Aree monitorate in provincia di Sondrio: il nuovo sistema di gestione dei dati in tempo reale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aree monitorate in provincia di Sondrio: il nuovo sistema di gestione dei dati in tempo reale"

Transcript

1 Il monitoraggio dei fenomeni franosi Sala Convegni della Comunità Montana della Valsassina Barzio 29 maggio 2009 Aree monitorate in provincia di Sondrio: il nuovo sistema di gestione dei dati in tempo reale Gregorio Mannucci (ARPA Lombardia), Giovanni Benzoni (Selex S.p.a.), Pierfederico Colombo (Golder S.r.l.), Mauro Reguzzoni (Hortus S.r.l.) Frana del Ruinon: punti di controllo radar Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia1

2 La storia del monitoraggio geologico - geotecnico in Lombardia Gran parte delle esperienze si sono sviluppate a partire dal 1987, anno dell alluvione in Valtellina. La peculiarità di alcune situazioni ha permesso lo sviluppo di tecniche innovative, tra cui l interferometria radar da terra sperimentata sulla frana del Ruinon. Fin dal 2002 la Regione Lombardia ha ritenuto necessario dare diffusione ai dati rilevati dalle stazioni di rilevamento, cominciando da quelle idro-meteorologiche. E stato predisposto un cd rom con memorizzati i dati validati in formati tali da renderli direttamente utilizzabili. Tale obiettivo è stato ulteriormente sviluppato da ARPA che dal 2003 ha distribuito cd rom aggiornati relativi sia ai dati idrometeorologici che geotecnici Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia2

3 Centro Monitoraggio Geologico Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia3

4 Centro Monitoraggio Geologico Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia4

5 Sistemi di monitoraggio geologico geotecnico gestiti dal Centro Monitoraggio Geologico Legenda: 1) Semogo* 2) Ruinon* 3) Suena 4) Presure 5) Boero 6) Val Pola* 7) Oultoir 8) Valle di Saviore* 9) Campo Franscia* 10) Sasso del Cane* 11) Val Torreggio* 12) Spriana* 13) La Pruna 14) Bema 15) Monte Letè 16) Gera Lario* Con l asterisco sono indicati i sistemi in telemisura Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia5

6 Il piano di sviluppo delle reti di monitoraggio afferenti ad ARPA In base all analisi delle serie storiche si sono evidenziate le seguenti necessità. Revisione dello schema della sensoristica a campo con miglioramento della rappresentatività di punti di misura, miglioramento del servizio manutentivo, abbandono delle aree non in evoluzione. Aggiornamento dei sistemi di acquisizione dei dati in situ con miglioramento delle prestazioni in termini di campionamento e memorizzazione del dato. Adeguamento sia tecnico che normativo dei sistemi di trasmissione dati utilizzando, oltre ai sistemi radio in banda UHF, anche la tecnologia GSM/GPRS. Progressivo abbandono di sistemi di acquisizione e gestione dei dati di tipo proprietario perseguendo una politica di normalizzazione dei sistemi di monitoraggio di varia tipologia (meteo, idro, geotecnico, aria, ecc.). Creazione di uno struttura di gestione delle acquisizioni in grado di supportare significative implementazioni. Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia6

7 Il processo di standardizzazione della gestione dei dati e dei sistemi di monitoraggio, Fase 1 Progettazione della struttura di archiviazione distribuita con l implementazione di un Data Base unificato per tutte le reti di monitoraggio. Importazione automatica dei dati a valle dei front-end proprietari delle reti idrometriche, meteorologiche, nivologiche, geotecniche e di qualità dell aria. Recupero ed importazione delle serie storiche residenti su applicativi differenziati. Normalizzazione delle modalità di accesso e distribuzione dei dati tramite Web-Services e XML. Condivisione degli strumenti per il trattamento dei dati tramite lo sviluppo di propri moduli applicativi di visualizzazione, elaborazione e validazione. Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia7

8 Il processo di standardizzazione della gestione dei dati e dei sistemi di monitoraggio, Fase 2 Progressiva riduzione del ricorso a front-end proprietari per la gestione delle reti di monitoraggio da realizzarsi attraverso la riprogettazione e la standardizzazione: dei sistemi di comunicazione della modalità di trasmissione dei dati Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia8

9 L attuale fase di attuazione del progetto riguarda le reti geotecniche e idro-meteorologiche afferenti al Centro Monitoraggio Geologico Per la riorganizzazione funzionale delle reti di monitoraggio del Centro si è previsto l utilizzo di standard per eccellenza, ovvero: Implementando il protocollo di comunicazione TCP/IP sulle reti: Radio UHF; Telefonia mobile GPRS. Utilizzando per l acquisizione dai data-logger la modalità di trasferimento di informazioni FTP (File Transfer Protocol). Prescrivendo: il formato con cui rendere disponibili le informazioni rilevate; l utilizzo delle codifiche dell anagrafica unificata. Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia9

10 La scelta del protocollo standard TCP/IP (Transmission Control Protocol / Internet Protocol) Garantisce la totale trasparenza, apertura e scalabilità del sistema di comunicazione, normalizzando il trasporto dei dati e di altri protocolli. Consente di attivare politiche personalizzate di gestione degli accessi e del traffico. Rende indipendente il dispositivo utilizzato per l acquisizione dei dati dal sistema di comunicazione. Consente l implementazione di reti di distribuzione complesse in grado di sfruttare sofisticati sistemi di indirizzamento quali reti radio UHF, dorsali a microonde, VLan su cavo e volendo anche reti di telefonia mobile. Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia 10

11 La scelta dello standard FTP (File Transfer Protocol) È un metodo di trasferimento dati tra host basato sul protocollo TCP/IP. Viene normalmente utilizzato per trasferire file tra piattaforme anche differenti, nel nostro caso tra data logger ed un server FTP, consentendo di superare la modalità di acquisizione dei dati sincrona (polling). Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia 11

12 Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia 12

13 Trasmissione tramite rete GSM/GPRS Trasmissione tramite Radio UHF Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia 13

14 Sistemi per l integrazione delle reti di monitoraggio Arpa Lombardia Servizio Meteorologico Regionale Ersaf : LSI-LASTEM Shake-up : SIAP-MICROS Centro Nivometeo Bormio: CAE Centro Monitoraggio Geologico : ENEL HYDRO, CAE, MTX Settore Aria PROJECT AUTOMATION Settore Risorse Idriche Ex Simn: CAE Ex Protezione Civile Regione Lombardia: SIAP-Micros Centro Monitoraggio Geologico Vari dissesti: ENEL HYDRO Gera Lario, Sasso del Cane, Ruinon: HORTUS IdroMeteo: CAE Rete DMV: MTX Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia 14

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA

La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA MONITORAGGI E FRANE: IL PROGETTO MIARIA E L ATLANTE REGIONALE DELLE FRANE La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA a cura di: Dott. Geol. Luca Dei Cas U.O. Centro

Dettagli

Adeguamento dei sistemi di reti strumentali per l acquisizione dei dati di monitoraggio afferenti al Centro di Monitoraggio Geologico dell ARPA

Adeguamento dei sistemi di reti strumentali per l acquisizione dei dati di monitoraggio afferenti al Centro di Monitoraggio Geologico dell ARPA Centro di Monitoraggio Geologico dell APA Linee guida del progetto: sicurezza e affidabilità e standardizzazione del sistema di comunicazione (TCP/IP) robustezza, affidabilità e ridondanza dei componenti

Dettagli

Settore Idrologia (monitoraggio acque)

Settore Idrologia (monitoraggio acque) Settore Idrologia (monitoraggio acque) Applicazione Potenziale cliente Prodotto Foto applicazione Monitoraggio livello idrometrico acque sotterranee, falde freatiche, pozzi, piezometri all interno di tombini,

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Seminario: Il dissesto idrogeologico: dalla conoscenza del territorio alla sua protezione Milano, 20 maggio 2015 INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Dott. Geol. Dario Fossati Regione

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATION ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATIONS Cosa sono? Le stazioni sono realizzate conformemente alla direttiva mondiale WMO (World Meteorological Organization), Annex n.8, e sono utilizzate

Dettagli

SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A

SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A S.p.A. SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A Ing. Daniele Sturla Acaop S.p.A Stradella (PV) S.p.A. ACAOP S.p.A. (Azienda Consorziale Acquedotti

Dettagli

" Soluzioni avanzate di telecontrollo con componenti standard di automazione: tecnologie Internet, M2M, IEC60870 "

 Soluzioni avanzate di telecontrollo con componenti standard di automazione: tecnologie Internet, M2M, IEC60870 " Soluzioni avanzate di telecontrollo con componenti standard di automazione: tecnologie Internet, M2M, IEC60870 " Obiettivi Prevenzione malfunzionamenti riduzione disservizi conformità a standard minimi

Dettagli

Il monitoraggio in Valsassina e le attività del Progetto MORFEO G.B. Crosta, F. Agliardi, P. Frattini

Il monitoraggio in Valsassina e le attività del Progetto MORFEO G.B. Crosta, F. Agliardi, P. Frattini Il monitoraggio in Valsassina e le attività del Progetto MORFEO G.B. Crosta, F. Agliardi, P. Frattini Dipartimento di Scienze Geologiche e Geotecnologie Università degli Studi di Milano Bicocca Ufficio

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - I multipli 1 KB (kilo) = 1000 B 1 MB (mega) = 1 mln B 1 GB (giga) = 1 mld B 1 TB (tera) = 1000 mld B Codifica binaria dei numeri Numerazione con base 10:

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Manutenzione della rete strumentale e del sistema di acquisizione dei dati di monitoraggio idrologico, nivologico e meteorologico (INM) di ARPA Lombardia 1. OGGETTO DELL APPALTO...

Dettagli

ELETTROMAX. I principali prodotti di Elettromax sono:

ELETTROMAX. I principali prodotti di Elettromax sono: ElettroMax opera realizza sistemi di monitoraggio e automazione nel settore meteorologico, delle indagini ambientali, industriali e della trasmissione dati. La nostra missione consiste nel realizzare sistemi

Dettagli

PRESENTAZIONE GENERALE

PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE Il sito è stato ideato ed istituito per rendere visibile a tutti, specialmente ai soggetti operanti nella protezione civile, la situazione idrometeorologica rilevata dalle stazioni

Dettagli

PIEMONTE DELLA NEVE AL SUOLO IN. Il monitoraggio della neve nell'area Alpina ha ricevuto negli ultimi anni un'attenzione

PIEMONTE DELLA NEVE AL SUOLO IN. Il monitoraggio della neve nell'area Alpina ha ricevuto negli ultimi anni un'attenzione MONITO DELLA NEVE AL SUOLO IN PIEMONTE Roberto Cremonini, Maria Cristina Prola, Secondo Barbero, Erika Solero Arpa Piemonte, Dipartimento Servizi Previsionali, Torino, Italia Enrico Bonansea, Marcella

Dettagli

The new era of lighting

The new era of lighting The new era of lighting COS È MINOS SYSTEM? LA TELEGESTIONE A PORTATA DI CLICK Minos System è il sistema rivoluzionario per la gestione intelligente dell illuminazione esterna che abilita sulla rete elettrica

Dettagli

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE DOCUMENTO DIVULGATIVO SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE Servizi di pubblico utilizzo gestiti da un unica piattaforma software Reverberi Enetec. DDVA27I2-0112 Sommario 1. Servizi a valore aggiunto

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO Protezione Civile

PROVINCIA DI SONDRIO Protezione Civile Protezione Civile PIANO PROVINCIALE DI PROTEZIONE CIVILE Edizione 2011 PRESENTAZIONE La predisposizione di un piano provinciale di protezione civile a cura della Provincia è previsto dalle normative già

Dettagli

PRINCIPIO BASE DI FUNZIONAMENTO

PRINCIPIO BASE DI FUNZIONAMENTO Il sistema di supervisione permette di analizzare e controllare l insieme dei dati dell applicazione fotovoltaica utilizzando infrastrutture informatiche standard (PC con collegamento ad Internet). Complemento

Dettagli

offerti da Internet Calendario incontri

offerti da Internet Calendario incontri Introduzione ai principali servizi Come funziona Internet (9/6/ 97 - ore 16-19) offerti da Internet Calendario incontri Navigazione e motori di ricerca (11/6/ 97 - ore 16-19) Comunicazione con gli altri

Dettagli

Cesare Pallucca Application Engineer Manager Omron Electronics Spa

Cesare Pallucca Application Engineer Manager Omron Electronics Spa Reti di telecontrollo per le acque: i vantaggi nella modernizzazione degli impianti Cesare Pallucca Application Engineer Manager Omron Electronics Spa Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma

Dettagli

Project Automation S.p.a.

Project Automation S.p.a. PROJECT AUTOMATION S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ è la denominazione assunta nel 1999 da Philips Automation S.p.a., a sua volta costituita nel 1987 rilevando dalla Divisione Industrial & ElectroAcustic

Dettagli

M-BOX V. 1.00. Profilo di Prodotto

M-BOX V. 1.00. Profilo di Prodotto M-BOX V. 1.00 Pag 2 di 8 1 Descrizione M-BOX è un prodotto che consente di inviare e-mail da un applicativo SUPER-FLASH. È nato per semplificare l operazione di invio di e-mail e per gestire le problematiche

Dettagli

Accessori. Molteplici opzioni per il controllo e il monitoraggio di impianti

Accessori. Molteplici opzioni per il controllo e il monitoraggio di impianti Accessori Molteplici opzioni per il controllo e il monitoraggio di impianti 68 fotovoltaici Ingecon Sun Comunicazione Opzioni per la comunicazione con gli inverter tramite PC Funzionamento remoto e SCADA.

Dettagli

Gestione database tipologia e storico dei consumi orari, giornalieri, settimanali, annuali per singola cabina/per tutte.

Gestione database tipologia e storico dei consumi orari, giornalieri, settimanali, annuali per singola cabina/per tutte. Telecontrollo via rete Wireless L impianto consente la copertura in tecnologia radio Wireless Hiperlan dell area in cui sono ubicate le cabine elettriche da telecontrollare; ogni cabina è equipaggiata

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

L attività della Sala Operativa Regionale nella gestione delle emergenze idrogeologiche

L attività della Sala Operativa Regionale nella gestione delle emergenze idrogeologiche REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE L attività della Sala Operativa Regionale nella gestione delle emergenze idrogeologiche Palmanova, 1 ottobre 2009 dott. ing. Nadia

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

telecontrollo Il Polo Regionale di Telecontrollo reti e impianti di Forlì: tecnologia, efficienza e affidabilità per la sicurezza dei servizi a rete.

telecontrollo Il Polo Regionale di Telecontrollo reti e impianti di Forlì: tecnologia, efficienza e affidabilità per la sicurezza dei servizi a rete. telecontrollo Il Polo Regionale di Telecontrollo reti e impianti di Forlì: tecnologia, efficienza e affidabilità per la sicurezza dei servizi a rete. telecontroll0 Il Polo Regionale di Telecontrollo reti

Dettagli

AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 31

AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 31 AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 31 Z-RTU Unità remota di telecontrollo serie Z-PC UNITÀ DI CONTROLLO MODULI I/O DIGITALI MODULI I/O ANALOGICI MODULI SPECIALI MODULI DI COMUNICAZIONE SOFTWARE E ACCESSORI I/O

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

ARPA Lombardia A fianco delle istituzioni Al servizio di cittadini e imprese Per la tutela dell ambiente

ARPA Lombardia A fianco delle istituzioni Al servizio di cittadini e imprese Per la tutela dell ambiente ARPA Lombardia A fianco delle istituzioni Al servizio di cittadini e imprese Per la tutela dell ambiente INDICE Identità e ruolo di ARPA Lombardia pag. 4 Struttura organizzativa di ARPA Lombardia pag.

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

Come leggere ed interpretare la letteratura scientifica e fornire al pubblico informazioni appropriate sui farmaci

Come leggere ed interpretare la letteratura scientifica e fornire al pubblico informazioni appropriate sui farmaci Come leggere ed interpretare la letteratura scientifica e fornire al pubblico informazioni appropriate sui farmaci I motori di ricerca in internet: cosa sono e come funzionano Roberto Ricci, Servizio Sistema

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

Standard di comunicazione

Standard di comunicazione Standard di comunicazione Organizzato a livelli per ridurne la complessità e aumentarne la flessibilità il numero dei livelli e le loro funzionalità dipendono dal tipo di rete ogni livello formalizza un

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

Gestione in qualità degli strumenti di misura

Gestione in qualità degli strumenti di misura Gestione in qualità degli strumenti di misura Problematiche Aziendali La piattaforma e-calibratione Il servizio e-calibratione e-calibration in action Domande & Risposte Problematiche Aziendali incertezza

Dettagli

LA LINEA COMPLETA DI RTU PER LE RETI IDRICHE THE CONTROL TECHNOLOGY GROUP. Il campo di applicazione delle RTU AQUALOG comprende:

LA LINEA COMPLETA DI RTU PER LE RETI IDRICHE THE CONTROL TECHNOLOGY GROUP. Il campo di applicazione delle RTU AQUALOG comprende: LA LINEA COMPLETA DI RTU PER LE RETI IDRICHE Le RTU della famiglia AQUALOG nascono per soddisfare ogni esigenza dedicata al governo di impianti idrici siano essi di importanza critica o semplici stazioni

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

Data logger SOFREL LT/LT-US Soluzioni per reti di acque reflue

Data logger SOFREL LT/LT-US Soluzioni per reti di acque reflue Data logger SOFREL LT/LT-US Soluzioni per reti di acque reflue I data logger SOFREL LT e LT-US sono stati progettati per la sorveglianza delle reti di acque reflue e pluviali (collettori, scolmatori di

Dettagli

L AUTOMAZIONE E IL TELECONTROLLO NELLE MULTIUTILITIES: IL GRUPPO HERA

L AUTOMAZIONE E IL TELECONTROLLO NELLE MULTIUTILITIES: IL GRUPPO HERA L AUTOMAZIONE E IL TELECONTROLLO NELLE MULTIUTILITIES: IL GRUPPO HERA BOLOGNA 2-10-2007 Ing. Roberto Barilli, Direttore Generale Hera S.p.A. 1 Hera rappresenta in Italia una delle principali Multiutility

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013 111 D.G. Protezione civile, polizia locale e sicurezza D.d.s. 1 marzo 2013 - n. 1734 Esito della ricognizione delle pianificazioni provinciali vigenti in materia di protezione civile IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Atti Progetto AQUATER, Bari, 31 ottobre 2007, 9-14 LA BANCA DATI DEI PROGETTI DI RICERCA E L ARCHIVIO DOCUMENTALE DEL CRA Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Consiglio per la Ricerca e

Dettagli

2) individui il numero "n" di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica;

2) individui il numero n di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica; ESAME DI STATO Istituto Tecnico Industriale Anno 2004 Indirizzo ELETTRONICI Tema di TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole realizzare un sistema che permetta di strutturare 20 canali informativi analogici

Dettagli

GESFRA -GESES. Sistema per il monitoraggio remoto di Eventi Franosi ed Esondazioni GESFRA

GESFRA -GESES. Sistema per il monitoraggio remoto di Eventi Franosi ed Esondazioni GESFRA GESFRA -GESES Sistema per il monitoraggio remoto di Eventi Franosi ed Esondazioni 1 INDICE DOCUMENTO 1. Premesse progettuali del sistema GESFRA 2. Obiettivi già raggiunti del sistema GESFRA 3. 4. Funzionamento

Dettagli

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio REGIONANDO 2001 REGIONE LIGURIA Settore Assetto del territorio e Controllo Tecnico ATTIVITÀ REGIONALI PER LA QUALIFICAZIONE E SOSTEGNO DEGLI ENTI LOCALI LIGURI NELLA DIFESA DEL SUOLO E NELLA TUTELA DELLA

Dettagli

Supervisione Impianti Fotovoltaici

Supervisione Impianti Fotovoltaici So ware developers and providers for the energy and u lity industries Supervisione Impianti Fotovoltaici Un impianto Fotovoltaico, oltre a contribuire alla generazione di Energia Eco-Sostenibile, costituisce

Dettagli

EOLO crp: la nuova frontiera dei datalogger imbarcabili

EOLO crp: la nuova frontiera dei datalogger imbarcabili EOLO crp: la nuova frontiera dei datalogger imbarcabili Luca Pasquini e Stefano Vianelli Eurins srl Abstract Il datalogger imbarcabile EOLO crp è concepito per l impiego in numerosi settori applicativi

Dettagli

La Gestione della Città Intelligente

La Gestione della Città Intelligente La Gestione della Città Intelligente L azienda Dal 1982 esperienza e professionalità Fondata nel 1982, Umpi Elettronica è la società del Gruppo Umpi specializzata nel progettare e realizzare prodotti e

Dettagli

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it MODELLO CLIENT/SERVER Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it POSSIBILI STRUTTURE DEL SISTEMA INFORMATIVO La struttura di un sistema informativo

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

NEWSLETTER n. 60 Giugno 07

NEWSLETTER n. 60 Giugno 07 NEWSLETTER n. 60 Giugno 07 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Monia Maccarini Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia SOMMARIO «BOLLETTINO DISAGIO DA CALORE

Dettagli

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali Roberto Cremonini Arpa Piemonte Dip. Sistemi Previsionali Rocco Pispico Arpa Piemonte Dip. Geologia e Dissesto La nostra geomatica

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Data loggers SOFREL LS/LT Soluzioni per reti d acqua potabile

Data loggers SOFREL LS/LT Soluzioni per reti d acqua potabile Data loggers SOFREL LS/LT Soluzioni per reti d acqua potabile I data logger SOFREL LS e LT sono progettati per il monitoraggio delle reti idriche (camere di conteggio, camere delle valvole ). Perfettamente

Dettagli

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO Alessandra Marchese (GISIG) La ricerca che crea innovazione per un futuro sostenibile Genova, 20 febbraio 2015 Con il patrocinio di Con il contributo

Dettagli

Che cos'è Internet. Capitolo. Storia e struttura di Internet L. Introduzione alla rete Internet con una breve storia

Che cos'è Internet. Capitolo. Storia e struttura di Internet L. Introduzione alla rete Internet con una breve storia TECNOLOGIE WEB Che cos é Internet Capitolo 1 Che cos'è Internet Introduzione alla rete Internet con una breve storia Storia e struttura di Internet L idea di Internet nasce all inizio degli anni 60. L

Dettagli

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Organizzazione regionale e dipartimentale Elisa Galimberti Sede Centrale Settore Attività Industriali,

Dettagli

Efficienza energetica Monitoraggio impianti di produzione energia da fonti rinnovabili Home & Building automation

Efficienza energetica Monitoraggio impianti di produzione energia da fonti rinnovabili Home & Building automation Efficienza energetica Monitoraggio impianti di produzione energia da fonti rinnovabili Home & Building automation MONITORAGGIO IMPIANTI PROD. ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI FAMIGLIA ESOLAR MONITORAGGIO IMPIANTI

Dettagli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio Francesco Antolini Emanuele Tavelli Geosciences and Information Technologies GIT 2015 - San Leo (RN), 17 Giugno 2015 Winet Srl Vu Pham

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Brunier Fabio Indirizzo 4, Fraz. Marsan, 11020, Nus, Aosta Cellulare 33 96 94 34 27 Fax E-mail fabiobrunier@libero.it Data di nascita 08.05.1978 Nazionalità Italiana

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

EFFICIENTAMENTO IDRICO

EFFICIENTAMENTO IDRICO EFFICIENTAMENTO IDRICO CONSORZIO DI BONIFICA DEL CANALE LUNENSE Relatore: Marco Del Panta E.T.G. srl Via di Porto, 159-50018 Scandicci (FI) Tel. 055.791123 Fax 055.7221262 e-mail: etgsrl@etgsrl.it www.etgsrl.it

Dettagli

La cartografia dei disses. della Regione Toscana. Guido Lavorini Responsabile P.O. Geologia, Pedologia e BD Geotematiche

La cartografia dei disses. della Regione Toscana. Guido Lavorini Responsabile P.O. Geologia, Pedologia e BD Geotematiche La cartografia dei disses. della Regione Toscana Guido Lavorini Responsabile P.O. Geologia, Pedologia e BD Geotematiche La Toscana dallo spazio Monitoraggio satellitare di frane e subsidenza Firenze 17/05/2013

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES APPLICAZIONE DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU COMPACTRIO Ryan King Q uesta applicazione presenta una soluzione software per un datalogger embedded stand-alone basato su hardware

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA SEMINARIO NAZIONALE La tutela della risorsa idrica in montagna Applicazione della direttiva acque negli ambienti alpini italiani STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA Tolmezzo,

Dettagli

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito tesi di laurea Anno Accademico 2012/2013 relatore Ch.mo prof. Simon Pietro Romano correlatori Ing. Tobia Castaldi candidato Alessandro Arrichiello Matr. M63/43 Contesto: o Content Distribution Networks

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO Regione Molise Servizio per la Protezione Civile Centro Funzionale del Molise SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO Approvato con D.G.R. n. 152 del 23.02.2009 Stato:

Dettagli

Corso di Informatica Generale a.a. 2001-2002 INTERNET

Corso di Informatica Generale a.a. 2001-2002 INTERNET Corso di Informatica Generale a.a. 2001-2002 INTERNET Che cos è Internet E l insieme di tutte le reti IP interconnesse, cioè le diverse migliaia di reti di computer locali, regionali, internazionali interconnesse

Dettagli

Determinazione di soglie pluviometriche per l innesco di frane in Emilia - Romagna

Determinazione di soglie pluviometriche per l innesco di frane in Emilia - Romagna Determinazione di soglie pluviometriche per l innesco di frane in Emilia - Romagna Marco Pizziolo*, Lorenzo Del Maschio**, Giampiero Gozza*, Sara Pignone*** * Regione Emilia - Romagna - Servizio geologico,

Dettagli

OnGuard. Gestione Integrata t della Sicurezza Aziendale

OnGuard. Gestione Integrata t della Sicurezza Aziendale OnGuard Gestione Integrata t della Sicurezza Aziendale LA PROPOSTA DI SICUREZZA 3S Team Access Control System Intrusion System Tecnologie Biometriche e Tradizionali Gestione Beni Aziendali Sensoristica

Dettagli

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L L O D E L T E R R I T O R I O I N D I C E 5 S O

Dettagli

Alessandro Bottaioli Responsabile Tecnico Progetti InFarma. Pieralberto Nati Responsabile progetto FrontEnd Studiofarma

Alessandro Bottaioli Responsabile Tecnico Progetti InFarma. Pieralberto Nati Responsabile progetto FrontEnd Studiofarma Alessandro Bottaioli Responsabile Tecnico Progetti InFarma Pieralberto Nati Responsabile progetto FrontEnd Studiofarma COME SIAMO ARRIVATI QUI C era una volta la signorina che rispondeva al telefono finalmente

Dettagli

Reti informatiche 08/03/2005

Reti informatiche 08/03/2005 Reti informatiche LAN, WAN Le reti per la trasmissione dei dati RETI LOCALI LAN - LOCAL AREA NETWORK RETI GEOGRAFICHE WAN - WIDE AREA NETWORK MAN (Metropolitan Area Network) Le reti per la trasmissione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CITTÀ INTELLIGENTE

LA GESTIONE DELLA CITTÀ INTELLIGENTE SIM INGEGNERIA SRL info@simingegneria.it, LA GESTIONE DELLA CITTÀ INTELLIGENTE Referente Arch. S. Martorelli tel. +39.335.607.3120 La Città Intelligente Servizi integrati in un unico sistema per il contesto

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Assistente digitale per la Polizia Municipale

Assistente digitale per la Polizia Municipale NOTANGLE Assistente digitale per la Polizia Municipale Sistema informativo per la registrazione e la gestione dei preavvisi e dei verbali tramite dispositivo palmare Figura 1 è l'innovativa soluzione NoTangle

Dettagli

Tomaso Larice CAFC S.p.A Tecnologia e Automazione. Davide Crispino SIEMENS S.p.A Automation and Drives

Tomaso Larice CAFC S.p.A Tecnologia e Automazione. Davide Crispino SIEMENS S.p.A Automation and Drives Tomaso Larice CAFC S.p.A Tecnologia e Automazione Davide Crispino SIEMENS S.p.A Automation and Drives TITOLO: Telecontrollo: uno strumento per il risparmio e l efficienza. PRESENTAZIONE CAFC S.p.A. Il

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

normativa suddetta, si sta dotando di un sistema informativo per la supervisione

normativa suddetta, si sta dotando di un sistema informativo per la supervisione PUGLIA La gestione TELECONTROLLO della rete idrica di Vito Bitetto, Gianluigi Fiori, Marcello Miraglia e Gianni Sgaramella GUn intervento complesso, che prevede la realizzazione di un sistema informativo

Dettagli

Annarita Rizzati - Massimo Romagnoli Rovereto 8 maggio 2014

Annarita Rizzati - Massimo Romagnoli Rovereto 8 maggio 2014 Annarita Rizzati - Massimo Romagnoli Rovereto 8 maggio 2014 } La Regione Emilia-Romagna dal 1986 è detentrice di un censimento delle attività estrattive a scala regionale } a tale fine era stato predisposto

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

AD HOC OFFICE. La suite per l Office Automation di Ad Hoc REVOLUTION. Ad Hoc ENTERPRISE

AD HOC OFFICE. La suite per l Office Automation di Ad Hoc REVOLUTION. Ad Hoc ENTERPRISE AD HOC OFFICE La suite per l Office Automation di Ad Hoc REVOLUTION Ad Hoc ENTERPRISE RUBRICA Collegamento con anagrafica clienti/ fornitori o anagrafica nominativi. Consultazione rapida dati della rubrica

Dettagli

Tecnologia. www.mbm.it

Tecnologia. www.mbm.it Il portale SCM permette di comunicare con il mondo esterno all azienda, in particolare con fornitori e lavoranti esterni, fornendo strumenti e metodologie per un trasferimento veloce e sicuro delle informazioni

Dettagli

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente Aggiornamento 20/05/2013 Cod. SWUM_01029_it Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Il modello di calcolo applicato... 3 2. Requisiti

Dettagli

The new era of lighting

The new era of lighting The new era of lighting MINOS SYSTEM Cos è Minos System? Minos System è il sistema che rivoluziona la gestione e l'utilizzo della rete di illuminazione esterna. Con un semplice click, ovunque sei, permette

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli