Sentenza n. 7805/2013 pubbl. il 04/06/2013 RG n /2010 Repert. n. 6161/2013 del 04/06/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sentenza n. 7805/2013 pubbl. il 04/06/2013 RG n. 46326/2010 Repert. n. 6161/2013 del 04/06/2013"

Transcript

1 N. R.G /2010 REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO OTTAVA CIVILE Il Tribunale di Milano, Sezione VIII Civile, in persona del Giudice dott. Angelo Mambriani, ha pronunciato, in nome del Popolo Italiano, la seguente SENTENZA nella causa civile di I Grado iscritta al n. r.g /2010 promossa da: TACARA SRL IN LIQUIDAZIONE (C.F ), rappresentata e difesa dall Avv. Paolo Cesare Pecorella ed elettivamente domiciliata presso il suo studio in Via Della Posta n. 8, Milano, come da procura in calce al decreto ingiuntivo opposto CONTRO ATTORE ROBERTA TASIN (C.F. TSNRRT46T41F205W), rappresentata e difesa dagli Avv.ti Paola Parma, Marco Longo e Francesco Ilari ed elettivamente domiciliata presso il loro studio in Via Cosimo Del Fante n. 6, Milano, come da procura a margine del ricorso per decreto ingiuntivo opposto CONCLUSIONI CONVENUTA Le parti hanno concluso come da fogli allegati al verbale d udienza di precisazione delle conclusioni. pagina 1 di 12

2 MOTIVI DELLA DECISIONE I) Premesse processuali. Con atto di citazione notificato il 18 giugno 2010, Tacara s.r.l. in liquidazione (di seguito: Tacara o la Società) proponeva opposizione avverso il decreto ingiuntivo n /2010 emesso nei suoi confronti da questo Tribunale il aprile 2010, su ricorso della sig.ra Roberta Tasin (di seguito: Tasin), per la somma di ,82, oltre accessori. Parte attrice, in particolare, ha eccepito l'inesigibilità del credito vantato dall'ingiungente, in quanto postergato ex art c.c. Parte attrice si è costituita in giudizio il 25 giugno Parte convenuta, costituitasi ritualmente, ha eccepito l'improcedibilità dell'opposizione e ne ha contestato il fondamento in fatto ed in diritto, chiedendone il rigetto. * L' opposizione non è improcedibile per effetto della costituzione dell'attore oltre il termine di cinque giorni dalla notifica al convenuto, come eccepito da parte attrice in forza della sentenza Cass., sez. un n , poichè, nelle more, è sopravvenuto l'art. 2 della l.n. 218 del 2011 (in vigore dal ), a mente della quale il disposto dell'art. 165 comma 1 c.p.c. si interpreta, nel caso di opposizione a decreto ingiuntivo, nel senso che la dimidiazione del termine di costituzione dell'attore opponente si applica solo quando lo stesso ha assegnato al convenuto opposto un termine di comparizione inferiore a quello di cui all'art. 163 bis comma 1 c.p.c. Nel caso di specie l'attore non ha assegnato al convenuto termine di comparizione inferiore a quello ordinario, sicchè il suo termine di costituzione rimane a sua volta quello ordinario, che risulta rispettato. II) Il fatto. In fatto è pacifico tra le parti quanto segue. Il 16 gennaio 2004 Tacara stipulava con Cariparma s.p.a. un mutuo per ,00; a garanzia del mutuo la sig.ra Tasin - socia di Tacara - costituiva in favore della banca un pegno su polizza vita denominata "Azione Più", alla stessa intestata, del valore di ,00. Successivamente la Tasin costituiva altresì un pegno anche su BOT del valore di ,00. Con lettera del 23 febbraio 2009 il rag. Raffaele Mattolini - amministratore unico della Società - comunicava ai soci: "... vi ho tenuti informati su quanto stavo operando in merito alla conversione del prestito in oggetto. Come ben sapete, si è dovuto mettere in atto questa operazione per dare un pò di pagina 2 di 12

3 'ossigeno finanziario' a Tacara, allungando i tempi del prestito, ma dimezzando la rata mensile rinegoziando anche il tasso" (enfasi d.e.). Il 12 marzo 2009 la Società rinegoziava con Cariparma il finanziamento, che veniva erogato dalla banca "a copertura prestito" (doc. 4 fac. mon.), per ,00, a tasso variabile, da restituire in 84 rate mensili da 6.601,31 (doc. 5 fasc. mon.). Pressocchè contestualmente, in data 10 marzo 2009, tra la banca e la garante Tasin interveniva un atto denominato "Variazione atto di pegno" con cui la garante, a garanzia del mutuo che sarebbe stato formalizzato due giorni dopo, svincolava dal pegno la polizza vita "Azione Più" del valore nominale di ,00 e i BOT del valore nominale di ,00 e dava in pegno BOT del valore nominale di ,00 (doc. 1 e 2 conv.). Il 29 settembre 2009 il rag. Mattolini comunicava ai soci che la società non era stata in grado di pagare a Cariparma le rate di mutuo relative ai mesi di agosto e settembre per mancanza di fondi sul conto corrente, chiedendo loro di provvedere. Il 14 gennaio 2010 l'assemblea di Tacara deliberava la messa in liquidazione della società e nominava liquidatore la dott.sa Anna Grinovero. La sig.ra Tasin, su richiesta della banca, in data 15 febbraio 2010, per evitare che la società fosse dichiarata decaduta dal beneficio del termine e che venisse chiesto il rientro dell'intera somma mutuata, provvedeva a svincolare parzialmente i titoli dati in pegno ed a pagare, con i fondi così resisi disponibili, le rate di mutuo scadute e non pagate dal 12 agosto 2009 al 12 febbraio 2010 per ,82 (doc fasc. mon.). Dopo avere rivolto a Tacara, in data 4 marzo 2010, intimazione di provvedere al rimborso delle somme pagate, rimasta senza seguito, la Tasin otteneva il decreto ingiuntivo oggetto della presente opposizione. III) Applicabilità della disciplina dell'art c.c. ai pagamenti del socio garante surrogatosi al creditore originario. A fonte dell'eccezione di postergazione ex art c.c. sollevata dalla Società attrice, la socia ha, in via preliminare di merito, replicato che la norma non troverebbe applicazione nel caso di specie in quanto, a seguito dei pagamenti effettuati, essa si sarebbe surrogata a Cariparma nel credito verso la Società, sicchè esso sarebbe "giuridicamente altro dal credito di regresso che sarebbe sorto in capo alla medesima per effetto dell'escussione della garanzia (il Pegno)". Parte attrice ha invece ribadito che di azione di regresso si tratterebbe e non di surroga. pagina 3 di 12

4 La deduzione in replica di parte convenuta non può essere accolta. Invero, anche a voler prescindere, da un lato, dalla circostanza che la socia è stata escussa dalla banca - come lei stessa ha ammesso, essendo compresa nel concetto di escussione la richiesta del creditore rivolta al garante, in forza della garanzia prestata, di adempiere l'obbligazione principale ed avendo ella pagato, solo a seguito di quella richiesta, numerose rate scadute da mesi, all'evidente fine di evitare, con la decadenza della Società garantita dal beneficio del termine, di vedere subito incamerato dalla banca l'intero ammontare dei titoli dati in pegno - e che ha pagato proprio realizzando parzialmente il pegno, ma anche, dall'altra parte, che il garante che agisce per il rimborso contro il debitore principale può scegliere se farlo a titolo di regresso o di surroga, si deve sottolineare che la questione della qualificazione dell'azione di cui si discute è, rispetto al tema qui discusso - applicabilità dell'art c.c. -, del tutto irrilevante. Anzitutto si deve considerare che, sebbene in via derivativa e non originaria, in ogni caso il garante surrogatosi al creditore a seguito del pagamento (qui il socio) si trova lui stesso ad essere il soggetto titolare del credito verso la società, in nulla rilevando ai nostri fini che il diritto transitato in capo a lui abbia oggettivamente la stessa dimensione che aveva in capo al creditore originario. In secondo luogo va considerato che l'art c.c. trova applicazione ai finanziamenti dei soci in favore della società "in qualunque forma effettuati", cioè con riferimento a tutti i casi in cui un socio in quanto tale si trovi nella posizione di creditore della società (salvo i casi di apporti assimilabili a quelli di capitale di rischio: C. App. Milano, , in Le Società, 2009, 1120) quale che sia lo schema giuridico che abbia sortito tale effetto. Si tratta dunque, semmai, di sceverare se l'apporto sia avvenuto causa societatis o per causa diversa e, nel primo caso, se a titolo di apporto di capitale o a titolo di credito, ma, appurato l'apporto a titolo di credito, il percorso giuridico che ha portato alla creazione del titolo rimane del tutto indifferente. Nel caso di specie nessuno discute che il pagamento effettuato dalla Tasin trovasse la sua causa nella posizione di socio da lei rivestita e che fosse escluso ab origine l'apporto a titolo di capitale di rischio. Dunque l'applicabilità della disciplina della postergazione al finanziamento in questione è indubitabile. Semmai il processo pone altra questione, che merita di essere chiarita subito. Cioè se l'art c.c. sia applicabile alle garanzie prestate dai soci in favore della società, cui sia seguito il pagamento da parte del socio e la conseguente acquisizione, da parte sua, della posizione di creditore della società, non importa se di regresso o per surroga. Se cioè la sussistenza dei presupposti della postergazione indicati al comma 2 della norma appena citata vada valutata al momento in cui il socio è effettivamente divenuto creditore della società a seguito del pagamento del debito sociale verso il terzo finanziatore pagina 4 di 12

5 ovvero al momento in cui, prestando la garanzia, ha consentito che il terzo erogasse il finanziamento alla società. Appare corretta questa seconda soluzione, sia in considerazione della particolare ampiezza della fattispecie prevista normativamente, sia perchè, in relazione allo scopo della norma - evitare la sottopatrimonialiazzazione della società provocata dal socio, a carico degli altri creditori, qualificando artificiosamente come apporto di capitale di credito quel che dovrebbe essere capitale di rischio -, la prestazione di garanzia che consente l'erogazione del finanziamento da parte del terzo ovvero il finanziamento diretto sono situazioni equivalenti, sia perchè anche rispetto ai presupposti della postergazione - una situazione di sovraindebitamento o di crisi finanziaria - si evidenzia quell'equivalenza, sia infine perchè, se così non fosse, la norma si presterebbe ad essere molto facilmente elusa. IV) Individuazione del momento rilevante ai fini dell'applicazione dell'art c.c. Premesso quanto sopra, consegue che il momento rilevante per verificare la sussistenza dei presupposti di cui al comma 2 dell'art c.c., è quello in cui viene rilasciata la garanzia da parte del socio. Siffatta conclusione, in particolare, pare difficilmente contestabile in tutti i casi in cui, come quello di specie, rilascio della garanzia ed erogazione del finanziamento da parte del terzo sono contestuali. Ciò posto, le parti hanno discusso se, nel caso che ne occupa, quel momento fosse da collocare nel gennaio 2004 od invece nel marzo Parte attrice, in proposito, ha dedotto che il pegno stipulato tra Tasin e Cariparma nel 2009 dovrebbe considerarsi rapporto nuovo e diverso rispetto al pegno intercorso tra le stesse parti a far data dal gennaio 2004, essendo mutato sia l'oggetto del pegno (non Azione Più per e BOT per , ma BOT per ,00), che il finanziamento garantito (non più il mutuo stipulato nel 2004 ma il finanziamento a medio termine stipulato nel 2009 diverso per tasso d'interessi e durata). Parte convenuta ha viceversa sostenuto che vi è stata una mera conversione del rapporto di finanziamento originario in altro rapporto di finanziamento, con rinegoziazione delle condizioni, rapporto unitario cui ha acceduto una garanzia pignoratizia rimasta intatta, in nulla rilevando che il suo oggetto iniziale sia stato sostituito da altro analogo, pur sempre trattandosi di titoli e strumenti finanziari. Ritiene il Tribunale che sia dirimente in proposito la volontà che le parti hanno espresso in occasione della modificazione del rapporto di finanziamento e, di conseguenza, del rapporto di garanzia. Ebbene, nell'atto denominato "Variazione atto di Pegno" (denominazione già di per se stessa assai significativa), si legge: pagina 5 di 12

6 "In relazione all'atto di costituzione di cui alla lettera in data resta convenuto che in dipendenza della... sostituzione, da me oggi effettuata, di somme, crediti, titoli... con le somme, crediti, titoli... descritti in calce, la garanzia pignoratizia si trasferisce sulle somme, crediti, titoli... sostituiti e conferiti in pegno, fermo ovviamente restando, senza novazione alcuna, il vincolo pignoratizio a Vostro favore in prosecuzione dell'originario vincolo costituito con il surrichiamato atto di cui in premessa...". In forza di tale dichiarazione non sussiste dubbio alcuno in ordine alla circostanza che la garanzia pignoratizia data dalla socia è rimasta la stessa per tutta la durata del finanziamento, quali che siano state le evoluzioni che esso ha subito. Ne deriva ulteriormente, per quanto osservato sopra, che il ricorrere delle condizioni di cui all'art c.c. deve essere valutata alla data del rilascio della garanzia, cioè al gennaio V) Sussistenza dei presupposti di cui all'art comma 2 c.c. L'art comma 2 c.c. prevede, quali condizioni perchè il finanziamento debba considerarsi postergato, due situazioni diverse, cioè che sia stato concesso "in un momento in cui... risulta un eccessivo squilibrio dell'indebitamento rispetto al patrimonio netto oppure in una situazione finanziaria della società nella quale sarebbe stato ragionevole un conferimento". E' noto che si tratta di situazioni autonome e alternative, entrambe in linea di massima riferite ad uno stato di crisi economico\patrimoniale della società, ciascuna delle quali sufficiente a determinare quell'effetto ("ovvero"), sebbene autorevole dottrina abbia perspicuamente notato che, a ben vedere, il primo criterio non sarebbe altro che una esemplificazione del secondo, più ampio e comprensivo. Il primo dei due fa esplicito e conferente riferimento al rapporto indebitamento\patrimonio netto, legando la postergazione ad una situazione di "eccessivo squilibrio". La necessità di individuazione di siffatta situazione ha indotto, sul piano ermeneutico, il richiamo a diverse norme: l'art quinquies c.c. (sui limiti alla distribuzione dei dividendi e delle riserve nelle cooperative); l'art c.c. (sui limiti all'emissione di obbligazioni nelle società per azioni). Sembra invece improprio, ad oggi, il riferimento all'art. 98 TUIR, abrogato da anni, in ogni caso relativo alla disciplina di fenomeni diversi in relazione a indici di indebitamento qui non rilevanti (deducibilità di interessi passivi in relazione al rapporto tra finanziamento erogato dal socio e valore di libro della sua partecipazione). Orbene, il riferimento all'art quinquies c.c. non pare appropriato, poichè le cooperative sono strutturalmente diverse dalle imprese capitalistiche nelle quali, assumendo il profitto la posizione obiettivo prioritario d impresa da valorizzare attraverso un equilibrato apporto di capitali propri e di terzi, le caratteristiche economico finanziarie possono efficacemente essere riassunte nelle note formule del Roi e del Roe dalle quali si dipana la serie degli usuali indici di bilancio. Invece l originalità pagina 6 di 12

7 dell'impresa cooperativa ne condiziona fortemente l andamento economico-finanziario e ne determina la tendenziale sottocapitalizzazione, che ne costituisce notoriamente connotazione costante. Questo dato di esperienza non può non essere stato considerato dal legislatore e rende non meccanicamente trasponibile alle società capitalistiche il rapporto patrimonio netto \ indebitamento complessivo indicato nella norma in questione. Anche il richiamo all'art c.c., non pare del tutto soddisfacente, considerando che la norma è finalizzata ad equilibrare la distribuzione del rischio tra azionisti ed obbligazionisti - tanto che è rilevante il rapporto tra impegno economico dei soci (capitale + riserve) e valore complessivo delle obbligazioni che possono essere emesse -, ma non tiene in alcuna considerazione la posizione dei terzi creditori precedenti all'emissione del prestito - dunque il rapporto di indebitamento anteriore - proprio perchè quello è il rischio di cui anche gli obbligazionisti si caricano (sul presupposto che lo conoscano o possano conoscerlo con esattezza). Ciò posto, non rimane che prendere atto della correttezza ed esaustività del dettato normativo, che ha fatto appropriato e specifico riferimento ad un indice di bilancio - il leverage o "rapporto di indebitamento" - ben conosciuto alle scienze aziendalistiche, avendo cura di aggiungere un più ampio richiamo alla situazione economico-finanziaria della società in rapporto al mercato del credito, da considerarsi in relazione al tipo di attività esercitato dalla società di cui si discute. Si tratta dunque di una clausola aperta che vede i suoi criteri e principi regolatori individuati con rimando alle analisi aziendali, cioè agli indici di bilancio ed alle relative conclusioni in tema di squilibrio nell'indebitamento e nella capitalizzazione, da applicarsi alla concreta situazione economicofinanziaria e patrimoniale della società. Tanto premesso, si devono considerare i dati emergenti da quel bilancio di Tacara che fotografa la situazione più vicina al momento di erogazione del prestito, cioè quello al Non rileva, diversamente da quanto assunto dalla convenuta Tasin, il fatto che quel bilancio è stato approvato successivamente e che, alla data del finanziamento, era noto solo quello al , poichè tutta la disciplina dell'art c.c. e la sua espressa previsione nell'ambito della disciplina delle s.r.l., come la discussione concernente l'applicabilità della norma alle s.p.a., si fonda proprio sulla natura tendenzialmente chiusa delle s.r.l. e sulla conseguente conoscenza o conoscibilità (art comma 2 c.c.) da parte di tutti i soci in ogni momento della effettiva situazione economico-finanziaria della società. Ebbene, al , Tacara presentava un attivo patrimoniale composto per quasi due terzi ( ,00 su ) da immobilizzazioni finanziarie, cioè la partecipazione in Kunzle & Tasin s.p.a., oltre a circa euro di crediti scadenti entro l'anno - di cui ben verso la pagina 7 di 12

8 controllata - ed di crediti scadenti oltre l'anno. Quanto a quest'ultima posta, si legge nella scarna e burocratica nota integrativa che si trattava di prestito obbligazionario sottoscritto in favore della controllata Kunze & Tasin s.p.a., scadente il Il patrimonio netto risulta composto da un capitale sociale al minimo legale ed utili accantonati per , sicchè, sottratte perdite di esercizio per euro, residuavano Le passività erano costituite da debiti scadenti entro l'anno per euro - di cui verso banche (Cariparma), su cui erano stati pagati di interessi passivi - e debiti scadenti oltre l'anno per circa euro, oltre ratei e risconti passivi per circa euro (tot ). A ciò si aggiunga che la società aveva riportato consistenti perdite negli ultimi due esercizi (rispettivamente nel 2002 ed nel 2003) e che la controllata aveva maturato perdite molto consistenti nel 2002 (oltre euro) e utili risicatissimi nel 2003 (circa euro). Da questo quadro emerge un indebitamento - l'indice al quale la prima fattispecie di cui l'art comma 2 c.c. fa riferimento - oltre la soglia di due volte il patrimonio netto ( ) \ = 0,42). E la situazione appare particolarmente grave considerando che il debito è, per la quasi totalità, scadente entro l'anno e verso banche ed è bilanciato, nelle attività, dal valore delle immobilizzazioni finanziarie, mentre, sempre nelle attività, non compaiono voci di liquidità in grado di sovvenire a tale debito. In queste condizioni, dunque, si appalesa uno squilibrio eccessivo tra patrimonio netto ed indebitamento (rapporto < 0,5) anche in considerazione degli ulteriori elementi emergenti dal bilancio, dai quali si desume che Tacara non era in grado di pagare, nel 2003, i debiti che aveva verso le banche se non liquidando l'unico asset che costituiva il suo core business. Si deve aggiungere che, nell' assemblea di Tacara del 29 aprile 2003, l'amministratore della società aveva denunciato difficoltà finanziarie, segnalando l'inesigibilità del credito verso Kunzle & Tasin s.p.a. e chiedendo l'intervento dei soci (doc. 9 att.); il credito veniva poi parzialmente rimesso con delibera del 19 dicembre 2003 (doc. 17 att.) ed il prestito obbligazionario sarebbe stato successivamente convertito in azioni (v. postea). Si può concludere che, nelle condizioni suindicate, nessun finanziatore avrebbe concesso altro credito a Tacara e che sarebbe stato viceversa ragionevole un conferimento. Tale conclusione è avvalorata proprio da quanto accaduto, poichè la banca ha concesso un mutuo per 1,1 milioni di euro, pari sostanzialmente all'esposizione a breve che aveva verso la società cosi trasformandola in esposizione a medio-lungo termine, ed ha preteso dalla socia garanzie non già meramente personali, ma reali, per circa euro, cioè appunto la differenza tra patrimonio netto ed importo finanziato. pagina 8 di 12

9 VI) Area di operatività della postergazione. Sussistenza dei presupposti nel caso di specie. Sono noti i diversi esiti cui è pervenuta la dottrina in ordine al problema dell'area di operatività della postergazione, taluni privilegiando un' impostazione di rigida tutela del patrimonio sociale e valorizzando la mancanza di limitazioni espresse e giungendo perciò ad affermare che essa sarebbe opponibile anche dalla società in bonis, altri accentuando il profilo della tutela dei creditori, richiamando il proprium del concetto stesso di postergazione - che suppone un concorso dei creditori sul patrimonio -, sottolineando la rilevanza della parte della norma che impone la restituzione del rimborso solo per i finanziamenti anomali intervenuti nell'anno anteriore al fallimento, rilevando la conformità alla ratio della norma del rimborso del finanziamento anomalo una volta che la società abbia recuperato l'equilibrio economico-finanziario. In quest'ultimo senso si è già espresso questo Tribunale in una pronuncia che qui pienamente condivisa (Trib. Milano, , in Giur. It., 2011, 574). Mette conto soltanto precisare alcune delle possibili conseguenze ermeneutiche di tale interpretazione, perchè sono rilevanti nel caso di specie. Questo Tribunale ha infatti anche affermato - peraltro in obiter dicta non specificamente motivati (Trib. Milano, in Soc., 2009, 1133; Trib. Milano , in Giur. It., n. 11\ 2007, 2500) - che la postergazione sarebbe opponibile al socio nel caso in cui il rimborso fosse richiesto a società in liquidazione. Alla stregua di quanto considerato più sopra, l'affermazione è esatta, ma con esclusione dei casi di liquidazione in bonis, quando cioè la società, liquidando il suo patrimonio, è in grado di soddisfare tutti i suoi creditori, compresi i soci finanziatori. Sul piano processuale ne deriva che la società in liquidazione non potrà limitarsi ad allegare lo stato di liquidazione al momento della richiesta di rimborso del finanziamento avanzata dal socio, ma dovrà provare che, se rimborsasse il socio, non sarebbe in grado di pagare per intero gli altri creditori anche chirografari. Nel caso di specie l'attrice Tacara ha dedotto di essere in liquidazione e di non essere in grado di rimborsare il socio. Tasin ha eccepito che non sono stati prodotti i bilanci al ed al e che il liquidatore non ha chiesto il fallimento in proprio, sicchè la società deve essere ritenuta in bonis. pagina 9 di 12

10 Nonostante la mancata produzione del bilancio dell'esercizio 2010, durante il quale è stato richiesto il rimborso non ottenuto, si deve ritenere che la Società versa in una situazione di crisi economicopatrimoniale tale da non consentirle il rimborso dei finanziamenti anomali versati dai soci. E' appena il caso di accennare che l'argomento relativo alla mancata presentazione di istanza di fallimento in proprio prova troppo: il liquidatore potrebbe avere deciso di assumersi le eventuali responsabilità connesse all'omessa presentazione del ricorso, peraltro legate al verificarsi di un ampliamento del dissesto; in linea di ipotesi non sarebbe necessario adire una procedura concorsuale se la liquidazione consentisse di pagare per intero tutti i creditori diversi dai soci postergati. Quanto invece alla situazione economico-finanziaria, ed anche patrimoniale, di Tacara al momento della richiesta di rimborso - febbraio vale considerare quanto segue. Già all'inizio del 2005, l'amministratore Mattolini, nel corso dell'assemblea in data 11 febbraio, denunciava nuovamente la situazione finanziaria "particolarmente critica" della società, tanto che i soci, per porvi rimedio, decidevano di convertire in azioni Kunzle & Tasin le obbligazioni detenute, per poi venderle (non si sa con quale esito) e fare fronte ai debiti (doc. 18 att.). Si susseguivano nel 2006 e nel 2008 due aumenti di capitale, il primo assai significativamente attuato mediante conversione in capitale dei finanziamenti soci, ed entrambi con sovrapprezzo, peraltro non particolarmente indicativo, non essendo stato l'aumento sottoscritto da soci diversi da quelli facenti parte della compagine "storica" della società. Con la citata lettera del 23 febbraio 2009 l'allora amministratore Mattolini avvisava i soci che la società era in crisi finanziaria e che diveniva necessario - dopo che operazione analoga era già stata fatta nel trasformare ancora il debito verso Cariparma, già a medio-lungo, dilazionandolo ulteriormente in modo da abbassare l'importo della rata di restituzione alla quale la società non era in grado di far fronte. Di qui la rinegoziazione del mutuo e la variazione del pegno del marzo Dopo soli cinque mesi la società non era più in grado di pagare le rate del mutuo e veniva escussa la garanzia pignoratizia. E' altresì in atti il verbale dell'assemblea in data 23 ottobre 2009, avente ad oggetto l'approvazione (in grave ritardo) del bilancio al , di una situazione economica aggiornata al e le delibere conseguenti. In tale sede l'amministratore illustrava una situazione di totale perdita del capitale, rilevante ex art ter c.c., in ragione della svalutazione per intero della partecipazione in Kunzle & Tasin motivata con redazione di bozza di bilancio al e situazione straordinaria al della controllata riportante perdite al per oltre 2,42 milioni di euro e patrimonio netto ridotto a euro circa, occupazione della fabbrica di Cinisello Balsamo da parte dei dipendenti, istanza di fallimento pendente, esposto sindacale alla Procura della Repubblica per ricorso pagina 10 di 12

11 abusivo al credito, nomina di amministratore giudiziario ex art c.c. Il bilancio e la situazione straordinaria non venivano approvati in quell'assemblea, per opposizione dei soci Rampino e Filippi Filippi, mentre la socia Tasin (rappresentata per delega) faceva propria la proposta dell'amministratore e votava a favore. Sempre nella stessa assemblea, come già detto, l'amministratore Mattolini rappresentava l'impossibilità della Società di far fronte alle rate di mutuo scadute. La Società sarebbe comunque andata in liquidazione il 10 gennaio La situazione di Tacara, come descritta nell'assemblea del 29 ottobre 2009, a prescindere dalla circostanza che non sia stato prodotto in atti il bilancio al o quello al , risulta di gravità tale da far ritenere che la società, alla fine di ottobre 2009, non fosse in grado di pagare regolarmente tutti i creditori. La grave situazione rappresentata, inoltre, è fondata su elementi economici strutturali, insuscettibili di subire modificazioni significative in assenza di eventi economico-finanziari positivi di notevolissima rilevanza. Della sopravvenienza di tali eventi, dei quali, se accaduti, le parti non avrebbero mancato di riferire, non v'è traccia alcuna in atti. Si deve quindi concludere che la situazione di estrema crisi, se non di conclamata insolvenza, della Società sia perdurata anche oltre il periodo in cui la socia, solo pochi mesi dopo, ebbe a chiedere il rimborso del finanziamento (lettera 3 marzo 2010, doc. 13 conv.) e sino alla notificazione dell'atto di opposizione ( ). Del resto è in atti una lettera in data 9 marzo 2010 della liquidatrice dott.sa Grinovero in cui riferisce che la società è del tutto priva di fondi, che il conto Cariparma reca uno scoperto di oltre euro e chiede ai soci il versamento presso la sede sociale della somma di in assegni circolari per costituire un minimo fondo per le spese necessarie alla procedura (doc. 14 conv.). Alla stregua di tali considerazioni risulta integrato il presupposto della postergazione del credito del socio anche con riferimento al momento della richiesta di rimborso. VII) Postergazione e inesigibilità del credito: rigetto dell'eccezione di parte convenuta. Accoglimento dell'opposizione. Infine parte convenuta ha eccepito che la postergazione del credito non sarebbe equivalente alla sua inesigibilità, sicchè il giudice non potrebbe revocare, per tale motivo, il decreto ingiuntivo opposto, ben potendo sopravvenire, in futuro, condizioni, processualmente insuscettibili di essere conosciute nel giudizio di opposizione, che lo rendano pagabile. L' eccezione non può trovare accoglimento. Anzitutto il credito postergato è effettivamente non esigibile prima che siano pagati gli altri creditori, tale essendo la condizione della sua esigibilità. pagina 11 di 12

12 In secondo luogo, è ben vero che come l'inesigibilità, anche la postergazione potrebbe venire meno al maturare delle condizioni che consentono o impongono il pagamento e che tali condizioni potrebbero verificarsi dopo l'emissione della sentenza. Tuttavia, una sentenza che accerta la postegrazione di un determinato credito, ne accerta anche, in via logicamente preliminare, la certezza e la liquidità, requisiti in ordine ai quali, con riferimento al credito azionato dalla socia Tasin, Tacara nulla ha eccepito. Inoltre, l'accertamento reso con la sentenza retroagisce al momento della domanda, e fa stato - se diviene irrevocabile - sino a quel momento (Cass., n del 2005; Cass., n del 2005; Cass., n. 421 del 1952). Nulla dunque impedisce al creditore di riproporre la sua domanda deducendo che sono sopravvenute le condizioni che legittimano la pretesa del pagamento, anche avvalendosi del giudicato interno, eventualmente implicito, sulla certezza e liquidità del credito. * Alla stregua delle superiori considerazioni l'opposizione deve essere accolta ed il decreto ingiuntivo opposto deve essere revocato. * Il regime delle spese segue il principio di soccombenza ex artt. 91 e ss. c.p.c., sicché parte convenuta deve essere condannata alla rifusione delle spese processuali in favore di parte attrice, spese che si liquidano (secondo la tariffa vigente al momento dell'ultima attività processuale espletata dalle parti: Cass., n del 2012), in 266,00 per spese, 1.600,00 per diritti ed 4.400,00 per onorari, oltre spese forfettarie (12,5%), IVA e CPA come per legge. P.Q.M. Il Tribunale di Milano, Sezione VIII Civile, in composizione monocratica, definitivamente pronunziando nella causa civile di cui in epigrafe, respinta od assorbita ogni contraria domanda, istanza, eccezione e deduzione, così provvede: I) in accoglimento dell'opposizione, REVOCA il decreto ingiuntivo opposto; II) CONDANNA parte convenuta ROBERTA TASIN alla rifusione delle spese processuali in favore di parte attrice TACARA SRL IN LIQUIDAZIONE, spese che si liquidano in 266,00 per spese, 1.600,00 per diritti ed 4.400,00 per onorari, oltre spese forfettarie (12,5%), IVA e CPA come per legge. Milano, 2 giugno 2013 IL GIUDICE ANGELO MAMBRIANI pagina 12 di 12

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

tra Artigiancassa S.p.A

tra Artigiancassa S.p.A Contratto "tipo" di finanziamento di quota di capitale di rischio di impresa italiana in impresa mista in paese in via di sviluppo, ai sensi dell'articolo 7 della legge 26.2.1987, n. 49 INDICE tra Artigiancassa

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Riferimenti normativi e ambito di applicazione. 3. I tempi di pagamento della prededuzione: i poteri

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli