La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH"

Transcript

1 CLINICAL RESEARCH Osp Ital Chir CD-ROM La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico associato alla chirurgia Enrico Benzoni 1, Giovanni Terrosu 1, Franz Cerato 1, Alessandro Cojutti 1, Vittorio Bresadola 1, Elisa Milan 1, Germana Chiaulon 2, Marco Signor 2, Cosimo Sacco 3, Fabrizio Bresadola 1 Premessa La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nella cura del cancro del retto. L associazione di infusione continua di 5-FU e radioterapia loco-regionale incrementa la risposta del tumore primitivo alle radiazioni ed elimina le micrometastasi sistemiche con un miglioramento della sopravvivenza complessiva e di quella libera da malattia. Scopo dello studio Lo studio valuta i risultati clinici dei pazienti arruolati presso il nostro Dipartimento di Chirurgia per un protocollo radio-chemioterapico associato alla chirurgia per il trattamento del cancro del retto. Metodi Dal novembre 1994 al maggio 2003, presso il nostro dipartimento, 58 pazienti affetti da cancro del retto, 35 uomini (60,4%) e 23 donne (39,6%) con una età media di 59,98 ± 10,76 anni (media ± DS), sono stati arruolati in un protocollo di studio di radio-chemioterapia neoadiuvante seguito da trattamento chirurgico. Lo studio monocentrico, non randomizzato, è consistito in un ciclo di 5 settimane di sessioni quotidiane di radioterapia (dose totale 46 Gy) associato a 30 giorni di infusione continua di 5-FU (300 mg/m 2 /die), al cui termine i pazienti sono stati sottoposti a resezione chirurgica. Risultati La durata media del follow-up è stata di 55,25 ± 28,06 mesi (media ± DS). Le resezioni radicali (R 0 ), definite dall esame istologico, sono state il 91,4%; in 5 casi le resezioni sono risultate non radicali (R 1 ) per 1 tumore della giunzione sigmoido-rettale, 2 tumori del retto Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Enrico Benzoni Dipartimento di Scienze Chirurgiche Clinica di Chirurgia Generale Università degli Studi di Udine Policlinico Universitario a Gestione Diretta P.le S. Maria della Misericordia Udine Tel.: Fax: Dipartimento di Chirurgia Università degli Studi di Udine 2 Dipartimento di Radioterapia Ospedale S. Maria della Misericordia - Udine 3 Dipartimento di Oncologia Università degli Studi di Udine alto e 2 del retto basso. L incidenza complessiva della morbilità durante e al termine del protocollo CRT è stata del 79,3%. La mortalità nel corso del follow-up è stata del 25,9%; nessun decesso è stato registrato invece nel corso del protocollo e nel periodo post-operatorio. La percentuale complessiva di recidiva e di metastasi è stata del 16%; la recidiva locale è stata riscontrata nel 13,8% dei pazienti. La sopravvivenza libera da malattia è stata di 47,77 ± 32,44 mesi (media ± DS, range: 0-107) e quella complessiva di 57,48 ± 27,94 mesi (media ± DS, range: 7-108). La sopravvivenza libera da malattia è risultata essere dipendente dallo stadio patologico (0-I-II vs. III-IV: p = 0,004), dall interessamento linfonodale (cn 0 vs. N+: p = 0,005; pn 0 vs. N+: p < 0,05) e dalla sede del tumore (p = 0,03; intraperitoneale vs. extraperitoneale: p = 0,006). La sopravvivenza complessiva è risultata dipendente dallo stadio patologico (0-I-II vs. III-IV: p = 0,01) e dalla sede del tumore (intraperitoneale vs. extraperitoneale: p = 0,006). Conclusioni Lo stadio patologico, l interessamento linfonodale e la sede della lesione sono variabili dipendenti per la sopravvivenza libera da malattia, mentre la sopravvivenza complessiva è dipendente dallo stadio patologico e dalla sede della lesione. Questi risultati confermano l importanza dell applicazione di un protocollo neoadiuvante combinato di radio-chemioterapia associato alla chirurgia nel trattamento del tumore del retto. Parole chiave: cancro del retto, interessamento linfonodale, radio-chemioterapia neoadiuvante, recidiva locale. La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- 1

2 Enrico Benzoni et al. mento del cancro del retto. In uno studio prospettico randomizzato di fase III la CRT preoperatoria è stata comparata alla CRT post-operatoria 1 ; i risultati indicano una maggiore tollerabilità del trattamento neoadiuvante preoperatorio e un pari rischio di morbilità post-operatoria. Inoltre, l effetto del downstaging incrementa la percentuale delle resezioni radicali e della conservazione dell apparato sfinteriale nelle lesioni del retto basso e ultrabasso 2-4. L effetto del trattamento radioterapico sembra essere maggiore se effettuato prima dell intervento rispetto a quello eseguito nel post-operatorio 4-6. L associazione di infusione continua di 5-FU e radioterapia loco-regionale incrementa la risposta del tumore primitivo alle radiazioni ed elimina le micrometastasi sistemiche 7 con un miglioramento della sopravvivenza complessiva e di quella libera da malattia 6-8. Il fattore più importante che influenza i risultati del trattamento del cancro del retto è la recidiva locale che, secondo quanto riportato in letteratura, varia dal 20 al 30% dopo trattamento solo chirurgico Lo studio che presentiamo valuta i risultati clinici dei pazienti arruolati presso il nostro Dipartimento di Chirurgia per un protocollo radio-chemioterapico associato alla chirurgia per il trattamento del cancro del retto. MATERIALI E METODI Dal novembre 1994 al maggio 2003 sono stati arruolati presso il nostro Dipartimento 58 pazienti affetti da cancro del retto per lo studio di un protocollo combinato di radio-chemioterapia neoadiuvante seguito da trattamento chirurgico. Lo studio monocentrico, non randomizzato ha previsto un ciclo di 5 settimane di sessioni quotidiane di radioterapia con una dose totale di 46 Gy (2 Gy/die) associate a 30 giorni di infusione continua di 5-FU (300 mg/m 2 /die), al termine del quale i pazienti sono stati sottoposti a resezione chirurgica (Figura 1). Il gruppo di studio, comprendente 35 uomini (60,4%) e 23 donne (39,6%) con una età media di 59,98 ± 10,76 anni (media ± DS), era costituito da 57 pazienti affetti da adenocarcinoma e da 1 paziente con tumore neuroendocrino del retto. L iter diagnostico ha previsto un esame clinico (con esplorazione rettale) ed una proctoscopia con biopsia della lesione; la stadiazione è stata definita in base ai risultati della TC addomino-pelvica e dell ecografia endorettale (ERUS). Figura 1 - Schema del protocollo CRT. Legenda - RT: 2 Gy/die, 23 sessioni, dose di radiazione totale 46 Gy; 5-FU: infusione venosa protratta, 300 mg/m 2 /die. Al termine del trattamento radio-chemioterapico tutti i pazienti sono stati ristadiati per definire la risposta clinica e dopo 3 settimane sono stati sottoposti ad intervento chirurgico. L esame istologico è stato eseguito su tutti i pezzi chirurgici e sulla base dei risultati è stata definito il TNM post-operatorio e la stadiazione. Le complicanze sono state distinte in precoci (entro un mese dall intervento) e tardive. Tutti i pazienti arruolati nello studio sono stati seguiti e rivalutati 3 volte nel primo anno (ogni 4 mesi) e 2 volte (ogni 6 mesi) negli anni successivi all intervento. Il follow-up è consistito in un esame clinico, esami ematochimici (analisi della funzionalità epatica e dei livelli di αfp e CEA) ed una TC e/o ecografia dell addome e della pelvi. La media del follow-up è stata di 55,25 ± 28,06 mesi (range: 5-108). I dati sono riportati come media ± deviazione standard (DS) e range, la sopravvivenza è stata calcolata con il metodo di Kaplan-Meier, l analisi è stata eseguita includendo solo le resezioni radicali (R 0 ); le differenze sono state stimate con il Log-rank test. Il modello di regressione di Cox è stato applicato per definire le variabili indipendenti che possono influenzare la sopravvivenza. Il livello significativo della differenza è stato posto a p < 0,05. L analisi statistica è stata eseguita tramite il software Statistica 5 per Windows. RISULTATI Sono stati sottoposti a trattamento neoadiuvante radio-chemioterapico seguito da resezione chirurgica 58 pazienti affetti da una neoplasia in 11 casi (18,9%) della giunzione sigmoido-rettale, in 7 (12,1%) del retto alto, in 25 (43,1%) del retto medio e in 15 (25,9%) del retto basso. Il TNM e la stadiazione pre- e post-operatoria sono riportati nella Tabella I. Sono state eseguite 43 (74,2%) resezioni anteriori, 1 (1,7%) resezione sec. Hartmann, 9 (15,5%) resezioni addomino-perineali sec. Miles e 5 (8,6%) resezioni an- 2 Osp Ital Chir - Luglio-Agosto 2005

3 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico Tabella I - TNM e stadiazione TNM Preoperatorio Post-operatorio* T 0 1,7% 12,1% 1 0% 3,5% 2 3,5% 25,8% 3 94,8% 50,0% 4 0% 0% N 0 63,8% 65,5% 1 27,6% 17,2% 2 6,9% 5,2% 3 1,7% 3,5% M 0 100% 84,5% + 0% 6,9% Stadio Preoperatorio Post-operatorio* 0 - I 1,7% 8,6% II 63,8% 24,1% III 34,5% 31,1% IV 0% 20,7% *R 1 = 8,6%. teriori con confezione di stomia; la ricostruzione anastomotica è consistita in 25 (43,1%) anastomosi sec. Knight-Griffen, 18 (31,0%) anastomosi termino-laterali e 5 (8,6%) coloplastiche. Le resezioni radicali (R 0 ), definite dall esame istologico, sono state il 91,4%; in 5 casi le resezioni sono risultate non radicali (R 1 ) per 1 tumore della giunzione sigmoido-rettale, 2 tumori del retto alto e 2 del retto basso. Secondo la sede, le percentuali di R 0 sono state del 90,9% per lesioni della giunzione sigmoido-rettale, del 71,4% per lesioni del retto alto (83,3% delle neoplasie intraperitoneali), del 100% per lesioni del retto medio e dell 86,7% per lesioni del retto basso (95% delle neoplasie extraperitoneali). L incidenza complessiva della morbilità durante ed al termine della CRT è stata del 79,3%. Abbiamo registrato, spesso associate nello stesso paziente, astenia (1,3%), nausea (1,3%), tossicità ematologica (3,9%), tossicità genito-urinaria (18,5%), tossicità gastro-intestinale (52,6%) e tossicità dermatologica (22,4%). Una descrizione dettagliata degli effetti tossici della CRT è riportata nella Tabella II. Le complicanze precoci sono comparse nel 22,4% dei casi mentre quelle tardive nel 34,5%. Le complicanze più frequenti sono state la deiscenza o la fistola anastomotica precoce e tardiva, la stenosi tardiva dell anastomosi e l ipotonia sfinterica tardiva. Tutte le Tabella II - Effetti tossici della CRT Tossicità Grado % Gastrointestinale Enterite 1 1,3 1 3,9 Proctite 2 7,9 1 10,6 Tossicità intestinale 2 19,8 3 1,3 Enteroproctite 2 1,3 Rettorragia 1,3 2 1,3 Tossicità gastroenterica 3 1,3 Diarrea 2,6 Dermatologica 1 2,6 Tossicità dermatologica 2 1,3 3 17,2 Dermatite 1 1,3 Genito-urinaria 1 5,4 Cistite 2 7,9 Cistouretrite 1 1,3 Pollachiuria 1,3 Stranguria 1,3 Ematuria 1,3 Ematologica Anemia 1,3 Leucopenia 1 1,3 2 1,3 Nausea 1,3 Astenia 1,3 complicanze e il loro trattamento sono descritti nella Tabella III. L incidenza complessiva della mortalità è stata del 25,9%; nessun decesso è stato registrato durante il ricovero; 10 pazienti sono deceduti in seguito a recidiva di malattia e 4 per cause non correlate alla neoplasia primitiva (patologie cardiovascolari, patologie polmonari e altre cause di natura non specificata). Il downstaging, definito dall esame istologico dopo il protocollo CRT neoadiuvante, è riportato nella Tabella IV. La percentuale di stadio 0 è stata dell 8,6%; lo stadio clinico II è diventato stadio patologico I nel 43,2% dei casi ed il 30% degli stadi clinici III ha avuto un downstaging. Nel 50% dei ct 2 e nell 11% dei ct 3 è stato ottenuto un pt 0, mentre il 100% dei ct 1 non ha dimostrato progressione di malattia durante la CRT. Il 37,5% dei 3

4 Enrico Benzoni et al. Tabella III - Complicanze post-operatorie e terapia Precoci % Terapia % Tardive % Terapia % Fistola/Deiscenza 15,5 Conservativa 50 Fistola/Deiscenza 12 Conservativa 45 Fistola retto-vaginale 0 Stomia 25 Fistola retto-vaginale 1,7 Stomia 15 Rettorragia 0 Biofeedback 16,6 Rettorragia 0 Biofeedback 0 Ischemia 1,7 Dilatazione 0 Ischemia 1,7 Dilatazione 25 Ipotonia 5,1 Hartmann 8,4 Ipotonia 6,9 Hartmann 5 Stenosi 0 Miles 0 Stenosi 12 Miles 10 cn 1 ed il 25% dei cn 2 sono diventati pn 0 mentre l 83,8% dei cn 0 non ha avuto progressione di malattia durante la CRT. Il 15,5% dei pazienti non ha avuto progressione di malattia ai linfonodi, mentre l 8,6% ha dimostrato una diffusione linfonodale durante la CRT. La risposta completa (RC) è stata ottenuta nell 8,6% dei casi. L incidenza della risposta parziale (RP) è stata del 44,8%; lo stato di malattia stazionaria (MS) è stato registrato nel 34,5% dei casi e una progressione di malattia (PM) è stata diagnosticata nel 12,1% dei pazienti. Una RC si è avuta nell 80% delle neoplasie del retto medio e basso e nel 20% di quelle della giunzione sigmoido-rettale, mentre una PM è stata diagnosticata nel 57,1% dei tumori della giunzione sigmoido-rettale e del retto alto e nel 42,9% di quelli del retto medio. L incidenza complessiva della recidiva locale e delle metastasi è stata del 16%. Nel 13,8% dei pazienti è stata diagnosticata una recidiva locale; il 62,5% dei casi era pn+ (50% N 1-2 e 12,5% N 3 ). Nel 15,5% dei pazienti sono state identificate metastasi epatiche nel corso del follow-up; nel 45,5% dei casi erano associate allo stato pn+ (solo N 1-2 ), mentre metastasi polmonari sono comparse nel 10,3% dei soggetti dei quali il 66,7% era pn+ (50% N 1-2 e 16,7% N 3 ). Infine, meta- Tabella IV - Downstaging TNM Sede Stadio clinico Stadio patologico* Intraperitoneale Extraperitoneale T N { { 0 (1) T 3 (1) 100% - (1) 100% 2 (2) T 0 (1) 50% - (1) 50% T 1 (1) 50% - (1) 50% 3 (55) 0 (37) T 0 (6) 11% (1) 1,9% (5) 9,1% T 1 (1) 1,9% - (1) 1,9% T 2 (15) 27,3% (7) 12,7% (8) 14,6% T 3 (28) 50,9% (6) 10,9% (22) 40% N 0 (31) 83,8% (10) 27% (21) 56,7% N 1 (3) 8,1% (2) 5,4% (1) 2,7% 1 (16) N 0 (6) 37,5% - (6) 37,5% N 1 (4) 37,5% (1) 6,25% (5) 31,25% N 2 (1) 6,25% - (1) 6,25% N 3 (1) 6,25% (1) 6,25% - 2 (4) N 0 (1) 25% - (1) 25% N 1 (1) 25% - (1) 25% N 2 (2) 50% - (2) 50% 3 (1) N 3 (1) 100% (1) 100% - R 1 = 8,6%. 4 Osp Ital Chir - Luglio-Agosto 2005

5 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico Tabella V - Sopravvivenza complessiva e sopravvivenza libera da malattia Mesi Sopravvivenza Sopravvivenza complessiva (%) libera da malattia (%) ,0 89, ,7 81, ,0 76, ,7 72, ,1 69, ,3 69, ,3 69, ,3 69,9 stasi in altre sedi sono state riscontrate nell 8,6% dei pazienti dei quali il 60% era pn 1-2. La sopravvivenza complessiva è stata di 57,48 ± 27,94 mesi (range: 7-108); 59,31 ± 25,56 mesi (range: 7-106) negli uomini e 52,70 ± 31,64 mesi (range: 8-108) nelle donne. La sopravvivenza libera da malattia è stata pari a 47,77 ± 32,44 mesi (range: 0-107); negli uomini di 48,46 ± 31,29 mesi (range: 0-104) e nelle donne di 46,74 ± 34,80 mesi (range: 2-107). Le curve di sopravvivenza cumulativa e libera da malattia, ottenute con il metodo di Kaplan-Meier, sono presentate nella Tabella V e nelle Figure 2 e 3. L analisi, eseguita considerando lo stadio patologico, lo stato linfonodale e la sede della lesione, ha dato risultati statisticamente significativi. Nelle Tabelle VI e VII sono riportati i risultati per la sopravvivenza libera da malattia e la sopravvivenza complessiva, considerando i fattori suddetti. La sopravvivenza libera da malattia risulta essere dipendente dallo stadio patologico (0-I-II vs. III-IV: p = 0,004, Figura 4), dallo stato linfonodale (cn 0 vs. N+: p = 0,005, Figura 5; pn 0 vs. N+: p < 0,05, Figura 6) e dalla sede del tumore (p = 0,03; intraperitoneale vs. extraperitoneale: p = 0,006, Figura 7). Per la sopravvivenza complessiva lo stadio patologico (0-I-II vs. III-IV: p = 0,01, Figura 8) e la sede della lesione (intraperitoneale vs. extraperitoneale: p = 0,006, Figura 9) sono variabili dipendenti. DISCUSSIONE Il solo trattamento chirurgico dell adenocarcinoma del retto è associato a un incidenza di recidiva locale che varia dal 20 al 30% e che aumenta con la profondità della penetrazione nella parete rettale e/o con la diffusione alle stazioni linfonodali loco-regionali Il protocollo neoadiuvante CRT preoperatorio risulta migliorare la sopravvivenza, riducendo la recidiva locale nei pazienti sottoposti a resezione del retto per neoplasia 8,12. Lo stesso risultato è stato dimostrato negli studi nei quali i pazienti sono stati sottoposti a TME (total mesorectal excision) dopo CRT neoadiuvante, con una riduzione significativa della percentuale di recidiva locale rispetto ai pazienti sottoposti a sola TME 13. L associazione di infusione continua di 5-FU e radioterapia loco-regionale incrementa la risposta del tumore primitivo alle radiazioni ed elimina le micrometastasi sistemiche 6,7,9 con un miglioramento della sopravvivenza complessiva e di quella libera da malattia 6-8. L applicazione della CRT neoadiuvante, consentendo un downstaging della neoplasia, aumenta la percentuale di resecabilità e di conservazione della funzione sfinteriale nelle neoplasie del retto basso 2,6-9. Il protocollo da noi seguito ha ottenuto un significa- Figura 2 - Curva di Kaplan-Meier della sopravvivenza complessiva. Figura 3 - Curva di Kaplan-Meier della sopravvivenza libera da malattia. 5

6 Enrico Benzoni et al. Tabella VI - Sopravvivenza libera da malattia Fattore 3 anni 5 anni 7 anni 9 anni p Stadio 0,004 0-I-II 82,3% 82,3% 82,3% 82,3% III-IV 46,6% 46,6% 37,2% 37,2% Linfonodi cn 0, ,2% 83,2% 83,2% 83,2% + 51,7% 51,7% 34,5% 34,5% pn < 0, ,3% 82,3% 82,3% 82,3% + 49,8% 49,8% 39,9% 39,9% Sede 0,03 Giunzione 100% 80% 80% 30% sigmoido-rettale Retto alto 85,7% 71,4% 42,8% 28,6% Retto medio 78,6% 50% 28,6% 0% Retto basso 84,2% 56,1% 18,7% 0% Intraperitoneale 94,4% 94,4% 94,4% 94,4% Extraperitoneale 70,5% 55,3% 55,3% 55,3% tivo downstaging dei tumori del retto con una percentuale di pt 0 del 12,1%, confermando i risultati della letteratura che variano dal 5% al 24% 6,7,14,15. La radio-chemioterapia ha consentito inoltre di ottenere un downstaging (verso pn 0 ) anche della disseminazione linfonodale nel 12,1% dei pazienti, la maggiore parte dei quali erano affetti da una neoplasia extraperitoneale; inoltre il 53,4% di tutti i pazienti cn 0 non ha dimostrato diffusione linfonodale durante la terapia Tabella VII - Sopravvivenza complessiva in rapporto allo stadio e alla sede Fattore 3 anni 5 anni 7 anni 9 anni p Stadio 0,01 0-I-II 88,1% 81,2% 81,2% 81,2% III-IV 79,3% 57,7% 43,3% 43,3% Sede 0,006 Intraperitoneale 100% 93,5% 93,5% 93,5% Extraperitoneale 77% 63,9% 53,7% 0% neoadiuvante. Alcuni autori sostengono che la sola variabile indipendente per la recidiva locale e la sopravvivenza è il riscontro di metastasi linfonodali 6,7,9,16. Il risultato ottenuto con la CRT associata alla chirurgia è stato il riscontro di una recidiva locale nel 13,8% dei pazienti, il 62,5% dei quali erano pn+ e tutti affetti da neoplasia extraperitoneale. Dopo la resezione chirurgica lo stato linfonodale era nel 65,5% N 0, nel 17,2% N 1, nel 5,2% N 2 e nel 3,5% N 3, percentuali migliori di quelle riportate nelle serie soltanto chirurgiche (N 0 50%-53%, N 1 29,6%, N 2 26,1%) 17,18. Le resezioni radicali (R 0 ) sono state il 91,4%, una percentuale maggiore rispetto a quella delle recenti serie soltanto chirurgiche che riferiscono una percentuale di R 0 del 75,3% 17. Nella nostra casistica il 15,5% dei pazienti ha sviluppato metastasi epatiche in corso di follow-up; al 45,5% dei casi era associato uno stato pn+ (solo N 1-2 ) e tutte le neoplasie erano extraperitoneali; nelle serie Figura 4 - Sopravvivenza libera da malattia in rapporto allo stadio. Figura 5 - Sopravvivenza libera da malattia in rapporto allo stato linfonodale (diagnosi clinica). 6 Osp Ital Chir - Luglio-Agosto 2005

7 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico Figura 6 - Sopravvivenza libera da malattia in rapporto allo stato linfonodale (diagnosi patologica). Figura 7 - Sopravvivenza libera da malattia in rapporto alla sede della lesione. soltanto chirurgiche la percentuale di metastasi epatiche è stata del 26,7% 16. Sono state diagnosticate metastasi polmonari nel 10,3% dei pazienti, 66,7% nei pn+ (50% N 1-2 e 16,7% N 3 ) e altre metastasi nell 8,6% (60% pn 1-2 ); l 80% delle metastasi polmonari e tutte le altre metastasi sono insorte in pazienti affetti da neoplasie extraperitoneali. Lo stato linfonodale e la sede della neoplasia, prendendo come limite il peritoneo, condizionano fortemente l incidenza della recidiva locale. La sede extraperitoneale comporterebbe una maggiore aggressività, una più precoce diffusione e/o una minore suscettibilità al protocollo neoadiuvante CRT per ciò che riguarda l apparato linfonodale. Questi dati infatti non possono essere semplicemente spiegati con una eventuale incompleta dissezione linfatica o una inappropriata applicazione del protocollo CRT o addirittura per differenti caratteristiche biologiche delle neoplasie extraperitoneali rispetto a quelle intraperitoneali. Alcuni autori riferiscono una correlazione tra il downstaging ed una prognosi favorevole; in particolare quando un tumore inizialmente non resecabile diventa resecabile la prognosi finale diventerebbe simile a quella di una neoplasia inizialmente resecabile 3. Nella nostra serie il migliore risultato di downstaging è Figura 8 - Sopravvivenza complessiva in rapporto allo stadio. Figura 9 - Sopravvivenza complessiva in rapporto alla sede della lesione. 7

8 Enrico Benzoni et al. stato raggiunto nelle neoplasie extraperitoneali ma non possiamo confermare quanto riportato in letteratura, poiché queste neoplasie hanno avuto una prognosi peggiore rispetto a quelle intraperitoneali. La causa della differenza riscontrata nello sviluppo di metastasi a distanza può essere riconosciuta nel grado di infiltrazione intramurale della lesione, definita in base alla classificazione pt: come riportato da alcuni autori, infatti, le neoplasie definite pt 3-4 sono associate a una maggiore incidenza di metastasi a distanza rispetto alle lesioni definite pt Nel nostro studio i pt 3 extraperitoneali hanno sviluppato il doppio delle metastasi a distanza dei T 0-2 e l unica neoplasia intraperitoneale associata ad una metastasi polmonare era stata stadiata pt 3 ; inoltre il numero dei pazienti con neoplasia extraperitoneale stadiata pt 3 è stato significativamente maggiore di quello con neoplasia intraperitoneale (57,5% vs. 33,3%; p = 0,04). Nella nostra serie l elevata incidenza di metastasi epatiche, polmonari e in altra sede associate a pn+ avvalora l ipotesi di alcuni autori secondo i quali le metastasi pelviche e linfonodali rappresentano già una diffusione ematogena o possono diffondere loro stesse a distanza 7. La frequenza di complicanze precoci è stata del 22,4% e delle tardive del 34,5%, ma soltanto nell 8,4% delle precoci e nel 15% delle tardive si è reso necessario un trattamento chirurgico; i nostri risultati confermano, in linea con quanto riportato in letteratura, che la radioterapia neoadiuvante e la chemioterapia nel cancro del retto sono procedure sicure che non aumentano l incidenza delle complicanze post-operatorie 19. CONCLUSIONI La sopravvivenza libera da malattia è dipendente dallo stadio patologico, dallo stato linfonodale (prima della CRT e dopo la chirurgia) e dalla sede del tumore, mentre la sopravvivenza complessiva è dipendente dallo stadio patologico e dalla sede del tumore. I nostri risultati confermano l utilità della CRT associata alla chirurgia nel trattamento del cancro del retto, in particolare negli stadi T2 e T3 poiché è in grado di determinare un downstaging, di convertire alla negatività uno stato linfonodale positivo e rendere più agevole e radicale la resezione chirurgica. Inoltre si è dimostrata una metodica sicura con una tossicità accettabile, consentendo un miglioramento della sopravvivenza complessiva e di quella libera da malattia. Riteniamo pertanto che sia da associare alla chirurgia nei pazienti con cancro del retto nei quali ve ne sia l indicazione. BIBLIOGRAFIA 1. Sauer R, Fietkau R, Wittekind C, Rodel C, Martus P, Hohenberger W, et al. Adjuvant vs. neoadjuvant radio-chemotherapy for locally advanced rectal cancer: the German trial CAO/ARO/AIO-94. Colorectal Dis 2003; 5: Kaminsky-Forrett MC, Conroy T, Luporsi E, Peiffert D, Lapeyre M, Boissel P, et al. Prognostic implications of downstaging following preoperative radiation therapy for operable T 3 -T 4 rectal cancer. Int J Radiat Oncol Biol Phys 1998; 42: Reerink O, Verschueren RC, Szabo BG, Hospers GA, Mulder NH. A favourable pathological stage after neoadjuvant radiochemotherapy in patient with initially irresectable cancer correlate with a favourable prognosis. Eur J Cancer 2003; 39: Valentini V, Coco C, Cellini N, Picciocchi A, Rosetto ME, Mantini G, et al. Preoperative chemoradiation with cisplatin and 5-Fluorouracil for extraperitoneal T 3 rectal cancer: acute toxicity, tumor response, sphincter preservation. Int J Radiat Oncol Biol Phys 1999; 45: Sauer R. Adjuvant and neoadjuvant radiotherapy and concurrent radiochemotherapy for rectal cancer. Pathol Oncol Res 2002; 8: Vauthey JN, Marsh RW, Zlotecki RA, Abdalla EK, Solorzano CC, Bray EJ, et al. Recent advances in the treatment and outcome of locally advanced rectal cancer. Ann Surg 1999; 229: Onaitis MW, Noone RB, Hartwing M, Hurwitz H, Morse M, Jowell P, et al. Neoadjuvant chemoradiation for rectal cancer: analysis of clinical outcomes from a 13-year institutional experience. Ann Surg 2001; 233: Pahlman L, Hohenberger W, Gunther K, Fietkau R, Metzger U. Is radiochemotherapy necessary in the treatment of rectal cancer? Eur J Cancer 1998; 34: Mehta VK, Poen J, Ford J, Edelstein PS, Vierra M, Bastidas AJ, et al. Radiotherapy, concomitant protracted venous infusion 5 Fluorouracil and surgery for ultrasound staged T 3 or T 4 rectal cancer. Dis Colon Rectum 2001; 44: Anwar RM, Britton A, Stevens W. Curative resection for rectal carcinoma: definition influences outcome in terms of local recurrence. Colorectal Dis 2001; 3: Ross A, Rusnak C, Weinerman B, Kuechler P, Hayashi A, MacLachlan G, et al. Recurrence and survival after surgical management of rectal cancer. Am J Surg 1999; 177: Dahlberg M, Glimelius B, Pahlman L. Improved survival and reduction in local failure rates after preoperative radiotherapy: evidence for the generalizability of the results of Swedish Rectal Cancer Trial. Ann Surg 1999; 229: Kapiteijn E, Marijnen CA, Nagtegaal ID, Putter H, Steup WH, Wiggers T, et al. Preoperative radiotherapy combined with total mesorectal excision for resectable rectal cancer. N Engl J Med 2001; 345: Janjan NA, Khoo VS, Abbruzzese J, Pazdur R, Dubrow R, Cleary KR, et al. Tumor downstaging and sphincter preservation with preoperative chemoradiation in locally advanced rec- 8 Osp Ital Chir - Luglio-Agosto 2005

9 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico tal cancer: the M.D. Anderson Cancer Center experience. Int J Radiat Oncol Biol Physics 1999; 44: Bosset JF, Magnin V, Maingon P, Mantion G, Pelissier EP, Mercier M, et al. Preoperative radiochemotherapy in rectal cancer: long-term results of a phase II trial. Int J Radiat Oncol Biol Phys 2000; 46: Luana-Perez P, Rodriguez-Ramirez S, Alvarado I, De La Barrera MG, Labastida S. Prognostic significance of retrieved lymph nodes per specimen in resected rectal adenocarcinoma after preoperative chemoradiation therapy. Arch Med Res 2003; 34: Piso P, Dahlke MH, Mirena P, Schmidt U, Aselmann H, Schlitt HJ, et al. Total mesorectal excision for the middle and lower rectal cancer: a single institution experience with 337 consecutive patients. J Surg Oncol 2004; 86: Fujita S, Shimoda T, Yoshimura K, Yamamoto S, Akasu T, Moriya Y. Prospective evaluation of prognostic factors in patients with colorectal cancer undergoing curative resection. J Surg Oncol 2003; 84: Valero G, Lujan JA, Hernandez Q, De Las Heras M, Pellicer E, Serrano A, et al. Neoadjuvant radiation and chemotherapy in rectal cancer does not increase postoperative complications. Int J Colorectal Dis 2003; 18:

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici?

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Carlo Greco Radioterapia Oncologica Università Campus Bio-Medico di Roma - Via Álvaro del Portillo, 21-00128

Dettagli

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale 4 Incontro STRATEGIE TERAPEUTICHE NEL CARCINOMA DEL COLON- RETTO CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale VALENTINA SEGA E.B. 80 anni ANAMNESI Nulla di rilevante all anamnesi patologica

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS. LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS. LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica Documento redatto da: Dr.ssa J. Fiore Dr.ssa A. Novarino Prof.U. Ricardi Oncologia Medica I.

Dettagli

LE INDICAZIONI DA PATOLOGIE NON GINECOLOGICHE

LE INDICAZIONI DA PATOLOGIE NON GINECOLOGICHE LA CHIRURGIA PELVICA EXENTERATIVA: INDICAZIONI E LIMITI LE INDICAZIONI DA PATOLOGIE NON GINECOLOGICHE Patrizia Racca SSCVD ColoRectal Cancer Unit A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino La

Dettagli

Osservatorio. Chemioterapia preoperatoria nelle neoplasie del retto localmente avanzate

Osservatorio. Chemioterapia preoperatoria nelle neoplasie del retto localmente avanzate Osservatorio Vol. 99, N. 3, Marzo 2008 Pagg. 134-140 Chemioterapia preoperatoria nelle neoplasie del retto localmente avanzate Emiliano Tamburini, Davide Tassinari, Maximilian Papi, Stefania Nicoletti,

Dettagli

Trattamento chemioterapico neoadiuvante nel tumore dello stomaco localmente avanzato

Trattamento chemioterapico neoadiuvante nel tumore dello stomaco localmente avanzato Trattamento chemioterapico neoadiuvante nel tumore dello stomaco localmente avanzato G. Margani, R. Carnuccio, L. Maran, A. Paccagnella, R. Merenda, E. Ancona per il Gruppo Multidisciplinare Oncologico

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia. Tesi di Dottorato di Ricerca

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia. Tesi di Dottorato di Ricerca Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Dottorato di Ricerca in Scienze Chirurgiche e Tecnologie Diagnostico-Terapeutiche Avanzate XX Ciclo Tesi di Dottorato di Ricerca

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

Trattamento individualizzato. Resezione segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale o plurirecidive. Stadio I

Trattamento individualizzato. Resezione segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale o plurirecidive. Stadio I RETTO Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale completa Resezione segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale o plurirecidive Sostituisce la definizione di carcinoma

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE:

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: QUALE STRATEGIA CLINICA? II Congresso Interregionale AIRO Piemonte-Liguria-Valle d Aosta Grinzane Cavour, 8 ottobre 201 1 Dimensioni del problema Dal

Dettagli

CARCINOMA COLO-RETTALE

CARCINOMA COLO-RETTALE Università degli Studi di Catania CARCINOMA COLO-RETTALE U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo CARCINOMA DEL COLON Rappresenta, nei paesi

Dettagli

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali Dieci anni di linfonodo sentinella: un primo bilancio L. Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia, Locarno Seno Forum 2010, Lugano Linfonodo sentinella Le metastasi linfonodali sono il fattore prognostico

Dettagli

Risultati della chirurgia per cancro gastrico

Risultati della chirurgia per cancro gastrico Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione San Giuseppe Moscati Avellino - Italy Struttura Complessa di Chirurgia Generale Dir. prof. F. Caracciolo Risultati della chirurgia per

Dettagli

Trattamento chirurgico tumori del retto: braccio laparoscopico

Trattamento chirurgico tumori del retto: braccio laparoscopico Studio multicentrico GISCoR Trattamento chirurgico tumori del retto: braccio laparoscopico Introduzione La chirurgia laparoscopica nel trattamento del cancro del colon-retto Nell ultimo decennio i progressi

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Commento a cura di Francesco Facciolo

Commento a cura di Francesco Facciolo Lee M. Krug, Harvey I. Pass, Valerie W. Rusch, Hedy L. Kindler, David J. Sugarbaker, Kenneth E. Rosenzweig, Raja Flores, Joseph S. Friedberg, Katherine Pisters, Matthew Monberg, Coleman K. Obasaju, and

Dettagli

Fegato. Caso clinico. Dott.ssa M.S.Favretto Radioterapia - Vicenza

Fegato. Caso clinico. Dott.ssa M.S.Favretto Radioterapia - Vicenza Fegato Caso clinico Dott.ssa M.S.Favretto Radioterapia - Vicenza Caso Clinico I Paziente di 37 anni che in settembre 2012 presenta diarrea importante e dolore pelvico. Vengono proposti accertamenti da

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

S.Terrazzino 1, L.Deantonio 2,3, S.Cargnin 1, L.Donis 3, C.Pisani 3, L.Masini 3, G.Gambaro 3, P.L.Canonico 1, A.A. Genazzani 1, M.

S.Terrazzino 1, L.Deantonio 2,3, S.Cargnin 1, L.Donis 3, C.Pisani 3, L.Masini 3, G.Gambaro 3, P.L.Canonico 1, A.A. Genazzani 1, M. Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità Università degli studi del Piemonte Orientale Divisione Universitaria di Radioterapia Direttore Prof. Marco Krengli Ruolo dei polimorfismi del DNA mitocondriale

Dettagli

Sarcoma epitelioide. Studio osservazionale prospettico

Sarcoma epitelioide. Studio osservazionale prospettico Sarcoma epitelioide Studio osservazionale prospettico marzo 2015 1 Metodologia : Promotore: Autori: Centro coordinatore: Studio osservazionale Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Via Venezian,

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

Autore N. pz Mediana Range. Mussi, 1996 [4] 15 30 nr. Granone, 2001 [5] 20 nr 29-60

Autore N. pz Mediana Range. Mussi, 1996 [4] 15 30 nr. Granone, 2001 [5] 20 nr 29-60 NSCLC - quadri clinici particolari trattamento di singola metastasi cerebrale e di una t resecabile: chirurgia e/o radioterapia? Ad oggi, non sono noti studi prospettici che valutino l impiego della radioterapia

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

Dipartimento di Oncologia direttore dr. Gianpiero Fasola

Dipartimento di Oncologia direttore dr. Gianpiero Fasola Dipartimento di Oncologia direttore dr. Gianpiero Fasola Misurare la qualità e la sicurezza dei pazienti adottando i percorsi clinici: l'esperienza dell'azienda Ospedaliero- Universitaria S. Maria della

Dettagli

Carcinoma del retto sottoperitoneale: trattamenti chemio/radioterapici perioperatori

Carcinoma del retto sottoperitoneale: trattamenti chemio/radioterapici perioperatori Carcinoma del retto sottoperitoneale: trattamenti chemio/radioterapici perioperatori Ann. Ital. Chir., 2010; 81: 247-253 Enrico Cortesi*, Alessandro Tuzi*, Daniela Musio** Università Sapienza, Roma *UOC

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE CARCINOMA DEL RETTO

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE CARCINOMA DEL RETTO LINEE GUIDA TERAPEUTICHE CARCINOMA DEL RETTO Data di aggiornamento: febbraio 2012 Classificazione TNM del carcinoma del retto: AJCC Cancer Staging Manual 7 th edition - 2009 Tx Tumore primitivo non valutato.

Dettagli

Protocollo dello studio Prostate cancer survival patients in Italy

Protocollo dello studio Prostate cancer survival patients in Italy Protocollo dello studio Prostate cancer survival patients in Italy Il tumore della prostata è la neoplasia più frequente nella popolazione maschile dei paesi industrializzati, tra cui l Italia. E quindi

Dettagli

Il trattamento chirurgico delle neoplasie della giunzione esofago-gastrica

Il trattamento chirurgico delle neoplasie della giunzione esofago-gastrica Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione San Giuseppe Moscati Avellino - Italy Struttura Complessa di Chirurgia Generale Direttore: Prof. F. Caracciolo Il trattamento chirurgico

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. A cura di Sara Lonardi, Francasaca Bergamo, Vittorina Zagonel L approccio multidisciplinare integrato è la migliore

Dettagli

La chemioterapia postoperatoria nel cancro del retto

La chemioterapia postoperatoria nel cancro del retto La chemioterapia postoperatoria nel cancro del retto Ann. Ital. Chir., LXXII, 5, 2001 L. CIONINI*, A. FA LC O N E * * *U.O. Radioterapia, Dipartimento di Oncologia Università, Pisa **U.O. Oncologia Medica,

Dettagli

Indicatori di qualità nei carcinomi genitali femminili: ovaio e utero Serata di presentazione progetto Zonta Club Locarno 13.04.2010 Registro Tumori Canton Ticino Istituto Cantonale di Patologia Via in

Dettagli

La chirurgia: come, quando e quale

La chirurgia: come, quando e quale La chirurgia: come, quando e quale V. Ziparo Facoltà di Medicina e Psicologia Dipartimento Medico-Chirurgico e Medicina Translazionale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia dell Adenocarcinoma

Dettagli

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1 Carcinoma esofageo 1 Anatomia 2 scaricato da www.sunhope.it 1 3 Epidemiologia ed Eziologia 4 scaricato da www.sunhope.it 2 Epidemiologia ed Eziologia Costituisce il 50% di tutta la patologia d organo 7%

Dettagli

CASO CLINICO 1 Paziente con carcinoma della flessura splenica sinistra

CASO CLINICO 1 Paziente con carcinoma della flessura splenica sinistra 4 Incontro STRATEGIE TERAPEUTICHE NEL CARCINOMA DEL COLON- RETTO CASO CLINICO 1 Paziente con carcinoma della flessura splenica sinistra SIMONE MURATORI G.R. 35 anni Anamnesi Paziente femmina di 35 anni,

Dettagli

AUDIT CHIRURGIA TORACICA- IEO

AUDIT CHIRURGIA TORACICA- IEO AUDIT CHIRURGIA TORACICA IEO CHIRURGIA ANATOMICA RESETTIVA: MORBILITA E MORTALITA POST CHIRURGICA DAL 2003 AL 2010 Prof. Lorenzo Spaggiari Introduzione Nell ultimo decennio solo un numero limitato di articoli

Dettagli

La Radioterapia nel tumore localmente avanzato L opinione del Chirurgo

La Radioterapia nel tumore localmente avanzato L opinione del Chirurgo La radioterapia nel trattamento integrato del cancro del polmone non microcitoma Taranto 20 Gennaio 2006 La Radioterapia nel tumore localmente avanzato L opinione del Chirurgo Michele Loizzi La chirurgia

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Trattamenti preoperatori. Claudia Nisi

Trattamenti preoperatori. Claudia Nisi Trattamenti preoperatori Claudia Nisi Caso clinico Donna di 49 anni, PS 0, nessuna comorbidità, dubbia allergia ad ASA. Sett 14 comparsa di macroematuria cistoscopia: Agevole introduzione del cistoscopio

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

I NETs: : A CHE PUNTO SIAMO?

I NETs: : A CHE PUNTO SIAMO? I NETs: : A CHE PUNTO SIAMO? La terapia: approccio multidisciplinare di una patologia complessa. CASO CLINICO Milano 20/06/2008 Laura Catena S.C. Oncologia Medica 2 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale

Dettagli

PREMESSA. Cancro Colorettale: al secondo posto per incidenza e mortalità neoplastica nella popolazione italiana.

PREMESSA. Cancro Colorettale: al secondo posto per incidenza e mortalità neoplastica nella popolazione italiana. PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E TRATTAMENTI MININVASIVI NEI TUMORI DEL COLON ON RETTO Marco Maria Lirici, MD, PhD, FACS PREMESSA Cancro Colorettale: al secondo posto per incidenza e mortalità neoplastica

Dettagli

Il Tumore della mammella a Ferrara:stato dell'arte e innovazione

Il Tumore della mammella a Ferrara:stato dell'arte e innovazione Il Tumore della mammella a Ferrara:stato dell'arte e innovazione La radioterapia intra-operatoria nel carcinoma mammario: presente e futuro Dr. Antonio Stefanelli U.O. Radioterapia Oncologica Az. Osp.

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma METASTASI POLMONARI Terapia Oncologica Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Metastasi polmonari: EPIDEMIOLOGIA Prevalenza nelle autopsie di

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto EPIDEMIOLOGIA -E al quarto posto fra i tumori maligni nel mondo (1999); -800.000 casi diagnosticati ogni anno (World Health Association); -Incidenza

Dettagli

Audit Chirurgia Toracica IEO

Audit Chirurgia Toracica IEO Audit Chirurgia Toracica IEO Chirurgia Anatomica Resettiva: Morbilità e Mortalità Post Chirurgica dal 2003 al 2010 Prof. Lorenzo Spaggiari Introduzione Nell ultimo decennio solo un numero limitato di articoli

Dettagli

Epidemiologia delle metastasi epatiche colorettali

Epidemiologia delle metastasi epatiche colorettali Epidemiologia delle metastasi epatiche colorettali Prof. Ferdinando Cafiero Direttore Dipartimento di Oncologia Chirurgica Integrata Oncologia Chirurgica A Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro,

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Fattori prognostici del carcinoma gastrico nell anziano

Fattori prognostici del carcinoma gastrico nell anziano DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE E CHIRURGICHE. CLINICA GERIATRICA UNIVERSITà DEGLI STUDI DI PADOVA Fattori prognostici del carcinoma gastrico nell anziano G.Gasparini, C. Santoro, ED. Toffannello, E. Faccioli,

Dettagli

CANCRO DEL COLON - Tab.1

CANCRO DEL COLON - Tab.1 CANCRO DEL COLON - Tab.1 Presentazione clinica Workup Soluzioni Polipo sessile o peduncolato con cancro invasivo Polipectomia Esame istologico Colonscopia Marcatura sede Campione integro, completamente

Dettagli

NEOPLASIE VESCICALI DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA

NEOPLASIE VESCICALI DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA National Cancer Institute 2006 National Cancer Institute 2006 Classificazione anatomo-patologica Forme maligne (97%) Carcinoma a cellule di transizione (>90%) Carcinoma a cellule squamose Adenocarcinoma

Dettagli

Carcinoma della prostata: INCIDENZA

Carcinoma della prostata: INCIDENZA Outcomes in Localized Prostate Cancer: National Prostate Cancer Registry of Sweden Follow-up Study JNCI - J Natl Cancer Inst. 2010 Jul 7;102(13):919-20 Trento, 13/11/2010 Di cosa si tratta? E' uno studio

Dettagli

Sarcomi delle Parti Molli

Sarcomi delle Parti Molli Congresso Nazionale di Chirurgia Pediatrica LA MALATTIA NEOPLASTICA NELL ADOLESCENTE E NEL GIOVANE ADULTO STRATEGIE A CONFRONTO Ferrara, 9 OTTOBRE 2013 Sarcomi delle Parti Molli Gianni Bisogno Clinica

Dettagli

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi HER2Club in gastric cancer Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi Anche quest anno il consueto appuntamento di aggiornamento per gli oncologi di tutto il

Dettagli

TRATTAMENTO DELL ADENOCARCINOMA T1 (ADENOMA CANCERIZZATO) Il parere del chirurgo: Vincenzo Trapani

TRATTAMENTO DELL ADENOCARCINOMA T1 (ADENOMA CANCERIZZATO) Il parere del chirurgo: Vincenzo Trapani TRATTAMENTO DELL ADENOCARCINOMA T1 (ADENOMA CANCERIZZATO) Il parere del chirurgo: Vincenzo Trapani Adenoma cancerizzato/carcinoma colorettale iniziale (pt1) DEFINIZIONE Lesione adenomatosa comprendente

Dettagli

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE S. SPINI MD, PhD; F. APICELLA MD, FCCP; P. CAPPELLINI MD, L. MAGGI MD Azienda Sanitaria Firenze Nuovo Ospedale S. Giovanni di

Dettagli

Neoplasia prostatica. Terapia ormonale adiuvante alla chirurgia. Come e quando?

Neoplasia prostatica. Terapia ormonale adiuvante alla chirurgia. Come e quando? Neoplasia prostatica. Terapia ormonale adiuvante alla chirurgia. Come e quando? C. Selli Cattedra e Scuola di Specializzazione in Urologia Firenze 9 Febbraio 2008 Introduzione Terapia adiuvante Scopo:

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO Società Triveneta di Chirurgia Padova, 20 febbraio 2015 TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO Valmasoni M., Pierobon E. S., De Pasqual C. A., Zanchettin G. Capovilla G.,

Dettagli

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE Versione 2 15.01.13 PROTOCOLLO DI STUDIO IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE COORDINATORE PROGETTO DI RICERCA REGIONE-UNIVERSITA REGIONE EMILIA

Dettagli

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O.

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Il supporto del chirurgo generale Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Treviglio Rispettando il principio del trattamento guidato dai

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL TESTA-COLLO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL TESTA-COLLO ANNO 2012 TUMO GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL TESTA-COLLO TUMORI DELL IPOFARINGE A cura di: Mauro Magnano 1 TUMORE DELL IPOFARINGE Storia Naturale Il carcinoma a cellule squamose dell' ipofaringe è meno frequente

Dettagli

Sponsor. III Obiettivi Primari

Sponsor. III Obiettivi Primari Titolo Sponsor ITACA-S 2 (Intergruppo Nazionale Adiuvante Gastrico 2): Confronto tra l efficacia di un trattamento chemioterapico peri-operatorio e un trattamento chemioterapico post-operatorio in pazienti

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

Dirigente medico I livello Istituto Nazionale Tumori Napoli Resp. S.S. Videochirurgia. f.ruffolo@istitutotumori.it.na

Dirigente medico I livello Istituto Nazionale Tumori Napoli Resp. S.S. Videochirurgia. f.ruffolo@istitutotumori.it.na CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Ruffolo Fulvio Data di nascita 22.08.1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente medico I livello Istituto Nazionale Tumori Napoli Resp.

Dettagli

La dimensione del tumore è predittiva della sopravvivenza nel tumore del polmone non a piccole cellule in stadio IA*

La dimensione del tumore è predittiva della sopravvivenza nel tumore del polmone non a piccole cellule in stadio IA* La dimensione del tumore è predittiva della sopravvivenza nel tumore del polmone non a piccole cellule in stadio IA* Jeffrey L. Port, MD; Michael S. Kent, MD; Robert J. Korst, MD, FCCP; Daniel Libby, MD,

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

VATS e tumore del polmone

VATS e tumore del polmone VATS e tumore del polmone Utilizzo della vats nella diagnosi, stadiazione e trattamento del tumore del polmone VATS Linfonodi mediastinici Versamento pleurico e pericardico Nodulo polmonare Exeresi VATS

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto La Radioterapia post-mastectomia nel carcinoma della mammella Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto LA RADIOTERAPIA POST-MASTECTOMIA I QUESITI perchè in quali pazienti sempre dopo chemioterapia

Dettagli

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea UOC CHIRURGIA TORACICA Università degli Studi di Padova Ruolo della chirurgia nel PDTA del tumore polmonare DIAGNOSTICO TERAPEUTICO Interventi Diagnostici Se possibile

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Epidemiologia quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Fattori di rischio Fumo di sigaretta (O.R. 2-2.5) Dieta ipolipidica e a basso contenuto

Dettagli

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto. Gianna Regis

Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto. Gianna Regis Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Persona con tumore del colon-retto Gianna Regis L intestino L intestino è un organo dell apparato gastro-enterico L intestino L intestino si divide

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio Il Carcinoma dell Endometrio Prof. Francesco Sesti EPIDEMIOLOGIA - Il carcinoma dell endometrio endometrio rappresenta nel mondo il secondo tumore femminile con 189.000 nuovi casi per anno, preceduto solo

Dettagli

Il Linfonodo Sentinella nel Tumore della Tiroide

Il Linfonodo Sentinella nel Tumore della Tiroide Il Linfonodo Sentinella nel Tumore della Tiroide M. Grosso - G. Boni Centro Regionale di Medicina Nucleare Università di Pisa INTRODUZIONE (I) La rimozione del Linfonodo Sentinella (LS) si basa sul concetto

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

La radioterapia intraoperatoria (IORT) nel cancro del pancreas

La radioterapia intraoperatoria (IORT) nel cancro del pancreas La radioterapia intraoperatoria (IORT) nel cancro del pancreas IORT : Definizione Erogazione di una dose singola elevata di radiazioni in zone anatomiche ad alto rischio di recidiva o sede di residuo micro

Dettagli

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Pisa, 29 gennaio 2005 Umberto Veronesi Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Aspetti critici della ricerca biomedica Difficoltà a rinnovare la

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma PERCORSO UNITA PROSTATA POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma COORDINAMENTO DIAGNOSTICO: Dott.ssa Valeria Panebianco, UOC Radiologia Centrale (Dir.Prof.C.Catalano) Dipartimento di Scienze Radiologiche,

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

STADIAZIONE E TRATTAMENTO CHIRURGICO

STADIAZIONE E TRATTAMENTO CHIRURGICO PROTOCOLLI OPERATIVI IN PNEUMOLOGIA INTERVENTISTICA: NODULO POLMONARE PERIFERICO STADIAZIONE E TRATTAMENTO CHIRURGICO PROF. FEDERICO REA CATTEDRA DI CHIRURGIA TORACICA UNIVERSITA DI PADOVA Firenze 18 Marzo

Dettagli

La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide

La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide Sottotitolo: Il Buono, il Brutto e il Cattivo Dott. Michele Minuto U.O.S. Chirurgia Endocrina (Chirurgia 1) IRCCS A.O.U. San Martino-IST L epidemiologia

Dettagli

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Farci Daniele Data di nascita 04/06/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI CAGLIARI Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA

Dettagli

Terapie ablative locali dell HCC

Terapie ablative locali dell HCC 1 Terapie ablative locali dell HCC V. Arienti, L. Baldini, S. Pretolani Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia Internistica ed Interventistica Divisione di Medicina Interna - Ospedale Maggiore Bologna

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità Operativa Di Radioterapia Azienda Ospedaliera Di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina APPROCCIO RADIOTERAPICO I tumori primitivi del mediastino di interesse radioterapico sono

Dettagli

Il tumore di Pancoast o tumore del solco superiore è un raro tumore del polmone che presenta una frequenza inferiore al 5% [1-3] e si localizza a

Il tumore di Pancoast o tumore del solco superiore è un raro tumore del polmone che presenta una frequenza inferiore al 5% [1-3] e si localizza a NSCLC - quadri clinici particolari trattamento del tumore di pancoast Il tumore di Pancoast o tumore del solco superiore è un raro tumore del polmone che presenta una frequenza inferiore al 5% [1-3] e

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli