La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH"

Transcript

1 CLINICAL RESEARCH Osp Ital Chir CD-ROM La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico associato alla chirurgia Enrico Benzoni 1, Giovanni Terrosu 1, Franz Cerato 1, Alessandro Cojutti 1, Vittorio Bresadola 1, Elisa Milan 1, Germana Chiaulon 2, Marco Signor 2, Cosimo Sacco 3, Fabrizio Bresadola 1 Premessa La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nella cura del cancro del retto. L associazione di infusione continua di 5-FU e radioterapia loco-regionale incrementa la risposta del tumore primitivo alle radiazioni ed elimina le micrometastasi sistemiche con un miglioramento della sopravvivenza complessiva e di quella libera da malattia. Scopo dello studio Lo studio valuta i risultati clinici dei pazienti arruolati presso il nostro Dipartimento di Chirurgia per un protocollo radio-chemioterapico associato alla chirurgia per il trattamento del cancro del retto. Metodi Dal novembre 1994 al maggio 2003, presso il nostro dipartimento, 58 pazienti affetti da cancro del retto, 35 uomini (60,4%) e 23 donne (39,6%) con una età media di 59,98 ± 10,76 anni (media ± DS), sono stati arruolati in un protocollo di studio di radio-chemioterapia neoadiuvante seguito da trattamento chirurgico. Lo studio monocentrico, non randomizzato, è consistito in un ciclo di 5 settimane di sessioni quotidiane di radioterapia (dose totale 46 Gy) associato a 30 giorni di infusione continua di 5-FU (300 mg/m 2 /die), al cui termine i pazienti sono stati sottoposti a resezione chirurgica. Risultati La durata media del follow-up è stata di 55,25 ± 28,06 mesi (media ± DS). Le resezioni radicali (R 0 ), definite dall esame istologico, sono state il 91,4%; in 5 casi le resezioni sono risultate non radicali (R 1 ) per 1 tumore della giunzione sigmoido-rettale, 2 tumori del retto Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Enrico Benzoni Dipartimento di Scienze Chirurgiche Clinica di Chirurgia Generale Università degli Studi di Udine Policlinico Universitario a Gestione Diretta P.le S. Maria della Misericordia Udine Tel.: Fax: Dipartimento di Chirurgia Università degli Studi di Udine 2 Dipartimento di Radioterapia Ospedale S. Maria della Misericordia - Udine 3 Dipartimento di Oncologia Università degli Studi di Udine alto e 2 del retto basso. L incidenza complessiva della morbilità durante e al termine del protocollo CRT è stata del 79,3%. La mortalità nel corso del follow-up è stata del 25,9%; nessun decesso è stato registrato invece nel corso del protocollo e nel periodo post-operatorio. La percentuale complessiva di recidiva e di metastasi è stata del 16%; la recidiva locale è stata riscontrata nel 13,8% dei pazienti. La sopravvivenza libera da malattia è stata di 47,77 ± 32,44 mesi (media ± DS, range: 0-107) e quella complessiva di 57,48 ± 27,94 mesi (media ± DS, range: 7-108). La sopravvivenza libera da malattia è risultata essere dipendente dallo stadio patologico (0-I-II vs. III-IV: p = 0,004), dall interessamento linfonodale (cn 0 vs. N+: p = 0,005; pn 0 vs. N+: p < 0,05) e dalla sede del tumore (p = 0,03; intraperitoneale vs. extraperitoneale: p = 0,006). La sopravvivenza complessiva è risultata dipendente dallo stadio patologico (0-I-II vs. III-IV: p = 0,01) e dalla sede del tumore (intraperitoneale vs. extraperitoneale: p = 0,006). Conclusioni Lo stadio patologico, l interessamento linfonodale e la sede della lesione sono variabili dipendenti per la sopravvivenza libera da malattia, mentre la sopravvivenza complessiva è dipendente dallo stadio patologico e dalla sede della lesione. Questi risultati confermano l importanza dell applicazione di un protocollo neoadiuvante combinato di radio-chemioterapia associato alla chirurgia nel trattamento del tumore del retto. Parole chiave: cancro del retto, interessamento linfonodale, radio-chemioterapia neoadiuvante, recidiva locale. La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- 1

2 Enrico Benzoni et al. mento del cancro del retto. In uno studio prospettico randomizzato di fase III la CRT preoperatoria è stata comparata alla CRT post-operatoria 1 ; i risultati indicano una maggiore tollerabilità del trattamento neoadiuvante preoperatorio e un pari rischio di morbilità post-operatoria. Inoltre, l effetto del downstaging incrementa la percentuale delle resezioni radicali e della conservazione dell apparato sfinteriale nelle lesioni del retto basso e ultrabasso 2-4. L effetto del trattamento radioterapico sembra essere maggiore se effettuato prima dell intervento rispetto a quello eseguito nel post-operatorio 4-6. L associazione di infusione continua di 5-FU e radioterapia loco-regionale incrementa la risposta del tumore primitivo alle radiazioni ed elimina le micrometastasi sistemiche 7 con un miglioramento della sopravvivenza complessiva e di quella libera da malattia 6-8. Il fattore più importante che influenza i risultati del trattamento del cancro del retto è la recidiva locale che, secondo quanto riportato in letteratura, varia dal 20 al 30% dopo trattamento solo chirurgico Lo studio che presentiamo valuta i risultati clinici dei pazienti arruolati presso il nostro Dipartimento di Chirurgia per un protocollo radio-chemioterapico associato alla chirurgia per il trattamento del cancro del retto. MATERIALI E METODI Dal novembre 1994 al maggio 2003 sono stati arruolati presso il nostro Dipartimento 58 pazienti affetti da cancro del retto per lo studio di un protocollo combinato di radio-chemioterapia neoadiuvante seguito da trattamento chirurgico. Lo studio monocentrico, non randomizzato ha previsto un ciclo di 5 settimane di sessioni quotidiane di radioterapia con una dose totale di 46 Gy (2 Gy/die) associate a 30 giorni di infusione continua di 5-FU (300 mg/m 2 /die), al termine del quale i pazienti sono stati sottoposti a resezione chirurgica (Figura 1). Il gruppo di studio, comprendente 35 uomini (60,4%) e 23 donne (39,6%) con una età media di 59,98 ± 10,76 anni (media ± DS), era costituito da 57 pazienti affetti da adenocarcinoma e da 1 paziente con tumore neuroendocrino del retto. L iter diagnostico ha previsto un esame clinico (con esplorazione rettale) ed una proctoscopia con biopsia della lesione; la stadiazione è stata definita in base ai risultati della TC addomino-pelvica e dell ecografia endorettale (ERUS). Figura 1 - Schema del protocollo CRT. Legenda - RT: 2 Gy/die, 23 sessioni, dose di radiazione totale 46 Gy; 5-FU: infusione venosa protratta, 300 mg/m 2 /die. Al termine del trattamento radio-chemioterapico tutti i pazienti sono stati ristadiati per definire la risposta clinica e dopo 3 settimane sono stati sottoposti ad intervento chirurgico. L esame istologico è stato eseguito su tutti i pezzi chirurgici e sulla base dei risultati è stata definito il TNM post-operatorio e la stadiazione. Le complicanze sono state distinte in precoci (entro un mese dall intervento) e tardive. Tutti i pazienti arruolati nello studio sono stati seguiti e rivalutati 3 volte nel primo anno (ogni 4 mesi) e 2 volte (ogni 6 mesi) negli anni successivi all intervento. Il follow-up è consistito in un esame clinico, esami ematochimici (analisi della funzionalità epatica e dei livelli di αfp e CEA) ed una TC e/o ecografia dell addome e della pelvi. La media del follow-up è stata di 55,25 ± 28,06 mesi (range: 5-108). I dati sono riportati come media ± deviazione standard (DS) e range, la sopravvivenza è stata calcolata con il metodo di Kaplan-Meier, l analisi è stata eseguita includendo solo le resezioni radicali (R 0 ); le differenze sono state stimate con il Log-rank test. Il modello di regressione di Cox è stato applicato per definire le variabili indipendenti che possono influenzare la sopravvivenza. Il livello significativo della differenza è stato posto a p < 0,05. L analisi statistica è stata eseguita tramite il software Statistica 5 per Windows. RISULTATI Sono stati sottoposti a trattamento neoadiuvante radio-chemioterapico seguito da resezione chirurgica 58 pazienti affetti da una neoplasia in 11 casi (18,9%) della giunzione sigmoido-rettale, in 7 (12,1%) del retto alto, in 25 (43,1%) del retto medio e in 15 (25,9%) del retto basso. Il TNM e la stadiazione pre- e post-operatoria sono riportati nella Tabella I. Sono state eseguite 43 (74,2%) resezioni anteriori, 1 (1,7%) resezione sec. Hartmann, 9 (15,5%) resezioni addomino-perineali sec. Miles e 5 (8,6%) resezioni an- 2 Osp Ital Chir - Luglio-Agosto 2005

3 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico Tabella I - TNM e stadiazione TNM Preoperatorio Post-operatorio* T 0 1,7% 12,1% 1 0% 3,5% 2 3,5% 25,8% 3 94,8% 50,0% 4 0% 0% N 0 63,8% 65,5% 1 27,6% 17,2% 2 6,9% 5,2% 3 1,7% 3,5% M 0 100% 84,5% + 0% 6,9% Stadio Preoperatorio Post-operatorio* 0 - I 1,7% 8,6% II 63,8% 24,1% III 34,5% 31,1% IV 0% 20,7% *R 1 = 8,6%. teriori con confezione di stomia; la ricostruzione anastomotica è consistita in 25 (43,1%) anastomosi sec. Knight-Griffen, 18 (31,0%) anastomosi termino-laterali e 5 (8,6%) coloplastiche. Le resezioni radicali (R 0 ), definite dall esame istologico, sono state il 91,4%; in 5 casi le resezioni sono risultate non radicali (R 1 ) per 1 tumore della giunzione sigmoido-rettale, 2 tumori del retto alto e 2 del retto basso. Secondo la sede, le percentuali di R 0 sono state del 90,9% per lesioni della giunzione sigmoido-rettale, del 71,4% per lesioni del retto alto (83,3% delle neoplasie intraperitoneali), del 100% per lesioni del retto medio e dell 86,7% per lesioni del retto basso (95% delle neoplasie extraperitoneali). L incidenza complessiva della morbilità durante ed al termine della CRT è stata del 79,3%. Abbiamo registrato, spesso associate nello stesso paziente, astenia (1,3%), nausea (1,3%), tossicità ematologica (3,9%), tossicità genito-urinaria (18,5%), tossicità gastro-intestinale (52,6%) e tossicità dermatologica (22,4%). Una descrizione dettagliata degli effetti tossici della CRT è riportata nella Tabella II. Le complicanze precoci sono comparse nel 22,4% dei casi mentre quelle tardive nel 34,5%. Le complicanze più frequenti sono state la deiscenza o la fistola anastomotica precoce e tardiva, la stenosi tardiva dell anastomosi e l ipotonia sfinterica tardiva. Tutte le Tabella II - Effetti tossici della CRT Tossicità Grado % Gastrointestinale Enterite 1 1,3 1 3,9 Proctite 2 7,9 1 10,6 Tossicità intestinale 2 19,8 3 1,3 Enteroproctite 2 1,3 Rettorragia 1,3 2 1,3 Tossicità gastroenterica 3 1,3 Diarrea 2,6 Dermatologica 1 2,6 Tossicità dermatologica 2 1,3 3 17,2 Dermatite 1 1,3 Genito-urinaria 1 5,4 Cistite 2 7,9 Cistouretrite 1 1,3 Pollachiuria 1,3 Stranguria 1,3 Ematuria 1,3 Ematologica Anemia 1,3 Leucopenia 1 1,3 2 1,3 Nausea 1,3 Astenia 1,3 complicanze e il loro trattamento sono descritti nella Tabella III. L incidenza complessiva della mortalità è stata del 25,9%; nessun decesso è stato registrato durante il ricovero; 10 pazienti sono deceduti in seguito a recidiva di malattia e 4 per cause non correlate alla neoplasia primitiva (patologie cardiovascolari, patologie polmonari e altre cause di natura non specificata). Il downstaging, definito dall esame istologico dopo il protocollo CRT neoadiuvante, è riportato nella Tabella IV. La percentuale di stadio 0 è stata dell 8,6%; lo stadio clinico II è diventato stadio patologico I nel 43,2% dei casi ed il 30% degli stadi clinici III ha avuto un downstaging. Nel 50% dei ct 2 e nell 11% dei ct 3 è stato ottenuto un pt 0, mentre il 100% dei ct 1 non ha dimostrato progressione di malattia durante la CRT. Il 37,5% dei 3

4 Enrico Benzoni et al. Tabella III - Complicanze post-operatorie e terapia Precoci % Terapia % Tardive % Terapia % Fistola/Deiscenza 15,5 Conservativa 50 Fistola/Deiscenza 12 Conservativa 45 Fistola retto-vaginale 0 Stomia 25 Fistola retto-vaginale 1,7 Stomia 15 Rettorragia 0 Biofeedback 16,6 Rettorragia 0 Biofeedback 0 Ischemia 1,7 Dilatazione 0 Ischemia 1,7 Dilatazione 25 Ipotonia 5,1 Hartmann 8,4 Ipotonia 6,9 Hartmann 5 Stenosi 0 Miles 0 Stenosi 12 Miles 10 cn 1 ed il 25% dei cn 2 sono diventati pn 0 mentre l 83,8% dei cn 0 non ha avuto progressione di malattia durante la CRT. Il 15,5% dei pazienti non ha avuto progressione di malattia ai linfonodi, mentre l 8,6% ha dimostrato una diffusione linfonodale durante la CRT. La risposta completa (RC) è stata ottenuta nell 8,6% dei casi. L incidenza della risposta parziale (RP) è stata del 44,8%; lo stato di malattia stazionaria (MS) è stato registrato nel 34,5% dei casi e una progressione di malattia (PM) è stata diagnosticata nel 12,1% dei pazienti. Una RC si è avuta nell 80% delle neoplasie del retto medio e basso e nel 20% di quelle della giunzione sigmoido-rettale, mentre una PM è stata diagnosticata nel 57,1% dei tumori della giunzione sigmoido-rettale e del retto alto e nel 42,9% di quelli del retto medio. L incidenza complessiva della recidiva locale e delle metastasi è stata del 16%. Nel 13,8% dei pazienti è stata diagnosticata una recidiva locale; il 62,5% dei casi era pn+ (50% N 1-2 e 12,5% N 3 ). Nel 15,5% dei pazienti sono state identificate metastasi epatiche nel corso del follow-up; nel 45,5% dei casi erano associate allo stato pn+ (solo N 1-2 ), mentre metastasi polmonari sono comparse nel 10,3% dei soggetti dei quali il 66,7% era pn+ (50% N 1-2 e 16,7% N 3 ). Infine, meta- Tabella IV - Downstaging TNM Sede Stadio clinico Stadio patologico* Intraperitoneale Extraperitoneale T N { { 0 (1) T 3 (1) 100% - (1) 100% 2 (2) T 0 (1) 50% - (1) 50% T 1 (1) 50% - (1) 50% 3 (55) 0 (37) T 0 (6) 11% (1) 1,9% (5) 9,1% T 1 (1) 1,9% - (1) 1,9% T 2 (15) 27,3% (7) 12,7% (8) 14,6% T 3 (28) 50,9% (6) 10,9% (22) 40% N 0 (31) 83,8% (10) 27% (21) 56,7% N 1 (3) 8,1% (2) 5,4% (1) 2,7% 1 (16) N 0 (6) 37,5% - (6) 37,5% N 1 (4) 37,5% (1) 6,25% (5) 31,25% N 2 (1) 6,25% - (1) 6,25% N 3 (1) 6,25% (1) 6,25% - 2 (4) N 0 (1) 25% - (1) 25% N 1 (1) 25% - (1) 25% N 2 (2) 50% - (2) 50% 3 (1) N 3 (1) 100% (1) 100% - R 1 = 8,6%. 4 Osp Ital Chir - Luglio-Agosto 2005

5 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico Tabella V - Sopravvivenza complessiva e sopravvivenza libera da malattia Mesi Sopravvivenza Sopravvivenza complessiva (%) libera da malattia (%) ,0 89, ,7 81, ,0 76, ,7 72, ,1 69, ,3 69, ,3 69, ,3 69,9 stasi in altre sedi sono state riscontrate nell 8,6% dei pazienti dei quali il 60% era pn 1-2. La sopravvivenza complessiva è stata di 57,48 ± 27,94 mesi (range: 7-108); 59,31 ± 25,56 mesi (range: 7-106) negli uomini e 52,70 ± 31,64 mesi (range: 8-108) nelle donne. La sopravvivenza libera da malattia è stata pari a 47,77 ± 32,44 mesi (range: 0-107); negli uomini di 48,46 ± 31,29 mesi (range: 0-104) e nelle donne di 46,74 ± 34,80 mesi (range: 2-107). Le curve di sopravvivenza cumulativa e libera da malattia, ottenute con il metodo di Kaplan-Meier, sono presentate nella Tabella V e nelle Figure 2 e 3. L analisi, eseguita considerando lo stadio patologico, lo stato linfonodale e la sede della lesione, ha dato risultati statisticamente significativi. Nelle Tabelle VI e VII sono riportati i risultati per la sopravvivenza libera da malattia e la sopravvivenza complessiva, considerando i fattori suddetti. La sopravvivenza libera da malattia risulta essere dipendente dallo stadio patologico (0-I-II vs. III-IV: p = 0,004, Figura 4), dallo stato linfonodale (cn 0 vs. N+: p = 0,005, Figura 5; pn 0 vs. N+: p < 0,05, Figura 6) e dalla sede del tumore (p = 0,03; intraperitoneale vs. extraperitoneale: p = 0,006, Figura 7). Per la sopravvivenza complessiva lo stadio patologico (0-I-II vs. III-IV: p = 0,01, Figura 8) e la sede della lesione (intraperitoneale vs. extraperitoneale: p = 0,006, Figura 9) sono variabili dipendenti. DISCUSSIONE Il solo trattamento chirurgico dell adenocarcinoma del retto è associato a un incidenza di recidiva locale che varia dal 20 al 30% e che aumenta con la profondità della penetrazione nella parete rettale e/o con la diffusione alle stazioni linfonodali loco-regionali Il protocollo neoadiuvante CRT preoperatorio risulta migliorare la sopravvivenza, riducendo la recidiva locale nei pazienti sottoposti a resezione del retto per neoplasia 8,12. Lo stesso risultato è stato dimostrato negli studi nei quali i pazienti sono stati sottoposti a TME (total mesorectal excision) dopo CRT neoadiuvante, con una riduzione significativa della percentuale di recidiva locale rispetto ai pazienti sottoposti a sola TME 13. L associazione di infusione continua di 5-FU e radioterapia loco-regionale incrementa la risposta del tumore primitivo alle radiazioni ed elimina le micrometastasi sistemiche 6,7,9 con un miglioramento della sopravvivenza complessiva e di quella libera da malattia 6-8. L applicazione della CRT neoadiuvante, consentendo un downstaging della neoplasia, aumenta la percentuale di resecabilità e di conservazione della funzione sfinteriale nelle neoplasie del retto basso 2,6-9. Il protocollo da noi seguito ha ottenuto un significa- Figura 2 - Curva di Kaplan-Meier della sopravvivenza complessiva. Figura 3 - Curva di Kaplan-Meier della sopravvivenza libera da malattia. 5

6 Enrico Benzoni et al. Tabella VI - Sopravvivenza libera da malattia Fattore 3 anni 5 anni 7 anni 9 anni p Stadio 0,004 0-I-II 82,3% 82,3% 82,3% 82,3% III-IV 46,6% 46,6% 37,2% 37,2% Linfonodi cn 0, ,2% 83,2% 83,2% 83,2% + 51,7% 51,7% 34,5% 34,5% pn < 0, ,3% 82,3% 82,3% 82,3% + 49,8% 49,8% 39,9% 39,9% Sede 0,03 Giunzione 100% 80% 80% 30% sigmoido-rettale Retto alto 85,7% 71,4% 42,8% 28,6% Retto medio 78,6% 50% 28,6% 0% Retto basso 84,2% 56,1% 18,7% 0% Intraperitoneale 94,4% 94,4% 94,4% 94,4% Extraperitoneale 70,5% 55,3% 55,3% 55,3% tivo downstaging dei tumori del retto con una percentuale di pt 0 del 12,1%, confermando i risultati della letteratura che variano dal 5% al 24% 6,7,14,15. La radio-chemioterapia ha consentito inoltre di ottenere un downstaging (verso pn 0 ) anche della disseminazione linfonodale nel 12,1% dei pazienti, la maggiore parte dei quali erano affetti da una neoplasia extraperitoneale; inoltre il 53,4% di tutti i pazienti cn 0 non ha dimostrato diffusione linfonodale durante la terapia Tabella VII - Sopravvivenza complessiva in rapporto allo stadio e alla sede Fattore 3 anni 5 anni 7 anni 9 anni p Stadio 0,01 0-I-II 88,1% 81,2% 81,2% 81,2% III-IV 79,3% 57,7% 43,3% 43,3% Sede 0,006 Intraperitoneale 100% 93,5% 93,5% 93,5% Extraperitoneale 77% 63,9% 53,7% 0% neoadiuvante. Alcuni autori sostengono che la sola variabile indipendente per la recidiva locale e la sopravvivenza è il riscontro di metastasi linfonodali 6,7,9,16. Il risultato ottenuto con la CRT associata alla chirurgia è stato il riscontro di una recidiva locale nel 13,8% dei pazienti, il 62,5% dei quali erano pn+ e tutti affetti da neoplasia extraperitoneale. Dopo la resezione chirurgica lo stato linfonodale era nel 65,5% N 0, nel 17,2% N 1, nel 5,2% N 2 e nel 3,5% N 3, percentuali migliori di quelle riportate nelle serie soltanto chirurgiche (N 0 50%-53%, N 1 29,6%, N 2 26,1%) 17,18. Le resezioni radicali (R 0 ) sono state il 91,4%, una percentuale maggiore rispetto a quella delle recenti serie soltanto chirurgiche che riferiscono una percentuale di R 0 del 75,3% 17. Nella nostra casistica il 15,5% dei pazienti ha sviluppato metastasi epatiche in corso di follow-up; al 45,5% dei casi era associato uno stato pn+ (solo N 1-2 ) e tutte le neoplasie erano extraperitoneali; nelle serie Figura 4 - Sopravvivenza libera da malattia in rapporto allo stadio. Figura 5 - Sopravvivenza libera da malattia in rapporto allo stato linfonodale (diagnosi clinica). 6 Osp Ital Chir - Luglio-Agosto 2005

7 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico Figura 6 - Sopravvivenza libera da malattia in rapporto allo stato linfonodale (diagnosi patologica). Figura 7 - Sopravvivenza libera da malattia in rapporto alla sede della lesione. soltanto chirurgiche la percentuale di metastasi epatiche è stata del 26,7% 16. Sono state diagnosticate metastasi polmonari nel 10,3% dei pazienti, 66,7% nei pn+ (50% N 1-2 e 16,7% N 3 ) e altre metastasi nell 8,6% (60% pn 1-2 ); l 80% delle metastasi polmonari e tutte le altre metastasi sono insorte in pazienti affetti da neoplasie extraperitoneali. Lo stato linfonodale e la sede della neoplasia, prendendo come limite il peritoneo, condizionano fortemente l incidenza della recidiva locale. La sede extraperitoneale comporterebbe una maggiore aggressività, una più precoce diffusione e/o una minore suscettibilità al protocollo neoadiuvante CRT per ciò che riguarda l apparato linfonodale. Questi dati infatti non possono essere semplicemente spiegati con una eventuale incompleta dissezione linfatica o una inappropriata applicazione del protocollo CRT o addirittura per differenti caratteristiche biologiche delle neoplasie extraperitoneali rispetto a quelle intraperitoneali. Alcuni autori riferiscono una correlazione tra il downstaging ed una prognosi favorevole; in particolare quando un tumore inizialmente non resecabile diventa resecabile la prognosi finale diventerebbe simile a quella di una neoplasia inizialmente resecabile 3. Nella nostra serie il migliore risultato di downstaging è Figura 8 - Sopravvivenza complessiva in rapporto allo stadio. Figura 9 - Sopravvivenza complessiva in rapporto alla sede della lesione. 7

8 Enrico Benzoni et al. stato raggiunto nelle neoplasie extraperitoneali ma non possiamo confermare quanto riportato in letteratura, poiché queste neoplasie hanno avuto una prognosi peggiore rispetto a quelle intraperitoneali. La causa della differenza riscontrata nello sviluppo di metastasi a distanza può essere riconosciuta nel grado di infiltrazione intramurale della lesione, definita in base alla classificazione pt: come riportato da alcuni autori, infatti, le neoplasie definite pt 3-4 sono associate a una maggiore incidenza di metastasi a distanza rispetto alle lesioni definite pt Nel nostro studio i pt 3 extraperitoneali hanno sviluppato il doppio delle metastasi a distanza dei T 0-2 e l unica neoplasia intraperitoneale associata ad una metastasi polmonare era stata stadiata pt 3 ; inoltre il numero dei pazienti con neoplasia extraperitoneale stadiata pt 3 è stato significativamente maggiore di quello con neoplasia intraperitoneale (57,5% vs. 33,3%; p = 0,04). Nella nostra serie l elevata incidenza di metastasi epatiche, polmonari e in altra sede associate a pn+ avvalora l ipotesi di alcuni autori secondo i quali le metastasi pelviche e linfonodali rappresentano già una diffusione ematogena o possono diffondere loro stesse a distanza 7. La frequenza di complicanze precoci è stata del 22,4% e delle tardive del 34,5%, ma soltanto nell 8,4% delle precoci e nel 15% delle tardive si è reso necessario un trattamento chirurgico; i nostri risultati confermano, in linea con quanto riportato in letteratura, che la radioterapia neoadiuvante e la chemioterapia nel cancro del retto sono procedure sicure che non aumentano l incidenza delle complicanze post-operatorie 19. CONCLUSIONI La sopravvivenza libera da malattia è dipendente dallo stadio patologico, dallo stato linfonodale (prima della CRT e dopo la chirurgia) e dalla sede del tumore, mentre la sopravvivenza complessiva è dipendente dallo stadio patologico e dalla sede del tumore. I nostri risultati confermano l utilità della CRT associata alla chirurgia nel trattamento del cancro del retto, in particolare negli stadi T2 e T3 poiché è in grado di determinare un downstaging, di convertire alla negatività uno stato linfonodale positivo e rendere più agevole e radicale la resezione chirurgica. Inoltre si è dimostrata una metodica sicura con una tossicità accettabile, consentendo un miglioramento della sopravvivenza complessiva e di quella libera da malattia. Riteniamo pertanto che sia da associare alla chirurgia nei pazienti con cancro del retto nei quali ve ne sia l indicazione. BIBLIOGRAFIA 1. Sauer R, Fietkau R, Wittekind C, Rodel C, Martus P, Hohenberger W, et al. Adjuvant vs. neoadjuvant radio-chemotherapy for locally advanced rectal cancer: the German trial CAO/ARO/AIO-94. Colorectal Dis 2003; 5: Kaminsky-Forrett MC, Conroy T, Luporsi E, Peiffert D, Lapeyre M, Boissel P, et al. Prognostic implications of downstaging following preoperative radiation therapy for operable T 3 -T 4 rectal cancer. Int J Radiat Oncol Biol Phys 1998; 42: Reerink O, Verschueren RC, Szabo BG, Hospers GA, Mulder NH. A favourable pathological stage after neoadjuvant radiochemotherapy in patient with initially irresectable cancer correlate with a favourable prognosis. Eur J Cancer 2003; 39: Valentini V, Coco C, Cellini N, Picciocchi A, Rosetto ME, Mantini G, et al. Preoperative chemoradiation with cisplatin and 5-Fluorouracil for extraperitoneal T 3 rectal cancer: acute toxicity, tumor response, sphincter preservation. Int J Radiat Oncol Biol Phys 1999; 45: Sauer R. Adjuvant and neoadjuvant radiotherapy and concurrent radiochemotherapy for rectal cancer. Pathol Oncol Res 2002; 8: Vauthey JN, Marsh RW, Zlotecki RA, Abdalla EK, Solorzano CC, Bray EJ, et al. Recent advances in the treatment and outcome of locally advanced rectal cancer. Ann Surg 1999; 229: Onaitis MW, Noone RB, Hartwing M, Hurwitz H, Morse M, Jowell P, et al. Neoadjuvant chemoradiation for rectal cancer: analysis of clinical outcomes from a 13-year institutional experience. Ann Surg 2001; 233: Pahlman L, Hohenberger W, Gunther K, Fietkau R, Metzger U. Is radiochemotherapy necessary in the treatment of rectal cancer? Eur J Cancer 1998; 34: Mehta VK, Poen J, Ford J, Edelstein PS, Vierra M, Bastidas AJ, et al. Radiotherapy, concomitant protracted venous infusion 5 Fluorouracil and surgery for ultrasound staged T 3 or T 4 rectal cancer. Dis Colon Rectum 2001; 44: Anwar RM, Britton A, Stevens W. Curative resection for rectal carcinoma: definition influences outcome in terms of local recurrence. Colorectal Dis 2001; 3: Ross A, Rusnak C, Weinerman B, Kuechler P, Hayashi A, MacLachlan G, et al. Recurrence and survival after surgical management of rectal cancer. Am J Surg 1999; 177: Dahlberg M, Glimelius B, Pahlman L. Improved survival and reduction in local failure rates after preoperative radiotherapy: evidence for the generalizability of the results of Swedish Rectal Cancer Trial. Ann Surg 1999; 229: Kapiteijn E, Marijnen CA, Nagtegaal ID, Putter H, Steup WH, Wiggers T, et al. Preoperative radiotherapy combined with total mesorectal excision for resectable rectal cancer. N Engl J Med 2001; 345: Janjan NA, Khoo VS, Abbruzzese J, Pazdur R, Dubrow R, Cleary KR, et al. Tumor downstaging and sphincter preservation with preoperative chemoradiation in locally advanced rec- 8 Osp Ital Chir - Luglio-Agosto 2005

9 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico tal cancer: the M.D. Anderson Cancer Center experience. Int J Radiat Oncol Biol Physics 1999; 44: Bosset JF, Magnin V, Maingon P, Mantion G, Pelissier EP, Mercier M, et al. Preoperative radiochemotherapy in rectal cancer: long-term results of a phase II trial. Int J Radiat Oncol Biol Phys 2000; 46: Luana-Perez P, Rodriguez-Ramirez S, Alvarado I, De La Barrera MG, Labastida S. Prognostic significance of retrieved lymph nodes per specimen in resected rectal adenocarcinoma after preoperative chemoradiation therapy. Arch Med Res 2003; 34: Piso P, Dahlke MH, Mirena P, Schmidt U, Aselmann H, Schlitt HJ, et al. Total mesorectal excision for the middle and lower rectal cancer: a single institution experience with 337 consecutive patients. J Surg Oncol 2004; 86: Fujita S, Shimoda T, Yoshimura K, Yamamoto S, Akasu T, Moriya Y. Prospective evaluation of prognostic factors in patients with colorectal cancer undergoing curative resection. J Surg Oncol 2003; 84: Valero G, Lujan JA, Hernandez Q, De Las Heras M, Pellicer E, Serrano A, et al. Neoadjuvant radiation and chemotherapy in rectal cancer does not increase postoperative complications. Int J Colorectal Dis 2003; 18:

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

La maggior parte dei Registri Tumori degli ultimi anni fa rilevare un

La maggior parte dei Registri Tumori degli ultimi anni fa rilevare un 1 Introduzione La maggior parte dei Registri Tumori degli ultimi anni fa rilevare un aumento nell incidenza del Carcinoma Prostatico (tasso d incidenza di 55 casi per 100.000 e quello di mortalità di 22,6

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO. Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT

HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO. Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT HCC incidenza 5% di tutti i tumori 85% circa dei tumori primitivi

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO Quaderno n. 3 TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET): VALUTAZIONE DEL FABBISOGNO E PIANO DI INVESTIMENTO PER LA REGIONE

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone?

Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone? Protocollo di studio: Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone? Responsabile scientifico: Prof. Alessandro Giordano

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

2. Neoplasie polmonari

2. Neoplasie polmonari 2. Coordinatori Federico Cappuzzo (Livorno) Andrea Lopes Pegna (Firenze) Marco Lucchi (Pisana) Comitato di redazione Paolo BASTIANI (Firenze), CAMERINI Andrea (Viareggio), CECERE Fabiana Letizia (Firenze),

Dettagli