Globalizzazione economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Globalizzazione economica"

Transcript

1 Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2

2 I processi di cartolarizzazione - 1 Da originate to hold a originate to distribute. Oth è il modello tradizionale. Nel secondo modello (otd) il finanziamento è strutturato come un processo produttivo. Ogni step è affidato ad un soggetto specifico e specializzato. Il fine dell otd è quello di distribuire meglio il rischio, spacchettandolo e diffondendolo nel mercato invece di lasciarlo in capo alla banca. 3 I processi di cartolarizzazione - 2 Da originate to hold a originate to distribute. Inoltre, grazie all otd è stato possibile concedere prestiti a soggetti che con il modello tradizionale non avrebbero avuto accesso ai finanziamenti. Il problema è che l otd non è privo di costi. In primo luogo le banche possono essere tentate dall erogare prestiti anche a prenditori non affidabili 4

3 I processi di cartolarizzazione - 3 Da originate to hold a originate to distribute. Vi è poi la complessità dei titoli prodotti dal processo di cartolarizzazione. La difficoltà nel capirne il rischio ha comportato sia che le agenzie di rating commettessero errori nel giudicare la loro affidabilità e sia che molti investitori piccoli e grandi- abbiano investito in prodotti più rischiosi di ciò che credevano. 5 I processi di cartolarizzazione - 4 Da originate to hold a originate to distribute. L opacità di questi prodotti ha provocato la crisi sistemica. Problemi limitati alla categoria dei mutui sub-prime si sono diffusi prima a tutto il settore dei mutui, poi a tutti i crediti, poi a tutta la finanza, poi all economia statunitense e poi a finanza ed economia internazionali. 6

4 I processi di cartolarizzazione - 5 Da originate to hold a originate to distribute Il processo: La banca cede i mutui all arranger che raggruppa i mutui e li cede all issuer che li organizza in nuovi titoli (obbligazioni) e li cede sul mercato A questi titoli viene attribuito il rating da parte delle agenzie. Il rating ne certifica il grado di robustezza. 7 I processi di cartolarizzazione - 6 Alla base del processo vi sono tre step: 1)individuazione di un insieme (pool) di crediti omogenei. 2)Cessione di questi crediti ad una entità creata ad hoc 3)Vendita da parte di questa struttura di titoli negoziabili i cui pagamenti (cedole e rimborso alla scadenza) sono rappresentati dai flussi di cassa (cash flow) generati dai mutui sottostanti 8

5 I processi di cartolarizzazione I processi di cartolarizzazione - 8 Le obbligazioni emesse dall issuer sono di vario tipo: - Asset-backed commercial paper ABCP: carta commerciale a breve termine assistita da attività reale (sono una tipologia di ABS Asset Backed Securities:titoli garantiti da attività) - Mortgage-backed security MBS: obb. garantite da mutui immobiliari residenziali o commerciali - Collateralized debt obligation CDO: portafogli di ABS e MBS vengono nuovamente cartolarizzati e divisi in tranche. 10

6 I processi di cartolarizzazione - 9 In base al collaterale (cioè alla garanzia sottostante) si individuano: Collateralized mortgage obligations CMO: cartolarizzazioni garantiti da mutui a famiglie Collateralized loans obligations: portafogli garantiti da prestiti a imprese CDO squared e CDO cubed (CDO garantite da CDO ) CDO garantite da portafogli di Credit Default Swaps. La società veicolo fornisce garanzia: rimborso valore nominale in cambio di un premio. 11 I processi di cartolarizzazione

7 I processi di cartolarizzazione - 11 All interno di questo sistema, grande rilevanza assunsero Fannie Mae e Freddie Mac. Due istituzioni semipubbliche che acquistavano i mutui dalle banche e si comportavano come issuers, cioè emettevano titoli garantiti da mutui. Nel tempo, accanto a queste due istituzioni parastatali, si diffusero altri intermediari particolari come le SIV, SPE, conduits, investment banks, hedge funds che hanno dato vita al cosiddetto shadow 13 banking (sistema bancario ombra). Lo shadow banking system - 1 Definizione: settore della finanza con operatività simile al settore bancario, ma che si sottrae alla regolamentazione bancaria. Ombra, perché è nascosto alla regolamentazione. Essendo nascosto alla regolamentazione è un settore residuale?... 14

8 Lo shadow banking system - 2 Assolutamente no! Nel 2007, prima dello scoppio della crisi, il sistema bancario ombra gestiva miliardi di dollari, le banche statunitensi avevano un insieme di attività pari a miliardi. Come mai una così grande importanza e una rilevanza superiore al sistema bancario? 15 Lo shadow banking system - 3 Perché non devono rispettare requisiti di capitale, cioè possono operare con poco capitale mentre le banche devono detenere una quantità di capitale proporzionale alla loro attività. Perché riescono a procurarsi i fondi in modo più economico (attraverso il mercato dei capitali) rispetto a ciò che fanno le banche (i depositi sono una forma più costosa di raccolta di fondi) 16

9 Lo shadow banking system - 4 Come operano questi intermediari ombra? Raccolgono fondi presso le imprese che vogliono trovare una forma di investimento veloce e sicura (quindi le imprese depositano i fondi). I depositanti ottengono un rendimento sulle somme depositate e in più il loro deposito è garantito da titoli (in origine erano i titoli di stato ad essere utilizzati come garanzia, poi si cominciò ad usare i titoli frutto delle cartolarizzazioni) 17 Lo shadow banking system - 5 Le imprese depositanti possono non rinnovare il deposito alla scadenza. Queste banche ombra utilizzano tali fondi per concedere prestiti a lungo termine. Da ricordare è che i titoli cartolarizzati, utilizzati come garanzia in queste operazioni, non sono scambiati sui mercati regolamentati, ma su mercati Over the Counter, cioè mercati non regolamentati in cui c è un soggetto che diviene il centro 18 dello scambio.

10 Lo shadow banking system - 6 Poiché tali mercati OTC sono anch essi opachi, l unico modo per capire se un titolo cartolarizzato è affidabile e stabile non è il prezzo di scambio e l andamento degli scambi, ma il rating!! Ci si affida quasi esclusivamente al voto dato dalle agenzie di rating. Le banche ombra si sono sviluppate perché: Fiducia nei mercati liberi Autorità non al passo con l evoluzione 19 finanziaria Lo shadow banking system - 7 Eppure le banche ombra sono soggette agli stessi rischi delle banche tradizionali: Rischio sulla trasformazione delle scadenze Rischio sulla bontà dei titoli utilizzati E infatti la crisi ha dimostrato che anche questi soggetti possono avere crisi di liquidità e infettare il mercato. Tant è che la Fed è intervenuta anche in loro aiuto. (tralasciare pag 179:asimmetrie cartolarizzazioni) 20

11 Le agenzie di rating - 1 Le banche sono sottoposte a regolamentazione. Ciò significa che non possono fare tutto ciò che desiderano. Un aspetto importante è quello dei requisiti patrimoniali. Questi vengono discussi e stabiliti a livello internazionale a Basilea,presso la BIS(Banca dei Regolamenti Internazionali). Poi spetta ai legislatori nazionali recepire queste indicazioni. Evoluzione nel tempo Basilea 1 > Basilea 2 > Basilea 3. Basilea 3: tutti d accordo sulla necessità di cambiare le regole ma tutti d accordo anche nel rinviarne l applicazione! Prima gli Stati Uniti hanno rimandato senza fissare una nuova data di avvio, poi seguiti dal 21 legislatore europeo le lobby fanno il loro lavoro! Le agenzie di rating - 2 Le regolamentazioni sui requisiti di capitale rendono cruciale il ruolo dei rating. Le banche devono detenere, per precauzione, una quantità di capitale variabile in base al rating del soggetto cui prestano i fondi. Quindi, rating migliore del soggetto affidato = meno capitale da tenere bloccato = più possibilità operative per le banche. Si è fatto grande affidamento sulla capacità di analisi, sull indipendenza e sulla correttezza delle agenzie di rating. Il loro ruolo è diventato cruciale nel sistema finanziario grazie alla stessa regolamentazione! 22

12 Le agenzie di rating - 3 La cartolarizzazione si è diffusa anche grazie ai rating. Vi era una domanda di titoli con alti rating, e il tranching dei titoli cartolarizzati permetteva di emettere titoli con voto elevato! Il 60% dei titoli strutturati in circolazione nel 2007 aveva un voto tripla A!! Basti pensare che, invece, solo l 1% delle obbligazioni emesse dalle società aveva un grado così alto di affidabilità! Con la crisi e la perdita di fiducia, i rating si sgonfiano: nel 2008 vi furono downgrade di titoli tripla A! La fiducia verso questi titoli era ormai svanita e le emissioni di nuovi titoli strutturati crollarono: MBS %, CDO -88%, ABS -82%. Le agenzie di rating - 4 La natura dei rating fu messa in discussione: Le agenzie sono pagate da chi emette i titoli. Quindi il loro giudizio potrebbe essere distorto dal pagamento che ricevono. Le società che emettono i titoli possono chiedere a più agenzie di valutare la bontà dei titoli e poi scegliere di rendere pubblico il voto migliore. Inoltre, le agenzie di rating sono spesso consulenti delle società e, quindi, organizzano insieme alla società emittente la struttura del titolo in modo tale da ottenere un voto elevato. 24

13 Le agenzie di rating - 5 I conflitti di interesse ci sono sempre stati, ma solo con questa crisi è emersa l inattendibilità dei rating. Secondo alcuni ciò dipende dalla complessità di questi nuovi titoli. su strumenti complessi i giudizi sono differenti [tra agenzie, perché difficili da giudicare] e gli incentivi allo shopping tra le diverse agenzie, per cercare il rating più alto da comunicare al mercato, sono molto alti. La complessità di tali prodotti finanziari, inoltre, rende molto difficile la loro valutazione da parte del risparmiatore medio. Le stesse società emittenti preferiscono comunicare solo il rating e il suo giudizio sintetico invece di fornire dettagliate (e complicate) informazioni che potrebbero dissuadere gli investitori. Con la crisi ci si è resi conto di non avere le informazioni 25 necessarie per comprendere la natura di questi titoli!

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito A cura del Prof. Arcangelo Marrone A sol titolo esemplificativo, si consideri la contabilizzazione della stipula

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti Le operazioni di cartolarizzazione Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche Evoluzioni recenti 2 Le operazioni

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

LA CRISI FINANZIARIA MONDIALE: DAI DERIVATI AI SUBPRIME, I POSSIBILI SCENARI 7 aprile 2008 The Adam Smith Society. Domenico Santececca

LA CRISI FINANZIARIA MONDIALE: DAI DERIVATI AI SUBPRIME, I POSSIBILI SCENARI 7 aprile 2008 The Adam Smith Society. Domenico Santececca LA CRISI FINANZIARIA MONDIALE: DAI DERIVATI AI SUBPRIME, I POSSIBILI SCENARI 7 aprile 2008 The Adam Smith Society Domenico Santececca Direttore Centrale ABI 1 La crisi dei mutui subprime marzo 2002 marzo

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

* Claudio D Auria. c.dauria1@lumsa.it. Roma, 26 novembre 2015

* Claudio D Auria. c.dauria1@lumsa.it. Roma, 26 novembre 2015 * * Claudio D Auria c.dauria1@lumsa.it Roma, 26 novembre 2015 1 * 2 DEFINIZIONI Definizione ampia che ricomprende tutte le tipologie di cartolarizzazioni Operazione che suddivide il rischio di credito

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

Il Dibattito sulle Agenzie di Rating: Modelli e Proposte di Regolamentazione. Vincenzo D Apice Settore Studi - Centro Studi e Ricerche Abi

Il Dibattito sulle Agenzie di Rating: Modelli e Proposte di Regolamentazione. Vincenzo D Apice Settore Studi - Centro Studi e Ricerche Abi Il Dibattito sulle Agenzie di Rating: Modelli e Proposte di Regolamentazione Vincenzo D Apice Settore Studi - Centro Studi e Ricerche Abi Agenda 1. Criticità nel settore del rating; 2. Modelli su potenziali

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

QUALE FUTURO PER LA CARTOLARIZZAZIONE DOPO LA CRISI FINANZIARIA?

QUALE FUTURO PER LA CARTOLARIZZAZIONE DOPO LA CRISI FINANZIARIA? Francesca Battaglia QUALE FUTURO PER LA CARTOLARIZZAZIONE DOPO LA CRISI FINANZIARIA? FrancoAngeli Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione gratuita di sole 20 pagine ed è leggibile con

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti e

La cartolarizzazione dei crediti e La cartolarizzazione dei crediti e degli immobili Università di Parma Prof. Claudio Cacciamani 1 Dove e perché nasce la cartolarizzazione? Incapacità del sistema bancario americano di far fronte alla forte

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative

La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative Università di Parma Prof. Claudio Cacciamani 1 Dove e perché nasce la cartolarizzazione?

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie Le crisi bancarie 1 Effetti delle crisi bancarie Interruzione del funzionamento del sistema dei pagamenti; Contrazione del credito erogato al sistema produttivo; Crisi di fiducia dei depositanti; Brusca

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Agenda RMBS in Europa Metodologia di Analisi RMBS Portafoglio Immobiliare Struttura Mortgaged Covered Bonds Dimensione

Dettagli

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Nozioni preliminari: la Trappola della Liquidità 2. Un caso del recente passato: la Stagnazione

Dettagli

L instabilità Finanziaria: dalla

L instabilità Finanziaria: dalla L instabilità Finanziaria: dalla Crisi i Asiatica ai Mutui Subprime. D Apice DApice Vincenzo e Ferri Giovanni Settore Studi ABI - Università degli Studi di Bari Dipartimento del Tesoro Ministero dell'economia

Dettagli

Cartolarizzazione: il pricing, la regolamentazione e l evidenza nel caso italiano

Cartolarizzazione: il pricing, la regolamentazione e l evidenza nel caso italiano UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Economia Marco Biagi Corso di Laurea Specialistica in Analisi Consulenza e Gestione Finanziaria Curriculum Analisi Finanziaria Cartolarizzazione:

Dettagli

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale HYUN SONG SHIN Chiara De Napoli Cinzia Ilardi Giovanni Soardo Introduzione 1866 => Overend Gurney - l assicurazione

Dettagli

Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi

Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi Le parole difficili Le parole difficili Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi a cura di Vincenzo Comito Le sigle, i termini specialistici, le

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche 1 / 22 Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche Marco Grazzi LEM, Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Sant Anna Science Cafè Pisa 18 Giugno 2009 2 / 22 Crisi: le differenze di oggi rispetto al

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

La cartolarizzazione per finanziare le piccole e medie imprese distrettuali

La cartolarizzazione per finanziare le piccole e medie imprese distrettuali finanza d impresa La cartolarizzazione per finanziare le piccole e medie imprese distrettuali Struttura e protagonisti dell operazione Francesco Ferragina Partner di Kon SpA, dottore commercialista, docente

Dettagli

LA CARTOLARIZZAZIONE DEGLI ASSETS BANCARI: ANALISI DELLO SPREAD DELLE ABS SUL MERCATO ITALIANO

LA CARTOLARIZZAZIONE DEGLI ASSETS BANCARI: ANALISI DELLO SPREAD DELLE ABS SUL MERCATO ITALIANO Facoltà: Economia Cattedra: Economia degli Intermediati finanziari c.p. LA CARTOLARIZZAZIONE DEGLI ASSETS BANCARI: ANALISI DELLO SPREAD DELLE ABS SUL MERCATO ITALIANO Relatore: Prof. Domenico Curcio Correlatore:

Dettagli

Trasferimento del Rischio e Liberazione di Capitale

Trasferimento del Rischio e Liberazione di Capitale Trasferimento del Rischio e Liberazione di Capitale Giuliano Giovanne+ Arch MI Convegno ABI Basilea 3 17 Giugno 2014 1 Trasferire il rischio Perché è importante in questa crisi InfrastruFura bancaria già

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Congresso AIAF, ASSIOM, ATIC FOREX Bari, Fiera del levante, 18 gennaio 2008

Congresso AIAF, ASSIOM, ATIC FOREX Bari, Fiera del levante, 18 gennaio 2008 Congresso AIAF, ASSIOM, ATIC FOREX Bari, Fiera del levante, 18 gennaio 2008 CRISI DI LIQUIDITÀ E FUTURO DEI MERCATI. ASPETTI OPERATIVI E REGOLAMENTARI Intervento della dott.ssa Anna Maria Tarantola Direttore

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

Crisi Finanziaria: origini ed effetti di propagazione. Quali prospettive? Massimiliano Marzo Università di Bologna

Crisi Finanziaria: origini ed effetti di propagazione. Quali prospettive? Massimiliano Marzo Università di Bologna Crisi Finanziaria: origini ed effetti di propagazione. Quali prospettive? Massimiliano Marzo Università di Bologna La situazione Crisi finanziaria globale Macro-effetti: Crisi del mercato finanziario nel

Dettagli

La Crisi Finanziaria del 2007-2010: di Politica Economica

La Crisi Finanziaria del 2007-2010: di Politica Economica La Crisi Finanziaria del 2007-2010: Cause, Effetti e Risposte di Politica Economica Alessandro Scopelliti Università Mediterranea di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it

Dettagli

Febbraio 2013. Dott. Ivan Fogliata

Febbraio 2013. Dott. Ivan Fogliata Febbraio 2013 Dossier Montepaschi Note tecniche sui prodotti finanziari che interessano le principali operazioni che costituiscono il dossier Monte Paschi Siena. Riflessioni emerse dalle ricostruzioni

Dettagli

Finanza. F. SERGIANI Aprile 2014. domenica 30 marzo 14

Finanza. F. SERGIANI Aprile 2014. domenica 30 marzo 14 Finanza F. SERGIANI Aprile 2014 COSA E LA FINANZA? FINANZA: definizione e la sua geografia Il sistema finanziario è l insieme di organismi, strumenti e tecniche che favoriscono il trasferimento di risorse

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 Le anticipazioni di tesoreria (art. 222 Tuel) Controparte: istituto tesoriere Limiti: 3/12 delle entrate correnti

Dettagli

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

PMI Mortgage Insurance Company Limited

PMI Mortgage Insurance Company Limited Gestione dei rischi e ottimizzazione del capitale PMI Mortgage Insurance Company Limited Andrea Giorio Mortgage Day Roma, 30 ottobre 2007 PMI Mortgage Insurance Company Ltd Regulated by the Irish Financial

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

Banca Monteriggioni Credito Cooperativo Soc. Coop.

Banca Monteriggioni Credito Cooperativo Soc. Coop. Banca Monteriggioni Credito Cooperativo Soc. Coop. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA MONTERIGGIONI CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP. STEP UP BANCA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI "M. FANNO" CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA TESI DI LAUREA CARTOLARIZZAZIONE DI RMBS: ANALISI DEI RISULTATI

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

Le auto-cartolarizzazioni

Le auto-cartolarizzazioni Le auto-cartolarizzazioni Esame delle principali strutture contrattuali Avv. Marco Zechini Indice q L'auto-cartolarizzazione: struttura ed esempio q I principali soggetti coinvolti q Principali strutture

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 24/08/2011-24/08/2014 TASSO FISSO 3,25% Codice ISIN IT0004752199 Le presenti Condizioni

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Facoltà di Scienze Statistiche

Facoltà di Scienze Statistiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea Triennale in Statistica Economia e Finanza L OPERAZIONE MASTER DOLFIN: ANALISI DELLA TECNICA DI CARTOLARIZZAZIONE Relatore:

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Le cartolarizzazioni e la crisi dei mercati finanziari

Le cartolarizzazioni e la crisi dei mercati finanziari Massimo Miola Le cartolarizzazioni e la crisi dei mercati finanziari (ODC Roma, 20 giugno 2009) Indice: 1. Il trasferimento del rischio di credito mediante cartolarizzazioni nell attuale assetto dei mercati

Dettagli

C A U S E E D E F F E T T I S U L L A E C O N O M I A R E A L E E S U L S I S T E M A F I N A N Z I A R I O

C A U S E E D E F F E T T I S U L L A E C O N O M I A R E A L E E S U L S I S T E M A F I N A N Z I A R I O LA GRANDE CRISI 1 C A U S E E D E F F E T T I S U L L A E C O N O M I A R E A L E E S U L S I S T E M A F I N A N Z I A R I O LA GRANDE CRISI 2 Parte I LE ORIGINI LA FILIERA DEI CONSUMI LA FINANZIARIZZAZIONE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP UP PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP UP Cassa

Dettagli

Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative

Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative Banca d Italia d - Roma 2/3 dicembre 2002 A cura di Giovan Battista Sala - Servizio VEC - Divisione Analisi 1 (06-4792.4625)

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 Indice Introduzione 1 3 2 1.4 Le autorità di vigilanza 11 2 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 33 3.1 Le origini della regolamentazione 34 3.3 La disciplina

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - S.c. Obbligazioni Step Up

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - S.c. Obbligazioni Step Up Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2009/2013 TF 3,60% 146^ EMISSIONE

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa con sede legale in Carate Brianza via Cusani, 6 iscritta all Albo delle Banche al n. 217, all Albo delle Società Cooperative al n. A172639 e al Registro delle Imprese di Milano al n.

Dettagli

i dossier www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 326 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TURBAMENTO DEI MERCATI Mentre in America Obama chiede 5 miliardi a S&P S, in Italia l indagine della Magistratura di Trani viene ridicolizzata

Dettagli

CARTOLARIZZAZIONE DI MINI-BOND L ESPERIENZA INTERNAZIONALE

CARTOLARIZZAZIONE DI MINI-BOND L ESPERIENZA INTERNAZIONALE CARTOLARIZZAZIONE DI MINI-BOND L ESPERIENZA INTERNAZIONALE AVV. PIERPAOLO MASTROMARINI WATSON FARLEY & WILLIAMS 14 MAGGIO 2015 COSA SI INTENDE PER MINI-BOND? DEFINIZIONE I Mini-bond sono obbligazioni corporate

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013 Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager Convegno CAREFIN Milano - 31 Gennaio 2013 Davide Alfonsi Resp. Direzione Risk Management, Intesa Sanpaolo Agenda

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI Sede sociale Via Tomacelli 139 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO VENETO 10/04/2009 10/04/2012 A TASSO FISSO CRESCENTE ( STEP UP ) Codice ISIN IT0004481112 Le presenti

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

IL RUOLO DEL RATING NELLA CRISI

IL RUOLO DEL RATING NELLA CRISI FACOLTÀ DI ECONOMIA CATTEDRA DI FINANZA AZIENDALE IL RUOLO DEL RATING NELLA CRISI DELLA FINANZA STRUTTURATA: RAGIONI E IMPLICAZIONI RELATORE CHIARISSIMO PROF. ERNESTO MONTI CANDIDATO MICHELE ALESSANDRO

Dettagli

IC Satellite. Investment Banking Advisors. Autocartolarizzazione. icsatellite.com. a different perspective. 2013-2014 riservato confidenziale

IC Satellite. Investment Banking Advisors. Autocartolarizzazione. icsatellite.com. a different perspective. 2013-2014 riservato confidenziale Autocartolarizzazione icsatellite.com a different perspective Chi siamo e che facciamo in 10 sec. IC Satellite è una società di CONSULENZA DIREZIONALE IN FINANZIARIA STRATEGICA (qualcuno la chiamerebbe

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE. CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Via D. Alighieri n. 2 31022 Preganziol (TV)

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE. CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Via D. Alighieri n. 2 31022 Preganziol (TV) REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO 3,50% 10/12/2012 10/06/2017 XI EMISSIONE 2012 Codice ISIN IT0004871171 EMISSIONE ASSISTITA DA PROSPETTO SEMPLIFICATO AI SENSI

Dettagli

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop.

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Sede legale ed amministrativa: 39042 Bressanone, via Croce 7 Home-page: www.raiffeisen.it/eisacktal, Indirizzo e-mail: RK_Eisacktal@rolmail.net Tel. +39 0472

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE Banca di Cesena 15/01/2007 15/01/2010 TV EUR ISIN IT0004171218 Le

Dettagli

Banche e imprese italiane nel credit crunch

Banche e imprese italiane nel credit crunch Convegno Una finanza per la crescita in collaborazione con CO.MO.I Group 12 giugno 2013, Milano Banche e imprese italiane nel credit crunch Angelo Baglioni Università Cattolica e REF Ricerche www.refricerche.it

Dettagli

Banca di Bologna 21/05/2012 21/05/2014 TF 2,65% ISIN IT0004810112

Banca di Bologna 21/05/2012 21/05/2014 TF 2,65% ISIN IT0004810112 Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Capitale sociale al 31/12/10: Euro 49.517.389,44 Sede legale in Bologna, Piazza Galvani, 4 Iscritta al Registro delle Imprese di Bologna al n. 00415760370

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli