L INTERPRETE DI TRIBUNALE: ITALIA E SPAGNA A CONFRONTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INTERPRETE DI TRIBUNALE: ITALIA E SPAGNA A CONFRONTO"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Corso di Laurea in Lingua, società e comunicazione Piano Didattico: Lingua e Comunicazione Internazionale L INTERPRETE DI TRIBUNALE: ITALIA E SPAGNA A CONFRONTO Tesi di laurea in: Mediazione Linguistica Inglese Relatore Prof.ssa METTE RUDVIN Presentata da MARIA FALVO Correlatore Prof.ssa ANA PANO ALAMAN Sessione: Terza - Marzo 2010 Anno Accademico: 2008/2009

2

3 INDICE INTRODUZIONE 6 CAPITOLO I: LA FIGURA DELL INTEPRETE Translation studies vs interpreting studies: evoluzioni Quando è nata la figura dell interprete? Le condizioni lavorative dell interprete Dall interpretazione di conferenza all interpretazione di comunità Evoluzione dell interprete di comunità Indagine sull interprete di comunità: la prospettiva dell interprete L indagine Caratteristiche personali e abilità di un buon interprete Codici deontologici, standards di qualità e certificazione: gli interpreti di conferenza Elementi comuni ai vari codici deontologici: alcuni esempi Gli standards di qualità La certificazione L interprete per i servizi pubblici Il codice deontologico del PSI La questione della neutralità L interpretazione di trattativa in ambito giudiziario Le differenze culturali nell interpretazione legale Uno sguardo all Europa: dal Progetto Grotius I al Progetto Grotius II Il diritto alla difesa: normativa internazionale 48

4 CAPITOLO II: LA FIGURA DEL MEDIATORE Introduzione alla mediazione: Le varie accezioni La mediazione dei conflitti La mediazione giudiziaria: mediazione dei conflitti La mediazione in ambito penale Progetto per la costituzione di un Ufficio di Mediazione Penale a Milano Il Centro di Mediazione Penale a Trento e Bolzano Dalla mediazione dei conflitti alla mediazione giudiziaria Quale mediatore? Le etichette del mediatore Il terzo uomo: intermediario, mediatore, gatekepeer o l uomo invisibile? Profilo professionale del mediatore culturale La mediazione in ambito educativo Compiti e funzioni del mediatore Le qualità di un buon mediatore La deontologia e l etica professionale Accenno alla normativa sulla mediazione La necessità della formazione personale del mediatore linguisticoculturale 77 CAPITOLO III: L INTERPRETE DI TRIBUNALE IN ITALIA Evoluzione della normativa italiana Il principio di obbligatorietà della lingua italiana negli atti processuali penali L interprete nel processo penale italiano Il profilo dell interprete di tribunale secondo la Corte Costituzionale Interprete, perito o consulente tecnico? Il perito Il consulente tecnico E l interprete? 93

5 3.5 Il traduttore di tribunale Norme generali Obblighi del traduttore-interprete di tribunale I compensi Le tecniche di interpretazione e le situazioni comunicative in tribunale Le competenze linguistiche e tecniche dell interprete di tribunale Attitudini dell interprete di tribunale La deontologia professionale Norme etiche La formazione Il servizio di interpretariato presso l Ufficio stranieri del Comune di Milano L interprete presso la Questura di Bologna L interpretariato per l Autorità Giudiziaria Le tipologie di traduzioni e di interpretariati svolti dal personale linguistico della Questura di Bologna Difficoltà dei vari tipi di servizio 121 CAPITOLO IV: LA FIGURA DEL MEDIATORE IN ITALIA La necessità della mediazione linguistico-culturale in Italia Provvedimenti regionali I percorsi formativi Il Progetto Bridge: un percorso formativo per i mediatori culturali Il mediatore culturale nella giustizia Corso di formazione professionale per mediatori interculturali della Provincia Autonoma di Bolzano La struttura del corso formativo Requisiti di accesso, selezione dei candidati e prove di esame di qualifica La mediazione e gli aspetti di sicurezza: la realtà di Bologna 139

6 4.6.1 La posizione attuale del mediatore nella Regione Emilia- Romagna I corsi universitari 143 CAPITOLO V: L INTERPRETAZIONE PER I SERVIZI PUBBLICI IN SPAGNA L interpretazione sociale in Spagna L interpretazione per i servizi pubblici Il problema delle definizioni I limiti del ruolo dell interprete sociale Panorama attuale della mediazione interculturale Il mediatore: nuove necessità nella società spagnola Sfide e tecniche nella mediazione culturale I&ISSPP come professione Internet: strumento utile per il progresso nella Professionalizzazione della T&ISSPP Principi metodologici della professionalizzazione della T&ISSPP Il codice deontologico: punto di partenza nella professionalizzazione della T&ISSPP L aspetto culturale, emotivo e psicologico nella professionalizzazione della T&ISSPP Aspetti specifici della traduzione per i servizi pubblici L Ufficio di Interpretariato in Spagna Funzioni dell Ufficio di Interpretariato La situazione professionale del traduttore in Spagna La necessità della formazione dei traduttori-interpreti La formazione degli interpreti per i servizi pubblici: il caso della Comunità Autonoma Canaria La formazione degli interpreti per i servizi pubblici: il caso della Comunità Autonoma Basca La formazione per i servizi pubblici a Saragozza 187

7 Il Serpi 189 CAPITOLO VI: INTERPRETARE PER LA GIUSTIZIA IN SPAGNA Tradurre e interpretare per la giustizia Aspetti della traduzione nell Amministrazione della Giustizia: tipi di testi Situazione attuale della traduzione/interpretazione nella Amministrazione della Giustizia Gli interpreti-traduttori dell Amministrazione della Giustizia La necessità della lingua araba nella traduzione giuridica La realtà della traduzione e interpretazione giudiziaria in Andalusia L interpretariato nei tribunali nella Provincia di Alicante Verso la creazione di strutture stabili e professionali in ambito Giudiziario Ipotesi di intervento dell interprete in procedimenti giudiziari già avviati L interprete di tribunale in Spagna La normativa spagnola Riforme processuali 213 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE 216 BIBLIOGRAFIA 221 SITOGRAFIA 228 APPENDICE A 231 APPENDICE B 246 APPENDICE C 258

8 RINGRAZIAMENTI 268

9 INTRODUZIONE Il presente lavoro di ricerca si concentra sull esame della figura dell interprete, in particolare in ambito giudiziario, e sulla figura emergente del mediatore linguisticoculturale, realizzando uno studio comparativo tra l Italia e la Spagna. La scelta dell argomento è dettata dall interesse personale di chi scrive verso una figura così tanto affascinante quanto complessa. L ambito è stato circoscritto a quello legale, visto un profondo e vivo interesse per la giurisprudenza. È utile partire da una premessa: una definizione precisa ed accurata del ruolo e delle competenze della figura dell interprete non esiste, in quanto ciascun paese, attraverso le proprie normative, gestisce la formazione degli interpreti a suo modo e molto spesso si rileva una totale carenza o inadeguatezza di specifici corsi di formazione. Il lavoro è stato suddiviso per comodità e seguendo una logica ben precisa in sei capitoli. I primi due si concentrano sulla presentazione della figura dell interprete e del mediatore linguistico-culturale. Si tratta di riflessioni generali sulla condizione degli interpreti e dei mediatori linguistico-culturali e delle relative problematiche. Il primo capitolo, introduttivo, presenta la figura dell interprete in ambito giudiziario, che rientra nella sfera dell interpretazione di comunità o per i servizi pubblici, operando una distinzione con il ruolo dell interprete di conferenza, tradizionalmente riconosciuto come l unico che storicamente goda di un certo rispetto e prestigio. A discapito di ciò, l interprete in ambito giudiziario viene considerato una figura secondaria e dunque meno importante. Con il capitolo terzo e quarto penetriamo nel contesto italiano. Nel terzo capitolo, verrà analizzata la figura dell interprete di tribunale nel dettaglio, anche attraverso l esame della normativa italiana, mentre nel quarto la nostra attenzione si sposterà sulla necessità della mediazione linguistico-culturale nel nostro paese e sulla condizione attuale del mediatore linguistico-culturale. Il quinto e il sesto capitolo, invece, sono dedicati alla Spagna. Il quinto si focalizzerà sulla figura dell interprete in ambito giuridico, anche in questo caso avvalendoci della normativa spagnola e il sesto sull interpretazione per i servizi 6

10 pubblici, un campo che sta prendendo sempre più piede nel paese e su cui si stanno realizzando interessanti studi. Al fine di realizzare tale studio, si è rivelato più opportuno scegliere due paesi dai sistemi giuridici simili, in quanto è molto più facile confrontare le situazioni giuridiche dei traduttori-interpreti. In presenza, infatti, di sistemi giuridici differenti, sarebbe stato opportuno in una prima fase indagare approfonditamente i rispettivi ordinamenti giuridici, per comprendere poi le differenti situazioni degli interpreti-traduttori. La bibliografia su questa figura professionale in Italia è praticamente inesistente, come in Spagna, dove però troviamo vari lavori sull interpretazione e la traduzione nell Amministrazione della Giustizia, data la rilevanza che ha nel paese la figura dell interprete giurato. Lo stesso dicasi per la figura del mediatore linguistico-culturale dove, al contrario, non vi sono studi in Spagna dedicati specificamente a questa figura, mentre in Italia si parla molto di mediazione, soprattutto in ambito educativo e sanitario. Il ruolo degli interpreti di tribunale non è ancora riconosciuto in tutti in paesi e ancor di meno lo è quello del mediatore linguistico-culturale. Mentre in alcuni paesi, quali gli Stati Uniti d America ed Australia, la posizione degli interpreti sembra essere regolamentata, l Europa deve compiere ancora molti progressi. È stato inoltre preparato un breve questionario sottoposto all attenzione di alcuni mediatori che operano nella regione Emilia Romagna, che si focalizza soprattutto sulle criticità di questa professione e, nel caso della Spagna, il questionario è stato preparato per gli interpreti di tribunale. Le conclusioni dell elaborato si baseranno su alcune osservazioni dedotte dai capitoli, mettendo in luce i punti salienti della ricerca e le problematicità che la stessa ha presentato e avranno inoltre per oggetto un accurata analisi dei questionari. 7

11 CAPITOLO I LA FIGURA DELL INTERPRETE 1.1 TRANSLATION STUDIES VS INTERPRETING STUDIES: EVOLUZIONI Nella fase iniziale di affermazione della disciplina nota come Translation Studies, la riflessione sulla traduzione si è focalizzata quasi esclusivamente sugli aspetti linguistici e testuali, ponendo il problema della traduzione in termini di fedeltà al testo di partenza e concentrandosi sul prescrittivismo del come si traduce (Garzone 2002). Secondo quanto afferma Garzone, con il paradigm shift degli anni Ottanta del secolo scorso è emersa una concezione più aperta e flessibile della traduzione che deve essere intesa sì come riscrittura, ma creatrice di testi non solo intersistemici, ma anche intrasistemici, ovvero funzionali alla cultura destinataria. La dimensione culturale viene dunque ad assumere una posizione primaria. In tale contesto si colloca il cultural turn, secondo cui la traduzione non deve essere più vista come linguistic transcoding, ma come un processo che implica un operazione di cultural transfer Nel campo degli Interpreting Studies si sono verificati alcuni cambiamenti di eguale importanza, favoriti dai mutamenti avvenuti nei Translation Studies e da spinte di tipo politico e sociale epocali. Fino a poco tempo fa, le uniche attività di interpretazione considerate degne di merito erano la consecutiva e la simultanea, ovvero le due modalità dell interpretazione di conferenza. Anche da un punto di vista della formazione si riteneva che il training in tali modalità potesse essere sufficiente per affrontare qualsiasi forma di traduzione linguistica orale. In passato, gli interpreti erano presenti nelle aziende, nei tribunali, nella diplomazia, ma non godevano di ottima reputazione e le retribuzioni erano molto scarse. Pure nel settore degli Interpreting Studies, come nota l autrice, prevaleva una concezione scientista del fenomeno traduttivo e interpretativo, che si fondava sui processi mentali grazie ai quali l interprete riesce a riprodurre un testo in tempo reale e si affidava ad approcci empirici basati sull osservazione e sull introspezione, oppure 8

12 attingeva alla neurofisiologia e alla psicolinguistica. La componente culturale rivestiva scarsa o nulla rilevanza (Garzone 2002). I cambiamenti avvenuti nella società hanno reso necessarie delle modalità interpretative al di fuori del contesto di conferenza: primo fra tutti, l emergenza immigrazione, che ha richiamato l attenzione sulle modalità di mediazione linguistica orale comunemente denominate dialogue interpreting", etichetta che mette in evidenza il ruolo attivo dell interprete nell interazione comunicativa. Grazie al profondo mutamento nei confronti delle attività traduttive, si è così giunti oggi ad una nuova visione del ruolo del mediatore linguistico e culturale. Il concetto di cultura, in particolare, merita essere analizzato con maggior dettaglio. Garzone ribadisce che tale concetto non è univoco ed è soggetto a numerose definizioni in ambiti diversi. Tentando di semplificare, vediamo ora le varie dimensioni della cultura: a) Culturologica: riguarda aspetti empiricamente osservabili della vita di una nazione, basata su una concezione di cultura in quanto condivisione di conoscenze, di valori, di saperi; b) Antropologica: è più generale e comprende anche gli aspetti descritti in a. Nella sua componente formale, ovvero concreta e descrivibile, questa concezione di cultura riguarda gli usi, i costumi, i valori e le credenze di una data comunità; c) Informale: comprende aspetti invisibili e difficilmente classificabili. Tali aspetti riguardano il modo di pensare, di comportarsi e di esprimersi di un dato gruppo etnolinguistico (Garzone 2002). Garzone sostiene che, ai fini traduttivi, i primi due aspetti della cultura risultano particolarmente interessanti, ma al tempo stesso problematici, sia in fase ricettiva sia nella prospettiva della cultura ricevente. Per quanto riguarda il primo aspetto, quello culturologico, il problema consiste non solo nel riconoscere e valutare il valore e la funzione di un dato culturema presente nel testo di partenza, ma soprattutto di trovare modalità adeguate per realizzarne la trasposizione all interno di una data cultura. Per quanto riguarda il secondo aspetto della cultura, quello formale, si tratta di un tipo di conoscenza che è possibile maturare attraverso l osservazione e lo studio e di 9

13 conseguenza deve essere oggetto di attenzione e di apprendimento all interno di un programma di formazione per mediatori linguistici. Infine la componente informale, ovvero il terzo aspetto, è più difficilmente insegnabile e viene acquisita attraverso l esposizione e l esperienza individuale (Garzone 2002). 1.2 QUANDO È NATA LA FIGURA DELL INTERPRETE? La documentazione storica sulle prime forme di interpretazione è molto scarsa, ma è certo che tale attività si è svolta per lungo tempo in contesti dialogici, in cui l interprete traduceva da e verso la lingua straniera con un ritmo cadenzato. L interpretazione faccia a faccia e frase per frase è dunque previa all interpretazione di conferenza. Merlini, nel suo studio, risale all etimologia del termine inter tra e pretium prezzo che ci rimanda specificamente all ambito commerciale e suggerisce l idea che l interpretazione serviva a raggiungere, attraverso l intermediazione, un accordo sul valore di scambio delle merci oggetto della transazione. In ambito bellico, invece, gli interpreti venivano impiegati sia per negoziare con il nemico durante le guerre, sia per amministrare i territori sottomessi (Merlini 2005: 20-21). Infine, in epoca coloniale, la figura dell interprete ha svolto un ruolo di primo piano nella disseminazione delle fedi religiose. Gli interpreti erano senza volto e senza un nome, di bassa estrazione sociale, sprovvisti di formazione. La condizione degli interpreti, pertanto, ha originato per lungo tempo un generale disinteresse da parte degli studiosi nei loro confronti. In tempi più recenti, precisamente nel XIX secolo, come ci ricorda l autrice, la figura dell interprete emerge in due ambiti: diplomatico (da cui ebbero origine le moderne tecniche dell interpretazione di conferenza) e industriale. Per quanto riguarda il primo ambito, con il declino del latino furono sempre più i sovrani ad affidarsi ai servizi di segretari-interpreti, i quali erano uomini colti e di ceto elevato. Per lungo tempo il francese fu la lingua ufficiale della diplomazia e fu solo nella seconda metà dell Ottocento che, grazie alla rinascita delle identità nazionali e delle teorie romantiche che esaltavano gli idiomi, i rappresentanti diplomatici tornarono ad utilizzare la loro madrelingua, ricorrendo all ausilio degli interpreti durante incontri e negoziati. Al 10

14 tempo stesso, la Rivoluzione Industriale aveva favorito i contatti tra esperti di diversi paesi, i quali ricorrevano all interprete per necessità (Merlini 2005: 21-22). L interpretazione di conferenza nacque ufficialmente nel 1919 in occasione dei negoziati di pace di Parigi, durante i quali venne impiegata la tecnica della traduzione consecutiva, al fine di rendere i resoconti dei discorsi il più dettagliati possibile. Col tempo, però, questa tecnica venne considerata eccessivamente lenta e fu così sostituita dalla traduzione simultanea, che si affermò in particolare dopo la Seconda Guerra Mondiale con il Processo di Norimberga ( ), fino a divenire la modalità d interpretazione per antonomasia delle grandi organizzazioni internazionali (Merlini 2005: 21-22). Come sostiene Gaiba, il processo di Norimberga fu un processo interpretato, il primo e più grande evento internazionale in cui si ricorreva all interpretazione simultanea. Questa tecnica di interpretazione catturò presto l attenzione dei media, ma l importanza e l impatto che essa ebbe non ricevette un adeguata comprensione da parte degli storici, dei giornalisti e dei biografi. I documenti storici sul processo di Norimberga, infatti, fanno menzione dell interpretazione simultanea, ma la considerano semplicemente come una tecnica tra i vari strumenti tecnici di cui ci si avvalse per lo svolgimento del processo (Gaiba 1999: 1-2). Come ci ricorda l autrice, la decisione di condurre il processo in quattro lingue (tedesco, francese, russo e inglese) generò stupore e inquietudine tra i partecipanti, i quali si sarebbero trovati a comunicare in lingue diverse dalla loro madrelingua. La necessità di ricorrere alla traduzione era ovvia e per tale ragione, gli organizzatori del processo, nell incontro preliminare esplorarono i vari metodi di interpretazione esistenti, ma non ne furono soddisfatti. La scelta così ricadde sull interpretazione simultanea, nonostante non tutti i membri del processo fossero d accordo. Si passò così alla fase della selezione e del reclutamento degli interpreti. La Francia, la Gran Bretagna e l Unione Sovietica incontrarono non poche difficoltà in questa fase, a causa delle condizioni in cui versavano dopo la guerra. Gli Stati Uniti adottarono invece un metodo di selezione originale: le persone che prestavano il loro servizio come interpreti/traduttori presso il Pentagono a Washington D.C. furono sottoposti ad un test. I candidati che superavano il test venivano mandati a Norimberga, dove le loro abilità venivano testate in contesti ricreati artificialmente. Alcuni erano interpreti di 11

15 consecutiva professionisti, mentre altri non avevano alle spalle alcuna esperienza di interpretazione/traduzione. Solo pochi fra di essi erano interpreti di simultanea. Molti interpreti di consecutiva e traduttori furono scelti per l incontro preliminare, mentre coloro che non possedevano le competenze necessarie furono relegati in un area denominata Siberia, in cui erano costretti a compiere lavori umili prima di essere rispediti a casa. Altri interpreti furono scelti dalla delegazione degli Stai Uniti in Europa, in particolare in Belgio e Olanda, a Parigi e presso l Università di Ginevra (Gaiba 1999: 2-4). 1.3 LE CONDIZIONI LAVORATIVE DELL INTERPRETE Le condizioni lavorative di un interprete, detto in maniera molto semplicistica e generica, sono determinate da: a) un preciso luogo fisico, che include spazio e tempo; b) da fattori legati al compito da svolgere quali preparazione, carico di lavoro, abilità cognitive e c) da fattori interpersonali (Pöcchacker 2004: 171). Molti di questi fattori sono stati analizzati in varie ricerche, soprattutto in relazione agli interpreti di conferenza. Il più rilevante studio compiuto in tal senso è il Workload Study, commissionato dall AIIC (Association Internationale des Interprètes de Conférence) nel 2002 per misurare fattori fisici come qualità, temperatura e umidità delle cabine degli interpreti nel corso della giornata di lavoro e per poter porre eventuali rimedi. Risultò infatti che i livelli di CO2 non rispettavano i parametri ISO e pertanto era necessario intervenire tempestivamente. Come sostiene Pöcchacker, il Workload Study che analizzava parametri fisici, fisiologici e psicologici del lavoro degli interpreti di conferenza, era pensato soprattutto per misurare il livello di stress degli interpreti e i possibili effetti negativi che questo potesse avere sulle performances. Gli ideatori del Workload Study esaminarono attraverso dei test seicento interpreti freelance membri dell AIIC e le loro risposte mostrarono un alto grado di stress fisico e mentale, esaurimento, inadeguatezza delle cabine di lavoro, difficoltà dei testi da tradurre e preparazione insufficiente. Il 40-60% degli intervistati affermava che lo stress da lavoro incideva molto sulla qualità del servizio prestato, ma tale dato non fu confermato dai risultati ottenuti dall esame di 12

16 alcuni campioni che testavano le performances degli interpreti in termini di correttezza linguistica, scelta delle equivalenze semantiche più adeguate, dizione. Tuttavia, bisogna precisare che è scientificamente provato che lo stress causato da lunghi turni di interpretazione simultanea ha delle evidenti conseguenze sulla performance di un interprete (Pöcchacker 2004: ). Pöcchacker riporta che i tipi e i livelli di stress avvertiti dagli interpreti sul lavoro dipendono da fattori situazionali e personali. Sebbene il Workload Study analizzasse le condizioni degli interpreti di conferenza, fu sottoposto anche agli interpreti di videoconferenza, il 61% dei quali affermò di avere la stessa esperienza sul lavoro. Le stesse considerazioni valgono per gli interpreti della lingua dei segni, i quali sostennero di avere alti livelli di stress da lavoro. Infine, non sono da sottovalutare i rischi per la salute connessi al posto di lavoro per gli interpreti di comunità, che includono le infezioni (in ambito medico) e le minacce all incolumità personale (in ambito legale) (Pöcchacker 2004: ). Per quanto riguarda il prestigio della professione di interprete di conferenza, da varie ricerche, compreso il Workload Study, è emerso che esso è scemato nel corso degli anni, nonostante ciò non incida in maniera decisiva sull alto grado di soddisfazione lavorativa degli interpreti. In relazione allo status dei singoli interpreti, vi sono alcuni dibattiti su questioni importanti quali l accesso alla professione, la posizione lavorativa, le opportunità di lavoro, la parità tra i due sessi, di cui pochi dati emergono al di fuori delle associazioni professionali. Tale mancanza di dati all interno delle associazioni è particolarmente evidente nel caso della interpretazione di comunità, che in molti paesi non è riconosciuta ed ha un basso livello di organizzazione. Una questione ancora più urgente, secondo Pöcchacker riguarda l identità culturale. Storicamente sappiamo che si diventava automaticamente interpreti attraverso l esperienza in varie comunità culturali e ciò valeva anche per i pionieri dell interpretazione di conferenza agli inizi del XX secolo. Le conseguenze dell istituzionalizzazione sono note e apprezzate per gli interpreti di conferenza e sono altrettanto desiderabili per gli interpreti di comunità. Tuttavia, il fatto che l accesso alla professione sia regolato per via accademica piuttosto che attraverso la immersione culturale e l interazione faccia a faccia, può risultare problematica ad esempio per gli 13

17 interpreti della lingua dei segni, i quali sono visti dai sordi come membri della maggioranza nella società, responsabile della loro marginalizzazione, mentre nel caso degli interpreti di comunità, l appartenere alla stessa minoranza etnica del proprio utente potrebbe aumentare il grado di considerazione nei loro confronti da parte della società (Pöcchacker 2004: ). Un ulteriore fattore da tenere presente, secondo Pöcchacker è la sempre più crescente presenza delle donne tra gli interpreti. La spiegazione più plausibile secondo l autore è da ricondurre alla loro maggiore predisposizione verso le lingue e la comunicazione. L elevata percentuale di donne che per la prima volta superò gli uomini all interno dell AIIC nel 1967 è legata probabilmente al declino del prestigio nei confronti di una professione che veniva vista più come un servizio che come una vera e propria professione. Questa considerazione è particolarmente valida per gli interpreti di comunità e per gli interpreti della lingua dei segni, ove le scarse retribuzioni costituiscono un disincentivo per intraprendere la professione (Pöcchacker 2004: 174). 1.4 DALL INTERPRETAZIONE DI CONFERENZA ALL INTEPRETAZIONE DI COMUNITÀ I profondi mutamenti economici, sociali e politici collegati alla globalizzazione e alla maggiore mobilità delle persone, portano con sé sempre più intensi contatti interetnici e interculturali. Tali situazioni di contatto tra comunità linguistiche e culturali diverse hanno riportato al centro dell attenzione l atto di mediazione linguistica orale denominato anche interpretazione dialogica, che prevede la partecipazione diretta dell interprete all interazione comunicativa e l interpretazione di comunità, che comprende diverse tipologie di servizi linguistici di tipo intrasociale in ambito medico, giudiziario, istituzionale. Queste due modalità di interpretazione vedono l interprete come attore protagonista all interno del complesso situazionale e culturale degli eventi nei quali opera (Garzone 2009: 97). 1 Come sostiene Garzone, gli ultimi anni hanno visto la moltiplicazione e la diversificazione dei profili professionali nell ambito dell assistenza interlinguistica. 1 L interprete e il mediatore. Giuliana Garzone. Atti di Convegno Ceslic; LA GEOGRAFIA DELLA MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE a cura di Donna R. Miller e Ana Pano. Bologna:

18 Alla figura dell interprete di conferenza, si sono affiancate nel tempo, le figure dell interprete di trattativa e dell interprete di comunità in tutte le sue varie sfumature: interprete giuridico, interprete di tribunale, interprete in campo medico, ecc. Vi è poi la figura del mediatore linguistico-culturale, figura ibrida che sul piano internazionale ingloba in un unica denominazione la formazione alla traduzione, all interpretazione dialogica (dall interpretazione di trattativa in vari ambiti: aziendale, politico, diplomatico, istituzionale), all interpretazione in campo sociale (community interpreting) e giudiziario e a volte anche all interpretazione di conferenza nella modalità consecutiva. Questa diversificazione ha avuto un notevole impatto sugli Interpreting Studies, affiliata ai Translation Studies, che indaga a livello sia teorico che applicativo sull interpretazione come attività umana in tutti i suoi aspetti. In questo settore, come già detto, fino ad una ventina di anni fa, le uniche attività considerate degne di rispetto nell ambito della professione e di attenzione a livello di ricerca erano la simultanea e la consecutiva, le due modalità canoniche dell interpretazione di conferenza. La svolta, come ci ricorda l autrice, avvenne nei primi anni Ottanta del Novecento, allorquando si è verificata una crescita dell importanza e dell interesse verso altre forme di interpretazione al di fuori del contesto di conferenza (Garzone 2009: ). Il ruolo dell interprete cambia radicalmente allorché si comprende la natura dialogica di un testo, ovvero quando il discorso consiste in una comunicazione mediata dall interprete in una spontanea interazione faccia a faccia (Garzone 2003: 11-12) 2. Questa situazione si verifica in molti ambiti distinti dalla conferenza, quali il settore commerciale, nei servizi per l immigrazione, nelle stazioni di polizia, negli ospedali. In tutti questi ambiti l interprete è fisicamente presente ed ha un ruolo attivo nello scambio comunicativo. Così può contare su una serie di elementi di natura paralinguistica, cinesica e prossemica, quali gesti, espressioni facciali, espressioni corporali. Si tratta di elementi della comunicazione interpersonale assenti nell ambito della conferenza. L autrice ribadisce che, sebbene l interpretazione dialogica non sia stata considerata in ambito istituzionale e di ricerca, è stata sempre praticata informalmente come componente necessaria della comunicazione ordinaria, all interno di società bilingue o 2 Citazione di Mason 1999:

19 multilingue. I cambiamenti intervenuti nella società, infatti, hanno posto in contatto individui di lingue e culture differenti. Come naturale conseguenza di ciò, si è avvertita l esigenza di una più sistematica mediazione linguistica e culturale. Tuttavia, nota Garzone, nonostante il bisogno crescente di avere professionisti specializzati, gli sforzi compiuti nel campo della formazione sono stati ostacolati da una serie di problemi. Infatti, se la formazione degli interpreti di liaison per le lingue maggiormente diffuse e parlate è contemplata in numerosi programmi educativi a vari livelli, tale formazione è d altro canto ostacolata dalla necessità di offrire corsi per le lingue meno diffuse e minoritarie, per andare incontro alle esigenze dei vari gruppi etnici presenti (Garzone 2003: 12-14). Garzone ci ricorda che uno dei primi contributi importanti all interpretazione dialogica suggeriva di distinguerne due tipi: 1) community-oriented interpreting e 2) business oriented interpreting. Maggior attenzione è stata però dedicata ad un altra etichetta, quella di community interpreting o Public Sevice Interpreting (PSI) che comprende: everyday and emergency situations which refugees, other immigrants, and migrant labourers may encounter in their communication with bureaucrats, officials, police, employment counselors, school, public assistance and health care personnel of all kinds (Garzone 2003: 15) 3. Tale etichetta generica comprende al suo interno distinzioni più sottili, che ricorrono spesso nel caso dell interpretazione per servizi offerti in settori specifici, ad esempio in campo medico si parla di interpretazione medica e nell amministrazione della giustizia di interpretazione legale e interpretazione di tribunale (Garzone 2003: 15-16). La figura dell interprete per i servizi pubblici è emersa chiaramente in Europa, Australia, Canada, Gran Bretagna e Stati Uniti come professione indipendente a partire dagli anni Sessanta del secolo scorso e come disciplina accademica indipendente più tardi (Rudvin 2003a: 124). Gli interpreti per ragioni pratico-logistiche e soprattutto finanziarie lavorano spesso in vari settori e diventa così molto complicato distinguere tra interpreti in ambito legale, sociale, commerciale, socio-sanitario, per i servizi pubblici, ecc. Inoltre fino a poco tempo fa, gli interpreti reclutati non erano 3 Citazione di Schweda Nicholson N., 1994:80. 16

20 professionisti, bensì persone di fiducia o occasionali (familiari, compresi bambini, volontari, amici, personale delle pulizie, e quant altro). Alcune istituzioni quali ambasciate e agenzie private organizzano dei corsi di formazione, mentre le istituzioni pubbliche continuano a ricorrere ad interpreti freelance non qualificati, sulla base del principio che conoscere la lingua è condizione sufficiente per poter svolgere tale attività. L autrice puntualizza che lo scarso riconoscimento di questa figura e le retribuzioni molto basse non favoriscono la qualità del servizio prestato. Una retribuzione inadeguata, infatti, produce un servizio scadente per ovvi motivi: non è possibile reclutare dei veri professionisti se non vengono remunerati adeguatamente e, d altro canto, gli interpreti sono poco motivati se vengono pagati poco. Infine Rudvin ribadisce che l interpretazione per la comunità ha una forte connotazione di servizio sociale e assistenza ; infatti gli interpreti formati principalmente nella comunità per i servizi sociali e le istituzioni che si occupano di immigrazione, ritengono di svolgere un ruolo più attivo, sono maggiormente coinvolti nella situazione, si definiscono degli helpers e carers rispetto agli interpreti che hanno una formazione esclusivamente linguistica (Rudvin 2003a: ) EVOLUZIONE DELL INTERPRETE DI COMUNITÀ L interpretazione di comunità diventa centrale negli Interpreting Studies a partire dal La prima conferenza internazionale sull interprete di comunità si svolse a Geneva Park vicino a Toronto, in Canada, nel Inoltre è significativo il fatto che Interpreting, il giornale internazionale della disciplina, cita l interpretazione di comunità nella descrizione dei suoi scopi e pubblicò a tal proposito un saggio molto importante sull interprete di comunità quale figura emergente. Come ricorda Pöchhacker, il termine community interpreting venne usato per la prima volta in Australia nel 1970 accanto ad espressioni quali ethnic interpreting e community health. In Europa, invece, il termine si affermò in Gran Bretagna nel 1980 dove è stato poi sostituito da public service interpreting (Pöchhacker 1999: ). Ecco la definizione personale dell autore in merito all interprete di comunità: 17

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA COMO Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Corso di laurea triennale - Classe n. 3 Scienze della mediazione linguistica Caratteristiche e obiettivi del corso

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Interpretariato interculturale negli studi medici. Gesundheitsamt Graubünden Uffizi da sanadad dal Grischun Ufficio dell'igiene pubblica dei Grigioni

Interpretariato interculturale negli studi medici. Gesundheitsamt Graubünden Uffizi da sanadad dal Grischun Ufficio dell'igiene pubblica dei Grigioni Gesundheitsamt Graubünden Uffizi da sanadad dal Grischun Ufficio dell'igiene pubblica dei Grigioni Raccomandazioni relative al ricorso all'interpretariato interculturale nel settore sanitario nel Cantone

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN TRADUZIONE GIURIDICA. Art. 1 - FINALITA

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN TRADUZIONE GIURIDICA. Art. 1 - FINALITA SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN TRADUZIONE GIURIDICA Art. 1 - FINALITA Presso l'ateneo di Trieste, in conformità all'art 3, comma 9, del DM 22.10.2004

Dettagli

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali.

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. COSA RICHIEDE IL LICEO LINGUISTICO? Curiosità intellettuale Interesse nei

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN TRADUZIONE GIURIDICA

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN TRADUZIONE GIURIDICA SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN TRADUZIONE GIURIDICA Art. 1 - FINALITA - Presso l'ateneo di Trieste, in conformità all'art 3, comma 9, del DM 22.10.2004

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze Università Roma Tre

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Il corso di laurea in Ottica e Optometria Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Ottica: la scienza della visione Ogni azione visuale è costituita da: 1) una fase fisica 2) una fase fisiologica 3)

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

TRADUTTRICE E TRADUTTORE

TRADUTTRICE E TRADUTTORE Aggiornato il 9 luglio 2009 TRADUTTRICE E TRADUTTORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARUSO. Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARUSO. Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 652 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARUSO Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali Presentata

Dettagli

Hello! Corsi Business English Plus

Hello! Corsi Business English Plus Hello! Corsi Business English Plus Chi siamo Welcome to British School Vicenza Fondata nel 1969, British School Vicenza è la prima scuola di lingue istituita a Vicenza Offriamo una riconosciuta tradizione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

www.justlegalservices.it JLS Just Legal Services Scuola di Formazione Legale più formazione più futuro

www.justlegalservices.it JLS Just Legal Services Scuola di Formazione Legale più formazione più futuro www.justlegalservices.it JLS Scuola di Formazione Legale Just Legal Services più formazione più futuro JUST LEGAL SERVICES - SCUOLA DI FORMAZIONE LEGALE La scuola di formazione legale di Just Legal Services

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

LA LOMBARDIA PER L ECCELLENZA

LA LOMBARDIA PER L ECCELLENZA Iniziativa La Lombardia per l eccellenza Programma soggetto ad aggiornamento LA LOMBARDIA PER L ECCELLENZA La Lombardia per l Eccellenza è un iniziativa della Giunta Regionale rivolta ai giovani laureati,

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE Niccolò Cusano Relazione del Nucleo di Valutazione Relazione in ordine alle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche telematiche Nucleo

Dettagli

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC Novità S&A Servizi e amministrazione Sommario Panoramica In breve 1 Introduzione 2 Impiegata/impiegato di commercio

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali 4.3.3.1.2. Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali (SUP-LA) del 10 giugno 1999 1. Statuto La formazione in linguistica applicata di livello

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

LA PROTEZIONE DELLE MINORANZE NAZIONALI IN AUSTRIA E ITALIA

LA PROTEZIONE DELLE MINORANZE NAZIONALI IN AUSTRIA E ITALIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (CLASSE N.15) TESI DI LAUREA IN DIRITTO PUBBLICO COMPARATO LA PROTEZIONE DELLE MINORANZE

Dettagli

CORSO ON LINE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE IN TRADUZIONE E INTERPRETARIATO S.S.I.T. - Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori

CORSO ON LINE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE IN TRADUZIONE E INTERPRETARIATO S.S.I.T. - Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori CORSO ON LINE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE IN TRADUZIONE E INTERPRETARIATO S.S.I.T. - Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori dal 1979 a Pescara membro F.E.D.E. - Federazione delle Scuole d Europa

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado La Certificazione Internazionale Dall anno scolastico 2012 2013, la nostra scuola secondaria di primo e secondo grado è stata riconosciuta

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del 18-10- 2010 ). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI DON DOMENICO CALARCO REGGIO CALABRIA

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI DON DOMENICO CALARCO REGGIO CALABRIA SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI DON DOMENICO CALARCO REGGIO CALABRIA LA SCUOLA SUPERIORE MEDIATORI LINGUISTICI HA SEDE IN: VIA MERCATO, 34 - CATONA (EX CIAPI) dispone di ampi locali ben attrezzati

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

La mediazione interlinguistica ed interculturale nel contesto sanitario

La mediazione interlinguistica ed interculturale nel contesto sanitario DOTTORATO DI RICERCA IN ANTROPOLOGIA E STORIA DEL MONDO MODERNO E CONTEMPORANEO XIX CICLO Sede Amministrativa Università degli Studi di MODENA e REGGIO EMILIA TESI PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Carta del Traduttore

Carta del Traduttore Carta del Traduttore Testo adottato dal Congresso della FIT a Dubrovnik nel 1963 e modificato ad Oslo il 9 luglio 1994. La Federazione Internazionale dei Traduttori, constatando che la traduzione nel mondo

Dettagli

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti MASTER FORMAZIONE S.r.l. Sede legale : Via Panaro, 16 0015 MONTEROTONDO (RM) Sede Direzione : Via Petrarca, 5 57023 CECINA (LI) Tel. 0586 632282 - Fax 0586 681865 Cecina, 6 Maggio 2010 Analisi Fabbisogni

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Sintesi della Lingua Italiana dei Segni mediante l utilizzo del Motion Capture e dei metodi procedurali

Sintesi della Lingua Italiana dei Segni mediante l utilizzo del Motion Capture e dei metodi procedurali Sintesi della Lingua Italiana dei Segni mediante l utilizzo del Motion Capture e dei metodi procedurali Andreea Barticel Introduzione Le lingue dei segni rappresentano il mezzo principale di comunicazione

Dettagli

ORDINAMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE

ORDINAMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE ORDINAMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE Obiettivi formativi specifici. La laurea specialistica in Scienze intende offrire un percorso formativo completo, finalizzato alla preparazione

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione. anno 2015

Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione. anno 2015 Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione anno 2015 CONVEGNO Quello che presentiamo è il primo Piano Formativo che il CROAS propone alla comunità professionale

Dettagli

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica ALICE SALOMON Samantha & Jessica come assistenti sociali siamo uniti nella certezza che il mondo non potrà essere riformato, che non potrà essere liberato da tutte le sue attuali sofferenze fino a quando

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Il modello di welfare occupazionale in Lombardia

Il modello di welfare occupazionale in Lombardia Francesco Giubileo Il modello di welfare occupazionale in Lombardia Modello di governance dei servizi pubblici per l impiego realizzati in Lombardia i libri di EMIL ringraziamenti Per il fondamentale contributo

Dettagli

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche (OEAc-LPPsi) Modifica del 22 aprile 2015 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina:

Dettagli

Scheda professione Mediatore linguistico e culturale, Mediatrice linguistica e culturale

Scheda professione Mediatore linguistico e culturale, Mediatrice linguistica e culturale Scheda professione Mediatore linguistico e culturale, Mediatrice linguistica e culturale Chi è? L ESPERTO DI COMUNICAZIONE si occupa di favorire la comprensione e la comunicazione tra individui, gruppi,

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI CARLO BO

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI CARLO BO SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI CARLO BO CHI SIAMO L Istituto Universitario per Mediatori Linguistici Carlo Bo è l attualizzazione della Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori, nata a

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

Descrittori di competenze per Francese e Inglese nella scuola secondaria di I grado

Descrittori di competenze per Francese e Inglese nella scuola secondaria di I grado Descrittori di competenze per Francese e Inglese nella scuola secondaria di I grado Milano, 7 Marzo 2006 Lorena Parretti Testo base per le lingue straniere del Consiglio d Europa Quadro Comune Europeo

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Sight translation, sight interpreting meeting at the cross modes SIGN LANGUAGE INTERPRETERS AS TRANSLATORS

Sight translation, sight interpreting meeting at the cross modes SIGN LANGUAGE INTERPRETERS AS TRANSLATORS 2 e presentano Assemblea Generale Annuale e Conferenza Sight translation, sight interpreting meeting at the cross modes SIGN LANGUAGE INTERPRETERS AS TRANSLATORS 3 16-18 settembre 2011 LLOYD S BAIA HOTEL

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE STRUTTURA GENERALE DEI CORSI DI LAUREA E SISTEMA DEI "CREDITI" In base alla riforma universitaria (D.M. 3.11.99 n. 09) l impegno dello studente (frequenza dei corsi

Dettagli

ESPERTA ED ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA

ESPERTA ED ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA ESPERTA ED ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 9 Quali competenze sono

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II Strategia della CDPE del 24 ottobre 2013 per il coordinamento a livello nazionale dell insegnamento delle lingue seconde nel settore del secondario

Dettagli

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico Alta scuola pedagogica dei Grigioni Concetto linguistico Marzo 2015 1 Indice Basi legali... p. 2 1. Introduzione... p. 2 2. Lingue e plurilinguismo nella formazione di base 2.1 Le prime lingue... p. 4

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Facoltà di Interpretariato e Traduzione UNINT.EU

Facoltà di Interpretariato e Traduzione UNINT.EU Facoltà di Interpretariato e Traduzione Facoltà di Interpretariato e Traduzione La Facoltà di Interpretariato e Traduzione L'unica Facoltà del centro-sud Italia specializzata nella formazione di interpreti

Dettagli

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Considerare l olocausto dal punto di vista dei diritti umani: il primo studio a livello di Unione europea sull istruzione

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli