DECENTRAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA E FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI. PROPOSTE PER UN MERCATO DEL DEBITO PUBBLICO LOCALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DECENTRAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA E FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI. PROPOSTE PER UN MERCATO DEL DEBITO PUBBLICO LOCALE"

Transcript

1 XIV CONFERENZA IL FUTURO DEI SISTEMI DI WELFARE NAZIONALI TRA INTEGRAZIONE EUROPEA E DECENTRAMENTO REGIONALE coordinamento, competizione, mobilità Pavia, Università, 4-5 ottobre 2002 DECENTRAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA E FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI. PROPOSTE PER UN MERCATO DEL DEBITO PUBBLICO LOCALE LUCIANO GRECO e DAVIDE IACOVONI pubblicazione internet realizzata con contributo della società italiana di economia pubblica dipartimento di economia pubblica e territoriale università di Pavia

2 Decentramento della finanza pubblica e finanziamento degli investimenti pubblici Proposte per un mercato del debito pubblico locale Luciano Greco * e Davide Iacovoni ** Settembre 2002, Versione Preliminare (non citare) Abstract Il processo di decentramento in atto nel nostro Paese comporta una serie di cambiamenti importanti nella struttura del finanziamento degli investimenti pubblici locali, realizzando una sorta di disintermediazione del settore statale rispetto alla provvista finanziaria degli enti decentrati. Si apre una prospettiva nuova di ricorso al mercato (sia bancario che finanziario) da parte degli enti decentrati. Questa prospettiva comporta una serie di opportunità ma anche di rischi sia di natura microeconomica che sistemici. Dopo aver analizzato queste problematiche e gli aspetti tecnici relativi alla creazione di un mercato dei titoli pubblici locali, il lavoro propone un modello di sviluppo di tale mercato basato su tre canali di finanziamento degli enti decentrati: l emissione diretta di titoli pubblici, la contrazione di mutui bancari, il ricorso alla Cassa Depositi e Prestiti per quegli enti che vengano esclusi dalle condizioni relativamente vantaggiose presenti sul mercato. L obiettivo della liquidità del nuovo mercato dei titoli per il finanziamento pubblico locale viene perseguito mediante la standardizzazione istituzionale delle modalità di emissione da parte degli enti e delle banche (che finanziano i mutui agli enti locali con covered bonds), e la standardizzazione finanziaria, ottenuta attraverso un fondo di garazia nazionale finalizzato ad armonizzare il rischio finanziario dei titoli emessi dai vari enti e dalle banche. * ** CRIEP, Università degli Studi di Padova Dipartimento del Tesoro, Ministero dell Economia e delle Finanze

3 1. Introduzione Nel corso dell ultimo decennio, due sono stati i principali fattori di evoluzione della finanza pubblica italiana: risanamento e decentramento. Le ragioni alla base di quest ultimo fenomeno si inseriscono in un quadro politico ed economico internazionale di riassetto dei rapporti economici e sociali a partire dal concetto (politico prima che economico) della sussidiarietà. In Italia, la ricerca di maggiore responsabilizzazione politico-finanziaria ed il perseguimento di condizioni di maggiore trasparenza nella conduzione della politica fiscale sono stati i fattori di riforma che hanno spinto verso un graduale superamento del sistema di finanza derivata istituito all inizio degli anni 70 e informato a criteri di accentramento del potere fiscale e decisionale e la scelta di un modello di finanza decentrata. Il percorso, avviato all inizio degli anni 90 e scandito da diverse innovazioni legislative, nel corso del 2001 è stato definitivamente sanzionato con la riforma del Titolo V della Costituzione repubblicana. Sebbene la quota della spesa decentrata sul totale della spesa pubblica non sia cambiata sensibilmente nel corso dei vent anni che corrono dall entrata a regime del modello di finanza derivata e l inizio degli anni 2000, la struttura del finanziamento delle competenze decentrate ha subito, invece, una modifica rilevante, concentrata soprattutto nel decennio Il ruolo dei trasferimenti dal settore statale al sistema degli enti regionali e locali caratteristico della finanza derivata si è ridimensionato e ormai una quota rilevante della spesa delle Regioni e degli Enti locali italiani viene finanziata con risorse proprie. Considerato che le Amministrazioni locali continuano a rimanere i principali responsabili della spesa pubblica per investimenti in misura superiore alla media degli altri paesi europei, il fenomeno, attualmente in corso, di riduzione della finanza di trasferimento, anche nel comparto dei trasferimenti in conto capitale, sta in effetti dando luogo ad una vera e propria disintermediazione del settore statale rispetto agli investimenti pubblici (locali). Tale fenomeno si accompagna al più generale processo di disintermediazione delle amministrazioni pubbliche rispetto al finanziamento degli investimenti di interesse pubblico: si pensi alla cosiddetta finanza di progetto e a tutti gli strumenti di innovazione istituzionale e finanziaria, finalizzati ad attribuire un ruolo più significativo al settore privato per il finanziamento delle opere pubbliche. 717

4 La disintermediazione del settore statale, pur in presenza di una generale tendenza al contenimento dell indebitamento netto complessivo (per far fronte ai vincoli del Patto di stabilità e crescita dell Unione monetaria europea), dovrebbe portare, con elevata probabilità, ad un incremento del peso del debito delle Amministrazioni locali su quello delle Amministrazioni pubbliche, conferendo alla finanza pubblica italiana un assetto in linea con quello vigente in paesi già dotati di consolidata fisionomia federale 1. Oltre che per effetto della riduzione dei trasferimenti agli enti decentrati, la disintermediazione del settore statale nel finanziamento degli investimenti pubblici locali sta iniziando a manifestarsi 2 anche attraverso un progressivo ridimensionamento della massa di mutui a medio e lungo termine concessi dal settore statale stesso 3. Non solo dunque aumenta il debito delle Amministrazioni locali, ma aumenta anche il peso delle passività accumulate da questi soggetti nei confronti del mercato finanziario. È evidente, tuttavia, che un siffatto processo di espansione e ricomposizione del debito delle Amministrazioni locali rischia di produrre significative perdite di efficienza per il sistema della finanza pubblica nel suo complesso, nella misura in cui questi soggetti pubblici attualmente non possono avvalersi di un apparato tecnico-istituzionale che li ponga nelle condizioni di trarre effettivi benefici dal processo in oggetto. Durante gli anni 90, i paesi europei con un assetto della finanza pubblica maggiormente decentrato hanno introdotto importanti innovazioni per accompagnare la più generale progressiva ricomposizione della struttura delle passività pubbliche verso gli intermediari finanziari e il mercato. Alcuni paesi, tra cui la Germania, la Francia e la Spagna, parallelamente allo sviluppo dei titoli di debito emessi direttamente dagli enti decentrati, hanno puntato allo sviluppo di mercati di titoli bancari garantiti da prestiti a tali enti pubblici (cosiddetti covered bonds), mediante una serie di innovazioni legislative e istituzionali. In alcuni casi, come quello tedesco, lo sviluppo del mercato di tali titoli è stato tale che essi 1 In Germania, ad esempio, il debito pubblico locale rappresenta già attualmente circa un quarto dello stock totale esistente (cfr. Salvemini M.T. (2002), Il Credito agli Enti Locali in Italia e in Europa. EDIBANK, pp. 25 e 29). 2 Si tratta di una tendenza ancora agli inizi, ma che presenta una forte dinamica: la copertura in titoli obbligazionari del debito delle Amministrazioni locali passa dall 1,2 % del 1996 al 18,9 % del 2000 (nostra elaborazione su dati Banca d Italia, Relazione Annuale 2000, tav. ac4, p ). 3 In Italia, essenzialmente attraverso la Cassa Depositi e Prestiti che, a sua volta, si finanzia con il risparmio postale. 718

5 vengono ormai percepiti alla stregua di titoli di stato, sia dal punto di vista del merito di credito che della liquidità 4. Anche a partire da queste esperienze, si deve sottolinerare l opportunità di accompagnare il processo di decentramento delle responsabilità di finanziamento, in atto nel nostro Paese, con riforme che accrescano l efficienza dei canali di finanziamento. Infatti, l efficienza finanziaria, da un lato, consente agli enti decentrati (ormai sempre più responsabili sul piano fiscale) di formulare correttamente le proprie valutazioni del costo-opportunità del finanziamento con debito, dall altro, riduce tale costo-opportunità grazie ad un offerta finanziaria più competitiva da parte di intermediari e mercati. La struttura geografica e le trasformazioni della finanza pubblica italiana inducono a riflettere su un ulteriore aspetto del processo di disintermediazione del settore statale rispetto alle politiche locali di investimento. La sperequazione territoriale delle basi imponibili, unita all operare di un sistema finanziario competitivo e ai meccanismi istituzionali di salvaguardia della solvibilità degli enti decentrati, determina un rilevante rischio distributivo. La sperequazione territoriale della capacità fiscale e, quindi, delle potenzialità di indebitamento pongono necessariamente in capo al settore statale la responsabilità di garantire politiche di perequazione finanziaria e di sviluppo. Accanto a queste politiche inoltre sarà indispensabile porre in essere meccanismi che limitino quanto più possibile il fenomeno di cream skimming che, certamente, caratterizzerà il funzionamento del mercato del debito pubblico locale. Coerentemente con queste riflessioni, in questa sede viene proposto un modello di riassetto complessivo della finanza pubblica locale, che tenga conto di alcuni importanti aspetti dell assetto attuale quando questi sono ancora ritenuti idonei per il conseguimento degli obiettivi di equità ed efficienza sopra richiamati e degli interventi normativi introdotti nell ultimo decennio, per favorire il consolidamento del ruolo dei titoli obbligazionari emessi direttamente o tramite il settore bancario da regioni, province e comuni. Il modello proposto risponde anche all esigenza di evitare che lo sviluppo della finanza locale dia luogo a processi di instabilità macroeconomica e determini distorsioni sul mercato finanziario e creditizio. Attualmente il modello della finanza pubblica locale è basato prevalentemente sul ruolo della Cassa Depositi e Prestiti, in quanto erogatore di mutui concessi a uguali condizioni a tutti gli enti decentrati, e su quello delle banche commerciali che invece concedono mutui a condizioni legate allo stato di salute finanziaria del mutuatario. 4 È questo il caso dei cosiddetti Jumbo-Pfandbriefe. 719

6 L obiettivo di fondo della riforma proposta risiede innanzitutto nella creazione di un mercato dei titoli per il finanziamento pubblico locale sufficientemente liquido, che consenta agli enti decentrati di disporre di uno strumento di indebitamento realmente alternativo e competitivo rispetto al tradizionale mutuo. A tale scopo è necessario non solo che ciascuna emissione raggiunga un sufficiente volume in termini nominali, ma che esse vengano il più possibile standardizzate a livello nazionale in quanto a formato scelto dei titoli, modalità di emissione e negoziazione e trattamento fiscale. Gli interventi proposti sono sia di natura normativa, per snellire e semplificare le condizioni di ricorso al mercato obbligazionario da parte degli enti decentrati, sia di natura istituzionale, per attivare processi di coordinamento verticale e orizzontale. Il coordinamento verticale (per esempio, nell ambito della Conferenza unificata Stato Regioni Autonomie locali) è finalizzato a consentire un accesso e una gestione del mercato del debito pubblico locale coordinati con il mercato del debito nazionale e con le politiche macroeconomiche ed a rispondere alle necessità di standardizzazione appena richiamate. Il coordimanto orizzontale tra le singole amministrazioni locali consentirà di risolvere il problema della scala minima efficiente per ricorrere al mercato obbligazionario. A tal proposito, il modello proposto prevede un nuovo ruolo per gli enti intermedi come le province e le regioni, corrispondente alle funzioni già attualmente sviluppate sul fronte della politica di pianificazione territoriale e di investimento. Il rispetto del principio di sussidiarietà e l opportunità di diversificare le modalità istituzionali e finanziarie di accesso al risparmio consigliano un approccio flessibile senza attribuire ad uno specifico ente (per esempio, la regione) il compito di finanziatore degli enti minori, il che riproporrebbe su scala inferiore il ruolo che tradizionalmente apparteneva al settore statale. Peraltro, nel caso italiano, l approccio flessibile corrisponde al quadro costituzionale vigente. Una prima importante innovazione proposta ha la finalità di agevolare la formazione di consorzi di emissione 5 tra enti con merito di credito diverso e di standardizzare i titoli emessi. Si prevede, in particolare, la costituzione di un fondo di garanzia, finanziato mediante contributi degli emittenti commisurati ai rispettivi rating. Questa misura di armonizzazione finanziaria dovrebbe rappresentare un ulteriore meccanismo nell obbiettivo di conferire una massa critica sufficientemente elevata a ogni emissione degli enti locali. 5 Il termine consorzio ha una valenza tecnico-finanziaria e non giuridica (non ci si riferisce quindi soltanto alla forma di associazione tra enti prevista all art. 31, Dlgs n. 267/00). Diverse possono infatti essere, alla luce della normativa vigente, le modalità di attivazione di un raggruppamento di enti finalizzato all emissione di obbligazioni. 720

7 Il secondo obiettivo fondamentale della riforma prevede un estesa ristrutturazione del coinvolgimento del sistema bancario nella finanza locale mediante l introduzione di speciali obbligazioni bancarie (cosiddette covered bond), garantite specificatamente e separatamente da mutui concessi agli enti territoriali 6. Nella misura in cui anche queste obbligazioni vengano emesse con sufficienti margini di standardizzazione, è possibile agevolare lo sviluppo di una seconda componente del mercato dei titoli per il finanziamento pubblico locale, in competizione con la componente delle emissioni dirette da parte dei consorzi di enti locali ma allo stesso tempo in grado di contribuire all ampliamento del mercato stesso garantendone, attraverso un allargamento delle opportunità di trading, una maggiore liquidità. Infatti, l armonizzazione del rischio finanziario tra titoli (di tipo covered) emessi da istituti di credito e titoli emessi da consorzi di enti locali 7, consentita dal fondo di garanzia, promuoverà più ampi margini di sostituibilità tra i due tipi di strumenti andando ad aumentare lo spessore e la liquidità del mercato del debito locale. Il nuovo mercato dei titoli per il finanziamento degli investimenti pubblici locali avrà bisogno di una struttura istituzionale, tecnologica e organizzativa in grado di garantire in tutte le circostanze condizioni di ordinato svolgimento delle negoziazioni, alti livelli di liquidità per la maggior parte dei titoli quotati e sistemi di post-trading (clearing e settlement) che assicurino standard adeguati di sicurezza e stabilità dei contratti conclusi. In questo senso sono ritenuti fondamentali alcuni importanti aspetti che hanno caratterizzato l esperienza del Tesoro italiano nella costruzione del mercato secondario dei titoli di stato nazionali. Infine, nella costruzione di un mercato efficiente del debito pubblico locale occorre prevedere un meccanismo di intervento in favore degli enti più svantaggiati che, per l inevitabile l operare del cream skimming, si troverebbero ai margini del nuovo sistema di finanziamento degli investimenti con notevoli rischi di rafforzamento del dualismo economico tra aree sviluppate e depresse del Paese. Per far fronte a questo problema, il nuovo modello di finanziamento degli investimenti deve prevedere un ruolo di garanzia in capo al settore statale sia attraverso politiche di coesione (coordinate a livello europeo), volte a finanziare più massicciamente gli investimenti nelle aree svantaggiate, sia prevedendo un canale di indebitamento di garanzia gestito dalla Cassa Depositi e Prestiti. 6 Si riprende in parte il modello tedesco dei Pfandbriefe. 7 Le due tipologie di titoli qui analizzate, infatti, inevitabilmente incorporano rischi talvolta anche largamente sproporzionati, se si pensa che le banche, a fronte dei covered bonds, detengono mutui in pooling, possibilità preclusa per i singoli consorzi di emissione. 721

8 2. Dalla finanza derivata alla finanza decentrata: investimenti pubblici locali e debito degli enti decentrati Nel corso degli anni 70, emerse, in Italia, un modello inedito (anche sul piano internazionale) di finanziamento degli enti decentrati del settore pubblico: la cosiddetta finanza derivata. Sul piano teorico e politico, tra la fine degli anni 60 e l inizio degli anni 70 si affermò il paradigma normativo della centralizzazione quasi assoluta delle fonti fiscali e del parziale decentramento del processo della spesa pubblica. Obiettivo preminente di questo modello di finanza pubblica era di contemperare la programmazione economica e finanziaria (centrale) con il decentramento della spesa pubblica, in attuazione di un disegno politico di avvicinamento delle istituzioni ai cittadini. Questo obiettivo fu perseguito in un particolare contesto strutturale dell economia italiana. La crescita economica del Dopoguerra aveva messo in crisi il sistema della finanza locale. Infatti, per bilanciare l incremento considerevole del fabbisogno da finanziare per soddisfare i servizi pubblici connessi allo sviluppo dei centri urbani e dei siti industriali, risultavano progressivamente sempre più limitate le entrate proprie degli enti locali, alquanto rigide rispetto all evoluzione del prodotto interno lordo, della spesa per consumi e investimenti privati. A questo squilibrio strutturale, si faceva fronte con lo strumento del mutuo a ripiano 8, che consentiva la copertura del disavanzo economico degli enti locali. All inizio degli anni 70, l effetto congiunto della tensione tra risorse e impieghi e del finanziamento in deficit della spesa corrente locale, configurava già una forte instabilità potenziale della finanza degli enti locali. Pertanto, tra gli obiettivi più o meno espliciti delle grandi riforme della finanza pubblica italiana, definite tra la fine degli anni 60 e l inizio degli anni 70, vi fu certamente quello di risolvere questo crescente squilibrio, nel quadro di una più ampia razionalizzazione degli assetti finanziari degli enti del settore pubblico e dell ampliamento della qualità e quantità dei servizi forniti ai cittadini. Quattro filoni di provvedimenti legislativi contribuirono a generare e caratterizzare il modello di finanza derivata poi consolidatosi negli anni 80: l istituzione delle regioni ordinarie; la riforma fiscale; il consolidamento della finanza dei comuni e delle province; l istituzione del sistema sanitario nazionale. 8 Introdotto nell ordinamento finanziario italiano dal DL n. 51/

9 A partire dal 1971, venne data attuazione piena al dettato costituzionale del Titolo V (recentemente modificato 9 ), istituendo le regioni a statuto ordinario. Il sistema di finanziamento e il trasferimento delle funzioni concorrenti delle regioni ordinarie del , nonchè un secondo trasferimento di funzioni delegate del configurarono immediatamente il sistema regionale in conformità con il paradigma della finanza derivata: il finanziamento della spesa regionale avveniva mediante fondi a carico del bilancio statale il cui meccanismo di copertura, nel corso degli anni, venne più volte rivisto (al fine di adeguarne la consistenza finanziaria). Tra il 1974 e il 1978, inoltre, la riforma dell assistenza ospedaliera 12 e, successivamente, l introduzione del sistema sanitario nazionale 13 determinarono un incremento considerevole dei volumi di spesa regionale (e delle risorse trasferite alle regioni) ma anche un ulteriore e forte irrigidimento degli spazi di scelta delle autonomie regionali. A partire dal 1978, oltre il 60 per cento della spesa regionale era dedicata alla sanità e soggetta ai vincoli stringenti del sistema sanitario nazionale (le cui scelte cruciali venivano determinate centralmente). Sempre nella prima metà degli anni 70, venne introdotta la riforma tributaria 14 che attribuiva ampio spazio all imposizione diretta e ai tributi erariali, sopprimendo contemporaneamente una serie di tributi devoluti agli enti locali e sostituendone il gettito con trasferimenti. La centralizzazione fiscale fu ulteriormente accentuata per l operare della forte inflazione della seconda metà degli anni 70. Dal lato delle risorse fiscali, il valore reale delle entrate erariali registrò tassi di crescita considerevoli, per l operare del fiscal drag. Gli effetti dell inflazione sul sistema delle autonomie furono di segno diverso. Nel caso del nuovo sistema regionale, per l operare congiunto della crescita dei tributi erariali che finanziavano i fondi per i trasferimenti regionali e dell agganciamento parziale del finanziamento regionale per i 9 La modifica è avvenuta con la legge costituzionale n. 3/ La legge n. 281/70 (cd finanziaria regionale) delega il Governo ad effettuare il trasferimento delle funzioni stabilite all art. 117 (vecchia versione) della Costituzione (cui seguirono i DPR nn. 1/72 11/72) e definisce il primo modello di finanziamento del sistema delle regioni ordinarie italiane entrato in vigore nel 1972 e riformato per la prima volta dalla legge n. 158/ La legge n. 382/75 (e il DPR n. 616/77 di attuazione della delega) trasferisce alle regioni ordinarie una serie di funzioni amministrative connesse alle materie indicate dalla Costituzione. 12 Nel 1974, viene emanata la legge n. 386/74 di riforma dell assistenza ospedaliera. La spesa per assistenza ospedaliera viene regionalizzata e rappresenta subito circa il 45% della spesa regionale aggregata. 13 Nel 1978, viene emanata la legge n. 833/78 che istituisce il sistema sanitario nazionale. Le regioni rappresentano uno snodo istituzionalmente importante del nuovo sistema ma sul piano del meccanismo decisionale il sistema viene progressivamente centralizzato, anche al fine di correggere fenomeni di irresponsabilità finanziaria che caratterizzeranno tutta la vita del nuovo sistema sanitario. 14 Con la Legge n. 825/71, il Governo venne delegato ad emanare una serie di decreti per dare attuazione alla riforma, includendovi la soppressione di tributi locali e la sostituzione degli stessi con trasferimenti statali. 723

10 programmi di sviluppo alla crescita del prodotto interno lordo nominale 15, l inflazione ebbe l effetto di migliorare la posizione finanziaria relativa delle regioni proprio nel periodo in cui il deficit dello Stato cominciava a crescere (Tabella 1 Appendice statistica 16 ). A questa situazione favorevole sul piano finanziario, non corrispondeva tuttavia una reale autonomia: tra la fine degli anni 70 e l inizio degli anni 80, si consolida la prassi della frammentazione dei fondi di finanziamento regionale (soprattutto per gli investimenti) e di fine tuning degli aggregati di finanza regionale in fase elaborazione del Bilancio dello stato e della Legge finanziaria. La riforma tributaria 17 aveva, tra l altro, sostituito i tributi locali poco elastici rispetto all evoluzione del PIL e dei consumi, quindi della domanda di servizi pubblici con trasferimenti erariali la cui crescita era programmata a tassi che sembrarono sufficientemente elevati da consentire un risanamento progressivo 18 della finanza locale. I tassi di crescita programmati si rivelarono insufficienti e l effetto dell inflazione, in questo caso, fu di aggravare la situazione preesistente di tendenziale instabilità della finanza locale: l indebitamento complessivo degli enti locali raggiunse il 12,84% del PIL nel 1975 (Grafico 4 Appendice statistica). La crisi della finanza locale determinò certamente una radicalizzazione del paradigma della finanza derivata, favorendo la compressione dell autonomia (e responsabilità finanziaria) degli enti decentrati, che poi ha caratterizzato la finanza regionale e locale nel corso degli anni 80. All apice della crisi e in concomitanza con la delega di funzioni che aveva interessato sia le regioni che gli enti locali 19, i cosiddetti decreti Stammati 20 : consolidarono gran parte dello stock di debito degli enti locali in essere fino all inizio del 1977 ponendolo a carico diretto 15 La legge n. 356/76 collegava parzialmente la crescita del Fondo per il programmi di sviluppo regionale (istituito ex art. 9 della legge n. 281/70) alla crescita del PIL nominale. 16 La Tabella 1, nell Appendice statistica, mostra come il saldo complessivo delle Amministrazioni regionali sia sensibilmente positivo nel 1978 in concomitanza con un saldo complessivo (e primario) delle Amministrazioni pubbliche molto negativo. Questa tendenza caratterizza anche gli anni Il DPR n. 638/72 (in attuazione della delega contenuta nella riforma tributaria legge n. 825/71) determinava transitoriamente dal 1973 al 1977 la sostituzione delle entrate proprie soppresse con trasferimenti di pari entità la cui crescita viene programmata secondo tassi ben superiori a quelli dell inflazione del 1971 e del A tal fine viene anche istituito (con il DPR n. 651/72) un fondo speciale per il risanamento delle finanze comunali e provinciali. 19 Mediante il già ricordato DPR n. 616/ Il DL n. 2/77 (cd Stammati I) dispone il consolidamento dei debiti pregressi (mediante mutui decennali presso la Cassa Depositi e Prestiti, poi finiti a carico dello Stato) e il divieto di indebitamento a breve termine e di assunzione di nuovo personale negli enti locali. Il DL n. 946/77 (cd Stammati II) rende permanente il sistema dei trasferimenti erariali, introduce dei tetti alla spesa degli enti locali (soprattutto nel settore delle spese per il personale), determina un sistema di trasferimenti erariali basato sulla spesa storica. 724

11 del bilancio dello stato; impedirono l indebitamento a breve termine e per il finanziamento delle spese correnti; introdussero una serie di vincoli all evoluzione della spesa; resero permanente il sistema dei trasferimenti erariali, determinati a partire dal 1978 secondo il criterio della spesa storica. Il 1977 è l anno del completamento del sistema della finanza derivata nell accezione che il termine ha assunto successivamente nella letteratura. Sia nel caso delle regioni che, più marcatamente, nel caso degli enti locali, il modello di finanza derivata non si configurava soltanto per l associazione tra centralizzazione delle entrate fiscali e decentramento di parte della spesa (quindi per la presenza di un imponente sistema di trasferimenti verticali), quanto piuttosto per il forte controllo esercitato dallo Stato sulle autonomie attraverso lo stesso sistema dei trasferimenti unito ad una serie di vincoli amministrativi, che specificavano settori e modalità di impiego dei fondi. La regolazione annuale degli aggregati e dei vincoli amministrativi in sede di definizione della politica finanziaria nazionale diventa la prassi all inizio degli anni 80. L incrocio tra concezioni politico-teoriche volte alla controllo centralizzato della finanza pubblica e le contingenze finanziarie e fiscali generò dunque (più o meno consapevolmente) il modello della finanza derivata, caratterizzato da un fortissimo accentramento delle entrate nel 1979, il 94,6% della spesa regionale e il 65,5% di quella locale sono finanziate da trasferimenti erariali (Tabella 2 Appendice statistica) e dal decentramento di poco meno di un terzo spesa pubblica il peso della spesa delle Amministrazioni locali sul totale delle Amministrazioni pubbliche sale dal 18,5% del 1971 al 30,8% del 1981 per poi oscillare attorno al 27%-28% nel corso degli anni 80 e 90 (Grafico 1 Appendice statistica). Nel corso degli anni 80, il dibattito sulla finanza regionale e locale mise in evidenza l inefficienza del sistema di regolazione centrale degli aggregati finanziari e di indirizzo amministrativo delle scelte decentrate. Il meccanismo del finanziamento in deficit della spesa per servizi pubblici locali, vigente fino al 1977, determinò proprio nella fase di accelerazione della spesa il verificarsi di sperequazioni territoriali: gli enti che seppero meglio approfittare del sistema dei mutui a ripiano furono quelli con le strutture amministrative più efficienti e avanzate. L adozione del criterio della spesa storica per determinare e distribuire i trasferimenti erariali, consolidò le sperequazioni territoriali. Gli 725

12 interventi della prima metà degli anni tesero a correggere questa distorsione pur secondo una logica fortemente graduale. Nella seconda metà degli anni 80, si intensifica il processo di erosione del paradigma della finanza derivata. La prassi della regolazione annuale degli aggregati e dei vincoli amministrativi alla gestione degli enti decentrati determinava una compressione eccessiva della autonomia degli enti decentrati e molti studiosi sottolineavano l esigenza, da più punti di vista teorici e politici, della programmabilità (certezza) delle entrate. L approccio iniziale, per rispondere a questa esigenza, fu la riforma della finanza derivata mediante l ampliamento del ruolo e del peso quantitativo degli strumenti tributari propri degli enti (nel 1989, il rapporto tra trasferimenti erariali e spesa scende all 87,9% per le regioni e al 51,4% per gli enti locali Tabella 1 Appendice statistica). Molti furono gli esperimenti in questo senso nel decennio tra il 1983 e il Nel frattempo maturava l idea di un riassetto globale della materia dei trasferimenti erariali sia regionali che locali che sono il vero nodo della riforma della finanza derivata, per raggiungere concretamente l obiettivo della programmabilità delle entrate e ridare autonomia finanziaria agli enti decentrati, rafforzandone la responsabilità finanziaria e fiscale. Nel 1990, vennero finalmente poste le premesse normative del nuovo modello di finanza degli enti decentrati 23. La crisi della finanza derivata divenne irreversibile, rispetto alle critiche sostanzialmente riformiste prevalenti negli anni 80, in concomitanza con la crisi generale della finanza pubblica italiana. Il decentramento senza responsabilità che, secondo molti, aveva caratterizzato la finanza pubblica dal 1977 al 1992 era correponsabile della crescita incontrollata del deficit e del debito dello stato. Lo shock finanziario del risanamento impose una revisione profonda non solo dei comportamenti della classe politica nazionale e locale ma anche dei meccanismi istituzionali della finanza pubblica: la riforma strutturale della finanza regionale e locale divenne una delle chiavi del risanamento. Nel 1992, vennero stabilite le basi per la costruzione di un modello alternativo di finanza decentrata 24. A partire dal 1992, la 21 I DL nn. 38/81, 786/81 e 55/83 intervennero a più riprese sulla materia della perequazione della spesa degli enti locali attraverso meccanismi di distribuzione dei trasferimenti. 22 Alcuni esempi sono: la sovrimposta comunale sul reddito dei fabbricati (istituita con legge n. 131/83), l addizionale privinciale sul consumo di energia elettrica (DL n. 55/83), la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (DL n. 66/88), l imposta comunale per l esercizio delle arti e delle professioni (DL n. 66/89). 23 Con la legge n. 158/90 che ristruttura e semplifica i meccanismi di finanziamento (extra sanità) delle regioni. La legge n. 142/90 rivede radicalmente ruolo e funzionamento delle autonomie introducendo di fatto il principio di sussidiarietà, come discrimine per l attribuzione delle competenze ai comuni. 24 La legge n. 421/92 delega il governo a riformare, tra l altro, la finanza locale (delega attuata mediante il DLgs n. 504/92) e istituisce l imposta comunale sugli immobili, che diventerà il principale strumento di 726

13 materia della finanza regionale e locale diventa un cantiere normativo aperto e in continuo divenire: viene riformato l ordinamento finanziario e contabile degli Enti locali 25 ; vengono riformati a più riprese i trasferimenti erariali sia degli enti locali 26 che delle regioni (che alla fine vengono soppressi e sostituiti con compartecipazioni ai tributi erariali) 27 per adattarli al crescente ruolo in funzione perequativa; vengono decentrati una serie di tributi e create addizionali ai tributi erariali in favore degli enti locali e delle regioni; viene creata una nuova grande imposta regionale (l IRAP) che sostituisce il gettito di alcuni tributi preeistenti 28 ; vengono eliminati i vincoli di destinazione su tutti i principali trasferimenti e, in ultimo, viene eliminato il fondo sanitario nazionale. Alla costruzione del nuovo modello di finanza decentrata, contribuiscono in maniera decisiva anche le norme che semplificano e, soprattutto, responsabilizzano gli operatori della pubblica amministrazione e gli enti stessi nei confronti dei cittadini, determinando allo stesso tempo un nuovo processo di decentramento amministrativo a costituzione invariata 29. La nascita del modello di finanza decentrata è stata anche pesantemente condizionata nelle sue caratteristiche fondamentali dal processo di risanamento attuato per raggiungere gli obiettivi macroeconomici che condizionavano l ingresso del Paese nell UEM e, successivamente, la permanenza nella stessa. Il decentramento delle competenze di spesa o di entrata è stato spesso occasione di riduzione del deficit delle Amministrazioni pubbliche, imponendo in questo modo agli enti decentrati il costo politico del risanamento. Contestualmente al decentramento delle responsabilità fiscali e finanziarie si è anche proceduto, a partire dagli anni immediatamente precedenti l ingresso nell UEM, a rafforzare il controllo dei flussi di cassa, anche tramite il sistema della tesoreria unica. Infine, nel 1998, è stato introdotto il Patto di stabilità e crescita 30, che definisce un sistema di premi e punizioni finalizzato al controllo della finanza pubblica aggregata entro i limiti posti dal Patto di stabilità e crescita dell UEM. Alla fine degli anni 90, il modello di finanza decentrata è definitivamente tramontato lasciando spazio ad un nuovo paradigma: la finanza decentrata. Nel 1999, il peso dei finanziamento comunale negli anni successivi. Mediante queste riforme viene data attuazione ai principi contenuti nella legge n. 142/ DLgs n. 77/ DLgs n. 504/92, DLgs n. 244/ DL n. 41/95, legge n. 133/99 (e Dlgs n. 56/00 di attuazione della delega). 28 Legge n. 662/ Le cd Bassanini (leggi nn. 59/97 e 127/97 e decreti legislativi di attuazione delle deleghe) che riformano profondamente i meccanismi della funzione pubblica. 30 Legge n. 448/

14 trasferimenti erariali sulla spesa regionale e degli enti locali scende rispettivamente al 56,7% e al 40,8% (Tabella 1 Appendice statistica). Sebbene, non si possa affermare che sia stato trovato un nuovo equilibrio istituzionale e finanziario (ampie discussioni sono ancora in corso), sembra di poter affermare che il punto di svolta che sta contribuendo a caratterizzare il modello sia già stato oltrepassato. Si tratta della riforma del Titolo V della Costituzione. L effetto istituzionale e finanziario della riforma è quello di attribuire agli enti decentrati gli strumenti giuridici per partecipare e condizionare il processo legislativo nazionale nelle materie di competenza regionale 31. Questa innovazione garantisce al processo di decentramento una accelerazione i cui effetti sono difficilmente calcolabili. Se la destrutturazione della finanza derivata e la costruzione della finanza decentrata sono avvenute per effetto di una elaborazione teorico-politica di segno opposto ma di natura istituzionale simile a quella degli anni 60 e 70 (che aveva portato alla finanza derivata), i nuovi equilibri del federalismo fiscale italiano verranno determinati largamente dal gioco delle forze in campo, che la riforma del Titolo V ha contribuito a determinare. Il passaggio istituzionale e finanziario degli anni 90 non sembra tuttavia aver determinato un cambiamento nel peso relativo degli enti decentrati rispetto al funzionamento della finanza pubblica (come c era da attendersi visto che ancora non è intervenuta una modifica sostanziale delle competenze decentrate e, difficilmente, gli effetti di efficenza del decentramento si manifestano a livello aggregato). L introduzione della finanza derivata aveva coinciso con un incremento sostanziale del peso relativo e assoluto del ruolo delle Amministrazioni locali, essenzialmente per effetto dell introduzione delle regioni ordinarie. Dopo la fase di crescita degli anni 70, i livelli di spesa corrente degli enti decentrati (Grafico 5 Appendice statistica) si mantengono relativamente stabili in rapporto al PIL. Una cosa analoga si può dire per spesa in conto capitale (Grafico 6 Appendice statistica), sebbene in presenza di una maggiore varianza di breve periodo. Il peso della spesa delle Amministrazioni locali sul totale delle Amministrazioni pubbliche presenta oscillazioni più marcate che, in larga misura, sono dovute dall andamento della spesa delle Amministrazioni pubbliche (Grafici 1 e 2 Appendice statistica). Un ulteriore elemento che rimane costante nel modello di decentramento italiano, nonostante i cambiamenti relativi alla struttura finanziaria intercorsi tra gli anni 70 e gli anni 90, è relativo alla specializzazione degli enti decentrati nel comparto della spesa in conto capitale 31 Rosa F. (2002), "Parlamento e Nuovo Titolo V della Costituzione. Alcuni interrogativi sull assetto del procedimento legislativo dopo la recente riforma", mimeo. 728

15 (Grafico 2 Appendice statistica): la spesa aggregata delle Amministrazioni locali dopo essere cresciuta oltre il 60% del totale alla fine degli anni 70 oscilla attorno a tale valore fino al 2000; analogamente, nel caso delle Amministrazioni regionali che rimangono tra gli anni 80 e il 2000 attorno al 35% della spesa in conto capitale delle Amministrazioni pubbliche. In particolare, l incidenza degli investimenti pubblici in senso stretto degli enti locali e regionali cresce stabilmente tra il 1979 e il 1999 (Tabella 2 Appendice statistica) e, nel caso delle Amministrazioni locali, anche nel corso degli anni 90 (Tabella 3 Appendice statistica). A fronte di questa continuità sul lato della spesa e sapendo che il processo decisionale degli investimenti pubblici locali è profondamente cambiato tra gli anni 70 e gli anni 90 nel senso di garantire una più ampia autonomia di scelta alle Amministrazioni locali, è interessare osservare come nell era della finanza derivata vi fosse un sostanziale accentramento non solo delle entrate fiscali ma anche del ricorso al mercato creditizio e finanziario. Coerentemente con la logica fondamentale della finanza derivata, l obiettivo del controllo sulle variabili macroeconomiche non poteva essere perseguito se non attraverso l accentramento degli strumenti principali della politica di bilancio. Gli enti decentrati italiani hanno continuato a potersi indebitare verso il sistema bancario anche a cavallo degli anni 80 tuttavia una parte molto qualificante del meccanismo di finanziamento degli investimenti, cresciuta stabilmente nel tempo (anche in anni recentissimi, dopo l abbandono del paradigma della finanza derivata) è l indebitamento interno al settore pubblico, in particolare verso la Cassa Depositi e Prestiti. A fianco di questa intermediazione finanziaria pura del Settore statale rispetto agli enti decentrati, vi era una intermediazione caratteristica del modello di finanza derivata: i trasferimenti erariali in conto capitale, con un peso molto rilevante fino ad anni recentissimi (Tabella 3 Appendice statistica). Questi due strumenti caratterizzavano un modello di intermediazione statale nel ricorso al debito a medio e lungo termine per finanziare gli investimenti locali. Con il venire meno del modello di finanza derivata, cade anche il principio della intermediazione del settore statale per finanziare la spesa per investimenti. Pur essendo una tendenza degli ultimi anni, è già evidente come, parallelamente al processo di costruzione della finanza decentrata italiana, sia in corso un fenomeno di disintermediazione finanziaria del settore statale che, compatibilmente con l esaurirsi delle tensioni del risanamento della 729

16 finanza pubblica, dovrebbe manifestare i suoi effetti anche mediante una riduzione progressiva del ruolo della Cassa Depositi e Prestiti Le prospettive del quadro di finanza pubblica decentrata: rischi e opportunità L assetto attuale della finanza pubblica decentrata presenta una serie di nuove opportunità ma anche alcuni rischi. Il modello di decentramento definito dal Titolo V della Costituzione riprende e consolida le esperienze del decennio passato e offre, in attesa di meccanismi istituzionali definitivi, un sistema di cooperazione verticale tra Stato e enti decentrati che è l unico strumento di governance del processo di decentramento in atto 33. Sul piano strettamente finanziario, la prospettiva della finanza pubblica italiana è, ancora per diversi anni, quella del risanamento progressivo per riportare il rapporto tra debito pubblico e PIL al di sotto del livello del 60% del PIL previsto dal Trattato di Maastricht. Questa prospettiva costituisce quindi lo scenario fondamentale di qualsiasi riforma strutturale della finanza pubblica stessa. Abbiamo già ricordato il ruolo del Patto di stabilità interno quale strumento che deve consentire, in un contesto nuovo di cooperazione interistituzionale, di corresponsabilizzare gli enti decentrati rispetto al percorso di risanamento. In conclusione del paragrafo precedente, abbiamo osservato come anche grazie ad una serie di innovazioni normative si stia verificando un fenomeno di disintermediazione finanziaria del settore statale rispetto alle esigenze di finanziamento degli investimenti locali. In generale, nei prossimi anni pur nella tendenziale correzione al ribasso dello stock di debito pubblico in rapporto al PIL assisteremo al rafforzamento della tendenza iniziata negli ultimi anni di ricomposizione del portafoglio delle passività da parte degli enti decentrati. In questo processo, gli enti decentrati potranno ricorrere a una vasta gamma di strumenti che ormai la legge consente loro di utilizzare liberamente: il mercato finanziario oltre che i servizi bancari svolgeranno un ruolo crescente nel processo di ristrutturazione delle passività del settore 32 Che è invece cresciuto negli anni recenti, probabilmente, per effetto del sistema premiale che ha accompagnato le misure di contenimento del deficit delle Amministrazioni pubbliche. 33 Gli strumenti istituzionali di cooperazione verticale attualmente esistenti sono: la Conferenza unificata Stato Regioni Autonomie locali, l unificazione è stata disposta dall art. 8 della Dlgs n. 281/97 che ha anche ampliato le competenze della Conferenza, si tratta dell unica istanza di dialogo istituzionalmente prevista; la Commissione bicamerale per le questioni regionali "integrata" da rappresentanti delle regioni e delle autonomie locali, introdotta dall art. 11 della legge costituzionale 3/01 al fine di consentire agli enti decentrati di intervenire nel processo legislativo quando questo riguardi materie di competenza regionale (in particolare, artt. 117 e 119 dell Costituzione). 730

17 pubblico non solo a livello centrale ma anche a livello locale. L attuale congiuntura della finanza pubblica, le caratteristiche strutturali della finanza degli enti decentrati, la difficoltà di adeguare le strutture amministrative alle nuove tecniche finanziarie e la ristrutturazione in corso del sistema finanziario stesso sono elementi che contribuiranno a definire le modalità di crescita e la struttura del mercato del debito pubblico locale. Il Patto di stabilità interno e la disintermediazione finanziaria del centro rispetto alla periferia pur essendo, in linea di principio, compatibili possono stimolare comportamenti perversi: la fuga verso il mercato finanziario e bancario privato da parte degli enti decentrati e l ulitizzo di pratiche finanziarie innovative (talvolta troppo creative) potrebbero inibire l applicazione del Patto di stabilità interno, secondo uno scenario analogo a quello che vede gli stati membri dell UE mettere in pratica comportamenti tesi a disattendere il Patto di stabilità e crescita dell UEM. L analogia tra UEM e sistema nazionale riguarda anche un secondo aspetto. Il mercato del debito locale è (e sarà sempre di più) caratterizzato da una molteplicità di prenditori. Questa situazione ben oltre quello che succede tra gli stati sovrani rischia di produrre una serie di problemi non solo di natura strettamente macroeconomica. In questo contesto dinamico, occorre riconsiderare anche il ruolo che dovranno assumere i mutui statali della Cassa Depositi e Prestiti nel nuovo modello di finanziamento improntato al mercato. Ci sono ragioni e modalità che consentano di conservare almeno parzialmente l intermediazione centrale delle risorse finanziarie? Il mercato del debito pubblico locale che sta nascendo rappresenta, per certi versi, il complemento istituzionale alla riforma nel senso del decentramento della finanza pubblica. Uno degli obiettivi preminenti del decentramento della finanza pubblica (sicuramente in Italia) è infatti la promozione della responsabilizzazione fiscale degli enti decentrati: ossia la creazione di un sistema di vincoli e incentivi che porti i decisori pubblici (locali) a minimizzare i costi dei servizi che offrono alla collettività amministrate, assecondandone le preferenze (in termini di quantità e qualità dei servizi). Sarebbe, quindi, povera di effetti economici reali la responsabilizzazione fiscale che non si accompagnasse alla garanzia di condizioni di mercato competitivo per l acquisto dei beni e servizi che costituiscono i fattori di produzione dei servizi pubblici locali. Immaginando, a titolo di esempio, di decentrare il finanziamento degli investimenti pubblici ma di non disintermediare il reperimento delle risorse finanziarie pubbliche che sarebbero 731

18 offerte mediante mutui statali, in condizioni di monopolio si otterrebbe il paradosso che l indirizzo dei comportamenti degli enti decentrati potrebbe egualmente ottenersi mediante una manipolazione delle condizioni di accesso al credito. Per questa stessa ragione, è indispensabile garantire che i mercati dei fattori impiegati dagli enti decentrati siano realmente competitivi. In definitiva, se si vuole introdurre una reale responsabilità fiscale, occorre aggiungere il corollario della garanzia di mercati dei fattori competitivi al paradigma della finanza decentrata. Da queste osservazioni discende anche l esigenza di una effettiva competizione tra diverse modalità di provvista finanziaria (emissione diretta di titoli versus ricorso ai mutui bancari o statali) ma anche soprattutto tra diversi operatori dei diversi comparti (banche, intermediari, etc.). Sempre per il perseguimento di un corretto sistema di incentivi volti a responsabilizzare gli enti decentrati, il mercato del debito locale deve essere uno strumento per consentire l adeguamento delle strategie di provvista alle esigenze dei singoli enti. Il sistema normativo che dovrà presiedere alla realizzazione del nuovo mercato dovrà consentire quindi un ampliamento delle opportunità di posizionamento strategico anche per gli operatori del settore finanziario e creditizio. La competitività ed efficienza del mercato del debito locale produrrà, inoltre, nuove opportunità di investimento da parte dei risparmiatori nel comparto del reddito fisso. La ristrutturazione dei canali di finanziamento degli investimenti pubblici locali apre anche una nuova prospettiva per il ruolo del canale tradizionale dell intermediazione statale (in particolare, per la Cassa Depositi e Prestiti). Lasciando al mercato del debito locale il ruolo di migliorare le condizioni di ricorso all indebitamento, lo Stato potrà concentrare e specializzare la sua funzione nella perequazione della politica di investimenti pubblici locali, sia tramite lo strumento degli interventi finanziari a fondo perduto che attraverso la garanzia di condizioni minime di accesso al credito. La separazione tra obiettivi (e strumenti) per raggiungere l efficienza ed l equità è in questo caso possibile e, nella misura in cui il decentramento sia un valore, necessaria. Ovviamente, separazione degli strumenti non vuol dire indipendenza, soprattutto nel caso delle condizioni di credito praticate dalla Cassa Depositi e Prestiti sarà necessario stabilire un meccanismo di trasmissione che consenta lo sviluppo del mercato ma escluda fenomeni perversi. È probabile che un mercato competitivo del debito locale riesca a garantire l accesso 732

19 al credito a tutti gli enti ma che i costi (che si riversano sui cittadini) possano cambiare anche consistentemente (si pensi per esempio al caso di piccoli comuni oppure al caso di comuni situati in aree economicamente e socialmente svantaggiate). Al limite potrebbero prodursi fenomeni di scrematura del mercato che portino all esclusione di fatto di alcuni enti dall indebitamento bancario (per non parlare di quello finanziario). In un modello di finanza decentrata, il debito è il principale strumento di finanziamento degli investimenti locali; d altra parte, la mancanza di simili investimenti, oltre a ledere l eguaglianza orizzontale tra cittadini residenti in diverse comunità, rischia di aggravare fenomeni di polarizzazione dello sviluppo economico e sociale. Oltre agli interventi diretti, lo stato può intervenire con il tradizionale meccanismo dell intermediazione finanziaria pubblica (attraverso la Cassa Depositi e Prestiti) che si configurerebbe come rete di salvataggio del sistema delle autonomie. Se opportunamente definito (in modo che le condizioni offerte dall intermediazione dello stato non producano una competizione capace di spiazzare gli altri canali di finanziamento), il meccanismo dell intermediazione pubblica opererebbe automaticamente offrendo credito a quegli enti che risultino esclusi dal mercato. La disintermediazione del settore pubblico, la ricomposizione del debito degli enti decentrati e, in generale, il decentramento delle politiche di provvista finanziaria, comportano una serie di rischi che l assetto normativo della finanza decentrata e del mercato del debito pubblico locale devono contribuire a controllare. Su un piano strettamente microeconomico, infatti, il decentramento delle scelte di finanziamento comporta tre problemi di fondo. In prima istanza, il mercado dei titoli emessi dagli enti decentrati potrebbe risultare distorto dalle esternalità connesse a politiche scoordinate tra diversi prenditori. La soluzione a questo problema si potrebbe rinvenire in un più attivo ruolo del settore bancario, ma al costo di ridurre la varietà dei canali di indebitamento, quindi la competizione e l effetto di contenimento dei costi di indebitamento. D altra parte, la possibilità di aprire un comparto di indebitamento mediante titoli pubblici locali dipende dalla capacità di risolvere il problema delle economie di scala che l emissione diretta di titoli comporta. Il mercato finanziario (ma anche i servizi bancari sofisticati) hanno elevati costi di accesso e, anche per questo, è necessaria una azione di coordinamento orizzontale tra gli enti che si indebitano. Il modello di finanziamento intermediato dal settore statale garantiva la soluzione implicita di questi problemi di coordinamento, che oggi invece possono identificare una nuova funzione per gli enti intermedi le province e le regioni, come già in effetti sta accadendo. 733

20 Sempre sul piano dei rischi microeconomici connessi al nascente mercato del debito pubblico locale e in relazione allo sviluppo di una serie di operazioni innovative, spesso di natura derivata, diventa sempre più rilevante la soluzione dei problemi di asimmetria informativa insiti nella intermediazione finanziaria e creditizia. In particolare, i rischi di insolvenza dell intermediario con il quale viene accesa una operazione finanziaria potrebbe in alcuni casi comportare un rischio di controparte. Si tratta, evidentemente, di un problema di vigilanza sugli intermediari che tuttavia, per la specificità delle operazioni con gli enti decentrati e soprattutto per la necessità di garantire un controllo effettivo degli equilibri di bilancio e dello stato patrimoniale degli enti, deve essere tenuto in conto. I rischi forse più rilevanti sono tuttavia di natura macroeconomica. Il Patto di stabilità e crescita dell UEM e il Patto di stabilità interno italiano evidenziano l attenzione delle istituzioni europee e nazionali al problema di instabilità prodotta da politiche di indebitamento scoordinate sulla stabilità monetaria del sistema economico. Si tratta di dimensioni certamente diverse ma i rischi potenziali certamente da non sottovalutare 34 : occorre un coordinamento verticale. Tuttavia, l esperienza del Patto di stabilità interno mette in evidenza l insufficienza di un simile modello di controllo definito centralmente, in un contesto di finanza decentrata. La possibilità di sviluppare comportamenti opportunistici da parte degli enti decentrati e la possibilità per gli enti delle aree più avvantaggiate di sfuggire ai meccanismi del Patto di stabilità interno, consigliano il ricorso a un meccanismo concertativo che garantisca in tutte le fasi la partecipazione degli enti decentrati, pur lasciando allo Stato il compito di determinare gli obiettivi generali del sistema. Un rischio diverso e certamente innovativo, nel quadro di quelli già considerati dall esperienza istituzionale e finanziaria internazionale ma anche dalla letteratura, è connesso alla possibilità che fenomeni microeconomici, quali le esternalità o i rischi connessi alla definizione di operazioni innovative, possano tradursi in uno sviluppo disorganico e, in ultima analisi, inefficiente del mercato del debito locale, portando eventualmente a crisi sistemiche in grado di toccare il sistema finanziario. Emerge anche qui la commistione tra i problemi nuovi prodotti dal modello di decentramento della finanza pubblica e la gestione della politica monetaria e finanziaria nazionale (e europea). Le opportunità e i rischi precedentemente illustrati suggeriscono lo sviluppo di un quadro di regolamentazione del nuovo mercato del debito pubblico locale. Il nuovo assetto istituzionale 34 Il debito dei comuni e delle province aveva raggiunto il 12,8% del PIL nel 1975, alla vigilia del decreti Stammati. 734

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI CAPITOLO I L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO: 1. Il concetto di autonomia finanziaria. 2. Il federalismo fiscale. 2.1. Le regioni a statuto speciale. 2.2. Le regioni a

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Michelangelo Nigro. Premessa

Michelangelo Nigro. Premessa Le prospettive extrafiscali della finanza territoriale, con particolare riferimento alle forme associative fra comuni, in tema di reperimento di risorse finanziarie. Michelangelo Nigro Premessa Riforma

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

VI. APPROFONDIMENTI AL CAPITOLO 6

VI. APPROFONDIMENTI AL CAPITOLO 6 VI. APPROFONDIMENTI AL CAPITOLO 6 VI.1 Il Termometro del federalismo Su un problema di interesse generale come quello del decentramento e, più in generale del federalismo, esiste l oggettiva esigenza di

Dettagli

Le politiche per lo sviluppo Il ruolo della Provincia Autonoma di Trento. Trento, 8 luglio 2011

Le politiche per lo sviluppo Il ruolo della Provincia Autonoma di Trento. Trento, 8 luglio 2011 Le politiche per lo sviluppo Il ruolo della Provincia Autonoma di Trento Trento, 8 luglio 2011 Ivano Dalmonego - Better policies for better lives - Trento, 8 luglio 2011 IL RUOLO DELLA PROVINCIA PER LE

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO

2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO 2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO L evoluzione del bilancio pubblico da sintesi di valori solo monetari a strumento di governo e di realizzazione delle politiche per il raggiungimento

Dettagli

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 Il testo normativo vigente in materia di patto di stabilità discende dall art. 77 bis del D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008 e s.m.i.

Dettagli

Le prospettive di applicazione del federalismo

Le prospettive di applicazione del federalismo Le prospettive di applicazione del federalismo Alberto Zanardi Convegno Banca d Italia «Attuazione e prospettive del federalismo fiscale» Roma, 25 novembre 2015 1 Federalismo fiscale e consolidamento dei

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 Febbraio 2015 IL CAMPIONE DI COMUNI Il presente rapporto è stato redatto prendendo a riferimento i bilanci consuntivi

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 OGGETTO: contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con prestazioni direttamente collegate a fondi di investimento o ad indici azionari o altri valori

Dettagli

Linee di impostazione della manovra economico-finanziaria 2013. 2 ottobre 2012

Linee di impostazione della manovra economico-finanziaria 2013. 2 ottobre 2012 Linee di impostazione della manovra economico-finanziaria 2013 2 ottobre 2012 1 Il contesto in cui si colloca la manovra 2 LA SITUAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE E NAZIONALE L economia mondiale rallenta,

Dettagli

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE)

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) PREMESSA La UIL esprime una valutazione positiva in merito all opportunità

Dettagli

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

Memoria per l audizione di Anigas

Memoria per l audizione di Anigas X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale sulle principali problematiche in materia di energia Memoria per l audizione

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

La finanza delle Regioni nel nuovo Titolo V della Costituzione

La finanza delle Regioni nel nuovo Titolo V della Costituzione La finanza delle Regioni nel nuovo Titolo V della Costituzione 1. La riforma del Titolo V della Costituzione, introdotta con la Legge Costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001, ha profondamente ridisegnato

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Esercizio della vigilanza nell MVU Le procedure comuni

Esercizio della vigilanza nell MVU Le procedure comuni Le procedure comuni! Nel regolamento sull MVU si parla della creazione di un meccanismo di vigilanza realmente integrato. Nella pratica ciò implica " che i processi chiave siano generalmente gli stessi

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione.

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Intervento introduttivo Gli immobili in Italia 2015: Ricchezza, Redditi e Fiscalità Immobiliare Fabrizia Lapecorella Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Il progetto avviato nel

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

e, per conoscenza: Alla Circolare concernente il patto di stabilità interno per le province e i comuni. Art. 30 della Legge 23 dicembre 1999, n. 488.

e, per conoscenza: Alla Circolare concernente il patto di stabilità interno per le province e i comuni. Art. 30 della Legge 23 dicembre 1999, n. 488. Ministero del Tesoro del Bilancio e della Programmazione Economica Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato ---------------- Ispettorato Generale per la Finanza delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III.1 L INDEBITAMENTO NETTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Le previsioni di finanza pubblica presentate nell Aggiornamento del Programma di Stabilità del 2008

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

Innovazione e crescita nel sistema bancario

Innovazione e crescita nel sistema bancario Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Innovazione e crescita nel sistema bancario Intervento del Governatore della Banca d Italia Antonio Fazio Roma, 23 giugno 2000 Sommario pag. Il risparmio

Dettagli

23.11.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 306/33

23.11.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 306/33 23.11.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 306/33 REGOLAMENTO (UE) N. 1177/2011 DEL CONSIGLIO dell'8 novembre 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 1467/97 per l accelerazione e il chiarimento

Dettagli

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Brevi considerazioni con qualche numero di Maggio 2013 Si riaperto il cantiere delle pensioni. L obiettivo è irrobustire i risultati raggiunti

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Università LUM Jean Monnet - Trani European Week 9-10-11 maggio 2013 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Intervento

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE

AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE 1. Riduzione del carico fiscale su lavoratori dipendenti e pensionati 2. Sostegno

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO 17 ottobre 2014 REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE. R E L A Z I O N E Il disegno di legge, che si compone

Dettagli

Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI

Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI Forum Banche e PA Roma 19/02/2009 Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI E LA GESTIONE DELL INDEBITAMENTO: QUALI ALTERNATIVE E PROPOSTE llagrosseto

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni

Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni Note e contributi ISSN 2464-9139 Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni Claudia Ferretti e Patrizia Lattarulo IRPET N. 7 - Dicembre 2015 1. L esenzione dell abitazione principale dalla

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009)

La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009) Contenuti La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009) Bari 24/06/2013 2 Perché è importante perequare? Le

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2010. 4.2 SETTORE STATALE 4.2.1 I risultati del triennio 2007-2009

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2010. 4.2 SETTORE STATALE 4.2.1 I risultati del triennio 2007-2009 Il fabbisogno non include gli eventuali finanziamenti che saranno erogati su richiesta del Governo greco, in seguito all accordo dell 11 aprile 2010 con il quale è stato definito un programma triennale

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Documento di Economia e Finanza 2015 a cura della Segreteria Tecnica

Documento di Economia e Finanza 2015 a cura della Segreteria Tecnica Note di lettura Documento di Economia e Finanza 2015 a cura della Segreteria Tecnica Nota n. 1/2015 21 aprile 2015 Premessa Il DEF 2015 è stato approvato il 10 aprile dal Consiglio dei Ministri ed è stato

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l DOCUMENTO CONGIUNTO Unioncamere Assoconfidi sulle politiche per l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese ***** Il sistema della garanzia è soggetto da alcuni anni a un forte processo evolutivo,

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI

COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Disegno di legge recante Legge Annuale per il Mercato e la Concorrenza (AC 3012) Memoria Anigas Anigas, Associazione

Dettagli

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana *

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * LETTURE E SEGNALAZIONI 183 L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * Giorgio Brosio C era bisogno di un nuovo libro sul governo e la finanza locale

Dettagli

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme IAS/IFRS: uno sguardo d insieme Oramai la globalizzazione contabile è una realtà: i principi contabili nazionali sono destinati ad essere progressivamente sostituiti da una serie di principi e norme riconosciute

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Prot. 72 Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza, Divisione Normativa prudenziale via Nazionale 91 00184 ROMA

Prot. 72 Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza, Divisione Normativa prudenziale via Nazionale 91 00184 ROMA Prot. 72 Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza, Divisione Normativa prudenziale via Nazionale 91 00184 ROMA Trasmessa a mezzo e.mail Roma 12 marzo 2012 Oggetto: Disposizioni

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DDL concernente: Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Autonoma della Sardegna.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DDL concernente: Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Autonoma della Sardegna. DDL concernente: Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Autonoma della Sardegna. Relazione Il presente disegno di legge che sostituisce integralmente il testo più volte modificato e integrato

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari

Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE LAVORO, PREVIDENZA SOCIALE Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari 2/04/2009 Audizione del Direttore Centrale Area Corporate dell

Dettagli

1) Le innovazioni introdotte in Sanità dal D.Lgs 118/2011 KPMG (Dott. Antonio Corrado)

1) Le innovazioni introdotte in Sanità dal D.Lgs 118/2011 KPMG (Dott. Antonio Corrado) Innovazione nella Sanità Il processo di armonizzazione contabile in Sanità derivante dall applicazione del Titolo II del D.Lgs.118/2011: Conoscere e Controllare 16 maggio ore 14.30 16.30 pad 7 stand 1A

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

VISTO il Regolamento del Consiglio delle Comunità Europee n. 4064/89 del 21 dicembre 1989;

VISTO il Regolamento del Consiglio delle Comunità Europee n. 4064/89 del 21 dicembre 1989; Provvedimento n. 1 del 5aprile 1993 BANCO DI SARDEGNA Spa / BANCA POPOLARE DI SASSARI Scrl / CASSA COMUNALE DI CREDITO AGRARIO DI SAMATZAI / CASSA COMUNALE DI CREDITO AGRARIO DI PIMENTEL VISTA la legge

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Finanza Locale tra passato e futuro

Finanza Locale tra passato e futuro Finanza Locale tra passato e futuro Associazione Contare - Bologna, 10 giugno 2014 Prof. Luca Bisio: Consulente e formatore farepa, Professore di Economia e gestione delle imprese presso la Scuola di Economia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni SISTEMA TRIBUTARIO La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Marche Legge della Regione Marche 28 dicembre 2011, n. 28, recante Disposizioni per la formazione del bilancio

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

1^ Giornata di Corso. Dr. Piersante Fabio

1^ Giornata di Corso. Dr. Piersante Fabio 1^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Dr. Piersante Fabio EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO La disciplina dell armonizzazione dei sistemi contabili e deibilancidelleregioniedeglientilocalinelquadrodel

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/DF. Roma, 11 novembre 2010 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE AI COMUNI LORO SEDI

CIRCOLARE N. 3/DF. Roma, 11 novembre 2010 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE AI COMUNI LORO SEDI CIRCOLARE N. 3/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Roma, 11 novembre 2010 DIPARTIMENTO DELLE FINANZE IL DIRETTORE GENERALE DELLE FINANZE PROT. 23148 AI COMUNI LORO SEDI ALL ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli