Sentenza n. 7805/2013 pubbl. il 04/06/2013 RG n /2010 Repert. n. 6161/2013 del 04/06/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sentenza n. 7805/2013 pubbl. il 04/06/2013 RG n. 46326/2010 Repert. n. 6161/2013 del 04/06/2013"

Transcript

1 N. R.G /2010 REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO OTTAVA CIVILE Il Tribunale di Milano, Sezione VIII Civile, in persona del Giudice dott. Angelo Mambriani, ha pronunciato, in nome del Popolo Italiano, la seguente SENTENZA nella causa civile di I Grado iscritta al n. r.g /2010 promossa da: TACARA SRL IN LIQUIDAZIONE (C.F ), rappresentata e difesa dall Avv. Paolo Cesare Pecorella ed elettivamente domiciliata presso il suo studio in Via Della Posta n. 8, Milano, come da procura in calce al decreto ingiuntivo opposto CONTRO ATTORE ROBERTA TASIN (C.F. TSNRRT46T41F205W), rappresentata e difesa dagli Avv.ti Paola Parma, Marco Longo e Francesco Ilari ed elettivamente domiciliata presso il loro studio in Via Cosimo Del Fante n. 6, Milano, come da procura a margine del ricorso per decreto ingiuntivo opposto CONCLUSIONI CONVENUTA Le parti hanno concluso come da fogli allegati al verbale d udienza di precisazione delle conclusioni. pagina 1 di 12

2 MOTIVI DELLA DECISIONE I) Premesse processuali. Con atto di citazione notificato il 18 giugno 2010, Tacara s.r.l. in liquidazione (di seguito: Tacara o la Società) proponeva opposizione avverso il decreto ingiuntivo n /2010 emesso nei suoi confronti da questo Tribunale il aprile 2010, su ricorso della sig.ra Roberta Tasin (di seguito: Tasin), per la somma di ,82, oltre accessori. Parte attrice, in particolare, ha eccepito l'inesigibilità del credito vantato dall'ingiungente, in quanto postergato ex art c.c. Parte attrice si è costituita in giudizio il 25 giugno Parte convenuta, costituitasi ritualmente, ha eccepito l'improcedibilità dell'opposizione e ne ha contestato il fondamento in fatto ed in diritto, chiedendone il rigetto. * L' opposizione non è improcedibile per effetto della costituzione dell'attore oltre il termine di cinque giorni dalla notifica al convenuto, come eccepito da parte attrice in forza della sentenza Cass., sez. un n , poichè, nelle more, è sopravvenuto l'art. 2 della l.n. 218 del 2011 (in vigore dal ), a mente della quale il disposto dell'art. 165 comma 1 c.p.c. si interpreta, nel caso di opposizione a decreto ingiuntivo, nel senso che la dimidiazione del termine di costituzione dell'attore opponente si applica solo quando lo stesso ha assegnato al convenuto opposto un termine di comparizione inferiore a quello di cui all'art. 163 bis comma 1 c.p.c. Nel caso di specie l'attore non ha assegnato al convenuto termine di comparizione inferiore a quello ordinario, sicchè il suo termine di costituzione rimane a sua volta quello ordinario, che risulta rispettato. II) Il fatto. In fatto è pacifico tra le parti quanto segue. Il 16 gennaio 2004 Tacara stipulava con Cariparma s.p.a. un mutuo per ,00; a garanzia del mutuo la sig.ra Tasin - socia di Tacara - costituiva in favore della banca un pegno su polizza vita denominata "Azione Più", alla stessa intestata, del valore di ,00. Successivamente la Tasin costituiva altresì un pegno anche su BOT del valore di ,00. Con lettera del 23 febbraio 2009 il rag. Raffaele Mattolini - amministratore unico della Società - comunicava ai soci: "... vi ho tenuti informati su quanto stavo operando in merito alla conversione del prestito in oggetto. Come ben sapete, si è dovuto mettere in atto questa operazione per dare un pò di pagina 2 di 12

3 'ossigeno finanziario' a Tacara, allungando i tempi del prestito, ma dimezzando la rata mensile rinegoziando anche il tasso" (enfasi d.e.). Il 12 marzo 2009 la Società rinegoziava con Cariparma il finanziamento, che veniva erogato dalla banca "a copertura prestito" (doc. 4 fac. mon.), per ,00, a tasso variabile, da restituire in 84 rate mensili da 6.601,31 (doc. 5 fasc. mon.). Pressocchè contestualmente, in data 10 marzo 2009, tra la banca e la garante Tasin interveniva un atto denominato "Variazione atto di pegno" con cui la garante, a garanzia del mutuo che sarebbe stato formalizzato due giorni dopo, svincolava dal pegno la polizza vita "Azione Più" del valore nominale di ,00 e i BOT del valore nominale di ,00 e dava in pegno BOT del valore nominale di ,00 (doc. 1 e 2 conv.). Il 29 settembre 2009 il rag. Mattolini comunicava ai soci che la società non era stata in grado di pagare a Cariparma le rate di mutuo relative ai mesi di agosto e settembre per mancanza di fondi sul conto corrente, chiedendo loro di provvedere. Il 14 gennaio 2010 l'assemblea di Tacara deliberava la messa in liquidazione della società e nominava liquidatore la dott.sa Anna Grinovero. La sig.ra Tasin, su richiesta della banca, in data 15 febbraio 2010, per evitare che la società fosse dichiarata decaduta dal beneficio del termine e che venisse chiesto il rientro dell'intera somma mutuata, provvedeva a svincolare parzialmente i titoli dati in pegno ed a pagare, con i fondi così resisi disponibili, le rate di mutuo scadute e non pagate dal 12 agosto 2009 al 12 febbraio 2010 per ,82 (doc fasc. mon.). Dopo avere rivolto a Tacara, in data 4 marzo 2010, intimazione di provvedere al rimborso delle somme pagate, rimasta senza seguito, la Tasin otteneva il decreto ingiuntivo oggetto della presente opposizione. III) Applicabilità della disciplina dell'art c.c. ai pagamenti del socio garante surrogatosi al creditore originario. A fonte dell'eccezione di postergazione ex art c.c. sollevata dalla Società attrice, la socia ha, in via preliminare di merito, replicato che la norma non troverebbe applicazione nel caso di specie in quanto, a seguito dei pagamenti effettuati, essa si sarebbe surrogata a Cariparma nel credito verso la Società, sicchè esso sarebbe "giuridicamente altro dal credito di regresso che sarebbe sorto in capo alla medesima per effetto dell'escussione della garanzia (il Pegno)". Parte attrice ha invece ribadito che di azione di regresso si tratterebbe e non di surroga. pagina 3 di 12

4 La deduzione in replica di parte convenuta non può essere accolta. Invero, anche a voler prescindere, da un lato, dalla circostanza che la socia è stata escussa dalla banca - come lei stessa ha ammesso, essendo compresa nel concetto di escussione la richiesta del creditore rivolta al garante, in forza della garanzia prestata, di adempiere l'obbligazione principale ed avendo ella pagato, solo a seguito di quella richiesta, numerose rate scadute da mesi, all'evidente fine di evitare, con la decadenza della Società garantita dal beneficio del termine, di vedere subito incamerato dalla banca l'intero ammontare dei titoli dati in pegno - e che ha pagato proprio realizzando parzialmente il pegno, ma anche, dall'altra parte, che il garante che agisce per il rimborso contro il debitore principale può scegliere se farlo a titolo di regresso o di surroga, si deve sottolineare che la questione della qualificazione dell'azione di cui si discute è, rispetto al tema qui discusso - applicabilità dell'art c.c. -, del tutto irrilevante. Anzitutto si deve considerare che, sebbene in via derivativa e non originaria, in ogni caso il garante surrogatosi al creditore a seguito del pagamento (qui il socio) si trova lui stesso ad essere il soggetto titolare del credito verso la società, in nulla rilevando ai nostri fini che il diritto transitato in capo a lui abbia oggettivamente la stessa dimensione che aveva in capo al creditore originario. In secondo luogo va considerato che l'art c.c. trova applicazione ai finanziamenti dei soci in favore della società "in qualunque forma effettuati", cioè con riferimento a tutti i casi in cui un socio in quanto tale si trovi nella posizione di creditore della società (salvo i casi di apporti assimilabili a quelli di capitale di rischio: C. App. Milano, , in Le Società, 2009, 1120) quale che sia lo schema giuridico che abbia sortito tale effetto. Si tratta dunque, semmai, di sceverare se l'apporto sia avvenuto causa societatis o per causa diversa e, nel primo caso, se a titolo di apporto di capitale o a titolo di credito, ma, appurato l'apporto a titolo di credito, il percorso giuridico che ha portato alla creazione del titolo rimane del tutto indifferente. Nel caso di specie nessuno discute che il pagamento effettuato dalla Tasin trovasse la sua causa nella posizione di socio da lei rivestita e che fosse escluso ab origine l'apporto a titolo di capitale di rischio. Dunque l'applicabilità della disciplina della postergazione al finanziamento in questione è indubitabile. Semmai il processo pone altra questione, che merita di essere chiarita subito. Cioè se l'art c.c. sia applicabile alle garanzie prestate dai soci in favore della società, cui sia seguito il pagamento da parte del socio e la conseguente acquisizione, da parte sua, della posizione di creditore della società, non importa se di regresso o per surroga. Se cioè la sussistenza dei presupposti della postergazione indicati al comma 2 della norma appena citata vada valutata al momento in cui il socio è effettivamente divenuto creditore della società a seguito del pagamento del debito sociale verso il terzo finanziatore pagina 4 di 12

5 ovvero al momento in cui, prestando la garanzia, ha consentito che il terzo erogasse il finanziamento alla società. Appare corretta questa seconda soluzione, sia in considerazione della particolare ampiezza della fattispecie prevista normativamente, sia perchè, in relazione allo scopo della norma - evitare la sottopatrimonialiazzazione della società provocata dal socio, a carico degli altri creditori, qualificando artificiosamente come apporto di capitale di credito quel che dovrebbe essere capitale di rischio -, la prestazione di garanzia che consente l'erogazione del finanziamento da parte del terzo ovvero il finanziamento diretto sono situazioni equivalenti, sia perchè anche rispetto ai presupposti della postergazione - una situazione di sovraindebitamento o di crisi finanziaria - si evidenzia quell'equivalenza, sia infine perchè, se così non fosse, la norma si presterebbe ad essere molto facilmente elusa. IV) Individuazione del momento rilevante ai fini dell'applicazione dell'art c.c. Premesso quanto sopra, consegue che il momento rilevante per verificare la sussistenza dei presupposti di cui al comma 2 dell'art c.c., è quello in cui viene rilasciata la garanzia da parte del socio. Siffatta conclusione, in particolare, pare difficilmente contestabile in tutti i casi in cui, come quello di specie, rilascio della garanzia ed erogazione del finanziamento da parte del terzo sono contestuali. Ciò posto, le parti hanno discusso se, nel caso che ne occupa, quel momento fosse da collocare nel gennaio 2004 od invece nel marzo Parte attrice, in proposito, ha dedotto che il pegno stipulato tra Tasin e Cariparma nel 2009 dovrebbe considerarsi rapporto nuovo e diverso rispetto al pegno intercorso tra le stesse parti a far data dal gennaio 2004, essendo mutato sia l'oggetto del pegno (non Azione Più per e BOT per , ma BOT per ,00), che il finanziamento garantito (non più il mutuo stipulato nel 2004 ma il finanziamento a medio termine stipulato nel 2009 diverso per tasso d'interessi e durata). Parte convenuta ha viceversa sostenuto che vi è stata una mera conversione del rapporto di finanziamento originario in altro rapporto di finanziamento, con rinegoziazione delle condizioni, rapporto unitario cui ha acceduto una garanzia pignoratizia rimasta intatta, in nulla rilevando che il suo oggetto iniziale sia stato sostituito da altro analogo, pur sempre trattandosi di titoli e strumenti finanziari. Ritiene il Tribunale che sia dirimente in proposito la volontà che le parti hanno espresso in occasione della modificazione del rapporto di finanziamento e, di conseguenza, del rapporto di garanzia. Ebbene, nell'atto denominato "Variazione atto di Pegno" (denominazione già di per se stessa assai significativa), si legge: pagina 5 di 12

6 "In relazione all'atto di costituzione di cui alla lettera in data resta convenuto che in dipendenza della... sostituzione, da me oggi effettuata, di somme, crediti, titoli... con le somme, crediti, titoli... descritti in calce, la garanzia pignoratizia si trasferisce sulle somme, crediti, titoli... sostituiti e conferiti in pegno, fermo ovviamente restando, senza novazione alcuna, il vincolo pignoratizio a Vostro favore in prosecuzione dell'originario vincolo costituito con il surrichiamato atto di cui in premessa...". In forza di tale dichiarazione non sussiste dubbio alcuno in ordine alla circostanza che la garanzia pignoratizia data dalla socia è rimasta la stessa per tutta la durata del finanziamento, quali che siano state le evoluzioni che esso ha subito. Ne deriva ulteriormente, per quanto osservato sopra, che il ricorrere delle condizioni di cui all'art c.c. deve essere valutata alla data del rilascio della garanzia, cioè al gennaio V) Sussistenza dei presupposti di cui all'art comma 2 c.c. L'art comma 2 c.c. prevede, quali condizioni perchè il finanziamento debba considerarsi postergato, due situazioni diverse, cioè che sia stato concesso "in un momento in cui... risulta un eccessivo squilibrio dell'indebitamento rispetto al patrimonio netto oppure in una situazione finanziaria della società nella quale sarebbe stato ragionevole un conferimento". E' noto che si tratta di situazioni autonome e alternative, entrambe in linea di massima riferite ad uno stato di crisi economico\patrimoniale della società, ciascuna delle quali sufficiente a determinare quell'effetto ("ovvero"), sebbene autorevole dottrina abbia perspicuamente notato che, a ben vedere, il primo criterio non sarebbe altro che una esemplificazione del secondo, più ampio e comprensivo. Il primo dei due fa esplicito e conferente riferimento al rapporto indebitamento\patrimonio netto, legando la postergazione ad una situazione di "eccessivo squilibrio". La necessità di individuazione di siffatta situazione ha indotto, sul piano ermeneutico, il richiamo a diverse norme: l'art quinquies c.c. (sui limiti alla distribuzione dei dividendi e delle riserve nelle cooperative); l'art c.c. (sui limiti all'emissione di obbligazioni nelle società per azioni). Sembra invece improprio, ad oggi, il riferimento all'art. 98 TUIR, abrogato da anni, in ogni caso relativo alla disciplina di fenomeni diversi in relazione a indici di indebitamento qui non rilevanti (deducibilità di interessi passivi in relazione al rapporto tra finanziamento erogato dal socio e valore di libro della sua partecipazione). Orbene, il riferimento all'art quinquies c.c. non pare appropriato, poichè le cooperative sono strutturalmente diverse dalle imprese capitalistiche nelle quali, assumendo il profitto la posizione obiettivo prioritario d impresa da valorizzare attraverso un equilibrato apporto di capitali propri e di terzi, le caratteristiche economico finanziarie possono efficacemente essere riassunte nelle note formule del Roi e del Roe dalle quali si dipana la serie degli usuali indici di bilancio. Invece l originalità pagina 6 di 12

7 dell'impresa cooperativa ne condiziona fortemente l andamento economico-finanziario e ne determina la tendenziale sottocapitalizzazione, che ne costituisce notoriamente connotazione costante. Questo dato di esperienza non può non essere stato considerato dal legislatore e rende non meccanicamente trasponibile alle società capitalistiche il rapporto patrimonio netto \ indebitamento complessivo indicato nella norma in questione. Anche il richiamo all'art c.c., non pare del tutto soddisfacente, considerando che la norma è finalizzata ad equilibrare la distribuzione del rischio tra azionisti ed obbligazionisti - tanto che è rilevante il rapporto tra impegno economico dei soci (capitale + riserve) e valore complessivo delle obbligazioni che possono essere emesse -, ma non tiene in alcuna considerazione la posizione dei terzi creditori precedenti all'emissione del prestito - dunque il rapporto di indebitamento anteriore - proprio perchè quello è il rischio di cui anche gli obbligazionisti si caricano (sul presupposto che lo conoscano o possano conoscerlo con esattezza). Ciò posto, non rimane che prendere atto della correttezza ed esaustività del dettato normativo, che ha fatto appropriato e specifico riferimento ad un indice di bilancio - il leverage o "rapporto di indebitamento" - ben conosciuto alle scienze aziendalistiche, avendo cura di aggiungere un più ampio richiamo alla situazione economico-finanziaria della società in rapporto al mercato del credito, da considerarsi in relazione al tipo di attività esercitato dalla società di cui si discute. Si tratta dunque di una clausola aperta che vede i suoi criteri e principi regolatori individuati con rimando alle analisi aziendali, cioè agli indici di bilancio ed alle relative conclusioni in tema di squilibrio nell'indebitamento e nella capitalizzazione, da applicarsi alla concreta situazione economicofinanziaria e patrimoniale della società. Tanto premesso, si devono considerare i dati emergenti da quel bilancio di Tacara che fotografa la situazione più vicina al momento di erogazione del prestito, cioè quello al Non rileva, diversamente da quanto assunto dalla convenuta Tasin, il fatto che quel bilancio è stato approvato successivamente e che, alla data del finanziamento, era noto solo quello al , poichè tutta la disciplina dell'art c.c. e la sua espressa previsione nell'ambito della disciplina delle s.r.l., come la discussione concernente l'applicabilità della norma alle s.p.a., si fonda proprio sulla natura tendenzialmente chiusa delle s.r.l. e sulla conseguente conoscenza o conoscibilità (art comma 2 c.c.) da parte di tutti i soci in ogni momento della effettiva situazione economico-finanziaria della società. Ebbene, al , Tacara presentava un attivo patrimoniale composto per quasi due terzi ( ,00 su ) da immobilizzazioni finanziarie, cioè la partecipazione in Kunzle & Tasin s.p.a., oltre a circa euro di crediti scadenti entro l'anno - di cui ben verso la pagina 7 di 12

8 controllata - ed di crediti scadenti oltre l'anno. Quanto a quest'ultima posta, si legge nella scarna e burocratica nota integrativa che si trattava di prestito obbligazionario sottoscritto in favore della controllata Kunze & Tasin s.p.a., scadente il Il patrimonio netto risulta composto da un capitale sociale al minimo legale ed utili accantonati per , sicchè, sottratte perdite di esercizio per euro, residuavano Le passività erano costituite da debiti scadenti entro l'anno per euro - di cui verso banche (Cariparma), su cui erano stati pagati di interessi passivi - e debiti scadenti oltre l'anno per circa euro, oltre ratei e risconti passivi per circa euro (tot ). A ciò si aggiunga che la società aveva riportato consistenti perdite negli ultimi due esercizi (rispettivamente nel 2002 ed nel 2003) e che la controllata aveva maturato perdite molto consistenti nel 2002 (oltre euro) e utili risicatissimi nel 2003 (circa euro). Da questo quadro emerge un indebitamento - l'indice al quale la prima fattispecie di cui l'art comma 2 c.c. fa riferimento - oltre la soglia di due volte il patrimonio netto ( ) \ = 0,42). E la situazione appare particolarmente grave considerando che il debito è, per la quasi totalità, scadente entro l'anno e verso banche ed è bilanciato, nelle attività, dal valore delle immobilizzazioni finanziarie, mentre, sempre nelle attività, non compaiono voci di liquidità in grado di sovvenire a tale debito. In queste condizioni, dunque, si appalesa uno squilibrio eccessivo tra patrimonio netto ed indebitamento (rapporto < 0,5) anche in considerazione degli ulteriori elementi emergenti dal bilancio, dai quali si desume che Tacara non era in grado di pagare, nel 2003, i debiti che aveva verso le banche se non liquidando l'unico asset che costituiva il suo core business. Si deve aggiungere che, nell' assemblea di Tacara del 29 aprile 2003, l'amministratore della società aveva denunciato difficoltà finanziarie, segnalando l'inesigibilità del credito verso Kunzle & Tasin s.p.a. e chiedendo l'intervento dei soci (doc. 9 att.); il credito veniva poi parzialmente rimesso con delibera del 19 dicembre 2003 (doc. 17 att.) ed il prestito obbligazionario sarebbe stato successivamente convertito in azioni (v. postea). Si può concludere che, nelle condizioni suindicate, nessun finanziatore avrebbe concesso altro credito a Tacara e che sarebbe stato viceversa ragionevole un conferimento. Tale conclusione è avvalorata proprio da quanto accaduto, poichè la banca ha concesso un mutuo per 1,1 milioni di euro, pari sostanzialmente all'esposizione a breve che aveva verso la società cosi trasformandola in esposizione a medio-lungo termine, ed ha preteso dalla socia garanzie non già meramente personali, ma reali, per circa euro, cioè appunto la differenza tra patrimonio netto ed importo finanziato. pagina 8 di 12

9 VI) Area di operatività della postergazione. Sussistenza dei presupposti nel caso di specie. Sono noti i diversi esiti cui è pervenuta la dottrina in ordine al problema dell'area di operatività della postergazione, taluni privilegiando un' impostazione di rigida tutela del patrimonio sociale e valorizzando la mancanza di limitazioni espresse e giungendo perciò ad affermare che essa sarebbe opponibile anche dalla società in bonis, altri accentuando il profilo della tutela dei creditori, richiamando il proprium del concetto stesso di postergazione - che suppone un concorso dei creditori sul patrimonio -, sottolineando la rilevanza della parte della norma che impone la restituzione del rimborso solo per i finanziamenti anomali intervenuti nell'anno anteriore al fallimento, rilevando la conformità alla ratio della norma del rimborso del finanziamento anomalo una volta che la società abbia recuperato l'equilibrio economico-finanziario. In quest'ultimo senso si è già espresso questo Tribunale in una pronuncia che qui pienamente condivisa (Trib. Milano, , in Giur. It., 2011, 574). Mette conto soltanto precisare alcune delle possibili conseguenze ermeneutiche di tale interpretazione, perchè sono rilevanti nel caso di specie. Questo Tribunale ha infatti anche affermato - peraltro in obiter dicta non specificamente motivati (Trib. Milano, in Soc., 2009, 1133; Trib. Milano , in Giur. It., n. 11\ 2007, 2500) - che la postergazione sarebbe opponibile al socio nel caso in cui il rimborso fosse richiesto a società in liquidazione. Alla stregua di quanto considerato più sopra, l'affermazione è esatta, ma con esclusione dei casi di liquidazione in bonis, quando cioè la società, liquidando il suo patrimonio, è in grado di soddisfare tutti i suoi creditori, compresi i soci finanziatori. Sul piano processuale ne deriva che la società in liquidazione non potrà limitarsi ad allegare lo stato di liquidazione al momento della richiesta di rimborso del finanziamento avanzata dal socio, ma dovrà provare che, se rimborsasse il socio, non sarebbe in grado di pagare per intero gli altri creditori anche chirografari. Nel caso di specie l'attrice Tacara ha dedotto di essere in liquidazione e di non essere in grado di rimborsare il socio. Tasin ha eccepito che non sono stati prodotti i bilanci al ed al e che il liquidatore non ha chiesto il fallimento in proprio, sicchè la società deve essere ritenuta in bonis. pagina 9 di 12

10 Nonostante la mancata produzione del bilancio dell'esercizio 2010, durante il quale è stato richiesto il rimborso non ottenuto, si deve ritenere che la Società versa in una situazione di crisi economicopatrimoniale tale da non consentirle il rimborso dei finanziamenti anomali versati dai soci. E' appena il caso di accennare che l'argomento relativo alla mancata presentazione di istanza di fallimento in proprio prova troppo: il liquidatore potrebbe avere deciso di assumersi le eventuali responsabilità connesse all'omessa presentazione del ricorso, peraltro legate al verificarsi di un ampliamento del dissesto; in linea di ipotesi non sarebbe necessario adire una procedura concorsuale se la liquidazione consentisse di pagare per intero tutti i creditori diversi dai soci postergati. Quanto invece alla situazione economico-finanziaria, ed anche patrimoniale, di Tacara al momento della richiesta di rimborso - febbraio vale considerare quanto segue. Già all'inizio del 2005, l'amministratore Mattolini, nel corso dell'assemblea in data 11 febbraio, denunciava nuovamente la situazione finanziaria "particolarmente critica" della società, tanto che i soci, per porvi rimedio, decidevano di convertire in azioni Kunzle & Tasin le obbligazioni detenute, per poi venderle (non si sa con quale esito) e fare fronte ai debiti (doc. 18 att.). Si susseguivano nel 2006 e nel 2008 due aumenti di capitale, il primo assai significativamente attuato mediante conversione in capitale dei finanziamenti soci, ed entrambi con sovrapprezzo, peraltro non particolarmente indicativo, non essendo stato l'aumento sottoscritto da soci diversi da quelli facenti parte della compagine "storica" della società. Con la citata lettera del 23 febbraio 2009 l'allora amministratore Mattolini avvisava i soci che la società era in crisi finanziaria e che diveniva necessario - dopo che operazione analoga era già stata fatta nel trasformare ancora il debito verso Cariparma, già a medio-lungo, dilazionandolo ulteriormente in modo da abbassare l'importo della rata di restituzione alla quale la società non era in grado di far fronte. Di qui la rinegoziazione del mutuo e la variazione del pegno del marzo Dopo soli cinque mesi la società non era più in grado di pagare le rate del mutuo e veniva escussa la garanzia pignoratizia. E' altresì in atti il verbale dell'assemblea in data 23 ottobre 2009, avente ad oggetto l'approvazione (in grave ritardo) del bilancio al , di una situazione economica aggiornata al e le delibere conseguenti. In tale sede l'amministratore illustrava una situazione di totale perdita del capitale, rilevante ex art ter c.c., in ragione della svalutazione per intero della partecipazione in Kunzle & Tasin motivata con redazione di bozza di bilancio al e situazione straordinaria al della controllata riportante perdite al per oltre 2,42 milioni di euro e patrimonio netto ridotto a euro circa, occupazione della fabbrica di Cinisello Balsamo da parte dei dipendenti, istanza di fallimento pendente, esposto sindacale alla Procura della Repubblica per ricorso pagina 10 di 12

11 abusivo al credito, nomina di amministratore giudiziario ex art c.c. Il bilancio e la situazione straordinaria non venivano approvati in quell'assemblea, per opposizione dei soci Rampino e Filippi Filippi, mentre la socia Tasin (rappresentata per delega) faceva propria la proposta dell'amministratore e votava a favore. Sempre nella stessa assemblea, come già detto, l'amministratore Mattolini rappresentava l'impossibilità della Società di far fronte alle rate di mutuo scadute. La Società sarebbe comunque andata in liquidazione il 10 gennaio La situazione di Tacara, come descritta nell'assemblea del 29 ottobre 2009, a prescindere dalla circostanza che non sia stato prodotto in atti il bilancio al o quello al , risulta di gravità tale da far ritenere che la società, alla fine di ottobre 2009, non fosse in grado di pagare regolarmente tutti i creditori. La grave situazione rappresentata, inoltre, è fondata su elementi economici strutturali, insuscettibili di subire modificazioni significative in assenza di eventi economico-finanziari positivi di notevolissima rilevanza. Della sopravvenienza di tali eventi, dei quali, se accaduti, le parti non avrebbero mancato di riferire, non v'è traccia alcuna in atti. Si deve quindi concludere che la situazione di estrema crisi, se non di conclamata insolvenza, della Società sia perdurata anche oltre il periodo in cui la socia, solo pochi mesi dopo, ebbe a chiedere il rimborso del finanziamento (lettera 3 marzo 2010, doc. 13 conv.) e sino alla notificazione dell'atto di opposizione ( ). Del resto è in atti una lettera in data 9 marzo 2010 della liquidatrice dott.sa Grinovero in cui riferisce che la società è del tutto priva di fondi, che il conto Cariparma reca uno scoperto di oltre euro e chiede ai soci il versamento presso la sede sociale della somma di in assegni circolari per costituire un minimo fondo per le spese necessarie alla procedura (doc. 14 conv.). Alla stregua di tali considerazioni risulta integrato il presupposto della postergazione del credito del socio anche con riferimento al momento della richiesta di rimborso. VII) Postergazione e inesigibilità del credito: rigetto dell'eccezione di parte convenuta. Accoglimento dell'opposizione. Infine parte convenuta ha eccepito che la postergazione del credito non sarebbe equivalente alla sua inesigibilità, sicchè il giudice non potrebbe revocare, per tale motivo, il decreto ingiuntivo opposto, ben potendo sopravvenire, in futuro, condizioni, processualmente insuscettibili di essere conosciute nel giudizio di opposizione, che lo rendano pagabile. L' eccezione non può trovare accoglimento. Anzitutto il credito postergato è effettivamente non esigibile prima che siano pagati gli altri creditori, tale essendo la condizione della sua esigibilità. pagina 11 di 12

12 In secondo luogo, è ben vero che come l'inesigibilità, anche la postergazione potrebbe venire meno al maturare delle condizioni che consentono o impongono il pagamento e che tali condizioni potrebbero verificarsi dopo l'emissione della sentenza. Tuttavia, una sentenza che accerta la postegrazione di un determinato credito, ne accerta anche, in via logicamente preliminare, la certezza e la liquidità, requisiti in ordine ai quali, con riferimento al credito azionato dalla socia Tasin, Tacara nulla ha eccepito. Inoltre, l'accertamento reso con la sentenza retroagisce al momento della domanda, e fa stato - se diviene irrevocabile - sino a quel momento (Cass., n del 2005; Cass., n del 2005; Cass., n. 421 del 1952). Nulla dunque impedisce al creditore di riproporre la sua domanda deducendo che sono sopravvenute le condizioni che legittimano la pretesa del pagamento, anche avvalendosi del giudicato interno, eventualmente implicito, sulla certezza e liquidità del credito. * Alla stregua delle superiori considerazioni l'opposizione deve essere accolta ed il decreto ingiuntivo opposto deve essere revocato. * Il regime delle spese segue il principio di soccombenza ex artt. 91 e ss. c.p.c., sicché parte convenuta deve essere condannata alla rifusione delle spese processuali in favore di parte attrice, spese che si liquidano (secondo la tariffa vigente al momento dell'ultima attività processuale espletata dalle parti: Cass., n del 2012), in 266,00 per spese, 1.600,00 per diritti ed 4.400,00 per onorari, oltre spese forfettarie (12,5%), IVA e CPA come per legge. P.Q.M. Il Tribunale di Milano, Sezione VIII Civile, in composizione monocratica, definitivamente pronunziando nella causa civile di cui in epigrafe, respinta od assorbita ogni contraria domanda, istanza, eccezione e deduzione, così provvede: I) in accoglimento dell'opposizione, REVOCA il decreto ingiuntivo opposto; II) CONDANNA parte convenuta ROBERTA TASIN alla rifusione delle spese processuali in favore di parte attrice TACARA SRL IN LIQUIDAZIONE, spese che si liquidano in 266,00 per spese, 1.600,00 per diritti ed 4.400,00 per onorari, oltre spese forfettarie (12,5%), IVA e CPA come per legge. Milano, 2 giugno 2013 IL GIUDICE ANGELO MAMBRIANI pagina 12 di 12

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza Fallimento Revocatoria fallimentare: pagamenti Compensi per prestazioni professionali al difensore Sistemazione concordataria dei debiti Fase prefallimentare Scientia decoctionis - Tutela della posizione

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Rimborso di finanziamento da società a socio, postergazione e attività di direzione e coordinamento in presenza di partecipazioni indirette

Rimborso di finanziamento da società a socio, postergazione e attività di direzione e coordinamento in presenza di partecipazioni indirette Rimborso di finanziamento da società a socio, postergazione e attività di direzione e coordinamento in presenza di partecipazioni indirette Tribunale di Torino, 16 febbraio 2015. Giudice Rizzi. Rimborso

Dettagli

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Tribunale di Bergamo, 22 ottobre 2015. Presidente Vitiello. Relatore Giovanna Golinelli. Contratti di garanzia

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice dott.ssa Erminia Agostini all esito di discussione orale svoltasi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica in persona del Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica in persona del Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica in persona del Dott.ssa Valentina Vinelli ha pronunciato la seguente SENTENZA nella

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 6241/04 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. GIANFRANCO PELLIZZONI PRESIDENTE REL. dott.

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi 20.12.2012 I FINANZIAMENTI DEI SOCI E I FINANZIAMENTI INFRAGRUPPO DOPO IL DECRETO SVILUPPO: PREDEDUCIBILITÀ O POSTERGAZIONE? PRIME CONSIDERAZIONI SUL DIRITTO SOCIETARIO DELLA CRISI di Umberto Tombari,

Dettagli

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e possibilità per il submittente di far valere in via diretta verso il sub trasportatore la responsabilità risarcitoria del vettore Tribunale

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015 CHESSA S.R.L tra GAIAS GIUSEPPE AUTOTRASPORTI e ATTORE CONVENUTO Oggi 18 febbraio 2016 innanzi al dott. Cinzia Caleffi,

Dettagli

"Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata

Società), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata TRIBUNALE CIVILE DI MILANO RICORSO EX ART. 702-BIS COD. PROC. CIV. Nell'interesse della società ALFA S.R.L. (nel seguito, "Alfa", ovvero la "Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F.

Dettagli

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Alessandra Bottan Griselli dott. Francesco Venier Presidente; Giudice dott. Mimma Grisafi Giudice

Dettagli

Sentenza n. 4479/2013 pubbl. il 29/03/2013 RG n. 37464/2010 Repert. n. 3533/2013 del 29/03/2013

Sentenza n. 4479/2013 pubbl. il 29/03/2013 RG n. 37464/2010 Repert. n. 3533/2013 del 29/03/2013 N. R.G. 37464/2010 REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO OTTAVA CIVILE Il Tribunale di Milano, Sezione VIII Civile, in persona del Giudice dott. Angelo Mambriani, ha pronunciato, in nome del

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore]

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI TARANTO-SEZ 1^ Il Dr. Giacovelli Martino, ha pronunciato la seguente SENTENZA N. 3166 nella causa iscritta al n 4206/2015,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

Conferimenti e finanziamenti dei soci

Conferimenti e finanziamenti dei soci Conferimenti e finanziamenti dei soci di Cinzia De Stefanis - Carmine Cicala Aspetti generali Per quanto non previsto dall art. 2463-bis c.c., sussiste uno specifico rimando alle norme generali in tema

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

Scritto da Ciro Tadicini Martedì 14 Giugno 2011 20:55 - Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Giugno 2011 09:55

Scritto da Ciro Tadicini Martedì 14 Giugno 2011 20:55 - Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Giugno 2011 09:55 L'atto di costituzione del fondo patrimoniale, anche quando é posto in essere dagli stessi coniugi, costituisce un atto a titolo gratuito che può essere dichiarato inefficace nei confronti del creditore,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO. nel procedimento iscritto al n. XXX/XX promosso con ricorso depositato il XX/XX/XX da

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO. nel procedimento iscritto al n. XXX/XX promosso con ricorso depositato il XX/XX/XX da Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Alessandra Bottan Griselli dott. Francesco Venier dott. Mimma Grisafi Presidente; Giudice Giudice

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE N. R.G. 2288/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marcello Pisanu ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

Il Giudice Istruttore in funzione di giudice monocratico, Dott.ssa Anna Nardo, ha pronunziato., che li assiste e difende

Il Giudice Istruttore in funzione di giudice monocratico, Dott.ssa Anna Nardo, ha pronunziato., che li assiste e difende '1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI VICENZA Il Giudice Istruttore in funzione di giudice monocratico, Dott.ssa Anna Nardo, ha pronunziato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA SOMMARIO: 1. La massima - 2. Il caso - 3. La questione - 4. Soluzioni giuridiche 5 Osservazioni. 1. La

Dettagli

Orbene, ai fini della ricostruzione dell andamento del rapporto contrattuale di conto corrente, assume rilevanza, nella specie, innanzitutto la

Orbene, ai fini della ricostruzione dell andamento del rapporto contrattuale di conto corrente, assume rilevanza, nella specie, innanzitutto la Nel caso di contratto di conto corrente bancario concluso prima della legge sulla trasparenza bancaria (l n. 17.2.1992, n. 154, successivamente confluita nel t.u. in materia bancaria 1.9.1993, n. 385),

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 332/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA. - Sezione 1 a civile - DECRETO

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA. - Sezione 1 a civile - DECRETO REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA - Sezione 1 a civile - composta dal Magistrati: dott. Vittorio ROSSI dott. Daniela BRUNI dott. Guido SANTORO Presidente Consigliere Consigliere rel. ha

Dettagli

Risoluzione di un contratto di locazione commerciale: come si valuta la gravità dell'inadempimento

Risoluzione di un contratto di locazione commerciale: come si valuta la gravità dell'inadempimento Risoluzione di un contratto di locazione commerciale: come si valuta la gravità dell'inadempimento Corte d'appello, Napoli, sez. II civile, sentenza 06/05/2015 n 1727 Pubblicato il 09/07/2015 La sentenza

Dettagli

Sentenza n. 767/2015 pubbl. il 27/06/2015 RG n. 4586/2012

Sentenza n. 767/2015 pubbl. il 27/06/2015 RG n. 4586/2012 N. R.G. 4586/2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di PRATO Unica CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Maria Novella Legnaioli ha pronunciato la seguente

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale di Monza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale di Monza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Monza Sezione Terza Sezione Il Tribunale, nella persona del giudice unico Dott. Giovanni Battista Nardecchia ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

A) In data.tizio e CAIO hanno concluso contratto di agenzia. B)Tutti i clienti del portafoglio di TIZIO hanno firmato gli allegati

A) In data.tizio e CAIO hanno concluso contratto di agenzia. B)Tutti i clienti del portafoglio di TIZIO hanno firmato gli allegati 7ULEXQDOH&LYLOHGL«$WWRGLFLWD]LRQH 3HU 7,=,2«se è una società indicare il legale rappresentante pro tempore) nato a..residente in. ( se è una società indicare la sede: con sede in via.) rappresentato e

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO Con ricorso per decreto ingiuntivo del 2 agosto 2011, la Banca (Omissis) deduceva di avere sottoscritto

Dettagli

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Con atto di citazione ritualmente notificato, il fallimento A s.r.l., in persona del curatore, dopo aver premesso che, con sentenza

Dettagli

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MILANO SEZIONE 3 riunita con l'intervento dei Signori: NATOLA LIVIO MICHELE Presidente FUSARO SERGIO Relatore GESUALDI

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 435/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Svolgimento del processo ed esposizione dei fatti Con atto di citazione in opposizione datato

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA -691 14 115 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto Opposizione a dichiarazione di fallimento.

Dettagli

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Nella persona del giudice dott. Vincenzo Nuvoli ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 2959 R.G.

Dettagli

Commento di Emanuela Dona

Commento di Emanuela Dona Preparazione universitaria ed inadempimento del fornitore Sentenza Tribunale Civile di Roma, Sez. VIII, 12 dicembre 2005, pubblicata il 14 dicembre 2005 Commento di Emanuela Dona Sono a tutti noti i messaggi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CASSINO. in persona del Giudice Unico dr. Andrea Petteruti ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CASSINO. in persona del Giudice Unico dr. Andrea Petteruti ha pronunciato la seguente Data 12/06/2012 Ente giudicante TRIBUNALE DI CASSINO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CASSINO in persona del Giudice Unico dr. Andrea Petteruti ha pronunciato la seguente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

CANOTTIERI SERVIZI SRL A SOCIO UNICO. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CANOTTIERI SERVIZI SRL A SOCIO UNICO. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in MANTOVA - VIA SANTA MARIA NUOVA, 15 Capitale Sociale versato Euro 10.000,00 Registro Imprese di MANTOVA n. 243667 Partita IVA: 02330440203 - Codice Fiscale: 02330440203 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello di Giuseppe Rebecca Studio Rebecca & Associati Vicenza/Schio Finalmente pubblicata una nuova sentenza del giudice Mauro Vitiello,

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO DATA 2005-5-12 ESTREMI Tribunale dl Udine sezione civile SINTESI La certezza del credito deve

Dettagli

RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA RECENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE IN MATERIA ESECUTIVA

RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA RECENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE IN MATERIA ESECUTIVA RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA RECENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE IN MATERIA ESECUTIVA INDICE: 1) CONTRATTI DI MUTUO FONDIARIO RISOLUZIONE E COMPUTO DEGLI INTERESSI 2) TITOLO ESECUTIVO a) interpretazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Ordinario di Genova SESTA SEZIONE. Sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Ordinario di Genova SESTA SEZIONE. Sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Ordinario di Genova SESTA SEZIONE nella persona del giudice unico Dott. ROSELLA SILVESTRI sulle conclusioni precisate ha pronunciato la seguente

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RISPOLI FARINA Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RISPOLI FARINA Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) MARINARI (NA) CARRIERO (NA) CONTE Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RISPOLI FARINA Membro designato

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 www.lex24.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 Integrale - Condominio negli edifici - Amministratore - Attribuzioni - Riscossione contributi ed erogazione

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando Il ricorso per annullamento di atti, quale tipico ricorso giurisdizionale amministrativo, consta di quattro parti essenziali, oltre accessori ed eventuali: intestazione dell atto, premessa di fatto, motivi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Bergamo Terza sezione civile

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Bergamo Terza sezione civile Il giudice del Tribunale di Bergamo ha dichiarato vessatoria la penale per il recesso anticipato dal contratto di mutuo in quanto formulata in modo incomprensibile e comunque in modo tale da rendere impossibile

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI. (In calce a citazione di sfratto)

DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI. (In calce a citazione di sfratto) DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI (In calce a citazione di sfratto) Ai sensi e per gli effetti di cui alla L. 23/12/1999 n.488 e succ. mod. si dichiara che il valore della presente controversia è

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport IL C O L L E G I O A R B I T R A L E Avv. Enrico Ingrillì in qualità di Presidente del Collegio Arbitrale, nominato ai sensi del Regolamento di arbitrato

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

Holding SA (avv.magistretti G,avv Romanò F.) c.nordmeccanica s.p.a. (avv Miglioli

Holding SA (avv.magistretti G,avv Romanò F.) c.nordmeccanica s.p.a. (avv Miglioli 1 Tribunale di Piacenza: sentenza 19 novembre 2013 :Machinery and Plastic Packaging Holding SA (avv.magistretti G,avv Romanò F.) c.nordmeccanica s.p.a. (avv Miglioli A., Maccone F)c. Ambrosio Giulia (avv

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Aprile 22, 2016 La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Maurizio Tidona Avvocato Corrispondenza: m.tidona@tidona.com L art.

Dettagli

IL TRIBUNALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA DI MONOPOLI - S E N T E N Z A

IL TRIBUNALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA DI MONOPOLI - S E N T E N Z A Sent. n. REPUBBLICA ITALIANA In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA DI MONOPOLI - in composizione monocratica nella persona del Giudice Unico Dott. Valentino Lenoci, ha pronunziato

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Dott. Petti Giovanni Battista - Presidente - Dott. Spagna Musso Bruno - Consigliere - Dott. Vivaldi Roberta

Dettagli

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA Le problematiche che attengono alla concessione di un finanziamento da parte dei soci di una società sono diverse, a secondo che si

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli