato di Andonno; una maggiore facilità di accesso alla rete dei sentieri esistenti, in maniera da perseguire gli interventi di manutenzione e conseguente valorizzazione degli stessi; abbiamo creato una valida barriera per la prevenzione degli incendi boschivi, realizzando un percorso ad anello che si collega con la viabilità del territorio comunale di Borgo San Dalmazzo, facilitando in tal modo anche le attività di prevenzione e controllo forestale. In sostanza l'importanza di un lavoro che ci è stato riconosciuto dalla stragrande maggioranza dei cittadini e delle Istituzioni che hanno visionato l'opera, vedi in particolare il Corpo Forestale dello Stato. Ma per arrivare alla fine, abbiamo dovuto affrontare un percorso burocra- hanno, di per sé, allungato i tempi per l'attivazione dell'appalto, abbiamo subìto diversi esposti, di persone non residenti nel nostro Comune e di alcune Associazioni ambientaliste (con nostro grande stupore, visto il lavoro fatto in sintonia negli anni) che hanno provocato non solo il rallentamento dell'iter autorizzativo, ma messo in forse la filosofia attuativa dell'intera opera. A fronte della nostra resistenza, in seconda battuta, i protagonisti degli esposti hanno addirittura scritto al Ministero dell'ambiente, che ci ha intimato una potenziale procedura di infrazione alle NORME EUROPEE! Solo con la pazienza, tenacia e convinzione delle nostre ragioni, siamo riusciti a dimostrare alla Direzione Regionale Parchi ed a quanti ci hanno chiesto delucidazioni, che gli ipotizzati scempi ambientali erano frutto di una visione fondamentalista dell'ecosistema e che le ipotesi alternative al tracciato rappresentavano voli pindarici non rispondenti alla fattiva realtà dell'intervento da realizzare. Ora, vogliamo, pertanto, ringraziare tutte le persone che ci hanno appoggiato e sollecitato nell'iniziativa e l'assessore Regionale alla Montagna, Bruna Sibille, presente all'inaugurazione della pista avvenuta lo scorso mese di ottobre, che si è resa partecipe al nostro travaglio con questo lieto fine Emanuel Parracone Ivan Di Giambattista 1. GIORDANA Guido (Candidato non eletto alla carica di Sindaco e proclamato consigliere) 2. PARRACONE Angelo 3. ROSSO Antonino 4. RISSO Daniela surrogata da DACOMO Alessandro Con delibera n. 23 in data 13 giugno 2006, il Consiglio Comunale ha preso atto della nomina della Giunta Comunale nominata dal Sindaco. PARRACONE EMANUEL - Sindaco - Presidente Giunta Comunale; GIRAUDO GIORGIO - Vice Sindaco - Assessore ai Lavori pubblici - Urbanistica; MACARIO GRAZIANO - Assessore al Turismo - Sport - Tempo Libero - Istruzione - Cultura - Protezione Civile; ROSSO ANTONIO - Assessore al Commercio - Industria - Artigianato - Agricoltura e Foreste; CAPPAI GIOVANNI - Assessore alla Gestione del Territorio con particolare riguardo alle aree zona Parco - Viabilità - Edilizia. ELEZIONI COMUNALI del 28/29 maggio 2006 ELETTORI Maschi Femmine Totale n. lista NOME SINDACO Sez. 1 Sez. 2 Sez. 3 Totale 1 PARRACONE EMANUEL GIORDANA GUIDO TOTALE VOTI VALIDI SCHEDE BIANCHE SCHEDE NULLE SCHEDE VOTI CONTEST. PROVV. NON ASSEGN TOTALE COMPLESSIVO N. CANDIDATO Sez.1 Valdieri 1 BRAO MAURIZIO 2 CAPPAI GIOVANNI 3 CONGIU FABIO ELEZIONI COMUNALI del 28/29 maggio 2006 LISTA N. 1 LISTA N. 2 Sez.2 Andonno Sez.3 S.Anna Tot. N. CANDIDATO Sez.1 Tot. Sez.2 Sez.3 Valdieri Andonno S.Anna 9 = ALESSANDRIA ALDO BAGNIS ROSANNA 15 = = 15 3 DACOMO ALESSANDRO 8 = = 8 4 = FORNERIS 23 = = ADA 23 4 DALL ACQUA GIANPIETRO 9 1 = 10 5 DI GIAMBATTISTA IVANO DALMASSO STEFANO 9 = = 9 6 GIRAUDO 6 DI TULLIO GIORGIO 46 DAMIANO 7 = = 7 7 LOVERA 14 5 = ADRIANA 19 7 GIORDANA GUIDO 6 = MACARIO 30 = = GRAZIANO 30 8 PARRACONE ANGELO 26 9 = 35 9 MAZZUCCO 8 = = ALBERTO 8 9 RISSO DANIELA 1 13 = PEPINO 10 ROSSO 1 18 = EMILIANO 19 ANTONINO = ROSSO 11 SANINO = 27 = ANTONIO 27 DOMENICO 5 = = 5 12 TOSELLI 12 SFERRA 3 24 = MANUEL 27 MARIA GRAZIA = 5 = 5

2 2 Gennaio La Crio Attivato servizio del difensore civico Con la firma in data 17 ottobre 2006 della convenzione con la Provincia di Cuneo, l'ufficio del difensore civico e' operativo a tutti gli effetti per i cittadini del Comune di Valdieri. Il difensore civico svolge il ruolo di garante dell'imparzialità e del buon andamento della pubblica amministrazione ed ha la funzione di assicurare ai cittadini, singoli od associati, che il procedimento amministrativo che li riguarda segua regolarmente il suo corso e che gli atti siano correttamente emanati. La Provincia di Cuneo ha conferito l'incarico all'avv. Mazzola, che durerà in carica quanto il Consiglio Provinciale che lo ha eletto. L'avv. Mazzola riceve, presso gli uffici della Provincia in C.so Dante n Cuneo, con il seguente orario: martedì dalle ore 9,00 alle ore 12,30; su appuntamento (telefono: 0171/ / ): mercoledì dalle ore 15,00 alle ore 17,00; venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,30. L'ufficio di segreteria comunale è a disposizione per ulteriori informazioni in merito. INTITOLAZIONE NUOVA STRADA L attuale Giunta Comunale con Delibera del 26 ottobre 2006 ha recepito la proposta che il gruppo di minoranza aveva presentato, nella scorsa legislatura in 1 Commissione Consigliare, relativa all intitolazione della strada di penetrazione del PEC ubicato di fronte alla filiale dell Istituto Bancario nel Capoluogo a : G. Figini - Suor Maria. Ufficio di Segreteria Suor Maria, al secolo Giuseppa Figini, nata il 23 agosto 1903 a Varedo (MI) morta a Valdieri il 19 febbraio 1970 ove è sepolta, per 40 anni prestò la sua opera a favore della popolazione valdierese, dedicandosi all assistenza di malati ed anziani con umiltà e dedizione. Il gruppo consiliare di minoranza PROGETTO ATOC COMUNE FACILE Il Consiglio Comunale ha deliberato l'adesione al progetto Atoc - comune facile che parte dall'esperienza fatta dal Comune di Torino su un ampio insieme di servizi e la generalizza in modo da renderla fruibile a tutti i cittadini ed i professionisti del territorio regionale. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Si è già provveduto ad abilitare, sulle piattaforme di erogazione, uno dei servizi del progetto: il calcolo on-line dell'imposta ICI. L'attivazione di detto servizio è gratuita. Ufficio di Segreteria Orari esercizi commerciali L'art. 11 del D.Lgs. 114/98 ha stabilito l'obbligo per i Comuni di individuare otto domeniche o festività nei mesi da gennaio a novembre nelle quali consentire l'apertura degli esercizi commerciali. Tale norma aveva generato molte preoccupazioni nei nostri commercianti. Considerato che il Comune di Valdieri, oltre ad essere Comune montano, è classificato tra i Comuni turistici del Piemonte e grazie anche al parere favorevole delle organizzazioni di categoria, la Giunta Comunale (con delibera n. 112 in data ) ha potuto individuare l'arco temporale di maggior afflusso turistico nell'intero anno a valere dal Gennaio 2007 al Dicembre Questo permetterà agli esercizi commerciali di determinare liberamente il proprio orario di attività, anche in deroga agli obblighi di cui al citato art. 11, come avviene attualmente. Per gli anni successivi basterà confermare quanto deliberato per l'anno Ufficio di Segreteria 15 Dal gruppo: Insieme per nuovi orizzonti Archiviato il capitolo delle elezioni amministrative con il risultato che tutti ben conoscono e sul quale, a distanza di alcuni mesi, non mi sembra opportuno ritornare, è ripresa l'attività amministrativa con alcuni volti nuovi e qualche ruolo mutato. L'attuazione del programma prosegue nel segno della continuità, con la progettazione di alcune opere già preventivata dalla precedente giunta e sulle quali abbiamo più volte espresso il nostro totale dissenso, in quanto ritenute non utili o quanto meno non prioritarie per il nostro Comune. Mi riferisco, in particolare, alla rimozione della soletta del Rio Colletto ed alla ristrutturazione di villa Marsiglia. L'intervento di rimozione della soletta del Rio Colletto, nel primo tratto di via Garibaldi, viene motivata come intervento finalizzato alla prevenzione di possibili esondazioni, nel caso di eventi alluvionali e per la riqualificazione del centro storico. A nostro avviso gli interventi per arrestare il trasporto a valle di materiale legnoso o di altro tipo, cosa che provocherebbe intasamenti e problemi in diversi tratti del torrente e non solo a questo livello, devono essere resi più efficaci nella parte a monte. Con grande maestria e previdenza erano già state costruite, molto tempo addietro, efficaci opere per il contenere e frangere l'irruenza delle acque; i nostri predecessori avevano già capito che in caso di piogge eccezionali qualora la massa d'acqua giunga senza freni in paese, non sono sufficienti le difese spondali o una buona possibilità di deflusso per evitare gravi danni. Nutriamo anche seri dubbi sul fatto che questo intervento possa determinare una riqualificazione dell'area; tutti ben sanno come si possono presentare i ruscelli scoperti nei centri abitati, soprattutto in estate con poca acqua, vengono spesso invasi da erbacce, in alcuni casi, si possono addirittura trasformare in pattumiere a cielo aperto. Per queste motivazioni e per il fatto che l'intervento andrebbe a limitare di molto il passaggio pedonale, non ci sembrano sicuramente ben spesi i ,00 euro necessari alla realizzazione dell'opera. La destinazione che l'attuale Amministrazione intende dare a Villa Marsiglia ci lascia alquanto titubanti, LE OPERE PUBBLICHE che non condividiamo il nostro gruppo, già nella precedente legislatura, aveva sollecitato una soluzione ed una destinazione a questo immobile, preoccupati per il progressivo stato di deterioramento e di abbandono. Le caratteristiche della struttura riteniamo siano del tutto inidonee alla soluzione attualmente scelta, struttura ricettiva probabilmente destinata ad ostello per la gioventù. A fronte di una spesa preventivata di ,00 euro (parte dei quali probabilmente finanziati con il PISL) si realizzerebbero solamente pochi posti letto (10-12), sicuramente insufficienti per le esigenze turistiche del territorio, scolaresche in visita al Parco o gruppi, i quali potrebbero utilizzare al meglio gli impianti sportivi realizzati. Ad opera conclusa sicuramente si presenterebbero problemi anche per la sua gestione. Il gruppo Insieme per nuovi orizzonti aveva Nel Consiglio Comunale del 24 novembre scorso, all'ordine del giorno sull'assestamento del bilancio è nata una vivace discussione, riguardante la demolizione del solettone del Rio Colletto nel tratto dalla Società Operaia a Casa Lovera, in previsione per l'anno 2007 con un costo di Euro, (circa del vecchio conio). Contrario il gruppo di minoranza, in quanto, viste le ulteriori nuove restrizioni e tagli dei contributi e dei trasferimenti statali ai comuni con la nuova finanziaria 2007, riteniamo uno spreco del denaro pubblico la demolizione di un'opera esistente, costruita oltre tutto già con il denaro dei cittadini circa quarant'anni or sono durante l'amministrazione dell'ing. Stefano Forneris. Ad una precisa domanda del gruppo di minoranza: se questa demolizione è motivata da una perizia di un'ente sovra comunale, come Provincia, Regione, Magis-Po, per la salvaguardia idrogeologica dell'asta fluviale del Rio Colletto ; il gruppo di maggioranza, ha risposto che non prospettato nel suo programma elettorale soluzioni alternative sia per la destinazione di villa Marsiglia (casa famiglia per anziani) sia per la realizzazione di una struttura ricettiva rispondente alle esigenze turistiche e collocata in luogo più idoneo e funzionale. In conclusione si può dire che in un periodo in cui la disponibilità di fondi pubblici è sempre più scarsa per la progressiva riduzione dei trasferimenti dallo Stato agli Enti Locali, le scelte per la realizzazione delle opere pubbliche dovrebbero essere più ponderate. A nostro avviso sarebbe opportuno valutarne la reale utilità anche in funzione delle prospettive di sviluppo del Comune, tenendo conto, non da ultimo, della loro equa distribuzione sul territorio. Guido Giordana IL SOLETTONE DEL RIO COLLETTO E' NECESSARIO DEMOLIRLO? esiste alcuna richiesta in merito dagli Enti citati, ma è esclusivamente una scelta per riqualificare il centro storico, oltre alla messa in sicurezza a monte e a valle del Rio Colletto. Il gruppo di minoranza, considerata l'esosità e l'inutilità della spesa, essendo i comuni in un grave periodo di restrizione economica, per le ragioni sopra citate, ritiene che la demolizione con il relativo nuovo ripristino, non é di pubblica utilità, quindi ha proposto di indire un Referendum popolare, considerando che il denaro proviene dalle tasche dei cittadini. Visto che viviamo in un Paese democratico, si applicherebbero i principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana dove nell'articolo uno, si evince che: L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Attendiamo risvolti, ma sopratutto la decisione ai cittadini Angelo Parracone

3 14 Gennaio La Crio Dal gruppo: Continuare per crescere Carissimi concittadini, sono lusingato della confermata fiducia al gruppo Continuare per Crescere che mi ha portato a ricoprire la carica di sindaco. Si tratta per me della realizzazione di un sogno che da anni custodivo nel cassetto: poter partecipare attivamente alla vita amministrativa della mia Valle e del mio Comune ai quali sono da sempre legato. In questi primi sei mesi del mandato l'attività amministrativa è stata molto intensa e frenetica; vi devo infatti confidare che oltre ai tanti momenti di soddisfazione per la realizzazione di importanti risultati (conseguiti grazie anche alla vostra costante collaborazione), ci sono stati altresì dei momenti di difficoltà che però ho subito superato con l'aiuto della mia squadra, molto affiatata, e degli uffici comunali, sempre molto disponibili e professionali. Lo spirito con il quale abbiamo costruito il nostro gruppo è stato quello di unire persone accomunate da passione e voglia di lavorare per la comunità e convinte dell'importanza di creare i presupposti per continuare a vivere in valle. Nei giorni immediatamente successivi alle elezioni, uno dei primi argomenti che abbiamo affrontato è stato quello del complesso progetto per la rilocalizzazione degli impianti termali presso il capoluogo: un progetto ambizioso in cui tutti dobbiamo fortemente credere per lo sviluppo e il futuro del nostro Comune, della nostra Valle ma oserei dire di tutta la Provincia. A questo proposito, nel mese di luglio, è stata convocata la prima riunione ufficiale per la redazione di un accordo di programma che servirà a delineare in modo puntuale tutte le fasi dell'operazione (dalla progettazione, al reperimento dei fondi fino alla realizzazione dell'iniziativa). Un primo piccolo ma concreto passo, che ha permesso di iniziare a concretizzare le idee e i programmi portati avanti in questi anni. Resoconto dei primi sei mesi di attività A questo incontro sono stati invitati gli Enti e i soggetti privati coinvolti, sotto il coordinamento della Regione Piemonte nella persona dell'architetto Fumagalli che avrà il compito di predisporre il documento programmatico a cui seguirà la conferenza dei servizi che darà il via all'operazione. Nel mese di settembre è seguito un altro incontro di carattere tecnico per cercare di approfondire il quadro generale della questione e in particolar modo sono stati analizzati i siti coinvolti e le relative problematiche autorizzative. E' con molta soddisfazione che posso riferirvi che tutti gli Enti coinvolti, indipendentemente dal colore politico, hanno condiviso l'importanza dell'iniziativa; inoltre la Regione Piemonte si è impegnata ad investire una cospicua somma sul progetto. Tra questi due incontri ufficiali sono intercorsi numerosi momenti di confronto con la Comunità Montana, che stà giocando un ruolo fondamentale, e in generale con tutti gli Enti che parteciperanno all'operazione. Voglio ringraziare in tal senso tutte le persone che stanno lavorando per la buona riuscita dell'iniziativa ed in particolar modo il presidente della Comunità Montana Valli Gesso e Vermenagna, Ugo Boccacci, e il consigliere Ivan Di Gianbattista. Nel frattempo ogni assessore ha affrontato le problematiche relative al proprio settore di competenza concordando un piano di lavoro con gli uffici di riferimento. Per quanto riguarda l'organizzazione e la gestione del calendario delle manifestazioni estive vorrei ringraziare l'assessore Graziano Macario che ha saputo instaurare un ottimo rapporto di collaborazione con le associazioni locali e con gli Enti di promozione del territorio, prodigandosi per ricercare forme di finanziamento esterne al fine di non gravare totalmente sul bilancio comunale. Avendo acquisito, anche con numerosi sopralluoghi, un quadro aggiornato e rigoroso sulle priorità da affrontare, l'assessore ai lavori pubblici Giorgio Giraudo e l'assessore al territorio Gianni Cappai hanno elaborato un piano dei lavori pubblici incisivo ma allo stesso tempo conciliabile con la realtà del bilancio comunale (fra gli altri cito il progetto relativo alla messa in sicurezza e riqualificazione del Rio del Colletto nel Concentrico). Inoltre il vicesindaco Giraudo ha seguito personalmente la questione relativa ai bandi di finanziamento pubblici e il coordinamento con le azioni della Comunità Montana Valli Gesso e Vermenagna presso la quale ricopre la carica di assessore. Va ricordato a tal proposito che l'assessorato alla Montagna della Regione Piemonte, in capo all'assessore Bruna Sibille, ha stanziato per il Comune di Valdieri importanti contributi (cito i fondi per l'acquisizione di mezzi sgombraneve, per l'elaborazione dei documenti tecnici relativi al piano regolatore e - in questo caso grazie al contributo della Provincia di Cuneo - per gli interventi sulla Scuola dell'infanzia di Andonno). L'assessore all'agricoltura e alla forestazione Antonio Rosso ha dato avvio ad un monitoraggio del patrimonio relativo ai lotti boschivi ed ai sentieri su tutto il territorio, per programmare una efficace strategia di gestione. Prima di concludere vorrei ancora evidenziare la nutrita partecipazione dei cittadini ai consigli comunali, che dimostra la sensibilità e l'interesse verso la cosa pubblica e il buon rapporto con l'amministrazione. Concludendo ringrazio di cuore tutti i colleghi e in generale tutte quelle persone che mi sosterranno durante questo cammino amministrativo, a volte impervio a causa delle numerose incombenze e ristrettezze finanziarie a cui sono soggette le piccole realtà come Valdieri. Il Sindaco Parracone Emanuel Lavori ultimati: Consolidamento lato sinistro ponte sul Gesso (Valdieri). Progettazione: Studio Tecnico Associato Ing. Galfré & Giraudo Ditta appaltatrice: Verna Remo - Demonte Importo complessivo: ,99 Finanziamento: fondi alluvione della Regione Piemonte Ampliamento parcheggio a servizio dell'area verde attrezzata Ex Pineta Reale (S. Anna di Valdieri). Progettazione: Geom. Oliva Ditta appaltatrice: Costruzioni Franco Pietro - Valdieri Importo complessivo: ,58 Lavori pubblici Realizzazione marciapiede lungo Via Provinciale - I lotto (Andonno). Progettazione: Studio geom. Avena Ditta appaltatrice: IAMEP di Fantino & C. - Borgo San Dalmazzo Importo complessivo: ,00 Finanziamento: Mutuo - fondi Usi Civici Rifacimento impianto di illuminazione di Via Principe Umberto - II lotto (Valdieri). Progettazione: Ditta appaltatrice: RUBINO Pietro - Dronero Ditta Tagliafico - Genova Manutenzione straordinaria fontana in località Tetti Drago (Frazione S. Lorenzo). (lavori eseguiti in economia) Ditta appaltatrice: GARNERONE Ettore - Caraglio Importo complessivo: 2.020,65 Manutenzione straordinaria cimitero (Valdieri). (lavori eseguiti in economia) Ditta appaltatrice: GARNERONE Ettore - Caraglio Importo complessivo: 3.000,00 Pista forestale del Saben nel Vallone dell'agnello (Andonno). Progettazione: Dott. Colombo e dott. Sagnelli Ditta appaltatrice: Acrobatic Works - Valdieri Importo complessivo: ,46 Finanziamento: Regione Piemonte - fondi Usi Civici Posa barriera di protezione in legno lungo il camminamento di collegamento fra Corso Caduti in Guerra e il Piazzale Brigate Partigiane (Valdieri). (lavori eseguiti in economia) Ditta appaltatrice: Costruzioni Franco Pietro - Valdieri / Borgogno Legno - Borgo San Dalmazzo Sono stati inoltre completati i seguenti interventi: Acquisto arredamenti Museo della Resistenza (ditta appaltatrice Paolo Giraudo - Valdieri / importo complessivo: ,00); rifacimento dell'impianto termico della Sede municipale (progettazione: Ufficio Tecnico Comunale - Ing. Risso / importo complessivo: ,00); completamento dei lavori di adeguamento dell'impianto elettrico del magazzino comunale (importo complessivo: 3.000,00); manutenzione dei manti stradali nel Capoluogo - Corso Caduti in Guerra e Via Santa Croce - e nelle frazioni - Via dei Rossi e Vicolo dello Svolto ad Andonno e parcheggio ex Pineta Reale a S. Anna di Valdieri- (importo complessivo: ,00); fornitura ed installazione impianto di allarme presso il fabbricato Tabas - Andonno (importo complessivo: 810,00) 3

4 4 Gennaio La Crio 13 Posa barriera di protezione in legno lungo Corso Caduti in Guerra e prosecuzione marciapiede lato Cimitero (Valdieri). / Provincia di Cuneo (lavori eseguiti in economia) Ditta appaltatrice: IAMEP di Fantino & C. - Borgo San Dalmazzo Importo complessivo: 7.000,00 Lavori iniziati o in via di completamento: Ristrutturazione e rifunzionalizzazione Casa Lovera - III lotto (Valdieri). Progettazione: Arch. Bruna & Mellano Ditta appaltatrice: INEMAR - Boves Importo complessivo: ,64 Finanziamento: GAL - Regione Piemonte - Comunità Montana delle Valli Gesso e Vermenagna Lavori affidati / da appaltare: Riqualificazione area antistante la cappella della Madonna della Visitazione (Valdieri). (lavori eseguiti in economia) Importo complessivo: ,00 Realizzazione nuovo parcheggio in Via della Torre (Valdieri). (lavori eseguiti in economia) Interventi sull'immobile che ospita la Scuola Materna (Andonno) Importo complessivo: ,00 Finanziamento: Provincia di Cuneo / fondi Comune di Valdieri Lavori in corso di progettazione definitiva / esecutiva: Riqualificazione Piazza S. Martino (Valdieri). Progettazione: Arch. Lessan / Ufficio Tecnico Comunale Importo complessivo: ,00 Finanziamento: mutuo Cassa Depositi e Prestiti Manutenzione Strada delle Vigne e accesso alla palestra di roccia (Andonno) Importo complessivo: ,00 Finanziamento: fondo Usi Civici Riqualificazione e consolidamento Scala Marsiglia - II lotto (Valdieri) Progettazione: Ing. Casalino Importo complessivo: ,00 Finanziamento: mutuo Cassa Depositi e Prestiti Posa copertina in pietra muro Via Principe Umberto - II lotto (Valdieri). (lavori eseguiti in economia) Ditta appaltatrice: Costruzioni Franco Pietro - Valdieri / Ditta Vottero - Bagnolo P.te Recupero ambientale ex Cava di Marmo (Frazione Desertetto) Importo complessivo: ,50 Sistemazione strada Pian della Casa - Vallone della Valletta (Regione Terme) Importo complessivo: ,00 Finanziamento: Regione Piemonte Consolidamento ponte sul Torrente Gesso (Frazione Cialombard). Progettazione: Ing. Galfrè Importo complessivo: ,00 Finanziamento: Regione Piemonte Elettrificazione fabbricato Alpe Valletta - Ciriegia - Culatta Progettazione: Ing. Risso Importo complessivo: ,00 Finanziamento: Regione Piemonte / Parco Naturale Alpi Marittime Realizzazione nuovo parcheggio e area giochi (Andonno) Importo complessivo: ,00 DDL REGIONALE SULLA TUTELA DELLE AREE NATURALI La Giunta della Comunità Montana delle Valli Gesso e Vermenagna ha approvato un documento contenente le osservazioni dell'ente al Disegno di Legge regionale sulla tutela delle aree naturali attualmente in discussione nelle competenti commissioni del Consiglio Regionale del Piemonte. Il documento è stato richiesto dalla Commissione provinciale consiliare Parchi e riserve naturali allo scopo di permettere all'assessorato ai Parchi di redigere un proprio documento, illustrativo delle posizioni dei diversi Enti interessati alla vicenda, da presentare in occasione di un tavolo di confronto che la Regione si è impegnata a convocare. La preesistente Comunità Montana - ricorda il Presidente Ugo Boccacci - è stata uno dei primi Enti a credere nell'istituzione dei Parchi regionali dell' Alta Valle Pesio e dell' Argentera entrambi insistenti sul territorio dell'allora Comunità Montana delle Valli Gesso, Vermenagna e Pesio e a seguirne da vicino, passo dopo passo, la nascita e lo sviluppo. Oggi, a distanza di molti anni, la Comunità Montana mette a disposizione della Provincia e della Regione la propria esperienza, la conoscenza degli Enti Locali e del territorio unitamente alla competenza e professionalità dei propri funzionari, formulando una serie di osservazioni che saranno sicuramente utili agli Enti preposti nella redazione definitiva del Disegno di Legge attualmente in discussione in Regione. Le principali osservazioni mosse dalla Comunità Montana riguardano le ventilate ipotesi di accorpamento dei Parchi delle Alpi Marittime e dell'alta Valle Pesio e Tanaro, la composizione e le funzioni del Consiglio e del Presidente del Parco e il ruolo delle Comunità delle aree protette. Significativa è, in particolare, la posizione della Comunità Montana circa l'ipotesi di accorpamento dei due Parchi regionali. La conoscenza del territorio e delle realtà locali - continua Boccacci - ci fanno sostenere che l'accorpamento è solo apparentemente logico: un Parco guarda verso la Francia e la Valle Stura, l'altro è invece proiettato verso il monregalese. Se l'intenzione della Regione è comprensibile per ragioni di razionalizzazione ed economia, non lo è certamente considerando le ambizioni e i progetti dei due parchi. Lo stesso territorio era già stato forzatamente accorpato nel 1973 con la prima legge istitutiva delle Comunità Montane per poi essere diviso trent'anni dopo per rispettare ed esaltare le peculiarità di ciascuna area. Tra le ragioni di criticità verso l'ipotesi di accorpamento, vi è anche l'importante progetto portato avanti dalla Comunità Montana e dal S.O.C. del Dipartimento di Nizza per l'istituzione di un'associazione di Distretto Europeo che ha, tra i principali obiettivi, l'utilizzo unitario dei patrimoni naturalistico, ambientale e monumentale dei limitrofi Parchi delle Alpi Marittime e del Mercantour. Importanti osservazioni riguardano anche la nomina del Presidente del Parco che, pur ben potendo avvenire attraverso decreto del Presidente della Regione, deve tuttavia essere frutto di indicazione democratica e rappresentativa del territorio e la composizione del Consiglio del Parco. In proposito, la Comunità Montana osserva come la proposta contenuta nel disegno di legge non garantisca la rappresentatività del territorio. La Giunta comunitaria, come si legge nel testo inviato all'amministrazione Provinciale, invita il legislatore a voler verificare se nel caso specifico sia applicabile quanto già attuato in altre Regioni italiane dove le funzioni di programmazione e indirizzo, relativamente ai parchi montani, sono state andate alle Comunità Montane sul cui territorio le aree protette insistono. Critiche costruttive sono avanzate anche sulla formulazione dell'articolo 18 del Disegno di Legge regionale relativo alla Comunità del Parco. La Comunità del Parco come strutturata nel Disegno di Legge - conclude Ugo Boccacci - è pressoché inutile in quanto priva di reali poteri sull'attività del Parco. Sarebbe più opportuno configurarla come organismo di confronto, di concertazione e di compartecipazione alle iniziative che interessano l'area protetta.

5 12 Gennaio La Crio La Carta dei servizi socio-assistenziali. La Carta dei servizi socio-assistenziali può, in sintesi, definirsi come un vero e proprio patto scritto che impegna la Comunità Montana a migliorare costantemente il funzionamento dei propri apparati deputati all'erogazione dei servizi sociali ed assistenziali, il tutto al fine di garantire il diritto al miglior servizio ottenibile. Coerentemente con tale funzione, l'adozione della Carta risponde ad una serie di obiettivi prefissati dalla Comunità Montana, quali: informare i cittadini sui servizi offerti; stabilire standard qualitativi dei servizi stessi; mettere in atto procedure per verificare gli standard adottati; rimuovere rapidamente gli ostacoli che rendono difficili i rapporti con i cittadini utenti. I principi fondamentali a cui si ispira la Carta dei servizi e che la Comunità Montana si impegna a rispettare possono identificarsi nell'eguaglianza, nell'imparzialità e nella continuità, nel diritto di scelta, nella partecipazione dei cittadini (anche al fine di garantire la semplificazione delle procedure e un'informazione completa e trasparente), nella massima efficienza e efficacia, nell'accoglienza (il servizio socio-assistenziale si pone come porta d'accesso per ogni persona e ogni bisogno), nella personalizzazione degli interventi e nell'umanizzazione del servizio. Anni di lavoro. Il documento testé illustrato giunge in realtà dopo anni di intensa attività svolta in campo socio-assistenziale dalla preesistente Comunità Montana Valli Gesso, Vermenagna e Pesio. L'impegno in questo settore è La Comunità Montana informa COME LAVORA LA COMUNITA' MONTANA: SI PARTE DAI BISOGNI DEI CITTADINI. infatti ripreso, dopo l'intervallo di alcuni anni, dal primo gennaio 1997, in forza della Legge Regionale n. 62/95 e della delega conferita all'ente Montano da nove dei dieci Comuni che ad esso partecipavano (Chiusa Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri e Vernante) e consiste, allo stato attuale, nei seguenti servizi attività. Tutte le attività. Assistenza sociale di base; assistenza domiciliare; assistenza domiciliare integrata (che si svolge sotto la responsabilità del medico di base); educativa territoriale; segretariato sociale (il più richiesto); assistenza economica a persone o nuclei in momentanea difficoltà; inserimenti in comunità di minori e disabili; affidamenti familiari e adozioni (nazionali e internazionali); tutela materno-infantile; interventi per minori riconosciuti dalla sola madre; inserimento in centri diurni e residenziali e trasporto handicappati; servizio inserimenti lavorativi; inserimenti in strutture per anziani; commissione di vigilanza (per la verifica dei requisiti gestionali e strutturali dei presidi socio-assistenziali previsti dalla normativa); attività sociali a rilievo sanitario; collaborazione con l'autorità giudiziaria (Tribunale dei minori e ordinario per gli adulti incapaci); progetto famiglia e progetto anziani; problematiche psichiatriche e tossico-alcoldipedenti (in collaborazione con il Dipartimento di salute mentale, con il Servizio tossicodipendenti e con il Gruppo di lavoro dell'alcologia). Tutte le attività elencate sono state oggetto di uno specifico coordinamento finalizzato a garantirne la massima operatività, anche attraverso una particolare attenzione alla formazione degli operatori del territorio che costituiscono la prima e fondamentale risorsa. Per il futuro si tenderà a perfezionare e a potenziare i servizi già esistenti tramite l'aggiornamento e l'ulteriore formazione degli operatori, una maggiore attenzione alla domiciliarietà (da privilegiare rispetto ad altri interventi) e al servizio inserimenti lavorativi, la revisione della pianta organica del servizio socioassistenziale e, naturalmente, la divulgazione della Carta dei servizi. Un impegno a vasto raggio, quindi, che si colloca oltretutto in una prospettiva di ulteriore ampliamento e che pone ancora una volta in rilievo, se mai ve ne fosse bisogno, la concretezza della presenza dell'ente Comunità Montana sul territorio come soggetto in grado di venire incontro ai bisogni primari dei cittadini. NOTIZIE DALLA 2 a COMMISSIONE (Agricoltura, foreste, ) Si porta a conoscenza della popolazione che il giorno 13 dicembre, si è riunita la seconda Commissione, con all'ordine del giorno due argomenti proposti dalla Presidenza in collaborazione con l'assessore interessato. La prima proposta riguardava la bonifica del Bosco dell'impero in Andonno: dopo l'incendio dell'agosto 2003 che devastò la pineta e i terreni sottostanti, si è provveduto ad una prima fase di bonifica coordinata dal Dott. Peracchia del Settore Gestione Proprietà Forestali Regionali e Vivaistiche dell'ufficio di Cuneo. Questa prima bonifica ha interessato l'area tra quota 750 e 1000 m. S.l.m. con i lavori di ceduazione(taglio) e la relativa pulizia, terminata nel settembre Da ricordare che il Dott. Peracchia, Direttore dei Lavori, nella sua relazione ha confermato la disponibilità di proseguire i lavori nell'anno 2006 (escludendo il 2005 per mancanza di fondi). Questa prima proposta è stata accettata all'unanimità, previa consultazione del Corpo Forestale, del Parco delle Alpi Marittime, del Comitato Usi Civici. Per le modalità tecniche e la fattibilità, ci auspichiamo, che la bonifica sia completata al più presto. Nella seconda proposta si è valutata positivamente la fattibilità di frazionamento dei lotti boschivi in località Rucustun di Andonno, dopo aver preso visione delle prescrizioni contenute nella Determinazione Regionale n 89 del 16/02/2006, riguardante la progettazione della pista forestale, considerato che esiste un esposto da parte dell'associazione Legambiente di Cuneo riferito al S.I.C. (Sito d'interesse Comunitario), tanto è vero che il Sindaco con una delegazione di funzionari, sono stati convocati a Roma al Ministero dell'ambiente. Per questo esito bisognerà attendere il responso della Commissione Europea in merito. Antonino Rosso La questione rifiuti ci tocca tutti da vicino ed è un argomento davvero complesso, visto che non esistono soluzioni uniche adatte a tutte le esigenze e per qualunque contesto territoriale. Lo si può affermare per Valdieri, dove ci troviamo di fronte a realtà ed esigenze differenti a seconda che si prenda in esame il Capoluogo o le frazioni. Purtroppo sovente durante il normale svolgimento del nostro servizio sul territorio comunale riscontriamo situazioni che vanno contro ad ogni logica del buonsenso di una comunità civile; infatti alcune isole ecologiche si presentano danneggiate o maleodoranti a causa del conferimento di rifiuti all'esterno dei cassonetti, o senza utilizzare gli appositi sacchetti. Numerosi sono i rinvenimenti di rifiuti abbandonati nei prati, soprattutto derivanti da demolizioni edili, nonostante sia disponibile l'apposita area situata presso l'ex depuratore. Chiediamo solo ai cittadini di usare un pò di buon senso e di pensare all'immagine del proprio paese e soprattutto di entrare nell'ottica che una sistematica e corretta raccolta dei rifiuti in generale consente un'ottimizzazione delle risorse finanziarie del bilancio comunale. Inoltre vi invitiamo a segnalarci qualsiasi tipo di anomalia o disservizio in mondo tempestivo. NUOVA ANTENNA PER TELEFONI CELLULARI A S. ANNA Nell'agosto 2006 è stato attivato un nuovo ripetitore per telefoni cellulari che ha permesso la copertura di rete a S. Anna di Valdieri e in un'ampia area circostante. La Proloco di S. Anna di Valdieri, in collaborazione con l'amministrazione comunale, gli operatori di rete Vodafone e Telecom, sono riusciti quindi ad attivare il sistema in modo definitivo e costante superando non poche problematiche. Un operazione molto importante che permette di dare un servizio pubblico ed essenziale a tutti i santannesi e ai numerosi turisti che in estate affollano la valle e soprattutto una garanzia per la sicurezza di tutti i fruitori dell'alta montagna. Un ringraziamento particolare viene rivolto alla Pro-loco di S. Anna che per anni ha lavorato con grande impegno per realizzare questo progetto. L'assessore al territorio Giovanni Cappai ALCUNE RIFLESSIONI SUL TEMA DEI RIFIUTI Per sottolineare l'importanza di questa problematica e soprattutto per una maggiore sensibilizzazione, l'amministrazione Comunale, in collaborazione con il Parco Naturale Alpi Marittime e con l'ecomuseo della Segale, hanno elaborato un volantino di sensibilizzazione che troverete allegato a questo numero del notiziario. Su di esso vengono riportate tutte le istruzioni pratiche sulle modalità di differenziazione dei rifiuti e sulle normative vigenti riguardanti i rifiuti e soprattutto il calendario relativo ai passaggi di raccolta. Alcuni dati. A partire dall'anno 2001 si osserva un incremento nella percentuale della raccolta differenziata. Infatti sono stati raggiunti ottimi risultati, anche se non ancora adeguati al limite fissato dal Decreto Ronchi. Si passa, infatti, da una percentuale del 10,90% del 2001 a valori del 22% e 21% per gli anni ; per quanto riguarda l'anno 2006, finora abbiamo toccato valori del 35% nei primi 5 mesi dell'anno per scendere poi leggermente al 27% e 28% nella seconda parte dell'anno (percentuali assolutamente da non sottovalutare perché incoraggianti). Lo sforzo dei cittadini e dell'amministrazione Comunale non è stato vano ma bisogna ancora migliorare!!! L'ufficio di Polizia Municipale 5

6 6 Gennaio La Crio PROTEZIONE CIVILE La vigente normativa attribuisce al livello Comunale importanti funzioni in materia di Protezione Civile Il Sindaco è infatti autorità di protezione civile che al verificarsi dell'emergenza, nell'ambito del territorio Comunale, assume la direzione unitaria e il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alle popolazioni colpite e provvede alle azioni necessarie chiedendo l'intervento di altre forze e strutture ai livelli amministrativi sovraordinati (Provincia, Regione e Dipartimento Nazionale di Protezione Civile) quando la calamità naturale o l'evento non possono essere fronteggiati con le risorse, i materiali e i mezzi a disposizione del comune. Le attività sopra descritte vengono espletate attraverso la redazione e l'attuazione del Piano di Protezione Civile. In tal senso è stata attivata una proficua collaborazione con la Comunità Montana delle Valli Gesso e Vermenagna che, a seguito dei finanziamenti ottenuti dalla Regione Piemonte e dalla Fondazione C.R.T. di Torino, ha affidato un incarico alla società QueSiTe s.a.s. per la redazione dei Piani Intercomunali di Protezione Civile relativi ai territori della Valle Gesso e della Valle Vermenagna. Il consiglio comunale ha quindi approvato il Piano Comunale di Protezione Civile nella seduta del 24/11/2006. Il Piano comprende un'analisi del territorio comunale (attraverso il rilevamento di dati e la redazione di cartografie tematiche), l'individuazione degli scenari di rischio (che rappresentano l'oggetto delle potenziali attivazioni della Protezione Civile), la descrizione degli attori del complesso Sistema di Protezione Civile ai vari livelli (Enti pubblici, Vigili del Fuoco, Forze dell'ordine, Forze Armate, Corpo Forestale dello Stato, Sistema Sanitario, Volontariato, ecc ) ed infine l'individuazione del modello organizzativo comunale e delle procedure di emergenza. Un'altra importante funzione attribuita ai comuni è l'impiego del volontariato di protezione civile. Dopo l'approvazione di apposito regolamento (deliberazione del consiglio comunale n. 18 del 14/03/2006) la giunta, nella seduta del 09/12/2006, ha preso ufficialmente atto della costituzione del Gruppo Comunale dei volontari di protezione civile che risulta composto da ben 21 persone. I volontari e le volontarie, dotati di divise estive ed invernali acquistate dalla Comunità Montana delle Valli Gesso e Vermenagna grazie ad un contributo della Regione Piemonte, hanno già preso parte ad un corso di Pronto Soccorso che sarà ripetuto in primavera per coloro che non vi hanno potuto partecipare. Il Gruppo Comunale dei volontari di protezione civile ha inoltre già operato a supporto delle forze dell'ordine in ambito di sicurezza stradale (Rally di Agosto), a sostegno della squadra di Entracque durante le riprese del film Ink Heart (utilizzando un mezzo messo a disposizione dal Coordinamento Provinciale dei Volontari di Protezione Civile sul quale è stato sistemato il modulo antincendio di proprietà del Comune di Valdieri) e ancora lunedì 18 dicembre 2006 in occasione di un allagamento che ha interessato l'istituto Imberti Grandis dovuto alla rottura di un idrante posto al 2 piano. Si comunica che i cittadini che volessero aderire al gruppo possono rivolgersi direttamente all'ufficio di Polizia Municipale o richiedere maggiori informazioni all'assessore Macario. L'assessore alla Protezione Civile Graziano Macario MANIFESTAZIONI ESTIVE AD ANDONNO xdopo la bella esperienza di gruppo con la mostra itinerante Mistà - immaginette sacre, quest'anno abbiamo riscoperto l'antica tradizione della lavanda, l'izòp. La raccolta della lavanda è stata un'attività importante per la Valle Gesso: dalla ricerca storica dei contratti negli archivi comunali, alle interviste agli abitanti che hanno vissuto l'epoca della lavanda, con i bambini dell'oratorio che l'hanno illustrata nei disegni esposti in una piccola mostra dedicata, è nata la manifestazione Ai tèmp d'l'izòp, tenutasi ad Andonno il 29 e 30 luglio. Una gran partecipazione di pubblico per assistere all'asta della lavanda con i figuranti d'un tempo: dal Sindaco, il Segretario comunale, i commercianti di lavanda e il Messo con la trombetta, alla gente di paese affaccendata nella raccolta, nella vendita dei fiori all'appaltatore, nella distillazione e in tutti i mestieri della nostra comunità contadina. Con lo spettacolo Estate a Tetto Giüzèj, Gina e Renato hanno dato vita ai ricordi di un mondo vicino e lontano in una brillante prova teatrale con i ragazzi di Andonno. Domenica 13 agosto, con il Gruppo amici del libro di Demonte, si è tenuta una gradevole sfilata di abiti da sposa, coinvolgendo damigelle, indossatrici e indossatori, truccatori e parrucchieri, che si sono adoperati con spontaneità e spirito di partecipazione, anche spolverando dai bauli gli abiti delle nonne. Vogliamo sperare di ritrovarci ancora la prossima estate a far conoscere le nostre tradizioni, tra cultura, gastronomia e territorio, immersi nel fresco profumo della lavanda. Grazie alla buona collaborazione con la gente, la Pro Loco, la Parrocchia, l'oratorio, il Comune e il Parco, Andonno ha quindi arricchito il consolidato programma delle manifestazioni estive, rinnovando l'interesse e l'offerta turistica del territorio valdierese. Gruppo culturale Tabàs 11 TESI DI LAUREA SULLA FESTA DELLE MASCHE Venerdì 22 dicembre, presso la sala riunioni del Parco Naturale Alpi marittime a Valdieri, è stata presentata la tesi di laurea Masche in festa: un viaggio tra tradizione e modernità. Il lavoro, realizzato da Stefania Sardo - studentessa della facoltà di Scienze del Turismo presso l'università degli Studi di Torino, ha ripercorso le tappe fondamentali della festa delle masche analizzandone dettagliatamente tutti gli aspetti e cercando soprattutto di far cogliere lo spirito con il quale i valdieresi partecipano all'organizzazione dell'evento. Si tratta di uno studio molto interessante che potrebbe essere utile per progetti didattici e di ricerca storica ma anche promozionali. L'intenzione è infatti quella di valutare la possibilità di realizzare una pubblicazione, utile per far conoscere il magico mondo intorno al quale ruota la festa, e di conseguenza sfruttare l'occasione per pianificare una vera e propria operazione di marketing turistico. Un ringraziamento particolare e un augurio per una brillante carriera a Stefania che fin dalla prima edizione della festa partecipa come comparsa nella scena delle Setmine. Il Sindaco Emanuel Parracone MANIFESTAZIONI CULTURALI E SPORTIVE: Anche quest'anno il Comune di Valdieri può stilare un bilancio positivo sia in termini di partecipazione di pubblico e di ritorno di immagine grazie alla collaborazione attiva di tutti i cittadini, delle associazioni locali, della Comunità Montana Valli Gesso e Vermenagna e del Parco Naturale Alpi Marittime che hanno proposto iniziative molto apprezzate dai numerosi turisti che hanno visitato la nostra valle. Fra gli altri ricordiamo i seguenti appuntamenti: I cavalli nella Valle dei Re (14-16 luglio - Andonno), concerto dell'orchestra a fiati dell'antica Musica del Corpo Pompieri di Torino (22 luglio - Valdieri), Valdieri Bike Run (29 luglio - Valdieri), Festa della Lavanda (29-30 luglio - Andonno), concerto delle stelle cadenti (12 agosto - Valdieri), i Marsenc (13 agosto - Andonno), XV festa della segale (20 agosto - S. Anna di Valdieri), VI edizione di Anin a balar cun masche e servan (8-9 settembre - Valdieri), Sagra del garun - la Fiero (8 ottobre - Valdieri), 1 edizione dei giochi dei cantun sotto l'albero (30 dicembre - Valdieri). L'assessore alla Turismo Graziano Macario MEMORIE DI ANTICHE VIGNE Un piccolo contributo al recente libro Gli antichi vigneti della Valle Stura e tracce di un glorioso passato di Silvano Taricco, è arrivato da Andonno. Dalla testimonianza della nota strada delle vigne, Daniela Risso ha commentato alcune tracce storiche delle vigne locali, riportate negli archivi comunali. Gruppo culturale Tabàs

7 10 Gennaio La Crio USI CIVICI: ieri, oggi e domani Rinnoviamo l appuntamento dei lettori de La Crio con alcune notizie dal Comitato Usi Civici di Andonno. Pulizia sentiero di Tetto Gjüzéi e della Fontana Tetto Mencin Grazie al prezioso contributo assegnato dalla Comunità Montana direttamente al Comitato, nella prossima primavera potrà essere ripristinato il vecchio tracciato che dal Tetto Balòta sale, passando dietro ai caseggiati, fino al Tetto del Ciòl; prosegue passando da Tetto Chélu e Tetto Dinét per salire poi a zig zag su per la montagna in località Ciarpre fino al Tetto Gjüzéi. Dai caseggiati del Tetto Gjüzéi, il sentiero da ripristinare devia, verso la cima del monte Croce, fino a congiungersi con il tratto già ripristinato, in corrispondenza del Tetto Mencin, per una lunghezza totale di circa mt. Gli andonnesi che fossero interessati Il richiamo BAMBINI SI PARTE! è stato accolto con entusiasmo ed interesse da piccoli e grandi abitanti del nostro Comune. Le attività dell'oratorio sono iniziate sabato 25 novembre, dopo alcuni anni di pausa, ed hanno impegnato i bambini (piccoli e grandi) nell'elaborazione di diversi lavori inerenti il tema natalizio: - pittura su sassi; - Babbo Natale su cartoncino; - Presepe realizzato con la fantasia dei ragazzi; - Angioletti di pasta; - Biglietto di auguri; - E dulcis in fundo. Il lavoro con pasta e sale che ha entusiasmato ragazzi ed assistenti. ad eseguire i lavori sono pregati di comunicarcelo al più presto; prima di dare inizio ai lavori sarà effettuato un sopralluogo insieme per concordare i tempi, le modalità di intervento e di rimborso del servizio in base alle adesioni ricevute. Questa importante iniziativa di salvaguardia del patrimonio di uso civico potrebbe diventare una importante possibilità di valorizzazione del territorio in occasione della prossima Festa della lavanda! Vuoi entrare a far parte della grande famiglia dell'oratorio? Vieni il sabato dalle ore alle presso le Statuto La Regione Piemonte Ufficio Usi Civici con una lettera della primavera 2006 informava che... ha concluso la fase istruttoria... di esame dello Statuto Regolamento e pertanto prevedeva di emettere il provvedimento finale... entro il mese di marzo p.v.... Dopo tanti appelli e solleciti in oltre ventiquattro mesi dalla data di approvazione da parte dell Assemblea, prendiamo atto che anche il Comune di Valdieri si è ufficialmente impegnato a sollecitarne la vidimazione prima delle prossime elezioni... Continueremo ancora ad informarci ed a informarvi. Rinnovo del Comitato Scadrà nella prossima primavera il mandato del Comitato eletto nel maggio Il 15 dicembre scorso, il Consiglio comunale di Valdieri ha deliberato di richiedere alla Regione Piemonte di indire le elezioni per il rinnovo dei consiglieri del Comitato. Nelle prossime occasioni d incontro ci vogliamo augurare di trovare sempre nuovi andonnesi disponibili a dedicarsi attivamente per il riconoscimento di questo importante diritto storico, particolarità della nostra comunità frazionale! Daniela Risso Nuove attività dell oratorio CORALE DI VALDIERI L'anno 2006 è stato pieno di soddisfazioni per i Ciantour d'vaudier. A partire dalla trasferta di due giorni ad Assisi nel mese di marzo, dove si è esibita nella Basilica di S. Maria Maggiore cantando la S. Messa, fino ad arrivare, attraverso vari altri impegni, a dicembre con due splendidi concerti: il 16 e il 17 a Borgo San Dalmazzo - Chiesa di Gesù Lavoratore e Cuneo - Chiesa di S. Sebastiano, ed il 23 dicembre nella Scuole Elementari di Valdieri, noi ti aspettiamo!!!!! Romina, Aurora, Federica e Irma nostra Parrocchia, con la collaborazione del Coro delle voci bianche. Tutto questo è stato possibile grazie alla volontà e all'impegno continuo di tutti i coristi magistralmente diretti da Isabella Bagnis. Questi successi devono invogliare, non solo la corale, a continuare e ad attrarre nuove voci. Maurizio Massa, RECUPERATO LO SCHELETRO NELL'ABISSO MAURO EZIO GOLA Circa due anni fa, precisamente il 14 febbraio del 2004, il gruppo speleologico Alpi Marittime, nel corso dell'esplorazione dell'abisso Mauro Ezio Gola in prossimità della borgata di tetti Muret nel vallone dell'infernotto, aveva scoperto i resti di uno scheletro umano. Dopo la segnalazione al Comune di Valdieri e ai Carabinieri, la Procura della Repubblica aprì un fascicolo; non avendo ritrovato sul posto indumenti o altri elementi significativi tali da consentire la datazione immediata e vista la particolarità della zona del ritrovamento e della tipologia delle ossa, venne coinvolta la Soprintendenza ai Beni Archeologici di Torino nella persona della dott.ssa Venturino. Si aprì infatti un ventaglio molto ampio di ipostesi sulla provenienza dei resti rinvenuti. Dopo il nulla osta dell'autorità competente e alcune indagini conoscitive sul luogo del ritrovamento e sull'area circostante, fatte in collaborazione con la Soprintendenza, il 26 novembre 2006 si è proceduto al recupero dei resti che consistono nel cranio e in alcune ossa. Le operazioni sono state condotte dal gruppo speleologico che aveva fatto il rinvenimento, coordinati dal dott. Livio Mano responsabile del museo civico di Cuneo e incaricato di seguire il caso; all'intervento hanno partecipato il Sindaco, il vice Sindaco e l'assessore Cappai. Dopo aver raggiunto la zona e aver attrezzato il pozzo per la discesa, gli speleologi hanno provveduto ad effettuare alcuni rilievi geomorfologici della grotta e, prima di procedere alla rimozione delle ossa, a documentare fotograficamente i reperti. I resti, dopo una prima catalogazione, sono stati riportati in superficie in appositi contenitori e depositati temporaneamente presso in Museo Civico di Cuneo dove una equipe di esperti dovrà datarli e provare a trovare una spiegazione della presenza di una persona in quella particolare localizzazione. Nell'attesa di conoscere gli esiti di queste analisi specialistiche, che a prima vista escluderebbero un decesso recente, si è provveduto ad effettuare alcune ricerche nell'archivio storico del Comune per vedere se ci fossero notizie di sparizioni o incidenti ma non è emerso nulla di rilevante. Per quanto riguarda il luogo del ritrovamento (non si tratta di una vera e propria cavità di origine carsica né tanto meno un'opera realizzata dall'uomo ma di una fenditura nella roccia profonda circa 200 metri dovuta a fenomeni naturali) si è appreso che fu esplorato per la prima volta nel 1984 da un gruppo che comprendeva anche il valdierese Claudio Piacenza. A chiusura delle operazioni l'amministrazione comunale vuole ringraziare la Soprintendenza, il Dott. Livio Mano, il Gruppo Speleologico Alpi marittime di Cuneo e tutti coloro che hanno collaborato alla buona riuscita del recupero. Nel momento in cui si avranno notizie certe sull'origine dei resti verranno attivate tutte le collaborazioni del caso per eseguire studi più approfonditi e valutarne l'eventuale e ipotetico interesse scientifico. NOTIZIE IN BREVE La Giunta Comunale si è impegnata a contribuire, con un mutuo di euro, ai lavori di adeguamento funzionale - 3 lotto - dell'istituto Imberti Grandis e a sostenere politicamente la relativa richiesta di contributo presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo. Sono stati confermati anche per il 2007 i valori di mercato a valere per l'applicazione dell'ici sulle aree fabbricabili destinate dal PRGC agli usi residenziale, terziario e produttivo (delibera giunta comunale n. 97 in data 26 ottobre 2006). Martedì 12 dicembre la classe V della Scuola Elementare di Valdieri ha incontrato il Sindaco nella sala consiliare al quale sono state posti interessanti quesiti sull'attività amministrativa. Dopo una visita del palazzo municipale la giornata si è conclusa con un momento di festa. Il Comune di Valdieri ha presentato il dossier di candidatura per ottenere la certificazione Bandiera Arancione promossa dal Turing Club Italiano; i territori che ottengono tale riconoscimento possono usufruire di importanti agevolazioni in campo turistico e promozionale. Il Sindaco Emanuel Parracone Dal 9 al 15 febbraio 2007, presso il Parco Naturale Alpi Marittime, verrà organizzato la mostra Dei Selvatici collegata all'organizzazione del carnevale dell'orso di Segale che si svolgerà domenica 11 febbraio. Per l'organizzazione si renderà necessario il contributo di tutti. Si ricorda a tutta la cittadinanza che, ai fini di una maggior azione di prevenzione contro i furti e le truffe, è di fondamentale importanza comunicare tempestivamente qualsiasi situazione sospetta alla locale stazione dei Carabinieri o all'ufficio di Polizia Municipale. Con una lettera (rif. Prot/p ) l'enel Sole Srl ha vietato alle amministrazioni comunali l'installazione, sui sostegni di pubblica illuminazione di sua proprietà, di cartelli pubblicitari, luminarie e simili per ragioni di sicurezza. Di conseguenza non si sono potute installare come di consueto, in alcuni punti del territorio comunale, le luminarie natalizie. Consultando il sito si ottengono informazioni sul neo progetto di «La scuola internazionale delle Alpi Marittime». A breve verrà attivato il nuovo sito del Comune di Valdieri, consultabile alla pagina attualmente ancora in fase di allestimento. 7 Si ricercano volontari/e per la gestione della biblioteca. Info: Comune di Valdieri - Ufficio di Segreteria.

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE (STATUTO art. 51: Il consiglio comunale può avvalersi di consulte di settore su tematiche specifiche: giovani, cultura,solidarietà

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI Approvato con deliberazione consiliare n. 34 del 10.10.2008 Art. 1- Istituzione 1. Il Consiglio Comunale di Pontecagnano Faiano aderendo

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Si veda foglio firme PRESENTI ORDINE DEL GIORNO 1) Insediamento della Consulta

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013)

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) GRUPPO GENOVA LEVANTE Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) Art. 22 Statuto Agesci Progetto educativo del Gruppo Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI TITOLO I DENOMINAZIONE DURATA - SCOPI SOCIALI FINALITA MARCHIO Articolo 1 Costituzione - Sede - Durata E' costituita una Associazione senza fini di lucro denominata

Dettagli

Protocollo Provinciale d'intesa

Protocollo Provinciale d'intesa Protocollo Provinciale d'intesa Ordine dei Consulenti del Lavoro Viterbo Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Sede di Viterbo PROTOCOLLb D'INTESA J La Sede Provinciale

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI Premessa Il sistema di valutazione della prestazione individuale del personale della Comunità montana del Torre Natisone e Collio si pone la finalità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA L Ordine dei farmacisti è un Ente pubblico non economico ausiliario dello Stato, sotto la vigilanza di alcuni Ministeri. Rappresenta tutti i farmacisti

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni Indagine condotta per: 12 Novembre 2010 Obiettivi dell indagine L'Italia è un Paese in cui

Dettagli

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 Allegato e parte integrante della relazione previsionale e programmatica approvata dal consiglio comunale con

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

VISTO DI REGOLARITA CONTABILE SU DETERMINA

VISTO DI REGOLARITA CONTABILE SU DETERMINA VISTO DI REGOLARITA CONTABILE SU DETERMINA N. proposta 313 del 2015 N. 275 del 11-03-2015 del Registro Generale OGGETTO: AFFIDAMENTO INCARICO DI REDAZIONE DEL DOSSIER DI CANDIDATURA PER I PROGRAMMI DI

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

Elezioni per il rinnovo del Parlamento

Elezioni per il rinnovo del Parlamento Elezioni per il rinnovo del Parlamento Candidati Partito Democratico di Como Camera dei Deputati Circoscrizione Lombardia II Partito Democratico Coordinamento Provinciale Como Chiara Braga 28enne, laureata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore Premessa Il Museo Palazzo Corte Metto (ex Museo della Flora, Fauna e Mineralogia) farà parte della costituenda rete museale

Dettagli

Comitato di Coordinamento

Comitato di Coordinamento Coomitaatoo t ddi i Coooorddi r i nnaamenntoo e t ddeel llee Orrggaannizzzaazioonni i z zi i ddi i Vooloonntaarri l t i aatoo t ddellaa PPrrootezioonnee Civvili ill ee Reggoolaameenntoo e l t Art. 1 Premessa

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

Raccomandazione finale

Raccomandazione finale Con il Sostegno dell Autorità Regionale per la Garanzia e Promozione della Partecipazione in base alla LR 46/ 2013 COMUNE DI MONTALE PERCORSO PARTECIPATIVO Raccomandazione finale 1 Le pagine che seguono

Dettagli

CONCORSO DI IDEE. Ai sensi dell art. 108 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (art. 57, D.P.R. n. 554/1999)

CONCORSO DI IDEE. Ai sensi dell art. 108 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (art. 57, D.P.R. n. 554/1999) CONCORSO DI IDEE Ai sensi dell art. 108 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (art. 57, D.P.R. n. 554/1999) RIQUALIFICAZIONE IGIENICA ED URBANISTICA DEL RIONE SCACCERA 1. ENTE APPALTANTE Denominazione:

Dettagli

Gentilissimo dr. Carli,

Gentilissimo dr. Carli, 1) Mail inviata il giorno 6 marzo 2014 al dr. Guido Carli, Consigliere Federale FISI, con delega allo Sci di Fondo Gentilissimo dr. Carli, da questa mattina siamo in frenetica agitazione per la copiosa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO (di seguito denominato U.S.R. Lazio) E ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE (di seguito denominato Protezione Civile)

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

ARCH. NAZZARENO LEONARDI IL NOSTRO PROGRAMMA

ARCH. NAZZARENO LEONARDI IL NOSTRO PROGRAMMA ELEZIONI DELEGATO ARCHITETTI PER LA PROVINCIA DI VICENZA 2015-2020 CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI ARCH. NAZZARENO LEONARDI IL NOSTRO PROGRAMMA

Dettagli

Bilancio al 31.12.2006

Bilancio al 31.12.2006 TI DO UNA MANO ONLUS Via Manzoni 11 20052 MONZA Bilancio al 31.12.2006 Premessa generale Non essendoci precise disposizioni in materia di rendicontazione per ONLUS come la nostra, si ritiene di dare un

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Delibera di Consiglio n... del.. Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento

Dettagli

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE Circolo 25 Aprile del Partito Democratico di Bareggio INDICE PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE (approvato nella seduta del coordinamento del Giorno 14-11.2013) 1. Oggetto 2. Funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA

VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA L affidamento del servizio socio educativo dell asilo nido aziendale istituito presso l I.N.P.D.A.P. VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

L ASSESSORE COMPETENTE PROPONE CHE LA GIUNTA COMUNALE DELIBERI

L ASSESSORE COMPETENTE PROPONE CHE LA GIUNTA COMUNALE DELIBERI Dato atto che l Associazione Culturale Teatro delle Forme ha elaborato e proposto un programma di attività culturali, con particolare riferimento all ambito teatrale, che coinvolge i territori delle Province

Dettagli

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia Regolamento Comunale per l Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Castiglione della Pescaia CAPO I PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Articolo 1 Principi Ispiratori e Definizioni... 3 CAPO II - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

LA COLLABORAZIONE TRA ENTI PARTE A

LA COLLABORAZIONE TRA ENTI PARTE A AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO ANAGRAFE DELL EDILIZIA SCOLASTICA LA COLLABORAZIONE TRA ENTI PARTE A Ciclo di incontri marzo aprile 2011 1 Responsabile progetto: ing. Rossano Ghizzoni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

CONVENZIONE PER L IMPIEGO DI RISORSE DEL VOLONTARIATO UMANE E STRUMENTALI, PER INTERVENTI PREVENTIVI ED IN EMERGENZA DI PROTEZIONE E DIFESA CIVILE

CONVENZIONE PER L IMPIEGO DI RISORSE DEL VOLONTARIATO UMANE E STRUMENTALI, PER INTERVENTI PREVENTIVI ED IN EMERGENZA DI PROTEZIONE E DIFESA CIVILE CONVENZIONE PER L IMPIEGO DI RISORSE DEL VOLONTARIATO UMANE E STRUMENTALI, PER INTERVENTI PREVENTIVI ED IN EMERGENZA DI PROTEZIONE E DIFESA CIVILE Tra La Città di Torino, rappresentata dal Dirigente pro

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE

NUCLEO DI VALUTAZIONE Gli approfondimenti di Publika NUCLEO DI VALUTAZIONE O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SI PUÒ SCEGLIERE? A cura di Gianluca Bertagna NUCLEO O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE A cura di Gianluca

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI COMUNE DI EMPOLI SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI VERBALE DELLA CONFERENZA DI SERVIZI Convocazione ai sensi dell art. 22 e succ. della Legge Regionale Toscana 23 luglio 2009 n. 40 e ss.mm.ii. Procedimento

Dettagli

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO Art. 1 È istituita la Biblioteca pubblica comunale di Valstagna, aperta a tutti i cittadini con l intento di raccogliere, conservare e mettere in valore i

Dettagli

Salviamo Paganica ONLUS

Salviamo Paganica ONLUS Il direttivo dell Associazione, si è riunito in data 27 giugno 2011, alle ore 21:00, presso il Centro Civico di. Risultano presenti: Cognome Nome Presente CICINO Franco X DE PAULIS Francesco X PERNA Paolo

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA AZIONE CATTOLICA ITALIANA ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA Approvato dall assemblea diocesana del 1 aprile 2006 Dichiarato conforme dal consiglio nazionale del 10-11 giugno 2006 Integrato

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA L.

COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA L. COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA L. 241/90 Il presente Regolamento: 1. E stato adottato con delibera

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279 Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Prot. n. (SPS/05/3013) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 Statistiche, linee di lavoro, considerazioni finali circa la gestione 2013-2014 del sito web dell IC 16 Valpantena. Mariacristina Filippin 16 giugno 2014

Dettagli