Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane"

Transcript

1 SPC Scienze del pensiero e del comportamento Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane La Multimedialità al tempo della Nuvola Pietro Ramellini* (*Liceo Mancinelli Falconi Velletri. Università Pontificia Regina Apostolorum Roma)

2 La Multimedialità al tempo della Nuvola di Pietro Ramellini Quasi seguendo una sorta di ciclo macropedagogico, periodicamente la scuola torna ad interrogarsi sulla multimedialità. Da una parte, una dose omeopatica e subliminale di multimedialità tiene sempre bordone, per la banale ragione che è assolutamente inevitabile; dall altra, assistiamo di tempo in tempo a fiammate di rinnovato interesse, siano esse innescate dall irruzione del registro elettronico o dalla sospirata inaugurazione di un aula multimediale. Ora, notoriamente tutti sanno cos è la multimedialità finché qualcuno non chiede di cosa si tratta. A quel punto, dopo aver imbastito una definizione più o meno traballante, si scopre che già La Settimana Enigmistica è intimamente multimediale, e non si comprende più la necessità di tanto clamore pedagogico e fervore didattico. Per dare sostanza a queste affermazioni, leggiamo la definizione della multimedialità che figura in uno degli ultimi aggiornamenti dell Enciclopedia Italiana (Morelli 2000): In senso stretto, il termine multimedialità indica la possibilità di utilizzare più mezzi (media), diversi fra loro, per rappresentare delle informazioni. Va peraltro diffondendosi un significato più esteso della m., corrispondente al caso in cui, all'impiego di più mezzi, si associa la possibilità di interagire con i vari supporti delle informazioni e il contenuto informativo che essi veicolano. Tra i media utilizzabili a questi fini figurano testi, immagini fisse, immagini in movimento, grafica e suoni. Pertanto, la presenza su La Settimana Enigmistica delle intriganti domande nell Edipeo enciclopedico, delle foto di improbabili paesini della provincia italiana, delle grafiche create ad hoc per supportare i più svariati giochi di parole, di rebus che miscelano disinvoltamente immagini e lettere, di collegamenti interni alle risposte di pagina 46, e dei link esterni che rinviano la soluzione del Bartezzaghi al numero successivo, ebbene, tutto ciò rivela già un ricco, sapiente e assai pedagogico uso della multimedialità. Dopo di che, se qualcuno ritiene che la digitalizzazione, la presenza in rete e l interattività non possano mancare, allora il sito è davvero l apoteosi della multimedialità. Per passare dal faceto al serio, occorre trovare un punto di attacco, una prospettiva di analisi, che ci permettano di sondare più a fondo la natura e la finalità della multimedialità come oggi si presenta, hic et nunc et sic. Proverò allora ad inquadrare il tema della multimedialità all interno di una più ampia riflessione sull attuale Età dell Informazione, della Noosfera e soprattutto, ai nostri fini, dei New Media.

3 Da qualche anno a questa parte, grazie alla felice metafora della liquidità, il sociologo Zygmunt Bauman ha potuto scandagliare e radiografare la nostra attuale forma di vita (Bauman 2011: v), e più ancora l intera modernità, passando con disinvoltura dall amore liquido alle paure liquide, fino a coinvolgere l intera vita liquida. La liquidità si sposava bene, del resto, con un altra potente e pervasiva metafora della contemporaneità, cioè la rete: intesa come fishing net più che come spider web, attrezzo da pesca più che ragnatela, la Rete è subito apparsa come un immenso tramaglio teso nel mare magnum dell informazione digitale, sdoganando così metafore che andavano dall innocente netsurfing sulle onde telematiche all odioso phishing dei nostri dati più confidenziali. Ebbene, a solo pochi anni di distanza dalla pubblicazione, nel 2000, di Liquid Modernity, l impressione è che la metafora della liquidità si sia già usurata, ridotta all obsolescenza dall affacciarsi di un nuovo campo metaforico, se possibile ancora più duttile, sottile ed impalpabile: quello dei vapori, dei gas e più in generale degli aeriformi. Abbiamo sempre a che fare con fluidostatica e fluidodinamica, ma stavolta si tratta di aerodinamica anziché idrodinamica, di fenomeni atmosferici anziché idrosferici. Se questo segni un ritorno a teorie dei fluidi sottili e imponderabili, come quelle che hanno segnato lo sviluppo della filosofia naturale e della fisica moderna, è ancora presto per dirlo; così pure, non sappiamo se sarà l intera società a diventare gassosa, se i suoi aspetti liquidi e aeriformi si fonderanno in un fluido supercritico oppure come mi sembra più probabile se si troverà un punto triplo di equilibrio tra le sue fasi solida, liquida e aeriforme. In ogni caso, siamo qui a registrare il mutamento e a sondarne le ricadute. La nuova icona di questa concezione, o meglio visione del mondo, è sicuramente il Cloud, la nuvola. Non basta più che la programmazione radiotelevisiva sia On Air o su Sky: si tratta ora del trasloco in cielo dell ingente massa delle informazioni di cui abbiamo, o crediamo di avere, bisogno. È una quantità inimmaginabile di dati, di cui è assai facile apprezzare l imponderabilità perché come ben aveva intuito Italo Calvino nelle sue Lezioni Americane i bit non hanno peso; stiamo tuttavia perdendo rapidamente cognizione delle loro proporzioni, avendo solo la vaga sensazione che a misurarle non bastino più né Peta- né Esabyte. Tutta questa congerie di informazioni, di cui buona parte è sicuramente costituita da junk data o per dirla heideggerianamente Verfallenheit, chiacchiera inautentica e fuga da sé stessi, la stiamo trasferendo sulla Nuvola o comunque in cielo, nei vari SkyDrive, icloud, Cloud Drive o CloudMe. Nel frattempo, possiamo anche servirci del cloud computing su EMC Atmos o Rackspace Cloud, o avviare forme di cloud collaboration grazie a piattaforme quali Nimbula, OpenNebula e GreenQloud. Al sentire tutti questi nomi, riaffiora il ricordo della Nubicuculia di Aristofane o del gran deposito lunare in cui ciò che si perde qui, là si raguna ; l importante è che la Nuvola venga associata nell immaginazione alla candida morbidezza dei cumuli o, ancor meglio, alle diafane vaporosità dei cirri, e mai e poi mai alla torreggiante e minacciosa densità di un cumulonembo temporalesco. Disponibili in ogni luogo e tempo, fedeli e docili ai nostri richiami secondo i dettami della tecnologia RAS reliability, availability, serviceability i nostri dati sono fisicamente incorporati in qualche server remoto nei deserti della California, ma liricamente assunti al cielo. Dopo di che, chiunque può lanciarsi nello sfruttamento della metafora: in architettura, ad esempio, dopo aver constatato la solida concretezza

4 dell Empire State Building ed esserci meravigliati per la liquida spumosità del Water Cube a Beijing, siamo tutti in trepidante attesa della Nuvola di Fuksas al quartiere EUR di Roma. Ora, il Cloud sarebbe largamente inefficace se non fosse accompagnato da altri due «segni d aria», la moltiplicazione dei personal device e l estensione ad essi delle tecnologie wireless. Nel giro di pochi anni siamo passati dall ormai paleolitica postazione fissa, con tanto di ingombranti computer case ed inestricabili matasse di cavi elettrici, ad una pletora di cellular, personal, laptop, smart, portable e wrist device, formidabile panoplia dell eroe netizen. La tecnologia wireless ha reso nel frattempo possibile la comunicazione e la sincronizzazione di queste estensioni neurosensoriali, dando vita ad una sorta di ectosimbiosi tra media portatili e corpi umani. L atomizzazione dei dispositivi e la liberazione dalle connessioni materiali con i network telematici hanno così moltiplicato le suggestioni di vaporosità, leggerezza e ariosità di una rete ormai fatta di nodi senza più fili. La transizione alla fase gassosa si presenta dunque sotto il Segno dei Tre: il Cloud, ovvero la mediateca di Nubicuculia; il wireless, ovvero il taglio dei cavi ombelicali; la moltiplicazione dei device, ovvero la riproduzione cellulare. Il dubbio che permane, e che non affronteremo in questa sede, è semmai a quale elemento, mahābhūta o godai ricollegare la fase gassosa: all aria, come abbiamo sinora supposto, o ad un più quintessenziale etere, akasha o kū? Da un lato, le nuvole sono indubbiamente fenomeni atmosferici, nel complesso assai liberi anche se soggetti ai capricci di Eolo; dall altro, nell etere sono state concepite le onde hertziane, e ancora oggi abbondano le connessioni Ethernet. Comunque stiano le cose, ad evitare il reincantamento o la sacralizzazione di una metafora in effetti assai laica come il Cloud, è bene scendere nel concreto: quali sono i risvolti della transizione dal liquido all aeriforme nella pratica quotidiana dell interazione multimediale? Come si presenta la multimedialità ai tempi della Nuvola? Quale relazione si instaura tra la modernità gassosa e i processi di insegnamento e apprendimento? Una prima notazione è che, nell immaginario collettivo, i dati immessi e scaricati dalle nuvole appaiono, proprio per la loro fantasmatica collocazione, disancorati da questo nostro imperfetto mondo sublunare: fluttuano liberi nel cielo, non conoscono barriere e confini; non sappiamo da dove vengono e dove vanno, quali venti li sospingano, come giungano in cielo e piovano su smartphones e tablet. Le informazioni sono immagazzinate non in un sistema organicamente strutturato, ma in un aggregato proteiforme e indefinitamente rimodellabile: informazione informe, stoccata in un altrove remoto, fascinoso e pericoloso come ogni Hic sunt leones che si rispetti. La realtà così rappresentata ricorda la celebre quartina finale del Sūtra del Diamante, in cui Buddha paragona il mondo impermanente ad una nuvola e al balenare di un lampo (ma anche, con liquida metafora, ad una bolla o una goccia di rugiada). Certo, si tratta di un modo di pensare lontano dalla mentalità occidentale corrente, che preferisce forse lasciarsi sedurre dalle connotazioni di freschezza e libertà delle nuvole; tuttavia, è possibile che l attuale successo degli I-device, anziché segnalare un ipertrofia dell Ego, derivi anche dal bisogno più o meno consapevole di ancorarsi al proprio Io come a qualcosa di fisso e stabile, e alla volontà di sentirsi almeno come palloni frenati nell azzurro del cyberspace.

5 Un secondo aspetto è che le informazioni piovono dalla Nuvola come aerosol atomizzati (quando non si tratta di nubifragi da overload informativo) e permangono come disiecta membra che è difficile organizzare in sistema. Il fatto poi che giungano a noi attraverso media differenti più diversi di quanto si immagini, come avvertiva Marshall McLuhan già negli scorsi anni Sessanta aggiunge un ulteriore livello di eterogeneità e frammentazione. Prendiamo ad esempio la geografia: l impressione è che per molti studenti e studentesse i luoghi di cui sentono parlare sui mass-media non vengano associati ad alcuna carta geografica mentale, ma persistano ostinatamente come dati atomici, collegati più al ricordo di un servizio televisivo che dai loro effettivi rapporti topografici. Ora, venire a conoscenza di frammentarie informazioni multimediali sulla guerriglia afghana sarà sufficiente per collocarle nelle giuste coordinate geografiche? Basterà uno sciame di cognizioni geografiche particellari per discutere le relazioni concettuali tra landscape e mediascape? Analoghe considerazioni valgono per qualsiasi altra disciplina: una volta che abbiano visto una docufiction multimediale, più o meno cupa e sanguinolenta, sulla fondazione di Roma, e abbiano preparato la solita ricerca su Wikipedia sulla predicazione di Isaia, siamo sicuri che le nostre liceali abbiano afferrato che quei fatti sono grosso modo contemporanei? Come saranno ordinati quegli eventi nella loro mente, e come se li rappresenteranno? Saranno pronte per affrontare le idee di Karl Jaspers sulle Epoche Assiali? Si dirà che anche prima della Network Society gli studenti non erano capaci di simili comparazioni, pur avendo studiato sui migliori manuali cartacei del tempo. Ma anche lasciando da parte il fatto che un testo illustrato è già multimediale, l obiezione non regge: un conto è non saper sistemare luoghi ed eventi perché un manuale carente o un insegnante insensibile alla metodologia non ti hanno insegnato a farlo, un altro è non porsi neppure il problema delle relazioni tra luoghi ed eventi, perché l apprendimento è avvenuto per accumulazione di schegge tra loro programmaticamente scollegate. Non è detto con ciò che tutto sia perduto. Forse, l apprendimento nell infosocietà gassosa consiste precisamente nell accumulare informazioni puntiformi e dati adimensionali, tessendo contemporaneamente relazioni a breve e lunga distanza fino a quando cristallizzi un sistema ben compaginato di concetti; come ha mostrato il biologo Stuart Kauffman (1993), dato un insieme di nodi puntiformi si può ottenere una serie di grafi parziali connettendo i nodi a coppie attraverso archi di connessione; oltrepassando una soglia che dipende dal rapporto tra nodi e archi, si assiste ad una transizione di fase in cui quasi tutti i grafi parziali coalescono istantaneamente in un gigantesco grafo. Così pure, l apprendimento può avvenire attraverso piccoli o grandi insight sistemici, che improvvisamente rivelano connessioni insospettate tra dati atomici: Toh, New York è vicina a Washington! E lontana dallo stato di Washington! Chi l avrebbe mai detto?. Si affaccia allora una possibile tattica pedagogica per i nostri tempi: anziché lamentarsi per un Arcadia scolastica sì bella e perduta, occorre comprendere a fondo la nostra età e cogliere i segni dei tempi; su questa base, si potrà proporre una didattica che parta da un modo diffuso di apprendere le informazioni per punti isolati, per exempla singolari e aiuti studenti e studentesse a organizzarle in sistema. Si tratta, a ben vedere, di una doppia inversione metodologica: da una parte, si dà per scontata l impossibilità di un percorso microriduzionista, perché non c è in partenza alcun tutto da scomporre nei

6 suoi atomi elementari; parallelamente, si decostruisce dall altro lato qualsiasi velleità decostruzionista, che pure sembrerebbe adeguata alla scuola postmoderna o liquida, perché non si dà almeno in prima battuta alcun sistema da decostruire. Piuttosto, dando per scontato che, in un certo senso, il microriduzionismo e il decostruzionismo hanno già lavorato e prodotto particelle elementari in abbondanza, si parte proprio da queste membra, talmente disiecta che gli studenti nemmeno sospettano che fossero precedentemente unite, e pian piano si tesse, si cuce fino a ricomporre la totalità, o a comporre una totalità; il docente invita gli studenti a mettere in comune i fili che possiedono, fa notare come collettivamente la classe disponga di una ricca e variopinta mazzetta di fili, ne aggiunge altri ma soprattutto mostra come intrecciarli in un arazzo, in un sistema dotato di senso. Questo metodo non considera l apprendimento come la mietitura di un campo maturo, da condurre secondo un ordine prefissato ed invariabile, bensì come la tessitura di sontuosi arazzi su telai ad alto liccio culturale. La scuola come manufacture des Gobelins: non sarebbe un bell esempio di quella didattica laboratoriale, multimediale e pedocentrica che molti insegnanti e pedagogisti vagheggiano? Tanto per proporre un esempio anche in ambito scientifico, oggi gli studenti arrivano a scuola con un bagaglio di spezzoni di documentari visti in televisione, di esperimenti condotti in qualche Exploratorium, di videoclip da paura condivisi sui social network attraverso i loro misteriosi tam-tam. Occorre allora con pazienza far decantare questa nebulosa di nozioni atomiche, questo gas ad alta temperatura emotiva e bassa temperatura cognitiva, liberarsi dalla melassa multimediale dell infotainment e delle docufiction, per cominciare a collegare, tessere, annodare e indicare relazioni. Le nozioni degli studenti, solitamente più numerose di quanto immaginano i docenti, serviranno allora come trampolini di lancio, punti d appoggio e fulcri della leva didattica e pedagogica; il maestro è il ragno che si appoggia ad essi per tessere un web o net di relazioni culturali tra dati elementari: the teacher plays the spider, and hath woven A golden mesh t entrap the hearts and minds of students Sorge a questo punto la più classica delle obiezioni postmoderne: c è in giro qualcuno tanto pieno di sé da pretendere di conoscere il cartone preparatorio dell arazzo, tessere il métarécit o insegnare la Grande Sintesi? Non siamo forse condannati all impossibilità di ogni metanarrazione, alla sola certezza dell incertezza, e perciò ad accontentarci di più o meno informi pastiche di nozioni? Se invece si preferisce la nozione di modernità liquida, non sarebbe questo il momento di ricordare lo slogan dantesco di Bauman: Abbandonate ogni speranza di totalità, futura come passata, voi che entrate nel mondo della modernità liquida? Se così stanno le cose, possiamo davvero, e sarà effettivamente un bene, collegare le nozioni molecolari in un sistema molare, o dobbiamo considerare i nostri quadri concettuali come costellazioni illusorie, che uniscono artificiosamente astri lontani anni luce l uno dall altro? Le nostre sintesi sono naturali o convenzionali, le possiamo veramente riconoscere e cogliere nella realtà, oppure sono frutto di costruzione e tessitura mentale? Per quanto è dato osservare storicamente, nel corso dei secoli si sono succeduti almeno in certe società e culture tempi di frammentazione e ricomposizione, epoche di analisi e sintesi, periodi enciclopedici e monografici. Dunque, è ben possibile che il

7 postmoderno, questo bell esempio di manierismo in cui viviamo, sia una fase di transizione da un sistema ad un altro, ad esempio dall attuale egemonia occidentale ad un incipiente e inedita cultura mondiale, sincretica e meticcia; di questo avviso è ad esempio lo stesso Bauman, che ha recentemente supposto che la modernità liquida sia un «interregno» tra due forme diverse di conditio humana (2011: v). Ma concediamo per un momento che invece stia definitivamente tramontando l idea stessa di sistema di pensiero, e che il passaggio dal solido sistema positivista di fine Ottocento, alla sua liquefazione (il fisico direbbe fusione, ma la parola non ha la stessa forza retorica) novecentesca preluda ad un irreversibile evaporazione dei sistemi concettuali in un gas di nozioni atomiche. Che fare allora? Intravedo almeno due risposte. In primo luogo, di fronte ad una nebulosa di nozioni che non fanno e non possono fare sistema, si può almeno adottare un approccio prospettivista: si sceglie con oculatezza un punto di vista da cui osservare e giudicare le informazioni disponibili; si dispone così di un robusto principio di critica e giudizio, se non di unità e organizzazione, del pensiero e soprattutto dell azione. L educazione consiste allora nell abilitare gli alunni a dotarsi di un proprio punto di vista, arricchendolo e modificandolo poi nel confronto con quello dei compagni, e traducendolo in pratiche consapevoli e responsabili. Collocato per così dire ail interno della realtà, il punto di vista opera dall interno della realtà, e in quanto capace di discernere e scandagliare, cioè di inter legere e quasi intus legere, lo possiamo qualificare come intelligente. In questo modo possiamo resistere all acuta osservazione di Marshall McLuhan, quando sosteneva che il carattere particolare di ogni singolo, anche nobilissimo, punto di vista ha perduto nell era elettrica, ogni funzione, perché pretende di tirarsi fuori, di esaminare il mondo da una posizione di estraneità e superiorità; allo stesso tempo, proprio perché immerso nella realtà, il punto di vista salva un altra idea di McLuhan, secondo cui l avvento dell elettricità comporta un coinvolgimento profondo e responsabile del singolo nell umanità, perché fa implodere il mondo e ci avvicina a tutti gli uomini e le donne del nostro tempo (McLuhan 2011: 23-25). Un simile approccio prospettivista solleva immediatamente il metaproblema della nebulosa dei punti di vista; entra allora in campo il secondo aspetto cui accennavo, che chiamerei provvisoriamente della sostenibilità. Criterio di discernimento e scelta tra punti di vista è la loro sostenibilità intergenerazionale: ad esempio, una prospettiva che, di fronte ai sempre più diffusi, anche se atomici, segnali di crisi ecologica, ne dichiari l irrilevanza pratica avrebbe come esito non tanto la distruzione dell ecosfera, dato che batteri e scarafaggi ci sopravviverebbero allegramente, quanto un progressivo deterioramento della conditio humana. A ben vedere, tuttavia, la questione non ruota tanto intorno alla sostenibilità, quanto al movente e alla finalità profondi dei vari punti di vista: quali sono l origine e l orizzonte, e soprattutto il centro e il cuore di un punto di vista? Da cosa trae alimento, e verso cosa è diretto? È su questo livello che occorre giudicare e scegliere: se un punto di vista è animato da finalità di comunione e condivisione, di conoscenza e amore, allora sarà fecondo e umanizzante; se invece è per principio e in prospettiva centrato solo su conflitto, inimicizia e divisione, allora condurrà verso la sterilità e la disumanità.

8 Ma possiamo davvero pensare di eliminare polemos e neikos dall umanità? È evidente che stiamo raggiungendo frontiere di riflessione assai lontane dagli intenti iniziali, eppure è il filo stesso del discorso e del ragionamento che ci ha condotto sin qui; sottrarsi a queste domande ultime significherebbe lasciarle sullo sfondo, come spade di Damocle o nodi gordiani irrisolti, che sonnecchiano nel profondo pronti a balzar fuori alla minima occasione. Per abbozzare una replica, e riagganciarci concretamente al discorso sulla multimedialità, possiamo ricordare che non ogni conflitto è scatenato dalla malvagità umana: ci sono guerre che scoppiano per difetti nella comunicazione tra popoli o etnie, per limiti nella comprensione delle posizioni altrui, o per quella profonda carenza umana che la morale classica chiama invincibile ignoranza. Ebbene, la multimedialità può dare un contributo positivo alla soluzione di questa conflittualità sui generis, tanto peculiare in quanto nociva e innocente al tempo stesso, simile più ad una «malattia» sociale che morale, bisognosa di terapie anziché processi; poiché la sua radice risiede proprio in un difetto di comunicazione, di informazione e di rappresentazione, ogni medium disponibile, dal livello individuale a quello di massa, dalla medialità semplice alla multimedialità, può e deve essere messo in campo per sconfiggere sul nascere questa conflittualità. Un altro campo in cui la (multi)medialità può dare buona prova di sé è quello dei conflitti di crescita e delle crisi di sviluppo, ovviamente di grande importanza in campo pedagogico. Qui i media di comunicazione sociale, e segnatamente quelli che supportano i social networks, possono rivelarsi davvero preziosi nel confronto e nei passaggi di consegne intergenerazionali; ancor più importante è il loro ruolo nello scambio sociale tra coetanei e nella solidarietà intragenerazionale, con positive ricadute sull elaborazione e il raffreddamento dei conflitti. I media e la multimedialità sono nelle nostre mani, appunto come strumenti e mezzi: sta a noi farne buon uso e piegarli ai nostri fini. Questa «educazione» dei media affinché si adeguino in funzione ancillare alla nostra vita procederà di pari passo con l educazione ai media, nell ottica di quella media literacy che costituisce un obiettivo imprescindibile di ogni sistema scolastico contemporaneo. Così stando le cose, potremo tornare in classe e pronunciare le fatidiche parole: Aprite i cellulari a pagina 20. Ringraziamenti Ringrazio studenti e studentesse, colleghi e colleghe del Liceo Mancinelli-Falconi di Velletri (Roma) per le vivaci e divertenti ore passate insieme a discutere di questi temi. Bibliografia Bauman, Z. (2011). Modernità liquida. Roma-Bari, Laterza (ed. or. 2000). Kauffman, S. A. (1993). The Origins of Order. New York, Oxford U. P. McLuhan, M. (2011). Capire i media. Milano, il Saggiatore (ed. or. 1964). Morelli, M. (2000). Multimedialità. In: Enciclopedia Italiana, VI Appendice. Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana.

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso?

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso? Da 1200 a 12.000 partecipanti in dieci anni. Sono queste le cifre impressionanti del corso Sprigiona il Potere che è in Te di motivazione personale di Anthony Robbins, uno dei massimi eventi formativi

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Lo studio digitale Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Roberto Maragliano Università degli Studi Roma Tre r.maragliano@gmail.com Le tecnologie possono essere viste come veicoli.

Dettagli

Imparare a disimparare

Imparare a disimparare Imparare a disimparare Quello che abbiamo imparato finora non è più adatto a un contesto economico e un mercato profondamente cambiati. È ora di far emergere nuove modalità di pensiero, azione e condivisione

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

I primi 15 minuti. Breve guida al colloquio orale.

I primi 15 minuti. Breve guida al colloquio orale. I primi 15 minuti Breve guida al colloquio orale. L esame di stato. Normativa di riferimento. il colloquio ha inizio con un argomento o con la presentazione di esperienze di ricerca e di progetto, anche

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE MENTORI E STUDENTI STRANIERI M.I.A. COMENIUS - LLP. ROMA, 12/13 Ottobre 2012

INCONTRO DI FORMAZIONE MENTORI E STUDENTI STRANIERI M.I.A. COMENIUS - LLP. ROMA, 12/13 Ottobre 2012 INCONTRO DI FORMAZIONE MENTORI E STUDENTI STRANIERI M.I.A. COMENIUS - LLP ROMA, 12/13 Ottobre 2012 GRUPPO DI LAVORO SU INSERIMENTO,VALUTAZIONE E LINGUA ITALIANA PROBLEMA il contratto formativo non ha corrispondenza

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Qualcosa si annida dentro noi e ci rende la vita difficile, complicata, come un dèmone

Dettagli

COBAT, LUCE GREEN AD ALTA QUOTA

COBAT, LUCE GREEN AD ALTA QUOTA PIOMBO BATTERIE AMBIENTE 6 DICEMBRE 2013 cobat informa storia cultura ECONOMIA Anno 15 n 6 Registrazione del Tribunale di Roma del 22 novembre 1999 n 558 Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento

Dettagli

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo:

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo: 01 Introduzione Noi viviamo su un pianeta che si chiama Terra. La Terra si trova in uno spazio grandissimo (spazio infinito). In questo spazio infinito ci sono tante cose (tante parti di materia). Come

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO: 2008/09 CLASSE: IV A MATERIA:Chimica Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTE: Benedet Giuseppe SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE NELLA

Dettagli

Con il termine elettronic learning o e-learninge indichiamo l apprendimento supportato dalla rete. Le definizioni sono molte e dalle mille sfumature

Con il termine elettronic learning o e-learninge indichiamo l apprendimento supportato dalla rete. Le definizioni sono molte e dalle mille sfumature Il ricercatore ha bisogno di una serie di ipotesi da cui partire per orientare le sue azioni, che possono essere verificate sperimentalmente [...]. Senza una teoria le sue attività possono essere inconsulte

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE INTRODUZIONE Internet è inevitabilmente parte delle nostre vite. Facebook, MySpace, Filckr, Wikipedia, Google tutti strumenti che la maggior parte di noi utilizza, padroneggia, critica o apprezza. Sono

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte Le cose che noi scegliamo di insegnare e il modo in cui noi scegliamo di valutare riflettono l idea che

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

Obiettivi generali Per gli studenti: Per i genitori: Per la scuola come istituzione educativa: Obiettivi specifici Destinatari:

Obiettivi generali Per gli studenti: Per i genitori: Per la scuola come istituzione educativa: Obiettivi specifici Destinatari: UNA SCUOLA PER AMARE Progetto sperimentale di educazione affettiva e di prevenzione del disagio adolescenziale e delle devianze rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di alcune

Dettagli

Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO

Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO CLASSI QUARTE A/B Collocazione del percorso effettuato nel

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio)

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Istituto Tecnico Economico A.F.M. (Amministrazione-Finanza-Marketing)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

E poi c è anche il resto dell Universo

E poi c è anche il resto dell Universo E poi c è anche il resto dell Universo Proposta di collaborazione ai docenti di Scienze delle ultime classi dei Licei e delle Scuole tecniche I programmi delle Scuole Superiori comprendono un ampio panorama

Dettagli

Enterprise 2.0 il web 2.0 entra in Azienda

Enterprise 2.0 il web 2.0 entra in Azienda Enterprise 2.0 il web 2.0 entra in Azienda Vittorio Orefice - Unimatica Confapi Milano Agenda Premesse Web 2.0 Alcuni modelli d interesse Enterprise 2.0 Una proposta Risorse utili per capire e organizzarsi

Dettagli

Per una documentazione amministrativa capace di divenire documentazione educativa. stefano.versari@usrer.it

Per una documentazione amministrativa capace di divenire documentazione educativa. stefano.versari@usrer.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia-Romagna - Direzione Generale - settembre StudieDocumenti 2011 n1 Editoriale Per una documentazione amministrativa

Dettagli

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita.

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. - 1 - 1 - PREMESSA a) La cultura della tecnica nel curricolo

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate FONDAZIONE MALAVASI SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: prof. Alessandro Boselli CLASSE IV SEZ. A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo Esempio 1 Docente che ha bisogno di acquisire nuove competenze Area delle competenze relative all INSEGNAMENTO (DIDATTICA): Organizzazione delle situazioni di apprendimento: 1. (PRIMARIA, SECONDARIA, compreso

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

L organizzazione è un tema assolutamente centrale nella progettazione e nella conduzione di esperienze di multimedialità.

L organizzazione è un tema assolutamente centrale nella progettazione e nella conduzione di esperienze di multimedialità. 4. Organizzazione L organizzazione è un tema assolutamente centrale nella progettazione e nella conduzione di esperienze di multimedialità. Di solito l organizzazione si riferisce soprattutto agli aspetti

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES 2 la fondazione rosselli Origini e attività La Fondazione Rosselli è un

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Mi trovai bella come una mente libera. Breve cronaca di una lettura

Mi trovai bella come una mente libera. Breve cronaca di una lettura Comune di Torino Divisione Servizi educativi Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica Mi trovai bella come una mente libera. Breve cronaca di una lettura A cura di Quinto Battista Borghi e Maria

Dettagli

Introduzione Surfing time,navigare nel tempo, è stato il filo conduttore che il consiglio di classe si è dato per sviluppare il progetto, come illustrato nella mappa inserita nel documento di progettazione.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Mappa Concettuale CREOLIZZAZIONE = RELAZIONE di ELEMENTI ETEROGENEI provenienti da DIVERSITÀ CULTURALE

Dettagli

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura Corso di formazione specialistica su dialogo, tecnologie e comunicazione globale promosso dalla rete nazionale di scuole Rete Dialogues (retedialogues.it) Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura INTRODUZIONE

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 PRIMA PARTE - La comunicazione tra uomini e donne Capitolo 1 - Pensiero lineare e pensiero intrecciato 19 Capitolo 2 - Messaggi diretti e segnali sottintesi 23 Capitolo

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Tredicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademyLearning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO

PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO Il progetto nasce dall esigenza di creare spazi alternativi per

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

Internetopoli, alla scoperta della Rete

Internetopoli, alla scoperta della Rete Internetopoli, alla scoperta della Rete Giorgia Bassi, Beatrice Lami, Gian Mario Scanu Ludoteca.it - Registro.it Via G. Moruzzi 1, 56100 Pisa giorgia.bassi@iit.cnr.it beatrice.lami@iit.cnr.it gianmario.scanu@iit.cnr.it

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

1. Ottica nel mondo reale

1. Ottica nel mondo reale 1. Ottica nel mondo reale L alba vinceva l ora mattutina che fuggia innanzi, sì che di lontano conobbi il tremolar della marina. Purgatorio, canto I Introduzione Insegnare ottica è più difficile di altri

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

LYBRID. Le nuove tecnologie della scrittura e della lettura Un progetto scri(le)tture ibride. Archivio Storico Lello Giuralongo

LYBRID. Le nuove tecnologie della scrittura e della lettura Un progetto scri(le)tture ibride. Archivio Storico Lello Giuralongo LYBRID Le nuove tecnologie della scrittura e della lettura Un progetto scri(le)tture ibride Archivio Storico Lello Giuralongo Biblioteca Provinciale Tommaso Stigliani LYBRID Le nuove tecnologie della scrittura

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

Nuove modalità di accesso ai contenuti: libri, contenuti digitali, ebook. 07-11-2012 Elena Mosa, INDIRE Firenze

Nuove modalità di accesso ai contenuti: libri, contenuti digitali, ebook. 07-11-2012 Elena Mosa, INDIRE Firenze Nuove modalità di accesso ai contenuti: libri, contenuti digitali, ebook 07-11-2012 Elena Mosa, INDIRE Firenze Massive Online Open Course Decreto LEGGE DIGITALIA prevede l uso dei tablet a scuola.

Dettagli

I n d i c e 9 21 57 97 133 177 219 259

I n d i c e 9 21 57 97 133 177 219 259 I n d i c e 9 Introduzione 21 CAP. 1 La comunicazione 57 CAP. 2 Lavorare in gruppo 97 CAP. 3 Il problem solving 133 CAP. 4 La capacità di gestire situazioni difficili 177 CAP. 5 Metacognizione e competenze

Dettagli

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI VERSIONE PROVVISORIA GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI ABSTRACT La gestione della conoscenza nelle organizzazioni diviene il fattore sempre più qualificante attraverso

Dettagli

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N..D. Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in: Marazzani I. (2002). Educare al pensiero probabilistico a scuola. In. D Amore

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL WEBBOOK TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL MONDO DEL WEB Uno Smart Book per imprenditori che non hanno tempo da perdere e vogliono arrivare al sodo! PREMESSA Tutto sta cambiando nel

Dettagli

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Peer Education al Balbo. Donne: Violenza Zero

Peer Education al Balbo. Donne: Violenza Zero Peer Education al Balbo Donne: Violenza Zero LA PEER EDUCATION: COS E? La Peer Education (EDUCAZIONE TRA PARI) è un progetto educativo teso a riconoscere e promuovere un ruolo attivo degli adolescenti

Dettagli

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

Registro Elettronico... Anywhere

Registro Elettronico... Anywhere Registro Elettronico... Anywhere le soluzioni Cloud, on-line e off-line di Axios Premessa Da settembre le scuole dovranno improrogabilmente, ai sensi della L. 135/2012, scegliere un sistema digitale che

Dettagli