DOCUMENTO DI AMMISSIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI AMMISSIONE"

Transcript

1 SUDCOMMERCI S.R.L. società a responsabilità limitata con sede legale in Corso Vittorio Emanuele II, 60, Bari capitale sociale pari ad Euro ,00 interamente versato codice fiscale, partita Iva e numero di iscrizione nel Registro delle imprese di Bari R.E.A. n.ba DOCUMENTO DI AMMISSIONE alla negoziazione degli strumenti finanziari denominati Power Center 6% sul Segmento Professionale (ExtraMOT PRO) del Mercato ExtraMOT operato da Borsa Italiana CONSOB E BORSA ITALIANA NON HANNO ESAMINATO NÉ APPROVATO IL CONTENUTO DI QUESTO DOCUMENTO DI AMMISSIONE. 1

2 INDICE 1. PERSONE RESPONSABILI E CONFLITTI DI INTERESSE FATTORI DI RISCHIO INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE STRUTTURA ORGANIZZATIVA PRINCIPALI SOCI INFORMAZIONI FINANZIARIE RIGUARDANTI LE ATTIVITÀ E LE PASSIVITÀ, LA SITUAZIONE FINANZIARIA E I PROFITTI E LE PERDITE DELL EMITTENTE INFORMAZIONI RELATIVE AL TITOLO AMMISSIONE ALLA NEGOZIAZIONE E RELATIVE MODALITÀ REGIME FISCALE APPLICABILE AL TITOLO RESTRIZIONI ALLA CIRCOLAZIONE DEL TITOLO DESCRIZIONE DELLE GARANZIE DEFINIZIONI...34 ALLEGATO I...BILANCIO DELL EMITTENTE RELATIVO ALL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 E RELATIVA CERTIFICAZIONE

3 1. PERSONE RESPONSABILI E CONFLITTI DI INTERESSE 1.1 Responsabili del Documento di Ammissione La responsabilità per i dati e le notizie contenuti nel Documento di Ammissione è assunta da Sudcommerci S.r.l., con sede in Bari, Corso Vittorio Emanuele II n. 60, in qualità di emittente il Titolo (l Emittente ). 1.2 Dichiarazione di Responsabilità Sudcommerci S.r.l., in qualità di Emittente, dichiara che, avendo adottato tutta la ragionevole diligenza a tale scopo, le informazioni contenute nel Documento di Ammissione sono, per quanto a propria conoscenza, conformi ai fatti e non presentano omissioni tali da alterarne il senso. 1.3 Sottoscrizione e Conflitto di Interessi Ai sensi di un contratto di sottoscrizione (il Contratto di Sottoscrizione ) da stipularsi entro la data di emissione, il Titolo sarà sottoscritto da Futura Funds SICAV Plc Delta Fund (il Sottoscrittore ). Non esistono situazioni di conflitto di interesse tra l Emittente e il Sottoscrittore. *** 3

4 2. FATTORI DI RISCHIO L operazione descritta nel Documento di Ammissione presenta gli elementi di rischio tipici di un investimento in titoli di debito. Al fine di effettuare un corretto apprezzamento dell investimento, gli investitori sono invitati a valutare gli specifici fattori di rischio relativi all Emittente e al settore di attività in cui opera. I fattori di rischio descritti di seguito devono essere letti congiuntamente alle altre informazioni contenute nel Documento di Ammissione, ivi inclusi gli Allegati. 2.1 Fattori di rischio relativi all Emittente Rischi connessi all indebitamento L Emittente reperisce le proprie risorse finanziarie principalmente dai flussi derivanti dalla gestione operativa d impresa, nell ambito dei rapporti commerciali con i soggetti debitori per i servizi resi ed i soggetti creditori per acquisti di opere e servizi. Inoltre, l Emittente ha potuto accedere a risorse finanziarie per finanziamenti concessi da una società dalla stessa partecipata e collegata (P.IN.RE S.r.l.), come evidenziato nel bilancio al 31 dicembre 2012, allegato al presente Documento di Ammissione. L Emittente intende ricorrere al sistema bancario, per l ottenimento di finanziamenti a medio/lungo termine, mutui, contratti di leasing, affidamenti bancari a breve termine, nell ambito ed in relazione al Progetto Power Center, come descritto nel successivo paragrafo della presente Sezione. In termini finanziari, l investimento per il Progetto Power Center comporterà nuovi impegni per complessivi Euro 44 milioni, cui l Emittente intende far fronte con risorse derivanti da (i) il Titolo di cui al presente Documento di Ammissione per l importo di emissione di Euro 22 milioni, al netto delle imposte e spese inerenti e (ii) da risorse che saranno richieste al sistema bancario, nelle forme più adeguate ed opportune, per la differenza. L Emittente, tenuto conto degli impegni risultanti dal bilancio approvato per l esercizio chiuso il 31 dicembre 2012, ha indebitamento finanziario a tale data per Euro Resta inteso che non vi è garanzia che in futuro l Emittente possa negoziare e ottenere i finanziamenti necessari per lo sviluppo della propria attività o per il rifinanziamento di quelli in scadenza, con le modalità, i termini e le condizioni offerte finora dal sistema bancario per analoghe iniziative. Conseguentemente, gli eventuali aggravi in termini di condizioni economiche dei nuovi finanziamenti rispetto a quelle attualmente applicabili e/o l eventuale futura riduzione della capacità di credito nei confronti del sistema bancario potrebbero avere effetti negativi sulla situazione economica e finanziaria dell Emittente e/o limitarne la capacità di crescita Rischi connessi al tasso di interesse Alla data del 31 dicembre 2012 l impegno per indebitamento finanziario risultante dalla situazione patrimoniale dell Emittente è pari ad Euro Il 100% di tale indebitamento è a tasso variabile. Non è stata adottata dall Emittente alcuna strategia di copertura sul tasso. L eventuale futura crescita dei tassi di interesse non dovrebbe avere conseguenze particolarmente negative sulla situazione economica e finanziaria dell Emittente Rischi connessi al tasso di cambio Alla data del Documento di Ammissione non sussistono rischi connessi alle variazioni dei 4

5 tassi di cambio che possano avere un impatto rilevante sulla situazione economicopatrimoniale e finanziaria dell Emittente Rischi connessi al contenzioso Nel corso del normale svolgimento della propria attività, alla data del Documento di Emissione l Emittente non è parte di alcun procedimento giudiziario civile Rischi connessi ai fornitori dei prodotti e dei servizi che l Emittente utilizza nella realizzazione delle proprie iniziative L Emittente ritiene che non vi siano rischi connessi ai fornitori dei prodotti e dei servizi che che possano avere un impatto rilevante sulla situazione economico-patrimoniale e finanziaria dell Emittente stessa Rischi connessi agli investimenti effettuati o in progetto da parte dell Emittente L Emittente nell ambito dello svolgimento della propria attività ha effettuato investimenti nella iniziativa di valorizzazione immobiliare CASAMASSIMA POWER CENTER, di cui è promotore e di cui ha iniziato la costruzione in aree di proprietà sociale (il Progetto Power Center ). Il Progetto Power Center, a favore di superfici per complessivi mq circa, è ubicato in Puglia, Comune di Casamassima (BA) e consiste nella realizzazione e successiva valorizzazione, per cessione/locazione, di superfici ad uso commerciale diversificato per oltre mq coperti e di mq all aperto, destinati alla commercializzazione di prodotti florovivaistici. E inoltre prevista la realizzazione di parcheggi per circa mq. Il progetto di trasformazione delle aree consentirà la creazione di un polo commerciale di tipologia Lifestyle che si svilupperà attraverso tre diverse tipologie di attività: Retail Park, Leisure e Gardening. Consentirà altresì la realizzazione di importanti opere di urbanizzazione con efficace viabilità interna e di collegamento. Gli investimenti già effettuati hanno riguardato la edificazione di superfici per circa mq., per i quali sono stati positivamente avviati contatti con operatori commerciali utilizzatori e raccolte proposte di futura locazione. L Emittente nell ambito dell iniziativa relativa al Progetto Power Center dovrà ulteriormente effettuare investimenti a completamento del progetto di valorizzazione. L Emittente ritiene che gli investimenti suddetti possano avere un impatto rilevante sulla situazione finanziaria dell Emittente stessa, in ordine al rispetto della previsione economico/finanziaria di realizzazione dell iniziativa in relazione ai ricavi attesi e quindi sulla capacità della stessa di rimborsare il prestito Rischi connessi al pagamento delle cedole e al rimborso del capitale da parte dell Emittente In relazione al Progetto Power Center (descritto nel precedente paragrafo 2.1.6), sono già stati edificati, secondo il programma di costruzione per stralci funzionali, circa mq. Per costruzione a stralci funzionali si intende la strategia dell Emittente di edificare le superfici commerciali per lotti funzionali e di comparto, sulla base delle aspettative e delle manifestazioni di interesse per locazione evidenziate nel corso dell attività di pre commercializzazione. I suddetti lotti (o stralci funzionali ) possono essere consegnati autonomamente e disgiuntamente l uno dall altro, indipendentemente dal compimento dell intero progetto, poiché l iniziativa beneficia della immediata disponibilità di parcheggi e di viabilità di uso pubblico dell adiacente Parco Commerciale ad insegna Auchan (che raggiunge oggi la consistenza di circa 10 milioni di visitatori/anno) e di cui può definirsi dal punto di vista commerciale una integrazione. Tale strategia di costruzione a stralci funzionali permette di minimizzare la rischiosità 5

6 dell investimento monitorando costantemente la sensibilità del mercato. Nello specifico del Progetto Power Center, é prevista la consegna in locazione delle prime superfici già realizzate entro l anno 2013, con decorrenza degli incassi per locazione a decorrere dal L ammontare di tali incassi verrà impiegato annualmente dall Emittente per corrispondere al Portatore del Titolo l importo delle cedole interessi che matureranno a valere sul Titolo a partire del I ricavi rivenienti dalla costruzione e locazione dei successivi lotti relativi al Progetto Power Center verranno impiegati dall Emittente per rimborsare il capitale a scadenza del Titolo. Il completamento dell intero Progetto Power Center è atteso per il 2016, epoca in cui sarà data piena evidenza della redditività dell iniziativa nel suo complesso, con la possibilità di una corrispondente valorizzazione patrimoniale attraverso la cessione degli asset realizzati Rischi legati alla dipendenza dell Emittente da alcune figure chiave e alla concentrazione delle deleghe in capo ad alcuni soggetti Il successo dell Emittente non dipende in misura significativa da figure chiave cui possa attribuirsi, a giudizio dell Emittente, un ruolo determinante per lo sviluppo dell Emittente. Le deleghe operative relative all Emittente sono affidate ai componenti dell organo di amministrazione ed a figure manageriali di comprovata esperienza Rischi legati alla concessione di fideiussioni e/o altre garanzie L Emittente non ha concesso fideiussioni in favore di terzi. Con riferimento al bilancio di esercizio approvato per l esercizio chiuso il 31 dicembre 2012 e come evidenziato nel documento allegato al presente Documento di Ammissione, l Emittente ha prestato garanzie reali, quale terzo datore di ipoteca, su beni di proprietà sociale, a favore di un istituto bancario nell interesse della società partecipata e collegata P.IN.RE s.r.l.. Per effetto delle garanzie prestate, la società partecipata e collegata P.IN.RE s.r.l. ha ottenuto un finanziamento sotto forma di apertura di credito per complessivi Euro Alla data del presente Documento di Ammissione le garanzie prestate in favore di terzi sono immutate rispetto a quanto indicato nel bilancio di esercizio al 31 dicembre Rischi legati alle locazioni in essere L Emittente dichiara che alla data del presente Documento di Ammissione non sono stati formalizzati contratti di locazione da parte dell Emittente. Nel richiamare le manifestazioni di interesse e le proposte ricevute in relazione al Progetto Power Center, è previsto che possano essere stipulati contratti di locazione commerciale che, tuttavia, dovrebbero avere scadenza successiva alla scadenza attesa del Titolo, e quindi non generare, salvo anticipate risoluzioni allo stato non prevedibili, oscillazioni di fatturato nel periodo di durata del Prestito Rischio Operativo Si definisce rischio operativo il rischio di perdite dovute ad errori, violazioni, interruzioni, danni causati da processi interni, personale, sistemi ovvero causati da eventi esterni. L Emittente è pertanto esposta a molteplici tipi di rischio operativo, compreso il rischio di frode da parte di dipendenti e soggetti esterni, il rischio di operazioni non autorizzate eseguite da dipendenti oppure il rischio di errori operativi, compresi quelli risultanti da vizi o malfunzionamenti dei sistemi informatici o di telecomunicazione. I sistemi e le metodologie di gestione del rischio operativo sono progettati per garantire che tali rischi connessi alle proprie attività siano tenuti adeguatamente sotto controllo. Qualunque inconveniente o difetto di tali sistemi potrebbe incidere negativamente sulla posizione finanziaria e sui risultati operativi dell Emittente. Tali fattori, in particolar modo in periodi di crisi economicofinanziaria, potrebbero condurre l Emittente a subire perdite, incrementi dei costi di finanziamento, riduzioni del valore delle attività detenute, con un potenziale impatto negativo 6

7 sulla liquidità dell Emittente e sulla sua stessa solidità patrimoniale. 2.2 Fattori di rischio connessi al settore in cui l Emittente opera Rischi connessi al mercato in cui opera L Emittente non opera in un settore di attività soggetto a particolare regolamentazione o soggetto a limitazioni per effetto di leggi dello Stato Italiano e/o dell Unione Europea che potrebbero essere soggetti a cambiamenti Rischi connessi all attuale congiuntura economica La perdurante crisi che ha colpito il sistema bancario e i mercati finanziari, nonché il conseguente peggioramento delle condizioni macroeconomiche che hanno registrato una contrazione dei consumi e della produzione industriale a livello mondiale hanno avuto come effetto una restrizione delle condizioni per l accesso al credito, una stagnazione degli investimenti, un basso livello di liquidità nei mercati finanziari e un estrema volatilità nei mercati azionari e obbligazionari. I risultati dell Emittente potranno essere influenzati tra l altro dal perdurare della crisi economica e/o dal sopravvenire di altre ed ulteriori criticità dei mercati, che possono incidere sull andamento della stessa. *** 7

8 3. INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE 3.1 Denominazione legale e commerciale La denominazione legale e commerciale dell Emittente è SUDCOMMERCI S.r.l. 3.2 Estremi di iscrizione nel Registro delle Imprese L Emittente è iscritta presso l Ufficio del Registro delle Imprese di Bari al n Data di costituzione e durata dell Emittente SUDCOMMERCI S.r.l. è stata costituita in data 22 gennaio Ai sensi dell art. 3 dello Statuto, la durata dell Emittente è stabilita fino al 31 dicembre 2050 e potrà essere prorogata con deliberazione dell Assemblea dei Soci dell Emittente stessa. 3.4 Domicilio e forma giuridica, legislazione in base alla quale opera l Emittente, paese di costituzione e sede sociale L Emittente è costituita in Italia in forma di società a responsabilità limitata e opera in base alla legislazione italiana. La sede legale dell Emittente è in Corso Vittorio Emanuele II, Bari. L Emittente ha le seguenti unità locali: (i) Unità Locale in via S.S. 100 km. 18, Casamassima (BA), S.S. 100, numero di telefono: (sede amministrativa); e (ii) Unità Locale in via Cerva 8, Milano, numero di telefono: (domiciliazione). 3.5 Descrizione dell Emittente L Emittente nasce nel 2002 per iniziativa della controllante Trade Service s.r.l., che opera da tempo nel settore immobiliare con attività diversificate, quali compravendite di beni immobili, gestione di proprietà immobiliari di varia specie, di complessi di natura commerciale, direzionale e residenziale sia pubblici che privati, facility management, global service. L esperienza del management e dei soci di riferimento suggeriscono di affidare al nuovo soggetto Sudcommerci S.r.l. (Emittente), le peculiari caratteristiche di un operatore commerciale cui è richiesta l attività di progettazione, coordinamento, realizzazione e valorizzazione di Centri Polifunzionali con destinazione commerciale/direzionali, per conto di terzi e proprio. In tale contesto l attività dell Emittente procede con efficaci risultati in relazione ai servizi prestati in favore della controllante e di altre società collegate. Più recentemente, anche in conseguenza del passato investimento in aree edificabili in Casamassima, l Emittente promuove l iniziativa Progetto Power Center e si rende protagonista dell operazione, dando l avvio alla realizzazione del progetto stesso. 3.6 Eventi recenti sostanzialmente rilevanti per la valutazione della solvibilità dell Emittente Tenuto conto di quanto già precisato nel presente Documento di Ammissione, l Emittente ritiene che non sussistano ulteriori eventi recenti sostanzialmente rilevanti per la valutazione della propria solvibilità. Per un informativa completa relativa alle operazioni societarie e ai fatti di rilievo inerenti all ultimo bilancio di esercizio approvato e agli eventi recenti che coinvolgono l Emittente, si invitano gli investitori a leggere attentamente le relative informazioni riportate nel Bilancio 8

9 per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2012, allegato al presente Documento di Ammissione. 3.7 Collegio Sindacale e revisore esterno L Emittente non ha nominato un Collegio Sindacale, in quanto non sussiste l obbligo di cui ai commi 2 e segg. dell art del codice civile. L Emittente ha nominato un revisore esterno che esercita le funzioni di controllo di gestione (art c.c.) e le funzioni di controllo dei conti (art. 14 d.lgs. n. 39/2010). Il revisore esterno ha emesso la relazione di certificazione sul bilancio relativo all ultimo esercizio ex art. 14 del d.lgs. n. 39/ Ammontare del Titolo L ammontare complessivo del Titolo emesso dall Emittente è superiore al totale dell attivo corrente, come rilevato dall ultimo bilancio approvato dell Emittente. Alla data del presente Documento di Ammissione, l Emittente non ha emesso titoli di debito ulteriori rispetto al Titolo di cui al presente Documento di Ammissione. *** 9

10 4.1 Gruppo 4. STRUTTURA ORGANIZZATIVA Alla data del presente Documento di Ammissione, l Emittente non appartiene ad un gruppo di imprese obbligato alla redazione del bilancio consolidato ex D.Lgs 127/91, in quanto all Emittente e alla società sua controllante, denominata Trade Service S.r.l., si applica l esonero di cui all articolo 27, comma 1, del suddetto decreto legislativo. *** 10

11 5. PRINCIPALI SOCI 5.1 Partecipazione, direzione e coordinamento Si riportano di seguito i nomi dei soci che, alla data del presente Documento di Ammissione, detengono una partecipazione nel capitale sociale dell Emittente e la relativa percentuale: (i) TRADE SERVICE s.r.l., sede in Bari, numero di codice fiscale e di iscrizione al Registro delle Imprese di Bari , partecipazione pari al 70,00 % del capitale sociale dell Emittente; (ii) FIENO DEI CAVOLI s.r.l., sede in Bari, numero di codice fiscale e di iscrizione al Registro delle Imprese di Bari , partecipazione pari al 30,00 % del capitale sociale dell Emittente. Alla data del presente Documento di Ammissione, l Emittente è direttamente o indirettamente sottoposto a direzione e coordinamento della TRADE SERVICE s.r.l., con sede legale in Bari, Corso Vittorio Emanuele II, 60, capitale sociale Euro ,00 interamente versato, numero di iscrizione al registro Imprese di Bari e codice fiscale , R.E.A , la quale ha la seguente compagine sociale: Sig. DEGENNARO DAVIDE nato a Bari l 1/4/1965, domiciliato in Bari via Sparano 115, codice fiscale DGNDVD65D01A662Y, partecipazione pari al 33,33% del capitale sociale della società; Sig.ra DEGENNARO ANNA nata a Bari il 27/8/1967, domiciliata in Bari via Sparano 115, codice fiscale DGNNNA67M67A662Z, partecipazione pari al 33,33% del capitale sociale della società; Sig. DEGENNARO EMANUELE nato a Bari il 4/11/1963, domiciliato in Bari via Sparano 115, codice fiscale DGNMNL63S04A662L, partecipazione pari al 18,34% del capitale sociale della società; Sig. DEGENNARO GIUSEPPE nato a Bari il 10/11/1987, domiciliato in Bari via Sparano 115, codice fiscale DGNGPP87S10A662T, partecipazione pari al 7,5% del capitale sociale della società; Sig. DEGENNARO GIACOMA nata a Bari il 3/8/1994, domiciliata in Bari via Sparano 115, codice fiscale DGNGCM94M43A662G, partecipazione pari al 7,5% del capitale sociale della società. 5.2 Accordi societari Per quanto a conoscenza dell Emittente, alla data del presente Documento di Ammissione non sussistono accordi che possano determinare, a una data successiva, una variazione dell assetto di controllo dell Emittente. *** 11

12 6. INFORMAZIONI FINANZIARIE RIGUARDANTI LE ATTIVITÀ E LE PASSIVITÀ, LA SITUAZIONE FINANZIARIA E I PROFITTI E LE PERDITE DELL EMITTENTE 6.1 Informazioni finanziarie Per quanto riguarda le informazioni finanziarie relative all Emittente si rinvia all ultimo bilancio di esercizio approvato, insieme alla relativa certificazione, riportato nell Allegato I (Bilancio dell Emittente relativo all esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 e relativa certificazione) del presente Documento di Ammissione. *** 12

13 7. INFORMAZIONI RELATIVE AL TITOLO Si riporta di seguito il regolamento del prestito contenente i termini e le condizioni del Titolo ammesso alla negoziazione ai sensi del presente Documento di Ammissione. REGOLAMENTO DEL PRESTITO RAPPRESENTATO DA TITOLI DI DEBITO «Power Center 6% » DI NOMINALI EURO INTERAMENTE GARANTITO DA IPOTECHE SU BENI IMMOBILI CODICE ISIN IT SUDCOMMERCI S.R.L. Sede legale: Corso Vittorio Emanuele II, 60, Bari Codice Fiscale, P. IVA e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di Bari: Capitale sociale deliberato e sottoscritto: ,00 i.v. Il presente prestito rappresentato da titoli di debito è regolato dalle seguenti norme e condizioni e, per quanto in esse non specificato, dall articolo 2483 del Codice Civile in materia di titoli di debito emessi da società a responsabilità limitata, nonché dalle ulteriori norme primarie e secondarie eventualmente applicabili in materia di titoli di debito. 7.1 Importo nominale dell emissione, taglio e forma dei titoli Il presente Regolamento del Prestito disciplina l emissione di un prestito costituito da un titolo di debito da parte di SUDCOMMERCI S.r.l. (l Emittente ). Il Prestito è costituito da un titolo di debito in taglio non frazionabile (il Titolo ) per un importo nominale complessivo di Euro ,00 (ventiduemilioni/00) denominato «Power Center 6% » ed è emesso dall Emittente in conformità con l art. 25 dello statuto sociale (lo Statuto ) dell Emittente stessa. Il Valore Nominale del Titolo è pari ad Euro ,00 (ventiduemilioni/00). Alla Data di Emissione l Emittente procederà all accentramento del Titolo presso Monte Titoli in regime di dematerializzazione ai sensi del Capo II, Titolo II, Parte III, del TUF e del Regolamento recante la disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di garanzia e delle relative società di gestione adottato dalla Banca d'italia e dalla Consob con provvedimento del 22 febbraio 2008 e successivamente modificato con provvedimento congiunto di Banca d'italia e Consob del 24 dicembre Pertanto, in conformità a tale regime, ogni operazione avente ad oggetto il Titolo (ivi inclusi i trasferimenti e la costituzione di vincoli), nonché l esercizio dei relativi diritti patrimoniali potranno essere effettuati esclusivamente in conformità con quanto previsto dagli articoli 80 e seguenti del TUF. Il Portatore non potrà richiedere la consegna materiale del Titolo stesso. E fatto salvo il diritto di chiedere il rilascio della certificazione di cui all art. 83-quinquies del TUF. 7.2 Limiti di Sottoscrizione e circolazione Il Prestito è riservato esclusivamente alla sottoscrizione da parte di Investitori Qualificati soggetti a vigilanza prudenziale a norma delle leggi speciali. In caso di successiva circolazione, il Titolo può essere trasferito esclusivamente ad Investitori Qualificati soggetti a vigilanza prudenziale a norma delle leggi speciali o ai soci dell Emittente stessa. 13

14 Il Titolo è emesso in esenzione dall obbligo di pubblicazione di un prospetto d offerta ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 100 del TUF ed all articolo 34-ter del regolamento adottato con Delibera Consob n /1999 e successive modifiche. Il Titolo, inoltre, non è stato né sarà registrato ai sensi dello U.S. Securities Act del 1933, e successive modifiche, o secondo altre leggi rilevanti, né ai sensi delle corrispondenti normative in vigore in Canada, Australia, Giappone o in qualsiasi altro Paese nel quale la vendita e/o la sottoscrizione del Titolo non sia consentita dalle competenti autorità. Fermo restando quanto sopra previsto, la successiva circolazione o rivendita del Titolo in uno qualsiasi dei summenzionati Paesi o, comunque, in Paesi diversi dall Italia e a soggetti non residenti o non incorporati in Italia, potrà avere corso solo: (i) nei limiti in cui sia consentita espressamente dalle leggi e dai regolamenti applicabili nei rispettivi Paesi in cui si intende dar corso alla successiva circolazione del Titolo; ovvero (ii) qualora le leggi e i regolamenti applicabili in tali Paesi prevedano specifiche esenzioni che permettano la circolazione del Titolo medesimo. La circolazione del Titolo avverrà nel rispetto di tutte le normative vigenti applicabili, ivi incluse le disposizioni in materia di antiriciclaggio di cui al D.Lgs. 231/2007 e successive integrazioni e modifiche. 7.3 Prezzo di emissione Il Titolo è emesso alla pari ad un prezzo pari al 100% del Valore Nominale e cioè al prezzo di Euro ,00 (ventiduemilioni/00) senza aggravio di spese, oneri o commissioni per il Portatore. 7.4 Data di Emissione e godimento Il Titolo è emesso alla Data di Emissione e ha godimento a partire dalla stessa. 7.5 Durata Il Prestito ha durata pari a 5 anni sino alla Data di Scadenza, salve le ipotesi di rimborso anticipato previste dai successivi articoli 7.8 (Rimborso anticipato a favore dell Emittente) e 7.9 (Rimborso anticipato a favore del Portatore). 7.6 Interessi Il Titolo è fruttifero di interessi dalla Data di Emissione (inclusa) sino alla Data di Scadenza (esclusa). L importo di ciascuna cedola interessi sarà determinato dall Agente per il Calcolo moltiplicando il Valore Nominale del Titolo per il Tasso di Interesse. L importo della cedola sarà arrotondato al centesimo di Euro (0,005 arrotondati al centesimo di Euro superiore). Gli interessi saranno corrisposti in via posticipata, su base semestrale a ciascuna Data di Pagamento. Il Titolo cesserà di maturare interessi alla prima tra: (i) (ii) la Data di Scadenza; e in caso di rimborso anticipato ai sensi dei successivi articoli 7.8 (Rimborso anticipato a favore dell Emittente) e 7.9 (Rimborso anticipato a favore del Portatore), la relativa Data di Rimborso Anticipato (come di seguito definita). Gli interessi semestrali sono calcolati sulla base della convenzione Actual/Actual (ICMA). Per periodo di interesse si intende il periodo compreso fra una Data di Pagamento (inclusa) e la successiva Data di Pagamento (esclusa), ovvero, limitatamente al primo periodo di interessi, il periodo compreso tra la Data di Emissione (inclusa) e la prima Data di Pagamento (esclusa); fermo 14

15 restando che, laddove una Data di Pagamento venga a cadere in un giorno diverso da un Giorno Lavorativo, la stessa sarà posticipata al primo Giorno Lavorativo immediatamente successivo senza che tale spostamento comporti la spettanza di alcun importo aggiuntivo in favore del Portatore né lo spostamento delle successive Date di Pagamento (Following Business Day Convention unadjusted). L Emittente, in relazione al Titolo agisce anche in qualità di Agente per il Calcolo. 7.7 Rimborso Salvo quanto previsto ai successivi articoli 7.8 e 7.9, il Prestito sarà rimborsato alla pari in un unica soluzione alla Data di Scadenza. Qualora la Data di Scadenza dovesse cadere in un giorno diverso da un Giorno Lavorativo, la stessa sarà posticipata al primo Giorno Lavorativo immediatamente successivo, senza che tale spostamento comporti la spettanza di alcun importo aggiuntivo in favore del Portatore. 7.8 Rimborso anticipato a favore dell Emittente L Emittente si riserva la facoltà di procedere, in coincidenza con le Date di Pagamento, al rimborso anticipato del Titolo, senza corresponsione di alcuna commissione né penale per l estinzione anticipata. Il rimborso anticipato dovrà essere preceduto da un preavviso al Portatore di almeno 30 (trenta) Giorni Lavorativi tramite pubblicazione sul sito internet dell Emittente Il rimborso anticipato di cui al presente articolo 7.8 avverrà alla pari e comprenderà il rateo di interessi eventualmente maturato fino alla relativa Data di Rimborso Anticipato. 7.9 Rimborso anticipato a favore del Portatore Il Portatore ha la facoltà di richiedere il rimborso anticipato del Titolo al verificarsi di uno qualsiasi dei seguenti eventi: (i) (ii) (iii) mancato pagamento da parte dell Emittente, alla relativa scadenza, di qualsiasi somma dovuta in relazione al Titolo, sia a titolo di capitale che a titolo di interessi, a condizione che tale inadempimento si protragga per un periodo di almeno 60 giorni; verificarsi di uno stato di insolvenza in capo all'emittente, ai sensi dell articolo 5 della Legge Fallimentare ovvero ai sensi di altra normativa applicabile all Emittente stessa; deposito da parte dell'emittente presso il tribunale competente di un accordo di ristrutturazione dei propri debiti ex articolo 182-bis della Legge Fallimentare, ovvero la formalizzazione di un piano di risanamento ex articolo 67, comma 3, lettera (d) della Legge Fallimentare, ovvero l avvio da parte dell Emittente di negoziati con i propri creditori al fine di ottenere moratorie o concordati stragiudiziali e/o al fine di realizzare cessioni di beni ai propri creditori; (iv) perdita del controllo dell Emittente da parte del Socio della stessa ai sensi dell articolo 2359 del Codice Civile, salvo il caso in cui l Emittente abbia ottenuto il previo consenso scritto del Portatore; (v) (vi) mancato rispetto da parte dell Emittente di una norma di legge o regolamentare purché tale violazione comporti il verificarsi di un Evento Pregiudizievole Significativo; verificarsi di un qualsiasi evento in conseguenza del quale uno o più obblighi dell Emittente ai sensi del presente Regolamento del Prestito divenga invalido, illegittimo, ovvero cessi di essere efficace o eseguibile; 15

16 (vii) (viii) (ix) adozione di una delibera da parte dell organo competente dell Emittente con cui si deliberi la messa in liquidazione della stessa ovvero la cessazione di tutta o di una parte sostanziale della sua attività; adozione di un atto o provvedimento la cui conseguenza sia l esclusione del Titolo dalle negoziazioni sul Segmento Professionale (ExtraMOT PRO) del Mercato ExtraMOT (cd delisting); mancato rispetto da parte dell Emittente di uno qualsiasi degli obblighi previsti dal successivo articolo 12 (Impegni dell Emittente). A seguito della richiesta di rimborso anticipato da parte del Portatore, da inviarsi a mezzo lettera raccomandata a.r. indirizzata alla sede dell'emittente almeno 15 (quindici) Giorni Lavorativi prima della relativa Data di Rimborso Anticipato, le somme dovute dall Emittente al Portatore diverranno immediatamente esigibili con riguardo sia al capitale che agli interessi maturati alla relativa Data di Rimborso Anticipato. Il rimborso anticipato di cui al presente articolo 7.9 avverrà alla pari e comprenderà il rateo interessi eventualmente maturato fino alla Data di Rimborso Anticipato, senza aggravio di spese o commissioni per il Portatore Status del Titolo Il Titolo costituisce un obbligazione diretta, incondizionata e non subordinata a tutti gli altri debiti della Società e sarà considerato in ogni momento almeno di pari grado con le altre obbligazioni non privilegiate e non subordinate, presenti e future dell Emittente, fatta eccezione in ogni caso per le obbligazioni dell Emittente che siano privilegiate in base a disposizioni generali inderogabili di legge. Il Titolo non è e non sarà convertibile in quote, né in strumenti partecipativi del capitale sociale dell Emittente né di qualsiasi altra società. Pertanto, al Portatore non sarà attribuito alcun diritto di partecipazione diretta e/o indiretta alla gestione dell'emittente né di controllo sulla gestione della stessa e/o di qualsiasi altra società Garanzie Il Titolo è interamente garantito dalle seguenti ipoteche (le Ipoteche ), costituite dall Emittente mediante l Atto di Ipoteca (come di seguito definito): (a) ipoteca di primo grado sui diritti e beni immobili di seguito descritti, di titolarità e/o proprietà dell Emittente: 1) in diritto di superficie, suolo esteso complessivamente mq (novemilacinquecento quattordici) circa, ricadente nel PRGC (Zona ER attività primarie tipo residenziali), riportato nel Catasto Terreni di Casamassima, in ditta Comune di Casamassima proprietario per l area e SUDCOMMERCI s.r.l. per il diritto di superficie, al foglio 23, particelle 901, 1015; 2) in piena proprietà, suolo esteso complessivamente mq (trentottomilasettecentodieci) circa, ricadente nel PRGC e in minima parte come zona PIP, riportato nel Catasto Terreni di Casamassima in ditta SUDCOMMERCI s.r.l. al foglio 22, particelle 893, 895, 898, 899, 902, 904, 905, 908, 910, 912, 914, 915, 917, 919, 921, 923, 926, 928; 3) in piena proprietà, suolo esteso complessivamente mq (trentaduemilacentonovantasette) circa, ricadente nel PRGC, riportato nel Catasto Terreni di Casamassima in ditta SUDCOMMERCI s.r.l. al foglio 22, particelle 55, 274, 275, 276, 296, 308, 317, 318, 332, 360, 85; 16

17 (b) (c) ipoteca di secondo grado sui diritti e beni immobili di seguito descritti, di titolarità e/o proprietà dell Emittente: 1) proprietà superficiaria del comprensorio di fabbricati in corso di costruzione, composto di numero tre capannoni commerciali, sito in Casamassima (BA) a Strada Provinciale Casamassima-Noicattaro, su suolo della estensione complessiva di mq (ottomilaseicentoottanta), riportato nel N.C.E.U. del Comune di Casamassima in ditta SUDCOMMERCI S.r.l. e Comune di Casamassima per la proprietà dell area, foglio 22, particella 1375, subalterni nr.1, nr. 2 e nr. 3; 2) in diritto di superficie, suolo esteso complessivamente mq (dodicimilacentododici) circa, ricadente nel P.I.P. (zona DIP), riportato nel Catasto Terreni di Casamassima al foglio 22, in ditta Comune di Casamassima proprietario per l area e SUDCOMMERCI s.r.l. per il diritto di superficie, particelle 1374, 1376, 1377, 1379, 1380, 1383, 1384, 1386, 1388, 1389, 1391, 1392; 3) in diritto di superficie, suolo esteso complessivamente mq (sessantamilaottocentoottantotto) circa, ricadente nel P.I.P. (zona DIP), riportato nel Catasto Terreni di Casamassima al foglio 22, in ditta Comune di Casamassima proprietario per l area e SUDCOMMERCI s.r.l. per il diritto di superificie, particelle 894, 71, 72, 896, 931, 172, 897, 933, 901, 83, 936, 938, 903, 940, 944, 941, 943, 102, 103, 946, 948, 950, 956, 848, 849; 4) in diritto di piena proprietà, suolo esteso complessivamente mq (quarantamilaottocentocinquanta) circa, ricadente nel PIP (Zona DIP), riportato nel Catasto Terreni di Casamassima, in ditta SUDCOMMERCI s.r.l., al foglio 22, particelle 906, 952, 951, 907, 909, 913, 916, 918, 954, 920, 927, 884, 886, 888, 833, 835, 837, 882, 880, 839, 326, 922, 924, 925, 840, 877, 876, 874, 871, 870; 5) in diritto di superficie, ricadente nel P.I.P. (zona DIP), riportato nel Catasto Terreni di Casamassima al foglio 22, in ditta Comune di Casamassima proprietario per l area e SUDCOMMERCI S.r.l. per il diritto di superficie, particella ipoteca di terzo grado sui diritti e beni immobili di seguito descritti, di titolarità e/o proprietà dell Emittente: 1) in diritto di superficie, suolo esteso complessivamente mq (venticinquemilanovecentonovantadue) circa, ricadente nel P.I.P. (zona DIP), riportato nel Catasto Terreni di Casamassima al foglio 22, in ditta Comune di Casamassima proprietario per l'area e SUDCOMMERCI S.r.l. per il diritto di superficie, particelle 932, 934, 935, 937, 939, 942, 945, 947, 949, 953, 955, Impegni dell'emittente Per tutta la durata del Prestito l'emittente si impegna nei confronti del Portatore a: (i) (ii) (iii) (iv) non costituire, né permettere la creazione di alcun Vincolo sui propri Beni, fatta eccezione per i Vincoli Ammessi; costituire, entro e non oltre 3 giorni di calendario dalla Data di Emissione, le Ipoteche descritte nell articolo 7.11 che precede; adempiere correttamente a tutti gli obblighi previsti dall Atto di Ipoteca, perfezionare e garantire l'efficacia verso terzi dei diritti di garanzia costituiti ai sensi dell Atto di Ipoteca, secondo le modalità ed i termini previsti dalla legge e in detto atto, nonché compiere tutte le azioni necessarie e/o opportune al fine di perfezionare e rendere efficaci l Atto di Ipoteca e proteggere i diritti del Portatore ai sensi dello stesso; gestire e mantenere in buono stato le aree e i diritti sui quali sono costituite le Ipoteche, adoperando la massima cura e diligenza; mantenere adeguata copertura assicurativa in 17

18 (v) (vi) (vii) (viii) (ix) (x) (xi) (xii) relazione alle suddette aree contro i rischi, alle condizioni usuali nel settore in cui la stessa Emittente opera, provvedere tempestivamente al pagamento dei premi previsti dalle relative polizze assicurative, ed in generale fare in modo che le stesse restino in vigore e non siano risolte, revocate o non rinnovate per tutta la durata del Prestito; tenere adeguata documentazione in relazione alle aree e ai diritti sui quali sono costituite le Ipoteche e permettere al Portatore, in ogni momento, previo ragionevole preavviso, di esaminare e fare copie ed estratti di tale documentazione; consentire, nel normale orario di ufficio, ogni indagine di tipo tecnico-amministrativa o controllo da parte del Portatore con riferimento alle suddette aree, previo ragionevole preavviso; prontamente e a proprie spese, prestare la propria collaborazione al Portatore, ai fini della tutela delle Ipoteche a fronte di qualsivoglia pretesa avanzata da qualunque terzo; stipulare ed eseguire prontamente tutti gli ulteriori documenti ed atti ed intraprendere tutte le ulteriori azioni che il Portatore possa ritenere, di volta in volta, necessari od opportuni al fine di assicurare e mantenere l efficacia delle Ipoteche (ivi incluse, a titolo esemplificativo, la rinnovazione dell iscrizione ipotecaria ai sensi dell'articolo 2847 del Codice Civile, ove necessario, e/o le annotazioni in margine alle iscrizioni ipotecarie), e/o consentire al Portatore l'esercizio dei diritti ad esso spettanti in relazione alle aree e ai diritti oggetto delle Ipoteche; astenersi dal vendere, cedere, permutare o altrimenti disporre delle aree e dei diritti oggetto delle Ipoteche e dal sottoscrivere qualsiasi accordo o consentire qualsiasi restrizione o limitazione alcuna in relazione agli stessi; astenersi dal porre in essere comportamenti attivi od omissivi che si possano in buona fede ritenere idonei a pregiudicare la validità, l efficacia o l escutibilità delle Ipoteche o i diritti e gli interessi del Portatore, e/o a diminuire, in misura significativa, il valore delle aree e dei diritti oggetto delle Ipoteche e dovrà compiere, a proprie spese, quanto il Portatore possa ragionevolmente ritenere necessario o opportuno al fine di tutelare il valore delle suddette aree e diritti; non cessare né modificare significativamente il proprio Core Business e ad astenersi dal realizzare investimenti di qualsiasi natura in attività diverse da, e comunque non collegate con, il Core Business, ove ciò possa comportare il verificarsi di un Evento Pregiudizievole Significativo; non approvare o compiere operazioni straordinarie di qualsiasi natura né operazioni straordinarie sul proprio capitale, né operazioni di trasformazione societaria, fusione, o scissione - ove ciò possa comportare il verificarsi di un Evento Pregiudizievole Significativo - senza, in ogni caso, il previo consenso scritto del Portatore; non effettuare operazioni di riduzione del capitale sociale senza il previo consenso scritto del Portatore, salve le ipotesi obbligatorie previste dalla legge, e nel caso in cui il capitale sociale dell Emittente venga ridotto per perdite ai sensi di legge, a far sì che, entro e non oltre 30 (trenta) Giorni Lavorativi dalla delibera di riduzione, venga ripristinato il capitale sociale dell Emittente esistente alla Data di Emissione; non effettuare distribuzioni di dividendi, utili o riserve, ove ciò possa comportare il verificarsi di un Evento Pregiudizievole Significativo; mantenere in buono stato i propri immobili, i propri macchinari e le proprie attrezzature con la diligenza del buon padre di famiglia, nonché a stipulare e mantenere in essere adeguate coperture assicurative con primarie compagnie di assicurazione in relazione ai medesimi, in conformità con la buona pratica commerciale e a copertura dei rischi usualmente assicurati nel settore in cui la stessa Emittente opera; non permettere senza il previo consenso scritto del Portatore, il verificarsi di alcun evento o circostanza che determini la perdita del controllo dell Emittente da parte del/dei Socio/i della stessa ai sensi dell articolo 2359 del Codice Civile; 18

19 (xiii) (xiv) (xv) (xvi) non permettere senza il previo consenso scritto del Portatore, il verificarsi di alcun evento o circostanza che determini un mutamento della partecipazione nel capitale dell Emittente da parte dei Soci rispetto alla Data di Emissione; non procedere, senza il previo consenso scritto del Portatore, alla costituzione di patrimoni separati né richiedere finanziamenti destinati ad uno specifico affare (ove consentito dalla legge); non permettere il verificarsi di un inadempimento di obbligazioni di pagamento (diverse da quelle nascenti dal Titolo) derivanti da qualsiasi Indebitamento Finanziario; comunicare prontamente il verificarsi di qualsiasi evento naturale, di natura tecnica, amministrativa, societaria e fiscale (inclusa qualsivoglia richiesta, pretesa, intentata o minacciata da terzi per iscritto, e qualsiasi notifica di avvisi di accertamento d imposta) che possa causare un Evento Pregiudizievole Significativo; (xvii) far sì che tutti i propri libri sociali siano corretti, veritieri, completi, accurati, esatti e non fuorvianti in ogni aspetto rilevante, nonché siano regolarmente tenuti in conformità alle leggi ed ai principi contabili applicabili; (xviii) mettere prontamente a disposizione del Portatore (secondo le modalità di cui al successivo articolo 7.20 (Varie) (i) copia del bilancio d esercizio annuale e (ove redatto) del bilancio consolidato, sottoposti a revisione contabile ai sensi del D.Lgs. n. 39 del 27 gennaio 2010, insieme al relativo giudizio della società di revisione o del revisore legale (a seconda del caso), prontamente e comunque entro e non oltre 30 giorni dalla relativa data di approvazione; (xix) (xx) (xxi) comunicare prontamente al Portatore tutte le informazioni necessarie affinché il Portatore stesso possa esercitare i propri diritti, ivi incluse le informazioni relative a qualsiasi modifica di tali diritti (c.d. informativa price sensitive); fare tutto quanto possibile al fine di mantenere in vigore le autorizzazioni, i brevetti, i permessi o le licenze necessari per lo svolgimento delle attività facenti parte del Core Business così come le stesse vengono condotte alla Data di Emissione, in ogni caso provvedendo ad informare per iscritto il Portatore di ogni circostanza anche solo minacciata (comprese le contestazioni a titolo esemplificativo anche innanzi l autorità giudiziaria), che ponga in pericolo il mantenimento delle suddette autorizzazioni, brevetti, permessi e licenze; osservare tutte le disposizioni di legge e regolamentari (ivi incluse quelle in materia fiscale), ad essa applicabili, la cui violazione possa determinare un Evento Pregiudizievole Significativo; (xxii) non incorrere in alcun Indebitamento Finanziario diverso dall Indebitamento Consentito; (xxiii) non effettuare, per alcuna ragione, richiesta di esclusione del Titolo dalle negoziazioni sul Segmento Professionale (ExtraMOT PRO) del Mercato ExtraMOT (cd delisting), né permettere o consentire tale esclusione; (xxiv) osservare tutte le disposizioni del Regolamento del Mercato ExtraMOT, al fine di evitare qualunque tipo di provvedimento sanzionatorio, nonché l esclusione del Titolo stesso dalle negoziazioni per decisione di Borsa Italiana; (xxv) rispettare diligentemente tutti gli obblighi previsti ai sensi del Regolamento del Mercato ExtraMOT, nonché tutti gli impegni assunti nei confronti di Monte Titoli, in relazione alla gestione accentrata del Titolo; (xxvi) comunicare prontamente al Portatore l eventuale sospensione e/o la revoca del Titolo dalle negoziazioni su provvedimento di Borsa Italiana Servizio del prestito Il pagamento degli interessi ed il rimborso del Titolo saranno effettuati esclusivamente per il tramite di BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA, intermediario autorizzato presso Monte Titoli. 19

20 7.14 Ammissione alla negoziazione L Emittente ha presentato presso Borsa Italiana la domanda di ammissione alla negoziazione del Titolo sul Segmento Professionale (ExtraMOT PRO) del Mercato ExtraMOT. La decisione di Borsa Italiana e la data di inizio delle negoziazioni del Titolo sul Segmento Professionale (ExtraMOT PRO) del Mercato ExtraMOT, insieme alle informazioni funzionali alle negoziazioni, saranno comunicate da Borsa Italiana con apposito avviso, ai sensi della Sez delle Linee Guida contenute nel Regolamento del Mercato ExtraMOT Delibere ed autorizzazioni relative al Titolo L emissione del Titolo è stata deliberata dall Assemblea dei Soci dell Emittente in data 30 agosto In particolare, l Emittente ha deciso di procedere all emissione del Titolo per un valore nominale complessivo massimo pari ad Euro (ventiduemilioni/00) Modifiche Senza necessità del preventivo assenso del Portatore, l Emittente potrà apportare al Regolamento del Prestito le modifiche che essa ritenga necessarie ovvero anche solo opportune, al solo fine di eliminare errori materiali, ambiguità od imprecisioni nel testo ovvero al fine di integrare il medesimo, a condizione che tali modifiche non pregiudichino i diritti e gli interessi del Portatore e siano esclusivamente a vantaggio dello stesso e che le stesse vengano prontamente comunicate al Portatore secondo le modalità previste all articolo 7.20 che segue. Salvo quanto previsto nel precedente comma del presente articolo 7.16, le condizioni di cui al Regolamento del Prestito potranno essere modificate dall Emittente soltanto previo consenso scritto del Portatore Termine di prescrizione e decadenza I diritti del Portatore si prescrivono a favore dell Emittente, per quanto concerne il diritto al pagamento degli interessi, decorsi cinque anni dalla data in cui questi sono divenuti esigibili e, per quanto concerne il diritto al rimborso del capitale, decorsi dieci anni dalla data in cui il Titolo sia divenuto rimborsabile Regime fiscale Sono a carico del Portatore le imposte e le tasse presenti e future che per legge siano applicabili al Portatore e/o ai relativi interessi, premi ed altri frutti; nessun pagamento aggiuntivo sarà a carico dell Emittente. Il Portatore è tenuto a consultare i propri consulenti fiscali in merito al regime fiscale applicabile in Italia proprio dell acquisto, della detenzione e della cessione del Titolo Legge applicabile e giurisdizione Il Prestito è regolato dalla legge italiana. Per qualsiasi controversia relativa al Prestito ovvero al presente Regolamento del Prestito che dovesse insorgere tra l Emittente e il Portatore sarà devoluta alla competenza, in via esclusiva, del Foro di Milano. 20

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 (2004/72/CE) TUF Regolamento Proposto Articolo 6, paragrafo 3, comma 3, Articolo 115-bis (Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate) Gli

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli