Era evitabile l attuale crisi economico-finanziaria?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Era evitabile l attuale crisi economico-finanziaria?"

Transcript

1 CredOg 31 (4/2011) n. 184, L. Pelizzon Era evitabile l attuale crisi economico-finanziaria? 1. Elementi strutturali dell attuale crisi negli Stati Uniti La crisi finanziaria iniziata nell agosto 2007 è una crisi sistemica sorta negli Stati Uniti e rapidamente diffusasi nei mercati finanziari dei paesi più sviluppati. Da una lettura di questa crisi emerge che essa si fonda su quattro elementi strutturali e comportamentali: (a) la struttura monetaria incentrata sulla fissazione dei tassi di interesse da parte della Banca centrale abbinata a una prolungata politica di bassi tassi di interesse a breve termine; (b) prodotti finanziari innovativi che hanno facilitato l espansione del credito in modo massiccio e trasferito il rischio di insolvenza; (c) alcune lacune nella regolamentazione delle istituzioni finanziarie, (d) la presenza di carenze di valutazione dei rischi delle attività finanziarie da parte delle società di rating 1. In relazione al primo insieme di elementi sistemici, è importante tener presente che una politica monetaria basata sulla fissazione dei tassi di interesse comporta immissioni di liquidità da parte della Banca centrale al sistema bancario che possono essere potenzialmente molto elevate. Per comprendere appieno questo concetto si immagini la Banca centrale come un distributore di benzina con una cisterna enorme. Il prezzo della benzina è fissato dalla Banca centrale-benzinaio e non viene cambiato se la domanda di benzina sale. È chiaro che se il prezzo della benzina è basso la quantità di benzina acquistata dalle bancheautomobilisti sarà elevata. Con questa struttura non c è alcun vincolo 1 Il rating è un metodo utilizzato per classificare sia i titoli obbligazionari che le imprese in base alla loro rischiosità. I rating sono periodicamente pubblicati da agenzie specializzate tra cui Moody s, Standard&Poor s e Fitch Ratings.

2 26 CredOg n. 184 alla liquidità/benzina che la Banca centrale-benzinaio immette sul mercato, e quindi il mercato che determina la quantità di liquidità generata dalla Banca centrale. In presenza di una politica monetaria così strutturata, la Federal Reserve Bank (FED) nel periodo che va dal terzo trimestre 2001 al primo trimestre 2005 aveva fissato tassi nominalmente bassi 2 (in alcuni momenti inferiori al tasso di inflazione). 2. La diffusione dei mutui immobiliari I bassi tassi di interesse hanno causato una forte convenienza a espandere gli impieghi da parte delle banche in tutti i settori e in particolare in quello dei mutui immobiliari, la cui domanda si è fortemente e rapidamente incrementata anche grazie alla diffusione di mutui con rate iniziali molto basse (mutuo step-up 3 ). Inoltre, parte di questi mutui sono stati offerti a una clientela con livelli di reddito medio-bassi e che aveva la necessità di coprire con il mutuo gran parte del costo di acquisto della casa (il mutuo in questo caso copriva a volte anche il 100% del valore di acquisto della casa o addirittura più del 100%): i famosi mutui subprime. Va sottolineato che la diffusione di questi mutui è stata favorita dal governo degli Stati Uniti anche attraverso modifiche alla regolamentazione sui mutui e allo sviluppo di istituzioni ad hoc come Freddie Mac e Fannie Mae. Questo accadeva perché da un lato c era l obiettivo politico di «una casa per tutti» e cioè una casa anche per le minoranze etniche e la popolazione a basso reddito, dall altro c era la necessità di ridare stimolo all economia degli Stati Uniti dopo l attacco dell 11 settembre e la fine della bolla dot.com, dato che il settore immobiliare è uno dei settori che più velocemente è in grado di favorire la crescita economica. Il processo espansivo del credito è stato potenziato poi dalla nascita di nuovi prodotti finanziari: i prodotti strutturati e in particolare gli Asset-Backed Securites (ABS). Gli ABS sono dei titoli 2 I motivi per cui la FED ha abbassato i tassi sono vari. Nel terzo trimestre del 2001 c è stato l attacco alle Torri gemelle, la bolla dot.com si stava sgonfiando e l economia iniziava a crescere a ritmi inferiori agli anni precedenti. 3 I mutui step-up sono mutui in cui la rata iniziale è molto bassa ed è sufficiente a pagare principalmente gli interessi del debito, dopo due o tre anni la rata aumenta per permettere il rimborso anche di quote del debito.

3 CredOg n obbligazionari emessi a fronte di un portafoglio di prestiti. Molto semplicemente alcuni prestiti di una banca vengono «impacchettati» e ceduti a una società esterna (un istituzione finanziaria indipendente) che si chiama Special Purpose Vehicles (SPV). Questa società (la SPV) acquista il portafoglio prestiti della banca e lo paga indebitandosi. Formalmente emette una serie di obbligazioni, gli ABS appunto, che danno il diritto ai detentori dell obbligazione ABS di ricevere i flussi di cassa (gli interessi e il capitale) generati dal portafoglio presiti ora detenuto dalla SPV. L acquisto del titolo implica, però, per l acquirente, l accollarsi di una percentuale del rischio di insolvenza del portafoglio presiti della banca che ora è detenuto dalla SPV. In sostanza gli ABS consentono di ridistribuire il rischio di credito dei mutui di molti clienti di una banca su un numero elevato di investitori, i compratori di ABS. La nascita e la diffusione dei prodotti strutturati ha parzialmente svincolato la concessione del credito delle banche alle imprese e alle famiglie dal tasso di crescita dei depositi, in quanto i prestiti stessi «impacchettati» e ceduti tramite le SPV al mercato sotto forma di obbligazioni ABS generavano liquidità per le banche venditrici. Liquidità che queste banche potevano poi utilizzare per la concessione di nuovo credito a imprese e famiglie. In sostanza, (a) gli impieghi delle banche non dipendono più solamente dalla quantità di denaro raccolto dalla banca attraverso i depositi a risparmio o i conti correnti e (b) i prestiti ceduti alla SPV vengono rimossi dai bilanci delle banche. Inoltre, gli ABS fornivano alle banche acquirenti attività ritenute di alta qualità con un buon rendimento da collocare ai risparmiatori e investitori istituzionali garantendo elevati profitti. 3. Il ruolo delle società di rating Particolare importanza strategica nel processo di espansione hanno avuto le società di rating. La forte crescita finanziaria è stata resa possibile anche grazie ai rating attribuiti agli ABS. In un mercato globale, con decine di migliaia di emittenti e di tipi di prodotti finanziari strutturati e non, è impossibile un accurata e consapevole valutazione da parte degli investitori dei rischi delle attività finanziarie complesse e poco trasparenti come gli ABS. Di qui il ricorso ai rating delle società specializzate che in modo semplice (un voto che va da AAA per un

4 28 CredOg n. 184 titolo poco rischioso a CCC per un titolo molto rischioso 4 ) forniscono un indicazione della rischiosità dei diversi prodotti strutturati. Un aspetto infatti importante da sottolineare è che le obbligazioni ABS emesse a fronte dello stesso portafoglio non avevano tutte lo stesso livello di rischio come evidenziato nella Figura 1. A fronte infatti dello stesso portafoglio prestiti, diciamo con un rischio A, vengono emesse obbligazioni con diverso rischio di insolvenza, per esempio un gruppo AAA (che in media rappresentava il 70% di tutte le obbligazioni emesse) che ricevono per prime il pagamento degli interessi e del capitale, e poi a seguire un gruppo A e un terzo gruppo BBB. Figura 1. Pagamento interessi e rimborso capitale nei portafogli strutturati (ABS) Pagamenti mensili Pagamento interessi Pagamento Capitale I Interessi AAA AAA Porta foglio mutui SPV AA A AA A C Capitale BBB BBB- BBB BBB- Il meccanismo può essere spiegato con l esempio di un sacchetto di caramelle che deve essere distribuito a cento bambini con la maglietta di tre colori diversi: giallo, arancio e lilla. Le caramelle vengono distribuite prima ai bambini con la maglietta gialla, poi a quelli con la maglietta arancione e infine, se ci sono ancora cara- 4 I rating sono su scala diversa per ogni società di rating: Moodys assegna AAA, AA, A, BBB, BB, B, ecc. Standard and Poors assegna A+, A, A-, B+, B, B-, ecc.

5 CredOg n melle, a quelli con la maglietta lilla. Se il sacchetto contiene tante caramelle, la probabilità che i bambini con la maglietta gialla ricevano tutti una caramella è molto elevata (e questa era la valutazione delle società di rating nell attribuire a una parte delle obbligazioni il rating AAA cioè poco rischioso). I bambini con la maglietta lilla hanno una significativa probabilità di non ricevere nulla, ma se il sacchetto è strapieno di caramelle ne riceveranno più degli altri. Se però il sacchetto contiene poche caramelle, la probabilità che non bastino neppure per i bambini con la maglietta gialla è molto elevata. Tutto si basa sulla valutazione del rischio del portafoglio prestiti (quante caramelle ci sono nel sacchetto) che viene effettuata dalle agenzie di rating e del rischio che le diverse obbligazioni vengano rimborsate (che i bambini con le diverse magliette ricevano almeno una caramella ciascuno). È chiaro quindi che, nella «catena produttiva» dell industria finanziaria, le società di rating sono un punto strategico importantissimo, perché determinano (a) la fiducia dell acquirente sulle attività finanziarie in cui investire e (b) la possibilità di dare in garanzia prodotti strutturati (perché ritenuti poco rischiosi visto l elevato rating) per ottenere altro credito. Le loro valutazioni, anche se basate sulla più avanzata modellistica, hanno sottovalutato i rischi di credito e di liquidità degli ABS che si potevano manifestare in presenza di innalzamento del tasso di interesse da parte della Banca centrale. Si consideri, inoltre, che gli ABS sono stati comprati da una vasta gamma di banche, fondi pensione, compagnie di assicurazione, hedge funds, altri fondi e anche investitori privati, tutti incoraggiati a investire dal rating generalmente alto dato a questi strumenti. Sicché, mentre l espansione del credito raggiungeva clienti sempre più rischiosi, si pensi ai clienti dei mutui subprime, il mondo finanziario (dalle banche, ai fondi pensione, alle società di assicurazione) valutava gli strumenti finanziari come attività poco rischiose. È importante sottolineare, comunque, che i mutui subprime erano solo una piccola parte dei prestiti alla base delle obbligazioni ABS. Il loro valore totale si aggirava sui 1500 miliardi di dollari. Considerando che in caso di mancato pagamento si riceva circa il 50% del valore, le perdite sono di circa 750 miliardi di dollari pari a circa il 2-3% del valore del mercato azionario degli Stati Uniti nel Quindi la domanda che sorge spontanea è: sono sufficienti i mutui subprime (che per i meccanismi sopra descritti sono ora detenuti un

6 30 CredOg n. 184 po da tutti ma in misura limitata) per creare una crisi sistemica se la bolla sull immobiliare scoppia? La risposta è: probabilmente no. 4. Il catalizzatore della crisi: le Special Investment Vehicles Per riuscire a spiegare la portata della crisi che stiamo osservando serve un catalizzatore: e questo catalizzatore sono i debiti a breve termine per finanziare l acquisto di attività finanziarie o impieghi a lungo termine. Il meccanismo è molto semplice e ne è espressione massima una nuova forma di istituzione finanziaria: le Special Investment Vehicles (SIV). Queste società finanziarie (non soggette alla regolamentazione bancaria) venivano principalmente costituite dalle banche e avevano la caratteristica di finanziare il loro attivo, caratterizzato per lo più da titoli ABS con un capitale azionario molto basso e per il resto con debiti a breve termine. Spieghiamo il meccanismo con un esempio molto semplice. Si consideri una banca che crea la SIV-A con un capitale di 10 dollari. Con questi 10 dollari la SIV-A compra un obbligazione ABS AAA. Con questa obbligazione la SIV-A può indebitarsi a breve termine (da un giorno a un anno) a un tasso molto basso, perché concede in garanzia l obbligazione ABS AAA, e incassare quindi 10 dollari. I mercati in cui questo può accadere sono diversi: il mercato REPO 5, il mercato Asset Backed Commercial Papers (ABCP), ecc. Con i 10 dollari ricevuti dal debito a breve termine la SIV può acquistare un altra obbligazione ABS AAA e cederla ancora in garanzia per un ulteriore debito a breve e così via per 30, 40, 50, 60 volte. Il vantaggio di questo meccanismo è il guadagno sulla differenza del tasso di rendimento derivante dall obbligazione ABS (con scadenza molto lunga) e il tasso che si paga sul debito a breve termine. È il classico meccanismo della leva finanziaria, cioè con un capitale azionario di 10 viene creato un attivo investito in obbligazioni ABS di 300 o di 600. La differenza tra 300 e 10 viene finanziata con debiti a breve 5 REPO significa Repurchase Agreement, è la vendita cioè di un titolo con l impegno di riacquistarlo fra 3 o 6 mesi a un prezzo già fissato all atto della vendita. Corrisponde a un prestito garantito da un titolo obbligazionario che può essere un titolo di Stato o una qualsiasi altra obbligazione con un elevato rating.

7 CredOg n termine. Dopo tre mesi il debito viene rinnovato per altri tre mesi sempre concedendo a garanzia i titoli ABS (in sostanza si pagano i debiti a breve con nuovi debiti a breve come qualsiasi famiglia che vive indebitandosi). Il meccanismo descritto per le SIV è stato ampiamente utilizzato anche dalle banche, sia commerciali ma in particolar modo dalle banche di investimento (si pensi a Goldman Sachs, Lehman Brothers, Merril Lynch e Morgan Stanley). 5. Regole di vigilanza insufficienti Come conseguenza si è avuto un forte aumento degli attivi, dei passivi e della rischiosità delle banche che non ha trovato ostacolo nelle regole di vigilanza. Le banche infatti hanno raggiunto livelli di leva contabile grezza e ateorica (totale attivo/capitale netto) elevatissimi: da 35 a 60 volte il patrimonio netto. Ciò è potuto accadere perché (a) anche le regole delle autorità di vigilanza si rifacevano agli stessi modelli di valutazione del rischio applicati dagli operatori di mercato; (b) parte del credito veniva generato da società che non sottostavano alla vigilanza bancaria: le SPV e le SIV. È possibile che non ci siano stati dei segnali che indicassero la presenza di uno squilibrio nel sistema in termini di liquidità e rischio? Per quanto riguarda la liquidità, l espansione del credito (alimentata dall endogena determinazione della liquidità fornita dalla Banca centrale) ha causato un forte aumento dei prezzi degli immobili e delle aziende di alcuni settori industriali e finanziari. Infatti, a partire dal 2003 si è iniziato a osservare una crescita accelerata dei prezzi e dei volumi del mercato immobiliare e dei mercati delle azioni, che è poi sfociata in una bolla speculativa. Si può definire una «bolla speculativa» lo scambio di attività a prezzi ben al di sopra del loro valore basato sui flussi di cassa futuri. Purtroppo però, le bolle speculative alimentate dall endogena variazione della liquidità sono facili da individuare ex post, ma difficili da diagnosticare ex ante e nel loro svilupparsi (il «giusto» valore è sempre difficile da determinare). Sicché, pur essendo stata ipotizzata la possibilità che ci fosse una bolla nell immobiliare e nell azionario,

8 32 CredOg n. 184 non è stata considerata così probabile da consigliare variazioni del tasso di interesse da parte della Banca centrale: dopo tutto il «Prodotto interno lordo» (PIL) cresceva e l inflazione era bassa 6 (il sogno dei banchieri centrali!). Perché il forte aumento dei rischi non è stato percepito? Gli indicatori dei potenziali rischi erano: (a) la crescente leva finanziaria (da 30 a 60 volte il patrimonio netto), ma c erano gli strumenti di garanzia; (b) la sproporzione enorme tra i capitali garantiti e il patrimonio netto dei garanti, ma c erano strumenti di ripartizione e compensazione del rischio e modelli di valutazione rassicuranti delle agenzie di rating; (c) c erano inoltre nei bilanci valori attivi elevati ritenuti facilmente cedibili e quindi capaci di generare adeguata liquidità se necessario. Il problema era che per le obbligazioni ABS non c era un vero mercato secondario, dove queste potessero essere facilmente cedute dopo averle acquistate dalle SPV. Alcuni di questi prodotti, quelli più rischiosi, venivano infatti scambiati raramente e per questo si utilizzava una valutazione basata su modelli teorici: il mark-to-model 7 per determinarne il valore di bilancio. Venivano inoltre conseguiti elevatissimi profitti dalle banche e dagli intermediari finanziari, si accumulavano riserve e si aumentava il valore di mercato delle imprese del settore. Vi furono cassandre che sottolinearono le problematiche legate all elevata leva finanziaria delle banche ma, in quel contesto, appunto, furono considerate cassandre. 6. I primi segnali della crisi Quando è emerso in misura sempre più crescente lo squilibrio? Quando la FED nella seconda metà del 2005 ha iniziato ad aumentare i tassi elevandoli gradualmente 8 e questo ha portato a un aumento delle rate dei mutui e molte famiglie non sono più state in grado di pagarle. 6 Il tasso di inflazione annuo nel periodo ha variato tra il 2,27% e il 3,24% ed è quindi rimasto a livelli abbastanza contenuti. Inoltre, la crescita del PIL reale è stata tra il 2,6% ed il 3,6%, quindi robusta. 7 Dei modelli matematico-statistici che calcolavano il valore. 8 L economia era infatti in crescita ed era quindi opportuno riportare i tassi di interesse ai livelli di normalità.

9 CredOg n I primi segnali si sono avuti dapprima con il concretizzarsi del rischio di credito e poi con le insolvenze dei mutuatari. Le banche, inoltre, erano diventate proprietarie di molte abitazioni a seguito della mancata riscossione dei mutui e cominciarono a metterle all asta provocando una forte riduzione dei prezzi delle case. Nel susseguirsi dei diversi eventi che hanno fatto emergere la crisi, si notano anzitutto le elevate perdite nei portafogli di mutui su cui erano stati poi emessi i titoli ABS. I primi segnali si sono avuti già alla fine del 2006, sfociando, infine, nel fallimento di alcune società specializzate nella concessione di mutui, provocando elevate perdite per le ABS e il conseguente venir meno del mercato degli ABCP, in quanto nessun investitore accettava più ABS a garanzia di un prestito. Questo costrinse molte banche a dover ripagare i prestiti a breve e, quindi, a vendere parte delle attività finanziarie, generando quindi la caduta dei prezzi di attività finanziarie quali azioni e obbligazioni non necessariamente legate al mercato dei mutui o a quello immobiliare degli Stati Uniti. Si sono verificate, quindi, insolvenze di istituti finanziari e assicurativi e il venir meno del mercato degli ABS. Il tutto è sfociato in fortissime deficienze di liquidità per il sistema bancario. 7. L estensione della crisi in Europa La crisi degli Stati Uniti si è estesa agli altri mercati mondiali e in particolare al sistema bancario europeo perché interconnesso a quello degli Stati Uniti e perché il modello espansivo di finanziamento era molto simile. Le banche europee hanno acquistato dagli intermediari finanziari degli Stati Uniti e di altri paesi i citati strumenti finanziari, li hanno collocati ai loro clienti, ne hanno emessi di propri adottando le stesse tecniche espansive dei finanziamenti e di sottovalutazione dei rischi. Tutto ciò, come negli Stati Uniti, con l assenso delle autorità di vigilanza. La crisi si è perciò manifestata con (a) perduranti deficienze di liquidità in un numeroso sottoinsieme di banche, con conseguente carenza di attività finanziarie nell attivo di tali banche da usare come collaterali (cioè come garanzie) per nuovi debiti a breve con cui ripagare i debiti a breve in scadenza; (b) l aumento dei rischi di insolvenze e il conseguente blocco del mercato interbancario a causa della sfiducia tra le banche; (c) il blocco delle negoziazioni nei mercati

10 34 CredOg n. 184 obbligazionari perché il rischio di credito di tutte le emittenti era aumentato e la sua valutazione diventava difficile e (d) l emergere di perdite e quindi di deficit di capitale soprattutto per un sottoinsieme di banche. Il mercato che ha invece visto la domanda crescere in modo esponenziale fu il mercato dei titoli di Stato, oggetto, da un lato, dell effetto flight to quality, cioè la corsa verso il titolo di migliore qualità e, dall altro, perché unica attività finanziaria accettata in garanzia nell agosto 2007 per avere dei finanziamenti a breve termine. In sostanza si è assistito a una «bolla finanziaria negativa», che derivava direttamente da una crisi di liquidità delle istituzioni bancarie e finanziarie. Si realizza infatti una bolla finanziaria negativa quando c è un evento (in questo caso il venir meno del mercato degli ABCP, dei REPO e dell interbancario) che forza le predette istituzioni a liquidare simultaneamente le loro attività finanziarie. Questo porta a una veloce e significativa riduzione dei prezzi delle attività finanziarie in modo persistente rispetto al loro «giusto» valore. 8. Gli interventi statali per porre rimedio alla crisi Questa crisi presenta delle grosse similitudini con le crisi precedenti. La crisi asiatica del 1997 fu generata dal venir meno dei finanziamenti a breve termine stranieri; la crisi del Long-Term Capital Management (LTCM) fu causata dal mancato rinnovo dei finanziamenti a breve termine all hedge fund LTCM per perpetrare le sue strategie di arbitraggio. La crisi corrente è però più severa, perché il venir meno dei finanziamenti a breve termine ha toccato in prima persona le banche, che velocemente hanno innescato un circolo vizioso, prosciugando la liquidità di tutto il sistema finanziario. Anche la crisi del 1929 fu caratterizzata dal venir meno dei finanziamenti a breve termine: quelli dei depositanti delle banche con la conseguente «corsa agli sportelli» ed è per questo che presenta delle similitudini con la crisi corrente. Tuttavia, un aspetto importante da sottolineare è che, a differenza della crisi del 1929, la crisi attuale viene affrontata con pragmatismo, utilizzando l enorme ricchezza teorica ed empirica accumulata dagli studi economici delle crisi, e con coerenza. Non è chiaro però, fino ad oggi, se ci permetterà di evitare gli effetti nefasti della precedente crisi del 1929.

11 CredOg n Dopo il fallimento di Lehman nel settembre 2008, c è stato un susseguirsi di interventi statali per «salvare» molte banche dal fallimento. A poco a poco la crisi bancaria si è trasformata (e si sta trasformando) in crisi «sovrana», cioè i debiti delle banche sono stati pagati dai governi con debito pubblico, generando, come per l Islanda ad esempio, il fallimento di questi stati, cioè la loro incapacità come nazione di far fronte ai debiti accumulati. Nella medesima situazione si trovano l Irlanda e la Grecia, le quali, per far fronte ai debiti accumulati dalle banche, hanno raggiunto un livello di indebitamento pubblico rispetto al PIL (cioè alla ricchezza della nazione) che è elevatissimo e quindi potrebbero non essere più in grado di rimborsarlo. 9. Conclusione La situazione è molto delicata in quanto la mancata capacità di rimborsare il debito pubblico da parte di alcuni di questi stati potrebbe generare un effetto domino, che andrebbe a rendere incapaci altri paesi di rimborsare il loro debito. L Italia è uno di questi paesi, il mancato rimborso del debito di alcuni paesi dell Unione Europea (come la Grecia) potrebbe comportare il fallimento di alcune banche che hanno massicciamente investito nei titoli pubblici di questi paesi che ora sono a rischio. A fronte di questa crisi, una reazione importante è stata la necessità di rivedere la regolamentazione del sistema finanziario e del funzionamento delle banche per evitare gli effetti sistemici che la recente crisi ha evidenziato. Come questa analisi della crisi evidenzia, la mancanza di regolamentazione, di applicazione o elezione delle regole è alla base di questa crisi. Chi doveva controllare non ha adottato gli adeguati controlli e si continua ad avere un sistema finanziario liberalizzato e globalizzato con controlli nazionali e scarsità di coordinamento a livello regolamentare e politico. Loriana Pelizzon professore associato di Politica economica presso l Università Ca Foscari, Venezia

12 36 CredOg n. 184 Sommario Dopo aver messo in rilievo gli elementi strutturali che hanno provocato la crisi del sistema bancario negli Stati Uniti, e sottolineando in particolare l eccessiva e incontrollata diffusione dei mutui immobiliari, l articolo descrive il ruolo negativo svolto dalle società di rating che hanno favorito nei clienti illusioni di facili guadagni, impedendo di cogliere e valutare seriamente i primi segnali della crisi. Come negli Stati Uniti, anche in Europa la crisi è stata combattuta con gli interventi statali e con l introduzione di regole più rigide nel controllo delle operazioni bancarie. Proprio la mancanza di regolamentazione sta alla base di una crisi che da bancaria è diventata crisi sovrana, mettendo a rischio il bilancio degli stati più deboli, tra cui l Italia. ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PASTORALE SANITARIA La fragilità umana, scuola da cui imparare Convegno Assisi dal 17 al 20 ottobre 2011 L «Associazione italiana di pastorale sanitaria» (AIPAS), che riunisce tutti gli Ordini ospedalieri religiosi più importanti allo scopo di prestare assistenza spirituale presso le strutture socio-sanitarie pubbliche e private, con questo convegno offre un contributo specifico di riflessione per quanti vivono al servizio nel mondo della sofferenza, ponendosi soprattutto in ascolto della vita fragile e della domanda di senso che da questa nasce. Il convegno è rivolto a tutti e in particolar modo agli operatori di pastorale della salute. Tra i relatori: C. Arice, G. Bregantini, F. Montenegro, A. Pangrazzi, A. Paoli, D. Scaiola, O. Scaramuzzi. Sono numerosi e interessanti i laboratori dedicati al lutto nei bambini, alla famiglia, alle dipendenze, alla depressione, al Burnout, alla disabilità mentale, alle malattie dell anima, al suicidio, agli anziani e ai cappellani. Sede: Domus Pacis - Piazza Porziuncola, S. Maria degli Angeli - Assisi (PG) - tel Informazioni e iscrizione: Fra Angelo De Padova - tel fax

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito A cura del Prof. Arcangelo Marrone A sol titolo esemplificativo, si consideri la contabilizzazione della stipula

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! Adriano Biasoli

TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! Adriano Biasoli TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! 1 DOVE METTIAMO I NOSTRI SOLDI? - Conti e depositi bancari e postali - Titoli 2 TITOLI: Azioni Obbligazioni Titoli di Stato Azioni:

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente. Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia

Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente. Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia DI COSA PARLIAMO Il mercato del Credito: Scenario ante crisi Scenario

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 Indice Introduzione 1 3 2 1.4 Le autorità di vigilanza 11 2 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 33 3.1 Le origini della regolamentazione 34 3.3 La disciplina

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa...

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Hai riscontrato che accendere un mutuo oggi è piuttosto complicato e non sempre conveniente? Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Immagina di poter: entrare subito nella

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Economia e Politica Monetaria

Economia e Politica Monetaria Economia e Politica Monetaria Prof. Salvatore Nisticò email: salvatore.nistico@uniroma1.it http://www.diss.uniroma1.it/moodle2/course/view.php?id=358 Orari: Martedì 18:00 20.00 Aula XI Giovedì 16:00 18.00

Dettagli

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Economia monetaria Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Cosa sono i soldi? Definizione problematica (x gli economisti!) Moneta-merce: un bene intrinsecamente dotato di valore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA 3 Novembre2015 Gli strumenti finanziari Eleonora Isaia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA Le esigenze finanziarie

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Iccrea Banca S.p.A. Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 Ottobre 2015 1 di 11 SOMMARIO 1 MOTIVAZIONE... 3 1.1 Consultazione... 4 1.2 Definizioni... 4 2 SCALA DI VALUTAZIONE... 7 2.1 Scala di Rating... 7 3 METODOLOGIA E RATING CRITERIA...

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

retemmt www.retemmt.it

retemmt www.retemmt.it MMT Primer di L. Randall Wray Blog 25 retemmt www.retemmt.it La solvibilità della valuta e il caso particolare del Dollaro USA di L. Randall Wray Postato il 20 novembre 2011 Nei blog recenti stiamo esaminando

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti DEBITO PUBBLICO! Debito dello Stato nei confronti di altri soggetti, individui, imprese,

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

"OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023"

OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023 "OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010

Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010 Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010 1 Documento di Programmazione Annuale Anno 2010 Premessa Il documento programmatico previsionale per l esercizio 2010 è redatto secondo le previsioni

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

L avere di vecchiaia del pensionato è rimunerato con il tasso di interesse tecnico.

L avere di vecchiaia del pensionato è rimunerato con il tasso di interesse tecnico. Tasso di interesse tecnico per la determinazione dell aliquota di conversione della rendita nella previdenza professionale sovrabbligatoria 11.2003 / UFAP Ramo Vita I. Compendio L aliquota di conversione

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli