OSPEDALI&COMUNITÀ UNITI PER L'ALLATTAMENTO N e w s l e t t e r Agosto 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSPEDALI&COMUNITÀ UNITI PER L'ALLATTAMENTO N e w s l e t t e r Agosto 2012"

Transcript

1 OSPEDALI&COMUNITÀ UNITI PER L'ALLATTAMENTO N e w s l e t t e r Agosto 2012 La prima Comunità Amica in Italia Stato dell arte BFHI/BFCI Notizie dalla Rete e dall Unicef Articoli e poster Comitato Nazionale multisettoriale appuntamenti 2012 pag. 2 pagg. 5-6 pagg pagg pagg pagg ASL di Milano è la prima Comunità Amica dei Bambini per l allattamento in Italia Il 26 gennaio 2012, nella Sala Gonfalone, Palazzo Pirelli alla presenza dell Assessore Regionale alla Sanità Luciano Bresciani, del Direttore Generale ASL Milano G. Walter Locatelli, della Responsabile del Progetto Allattamento e Responsabile BFCI UNICEF Italia Maria Enrica Bettinelli, la Presidente f.f. UNICEF Italia Paola Bianchi ha annunciato ufficialmente la nomina della ASL di Milano a prima ASL in Italia Comunità Amica dei Bambini per l Allattamento materno Da sin.: Walter Locatelli (ASL di Milano), Luciano Bresciani (Regione Lombardia), Paola Bianchi (UNICEF Italia), M. Enrica Bettinelli (task force UNICEF-ASL di Milano)

2 ASL DI MILANO È LA PRIMA COMUNITÀ AMICA DEI BAMBINI PER L ALLATTAMENTO MATERNO IN ITALIA GRAZIELLA CATTANEO, MIRIAM LELLI, RITA MASCHERONI, MARIA ENRICA BETTINELLI Il 27 ottobre 2011 ASL di Milano è stata nominata dall UNICEF Comunità Amica dei Bambini per l allattamento materno, un riconoscimento che segue oltre dieci anni di impegno costante sul progetto di promozione, protezione e sostegno dell allattamento materno di tutti gli operatori dei consultori impegnati nel percorso nascita (dalla gravidanza al primo anno di vita), dei pediatri di famiglia e dei medici di medicina generale, ed è stato conseguito dopo il superamento delle tre fasi di valutazione. Avviato nel 1999, il progetto in collaborazione con l UNICEF Iniziativa Comunità Amica dei Bambini per l allattamento (BFCI) è oggi la prima comunità riconosciuta nel territorio italiano. L iniziativa, mirata alla realizzazione di interventi di provata efficacia sul percorso nascita su protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno, ha richiesto la preparazione di circa 400 operatori che hanno lavorato su un territorio che ha un bacino d utenza di circa abitanti e una media di 14 mila nuovi nati all anno. Da più di dieci anni ASL di Milano è capofila nazionale per l Iniziativa BFCI di UNICEF Italia. Tale attività è sempre stata integrata con la promozione dell analoga iniziativa UNICEF per gli ospedali (BFHI): ad oggi 9 ospedali di riferimento per il territorio di ASL di Milano sono iscritti al percorso UNICEF per diventare Ospedali Amici dei Bambini per l allattamento materno. Il successo ottenuto è stato reso possibile da due fattori principali: la progettualità e il coinvolgimento. Sono state valutate le iniziative esistenti a livello mondiale e in particolare quella inglese, visitando le strutture ospedaliere e territoriali per osservare la realtà locale, allo scopo di individuare le pratiche adattabili al nostro Paese. Non meno importante nel risultato ottenuto è stato il forte coinvolgimento di tutti i livelli ASL, dalla Direzione strategica al singolo operatore. È stato infatti realizzato un lavoro di analisi delle funzioni e dell organizzazione in modo che ognuno fosse valorizzato nel proprio ruolo ma potesse anche avere uno spazio nel progetto. La valorizzazione delle risorse ha significato prendersi cura degli operatori in modo che fossero ancora più motivati a prendersi cura delle mamme e dei bambini.

3 ASL Milano ha sempre lavorato in stretta sinergia con Regione Lombardia, partecipando allo sviluppo delle Linee Guida Regionali per l allattamento materno, all elaborazione del primo sistema di monitoraggio regionale nel 2006 e a quello attualmente in corso e ai vari eventi formativi su questo tema. Negli anni il progetto dell allattamento di ASL Milano è stato integrato nei processi di qualità promossi dalla Regione Lombardia per le Aziende Ospedaliere e le ASL (Piano Locale Integrato di Promozione alla Salute, Health Promotion Hospital and Service, Joint Commission) ed è stato inserito in progetti di valenza nazionale (Genitori più, CCM La promozione dell Allattamento al seno nei reparti ospedalieri). Nel febbraio 2006 il Comitato Italiano per l UNICEF (Task Force per la Baby Friendly Initiative) ha istituito, in collaborazione con l ASL di Milano, un gruppo di lavoro multiprofessionale composto da operatori impegnati in iniziative a favore dell allattamento materno in servizi socio-sanitari territoriali di 7 regioni italiane (Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Sardegna, Toscana) con il mandato di estendere ai servizi territoriali i criteri previsti dall OMS/ UNICEF per la protezione, promozione e sostegno dell Allattamento Materno nei punti nascita (Iniziativa Ospedale Amico dei Bambini), in analogia ad altre realtà internazionali. Nell ottobre 2007 questo lavoro è stato presentato pubblicamente a Milano nel Convegno La Comunità Amica dei Bambini per l allattamento materno e il Sostegno della genitorialità, durante il quale è stata lanciata a livello nazionale l Iniziativa Comunità Amica dei Bambini per l Allattamento Materno (BFCI). I documenti prodotti dal gruppo di lavoro, tra cui la definizione dei 7 Passi italiani, sono stati la base per lo sviluppo della pubblicazione nel 2009 Standard per le Buone Pratiche per la Comunità. L adattamento alla realtà italiana dei documenti internazionali, la modellistica di applicazione dell iniziativa sono in gran parte frutto della progettualità e degli strumenti sviluppati e testati da ASL di Milano, e sono diventati uno standard nazionale. Dal 2009 la ASL di Milano coordina insieme all IRCCS Burlo Garofalo per UNICEF Italia il progetto di ricerca sull applicazione degli Standard per le Buone Pratiche di una Comunità Amica dei Bambini per l allattamento materno, a cui aderiscono 18 Distretti sociosanitari di varie regioni, e in cui ASL Milano partecipa con un area cittadina (zona 4 del Distretto 4). La ricerca ha lo scopo di verificare se l applicazione dei 7 passi porti ad un aumento dei tassi di allattamento esclusivo ai 6 mesi compiuti: i risultati della ricerca saranno disponibili nel La stretta collaborazione di ASL Milano con UNICEF Italia è stata sancita nel maggio 2010 da un protocollo d intesa, che prevede iniziative per il sostegno dell allattamento e della genitorialità, la promozione e la tutela della salute e dei diritti di madri e bambini. Una delle prime azioni concrete di questo protocollo è stata l avvio ad ottobre 2010 della progettualità congiunta tra ASL di Milano e UNICEF Italia dei Baby pit stop Milano. Allattare è una cosa semplice e naturale. Le donne possono farlo ovunque, ma a volte in una città la faccenda può diventare complicata. Può essere difficile trovare un luogo accogliente per sedersi o per proteggersi dalla pioggia. Il Baby Pit Stop nasce come sostegno concreto per tutte le mamme che cercano un luogo accogliente per allattare o accudire il proprio bambino anche fuori dalle mura domestiche. L importanza di creare ambienti accoglienti per favorire l allattamento è uno dei passi previsti dagli Standard UNICEF BFHI&BFCI. Su questo progetto ASL di Milano ha siglato anche un protocollo con l Associazione Lombarda delle Farmacie che si impegnano, oltre a promuovere l allattamento al seno, a frequentare una breve formazione sull allattamento, a mettersi in rete con i servizi territoriali per i neogenitori e a diffondere informazioni di particolare rilevanza per i genitori e i nuovi nati, con il contributo dell Associazione Babyconsumers che vigilerà sulla qualità dei baby Pit Stop, anche con il supporto delle mamme che possono inviare segnalazioni o suggerimenti.

4 Nel 2010 l ASL ha fatto formale richiesta di valutazione come Comunità Amica dei Bambini per l Allattamento Materno secondo i nuovi Standard UNICEF BFHI&BFCI e ha superato brillantemente a fine ottobre 2011 le tre fasi di valutazione (fase 1 documentale, fase 2 conoscenze operatori dei consultori, medici e pediatri di famiglia, fase 3 conoscenze delle madri). Il 26 gennaio 2012, nella Sala Gonfalone, Palazzo Pirelli alla presenza dell Assessore regionale alla Sanità Luciano Bresciani, del Direttore Generale ASL Milano G. Walter Locatelli, della Responsabile del Progetto Allattamento e Responsabile BFCI UNICEF Italia Maria Enrica Bettinelli, la Presidente f.f. UNICEF Italia Paola Bianchi ha annunciato ufficialmente la nomina della ASL di Milano a prima ASL in Italia Comunità Amica dei Bambini per l Allattamento materno. La pratica dell allattamento materno oggi deve essere fortemente protetta, incoraggiata e supportata. In questo senso il ruolo degli operatori sanitari è cruciale, ma richiede una specifica e approfondita formazione teorica e pratica sull argomento. Alcune indicazioni di base peraltro contribuiscono a creare nel sistema sanitario un terreno culturale favorevole ed essere già di grande aiuto, fornendo alle mamme e alle loro famiglie informazioni omogenee e corrette, dal concepimento alla nascita e per i primi anni di vita. Promuovere l allattamento al seno infine ha influenze ancora più ampie: incide sulla vita quotidiana, l organizzazione sociale, la qualità delle relazioni, la gestione del tempo e dei ruoli sessuali per tutto il percorso nascita ed oltre. In questo senso è ritenuto un indicatore formidabile della qualità della vita e della attenzione delle comunità al proprio futuro, secondo la World Alliance for Breastfeeding Action (WABA) un indicatore del progresso reale della salute di tutte le comunità, localmente e globalmente. L allattamento al seno non solo apporta benefici per la salute dei bambini, delle madri e della società, ma favorisce la relazione madre-bambino e i processi di attaccamento agendo sull empowerment dei genitori e sulle competenze del neonato. La decisione di allattare al seno è fortemente influenzata dalle norme sociali e dalle credenze e valori delle donne e di chi sta a loro vicino. Una volta che la decisione di allattare è stata presa, la continuità e la qualità assistenziale, in particolare alla nascita e nell immediato post-partum, sono di vitale importanza per stabilire e mantenere l allattamento materno. La tutela dell allattamento al seno va quindi ben oltre l aspetto nutrizionale, poiché la sua realizzazione richiede la messa in atto di una serie di interventi che vanno a soddisfare anche altri bisogni di salute del bambino, della madre e della famiglia e devono prevedere un sostegno degli operatori competente ed empatico e un riorientamento delle pratiche assistenziali dell ospedale e del territorio, che devono agire in sinergia sul percorso nascita, anche in collaborazione con attività del privato sociale e il volontariato. L iniziativa Insieme per l Allattamento: Ospedali &Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno fa parte di quei programmi internazionali che aiutano i servizi sanitari a migliorare le pratiche assistenziali rendendo protagonisti i genitori e sostenendoli nelle scelte per l alimentazione e le cure dei propri bambini. L ASL di Sondrio ha superato la valutazione di fase 1 della BFCI. E la seconda comunità a sottoporsi a questa valutazione dopo un lavoro impegnativo svolto con il tutor, Marica Bettinelli, che ha riscontrato un contesto compatibile con il superamento delle valutazioni di Fase 2 e 3 entro il A Eloisa del Curto e tutti gli operatori dell ASL di Sondrio i nostri rallegramenti e auguri!

5 ...quanti siamo? Insieme per l Allattamento: Ospedali&Comunità Amici dei Bambini! 2! 9 7! 1! 2! 5! 22! 1! 2! 2! 2! 22! 3! 7! 1! 7! 7! 1! 4! 14! 2! 1! 1! 3! Stato dell arte BFHI/BFCI!!"#$%&'$($)*+,)-$ Prugna 17 Distretti ricerca BFCI$ 1! 1! 2! 19!.//)0,1230$2"$%4$"#/")0$'5%'$ la nuova Task Force l Ospedale Fra Castoro di S. Bonifacio (Verona) supera la rivalutazione! Diamo il benvenuto nella Task Force a Raffaele Domenici (Coordinatore della Rete BFHI, Ospedale di Lucca), Eloisa Del Curto (Coordinatore Rete BFCI, ASL di Sondrio) e Patrizia Prosperi (ginecologa e Presidente Melograno Roma, referente per le Cure Amiche), che hanno acconsentito a contribuire al nostro lavoro per portare avanti l iniziativa BFH/BFC che cresce letteralmente di settimana in settimana. Sono contenta che la Task Force potrà avvalersi delle esperienze di queste persone, oltre a quelle delle persone che già ne fanno parte: Rosellina Cosentino, Marica Bettinelli, Stefania Sani, Anna Gimma, Patrizia Cipriani, e Stefania Solare. Elise Chapin

6 L AOU Careggi di Firenze e l Ospedale S.Chiara di Trento superano la Valutazione Fase1 Trento,15/12/11 Alla fine del 2011 due strutture ospedaliere di terzo livello concludono la Fase 1 del nuovo percorso a tappe: l AOU Careggi di Firenze e l Ospedale S.Chiara di Trento. Si tratta di due strutture di elevata complessità per la numerosità dei parti/anno, per la presenza di un reparto di terapia intensiva neonatale e perché entrambe rappresentano il riferimento per le gravidanze patologiche di un vasto territorio. Oltre a questo Careggi è anche una Azienda Universitaria e comprende al suo interno il Centro Nascita Margherita per il parto fisiologico, unica struttura a responsabilità ostetrica sul territorio nazionale. L esperienza di Firenze e Trento rappresentano un importante riferimento all interno del progetto Ospedali&Comunità Amici che per la prima volta si confronta con un modello organizzativo-assistenziale molto più articolato rispetto a quello della maggior parte degli ospedali finora riconosciuti. La sfida più grande diventa quella dell implementazione del passo 3 e del passo 10: quanto meno circoscritti e definiti sono i confini del territorio di riferimento di una struttura ospedaliera, tanto più difficile diventa individuare, prevedere, organizzare i momenti di incontro con le donne in gravidanza per fornire informazioni complete e parallelamente costruire una rete che garantisca continuità e sostegno alle mamme. Siamo certi che l esperienza di Careggi e di Trento, e quelle delle altre strutture di terzo livello che sono attualmente impegnate nella Firenze, 22/11/11 fase 1*, rappresentino un riferimento ed un modello molto importanti per la crescita del progetto a livello nazionale. *Le strutture di III livello che ad oggi hanno intrapreso la fase 1 del nuovo percorso e alle quali è stato assegnato un tutor dall Unicef sono: Azienda Ospedaliera Padova, Azienda Ospedaliera Verona (2 punti nascita), Ospedale G. Salesi Ancona

7 Notizie dalla Rete Alle mamme che partoriscono allʼospedale di Pistoia un dono speciale per contribuire alla lotta al traffico e allo sfruttamento dei minori in Benin Grazie ad una donazione della Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, l ASL 3 regala alle mamme in dimissione un elegante portapannolino fabbricato in Benin, nell Atelier dell Espérance. Le Suore Salesiane, Istituto delle figlie di Maria Ausiliatrice (IFMA), che hanno per missione il sostegno e l educazione delle giovani in difficoltà, aprono nel 2004 l atelier di sartoria per dare lavoro, promuovere attività generatrici di reddito e rendere dignità alle ragazze ex vittime dello sfruttamento accolte nei diversi centri di accoglienza. L Atelier de L Espérance è diventato negli ultimi anni non solo uno strumento adeguato per il reinserimento sociale di giovani ragazze vittime della traffico e di violenze familiari ma anche una reale fonte di reddito capace di rendere autonome ed indipendenti le giovani dedite al lavoro di sartoria. Ong IFMA INSTITUT DES FILLES DE MARIE AUXILIATRICE (Suore Salesiane di Don Bosco) Foyer Laura Vicuña 04 BP 1434 Cadjéhoun Cotonou Benin. Pelle-a-Pelle in ambulanza Ospedale di S. Bonifacio!! Il 118 è stato chiamato a domicilio di una mamma secondipara che ha partorito a casa in modo precipitoso; l'infermiere (Matteo), che aveva fatto il corso per "coinvolti", ha ben pensato di mettere il piccolo pelle a pelle per il trasporto, con capo coperto e il telo argentato; il neonato è arrivato caldo e roseo (... era verso fine anno) e si era pure attaccato al seno.! A volte quello che si semina va a finire nel terreno giusto...! Per saperne di più visita il sito internet e guarda i video:

8 ... altre notizie Il Comitato Italiano per l Unicef e la SIGO hanno lanciato nell autunno del 2010 una campagna biennale per la promozione dell allattamento al seno e di sostegno alle mamme e alle future mamme, cui ha gentilmente prestato il volto come testimonial la giornalista Ilaria D Amico. Il target di riferimento della Campagna sono quindi i punti nascita, per poter raggiungere il maggior numero possibile di donne con informazioni corrette. I poster sono disponibili nelle sedi locali dei Comitati dell Unicef. Se non conoscete la sede del Comitato locale al quale dovete rivolgervi potete trovarla sul sito il 9 marzo 2012 è stato firmato il protocollo d intesa tra Regione Sicilia e Unicef

9 poster multilingue: politica sull allattamento Tramite una collaborazione fra ULSS 20 di Verona, UNICEF e ASL Milano, è stata sviluppata una versione sintetica multilingue della politica aziendale BFHI/BFCI, requisito richiesto per la Fase 2. Il poster sarà visibile sul nostro sito e su quello di GenitoriPiù, dove troverete le versioni nelle lingue finora tradotte: Indi, Arabo, Rumeno, Inglese, Francese, Cinese, Portoghese e Tedesco. Sono in programmazione anche le traduzioni in Russo, Spagnolo, Serbo Croato, Sri lankese, Albanese, Filippino e Sloveno. Mentre le immagini sono visibili a tutti in bassa risoluzione, i file utili alla stampa di questi materiali sono riservati alle strutture impegnate formalmente nel percorso e che hanno superato la Valutazione di Fase 1. L esperienza ci ha insegnato infatti che l'affissione del poster in una struttura all'inizio del percorso BFHI/BFCI rischia di creare delle attese da parte dell'utenza che potrebbero essere deluse creando più difficoltà che vantaggi. Se nella vostra realtà avete la possibilità di effettuare traduzioni in lingue non comprese in questo elenco, siete pregati di mettervi in contatto con

10 Nuove nomine in Unicef Italia Giacomo Guerrera è il nuovo Presidente dell'unicef Giacomo Guerrera, attualmente presidente del Comitato regionale per l'unicef della Liguria, è stato per oltre 28 anni presidente del Comitato provinciale per l UNICEF di Genova. In seguito è stato Vicepresidente Vicario e Vicepresidente Amministrativo del Comitato Italiano per l'unicef. Laureato in Scienze Politiche presso l Università di Genova, giornalista pubblicista, è stato dal 1980 al 2011 Dirigente amministrativo presso l Ospedale San Martino di Genova, ricoprendo i ruoli di Direttore responsabile delle Unità Operative Bilancio e Contabilità, Affari del Personale e Bilancio e Programmazione Finanziaria, Direttore del Dipartimento Amministrativo dell Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino. Davide Usai è il nuovo Direttore generale dell'unicef Davide Usai 37 anni, è il nuovo Direttore Generale del Comitato Italiano per l UNICEF. Laureato in legge presso l Università degli Studi di Cagliari, Usai ha ricoperto fino ad oggi l incarico di Direttore della Comunicazione e Relazioni Istituzionali presso Postel S.P.A società del Gruppo Poste Italiane. Il nuovo Direttore Generale avrà il compito di rafforzare l immagine dell UNICEF in Italia potenziandone le attività di advocacy e raccolta fondi.

11 ... continua la campagna internazionale Believe in Zero orchida4_ :55 Pagina 1 consorziocreativi.com 6e7ottobre. Scegli l orchidea unicef. Cogli l occasione, salva la vita ai bambini. Ogni giorno muoiono bambini. Con l'orchidea UNICEF vogliamo arrivare a zero. se volete essere di aiuto contattate il vostro Comitato locale!!

12 INCORAGGIARE L ALLATTAMENTO: UNA PROSPETTIVA RELAZIONALE Fiona Dykes, Renèe Flaking Early Human Development 86 (2010): Nonostante le raccomandazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) secondo le quali i bambini dovrebbero essere allattati esclusivamente per 6 mesi e in seguito fino a 2 anni ed oltre, questo modello di allattamento è ancora lontano dall essere la norma. Infatti, la percezione dell allattamento è molto variabile e riflette non solo i valori culturali intorno alla maternità, ma anche le convinzioni ed i vissuti emotivi individuali. L articolo sottolinea l importanza dell aspetto relazionale nell incoraggiare l allattamento, sia a livello organizzativo, che a livello familiare e infine nel rapporto tra il personale ospedaliero ed i genitori. Relazioni organizzative. La cultura ospedaliera è basata tradizionalmente sul modello industriale. Allo staff sono assegnati compiti di routine, ripetitivi e meccancistici: l etica prevalente è quella della separazione, del controllo, della disciplina e della regole. Oggi sappiamo come questo tipo di cultura sia nocivo per la madre che desidera allattare. Quando si considera l allattamento come una relazione, il modo in cui l ospedale è configurato a livello organizzativo dovrebbe prendere in considerazione cosa può facilitare il massimo contatto tra madre e bambino. Solo in presenza di un cambiamento nel comportamento dello staff ospedaliero, i genitori potrebbero sentirsi più competenti nel prendersi cura del proprio bambino e le madri potrebbero sperimentare con fiducia una relazione di allattamento che non sia basata solo sull aspetto nutrizionale. Relazione madre-bambino. La separazione fisica delle madri dai loro bambini in ospedale è stata sistematicamente ridotta grazie all Iniziativa Ospedale Amico del Bambino dell OMS/Unicef. Tuttavia, esistono ancora elementi di disarmonia nel modo in cui l allattamento viene descritto e concettualizzato: di solito viene considerato come un semplice atto nutritivo, separato dall aspetto del nurturing e della relazione emotiva con il bambino. Come conseguenza di ciò, le donne tendono a vedere l allattamento solo in termini di produttività e a dubitare della capacità del proprio corpo di produrre latte sufficientemente buono in termini di qualità e quantità. L ampia casistica di insufficiente produzione di latte riflette proprio questa mancanza di fiducia nella propria capacità di allattare. Le pratiche ospedaliere tendono a rinforzare spesso questa nozione di allattamento come attività produttiva, a giudicare e valutare la performance della madre. L allattamento è diventato così un compito e il latte un prodotto. Le autrici si chiedono: si può ricominciare a pensare all allattamento come ad un modo di stare insieme? La risposta viene dalle donne stesse, che descrivono l importanza del contatto pelle-a-pelle come qualcosa che rinforza la relazione con il bambino perché regala alla madre l esperienza di sentirsi una persona importante per il proprio bambino. Relazione staff ospedaliero-genitori. Il sostegno professionale e quello tra pari è importante perché la madre possa sentirsi coinvolta emotivamente e socialmente nell esperienza della maternità e dell allattamento. Il legame con il personale ospedaliero può essere vissuto con fiducia o sfiducia: i legami di fiducia implicano la sincronizzazione, il reciproco mettersi nei panni dell altro e comprendersi. Da qui si può capire che la relazione diadica madre-bambino diventi una relazione triadica staff-madre-bambino: gli scambi verbali tra il personale ospedaliero e le madri possono influenzare l autostima della donna, la sua percezione di avere il controllo della situazione e i suoi sentimenti riguardo al bambino. In conclusione, le relazioni sono centrali per incoraggiare l allattamento. Quando l allattamento è vissuto principalmente nel suo aspetto relazionale, il comportamento del personale ospedaliero cambia, la pressione sui genitori diminuisce e tutti, compreso il bambino, possono beneficiarne. Raffaele Domenici e Simona Evangelisti, BFH Lucca

13 Correspondence: Sara Farchi e Simona Asole LAZIOSANITÀ - Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio, Via di Santa Costanza, Roma - tel / e

14 COMITATO NAZIONALE MULTISETTORIALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO! Up Date a cura di Igino Giani Il 6 aprile 2012 il Comitato Nazionale Multisettoriale per l Allattamento al Seno ha concluso il suo primo mandato triennale. Ricordo solo che la sua istituzione è stato il segno di un forte impegno nazionale a sostegno dell allattamento materno, concretizzando gli auspici formulati nelle Linee di Indirizzo Nazionali sulla Protezione e Sostegno dell Allattamento al Seno (GU ). Come periodicamente sintetizzato in queste NEWS il Comitato, ottimamente coordinato dalla Prof.ssa Assuntina Morresi, ha svolto un buon lavoro (monitoraggio, formazione, festa della mamma, prese di posizione etc) sia pure con le luci e le ombre da tutti previste ed inevitabilmente confermate nell ultimo scorcio coraggiosamente dedicato ad un tema molto sensibile come il rispetto del Codice. Impegno di Autoregolamentazione da parte delle Società Scientifiche, Organismi Professionali e Associazioni presenti nel Comitato L approvazione del la disciplina sanzionatoria relativa al decreto 09/04/2009 e l audizione di Paola Negri avevano sollecitato, insieme a molte riflessioni, la scelta di condividere un impegno di autoregolamentazione vincolante per tutte le Società Scientifiche, Organismi Professionali e Associazioni presenti nel Comitato. Il confronto è risultato lungo e faticoso ma, grazie anche alla mediazione del la Coordinatrice, è stato finalmente formulato e sottoscritto un impegno nei rapporti con le Industrie che producono prodotti coperti dal Codice Internazionale. I compromessi tra le diverse posizioni sono evidenti, ma il documento rappresenta un primo traguardo sul tema. Il testo è ora al Ministero della Salute per la definitiva approvazione. Audizione dei rappresentanti delle principali Aziende produttrici di alimenti per l infanzia Sono stati organizzati due incontri con le Ditte che producono latte formulato al fine di creare un occasione di dialogo sereno e trasparente, anche per sollecitare, nell ambito di fare il meglio per il bambino, una maggiore adesione allo spirito del Codice ed un rigoroso rispetto della legge italiana. Il Comitato si è presentato con 3 richieste condivise: 1. rinuncia alle forniture gratuite e/o a prezzo scontato di ogni tipo di latte agli ospedali ed a tutte le strutture sanitarie che devono invece acquisire le formule medianti normali e trasparenti canali 2.abolizione dalle etichette delle indicazioni di alimenti e bevande per l infanzia dalla nascita per tutte le età dai 4 mesi 3. impegno alla trasparenza sui contributi concessi alle Società Scientifiche, Organismi e Associazioni professionali in merito a congressi, corsi, aggiornamenti. Hanno risposto all invito i rappresentanti di Danone, Heinz, Nestlè, Unifarm, insieme al rappresentante della principale associazione di categoria (AIIPA). In occasione del primo incontro è stato preso atto delle richieste. Nel secondo incontro la Ditte, a parte Unifarm che concorda, dichiarano di non poter accogliere le richieste perché, pur condividendone lo spirito, appaiono in contrasto con le norme della libera concorrenza e quindi passibili di sanzioni da parte dell Antitrust. L audizione si è conclusa senza risultati pratici, ma con l auspicio di entrambe le parti a mantenere il confronto.

15 Approvazione delle Linee di Indirizzo Nazionale per l organizzazione, e la gestione delle Banche del Latte Umano Donato nell ambito della protezione,promozione e sostegno dell allattamento al seno Proprio nell ultima seduta il Comitato approva le Linee di Indirizzo Nazionale per l organizzazione e la gestione delle Banche del Latte Umano Donato. Partecipano i Dr. De Nisi, Fabris e Moro che hanno fatto parte, con alcuni membri del Comitato, del gruppo di lavoro per la stesura del documento che rappresenta un primo passo nella regolamentazione e promozione delle Banche del Latte italiane. Festa della mamma e dell allattamento al seno Le iniziative proseguiranno anche nel Le sedi dovranno essere compatibili con le elezioni amministrative. Ogni regione potrà comunque fare qualcosa : anche il semplice gesti di affiggere il manifesto della festa nei punti nascita e nei consultori Rapporti con le Regioni Sul tema centrale del rapporto con le Regioni, braccio operativo degli orientamenti espressi dal Comitato viene preso atto della deludente risposta ad una indagine conoscitiva mirata a individuare gruppi di lavoro regionali attivi. La Coordinatrice ribadisce tuttavia il suo impegno a costruire questo indispensabile collegamento attraverso l attivazione di un rapporto diretto con gli assessorati e l aumento della rappresentanza regionale presso il nuovo Tavolo nazionale L ultimo atto dell attuale Comitato è stato quello di esprimere unanime apprezzamento per il coordinamento della Prof.ssa Assuntina Morresi con l auspicio per una riconferma. avvio del percorso BFHI per gli ospedali del Veneto! L'8 maggio scorso si è tenuta la riunione inaugurale del Progetto Veneto che vede impegnati 20 ospedali nel percorso per diventare Ospedale Amico dei Bambino.! Tutti gli interessati si sono riuniti nell'aula Magna dell'ospedale di San Bonifacio dove è stato illustrato lo stato dell'arte nel Veneto e il cronogramma del progetto. Nel pomeriggio, le strutture hanno potuto conoscere i loro tutor di persona e discutere delle tappe del progetto e come affrontarle insieme.

16 gli appuntamenti del 2012 Il Convegno della Rete BFHI/BFCI e delle strutture in percorso Verbania, 19 ottobre 2012 Dipartimento Materno-Infantile ASL VCO COMPRENDERE IL PASSATO PIANIFICARE IL FUTURO Celebrando i 10 anni dalla Strategia Globale OMS per l Alimentazione dei Neonati e dei Bambini VERBANIA Venerdì 19 ottobre 2012 Ore 9,30-16,30 Tecnoparco del Lago Maggiore Via dell Industria n 26 Crediti ECM assegnati N. Sistema di Accreditamento ECM Regione Piemonte V Giornata di studio AICPAM: POCO LATTE: FRA MITO E REALTÀ. Chi sostiene le madri a calibrare venerdì 9 e sabato 10 novembre 2012 Torino Azienda ospedaliera OIRM-Sant Anna via Ventimiglia 1, Torino

17 Settimana dell'allattamento Materno Ottobre 2012 In Italia la SAM viene coordinata dal MAMI Movimento Allattamento Materno Italiano Web:

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

AZIONI PER LA VITA 7DEL TUO BAMBINO. Materiale informativo per gli operatori. prendiamoci più cura della loro vita S.P.E.S.

AZIONI PER LA VITA 7DEL TUO BAMBINO. Materiale informativo per gli operatori. prendiamoci più cura della loro vita S.P.E.S. prendiamoci più cura della loro vita Materiale informativo per gli operatori AZIENDA ULSS 20 VERONA AZIONI PER LA VITA 7DEL TUO BAMBINO 2009 S.P.E.S. ULSS 20 - VR dedicato a Ermete Ronchi, con gratitudine

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli