Era evitabile l attuale crisi economico-finanziaria?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Era evitabile l attuale crisi economico-finanziaria?"

Transcript

1 CredOg 31 (4/2011) n. 184, L. Pelizzon Era evitabile l attuale crisi economico-finanziaria? 1. Elementi strutturali dell attuale crisi negli Stati Uniti La crisi finanziaria iniziata nell agosto 2007 è una crisi sistemica sorta negli Stati Uniti e rapidamente diffusasi nei mercati finanziari dei paesi più sviluppati. Da una lettura di questa crisi emerge che essa si fonda su quattro elementi strutturali e comportamentali: (a) la struttura monetaria incentrata sulla fissazione dei tassi di interesse da parte della Banca centrale abbinata a una prolungata politica di bassi tassi di interesse a breve termine; (b) prodotti finanziari innovativi che hanno facilitato l espansione del credito in modo massiccio e trasferito il rischio di insolvenza; (c) alcune lacune nella regolamentazione delle istituzioni finanziarie, (d) la presenza di carenze di valutazione dei rischi delle attività finanziarie da parte delle società di rating 1. In relazione al primo insieme di elementi sistemici, è importante tener presente che una politica monetaria basata sulla fissazione dei tassi di interesse comporta immissioni di liquidità da parte della Banca centrale al sistema bancario che possono essere potenzialmente molto elevate. Per comprendere appieno questo concetto si immagini la Banca centrale come un distributore di benzina con una cisterna enorme. Il prezzo della benzina è fissato dalla Banca centrale-benzinaio e non viene cambiato se la domanda di benzina sale. È chiaro che se il prezzo della benzina è basso la quantità di benzina acquistata dalle bancheautomobilisti sarà elevata. Con questa struttura non c è alcun vincolo 1 Il rating è un metodo utilizzato per classificare sia i titoli obbligazionari che le imprese in base alla loro rischiosità. I rating sono periodicamente pubblicati da agenzie specializzate tra cui Moody s, Standard&Poor s e Fitch Ratings.

2 26 CredOg n. 184 alla liquidità/benzina che la Banca centrale-benzinaio immette sul mercato, e quindi il mercato che determina la quantità di liquidità generata dalla Banca centrale. In presenza di una politica monetaria così strutturata, la Federal Reserve Bank (FED) nel periodo che va dal terzo trimestre 2001 al primo trimestre 2005 aveva fissato tassi nominalmente bassi 2 (in alcuni momenti inferiori al tasso di inflazione). 2. La diffusione dei mutui immobiliari I bassi tassi di interesse hanno causato una forte convenienza a espandere gli impieghi da parte delle banche in tutti i settori e in particolare in quello dei mutui immobiliari, la cui domanda si è fortemente e rapidamente incrementata anche grazie alla diffusione di mutui con rate iniziali molto basse (mutuo step-up 3 ). Inoltre, parte di questi mutui sono stati offerti a una clientela con livelli di reddito medio-bassi e che aveva la necessità di coprire con il mutuo gran parte del costo di acquisto della casa (il mutuo in questo caso copriva a volte anche il 100% del valore di acquisto della casa o addirittura più del 100%): i famosi mutui subprime. Va sottolineato che la diffusione di questi mutui è stata favorita dal governo degli Stati Uniti anche attraverso modifiche alla regolamentazione sui mutui e allo sviluppo di istituzioni ad hoc come Freddie Mac e Fannie Mae. Questo accadeva perché da un lato c era l obiettivo politico di «una casa per tutti» e cioè una casa anche per le minoranze etniche e la popolazione a basso reddito, dall altro c era la necessità di ridare stimolo all economia degli Stati Uniti dopo l attacco dell 11 settembre e la fine della bolla dot.com, dato che il settore immobiliare è uno dei settori che più velocemente è in grado di favorire la crescita economica. Il processo espansivo del credito è stato potenziato poi dalla nascita di nuovi prodotti finanziari: i prodotti strutturati e in particolare gli Asset-Backed Securites (ABS). Gli ABS sono dei titoli 2 I motivi per cui la FED ha abbassato i tassi sono vari. Nel terzo trimestre del 2001 c è stato l attacco alle Torri gemelle, la bolla dot.com si stava sgonfiando e l economia iniziava a crescere a ritmi inferiori agli anni precedenti. 3 I mutui step-up sono mutui in cui la rata iniziale è molto bassa ed è sufficiente a pagare principalmente gli interessi del debito, dopo due o tre anni la rata aumenta per permettere il rimborso anche di quote del debito.

3 CredOg n obbligazionari emessi a fronte di un portafoglio di prestiti. Molto semplicemente alcuni prestiti di una banca vengono «impacchettati» e ceduti a una società esterna (un istituzione finanziaria indipendente) che si chiama Special Purpose Vehicles (SPV). Questa società (la SPV) acquista il portafoglio prestiti della banca e lo paga indebitandosi. Formalmente emette una serie di obbligazioni, gli ABS appunto, che danno il diritto ai detentori dell obbligazione ABS di ricevere i flussi di cassa (gli interessi e il capitale) generati dal portafoglio presiti ora detenuto dalla SPV. L acquisto del titolo implica, però, per l acquirente, l accollarsi di una percentuale del rischio di insolvenza del portafoglio presiti della banca che ora è detenuto dalla SPV. In sostanza gli ABS consentono di ridistribuire il rischio di credito dei mutui di molti clienti di una banca su un numero elevato di investitori, i compratori di ABS. La nascita e la diffusione dei prodotti strutturati ha parzialmente svincolato la concessione del credito delle banche alle imprese e alle famiglie dal tasso di crescita dei depositi, in quanto i prestiti stessi «impacchettati» e ceduti tramite le SPV al mercato sotto forma di obbligazioni ABS generavano liquidità per le banche venditrici. Liquidità che queste banche potevano poi utilizzare per la concessione di nuovo credito a imprese e famiglie. In sostanza, (a) gli impieghi delle banche non dipendono più solamente dalla quantità di denaro raccolto dalla banca attraverso i depositi a risparmio o i conti correnti e (b) i prestiti ceduti alla SPV vengono rimossi dai bilanci delle banche. Inoltre, gli ABS fornivano alle banche acquirenti attività ritenute di alta qualità con un buon rendimento da collocare ai risparmiatori e investitori istituzionali garantendo elevati profitti. 3. Il ruolo delle società di rating Particolare importanza strategica nel processo di espansione hanno avuto le società di rating. La forte crescita finanziaria è stata resa possibile anche grazie ai rating attribuiti agli ABS. In un mercato globale, con decine di migliaia di emittenti e di tipi di prodotti finanziari strutturati e non, è impossibile un accurata e consapevole valutazione da parte degli investitori dei rischi delle attività finanziarie complesse e poco trasparenti come gli ABS. Di qui il ricorso ai rating delle società specializzate che in modo semplice (un voto che va da AAA per un

4 28 CredOg n. 184 titolo poco rischioso a CCC per un titolo molto rischioso 4 ) forniscono un indicazione della rischiosità dei diversi prodotti strutturati. Un aspetto infatti importante da sottolineare è che le obbligazioni ABS emesse a fronte dello stesso portafoglio non avevano tutte lo stesso livello di rischio come evidenziato nella Figura 1. A fronte infatti dello stesso portafoglio prestiti, diciamo con un rischio A, vengono emesse obbligazioni con diverso rischio di insolvenza, per esempio un gruppo AAA (che in media rappresentava il 70% di tutte le obbligazioni emesse) che ricevono per prime il pagamento degli interessi e del capitale, e poi a seguire un gruppo A e un terzo gruppo BBB. Figura 1. Pagamento interessi e rimborso capitale nei portafogli strutturati (ABS) Pagamenti mensili Pagamento interessi Pagamento Capitale I Interessi AAA AAA Porta foglio mutui SPV AA A AA A C Capitale BBB BBB- BBB BBB- Il meccanismo può essere spiegato con l esempio di un sacchetto di caramelle che deve essere distribuito a cento bambini con la maglietta di tre colori diversi: giallo, arancio e lilla. Le caramelle vengono distribuite prima ai bambini con la maglietta gialla, poi a quelli con la maglietta arancione e infine, se ci sono ancora cara- 4 I rating sono su scala diversa per ogni società di rating: Moodys assegna AAA, AA, A, BBB, BB, B, ecc. Standard and Poors assegna A+, A, A-, B+, B, B-, ecc.

5 CredOg n melle, a quelli con la maglietta lilla. Se il sacchetto contiene tante caramelle, la probabilità che i bambini con la maglietta gialla ricevano tutti una caramella è molto elevata (e questa era la valutazione delle società di rating nell attribuire a una parte delle obbligazioni il rating AAA cioè poco rischioso). I bambini con la maglietta lilla hanno una significativa probabilità di non ricevere nulla, ma se il sacchetto è strapieno di caramelle ne riceveranno più degli altri. Se però il sacchetto contiene poche caramelle, la probabilità che non bastino neppure per i bambini con la maglietta gialla è molto elevata. Tutto si basa sulla valutazione del rischio del portafoglio prestiti (quante caramelle ci sono nel sacchetto) che viene effettuata dalle agenzie di rating e del rischio che le diverse obbligazioni vengano rimborsate (che i bambini con le diverse magliette ricevano almeno una caramella ciascuno). È chiaro quindi che, nella «catena produttiva» dell industria finanziaria, le società di rating sono un punto strategico importantissimo, perché determinano (a) la fiducia dell acquirente sulle attività finanziarie in cui investire e (b) la possibilità di dare in garanzia prodotti strutturati (perché ritenuti poco rischiosi visto l elevato rating) per ottenere altro credito. Le loro valutazioni, anche se basate sulla più avanzata modellistica, hanno sottovalutato i rischi di credito e di liquidità degli ABS che si potevano manifestare in presenza di innalzamento del tasso di interesse da parte della Banca centrale. Si consideri, inoltre, che gli ABS sono stati comprati da una vasta gamma di banche, fondi pensione, compagnie di assicurazione, hedge funds, altri fondi e anche investitori privati, tutti incoraggiati a investire dal rating generalmente alto dato a questi strumenti. Sicché, mentre l espansione del credito raggiungeva clienti sempre più rischiosi, si pensi ai clienti dei mutui subprime, il mondo finanziario (dalle banche, ai fondi pensione, alle società di assicurazione) valutava gli strumenti finanziari come attività poco rischiose. È importante sottolineare, comunque, che i mutui subprime erano solo una piccola parte dei prestiti alla base delle obbligazioni ABS. Il loro valore totale si aggirava sui 1500 miliardi di dollari. Considerando che in caso di mancato pagamento si riceva circa il 50% del valore, le perdite sono di circa 750 miliardi di dollari pari a circa il 2-3% del valore del mercato azionario degli Stati Uniti nel Quindi la domanda che sorge spontanea è: sono sufficienti i mutui subprime (che per i meccanismi sopra descritti sono ora detenuti un

6 30 CredOg n. 184 po da tutti ma in misura limitata) per creare una crisi sistemica se la bolla sull immobiliare scoppia? La risposta è: probabilmente no. 4. Il catalizzatore della crisi: le Special Investment Vehicles Per riuscire a spiegare la portata della crisi che stiamo osservando serve un catalizzatore: e questo catalizzatore sono i debiti a breve termine per finanziare l acquisto di attività finanziarie o impieghi a lungo termine. Il meccanismo è molto semplice e ne è espressione massima una nuova forma di istituzione finanziaria: le Special Investment Vehicles (SIV). Queste società finanziarie (non soggette alla regolamentazione bancaria) venivano principalmente costituite dalle banche e avevano la caratteristica di finanziare il loro attivo, caratterizzato per lo più da titoli ABS con un capitale azionario molto basso e per il resto con debiti a breve termine. Spieghiamo il meccanismo con un esempio molto semplice. Si consideri una banca che crea la SIV-A con un capitale di 10 dollari. Con questi 10 dollari la SIV-A compra un obbligazione ABS AAA. Con questa obbligazione la SIV-A può indebitarsi a breve termine (da un giorno a un anno) a un tasso molto basso, perché concede in garanzia l obbligazione ABS AAA, e incassare quindi 10 dollari. I mercati in cui questo può accadere sono diversi: il mercato REPO 5, il mercato Asset Backed Commercial Papers (ABCP), ecc. Con i 10 dollari ricevuti dal debito a breve termine la SIV può acquistare un altra obbligazione ABS AAA e cederla ancora in garanzia per un ulteriore debito a breve e così via per 30, 40, 50, 60 volte. Il vantaggio di questo meccanismo è il guadagno sulla differenza del tasso di rendimento derivante dall obbligazione ABS (con scadenza molto lunga) e il tasso che si paga sul debito a breve termine. È il classico meccanismo della leva finanziaria, cioè con un capitale azionario di 10 viene creato un attivo investito in obbligazioni ABS di 300 o di 600. La differenza tra 300 e 10 viene finanziata con debiti a breve 5 REPO significa Repurchase Agreement, è la vendita cioè di un titolo con l impegno di riacquistarlo fra 3 o 6 mesi a un prezzo già fissato all atto della vendita. Corrisponde a un prestito garantito da un titolo obbligazionario che può essere un titolo di Stato o una qualsiasi altra obbligazione con un elevato rating.

7 CredOg n termine. Dopo tre mesi il debito viene rinnovato per altri tre mesi sempre concedendo a garanzia i titoli ABS (in sostanza si pagano i debiti a breve con nuovi debiti a breve come qualsiasi famiglia che vive indebitandosi). Il meccanismo descritto per le SIV è stato ampiamente utilizzato anche dalle banche, sia commerciali ma in particolar modo dalle banche di investimento (si pensi a Goldman Sachs, Lehman Brothers, Merril Lynch e Morgan Stanley). 5. Regole di vigilanza insufficienti Come conseguenza si è avuto un forte aumento degli attivi, dei passivi e della rischiosità delle banche che non ha trovato ostacolo nelle regole di vigilanza. Le banche infatti hanno raggiunto livelli di leva contabile grezza e ateorica (totale attivo/capitale netto) elevatissimi: da 35 a 60 volte il patrimonio netto. Ciò è potuto accadere perché (a) anche le regole delle autorità di vigilanza si rifacevano agli stessi modelli di valutazione del rischio applicati dagli operatori di mercato; (b) parte del credito veniva generato da società che non sottostavano alla vigilanza bancaria: le SPV e le SIV. È possibile che non ci siano stati dei segnali che indicassero la presenza di uno squilibrio nel sistema in termini di liquidità e rischio? Per quanto riguarda la liquidità, l espansione del credito (alimentata dall endogena determinazione della liquidità fornita dalla Banca centrale) ha causato un forte aumento dei prezzi degli immobili e delle aziende di alcuni settori industriali e finanziari. Infatti, a partire dal 2003 si è iniziato a osservare una crescita accelerata dei prezzi e dei volumi del mercato immobiliare e dei mercati delle azioni, che è poi sfociata in una bolla speculativa. Si può definire una «bolla speculativa» lo scambio di attività a prezzi ben al di sopra del loro valore basato sui flussi di cassa futuri. Purtroppo però, le bolle speculative alimentate dall endogena variazione della liquidità sono facili da individuare ex post, ma difficili da diagnosticare ex ante e nel loro svilupparsi (il «giusto» valore è sempre difficile da determinare). Sicché, pur essendo stata ipotizzata la possibilità che ci fosse una bolla nell immobiliare e nell azionario,

8 32 CredOg n. 184 non è stata considerata così probabile da consigliare variazioni del tasso di interesse da parte della Banca centrale: dopo tutto il «Prodotto interno lordo» (PIL) cresceva e l inflazione era bassa 6 (il sogno dei banchieri centrali!). Perché il forte aumento dei rischi non è stato percepito? Gli indicatori dei potenziali rischi erano: (a) la crescente leva finanziaria (da 30 a 60 volte il patrimonio netto), ma c erano gli strumenti di garanzia; (b) la sproporzione enorme tra i capitali garantiti e il patrimonio netto dei garanti, ma c erano strumenti di ripartizione e compensazione del rischio e modelli di valutazione rassicuranti delle agenzie di rating; (c) c erano inoltre nei bilanci valori attivi elevati ritenuti facilmente cedibili e quindi capaci di generare adeguata liquidità se necessario. Il problema era che per le obbligazioni ABS non c era un vero mercato secondario, dove queste potessero essere facilmente cedute dopo averle acquistate dalle SPV. Alcuni di questi prodotti, quelli più rischiosi, venivano infatti scambiati raramente e per questo si utilizzava una valutazione basata su modelli teorici: il mark-to-model 7 per determinarne il valore di bilancio. Venivano inoltre conseguiti elevatissimi profitti dalle banche e dagli intermediari finanziari, si accumulavano riserve e si aumentava il valore di mercato delle imprese del settore. Vi furono cassandre che sottolinearono le problematiche legate all elevata leva finanziaria delle banche ma, in quel contesto, appunto, furono considerate cassandre. 6. I primi segnali della crisi Quando è emerso in misura sempre più crescente lo squilibrio? Quando la FED nella seconda metà del 2005 ha iniziato ad aumentare i tassi elevandoli gradualmente 8 e questo ha portato a un aumento delle rate dei mutui e molte famiglie non sono più state in grado di pagarle. 6 Il tasso di inflazione annuo nel periodo ha variato tra il 2,27% e il 3,24% ed è quindi rimasto a livelli abbastanza contenuti. Inoltre, la crescita del PIL reale è stata tra il 2,6% ed il 3,6%, quindi robusta. 7 Dei modelli matematico-statistici che calcolavano il valore. 8 L economia era infatti in crescita ed era quindi opportuno riportare i tassi di interesse ai livelli di normalità.

9 CredOg n I primi segnali si sono avuti dapprima con il concretizzarsi del rischio di credito e poi con le insolvenze dei mutuatari. Le banche, inoltre, erano diventate proprietarie di molte abitazioni a seguito della mancata riscossione dei mutui e cominciarono a metterle all asta provocando una forte riduzione dei prezzi delle case. Nel susseguirsi dei diversi eventi che hanno fatto emergere la crisi, si notano anzitutto le elevate perdite nei portafogli di mutui su cui erano stati poi emessi i titoli ABS. I primi segnali si sono avuti già alla fine del 2006, sfociando, infine, nel fallimento di alcune società specializzate nella concessione di mutui, provocando elevate perdite per le ABS e il conseguente venir meno del mercato degli ABCP, in quanto nessun investitore accettava più ABS a garanzia di un prestito. Questo costrinse molte banche a dover ripagare i prestiti a breve e, quindi, a vendere parte delle attività finanziarie, generando quindi la caduta dei prezzi di attività finanziarie quali azioni e obbligazioni non necessariamente legate al mercato dei mutui o a quello immobiliare degli Stati Uniti. Si sono verificate, quindi, insolvenze di istituti finanziari e assicurativi e il venir meno del mercato degli ABS. Il tutto è sfociato in fortissime deficienze di liquidità per il sistema bancario. 7. L estensione della crisi in Europa La crisi degli Stati Uniti si è estesa agli altri mercati mondiali e in particolare al sistema bancario europeo perché interconnesso a quello degli Stati Uniti e perché il modello espansivo di finanziamento era molto simile. Le banche europee hanno acquistato dagli intermediari finanziari degli Stati Uniti e di altri paesi i citati strumenti finanziari, li hanno collocati ai loro clienti, ne hanno emessi di propri adottando le stesse tecniche espansive dei finanziamenti e di sottovalutazione dei rischi. Tutto ciò, come negli Stati Uniti, con l assenso delle autorità di vigilanza. La crisi si è perciò manifestata con (a) perduranti deficienze di liquidità in un numeroso sottoinsieme di banche, con conseguente carenza di attività finanziarie nell attivo di tali banche da usare come collaterali (cioè come garanzie) per nuovi debiti a breve con cui ripagare i debiti a breve in scadenza; (b) l aumento dei rischi di insolvenze e il conseguente blocco del mercato interbancario a causa della sfiducia tra le banche; (c) il blocco delle negoziazioni nei mercati

10 34 CredOg n. 184 obbligazionari perché il rischio di credito di tutte le emittenti era aumentato e la sua valutazione diventava difficile e (d) l emergere di perdite e quindi di deficit di capitale soprattutto per un sottoinsieme di banche. Il mercato che ha invece visto la domanda crescere in modo esponenziale fu il mercato dei titoli di Stato, oggetto, da un lato, dell effetto flight to quality, cioè la corsa verso il titolo di migliore qualità e, dall altro, perché unica attività finanziaria accettata in garanzia nell agosto 2007 per avere dei finanziamenti a breve termine. In sostanza si è assistito a una «bolla finanziaria negativa», che derivava direttamente da una crisi di liquidità delle istituzioni bancarie e finanziarie. Si realizza infatti una bolla finanziaria negativa quando c è un evento (in questo caso il venir meno del mercato degli ABCP, dei REPO e dell interbancario) che forza le predette istituzioni a liquidare simultaneamente le loro attività finanziarie. Questo porta a una veloce e significativa riduzione dei prezzi delle attività finanziarie in modo persistente rispetto al loro «giusto» valore. 8. Gli interventi statali per porre rimedio alla crisi Questa crisi presenta delle grosse similitudini con le crisi precedenti. La crisi asiatica del 1997 fu generata dal venir meno dei finanziamenti a breve termine stranieri; la crisi del Long-Term Capital Management (LTCM) fu causata dal mancato rinnovo dei finanziamenti a breve termine all hedge fund LTCM per perpetrare le sue strategie di arbitraggio. La crisi corrente è però più severa, perché il venir meno dei finanziamenti a breve termine ha toccato in prima persona le banche, che velocemente hanno innescato un circolo vizioso, prosciugando la liquidità di tutto il sistema finanziario. Anche la crisi del 1929 fu caratterizzata dal venir meno dei finanziamenti a breve termine: quelli dei depositanti delle banche con la conseguente «corsa agli sportelli» ed è per questo che presenta delle similitudini con la crisi corrente. Tuttavia, un aspetto importante da sottolineare è che, a differenza della crisi del 1929, la crisi attuale viene affrontata con pragmatismo, utilizzando l enorme ricchezza teorica ed empirica accumulata dagli studi economici delle crisi, e con coerenza. Non è chiaro però, fino ad oggi, se ci permetterà di evitare gli effetti nefasti della precedente crisi del 1929.

11 CredOg n Dopo il fallimento di Lehman nel settembre 2008, c è stato un susseguirsi di interventi statali per «salvare» molte banche dal fallimento. A poco a poco la crisi bancaria si è trasformata (e si sta trasformando) in crisi «sovrana», cioè i debiti delle banche sono stati pagati dai governi con debito pubblico, generando, come per l Islanda ad esempio, il fallimento di questi stati, cioè la loro incapacità come nazione di far fronte ai debiti accumulati. Nella medesima situazione si trovano l Irlanda e la Grecia, le quali, per far fronte ai debiti accumulati dalle banche, hanno raggiunto un livello di indebitamento pubblico rispetto al PIL (cioè alla ricchezza della nazione) che è elevatissimo e quindi potrebbero non essere più in grado di rimborsarlo. 9. Conclusione La situazione è molto delicata in quanto la mancata capacità di rimborsare il debito pubblico da parte di alcuni di questi stati potrebbe generare un effetto domino, che andrebbe a rendere incapaci altri paesi di rimborsare il loro debito. L Italia è uno di questi paesi, il mancato rimborso del debito di alcuni paesi dell Unione Europea (come la Grecia) potrebbe comportare il fallimento di alcune banche che hanno massicciamente investito nei titoli pubblici di questi paesi che ora sono a rischio. A fronte di questa crisi, una reazione importante è stata la necessità di rivedere la regolamentazione del sistema finanziario e del funzionamento delle banche per evitare gli effetti sistemici che la recente crisi ha evidenziato. Come questa analisi della crisi evidenzia, la mancanza di regolamentazione, di applicazione o elezione delle regole è alla base di questa crisi. Chi doveva controllare non ha adottato gli adeguati controlli e si continua ad avere un sistema finanziario liberalizzato e globalizzato con controlli nazionali e scarsità di coordinamento a livello regolamentare e politico. Loriana Pelizzon professore associato di Politica economica presso l Università Ca Foscari, Venezia

12 36 CredOg n. 184 Sommario Dopo aver messo in rilievo gli elementi strutturali che hanno provocato la crisi del sistema bancario negli Stati Uniti, e sottolineando in particolare l eccessiva e incontrollata diffusione dei mutui immobiliari, l articolo descrive il ruolo negativo svolto dalle società di rating che hanno favorito nei clienti illusioni di facili guadagni, impedendo di cogliere e valutare seriamente i primi segnali della crisi. Come negli Stati Uniti, anche in Europa la crisi è stata combattuta con gli interventi statali e con l introduzione di regole più rigide nel controllo delle operazioni bancarie. Proprio la mancanza di regolamentazione sta alla base di una crisi che da bancaria è diventata crisi sovrana, mettendo a rischio il bilancio degli stati più deboli, tra cui l Italia. ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PASTORALE SANITARIA La fragilità umana, scuola da cui imparare Convegno Assisi dal 17 al 20 ottobre 2011 L «Associazione italiana di pastorale sanitaria» (AIPAS), che riunisce tutti gli Ordini ospedalieri religiosi più importanti allo scopo di prestare assistenza spirituale presso le strutture socio-sanitarie pubbliche e private, con questo convegno offre un contributo specifico di riflessione per quanti vivono al servizio nel mondo della sofferenza, ponendosi soprattutto in ascolto della vita fragile e della domanda di senso che da questa nasce. Il convegno è rivolto a tutti e in particolar modo agli operatori di pastorale della salute. Tra i relatori: C. Arice, G. Bregantini, F. Montenegro, A. Pangrazzi, A. Paoli, D. Scaiola, O. Scaramuzzi. Sono numerosi e interessanti i laboratori dedicati al lutto nei bambini, alla famiglia, alle dipendenze, alla depressione, al Burnout, alla disabilità mentale, alle malattie dell anima, al suicidio, agli anziani e ai cappellani. Sede: Domus Pacis - Piazza Porziuncola, S. Maria degli Angeli - Assisi (PG) - tel Informazioni e iscrizione: Fra Angelo De Padova - tel fax

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria Facoltà di Economia Corso di Laurea in Mercati e intermediari finanziari Le agenzie di rating e la crisi finanziaria RELATORE Prof. Claudio Boido CANDIDATO Greta Di Fabio ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Indice

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE ARTICOLI interazione fra gli intermediari finanziari e impatto sull'analisi monetaria A partire dalla terza fase dell Unione economica e monetaria l intermediazione finanziaria si è sviluppata sia in termini

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli Siamo nel mezzo di una crisi finanziaria e reale tanto pervasiva e globale che sta coinvolgendo tutti i paesi, dai più

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli