DIRITTO E NORMATIVA FINANZIARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIRITTO E NORMATIVA FINANZIARIA"

Transcript

1 a cura di Claudio Visco e Salvatore Orlando ε Claudia ruscaglioni I project bond. Principali caratteristiche dello strumento e recenti modifiche introdotte dal Decreto del Fare La congiuntura di crisi economica e la diminuzione delle disponibilità dei canali bancari tradizionali hanno inciso negativamente sul settore delle infrastrutture, il quale per sua natura necessita di ingenti apporti finanziari. Data la centralità di tale settore per la crescita economica del Paese e la ripresa della competitività, il legislatore italiano ha predisposto interventi finalizzati a rendere più agevole il coinvolgimento di capitali privati nella realizzazione delle infrastrutture, mediante il rilancio dello strumento dei project bond, presente da tempo nel nostro sistema, ma scarsamente utilizzato. A tale proposito, il d.l. 24 gennaio 2012 n. 1, convertito in l. 24 marzo 2012, n. 27 (Decreto Liberalizzazioni), all art. 41 ha modificato la disciplina in materia di emissione delle obbligazioni da parte delle società di progetto nell ambito delle operazioni di finanza di progetto, rimuovendo alcuni dei principali ostacoli allo sviluppo di tali strumenti. Da ultimo, il d.l. 21 giugno 201, n. 69, convertito in l. 9 agosto 201 n. 98 (Decreto del Fare), ha ulteriormente modificato le disposizioni in materia fiscale applicabili ai project bond. Si intende illustrare, nel prosieguo, le caratteristiche peculiari e innovative di tali strumenti finanziari, accennando brevemente anche al relativo trattamento fiscale. *** L art. 41 del Decreto Liberalizzazioni ha modificato una normativa risalente alla Legge Merloni (l. 11 febbraio 1994, n. 109), successivamente trasposta nell art. 157 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 16 (Codice dei Contratti Pubblici). La norma era rimasta fondamentalmente inattuata 1 per una serie di ragioni, tra le quali la previsione in base alla quale l emissione delle obbligazioni doveva essere garantita pro-quota mediante ipoteca. Tale previsione aveva sollevato una serie di perplessità, dal momento che era esclusa, per de- CLAUDIA RUSCAGLIONI: Avvocato partner dello Studio Legale Macchi di Cellere Gangemi. 1 L art. 157 del Codice dei Contratti Pubblici nella versione precedente al Decreto Liberalizzazioni prevedeva che: 1. Le società costituite al fine di realizzare e gestire una singola infrastruttura o un nuovo servizio di pubblica utilità possono emettere, previa autorizzazione degli organi di vigilanza, obbligazioni, anche in deroga all articolo ai limiti di cui all art c.c., purché garantire pro-quota mediante ipoteca; dette obbligazioni sono nominative o al portatore. I titoli e la relativa documentazione di offerta devono riportare chiaramente ed evidenziare distintamente un avvertimento dell elevato grado di rischio del debito, secondo le modalità stabilite con decreto del Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro delle infrastrutture

2 ε finizione, la possibilità di ipotecare l opera realizzata, in quanto pubblica e affidata solo in concessione e poiché la norma non chiariva se si potessero ipotecare anche beni di proprietà dei soci o di terzi 2. Inoltre, il regime fiscale applicabile rendeva lo strumento scarsamente appetibile e, ai fini dell emissione, era necessaria l autorizzazione da parte degli organi di vigilanza; tuttavia la norma non specificava quale fosse l organo di vigilanza competente. Infine, non era chiaro se la possibilità di emettere project bond fosse riconosciuta anche alle società di progetto costituite in forma di società a responsabilità limitata, stante la deroga al solo art c.c. L art. 41 del Decreto Liberalizzazioni si è posto dunque l obiettivo primario di risolvere gli ostacoli all utilizzo dello strumento dei project bond al fine di dare nuova vita ai progetti di realizzazione di opere pubbliche in regime di partenariato pubblico privato. In particolare, il legislatore ha inteso incentivare l attrazione di capitali privati per finanziare progetti a lungo termine nel settore dell energia, del trasporto e della banda larga, estendendo l applicabilità della norma a una categoria più ampia di progetti 4. La portata delle innovazioni contenute nella nuova disciplina deve essere inquadrata nel contesto attuale di forte crisi del settore bancario, che risulta oggi in difficoltà nell impegnare finanza a lungo termine. In sintesi, i project bond sono delle emissioni obbligazionarie il cui rimborso è collegato ai flussi di cassa del progetto e la cui struttura finanziaria segue le regole tradizionali del project financing (security package, reserve accounts, definizione di cover ratios minimi). L investitore che acquista i project bond diviene finanziatore dell infrastruttura, ma la gestione dei rapporti con l azionista viene delegata a un Agente o a un controlling creditor. Il ricorso a tali strumenti di finanziamento può comportare numerosi vantaggi per gli investitori, tra i quali un buon allineamento tra attività e passività per operatori finanziari a lungo termine, quali assicurazioni e fondi pensione, flussi di cassa relativamente stabili e prevedibili, una diversificazione rispetto ai titoli di Stato. L art. 41 del Decreto Liberalizzazioni ha in primo luogo modificato la disciplina contenuta nell art. 157 del Codice dei Contratti Pubblici, intervenendo sull ambito soggettivo di applicazione del medesimo nonché sul sistema delle garanzie e delle condizioni per l emissione dei prestiti obbligazionari. 2 Si veda De Lise, Garofoli (2008, p. 1074). Si veda Carullo, Iudica (2011). 4 Come illustrato nella Relazione di accompagnamento al Decreto Liberalizzazioni: Con il meccanismo del project bond si introduce dunque uno strumento, di natura privatistica, atto ad alimentare i flussi per la realizzazione di infrastrutture e a garantire la copertura dei rischi di costruzione; a differenza degli attuali strumenti, dove le obbligazioni vengono ripagate tramite il cash flow (pedaggi, canoni ecc.) delle opere infrastrutturali già realizzate, si andrebbe a coprire la parte di tempo in cui il progetto non ha ancora iniziato a generare flussi di cassa. Si agevola in tal modo il reperimento, da parte del realizzatore privato dell opera pubblica, delle risorse finanziarie da utilizzare per la realizzazione dell opera

3 ε In primo luogo, l articolo in esame dispone che le società di progetto di cui all art. 156 del Codice dei Contratti Pubblici 5 e le società titolari di un contratto di partenariato pubblico privato (art., comma 15-ter, Codice dei Contratti Pubblici) 6 possano emettere obbligazioni e titoli di debito al fine di realizzare una singola infrastruttura o un nuovo servizio di pubblica utilità, anche in deroga ai limiti all emissione di obbligazioni previsti dall art c.c. per le società per azioni e dall art. 248 c.c. per le società a responsabilità limitata (il riferimento ai titoli di debito contenuto nel testo, nonché il richiamo ai limiti di cui all art. 248 c.c., è sintomatico dell estensione anche alle s.r.l. della facoltà di utilizzare lo strumento finanziario in esame). Le emissioni di project bond sono caratterizzate dalla presenza dei seguenti elementi: i. carattere nominale delle obbligazioni; ii. sottoscrizione riservata agli investitori qualificati, intendendosi per tali quelli definiti dal Regolamento Emittenti 7 (cioè banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali organismi, negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci, fondi pensione e società di gestione di tali fondi, imprese di assicurazione, altri investitori istituzionali, agenti di cambio, investitori istituzionali, piccole e medie imprese che soddisfino determinate condizioni, persone fisiche che soddisfino le condizioni previste all allegato del Regolamento Intermediari 8 ). Siffatte cautele sostituiscono quella più gravosa, e di difficile realizzazione dell ipoteca pro-quota richiesta dalla precedente versione dell art. 157 del Codice dei Contratti Pubblici come condizione per la deroga ai limiti di cui all art c.c. L art. 41 del Decreto Liberalizzazioni prevede inoltre che in relazione all emissione dei titoli in esame non trovino applicazione i seguenti articoli del codice civile: 241 (casi di riduzione del capitale da parte di società che hanno emesso obbligazioni); 2414-bis (costituzione di garanzie a favore dei sottoscrittori); 2415 (deliberazioni dell assemblea degli obbligazionisti); 2416 (casi di impugnazione delle deliberazioni dell assemblea de- 5 Società di progetto in forma di società per azioni o a responsabilità limitata, anche consortile, costituite per realizzare o gestire una singola infrastruttura o un nuovo servizio di pubblica utilità. A tale proposito si rileva come la costituzione della società di progetto sia una facoltà e non un obbligo, mentre il successivo articolo 157 consente l emissione dei project bond solo alle società di progetto nonché alle società titolari di un contratto di partenariato pubblico-privato. Pertanto, nell ipotesi in cui si vogliano emettere obbligazioni di progetto sarà necessaria la costituzione di una società di progetto. Sul tema, si veda ompani, Catelani (2012, p. 24). 6 Il Decreto Liberalizzazioni ha anche ampliato l ambito soggettivo di applicazione dell art. 157 del Codice dei Contratti Pubblici, inserendo le società titolari di un contratto di partenariato pubblico-privato, consentendo pertanto anche alle società miste, costituite per la gestione o la manutenzione di un opera pubblica o di pubblica utilità, oppure la fornitura di un servizio, l emissione di project bond. 7 Regolamento adottato dalla Consob con delibera n del 14 maggio Regolamento adottato dalla Consob con delibera n del 29 ottobre

4 ε gli obbligazionisti); 2417 (rappresentante comune degli obbligazionisti); 2418 (obblighi e poteri del rappresentante comune degli obbligazionisti); 2419 (azioni individuali dei singoli obbligazionisti); 2420 (modalità per il sorteggio delle obbligazioni). Per quanto concerne gli obblighi di natura informativa connessi all emissione dei titoli è richiesto espressamente che la documentazione di offerta nonché i titoli stessi riportino una chiara indicazione dell elevato profilo di rischio dell operazione. Sino all avvio della gestione dell infrastruttura da parte del concessionario, i titoli possono essere garantiti da parte del sistema finanziario, da fondazioni e fondi privati secondo le modalità definite nel decreto interministeriale adottato dal Ministro dell Economia e delle Finanze (MEF) di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti il 7 agosto 2012 (Decreto 7 agosto 2012). Tale decreto disciplina sia le garanzie rilasciate per il periodo di costruzione e di avvio dell infrastruttura, sino all entrata a regime o alla scadenza dei project bond garantiti, sia le garanzie rilasciate sulle obbligazioni e titoli di debito emessi per il rifinanziamento del debito precedente. I soggetti legittimati al rilascio delle garanzie in esame sono: a. le banche italiane e comunitarie, nonché le banche extracomunitarie autorizzate a operare in Italia mediante succursale ovvero in regime di libera prestazione di servizi; b. gli intermediari finanziari iscritti nell albo di cui all art. 106 del TU e successive modificazioni 9 ; c. le imprese di assicurazione autorizzate ovvero ammesse in regime di libera prestazione dei servizi all attività di assicurazione relativa al ramo danni per le classificazioni 14 (Credito) e 15 (Cauzione), di cui all art. 2 del d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209, Codice delle assicurazioni private, e successive modificazioni, iscritte all Albo delle imprese istituito presso l IVASS (ex ISVAP) 10 ; d. Cassa Depositi e Prestiti s.p.a.; e. SACE s.p.a.; f. anca europea degli investimenti. Il secondo e ultimo comma dell art. del decreto prevede che: con successivo decreto interministeriale, saranno definite le modalità di rilascio delle garanzie da parte delle fondazioni e dei fondi privati ; tale decreto ad oggi non è stato ancora emanato. 9 Fino all entrata in vigore delle disposizioni di attuazione del Titolo V del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, come modificato dal d.lgs. n. 141 del 2010, si fa riferimento agli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 del medesimo Testo unico. 10 Al fine di coinvolgere capitali privati nello sviluppo delle infrastrutture, il Regolamento ISVAP 1 gennaio 2011 n. 6, così come modificato in data 18 luglio 2012, ha consentito l utilizzo, ai fini della copertura delle riserve tecniche, delle obbligazioni o altri titoli di debito di cui all art. 157, comma 1 del Codice dei Contratti Pubblici sin qui esaminati (art. 17 lett. A1-2c)

5 ε Ai sensi del Decreto 7 agosto 2012, le garanzie e controgaranzie in oggetto sono rilasciate nel rispetto delle seguenti modalità operative: le garanzie e le controgaranzie devono essere esplicite, irrevocabili, incondizionate e stipulate in forma scritta 11 ; il rilascio deve essere preceduto dalla valutazione del merito di credito dell emittente e della sostenibilità economico-finanziaria degli investimenti 12. Il documento per l offerta agli investitori qualificati deve indicare i soggetti garanti e l ammontare delle garanzie rilasciate da ciascuno. Il Decreto 7 agosto 2012 prevede altresì che la garanzia copra il rischio di inadempimento del debitore principale (ossia della società di progetto) riguardante sia il capitale che gli interessi e possa essere escussa a seguito del mancato pagamento di uno o più pagamenti dovuti, come precisati dal regolamento del prestito. Gli altri eventi che legittimano l escussione sono la dichiarazione di insolvenza dell emittente ovvero assoggettamento dello stesso a fallimento o altra procedura concorsuale allo stesso applicabile. Inoltre, al fine di facilitare la diffusione dei project bond, il legislatore ha previsto che tali garanzie possano operare autonomamente o congiuntamente con le iniziative assunte in materia dalle istituzioni europee, tra cui la Project ond Initiative promossa dalla Commissione europea con il coinvolgimento della anca europea degli investimenti. Si segnala che la possibilità di ricorrere allo strumento dei project bond, nel rispetto della disciplina delineata, è stata estesa prima dal Decreto Liberalizzazioni, poi dal d.l. 18 ottobre 2012 n. 179, convertito in l. 17 dicembre 2012 n. 221 (Decreto Sviluppo bis), oltre che alle società sopra indicate, anche alle seguenti tipologie di società: i. società operanti nella gestione dei servizi di cui all art. -bis del d.l. 1 agosto 2011, n. 18 (servizi pubblici locali); ii. società titolari delle autorizzazioni alla costruzione di infrastrutture di trasporto di gas e delle concessioni di stoccaggio di cui agli artt. 9 e 11 d.lgs. 2 maggio 2000, n. 164; iii. società titolari delle autorizzazioni alla costruzione di infrastrutture facenti parte del Piano di sviluppo della rete di trasmissione nazionale dell energia elettrica; iv. società titolari delle autorizzazioni per la realizzazione di reti di comunicazione elettronica; v. società titolari delle licenze individuali per l installazione e la fornitura di reti di telecomunicazioni pubbliche; 11 I titoli obbligazionari dovranno indicare le garanzie da cui sono assistiti ai sensi dell art. 2414, punto 5, c.c. 12 Tale previsione risulta in linea con quanto previsto all art. 15 del Codice dei Contratti Pubblici che in tema di finanza di progetto prevede che le offerte per la realizzazione di un infrastruttura debbano contenere: un piano economico-finanziario asseverato da un istituto di credito o da società di servizi costituite dall istituto di credito stesso ed iscritte nell elenco generale degli intermediari finanziari, ai sensi dell art. 106 del d.lgs. 1 settembre 199, n. 85, o da una società di revisione ai sensi dell art. 1 della legge 2 novembre 199, n. 1966, nonché la specificazione delle caratteristiche del servizio e della gestione, e dare conto del preliminare coinvolgimento di uno o più istituti finanziatori nel progetto

6 ε vi. società titolari delle autorizzazioni per la costruzione e l esercizio di terminali di rigassificazione di gas naturale liquefatto di cui all art. 46 del d.l. 1 ottobre 2007 n. 159, convertito in l. 29 novembre 2007 n Allo scopo di incentivare l utilizzo dello strumento di finanziamento in esame, è espressamente previsto dall art. 158 del Codice dei Contratti Pubblici che, in caso di risoluzione del rapporto di concessione per inadempimento del soggetto concedente ovvero di revoca della concessione per motivi di pubblico interesse, le somme rimborsate al concessionario saranno destinate prioritariamente al soddisfacimento dei titolari dei project bond, limitatamente alle obbligazioni emesse successivamente alla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Liberalizzazioni (oltre che al soddisfacimento dei crediti dei finanziatori del concessionario), e saranno indisponibili per il concessionario sino al completo soddisfacimento di detti crediti. La disciplina sin qui delineata si applica sia alle società di nuova costituzione che alle società già costituite alla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Liberalizzazioni. Un ulteriore importante novità introdotta dal d.l. 22 giugno 2012 n. 8 convertito in l. 7 agosto 2012 n. 14 (Decreto Sviluppo) consiste nell ampliamento dell ambito oggettivo di applicazione dell art. 157 del Codice dei Contratti Pubblici rispetto a quanto previsto con il Decreto Liberalizzazioni, con il riconoscimento della possibilità di emettere i titoli in esame anche con finalità di rifinanziamento del debito precedentemente contratto per la realizzazione dell infrastruttura o delle opere connesse al servizio di pubblica utilità di cui sia titolare la società di progetto interessata all emissione, sempre applicando il regime fiscale agevolato sotto descritto. DISCIPLINA FISCALE Per quanto concerne il trattamento fiscale dei project bond, l art. 1 del Decreto Sviluppo, così come modificato dall art. 19, comma 5 del Decreto del Fare, ha introdotto alcune significative agevolazioni, per favorire l emissione e il collocamento degli stessi 1. In primo luogo, gli interessi derivanti dalle emissioni obbligazionarie effettuate dalle società di progetto allo scopo di finanziare gli investimenti in infrastrutture o nei servizi di pubblica utilità, nei tre anni successivi alla data di entrata in vigore del decreto in esame, sono assoggettati alla tassazione sostitutiva con aliquota pari al 12,5%, esattamente come i titoli di Stato Da più parti era infatti stato sottolineato come senza un regime fiscale agevolato i project bond non sarebbero stati appetibili. Sul tema, si veda Santilli (2012). 14 Si veda ompani, Catelani (2012), p. 12. Gli autori sottolineano come si ponga il problema dell agevolazione riferita alle sole obbligazioni emesse dalle società per azioni e non anche ai titoli di debito che l art. 248 del

7 ε In secondo luogo, i limiti di deducibilità degli interessi passivi derivanti da obbligazioni, previsti dall art., comma 115, l. 28 dicembre 1995 n. 549, non trovano applicazione nei confronti delle società che emettono project bond. Infine, è previsto un regime agevolato per le garanzie rilasciate in rapporto ai project bond nonché per le eventuali operazioni relative a cui si applicano le imposte di registro, ipotecarie e catastali in misura fissa (pari a 168 euro), a prescindere dal tipo di garanzia prestata, dal soggetto che rilascia la medesima e dal momento in cui la garanzia viene emessa. Siffatto regime agevolato opera anche per le eventuali surroghe, postergazioni, frazionamenti e cancellazioni, anche parziali, relative alle garanzie di cui sopra, comprese le cessioni di credito stipulate in relazione alle emissioni dei titoli in esame, evitando così l applicazione dell imposta indiretta che avrebbe reso eccessivamente oneroso il perfezionamento del prestito obbligazionario e degli atti a esso connessi. Alla luce di quanto esposto, è opportuno rilevare che il sopra citato Decreto del Fare, al fine di incentivare la realizzazione di nuove opere infrastrutturali 15, ha modificato la disciplina fiscale dettata dall art. 1 del Decreto Sviluppo, attribuendo un carattere permanente alle agevolazioni concernenti la deducibilità degli interessi passivi e il regime delle imposte di registro, ipotecarie e catastali per le garanzie rilasciate in relazione all emissione di project bond, agevolazioni originariamente limitate dal Decreto Sviluppo alle obbligazioni emesse nei tre anni successivi all entrata in vigore del decreto in esame. Tale limite temporale di tre anni è stato invece confermato dal Decreto del Fare per l applicazione dell agevolazione consistente nell assimilazione del regime fiscale degli interessi derivanti dai project bond al regime previsto per i titoli del debito pubblico. Sarebbe stato preferibile, al fine di rendere maggiormente appetibile lo strumento dei project bond, rimuovere anche tale ultima limitazione temporale e rendere così permanente la tassazione sostitutiva del 12,5% o, quanto meno, attribuire alla limitazione temporale una durata maggiore di tre anni. In ogni caso, auspichiamo che i recenti interventi del legislatore potranno contribuire a dare nuova linfa allo strumento dei project bond e a rilanciare il settore delle infrastrutture. codice civile prevede possano essere emessi dalle società a responsabilità limitata, anche alla luce del fatto che il comma successivo in tema di imposte indirette fa riferimento anche a questi ultimi. Tuttavia, sottolineano gli autori: laddove all art. 1 si legge solamente obbligazioni la previsione deve essere estesa anche ai titoli di debito di cui all art. 248 c.c. 15 Come emerge dal Documento di consultazione del Parlamento A.S. 974 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 21 giugno 201, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell economia, agosto

8 ε ILIOGRAFIA AGENZIA DELLE ENTRATE (201), Circolare 4/E, Artt.1 e 2 d.lgs. 22 giugno 2012, n. 8 convertito con modificazioni dalla l. 7 agosto 2012, n. 14 e successive modificazioni apportate dall art. 6 d.lgs. 18 ottobre 2012, n. 179 convertito con modificazioni dalla l. 17 dicembre 2012, n. 221 Modifiche al regime fiscale delle cambiali finanziarie e delle obbligazioni emesse dalle piccole e medie imprese e dei Project bond, 6 marzo. OMPANI A., CATELANI E. (2012), Project ond & Commercial Paper, obbligazioni garantite, subordinate, partecipative e cambiali finanziarie alla ricerca di investitori qualificati, Franco Angeli Editore, Milano. CACCIA R., DI PILLO V. (201), Project ond: profili civilistici, contabili e fiscali, in ilancio e reddito d impresa, n. 1. CARULLO A., IUDICA G. (2011), Commentario breve alla legislazione sugli appalti pubblici e privati, Cedam, Torino. CINIERI S. (2012), Decreto Crescita: tutte le novità della conversione in legge, in Pratica fiscale e professionale, n., settembre. DE LISE P., GAROFOLI R. (2008), Codice degli appalti pubblici e nuovo regolamento SOA, Nel Diritto Editore. DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DEL PARLAMENTO, A.S. 110, Conversione in legge del decreto legge 24 gennaio 2012 n. 1, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività, n. 8, febbraio A.C. 5025, Concorrenza, infrastrutture e competitività (Decreto Liberalizzazioni), n. 606, marzo A.S. 426, Conversione in legge con modificazioni del decreto legge 22 giugno 2012, n. 8, recante misure urgenti per la crescita del paese, n. 17, luglio A.S. 426, Conversione in legge con modificazioni del decreto legge 22 giugno 2012, n. 8, recante misure urgenti per la crescita del paese, n. 81/I, luglio A.C. 1248, Disposizioni urgenti per il rilancio dell economia d.l. 69/201, giugno 201. A.S. 974, Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 21 giugno 201, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell economia, agosto 201. GALLI C. (2012), Ostacoli di natura fiscale per gli strumenti di finanziamento delle imprese, in Corriere tributario, n. 4, 10 settembre. GIACOMETTI L. (201), Il nuovo codice degli appalti pubblici coordinato con il regolamento di attuazione, Nuova Giuridica. ISVAP (2011), Regolamento 1 gennaio 2011, n. 6. NARDOCCI F., D OTTAVI L. (2012), I contratti pubblici, nuovo commentario alla disciplina degli appalti, Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna (RN). SANTILLI G. (2012), Project bond, ipotesi di tassazione al 12,5%, in Il Sole 24 Ore, 18 febbraio

Project Bond: uno strumento per lo sviluppo del Paese

Project Bond: uno strumento per lo sviluppo del Paese Project Bond: uno strumento per lo sviluppo del Paese Sommario I PROJECT BOND... 3 IL MECCANISMO DI FUNZIONAMENTO DEI PROJECT BOND... 4 GLI EMITTENTI DEI PROJECT BOND... 5 I SOTTOSCRITTORI DEI PROJECT

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

DIRITTO E NORMATIVA FINANZIARIA

DIRITTO E NORMATIVA FINANZIARIA a cura di Claudio Visco e Salvatore Orlando e Claudia ruscaglioni Nuove modalità di finanziamento per le imprese: cambiali finanziarie, obbligazioni subordinate e partecipative La crisi economico-finanziaria

Dettagli

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro 6 n 5 2012 Dopo il decreto Salva-Italia anche il Dl sulle liberalizzazioni interviene sulla disciplina del project financing. Altre novità riguardano le norme sulla progettazione, quelle sulle concessioni

Dettagli

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Giugno 2014 Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale 1. Introduzione La crisi economica degli ultimi anni

Dettagli

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Autore: Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale Categoria Approfondimento: Capital markets 1. Introduzione

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali. Avv. Stefano Sorrentino

Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali. Avv. Stefano Sorrentino Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali Avv. Stefano Sorrentino Indice Parte 1 Opportunità: I Provvedimenti del Governo Monti Parte 2 Strumenti: - Concessione

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI

FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 15/2015 del 14 maggio 2015 FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI di Emanuele Rossi e Andrea Sergiacomo 1. Premessa Sia le S.P.A. che le S.A.P.A. ed in particolari casi anche le cooperative 1, hanno la facoltà di emettere prestiti

Dettagli

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia )

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) Commento alle norme economicofinanziarie di interesse per il settore delle costruzioni Aggiornato

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO 1. Fondo di garanzia per le PMI pag. 1 2. Usura TEGM in vigore nel I Trimestre 2014 pag. 2 FINANZA 3. DL Destinazione Italia - Misure in materia di credito

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

Nuovi strumenti finanziari per le imprese: Project bond, Mini bond, Cambiali finanziarie e forme alternative di finanziamento

Nuovi strumenti finanziari per le imprese: Project bond, Mini bond, Cambiali finanziarie e forme alternative di finanziamento Nuovi strumenti finanziari per le imprese: Project bond, Mini bond, Cambiali finanziarie e forme alternative di finanziamento Avv. Francesco Dialti Milano, 4 giugno 2013 1 Riferimenti normativi Decreto

Dettagli

DECRETO CRESCITA E COMPETITIVITA - MISURE FISCALI A FAVORE DELLE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E DEL CREDITO ALLE IMPRESE

DECRETO CRESCITA E COMPETITIVITA - MISURE FISCALI A FAVORE DELLE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E DEL CREDITO ALLE IMPRESE Luglio 2014 DECRETO CRESCITA E COMPETITIVITA - MISURE FISCALI A FAVORE DELLE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E DEL CREDITO ALLE IMPRESE In data 24 giugno 2014, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 144

Dettagli

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Settembre 2012 I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Introduzione Tra le caratteristiche strutturali del sistema

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

TITOLO IX. Capitolo 2 RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVERSI DALLE BANCHE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE APRILE 2006

TITOLO IX. Capitolo 2 RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVERSI DALLE BANCHE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE APRILE 2006 DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE APRILE 2006 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE TITOLO IX - Capitolo 2 TITOLO IX Capitolo 2 RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVER DALLE BANCHE TITOLO IX - Capitolo

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 6 marzo 2013

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 6 marzo 2013 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2013 OGGETTO: Articoli 1 e 32 del decreto legge 22 giugno 2012, n. 83 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, e successive

Dettagli

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net 1. NEWSLETTER DIRITTO BANCARIO, FINANZIARIO E FISCALE DECRETO COMPETITIVITÀ Giugno 2014 1. Misure a favore del credito alle imprese (c) Concessioni di finanziamenti alle imprese da parte di imprese di

Dettagli

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento:

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento: FINANZA AZIENDALE Appunti 5 - (9-6 CFU) Cap. 15 libro Project Financing La realizzazione di un progetto complesso (la costruzione di una centrale energetica, di una raffineria, di un oleodotto, di un impianto

Dettagli

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE LA BANCA

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

BancAssurance Popolari S.p.A.

BancAssurance Popolari S.p.A. BancAssurance Popolari S.p.A. Sede Legale: Via Calamandrei, 255-52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via F. De Sanctis, 11 00195 ROMA Impresa autorizzata all esercizio delle assicurazioni con provvedimento

Dettagli

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex. Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.it FUND RAISING E REAL ESTATE NEL MERCATO INTERNAZIONALE E DOMESTICO: SPUNTI

Dettagli

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Briefing I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Una nuova era per l accesso al capitale in Italia? Sintesi L articolo 32 del Decreto Sviluppo introduce una nuova disciplina

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net NEWSLETTER DIRITTO BANCARIO E FINANZIARIO DECRETO DESTINAZIONE ITALIA Dicembre 2013 1. Misure per favorire il credito alla piccola e media impresa (c) Privilegio Bancario Imposta Sostitutiva Esenzione

Dettagli

BancAssurance Popolari S.p.A.

BancAssurance Popolari S.p.A. BancAssurance Popolari S.p.A. Sede Legale: Via Calamandrei, 255-52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via F. De Sanctis, 11 00195 ROMA Impresa autorizzata all esercizio delle assicurazioni con provvedimento

Dettagli

L industria dei fondi immobiliari in Italia: prospettive e incertezze Edoardo Longa Direttore Assoimmobiliare

L industria dei fondi immobiliari in Italia: prospettive e incertezze Edoardo Longa Direttore Assoimmobiliare L industria dei fondi immobiliari in Italia: prospettive e incertezze Edoardo Longa Direttore Assoimmobiliare IMMOBILIARE Roma, 18 gennaio 2011 1 2 Le difficoltà del settore Assorbimento inadeguato: mercato

Dettagli

Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015

Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015 Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015 OGGETTO: Decreti legislativi nn. 180 e 181 del 16 novembre 2015 di recepimento della direttiva 2014/59/UE. Prestazione dei servizi e delle attività di investimento,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 18/06/2013 18/06/2018 T.F. SUBORDINATE LOWER TIER II"

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 18/06/2013 18/06/2018 T.F. SUBORDINATE LOWER TIER II REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 18/06/2013 18/06/2018 T.F. SUBORDINATE LOWER TIER II" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale:

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant Giovanni Luppi Partner Mini Bond 1 1. Decreto Sviluppo 2012 - Principali novità Ambito civilistico Eliminazione dei limiti previsti dall articolo

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Febbraio 2015 INDICE 1. Premessa 2. Fondo di Garanzia per le PMI 3. Liquidazione TFR in busta paga 4. Moratoria dei mutui 5. Pagamento debiti

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO

CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO La disciplina civilistica e fiscale delle cambiali finanziarie, delle obbligazioni e dei titoli similari è stata oggetto di importanti modifiche, introdotte

Dettagli

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 APPENDICE Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE MERIDIANA FLY S.P.A. 2012-2013 (il Regolamento ) Articolo 1 Warrant per la sottoscrizione

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi 12/11/2014 Saccardi & Associati Normativa e Prassi Per i minibond: Art. 32 comma 8, 9, 13 e 26 del DL 83/2012 Decreto sviluppo/crescita

Dettagli

REGOLAMENTO PRESTITO OBBLIGAZIORARIO SUBORDINATO

REGOLAMENTO PRESTITO OBBLIGAZIORARIO SUBORDINATO REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IBL BANCA 30/03/2015-2020 OBBLIGAZIONI SUBORDINATE TIER II A 5 ANNI CON CEDOLA SEMESTRALE A TASSO FISSO 4,5% CODICE ISIN IT0005090961 REGOLAMENTO Le Obbligazioni

Dettagli

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1. 1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.2 La dematerializzazione delle azioni 1.1.2.1 Profili fiscali 1.1.3

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Garanzie e interventi della Sace nella strutturazione dei finanziamenti per le infrastrutture

Garanzie e interventi della Sace nella strutturazione dei finanziamenti per le infrastrutture Garanzie e interventi della Sace nella strutturazione dei finanziamenti per le infrastrutture Intervento SACE nelle infrastrutture strategiche: l approccio L approccio di SACE Coinvolgimento sin dalla

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per le banche

Istruzioni di Vigilanza per le banche BANCA D ITALIA Istruzioni di Vigilanza per le banche Circolare n. 229 del 21 aprile 1999-12 Aggiornamento del 21 marzo 2007 Indice: pag. 28 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE RIEPILOGO AGGIORNAMENTI

Dettagli

PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 27 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153. www.prelios.

PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 27 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153. www.prelios. PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 27 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153 www.prelios.com REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A CONVERSIONE OBBLIGATORIA DENOMINATO

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 20/12/2012 20/12/2017 T.V. SUBORDINATE LOWER TIER 2"

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 20/12/2012 20/12/2017 T.V. SUBORDINATE LOWER TIER 2 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 20/12/2012 20/12/2017 T.V. SUBORDINATE LOWER TIER 2" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale:

Dettagli

ex L. 43/94 come modificata dal D.L. 83/2012 (decreto crescita) convertito con L. 134/2012, ex D.L. 179/2012 (decreto crescita bis) convertito con L.

ex L. 43/94 come modificata dal D.L. 83/2012 (decreto crescita) convertito con L. 134/2012, ex D.L. 179/2012 (decreto crescita bis) convertito con L. L emissione di cambiali finanziarie L emissione di cambiali finanziarie ex L. 43/94 come modificata dal D.L. 83/2012 (decreto crescita) convertito con L. 134/2012, ex D.L. 179/2012 (decreto crescita bis)

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Via di Campo Marzio, 46-00186

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 22 del 21 OTTOBRE 2014 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

PROVVEDIMENTO N. 22 del 21 OTTOBRE 2014 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PROVVEDIMENTO N. 22 del 21 OTTOBRE 2014 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO ISVAP N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011, CONCERNENTE LE LINEE GUIDA IN MATERIA DI INVESTIMENTI E DI ATTIVI A COPERTURA DELLE RISERVE

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Le novità del Decreto Sviluppo in tema di obbligazioni e cambiali finanziarie L apertura del mercato del capitale di debito per gli emittenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 CODICE ISIN: IT0004548258 DESCRIZIONE SINTETICA

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

REGOLAMENTO relativo al prestito obbligazionario denominato: BANCO POPOLARE S.C. - OBBLIGAZIONI SUBORDINATE TIER 2 A TASSO VARIABILE 2015/2022 CON

REGOLAMENTO relativo al prestito obbligazionario denominato: BANCO POPOLARE S.C. - OBBLIGAZIONI SUBORDINATE TIER 2 A TASSO VARIABILE 2015/2022 CON Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

Cassa depositi e prestiti spa

Cassa depositi e prestiti spa FORUM BANCHE PA 2010 Sessione Parallela C2 Partenariato Pubblico Privato Intervento di Cristiano Cannarsa Responsabile Direzione Imprese CDP - Roma, 19 febbraio 2010 - www.cassaddpp.it 1 La normativa nelle

Dettagli

INDICE. Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO

INDICE. Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO INDICE Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO 1. Evoluzione storica del project financing. 5 2. Il project financing nella prospettiva del partenariato pubblico-privato. 6

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 5, paragrafo 2, e 6 della direttiva 2008/7/CE

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo Pirelli & C. S.p.A. Sede in Milano Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Capitale sociale euro 1.345.380.534,66 Registro delle Imprese di Milano n. 00860340157 Repertorio Economico Amministrativo n. 1055

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Strumenti per il finanziamento delle infrastrutture energetiche: i Project Bond

Strumenti per il finanziamento delle infrastrutture energetiche: i Project Bond Energy Symposium 2013 Strumenti per il finanziamento delle infrastrutture energetiche: i Project Bond Avv. Umberto Mauro Roma, 14.11.2013 1 Norton Rose Fulbright Group oltre 3800 avvocati oltre 50 uffici

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Tasso Variabile

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Tasso Variabile Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ 2013

LEGGE DI STABILITÀ 2013 LEGGE DI STABILITÀ 2013 La Camera dei deputati ha definitivamente approvato il 21 dicembre 2011 la legge Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità

Dettagli

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari 1. NOZIONE DI GESTIONE ACCENTRATA DI STRUMENTI FINANZIARI L istituto della gestione accentrata per la custodia e l amministrazione di strumenti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DI GEMINA

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DI GEMINA GEMINA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DI GEMINA S.p.A. Autorizzazione all acquisto e all alienazione di azioni proprie ai sensi

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014/2021 SUBORDINATO TIER II

SCHEDA PRODOTTO PER IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014/2021 SUBORDINATO TIER II SCHEDA PRODOTTO PER IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014/2021 SUBORDINATO TIER II Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 14.9.2015 n. 147) - Disposizioni di rilevanza interna

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 14.9.2015 n. 147) - Disposizioni di rilevanza interna Studio Menichini Dottori Commercialisti Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 14.9.2015 n. 147) - Disposizioni di rilevanza interna 1 1 PREMESSA Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Gennaio 2014. I nuovi strumenti di finanziamento per le imprese: i c.d. Mini-bonds

Gennaio 2014. I nuovi strumenti di finanziamento per le imprese: i c.d. Mini-bonds Gennaio 2014 I nuovi strumenti di finanziamento per le imprese: i c.d. Mini-bonds Roberto Culicchi e Juljan Puna, Hogan Lovells Studio Legale 1. Introduzione Il protrarsi della crisi finanziaria e della

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

PROSPETTO DI BASE NOTA INFORMATIVA

PROSPETTO DI BASE NOTA INFORMATIVA Sede sociale e Direzione Generale: Ravenna Piazza Garibaldi, 6 Capitale Sociale 151.372.000,00 Euro interamente versato Banca iscritta all Albo delle Banche ai n.ri 5096/6270.3 Capogruppo del Gruppo Bancario

Dettagli